REFOR-tec ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO. nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REFOR-tec ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO. nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO"

Transcript

1 REFOR-tec RINFORZO DI PILASTRI MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI UHPC HPFRCC Ultra High Performing Concretes High Performance Fiber Reinforced Cementitious Composites RINFORZO DI TRAVI RINFORZO DI SOLAI SU LEGNO ANALISI DI CALCOLO VOCI DI CAPITOLATO VOCI DI COSTO Sforzo a trazione/deformazione del microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC REFOR-tec GF3/ST HS 15 Stress [MPa] 12 9 nei rinforzi strutturali su : - PILASTRI -TRAVI -SOLAI - NODI TRAVE-PILASTRO Strain [ ] Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

2 Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

3 REFOR-tec NEI RINFORZI STRUTTURALI SU CALCESTRUZZO ARMATO carotaggi DETTAGLIO A carotaggi solaio solaio spezzoni di rete elettrosaldata per ripresa di getti staffature di rinforzo in acciaio 40 cm 40 cm 40 cm 40 cm staffature di rinforzo in acciaio cassero ancorato sul precedente getto di Refor-tec GF5 ST-HS 150 cm 40 cm 40 cm 40 cm sigillatura 3

4 LA TECNOLOGIA E LE CARATTERISTICHE DEL MATERIALE L incremento delle resistenze meccaniche nel calcestruzzo tradizionale si traduce sempre in una perdita di duttilità ed in un comportamento fragile del materiale. I sistemi basati sui MICROCALCESTRUZZI REFOR-tec consentono il superamento di questi limiti basilari del comportamento dei calcestruzzi. La tecnologia REFOR-tec rappresenta un evoluzione formulativa degli UHPC Ultra High Performing Concretes; i prodotti appartenenti a questa tecnologia uniscono elevati valori delle RESISTENZE MECCANICHE ( MPa di Compressione e > 30 MPa di Flessione) con ottimali valori di DUTTILITÀ (Energia di Frattura N/m) e di TRAZIONE ( 7 MPa). Diversi sono i vantaggi nell utilizzo della tecnologia di rinforzo REFOR-tec minimizzare gli spessori applicativi garantendo condizioni di rinforzo migliorative rispetto a interventi con tradizionale calcestruzzo; minimizzare i carichi aggiuntivi gravanti sulla struttura; sfruttare nei calcoli strutturali la resistenza a trazione del materiale; sfruttare nei calcoli strutturali la duttilità e quindi le deformazioni ultime del materiale. Tutti questi aspetti possono essere di particolare interesse nei progetti di rinforzo o adeguamento strutturale, particolarmente in zona sismica ove tutti i vantaggi sopra espressi giocano talvolta ruoli determinanti al fine di migliorare il comportamento della struttura alle sollecitazioni sismiche. VERSATILITA DELLA TECNOLOGIA REFOR-tec Per la fabbricazione di elementi strutturali leggeri a sezione sottile. Per ripristini strutturali con colaggio in cassero od in ambienti confinati. Per il recupero strutturale a basso spessore su solai, travi, pilastri. Per l adeguamento sismico con assorbimento e trasferimento di tensioni a taglio o trazione a fronte di eventi ad elevata sollecitazione dinamica. Elevatissimi valori di deformazione ultima a trazione. Per la riparazione di pavimenti con necessità di resistenza ad elevate sollecitazioni statiche e dinamiche unitamente a valori eccezionali di resilienza. Per il rinforzo strutturale resistente a fuoco di pilastri e travi. Per travi inflesse : possibile raddoppio del carico ultimo con rinforzo di spessore 40 mm incremento della rigidezza con riduzione di freccia in esercizio di c.ca 12 volte (comportamento paragonabile ad una precompressione). 4

5 Le caratteristiche meccaniche del microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS (a colare) sono le seguenti: Le caratteristiche meccaniche del formulato tixotropico REFOR-tec GF5 ST-HS THIXO sono le seguenti : 5

6 CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI PER IL CALCOLO Le verifiche andranno svolte secondo il D.M. 14 gennaio La resistenza di calcolo a compressione del calcestruzzo andrà valutata secondo il punto del D.M. 14 gennaio RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO E DEL MICROCALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO Il valore di f cd andrà calcolato sulla base di idonee indagini svolte sulla struttura, utilizzando opportuni coefficienti di sicurezza in funzione del livello di conoscenza dell edificio che si è raggiunto. Il valore di f ck del materiale di rinforzo può essere ipotizzato pari alla classe massima consentita dal D.M. 14 gennaio 2008 se non si vuole procedere con la richiesta di autorizzazione del Servizio Tecnico Centrale su parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Pertanto la classe considerata è la classe C70/85. f cd-gf5 = 0,85 70/1,4= 42.5 MPa RESISTENZA DI CALCOLO DELL ACCIAIO La resistenza di calcolo dell acciaio fyd è riferita alla tensione di snervamento ed il suo valore è dato da: fyd = fyk /γ S dove: γs è il coefficiente parziale di sicurezza relativo all acciaio; - fyk per armatura ordinaria è la tensione caratteristica di snervamento dell acciaio (v del D.M. 14 gennaio 2008), per armature da precompressione è la tensione convenzionale caratteristica di snervamento data, a seconda del tipo di prodotto, da fpyk (barre), fp(0,1)k (fili), p(1)k f (trefoli e trecce); si veda in proposito la Tab VII del D.M. 14 gennaio Il coefficiente γs assume sempre, per tutti i tipi di acciaio, il valore 1,15. 6

7 RESISTENZA A TRAZIONE DEL MICROCALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO Trattandosi di calcestruzzo fibrorinforzato, la resistenza a trazione andrà valutata come previsto dal documento tecnico CNR DT al capitolo 9. Nel caso specifico, in cui il materiale viene identificato con prove di trazione uniassiale, si deve seguire il procedimento seguente: f Ftu = f Fts w w u i2 ( f f ) eq1 eq2 7

8 ANALISI STRUTTURALE Nel caso si esegua un analisi elastica lineare, si calcola l inerzia della sezione rinforzata omogeneizzata al calcestruzzo considerando un modulo elastico del materiale mediato sulle aree dei due diversi materiali. I dati utilizzati per il calcolo sono i seguenti: E cls = MPa E GF5 = MPa A cls = 1200 cm 2 A GF5 = 624 cm 2 γ GF5 =2450 kg/m 3 J J E b h = 12 h b = 12 A = medio 3 cls E A cls cls + A + A GF 5 GF 5 E GF 5 J 11 = cm 4 J 22 = cm 4 E medio =31500 MPa Una volta calcolati i valori sopra, si procede con il loro inserimento nel programma di calcolo 8

9 J 11 =3,5x10-3 m 4 J 22 =2,19x10-3 m 4 9

10 E medio =3,15x10 4 MPa A questo punto si può proseguire con l analisi dei carichi agenti sulla struttura e successivamente con l analisi statica e dinamica della struttura inserendo i parametri specifici per la zona sismica e per il tipo di terreno in funzione della zona sismica di progetto. Si definiscono le azioni sollecitanti sulla struttura secondo le combinazioni di carico previste dalla normativa. AZIONE ASSIALE (kn) TAGLIO (kn) MOMENTO FLETTENTE (knm) -325,5-137,5-137,5 127,2-127,2 127,2-518,2 518,2 127,2-337,2-143,2-143,2 176,7-176,7 80, ,4 80,2-348,2-149,8-149,8-173,5-173,5 90,03-438,1 438,1 90,03-354,3-153,5-153,5-174,3-174,3-85,87-535,5 535,5 85,87-350,6-151,3-151,3-170,8-170,8-86, ,72-193,9 92,24-473,9-199,2-199, ,9 92, ,5-44,03-355,1-142,4-142, ,5 44, ,62-344,5 23,62 38, ,67 10

11 VOCI DI CAPITOLATO, VOCI DI COSTO E VERIFICHE STRUTTURALI PILASTRI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto: Scarifica meccanica del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto. b) Eventuale fissaggio al supporto di rete in acciaio elettrosaldata o rete in acciaio armonico: c) Saturazione del supporto e predisposizione di casseri a perfetta tenuta: d) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC: In funzione degli spessori del rinforzo, delle esigenze specifiche ed in corrispondenza delle riprese di getto, potrà essere previsto l utilizzo di una rete in acciaio elettrosaldata o rete in acciaio armonico. In tal caso andrà eseguita una foratura del supporto e fissaggio in alcuni punti di monconi in acciaio mediante resina poliestere bicomponente per ancoraggio chimico ad iniezione su strutture in mattoni pieni o forati tipo TECNOPOL della TECNOCHEM ITALIANA. Fissaggio sulla testa dei monconi di rete in acciaio indicativamente con maglia 20x20 mm e diametro 2,2 mm. La rete dovrà essere fissata ad una distanza dal supporto pari alla metà dello strato di intonaco previsto. Dopo saturazione del supporto con acqua predisposizione di casseri a perfetta tenuta. Si consiglia uno spessore di microcalcestruzzo fibrorinforzato di almeno 3 cm. Si consiglia il rinforzo dei casseri mediante staffature in acciaio. Adottare delle tappe di getto non superiori ai 2 metri di quota. Getto mediante semplice colata dall alto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Il consumo di prodotto è di ca. 25 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione: 130 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 32 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 8,5 N/mm 2 Resistenza al taglio: 16 N/mm 2 Modulo elastico: 38 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,05 % Così come REFOR-tec GF5 ST-HS della TECNOCHEM ITALIANA. 11

12 VERIFICHE STRUTTURALI VERIFICA A PRESSOFLESSIONE E in fase di realizzazione un programma per il calcolo automatico dei domini M-N delle sezioni incamiciate con microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS. Attualmente potete inviare al ns. ufficio tecnico (all indirizzo le caratteristiche geometriche delle sezioni e le caratteristiche meccaniche dei materiali e provvederemo noi a fornirvi i domini resistenti. VERIFICA A PRESSOFLESSIONE DEVIATA Si possono costruire separatamente i domini M-N nelle due direzioni My-N e Mz-N e poi combinare le azioni con la formula da normativa riportata sotto. VERIFICA A TAGLIO Per la verifica a taglio si devono sommare i contributi della sezione di calcestruzzo della struttura esistente valutata come definito nei paragrafi e seguenti (a seconda che la sezione abbia armature trasversali resistenti a taglio o meno) e della camicia in microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS secondo la formula 4.2 del CNR DT204/2006 (la d e la ρ da considerare nel calcolo sono quelle delle armature della trave di origine mentre la b w va calcolata come somma degli spessori delle camicie laterali quindi, ad esempio, per una elemento con camicia da 4 cm di spessore la b w sarà 8 cm). 12

13 TRAVI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto: Idrosabbiatura (o altro trattamento idoneo) del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un grado di rugosità superficiale > 2mm, necessario a garantire un corretto aggrappo della malta di rinforzo. b) Fissaggio di rete metallica al supporto e realizzazione del cassero all intradosso delle travi E possibile integrare il sistema di rinforzo con reti metalliche. In ogni caso, nella ripresa di getto fra REFOR-tec GF5 ST-HS (a colare) e REFOR-tec GF5 ST-HS thixo andranno previste connessioni metalliche da realizzarsi con rete o monconi. Predisposizione di cassero a perfetta tenuta sul fondo della trave realizzando le sponde laterali di almeno 10 cm di altezza. Il cassero dovrà essere sostenuto mediante idonei puntelli metallici. c) Saturazione del supporto Eseguire adeguata saturazione del supporto con acqua prima dell applicazione dei materiali di rinforzo. d) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC all intradosso della trave: Getto mediante semplice colata dall alto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Il consumo di prodotto è di ca. 25 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione: 130 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 32 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 8,5 N/mm 2 Resistenza al taglio: 16 N/mm 2 Modulo elastico: 38 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,05 % Così come REFOR-tec GF5 ST-HS della TECNOCHEM ITALIANA. 13

14 e) Applicazione di formulato cementizio tixotropico sulle facce laterali delle travi: Applicazione a cazzuola di formulato cementizio tixotropico sulle facce laterali delle travi. Si consiglia l applicazione in più mani con spessore massimo di 20 mm ciascuna. Il consumo di prodotto è di ca. 22 kg/mq per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del formulato cementizio tixotropico: Resistenza a compressione: 90 N/mm 2 Resistenza a flessotrazione: 22 N/mm 2 Resistenza alla trazione diretta: 7 N/mm 2 Resistenza al taglio: 12 N/mm 2 Modulo elastico: 33 GPa Energia di frattura: N/m Ritiro endogeno: < 0,03 % f) Protezione della malta applicata con guaina termica protettiva Così come REFOR-tec GF5 ST-HS thixo della TECNOCHEM ITALIANA. Immediatamente dopo l applicazione della malta tixotropica, eseguire una protezione del materiale mediante guaina termica protettiva. Caratteristiche tecniche della guaina: Conduttività termica: Spessore: 0,045 W/mk 10 mm Così come INSULATOR-tec/10 della TECNOCHEM ITALIANA. SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DELLA TECNOLOGIA Rete metallica Refor-tec GF5 ST-HS tixo Colaggio di Refor-tec GF5 ST-HS Ripresa di getto da realizzare con rete o monconi metallici 14

15 VERIFICHE STRUTTURALI VERIFICA A FLESSIONE DELLA TRAVE Definita la combinazione di azioni sollecitanti sull elemento strutturale, la verifica può essere svolta considerando i seguenti stress block : b = 300mm 2 φ 10 p = 20mm εc εsc calcestruzzo f c f y 0.8x HFRCC f cf h = 500mm 2 φ 16 εst f y si = 40mm b = 300mm sl = 40mm εfrc Fftu Equilibrio alla traslazione per il calcolo della posizione dell asse neutro: fcd b,8x + 2 0,8 sl f f A = 0 yd ( x p) + f A 2 f sl ( h x) ( b+ 2 sl) 0 Fc, d yd sc Ft, d si fft, d st + Dopo aver definito la posizione dell asse neutro, posso scrivere l equilibrio alla rotazione per determinare il momento resistente della sezione. Equilibrio alla rotazione per il calcolo del momento ultimo M u : M u + 2 sl = 0,8x b f Ft, d 2 f cd ( 0,6x) + 2 0,8 sl f Fc, d ( x p) 0,6 + f yd Asc ( x d1) + 2 ( h x) si + ( b + 2 sl) si f h x + + f A ( d 2 x) 2 Ft, d VERIFICA A TAGLIO Per la verifica a taglio si devono sommare i contributi della sezione di calcestruzzo della struttura esistente valutata come definito nei paragrafi e seguenti del D.M. 14 gennaio 2008 (a seconda che la sezione abbia armature trasversali resistenti a taglio o meno) e della camicia in microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS secondo la formula 4.2 del CNR DT204/2006 (la d e la ρ da considerare nel calcolo sono quelle delle armature della trave di origine mentre la b w va calcolata come somma degli spessori delle camicie laterali quindi, ad esempio, per una elemento con camicia da 4 cm di spessore la b w sarà 8 cm). 2 yd st 15

16 SOLAI VOCE DI CAPITOLATO a) Preparazione del supporto mediante scarifica meccanica: Scarifica meccanica del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto. Qualora: per motivi legati alla geometria del solaio non sia possibile eseguire un adeguata scarifica meccanica; siano previste particolari sollecitazioni dinamiche o elevati sforzi tangenziali di interfaccia; a seguito di scarifica, il supporto non abbia un grado di rugosità sufficiente a garantire la corretta collaborazione strutturale tra il solaio e la cappa in microcalcestruzzo eseguire forature del supporto a maglia 50x50 cm, diametro mm e profondità 3 4 cm. A discrezione prevedere l inserimento all interno dei fori di connettori metallici inghisati con apposita resina epossidica (tipo TECNOEPO 400 o TECNOANCORVINL 380) o in alternativa la realizzazione di radici collaboranti con il colaggio, all interno dei fori, del microcalcestruzzo utilizzato per la realizzazione della cappa collaborante in fase esecutiva. Rimozione di tutto il materiale scarificato, incluso qualsiasi onere di smaltimento. Aspirazione del supporto con apposito aspirapolvere industriale, al fine di rimuovere qualsiasi residuo della lavorazione precedente. Idropulizia del supporto, avendo cura di rimuovere l acqua in eccesso in superficie. b) Applicazione dei connettori perimetrali (facoltativa) Al fine di creare un collegamento strutturale tra la cappa di rinforzo e le murature perimetrali, realizzazione di uno scasso nella muratura perimetrale seguito da predisposizione di fori necessari all alloggiamento di barre di armatura. Pulizia dei fori, e ancoraggio delle barre con resina per ancoraggi. Il tutto secondo elaborati strutturali. c) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC Miscelazione con mescolatore ad asse verticale, come da specifiche di scheda tecnica, e movimentazione del prodotto in cantiere, incluso posizionamento di barre di armatura sulle riprese di getto. Previa saturazione del supporto e rimozione dell acqua in eccesso in superficie, getto mediante semplice colata e stesura a staggia di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità, che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. 16

17 Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione 130 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza alla flessotrazione 32 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza a taglio 16 N/mm 2 (a 28 gg.) Modulo elastico 38 GPa (a 28 gg.) Profondità di carbonatazione (simulata in laboratorio) dopo 18 anni di esposizione ambientale 0 mm Ritiro endogeno < 0,05% Così come REFOR-tec ITALIANA GF5 ST-HS della TECNOCHEM (In prima analisi si consiglia uno spessore medio di 3 cm, salvo verifiche strutturali del caso) d) Applicazione antievaporante: Sul betoncino fresco, immediatamente dopo il getto, applicazione a spruzzo o rullo di antievaporante basato su cere sintetiche in solvente o in alternativa di antievaporante all acqua. L antievaporante forma una pellicola che impedisce l evaporazione dell acqua d impasto nelle prime fasi di indurimento del prodotto. Così come CURING COMPOUND UR 19 al solvente e CURING COMPOUND UR 20 all acqua della TECNOCHEM ITALIANA In alternativa utilizzo di teli in PE. REFOR-tec GF5 ST-HS Schema applicativo del rinforzo 17

18 MOMENTO RESISTENTE DELLA SEZIONE VERIFICHE STRUTTURALI Si valuta dapprima la posizione dell asse neutro ipotizzando che esso cada all interno dello spessore di microcalcestruzzo fibrorinforzato scrivendo il seguente equilibrio alla traslazione: A s f yd = 0,8x f b da cui c, r inf x = A 0,8 s f f yd c, r inf Se si verifica x < h rinf si procede con il calcolo del momento resistente del solaio rinforzato: ( d 0, x) M Rd = 0,8x f c, r inf b 4 Nel caso in cui risulti invece x > h rinf sarà necessario ricalcolare la posizione dell asse neutro mediante la scrittura di un nuovo equilibrio alla traslazione che tenga in considerazione anche l area compressa del calcestruzzo del solaio di origine. b VERIFICA A TAGLIO Per la verifica di solai rinforzati con cappa collaborante in REFOR-tec GF5 ST-HS, si deve fare riferimento alla formula riportata al punto del D.M modificando il valore di d (sommando quindi lo spessore della cappa collaborante alla d iniziale). 18

19 NODI TRAVE - PILASTRO a) Preparazione del supporto mediante scarifica meccanica o sabbiatura: VOCE DI CAPITOLATO Scarifica meccanica/sabbiatura del supporto in calcestruzzo, per una profondità sufficiente a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione del materiale di rinforzo al supporto. Rimozione di tutto il materiale scarificato, incluso qualsiasi onere di smaltimento. Idropulizia del supporto, avendo cura di rimuovere l acqua in eccesso in superficie. b) Casseratura del nodo: Predisposizione di casseri a perfetta tenuta (vista l elevata spinta del materiale questa è una caratteristica fondamentale per evitare fuoriuscite del materiale). c) Getto di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC: Previa saturazione del supporto e rimozione dell acqua in eccesso in superficie, getto mediante semplice colata di microcalcestruzzo fibrorinforzato HPFRCC (High Performance Fiber Reinforced Cementitious Composites) che unisce la reologia autolivellante ad eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità, che consentono nel contempo un rinforzo strutturale ed un elevato incremento di duttilità della struttura. Miscelazione con mescolatore ad asse verticale, come da specifiche di scheda tecnica. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo: Resistenza a compressione 130 N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza alla flessotrazione 32N/mm 2 (a 28 gg.) Resistenza a taglio 16 N/mm 2 (a 28 gg.) Modulo elastico 38 GPa (a 28 gg.) Profondità di carbonatazione (carbonatazione simulata in laboratorio) dopo 18 anni di esposizione ambientale 0 mm Ritiro endogeno < 0,05% Così come REFOR-tec ITALIANA GF5 ST-HS della TECNOCHEM (In prima analisi si consiglia uno spessore medio di 3 cm, salvo verifiche strutturali del caso) N.B.: Nel caso di difficoltà operative per la predisposizione dei casseri o per l esecuzione del getto a colare è possibile realizzare in alternativa l intervento con il prodotto tixotropico fibrorinforzato Refor-tec GF5 ST-HS thixo. 19

20 VERIFICHE STRUTTURALI La verifica di resistenza dei nodi trave pilastro deve essere effettuata in accordo alla circolare 2 febbraio 2009 N 617 Istruzioni per l applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. del 14 gennaio In particolare, devono essere verificate sia la resistenza a trazione diagonale che la resistenza a compressione diagonale. Per la resistenza a trazione del nodo non confinato si dovrà verificare quanto segue: σ N N V = n nt A g 2 A g A 3 g 2 2 f c Dove: - A g è la sezione orizzontale del nodo; - V n è il taglio totale agente sul nodo; - N è l azione assiale presente nel pilastro superiore. Per il nodo confinato si tiene conto di una resistenza di trazione media pesata sul calcestruzzo del pilastro non rinforzato e sul microcalcestruzzo fibrorinforzato della camicia di rinforzo. N σ nt = 2 A T N 2 A T V n + A T f c A + g A T f ct r inf γ mat A Dove: - A T =A g +A g ; - A g è la sezione orizzontale del nodo (pilastro non rinforzato); - A g è la sezione della camicia di rinforzo; - γ mat coefficiente di sicurezza per il materiale; - f ct rinf resistenza a trazione del microcalcestuzzo fibrorinforzato; - V n è il taglio totale agente sul nodo, considerando sia il taglio derivante dall azione presente nel pilastro superiore, sia quello dovuto alla sollecitazione di trazione presente nell armatura longitudinale superiore della trave. ' g Resistenza a compressione diagonale σ nt N 2 A = n g N 2 A g 2 V A g f ck 20

21 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di solai in cls. con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 3 cm - applicazione a colare (con staggiatura) REFOR-tec GF5 ST-HS Curing Compound UR19 U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,22 27,45 6,04 Operaio qualificato ora 0,22 25,56 5,62 Operaio comune ora 0,22 23,08 5,08 Totale mano d'opera 16,74 Materiali microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 75,00 1,40 105,00 antievaporante Curing Compound UR 19 l 0,20 8,30 1,66 Totale materiali 106,66 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,18 25,00 4,50 idropulitrice ora 0,035 2,20 0,08 Totale noli 4,58 Varie Totale varie Totale 127,98 Spese generali 15% 19,20 147,17 Utile d'impresa 10% 14,72 Totale prezzo al metro quadro per 3 cm di spessore 161,89 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G3

22 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di pilastri / travi in cls con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 5 cm - applicazione a colare (in cassero) BH-4 REFOR-tec GF5 ST-HS U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,35 27,45 9,61 Operaio qualificato ora 0,35 25,56 8,95 Operaio comune ora 0,35 23,08 8,08 Totale mano d'opera 26,63 Materiali Disarmante universale BH-4 l 0,03 6,05 0,18 Microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 125,00 1,40 175,00 Totale materiali 175,18 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,25 25,00 6,25 Totale noli 6,25 Varie Realizzazione di casseforme in legno, compreso il disarmo m 2 1,00 36,90 36,90 Totale varie 36,90 Totale 244,96 Spese generali 15% 36,74 281,71 Utile d'impresa 10% 28,17 Totale prezzo al metro quadro per 5 cm di spessore 309,88 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G6

23 MICROCALCESTRUZZI FIBRORINFORZATI AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI Rinforzo di solai in cls. con microcalcestruzzo HPFRCC spessore 1,5 cm - applicazione a colare (con staggiatura) REFOR-tec GF5 ST-HS Curing Compound UR19 U.m Quantità Prezzo unit. Importo /m 2 Mano d'opera Operaio specializzato ora 0,16 27,45 4,39 Operaio qualificato ora 0,16 25,56 4,09 Operaio comune ora 0,16 23,08 3,69 Totale mano d'opera 12,17 Materiali microcalcestruzzo fibrorinforzato REFOR-tec GF5 ST-HS Kg 36,75 1,40 51,45 antievaporante Curing Compound UR 19 l 0,20 8,30 1,66 Totale materiali 53,11 Noli miscelatore ad asse verticale - tipo PADDLE PAN MIXER ora 0,16 25,00 4,00 idropulitrice ora 0,035 2,20 0,08 Totale noli 4,08 Varie Totale varie Totale 69,36 Spese generali 15% 10,40 79,77 Utile d'impresa 10% 7,98 Totale prezzo al metro quadro per 1,5 cm di spessore 87,74 Nota: nel ciclo di lavorazione è compresa: la saturazione del supporto, la miscelazione del prodotto (da valutare a parte inserimento di rete per le riprese di getto e/o monconatura nel caso di supporti di scarsa qualità, nonché l'esecuzione di fori sui solai per gettare il prodotto o spessore elevato) Vedasi anche analisi prezzi preparazione supporto (scarifica meccanica) e trattamento ferri d'armatura Edizione: 4/2011 Revisione 1 del 7/2011 G1

24 Via Sorte 2/ Barzana (BG) Italy -Tel Fax

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

Rinforzo strutturale, adeguamento sismico, resistenza al fuoco con REFOR-tec : evidenze prestazionali ed applicative su pilastri, travi, nodi e solai

Rinforzo strutturale, adeguamento sismico, resistenza al fuoco con REFOR-tec : evidenze prestazionali ed applicative su pilastri, travi, nodi e solai MALTE STRUTTURALI PER IL RIPRISTINO, IL RINFORZO E L ADEGUAMENTO SISMICO DI STRUTTURE IN C.A. E MURATURA Rinforzo strutturale, adeguamento sismico, resistenza al fuoco con REFOR-tec : evidenze prestazionali

Dettagli

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione News TECHNOLOGY MICROCALCESTRUZZI Duttili ad Elevata Energia di Frattura e Rapida o Rapidissima Agibilità Strutturale HPFRC - High Performance Fiber Reinforced Concretes UHPFRCC - Ultra High Performance

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

News TECHNOLOGY. High Fracture Energy Technologies INNOVAZIONE ECC Engineered Cementitious Composites

News TECHNOLOGY. High Fracture Energy Technologies INNOVAZIONE ECC Engineered Cementitious Composites News TECHNOLOGY High Fracture Energy Technologies INNOVAZIONE ECC Engineered Cementitious Composites Sistemi Razionali di Riparazione, Rinforzo Strutturale ed Adeguamento Sismico di Murature Resistenza

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it

Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it News TECHNOLOGY FRP - Fiber Reinforced Polymers INNOVAZIONE Tessuti e lamine e connettori

Dettagli

APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZI ED ADEGUAMENTI SISMICI Autore: Ing. Giacomo Iannis

APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZI ED ADEGUAMENTI SISMICI Autore: Ing. Giacomo Iannis APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZI ED ADEGUAMENTI SISMICI Autore: Ing. Giacomo Iannis Tecnochem Italiana SpA Via Sorte 2/4-24030 Barzana (BG) sommario: Con gli acronimi

Dettagli

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche malte standard Refor-tec UHPC HPFRCC HFE-tec SHCC ECC Modulo elastico [GPa] 8-30 40-50 8-25

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

IL RINFORZO E ADEGUAMENTO SISMICO DI STRUTTURE IN CALCESTRUZZO E MURATURA CON FORMULATI INNOVATIVI AD ELEVATA DUTTILITA Autore: Ing.

IL RINFORZO E ADEGUAMENTO SISMICO DI STRUTTURE IN CALCESTRUZZO E MURATURA CON FORMULATI INNOVATIVI AD ELEVATA DUTTILITA Autore: Ing. IL RINFORZO E ADEGUAMENTO SISMICO DI STRUTTURE IN CALCESTRUZZO E MURATURA CON FORMULATI INNOVATIVI AD ELEVATA DUTTILITA Tecnochem Italiana SpA Via Sorte 2/4-24030 Barzana (BG) sommario: Con gli acronimi

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SCHEMA APPLICATIVO 1) Chiusura con malta bicomponente tipo BS 38/39 2,5 MuCis 2) realizzazione del foro e inserimento del

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL

SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL EDIFICI INDUSTRIALI MONOPIANO SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL CONSOLIDAMENTO E ADEGUAMENTO ANTISISMICO Estratto da: Linee di indirizzo per interventi locali e globali su edifici industriali monopiano non

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

L. Coppola Cum Solidare Capitolati

L. Coppola Cum Solidare Capitolati LA REDAZIONE DEL PROGETTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DEI CAPITOLATI D APPALTO PER I MATERIALI E PRODOTTI DESTINATI AL RIPRISTINO DI STRUTTURE DI CALCESTRUZZO ESISTENTI IN ACCORDO ALLE NORME EN 1504

Dettagli

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 Ing. Alessandro Ferraro Field Engineer - Lazio Roma, 30 aprile 2009 1 I ferri di ripresa post-installati sono largamente usati nel

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

A. Balsamo 1, I. Iovinella 2 and M.I. Verbicaro 3

A. Balsamo 1, I. Iovinella 2 and M.I. Verbicaro 3 WORKSHOP I Collegamenti nelle Strutture Prefabbricate Connnections in Precast Structures Università degli Studi di Bergamo ACI Italy Chapter, Dalmine, Italy, 5 October 2012 WORKSHOP I Collegamenti nelle

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. mpm - Materiali Protettivi Milano - s.r.l. è un azienda italiana,

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera

Dettagli

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri storici delle

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

Very High Durability Repair & Prevention Systems

Very High Durability Repair & Prevention Systems 18 FASCIATURE CON MATERIALI COMPOSITI: STRUTTURE VOLTATE IN MATTONI O PIETRA INDICE ANALITICO DELLE OPERE a) Preparazione del supporto b) Preparazione delle piste che ospiteranno il tessuto in materiale

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo Ruredil Ripristino e protezione calcestruzzo calcestruzzo Ripristino e Protezione CARATTERISTICHE Il calcestruzzo è il materiale da costruzione di gran lunga più impiegato nell ultimo secolo, anche se

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta 1 Verifica tensioni ammissibili h d c n A s x σ c

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE Prescrizioni e schemi da evidenziare sin dalle prime fasi progettuali e per inserimento nei disegni esecutivi 1) Approntamento del cantiere

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory. Relatore: Ing. Francesco Crea

Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory. Relatore: Ing. Francesco Crea Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory Relatore: Ing. Francesco Crea Sistemi tecnologici innovativi nella progettazione e nell adeguamento sismico

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

FIDGLASS GRID 120 AR73

FIDGLASS GRID 120 AR73 Proprietà geometriche e meccaniche* -Giugno 2012- Fibra secca (singolo filamento) Tensione caratteristica a trazione, σ fibra 2000 MPa Modulo elastico, E fibra 75 GPa Deformazione a rottura, ε fibra 2,80

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Esempi di intervento: Linee di indirizzo Protezione Civile- Reluis- CNI- Assobeton per edifici industriali

Esempi di intervento: Linee di indirizzo Protezione Civile- Reluis- CNI- Assobeton per edifici industriali COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE PREFABBRICATE ESISTENTI: DIAGNOSI E PREVENZIONE Linee di indirizzo Protezione Civile- Reluis- CNI- Assobeton per edifici industriali La7na 15/03/2013 Prof. Ing. Paolo

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5

Dettagli

SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL

SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL EDIFICI IN CONGLOMERATO CEMENTIZiO ARMATO SISTEMI E SOLUZIONI KERAKOLL CONSOLIDAMENTO E ADEGUAMENTO ANTISISMICO È insieme alla natura che si costruisce il futuro. Premessa Le seguenti indicazioni tecniche

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E 1 Pagina 209 C RIPRISTINI STRUTTURALI C01 Preparazioni delle superfici C02 Inghisaggi, ancoraggi ed iniezioni nel cemento armato C03 Ripristino del cemento armato C04 Rinforzo strutturale del cemento armato

Dettagli

1 Documentazione di riferimento... 2 2 Premessa... 2 3 Ripristino delle superfici in calcestruzzo (Intervento A )... 3 4 Ripristino e consolidamento

1 Documentazione di riferimento... 2 2 Premessa... 2 3 Ripristino delle superfici in calcestruzzo (Intervento A )... 3 4 Ripristino e consolidamento 1 Documentazione di riferimento... 2 2 Premessa... 2 3 Ripristino delle superfici in calcestruzzo (Intervento A )... 3 4 Ripristino e consolidamento delle murature delle pile (interventi B ed E )... 5

Dettagli

Resistenza caratteristica del connettore, f connettore CARATTERISTICHE MATERIALE

Resistenza caratteristica del connettore, f connettore CARATTERISTICHE MATERIALE Proprietà geometriche e meccaniche* -Maggio 2012- Trefolo Tensione caratteristica a trazione, σ filo 2820 MPa Modulo elastico, E filo 190 GPa Deformazione a rottura, ε trefolo 1,50 % Connettore Carico

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

ABACO. draco-edilizia.it

ABACO. draco-edilizia.it ABACO rinforzo strutturale del Sinottico analitico dei sistemi di rinforzo strutturale e adeguamento sismico di strutture in calcestruzzo, muratura e legno con materiali compositi fibrorinforzati a matrice

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 B.03.004 Pali trivellati di grande diametro eseguiti con fusto in calcestruzzo armato Rck 30, compresa la formazione del foro, l'onere della posa della gabbia metallica e gli eventuali sovraspessori

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

FIDFLAX GRID 300 HS20

FIDFLAX GRID 300 HS20 Proprietà geometriche e meccaniche* -Maggio 2012- Fibra secca (filato) Tensione caratteristica a trazione, σ fibra 512 MPa Modulo elastico, E fibra 21,4 GPa Deformazione a rottura, ε fibra 3,27 % Densità

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

MIT 600 RE RESINA EPOSSIDICA certificata ETA/CE

MIT 600 RE RESINA EPOSSIDICA certificata ETA/CE MIT 600 RE RESINA EPOSSIDICA certificata ETA/CE DESCRIZIONE mungo MIT 600 RE è un ancorante epossidico bicomponente ad iniezione ad altissime prestazioni. L elevatissima capacità adesiva e tenacità rendono

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

idomini MANUALE UTENTE

idomini MANUALE UTENTE idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP. COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo. Kerabuild Eco Presto

Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo. Kerabuild Eco Presto Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo Kerabuild Eco Presto Malta&Finitura minerale ecocompatibile, per il ripristino e la rasatura protettiva a durabilità garantita di strutture in calcestruzzo, ideale

Dettagli

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI erifica agli stati limite: la sollecitazione

Dettagli

XR Muratura RUREGOLD. Ruredil. Ruredil. Scheda tecnica

XR Muratura RUREGOLD. Ruredil. Ruredil. Scheda tecnica XR Muratura Sistema di rinforzo strutturale FRCM con rete bidirezionale in PBO e matrice inorganica stabilizzata per il rinforzo delle costruzioni in muratura A2 CLASSE REAZIONE AL FUOCO DT 200/2004 VALIDAZIONE

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Prestazioni tipiche dei tessuti (riferite allo spessore di tessuto secco)

Prestazioni tipiche dei tessuti (riferite allo spessore di tessuto secco) FRP Sistema composito costituito da tessuti unidirezionali in fibra di carbonio, aramide e vetro impregnati in situ con matrice polimerica (Fiber Reinforced Polymer) per il rinforzo di elementi in calcestruzzo,

Dettagli

Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano CASTELLO VISCONTEO DI TREZZO SULL ADDA

Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano CASTELLO VISCONTEO DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano CASTELLO VISCONTEO DI TREZZO SULL ADDA Consulenza specialistica per il consolidamento statico e la messa in sicurezza

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI LE GUIDE BETONTEX GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI UN NUOVO SISTEMA BASATO SU RESINE ALL ACQUA A STRUTTURA RETICOLATA

Dettagli

Rinforzi e/o introduzione di aperture -metodi di calcolo -

Rinforzi e/o introduzione di aperture -metodi di calcolo - Operazione "Impariamo a ricostruire" rif. PA 2012-2511/RER STRUTTURE IN MURATURA Rinforzi e/o introduzione di aperture -metodi di calcolo - Ing. Riccardo Battaglia Ph.D. Regione Emilia-Romagna S.T.B. Po

Dettagli

Figura Professionale codice FP194 RESTAURATORE OPERE MURARIE

Figura Professionale codice FP194 RESTAURATORE OPERE MURARIE settore Comparto descrizione COSTRUZIONI COSTRUZIONI Persona che effettua il restauro ed il recupero strutturale di opere murarie antiche; si occupa di analizzare le caratteristiche della malta originaria,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

STEEL NET SRG-SRP. SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale

STEEL NET SRG-SRP. SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale STEEL NET SRG-SRP Sch. Tec. FS03 LINEA STEEL NET SRG-SRP SYSTEM Consolidamento strutturale SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale Descrizione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli