RIELABORAZIONE DEI DATI SISMICI CROP-04 LUNGO IL TRATTO AGROPOLI-VENOSA Riassunto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIELABORAZIONE DEI DATI SISMICI CROP-04 LUNGO IL TRATTO AGROPOLI-VENOSA Riassunto"

Transcript

1 Alfredo Mazzotti(*), Gian Luigi Fradelizio(*), Eusebio Stucchi(*), Paolo Scandone(**), Andrea Morgante(#), Luigi Zanzi( ) (*) Dip. Scienze della Terra-Geofisica, Università di Milano (**) Dip. Scienze della Terra, Università di Pisa (#) ENEL SIN, Roma ( ) Dip. Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano RIELABORAZIONE DEI DATI SISMICI CROP-4 LUNGO IL TRATTO AGROPOLI-VENOSA Riassunto La linea CROP-4 nel tratto da Agropoli a Venosa (circa 8 km) è stata sottoposta ad una accurata rielaborazione nel tentativo di estrarre informazioni sull'assetto strutturale dell'area. Fino dalle prime fasi di elaborazione si è puntato alla rimozione delle estese parti di rumore incoerente e alla soluzione di problemi aggiuntivi quali la complessità strutturale dell'area, la tortuosità della linea, gli elevati dislivelli, etc.. La sequenza di elaborazione consiste nei seguenti passi principali: eliminazione semiautomatica dei dati che sono inferiori ad una data soglia di S/N; correzioni statiche calcolate con tre diversi metodi a rifrazione; raggruppamento in common offset e deconvoluzione f-x, deconvoluzione predittiva (su due finestre tempi), raggruppamento in CMP tramite crooked line sorting (ottimizzato esplorando tre criteri diversi), analisi di velocità tramite CVS e spettri di velocità, calcolo delle statiche residuali surface consistent, reiterazione delle analisi di velocità, stack pesato tramite stime del S/N (mediante decomposizione ai valori singolari). Alcune fasi del processing sono state guidate anche dalle conoscenze geologiche disponibili e da modelli. Inoltre, alcuni passi di elaborazione sono stati realizzati usando codici software sviluppati internamente. Il risultato finale mostra un incremento della qualità dei segnali fino ai 4 - s. e, almeno in alcuni tratti, la presenza di eventi fino a 7 secondi. REPROCESSING OF THE CROP 4 SEISMIC DATA ALONG THE AGROPOLI-VENOSA SEGMENT Abstract The Agropoli-Venosa segment of the CROP-4 line (near 8 km) has been accurately reprocessed to extract information about the regional tectonic setting of the area. Since the beginning of the elaboration we have paid attention to remove the large incoherent noise component and to resolve some additional problems due to the structural complexity of the area, the crooked line acquisition, the rough topography etc.. The reprocessing sequence consists in the following principal steps: semiautomatic killing of the data that are below a given S/N threshold, static corrections computed with three different refraction methods, common offset sorting and fx deconvolution, predictive deconvolution (in two time windows), CMP crooked line sorting (optimized by exploring three different criteria), velocity analysis with CVS and velocity spectra, computation of the surfaceconsistent residual static corrections, reiteration of the velocity analysis, weighted stack with S/N estimation (Singular Value Decomposition). Part of the reprocessing strategy was also driven by some a priori knowledge of the regional tectonic setting of the area and by models. Moreover, some steps required internally developed codes to overcome particular problems. The final result shows an increment of the signal quality up to 4 - s, and, at least in some segments, the presence of events up to 7 s.

2 INTRODUZIONE In questo lavoro vengono presentati i risultati della accurata rielaborazione a cui è stata sottoposta la linea sismica CROP-4 nel tratto tra Agropoli e Venosa (tratto occidentale), per un totale di circa 8 km di profilo. Il lavoro è stato preparato da una analisi dei dati a disposizione [Mazzotti, et al., 1997], atta soprattutto a verificare la qualità dei dati, in generale scarsa, in relazione ai parametri di acquisizione ed alle condizioni litologiche e strutturali del profilo. In questa zona dell Appennino Meridionale (fig. 1), strutturalmente molto complessa, l esplorazione sismica è ostacolata da numerosi fattori che ne limitano la qualità del segnale acquisito. Il rapporto S/N molto basso dei dati di Barletta campagna, dovuto alla complessità della geologia locale, alla acquisizione crooked, 26 alla topografia accidentata, alla rapida Venosa variazione di spessore e velocità degli strati 2 superficiali, ecc. [Mazzotti, et al., 1997], 12 ha fatto si che la sezione sismica risultante, dopo il processing tradizionale, fosse ben 4 difficilmente interpretabile. E stata allora messa a punto una sequenza dedicata di Agropoli processing, parzialmente guidata da una conoscenza a priori della tettonica regionale e della geologia Figura 1. Posizione e tracciato della linea CROP-4 degli strati superficiali, con lo scopo di rimuovere con la l'indicazione maggior parte di alcuni possibile CDP. di rumore presente nei dati, ponendo particolare attenzione ai problemi creati dalla notevole estensione del cavo che mal si adatta alla complessità strutturale ed alle rapide variazioni della geologia superficiale. Il limite di secondi posto per l elaborazione dei dati, fissato tenendo conto dei risultati di primo processing, è stato esteso ai primi 1 secondi di acquisizione, dopo una analisi preliminare effettuata sull intera lunghezza originale dei dati (2 secondi). SEQUENZA DI PROCESSING La figura 2 rappresenta lo schema della sequenza di processing utilizzata, i cui passi sono descritti in dettaglio in seguito. Il primo passo nella rielaborazione è stato il caricamento dei dati su disco e il loro riordinamento per common source, in quanto sui nastri exabyte i dati erano organizzati per famiglie CDP. Ciò ha permesso una verifica capillare con i rapporti di campagna pervenutici con i dati per quanto riguarda la posizione di ciascuno shot, le stazioni di partenza e arrivo dei corrispondenti stendimenti, l'eventuale assenza di canali ecc., corrispondenze che si sono puntualmente verificate. E' stata resa così anche possibile la creazione del database delle geometrie, utilizzato durante tutta la rielaborazione come strumento sia di controllo sia di sviluppo di determinate operazioni. Filtraggio e analisi dei dati. Sui dati è stato applicato un filtro passa-banda 4-/3-4 Hz in modo da sopprimere le componenti in frequenza esterne all'intervallo dello sweep vibroseis (8-4 Hz). Sono state

3 PROCESSING SEQUENCE OF THE CROP-4 LINE Agropoli-Venosa Segment Common Shot Sorting Band Pass Filter (4-/3-4 Hz) Data Analysis: Automatic Killing of Noisy Traces through Energy and Frequency Analysis Static Corrections: GRM on mixed Vibroseis-Dynamite data, WIM on Vibroseis data Common Offset Sorting (16 m bin and zero padding) Trace RMS Balance FX Deconvolution (2 traces, Filter 6 traces,.4 s) Predictive Deconvolution (64/2 ms,.3-4.1s, 3.9-1s ) Common Midpoint Sorting. Crooked Line Sort: Short Offsets Maximum density Minimum Curvature AGC (RMS 2 s) Velocity Analysis (CVS and Velocity Spectra) NMO Corrections NMO Data Preliminary Stack ok no Horizon Picking Surface Consistent Residual Statics (Maximum Power) Inverse NMO Update of the Velocities Field NMO Corrections Weighted Stack FX Deconvolution (2 traces, Filter 6 traces,.4 s) Display

4 46 7 CDP s Figura 3. CVS con V= m/s, dopo l'applicazione delle correzioni statiche al final datum CDP s Figura 4. CVS di figura 3 senza statiche applicate.

5 quindi eliminate, in modo semiautomatico, circa un terzo delle tracce in base ai criteri sulla qualità del dato sismico [Mazzotti, et al. 1997], e ricostruite le geometrie sulle tracce ritenute buone, cosicché i punti CMP corrispondenti a coppie sorgente ricevitore non più presenti, non influenzassero la successiva costruzione della linea slalom lungo cui raggruppare le tracce nelle famiglie CDP. Correzioni statiche. Per il calcolo delle correzioni statiche a rifrazione sono stati utilizzati sostanzialmente due metodi, unendo poi i migliori risultati ottenuti [Mazzotti, et al. 1996], [Zanzi, 1996]: il metodo GRM [Palmer, 198] nella maggior parte della linea su dati misti vibroseis-dinamite, ed il metodo WIM, sui dati vibro, nei tratti dove la copertura a dinamite si è rivelata comunque troppo bassa. Svariati test sono stati condotti utilizzando anche un software commerciale per il calcolo delle statiche a rifrazione, basato sul GRM e sul metodo proposto da Lawton [Lawton, 1989], ma con risultati non soddisfacenti in particolar modo per la cattiva gestione del problema crooked line. L'applicazione delle statiche a rifrazione riferite al floating datum è stata verificata common shot per common shot, ma può essere meglio apprezzata su pannelli CVS (Constant Velocity Stack) dove sono riferite al final datum posto a 4 m s.l.m. (figure 3 e 4). Common offset sorting e deconvoluxione FX. Il passo successivo al calcolo delle correzioni statiche è stato il raggruppamento delle tracce per common offset lungo il tratto di linea in esame. Data la lunghezza degli stendimenti utilizzati, si è optato per mantenere distinti gli offset negativi da quelli positivi, ottenendo così nell'insieme circa 12 pannelli common offset, 6 positivi e 6 negativi. Il binning scelto è stato infatti di 16 m, ossia doppio rispetto al group interval. Le tracce mancanti nei vari pannelli, sia a causa dell'eliminazione, sia per l'assenza effettiva della vibrata (vedi Monte Soprano), sono state rimpiazzate con tracce nulle, onde evitare che durante l'operazione di deconvoluzione FX tratti di linea non adiacenti potessero influenzarsi l'un l'altro. E' stato effettuato un bilanciamento delle tracce riportandole tutte ad un medesimo RMS prima di applicare l'operatore blando di deconvoluzione laterale FX, i cui parametri sono stati ottimizzati confrontando i diversi risultati ottenuti con la sezione common offset originale. Deconvoluzione predittiva. Per eliminare eventuali riverberazioni ed operare una ulteriore riduzione di rumore, è stata eseguita una deconvoluzione predittiva. Sono state selezionate per ogni traccia due finestre temporali, da.3 a 4.1s e da 3.9 a 1s, ed in ciascuna di esse, in base alla analisi delle autocorrelazioni, sono state determinate la lunghezza dell'operatore e la distanza di predizione del filtro utilizzato (2 ms e 64 ms rispettivamente in entrambi i casi). Common midpoint sorting. Il tracciato realizzato in acquisizione presenta in diversi tratti un andamento non rettilineo nella direzione di avanzamento a causa delle difficoltà geomorfologiche e logistiche che le squadre hanno incontrato sul terreno. Il risultato è che i common midpoint (CMP) non risultano allineati ma dispersi in un'area attorno alla linea stessa, e la maggiore dispersione si avrà in corrispondenza dei punti di maggiore curvatura della linea (figura ). Sono stati scelti due tipi di crooked line sorting che sono stati poi confrontati con quello già utilizzato precedentemente per il processing dell'intero profilo. Il primo criterio che è stato utilizzato è quello di disegnare il percorso inseguendo le zone di maggior densità dei CMP lungo la linea: tracciato "a massima densità". Il secondo criterio è quello di seguire un percorso passante sulle zone più popolate da CMP appartenenti a tracce ad offset corti, che potrebbe essere utile per migliorare la focalizzazione degli eventi più superficiali, ossia quelli più disturbati dall'andamento crooked della linea: tracciato "ad offset corti". Il criterio adottato invece nel processing convenzionale è quello che tende ad onorare la distribuzione dei CMP

6 -2.3 km km km km Figura. Dispersione dei CMP in seguito all andamento crooked della linea. Gli ingrandimenti riguardano due zone di particolare difficoltà. Gli offset sono raggruppati in 4 intervalli indicati dalle diverse tonalità di grigio. minimizzando la curvatura della linea slalom: tracciato a minima curvatura. Il confronto è avvenuto esaminando per ciascun criterio i supergather ottenuti raggruppando alcune famiglie di CDP, come per esempio il supergather 617 rappresentato nelle figure 6 e 7. Nel complesso si è visto che i supergather che presentano i segnali migliori sono quasi sempre relativi alla crooked line "offset corti". Solo tra i CDP e la linea "massima densità" sembra presentare un migliore rapporto segnale/disturbo. Il percorso finale è quindi formato in definitiva dall insieme di due crooked line diverse fra loro per il criterio del tracciamento della linea. La copertura risultante è generalmente più bassa rispetto a quella nominale (12%) e varia sia in funzione della qualità del dato sismico (killing delle tracce), sia in funzione della tortuosità della linea, oltre che, naturalmente, per la mancanza di shot dovuta alle difficoltà di acquisizione. AGC. Prima di effettuare l'analisi di velocità è stato applicato un recupero di ampiezza (AGC) su una finestra temporale sufficientemente lunga (2 secondi) così da non consentire un guadagno eccessiv o al rumore. Analisi di Velocità. Il basso rapporto segnale/disturbo presente nei dati, oltre alle notevoli variazioni laterali di velocità riscontrate superficialmente, dovute ai diversi affioramenti presenti, ha suggerito un approccio iniziale basato su una visione d'insieme della linea, in modo tale da avere una informazione preliminare sulle strutture di sottosuperficie nonché sulle loro velocità.

7 Figura 6. Crooked line sorting. Supergather 617 ottenuto dal tracciato scelto nel processing convenzionale (a minima curvatura ). Figura 7. Crooked line sorting. Supergather 617 ottenuto tramite il tracciato a offset corti.

8 Sono stati quindi effettuati degli stack con velocità di normal moveout costanti (CVS) ed ad intervalli di m/s, partendo da 2 m/s ed arrivando fino a 6 m/s. Gli intervalli sono poi stati infittiti così da selezionare coppie tempo-velocità più precise, utilizzate per un primo stack preliminare. Questo modello di velocità è stato successivamente rielaborato attraverso gli spettri di velocità costruiti con l operatore di Semblance e lo stack risultante è stato confrontato con quello derivante dal modello di velocità dedotto dai CVS, ripetendo l'analisi degli spettri in caso di risultato non soddisfacente. Dai CVS si nota che già a tempi molto bassi le velocità in alcuni tratti della linea sono decisamente elevate (vedi figura 3), e che esse sono estremamente differenti lungo la linea. Il numero di analisi effettuate utilizzando gli spettri di velocità è stato di circa 2 su 26 CDP, mediamente una ogni 13 CDP. E' importante osservare che le principali assunzioni effettuate durante questa procedura hanno richiesto una forte interazione tra geofisici ed interpretatori. Statiche residuali. Il modello di velocità risultante è stato utilizzato per produrre lo stack preliminare su cui poter scegliere gli eventi da ottimizzare con il metodo delle statiche residuali. Le riflessioni sono state selezionate individuando quelle più significative a tempi bassi e aggiungendo di tratto in tratto qualche altro evento a tempi maggiori in modo che in ogni tratto ci fossero sempre più orizzonti, generalmente almeno 3 se non di più. Il calcolo delle residuali è stato dunque eseguito su intervalli temporali di durata variabile, dipendente dalle caratteristiche delle riflessioni in esame, centrati sui diversi orizzonti selezionati. L'algoritmo utilizzato massimizza la potenza dello stack [Ronen et al., 198] in detti intervalli, attribuendo un valore di statica ad ogni stazione, sia essa relativa ad un ricevitore oppure ad una sorgente (surface consistent). Sono stati effettuati diversi tentativi al fine di ottimizzare la posizione degli orizzonti e l'ampiezza delle finestre temporali. Nei punti più significativi, sui CDP corretti con le statiche residuali, è stato poi effettuato un NMO inverso per procedere ad un aggiornamento delle velocità attraverso il riesame degli spettri di velocità. Stack pesato. La qualità dello stack finale può essere migliorata con tecniche di pesatura. I pesi da attribuire sono determinati, campione per campione, sulla base del rapporto S/N locale. Questo viene stimato su famiglie CMP corrette di NMO e con le statiche residuali applicate, attraverso una stima di coerenza dei dati entro una piccola finestra spazio-tempo (3- tracce per 1-1 ms). La stima nella finestra, scorrevole sia nel tempo che nello spazio, fornisce il peso da attribuire al campione centrale; come risultato finale della elaborazione si ottiene quindi una maschera di pesi da applicare al CMP di partenza. Le figure 8a e 8b mostrano, rispettivamente, il CMP 1 originale e la relativa maschera calcolata sulla base delle crosscorrelazioni mutue tra le tracce comprese nella finestra (dimensioni della finestra: 3 tracce, 112 ms). Maschere simili sono anche state ottenute con una tecnica basata sulla decomposizione a valori singolari (SVD), richiedendo però un tempo di calcolo sensibilmente maggiore. Deconvoluzione FX. Infine, come ultimo passo, è stata eseguita sulla sezione stack una deconvoluzione laterale FX su finestre di.4 s per 2 tracce con un filtro di predizione di 6 tracce. CONCLUSIONI Le figure 9 (Controne) e 11 (S.Fele) mostrano, in due differenti tratti, il risultato ottenuto dalla rielaborazione utilizzando la sequenza di processing proposta, mentre le figure 1 e 12, relative alle medesime zone, quello ottenuto con la sequenza di processing

9 CDP 1 Maschera CDP Time [ms] 2 2 Time [ms] a) b) Figura 8. a) CDP numero 1 dopo la correzione di NMO e l applicazione delle statiche residuali, b) maschera calcolata sul CDP 1 col metodo delle crosscorrelazioni mutue (somiglianza). convenzionale. Il confronto tra gli stack finali evidenzia notevoli miglioramenti. In particolare la nuova sezione presenta (per esempio Controne CDP -79) eventi continui e ben strutturati fino a 8 secondi; a seconda delle interpretazioni gli eventi più profondi possono essere collegati alla discontinuità della Moho, o a strati sedimentari molto profondi. Inoltre, i più difficili tratti della linea, precedentemente caratterizzati da una risposta sismica molto bassa (per esempio l'anticlinale di S.Fele, CDP ), sono stati decisamente migliorati e ora presentano numerosi eventi almeno nella parte superiore della sezione (fino a 4 secondi). In definitiva i risultati sono molto soddisfacenti e indicano che la nuova strategia di processing e i nuovi algoritmi, specificatamente progettati per risolvere i problemi prodotti dalle difficoltà di acquisizione e dalla complessità strutturale dell'area, possono essere applicati con successo in simili situazioni per migliorare la qualità dello stack finale. RINGRAZIAMENTI Gli autori sono grati ad AGIP, ENEL e CNR, istituzioni sponsor del progetto CROP (Crosta Profonda), per il permesso di pubblicare questi risultati. Ringraziano inoltre il Dr. L.Bertelli (AGIP) per i suoi utili commenti.

10 CDP s Figura 9. Porzione dello stack finale nella zona di Controne, dopo la sequenza di reprocessing dedicata. CDP s Figura 1. Porzione dello stack finale nella zona di Controne dopo l'applicazione della sequenza di processing standard.

11 CDP s Figura 11. Anticlinale di S. Fele dopo la sequenza di processing proposta. CDP s Figura 12. Anticlinale di S. Fele dopo la sequenza di processing standard.

12 BIBLIOGRAFIA Lawton D. C., 1989; Computation of refraction static corrections using first-break traveltime differences; Geophysics, 4, Mazzotti A., Stucchi E., Zanzi L., 1996; Analisi dei dati sismici Crop 4 e primi risultati di elaborazione; Atti del 1 convegno del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida, novembre, Roma, Mazzotti A., Fradelizio G.L., Stucchi E., Zanzi L., 1997; Analisi dei dati sismici CROP-4 lungo il tratto Agropoli-Venosa; Riassunti delle comunicazioni del Convegno del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida, novembre 1997, Roma. Palmer D., 198; The generalized reciprocal method of seismic refraction interpretation; Society of Exploration Geophysicists, ed: Kenneth B.S. Burke. Ronen J., Claerbout J.F., 198; Surface-consistent residual statics estimation by stack-power maximization; Geophysics,, Zanzi L., 1996; The WIM method for refraction statics, Geophysics, 61,

Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi. F. Accaino

Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi. F. Accaino Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi F. Accaino Il metodo di indagine classico per la caratterizzazione idrogeologica di un sito è il campionamento diretto del terreno. Tuttavia,

Dettagli

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag.

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag. Comune di SCANDIANO (RE) Quadro o conoscitivo o geolog eologico, idrogeolo eologico e sismico a supporto del Piano Struttur utturale Comunale ai sensi della L.R. n. 20/2000 e s.m. della Circolar colare

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

SISMICA CROSTALE: LEZIONI IMPARATE RIELABORANDO I DATI CROP02, CROP04 E GLI ESPERIMENTI SPECIALI EXPANDING SPREAD SULLE LINEE CROP03 E CROP18

SISMICA CROSTALE: LEZIONI IMPARATE RIELABORANDO I DATI CROP02, CROP04 E GLI ESPERIMENTI SPECIALI EXPANDING SPREAD SULLE LINEE CROP03 E CROP18 L. Zanzi (1), E. Stucchi (2), G. L. Fradelizio (2) e A. Mazzotti (2) (1) Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano (2) Dipartimento di Scienze della Terra, Università degli Studi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software Il calcolo di questo parametro dinamico può essere effettuato attraverso le classiche prove sismiche in foro del tipo DOWN-HOLE oppure con metodi innovativi indiretti.

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

TECNICA REMI Premessa

TECNICA REMI Premessa TECNICA REMI Premessa La tecnica di analisi del sottosuolo mediante l uso di microtremori (Refraction Microtremor ) prende origine dagli studi e dalle sperimentazioni condotte da J. Louie presso la Nevada

Dettagli

Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali

Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali Simona Birindelli Lavoro svolto con la collaborazione di: Andrea

Dettagli

Prospezioni Geofisiche & Aspetti Ambientali ASSOMINERARIA. Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano

Prospezioni Geofisiche & Aspetti Ambientali ASSOMINERARIA. Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano Come si progetta un rilievo sismico - FASE PRELIMINARE 1) Definizione delle caratteristiche tecniche del rilievo Modello Geologico di riferimento Modelling

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

Analisi con due Velocità

Analisi con due Velocità Analisi con due Velocità Questo documento descrive il metodo di misura di due velocità. Analisi, interpretazione esperienze e documenti complementari si trovano nei manuali del Software PIT-W versione

Dettagli

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore Luglio 2013 File name Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore www.winmasw.com e-mail: gdm@winmasw.com All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

Dettagli

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Universita degli Studi di Trieste www.dst.units.it Introduzione In Europa il numero di linee ferroviarie in galleria

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI) Modellazione sismica di sito COMUNE DI ILLARICCA (PROINCIA DI NAPOLI) RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA DI SITO ARIANTE URBANISTICA PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA PARCHEGGIO PUBBLICO E COMPLETAMENTO

Dettagli

Line CROP 04: Southern Apennines

Line CROP 04: Southern Apennines Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXII (2003), pp. 155-166 5 figg. Line CROP 04: Southern Apennines La linea CROP 04: Appennino Meridionale SCANDONE P. ( 1 ), MAZZOTTI A. ( 2 ), FRADELIZIO G.L. ( 2 ), PATACCA

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Recupero della frequenza di campionamento in Ricevitori DVB-T

Recupero della frequenza di campionamento in Ricevitori DVB-T ALTERA Contest Innovate Italy 2010 Recupero della frequenza di campionamento in Ricevitori DVB-T Antonio Argentieri e Felice Francesco Tafuri Sommario Team members Sampling Frequency Offset Caratteristiche

Dettagli

DOTT - COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE P ED /2008 VILLANOVA RELAZIONE TECNICA TITOLO COMMITTENT IUSEPPE TORCHIA OGGETTO

DOTT - COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE P ED /2008 VILLANOVA RELAZIONE TECNICA TITOLO COMMITTENT IUSEPPE TORCHIA OGGETTO COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE TITOLO ITOLO: INDAGINE GEOFISICA DI SUPERFICIE E MEDIANTE (ONDE P ED 30 - D.M. 14/01/200 /2008 CALCOLO VS 30 IN LOCALITÀ VILLANOVA - COMUNE DI EMPOLI (FI) ED SH) COMMITTENT

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini

Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini A cura di: Mauro Franceschelli Simone Secchi Indice pag Introduzione. 1 Problema diretto.. 2 Problema Inverso. 3 Simulazioni.. Introduzione Scopo di

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW All.n.7 GAD PEC RI2 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW Easy MASW La geofisica osserva il comportamento delle onde che si propagano all interno dei materiali. Un segnale sismico, infatti, si modifica

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat

Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat Esercitazione su analisi segnale ECG Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat Il file contiene due variabili - dt, che vale 0.004 - ecg, che è vettore lungo 6500 campioni La frequenza

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA L. Parati(1), A. Carrettini(1), C. Scrosati(2), F. Scamoni(2) 1) PARATI & CO. Studio di Consulenze e Progettazioni Acustiche, Crema

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT)

APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT) APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT) MENGHINI ANTONIO, PAGANO GIUSEPPE & FLORIS STEFANO S.Te.G.A., Studio di Tecnologie e Geologia per

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Corso di rasmissione Numerica docente: Prof. Vito Pascazio 18 a Lezione: 13/1/4 19 a Lezione: 14/1/4 Sommario rasmissione di segnali PM numerici su

Dettagli

Linee guida per le indagini geofisiche - I parte

Linee guida per le indagini geofisiche - I parte Linee guida per le indagini geofisiche - I parte Claudio Rossi Presidente dell'associazione Società di Geofisica - c/o CGT, San Giovanni Valdarno (AR) rossi@sgg.it Technical note Presentazione A nome dell

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

Introduzione al suono. 0Il suono arriva alle orecchie sotto forma di variazione periodica della pressione atmosferica

Introduzione al suono. 0Il suono arriva alle orecchie sotto forma di variazione periodica della pressione atmosferica Introduzione al suono 0Il suono arriva alle orecchie sotto forma di variazione periodica della pressione atmosferica Caratteristiche della forma dell onda 0Ampiezza 0Frequenza 0Velocità 0 Lunghezza dell

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Linee Guida per indagini geofisiche

Linee Guida per indagini geofisiche ASG Associazione Società di Geofisica Linee Guida per indagini geofisiche Associazione Società di Geofisica c/o CGT Via dei Vetri Vecchi 34-52027 San Giovanni Valdarno (AR) www.associazionegeofisica.org

Dettagli

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Calcolo detection Primo input: relazione empirica ampiezza magnitudo

Dettagli

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura)

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Esempio 11 (ANGELUCCI) Nel sito in esame sono state eseguite solo misure HVSR, ma non si dispongono di altre indagini geognostiche o

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Corso di Interazione Naturale Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it boccignone.di.unimi.it/in_2015.html

Dettagli

Stabilizzazione Video. Video Digitali

Stabilizzazione Video. Video Digitali Stabilizzazione Video Video Digitali Stabilizzazione video STABILIZZARE:assicurare il mantenimento di una condizione di equilibrio constante,generalmente identificabile nell'assenza di oscillazioni o variazioni

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza Capitolo 5 Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza 5. Introduzione In questo capitolo affrontiamo lo studio dei segnali aleatori nel dominio della frequenza. Prendiamo come esempio

Dettagli

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE 1.1 DATA: 20 maggio 2009 1.2 COMPOSIZIONE DEL GRUPPO: CALIFANO Alessio Pagina 1 1.3 STRUMENTI UTILIZZATI: Strumento Marca e modello Caratteristiche Laser Diode Controller

Dettagli

C.B.Ferrari Via Stazione, 116-21020 Mornago (VA) Tel. 0331 903524 Fax. 0331 903642 e-mail cbferrari@cbferrari.com 1. Cause di squilibrio a) Asimmetrie di carattere geometrico per necessità di progetto

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Sergio Demelio e Enrico Gobbetti CRS4 Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna VI Strada

Dettagli

Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo

Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo POLITECNICO DI TORINO DITAG Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo Autori: Alberto Cina

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Misure di mobilità - Definizioni

Misure di mobilità - Definizioni Misure di mobilità - Definizioni La base di una specifica classe di analisi modale sperimentale è la misura di un insieme di Funzioni di Risposta in Frequenza (FRF). Il movimento può essere descritto in

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

DoE - Design of Experiment

DoE - Design of Experiment 3 Tecniche di DoE DoE - Design of Experiment Sequenza di Prove Sperimentali da Effettuare per Studiare e Ottimizzare un Processo Un esperimento programmato è una prova o una serie di prove in cui vengono

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo

Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Il sistema SCIARE: Sistema per la Composizione di Indicatori di Attività REgionale Razionale: per poter sintetizzare

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

Verranno descritti di seguito brevemente gli algoritmi di calcolo utilizzati per l interpretazione nei tre metodi inseriti all interno del programma.

Verranno descritti di seguito brevemente gli algoritmi di calcolo utilizzati per l interpretazione nei tre metodi inseriti all interno del programma. 3. Teoria Verranno descritti di seguito brevemente gli algoritmi di calcolo utilizzati per l interpretazione nei tre metodi inseriti all interno del programma. 3.1 Metodo convenzionale (metodo del tempo

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo A. Genito, L. Donate Blázquez, U. Malvone, Strago S.p.a. andrea.genito@strago.it laura.donate@strago.it ubaldo.malvone@strago.it

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità -

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Anno Accademico 2009/2010 Docente:Elena Pettinelli 1 Proprietà elettriche di suoli e rocce anidre

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto L IMMAGINE ANGIOGRAFICA TC Firenze, 5-65 6 Dicembre 2008 GENERAZIONI DI TOMOGRAFI COMPUTERIZZATI I generazione Le tappe evolutive dei tomografi computerizzati dal 1973

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli