TECNICHE DI ELABORAZIONE NUMERICA DI IMMAGINE E VIDEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICHE DI ELABORAZIONE NUMERICA DI IMMAGINE E VIDEO"

Transcript

1 TECNICHE DI ELABORAZIONE NUMERICA DI IMMAGINE E VIDEO Ing. Michele Scarpiniti Dipartimento INFOCOM Università di Roma La Sapienza Dispense su: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 1

2 Lezione 1: Sommario Classificazione delle immagini; La visione; La rappresentazione del colore; Dall immagine naturale a quella digitale; L immagine digitale. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 2

3 Classificazione delle immagini (1/2) Dal punto di vista della generazione: Sintetiche (disegni, grafici, ): immagini grafiche; Naturali (scene naturali): immagini fotografiche. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 3

4 Classificazione delle immagini (2/2) Dal punto di vista del colore: In bianco e nero: livelli di grigi; A colori: numero di colori. Dal punto di vista del tempo: Fisse: bi-dimensionali I( xy, ); In movimento: tri-dimensionali I( xyt,, ). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 4

5 La visione (1/15) Un qualsiasi elemento di una scena naturale è visibile in quanto emette energia luminosa (sorgente luminosa) oppure perchè illuminato da energia di uguale natura proveniente da sorgenti luminose circostanti. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 5

6 La visione (2/15) Una sorgente luminosa è detta puntiforme se le sue dimensioni D sono piccole rispetto alla distanza L di osservazione. L D<<L D Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 6

7 La visione (3/15) Una sorgente luminosa emette potenza di natura elettromagnetica ad una o più lunghezze d onda e con intensità in genere dipendente dalla direzione definita dalla coppia di angoli φ e θ, detti di elevazione e azimuth. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 7

8 La visione (4/15) Dal punto di vista radiometrico una sorgente luminosa è caratterizzata da uno spettro di densità di potenza emesso w(λ), da una potenza totale emessa W= w(λ) dλ e da un diagramma di radiazione g(θ,φ) che stabilisce la distribuzione di tale potenza nelle varie direzioni. In particolare, se tale distribuzione è uniforme, la sorgente si dice isotropa e per essa è g(θ,φ)=1. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 8

9 La visione (5/15) Esempi di diagrammi di radiazioni generico isotropo Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 9

10 La visione (6/15) Dal punto di vista fotometrico la quantità più importante non è tanto w(λ) quanto una sua versione pesata con la curva di sensibilità dell occhio alle varie lunghezze d onda, che di solito è espressa come F(λ)=F 0 w(λ) y(λ) dove y(λ) è una funzione normalizzata ad 1 nel punto di massima sensibilità dell occhio (λ=0.54μm) ed F 0 è una costante che dipende dall unità di misura utilizzata (F 0 =680, se F è misurata in Lumen). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 10

11 La visione (7/15) La potenza totale emessa pesata attraverso la curva di sensibilità dell occhio, prende il nome di potenza luminosa (o visiva) e vale F=F 0 w(λ) y(λ) dλ Indicando con df la frazione infinitesima di potenza luminosa che transita attraverso un elemento infinitesimo ds di una superficie sferica con centro nella sorgente e di raggio r, si avrebbe: F ds df df ( θ, ϕ) = g 2 ( θ, ϕ) 4π r Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 11

12 La visione (8/15) Data una sorgente luminosa si definisce illuminazione E di un punto P a distanza d dalla sorgente il rapporto tra la potenza luminosa che attraversa una superficie ΔS ortogonale alla congiungente sorgente-punto e ΔS E F g 4π d θ, ϕ ( ) 2 Se F è misurato in Lumen, E si misura in Lumen/m 2 detto Lux. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 12

13 La visione (9/15) La struttura dell occhio è la seguente: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 13

14 La visione (10/15) Una scena è vista dall occhio umano in quanto la potenza luminosa irradiata da ogni suo elemento superficiale viene focalizzata dal cristallino (la lente) sulla retina e ogni ricettore di quest ultima (cono o bastoncino) trasferisce tale potenza al cervello attraverso il nervo ottico. La maggior concentrazione di coni si ha entro un angolo di ±3 rispetto al centro della retina (fovea) e ciò consente una visione più dettagliata al centro della scena. I bastoncini sono ricettori distribuiti al di fuori della fovea e sono molto sensibili all intensità luminosa ma non alla lunghezza d onda λ (visione notturna); da essi dipende la visione a bassissima luminosità. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 14

15 La visione (11/15) Il cristallino come ogni lente ribalta l immagine che lo attraversa. Questa immagine è quindi ruotata di 180 dal nervo ottico. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 15

16 La visione (12/15) Sulla retina sono presenti 6-7 milioni di coni divisi in tre categorie: 65% sensibili alla luce rossa ; 33% sensibili alla luce verde ; 2% sensibili alla luce blu. Ogni classe di coni presenta una particolare curva di assorbimento della lunghezza d onda della radiazione incidente. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 16

17 La visione (13/15) L occhio umano, così come gli altri organi umani, hanno una sensibilità allo stimolo luminoso descritta dalla legge psico-fisica di Weber, cioè vale la seguente relazione: Δ S = ΔL k L in cui S è la sensibilità luminosa e L è l intensità luminosa. Da questa relazione segue facilmente che: dl ds = k S = k log L + cost L La percezione dello stimolo varia quindi con il logaritmo dello stimolo stesso. Il logaritmo comprime la scala delle percezione e ci rende in grado di sopportare grandi escursioni di luminosità. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 17

18 La visione (14/15) L occhio si adatta a diversi range di luminosità: bella giornata estiva: lx; brutta giornata estiva: fino a lx; cielo coperto in inverno: fino a lx; notte di luna: fino a 0.25 lx; notte di stelle: fino a 0.01 lx. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 18

19 La visione (15/15) La luce visibile è composta da un insieme di frequenze in una banda piuttosto limitata nello spettro della radiazione elettromagnetica. L occhio umano è in grado di distinguere circa colori differenti. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 19

20 La rappresentazione del colore (1/36) Una sorgente luminosa monocromatica appare dotata di un certo colore che dipende dalla lunghezza d onda λ emessa. Tuttavia questo non vuol dire che i coni trasferiscono al cervello separatamente le intensità alle varie lunghezze d onda. E noto infatti che una sorgente monocromatica appare all occhio dotata di un colore che può in genere ottenersi in modo perfetto combinando le emissioni di tre altre sorgenti monocromatiche sufficientemente spaziate nello spettro, ciascuna di opportuna intensità. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 20

21 La rappresentazione del colore (2/36) Questa proprietà è chiamata natura tricromatica della visione. Indichiamo con C il colore di una sorgente monocromatica e con C 1, C 2 e C 3 i colori di tre sorgenti monocromatiche sufficientemente spaziate nello spettro, allora segue che C=α 1 C 1 +α 2 C 2 +α 3 C 3 in cui α C indica un colore uguale a C ma α volte più luminoso. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 21

22 La rappresentazione del colore (3/36) Come scelgo i tre colori di riferimento C 1, C 2 e C 3? Nel 1931 la CIE (Commission International de l Eclairage) ha provveduto ad una standardizzazione, assumendo tre lunghezze d onda associate ai colori primari: blu=b=435.8 nm, verde=v=545.1 nm, rosso=r=700 nm E il sistema RGB in cui a partire dai tre colori rosso, verde e blu posso ottenere tutte le sfumature variando i coefficienti α 1, α 2 e α 3. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 22

23 La rappresentazione del colore (4/36) I colori primari possono essere sommati per ottenere i colori secondari: Magenta (rosso + blu); Ciano (verde + blu); Giallo (rosso + verde). Sommando i tre primari, oppure un secondario ed il primario complementare si ottiene la luca bianca. Da questa idea si può generalizzare la sintesi dei colori (additiva o sottrattiva). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 23

24 La rappresentazione del colore (5/36) La sintesi additiva si ottiene sovrapponendo radiazioni luminose di diverso colore (usata nei monitor). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 24

25 La rappresentazione del colore (6/36) Si ha sintesi sottrattiva quando si combinano pigmenti diversi: si intende produrre un colorante che assorba alcune lunghezze d onda e ne rifletta altre (magenta: ass. il verde; ciano: ass. il rosso; giallo: ass. il blu) Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 25

26 La rappresentazione del colore (7/36) Alcune caratteristiche descrittive del colore frequentemente utilizzate sono: Luminosità (brightness): attributo che si riferisce alla quantità di luce presente; Tinta (hue): attributo legato alla lunghezza d onda dominante. Rappresenta ciò che un osservatore definisce il colore dominante ; Saturazione (saturation): attributo che si riferisce alla purezza della tinta; si ha una bassa saturazione quando nel colore è presente un elevata quantità di luce bianca mescolata alla tinta. L insieme di Tinta e Saturazione è chiamata Cromaticità, ovvero ciò che caratterizza il colore indipendentemente dall intensità luminosa presente. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 26

27 La rappresentazione del colore (8/36) Per poter ricostruire un colore si può fare il matching dei colori fondamentali variando le loro curve: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 27

28 La rappresentazione del colore (9/36) Leggi di Grossman Simmetria: se lo stimolo A matches lo stimolo B, allora lo stimolo B matches lo stimolo A Transitività: se lo stimolo A matches lo stimolo B, e lo stimolo B matches lo stimolo C, allora A matches lo stimolo C Proporzionalità: se lo stimolo A matches lo stimolo B, allora ca matches cb, per ogni c>0 Additività: se lo stimolo A matches lo stimolo B, e lo stimolo C matches lo stimolo D, allora (A+B) matches (C+D), e anche (A+D) matches (B+C), valide per sintesi additive. A B Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 28

29 La rappresentazione del colore (10/36) Il modello CIE 1931 può essere rappresentato in un diagramma in cui sono rappresentate tutte le cromaticità che l occhio umano è in grado di percepire, prescindendo dalla luminanza. La proprietà fondamentale del diagramma CIE 1931 è data dal fatto che sommando tra loro due colori si ottiene un terzo colore; pertanto variando le proporzioni dei primi due si ottengono tutti i colori che stanno sul segmento che li unisce. Sul bordo ci sono i colori pienamente saturi; verso il centro viene aggiunta sempre più luce bianca Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 29

30 La rappresentazione del colore (11/36) Il diagramma CIE 1931 èil seguente: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 30

31 La rappresentazione del colore (12/36) Un modello di colore (o spazio di colore o sistema di colore) è uno strumento con il quale si può specificare, creare e visualizzare un colore. I modelli di colore sono quindi necessari per definire un colore senza ambiguità. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 31

32 La rappresentazione del colore (13/36) Ecco un esempio tratto dal dizionario Webster: Rosso Tiziano: Un arancione tendente al bruno che appare un po più giallo e chiaro del marrone spezia, come pure del marrone prateria e del marrone di Windsor, ma un po più rosso e scuro del colore ambra o del fagiano dorato. E una descrizione accettabile? Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 32

33 La rappresentazione del colore (14/36) In sostanza, un modello di colore è una specificazione di un sistema di coordinate e di un sottospazio al suo interno, dove ogni colore è rappresentato da un singolo punto. I modelli di colore in uso oggi sono orientati verso: Hardware di acquisizione (RGB) e di restituzione (CMY, CMYK) Elaborazione ed analisi di immagini (RGB, HSI, HSV) Trasmissione (YUV, YIQ) Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 33

34 La rappresentazione del colore (15/36) Nel modello RGB ogni colore è rappresentato dalle sue componenti spettrali di rosso, verde e blu. Il modello è basato su un sistema di coordinate cartesiane, mentre il sottospazio di interesse è un cubo di spigolo unitario sui cui vertici sono disposti i colori primari, quelli secondari, il bianco (0,0,0) ed il nero (1,1,1). I livelli di grigio sono disposti sul segmento che congiunge (0,0,0) con (1,1,1). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 34

35 La rappresentazione del colore (16/36) Il sottospazio del sistema RGB Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 35

36 La rappresentazione del colore (17/36) Le immagini rappresentate nel modello RGB consistono di tre immagini componenti, una per ogni colore primario: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 36

37 La rappresentazione del colore (18/36) Il modello CMY assume come colori primari il ciano, il magenta ed il giallo. Questi sono i colori primari impiegati nella sintesi sottrattiva. Il modello CMY è quindi orientato ai dispositivi hardware di restituzione di colore che depositano su carta pigmenti colorati (stampanti ink-jet e laser) Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 37

38 La rappresentazione del colore (19/36) La conversione tra RGB e CMY è molto semplice: C=1-R M=1-G Y=1-B In effetti modello CMY non è molto usato perché è difficile produrre un nero di qualità sufficiente come sovrapposizione dei tre pigmenti. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 38

39 La rappresentazione del colore (20/36) Si considera quindi un modello quadricromatico CMYK che assume il nero (K) come quarto colore primario. La conversione tra CMY e CMYK è data dalle seguenti relazioni: CMY > CMYK K=min(C,M,Y) C=(C-K)/(1-K) M=(M-K)/(1-K) Y=(Y-K)/(1-K) CMYK > CMY C=min(1,C*(1-K)+K) M=min(1,M*(1-K)+K) Y=min(1,Y*(1-K)+K) Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 39

40 La rappresentazione del colore (21/36) I modelli RGB e CMY(K) sono orientati alla descrizione di colori per dispositivi hardware. Hanno però dei problemi: Non corrispondono alla tipologia di descrizione dei colori propria degli esseri umani; Rispetto a caratteristiche di interesse (quali la luminosità) le singole componenti risultano essere correlate. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 40

41 La rappresentazione del colore (22/36) Esistono perciò dei modelli di colore basati sulle caratteristiche con cui un essere umano usualmente definisce un colore: Tinta (Hue); Saturazione (Saturation); Luminosità (Brightness). Un vantaggio di tali modelli è che permettono all utente di specificare i colori in modo intuitivo. Per questo motivo sono molto usati nell interfacce di applicativi dedicati alla gestione del colore. Esistono diversi modelli di questo tipo. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 41

42 La rappresentazione del colore (23/36) Nel modello HSI le tre coordinate sono: Hue Saturation Intensity Il modello può essere descritto da una piramide a base triangolare o da un cono. Se consideriamo una proiezione del cubo RGB su un piano ortogonale all asse dei livelli di grigio, otteniamo una forma triangolare o esagonale, i cui punti corrispondono a colori che hanno la stessa intensità. A volte si fa riferimento ad una sezione circolare. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 42

43 La rappresentazione del colore (24/36) Esempio di codifica HSI: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 43

44 La rappresentazione del colore (25/36) Esempio di codifica HSI descritto da una piramide: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 44

45 La rappresentazione del colore (26/36) Esempio di codifica HSI descritto da un cono: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 45

46 La rappresentazione del colore (27/36) Conversione RGB > HSI: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 46

47 La rappresentazione del colore (28/36) Conversione HSI > RGB: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 47

48 La rappresentazione del colore (29/36) Il modello HSI: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 48

49 La rappresentazione del colore (30/36) Il modello HSV è simile al modello HSI, solo che al posto della intensità, utilizza il valore V della luminosità (brightness). Il modello è descritto da una piramide a base esagonale. Software come Matlab mettono a disposizione le funzioni per operare le trasformazioni tra RGB e HSV, perché più difficili da comprendere. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 49

50 La rappresentazione del colore (31/36) Esempio di codifica HSV: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 50

51 La rappresentazione del colore (32/36) Esempio di codifica HSV: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 51

52 La rappresentazione del colore (33/36) I modelli YUV e YIQ sono orientati all hardware come l RGB, ma invece di riflettere il funzionamento di sensori è legato al broadcasting. Y èla luminanza: compatibile con TV in bianco e nero; I e Q (U e V) sono le componenti cromatiche: I=R-Y=rosso-ciano (simile a un rosso-arancione); Q=B-Y=magenta-verde; è il complemento di I. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 52

53 La rappresentazione del colore (34/36) L occhio umano è meno sensibile alla cromaticità che all intensità. Quindi lo standard YIQ riduce la larghezza di banda per I e Q, risultando assai efficiente nella trasmissione del segnale video. Sono standard utilizzati per la TV in Europa (per la compatibilità con la TV in bianco e nero) e per la compressione MPEG. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 53

54 La rappresentazione del colore (35/36) Esempio di codifica YUV: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 54

55 La rappresentazione del colore (36/36) Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 55

56 Dall immagine naturale a quella digitale (1/18) Per poter utilizzare un immagine sul calcolatore non ha più senso la rappresentazione analogica con funzioni tempo continuo. L elaborazione al computer è per sua stessa natura digitale, cioè tempo discreto. Gli eventi succedono a istanti di tempo stabiliti (tempo discreto) ed assumo valori che sono prestabiliti (quantizzazione). Il procedimento per passare dal tempo continuo al digitale è la conversione analogico-digitale (A/D). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 56

57 Dall immagine naturale a quella digitale (2/18) Tempo Continuo x(t) Tempo Discreto 0 t Per passare dal tempo-continuo al tempo-discreto cioè l operazione di conversione A/D (campionamento) si moltiplica il segnale da convertire per un treno di impulsi spaziati di un intervallo T=1/f c. Il termine f c è detto frequenza di campionamento. Per poter successivamente ricostruire il segnale campionato il valore f c deve rispettare il teorema del campionamento. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 57

58 Dall immagine naturale a quella digitale (3/18) Operazione di campionamento: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 58

59 Dall immagine naturale a quella digitale (4/18) Per la ricostruzione del segnale originario basta far passare il segnale campionato in un filtro passa-basso, con larghezza di banda almeno pari alla frequenza di campionamento f c. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 59

60 Dall immagine naturale a quella digitale (5/18) Se la frequenza di campionamento f c è troppo bassa, cioè se il periodo di campionamento T è troppo lungo non riesco a ricostruire il segnale originario, perché le repliche in frequenza si sovrappongono parzialmente: è il fenomeno dell aliasing. Il teorema del campionamento allora impone un limite inferiore alla frequenza di campionamento: un segnale analogico è rappresentato dai suoi campioni se è rigorosamente limitato in banda e se la frequenza di campionamento f c è almeno il doppio della massima frequenza B contenuta nel segnale, ovvero se fc 2 B Relazione di Nyquist Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 60

61 Dall immagine naturale a quella digitale (6/18) Segnale originale Segnale campionato Caso normale Segnale campionato Caso limite Segnale campionato Aliasing Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 61

62 Dall immagine naturale a quella digitale (7/18) Un immagine fissa però non è un segnale nel tempo, ma nello spazio: ha due coordinate e quindi due variabili. Il campionamento allora va effettuato in un dominio a due variabili. Si deve generalizzare allora il concetto di trasformata di Fourier a più variabili, in particolare la trasformata di Fourier bidimensionale. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 62

63 Dall immagine naturale a quella digitale (8/18) Sia g(x,y) una funzione bidimensionale definita ovunque sul piano {X,Y}, allora la sua Trasformata di Fourier è definita come: ( x, y) (, ) j2π ( x fx+ y fy) G f f = g x y e dxdy E la sua inversa come: j2π ( x fx+ y fy) (, ) (, ) g x y = G f f e df df x y x y La Trasformata di Fourier è funzione di due frequenze spaziali f x e f y ciascuna dotata di dimensione pari all inverso di una lunghezza. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 63

64 Dall immagine naturale a quella digitale (9/18) Una funzione g(x,y) è definita limitata in banda, di banda B, se esiste una regione B del piano {f x,f y } tale per cui: ( x, y) 0 ( x, y) G f f = f f B In questo caso si può vedere che tutte le sezioni g(x,y=y) di g(x,y) parallele all asse X sono funzioni unidimensionali di x limitate in banda da B/2 a B/2. Analogo discorso per le sezioni g(x=x,y). Ha senso definire un operazione di filtraggio spaziale della funzione g(x,y) mediante un filtro di funzione di trasferimento: ( x, y) (, ) H f f h x y Tale operazione dà luogo ad una funzione bidimensionale f(x,y) definita come: (, ) (, ) (, ) f x y = g x ξ y η h ξ η dξ dη ξ= η= Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 64

65 Dall immagine naturale a quella digitale (10/18) Una funzione si dice campionata per righe a passo Y se di essa è noto l andamento lungo le rette orizontali y=ky, e cioè su di essa sono note le funzioni unidimensionali: La funzione campionata: g( x, ky), k = 0, ± 1, ± 2, (, ) (, ) ( ) = k = 0 g x y g x ky u y ky ha per trasformata di Fourier una successione di funzioni G(fx,fy) traslate ciascuna di multipli di 1/Y: (, ) { (, )} (, / ) x y F x y G f f = g x y = G f f k Y k = Dunque è potenzialmente soggetta ad aliasing. La successione g(x,ky) è una rappresentazione di g(x,y) solo se è limitato in banda ±1/2Y. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 65

66 Dall immagine naturale a quella digitale (11/18) Una funzione si dice campionata per colonne a passo X se di essa è noto l andamento lungo le rette orizontali x=kx, e cioè su di essa sono note le funzioni unidimensionali: La funzione campionata: g( kx, y), k = 0, ± 1, ± 2, (, ) (, ) ( ) = k = 0 g x y g kx y u x kx ha per trasformata di Fourier una successione di funzioni G(fx,fy) traslate ciascuna di multipli di 1/X: (, ) { (, )} ( /, ) x y F x y G f f = g x y = G f k X f k = Dunque è potenzialmente soggetta ad aliasing. La successione g(kx,y) è una rappresentazione di g(x,y) solo se è limitato in banda ±1/2X. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 66

67 Dall immagine naturale a quella digitale (12/18) Banda di un segnale bidimensionale e del corrispondente segnale campionato per righe e per colonne. fy fy fy fx 1/Y fx 1/X fx Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 67

68 Dall immagine naturale a quella digitale (13/18) Il campionamento non disturba eccessivamente la visione in quanto l occhio umano, anche nella zona di visione a maggior definizione, non è in grado di distinguere due punti di uguale luminanza che distano più di ~1/60 di grado, cioè ~π/ radianti. Da questa osservazione è possibile dimostrare la distanza D oltre la quale l occhio non vede il reale andamento della luminanza. Un occhio che guardi un immagine composta da più righe distanti 1/Δy dadistanzad vedele righe distinte fino a che: 1 π Δ y > D D< Δy π Per valori superiori di D l occhio vedrà il gruppo di righe come una unica linea di maggior spessore (filtraggio passa-basso). La distinguibilità di punti di uguale luminanza ma colore diverso è circa la metà del caso appena illustrato. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 68

69 Dall immagine naturale a quella digitale (14/18) Il campionamento di una funzione bidimensionale avviene moltipicando la funzione g(x,y) con un treno di impulsi u 0 (x,y) bidimensionale anch esso. Il treno di impulsi u 0 (x,y) è rappresentato nel seguente modo: Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 69

70 Dall immagine naturale a quella digitale (15/18) Se le mie immagini variano nel tempo ottengo il video. Il video è quindi un segnale tridimensionale: ho due variabili spaziali x a y, e una variabile temporale t. Una generica funzione che rappresenta un video può essere rappresentata da g(x,y,t). Ho quindi necessità di dover definire una trasformata di Fourier tridimensionale. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 70

71 Dall immagine naturale a quella digitale (16/18) Sia g(x,y,t) una funzione tridimensionale definita ovunque sul piano {X,Y,T}, allora la sua Trasformata di Fourier è definita come: ( x, y, t) (,, ) j2π ( x fx+ y fy+ t ft) G f f f = g x y t e dxdydt E la sua inversa come: j2π ( x fx+ y fy+ t ft) g x y t = G f f f e df df df (,, ) (,, ) x y t x y t La Trasformata di Fourier è funzione di due frequenze spaziali f x e f y ciascuna dotata di dimensione pari all inverso di una lunghezza e una frequenza f t. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 71

72 Dall immagine naturale a quella digitale (17/18) Esempio di video g(x,y,t): Anche nel caso della variabile temporale è possibile operare un filtraggio passa-basso: se infatti le funzioni campionate nel tempo (fotogrammi) distano nel tempo meno di T=40ms (periodo di campionamento corrispondente a 25 fotogrammi al secondo) ho l impressione che la funzione sia continua. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 72

73 Dall immagine naturale a quella digitale (18/18) Un tipico fenomeno di aliasing temporale si verifica quando viene inquadrata una ruota a raggera in rotazione. Se la velocità di rotazione è bassa, essa appare ruotare nel verso giusto, ma al crescere della velocità il verso di rotazione appare prima nullo e poi invertito. Il fatto che per certe velocità la ruota appaia ferma è ovvio in quanto a tali velocità T è esattamente uguale al tempo impiegato dalla ruota per ruotare di un angolo pari alla distanza angolare tra raggi e quindi in questi casi i successivi fotogrammi sono tutti uguali. Per gli stessi motivi, il verso di rotazione può apparire l opposto di quello reale. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 73

74 L immagine digitale (1/30) Un immagine digitale è rappresentata da una griglia di valori numerici, ovvero una matrice. Ogni elemento, detto pixel, è il valore della luminanza campionata e quantizzata in quel punto. valore Nella tabella sono riportati valori abbastanza comuni nelle tipiche immagini digitali. Spesso si preferisce scegliere i valori di N, M e L come potenze di 2 per motivi legati all elaborazione circuitale (FFT, ecc). Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 74

75 L immagine digitale (2/30) Possiamo qui vedere il passaggio da un settore dell immagine alla matrice che rappresenta i pixels. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 75

76 L immagine digitale (3/30) Un'immagine visualizzata nel formato numerico. La tonalità di grigi di ogni quadrato è stata sostituita dal valore numerico corrispondente di intensità. Cosa descrive questa immagine? Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 76

77 L immagine digitale (4/30) È immediatamente chiaro che l'immagine mostra un volto maschile. Il nostro sistema visivo effettua l'operazione di riconoscimento dell'immagine senza fatica, anche se l'immagine al livello dei nostri fotorecettori è rappresentata essenzialmente campionata. Il nostro sistema visivo riesce in qualche modo a dare un significato a tutti questi dati e determinare l'oggetto nell'ambiente. Tecniche di Elaborazione Numerica di Immagine e Video Ing. Michele Scarpiniti 77

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE Marco Riva, DISTAM, Università di Milano, via Celoria 2 20133 Milano marco.riva@unimi.it Indice: pag. 1.1 Il colore; 2 1.2 Attributi percettivi

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri

E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri In ogni fotografia astronomica gli oggetti del cielo profondo, in particolare le nebulose, si mostrano ricchi di colori e sfumature, dal

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico Capitolo 4 Sistema ottico 4.1 Introduzione Nel processo di formazione dell immagine, il sistema ottico genera in un piano (il piano immagine) l immagine bidimensionale degli oggetti 3D del mondo la cui

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli