REFOR-tec ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO. nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REFOR-tec ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO. nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO"

Transcript

1 REFOR-tec RINFORZO DI PILASTRI MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI UHPC HPFRCC Ultra High Performing Concretes High Performance Fiber Reinforced Cementitious Composites RINFORZO DI TRAVI RINFORZO DI SOLAI SU LEGNO ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO Sforzo a trazione/deformazione del microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC REFOR-tec GF3/ST HS 15 Stress [MPa] 12 9 nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO Strain [ ] Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

2 Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

3 REFOR-tec NEI RINFORZI STRUTTURALI SU CALCESTRUZZO ARMATO carotaggi DETTAGLIO A carotaggi solaio solaio spezzoni di rete elettrosaldata per ripresa di getti staffature di rinforzo in acciaio 40 cm 40 cm 40 cm 40 cm staffature di rinforzo in acciaio cassero ancorato sul precedente getto di Refor-tec GF5 ST-HS 150 cm 40 cm 40 cm 40 cm sigillatura 3

4 LA TECNOLOGIA E LE CARATTERISTICHE DEL MATERIALE L incremento delle resistenze meccaniche nel calcestruzzo tradizionale si traduce sempre in una perdita di duttilità ed in un comportamento fragile del materiale. I sistemi basati sui MICROCALCESTRUZZI REFOR-tec consentono il superamento di questi limiti basilari del comportamento dei calcestruzzi. La tecnologia REFOR-tec rappresenta un evoluzione formulativa degli UHPC Ultra High Performing Concretes; i prodotti appartenenti a questa tecnologia uniscono elevati valori delle RESISTENZE MECCANICHE ( MPa di Compressione e > 30 MPa di Flessione) con ottimali valori di DUTTILITÀ (Energia di Frattura N/m) e di TRAZIONE ( 7 MPa). Diversi sono i vantaggi nell utilizzo della tecnologia di rinforzo REFOR-tec minimizzare gli spessori applicativi garantendo condizioni di rinforzo migliorative rispetto a interventi con tradizionale calcestruzzo; minimizzare i carichi aggiuntivi gravanti sulla struttura; sfruttare nei calcoli strutturali la resistenza a trazione del materiale; sfruttare nei calcoli strutturali la duttilità e quindi le deformazioni ultime del materiale. Tutti questi aspetti possono essere di particolare interesse nei progetti di rinforzo o adeguamento strutturale, particolarmente in zona sismica ove tutti i vantaggi sopra espressi giocano talvolta ruoli determinanti al fine di migliorare il comportamento della struttura alle sollecitazioni sismiche. VERSATILITA DELLA TECNOLOGIA REFOR-tec Per la fabbricazione di elementi strutturali leggeri a sezione sottile. Per ripristini strutturali con colaggio in cassero od in ambienti confinati. Per il recupero strutturale a basso spessore su solai, travi, pilastri. Per l adeguamento sismico con assorbimento e trasferimento di tensioni a taglio o trazione a fronte di eventi ad elevata sollecitazione dinamica. Elevatissimi valori di deformazione ultima a trazione. Per la riparazione di pavimenti con necessità di resistenza ad elevate sollecitazioni statiche e dinamiche unitamente a valori eccezionali di resilienza. Per il rinforzo strutturale resistente a fuoco di pilastri e travi. Per travi inflesse : possibile raddoppio del carico ultimo con rinforzo di spessore 40 mm incremento della rigidezza con riduzione di freccia in esercizio di c.ca 12 volte (comportamento paragonabile ad una precompressione). 4

5 Le caratteristiche meccaniche del microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS (a colare) sono le seguenti: Le caratteristiche meccaniche del formulato tixotropico REFOR-tec GF5 ST-HS THIXO sono le seguenti : 5

