II) L INDUSTRIA TELEVISIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II) L INDUSTRIA TELEVISIVA"

Transcript

1 II) L INDUSTRIA TELEVISIVA A- BREVE STORIA ( ovvero della peculiarissima simbiosi tra TV e politica, in Italia ) 1- La TV nasce commerciale :two sided market (USA1935): si era già affermata la società dei consumi. Soft free per vendere apparecchi (hard) e pubblicità Il modello britannico: BBC ( 1936 ): ancora debole la società dei consumi. Diversa visione del ruolo dello stato: educare, informare, intrattenere. Intervento pubblico per promuovere la vendita degli apparecchi. 2- La storia della TV italiana mostra il ruolo della tecnologia, delle regole, della politica e della domanda, ma anche l enorme ( anomalo ) impatto culturale ( e quindi politico ) di questo m.m. 1

2 a)inizio(1954) sul modello BBC:canone e poca pubblicità, ma fin dall inizio è evidente l importanza del controllo politico della TV, il grande comunicatore: modello top-down. La TV in Italia nasce politica b)anni 50 e metà 60. Tecnologia: terrestre via etere. Regola: monopol pubblico (un solo canale controllato dalla DC e c.d.a. RAI nominato dal governo). Pubblico: se la beve tutta! Però programmi mito : Non è mai troppo tardi (formazione); Festival Sanremo, Lascia o raddoppia, Campionati del mondo di calcio (intrattenimento ); Tg1 (promozione politica); Carosello (promozione consumo) >> nasce il popolo della TV : i contenuti creano partecipazione e cultura. In 6 anni la copertura territoriale al 90%; gli abbonati da 178 mila a 8 milioni nel Con il Centro-sinistra nasce RAI 2 (1965): simbiosi tra TV e politica. 2

3 c)anni 70 e 80: cambia la tecnologia (cavo),ma soprattutto società, regole, e quadro politico > cambia la TV i) la tecnologia del cavo fermata dalla politica: il caso Telebiella (1971 ) e degli altri operatori locali via cavo ii) nasce società dei consumi: cresce la pubblicità e aumenta la domanda d intrattenimento >> TV commerciali iii) saturazione delle vendite di televisori >> la TV a colori (1976 ): la battaglia PAL vs. SECAM iv) concorrenza, estera: Capodistria e RTSI v) la battaglia per nuove regole: intervento rivoluzionario della Corte Costituzionale: sì alle TV locali via cavo (1974). Risposta: legge 103/1975: controllo RAI passa al Parlamento, limiti alla pubblicità ( pro quotidiani ) e limiti strettissimi all uso del cavo, che diventa antieconomico. Si apre la strada alle reti private via etere 3

4 vi) La Corte Costituzionale legalizza le reti locali, se via etere (1976) >> le premesse per maggiore varietà e per la TV commerciale d) Anni 80 e 90: irruzione della TV commerciale, ossia come usare la politica per fare affari televisivi i) il far west dell etere: nascono nuove emittenti locali e la furbata della quasi-contemporanea nazionale di programmi regionali; i pretori per l oscuramento dei ripetitori locali/ nazionali Fininvest crea Canale 5; 1983 Rusconi crea Italia1 e Mondadori Rete 4; 1984 Italia 1 e Rete 4 sono acquistate da Fininvest. Vince la TV come venditrice di pubblicità rispetto alla TV come venditrice di contenuti 4

5 ii) 1986: la politica legittima la TV commerciale. Legge Craxi- Berlusconi : stop a nuove emittenti >> duopolio de facto: situazione congelata, aumento tempo pubblicitario dei privati, rinvio a una legge di riforma. iii) 1990: la politica istituisce il duopolio RAI-Fininvest. La legge 223/90 (Mammì): 12 canali naz. Attribuiti discrezionalmente; canone low cost di concessione privato; limiti alla pubblicità; servizio universale; Garante della informazione (vincoli al controllo di quotidiani e di reti locali, etc.); blocco reti locali iv) 1994: infine la TV va al governo: gli affari televisivi fanno la politica e il ritorno al passato: il 5

6 controllo politico dalla TV. Interpretare la politica dal 1994 ad oggi come la gestione di un gestore televisivo: share, eventi, telegiornali, memoria breve, popolo, etc. Però la Corte Cost. afferma che il duopolio impedisce il pluralismo v)1997. Legge Maccanico: avvio del digitale; TV regionali; sopravvivenza, temporanea, di Rete 4 e RAI 3; Istituzione dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni; limiti al controllo delle risorse. vi) La TV privata ( Mediaset ) fa le leggi per sé: la legge 112/2004 (Gasparri ), ossia della difesa del duopolio sul mercato dell ascolto e del quasi monopolio su quello della pubblicità. Il digitale. 6

7 vii) situazione attuale degli ascolti: 1.7 televisori per famiglia; 97% delle famiglie ( più di 24 milioni ) è datata di televisione; sky 4,7 milioni di famiglie 7

8 B- L ORGANIZZAZIONE DELLA INDUSTRIA TELEVISIVA I)Fasi componenti della filiera televisiva, e problemi collegati 8

9 Importante. La vendita dei contatti è condizione necessaria di esistenza della TV commerciale. Nel caso di TV pubblica la pubblicità è utile ai fini di bilancio, ma non necessaria ( la TV pubblica sarebbe finanziata dal canone ). Lo stesso dicasi per la pay TV, dove gli ascoltatori pagano direttamente il contatto. 9

10 La rilevazione dell ascolto 1) Le prime rilevazioni dell ascolto, via Interviste: ) Nasce Auditel (1986): 33% RAI, 27% Mediaset, 6% altre private, 33% associazioni utenti e UPA, 1% FIEG 3) Come funziona: a) indagine volta a rilevare il numero delle famiglie ( determinazione dell universo, che non comprende i luoghi pubblici ), in continuo aggiornamento; b) campionamento e people meter ; c) sistema assai complicato di controllo e verifiche ( cfr. Baudi-Brigida, pagg ) 4) Informazioni che se ne derivano: a- Ascolto medio; b- share; c- indice di penetrazione; d- contatti netti; e- minuti visti; f- permanenza. ( cfr. Ba- Br, pag.280) 5) Ascolto medio: 4 h x persona; 6 h x famiglia; telespettatori nel giorno medio 9.2 milioni; prime time: 24 milioni; ( cfr. Siliato, pagg.55 e segg.) 10

11 6) Che cosa s intende per qualità dei programmi? Le star, sono segnale di qualità? La qualità dell ascolto: Qualimat M.Gui, L.Stanca Attratti ma insoddisfatti: perché continuiamo a guardare la TV? Consumatori, diritti e mercato n.1/2009 Come si spiega un alto ascolto accompagnato da bassa soddisfazione per i programmi? La partecipazione collettiva alla elaborazione dei programmi: i club di fan, gli studi dei sociologi 11

12 II) Le variabili esogene(fino a un certo punto) 1)- La domanda a- la domanda di programmi diversi Che cos è il prodotto distribuito? Programmi televisivi ( es. soap opera, show, dibattiti di tipo informativo, collegamenti, etc.) e non televisivi ( es. film, sport, etc.). La distribuzione degli ascolti: l ipotesi del telespettatore mediano e le nuove tendenze del consumo personalizzato (analogie con altri settori ) Diversa elasticità o willingness to pay : mercati separati in relazione alla wtp: effetti sulla integrazione orizzontale (convergenza) e sulla nuova TV ( in particolare pay TV ) ( rinvio) I programmi: 1) a utilità ripetuta ( i diritti di esclusiva ); 2) a utilità non ripetuta 12

13 13

14 14

15 b- la domanda composita:il palinsesto Come si distribuiscono gli ascolti: curva a campana. Il vantaggio di avere più canali: economie di varietà ), effetti sulla concorrenza. Altri palinsesti più liberi:lo zapping, la paytv e la tv on demand (rinvio) 15

16 2)- Le diverse tecnologie di trasmissione ( o di illuminazione ). iii- i- broadcasting: la frequenza e la banda delle onde elettromagnetiche: vhf e uhf. Proprietario dell etere è lo stato Con il digitale non vi è più un problema di scarsità Il diverso consumo di banda e. da parte dei diversi programmi Il problema della copertura ii- satellite: shf, transponder, footprint. cavo: diverso sviluppo nei vari paesi iv- analogico e digitale:l ultima rivoluzione (rinvio) v- i costi dell illuminazione: fissi e variabili 16

17 III) Concorrenza e pluralismo nella TV Cosa s intende per concorrenza; quali ne sono i vantaggi attesi?cosa s intende per pluralismo? Economia e politica s incrociano: comunque il monopolio potere di mercato, potere politico - è un fatto negativo. A) Condizione necessaria perché vi sia concorrenza: un certo numero di reti indipendenti, ossia controllate da soggetti diversi. Tale condizione non sussisteva nel monopolio pubblico con una rete (un po meglio con tre reti), ma neppure nella situazione attuale di duopolio per due motivi: i) collusione di fatto su vari mercati; ii) unificazione in una persona del controllo economico di Mediaset e politico di RAI, come da evidenza. B) Chi controlla la concorrenza? teoricamente vi sono due Autorità che in modo diverso potrebbero intervenire: AGcom e AGCM. In realtà il controllo politico diretto e indiretto su questi due soggetti è molto forte e quindi non vi è nessun garante della concorrenza 17

18 C) L eventuale esistenza di concorrenza non implica pluralismo. Il pluralismo implica non solo che ci siano più emittenti autonome, ma anche che vi sia la possibilità di accesso alle reti di soggetti che hanno idee diverse. In Italia questo esiste solo nella misura in cui è ancora possibile D) Vi è comunque un problema delicato, che è quello dell accesso alle informazioni ( sempre più centralizzato ) oltre che della concentrazione nei produttori di programmi. E) Vi è a livello internazionale una crescente concentrazione dei media e un crescente uso dell informazione centralizzata a fini politici ( es. Murdoch ). La concentrazione è un problema generale dei m.m.. Motivi: nella pay TV uno sta meglio di due ( rinvio ); economie di scala ed economie di varietà 18

19 F) Su quali mercati si compete? contenuti (programmi); pubblicità; ascolto ( news e intrattenimento vario ). a- Contenuti: la concorrenza per programmi unici, a utilità ripetuta ( film, etc.) e non (sport, etc.). Effetti sui prezzi. Il problema dell esclusiva. I programmi di intrattenimento fatti in casa e comprati. Le news : rischi derivanti dalla concentrazione delle fonti, le agenzia stampa internazionali. Mercati dei contenuti e produzione culturale: concentrazione internazionale. Il problema delle culture locali e dell omogeneizzazione della cultura b- Pubblicità: tra reti diverse (audience, dimensione operatore, prezzo ), tempi scarsi, tra mass media ( rinvio AGCM ). Rischi derivanti dalla concentrazione nel controllo delle risorse. Mercato pubblicitario e produzione culturale. 19

20 c- Ascolto: il prezzo è strumento (limitato) di concorrenza solo per la pay TV. Quali strumenti di concorrenza? programmi che facciano audience, buon palinsesto, >> spiazzare i concorrenti e vantaggi di disporre più di un canale. Effetti: più concorrenza significa qualità migliore? (dubbi). Più concorrenza significa informazione più ampia e più veritiera? (JEP spring 2008 p.133 ) (dubbi) d- Allora a che serve la concorrenza? è comunque assai meglio del monopolio; è una condizione necessaria affinché vi sia pluralismo 20

21 IV) Le politiche pubbliche e i loro obiettivi 1) sviluppo del settore: USA ed Europa 2) formazione del cittadino? paternalismo? il problema della libertà di scelta: scelte libere o indotte? il senso di porre limiti al consumo di informazioni. Paternalismo libertario. Noi e gli altri 3) promozione della concorrenza o del pluralismo: come si distinguono? come si promuove? 4) il servizio pubblico: generi di programmi, destinatari, copertura del territorio, programmi di emergenza. Ha senso oggi? 5) il problema del canone 21

22 C- LA NUOVA TV I) La pay TV Precondizioni: a- diverse willingness to pay per diversi programmi b- tecnologie che consentono di privatizzare il bene pubblico segnale TV : cavo, decoder c- copyright e diritti di esclusiva La paytv in Europa e in Italia: il caso paradossale del monopolio creato dall AGCM: da Stream e Telepiù a Sky II) La tv digitale e convergente a) L evoluzione del digitale in Italia: iniziative aziendali, assenza di programmi in presenza di una forte evoluzione tecnologica, regolazione ad hoc 22

23 b) Le potenzialità del digitale:i) numerosità dei canali; ii) miglioramento della qualità; iii) interattività D- LE PROSPETTIVE DELLA TV ( Cfr. The Economist, May 1st 2010 ) 1) Diversamente da altri media ( cinema, stampa), il tempo dedicato alla TV è aumentato nell ultimo decennio. Dati relativi ai consumi tra 8-18 anni (USA): m.m. 379 minuti, TV 220 (1999); m.m. 458 minuti, TV 280 (2009). Sono aumentati anche musica, computer e videogame. Il telespettatore non si rende neppure conto di quanta TV guarda ( Economist fig.4 ). Peraltro bisogna tener conto che vi è comunque un limite di saturazione. Il problema quindi non è più quello di guadagnare più tempo nell ascolto complessivo, ma è di trovare il modo per trarre più denaro possibile nell unità di tempo. D altra parte (UK) la pubblicità su internet ha superato quella sulla TV. 23

24 2) Il maggiore concorrente della TV è il video on line. Tuttavia anche negli USA la TV è ancora vincente ed è l attività che porta più soldi alle grandi compagnie dei media. Questo avviene anche perché il prezzo della pay è aumentato, i programmi sono razionalizzati, si riesce a far pagare la registrazione di episodi passati, etc. Inoltre lo sport è un tipo di spettacolo, tipico della TV, che tira moltissimo. In UK metà delle entrate dei club calcistici ( I divisione ) proviene dalla TV. 3) Quali le nuove direzioni della TV? i) il nuovo business televisivo non propone semplici e generici shows ( o più in generale programmi d intrattenimento ), ma crea prodotti d intrattenimento dati in concessione (franchises) e aventi un chiaro e riconosciuto carattere ( branded ), costituiti da più componenti delle quali gli show televisivi sono il più importante. Non si aspetta che il programma abbia successo per appicicargli la promozione e vendita di merci ( merchandising), ma fin dalla partenza sono macchine per il 24

25 merchandising. In altri termini la televisione propone messaggi che sono integralmente parti del merchandising delle imprese. Si supera la divisione tra programma e pubblicità, da un lato, tra programmi televisivi ed altri programmi. La TV coesiste e collabora con gli altri media nella promozione di questi programmi. ii) Internazionalizzazione dei programmi e quindi concentrazione degli operatori iii) Nuove frontiere tecnologiche: TV tridimensionale iv) Creare una relazione non perdente con internet, attraverso la politica di vendita dei programmi passati, della pubblicità, etc. v) Spingere sull interattività: via sms o altro; via social-networks. Questo anche per quanto riguarda le notizie ( Al-Jazeera, CNN ); creando media brands ( T-shirts etc. ); mettendosi in politica ( Fox Murdoch -, Mediaset - Berlusconi ) 25

26 E- OSSERVAZIONI CONCLUSIVE La TV a ben vedere non è un mercato a due facce (pubblicità e intrattenimento), ma a tre facce (pubblicità, intrattenimento e politica ). E una macchina per far soldi, ma anche il più influente e pervasivo tra i m.m.. Se fosse pay-tv pura si limiterebbe a vendere intrattenimento, non troppo diversamente dai librai e dai music store. In realtà la tv è molto di più. E un potente mezzo di promozione delle vendite (pubblicità, merchandising, etc. ), oltre che di aggregazione dei consumatori e dei cittadini. La TV ha il potere di far vivere la gente in realtà virtuali. La TV propone racconti, che sono modellati e a loro volta modellano la realtà, e fa partecipare i telespettatori ad essi. I racconti della TV sono la realtà; quella vera è meno importante. La TV presenta 26

27 racconti che non hanno un inizio e una fine. La cultura televisiva è diventata la cultura quotidiana e civica. Vi è un concetto antico di TV per il quale cultura e politica sono separati dal business, pur essendone ovviamente influenzati ( modello TV pubblica senza pubblicità ). Vi è la cultura della TV commerciale che invece nasce per business e vende intrattenimento con la finalità di fare soldi e quindi vende la cultura che è più appropriata a tal fine. Oggigiorno tuttavia gioca anche sul terreno politica, con effetti straordinari. Quindi il business, tramite la pubblicità, è diventato il grande motore della cultura e della politica. Ben venga internet, con tutti i suoi limiti! 27

28 Bibliografia: per approfondimenti sul settore televisivo: 1) G.Doyle ( vedi bibliografia generale ) 2) F Siliato (2008), La televisione digitale, Maggioli ( cap.1*, 2, 3* ) 3)A. Nicita, G.Ramello, F.Silva ( a cura di ) (2008) La nuova televisioni: Parte I, II,IV 4) P.Baudi di Vesme, F.Brigida (2009), L evoluzione dei media e della pubblicità in Italia, F.Angeli ( capp. Vari ) 5) Indagine conoscitiva 23/2004: Settore TV: raccolta pubblicitaria 6) The Economist, Special report, May 1th, ) A.Testa (2007), La pubblicità, il Mulino 28

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono DIRITTO delle COMUNICAZIONI -Communication Law & Policy- XIII -Televisione Lezione di Giovedì 20 novembre 2014 comunicazioni Strade Posta Telegrafo Telefono Stampa Radio Televisione Internet Convergenza

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni

La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni La televisione Germania - 1935 La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni primo programma trasmesso 4 ore e mezza alla settimana, nello stesso anno vennero trasmesse per 8 ore al giorno

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione Marco Gui 2 La tv dopo la digitalizzazione Mappa della tv italiana Terrestre Satellitare Cavo Umts/Wifi Analogico Rai, Mediaset, La7/Mtv, AllMusic, Sportitalia + locale Canali in chiaro: es. BBC World

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT

Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT COME IL SATELLITE E SBARCATO NEL SALOTTO DI CASA NOSTRA A cura di dott. Renato Pierantozzi INDEX

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer Abstract Illustrazione nuove possibilità di utilizzare la televisione digitale come uno

Dettagli

Diritti calcistici televisivi in Italia

Diritti calcistici televisivi in Italia Diritti calcistici televisivi in Italia I diritti calcistici televisivi sono i diritti di riprendere e trasmettere, in diretta o in differita e su qualunque piattaforma televisiva, le partite di calcio.

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015 ASCOLTO MENSILE TV Febbraio 2015 EVIDENZE Nel mese di febbraio 2015 la televisione ha raggiunto nel giorno medio l 83.1% della popolazione con un consumo di 296 minuti. Un dato in calo rispetto al 2014

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

LA NASCITA DELLE TELEVISIONI PUBBLICHE

LA NASCITA DELLE TELEVISIONI PUBBLICHE (parte I) IL TEMPO DEL CONSUMO In molti paesi europei i cittadini la guardano mediamente per quattro ore al giorno e negli Usa i consumi individuali medi arrivano a circa sei ore facendone l impiego di

Dettagli

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 FOX Channel Italy http://www.foxtv.it/ FOX International Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player

Dettagli

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano Monitortrimestralemercato trimestrale mercato televisivo italiano Aggiornamento SETTEMBRE 2012 Novembre 2012 Indice Sintesi Pag. 2 I principali operatori del mercato Pag. 6 Focus sull offerta gratuita

Dettagli

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica Il calcio in TV rapporto Demos & Pi per la Repubblica 22 febbraio 2015 SE ANCHE IL TIFO DIVENTA UNA PASSIONE TRISTE di Ilvo Diamanti Per molto tempo, il principale motivo di passione, per gli italiani,

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat?

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat? Che cos è TivùSat? TivùSat è la piattaforma digitale satellitare gratuita italiana realizzata da Tivù s.r.l. (Rai 48,25%, Mediaset 48,25% e Telecom Italia Media 3,5%). TivùSat nasce come piattaforma complementare

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale Europäische Hochschulschriften - Reihe XL 91 Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale von Benedetta Prario 1. Auflage Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

Con il 2012 si è completato in Italia il passaggio dal segnale

Con il 2012 si è completato in Italia il passaggio dal segnale EVENTI&IDEE Il digitale terrestre aumenta in modo considerevole il numero dei canali utilizzabili, sfruttando molto meglio la banda disponibile. La tecnologia tuttavia si intreccia con scelte politiche,

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA. Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa.

TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA. Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa. TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa 12 giugno 2008-1- Obiettivi Un canale per la diffusione dei servizi di e-gov

Dettagli

Ma quale servizio pubblico televisivo in Italia? Concorrenza e pluralismo dal tubo catodico alla convergenza delle tecnologie digitali

Ma quale servizio pubblico televisivo in Italia? Concorrenza e pluralismo dal tubo catodico alla convergenza delle tecnologie digitali Ma quale servizio pubblico televisivo in Italia? Concorrenza e pluralismo dal tubo catodico alla convergenza delle tecnologie digitali Luciano Vasques Normativa sulla radiotelevisione; La radiofonia periodo

Dettagli

I mercati a due versanti

I mercati a due versanti Mercati a due versanti: definizione I mercati a due versanti Grazie ad Elisa Colorito I mercati a due versanti (o two-sided markets) sono mercati caratterizzati dalla presenza di una piattaforma, gestita

Dettagli

Le industrie dei contenuti: quali punti di partenza per definire modelli di business nel mondo digitale?

Le industrie dei contenuti: quali punti di partenza per definire modelli di business nel mondo digitale? Le industrie dei contenuti: quali punti di partenza per definire modelli di business nel mondo digitale? Osservatorio Permanente Contenuti Digitali Roma, 5 Giugno 2007 Emilio Pucci, emedia Institute Lo

Dettagli

L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA

L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA Cinema ( cinematografo ): spettacolo registrato su pellicola consistente in proiezione di immagini in movimento, rese disponibili ( distribuite ) in sale cinematografiche o

Dettagli

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre Lucca, 10 Giugno 2005 I contenuti interattivi per la nuova televisione Benedetto Habib Amministratore delegato My-tv Spa Indice -Verso il digitale - I

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 Il settore televisivo italiano ha subito, nell ultimo decennio, una notevole trasformazione dal punto di vista

Dettagli

Media Monthly Report. Giugno 2009

Media Monthly Report. Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE

ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE STUDIO DI SETTORE UG94U ATTIVITÀ 59.11.00 ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ 59.12.00 ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

I compositori e gli esecutori sono pagati dalle corti, o da committenti ricchi di varia natura, o infine per le loro rappresentazioni nei teatri o

I compositori e gli esecutori sono pagati dalle corti, o da committenti ricchi di varia natura, o infine per le loro rappresentazioni nei teatri o IL MERCATO MUSICALE 1) Breve storia Tre percorsi musicali ( dall antichità al 1877 in Europa ): musica popolare, religiosa e colta. L offerta musicale avviene dal vivo (performing music) La prima ha uno

Dettagli

Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi

Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi Il cinema in Italia 87.043 86.520 97.819 102.464 109.000 112.120 91.000 1990 1995 2000 2005 2008 2011 2012 Spet. (Mln) 1 Il cinema in Italia Dal gli anni 90 inizia

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

INDICE. Parte I LA STORIA DEI DIRITTI DI TRASMISSIONE DEGLI EVENTI CALCISTICI

INDICE. Parte I LA STORIA DEI DIRITTI DI TRASMISSIONE DEGLI EVENTI CALCISTICI indice vii INDICE Prefazione... Abbreviazioni.... xvii xxiii Parte I LA STORIA DEI DIRITTI DI TRASMISSIONE DEGLI EVENTI CALCISTICI Capitolo I LA NASCITA E LO SVILUPPO DEI DIRITTI TELEVISIVI SPORTIVI (DAL

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112

A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112 A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 dicembre 2011; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTO l articolo

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Soggetto Denominazione DATI ANAGRAFICI GENERALI Natura giuridica Anno di costituzione società Codice Fiscale Partita IVA (Solo per i soggetti esteri) Codice Fiscale Estero N Dipendenti N Giornalisti Sede

Dettagli

Televisione....e Pubblicità. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata

Televisione....e Pubblicità. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata Televisione...e Pubblicità o Evoluzione storica o Normativa o Rilevazione degli ascolti o Tipologie di Pubblicità in TV o Plus e Minus o Conclusioni Evoluzione storica Analogico: o Anni 50: monopolio Rai

Dettagli

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l.

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri <md@linux.it> Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l. Multicast e IPTV Come e perché? Marco d Itri Seeweb S.r.l. Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006 Multicast Cosa è multicast Un metodo per inviare dati: in tempo reale efficientemente a un grande

Dettagli

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE 28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 FOX Channel Italy hip://www.foxtv.it/ FOX Interna+onal Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player di

Dettagli

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 KIDS & CO Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali

Dettagli

La televisione e il mercato pubblicitario

La televisione e il mercato pubblicitario La televisione e il mercato pubblicitario Il Medium Televisione dominante in Italia dagli anni sessanta deve ora fare i conti con il nuovo consumatore e con le nuove tecnologie. Nonostante tutto, tiene

Dettagli

Teoria della Long Tail

Teoria della Long Tail Il web Definizioni 2/8 Web = un mezzo/strumento per comunicare, informare, raccontare, socializzare, condividere, promuovere, insegnare, apprendere, acquistare, vendere, lavorare, fare business, marketing,

Dettagli

Intesa come accesso ai media e capacità di uso degli strumenti (in particolare la TV);

Intesa come accesso ai media e capacità di uso degli strumenti (in particolare la TV); SKY: progetto Scuole/Sky TG24 Questionario studenti Le aree di indagine: 1. Accessibilità 2. Analisi critica 3. Comunicazione 4. Focus su nuove professionalità ---------------------------------------------------------------------

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

LA TV DIGITALE Autunno 2008

LA TV DIGITALE Autunno 2008 LA TV DIGITALE Autunno 2008 Il recente passato 2001 Il presente 2001 2008 DTT Digital Terrestral Television La diffusione del decoder N decoder 4.401 3.231 6.427 5.903 4.702 7.196 Oltre 7 milioni i decoder

Dettagli

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni IP/03/478 Bruxelles, 2 aprile 2003 La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni La Commissione europea ha autorizzato la proposta

Dettagli

Cara tv. digitale e a pagamento

Cara tv. digitale e a pagamento la NOSTRA INCHIESTA Con questa inchiesta facciamo il punto sulle abitudini degli italiani di fronte al teleschermo. Programmi preferiti, utilizzo del televisore, scelte fra tv in chiaro e canali a pagamento,

Dettagli

Sky per gli hotel BBBBBBBBBBBBBBBBBBBB

Sky per gli hotel BBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 0 Sky per gli hotel Sorrento, 21 marzo 2015 L intrattenimento in hotel Ricerca su hotel 3, 4 e 5 stelle Voto medio per tipo di contenuto (da 1 a 10) Numero di canali richiesto per l intrattenimento in

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2.4.2003

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2.4.2003 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 2.4.2003 C (2003) 1082 definitiva VERSIONE PUBBLICA DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2.4.2003 che dichiara la compatibilità di una concentrazione con il mercato

Dettagli

Offerte dipendenti azienda Ceva Logistics

Offerte dipendenti azienda Ceva Logistics GRUPPO TELECOM ITALIA CONSUMER SALES NO Offerte dipendenti azienda Ceva Logistics Consulenti TIM: federico.costa@telecomitalia.it mario.paolucci@telecomitalia.it alessandra.mangiarulo@telecomitalia.it

Dettagli

Usare i media con sale in zucca

Usare i media con sale in zucca Usare i media con sale in zucca I appuntamento Foto tratta dal sito www.digital-sat.it Marco Gui, Università di Milano-Bicocca 1 La rappresentazione della realtà nei media La maggior parte delle conoscenze

Dettagli

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Introduzione La diffusione della televisione digitale in Europa Negli ultimi 18 mesi il digitale

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

Quali liste per la multimedialità

Quali liste per la multimedialità Quali liste per la multimedialità A seguito di slogan che condividiamo del tipo : 1. il confine tra online e offline è caduto. 2. il futuro della comunicazione è multimediale. 3. il direct marketing sarà

Dettagli

CENTRO DI PRODUZIONE PER TUTTI I VIDEO A CONTENUTO FASHION DI CLASS EDITORI

CENTRO DI PRODUZIONE PER TUTTI I VIDEO A CONTENUTO FASHION DI CLASS EDITORI Oltre agli storici servizi glamour del canale, la nuova Class Tv Moda cresce e diventa il CENTRO DI PRODUZIONE PER TUTTI I VIDEO A CONTENUTO FASHION DI CLASS EDITORI Coordinandosi con le redazioni del

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

NOI E LA RAI IDEE E PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL SERVIZIO PUBBLICO

NOI E LA RAI IDEE E PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL SERVIZIO PUBBLICO VOCAZIONE SERVIZIO PUBBLICO Pallacorda di idee e proposte per ripensare la RAI 6 Seminario NOI E LA RAI IDEE E PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL SERVIZIO PUBBLICO MARIO MORCELLINI e MIHAELA GAVRILA Mercoledì

Dettagli

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto sistema wimarine Wimarine box Schema moduli Wimarine box Internet Video locale remoto GPS Controllo parametri fisici TV Il cuore

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.11.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.12.0 DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.20.0 ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE Giugno 2007 PREMESSA

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

28 EDIZIONE PREMIO MARKETING SIM 2016 IL CASO CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLES

28 EDIZIONE PREMIO MARKETING SIM 2016 IL CASO CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLES 28 EDIZIONE PREMIO MARKETING SIM 2016 IL CASO CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLES 1 1. FOX INTERNATIONAL CHANNELS ITALY Fox International Channels Italy nasce nel 2003 e in pochissimi anni diventa uno

Dettagli

Eutelsat: 30 anni in crescita continua

Eutelsat: 30 anni in crescita continua Eutelsat: 30 anni in crescita continua Nella dimensione digitale contemporanea, solo i satelliti consentono di offrire collegamenti a banda larga con copertura universale in tutti i territori, portando

Dettagli

TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini

TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini Non sempre l TV riguarda i grandi edifici con numerosi piani e molteplici unità abitative. Gli stessi principi e criteri possono essere adottati anche

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

16/04/2010. Sociologia della Comunicazione. Premessa A.A. 2009-2010. Le Ricerche sull Audience. Le Ricerche sull Audience

16/04/2010. Sociologia della Comunicazione. Premessa A.A. 2009-2010. Le Ricerche sull Audience. Le Ricerche sull Audience Sociologia della Comunicazione A.A. 2009-2010 Le Ricerche sull Audience Fulvio Fortezza Premessa Oggi non esiste più un pubblico dei media, ma diversi pubblici, così come si moltiplicano (in molti casi

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale

Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale Auditorium Parco della Musica 13 novembre 212 Keynote Speech Anica/1autori Nicola Lusuardi (coordinatore nazionale 1autori) Buon giorno a

Dettagli

Cristian Pascottini. WebTV la TV va su Internet

Cristian Pascottini. WebTV la TV va su Internet Cristian Pascottini WebTV la TV va su Internet giovedì 19 aprile 2007 Argomenti Convergenza: uno per tutti, tutti per uno WebTV, la TV sul Web Produzione, pubblicazione e fruizione Trasmettere contenuti

Dettagli

CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali.

CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali. CALCIO 1 SEMESTRE 2016 RAI speciali. RAI: LA CASA DEL CALCIO ITALIANO IL CALCIO E RAI partite 1 SEMESTRE 2016 TOTALE PARTITE NAZIONALE TIM CUP Non solo Tv 12 anche Radio, Web, Mobile e Smart Tv 3 9 L EVENTO

Dettagli

Offerte* Associati SETTEMBRE 2015 * ATTIVABILI UNICAMENTE CON I CONSULENTI TOP AGENT FIBRA

Offerte* Associati SETTEMBRE 2015 * ATTIVABILI UNICAMENTE CON I CONSULENTI TOP AGENT FIBRA GRUPPO TELECOM ITALIA Offerte* Associati ANVU e ANVUSociale SETTEMBRE 2015 * ATTIVABILI UNICAMENTE CON I CONSULENTI TOP AGENT FIBRA L Associazione ha ottenuto che TIM metta a disposizione degli associati

Dettagli

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future Ricerca a cura di Final Draft Ottobre 2014 Executive summary Per quasi 40 anni la storia della televisione

Dettagli

La Premessa. La piattaforma televisiva su internet

La Premessa. La piattaforma televisiva su internet La Premessa Nel mondo la televisione via internet ha avuto negli ultimi anni un fortissimo sviluppo. In America ad esempio è assolutamente normale fruire di questo tipo di media. Ricordiamo, per esempio,

Dettagli

Media Monthly Report. Maggio 2010

Media Monthly Report. Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti 2. DESTINATARI DEL MASTER 2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta Il Master è rivolto alle Amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, agli Enti pubblici non economici, alle

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it La Rai di domani Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it Nel 2009 è iniziato lo switch over del segnale televisivo analogico, che regione dopo regione terminerà le trasmissioni,

Dettagli

Teorie e tecnica del linguaggio audiovisivo. I media audiovisivi. Lezione 4. giovanni.ganino@unife.it

Teorie e tecnica del linguaggio audiovisivo. I media audiovisivi. Lezione 4. giovanni.ganino@unife.it Teorie e tecnica del linguaggio audiovisivo I media audiovisivi Lezione 4 giovanni.ganino@unife.it 1 RADIO 2 radio Radio come mezzo di comunicazione di massa Comunicazione sonora ed epoca post-alfabetica

Dettagli