Corso di laurea Bachelor: introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di laurea Bachelor: introduzione"

Transcript

1 Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione di base, per il conferimento dei titoli di Bachelor e di Master riconosciuti dalla Confederazione; - la formazione continua, con master di studi avanzati e corsi specifici di perfezionamento; - i progetti di ricerca applicata, sviluppo e trasferimento di tecnologie, in collaborazione con aziende, istituzioni pubbliche e private e altri enti universitari. I punti di forza della SUPSI, sin dalla sua costituzione nel 1997, sono: - lo stretto legame con il territorio di riferimento, grazie al sostegno assicurato all economia regionale, a favore delle piccole e medie imprese; - la dimensione professionale, assicurata da una formazione con forte orientamento pratico che coinvolge docenti con pluriennale esperienza professionale; - l insegnamento parallelo all attività professionale offerto, compatibilmente con le richieste, attraverso programmi di studio che possono essere frequentati anche da studenti che mantengono un occupazione attiva durante la formazione; - l internazionalità, sviluppata con accordi di collaborazione nella ricerca e con il coinvolgimento di docenti attivi oltre i confini nazionali. Il Dipartimento Tecnologie Innovative (DTI) offre quattro percorsi bachelor attivi; Ingegneria Gestionale, Ingegneria Informatica, Ingegneria Elettronica e Ingegneria Meccanica. Gli studenti conseguono la laurea (Bachelor) secondo le modalità previste dalla Dichiarazione di Bologna, sottoscritta nel 1999 da 29 paesi europei con l obiettivo di armonizzare i sistemi di istruzione superiore e di uniformare gli impegni didattici creando così, al termine degli studi, denominazioni comuni e internazionalmente riconosciute. Le linee guida che stanno alla base dei programmi formativi e che governano l impostazione del presente piano di studi prevedono quindi: - la concezione modulare del percorso formativo a livello bachelor (180 crediti ECTS), coerente con gli obiettivi delle SUP e conforme alle direttive nazionali; - l implementazione dei sistemi di crediti formativi sul modello dell ECTS; - la promozione della mobilità degli studenti e dei professori con il conseguente rafforzamento della collaborazione europea attraverso la garanzia della qualità. Bachelor e master Con il diploma di bachelor, che sostituisce il precedente diploma delle SUP, viene fornita una qualifica universitaria con orientamento pratico che garantisce l accesso rapido al mondo del lavoro. Per coloro che intendono continuare gli studi, sia al termine del bachelor sia dopo aver svolto alcuni anni di attività professionale, è possibile accedere al secondo livello di studi universitari, il master, costiutito da ulteriori 90 o 120 crediti ECTS, che può essere frequentato in Svizzera o all estero. Il DTI offre Master of Science in Engeineering (MSE) in cooperazione con le altre SUP e collabora con l università della Svizzera Italiana per il Master of Science in Informatics. Inoltre sono in vigore accordi bilaterali con altre università per l accesso ai loro master tra cui il Politecnico di Torino, l Università di Genova, il Politecnico di Milano e altri. L Università d accoglienza definisce, sulla base della formazione di base, delle esperienze maturate e dell orientamento scelto dallo studente, le condizioni di ammissione ai master. Crediti formativi (ECTS) L'ECTS (European Credit Transfer System) è il sistema europeo di riconoscimento, trasferimento e accumulazione di crediti formativi. Un credito ECTS corrisponde a un carico di lavoro per lo studente pari a circa 30 ore. Un anno accademico corrisponde di regola a 60 crediti ECTS (1800 ore di lavoro); 45 crediti nel caso si segua lo studio parallelo alla professione. Struttura del percorso formativo La durata degli studi è di sei semestri nella modalità di erogazione a tempo pieno e di otto in quella parallela alla professione (attualmente solo per i corsi di laurea in Ingegneria Informatica e Ingegneria gestionale). La durata del primo e del secondo semestre è di 16 settimane; dal terzo semestre la durata è di 15 settimane, ad eccezione dell ultimo semestre che è di 10 settimane. A queste si aggiungono le settimane destinate alle certificazioni e a seminari specifici nonché la Tesi di Bachelor (ultimo semestre) che ha una durata di otto settimane. I moduli di studio Le materie d insegnamento sono organizzate in moduli di studio. Ogni modulo è composto da uno o più corsi e ha, di regola, la durata di uno o due semestri al termine del/i quale/i viene valutato nelle sessioni di certificazione. Maggiore flessibilità degli studi Il piano degli studi comprende da 5 a 9 moduli per semestre. Ogni modulo è composto da uno o più corsi. Le sequenzialità dei moduli è stabilita in base ai prerequisiti dei moduli susseguenti. I moduli previsti durante i primi quattro semestri (primi sei semestri nella frequenza parallela alla professione) sono obbligatori per tutti gli studenti iscritti al corso di laurea. Durante gli ultimi due semestri sono previsti moduli di scelta in opzione. In particolare, diversi moduli di studio sono organizzati in comune ai 4 corsi di laurea in ingegneria di responsabilità del DTI (Informatica, Elettronica, Meccanica e Ingegneria Gestionale). Ciò permette la frequenza di una parte dei moduli a studenti di corsi di laurea diversi e favorisce la formazione multidisciplinare, oltre che il raggiungimento di una massa critica nel singolo modulo. Il curricolo prevede la frequenza obbligatoria a tutte le attività previste nel piano degli studi. Nella modalità a tempo pieno le attività si svolgono tutte nelle fasce orarie diurne. In quella parallela alla professione una parte dell attività si svolge nella fascia serale. Grazie alla modularizzazione è anche possibile allestire un piano semestrale personalizzato e seguire la formazione in un periodo di tempo più lungo del minimo previsto lasciando eventualmente spazio a un attività professionale parallela anche nel caso della formazione diurna. Titolo di studio Il titolo di studio conferito a chi certifica tutti i moduli previsti dal piano degli studi e corrispondenti a 180 crediti ECTS è: - Bachelor of Science SUPSI in Ingengeria Informatica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Elettronica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Gestionale - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Meccanica Il diploma è riconosciuto a livello federale e costituisce un titolo protetto dalla Confederazione. Pari opportunità Le pari opportunità e la prevenzione delle discriminazioni sono un obiettivo prioritario della SUPSI, che integra la dimensione Gender nelle strategie di sviluppo e nella gestione. Informazioni Per ulteriori informazioni si invita a consultare il sito della SUPSI Dipartimento tecnologie innovative, Ingegneria Meccanica (2011/2012), v 3.0,