6 CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI PER IL CALCOLO Le verifiche andranno svolte secondo il D.M. 14 gennaio La resistenza di calcolo a compressione del calcestruzzo andrà valutata secondo il punto del D.M. 14 gennaio RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO E DEL MICROCALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO Il valore di f cd andrà calcolato sulla base di idonee indagini svolte sulla struttura, utilizzando opportuni coefficienti di sicurezza in funzione del livello di conoscenza dell edificio che si è raggiunto. Il valore di f ck del materiale di rinforzo può essere ipotizzato pari alla classe massima consentita dal D.M. 14 gennaio 2008 se non si vuole procedere con la richiesta di autorizzazione del Servizio Tecnico Centrale su parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Pertanto la classe considerata è la classe C70/85. f cd-gf5 = 0,85 70/1,4= 42.5 MPa RESISTENZA DI CALCOLO DELL ACCIAIO La resistenza di calcolo dell acciaio fyd è riferita alla tensione di snervamento ed il suo valore è dato da: fyd = fyk /γ S dove: γs è il coefficiente parziale di sicurezza relativo all acciaio; - fyk per armatura ordinaria è la tensione caratteristica di snervamento dell acciaio (v del D.M. 14 gennaio 2008), per armature da precompressione è la tensione convenzionale caratteristica di snervamento data, a seconda del tipo di prodotto, da fpyk (barre), fp(0,1)k (fili), p(1)k f (trefoli e trecce); si veda in proposito la Tab VII del D.M. 14 gennaio Il coefficiente γs assume sempre, per tutti i tipi di acciaio, il valore 1,15. 6

7 RESISTENZA A TRAZIONE DEL MICROCALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO Trattandosi di calcestruzzo fibrorinforzato, la resistenza a trazione andrà valutata come previsto dal documento tecnico CNR DT al capitolo 9. Nel caso specifico, in cui il materiale viene identificato con prove di trazione uniassiale, si deve seguire il procedimento seguente: f Ftu = f Fts w w u i2 ( f f ) eq1 eq2 7

8 ANALISI STRUTTURALE Nel caso si esegua un analisi elastica lineare, si calcola l inerzia della sezione rinforzata omogeneizzata al calcestruzzo considerando un modulo elastico del materiale mediato sulle aree dei due diversi materiali. I dati utilizzati per il calcolo sono i seguenti: E cls = MPa E GF5 = MPa A cls = 1200 cm 2 A GF5 = 624 cm 2 γ GF5 =2450 kg/m 3 J J E b h = 12 h b = 12 A = medio 3 cls E A cls cls + A + A GF 5 GF 5 E GF 5 J 11 = cm 4 J 22 = cm 4 E medio =31500 MPa Una volta calcolati i valori sopra, si procede con il loro inserimento nel programma di calcolo 8

9 J 11 =3,5x10-3 m 4 J 22 =2,19x10-3 m 4 9

10 E medio =3,15x10 4 MPa A questo punto si può proseguire con l analisi dei carichi agenti sulla struttura e successivamente con l analisi statica e dinamica della struttura inserendo i parametri specifici per la zona sismica e per il tipo di terreno in funzione della zona sismica di progetto. Si definiscono le azioni sollecitanti sulla struttura secondo le combinazioni di carico previste dalla normativa. AZIONE ASSIALE (kn) TAGLIO (kn) MOMENTO FLETTENTE (knm) -325,5-137,5-137,5 127,2-127,2 127,2-518,2 518,2 127,2-337,2-143,2-143,2 176,7-176,7 80, ,4 80,2-348,2-149,8-149,8-173,5-173,5 90,03-438,1 438,1 90,03-354,3-153,5-153,5-174,3-174,3-85,87-535,5 535,5 85,87-350,6-151,3-151,3-170,8-170,8-86, ,72-193,9 92,24-473,9-199,2-199, ,9 92, ,5-44,03-355,1-142,4-142, ,5 44, ,62-344,5 23,62 38, ,67 10

11 VOCI DI CAPITOLATO, VOCI DI COSTO E VERIFICHE STRUTTURALI PILASTRI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto: Scarifica meccanica del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto. b) Eventuale fissaggio al supporto di rete in acciaio elettrosaldata o rete in acciaio armonico: c) Saturazione del supporto e predisposizione di casseri a perfetta tenuta: d) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC: In funzione degli spessori del rinforzo, delle esigenze specifiche ed in corrispondenza delle riprese di getto, potrà essere previsto l utilizzo di una rete in acciaio elettrosaldata o rete in acciaio armonico. In tal caso andrà eseguita una foratura del supporto e fissaggio in alcuni punti di monconi in acciaio mediante resina poliestere bicomponente per ancoraggio chimico ad iniezione su strutture in mattoni pieni o forati tipo TECNOPOL della TECNOCHEM ITALIANA. Fissaggio sulla testa dei monconi di rete in acciaio indicativamente con maglia 20x20 mm e diametro 2,2 mm. La rete dovrà essere fissata ad una distanza dal supporto pari alla metà dello strato di intonaco previsto. Dopo saturazione del supporto con acqua predisposizione di casseri a perfetta tenuta. Si consiglia uno spessore di microcalcestruzzo fibrorinforzato di almeno 3 cm. Si consiglia il rinforzo dei casseri mediante staffature in acciaio. Adottare delle tappe di getto non superiori ai 2 metri di quota. Getto mediante semplice colata dall alto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Il consumo di prodotto è di ca. 25 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione: 130 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 32 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 8,5 N/mm 2 Resistenza al taglio: 16 N/mm 2 Modulo elastico: 38 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,05 % Così come REFOR-tec GF5 ST-HS della TECNOCHEM ITALIANA. 11

12 VERIFICHE STRUTTURALI VERIFICA A PRESSOFLESSIONE E in fase di realizzazione un programma per il calcolo automatico dei domini M-N delle sezioni incamiciate con microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS. Attualmente potete inviare al ns. ufficio tecnico (all indirizzo le caratteristiche geometriche delle sezioni e le caratteristiche meccaniche dei materiali e provvederemo noi a fornirvi i domini resistenti. VERIFICA A PRESSOFLESSIONE DEVIATA Si possono costruire separatamente i domini M-N nelle due direzioni My-N e Mz-N e poi combinare le azioni con la formula da normativa riportata sotto. VERIFICA A TAGLIO Per la verifica a taglio si devono sommare i contributi della sezione di calcestruzzo della struttura esistente valutata come definito nei paragrafi e seguenti (a seconda che la sezione abbia armature trasversali resistenti a taglio o meno) e della camicia in microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS secondo la formula 4.2 del CNR DT204/2006 (la d e la ρ da considerare nel calcolo sono quelle delle armature della trave di origine mentre la b w va calcolata come somma degli spessori delle camicie laterali quindi, ad esempio, per una elemento con camicia da 4 cm di spessore la b w sarà 8 cm). 12

13 TRAVI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto: Idrosabbiatura (o altro trattamento idoneo) del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un grado di rugosità superficiale > 2mm, necessario a garantire un corretto aggrappo della malta di rinforzo. b) Fissaggio di rete metallica al supporto e realizzazione del cassero all intradosso delle travi E possibile integrare il sistema di rinforzo con reti metalliche. In ogni caso, nella ripresa di getto fra REFOR-tec GF5 ST-HS (a colare) e REFOR-tec GF5 ST-HS thixo andranno previste connessioni metalliche da realizzarsi con rete o monconi. Predisposizione di cassero a perfetta tenuta sul fondo della trave realizzando le sponde laterali di almeno 10 cm di altezza. Il cassero dovrà essere sostenuto mediante idonei puntelli metallici. c) Saturazione del supporto Eseguire adeguata saturazione del supporto con acqua prima dell applicazione dei materiali di rinforzo. d) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC all intradosso della trave: Getto mediante semplice colata dall alto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Il consumo di prodotto è di ca. 25 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione: 130 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 32 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 8,5 N/mm 2 Resistenza al taglio: 16 N/mm 2 Modulo elastico: 38 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,05 % Così come REFOR-tec GF5 ST-HS della TECNOCHEM ITALIANA. 13

14 e) Applicazione di formulato cementizio tixotropico sulle facce laterali delle travi: Applicazione a cazzuola di formulato cementizio tixotropico sulle facce laterali delle travi. Si consiglia l applicazione in più mani con spessore massimo di 20 mm ciascuna. Il consumo di prodotto è di ca. 22 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del formulato cementizio tixotropico: Resistenza a compressione: 90 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 22 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 7 N/mm 2 Resistenza al taglio: 12 N/mm 2 Modulo elastico: 33 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,03 % f) Protezione della malta applicata con guaina termica protettiva Così come REFOR-tec GF5 ST-HS thixo della TECNOCHEM ITALIANA. Immediatamente dopo l applicazione della malta tixotropica, eseguire una protezione del materiale mediante guaina termica protettiva. Caratteristiche tecniche della guaina: Conduttività termica: Spessore: 0,045 W/mk 10 mm Così come INSULATOR-tec/10 della TECNOCHEM ITALIANA. SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DELLA TECNOLOGIA Rete metallica Refor-tec GF5 ST-HS tixo Colaggio di Refor-tec GF5 ST-HS Ripresa di getto da realizzare con rete o monconi metallici 14

15 VERIFICHE STRUTTURALI VERIFICA A FLESSIONE DELLA TRAVE Definita la combinazione di azioni sollecitanti sull elemento strutturale, la verifica può essere svolta considerando i seguenti stress block : b = 300mm 2 φ 10 p = 20mm εc εsc calcestruzzo f c f y 0.8x HFRCC f cf h = 500mm 2 φ 16 εst f y si = 40mm b = 300mm sl = 40mm εfrc Fftu Equilibrio alla traslazione per il calcolo della posizione dell asse neutro: fcd b,8x + 2 0,8 sl f f A = 0 yd ( x p) + f A 2 f sl ( h x) ( b+ 2 sl) 0 Fc, d yd sc Ft, d si fft, d st + Dopo aver definito la posizione dell asse neutro, posso scrivere l equilibrio alla rotazione per determinare il momento resistente della sezione. Equilibrio alla rotazione per il calcolo del momento ultimo M u : M u + 2 sl = 0,8x b f Ft, d 2 f cd ( 0,6x) + 2 0,8 sl f Fc, d ( x p) 0,6 + f yd Asc ( x d1) + 2 ( h x) si + ( b + 2 sl) si f h x + + f A ( d 2 x) 2 Ft, d VERIFICA A TAGLIO Per la verifica a taglio si devono sommare i contributi della sezione di calcestruzzo della struttura esistente valutata come definito nei paragrafi e seguenti del D.M. 14 gennaio 2008 (a seconda che la sezione abbia armature trasversali resistenti a taglio o meno) e della camicia in microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS secondo la formula 4.2 del CNR DT204/2006 (la d e la ρ da considerare nel calcolo sono quelle delle armature della trave di origine mentre la b w va calcolata come somma degli spessori delle camicie laterali quindi, ad esempio, per una elemento con camicia da 4 cm di spessore la b w sarà 8 cm). 2 yd st 15

16 SOLAI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto mediante scarifica meccanica: Scarifica meccanica del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto. Qualora: per motivi legati alla geometria del solaio non sia possibile eseguire un adeguata scarifica meccanica; siano previste particolari sollecitazioni dinamiche o elevati sforzi tangenziali di interfaccia; a seguito di scarifica, il supporto non abbia un grado di rugosità sufficiente a garantire la corretta collaborazione strutturale tra il solaio e la cappa in microcalcestruzzo eseguire forature del supporto a maglia 50x50 cm, diametro mm e profondità 3 4 cm. A discrezione prevedere l inserimento all interno dei fori di connettori metallici inghisati con apposita resina epossidica (tipo TECNOEPO 400 o TECNOANCORVINL 380) o in alternativa la realizzazione di radici collaboranti con il colaggio, all interno dei fori, del microcalcestruzzo utilizzato per la realizzazione della cappa collaborante in fase esecutiva. Rimozione di tutto il materiale scarificato, incluso qualsiasi onere di smaltimento. Aspirazione del supporto con apposito aspirapolvere industriale, al fine di rimuovere qualsiasi residuo della lavorazione precedente. Idropulizia del supporto, avendo cura di rimuovere l acqua in eccesso in superficie. b) Applicazione dei connettori perimetrali (facoltativa) Al fine di creare un collegamento strutturale tra la cappa di rinforzo e le murature perimetrali, realizzazione di uno scasso nella muratura perimetrale seguito da predisposizione di fori necessari all alloggiamento di barre di armatura. Pulizia dei fori, e ancoraggio delle barre con resina per ancoraggi. Il tutto secondo elaborati strutturali. c) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC Miscelazione con mescolatore ad asse verticale, come da specifiche di scheda tecnica, e movimentazione del prodotto in cantiere, incluso posizionamento di barre di armatura sulle riprese di getto. Previa saturazione del supporto e rimozione dell acqua in eccesso in superficie, getto mediante semplice colata e stesura a staggia di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità, che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. 16

17 Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione 130 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza alla flessotrazione 32 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza a taglio 16 N/mm 2 (a 28 gg.) Modulo elastico 38 GPa (a 28 gg.) Profondità di carbonatazione (simulata in laboratorio) dopo 18 anni di esposizione ambientale 0 mm Ritiro endogeno < 0,05% Così come REFOR-tec ITALIANA GF5 ST-HS della TECNOCHEM (In prima analisi si consiglia uno spessore medio di 3 cm, salvo verifiche strutturali del caso) d) Applicazione antievaporante: Sul betoncino fresco, immediatamente dopo il getto, applicazione a spruzzo o rullo di antievaporante basato su cere sintetiche in solvente o in alternativa di antievaporante all acqua. L antievaporante forma una pellicola che impedisce l evaporazione dell acqua d impasto nelle prime fasi di indurimento del prodotto. Così come CURING COMPOUND UR 19 al solvente e CURING COMPOUND UR 20 all acqua della TECNOCHEM ITALIANA In alternativa utilizzo di teli in PE. REFOR-tec GF5 ST-HS Schema applicativo del rinforzo 17

18 MOMENTO RESISTENTE DELLA SEZIONE VERIFICHE STRUTTURALI Si valuta dapprima la posizione dell asse neutro ipotizzando che esso cada all interno dello spessore di microcalcestruzzo fibrorinforzato scrivendo il seguente equilibrio alla traslazione: A s f yd = 0,8x f b da cui c, r inf x = A 0,8 s f f yd c, r inf Se si verifica x < h rinf si procede con il calcolo del momento resistente del solaio rinforzato: ( d 0, x) M Rd = 0,8x f c, r inf b 4 Nel caso in cui risulti invece x > h rinf sarà necessario ricalcolare la posizione dell asse neutro mediante la scrittura di un nuovo equilibrio alla traslazione che tenga in considerazione anche l area compressa del calcestruzzo del solaio di origine. b VERIFICA A TAGLIO Per la verifica di solai rinforzati con cappa collaborante in REFOR-tec GF5 ST-HS, si deve fare riferimento alla formula riportata al punto del D.M modificando il valore di d (sommando quindi lo spessore della cappa collaborante alla d iniziale). 18

19 NODI TRAVE - PILASTRO a) Preparazione del supporto mediante scarifica meccanica o sabbiatura: VOCE DI CAPITOLATO Scarifica meccanica/sabbiatura del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione del materiale di rinforzo al supporto. Rimozione di tutto il materiale scarificato, incluso qualsiasi onere di smaltimento. Idropulizia del supporto, avendo cura di rimuovere l acqua in eccesso in superficie. b) Casseratura del nodo: Predisposizione di casseri a perfetta tenuta (vista l elevata spinta del materiale questa è una caratteristica fondamentale per evitare fuoriuscite del materiale). c) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC: Previa saturazione del supporto e rimozione dell acqua in eccesso in superficie, getto mediante semplice colata di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC (High Performance Fiber Reinforced Cementitious Composites) che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità, che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Miscelazione con mescolatore ad asse verticale, come da specifiche di scheda tecnica. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione 130 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza alla flessotrazione 32N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza a taglio 16 N/mm 2 (a 28 gg.) Modulo elastico 38 GPa (a 28 gg.) Profondità di carbonatazione (carbonatazione simulata in laboratorio) dopo 18 anni di esposizione ambientale 0 mm Ritiro endogeno < 0,05% Così come REFOR-tec ITALIANA GF5 ST-HS della TECNOCHEM (In prima analisi si consiglia uno spessore medio di 3 cm, salvo verifiche strutturali del caso) N.B.: Nel caso di difficoltà operative per la predisposizione dei casseri o per l esecuzione del getto a colare è possibile realizzare in alternativa l intervento con il prodotto tixotropico fibrorinforzato Refor-tec GF5 ST-HS thixo. 19

20 VERIFICHE STRUTTURALI La verifica di resistenza dei nodi trave pilastro deve essere effettuata in accordo alla circolare 2 febbraio 2009 N 617 Istruzioni per l applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. del 14 gennaio In particolare, devono essere verificate sia la resistenza a trazione diagonale che la resistenza a compressione diagonale. Per la resistenza a trazione del nodo non confinato si dovrà verificare quanto segue: σ N N V = n nt A g 2 A g A 3 g 2 2 f c Dove: - A g è la sezione orizzontale del nodo; - V n è il taglio totale agente sul nodo; - N è l azione assiale presente nel pilastro superiore. Per il nodo confinato si tiene conto di una resistenza di trazione media pesata sul calcestruzzo del pilastro non rinforzato e sul microcalcestruzzo fibrorinforzato della camicia di rinforzo. N σ nt = 2 A T N 2 A T V n + A T f c A + g A T f ct r inf γ mat A Dove: - A T =A g +A g ; - A g è la sezione orizzontale del nodo (pilastro non rinforzato); - A g è la sezione della camicia di rinforzo; - γ mat coefficiente di sicurezza per il materiale; - f ct rinf resistenza a trazione del microcalcestuzzo fibrorinforzato; - V n è il taglio totale agente sul nodo, considerando sia il taglio derivante dall azione presente nel pilastro superiore, sia quello dovuto alla sollecitazione di trazione presente nell armatura longitudinale superiore della trave. ' g Resistenza a compressione diagonale σ nt N 2 A = n g N 2 A g 2 V A g f ck 20

21 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di solai in cls. con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 3 cm - applicazione a colare (con staggiatura) REFOR-tec GF5 ST-HS Curing Compound UR19 U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,22 27,45 6,04 Operaio qualificato ora 0,22 25,56 5,62 Operaio comune ora 0,22 23,08 5,08 Totale mano d'opera 16,74 Materiali microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 75,00 1,40 105,00 antievaporante Curing Compound UR 19 l 0,20 8,30 1,66 Totale materiali 106,66 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,18 25,00 4,50 idropulitrice ora 0,035 2,20 0,08 Totale noli 4,58 Varie Totale varie Totale 127,98 Spese generali 15% 19,20 147,17 Utile d'impresa 10% 14,72 Totale prezzo al metro quadro per 3 cm di spessore 161,89 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G3

22 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di pilastri / travi in cls con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 5 cm - applicazione a colare (in cassero) BH-4 REFOR-tec GF5 ST-HS U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,35 27,45 9,61 Operaio qualificato ora 0,35 25,56 8,95 Operaio comune ora 0,35 23,08 8,08 Totale mano d'opera 26,63 Materiali Disarmante universale BH-4 l 0,03 6,05 0,18 Microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 125,00 1,40 175,00 Totale materiali 175,18 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,25 25,00 6,25 Totale noli 6,25 Varie Realizzazione di casseforme in legno, compreso il disarmo m 2 1,00 36,90 36,90 Totale varie 36,90 Totale 244,96 Spese generali 15% 36,74 281,71 Utile d'impresa 10% 28,17 Totale prezzo al metro quadro per 5 cm di spessore 309,88 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G6

23 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di solai in cls. con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 1,5 cm - applicazione a colare (con staggiatura) REFOR-tec GF5 ST-HS Curing Compound UR19 U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,16 27,45 4,39 Operaio qualificato ora 0,16 25,56 4,09 Operaio comune ora 0,16 23,08 3,69 Totale mano d'opera 12,17 Materiali microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 36,75 1,40 51,45 antievaporante Curing Compound UR 19 l 0,20 8,30 1,66 Totale materiali 53,11 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,16 25,00 4,00 idropulitrice ora 0,035 2,20 0,08 Totale noli 4,08 Varie Totale varie Totale 69,36 Spese generali 15% 10,40 79,77 Utile d'impresa 10% 7,98 Totale prezzo al metro quadro per 1,5 cm di spessore 87,74 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G1

24 Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia PROGETTARE LE STRUTTURE IN LEGNO Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia gmetelli@ing.unibs.it a.a. 2011-12 1 1. LEGNO: Caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale 2. Legno e materiali

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

Costruzioni. Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta resistenza

Costruzioni. Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta resistenza Scheda Tecnica Edizione 05.03.14 Identification no. 02 08 02 02 001 0 000001 1088 Sikafloor -20 PurCem Sikafloor -20 PurCem Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Realizzazione di nuove pavimentazioni levigate all interno di centri commerciali, show-room, negozi, ristoranti e appartamenti.

Realizzazione di nuove pavimentazioni levigate all interno di centri commerciali, show-room, negozi, ristoranti e appartamenti. Ultratop CT MASSETTI CEMENTIZI C40-F10 A9-A2 fl-s1 CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Malta autolivellante a base di speciali leganti idraulici, ad indurimento ultrarapido, per realizzare pavimentazioni resistenti

Dettagli

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI STRUTTURE MISTE E CONNETTORI Quando due materiali diversi sono tenuti uniti in modo efficace si comportano, da un punto di vista strutturale, come un elemento unico. In edilizia si utilizza questo principio

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trapani SEMINARIO COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Relatore: Ing. Santo Mineo Amministratore unico CIMENTO S.r.l. Laboratorio di diagnostica

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli