Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati"

Transcript

1 Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010

2 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009) stabilisce che l allocazione della capacità di interconnessione deve essere effettuata con particolare attenzione alle caratteristiche specifiche delle aste implicite per assegnazioni a breve termine La Commissione Europea ha istituito e presiede l Ad Hoc Advisory Group (AHAG), al quale partecipano tutti gli stakeholders (Regolatori, PXs, TSOs, Produttori, Traders, Consumatori) GME partecipa ai lavori dell AHAG attraverso EuroPEX obiettivo dell AHAG è la definizione del framework regolatorio europeo al fine di implementare in tutta Europa il Market Coupling, come metodo di allocazione giornaliera della capacità, entro il 2015 adottando la metodologia del price coupling* In Italia: Legge 02/2009 L art 3.10 ter: il MSE può adottare misure al fine di promuovere la integrazione dei mercati regionali europei dell'energia elettrica, anche attraverso l'implementazione di piattaforme comuni per la negoziazione dell'energia elettrica e l'allocazione della capacità di trasporto transfrontaliera con i Paesi limitrofi * Conclusioni del XVII Florence Forum, Roma, Dicembre

3 3 Market Coupling: le attività del GME Il GME è da sempre attivo nella cooperazione internazionale finalizzata alla creazione di un mercato europeo integrato dell energia co-fondatore nel 2001 di EuropEX (associazione europea degli Energy Exchanges) primo paper di EuropEX sul market coupling pubblicato nel 2003 il GME contribuisce attivamente alla partecipazione di EuropEX ai tavoli istituzionali il GME presiede i gruppi di lavoro EuropEX sui mercati ambientali e sui mercati del gas Progetti di coupling in cui il GME è attualmente impegnato Market Coupling Italia Slovenia Price Coupling of Regions (PCR) progetto sviluppato insieme a OMEL, EPEX, APX-Endex, Belpex e NordPool decentralized price coupling su scala europea - 3 -

4 4 ITA-SI Market Coupling: l origine del progetto Milestones GME, Borzen e BSP SouthPool hanno sottoscritto un MoU nel Q per l introduzione del Market Coupling tra Italia e Slovenia GME, Borzen e BSP hanno elaborato una proposta per l implementazione del MC, formalmente inviata ai TSOs, ai Regolatori e ai Ministeri di riferimento nel Q I Regolatori italiano e sloveno hanno costituito un WG nel Q al quale partecipano GME e BSP come Power Exchanges - PXs Borzen come Market Operator - MO (in Slovenia) Terna e Eles come Transmission System Operators - TSOs Ministeri Italiano (MSE) e Sloveno (Economia) di riferimento Scopo del WG: definire una soluzione percorribile per l implementazione del Market Coupling sull interconnessione tra Italia e Slovenia (compatibile con le altre soluzioni adottate nella regione CSE) stabilire una roadmap per l implementazione del Market Coupling Progetto supportato dai Governi Italiano e Sloveno Dichiarazione congiunta dei Ministri degli Esteri Italiano e Sloveno dell 8 Settembre 2008 e del 9 Novembre 2009 Il MSE e il Ministero Sloveno per l Economia il 27 Agosto 2010 hanno sottoscritto un MoU nel quale si impegnano a supportare il progetto - 4 -

5 5 ITA-SI Market Coupling: l implementazione del progetto Governance Master Agreement definisce i principi e gli obiettivi del Market Coupling stabilisce nel 1 Gennaio 2011 la data di avvio del Market Coupling approvato da entrambi i Regolatori ad Ottobre 2010 sottoscritto dai TSOs, dai PXs e dal MO Auction Rules 2011 sottoposte all approvazione dei rispettivi regolatori introduce il MC come forma di allocazione giornaliera della capacità di interconnessione tra Italia e Slovenia Pentalateral agreement definisce le procedure operative per la gestione del market coupling (tempistiche e contenuto delle informazioni scambiate) da sottoporre all approvazione di entrambi i Regolatori deve essere sottoscritto dai PXs, dai TSOs e dal MO Accordi locali tra il TSO e il PX/MO definiscono le procedure operative, in ciascun Paese, per la gestione del Market Coupling (contenuto e formato delle informazioni scambiate) nel caso del GME e di Terna, tali procedure sono incluse in una Convenzione da sottoporre all approvazione dell AEEG - 5 -

6 6 ITA-SI Market Coupling e il Mercato Italiano: il quadro regolatorio Market coupling Mercato Italiano Master Agreement Pentalateral Agreement Auction Rules Convenzione GME Terna Disciplina del Mercato Codice di Rete Terna GME AEEG * BSP Borzen Eles AGEN Approvazione Implementazione * Approvato dal MSE dopo aver ricevuto il parere dell AEEG - 6 -

7 7 ITA-SI Market Coupling: ruoli e responsabilità ITA Sl MC è un decentralized price coupling che: riflette le responsabilità e i ruoli già svolti dai TSOs e i PXs si basa sulle relazioni già esistenti a livello locale tra TSO e PX Ogni TSO è responsabile per la definizione del proprio modello di rete la comunicazione dei valori della ATC tra Italia e Slovenia al PX del proprio Paese lo svolgimento del ruolo di controparte con il PX del proprio Paese per l import/export definito dal MC Ogni PX è responsabile per la ricezione delle offerte da parte dei propri operatori di mercato l esecuzione del proprio software di mercato tenendo conto anche delle offerte ricevute dall altro PX la definizione e la pubblicazione dei risultati del proprio mercato I TSOs sono congiuntamente responsabili per la definizione del modello di rete complessivo ai fini del MC la definizione dei valori della ATC tra Italia e Slovenia da allocare tramite MC I PXs sono congiuntamente responsabili per la condivisione delle informazioni relative alle offerte ricevute (in forma anonima) e della ATC per il MC l adozione di un algoritmo di matching comune la verifica della consistenza, ai fini del MC, dei risultati calcolati (prezzi e quantità import/export) la definizione delle quantità in import/export in esito al MC

8 Impossi bile visuali 8 ITA-SI Market Coupling: un approccio decentralizzato M e r c a t o I t a l i a n o Terna M e r c ato S l o veno Eles Operatori Italiani 6 6 Operatori Sloveni 1 Operatori del mercato inviano le offerte al GME Operatori del mercato inviano le offerte a BSP 2 Terna invia al GME i valori dell ATC per l interconnessione ITA - SI Eles invia a BSP i valori dell ATC per l interconnessione ITA - SI 3 GME and BSP condividono le informazioni sulle offerte (anonime) sull ATC 4 GME esegue il proprio mercato e calcola i relativi risultati BSP esegue il proprio mercato e calcola i relativi risultati 5 GME e BSP verificano la consistenza dei risultati e validano i risultati 6 GME pubblica i risultati BSP pubblica i risultati Operazioni svolte in modo decentralizzato e parallelo Operazioni svolte congiuntamente

9 9 ITA-SI Market Coupling: un price coupling con un algoritmo di matching comune Il market coupling tra Italia e Slovenia è un price coupling l algoritmo adottato replica perfettamente le regole di matching di tutti i PXs che aderiscono al coupling l algoritmo di matching viene eseguito utilizzando tutte le informazioni rilevanti relative alle offerte presentate dagi operatori ai PXs che aderiscono al coupling viene utilizzato un modello di rete comune per tutte le aree nella responsabilità dei TSOs coinvolti nel coupling non si verificano adverse flows GME e BSP adotteranno lo stesso algoritmo di matching: aste implicite orarie nessun vincolo intertemporale (no block bids) prezzi zonali (con calcolo del PUN solo sulle zone fisiche italiane) prezzo marginale calcolo dei flussi tra le zone supportati sia il modello di rete ATC che flow-based (al momento viene adottato l ATC) offerte espresse con indicazione di coppia quantità prezzo quantità minimima negoziabile: 0,001 MWh prezzo espresso in 0,01 /MWh - 9 -

10 10 Market coupling: tempistiche delle attività Limiti di transito (ATC) Offerte Esecuzione del mercato Risult ati Mercato Sloveno Pubblicazione ITA SI ATC [7.45] Chiusura della seduta di mercato [9.00] Calcolo dei risultati del mercato [9.50] Pubblicazione dei risultati [10.25] Verifica ITA SLO ATC [7.45] Condivisione delle offerte (in forma anonima) [9.40] Verifica e validazione dei risultati [10.15] Mercato Italiano Pubblicazione ITA SI ATC [7.45] Chiusura della seduta di mercato [9.00] Calcolo dei risultati del mercato [9.50] Pubblicazione dei risultati [10.25]

11 11 L allocazione della capacità sulla frontiera Italo-Slovena dal 1 gennaio 2011 Asta esplicita di PTRs C a p a c i t à a n n u a l e Asta esplicita di PTRs C a p a c i t à m e n s i l e Asta implicita market coupling C a p a c i t à g i o r n a l i e r a

12 12 Grazie per l attenzione!!!

Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING. Roma, 26 Novembre 2014

Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING. Roma, 26 Novembre 2014 Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING Roma, 26 Novembre 2014 2 Sommario Il mercato elettrico italiano e i mercati elettrici europei: differenze e

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT

SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT FINALITÀ DEL CODICE Il codice è volto a definire un set di norme per l allocazione della capacità e la gestione delle congestioni tra le diverse

Dettagli

Market Coupling dei Mercati Elettrici

Market Coupling dei Mercati Elettrici Market Coupling dei Mercati Elettrici Milano, 20 Novembre 2009 Giuseppe Buglione, Guido Cervigni, Eileen Fumagalli, Elena Fumagalli IEFE Università Bocconi 1 Indice della Presentazione Organizzazione della

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 10, comma 2, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n.79, modificato dall articolo 1-quinquies, comma 5, del decreto-legge 29 agosto 2003, n.239 convertito

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO

Dettagli

ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE

ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2014/R/EEL ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE Documento per la consultazione Mercato

Dettagli

Mercati dell energia e mercati finanziari

Mercati dell energia e mercati finanziari Regulatory Lectures 2003 Mercati dell energia e mercati finanziari Valeria Termini 24 febbraio 2003 Palazzo Affari ai Giureconsulti Piazza Mercanti, 2 Milano 2 Obiettivi della liberalizzazione del settore

Dettagli

Bilancio d Esercizio 2010

Bilancio d Esercizio 2010 Bilancio d Esercizio 2010 Gestore dei mercati energetici S.p.A. Indice 1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. V 2. IL GME p. IX 3. ORGANI SOCIALI p. XIII 4. ASSETTO DEI POTERI p. XVII 5. RELAZIONE SULLA GESTIONE

Dettagli

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 1 DEFINIZIONI

Dettagli

Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo

Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo Amstelveenseweg 998 1081 JS Amsterdam The Netherlands T: +31 20 520 79 70 info@efet.org www.efet.org Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo EFET Position Paper -

Dettagli

Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso

Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso Francesco Cariello Responsabile Unità Affari Regolatori Internazionali - Dipartimento per la

Dettagli

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Alberto Pototschnig Amministratore Delegato Gestore del Mercato Elettrico Spa Sistema Energetico: Superamento

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO Valeria Termini Confindustria Roma, 19 giugno 2001 INDICE 1. Un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica.

Dettagli

Panorama europeo del mercato dell energia (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015)

Panorama europeo del mercato dell energia (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015) Panorama europeo del mercato del (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015) Clara Poletti AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Capo Dipartimento

Dettagli

Evoluzione del bilanciamento

Evoluzione del bilanciamento Evoluzione del bilanciamento ing. Antonio Anchora Responsabile Gestione Contratti e Bilanciamento Milano, 27 Maggio 2015 snamretegas.it Agenda Regolamento UE n. 312/2014 Aggiornamento CdR - Proposta n.

Dettagli

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori I Parte Vanna Gualandi vanna.gualandi@terna.it AGENDA Un excursus sull assetto del settore elettrico Gli organi di supervisione del settore elettrico Il

Dettagli

Disposizioni per l anno 2010 in materia di gestione delle congestioni in importazione ed esportazione sulla rete di interconnessione con l estero

Disposizioni per l anno 2010 in materia di gestione delle congestioni in importazione ed esportazione sulla rete di interconnessione con l estero Deliberazione 18 dicembre 2009 ARG/elt 194/09 Disposizioni per l anno 2010 in materia di gestione delle congestioni in importazione ed esportazione sulla rete di interconnessione con l estero L AUTORITÀ

Dettagli

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA Il servizio di dispacciamento è regolato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Il mercato elettrico gestisce sia l energia elettrica sia il servizio

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO 20 13. GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A.

BILANCIO D ESERCIZIO 20 13. GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A. BILANCIO D ESERCIZIO 20 13 GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A. III INDICE 1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. V 2. IL GME NEL 2013 p. IX 2.1 IL PROFILO p. X 2.2 I NUMERI p. X 3. ORGANI SOCIALI p. XIII 4. ASSETTO

Dettagli

La riforma del Mercato Elettrico

La riforma del Mercato Elettrico Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma del Mercato Elettrico Tullio Fanelli, Alessandro Ortis, Stefano Saglia, Federico Testa ABSTRACT Il rapido incremento di impianti da fonti rinnovabili non programmabili

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO ELETTRICO

LA RIFORMA DEL MERCATO ELETTRICO LA RIFORMA DEL MERCATO ELETTRICO Roma, 6 Ottobre 2009 Fabrizio Carboni Direzione Mercati 2 Agenda La riforma del mercato elettrico Il mercato infragiornaliero Il nuovo MTE Adempimenti La fase di test -

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 609/2013/R/EEL VERIFICA DI CONFORMITÀ DELLA CONVENZIONE FRA LA SOCIETÀ TERNA S.P.A. E LA SOCIETÀ GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI E APPROVAZIONE DEGLI ACCORDI DI MARKET COUPLING

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA Quadro generale I manuali internazionali ed i regolamenti statistici comunitari individuano

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 AGOSTO 2017 602/2017/R/EEL ISTRUZIONI AL GME E A TERNA PER L ATTUAZIONE DI EMENDAMENTI ALLA PROPOSTA PER IL DISEGNO E L IMPLEMENTAZIONE DI ASTE COMPLEMENTARI INFRAGIORNALIERE, PRESENTATA

Dettagli

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT EMIR e REMIT: giornata di studio EFET sulla regolamentazione finanziaria dei mercati energetici Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT Biagio De Filpo Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004 La Borsa elettrica: principi e funzionamento Roma, 31 marzo 2004 Parte I : i principi del mercato Prof. Bollino Parte II : il mercato dell energia energia Prof. SzegÖ / Avv. Agosta Parte III : le attività

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

L avvio del Market coupling tra Italia e Slovenia

L avvio del Market coupling tra Italia e Slovenia IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.34 gennaio '11 primo piano L avvio del Market coupling tra Italia e Slovenia

Dettagli

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Roma, 27 Giugno 2014 Ing. Cristian Cattarinussi EscoEspe S.r.l. PREMESSA

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO 1

IL MERCATO ELETTRICO 1 IL MERCATO ELETTRICO 1 Caratteristiche del prodotto energia elettrica In generale, la produzione di qualunque bene deve essere tale da adeguare l'offerta alla domanda. Come si può programmare la produzione

Dettagli

4. Il mercato elettrico

4. Il mercato elettrico Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Nel mercato del giorno prima avente per oggetto la contrattazione d energia tramite offerte di vendita ed acquisto.

Dettagli

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 (Attuazione delle disposizioni di cui all articolo articolo 6 del regolamento (CE)

Dettagli

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Electric system and energy market Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering,

Dettagli

Lo sviluppo delle reti elettriche verso le smart grid: il ruolo del regolatore italiano

Lo sviluppo delle reti elettriche verso le smart grid: il ruolo del regolatore italiano Simposio Tecnico: Energy storage per la mobilità sostenibile Progetto AlpStore, Energy Storage for the Alpine Space Lo sviluppo delle reti elettriche verso le smart grid: il ruolo del regolatore italiano

Dettagli

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Francesco Forte Responsabile Power Trading and Portfolio Management Consorzio Utilities Ravenna (www.curaenergy.it) 2 Sommario 1. Il mercato

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Come operare nel mercato elettrico

Come operare nel mercato elettrico Come operare nel mercato elettrico Alberto POTOTSCHNIG Confindustria Roma, 19 giugno 2001 Assetto del settore - Struttura del mercato Impianti con contratto GRTN Impianti senza contratto Contratti bilaterali

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa

Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa 14 maggio 2014 snamretegas.it Agenda Evoluzione dei Servizi Commerciali nell offerta Snam Rete Gas D. Gamba - Direttore Sviluppo e Commerciale

Dettagli

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 211 11 Luglio 212 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 212 sono consolidati

Dettagli

DELLA BORSA ELETTRICA

DELLA BORSA ELETTRICA DELLA BORSA ELETTRICA Indice n INTRODUZIONE 7 Il GME 7 Il Mercato Elettrico 8 Il Quadro regolatorio 9 n 1. L ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA ELETTRICO 13 1.1 I soggetti del sistema elettrico 15 1.2 I vincoli

Dettagli

Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali?

Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali? Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali? Next Wave Trading Milano, 31 Ottobre 2013 Andrea Marchisio Partner elemens La Capital Intensity per le principali fonti

Dettagli

Valutazione dell impatto sul mercato elettrico italiano di un price coupling con i Paesi vicini

Valutazione dell impatto sul mercato elettrico italiano di un price coupling con i Paesi vicini Valutazione dell impatto sul mercato elettrico italiano di un price coupling con i Paesi vicini lberto Gelmini Dario Siface Michele enini lessandro Zani RSE L articolo analizza i possibili effetti dell

Dettagli

8 Luglio 2014 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Analisi e Monitoraggio

8 Luglio 2014 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Analisi e Monitoraggio Relazione Annuale 2013 8 Luglio 2014 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Analisi e Monitoraggio 2 Agenda 1. Il contesto 2. Il mercato elettrico 3. Il mercato del gas 4. I mercati dell ambiente All interno

Dettagli

Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale

Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale Virginia Canazza Roma, 26 novembre 2014 Indice L integrazione italiana nel Market Coupling Europeo lo stato di avanzamento le

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Massimo Beccarello Direzione Strategie, studi e documentazione Milano Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 I soggetti

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO 2015 GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A.

BILANCIO D ESERCIZIO 2015 GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A. BILANCIO D ESERCIZIO 2015 GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A. Indice / Bilancio d esercizio 2015 1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. 3 2. IL GME NEL 2015 p. 9 2.1 Il profilo p. 10 2.2 I numeri p. 12 3. ORGANI

Dettagli

REMIT -Regolamento UE n. 1227/2011

REMIT -Regolamento UE n. 1227/2011 REMIT -Regolamento UE n. 1227/2011 Istituzione del Registro nazionale degli operatori di mercato Rosita Carnevalini Direttore Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Milano, 26 marzo 2015 Perché

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Eni S.p.A. Enel S.p.A. VISTA la legge 15 gennaio 1994, n. 65, di ratifica della Convenzione Quadro delle Nazioni

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES La Regione Emilia Romagna per agevolare gli Enti locali coinvolti nell iniziativa Patto dei Sindaci, ha messo a disposizione dei

Dettagli

1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. V 2. IL GME nel 2012 p. XI. 3. ORGANI SOCIALI p. XV. 5. RELAZIONE SULLA GESTIONE p. 1

1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. V 2. IL GME nel 2012 p. XI. 3. ORGANI SOCIALI p. XV. 5. RELAZIONE SULLA GESTIONE p. 1 BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Gestore dei mercati energetici S.p.A. Indice 1. LETTERA AGLI AZIONISTI p. V 2. IL GME nel 2012 p. XI 2.1 il profilo p. XII 2.2 i numeri p. XII 3. ORGANI SOCIALI p. XV 4. ASSETTO

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

L organizzazione zonale del mercato elettrico e concorrenza: quale relazione. Clara Poletti Milano, 20 Novembre 2008

L organizzazione zonale del mercato elettrico e concorrenza: quale relazione. Clara Poletti Milano, 20 Novembre 2008 L organizzazione zonale del mercato elettrico e concorrenza: quale relazione Clara Poletti Milano, 20 Novembre 2008 Sommario Le peculiarità dell energia elettrica Vincoli di trasporto La zonazione nel

Dettagli

Documento di consultazione 03/2016

Documento di consultazione 03/2016 Intraday Market coupling Italia-Slovenia 1. Introduzione Il Regolamento (UE) 2015/1222 della Commissione del 24 luglio 2015 che stabilisce orientamenti in materia di allocazione della capacità e di gestione

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana Torelli Anno Accademico

Dettagli

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1 Documento di consultazione 02/2015 PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Documento di consultazione 02/2015 1 1. Introduzione Il meccanismo dei titoli di efficienza

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea RAPPORTI INTERNAZIONALI Con la liberalizzazione dei mercati energetici, le istituzioni internazionali che seguono l evoluzione economica e istituzionale dei paesi membri hanno iniziato ad includere fra

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Il progetto europeo di coupling Intraday. Milano, 17 Ottobre 2016

Il progetto europeo di coupling Intraday. Milano, 17 Ottobre 2016 Il progetto europeo di coupling Intraday Milano, 17 Ottobre 2016 2 Coupling Day Ahead e Intraday Nel Febbraio 2015 è stato avviato il PCR (Price Coupling of Region) sull orizzonte Day- Ahead. L allocazione

Dettagli

LookOut. Rinnovabili elettriche

LookOut. Rinnovabili elettriche LookOut Rinnovabili elettriche Q3-2014 elemens Mercati SOMMARIO SOMMARIO... 2 ELENCO DI FIGURE, TABELLE E GRAFICI... 4 EXECUTIVE SUMMARY... 7 1. PANORAMICA DI SETTORE... 11 1.1 Dati ufficiali finalmente

Dettagli

MCTCNet2 FULLMCTCNet2

MCTCNet2 FULLMCTCNet2 cosa sono MCTCNet2 FULLMCTCNet2 novità già in atto tempi di attuazione come avverrà la migrazione dal vecchio al nuovo protocollo cosa cambierà Cosa sono MCTCNet2 e FULLMCTCNet MCTC-Net2 è un nuovo protocollo

Dettagli

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Anni scorsi: Analisi Tecnico Economica del Sistema Elettrico (12 cfu) si componeva di due

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. Unità Legale e Regolazione Largo Giuseppe Tartini 3/4 00198 Roma Milano, 14 Settembre 2012 Osservazioni al Documento di Consultazione 03/12 Possibili contributi

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

Intraday Power Trading

Intraday Power Trading Intraday Power Trading PADOVA 22 Maggio 2014 Mercati energetici e metodi quantitativi: un ponte tra Università e Aziende Stefano Fiorenzani ALEPH - Director & Founder ALEPH CONSULTING ENERGY RISK FINANCE

Dettagli

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga Memorandum Of Understanding Italia Digitale Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga 1 Oggetto Il presente Memorandum of Understanding (nel seguito MOU ) ha come oggetto la definizione

Dettagli

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Incontro con gli Operatori Assolombarda Milano Confindustria - Roma Data: 24/11/2009 Fabrizio Plateroti Director of Regulation & Post Trading Ennio Arlandi Energy

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Energia Elettrica per fonte 2011 Nord America Altre Rinnovabili 3% Idroelettrico 16% Nucleare 17%

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli 1 - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 717 del 19-09-2012 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 744 del 19-09-2012 Determinazione n. 170 del 19-09-2012 Settore

Dettagli

IL BROKER DELLA LOGISTICA

IL BROKER DELLA LOGISTICA IL BROKER DELLA LOGISTICA Responsabile del Progetto: MARINO CAVALLO, Provincia di Bologna Autori: VALERIA STACCHINI, Provincia di Bologna CRISTINA GIRONIMI, Provincia di Bologna Il documento è stato realizzato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia Aste ad oggetto multiplo Applicazione alla Borsa dell Energia Funzione di offerta (uniform-price) p smp uniform price values m Funzione di offerta Pay-as-bid p discriminatory max p D min p D values m Confronto

Dettagli

La Domanda Elettrica dell Acquirente Unico: Minimizzazione dello Scostamento tra Previsioni e Consumo

La Domanda Elettrica dell Acquirente Unico: Minimizzazione dello Scostamento tra Previsioni e Consumo La Domanda Elettrica dell Acquirente Unico: Minimizzazione dello Scostamento tra Previsioni e Consumo Santino Mazzaferri Acquirente Unico, Direzione Operativa Energia santino.mazzaferri@acquirenteunico.it

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Energetica Simulazioni del mercato elettrico Italiano sotto l ipotesi di market coupling Relatore: Prof.sa Elena Maria

Dettagli

Autorità per l'energia elettrica e il gas

Autorità per l'energia elettrica e il gas Annual Report 2011 31/07/2011 Autorità per l'energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE ALLA COMMISSIONE EUROPEA SULLO STATO DEI SERVIZI E SULLA REGOLAZIONE DEI SETTORI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS

Dettagli

SHIPPERS DAY. Logistica Gas. Antonio Anchora. MILANO, 14 maggio 2014. snam.it

SHIPPERS DAY. Logistica Gas. Antonio Anchora. MILANO, 14 maggio 2014. snam.it SHIPPERS DAY Logistica Gas Antonio Anchora MILANO, 14 maggio 2014 snam.it Cos è Logistica Gas Nuovo sistema informatico dedicato all area Commerciale resosi necessario per: gestione e supporto allo sviluppo

Dettagli