2 Corso di laurea in Ingegneria meccanica La professione L ingegnere meccanico abbina conoscenze approfondite degli strumenti fondamentali della matematica e delle altre scienze di base ad una solida preparazione tecnica e si occupa della realizzazione di macchine, impianti meccanici e sistemi produttivi. Egli opera nelle fasi di progettazione, produzione, esercizio e manutenzione dei suddetti sistemi. I principali sbocchi occupazionali per i laureati in Ingegneria meccanica possono essere le industrie meccaniche ed elettromeccaniche, le aziende ed enti per la conversione dell energia, le imprese impiantistiche, le industrie per l automazione e la robotica, le imprese manifatturiere in generale per la produzione, l installazione ed il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine. La formazione La scuola trasmette ai futuri ingegneri una formazione di base che li rende idonei a: applicare in modo autonomo e in team metodi che permettono di risolvere problemi concreti inerenti all'attività professionale esercitare l'attività professionale secondo le regole dell arte che tengono in considerazione le più recenti conoscenze della scienza, della tecnica e dell' economia saper aggiornare continuamente le proprie competenze professionali pensare e agire in modo interdisciplinare assumere responsabilità di tutela dell'ambiente comunicare correttamente in ambito professionale Le attitudini Le attitudini richieste per affrontare con successo il corso di laurea possono essere così riassunte: predisposizione all'astrazione, capacità di analisi, predisposizione al lavoro metodico, disponibilità al lavoro in gruppo, tenacia necessaria ad affrontare e risolvere nuovi problemi tecnici. La probabilità di successo negli studi dipende dalla motivazione a voler apprendere la professione, dalla conoscenza degli obiettivi che con lo studio si vogliono raggiungere, dalla capacità di saper reagire di fronte a situazioni e problemi nuovi e dalla preparazione adeguata a uno studio di livello universitario tecnico. Oltre a saper fare uso del bagaglio di conoscenze acquisite nelle scuole precedenti, è necessario sapersi adattare ai ritmi di lavoro imposti dai corsi ed essere capace di affrontare situazioni e problemi nuovi. Il piano degli studi Il piano degli studi, completamente modularizzato, contiene il percorso formativo valido per gli studenti che iniziano lo studio nell anno universitario 2011/2012 e che lo concludono nei tempi previsti. In caso di prolugamento dello studio, il piano effettivo dello studente può subire delle modifiche a dipendenza dell offerta formativa. Tutte le componenti della descrizione dei moduli possono subire nel corso degli anni lievi modifiche. Ogni modifica di rilievo viene segnalata mediante incremento del numero di versione indicato come suffisso del codice del modulo. Moduli a scelta I moduli a scelta offrono agli studenti la possibilità di profilare la prorpia formazione senza però mirare ad una specializzazione. Il piano di studio prevede 4 moduli a scelta per l ultimo anno di studio. I moduli a scelta vengono organizzati se viene raggiunto un numero minimo di iscritti, deciso dalla direzione. L offerta dei moduli a scelta può variare da anno in anno, vedi offerta formativa. I prerequisiti per l'ammissione La legge federale sulle SUP e la relativa ordinanza permettono l'ammissione senza esami al candidato: - in possesso di una maturità professionale e con un attestato federale di capacità in una professione affine all'indirizzo di studio scelto; - in possesso di una maturità liceale o equivalente con almeno un anno di pratica riconosciuta dalla SUPSI in un attività affine all'indirizzo di studio; - in possesso del titolo di tecnico ST o di un altra scuola superiore specializzata affine all'indirizzo di studio; - d'età superiore a 25 anni che comprova una formazione e un esperienza significativa nel campo delle materie d'interesse universitario. Al corso di laurea in Ingegneria meccanica della SUPSI sono inoltre ammessi candidati con il diploma SSST in base a uno speciale regolamento (pubblicato sul web). Sono riconosciuti diplomi esteri di istituti equivalenti alla Maturità professionale in una professione affine all indirizzo di studio scelto. Corsi preparatori per liceali o candidati con maturità professionale non affine all indirizzo di studio Per l ammissione di studenti che hanno conseguito la maturità liceale, la Legge Federale sulle Scuole Universitarie Professionali prevede obbligatoriamente un periodo preliminare di pratica professionale, della durata di un anno. Lo stesso vale per i candidati con maturità professionale con indirizzo non affine al corso di laurea. Il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS), organizza un anno di formazione, riconosciuta come anno di pratica. Ê composto da una parte dedicata ad attività teoriche e di laboratorio e da un periodo di pratica in azienda, in un settore affine all indirizzo scelto per gli studi successivi presso la SUPSI. Ulteriori informazioni sono disponibili su o possono essere richieste alla segreteria del DTI. Corso preformativo Per tutti gli studenti che non sono in possesso di un adeguata competenza di matematica e fisica il DTI organizza un corso che si svolge prima dell inizio dell anno universitario. Per lo studente iscritto a un corso di laurea, il documento ha carattere ufficiale e descrive l attività svolta durante lo studio. Lo studente è invitato ad aggiornarlo attingendo alla documentazione pubblicata nell offerta formativa se si iscrive a un modulo non menzionato, oppure se si iscrive a un modulo, la cui versione non corrisponde più a quella del piano degli studi. Il piano di studio così come l offerta formativa sono disponibili sul sito web 2

3 Piano degli studi Ingegneria Meccanica 1 e 2 semestre Unità didattiche Modulo Corso / Esercitazione / Laboratorio settimanali ECTS 1 sem. 2 sem. C01024 Matematica di base 6 M01019 Matematica di base e analisi C01003 Analisi M01028 Algebra lineare 1 E01019 Esercitazioni 2 1 C01025 Algebra lineare E01021 Esercitazioni 1 M01024 Fisica C01027 Fisica M01039 C01034 Matematica numerica 2 2 C02042 Sistemi programmabili e calcolo 2 E02033 Esercitazioni 2 2 C09023 Chimica 2 2 M09027 Materiali 1 5 C09024 Scienza dei materiali 2 C09026 Statica 4 M09057 Meccanica C09079 Cinematica 2 8 M09058 Programmazione strutturata e calcolo Tecnica delle costruzioni meccaniche 1 E09079 Simulazioni cinematiche 2 C09046 Costruzione di macchine 2 2 C09054 CAD - Progettazione assistita da computer 2 C09002 Tecniche di fabbricazione 2 C09004 Elementi di macchine 1 2 C09008 Resistenza dei materiali 1 2 M05007 Inglese B2 C05001 Inglese B M05105 Comunicazione C05103 Comunicazione

4 Piano degli studi Ingegneria Meccanica 3 e 4 semestre Modulo M01005 M01036 M09043 Analisi e algebra lineare Metodi matematici per l ingegnere Tecnica delle costruzioni meccaniche 2 M09017 Materiali 2 M09018 Fluidodinamica M01015 Fisica e meccanica 3 M04023 M09044 Automatica 1 Tecnica delle costruzioni meccaniche 3 M09019 Termodinamica C01009 Analisi 2 2 C01010 Algebra lineare 2 2 E01005 Esercitazioni 2 C01011 Analisi dei segnali 2 C01012 Probablità e statistica 2 E01036 Esercitazioni di analisi dei segnali 2 C09070 Elementi di macchine 2 4 C09071 Resistenza dei materiali 2 4 E09043 Sviluppo prodotto 1 4 C09033 Leghe metalliche 2 C09025 Polimeri 2 L09017 Laboratorio di scienza dei materiali 2 C09016 Fluidodinamica 3 E09016 Esercitazioni di fluidodinamica 1 Unità didattiche settimanali 3 sem. 4 sem. C01020 Fisica e modellistica 2 C01018 Meccanica 3 2 E01015 Esercitazioni di fisica e meccanica 3 2 C04009 Sistemi a eventi discreti 2 C04004 Regolazione e controllo 2 C01013 Dinamica e stabilità 2 C04011 Introduzione alla sensorica e all'attorica 2 C09020 Resistenza dei materiali 3 2 C09030 Simulazione numerica FEM 2 E09030 Esercitazioni di simulazione numerica 2 E09044 Sviluppo prodotto 2 4 C09018 Termodinamica 4 E09018 Esercitazioni di termodinamica 2 C09032 Sistemi pneumatici e idraulici 2 M09045 Sistemi pneumatici e idraulici 3 L09032 Laboratorio di pneumatica 2 M05008 o Tedesco B1 M05009 o Inglese C1 M05010 Tedesco A2 Corso / Esercitazione C05003 Tedesco B1 C05005 Inglese C1 C05006 Introduzione alla lingua tedesca 4 4 ECTS

5 Piano degli studi Ingegneria Meccanica 5 e 6 semestre Unità didattiche Modulo Corso / Esercitazione / Laboratorio settimanali ECTS 5 sem. 6 sem. M04024 Elettrotecnica C04036 Elettrotecnica 3 L04036 Laboratorio di elettrotecnica 3 4 C09021 Robotica 3 M09046 Automatica 2 C09028 Sistemi industriali di comando 2 L09022 Laboratorio di automazione industriale 3 7 C04031 Meccatronica 2 M09050 M09059 Meccanica delle strutture Sistemi di precisione C09072 Meccanica delle strutture 2 E09072 Esercitazioni 4 C09045 Sistemi di precisione 3 E09045 Esercitazioni M07006 Modulo a scelta 1* 4 3 Modulo a scelta 2* 4 3 C07012 Economia aziendale 1 2 E07006 Esercitazioni 2 M00007 Progetto semestrale P00007 Progetto semestrale 8 4 M04032 M09048 M09049 Economia aziendale 1 Metrologia Gestione della produzione e della qualità Dinamica delle macchine e delle vibrazioni meccaniche C04016 Strategie, tecniche e valutazione di misure 3 L04016 Laboratorio di misure 5 C09042 Tecniche di gestione della produzione 4 C09034 Statistica applicata 2 C09073 Dinamica delle macchine e vibrazioni 2 L09073 Laboratorio di dinamica e vibrazioni 2 Modulo a scelta 3* 4 2 Modulo a scelta 4* 4 2 M07007 Economia aziendale 2 C07013 Economia aziendale 2 2 E07007 Esercitazioni 2 M00002 Progetto di diploma P00002 Progetto di diploma 14 * vedi elenco moduli a scelta

6 Piano degli studi Ingegneria Meccanica Moduli a scelta M odulo 5 sem. 6 sem. M04027 Progettazione di controllori C04037 Progettazione di controllori 4 3 M04028 Metodi e algoritmi di identificazione C04038 Metodi e algoritmi di identificazione 4 3 M04029 Tecnologie medicali C04039 Tecnologie medicali 4 2 M09052 Materiali compositi C09074 Materiali compositi 4 3 M09053 Materiali ceramici e rivestimenti C09075 Materiali ceramici e rivestimenti 4 2 M09054 Ingegneria industriale sostenibile C09076 Ingegneria industriale sostenibile 4 2 M09055 Plasturgia C09077 Plasturgia 4 2 M09056 Termo-fluidodinamica computazionale Corso / Esercitazione / Laboratorio Unità didattiche settim anali C09078 Termo-fluidodinamica computazionale 4 3 ECTS 6

7 M Matematica di base e analisi - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Elettronica, Gestionale, Informatica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica di base C Analisi 1 C TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Tre test scritti in "Matematica di base" - Tre test scritti in "Analisi 1" - Matematica di base C Sviluppare la capacità d esposizione scritta ed orale di concetti matematici - Apprendere il corretto impiego di strumenti informatici di calcolo algebrico e numerico - Proprietà dei numeri reali - Funzioni reali - Richiami di trigonometria - Calcolo con i numeri complessi - Successioni e serie - Curve piane - Lezioni interattive con esercitazioni Analisi 1 C Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti del calcolo e in particolare del calcolo infinitesimale - Sviluppare le capacità di rappresentare e risolvere problemi ingegneristici tramite il ragionamento logico e l astrazione - Limiti di funzioni - Calcolo differenziale e applicazioni - Calcolo integrale - Polinomio di Taylor - Lezioni interattive con esercitazioni 7

8 M Algebra lineare 1 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 7 - Corsi di laurea: Elettronica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algebra lineare 1 C TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Valutazione ordinaria - Tre test scritti Algebra lineare 1 C Acquisire solide basi del calcolo matriciale e comprendere le possibili applicazioni dell algebra lineare - Affinare l approccio algebrico a problemi geometrici e sviluppare la visione spaziale - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti - Pseudoinversa e metodo dei minimi quadrati - Lezioni interattive con esercitazioni. 8

9 M Fisica - Responsabile del modulo: Gianfranco D Anna - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 6 - Corsi di laurea: Elettronica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Fisica C TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione Valutazione ordinaria - Quattro test scritti Fisica C Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Misure e grandezze fisiche - Cinematica - Leggi di Newton e applicazioni - Moto circolare e oscillatorio - Leggi di conservazione (energia e quantità di moto) - Teoria della gravitazione universale - Teoria cinetica dei gas - Leggi dei gas - Proprietà termiche della materia - Calorimetria - Conduzione e irraggiamento - Passaggi di stato - Lezioni interattive con esercitazioni. 9

10 M Programmazione strutturata e calcolo - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 7 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica numerica C Sistemi programmabili e C calcolo TOTALE nessuno Metodo di valutazione - Un test scritto nel semestre 1 per ogni corso - Due test scritto nel semestre 2 - Valutazione delle esercitazioni svolte Matematica numerica C Conoscere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico - Imparare a usare un elaboratore come strumento di calcolo e per l automazione - Imparare a formalizzare algoritmi mediante metalinguaggi - Rappresentazioni dei numeri interi e reali nei calcolatori - Operazioni aritmetiche - Metodi di risoluzione delle equazioni non lineari - Metodi di risoluzione dei sistemi lineari - Metodi di interpolazione - Lezioni interattive con esercitazioni Sistemi programmabili e di calcolo C Apprendere un ambiente integrato e di programmazione - Capire i metodi e le basi della programmazione - Imparare a sviluppare applicativi funzionali alle esigenze del corso di laurea - Architettura di un calcolatore - Struttura e ruolo di un sistema operativo - Il calcolatore in rete - Uso di una shell di comandi - Metalinguaggi: flow-chart e struttogrammi - Analisi e soluzione di problemi con metalinguaggi - Il calcolatore nell automazione industriale: microcontrollori e PLC - Elementi di programmazione nel linguaggio C - Uso di MATLAB - Ambiente - Variabili - Operazioni di base con le matrici - Dati strutturati - Strutture di controllo flusso - Script e funzioni - Gestione file - Rappresentazioni grafiche - Lezioni interattive con esercitazioni. 10

11 M Materiali 1 - Responsabile del modulo: Andrea Castrovinci - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Chimica C Scienza dei materiali C TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza previsti dalla maturità professionale tecnica in; - Chimica - Matematica Valutazione del modulo - Verifiche scritte - Valutazione delle esercitazioni svolte Chimica C Fornire agli studenti le nozioni di chimica di base propedeutiche al proseguimento degli studi - Struttura atomica e Tavola Periodica degli Elementi - Legami chimici e composti - Introduzione alla chimica organica - Struttura della materia - Reazioni chimiche e stechiometria - Cinetica e equilibri chimici - Acidi, basi, ph - Elettrochimica - Reattività dei materiali per l ingegneria - Lezioni interattive con esercitazioni integrate Scienza dei materiali C Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà dei materiali - Struttura cristallina dei metalli e delle leghe - Difetti della struttura cristallina - Diffusione - Proprietà meccaniche - Proprietà termiche - Proprietà elettriche - Diagrammi di fase - Diagramma Fe-C - Lezioni interattive con esercitazioni integrate 11

12 M Meccanica - Responsabile del modulo: Walter Amaro - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 8 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Statica C Cinematica C Simulazioni cinematiche E TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione delle esercitazioni svolte Statica C Apprendere le leggi fondamentali della statica. - Imparare a risolvere problemi di statica e a modellare sistemi meccanici - Forze e momenti - Equilibrio del punto materiale e del corpo rigido - Equilibrio analitico del corpo rigido - Travi inflesse, diagrammi di taglio e momenti flettenti - Baricentri - Lezioni interattive con esercitazioni Cinematica C Comprendere i principi fondamentali della meccanica razionale - Saper rappresentare e risolvere graficamente e analiticamente problemi che richiedono un modello meccanico. - Esercitare le nozioni acquisite mediante la risoluzione di problemi tipici - Sistemi di riferimento - Moti particolari - Metodi grafici - Cinematica del corpo rigido a 2 e 3 dimensioni - Dinamica del corpo rigido - Lezioni interattive con esercitazioni Simulazioni cinematiche E Apprendere l utilizzo di un software per simulazioni cinematiche - Applicare le nozioni cinematiche teoriche a modelli virtuali - Preparazione di assiemi per l'analisi cinematica e dinamica - Giunti meccanici, gradi di libertà di un giunto meccanico - Gradi di libertà di un assieme - Condizioni iniziali - Analisi cinematiche - Visualizzazione e interpretazione dei risultati - Esercitazioni con applicativi informatici 12

13 M Tecnica delle costruzioni meccaniche 1 - Responsabile del modulo: Walter Amaro - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Costruzione di macchine C CAD - Progettazione assistita da computer C Tecniche di fabbricazione C Elementi di macchine 1 C Resistenza dei materiali 1 C TOTALE Buone conoscenze del disegno tecnico Valutazione del modulo Valutazione ordinaria: - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione delle esercitazioni svolte Costruzione di macchine C Conoscere le regole di base e sviluppare l abilità di approccio, analisi e di risoluzione di problemi di costruzione per sviluppare prodotti funzionali ed economicamente vantaggiosi - Tolleranze dimensionali e di forma - Lettura e analisi di disegni di assieme - Metodologia e regole di base della progettazione - Calcolo delle forze di taglio nei processi ad asportazione di truciolo - Dimensionamento e scelte dei cuscinetti volventi - Dimensionamento e scelte di sistemi di tenuta - Lezioni interattive con esercitazioni integrate CAD - Progettazione assistita da computer - Governare un sistema di progettazione CAD 3D - Modellazione solida 3D - Assembly Design - Messa in tavola 2D Viste, sezioni, quote, tolleranze. - Lezioni interattive con esercitazioni integrate C Tecniche di fabbricazione C Sapere correttamente scegliere e gestire i processi tecnologici tradizionalmente impiegati nell'industria meccanica, sia negli aspetti descrittivi sia nei loro fonda-menti teorici. - Saper effettuare lo studio di fabbricazione di componenti meccanici sia per l'ottenimento del semilavorato sia per la sua lavorazione alle macchine utensili - I principali processi di fabbricazione: fusione, fusione a cera persa, sinterizzazione, fresatura, tornitura, erosione a tuffo e a filo, forgiatura, rapid prototyping, ecc. - Lezioni interattive con esercitazioni integrate Elementi di macchine 1 C Conoscere i principi di funzionamento di alcuni elementi di macchine. - Imparare i metodi ed i principi di calcolo per il loro corretto funzionamento - Tribologia e attrito - Viti di assemblaggio - Cinghie - Lezioni interattive con esercitazioni integrate Resistenza dei materiali 1 C Sviluppare l abilità ad analizzare il problema meccanicostrutturale attraverso un insieme di conoscenze e di strumenti operativi per il calcolo di strutture tipiche dell ingegneria meccanica e eseguire le principali verifiche di resistenza e di stabilità - Geometria delle masse - Deformazione, sforzi e materiali - Sollecitazioni semplici (trazione, compressione, taglio) - Flessione semplice - Torsione semplice - Lezioni interattive con esercitazioni integrate 13

14 M Inglese B2 - Responsabile del modulo: Germana D Alessio - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 6 - Lingua del modulo: inglese - Corsi di laurea: Elettronica, Gestionale, Informatica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Inglese B2 C TOTALE Conoscenze di inglese a livello intermedio (B1) Metodo di valutazione Ordinaria: - Esame scritto e orale livello B2 Osservazioni I livelli si riferiscono alle sei scale del Common European Framework del Consiglio d'europa ripresi nella versione svizzera di un Portfolio europeo delle lingue (PEL). La verifica del livello richiesto dal dipartimento può avvenire anche tramite equipollenza di determinati certificati internazionali riconosciuti dal Centre for Languages and International Relations o superamento di esami prima dell'inizio degli studi. Inglese C Acquisire e approfondire le competenze linguistiche che favoriscono l inserimento nel mondo professionale in Svizzera e all estero - Sviluppare e approfondire le quattro competenze linguistiche: ascolto, lettura, espressione orale (conversazione / esposizione), espressione scritta - I temi principali trattati spaziano in diversi ambiti: famiglia, lavoro, luoghi, città, società, esperienze della vita, occasioni sociali, regole e comportamento, problemi e soluzioni, ricordare e dimenticare, ecc. - Vengono studiati vari campi lessicali: persone, carattere, descrizioni di persone e città, tempo, attività durante la vita, descrizione del lavoro e delle ambizioni, storie, notizie, pubblicità, abitudini sociali, descrivere oggetti ed il loro funzionamento, descrivere comportamenti e reazioni, ecc. - Si approfondiscono diverse strutture grammaticali: domande e risposte, presente progressivo, have e have got, passato semplice e progressivo, comparativo e superlativo, present perfect, for, since, ago, present perfect continuous, forme per il futuro, passivo, condizionale, past perfect, discorso diretto e indiretto, verbi modali. - Insegnamento comunicativo con ricorso a materiali autentici (giornali, registrazioni audio e video, fonti multimediali) che trattano argomenti attuali e professionali - Forme di lavoro che favoriscono il lavoro in gruppi e l apprendimento autonomo. 14

15 M Comunicazione - Responsabile del modulo: Cristina Monti Carcano - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 3 - Corsi di laurea: Elettronica, Informatica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem Lezioni 2 sem Lavoro autonomo Comunicazione C TOTALE nessuno Metodo di valutazione - 30%: presentazione di un argomento tecnico; - 30%: redazione di una relazione tecnica in collaborazione con docente di materie tecnico-scientifiche; - 20%: partecipazione; - 20%: esercitazioni. Comunicazione C Sviluppare la capacità di comunicare con efficacia verbalmente e per iscritto - Comprendere le potenzialità dell immagine personale e dei documenti scritti. - Fornire le tecniche per preparare e gestire una presentazione. - Strutturare e redigere testi con finalità differenti: rapporti tecnici, lavori di diploma e business plan; articoli di giornale, articoli scientifici per riviste specializzate; istruzioni d uso, verbali di riunioni; - Conoscere le tecniche di base per comunicare con i media. - Apprendere le regole di base per negoziare. - Lezioni interattive con esercitazioni: presentazioni individuali e di gruppo; - Utilizzo di filmati esplicativi; - Testimonianze; - Collaborazione con docenti di materie tecniche per organizzare presentazioni su argomenti legati a temi professionali. - Le presentazioni individuali e di gruppo vengono riprese con la telecamera Il DVD viene consegnato agli studenti. - Prima impressione: presentazione, comportamento, galateo, abbigliamento, gestualità, stile; - Flusso di comunicazione; - Preparazione di una presentazione verbale: raccolta informazioni, mappa delle idee, analisi del pubblico, redazione del testo, strumenti audiovisivi, gestione dello stress, gestione delle domande; imprevisti; - Gestione del gruppo di lavoro: obiettivo, strategia, ruoli, compiti, tempistica, prevenire i conflitti, gestire le alternative, valorizzare il risultato; - Pianificare il tempo: definire l obiettivo di gruppo e individuale, chiarire le priorità, supportare il team, verificare la tempistica, correggere eventuali anomalie, prevedere gli imprevisti. - Comunicazione a due: strumenti e feedback; - Redazione di una relazione tecnica: raccolta delle informazioni, analisi, struttura del documento, stile, linguaggio, immagine, impostazione grafica, grafici e tabelle, citazioni, bibliografia, allegati; - Testo descrittivo, informativo, motivazionale; - Scrivere su web: impostazione, parole chiave, struttura, immagini, animazione, musica; - Poster: - oggetto, impostazione, allegati, capacità sintesi, regole di comportamento, funzioni principali; - Comunicazione con i media: notizia, titolo, lead, comunicato stampa e la cartella stampa, supporti audiovisivi; - Stile, punteggiatura, revisione; - Negoziazione di base: conoscere lo scenario e gli interlocutori, definire l obiettivo, sviluppare una strategia basata su punti forti e deboli, gestire lo scambio comunicativo. 15

16 M Analisi e algebra lineare - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Elettronica, Gestionale, Informatica, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Analisi 2 C Algebra lineare 2 C TOTALE Raggiungimento dei crediti ECTS minimi, come specificato nelle direttive DTI. Metodo di valutazione - Almeno 2 verifiche scritte in itinere in algebra lineare - Una verifica in itinere in analisi - Esame scritto in analisi Analisi 2 C Conoscere gli strumenti e i metodi del calcolo differenziale per poi poterli applicare alla modellazione di sistemi - Applicazioni degli integrali - Equazioni differenziali - Funzioni di più variabili - Lezioni interattive - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo Algebra lineare 2 C Saper lavorare con matrici, comprendendone il significato nelle applicazioni tecniche - Conoscere autovalori, autovettori e relative applicazioni - Conoscere la descrizione geometrica dello spazio mediante coordinate omogenee, come utilizzate nella grafica computerizzata - Autovalori e autovettori - Norme - Sistemi di equazioni differenziali - Coordinate omogenee - Lezioni interattive - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo 16

17 M Metodi matematici per l ingegnere - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Elettronica, Gestionale, Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Analisi dei segnali C Probabilità e statistica C TOTALE Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS Metodo di valutazione Valutazione ordinaria - Due test scritti in Analisi dei segnali - Un test scritto in Probabilità e statistica - Esame scritto in Probabilità e statistica Analisi dei segnali C Apprendere l utilizzo delle trasformate integrali. - Saper applicare le trasformate integrali alla teoria dei segnali e dei sistemi. - Serie di Fourier - Trasformate integrali - Trasformate discrete - Applicazioni delle trasformate all analisi dei segnali - Lezioni interattive con esercitazioni Probabilità e statistica C Studiare i fondamenti di probabilità e statistica necessari per comprendere alcune loro applicazioni nella tecnica. - Ripetizione teoria insiemi e calcolo combinatorio - Eventi, spazio campionario, probabilità - Probabilità condizionata - Statistica descrittiva: indici di posizione e misure di dispersione - Correlazione - Distribuzioni di probabilità - Applicazioni pratiche - Lezioni interattive con esercitazioni. 17

18 M Tecnica delle costruzioni meccaniche 2 - Responsabile del modulo: Walter Amaro - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Elementi di macchine 2 C Resistenza dei materiali 2 C Sviluppo prodotto 1 E TOTALE Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. Elementi di macchine 2 C Capire il funzionamento degli elementi di macchine ed apprendere i metodi e le regole di calcolo per il loro corretto impiego. - Conoscere i principi di funzionamento degli ingranaggi ed apprendere i metodi ed i principi di calcolo per il loro corretto impiego - Resistenza alla fatica - Coefficiente di sicurezza - Concentrazione di tensioni - Collegamenti albero / mozzo - Alberi e assi - Molle - Ingranaggi paralleli a dentatura dritta (planetari) e a dentatura elicoidale - Ruote dentate coniche - Controllo degli ingranaggi - Ingranaggi a vite senza fine e cilindrici "gauches Valutazione del modulo Valutazione ordinaria - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione del progetto basato su: Grado di apprendimento verificato dal docente Capacità di analisi del problema Capacità di sintesi Metodo di lavoro Abilità a mettere in atto soluzioni tecniche Risultati ottenuti e loro documentazione Presentazione dei progetti Originalità delle soluzioni proposte - Esame scritto Resistenza dei materiali 2 C Sviluppare l abilità ad analizzare il problema meccanicostrutturale attraverso un insieme di conoscenze e di strumenti operativi per il calcolo di strutture tipiche dell ingegneria meccanica e eseguire le principali verifiche di resistenza e di stabilità - Flessione e taglio - Sollecitazioni composte - Il problema di Cauchy - Il cerchio di Mohr - Criteri di resistenza - Lezioni interattive con esercitazioni integrate. - Lezioni interattive con esercitazioni integrate. Sviluppo prodotto 1 E Esercitare lo sviluppo e la realizzazione di progetti di costruzione meccanica applicando le conoscenze apprese nei corsi precedenti, calcolando e dimensionando gli elementi e gestendo in modo autonomo il proprio tempo. - Studio, progettazione e realizzazione di progetti di organi meccanici. - Problemi strutturali; rigidezza statica e dinamica delle macchine e degli elementi strutturali delle stesse. - Trasmissioni e collegamenti; cinghie; cuscinetti volventi e radenti; accoppiamenti albero / mozzo, molle - Attività pratica di progettazione assistita. 18

19 M Materiali 2 - Responsabile del modulo: Andrea Castrovinci - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Leghe metalliche C Polimeri C Laboratorio L TOTALE Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. Valutazione del modulo - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione delle esercitazioni svolte nel laboratorio - Esame scritto e/o orale Leghe metalliche C Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà fisico-meccaniche delle leghe metalliche e le loro applicazioni. - Caratteristiche produttive, fisico-meccaniche delle leghe - Reazione dei metalli alle sollecitazioni tipiche di esercizio (meccaniche, termiche e ambientali) - Metodi di rafforzamento dei metalli e formazione delle leghe - Trattamenti termici - Effetti degli elementi di lega sulle caratteristiche delle leghe metalliche - Acciai per usi generali - Acciai inossidabili (ferritici e austenitici) - Superleghe di nichel e cobalto - Leghe leggere - Leghe di titanio - Leghe di rame - Leghe intermetalliche e compositi a matrice metallica Polimeri C Fornire le conoscenze di base circa la natura, il comportamento, la preparazione, le proprietà e le applicazioni delle materie plastiche - Generalità sulle macromolecole - Polimeri industriali - Polimeri allo stato solido: stato amorfo, transizioni, rilassamenti e stati cristallini. - Proprietà meccaniche - Trasformazione delle materie plastiche - Viscoelasticità: aspetti applicativi e modelli descrittivi. - Degradazione e invecchiamento - Additivi - Lezioni interattive con esercitazioni integrate. - Lezioni interattive con esercitazioni integrate. Laboratorio L Applicare e sperimentare in laboratorio i concetti appresi nei due corsi del modulo - Apprendere alcune tecniche di caratterizzazione dei materiali attraverso lo svolgimento di attività pratiche - Prove di trazione su metalli con dinamometro elettronico - Prove di trazione su polimeri con dinamometro elettronico e messa in evidenza della temperatura di transizione vetrosa nei materiali termoplastici - Test di durezza di tipo Brinell, Rockwell, Vickers, Shore su metalli e polimeri - Misure di resilienza con pendolo di Charpy su metalli e polimeri a diverse temperature (messa in evidenza della temperatura di transizione vetrosa) - Preparazione e analisi metallografica su campioni metallici. - Densimetria - Misura della bagnabilità - Attività pratiche. 19

20 M Fluidodinamica - Responsabile del modulo: Maurizio Barbato - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 3 - Corsi di laurea: Meccanica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Fluidodinamica C TOTALE Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. Valutazione del modulo - Almeno due verifiche scritte - Esame scritto Fluidodinamica C Apprendere i concetti di fluido e di flusso - Apprendere i principi fondamentali della dinamica dei fluidi e le leggi di conservazione - Apprendere le caratteristiche fondamentali di un flusso laminare, un flusso turbolento, un flusso incomprimibile e un flusso comprimibile - Apprendere le metdologie di analisi di un circuito idraulico - Il concetto di fluido - Statica dei fluidi - Cinematica dei fluidi - Dinamica elementare dei fluidi - Leggi di conservazione della massa, quantità di moto ed energia - Flussi viscosi in condotti (flussi interni) - Flussi su corpi solidi (flussi esterni) - Cenni sui flussi comprimibili - Cenni sulle macchine a fluido - Lezioni frontali - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo 20

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010

Dettagli

Offerta formativa 2011/12

Offerta formativa 2011/12 Offerta formativa 2011/12 Codice Titolo ECTS M00001P Progetto semestrale 6 M00002 Progetto di diploma 14 M00002P Progetto di diploma 14 M00003P Progetto semestrale 6 M00005 Progetto semestrale 4 M00005P

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Meccanica

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Meccanica Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Meccanica Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010 Elenco dei moduli in offerta formativa Ingegneria Meccanica

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Piano degli studi 2009/2010 Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale

Dettagli

DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA L-9 SP

DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA L-9 SP DIDATTICA PROGRAMMATA A.A. 2015/2016 REGOLAMENTO DIDATTICO PARTE SPECIALE COORTE 2015/2018 INGEGNERIA MECCANICA 32846 LINGUA INGLESE (CDL) 3 VER. CONOSC. LINGUA STRANIERA Per la Conoscenza di Almeno Una

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria meccanica

Bachelor of Science in Ingegneria meccanica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria meccanica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea mira

Dettagli

Regolamento didattico

Regolamento didattico Regolamento didattico Corso di studio: Facoltà: Classe: Ingegneria dell Automazione Ingegneria Sede di Bologna 9 Ingegneria dell informazione Obiettivi formativi specifici I laureati verranno a conoscenza

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Ingegneria civile Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

Offerta formativa 2006/2007 Tecnologia delle macchine 1 e 2 semestre

Offerta formativa 2006/2007 Tecnologia delle macchine 1 e 2 semestre Offerta formativa 2006/2007 Tecnologia delle macchine 1 e 2 semestre Modulo Corso (C) /Esercitazione (E) /Laboratorio (L) Ore-lezione ECTS Semestre 1 2 C Matematica di base 6 M01013 Matematica di base

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA Gli Allegati A (Profilo culturale, educativo e professionale) e C (Indirizzi, Profili, Quadri orari e Risultati di

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: ENERGIA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S.

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S. !" #$%&'((&) #$%&!*(& #+#,-$%./$$011 e-mail: 23$4$23$&$/& sito: 555&$23$&$/& pec: 6*47(&*08$& Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Mechanical Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI.

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. Classi prime Gli insiemi con relative operazioni Operazioni ed espressioni

Dettagli

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso di Studi in

Dettagli

Introduzione e descrizione Bachelor

Introduzione e descrizione Bachelor Introduzione e descrizione Bachelor La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione triennale

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Obiettivi di apprendiment 2/7

Obiettivi di apprendiment 2/7 TIM - TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHE --- Programmi MINISTERIALI di insegnamento delle discipline Area di indirizzo corso TIM (approvati con DM 15 aprile 1994 e pubblicati sulla GU dell 1-7-1994 - Supplemento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione Distretto Scolastico n. 2 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Ettore Majorana Avezzano (AQ) Specializzazioni:Chimica Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica e automazione Meccanica Sperimentazioni:

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI Liceo Scientifico G. Bruno Liceo Ginnasio R. Franchetti Sede: via Baglioni n. 26 - Succursale: Corso del Popolo n. 82 30173 VENEZIA-MESTRE Tel.

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I, II III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli obiettivi

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE I.I.S REMO BRINDISI MANUTENZIONE ed ASSISTENZA TECNICA DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Programmazione Secondo Biennio Conoscenze Tolleranze caratteristiche degli

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1)

ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) ARTICOLAZIONE: MECCANICA E MECCATRONICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C1) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale,

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica

Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica Attività e insegnamenti dell indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia articolazione: Meccanica e meccatronica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Programma d'esame CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche IIS GIULIO NATTA RIVOLI (To) IL PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche Il primo biennio ha carattere

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE E TECNICO COMMERCIALE A. CASAGRANDE F. CESI TERNI PIANO DI LAVORO PROF. SCIULLI PERFILIA CLASSE: I D MATERIA: SCIENZE INTEGRATE (FISICA) sez. F. CESI A.S.

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Scuola Politecnica Corso di laurea in Ingegneria Elettrica Classe L-9 REGOLAMENTO DIDATTICO. Descrizione Funzionamento corso di laurea

Scuola Politecnica Corso di laurea in Ingegneria Elettrica Classe L-9 REGOLAMENTO DIDATTICO. Descrizione Funzionamento corso di laurea Scuola Politecnica Corso di laurea in Classe L-9 REGOLAMENTO DIDATTICO Descrizione Funzionamento corso di laurea Art. 1 Premessa e ambito di competenza Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 pag. 1 di 5 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Meccanica Macchine ed Energia Classe: IV^ Meccanica

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria elettronica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

- PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 FISICA

- PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 FISICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 Corsi Liceo Scientifico Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate FISICA Indicazioni nazionali LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del

Dettagli

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Sistemi Energetici Questa parte

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione Distretto Scolastico n. 2 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Ettore Majorana Avezzano (AQ) Specializzazioni:Chimica Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica e automazione Meccanica Sperimentazioni:

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA 1 Anno: 1 semestre Analisi matematica 3 A MAT/05 6 60 Metodi della ricerca operativa A MAT/09

Dettagli

INGEGNERIA MECCANICA

INGEGNERIA MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in INGEGNERIA MECCANICA Classe L-9 Lauree in Ingegneria Industriale (DM 270/04) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2010-2011 Sito

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168)

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168) CLASSE: MATERIA: meccanica applicata 2^F m (ore annuali 168) Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro Regole di civile convivenza e rispetto. Obblighi e doveri in ambito lavorativo. Abilità Saper assumere

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA Classe 3^ Meccanica meccatronica Anno Scolastico2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA

Dettagli

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA ITS BANDINI - SIENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: FISICA e LABORATORIO CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA In relazione alla programmazione curricolare ci si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi disciplinari:

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Allegato n..2 POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 3/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria informatica

Bachelor of Science in Ingegneria informatica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria informatica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze La formazione apre le

Dettagli

CORSO SERALE "ORDINAMENTO SIRIO"

CORSO SERALE ORDINAMENTO SIRIO CORSO SERALE "ORDINAMENTO SIRIO" PER ADULTI E STUDENTI LAVORATORI Specializzazione: MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Nel nostro Istituto è attivo, ininterrottamente da oltre tre decenni, il Corso Serale

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 4 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: SISTEMI E MODELLI (30 ore)

Dettagli

PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA

PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA PON Competenze per lo sviluppo 2007-2013 Alla c.a. del D.S. Prof.Giovanni Semeraro PROGRAMMA G1 FSE 2009-301 MECCANICA APPLICATA SUDDIVISIONE DELLA PROGRAMMAZIONE: PRIMO MODULO di 27 ORE (propedeutico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria gestionale

Corso di laurea in Ingegneria gestionale Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE

PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE Campus CRAVINO PAVIA Ingegneria sostenibile per la società di oggi e di domani www.unipv.it/industriale Energia Elettrica Energetica Meccanica 1 I corsi di INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

RECUPERO MECCANICA E MACCHINE

RECUPERO MECCANICA E MACCHINE I.T.T.L. Nautico San Giorgio - GENOVA Modulo 0 RECUPERO MECCANICA E MACCHINE Programma di riferimento classi IV A.S. 2013/2014 Introduzione, prerequisiti. 1. Unità di misura; analisi dimensionale. 2. Composizione

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Regolamento Didattico Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Sede amministrativa: Università degli Studi del Sannio ART.

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CLASSE L-35 SCIENZE MATEMATICHE A.A. 2015/2016

MANIFESTO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CLASSE L-35 SCIENZE MATEMATICHE A.A. 2015/2016 MANIFSO DGI SUDI D CORSO DI AURA IN MAMAICA CASS -5 SCINZ MAMAICH A.A. 015/01 Documento approvato da: Consiglio di Corso di aurea: Seduta del 15-0-015 Consiglio di Dip. di Matematica e Informatica: Seduta

Dettagli

Art. 4 Curricula Art. 5 Impegno orario complessivo Art. 6 Piani di studio e propedeuticità

Art. 4 Curricula Art. 5 Impegno orario complessivo Art. 6 Piani di studio e propedeuticità Dipartimento di ingegneria Meccanica, Energetica, Gestionale e dei Trasporti Corso di laurea in Ingegneria in Ingegneria Meccanica Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Questionario Ridefinizione del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta - 70032 Bitonto (Bari) Via Giacomo Matteotti, 197 TEL-FAX +039.080.3714524 -- WWW.ITISBITONTO.IT Specializzazioni: MECCANICA - ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: TECNOLOGIA MECCANICA A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TIM 1) PREREQUISITI Possedere conoscenze relative alle proprietà chimico-strutturali,

Dettagli

I3D LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE

I3D LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE ID LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: L-9 Ingegneria Industriale NORMATIVA DI RIF.: DM 270/2004 CDCS DI RIFERIMENTO: PERCORSI FORMATIVI: DURATA: SEDE: Ingegneria

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA Classe L-35 (Scienze Matematiche)

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA Classe L-35 (Scienze Matematiche) MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA Classe L-35 (Scienze Matematiche) http://www.scienze.unipa.it/matematica/ 1. ASPETTI GENERALI La durata del Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA MECCANICA approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Dipartimento

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli