NEWSLETTER AIFIRM RISK MANAGEMENT MAGAZINE Rivista dell Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER AIFIRM RISK MANAGEMENT MAGAZINE Rivista dell Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers"

Transcript

1 EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE Rvsta dell Assocazone Italana Fnancal Industry Rs Managers Anno 8, numero Aprle Maggo - Gugno 03 Poste Italane - Spedzone n abbonamento postale 70% aut. DCB / Genova nr. 569 anno 005 EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

2 I Q U E S T O U M E R O Edtorale d Maurzo Vallno e Corrado Meglo Il rscho d controparte d Walter Vecchato e Eugeno Vrgut La funzone d convalda d Gacomo Petrn Rs governance e rs management: quanto le mprese energy e utlty sono assmlabl alle banche? d Florcel Rugero Metodologe per mglorare la veloctà d convergenza ne smulator Monte Carlo: Anals delle tecnche ed mplementazone n un framewor d prcng d Per Guseppe Grbone e Smone Lgato ewsletter AIFIRM Rs Management Magazne Anno 8, n Aprle - Maggo - Gugno 03 Drettore Responsable: Maurzo Vallno (Banca Carge) Condrettore Corrado Meglo (Banca d Credto Popolare) Consglo Scentfco: Rosta Cocozza (Unverstà Federco II) Gampaolo Gabb (Unverstà d Sena) Fausto Galmarn (Assfact) Paolo Gudc (Unverstà d Pava) Paola Leone (Unverstà La Sapenza) Guseppe Lusgnan (Unverstà d Bologna) Raner Masera (Unverstà Marcon) Corrado Meglo (Banca d Credto Popolare) Fernando Metell (Alba Leasng) Claudo Porzo (Unverstà Parthenope) Gerardo Rescgno (Banca Monte de Pasch d Sena) Francesco Sata (Unverstà Boccon) Paola Schwzer (Unverstà d Parma) Paolo Test (Banca Popolare Mlano) Maurzo Vallno (Banca Carge) Vgnettsta: Slvano Gaggero Propretà, Redazone e Segretera: Assocazone Italana Fnancal Industry Rs Managers (AIFIRM), Va Sle 8, 039 Mlano Regstrazone del Trbunale d Mlano n 69 del 0/9/004 E-mal: Tel Lunedì h.0-; da Martedì a Venerdì h.5-7 Stampa: Algraphy S.n.c. - Passo Ponte Carrega 6-6r 64 Genova Le opnon espresse negl artcol mpegnano uncamente la responsabltà de rspettv autor SPEDIZIOE I ABBOAMETO POSTALE AI SOCI AIFIRM RESIDETI I ITALIA, I REGOLA CO L ISCRIZIOE EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

3 EDITORIALE Car Lettor, l nostro prmo pensero va a rngrazare membr del Consglo Scentfco della nostra rvsta che c ha supportato sno ad ogg garantendo a lettor la qualtà degl artcol propost. Afrm, con l obettvo d focalzzars ancora d pù sulla rcerca scentfca, ha decso nfatt d far conflure l nostro Consglo Scentfco nel Comtato Tecnco Scentfco preseduto dal Prof. Paolo Gudc; tale organsmo avrà pertanto, oltre a compt d rcerca scentfca, anche quell d referaggo degl artcol della rvsta. In consderazone de nuov compt l Comtato Tecnco Scentfco sta rnnovandos ne component, attngendo nuove energe, e sta costruendo un nuovo modello organzzatvo funzonale a raggungere gl obettv delneat dalla Statuto. L altro progetto n corso d Afrm rguarda la rstrutturazone del nostro sto con l obettvo, da una parte, d rnnovare la veste grafca e contenut e, dall altra, d supportare meglo soc e la segretera nelle attvtà d carattere sttuzonale. Rcordamo, n ultmo, l prossmo appuntamento socale che avrà luogo l prossmo 9 novembre a Mlano: la I Conventon AIFIRM. L evento sarà dedcato al pù mportante fattore produttvo delle banche commercal talane: l credto. Con l ttolo Il rscho nel credto e gl mpatt su portafogl commercal e fnanzar s approfondrà lo stato del busness credtzo alla luce dell attuale fase d recessone dell economa. Il tema è suffcentemente ampo e c permetterà d parlare, tra gl altr, de seguent argoment: uov crter d valutazone del credto: l uscta dalla crs economca porterà ad una (parzale) rpresa delle erogazon d credto che dovrà fare cont con sstem d valutazone, basat su score d blanco/centrale rsch, non n grado d tenere n consderazone le prospettve delle mprese e, qund, potenzalmente penalzzant. E necessaro un rpensamento d tal crter n modo da permettere la selezone de soggett da fnanzare su logche dfferent, pù adeguate e nnovatve Impatt della crs su portafogl della banca: gl effett della conguntura economca s rspecchano n molte poste del blanco della Banca (dalla dnamca de tass d default agl spread sul rscho sovrano). Qual strument d anals per supportare le decson e qual azon d copertura? Gestone del credto: l appesantrs de blanc degl sttut d credto, anche n relazone alla recente attvtà spettva d Bant, rende opportuno rvedere la gestone del credto (bons e default) sa n termn d effcenza/effcaca d processo sa n prospettva d cessone d portafogl. Mercato secondaro del credto: nuov requst d lqudtà e d captale renderanno la dnamca degl mpegh bancar pù cauta rspetto al passato, anche n scenar economc pù favorevol d quell attual. La necesstà d fnanzamento delle mprese, qund, potrebbe ragonevolmente passare anche da canal dvers. In partcolare, le possbltà aperte dal Decreto Svluppo rchedono alle Banche d rpensare ad un propro ruolo nell accompagnare le mprese verso l mercato de captal. Rs ntegraton: l orentamento del Comtato d Baslea verso nuov requst per la raccolta e storczzazone de dat d rscho nonché document d consultazone d Banca d Itala sulle nuove segnalazon delle poste n default rchedono d pensare gà da ogg ad una revsone delle strutture IT ed organzzatve ed a compt della Convalda. Portafogl fnanzar: l credt spread e gl aspett valutatv e d rscho su ttol d stato Maurzo Vallno e Corrado Meglo EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 3

4 Il rscho d controparte d Walter Vecchato (Gruppo Veneto Banca) e Eugeno Vrgut (Unverstà degl Stud del Sanno) Abstract A partre dalla crs del 008, su mercat fnanzar è crescuta a dsmsura la consapevolezza de cost potenzal mplct nelle transazon effettuate con determnate contropart. Pertanto, mentre n passato la valutazone del rscho d controparte era stata gnorata, anche n ragone del numero contenuto d esposzon n dervat e dell elevato merto credtzo delle contropart convolte, dopo la crs è nata la necesstà d valutare l rscho d credto delle contropart e d ncorporare tale valore nel prezzo. Il Comtato d Baslea ha stmato che crca l 70% delle perdte verfcates negl ann della crs su dervat OTC e sulle operazon SFT è stato determnato dalla varazone del merto d credto delle contropart d tal contratt, e non dall nsolvenza delle stesse. Alla luce d tale evdenza, nell ambto della normatva nota come Baslea III, è stato ntrodotto un ulterore requsto patrmonale per tener conto della varazone del prezzo d mercato del rscho d nsolvenza. Dopo un anals approfondta della natura del Credt Valuaton Adjustment, questo artcolo llustra gl approcc prevst dal Comtato d Baslea nella nuova archtettura regolamentare nota come Baslea III per la determnazone del rscho d controparte e, per quanto concerne gl ntermedar che non adottano un modello nterno (cosddetto non-imm), ntende fornre delle lnee guda per poter determnare n autonoma, da dat delle segnalazon d vglanza n Banca d Itala, l Credt Valuaton Adjustment. Introduzone Il rscho d controparte è nteso come la perdta potenzale n una negozazone con una data controparte quando s consdera la possbltà che detta controparte possa rsultare nsolvente (default) alle propre obblgazon. Questo rscho è sotteso nelle transazon fnanzare sa relatve a contratt dervat OTC (.e. nterest rates swaps, F Forward, credt default swap, etc.) che relatve alla cosddette SFT (Securtes Fnancal Transactons: Repos, Securtes lendng, etc.). Sostanzalmente dervat OTC sono l raggruppamento pù consstente per la tagla d mercato e la dverstà d strument trattat. Dal punto d vsta del Regolatore l rscho d controparte è consderato nella fattspece attnente al rscho d credto e msurato come costo d rmpazzo della transazone se la controparte fallsce. La prncpale dfferenza con l rscho d credto è la natura blaterale dell esposzone che camba n valore, postvo e negatvo, per l evoluzone nel tempo de fattor d rscho sottostant. La rettfca d valore della componente credtza d un portafoglo d dervat OTC (meglo nota come Credt Value Adjustment : CVA ) ntende catturare l valore d mercato del rscho d nsolvenza d una controparte n un nseme d contratt dervat. In pratca, l CVA è l valore che rflette la possbltà d perdta dervante dal default della controparte. E, qund, un aggustamento al valore del dervato conseguente alla potenzale vulnerabltà dello stesso. D conseguenza, l valore aggustato del dervato è defnto dal valore dello stesso sotto potes d no-default meno l CVA. Il CVA contablmente rappresenta un fondo d svalutazone costtuto a fronte d un portafoglo d credt. Un operatore fnanzaro ha un CVA per cascuna controparte che è contngente al valore del portafoglo d dervat n essere con quelle controparte. I CVAs sono qund ess stess dervat, pù compless e pù dffcl da valutare. Sono valor volatl che dpendono dalle fluttuazon de fattor d rscho sottostant (sa generc d mercato che specfc d credto, ovvamente). Un altra msura pù controversa del CVA è l DVA che è l acronmo d Debt Value Adjustment. Il DVA è l CVA nteso dal punto d vsta della controparte; rflette l costo alla controparte dervante dall nsolvenza dell operatore. Infatt la possbltà che l operatore fallsca può essere un benefco per se stesso n quanto non onora le sue obblgazon. In queste condzon l valore d un portafoglo d dervat OTC n essere con una data controparte è dato dal valore dello stesso rs-free e no-default per entrambe le part meno l CVA pù l DVA. E nteressante notare che quando l credt spread d un operatore aumenta, la percezone d mercato sulla sua solvbltà dmnusce, e l suo DVA aumenta. Cò comporta un proftto nel suo boo d dervat. on a caso guadagn (e le perdte) n termn d DVA sono stat esclus dalla determnazone del captale regolamentare. In questo artcolo no c focalzzamo sul CVA n quanto questa è la componente da dovers computare come ulterore aggravo d captale regolamentare a coperture de rsch d controparte secondo le dsposzon vgent per banche standard; comunque, molt punt che s trattano sono applcabl al DVA. Walter Vecchato è Drgente Responsable Rs Management del Gruppo Veneto Banca dal 003 e Professore a contratto presso l Unverstà degl stud d Veneza Cà Foscar d Fnancal Marets Mcrostructure al IMEF (Internatonal Master n Economcs and Fnance). È stato vstng Scholar alla Unversty of Calforna d San Dego, Dept. of Economcs, con Tutor l premo obel prof. Robert F. Engle. Fno al 003 è stato Responsable Credt Dervatves Rs Management presso la Drezone Rs Management Banca Intesa. E autore d numerose pubblcazon n rvste nazonal e nternazonal d argomento specalstco fnanzaro ed economco. Eugeno Vrgut è un consulente d drezone azendale nell area rs management per l mondo bancaro e asscuratvo e Professore a contratto d Rs Management presso l Unverstà degl stud del Sanno. È stato consulente del Mnstero dello Svluppo Economco nella progettazone del Fondo azonale per l Innovazone. Fno al 00 è stato prma Fnancal Analyst presso la Dvsone EMEA d Ctgroup, come responsable della panfcazone strategca e operatva della dvsone e del consoldamento d blanco, po nella dvsone Controllo d Gestone d Banca Intesa e nfne Rs Manager della Banca della Campana (gruppo BPER). E autore d dvers artcol su quotdan nazonal e d qualche pubblcazone su rvste specalstche. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 4

5 Le varabl d mercato che nfluenzano l valore rs-free e no-default delle negozazon n dervat OTC d un dealer con una controparte, nfluenzano, ovvamente, anche l CVA del dealer con detta controparte. Genercamente c s rfersce a queste varabl denomnandole fattor d rscho generc o underlyng maret varables. Oltre a cò, l CVA è nfluenzato dalla struttura a termne degl spread credtz quotat sulla controparte ( counterparty credt spreads term structure ). Qund l CVA cattura due tp d esposzon: una relatva a movment potenzal de fattor d rscho generc e l altra relatva a movment degl spread d credto o della curva d credto della controparte. el dcembre 00 l Comtato d Baslea sulla supervsone bancara ha pubblcato una nuova archtettura regolamentare, denomnata Baslea 3, che rchede d dentfcare l CVA e ncluderlo nel computo del captale regolamentare quale ulterore componente agguntva. ella stma del CVA è soltamente assunto che la probabltà d nsolvenza della controparte sa ndpendente dall esposzone dell operatore (dealer) con detta controparte. Se sussste una dpendenza postva tra le due, coscché la probabltà d default della controparte tende ad aumentare (dmnure) quando l esposzone del dealer aumenta (dmnusce), s ntroduce l concetto d wrong-way rs. Una stuazone n cu v sa dpendenza negatva, coscché la probabltà d default della controparte tende a aumentare (dmnure) quando l esposzone del dealer verso detta controparte dmnusce (aumenta), s parla d rght-way rs. Un gudzo crca l wrong-way rs o l rght-way rs n una transazone con una controparte rchede una ntda conoscenza delle attvtà della stessa controparte e la natura de rsch che ella affronta, che sono dffcl da precsare quando non sussste la necessara trasparenza; nfatt, per questa ragone, la normatva attuale ha l obettvo d rendere sempre meno opache le relazon, le nformatve, le rendcontazon degl sttut fnanzar vglat. Baslea 3 rchede n sntes a partre dal 3.. un aggravo d captale da computare al captale regolamentare, come dscusso sopra, e denomnato CVA charge. In questo artcolo, anmat dalla necesstà d dentfcare l captale agguntvo rchesto per rsch d controparte per la generaltà d banche non sofstcate dal punto d vsta dell mplementazone e della valdazone d modell ntern, consdereremo:. qual sono gl element chave della rettfca d valore della componente credtza (CVA);. qual sono gl approcc strategc che le banche possono e debbono adottare per gestre tal element; 3. qual sono gl strument che s possono utlzzare per mtgare l rscho CVA; 4. come s possono sfruttare dat utlzzat per le segnalazon d vglanza per calcolare l CVA per quelle banche che adottano l approcco standard non basato su modell ntern.. Il CVA A partre dalla crs del 008, su mercat fnanzar è crescuta a dsmsura la consapevolezza de cost potenzal mplct nelle transazon effettuate con determnate contropart. Pertanto, mentre n passato la valutazone del rscho d controparte era stata gnorata, anche n ragone del numero contenuto d esposzon n dervat e dell elevato merto credtzo delle contropart convolte, dopo la crs è nata la necesstà d valutare l rscho d credto delle contropart e d ncorporare tale valore nel prezzo. Parallelamente, è crescuta la sensbltà delle autortà d vglanza rspetto alla valutazone del rscho d controparte, al punto che la normatva nota come Baslea III ha nserto l obblgo per le banche d determnare un requsto patrmonale (attualmente non d prmo plastro) a fronte della varazone del valore d mercato del rscho d controparte. Il concetto d Credt Value Adjustment appare tuttava anche n altr contest. Infatt, orgnaramente l termne è stato utlzzato per ndcare la volatltà del conto economco dervante dal rscho d nsolvenza della controparte ne portafogl compless d dervat OTC. Da allora, l concetto è stato utlzzato dagl organsm d normazone contable nternazonal (s pens ad esempo allo svluppo dell IFRS 9, ma un requsto analogo è rchesto anche dalla normatva contable statuntense). Lo IAS 39 prevede anche la rlevazone contable sa del CVA che del DVA, ovvero d una apposta rettfca per tener conto della probabltà d nsolvenza del dealer prma che della controparte. Defnamo la rettfca d valore della componente credtza d un dervato OTC (d ora n po CVA) con un semplce esempo che auta a fssare l concetto. Ipotzzamo che la Banca A abba stpulato un contratto IRS con la Banca B. Informazon d mercato ndcano che la Banca B possa dventare nsolvente e che pertanto non sarà n grado d onorare gl eventual pagament de fluss fnanzar legat al dervato. Ipotzzamo che l valore d mercato dello swap sa postvo per la Banca A. Il valore dello swap prma delle notze era noto: mln Il valore dello swap pubblcato dopo la dffusone delle notze : 0,8 mln. La rduzone d valore comporta una perdta da rlevare a conto economco d 0, mln. Per ragon storche, ma anche per comodtà, des d negozazone soltamente prezzano dervat OTC basandos sulla curva de tass senza rscho. Pertanto, al fne d contablzzare la perdta su credt, l CVA è defnto come la dfferenza tra l valore d un dervato OTC senza rscho d nsolvenza e l valore effettvo del dervato che tene conto del possble default della controparte: CVA = Valore d un portafoglo d dervato senza rscho d credto Far value del portafoglo EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 5

6 Bsogna tener presente che questo crtero d calcolo del CVA è unlaterale, n quanto consdera soltanto la probabltà d nsolvenza della Banca B. In realtà, l calcolo del CVA è ancora pù complesso poché anche la varazone del merto d credto della stessa Banca A comporta una varazone del valore del dervato (DVA). Una formula pù accurata è pertanto la seguente: Far value d un portafoglo d dervat OTC = Valore d un portafoglo d dervat senza rscho d credto CVA +DVA E opportuno fare alcune osservazon. In prmo luogo, l CVA e l DVA s basano sulle potenzal perdte su credt della Banca A, nel caso n cu la Banca B dovesse andare n default, e vceversa. La perdta su credt s verfca soltanto se fluss fnanzar resdu al momento del default assumono un valore postvo; pertanto, è soltanto nel caso d far value postvo che va determnato l Credt Valuaton Adjustment. In secondo luogo, mentre l rscho d mercato è dversfcato tra tutt portafogl della banca, una potenzale perdta su credt ncde soltanto sulle operazon con le contropart che vanno n default. I dervat su credt, gl accord quadro d compensazone e l appostazone n blanco d garanze collateral possono essere utlzzat per mtgare questo rscho, attenuando la possble perdta. Il metodo pù dffuso per determnare l esposzone futura è quello delle smulazon Monte Carlo. In ultma stanza, l aggunta del DVA determna una maggore smmetra nella determnazone del prezzo, ma l unco modo per realzzare n pratca l DVA è quello d andare n default e non è esattamente l ntenzone dell azenda! Pertanto, sebbene l DVA consenta d determnare un prezzo pù equo n fase d negozazone, non dovrebbe essere aggunto a fn del calcolo de requst patrmonal. In generale, la formula per determnare l CVA attraverso modell EPE è la seguente: () In altr termn, l Credt Valuaton Adjustment per la controparte a è l ntegrale (o approssmato con la somma nel caso d ntervall dscret) dell esposzone postva attesa attualzzata (EPE), che rappresenta l valore del portafoglo d dervat, ponderato per la denstà d probabltà del default tme della controparte, moltplcato per l LGD (ndcato nella formula come l complemento a del tasso d recupero R (recovery rate) assunto costante). 3. Fattor determnant del CVA Dvers sono fattor che hanno ndotto le banche a rporre la propra attenzone sul calcolo del CVA. I prncpal possono essere dstnt n contabl, regolamentar e fnalzzat alla gestone operatva del rscho d controparte. Contabl Il prmo vero aspetto che ha determnato la necesstà per le banche d calcolare l credt valuaton adjustment è quello contable. Dfatt, l IFRS 9 comporta la necesstà d rlevare la qualtà del credto nella determnazone del far value. Gl utl e le perdte dervant dalle varazon del far value sono rlevate a conto economco. Regolamentar Il secondo aspetto è quello regolamentare. Sccome Baslea II aveva preso n consderazone l rscho d default ma non del Credt Valuaton Adjustment, l CEBS ha ntrodotto, attraverso Baslea III, un nuovo requsto patrmonale legato alla valutazone d mercato delle perdte legate al deteroramento del merto d credto d una determnata controparte. Gestonal Infne, a seguto della stretta credtza del 008 (cosddetto credt crunch) l front offce delle banche s rese conto della necesstà d una mglore quantfcazone, d una pù accurata determnazone de prezz e d un adeguata gestone del rscho d controparte. Alcune banche hanno allestto de CVA des specfc fnalzzat alla gestone de cost e rcav legat al rscho CVA, cu vengono corrspost compens n cambo d un solamento dalle perdte dervant dal rscho d controparte. 4. Baslea III e requst prudenzal La crs fnanzara degl ultm ann ha ndotto l Comtato d Baslea a pubblcare un pacchetto d rforme denomnato Baslea III. Il documento ntroduce delle msure per rafforzare requst patrmonal relatv ad esposzon credtze ne confront d contropart, che nsorgono a seguto della stpula d dervat OTC, d operazon a medo e lungo termne e d pront contro termne da parte della Banca. La regolamentazone prevede anche degl ncentv per trasferre dervat OTC a contropart central. ello specfco, Baslea III ntroduce un nuovo requsto patrmonale relatvo alle potenzal perdte assocate al deteroramento del merto d credto d una controparte applcable a dervat OTC, l CVA rs. Il Comtato stma che con l aggunta del requsto patrmonale relatvo al CVA, requst patrmonal per l rscho d controparte su dervat OTC EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 6

7 raddopperà rspetto a quello calcolato n base alle dsposzon normatve d Baslea II, secondo le qual l rscho d controparte era patrmonalzzato soltanto per la parte relatva al rscho d default. Le banche possono sceglere d adottare uno de due approcc suggert per determnare l requsto patrmonale relatvo al CVA: un approcco standardzzato e un approcco avanzato. L approcco avanzato prevede la valdazone d modell ntern per l calcolo dell EPE da parte dell organo d vglanza, per l utlzzo degl stess a fn d computo del captale regolamentare per rsch d controparte. Entramb metod sono tuttava basat sull approcco bond equvalent potzzando una sere d esposzon zero-coupon alle qual vene applcata la formula del VAR con un orzzonte temporale d un anno e un ntervallo d confdenza del 99%. Le coperture che possono essere ncluse nel calcolo del requsto patrmonale relatvo al CVA rguardano CDS sngle-name, altr strument d copertura smlar che faccano rfermento drettamente alla controparte, e gl ndex CDS. Per poter adottare l approcco CVA avanzato, la banca deve ottenere l approvazone dell organo d vglanza per stmare l EAD de dervat OTC utlzzando l metodo del modello nterno (IMM). La banca deve ottenere l approvazone anche per l modello nterno su rsch d mercato che copre l rscho d tasso specfco delle obblgazon. La formula avanzata prevsta dalla regolamentazone d Baslea III per l calcolo del CVA è la seguente: () che è una possble dscretzzazone della formula esposta n precedenza. Il requsto complessvo per l calcolo del CVA è dato dalla somma del CVA non stressato, n cu l modello EPE è calbrato su uno storco d dat d mercato par agl ultm tre ann, e del CVA stressato, n cu l modello EPE è calbrato sull anno stressato peggore tra quell degl ultm tre ann utlzzat per l calcolo del CVA non stressato. La LGD e lo spread d credto sono mplct ne dat d mercato rflettent un prezzo neutrale rspetto al rscho, contraramente alla LGD storco (approcco wor-out ) rchesta nvece per determnare l rscho d credto a seguto d default. Tutte le altre banche devono utlzzare la formula standard per l calcolo del CVA. Essa comporta l applcazone della seguente formula: (3) Le component specfche della formula (3) per l calcolo del CVA sono rportate e dettaglate al punto 7. Per qualsas controparte che sa anche una componente d un ndce sul quale è utlzzato un CDS a copertura del rscho d credto d controparte, l mporto nozonale attrbuble a tale sngola componente (n base al suo peso quale enttà d rfermento) può, preva approvazone dell autortà d vglanza, essere sottratto dall ammontare nozonale dell ndce d CDS e trattato come una copertura sngle-name (B) della sngola controparte con scadenza basata sulla scadenza dell ndce. Tale approcco è basato sulle stme dell EAD per cascun accordo d compensazone, untamente al calcolo della maturty delle operazon. A cascuna controparte deve essere attrbuto un peso corrspondente a un ratng esterno. È possble mtgare l rscho d CVA con adeguate coperture, come vedremo n seguto. Pyhtn (0) ha dmostrato che tale formula è dervable drettamente dalla formula dell approcco avanzato ntroducendo una sere d semplfcazon, atte a permetterne una computazone pù semplce ma che n cert cas può rsultare puttosto approssmatva. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 7

8 5. Le stratege possbl per la gestone del rscho CVA Per quanto rguarda la scelta d coprre o d negozare l rscho CVA, le banche possono adottare stratege dverse a seconda della dmensone del portafoglo d dervat OTC e delle stratege della banca. Consderato che progett sulla gestone del CVA rguardano pù dvson all nterno d una struttura e pù aree d affar, è necessaro che l alta drezone abba un accordo d massma sulle modaltà d gestone del rscho CVA e sul grado d sofstcazone che s ntende applcare alla gestone del rscho CVA. È pertanto possble suddvdere tal stratege n base alla dmensone della banca. Esse possono essere così elencate: Calcolo Questa stratega consste n una mera msurazone e aggregazone de rsch relatv al CVA. I servz contabltà e rs management saranno prncpal utlzzator d questa funzone. Tale stratega rsponde a tutt gl obblgh d complance e alle esgenze legate alle segnalazon d vglanza. Consulenza In questo tpo d stratega, oltre a determnare l CVA la banca fornrà consulenza agl uffc negozazone n merto a rsch legat al calcolo del CVA. Per esempo, lmt operatv sulle poszon possono ncludere anche l CVA, oppure agl addett alle negozazon possono essere rconoscut degl spread da addebtare a seconda delle contropart. Copertura In questo tpo d stratega, l rscho è trasferto da des operatv d negozazone a un CVA des, per esempo applcando una commssone una tantum al des d negozazone. Il CVA des assume pertanto la responsabltà d gestre l mpatto sul conto economco del CVA e, per esempo, d coprrlo utlzzando l mercato de CDS. egozazone In questo caso, nvece, l CVA des dventa un centro d proftto. La banca non copre soltanto l propro rscho CVA ma prende anche delle poszon specfche sul CVA. Questa condotta è pù potzzable per maggor player del mercato de dervat credtz. È potzzable che la maggor parte delle banche talane adotteranno nzalmente una mera stratega d calcolo, lmtandos a calcolare requst prudenzal sul CVA rs prevst da Baslea III, mentre grand player bancar adotteranno stratege d copertura e/o d negozazone. 6. Gl strument d mtgazone del rscho CVA A prescndere dalla stratega d gestone del rscho CVA adottata dalla banca, gl strument d mtgazone del rscho qual gl accord quadro d compensazone ( Master ettng Agreements) e CSA (Credt Support Annex), che s aggungono a Credt Default Swaps e Index CDS, consentono d rdurre l requsto patrmonale rchesto a fronte de contratt soggett a rscho d controparte. Oltre a quest strument, pù raramente, possono esserc coperture specfche, alla stregua d asscurazon, o accord d compensazone afferent a dvers strument fnanzar, per contropart. Con la stpula d un accordo d collateral collegato al Contratto ISDA, denomnato Credt Support Annex (CSA), le part s accordano d depostare n garanza, presso la parte credtrce, un mporto par al valore mar-to-maret dell esposzone. Perodcamente vene fatto l rcalcolo dell esposzone per valutare la congrutà del deposto. Con gl accord quadro d compensazone le part possono convenre d compensare le obblgazon recproche dervant da dvers contratt (l utlzzo d tale modaltà consente una rduzone dell assorbmento d captale d vglanza, preva aderenza alle valutazon d conformtà). In partcolare, tal accord consentono d utlzzare a fn dell abbattmento de requst prudenzal le esposzon con far value negatvo, per le qual al momento s determna soltanto l add-on. Gl accord d recouponng, nfne, sono accord che prevedono perodcamente la pre-chusura dell operazone dervata n essere, la lqudazone dell mporto dovuto tra le part e l accensone d una nuova operazone con scadenza par all operazone orgnale, ma con parametr d rfermento aggornat al momento della nuova stpula. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 8

9 7. L utlzzo de dat d vglanza per l calcolo del CVA Le banche che decdono d adottare una stratega d mera msurazone del credt valuaton adjustment al fne d adempere agl obblgh segnaletc d vglanza, possono avvalers delle nformazon n nput alla procedura d vglanza PUMA per dentfcare ed estrarre camp necessar al calcolo. Lo schema che segue descrve le attvtà da svolgere per calcolare l CVA attraverso dat segnaletc. S premette che allo stato attuale delle dsposzon normatve, l CVA va calcolato soltanto su dervat over-the-counter, tralascando pertanto le operazon a medo-lungo termne e le attvtà n pront contro termne. Per cascun elemento s descrvono le modaltà d estrazone delle nformazon necessare alla valorzzazone de sngol element. Gl element della formula per l calcolo nel caso dell approcco non-imm sono rportat nella tabella seguente. Element della formula: Modaltà d acquszone e calcolo,33 Impostazone d una costante. Corrsponde all ntervallo d confdenza, nel calcolo del VAR, del 99%. Radq(h) Orzzonte temporale mpostato a. Calcolata come meda delle scadenze resdue ponderata con nozonal d cascun contratto soggetto a requst d rscho d controparte n essere con detta controparte. L'accordo sul captale del 006, al paragrafo 30, consente alle banche d utlzzare la vta resdua n assenza d un modello per l calcolo dell'effectve M maturty. Impostazone della tabella de ratng predefnta nel documento d Baslea. In caso d w assenza d ratng, l peso è mpostato a (par al ratng BBB). Calcolata come somma algebrca d cascun valore corrente (mar to maret + addon "equvalente credtzo"), consderando sa valor postv che negatv. Tal EAD total valor sono po scontat con l fattore d sconto specfcato nella normatva. ozonale Fattore d sconto. Il valore nozonale vene utlzzato nel calcolo della maturty. Valore corrente S utlzza l valore corrente per determnare l EAD. E la vta resdua (o, se dsponble, la maturty) dello strumento d copertura avente hedge come nozonale l valore B. Le quanttà (M B ) devono essere sommate se c hedge M sono pù poszon). E l valore nozonale d coperture tramte sngle name CDS acqustate (sommate se trattas d pù poszon) facent rfermento alla controparte e utlzzato per coprre l rscho d CVA. Tale valore deve essere scontato a un tasso d attualzzazone del 5%. B 0,75 Costante 0,50 Costante E l peso applcable a coperture per ndc. La banca deve rcondurre gl ndc a uno de sette pes rportat nella tabella de ratng, n base allo spread medo w nd dell ndce nd. E la vta resdua (o maturty) della copertura per ndc. el caso d pù poszon d copertura per ndc, l valore rappresenta la vta meda resdua ponderata per l M nd valore nozonale. E l valore nozonale d uno o pù CDS su ndc d protezone acqustata, utlzzat a fn d copertura del rscho CVA. Tale valore deve essere scontato per l fattore d sconto prevsto. B nd EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 9

10 el caso d una banca che non utlzza modell ntern ("non IMM") e con poszon soggette al rscho d controparte sprovvste d copertura sa drettamente tramte CDS ("CDS hedge") o ndrettamente tramte ndc la formula (3) d cu al 04 del documento "Basel III: A global regulatory framewor for more reslent bans and banng system" dvene: n quanto: h = M hedge = 0 M nd = 0 Per calcolare K s deve computare per cascuna controparte -esma (=,...,n) quanto segue: w M EAD TOT s derva dalla tabella d cu alla pagna 36 del documento Basel III: A global regulatory framewor for more reslent bans and banng system e dpende dal ratng della controparte. el caso la controparte sa non rated s potrebbe convenre d utlzzare l ratng nterno IRB se dsponble con un mappng prudenzale rspetto a ratng d S&P present nella ctata tabella, o, n alternatva, l ratng banca, o s possono proporre altre alternatve ragonevol e prudenzal; è calcolable quale meda delle scadenze resdue ponderata con nozonal d cascun contratto soggetto a requst d rscho d controparte n essere con detta controparte; è calcolable quale somma algebrca d cascun valore corrente (mar to maret + add-on "equvalente credtzo"), consderando sa valor postv che negatv, e dove cascuna esposzone vene scontata applcando l fattore. (4) 7.. L estrazone de dat La procedura da segure per la predsposzone de dat da utlzzare a fn del calcolo è la seguente:. ndvduare tutte le forme tecnche orgnare (secondo la defnzone della Banca d Itala) su dervat OTC che confluscono nella forma tecnca dervata della Sezone 4. della base n cu è rportato l rscho d controparte su dervat over the counter;. ell estrarre dat, bsogna escludere rapport nfragruppo se la banca fa parte d un gruppo, oltre ad elmnare tutt que rapport che sono quotat su mercat regolamentat. 7.. La predsposzone de dat elementar Una volta estratt record relatv a tutt rapport nteressat al calcolo, l secondo passo consste nel selezonare record relatv a dervat OTC che vanno trattat. Tpcamente, le banche che adottano l approcco standard utlzzano l metodo del valore corrente per calcolare l rscho d controparte. Secondo tale approcco, l rscho d controparte è calcolato n base all equvalente credtzo, dato dalla somma del costo d sosttuzone e dell add-on (esposzone credtza futura) n assenza d accord quadro d compensazone, per quanto rguarda dervat avent un far value postvo. el caso n cu l dervato non dovesse avere un valore postvo, s calcola soltanto l add-on; cò è dovuto al fatto che l esposzone potrebbe n futuro assumere una valenza postva. A questo punto, qualora non sa stato possble estrapolare drettamente camp necessar dalla procedura PUMA, è preferble predsporre una base dat contenente soltanto dat necessar al calcolo, che sono: l ndg della controparte; l valore nozonale del dervato; l EAD; l ratng; la vta resdua ( gorn d vta resdua devono essere convertt n ann e frazon d anno); l far value (postvo); l costo d sosttuzone; l add-on (n caso d far value negatvo); l valore corrente calcolato nel modo che segue: o n caso d far value postvo, è stato preso l valore corrente rportato nel campo prevsto dalla Banca d Itala che comprende anche l add-on e determna l RWA per l calcolo del rscho d controparte; o n caso d far value negatvo è stato consderato soltanto l'add-on. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 0

11 7.3. La predsposzone de dat ntermed e le modaltà d calcolo Una volta calcolat dat elementar per ogn sngola esposzone, attraverso una tabella pvot d excel è possble procedere all'aggregazone per controparte e calcolare per cascuna d esse:. l valore nozonale complessvo;. la somma de prodott de valor nozonal per la vta meda resdua, al fne d determnare la vta meda ponderata complessva (n ann) delle esposzon ne confront d una medesma controparte; 3. valor corrent scontat (al fattore d attualzzazone del 5% ndcato nella tabella precedente) d tutte le esposzon verso una medesma controparte; 4. l peso, ndcato dal ratng della controparte; 5. gl EAD ( valor corrent) scontat. A questo punto, abbamo tutt gl element per poter applcare la formula e determnare l credt valuaton adjustment nel caso dell approcco standard per le banche che non utlzzano modell ntern. 8. La gestone del rscho CVA n Veneto Banca In Veneto Banca gà dal 0, all ndoman della pubblcazone del documento d Baslea 3, c s è attvat all nterno dell untà d presdo de Rsch d Mercato e Controparte per addvenre ad una stma del CVA per cascuna controparte con cu s opera nella negozazone d dervat OTC. Lo scopo è stato d poter dsporre con maggore precsone d un ndcatore n termn d perdta potenzale d valore n dette transazon a seguto del mutamento del proflo d credto d cascuna controparte. Al contempo, sempre all nterno del team de Rsch d Mercato s è mantenuto e aggornato un database d credt spreads quotat, o alternatvamente stmat tramte ASW su collateral d rfermento, per dverse scadenze, per le contropart fnanzare sttuzonal con le qual s opera n Fnanza. Cascuna quotazone (almentata anche, dove possble, tramte quotazon d CDS sngle name) funge da drver per poter stmare una funzone step-wse per la probabltà stantanea d default (hazard rate) a tass d recupero fssat convenzonalmente al 30% n ottca prudenzale come da corrente pratca operatva. Per rferment pù specfc s veda Cherubn U. Lucano E. Vecchato W. (004) Copula Methods n Fnance Wley paragrafo Correlated Default Tmes pag. 7. Inoltre, per cascuna controparte s tene presente l lvello d margnazone, che vene mputato alla poszone sngola o d portafoglo a seconda degl accord contrattual, nella fattspece d CSA, e delle modaltà convenute (ad esempo, cash o ttol prevst nel collateral swap agreement convenuto) con cu avvene tale margnazone a dverse frequenze temporal (gornalera, settmanale o mensle). In questo modo per cascuna controparte sttuzonale con cu s sono aperte negozazon n dervat OTC s addvene ad una valutazone del portafoglo n essere comprensva del proflo d rscho d credto della controparte stessa e degl strument d mtgazone che agscono e che vengono valdat nternamente. ella stma de CVA s utlzzano come esplctato n precedenza dat provenent dalle Segnalazon d Vglanza ndvdual per sngola banca del gruppo Veneto Banca a frequenza trmestrale. In questo modo s acqussce una dnamca trmestrale dell aggravo d captale conseguente e s permette all area Fnanza d poter valutare la necesstà o meno d una mtgazone ulterore delle poszon ascrtte a cascuna controparte sttuzonale. Infne, s è mantenuta operatva, come rportato nella polcy nterna vgente su rsch fnanzar, un montoraggo delle operazon n dervat OTC con cascuna controparte, sulla base d una tabella convenuta nternamente contenente tpologe permesse e lmt operatv suddvs per nozonal, scadenze e ratng esterno provenente da ECAI valdata (nel caso del Gruppo Veneto Banca s è scelto l agenza d ratng S&P s). Walter Vecchato e Eugeno Vrgut Bblografa Barfeld R. (Consultant Edtor) 0 A Practconer s Gude to Basel III and Beyond PWC LLP Thomson Reuters Basel Commttee on Banng Supervson, 006, Internatonal convergence of captal measurement and captal standards. A revsed framewor June Banca d Itala, Crcolare 63 - uove dsposzon d vglanza prudenzale per le banche dcembre 006 e succ. agg. Banca d Itala, Crcolare 54 - Segnalazon d vglanza delle sttuzon credtze e fnanzare. Schem d rlevazone e struzon per l'noltro de fluss nformatv novembre 99 e succ. agg. Basel Commttee on Banng Supervson, 009, Revsons to the Basel II maret rs framewor - July Basel Commttee on Banng Supervson, 00, Basel III: a global regulatory framewor for more reslent bans and banng systems - December EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

12 Canabarro and Duffe, 003, Measurng and marng counterparty rs In Asset/Lablty Management for Fnancal Insttutons, edted by L Tlman, Insttutonal Investor Boos Canabarro, Pcoult and Wlde, 003 Analysng counterparty rs Rs September, pages 7, avalable at Cherubn U. Lucano E. Vecchato W. 004 Copula Methods n Fnance Wley Gregory J, 00, Counterparty credt rs, Wley Hull J. Whte A. 0 CVA and Wrong Way Rs Unversty of Toronto worng paper Isda-TBMA-LIBA, 003, Counterparty rs treatment of OTC, dervatves and securtes fnancng transactons June, avalable at Pyhtn M, 0, Counterparty rs management and valuaton In Credt Rs Fronters, edted by T Belecy, D Brgo and F Patras, Wley EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

13 La funzone d convalda d Gacomo Petrn (UBI Banca, Resp. Servzo Valdazone Modell e Process). Premessa Le Dsposzon d Vglanza Prudenzale per le banche e grupp bancar attualmente vgent consderano esplctamente l evoluzone nelle metodologe d gestone de rsch da parte degl ntermedar prevedendo, con rfermento a c.d. Rsch d Prmo Plastro (d credto, d controparte, d mercato e operatv), la possbltà d utlzzare metodologe alternatve per l calcolo de requst patrmonal, caratterzzate da dvers lvell d complesstà nella msurazone de rsch e ne requst organzzatv e d controllo. In partcolare, affnché un ntermedaro possa essere autorzzato dall Autortà d Vglanza ad adottare pù avanzat sstem ntern d msurazone de rsch per la determnazone de requst patrmonal, basat sull mpego d modell ntern per la msurazone de parametr d rscho e/o de correlat requst patrmonal, all nterno de requst organzzatv e d controllo è esplctamente rchesta (dstntamente, per cascuno de c.d. Rsch d Prmo Plastro ) la presenza d un processo d convalda nterna volto a valutare l effcenza e l effcaca del sstema nterno d msurazone. Infatt, per cascuno de c.d. Rsch d Prmo Plastro, l calcolo del requsto patrmonale è dscplnato dalla normatva, che da un lato fornsce le nozon e crter essenzal a cu gl ntermedar devono atteners nell elaborazone de metod ntern, dall altro detta requst organzzatv e quanttatv che gl ntermedar devono rspettare per l rconoscmento de metod a fn prudenzal; n ogn caso, partcolare attenzone vene posta dal regolatore al processo d convalda nterna: nfatt, nel momento n cu le metrche d rscho sono svluppate nternamente dagl ntermedar, la msurazone del requsto patrmonale regolamentare dscende dalle rsultanze de process d stma e d calcolo ntern all ntermedaro, per cu la convalda del sstema d msurazone rsulta essere una componente crucale del processo d revsone regolamentare posto n essere dall Autortà d Vglanza n sede d prma autorzzazone e, successvamente, nel contnuo, n sede d verfca della coerenza delle metrche valdate; attraverso tale processo, gl ntermedar dmostrano all Autortà d Vglanza che ess sono n grado d valutare le performance delle metrche d rscho svluppate nternamente, e che tal metrche rsultano contnuatvamente consstent e coerent, anche n conseguenza sa delle mutate esgenze operatve dell ntermedaro, sa d varazon delle prescrzon normatve, sa d varazon de mercat d rfermento. Per tale ragone l regolatore prescrve che, nelle banche che adottano sstem ntern d msurazone de rsch per la determnazone de requst patrmonal, gl organ azendal sano coerentemente e contnuatvamente nformat delle rsultanze del processo d convalda, coscché: l organo d supervsone strategca, con cadenza almeno annuale, esamn la relazone annuale predsposta dalla revsone nterna e rferment fornt dalla funzone d convalda e assuma, col parere dell organo d controllo, formale delbera con la quale attest l rspetto de requst prevst per l utlzzo de sstem prescelt; l organo con funzone d gestone, nello svolgmento de propr compt, tenga conto delle osservazon emerse a seguto del processo d convalda e delle verfche condotte dalla revsone nterna; l organo con funzone d controllo, avvalendos dell apporto delle funzon d controllo nterno (v nclusa l untà responsable del processo d convalda), nell ambto della pù generale attvtà d verfca del processo d gestone e controllo del rscho valut la funzonaltà e l adeguatezza del sstema stesso, nonché la rspondenza a requst prevst dalla normatva. Coerentemente con tale mpanto ed n conformtà con la normatva d rfermento, s propongono nel proseguo dstnt approfondment specfc per l processo d convalda d cascuno de c.d. Rsch d Prmo Plastro ; da ultmo, n consderazone del ruolo che l processo d convalda assume all nterno del pù ampo sstema de controll ntern, vengono presentate le evoluzon normatve attualmente n atto.. Il processo d convalda de rsch d credto Con rfermento agl ntermedar autorzzat all utlzzo de metod basat su ratng ntern (cd. Internal Ratng Based, IRB) a fn della determnazone de requst patrmonal a fronte del rscho d credto, l esstenza d un processo d convalda nterna costtusce uno de prerequst mnm organzzatv e quanttatv: n dettaglo, l sstema d ratng vene scelto, elaborato e messo n opera da una funzone che svluppa l sstema d ratng (c.d. funzone d svluppo ), sa nella fase d prmo mpanto che n quella d adeguamento successvo, n modo da asscurarne l affdabltà, la rspondenza alle prescrzon normatve, nonché la coerenza con l operatvtà azendale e con l contesto economco n cu la banca opera; la medesma funzone documenta le eventual modfche nelle component e nella complessva struttura del modello, ndcando le ragon de mutament stess. Il sstema d ratng così elaborato vene assoggettato ad un processo d convalda costtuto da un nseme formalzzato d attvtà, strument e procedure volte a valutare l accuratezza delle stme d tutte le component rlevant d rscho e a esprmere un gudzo n merto al regolare funzonamento, alla capactà predttva e alla performance complessva del sstema IRB Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament. Cfr. Banca d Itala, Settembre 0, Documento per la consultazone n matera delle Dsposzon d Vglanza Prudenzale per le Banche: Sstema de controll ntern, sstema nformatvo e contnutà operatva. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 3

14 adottato; 3 l fne ultmo dell attvtà d convalda è qund costtuto dalla verfca (nel contnuo e n manera teratva) dell affdabltà de rsultat del sstema d ratng, nonché del mantenmento della sua coerenza con le prescrzon normatve, con le esgenze operatve azendal e con l evoluzone del mercato d rfermento: l consegumento d quest obettv necessta d anals quanttatve e qualtatve donee alla tpologa e all ampezza de portafogl esamnat, alla complesstà operatva della banca, all affdabltà dell ambente d ndagne. Con specfco rfermento alle attvtà d convalda delle stme de parametr d rscho, l regolatore ndvdua una sere d ndcazon specfche attnent alla convalda delle stme nterne; le prncpal aree d approfondmento rguardano: a) la rappresentatvtà del campone d stma rspetto alla popolazone d applcazone, al momento della stma e ne perod successv; b) le performance de modell quanttatv d assegnazone de ratng e d attrbuzone delle esposzon a pool, n termn d accuratezza, potere predttvo, capactà d ordnare gl affdat n base alla rschostà, con rfermento alle class d attvtà, a sngol portafogl e a opportune dsaggregazon d quest ultm n base a dvers crter d classfcazone (ad esempo dmensone, localzzazone); c) l accuratezza delle stme de parametr d rscho nel confronto con le evdenze emprche successve alla stma (bactestng); 4 d) la performance relatva de sstem e delle stme de parametr d rscho rspetto a opportun termn d confronto (benchmarng); e) le propretà dnamche del sstema d ratng, n termn d stabltà e tass d mgrazone; f) l adeguatezza delle procedure d stress test. Tutte tal aree d approfondmento devono essere rendcontate almeno una volta all anno, d norma con frequenza semestrale; n ogn caso, gl ntermedar autorzzat all utlzzo de metod IRB devono anche dotars d un processo organzzatvo che dscpln le stuazon n cu gl scostament rspetto alle stme de valor effettv della PD, della LGD, de CCF e della EL (ove utlzzata) dvengano tal da mettere n dscussone la valdtà delle stme stesse: le regole rcomprese n tale processo possono tenere conto de ccl economc e d analogh fattor sstematc o nattes d varabltà de default, ma n ogn caso (qualora valor regstrat contnuno a essere superor a quell attes), gl ntermedar autorzzat devono procedere a correggere le stme affnché esse rflettano default e le perdte storcamente regstrate. In modo analogo, l medesmo processo deve anche prevedere specfche procedure per la defnzone d lvell d scostamento accettabl rspetto a benchmar selezonat: nuovamente, almeno n termn general, devono anche essere ndvduate le azon da ntraprendere n caso d sgnfcatvo superamento de predett lvell. Tuttava, come pure prescrtto dal regolatore, l attvtà d convalda non s esaursce nelle sole attvtà d convalda delle stme de parametr d rscho, né nella comparazone (tramte l utlzzo d tecnche statstche) delle msure d rscho effettve con le relatve stme ex ante; nfatt, l processo d convalda rchede anche anals estese a tutte le component del sstema IRB (v compres process operatv, presd d controllo, la documentazone, le nfrastrutture nformatche) volte a valutarne la complessva coerenza; pertanto, l attvtà d convalda s sostanza nella verfca non solo de requst quanttatv, ma anche d quell organzzatv prevst n matera d sstem d ratng, concentrandos qund, nel complesso: sulla valutazone del processo d svluppo del modello, con partcolare rfermento alla logca sottostante e a crter metodologc a supporto della stma de parametr d rscho; 5 sulle anals d performance del sstema d ratng, d calbrazone de parametr, d benchmarng e delle prove d stress (stress test) relatve a portafogl rcompres nel permetro d convalda; sull accertamento che l sstema d ratng sa effettvamente utlzzato ne dvers ambt della gestone. I rsultat dell attvtà d convalda sono adeguatamente documentat e sottopost perodcamente alle funzon d controllo nterno e agl organ azendal; nell ambto d questa nformatva, specfca evdenza vene data a eventual aspett d crtctà. Dal punto d vsta organzzatvo, l processo d convalda deve essere affdato ad una funzone che può avvalers, per l compmento delle vare attvtà, dell apporto d pù untà operatve, purché l untaretà del processo venga asscurata medante la nomna d un responsable che coordn e sovrntenda alle attvtà medesme: la funzone d convalda deve poters avvalere d rsorse dotate d competenze donee al contenuto specalstco de compt da svolgere, e deve essere ndpendente da quelle convolte nelle attvtà d assegnazone del ratng e d erogazone del credto: n partcolare, l responsable della funzone d convalda non deve trovars n stuazone d dpendenza gerarchca rspetto a soggett responsabl d dette attvtà; n lnea generale, la funzone d convalda è ndpendente anche dalla funzone che svluppa l sstema d ratng; n ogn caso essa deve essere altresì ndpendente dalla revsone nterna, che sottopone a verfca l processo e l esto della convalda, rscontrandone l grado d ndpendenza, l adeguatezza e la completezza delle attvtà svolte, la coerenza e fondatezza de rsultat, nonché la perdurante conformtà del sstema IRB a requst stablt dalla normatva. 3 La formalzzazone del processo, degl strument e delle procedure operatve d convalda è soggetta a revsone perodca al fne d preservare la loro adeguatezza n un contesto d contnua evoluzone delle varabl d mercato e delle condzon operatve. 4 Con specfco rfermento alle anals d bactestng della PD, tass effettv d default vanno confrontat con le stme della PD per cascuna classe d ratng (o pool) e, qualora tal tass non rentrno nell ntervallo atteso d valor per la classe (o pool) n questone, devono essere prodotte anals approfondte crca le ragon d tale scostamento; un anals analoga deve essere svolta anche per le stme d LGD e CCF (e per la EL, ove sa utlzzata) dalle banche che utlzzano l metodo IRB avanzato o l metodo IRB per le esposzon al dettaglo. Tal confront s basano su dat storc osservat su un perodo quanto pù lungo possble. 5 el caso d utlzzo d modell acqust da forntor estern, è prevsto che l ntermedaro sottoponga anche tal modell ad un processo d convalda nterna; qualora tuttava l modello esterno venga utlzzato come completamento d un pù ampo sstema nterno e l ntermedaro dmostr che l esclusone della componente esterna dal sstema nterno non rduce n manera determnante la performance d quest ultmo, la convalda del modello esterno può essere rcompresa nella convalda del complessvo sstema nterno. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 4

15 Conformemente al prncpo n base al quale, ne grupp bancar, spetta alla capogruppo la decsone strategca d adottare un sstema IRB, è responsabltà della medesma capogruppo d asscurare che l artcolazone delle funzon d convalda e revsone all nterno del gruppo rsponda alle esgenze d untaretà nella gestone e nel controllo del sstema IRB. 3. Il processo d convalda del rscho d controparte Il rscho d controparte è l rscho che la controparte d una transazone avente a oggetto determnat strument fnanzar rsult nadempente prma del regolamento della transazone stessa; s tratta d una partcolare fattspece del rscho d credto, che genera una perdta se le transazon poste n essere con una determnata controparte hanno un valore postvo al momento dell nsolvenza: a dfferenza del rscho d credto generato da un fnanzamento, dove la probabltà d perdta è unlaterale, n quanto essa è n capo alla sola banca erogante, l rscho d controparte crea, d regola, un rscho d perdta d tpo blaterale, n quanto l valore d mercato della transazone può essere postvo o negatvo per entrambe le contropart. Con rfermento agl ntermedar autorzzat all utlzzo de modell ntern d tpo EPE (Expected Postve Exposure) a fn della determnazone de requst patrmonal a fronte del rscho d controparte, l esstenza d un processo d convalda nterna non è specfcamente esplctato dal regolatore; trattandos tuttava d una partcolare fattspece del rscho d credto, sono applcabl per analoga prncp gà analzzat con rfermento al processo d convalda del rscho d credto, fatte salve le norme specfche d seguto rchamate: (a) l processo d convalda è costtuto da una sere d attvtà e procedure volte ad asscurare che l modello sa progettato n manera corretta e coerente e n grado d catturare adeguatamente tutt rsch rlevant; la convalda deve essere effettuata quando l modello vene nzalmente svluppato e quando vengono apportate delle modfche sgnfcatve, e deve anche essere condotta su base contnuatva; l attvtà d convalda deve essere svolta da parte d soggett qualfcat e ndpendent dal processo d svluppo del modello stesso, ancorché collocat funzonalmente nella stessa untà operatva d gestone del rscho. In ogn caso le attvtà d convalda devono essere svolte da soggett non convolt nella funzone d revsone nterna; (b) con rfermento a dat d mercato utlzzat per calcol del modello, la banca deve porre n essere un processo d convalda ndpendente de prezz e delle altre varabl fornte dalle untà operatve; tutt dat devono essere aggornat n manera tempestva e completa e conservat n un sstema d archv soggett a controll formal e perodc da parte dell untà d controllo nterno sulla base d una procedura che preveda verfche d ntegrtà e correttezza; (c) l modello per l calcolo dell'epe è soggetto ad un processo d valdazone nterna, dscplnato da apposte procedure formalzzate, nell ambto del quale s devono prevedere anals e test sulla robustezza statstca e sulla completezza del modello; qualora sa ncluso nel modello l trattamento del rscho specfco, la convalda nterna deve rguardare anche l rspetto degl ulteror requst normatv relatv al trattamento de rsch specfc (n partcolare, con rfermento all IRC, è oggetto d convalda nterna anche l approcco per la determnazone delle correlazon); (d) a fn d rendere pù conservatva la propra stma dell'epe, l ntermedaro deve porre n essere quanto meno le seguent procedure d controllo, conservando dat e rsultat: a. dentfcazone e msura dell esposzone al rscho specfco d correlazone sfavorevole; b. per le esposzon con un proflo d rscho crescente dopo un anno, raffronto su base regolare della stma dell'esposzone postva attesa nell orzzonte annuale con l'esposzone postva attesa nell'arco della durata dell'esposzone; c. per le esposzon con durata resdua nferore ad un anno, confronto su base regolare del costo d sosttuzone (esposzone corrente) con l proflo d rscho effettvamente realzzato. Poché l modello nterno utlzzato per calcolare l'esposzone al rscho d controparte deve essere strettamente ntegrato nel processo d gestone quotdana del rscho, pare opportuno che l processo d convalda ncluda l attestazone della conservazone delle evdenze relatve all'utlzzo effettvo a fn ntern del modello nterno. 4. Il processo d convalda de rsch d mercato Con rfermento agl ntermedar autorzzat all utlzzo della metodologa basata su modell ntern a fn della determnazone de requst patrmonal a fronte de rsch d mercato ammess (rscho d poszone con rfermento al portafoglo d negozazone a fn d vglanza; rsch d cambo e d poszone su merc con rfermento all ntero blanco), l processo d convalda è costtuto da una sere d attvtà e procedure volte ad asscurare che l modello sa progettato n manera corretta e coerente e n grado d catturare adeguatamente tutt rsch rlevant. La convalda deve essere effettuata quando l modello vene nzalmente svluppato e quando vengono apportate delle modfche sgnfcatve. La convalda deve anche essere condotta su base contnuatva. Anche n questo caso, l attvtà d convalda deve essere svolta da parte d soggett qualfcat e ndpendent dal processo d svluppo del modello stesso, ancorché collocat funzonalmente nella stessa untà operatva d gestone del rscho. In ogn caso le attvtà d convalda devono essere svolte da soggett non convolt nella funzone d revsone nterna. Qualora sa ncluso nel modello l trattamento del rscho specfco, la convalda nterna deve rguardare anche l rspetto degl ulteror requst normatv relatv al trattamento de rsch specfc; n partcolare, con rfermento all IRC 6, è oggetto d convalda nterna anche l approcco per la determnazone delle correlazon. La convalda nterna del modello deve prevedere almeno: 6 Per Incremental Rs Charge (IRC) s ntende la msura della perdta potenzale massma che rsulterebbe da una varazone d prezzo dervante dal rscho d default (nadempenza) oppure da una varazone d classe d ratng dell emttente. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 5

16 (a) stud att a dmostrare che le assunzon adottate nel modello nterno sano approprate e non sottostmno l rscho. A ttolo d esempo le assunzon sottoposte a verfca possono ncludere l'potes della normaltà della dstrbuzone, l'uso della radce quadrata del tempo per passare da un orzzonte temporale d un gorno ad uno decadale, l utlzzo d tecnche d nterpolazone o d estrapolazone nella costruzone delle curve e/o delle sere storche, la robustezza de modell d valutazone; (b) n aggunta a programm d valutazone retrospettva regolamentar, anals condotte utlzzando prove addzonal che possono ncludere, ad esempo: test condott utlzzando varazon potetche del valore del portafoglo (che s realzzerebbero qualora le poszon d fne gornata rmanessero mmutate); test basat su perod d osservazone pù lungh d quanto rchesto per l programma d valdazone retrospettva regolamentare (ad es. 3 ann); test condott con ntervall d confdenza dvers da quello, par al 99 per cento, rchesto dagl standard quanttatv; 7 test retrospettv basat su portafogl defnt ad un lvello nferore rspetto all ntero portafoglo d negozazone a fn d vglanza della banca. (c) con rfermento al modello IRC, per l quale non sono prevst test retrospettv regolamentar, un ampa gamma d prove d stress ncludendo anche anals d senstvtà e d scenaro, n modo da valutare la robustezza quanttatva dell approcco scelto con partcolare attenzone al rscho d concentrazone. I rsultat delle attvtà d convalda devono n ogn caso essere adeguatamente documentat e sottopost alle valutazon della funzone d controllo nterno e degl organ azendal; nell ambto d questa nformatva specfca evdenza deve essere fornta a eventual aspett d crtctà. Poché noltre l modello nterno deve ncorporare tutt fattor d rscho utlzzat dall ntermedaro per fnaltà d prcng, qualora un fattore d rscho sa approssmato, l ntermedaro deve dmostrare che la qualtà dell approssmazone è accettable e sottoporre tale approssmazone a convalda nterna. 5. IL PROCESSO DI COVALIDA DEI RISCHI OPERATIVI Anche con rfermento agl ntermedar autorzzat all utlzzo de metod Avanzat (cd. Advanced Measurement Approaches, AMA) a fn della determnazone de requst patrmonal a fronte de rsch operatv, l esstenza d un processo d convalda nterna costtusce uno de prerequst mnm organzzatv e quanttatv: n dettaglo, presd gestonal e d controllo su rsch operatv, ulterormente rafforzat rspetto a metod base, sono soggett a requst specfc, oltre che per l sstema d gestone, anche per quello d msurazone de rsch operatv, con partcolare rfermento alle caratterstche de dat, al processo d raccolta ed elaborazone degl stess, al modello d calcolo del requsto patrmonale; s rchede, noltre, che l sstema d msurazone sa strettamente ntegrato ne process decsonal e nella gestone del rscho; un processo d convalda nterna è volto a verfcare, su base contnuatva, la qualtà complessva de sstem d gestone e d msurazone de rsch operatv e la loro rspondenza nel tempo alle prescrzon normatve, alle esgenze azendal e all evoluzone del mercato d rfermento. Il processo d convalda nterna è costtuto da un nseme strutturato d procedure e attvtà; queste ultme devono rcomprendere la verfca dell affdabltà del calcolo del requsto patrmonale nonché l accertamento dell utlzzo del sstema d msurazone nell ambto de process decsonal e nella gestone de rsch operatv. Smlmente a quanto gà consderato n precedenza, anche n questo caso la responsabltà del processo d convalda nterna deve essere unvocamente attrbuta, ed l processo d convalda nterna deve avvalers d rsorse caratterzzate da donee competenze specalstche e prevalentemente ndpendent da responsabl delle attvtà che generano o subscono le perdte operatve; noltre, l processo d convalda deve rsultare ndpendente dalla funzone d revsone nterna, che sottopone a verfca l processo e l esto della convalda, al fne d accertarne l adeguatezza, la completezza, l oggettvtà e la coerenza de rsultat. I rsultat del processo d convalda devono essere adeguatamente documentat e perodcamente sottopost alla funzone d revsone nterna, ad altre strutture o funzon nteressate e agl organ azendal: nell ambto d questa nformatva specfco rlevo va dato agl aspett del sstema d gestone e msurazone de rsch operatv suscettbl d mgloramento, anche n relazone a modfche nella struttura e nell operatvtà della banca, e alle valutazon n merto al rspetto de requst d donetà. Rsultano qund rcomprese all nterno del processo d convalda: la verfca della sussstenza delle c.d. sogle d accesso stablte dalla normatva; 8 la verfca della sussstenza de c.d. element caratterzzant del sstema d gestone de rsch operatv, con partcolare attenzone alla loro documentazone e alla defnzone d responsabltà charamente defnte; 9 7 Il calcolo del VaR vene effettuato su base gornalera; n aggunta, deve essere calcolata, con frequenza almeno settmanale, una msura d VaR n condzon d stress calbrata rspetto a dat regstrat n un perodo storco nnterrotto d mes sgnfcatvamente avverso per l portafoglo della banca: la scelta d tale perodo è valutata espressamente dalla Banca d Itala nell ambto del processo d autorzzazone a fn prudenzal del modello nterno e sottoposta a convalda nterna da parte dell ntermedaro con frequenza almeno annuale. Il calcolo del VaR e del VaR n condzon d stress prevedono n ogn caso un ntervallo d confdenza unlaterale del 99 per cento e un perodo d detenzone par a 0 gorn; l ntermedaro può calcolare l VaR con un perodo d detenzone pù breve ed applcare delle regole d estrapolazone a 0 gorn, ma anche tal regole devono essere sottoposte al processo d convalda. 8 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone I. 9 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone II. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 6

17 la valutazone d donetà ed effcaca del sstema d raccolta e conservazone de dat su rsch operatv, che deve garantre l raggungmento e l mantenmento de requst d completezza, affdabltà e aggornamento de dat; 0 la verfca n merto al sstema d reportng, che deve asscurare nformazon tempestve n matera d rsch operatv agl organ azendal e a responsabl delle funzon organzzatve nteressate; è anche rcompresa la verfca del rspetto de contenut mnm stablt dalla normatva; la valutazone d effettva ntegrazone del sstema d msurazone de rsch operatv ne process decsonal e nella gestone de rsch; la verfca del fatto che esso rsult funzonale a rafforzare l sstema d gestone de rsch operatv, a fn del mgloramento de process azendal e del sstema de controll ntern; l accertamento dell effettvo utlzzo a fn gestonal del sstema d msurazone de rsch operatv; la verfca dell accuratezza e dell adeguatezza del sstema d msurazone de rsch operatv e de suo rsultat, con partcolare rguardo alla capactà d coglere le prncpal determnant d rscho operatvo, spece quelle che nfluscono sulla coda delle dstrbuzon, e d ncorporare cambament ntervenut nel proflo d rscho; 3 la replcabltà delle stme e de rsultat del modello d calcolo del requsto patrmonale; 4 la verfca della conservazone de dat rfert alle quattro component d cu s è tenuto conto per la determnazone del requsto patrmonale relatvo agl ultm tre ann; 5 l effettuazone d controll volt a verfcare (n termn d accuratezza, rlevanza e completezza) l rspetto dello standard azendale d qualtà de dat relatv a cascuna componente, rscontrando anche l rspetto de crter e de process funzonal alla raccolta e alla conservazone de dat relatv a cascuna componente; sono ammssbl anche verfche a campone tra dat ntern d perdta operatva e le relatve evdenze contabl; 6 le verfche d sussstenza d un adeguato pano d contnutà operatva, che asscur (n caso d dsastro) l recupero de sstem e degl archv utlzzat per la msurazone de rsch operatv, nonché d una adeguata poltca d scurezza volta a prevenre l accesso a dat da parte d soggett non autorzzat; 7 con rfermento a dat ntern d perdta operatva, autonom rscontr n merto a tutt requst esplctat dal regolatore sul tema specfco; 8 con rfermento a dat estern d perdta operatva, autonom rscontr n merto a tutt requst esplctat dal regolatore sul tema specfco; 9 con rfermento alle anals d scenaro, autonom rscontr n merto a tutt requst esplctat dal regolatore sul tema specfco; 0 con rfermento a fattor d contesto operatvo e del sstema de controll ntern, autonom rscontr n merto a tutt requst esplctat dal regolatore sul tema specfco; con rfermento al modello d calcolo, autonom rscontr n merto a tutt requst esplctat dal regolatore sul tema specfco; nfne, con rfermento alla determnazone del requsto patrmonale, autonom rscontr n merto a requst esplctat dal regolatore n matera d calcolo, d detrazone degl accantonament dalle perdte attese, d correlazone e d trasfermento de rsch operatv. 3 Da ultmo, qualora l ntermedaro sa autorzzato all uso combnato d pù metod, a lvello ndvduale e consoldato, rentrano nel processo d convalda anche autonome verfche su requst d utlzzo esplctat dal regolatore Le evoluzon normatve n atto ello scorso mese d settembre, Banca d Itala ha avvato un processo d consultazone sul sstema de controll ntern, sul sstema nformatvo e sulla contnutà operatva, nel contesto d una evoluzone delle Dsposzon d Vglanza Prudenzale: le proposte dalla Banca d Itala su controll ntern delle banche e de grupp bancar recepscono pù recent orentament nternazonal del CEBS (ora EBA) n tema d revsone del quadro regolamentare, n partcolare allneandos alle prevson della proposta d drettva CRD4, al fne d promuovere l rafforzamento della capactà delle banche d gestre rsch azendal nella convnzone che, nel complesso, un pù robusto sstema de controll ntern e una pù effcace gestone de rsch possono contrbure a contenere le perdte per le banche. 0 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone II. Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone II. Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone II. 3 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III. 4 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III. 5 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III. 6 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III. 7 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III. 8 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III, par... 9 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III, par... 0 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III, par..3. Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III, par..4. Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone III, par Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Terza, Sezone IV. 4 Cfr. Crc. 63 Banca d Itala del 7 dcembre 006 e successv aggornament, Ttolo II, Captolo 5, Parte Quarta. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 7

18 Con specfco rfermento al processo d convalda, s conferma l prncpo n base al quale process e le metodologe d valutazone, anche a fn contabl, delle attvtà azendal devono essere ntegrat con l processo d gestone del rscho, e la defnzone e la convalda delle metodologe d valutazone devono essere affdate a untà dfferent. La normatva n consultazone rafforza l ruolo del processo d convalda, anche per le sttuzon fnanzare non esplctamente orentate all adozone d metodologe avanzate per la msurazone de c.d. rsch d Prmo Plastro : è nfatt esplctamente rchesto che l organo con funzone d supervsone strategca approv anche l processo per lo svluppo e la convalda de sstem ntern d msurazone de rsch non utlzzat a fn regolamentar e ne verfch perodcamente l corretto funzonamento; l documento d consultazone rmanda noltre, per quanto concerne l utlzzo de sstem ntern d msurazone de rsch per la determnazone de requst patrmonal, alle specfche dsposzon organzzatve che dscplnano le vare tpologe d rscho rlevant a fn prudenzal, gà consderate ne paragraf precedent. Inoltre, la funzone d convalda non vene esplctamente rchamata come funzone azendale d controllo, n quanto consderata come funzone d verfca della conformtà a norme specfche, all nterno della funzone d controllo de rsch (rs management functon): nfatt, gl ntermedar che adottano sstem ntern per la msurazone de rsch, se coerente con la natura, la dmensone e la complesstà dell attvtà svolta, ndvduano all nterno della funzone d controllo de rsch untà preposte alla convalda d dett sstem ndpendent dalle untà responsabl dello svluppo degl stess. 7. Concluson el consderare l utlzzo delle metodologe pù avanzate per l calcolo de requst patrmonal a fronte de c.d. Rsch d Prmo Plastro (d credto, d controparte, d mercato e operatv), è stato consderato come la presenza d un processo d convalda nterna, volto a valutare l effcenza e l effcaca del sstema nterno d msurazone, sa un requsto normatvo esplcto: nfatt, per cascuno de c.d. Rsch d Prmo Plastro, l calcolo del requsto patrmonale è dscplnato dalla normatva, che da un lato fornsce le nozon e crter essenzal a cu gl ntermedar devono atteners nell elaborazone de metod ntern, dall altro detta requst organzzatv e quanttatv che gl ntermedar devono rspettare per l rconoscmento de metod a fn prudenzal; n ogn caso, partcolare attenzone vene posta dal regolatore al processo d convalda nterna. Coerentemente con tale mpanto ed n conformtà con la normatva d rfermento, sono stat qund presentat approfondment specfc per l processo d convalda d cascuno de c.d. Rsch d Prmo Plastro ; nfne, alla luce delle recent evoluzon n essere, è stato consderato l ruolo che l processo d convalda dovrebbe assumere all nterno del pù ampo sstema de controll ntern, evdenzando come tal evoluzon rbadscano la centraltà del processo d convalda anche per le sttuzon fnanzare non esplctamente orentate all adozone d metodologe avanzate per la msurazone de c.d. rsch d Prmo Plastro. Gacomo Petrn EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 8

19 Rs governance e rs management: quanto le mprese energy e utlty sono assmlabl alle banche? d Florcel Rugero (Credt and Counterparty Rs Management, Rs Governance and Control, Enel S.p.A.) Abstract Le mprese non fnanzare, come le mprese energy e utlty, presentano contestualmente analoge e dfferenze nella gestone e nel governo de rsch rspetto agl ntermedar vglat, per qual la normatva e la vglanza prevedono orma da tempo strngent requst d governance, organzzatv e metodologc. Da un lato costtuscono ancora un eccezone le mprese non fnanzare che hanno attvato presd d Rs Management ndpendent e modell ntern per l dentfcazone, la msurazone, l montoraggo, l controllo de rsch e che rconoscano l governo de rsch come uno de plastr della Corporate Governance e della defnzone delle stratege azendal. Dall altro la Rs governance rappresenta o dovrebbe sempre rappresentare l altra facca della medagla del governo d mpresa e può costture l unco strumento effcace per l contenmento de cost sstemc della crs e per la salvaguarda del valore azendale. Aspett ntroduttv Ad ogg s può ragonevolmente affermare che n nessun ntermedaro vglato (bancaro, credtzo, fnanzaro) le attvtà d rs management rsedono nelle strutture operatve e d busness. O almeno così dovrebbe essere se c s attenesse a prncp regolator e normatv. La normatva e la regolazone d rfermento, nfatt, rchedono gà da oltre un decenno, per gl ntermedar vglat, l attvazone d funzon organzzatve d Rs Management ndpendent (gerarchcamente e funzonalmente) dalle aree operatve; n partcolare, l rporto funzonale ed organzzatvo del Rs Management degl ntermedar è tradzonalmente n staff al Top Management (tpcamente al Chef Executve Offcer, CEO) e, n una logca evoluta, al Board (Consglo d Sorveglanza o Collego sndacale). Anche laddove la regolamentazone è a magle larghe s veda l caso degl Hedge Funds o d altr operator specalzzat l percorso d attvazone d presd ndpendent dedcat alla gestone ed al controllo de rsch è (o dovrebbe essere) orma ntrapreso. I fattor determnant per la dverstà degl approcc al governo de rsch da parte degl ntermedar fnan-zar e delle mprese non fnanzare sono da rnvenre n prmo luogo nel quadro regolamentare. Uno degl ncentv prortar per gl ntermedar per l adozone d modell d rs governance, d gestone de rsch e d metodologe nterne d msurazone degl stess è da rcondurs al frame regolatoro fondato n prmo luogo sulle dverse struzon d Baslea. Tale quadro, oltre a non essere vncolante per le mprese ndustral o del terzaro, non è nemmeno tout court applcable alle stesse n consderazone della dversa operatvtà. La normatva d Baslea, nfatt, ncentrata su requst d captale, offre degl utl spunt crca gl aspett organzzatv, metodologc ed applcatv d rs management per le mprese non vglate ma è d dffcle applcabltà nel suo fne ultmo d determnazone degl assorbment e de requst patrmonal. L unverso delle mprese non fnanzare presenta tratt nella gestone e nel governo de rsch ben dfferent rspetto al mondo degl ntermedar vglat. Sono ancora molto rar cas d azende che abbano attvato presd d rs management ndpendent e lo svluppo d modell ntern per l dentfcazone, la msurazone, l montoraggo, l controllo de rsch e che rconoscano le attvtà d rs management come un nput mprescndble per la defnzone delle stratege azendal. Un punto nodale per l attvazone d tale sstema rsede nella pena dsponbltà de fluss nformatv nerent all operatvtà (a tutt lvell d delega) alle strutture deputate alla gestone de rsch. Cononostante, ch scrve ntende n tale sede sottolneare la necesstà per le mprese d dotars d modell d rs governance assmlabl a quell domnant (o auspcat) n ambto bancaro, evdenzando le smlartà operatve delle due realtà (bancara ed energy/utlty), n tema d fattor d rscho cu sono esposte, che gustfcano l adozone d medesm approcc metodologc per la loro gestone. Tale convncmento è stato d recente ulterormente rafforzato dall orentamento d alcun standard setter nternazonal (Agenze d Ratng, Assocazon Internazonal, Socetà d Borsa). In Itala uno degl ultm att n tale drezone (a conoscenza d ch scrve) è stata l emanazone del nuovo Codce d Autodscplna delle socetà quotate del 0 ed n vgore da gennao 0: un passo scuramente non esaustvo, vsto che delnea solo ndrzz non vncolant ed nerent esclusvamente alle socetà quotate, ma che attva una rflessone sul tema. Rferment normatv e standard setter onostante la gestone de rsch sa un fondamento della stessa attvtà d mpresa, le autortà competent solo d recente hanno ntrodotto requst fortemente ncentvant e - s not bene - non vncolant, per l attvazone d sstem per la loro msurazone, l montoraggo e l controllo, con specfco rfermento alle socetà quotate. ell ambto della regolamentazone per le mprese, nfatt, fn dagl ann ovanta, sono stat ntrodott requst per l generale sstema de controll ntern. Tuttava, l regolatore non esplctava requst nerent alla msurazone e al montoraggo de rsch, dfferentemente da quanto dsposto per gl ntermedar vglat. Borsa Italana (0), Codce d Autodscplna delle Socetà quotate. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 9

20 Solo nel 0, e con specfco rfermento alle socetà quotate, la Consob ha ntrodotto, nel Codce d Autodscplna, un esplcto ndrzzo sul tema d gestone de rsch, trasformando la denomnazone d sstema d controllo nterno n sstema d controllo nterno e d gestone de rsch, defnto come l nseme delle regole, delle procedure e delle strutture organzzatve volte a consentre l dentfcazone, la msurazone, la gestone e l montoraggo de prncpal rsch. Per quanto concerne l quadro regolatoro europeo mertano d essere ctat due recent ntervent: l prmo un lbro verde del 0 sul tema della rs governance ad opera della Commssone Europea; l secondo l Regolamento cd. EMIR n tema d negozazone de dervat over the counter (OTC) da parte d socetà fnanzare e non fnanzare del Parlamento europeo. Seppure tal ntervent rvestano un certo rlevo, sono ancora ntervent d natura consultva nel prmo caso o, nel caso dell EMIR, lmtat a specfc ambt d operatvtà rtenut a maggor rscho e a maggor mpatto sul rsch sstemco. E da osservars, pertanto, l assenza d un quadro legslatvo o regolatoro organco per le mprese non fnanzare (o non vglate). In drezone dversa s sono nvece moss gl standard setter nternazonal che hanno d recente rafforzato suggerment alle mprese su tale tematca nell ambto d dvers ntervent coerent nella loro mpostazone d fondo. Gl standard nternazonal dell Internatonal Internal Audt Assocaton (IIA) stablscono che l Internal Audt è la struttura deputata a valutare l esposzone a rsch conness alla governance, alle operazon e al sstema nformatvo con rfermento alla relatva affdabltà ed ntegrtà, effcaca ed effcenza, sostenbltà e complance con legg, regolamentazone e contratt. Contemporaneamente, ess evdenzano che, nell ncentvare lo svluppo del sstema d rs management, l Internal Audt non deve ntervenre con l assunzone d responsabltà 3 drette nella gestone de rsch. Da tal prncp appare evdente l ntroduzone della separazone tra Internal Audt (soggetto controllore) e Rs Management (soggetto controllato). In partcolare emerge che all Internal Audt sa attrbuto l ruolo d verfcare l effcaca dell ntero sstema d rs management, che rsulterebbe, d conseguenza, l responsable dell dentfcazone, valutazone/msurazone, montoraggo e controllo de rsch. In tale drezone s è mossa anche l Internatonal Organzaton for Standardzaton (ISO) con gl ISO 3000 e rspettvamente del 009 e del 00 che, ntegrando l tema della rs governance con l pù ampo ambto della corporate governance, hanno stablto l opportuntà d attvare specfc Comtat per l audt (o controllo) e, dstntamente, per l rs management. Tal prncp possono essere consderat nnovatv per l sstema degl operator non vglat. Fno al 00 l rs management (nell unca accezone valda per le mprese d Enterprse Rs Management, defnta dal COSO 5 ) era d esclusva responsabltà dell Internal Audt: da tale mpostazone scaturva un rs management fondato su valutazon qualtatve de rsch e non su modell ntern quanttatv con evdenze perodcamente rportate al Comtato per l Controllo. el contesto delneato, come gà evdenzato, nza nvece ad affermars l prncpo d separazone tra attvtà e untà organzzatve relatve a controll d secondo lvello (Rs Management) da quelle d terzo lvello (Internal Audt), gà adottato dagl ntermedar vglat. Se qund da un lato le mprese ancora non sono spnte (o costrette) all attvazone d presd organzzatv, metodologc ed applcatv d gestone de rsch così fortemente come gl ntermedar vglat, d altro canto non s può negare che la drezone d evoluzone del quadro regolatoro è quella gà traccata per gl ntermedar d ndpendenza gerarchca e funzonale del Chef Rs Offcer sa dalle strutture d busness sa dalle altre strutture rconducbl al sstema de controll ntern (ad esempo, l Internal Audt). Fattor e class d rscho Il quadro regolatoro e le relatve lnee evolutve rsultano - a parere d ch scrve - perfettamente n lnea con le esgenze gestonal anche per le mprese non vglate d adottare modell d governance, metodologc ed applcatv sml a quell ad ogg n practce o defnt dal quadro regolatoro per gl ntermedar vglat. E cò è tanto pù vero per le mprese operant n settor specfc, qual ad esempo quello delle utlty e dell energy, che presentano rlevant element d smltudne con gl ntermedar vglat se s consderano fattor d rscho gestt e le esposzon a rscho rconducbl a portafogl d core busness. In prms, le mprese che operano ne settor ctat fondano la propra operatvtà sullo scambo (e la trasformazone) d matere prme (petrolo, gas, carbone, elettrctà, etc.), commodty, ogg d fatto assmlabl a ben fungbl come l denaro, n consderazone dello svluppo de mercat d negozazone prmar e secondar n cu sono defnt real tme relatv prezz d scambo. In secondo luogo, la fnanzarzzazone delle attvtà operatve d tal mprese, lo svluppo d strument fnanzar plan, dervat o strutturat sulle commodty, la specalzzazone delle contropart con cu esse scambano n tempo reale matere IIA Internatonal Standards (00), Sezone n. 0, punto A: The nternal audt actvty must evaluate rs exposures relatng to the organzaton s governance, operatons, and nformaton systems regardng the relablty and ntegrty of fnancal and operatonal nformaton, effectveness and effcency of operatons, safeguardng of assets and complance wth laws, regulatons and contracts. 3 Internal Audt Assocaton (00), Internatonal Standards, Sezone n. 0, punto C.3: When assstng management n establshng or mprovng rs management processes, nternal audtors must refran from assumng any management responsblty by actually managng rss. 4 Internatonal Organzaton for Standardzaton (009), Rs Management Prncples and Gudelnes. 5 Commttee of Sponsorng Organzatons of the Treadway Commsson. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 0

21 prme e strument fnanzar, le espongono a class d rscho assmlabl a rsch tpc d banca d nvestmento e banca commercale. In partcolare, mutuando la classfcazone de rsch del quadro d Baslea, prncpal rsch caratterstc sono ndvduabl ne seguent: - rsch d mercato, nclus rsch commodty, generat dalla volatltà d parametr fnanzar, d tasso d nteresse o d prezzo (d rsorse fnanzare e d commodty); - rsch d credto e d controparte, generat dall nsolvenza d terze part negl adempment d natura contrattuale, n termn d pagament monetar o d erogazone d ben, merc e servz; - rsch operatv, generat dall nadeguatezza o dalla dsfunzone d procedure, rsorse umane e s-stem ntern, oppure da event esogen; - rsch strategc, reputazonal, d tasso d nteresse, d lqudtà, resdu, etc. (rcompres ne cd. rsch d secondo plastro n Baslea). La fnanza d mpresa s è evoluta attraverso la strutturazone e negozazone d strument fnalzzat n va prevalente (ancorché non esclusva) all ottmzzazone del fundng e dell mpego della lqudtà, n termn sa d costo sa d matchng temporale de fluss fnanzar con le esgenze operatve. Ancorché non sa ammssble ndvduare un tradng boo (portafoglo d negozazone 6 ) nella pura accezone bancara per le mprese non bancare, è nnegable che ogn mpresa operante ne settor d nteresse detenga poszon n strument fnanzar e su merc a fn d negozazone o d copertura del rscho nerente ad altr element del core busness. La fnaltà ultma della detenzone d tal poszon dovrebbe essere per l mpresa non vglata sempre ed esclusvamente fnalzzata all ottmzzazone de cost conness al repermento d font d fnanzamento o d matere prme. E d norma, salvo cas eclatant orma not, è così. Conondmeno la msurazone, l montoraggo e l controllo d tal rsch sono scuramente dvenut alcun de fattor crtc per l successo delle mprese operant nel settore. Ecco qund che s assste allo svluppo d modell d Value at Rs per msurare l rscho connesso a portafogl d negozazone (fnanzar o su commodtes) ancllar all attvtà ndustrale o d Proft at Rs per portafogl ndustral, per mnmzzare cost d produzone o massmzzare rendment (n sntes, per massmzzare, o salvaguardare, margn d mpresa). Analogo ragonamento dovrebbe essere condotto sull opportuntà (se non anche sulla necesstà) d dotars d modell d msurazone, montoraggo e gestone de rsch d credto e d controparte. Le mprese del settore sono esposte a tal class d rscho con rfermento a dvers portafogl: - portafogl d negozazone, gà ctat, con rfermento alle contropart d operazon fnanzare e n commodtes; - portafoglo mmoblzzato (n analoga al cd. portafoglo bancaro 7 ), se c s rfersce a credt commercal. Gova sottolneare ancora una volta la smltudne delle caratterstche delle esposzon tra mprese del settore ed ntermedar vglat. In partcolare, con rfermento a cd. portafogl d negozazone (fnanzaro e commodty), s ndvduano le seguent caratterstche general sml a molt portafogl d nvestment ban o mprese fnanzare: - contropart altamente specalzzate, trattandos d ntermedar fnanzar (portafoglo fnanzaro) o contropart specalzzate del settore dell energy management, n alcun cas branch o legal entty d emanazone d sttuzon fnanzare; - elevato grado d concentrazone del portafoglo; - esposzon n strument fnanzar dervat o strutturat. 6 Le uove Dsposzon d Vglanza prudenzale per le banche (Crc. 63/006) defnscono, al Ttolo II, Cap. IV, le pos-zon rentrant nel portafoglo d negozazone come quelle ntenzonalmente destnate a una successva dsmssone a breve termne e/o assunte allo scopo d benefcare, nel breve termne, d dfferenze tra prezz d acqusto e d vendta, o d altre varazon d prezzo o d tasso d nteresse. Per poszon s ntendono le poszon n propro e le poszon der-vant da servz alla clentela o d supporto agl scamb (maret mang). Il portafoglo d negozazone a fn d vglanza è costtuto dalle poszon n strument fnanzar e su merc detenute a fn d negozazone o d copertura del rscho nerente ad altr element dello stesso portafoglo. 7 Le uove Dsposzon d Vglanza prudenzale per le banche (Crc. 63/006) nel Ttolo II, Cap. I, rconducono al por-tafoglo bancaro le seguent class d attvtà (detenute fno a scadenza): esposzon credtze verso ammnstrazon central e banche central, verso ntermedar vglat, verso mprese, al dettaglo, n strument d captale, verso cartolarzzazon, altre attvtà. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

22 Per contro, con rfermento al cd. portafoglo mmoblzzato (costtuto da credt commercal verso la clentela), s ndvduano le seguent caratterstche general smlar a molt portafogl d banche commercal: - contropart dversfcate n relazone al segmento (corporate, small busness o resdental); - granulartà del portafoglo; - esposzon verso clentela potenzalmente (anche se nauspcablmente) soggetta a default nell accezone bancara, ncludendo qund un concetto assmlable al past due (o overdue) nel caso d rtardo de pagament. In sntes, se fno ad ogg l rfermento al rscho d credto d un mpresa energy o d una utlty faceva subto mmagnare l rscho connesso alle contropart d portafogl specalzzat (per l acqusto d matere prme o per la copertura de contratt natv, a supporto dell attva produttva), ogg lo scenaro rsulta scuramente pù ampo. Da un lato, nfatt, la fnanzarzzazone degl operator ha contrbuto ad una forte evoluzone de portafogl d negozazone o tradng (sa qualtatva, per la sofstcazone degl strument fnanzar, sa quanttatva, se s consderano volum e numero delle transazon). Dall altro la crs fnanzara e reale ha fatto emergere l rscho d deteroramento de credt n portafoglo, quale tematca non soltanto rferble alle banche commercal bensì a tutt soggett operant nel sstema. Da quanto sopra emerge la necesstà crescente, anche per soggett non bancar, d dotars d modell ntern della msurazone del rscho d credto fondat su metrche analoghe a quelle bancare e rferbl a credt commercal, ovvero a modell ntern d stma delle Probablty of Default, dell Exposures at Default e della Loss Gven Default, prma ancora d arrvare alle metrche d portafoglo come l Credt VaR. In tale sede c s è soffermat sull opportuntà, o la necesstà, d dotars d modell d msurazone, montoraggo e controllo con rfermento a rsch d mercato e d credto. E s è pù o meno esplctamente anche evdenzato l parallelsmo attuable n molt cas tra banche (d nvestmento o commercal a seconda delle fattspece d rscho) e mprese. Sarà peraltro evdente come analogh ragonament possano essere condott per rsch operatv e le altre class d rscho rentrant nel cd. Pllar II nel caso degl ntermedar vglat. on può, nfatt, sfuggre come rsch operatv e relatv event d perdta defnt dalla regolamentazone (frode nterna, frode esterna, rapporto d mpego e scurezza sul lavoro, clentela, prodott e prass professonal, etc.) sano d partcolare rlevo per le mprese ndustral e del terzaro (come le utlty e le mprese energy). Altresì, tal mprese sono esposte al rscho d tasso d nteresse (quanto meno n relazone all ndebtamento), a rsch reputazonal, strategc, a rsch resdu 8 nel caso n cu fossero messe n atto msure d mtgazone del rscho d credto (per esempo operazon d factorng), e così va per gl altr rsch. Emerge qund che prncp guda metodologc della gestone de rsch possono essere medesm per banche e mprese energy o utlty essendo, n molt cas, medesm fattor e le class d rscho cu esse sono esposte. La modellstca d rfermento può essere adattata a tal azende, certamente senza dmentcarne lmt ntrnsec spesso dmentcat. C s rfersce, solo per ctarne alcun, alle assunzon statstche semplcstche 9 de modell d rs management; all assenza d affancamento d gudz qualtatv, judgemental (o semplcemente d buon senso), alle anals statstche; alla commstone spesso non ntegrata tra requst patrmonal e requst fondat su element dvers dal patrmono, come la lqudtà; al double countng d talune class d rscho (come rsch operatv e reputazonal, spesso nscndbl perché legat a medesm event d rscho, ma non per questo da valorzzare due volte). Modell d rs governance onostante la forte smltudne de rsch generat (e gestt) nel busness degl ntermedar vglat e delle mprese del settore delle utlty e dell energy, modell organzzatv d governo del rscho rscontrat sul mercato sono profondamente dvers. L applcazone delle metodologe d rs management n tal mprese è spesso delegata alle stesse funzon d busness (v nclusa l area fnanza), n cu rsedono sll, conoscenze, competenze tecnche per l applcazone d metodologe d msurazone de rsch (cfr. Fg. ). 8 Le uove Dsposzon d Vglanza prudenzale per le banche (Crc. 63/006) defnscono rsch reputazonal come quell conness alla volatltà degl utl generata dalla negatva percezone dell mmagne dell mpresa da parte d clent, contropart, nvesttor o dal regolatore; rsch strategc come quell conness alla volatltà degl utl generata da decson azendal errate, da error nella loro applcazone o dalla mancanza d reattvtà al cambamento del contesto d rfermento; rsch resdu come quell conness al fallmento delle tecnche d mtgazone del rscho. 9 Qual, ad esempo, la non sub addtvtà del Value at Rs, la normaltà de rendment, ecc. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE -

23 Fg. Modell organzzatv tradzonale d Rs Governance CEO LEGAL Audt / Rs Commttte CFO Internal audt Fnancal RM Busness lne/ Dvson/Country Busness lne/ Dvson/Country Busness lne/ Dvson/Country Industral RM Commodty RM Project RM Come llustra la rappresentazone d Fgura, s è tradzonalmente n presenza d presd d gestone de rsch specalzzat per compart, allocat nelle medesme strutture n cu rsch sono assunt (rs owners) ed è assente un presdo organzzatvo che asscur una vsone olstca (o, se voglamo, d portafoglo) de rsch azendal. Tale decentramento della governance de rsch evdenza talun ssue gà ampamente spermentat da parte degl ntermedar vglat: - applcazone d modell d msurazone de rsch eterogene che determnano msure d rscho non confrontabl o consoldabl tra le dverse aree d busness; - mpossbltà d benefcare delle necessare econome d scala dmensonal per lo svluppo d mo-dell e sstem ntern d msurazone d cascuna classe d rscho, fondat sulla valorzzazone del pa-trmono nformatvo nterno; - assenza de necessar meccansm d coordnamento tra le strutture d busness e d governo per la necessara dalettca dscendente dalle anals, consoldate e prospettche, de rsch d mpresa e della reddtvtà d busness 0 ; - assenza d una vsone (e qund d una governance) ntegrata e strutturata de rsch nell ambto d Grupp compless e/o operant a lvello nternazonale; - mpossbltà d ntegrare le metrche d rscho (eterogenee e gestte a lvello locale) nel processo d defnzone della stratega azendale e d pervenre alla necessara sntes a lvello consoldato delle msure d rendmento e reddtvtà aggustate per l rscho; - assenza d ntegrazone tra l sstema d rs governance (locale e specalstco) ed l complessvo sstema d corporate governance. Per tal motv, talune mprese hanno attvato la strutturazone d una funzone d Rs Management ndpendente, n staff al CEO, per la defnzone d un sstema ntegrato d msurazone e montoraggo de rsch. A ch scrve sono tuttava note non pù d tre realtà talane, operant a lvello nternazonale, mpegnate n tale percorso d adeguamento a modell d rs governance bancar, due delle qual operant nel settore energy e delle utltes (cfr. Fg. ). 0 Florcel Rugero, Energa e rsch: le sfde, n Oldan Chara, Dervat ed energa: la gestone de nuov rsch global, FrancoAngel, 0, pp A ttolo solo esemplfcatvo e non esaustvo, s ctano due grupp talan operant a lvello nternazonale quale Enel (http://www.enel.t/t-it/azenda/proflo/organgramma/ del gennao 03) ed En (http://www.en.com/t_it/azenda/organgramma/organgramma.shtml del 5 febbrao 03) EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 3

24 Fg. - Modell organzzatv best practce d Rs Governance CEO LEGAL CFO Internal audt CRO Audt Commttte Rs Commttee Busness lne/ Dvson/Country Busness lne/ Dvson/Country Busness lne/ Dvson/Country I presuppost necessar per l successo d tale percorso d trasformazone sono ndvduat, oltre che dall attvazone d presd organzzatv d rs management ndpendent dalle lnee d busness, anche dall esstenza d: - meccansm d coordnamento tra le strutture d rs management e ogn altra area rlevante nella gestone d mpresa (come, ad esempo, la fnanza, la produzone e dstrbuzone d energa, l energy management, l ammnstrazone); - ne grupp ad elevata complesstà operatva dmensonale o ne grupp nternazonal nternazonal, attvazone d done presd local con rporto (almeno funzonale) alla struttura d rs management ntegrata e accentrata per facltare l coordnamento con le untà operatve; - strument d consoldamento de rsch prncpal rvenent dalle dverse aree d busness al fne d msurare e valutare la sostenbltà del rscho globale cu è esposta l mpresa; - fluss nformatv (con pena dsclosure e suffcente granulartà per l applcazone della modellstca, ove applcable) da parte de rs owner alle strutture d rs management; - regole, defnte n process e procedure, che asscurno sa la valutazone preventva de rsch (ex ante) sa l loro montoraggo nel tempo (durante ed ex post), garantendo un supporto contnuatvo (o ne cas pù vrtuos un ndrzzo) nelle dverse fas della panfcazone strategca d cu è respon-sable l board e della sua declnazone nelle scelte operatve effettuate dalle strutture d busness; - ntegrazone della rs governance nel pù ampo e strutturato sstema d corporate governance dell mpresa. Sono molteplc gl orentament che sottolneano la necesstà d un sstema d controllo nterno e d corporate governance (d cu la rs governance deve essere un elemento portante) volto ad asscurare la coerenza delle scelte strategche e l equlbro gestonale delle sngole component. Ed è evdente che un sstema (o n molt cas la coesstenza d pù sstem) d rs management decentrato (e non qund d rs governance) non consenta d assolvere a tale fne. E altresì evdente che la struttura organzzatva costtusce solo uno (anche se, forse, l prmaro) elemento d una rs governance effcace. Quest ultma dovrebbe altresì fondars su done process operatv, archtettura tecnologca, nvestment e dovrebbe essere ntegrata nel processo decsonale della stratega azendale. Il rscho (o l rs appette) deve qund costture uno degl element per defnre l accettabltà o meno d scelte operatve e strategche n un cclo dnamco e dalettco (cfr. Fgura 3). Tale drezone è quella delneata dalla Banca d Itala 3 che sottolnea che la funzone d controllo de rsch (rs management functon) è tenuta a fornre parer preventv sulla coerenza delle operazon d maggor rlevo con la poltca azendale. Raner Masera (03), Scandalo Montepasch. Una lezone da mparare, Affar e Fnanza, 4 febbrao Banca d Itala (Settembre 0), Documento per la consultazone Dsposzon d vglanza prudenzale per le banche Sstema de controll ntern, sstema nformatvo e contnutà operatva. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 4

25 Fg. 3 - La rs governance n sntes Accettazone del proflo d rscho Valutazone alternatve strategche Valutazone profl rscho/rendmento alternatv Defnzone stratega (d rendmento e d rscho) Mtgazone del rscho Rs management Presd organzzatv dedcat, process operatv formalzzat e strutturat, meccansm d coordnamento, slls, archtettura tecnologca, nvestment RISK GOVERACE Fonte: Oldan C., Dervat ed energa: la gestone de nuov rsch global Se da un lato ch scrve ha maturato l convncmento che tale approcco sa necessaro per le mprese e che esse dovrebbero tendere a modell d governance bancar, dall altro sembrerebbe quas che le mprese che hanno gà avvato tale percorso sano all avanguarda anche rspetto a talune banche. L ABI nfatt ha d recente sentto la necesstà d sottolneare che l aspetto da valorzzare sarebbe, dunque, quello d evtare un processo decsonale, n cu fosse assente una vsone olstca capace d coglere mutevol aspett della multdmensonaltà de rsch evtando, al contempo, un approcco meramente a blocch che s è rlevato n molt cas lmtante e forero d pregudz a fn della stabltà del sngolo ntermedaro 4. Probablmente, talun operator hanno rscontrato che cost d adeguamento organzzatvo non sano commsurat a vantagg real consegubl n termn d rafforzamento d alcune funzon specfche e pù n generale del presdo de rsch azendal nel quadro del sstema de controll ntern 5. Forse, nvece, cost sstemc e d sngol operator sarebbero stat evtat se la rs governance, svncolata dalla corporate governance, non avesse n passato costtuto (e non costtusca tuttora n molt cas) un atto dovuto per esclusve fnaltà d complance (al Codce d Autodscplna, per le mprese quotate, o alla regolamentazone bancara), bensì avesse rappresentato sempre, n modo contnuatvo, l altra facca della medagla del governo d mpresa. Concluson A conclusone dell excursus effettuato sugl aspett della regolamentazone, sulle prass e su modell d governance per la gestone de rsch nelle utlty o nelle mprese del settore energetco, appare legttmo nterrogars sull opportuntà d rafforzare, da parte de regulators, requst relatv all adozone d metodologe, modell e strument per la msurazone, l montoraggo e la segnalazone de rsch delle azende con rlevant sogle d operatvtà n strument fnanzar. Lung dall mmagnare un frame regolatoro basato sulla vglanza prudenzale, nformatva ed spettva tpco per gl ntermedar vglat, l nesso ntercorrente tra rsch azendal ed rsch sstemc nduce a far rflettere se non sa opportuno attvare pù fort meccansm d moral suason per gl operator per la consapevole presa atto non solo de rsch cu sono soggett ma anche delle potenzal mplcazon che gl stess possono avere sul sstema nel suo complesso. L emssone ed l collocamento sul mercato (non solo d operator sttuzonal ma anche retal) d debt rlevant (per esempo obblgazon semplc, convertbl, cum warrant, bond brd, etc.) da parte delle azende d un Paese non può forse costture un ndce rlevante per la valutazone del rscho d quel Paese correlato al debto pubblco-prvato? Il debto delle multnazonal collocato presso nvesttor operant n dvers mercat/paes non può essere segnaletco dell esstenza d un rscho fnanzaro con mpatt potenzal sul sstema fnanzaro globale? L operatvtà n strument dervat d un mpresa, se opportunamente segnalata al mercato, non può forse far emergere l fenomeno della fnanzarzzazone del sstema nel suo complesso e, pertanto, l maggor rscho connesso alla volatltà del mercato fnanzaro? Relatvamente all ultmo questo un prmo passo è stato computo con l emssone del gà ctato Regolamento dell Unone Europea n. 648 del 0 n tema d strument dervat over the counter (OTC), contropart central e repertor d dat sulle negozazon (cd. EMIR). Ma probablmente tale provvedmento non può consderars suffcente, quanto meno perché focalzzato sugl strument dervat OTC e non rcomprendente gl strument plan. S lascano qu apert tal spunt d rflessone, rmandando eventualmente ad approfondment successv o a sed dverse, sa sull effettva opportuntà d rafforzare l sstema d nformatva su rsch al mercato (organsm d vglanza, shareholder e staeholder) sa della defnzone della sogla d operatvtà n strument fnanzar rtenuta dscrmnante per la 4 Assocazone Bancara Italana (ovembre 0), Poston Paper n rsposta alla procedura d consultazone della Banca d Itala Sstema de controll ntern, sstema nformatvo e contnutà operatva. 5 Op. ct. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 5

26 determnazone d mpatt sstemc (d natura qualtatva, e qund relatva anche a forme tecnche non rcomprese ne dervat OTC, e quanttatva, n termn per esempo d valor nozonal). on s può da ultmo tuttava sottolneare come talun rtengano che propro lo strngente sstema d regolamentazone degl ntermedar l ha ndott ad acqusre poszon su medesme esposzon (per esempo al rscho sovrano) e come, attraverso la somma d comportament omogene da parte degl operator, abba d fatto amplfcato enormemente l rscho sstemco. Pertanto anche qualora s rtenesse opportuno un ulterore ntervento d regulators e vglanza per le mprese non fnanzare, bsognerebbe comunque preservare lvell d dscrezonaltà degl operator volt a superare lmt dell mpanto regolatoro ad ogg n vgore per gl ntermedar, che d fatto l vncola all adozone de medesm comportament, con la conseguente enfatzzazone del rscho sstemco. Florcel Rugero Bblografa Assocazone Bancara Italana (ovembre 0), Poston Paper n rsposta alla procedura d consultazone della Banca d Itala Sstema de controll ntern, sstema nformatvo e contnutà operatva Banca d Itala (Settembre 0), Documento per la consultazone - Dsposzon d vglanza prudenzale per le banche - Sstema de controll ntern, sstema nformatvo e contnutà operatve. Banca d Itala (006), Le uove Dsposzon d Vglanza prudenzale per le banche, Crcolare n. 63, Bruce Branson (009), Standard & Poor s, ERM Revews for on-fnancal Issuers Where Do We Stand?, C State Unversty ERM Intatve Consob (0), Codce d autodscplna sulle socetà quotate Dcnson A. (00), Interfacng rs management and nternal audt - conflctng or complementary? European Commsson (0), The EU corporate governance framewor, Green Paper European Parlament (0), Regulaton. 648 on OTC dervatves, central counterpartes and trade repostores Fraser J. And Smns Betty (00), Enterprse Rs Management, JohnWley & Sons Inc. Insttute of Internal Audtors (009), The Role of Internal Audtng n Enterprse-wde Rs Management ISO 3000 (009), A structured approach to Enterprse Rs Management (ERM) and the requrements Masera R. (03), Scandalo Montepasch. Una lezone da mparare, Affar e Fnanza 4 febbrao 03. Moody s (006), Best Practces for a Board s Role n Rs Oversght Moody s (004), Rs Management Assessments OECD (004), Prncples of Corporate Governance Oldan C. (0), Energa e dervat: la gestone de nuov rsch global, Franco Angel; (Captolo VI, Energa e rsch: le sfde d Rugero F.) Rs Management Socety (0), An Evolvng Model for Board Rs Governance Securtes And Exchange Commsson (00), SEC Rule Standard & Poor s (008), To Apply Enterprse Rs Analyss To Corporate Ratngs EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 6

27 Metodologe per mglorare la veloctà d convergenza ne smulator Monte Carlo: Anals delle tecnche ed mplementazone n un framewor d prcng d Per Guseppe Grbone - Smone Lgato (Banca Carge Ammnstrazone Fnanza Uffco Mddle Offce) Introduzone L utlzzo del metodo Monte Carlo fnalzzato alla valorzzazone d strument fnanzar costtusce una valda soluzone a problem d prcng per una vasta gamma d prodott [7]. Tale tecnca s basa sul concetto d ntegrare numercamente l equazone dfferenzale stocastca che meglo rappresenta l andamento del sottostante dell opzone al fne d determnarne pù probabl stat assumbl dall asset n futuro []. Smulando n questo modo l comportamento dell asset su cu l opzone è scrtta n corrspondenza delle date n cu è necessaro determnarne l valore s resce a calcolare l pay-off del dervato per cascuna terazone [9]. Rpetendo la procedura per un numero opportuno d smulazon s ottene un vettore d prezz, la cu meda, scontata al tempo d valutazone, costtusce l far-value dello strumento (Appendce). L applcazone della metodologa Monte Carlo presenta numeros aspett postv tra cu s cta la flessbltà nella defnzone del pay-off dell opzone e l adeguatezza a modellzzare qualsas dnamca stocastca seguta da un sottostante: tal peculartà la rendono molto spesso l unca ragonevolmente mpegable per la valorzzazone d dervat convolgent dvers asset o fortemente strutturat []. Purtroppo presenta l aspetto negatvo d essere una metodologa non determnstca la cu convergenza al rsultato è puttosto lenta [3]. In altr termn, è necessaro condurre numerose smulazon al fne d comuncare un rsultato caratterzzato da una bassa varanza. L artcolo s suddvde sostanzalmente n tre part: la prma ha l fne d presentare e dmostrare la valdtà teorca d tutt gl espedent matematc present n letteratura che s possono mpegare per rdurre gl scostament rspetto alla meda e, n ultma anals, accelerare la convergenza: Antthetc Varates, Control Varates, Stratfed Samplng, Latn Hypercube Samplng, Moment Matchng e Importance Samplng [8]. La seconda sezone mplementa le metodologe per l prcng d un opzone Call plan-vanlla, ne stma le performance e l eventuale fattbltà ad essere applcate n cascata senza dstorcere l bas del smulatore. Infne, le combnazon metodologche d rduzone della varanza che hanno ottenuto mglor rsultat nel test-case, verranno spermentate su un dervato esotco mult-asset, path-dependent del quale non s dspone d una formula chusa d valutazone [3]. Le tecnche d rduzone della varanza La lenta veloctà d convergenza, ntrnseca della metodologa Monte Carlo, rende molto spesso necessara l mplementazone, nel motore d ntegrazone, d routne atte a rdurre la varanza degl output per dmnure l tempo computazonale d elaborazone de processor. In questo paragrafo s analzzeranno sngolarmente le tecnche matematche fnalzzate a questo scopo ne loro aspett essenzal. I fondament teorc su cu vene basato l presente lavoro sono rportat nel captolo quarto del lbro Monte Carlo Methods n Fnancal Engneerng d Paul Glasserman [6].. Antthetc Varates - AV Il metodo delle varazon anttetche, noto n letteratura come Antthetc Varables method, tenta d rdurre la varanza ntroducendo una dpendenza negatva tra coppe d replcazon []. La tecnca può essere mplementata n vare forme, ma l applcazone maggormente dffusa s fonda sul semplce prncpo che se l estrazone U è dstrbuta unformemente nell ntervallo [ 0,], allora lo sarà anche U. Qund, se s genera un percorso mpegando come nput U,...,Un, allora s può generare un secondo percorso U,..., Un senza ntrodurre dstorson nel bas d smulazone. Le estrazon casual d varabl U, U formano una coppa anttetca nel senso che ad un grande valore della prma ne corrsponde uno basso della seconda: questo suggersce che ad un output nsoltamente grande o pccolo, calcolato a partre dal prmo percorso, sarà blancato dal valore del suo anttetco e conseguetemente s rduce la varanza complessva del sstema. L obettvo d tale metodo consste nel rdurre l numero d smulazon, generando varabl casual, ottenute a partre da U e costrure A da queste, altre,, con la stessa dstrbuzone d frequenza, ma negatvamente correlate. Generalmente le classche dnamche stocastche de mot segut da sottostant fnanzar sono martngale e pertanto l termne, costtutvo del processo d Wener utlzzato per la componente aleatora della SDE descrvente l comportamento futuro dell asset è una varable casuale dstrbuta secondo una normale d meda zero e varanza untara. S può dmostrare che la varanza della meda del campone ottenuto dalle varabl è nferore rspetto a quella rcavata dalle varabl non correlate. E suffcente paragonare la meda, mˆ A e la varanza, ˆ A camponara: mˆ A A EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 7

28 EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 8 ˆ ˆ A A A A A m m E m E m E m m E m Var Dove E è l valore atteso e m è la meda statstca della popolazone. Dal momento che sono ndpendent come A allora: j A j A m m E m Var ˆ Essendo l valore atteso per l ultmo termne tra parentes nullo, ad eccezone del caso tale per cu j, dove A m m E, l espressone della varanza camponara può essere rscrtta: 4 4 ˆ A m Var Essendo la varanza camponara d varabl casual ndpendent, l mpego delle varazon anttetche mglora d due volte la varanza della meda camponara.. Control Varates - CV La tecnca s basa sull dea d rcavare nformazon rguardo gl error nelle stme d quanttà note al fne d rdurre l errore d stma della quanttà non conoscuta []. Al fne d descrvere la procedura matematca, s consder una varable casuale, ed un altra varable random correlata con e s supponga che sa la varable d controllo d. Assumendo che la meda statstca sa nota, s costrusce una nuova varable defnta: E S osserv che la meda statstca d è dentca a quella d : m m. Qund, nvece d stmare la meda d, s può equvalentemente stmare la meda d. L obettvo pertanto rmane quello d sceglere l parametro n modo tale da rdurre la varanza d, Var Cov Var Var m E E m E Var, Dove: m m E Cov, La scelta ottma del parametro è quella che annulla la dervata prma, per cu: ) ( ), ( 0, 0 Var Cov Cov Var d dvar Var Cov Var Var,

29 Essendo Cov Var, 0, è evdente che Var rsulta sempre nferore rspetto a Var. La stessa anals può essere condotta anche n un contesto -dmensonale: n tal caso s dsporranno d controllo per. La nuova varable trasformata sarà esprmble nella forma E E... varabl d O analogamente n notazone vettorale: T m,..., Dove: T, T,..., T e m E,..., E T La varanza d Var dventa: T T T T E m m m m Var P E m Dove rappresenta la matrce varanza-covaranza del vettore, e P è l array delle covaranze: E, T m, m m m m m Cov,..., Cov P E,, T Assumendo che la matrce delle covaranze del vettore P sa defnta postva, la scelta ottmale per l vettore corrsponde alla soluzone dell equazone: dvar d T dvar dvar,..., 0 d d Applcando le regole d dfferenzazone d una funzone rspetto ad un vettore, s ottene: dvar d P 0 P Con tale scelta ottma, la varanza della varable Var T Var P P Dal momento che Essendo la forma quadratca dvene: è defnta postva, la sua nversa godrà anch essa d tale propretà. P T P una quanttà postva, ne consegue che Var Var. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 9

30 .3 Stratfed Samplng - SS Per camponamento stratfcato s ntende qualsas meccansmo che lmta le estrazon n specfc sottonsem (strata) del domno d generazone de numer casual senza ntrodurre dstorson negl ouputs del smulatore [6]. S supponga d dover stmare l valore atteso d una varable reale, E e sano A,..., AK nsem dsgunt per qual la probabltà P A sa untara. Allora: E K K P A E A pe A Con p P. A In un camponamento casuale, vengono generate n modo ndpendente La frazone d queste estrazon che cadono n A,..., che hanno la stessa dstrbuzone d. generalmente non eguaglano p. el camponamento stratfcato, nvece, vene decsa n antcpo quale porzone d camponamento dovrebbe essere rcavata da ogn stratum osservazone rcavata dal sottonseme seme del generatore casuale d provenenza. Per cascun A A,..., K e j,..., np A : qund cascuna è costretta ad avere una dstrbuzone statstca condzonata all appartenenza del,, sa j un estrazone ndpendente dalla dstrbuzone condzonata d a. el caso d camponamento proporzonale, uno stmatore non dstorto d meda artmetca sulla relatva partzone :, n dervable da: E A è dato dalla semplce,... n. e segue che uno stmatore non dstorto d E è ˆ K p np K np, j np j n j, j Paragonando l usuale meda artmetca d un camponamento casuale d dmensone n,... n n, con ˆ s evdenza che quest ultmo elmna la varabltà camponara attraverso l espedente dell ntroduzone delle stratfcazon. La pù semplce e comune applcazone d tale metodologa consste nel partzonare le varabl casual dstrbute secondo un unforme, U (0, ) n n strata: n A 0,, A,,..., A,, An, n n n n n n A cascuno d quest ntervall è assocata una probabltà n d essere selezonato, operando con una dstrbuzone unforme. Adottando nvece le logche del camponamento stratfcato, verrà generata una varable casuale selezonata d volta n volta nell ntervallo desgnato. Camponando la varable casuale del motore Monte Carlo condzonata ad appartenere, terazone per terazone, ad una delle partzon proporzonal progettate, s elmna dalla msura dello scarto quadratco medo dell output l contrbuto dovuto alla varabltà camponara..4 Latn Hypercube Samplng - LH Tale tecnca permette d estendere la precedente trattazone, rguardante l camponamento stratfcato, n contest multdmensonal [], [6]. Per problem d prcng convolgent poch asset può essere consderata un affnamento della stratfcazone d un generatore d varabl casual unform. Per generare un percubo latno d dmensone K n d dmenson, s consderno U varabl casual ndpendent generate da U (0, ) per,..., d e j,..., K ( j). EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 30

31 Sano V,..., d permutazon casual ed ndpendent dell nseme,..., K ( j) ( j) U con,..., d e j,..., K K ( j) Il campone consste de K punt ( j ) ( j V ),..., Vd. e s defnsca la varable ( j) V :.5 Moment Matchng - MM Tale metodo statstco ha l obettvo d asscurare che le mede d un certo nseme d output prodotto n una smulazone concda esattamente con valor della popolazone, o meglo, con rsultat attes da nfnte replcazon [6]. ella fnanza quanttatva vene spesso adoperata tale tecnca statstca per aggustare senter casual percors dal sottostante su cu l opzone è scrtta. e problem d prcng s è solt smulare comportament futur d un asset S (t) sotto una msura neutrale al rscho, per cu, lavorando sotto tale potes, comune a tutto l framewor d prcng d Blac e Scholes, rsulta valda la relazone teorca: E S( t) exp rt S(0. ) S supponga d smulare n valor ndpendent n S ( t) S ( t). n S,...,Sn del processo e s defnsca la relatva meda camponara: Per n fnt, la meda camponara non concderà n generale con l valore atteso teorco E S(t) e qund, spermentalmente, exp rt S ( t) S(0). Un possble rmedo è quello d adattare senter smulat, n modo tale che la meda camponara eguagl esattamente l valore teorco atteso. La letteratura a tal fne propone due aggustament de possbl senter futur: ~ S ES( t) ~ ( t) S( t) e S ( t) S ( t) ES( t) S ( t) S ( t) per,..., n I valor così ottenut possono essere mpegat drettamente per essere ncrocat con l pay-off del dervato da valorzzare. Glasserman dmostra che sa la trasformazone addtva, sa quella moltplcatva, sono teorcamente equvalent a progettare una Control Varates non lneare con l parametro d controllo (T ) ES( ), hs T), pay-off scontato del dervato e S ( T ) T S (T ). ( S ( T ) n T S e coeffcente n hs ( T), S ( T h ) n, dove: gradente della funzone rspetto alla varable Tale rconduzone permette d dmostrare teorcamente l benfco dervante dall adozone d tale espedente per rdurre la varanza..6 Importance Samplng - IS La metodologa cerca d accelerare la veloctà d convergenza del motore Monte Carlo cambando la msura d probabltà a partre dalla quale percors sono generat [5], [6]. ell Importance Samplng s cambano le msure al fne d fornre un maggor peso a rsultat pù sgnfcatv, ovvero a quell maggormente allneat alle aspettatve. Al fne d rendere concreto questo ragonamento s consder l problema d stma: h( ) E h( x) f ( x) dx Dove è una varable casuale n d con denstà d probabltà f e h è una funzone n con,..., n n Lo stmatore n un Monte Carlo ordnaro è: ˆ ˆ( n) h d. varabl ndpendent estratte da f. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 3

32 Sa g una qualsas altra denstà d probabltà n d che soddsf la condzone: f ( x) 0 g( x) 0, x d Allora s può alternatvamente rappresentare come: f ( x) h ( x) g( x) dx g( x) Tale ntegrale può essere nterpretato come l valore atteso rspetto alla denstà g : ~ f ( ) Eh( ) g( ) Se,..., n sono varabl casual estratte da g, lo stmatore dell Importance Samplng assocato a g è: ˆ g ˆ g ( n) n f ( ) n h( ) g( ) Dove l rapporto f ( ) g( ) rappresenta la dervata stocastca d Radon-odym calcolata n. Essendo ~ f ( ) Eh( ) g( ) ~, ne segue che E ˆ g è uno stmatore non dstorto d. Al fne d comparare le varanze con l applcazone o meno della tecnca n esame, è suffcente analzzare moment second. Con l Importance Samplng s ha: f ( ) E h( ) g( ) Eh( ) ~ f ( ) g( ) Tale quanttà può essere pù grande o pù pccola, rspetto al secondo momento del Monte Carlo ordnaro, E h( ) funzone d come è progettata la funzone d denstà g, la quale è fortemente collegata alla tpologa d opzone che s vuole valutare. 3 Implementazone delle metodologe La letteratura del settore approfondsce le metodologe d rduzone della varanza e ne dmostra la relatva effcaca spermentale, quas sempre consderandola n modo a sè stante [5], [6], [7]. Lo scopo d questo paragrafo è quello d valutare la fattbltà d un approcco congunto tra queste tecnche statstche al fne d pervenre ad una maggore veloctà d convergenza de sstem d prcng Monte Carlo, senza ntrodurre dstorson sul far-value fnale. Il test-case condotto ha rguardato l prcng d una standard call plan vanlla con sottostante l ndce FTSEMIB avente parametr fnanzar d mercato seguent (Fg. ): S valore dell ndce alla data 6/0/0 K valore dello Stre dell opzone call T 90/365 tempo a scadenza dello strumento fnanzaro r 0.0% tasso prvo d rscho q.3% dvdend-yeld contnuo del sottostante 5.58% volatltà dell ndce, n EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 3

33 Fgura. Valor d mercato dell opzone call sull ndce FTSEMIB del 6/0/0 Fonte Bloomberg Il valore del dervato, c, è calcolable mpegando la formula d Blac-Scholes []: c = S exp( qt ) ( d ) K exp( rt) ( d ) d d = {ln( S/ K) ( r q /) T}/ = d T T Ed è par a Euro Tale valore rappresenta l lmte teorco al quale la tecnca Monte Carlo deve tendere per un numero nfnto d smulazon,. In termn d consuetudne operatva s fssa un lvello accettable d convergenza par al centesmo d Euro (790.0), o n altre parole, s stablsce l lvello massmo d errore che s desdera accettare, Pertanto l obettvo dell anals è quella d ndvduare le combnazon delle tecnche d rduzone della varanza che permettono d calcolare con la precsone del centesmo d Euro (scarto quadratco medo ) l far-value dell opzone n esame, n temp computazonal accettabl. La Fgura llustra rsultat spermental ottenut n corrspondenza d ogn possble applcazone congunta delle metodologe presentate: le rghe, n comune alle tre part della tabella, ndcano tutte le possbl combnazon de fattor (AV, IS, SS, CV, LH e MM). Il prmo blocco stablsce per cascun espermento qual algortm sono stat attvat ( mplementato, 0 escluso), l secondo rporta lo squarto quadratco medo ottenuto n corrspondenza d 0, 0, 0 e 0 con un campone d 500 replcazon cascuna. L ultma parte della tabella valorzza l effettva rduzone d rspetto al Monte Carlo ordnaro (rsultat nella rga ). Le celle del prospetto evdenzate n rosso ndcano l mpossbltà d applcare conguntamente la tecnca SS e IS, n quanto, essendo entrambe basate su camponament stratfcat d numer random dfferent, non possono essere strutturalmente mplementate smultaneamente. EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 33

34 AV IS SS CV LH MM 0^4 0^5 0^6 0^7 0^4 0^5 0^6 0^ ,763 4,954,985 0, ,4944,955 0,6078 0,087-7,688 -,9989-0,6907-0, ,909 0,05 0,0093 0,006 -,854-4,989 -,89-0, ,044 0,037 0,005 0,007 -,79-4,9403 -,933-0, ,8783 4,07,099 0,367-0,8849-0,747-0,0886-0, ,3333,9545 0,5953 0,98-7,499 -,9995-0,703-0, ,078 0,05 0,0095 0,005 -,685-4,988 -,89-0, ,047 0,036 0,0043 0,004 -,705-4,9404 -,94-0, ,8645,907 0,364 0,65-8,8987-3,7633-0,936-0, ,37 0,748 0,339 0,063-0,39-4,39 -,0646-0, ,6357,8 0,3675 0,086-9,8-3,83-0,93-0, ,005 0,684 0,98 0,0683-0,758-4,76 -,0687-0, ,0859,08 0,60 0,67-6,6773 -,9358-0,6783-0, ,699 3,506,509 0,057 -,064 -,454-0,476-0, ,95,3753 0,7796 0,889-7,8 -,5787-0,589-0, ,74,5496 0,9734 0,04-5,039 -,4044-0,35-0, ,495,0035 0,6468 0,35-6,3437 -,9505-0,657-0, ,9578 3,6094 0,630 0,367-0,8054 -,3446-0,6684-0, ,063 0,0075 0,003 0,0006 -,7369-4,9465 -,953-0, ,54,937 0,9586 0,0-5,48-3,03-0,3399-0, ,4347 0,4984 0,54 0,055 -,385-4,4556 -,46-0, ,9 3,04 0,990 0,039-4,47 -,75-0,3084-0, ,6076 0,495 0,536 0,059 -,556-4,4588 -,449-0, ,573 3,097 0,97 0,07-4,5059 -,863-0,364-0, ,47,954 0,75 0,56-6,336 -,7586-0,5834-0, ,8445,988 0,6305 0,74-6,987 -,9659-0,668-0, ,9735 0,059 0,0087 0,006-5,7897-4,98 -,898-0, ,0408 0,009 0,0043 0,003 -,74-4,9449 -,94-0, ,3093,63 0,6994 0,53-6,4539 -,777-0,599-0, ,847,8643 0,673 0,484-6,9485-3,0897-0,68-0, ,666 0,007 0,0043 0,0008-0,097-4,9333 -,94-0, ,0403 0,05 0,0039 0,00 -,79-4,945 -,946-0, ,4803,86 0,37 0,783-9,89-3,854-0,974-0, ,8 0,943 0,305 0,089-9,94-4,07-0,9933-0, ,5895,458 0,370 0,4-9,737-3,808-0,984-0, ,0484 0,9499 0,307 0,79-9,748-4,004-0,9968-0, ,9658 0,8938 0,896 0,5-9,7974-4,060 -,0089-0, ,604 3,477,436 0,05 -,59 -,483-0,549-0, ,6464 0,0087 0,0047 0,0009-0,68-4,9453 -,938-0, ,448 3,4639,343 0,048 -,35 -,490-0,64-0, ,886 0,8893 0,909 0,0435-9,877-4,0647 -,0076-0, ,0955 3,45,30 0,04 -,668 -,545-0,684-0, ,375 0,096 0,00 0,00-0,388-4,9344 -,963-0, ,0587,8538 0,9687 0,859 -,7045 -,00-0,398-0, ,383 0,454 0,457 0,300 -,380-4,4999 -,58-0, ,657 3,4479,353 0,995 -,4975 -,506-0,63-0, ,368 0,4458 0,37 0,047 -,395-4,508 -,65-0, Combnazon Scarto Quadratco Medo DELTA Fgura. Rsultat spermental delle tecnche d rduzone della varanza EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 34

35 In grassetto sono rportate le devazon standard che consentono d ottenere la qualtà della smulazone desderata, sno ad ottenere un mgloramento complessvo delle performance della metodologa Monte Carlo sno a quas 40 centesm rspetto 7 alla valorzzazone tradzonale con 0 runs. Come evdenzato dallo schema, la metodologa del Latn Hypercube Samplng, abbnata anche con IS e CV, consente d ottenere mglor rsultat spermental. S osserva tuttava che l tempo computazonale necessaro a fornre le permutazon casual per LH rsulta decsamente superore rspetto alle altre tecnche, che sono d mmedata applcazone: nfatt l tempo d calcolo necessaro a stratfcare numer random, n accordo alla geometra del metodo, può rsultare eccessvo n funzone del fne della valutazone. S pens che l tempo necessaro ad effettuare l prcng con 0 mlon d smulazon dell opzone presentata medante un codce ottmzzato e vettoralzzato n ambente Matlab è medamente d 3-4 second per AV, IS, CV, MM e SS; mentre è nell ntorno de cnque mnut per LH e le relatve combnazon. 4 Automazone ed applcazone al prcng d dervat compless Le tecnche d rduzone della varanza sono state ntegrate n una procedura automatzzata d prcng basata sul metodo Monte Carlo, secondo l archtettura rportata n Appendce [4]: AV. Il codce relatvo alla generazone d varazon anttetche può essere nserto tra l blocco funzonale (4) e (5): s crea un vettore d varabl casual dstrbute unformemente tra 0 e d dmensone x(runs/) n (4) e se ne accoda uno d par lunghezza, ma contenente le rspettve anttetche. CV. La metodologa deve essere applcata a valle del processo d valorzzazone ovvero tra l blocco funzonale (7) e (8): una volta determnato l array d dmensone xruns s ntroduce l codce relatvo alla varable d controllo. SS. La stratfcazone avvene all nterno del blocco funzonale (4), nfatt devono essere mpegat sem d generazone d numer random n modo tale che le estrazon rcadano all nterno delle partzon desgnate. LH. Analogamente al caso precedente la generazone d numer casual dspost secondo la geometra dell percubo latno deve essere deata gà a lvello d formazone de sem d generazone delle sequenze random. on è concettualmente corretto esegure sotto-partzon d partzon su una progettazone strutturata e realzzata medante permutazon complesse valde n spaz mult-dmensonal, per cu la SS e LH sono mutuamente escludent. Infatt l applcazone congunta delle due metodologe provoca sgnfcatve dstorson al bas d smulazone. MM. La metodologa vene applcata all nterno del blocco funzonale (6): una volta smulato l percorso del sottostante su cu l opzone è scrtta, vene adattato n modo tale che l rsultato spermentale sa penamente centrato sulle aspettatve teorche. IS. L mplementazone della tecnca, come suggerto da Haug [5], consta dell ntervento smulataneo su due blocch funzonal dell archtettura. A monte, sulla generazone de numer casual tra (4) e (5), che devono essere progettat n modo tale da elmnare a valle gl outlers present nella dstrbuzone de valor fnal smulat dell asset. Tale trasformazone deve po essere elmnata a valle per poter esprmere l rsultato nella corretta metrca d prcng (8). La combnazone d metod che nel test case ha fornto l mglor rsultato (IS-CV-LH) verrà ora valdata su un dervato complesso, del quale non s dspongono d formule chuse d valutazone: una opzone -asset asan spread put, l cu pay-off è dato da Average Average tabella [3]: max Asset Asset K Tempo a scadenza 0. 5 Prezzo d mercato del prmo ttolo.9 Prezzo d mercato del secondo ttolo. Stre Tasso free-rs Volatltà prmo ttolo 0% Volatltà secondo ttolo 30% Correlazone 5% ;0. I dat con qual s è proceduto al prcng sono sntetzzat n EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 35

36 Il far-value dello strumento fnanzaro è par a.0. Al fne d convergere al rsultato con la precsone del centesmo (lnea rossa del grafco d Fgura 3 e 4), sono necessare smulazon con l Monte Carlo ordnaro (Fgura 3) e runs con l ntroduzone delle tecnche d rduzone della varanza (Fgura 4), come evdenzato da grafc delle curve d stazonaretà MSPE [3], [8], []. Fgura 3. Curva MSPE generata dal prcng della -asset asan spread put senza tecnche d rduzone della varanza Fgura 4. Curva MSPE generata dal prcng della -asset asan spread put con tecnche d rduzone della varanza IS-CV-LH 5 Concluson L adozone d metodologe matematche atte a rdurre la varanza degl output de smulator fnanzar è una necesstà dovuta all ntrnseca lenta veloctà d convergenza del metodo d valorzzazone. L artcolo ha presentato le tecnche fnalzzate al raggungmento d tale scopo ed ha evdenzato come queste possano essere tra loro combnate per mglorare le performance ed ntegrate n un sstema d prcng secondo una procedura automatzzata, fornendone una convalda spermentale. Per Guseppe Grbone e Smone Lgato EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 36

37 Bblografa [] H. T. Huynh, V. S. La, I. Soumaré Stochastc smulaton and applcatons n fnance wth Matlab programs Wley Fnance (008) [] P. E. Kloeden, E. Platen umercal Soluton of Stochastc Dfferental Equatons Sprnger Verlang (99) [3] R. Mosca, L. Cassettar, P. G. Grbone, MSPE e Monte Carlo Prcng Method: tecnche d convergenza ne modell fnanzar AIFIRM Magazne (Assocazone Italana Fnancal Industry Rs Managers) (00) [4] Mddle Offce CARIGE Manuale d nstallazone ed utlzzo delle lbrere d MATFI. (0) [5] E. G. Haug, The complete gude to opton prcng formulas, McGraw-Hll, ew Jor, USA (007) [6] P. Glasserman Monte Carlo Methods n Fnancal Engneerng Sprnger (003) [7] J. C. Hull, Optons, Futures and other dervatves, Prentce-Hall, Englewood Clffs, J (0) [8] R. Mosca, L. Cassettar, P. G. Grbone Relable Control of Convergence n Monte Carlo Prcng Methods for Optons based on MSPE Technque WSEAS Internatonal Conference on Mathematcs and Computers n Busness and Economcs - MCBE' Conference Proceedngs (0) [9] P. Jäcel Monte Carlo methods n fnance Wley & Sons (00) [0] O. Calgars, P.A. Zanghì Dspense del corso d Dottorato n Ingegnera Matematca e Smulazone dell Unverstà d Genova Equazon Dfferenzal Stocastche ed applcazon (0). [] P.G. Grbone Studo ed Implementazone della tecnca MSPE per un controllo affdable della convergenza ne modell stocastc per l prcng d opzon Ph.D Thess Relatore: Prof. Ing. R. Mosca (0) [] F. Blac, M. Scholes The Prcng of Optons and Corporate Labltes, Journal of Poltcal Economy, 8, 3 (973) EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 37

38 Appendce Archtettura d un motore d prcng basato sulla tecnca Monte Carlo EWSLETTER AIFIRM RISK MAAGEMET MAGAZIE - 38

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base

Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base Alessandra Carleo, Carlo Mottura Università degli Studi Roma Tre - Dipartimento di Studi Aziendali Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione del rischio di credito di derivati OTC. Elementi tecnici di

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà

Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FNANZA, BANCHE E ASSCURAZON (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR ESAME D STATO 2010 - L TUO ESAME - MATERE http://\vw\v. trampi.istruzione.it/esamistato/ricercacommisione.do?. tuo Esante di Stat -,:il' ;'--.,- A44001 BORTOLON CARLO SCUOLA STATALE GROLAMO FRACASTORO

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli