Mangiarsi l anima: fame e cibo tra Antichità e Medioevo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mangiarsi l anima: fame e cibo tra Antichità e Medioevo"

Transcript

1 PERCORSO 2 Mangiarsi l anima: fame e cibo tra Antichità e Medioevo Affrontare un percorso tematico dedicato al cibo e alle abitudini alimentari degli uomini e delle donne del mondo antico e medievale è impresa alquanto complessa, considerata l estensione spazio-temporale del campo di indagine. Il rischio è quello di affondare nella genericità o, al contrario, di perdersi nella banalità delle piccole curiosità. Negli ultimi anni le ricerche specialistiche sull alimentazione e sul cibo hanno compiuto un deciso passo in avanti, rinvigoriti dalla ricerca archeologica e da uno studio più approfondito delle fonti scritte e di quelle artistiche. Da questi studi emerge un panorama quanto mai interessante delle abitudini alimentari dei nostri antenati, che contribuisce in maniera positiva a ricostruirne la vita quotidiana. 1 Le civiltà antiche I cereali I cereali hanno accompagnato il cammino alimentare dell uomo ancor prima della scoperta del fuoco: la ricerca del cibo condusse l uomo a raccogliere i semi delle graminacee e ad accorgersi che erano più vantaggiosi rispetto agli altri vegetali, perché si conservavano a lungo, erano più trasportabili e nutrienti. Perciò i primi tentativi di agricoltura si rivolsero proprio verso i cereali. La loro coltivazione variò secondo il clima e il territorio: frumento nell area mediterranea, avena e segale a nord, sorgo in Africa, riso in Asia, mais in America. Fu intorno a queste piante di civiltà che si organizzò l intera vita delle società primitive: verso il 3000 a.c. in Egitto già si selezionava il frumento e nel 2000 a.c. esisteva il grano che noi tuttora consumiamo; intorno allo stesso periodo il riso era già coltivato in Cina. Il pane Le prime testimonianze di panificazione si trovano presso gli Egizi: il primo tentativo fu fatto con orzo e miglio. Non è certo dove sia stato coltivato per la prima volta il grano: probabilmente in Asia Minore e in Africa Orientale. In alcune anfore ritrovate nelle piramidi c erano chicchi di grano, che gli Egizi ritenevano dono di Iside, la dea che insegnò alle donne a macinarlo e a impastare la farina con i piedi. Il primo pane fu la galletta non lievitata: la scoperta del lievito infatti fu probabilmente casuale. Tra gli Egizi il fornaio era considerato un cittadino importante: il pane cotto nei forni era addirittura una moneta di scambio e in un catalogo del Nuovo Regno (oltre il 1000 a.c.) si elencano 40 varietà di pane e di dolci. Affresco con pescatore, da Akrotiri (Santorini). XVI sec. a.c. Atene, Museo Archeologico Nazionale. A tavola seduti Gli Egizi per mangiare si sedevano a tavola e anche nei poemi omerici Greci e Troiani mangiano seduti su sedie e panche: nell Odissea quando Ulisse giunge al palazzo di re Alcinoo, questi gli fa portare una sedia e ordina al figlio di fargli posto. 1

2 2 L antica Grecia Scena di simposio proveniente dalla tomba del Tuffatore a Paestum. 480 a.c. La birra La birra è una bevanda fermentata, poco alcolica, a base di cereali (specialmente orzo), aromatizzata con il luppolo. Essa è la bevanda più diffusa nel mondo e anche una delle più antiche. La prima testimonianza della produzione di birra risale al 3700 a.c. in Asia: furono i Sumeri, poi seguiti da Assiro-Babilonesi ed Egizi, i primi a produrla e a diffonderla. Nella saga di Gilgamesh, leggendario re di Uruk, si narra come gli dèi, per incivilire l eroe Enkidu, compagno di Gilgamesh, gli fecero bere proprio la birra, bevanda allora ritenuta sacra: Egli bevve della se-bar-bi-sag / ne bevve sette volte / il suo spirito si sciolse / egli parlò ad alta voce / il suo corpo si riempì di benessere / il suo volto si illuminò (...). La produzione della birra era regolata da leggi statali, tanto che i maestri birrai, per esercitare il loro mestiere, dovevano essere iscritti in un apposito albo. Come il vino per Romani e Greci, così la birra per Sumeri, Babilonesi ed Egizi rappresentava un simbolo culturale da proteggere e valorizzare. In Italia i primi produttori furono gli Etruschi, contagiando poi i Romani che la utilizzavano anche per le sue proprietà curative e cosmetiche, come ricorda Plinio il Vecchio. La ricetta della birra era ben nota anche ai Celti e si diffuse ben presto in tutto il territorio europeo. Il banchetto degli dèi Omero narra che nell Olimpo il banchetto era il passatempo preferito degli dèi: Per tutto il giorno, fino al tramonto del sole, essi se ne stanno al festino e il loro cuore non deve lamentarsi di un pranzo in cui tutti hanno la propria parte. Gli alimenti dell eterna giovinezza, propria appunto degli abitanti dell Olimpo, erano l ambrosia, cibo che aveva tutti i sapori ed era nove volte più dolce del miele, e il nettare, bevanda dolce e profumata. Il banchetto, allietato da musica e conversazione, era dunque il simbolo dell eterna felicità degli dèi. Secondo Esiodo, in origine anche gli uomini sedevano al banchetto divino: I pasti allora erano comuni e comuni i seggi fra gli immortali e gli uomini mortali. Poi venne l inganno di Prometeo, il quale, rubando il fuoco per donarlo agli uomini, scatenò la punizione di Zeus. Da allora gli uomini diventarono mortali, obbligati a lavorare per nutrirsi e ad accoppiarsi per riprodursi. Il banchetto degli uomini Dallo studio della cultura greca emerge l importanza dei rituali connessi con il mangiare e con il bere e il valore attribuito alla commensalità, che era una delle più importanti modalità di socializzazione, parte integrante dell organizzazione della pólis. Il momento dedicato al cibo, ovvero il banchetto vero e proprio, e quello riservato alle bevande, il simposio, erano nettamente separati e le attività collegate a entrambi i momenti avevano grande rilevanza sociale, venendo ritualizzate e codificate fin dall età arcaica: la partecipazione a tali eventi dimostrava infatti il senso di appartenenza alla comunità, riunita in un esperienza di piacere e di festa. In età classica si diffuse in Grecia la pratica di mangiare sdraiati, ripresa forse dai Fenici; i commensali prendevano posto su letti conviviali e rimanevano appoggiati sul braccio sinistro, sostenuto da cuscini. I servi disponevano davanti ai letti bassi tavolini su cui erano collocate le vivande. Durante il pasto vero e proprio non si usavano tovaglie, tovaglioli o posate, perché i cibi, già tagliati, erano serviti su piatti e presi con le mani. 2

3 Scena di danza con Baccanti intorno alla statua di Dioniso sec. a.c. Scena di un banchetto; particolare di vaso a figure rosse. V sec. a.c. Il simposio Al banchetto seguiva il simposio: tolte le prime portate, si servivano cibi stuzzicanti, dolci e vino abbondante, sempre allungato con acqua fredda o tiepida, le cui proporzioni erano stabilite dal direttore di mensa, il simposiarca. La miscela di acqua e vino era preparata in un cratere centrale, da cui i coppieri attingevano con i mestoli per versare la bevanda nei calici dei convitati. Bere vino puro era infatti ritenuto indegno di popoli civili: a Locri, in Magna Grecia, le leggi di Zaleuco prevedevano addirittura la pena capitale per chi avesse bevuto vino puro senza prescrizione medica. Aristofane ne I cavalieri dice: Quando gli uomini bevono diventano ricchi, prosperano gli affari, vincono le cause, sono felici e aiutano gli amici. Nel simposio inoltre il vino aveva un ruolo fondamentale. Durante il simposio i convitati si cingevano la testa con bende, fiori e corone, offrivano libagioni in onore delle divinità e assistevano a spettacoli musicali o a esibizioni di acrobati e giocolieri. I musici, quasi sempre donne, al suono del doppio flauto o dell arpa accompagnavano le esibizioni delle danzatrici, per lo più schiave; ai banchetti e ai simposi prendevano parte le etére, sorta di cortigiane, mentre le donne libere non vi partecipavano mai. Nel periodo ellenistico, a partire dal IV secolo a.c., il banchetto divenne particolarmente sfarzoso e raffinato, per influsso delle abitudini orientali introdotte in Grecia dopo le conquiste di Alessandro. Origine del vino La parola vino è antichissima e gli studiosi discutono se derivi dal sanscrito venas (= piacevole) oppure dall antico ebraico iin che attraverso il greco oinós sarebbe giunta ai Latini. Altri sostengono invece che la radice sanscrita vi (= attorcigliarsi) avrebbe dato origine alla parola vino (= frutto della pianta che si attorciglia). Secondo la mitologia greca, fu Dionisio a scoprire la pianta della vite, da cui produsse il primo vino: a lui pertanto i Greci dedicavano i riti e le attività della vendemmia. Il vino greco era considerato il migliore nel mondo antico e molti scrittori anche latini, come Varrone e Columella, ne descrissero le modalità di produzione; i vini migliori erano quelli di Chio, Taso, Lesbo e quello prodotto a Nasso, un vero e proprio nettare secondo le parole del poeta Archiloco. Il pane L alimento base del mondo greco era il pane, prodotto in diverse forme e con vari tipi di farina. Pare che in epoca classica si producessero circa una sessantina di tipi di pane, diversi per forma, tipo di cereali impiegati, ingredienti, modalità di cottura. Tra i pani greci più famosi si ricordano il pane di farina di farro, quello di farina di frumento, e quello di farina bianca e senza lievito. Molto diffuso era anche l uso di cospargere il pane con semi di papavero, cumino, lino e sesamo. Si attribuisce ai Greci l istituzione dei primi forni pubblici e delle associazioni di panificatori con precise regole di lavoro. Un alimentazione ricca e varia Più che per la carne, utilizzata soprattutto nelle cerimonie religiose, già dall età arcaica la gastronomia greca si distingueva per l uso di vegetali, pesce e dolci. Il pasto si apriva con una sorta di antipasto per stimolare l appetito. Seguiva spesso una zuppa di verdure o legumi: lenticchie, ceci, cipolle, rape, cardi, asparagi, lattuga e funghi; diffuso era anche l uso dei pinoli. Grande era la varietà dei pesci conosciuti: seppie, gamberi, polipi, anguille, tonni, solo per citarne alcuni, cui si aggiungeva un gran numero di molluschi, frutti di mare e crostacei: cozze, ostriche, aragoste e vari generi di conchiglie. Il pescato era preparato in diversi modi: grigliato, rosolato, stufato, arrostito sulla brace, avvolto in foglie di fico o di vite; spesso veniva mangiato anche crudo. L origine del formaggio (dal greco phormós, il paniere in cui si poneva il latte cagliato per dargli forma, da cui la forma dei Romani e il formage dell antico francese) af- 3

4 3 Statua di banchettante; nelle mani sono visibili una coppa e una lira sec. a.c. Gli Etruschi Nobile etrusco a banchetto, particolare di un affresco dalla Tomba delle Leonesse a Tarquinia. VI sec. a. C. fonda nella mitologia: per Omero, Zeus fu nutrito con il latte e i formaggi della capra Amaltea, il cui corno simboleggiava l abbondanza. Altre fonti storiche informano che durante le Olimpiadi, la principale fonte di energia degli atleti era costituita da formaggio impastato con olio di oliva, farina, frutta e miele. Il formaggio prediletto dagli antichi greci era di latte caprino, qualche volta si gustava quello misto (ovino e caprino), quasi mai quello vaccino, ritenuto nocivo. Oltre alla feta, era popolare la ricotta, mischiata con erbe o miele, mentre il formaggio stagionato era scaldato sulla brace o grattugiato. I Greci consumavano grandi quantità e varietà di frutta fresca (fichi, mele, melegrane, pere, uva) e secca (mandorle, nocciole, noci). I fichi, le mele e le cotogne erano bolliti a lungo per ricavarne un mosto molto concentrato, usato per accompagnare i dolci o anche come dolcificante: si tratta di uno sciroppo ancora apprezzato nell Italia del sud (il vincotto). Il banchetto Il banchetto aveva per gli Etruschi un doppio significato: uno religioso, quando era celebrato in occasione di una cerimonia funebre, affinché il defunto partecipasse al convivio del commiato, l altro di carattere sociale, come manifestazione di ricchezza e di appartenenza a un determinato gruppo sociale. La rappresentazione del banchetto è anche uno dei temi più frequenti nell arte figurativa etrusca, tipico delle decorazioni destinate sia a case private sia a tombe, come il celebre affresco della Tomba dei Leopardi: lo schema prevede una figura semisdraita sul letto conviviale, con il gomito sinistro appoggiato a uno o più cuscini, secondo la moda greca introdotta in Etruria nel IV secolo a.c. Calice in avorio proveniente dalla Tomba Barberini di Praeneste. VII sec. a.c. I tavoli sono coperti da sontuose tovaglie e apparecchiati con prezioso vasellame; i convitati indossano ricche vesti, il capo cinto da fasce o corone di mirto, sdraiati su letti ricoperti da stoffe preziose e cuscini. Molti servi sono intorno ai commensali, mentre musici e danzatori allietano il convito. È interessante notare che, come dimostra l iconografia, le donne etrusche, uniche nel mondo antico, partecipavano ai banchetti. Le fonti letterarie a nostra disposizione confermano quanto desunto dalle immagini pittoriche. Catullo, ad esempio, colpito dal lusso dei nobili etruschi e dagli aspetti curiosi della loro vita, rese popolare l immagine dell etrusco molle e raffinato. Posidonio (filosofo e storico del II sec. a.c.), a proposito del banchetto etrusco, scrive: Presso gli Etruschi due volte al giorno si apparecchiano mense sontuose, con tappeti variopinti e coppe argentee di ogni specie, ed è presente una folla di bei servi, adorni, di vesti sontuose. Una dieta ricca Le testimonianze archeologiche rivelano che, nel corso dei secoli, uno dei principali alimenti etruschi fu sempre la carne, di maiali, pecore e pollame, talora integrata da cacciagione (cervo, capriolo, lepre). Era cuci- 4

5 4 Il cibo a Roma Servizio di argenteria disposto su una tavola, proveniente dalla tomba di C. Vestorius Priscus a Pompei. I sec. d.c; affresco. nata bollita e arrostita, come dimostrano i corredi funerari, che comprendono alari, spiedi e pinze per maneggiare i tizzoni di brace. Anche la frutta veniva consumata in abbondanza, fresca o fermentata in bevande di scarso contenuto alcolico: nello scavo di un insediamento agricolo (IV- III sec. a.c.) sono stati ritrovati 570 semi e noccioli diversi: corniole, nocciole, ghiande di quercia, olive, uva, fichi, pere. La conferma di queste informazioni arriva anche dai dati rilevati nel villaggio del Gran Carro di Bolsena, scoperto sotto le acque del lago, datato al IX secolo a.c., che ha portato alla luce una grande quantità di noccioli di frutta selvatica, tra cui figurano anche susine e prugne. Tra i cereali era presente il farro e tra i legumi le fave. Tra i piatti più cucinati erano le zuppe di cereali e legumi e le minestre di verdura. Le farine di cereali erano utilizzate per fare frittelle e focacce. Condimento ideale per ogni cibo era l olio d oliva, di qualità eccellente, così come il vino. L alimentazione romana L alimentazione romana di epoca arcaica e repubblicana era sobria e basata su legumi, cereali, formaggio e frutta. Con la conquista dell Oriente, almeno sulle mense dei ricchi arrivarono nuovi ingredienti: accanto al pane, alla puls (= purea di cereali), ai legumi (lupini, lenticchie, ceci e fave), agli ortaggi (lattughe, cavoli e porri), alla frutta (fichi, mele e pere), comparvero altri frutti, come le ciliege, importate per la prima volta dall Oriente da Lucullo, le albicocche, le pesche, gli agrumi e soprattutto le spezie. Anche a Roma erano frequenti, nelle case dei ricchi, sontuosi banchetti per decine di amici e clientes. I cibi erano tanti e cucinati con cura, alcuni molto elaborati, come si rileva dalle ricette tramandate dal cuoco Apicio. Molto apprezzate erano le uova di anitra, piccione e pernice e il pesce, fresco o in salamoia. Tipico di Roma era un condimento a base di colatura di pesce, aceto e spezie, il garum, una delle salse più note dell antichità; diffusissimo era anche l olio d oliva, importato soprattutto dalla Baetica (oggi Andalusia) e dall Africa settentrionale in tali quantità che le anfore in cui era trasportato formarono a Roma, in circa tre secoli, una vera e propria collinetta artificiale (il monte Testaccio, cioè Monte dei cocci ). La carne I Romani mangiavano raramente carne bovina, più spesso ovina e caprina, ma comuni erano anche il maiale e gli insaccati e molto apprezzata la carne di volatili, prodotta nelle ville rustiche o cacciata, insieme a selvaggina più grande (cinghiali, daini, cervi e caprioli). Una delle caratteristiche fondamentali della cucina romana era l accostamento di gusti opposti, il piccante con il dolce, il dolce con lo speziato. Oggi non troveremmo gradevoli buona parte delle ricette romane giunte fino a noi: come le pere lesse con miele, la salsa di pesce, olio e uova, o le pietanze a base di gru, fenicotteri, pappagalli e pavoni, ritenute all epoca molto raffinate. L antipasto La gustatio, un vero e proprio antipasto, era offerto dai Romani all inizio della cena; Cicerone chiamava queste vivande promulsis, perché all inizio dei conviti c era l usanza di bere il mulsum, ossia il vino mielato. Gli antipasti erano cibi appetitosi e stimolanti, specialmente ortaggi accompagnati da salse acri e piccanti. Si riteneva infatti che il banchetto dovesse essere aperto da cibi che preparavano il sistema digestivo a ricevere gli altri alimenti. 5

6 Un thermopolium: sorta di bar aperto sulla strada dove ci si poteva rifocillare con cibo e bevande. Ercolano. I sec. d.c. Natura morta; particolare di un affresco proveniente da una villa di Pompei. I sec. d.c. Le abitudini alimentari Appena sveglio, il romano consumava uno dei due pasti della giornata, una colazione a base di pane e formaggio, frutta e carne, spesso avanzi della cena della sera prima, che anche gli invitati a un banchetto potevano portarsi a casa in un cestino. Sbrigati i primi affari, c era il prandium, lo spuntino della tarda mattinata, sobrio e veloce. L evento culinario della giornata aveva luogo nel tardo pomeriggio, quando il romano ricco, dopo un bagno alle terme, verso le tre o le quattro del pomeriggio, si sedeva a tavola fino al calare del sole. Le portate erano fino a sei, ognuna costituita da una serie di piatti. Dopo l antipasto gustatio vi erano le portate principali di carne e pesce, seguite dalle secundae mensae, cioè i dolci e la frutta (il nostro dessert). La serata continuava poi con il simposio, in cui al vino sempre annacquato si accompagnava qualche cibo salato, come i porri, che stimolavano il desiderio di bere. Varie norme di buona educazione e di etichetta regolavano la cena. Nel triclinio (la sala da pranzo), il padrone di casa faceva disporre i letti tricliniari, su cui i convitati si stendevano a due o tre, sostenendosi con il braccio sinistro piegato, mentre la mano destra era libera di prendere il cibo dai tavoli accuratamente predisposti davanti agli ospiti. Il posto d onore, detto consolare, era all estrema destra del letto centrale, di fronte alla porta d ingresso, cosicché un messaggero, entrando, potesse facilmente trasmettere al convitato una comunicazione urgente. Il padrone di casa era alla sinistra dell ospite d onore. Nelle domus più ricche le sale da pranzo erano più d una, occupate in base alla stagione e all orientamento: i triclini estivi, seminterrati e contenenti fontanelle e giochi d acqua, erano orientati a nord, e dunque più freschi, mentre quelli invernali guardavano a ovest, per cogliere gli ultimi raggi di sole. Il pane A Roma i pistores (= fornai) comparvero nel II secolo a.c. ed erano schiavi provenienti dalla Grecia appena conquistata. Fino ad allora i Romani avevano mangiato solo una galletta, così dura da essere usata come piatto, e una purea di cereali chiamata puls. Le focacce azzime furono via via sostituite da pagnotte, pani in cassetta, bastoni segnati con tacche (che servivano per dosare le porzioni) impastati con olio, latte, zafferano, rosmarino, capperi. Catone arrivò addirittura a rimpiangere pubblicamente l austera galletta degli avi, indicando quali elementi di decadenza morale quei bizzarri pani fatti a fungo, a treccia, a cornetto. Ai Romani, ed esattamente a Vitruvio, deve essere riconosciuto l enorme merito di aver sostituito la macina a pietra, azionata dall energia umana o animale, con il mulino (pistor) mosso dalla forza idrica. Durante l impero la panificazione divenne un servizio pubblico: sotto il dominio di Augusto i forni attivi nella capitale erano circa quattrocento. Il formaggio L arte della preparazione del formaggio con l uso anche di cagli vegetali (rametti o succo di fico, zafferano, carciofi, aceto), fu messa a punto dagli Etruschi e trasmessa ai Romani, che ne fecero quasi un industria. Virgilio segnala che la razione giornaliera di pecorino dei legionari romani era equiparabile a 27 grammi e serviva a ridurre la fatica. Plinio il Vecchio (I sec. d.c.) riporta un elenco dei formaggi più rinomati; nei banchetti dell età imperiale con il formaggio si arrivò a realizzare raffinate preparazioni culinarie, che i Romani esportarono in tutto l impero, come dimostra la diffusione del termine caseus (= cacio) in quasi tutte le lingue europee: dall inglese cheese al tedesco Käse, dall olandese kaas allo spagnolo queso. Columella, nel suo De re rustica, descrive metodi di preparazione, che non differiscono molto da quelli dei nostri artigiani, mentre l imperatore Diocleziano emise un ordinanza sulla salatura e la commercializzazione del formaggio stagionato e di quello fresco avvolto in foglie. 6

7 Il vino Gli Etruschi e i Romani amavano un vino particolarmente dolce, simile al nostro moscato, ottenuto con l aggiunta di acqua e miele. In particolari occasioni mischiavano alla bevanda erbe dai poteri afrodisiaci al fine di potenziarne le qualità corroboranti. Schiavi impegnati nella vendemmia; particolare di mosaico da una villa romana. II sec. d.c. Insegna di un osteria sulla Via di Diana a Ostia. Particolare. I sec. d.c. La cucina dei poveri I più poveri, dal momento che spesso nei loro alloggi non avevano spazio per cucinare, si nutrivano nelle taverne, che i ricchi non frequentavano. La taverna era la sala da pranzo del povero, vi aleggiavano odori pesanti e si poteva ordinare un bicchiere di vino miscelato con acqua bollente, salsicce all aglio, piselli fritti o bolliti, pane nero. Bastavano due asses, monete di scarso valore, per mangiare in ogni momento del giorno, oppure per portare a casa dei piatti già pronti. La plebe e gli schiavi consumavano qui l unico pasto caldo della giornata: composto da vivande bollite, budini e cibi tritati accompagnati da molta salsa, erbe aromatiche, pepe e spezie. I loro principali alimenti erano radici, cipolle, cavoli, lattuga, porri, fave, ceci, lupino, sesamo e cereali. Si mangiava spesso anche pesce conservato in salamoia; la carne era invece rara. Il cuoco In età repubblicana i ricchi Romani non erano soliti avere un cuoco alle loro dipendenze, ma lo arruolavano a seconda delle esigenze: la contrattazione si svolgeva al mercato, come possiamo ricavare da una commedia di Plauto, lo Pseudolus, in cui troviamo anche la parodia della sacralità del banchetto. In età imperiale invece i bravi cuochi erano ambitissimi: virtuosi della cucina, essi manipolavano le materie prime tanto da ingannare i commensali, inducendoli a credere di mangiare carne o pesce mentre in realtà mangiavano zucca, come racconta Marziale. Estetica e magia A Roma la mensa aveva anche un valore estetico: perciò alcuni triclini erano allestiti in gallerie di quadri o persino in un magazzino di frutta, come ricorda Varrone. A volte una pioggia di petali di fiori cadeva dall alto sui commensali, mentre dal pavimento esalava l aroma della verbena. Nel contesto della mensa alcuni oggetti assumevano anche valenze magiche, perciò, prima di accostarsi alla tavola, c era l usanza di togliersi anelli e cinture, che simboleggiavano i cerchi magici a delimitazione degli spazi posseduti dalle presenze demoniache. Le lucerne non dovevano essere spente a conclusione del pasto, per non disperdere la sacralità del fuoco. Gli avanzi servivano da nutrimento alle anime dei morti e, nei tempi più antichi, erano addirittura portati in offerta sulle tombe. Bibliografia essenziale E. BRESCIANI, Food and drink. Life resources in ancient Egypt, Lucca P. CAMPORESI, La terra e la luna. Alimentazione, folclore, società, Milano A. CIPRIANI, Mangiare per vivere. Breve storia sociale dell alimentazione, Roma J. L. FLANDRIN - M. MONTANARI (a cura di), Storia dell alimentazione, Bari D. GIUGLIANO, La dieta mediterranea alle origini del mito, Napoli M. L. MINARELLI, A tavola con la storia, Firenze M. MONTANARI, Convivio. Storia e cultura dei piaceri della tavola dall Antichità al Medioevo, Roma ID., La fame e l abbondanza. Storia dell alimentazione in Europa, Bari G. REBORA, La civiltà della forchetta. Storie di cibi e di cucina, Bari R. I. ROTBERG - T. K. RABB (a cura di), La fame nella storia, Roma M. SENTIERI, Cibo e ambrosia. Storia dell alimentazione mediterranea tra caso, necessità e cultura, Bari V. TETI, Il colore del cibo. Geografia, mito e realtà dell alimentazione mediterranea, Roma

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara Prologo Se vi domandate il perchè di questo mio curioso documento è presto detto: il 17 Gennaio è stato festeggiato il Carbonara Day. Quel giorno tutti i ristoranti

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO SEMINA C'è chi semina e chi miete Chi mal semina, mal raccoglie Chi non semina non miete Chi parla semina, chi tace raccoglie Chi semina vento raccoglie tempesta RACCOGLIE Chi dà e ritoglie, il diavolo

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli