II) L INDUSTRIA TELEVISIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II) L INDUSTRIA TELEVISIVA"

Transcript

1 II) L INDUSTRIA TELEVISIVA A- BREVE STORIA ( ovvero della peculiarissima simbiosi tra TV e politica, in Italia ) 1- La TV nasce commerciale :two sided market (USA1935): si era già affermata la società dei consumi. Soft free per vendere apparecchi (hard) e pubblicità Il modello britannico: BBC ( 1936 ): ancora debole la società dei consumi. Diversa visione del ruolo dello stato: educare, informare, intrattenere. Intervento pubblico per promuovere la vendita degli apparecchi. 2- La storia della TV italiana mostra il ruolo della tecnologia, delle regole, della politica e della domanda, ma anche l enorme ( anomalo ) impatto culturale ( e quindi politico ) di questo m.m. 1

2 a)inizio(1954) sul modello BBC:canone e poca pubblicità, ma fin dall inizio è evidente l importanza del controllo politico della TV, il grande comunicatore: modello top-down. La TV in Italia nasce politica b)anni 50 e metà 60. Tecnologia: terrestre via etere. Regola: monopol pubblico (un solo canale controllato dalla DC e c.d.a. RAI nominato dal governo). Pubblico: se la beve tutta! Però programmi mito : Non è mai troppo tardi (formazione); Festival Sanremo, Lascia o raddoppia, Campionati del mondo di calcio (intrattenimento ); Tg1 (promozione politica); Carosello (promozione consumo) >> nasce il popolo della TV : i contenuti creano partecipazione e cultura. In 6 anni la copertura territoriale al 90%; gli abbonati da 178 mila a 8 milioni nel Con il Centro-sinistra nasce RAI 2 (1965): simbiosi tra TV e politica. 2

3 c)anni 70 e 80: cambia la tecnologia (cavo),ma soprattutto società, regole, e quadro politico > cambia la TV i) la tecnologia del cavo fermata dalla politica: il caso Telebiella (1971 ) e degli altri operatori locali via cavo ii) nasce società dei consumi: cresce la pubblicità e aumenta la domanda d intrattenimento >> TV commerciali iii) saturazione delle vendite di televisori >> la TV a colori (1976 ): la battaglia PAL vs. SECAM iv) concorrenza, estera: Capodistria e RTSI v) la battaglia per nuove regole: intervento rivoluzionario della Corte Costituzionale: sì alle TV locali via cavo (1974). Risposta: legge 103/1975: controllo RAI passa al Parlamento, limiti alla pubblicità ( pro quotidiani ) e limiti strettissimi all uso del cavo, che diventa antieconomico. Si apre la strada alle reti private via etere 3

4 vi) La Corte Costituzionale legalizza le reti locali, se via etere (1976) >> le premesse per maggiore varietà e per la TV commerciale d) Anni 80 e 90: irruzione della TV commerciale, ossia come usare la politica per fare affari televisivi i) il far west dell etere: nascono nuove emittenti locali e la furbata della quasi-contemporanea nazionale di programmi regionali; i pretori per l oscuramento dei ripetitori locali/ nazionali Fininvest crea Canale 5; 1983 Rusconi crea Italia1 e Mondadori Rete 4; 1984 Italia 1 e Rete 4 sono acquistate da Fininvest. Vince la TV come venditrice di pubblicità rispetto alla TV come venditrice di contenuti 4

5 ii) 1986: la politica legittima la TV commerciale. Legge Craxi- Berlusconi : stop a nuove emittenti >> duopolio de facto: situazione congelata, aumento tempo pubblicitario dei privati, rinvio a una legge di riforma. iii) 1990: la politica istituisce il duopolio RAI-Fininvest. La legge 223/90 (Mammì): 12 canali naz. Attribuiti discrezionalmente; canone low cost di concessione privato; limiti alla pubblicità; servizio universale; Garante della informazione (vincoli al controllo di quotidiani e di reti locali, etc.); blocco reti locali iv) 1994: infine la TV va al governo: gli affari televisivi fanno la politica e il ritorno al passato: il 5

6 controllo politico dalla TV. Interpretare la politica dal 1994 ad oggi come la gestione di un gestore televisivo: share, eventi, telegiornali, memoria breve, popolo, etc. Però la Corte Cost. afferma che il duopolio impedisce il pluralismo v)1997. Legge Maccanico: avvio del digitale; TV regionali; sopravvivenza, temporanea, di Rete 4 e RAI 3; Istituzione dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni; limiti al controllo delle risorse. vi) La TV privata ( Mediaset ) fa le leggi per sé: la legge 112/2004 (Gasparri ), ossia della difesa del duopolio sul mercato dell ascolto e del quasi monopolio su quello della pubblicità. Il digitale. 6

7 vii) situazione attuale degli ascolti: 1.7 televisori per famiglia; 97% delle famiglie ( più di 24 milioni ) è datata di televisione; sky 4,7 milioni di famiglie 7

8 B- L ORGANIZZAZIONE DELLA INDUSTRIA TELEVISIVA I)Fasi componenti della filiera televisiva, e problemi collegati 8

9 Importante. La vendita dei contatti è condizione necessaria di esistenza della TV commerciale. Nel caso di TV pubblica la pubblicità è utile ai fini di bilancio, ma non necessaria ( la TV pubblica sarebbe finanziata dal canone ). Lo stesso dicasi per la pay TV, dove gli ascoltatori pagano direttamente il contatto. 9

10 La rilevazione dell ascolto 1) Le prime rilevazioni dell ascolto, via Interviste: ) Nasce Auditel (1986): 33% RAI, 27% Mediaset, 6% altre private, 33% associazioni utenti e UPA, 1% FIEG 3) Come funziona: a) indagine volta a rilevare il numero delle famiglie ( determinazione dell universo, che non comprende i luoghi pubblici ), in continuo aggiornamento; b) campionamento e people meter ; c) sistema assai complicato di controllo e verifiche ( cfr. Baudi-Brigida, pagg ) 4) Informazioni che se ne derivano: a- Ascolto medio; b- share; c- indice di penetrazione; d- contatti netti; e- minuti visti; f- permanenza. ( cfr. Ba- Br, pag.280) 5) Ascolto medio: 4 h x persona; 6 h x famiglia; telespettatori nel giorno medio 9.2 milioni; prime time: 24 milioni; ( cfr. Siliato, pagg.55 e segg.) 10

11 6) Che cosa s intende per qualità dei programmi? Le star, sono segnale di qualità? La qualità dell ascolto: Qualimat M.Gui, L.Stanca Attratti ma insoddisfatti: perché continuiamo a guardare la TV? Consumatori, diritti e mercato n.1/2009 Come si spiega un alto ascolto accompagnato da bassa soddisfazione per i programmi? La partecipazione collettiva alla elaborazione dei programmi: i club di fan, gli studi dei sociologi 11

12 II) Le variabili esogene(fino a un certo punto) 1)- La domanda a- la domanda di programmi diversi Che cos è il prodotto distribuito? Programmi televisivi ( es. soap opera, show, dibattiti di tipo informativo, collegamenti, etc.) e non televisivi ( es. film, sport, etc.). La distribuzione degli ascolti: l ipotesi del telespettatore mediano e le nuove tendenze del consumo personalizzato (analogie con altri settori ) Diversa elasticità o willingness to pay : mercati separati in relazione alla wtp: effetti sulla integrazione orizzontale (convergenza) e sulla nuova TV ( in particolare pay TV ) ( rinvio) I programmi: 1) a utilità ripetuta ( i diritti di esclusiva ); 2) a utilità non ripetuta 12

13 13

14 14

15 b- la domanda composita:il palinsesto Come si distribuiscono gli ascolti: curva a campana. Il vantaggio di avere più canali: economie di varietà ), effetti sulla concorrenza. Altri palinsesti più liberi:lo zapping, la paytv e la tv on demand (rinvio) 15

16 2)- Le diverse tecnologie di trasmissione ( o di illuminazione ). iii- i- broadcasting: la frequenza e la banda delle onde elettromagnetiche: vhf e uhf. Proprietario dell etere è lo stato Con il digitale non vi è più un problema di scarsità Il diverso consumo di banda e. da parte dei diversi programmi Il problema della copertura ii- satellite: shf, transponder, footprint. cavo: diverso sviluppo nei vari paesi iv- analogico e digitale:l ultima rivoluzione (rinvio) v- i costi dell illuminazione: fissi e variabili 16

17 III) Concorrenza e pluralismo nella TV Cosa s intende per concorrenza; quali ne sono i vantaggi attesi?cosa s intende per pluralismo? Economia e politica s incrociano: comunque il monopolio potere di mercato, potere politico - è un fatto negativo. A) Condizione necessaria perché vi sia concorrenza: un certo numero di reti indipendenti, ossia controllate da soggetti diversi. Tale condizione non sussisteva nel monopolio pubblico con una rete (un po meglio con tre reti), ma neppure nella situazione attuale di duopolio per due motivi: i) collusione di fatto su vari mercati; ii) unificazione in una persona del controllo economico di Mediaset e politico di RAI, come da evidenza. B) Chi controlla la concorrenza? teoricamente vi sono due Autorità che in modo diverso potrebbero intervenire: AGcom e AGCM. In realtà il controllo politico diretto e indiretto su questi due soggetti è molto forte e quindi non vi è nessun garante della concorrenza 17

18 C) L eventuale esistenza di concorrenza non implica pluralismo. Il pluralismo implica non solo che ci siano più emittenti autonome, ma anche che vi sia la possibilità di accesso alle reti di soggetti che hanno idee diverse. In Italia questo esiste solo nella misura in cui è ancora possibile D) Vi è comunque un problema delicato, che è quello dell accesso alle informazioni ( sempre più centralizzato ) oltre che della concentrazione nei produttori di programmi. E) Vi è a livello internazionale una crescente concentrazione dei media e un crescente uso dell informazione centralizzata a fini politici ( es. Murdoch ). La concentrazione è un problema generale dei m.m.. Motivi: nella pay TV uno sta meglio di due ( rinvio ); economie di scala ed economie di varietà 18

19 F) Su quali mercati si compete? contenuti (programmi); pubblicità; ascolto ( news e intrattenimento vario ). a- Contenuti: la concorrenza per programmi unici, a utilità ripetuta ( film, etc.) e non (sport, etc.). Effetti sui prezzi. Il problema dell esclusiva. I programmi di intrattenimento fatti in casa e comprati. Le news : rischi derivanti dalla concentrazione delle fonti, le agenzia stampa internazionali. Mercati dei contenuti e produzione culturale: concentrazione internazionale. Il problema delle culture locali e dell omogeneizzazione della cultura b- Pubblicità: tra reti diverse (audience, dimensione operatore, prezzo ), tempi scarsi, tra mass media ( rinvio AGCM ). Rischi derivanti dalla concentrazione nel controllo delle risorse. Mercato pubblicitario e produzione culturale. 19

20 c- Ascolto: il prezzo è strumento (limitato) di concorrenza solo per la pay TV. Quali strumenti di concorrenza? programmi che facciano audience, buon palinsesto, >> spiazzare i concorrenti e vantaggi di disporre più di un canale. Effetti: più concorrenza significa qualità migliore? (dubbi). Più concorrenza significa informazione più ampia e più veritiera? (JEP spring 2008 p.133 ) (dubbi) d- Allora a che serve la concorrenza? è comunque assai meglio del monopolio; è una condizione necessaria affinché vi sia pluralismo 20

21 IV) Le politiche pubbliche e i loro obiettivi 1) sviluppo del settore: USA ed Europa 2) formazione del cittadino? paternalismo? il problema della libertà di scelta: scelte libere o indotte? il senso di porre limiti al consumo di informazioni. Paternalismo libertario. Noi e gli altri 3) promozione della concorrenza o del pluralismo: come si distinguono? come si promuove? 4) il servizio pubblico: generi di programmi, destinatari, copertura del territorio, programmi di emergenza. Ha senso oggi? 5) il problema del canone 21

22 C- LA NUOVA TV I) La pay TV Precondizioni: a- diverse willingness to pay per diversi programmi b- tecnologie che consentono di privatizzare il bene pubblico segnale TV : cavo, decoder c- copyright e diritti di esclusiva La paytv in Europa e in Italia: il caso paradossale del monopolio creato dall AGCM: da Stream e Telepiù a Sky II) La tv digitale e convergente a) L evoluzione del digitale in Italia: iniziative aziendali, assenza di programmi in presenza di una forte evoluzione tecnologica, regolazione ad hoc 22

23 b) Le potenzialità del digitale:i) numerosità dei canali; ii) miglioramento della qualità; iii) interattività D- LE PROSPETTIVE DELLA TV ( Cfr. The Economist, May 1st 2010 ) 1) Diversamente da altri media ( cinema, stampa), il tempo dedicato alla TV è aumentato nell ultimo decennio. Dati relativi ai consumi tra 8-18 anni (USA): m.m. 379 minuti, TV 220 (1999); m.m. 458 minuti, TV 280 (2009). Sono aumentati anche musica, computer e videogame. Il telespettatore non si rende neppure conto di quanta TV guarda ( Economist fig.4 ). Peraltro bisogna tener conto che vi è comunque un limite di saturazione. Il problema quindi non è più quello di guadagnare più tempo nell ascolto complessivo, ma è di trovare il modo per trarre più denaro possibile nell unità di tempo. D altra parte (UK) la pubblicità su internet ha superato quella sulla TV. 23

24 2) Il maggiore concorrente della TV è il video on line. Tuttavia anche negli USA la TV è ancora vincente ed è l attività che porta più soldi alle grandi compagnie dei media. Questo avviene anche perché il prezzo della pay è aumentato, i programmi sono razionalizzati, si riesce a far pagare la registrazione di episodi passati, etc. Inoltre lo sport è un tipo di spettacolo, tipico della TV, che tira moltissimo. In UK metà delle entrate dei club calcistici ( I divisione ) proviene dalla TV. 3) Quali le nuove direzioni della TV? i) il nuovo business televisivo non propone semplici e generici shows ( o più in generale programmi d intrattenimento ), ma crea prodotti d intrattenimento dati in concessione (franchises) e aventi un chiaro e riconosciuto carattere ( branded ), costituiti da più componenti delle quali gli show televisivi sono il più importante. Non si aspetta che il programma abbia successo per appicicargli la promozione e vendita di merci ( merchandising), ma fin dalla partenza sono macchine per il 24

25 merchandising. In altri termini la televisione propone messaggi che sono integralmente parti del merchandising delle imprese. Si supera la divisione tra programma e pubblicità, da un lato, tra programmi televisivi ed altri programmi. La TV coesiste e collabora con gli altri media nella promozione di questi programmi. ii) Internazionalizzazione dei programmi e quindi concentrazione degli operatori iii) Nuove frontiere tecnologiche: TV tridimensionale iv) Creare una relazione non perdente con internet, attraverso la politica di vendita dei programmi passati, della pubblicità, etc. v) Spingere sull interattività: via sms o altro; via social-networks. Questo anche per quanto riguarda le notizie ( Al-Jazeera, CNN ); creando media brands ( T-shirts etc. ); mettendosi in politica ( Fox Murdoch -, Mediaset - Berlusconi ) 25

26 E- OSSERVAZIONI CONCLUSIVE La TV a ben vedere non è un mercato a due facce (pubblicità e intrattenimento), ma a tre facce (pubblicità, intrattenimento e politica ). E una macchina per far soldi, ma anche il più influente e pervasivo tra i m.m.. Se fosse pay-tv pura si limiterebbe a vendere intrattenimento, non troppo diversamente dai librai e dai music store. In realtà la tv è molto di più. E un potente mezzo di promozione delle vendite (pubblicità, merchandising, etc. ), oltre che di aggregazione dei consumatori e dei cittadini. La TV ha il potere di far vivere la gente in realtà virtuali. La TV propone racconti, che sono modellati e a loro volta modellano la realtà, e fa partecipare i telespettatori ad essi. I racconti della TV sono la realtà; quella vera è meno importante. La TV presenta 26

27 racconti che non hanno un inizio e una fine. La cultura televisiva è diventata la cultura quotidiana e civica. Vi è un concetto antico di TV per il quale cultura e politica sono separati dal business, pur essendone ovviamente influenzati ( modello TV pubblica senza pubblicità ). Vi è la cultura della TV commerciale che invece nasce per business e vende intrattenimento con la finalità di fare soldi e quindi vende la cultura che è più appropriata a tal fine. Oggigiorno tuttavia gioca anche sul terreno politica, con effetti straordinari. Quindi il business, tramite la pubblicità, è diventato il grande motore della cultura e della politica. Ben venga internet, con tutti i suoi limiti! 27

28 Bibliografia: per approfondimenti sul settore televisivo: 1) G.Doyle ( vedi bibliografia generale ) 2) F Siliato (2008), La televisione digitale, Maggioli ( cap.1*, 2, 3* ) 3)A. Nicita, G.Ramello, F.Silva ( a cura di ) (2008) La nuova televisioni: Parte I, II,IV 4) P.Baudi di Vesme, F.Brigida (2009), L evoluzione dei media e della pubblicità in Italia, F.Angeli ( capp. Vari ) 5) Indagine conoscitiva 23/2004: Settore TV: raccolta pubblicitaria 6) The Economist, Special report, May 1th, ) A.Testa (2007), La pubblicità, il Mulino 28

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

Il broadcasting dalla radio alla Tv

Il broadcasting dalla radio alla Tv Il broadcasting dalla radio alla Tv Un nuovo tipo di comunicazione, verticale o discendente, che prevede una istituzione che elabora un messaggio complesso e un apparecchio ricevente che non può inviare

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Gli aggiornamenti della Guida di SKY... 6

Gli aggiornamenti della Guida di SKY... 6 G U I D A A L L U S O S O M M A R I O Benvenuti in MySKY... 4 Vista frontale e vista in prospettiva del Decoder MySKY... 4 A cosa serve questo manuale... 5 Cosa è la TV digitale satellitare... 5 Il Decoder

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

La Comunicazione Multimediale nelle Società Sportive. Introduzione...3. PARTE I : La situazione attuale...5

La Comunicazione Multimediale nelle Società Sportive. Introduzione...3. PARTE I : La situazione attuale...5 La Comunicazione Multimediale nelle Società Sportive Indice: Introduzione...3 PARTE I : La situazione attuale...5 I.1 La comunicazione multimediale per le società sportive....5 I.2 La situazione attuale:

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme,

ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme, ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme, UltraXone Amministratore e fondatore : Sean Kelly di origine

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Allegato A alla Delibera n. 551/12/CONS AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA RACCOLTA PUBBLICITARIA INDICE PREMESSA 1 CAPITOLO 1. Il funzionamento del settore

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO SOGGETTO PROMOTORE Società R.T.I. SpA, con sede legale a Roma, Largo del Nazareno 8 e con sede amministrativa in Cologno Monzese (MI) viale Europa

Dettagli

MEDIA: A CIASCUNO IL SUO

MEDIA: A CIASCUNO IL SUO Gianpiero Gamaleri Ester Gandini Gamaleri MEDIA: A CIASCUNO IL SUO Le mail di Obama. Il blog di Grillo. I tweet di Renzi. La tv di Berlusconi ARMANDO EDITORE GAMALERI, Gianpiero GANDINI GAMALERI, Ester

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014

REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014 REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014 1. Premessa Il presente regolamento si riferisce al servizio di televoto abbinato alla gara canora oggetto del programma televisivo X FACTOR,

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

CI Plus, fondamentale distinzione. Chi è interessato alla visione di. banco prova QUANTO COSTA

CI Plus, fondamentale distinzione. Chi è interessato alla visione di. banco prova QUANTO COSTA Ricevitore DTT HD CI+ TELE System TS6600HD CI Plus, fondamentale distinzione QUANTO COSTA Euro 129,90 TELE System TS6600HD è il primo decoder terrestre dotato di slot Common Interface Plus in grado di

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO business professional IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO www.igrandisoft.it La I Grandi Soft è nata nel 1995 e ha sviluppato l attività su tutto il territorio nazionale. All interno della

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Capitolo 1 Informazione e democrazia

Capitolo 1 Informazione e democrazia Capitolo 1 Informazione e democrazia Esiste un irrinunciabile duplice natura del diritto a manifestare il pensiero, che coincide con una liberta inviolabile dell individuo e valore fondamentale di ogni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

I fili della storia: comunicazione e innovazione

I fili della storia: comunicazione e innovazione I fili della storia: comunicazione e innovazione Il mondo nuovo verso il quale stiamo avanzando sollecita in tutti noi dubbi e speranze, aspettative e incertezze e ci pone di fronte ad un sistema complesso

Dettagli

ECCO GLI ANGELI DEI TETTI INSTALLATORI DI RAZZA GLI EUTWEET DI RENATO FARINA AD DI EUTELSAT ITALIA IL FUTURO DEL CINEMA IN ITALIA VI DIAMO QUALCHE

ECCO GLI ANGELI DEI TETTI INSTALLATORI DI RAZZA GLI EUTWEET DI RENATO FARINA AD DI EUTELSAT ITALIA IL FUTURO DEL CINEMA IN ITALIA VI DIAMO QUALCHE ECCO GLI ANGELI DEI TETTI INSTALLATORI DI RAZZA GLI EUTWEET DI RENATO FARINA AD DI EUTELSAT ITALIA IL FUTURO DEL CINEMA IN ITALIA VI DIAMO QUALCHE NUMERO VITA DIGITALE PARTE DA L'AQUILA S MMARI 4 12 INFOGRAFICA

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE 1. Soggetto promotore Società promotrice è il Consorzio Centro Nova con sede in

Dettagli

FD Trinitron Colour Television

FD Trinitron Colour Television R 4-093-786-21 (1) FD Trinitron Colour Television Manuale d Istruzioni IT KV-29CL10E 2003 by Sony Corporation DICHIARAZIONE DI CONFORMITA IN BASE ALL ARTICOLO 2 PARAGRAFO B DEL D.M. 26.03.1992 Si dichiara

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

dell euro, del 5,0 in Italia (Banca d Italia, Considerazioni finali, 31 maggio 2010).

dell euro, del 5,0 in Italia (Banca d Italia, Considerazioni finali, 31 maggio 2010). 1 2 3 Telecomunicazioni: il processo di liberalizzazione dà i suoi frutti Persino nel 2009, annus horribilis 1, il settore delle telecomunicazioni ha sostanzialmente tenuto. Nel mondo, il settore delle

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015 Milano, 18/04/2015 Bando chefare 1. Cos è L Associazione Culturale chefare pubblica il presente bando con la finalità di: 1. assegnare un contributo a favore di un progetto di innovazione culturale caratterizzato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Pagina 1 di 5 Giovedì, 8 Maggio 2008 Notizie Web Politica NOTIZIE Cronaca Economia Esteri Politica Scienze e Tech Spettacoli Sport Top New MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Presentata

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati

Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati Il monitoraggio è stato interamente eseguito dal CORECOM Emilia- Romagna

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli