VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25"

Transcript

1 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe OGGETTO: INTERROGAZIONI E INTERPELLANZE. IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa M. Rosaria Campanella ========================== Reg. Pubbl. N. REFERTO DI PUBBLICAZIONE Certifico io sottoscritto Segretario Comunale che copia della presente delibera viene pubblicata all'albo comunale on line per 15 giorni consecutivi. dal al addì IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa Maria Rosaria Campanella ========================== ========================== CERTIFICATO DI ESECUTIVITÀ La presente deliberazione, pubblicata a norma di legge, senza opposizioni e reclami, è divenuta ESECUTIVA il L'anno DUEMILATREDICI addì DICIASETTE del mese di GIUGNO alle ore nella sala delle adunanze, previa convocazione con avvisi scritti n in data tempestivamente consegnati, si è riunito il Consiglio Comunale. All'appello risultano: Presenti Assenti Giust. Ing. VEZZARO FRANCESCO LOBASCIO GIUSEPPE ZATTARIN DEMETRIO BOSCHELLO MORENO SCOTTON VALERIO NAZARI MAURIZIO ZANOVELLO LISA PENELLO MASSIMO RIZZO STEFANO CALLEGARO FABRIZIO ROSSI VITTORIO GIUFFRIDA DANIELE ZORDAN ADOLFO PAVANETTO ENRICO MASCHIO RINALDO ZANOVELLO ROBERTO GIACOMETTI FABIO Addi IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa Maria Rosaria Campanella Partecipa alla seduta la dr.ssa Maria Rosaria Campanella Segretario Comunale. Il signor Lobascio Giuseppe, nella sua qualità di Presidente assume la presidenza e, riconosciuta legale l'adunanza, dichiara aperta la seduta e chiama all'ufficio di scrutatori i signori: Scotton Valerio e Il Presidente chiede al Consiglio di deliberare sull'oggetto sopra indicato, iscritto al n. 5 dell'ordine del giorno.

2 Il Presidente cede la parola al Consigliere Zanovello, che presenta l interrogazione presentata al prot. n in data A seguito approvazione della DCC n. 27 dell Approvazione Piano di Lottizzazione comparto C2 1 Tavo, adottato con DGC n. 5 del ed alla convenzione urbanistica firmata in data 12 aprile 2010, si chiede quanto segue: - l art. 3 Oneri di Urbanizzazione della convenzione citata prevede che: La Ditta attuatrice si impegna a scomputo totale o parziale ad eseguire direttamente ed a cedere una sala polivalente secondo quanto prescritto dall art. 12 delle NTA vigenti, secondo un capitolato speciale ed un elenco prezzi che descriveranno le caratteristiche costruttive ed architettoniche, che saranno definite in sede di rilascio dei permessi di costruire per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, previa delibera di accettazione da parte della Giunta comunale, solo per quanto riguarda la sala polivalente. - l art. 6 Tempi di esecuzione e consegna delle opere di urbanizzazione prevede che: 1 Le opere di urbanizzazione di cui ai precedenti articoli, dovranno essere iniziate entro un anno dalla sottoscrizione della presente convenzione ed ultimate entro tre anni dalla data di invio delle stesse, ultimazione certificata da dichiarazione sottoscritta dal Direttore dei Lavori e dalla Ditta Attuatrice, prevede inoltre 2 Qualora allo scadere dei tempi suddetti le opere non risultassero iniziate o risultassero incomplete, la Ditta Attuatrice riconosce la Comune facoltà di effettuare direttamente le opere occorrenti, a giudizio di quest ultimo, impegnandosi a rimborsare il Comune medesimo le spese realmente sostenute sulla base dei prezzi corrisposti per la manutenzione delle strade comunali e delle altre infrastrutture. - l art. 15 Garanzie, prevede che: A garanzia della puntuale esecuzione delle obbligazioni nascenti dalla presente Convenzione, la Ditta Attuatrice costituisce a favore del Comune polizza fideiussoria per l importo di euro ,00 (unmiliocinquantaquattromila virgola zero zero) pari al 100% del valore delle opere da eseguire, stipulata in data 14 dicembre 2009 con la società COFIART, che sarà svincolata ad avvenuto adempimento degli obblighi convenuti con la presente. Tutto ciò premesso, considerato che: - I lavori delle opere di urbanizzazione del PUA e i contestuali lavori di realizzazione della Sala Polivalente Centro Civico, avrebbero dovuto iniziare entro il 12 aprile 2011 e dovrebbero essere ultimati entro il 12 aprile 2014; - Che a tutt oggi non risultano iniziati nessuno dei lavori concordati convenzionalmente, come da verifica sul sito interessato di Tavo di Vigodarzere. Si chiede a codesta Amministrazione di volere rispondere in sede di Consiglio Comunale, sullo stato della situazione e sulle decisioni che intende assumere. Seguono gli interventi dei Consiglieri: 1 DCC n. 25/2013

3 CONSIGLIERE PAVANETTO. Approfitto, scusami Roberto se interrompo. Un problema penso soltanto dal punto di vista logistico, perché anche per questa convocazione del Consiglio non mi è arrivato assolutamente nulla come convocazione, sia ovviamente attraverso messo sia attraverso . L ho saputo attraverso altre fonti, però mi piacerebbe organizzare proprio gli impegni. Sul mio indirizzo , che è però quello istituzionale, mi sono arrivate altre missive successive, ma non quelle della convocazione del Consiglio. PRESIDENTE. Ci sarà da verificare. CONSIGLIERE PAVANETTO. Appunto, dal punto di vista burocratico prettamente. PRESIDENTE. Prego, Zanovello. CONSIGLIERE ZANOVELLO. L interrogazione che ho presentato era per avere chiarimenti rispetto ad una situazione che riguarda il rilascio di un permesso di costruire per un piano di lottizzazione in località Tavo. Sostanzialmente il comparto si chiama C2.1, come classificazione PUA, ed è stato un comparto previsto dal Piano Regolatore sin dal 2000, che è stato oggetto di varianti e di assestamento fino al 2006, poi è stato oggetto di una convenzione, che è stata firmata nell aprile del 2010, da parte dell Amministrazione con i proprietari, con il Consorzio dei proprietari. Questa convenzione, questo contratto, che avrebbe dovuto regolare la realizzazione in termini di legge della convenzione, prevedeva che entro un anno dalla firma della stessa convenzione si sarebbe dovuto presentare il progetto e ricevere il permesso per iniziare le opere di urbanizzazione. E, soprattutto, all interno di questo Piano Urbanistico Attuativo c era anche la realizzazione di un centro civico, che è stato oggetto di molte riunioni della Commissione, che sarebbe stato realizzato dai lottizzanti come perequazione urbanistica da cedere al Comune, oltre alle opere di urbanizzazione sulle strade, come condizione per l autorizzazione per la realizzazione di questa area di urbanizzazione, che peraltro è a ridosso del centro, quindi che avrebbe un po anche sistemato ed allargato le attuali residenze. Questo tipo di convenzione che è stata regolarmente firmata dal notaio, dal capo dell Ufficio Tecnico e dal titolare del Consorzio, prevedeva che entro l aprile del 2011 fosse rilasciato il permesso e fossero iniziati i lavori. E la convenzione prevedeva, all interno della stessa, che sarebbero i lavori dovuti essere ultimati entro tre anni, cioè entro l aprile del A fronte di questo accordo che è stato siglato, è stata presentata alla convenzione una polizza fidejussoria, di un importo abbastanza consistente perché si parla di poco meno di euro, per l esattezza euro, che doveva garantire il Comune sul fatto che i lottizzanti, nei tempi previsti, avrebbero dovuto realizzare sia le opere di urbanizzazione da cedere al Comune, sia il comparto diciamo del centro civico, che sarebbe poi diventata per Tavo una struttura ovviamente molto importante. Perché ad oggi non c è una struttura pubblica a Tavo ed era uno dei motivi per cui, per molti anni, si era discussa anche l autorizzazione. Non entro sulle motivazioni, perché è stata una partita che è durata molto, è partita nel e si è esaurita nel 2010, però il problema è che a tre anni di distanza dalla firma, tre o quattro anni, ormai, la lottizzazione non è partita, i titolari che hanno firmato questa convenzione, questo contratto, che si sono impegnati con la polizza fidejussoria, non hanno presentato né i progetti per avere la concessione, il permesso di costruire per fare le opere di urbanizzazione, né hanno presentato ed era una delle condizioni di questa convenzione entro l anno successivo, cioè entro l aprile del 2011, il progetto di questo centro civico, che peraltro era stato ampiamente concordato in sede di Commissione, per avere l autorizzazione per iniziare i lavori e contestualmente la realizzazione. Non è stato presentato né il progetto a quella data, né tanto meno il progetto che doveva essere portato in Giunta ed approvato, come condizione contrattuale.

4 Adesso sono passati, dall aprile del 2010, circa due anni. La convenzione che era stata presentata a corredo di questo accordo era una convenzione fatta con un istituto, con un Consorzio fidi. Io ce l ho qui. Sostanzialmente la convenzione aveva una validità che scadeva il 13 dicembre 2012, quindi per tre anni, perché si presupponeva che nell arco di quel tempo ovviamente i lavori, che erano garantiti, fossero eseguiti, perché la convenzione durava tre anni. E, semmai, se fossero stati non eseguiti totalmente, la fidejussione avrebbe dovuto essere rifatta per la copertura che mancava. Da quello che ho verificato con gli uffici, a parte che i lavori non sono iniziati perché non sono stati dati i permessi e tutto quanto, è che soltanto mi sembra di capire, ma poi qui l assessore ci darà una risposta più dettagliata alla fine del 2012, intervenendo ovviamente la cessazione della convenzione, l Amministrazione è intervenuta probabilmente per chiedere che cosa stava succedendo, quali erano le valutazioni del Consorzio. La domanda che ho fatto io è legata a che cosa l Amministrazione ci può dire rispetto all iter di questo tipo di pratica, per un motivo molto semplice. Mi sembra di aver capito che la convenzione che poteva essere escussa, a semplice richiesta fatta dall Amministrazione in trenta giorni, nel momento in cui non è stata realizzata l opera, si è andata a verificare la disponibilità da parte del Consorzio fidi, ma quando questa verifica è stata fatta si è scoperto che probabilmente questa compagnia non era solvibile. Nasce quindi una domanda: perché questa cosa si è aspettato di farla alla fine del 2012, quando c è stato un anno e mezzo di tempo per farla? Perché se nell aprile 2011 non sono stati presentati i progetti, era buona norma che chi doveva controllare doveva dire: beh, ragazzi, che cosa avete intenzione di fare? Perché se si fosse escussa la fideiussione un anno e mezzo fa, probabilmente i problemi che ci sono adesso non ci sarebbero stati. O, perlomeno, c era tempo per sollecitare o prendere le iniziative più consone per fare in modo che l Amministrazione portasse a casa quello che aveva concordato dal punto di vita contrattuale. Ma il problema che nasce non è solo questo, cioè ci troviamo di fronte, sarà la situazione, sarà il contesto, sarà i privati, questi non fanno un opera da urbanizzazione, quindi non rendono edificabili dei terreni, il Comune non porta a casa il centro civico, aspetteremo, vedremo, bisognerà rifare tutto. Ma il vero problema è che negli ultimi mesi è successa una cosa un po più particolare: questa lottizzazione, la realizzazione di questa lottizzazione era fondamentale perché era la struttura portante di tutta una serie di impianti tecnologici, quindi la rete delle reflue nere, la rete delle acque bianche, la telefonia, il gas, l acqua potabile, per un altra lottizzazione che sta a monte. Per chi conosce il territorio, è l area praticamente della Dimo, sostanzialmente. E cos è successo, cos è che pone secondo me alcuni problemi? Che questa lottizzazione, che è stata autorizzata, se passate a Tavo vedete che sono cominciati i lavori, anzi è stata presentata una variante circa una settimana fa, che chiede addirittura il rilascio di tutte le concessioni edilizie per realizzare credo circa quindicimila metri cubi di casette bifamiliari, tredicimila; che questa lottizzazione, di fatto tutta l impiantistica tecnologica, scarica o passa attraverso questa lottizzazione che di fatto è bloccata, perché non è mai partita, perché non è mai iniziata, di cui non c è mai stato un progetto. Domanda: se domani mattina, a fronte di una concessione rilasciata nell arco di poco tempo, perché mi pare che siano anche lì due o tre anni, i lottizzanti, l impresa che sta costruendo questa lottizzazione che diciamo è a monte, fa tutto e chiede l agibilità al Comune, il quale se gli ha dato il permesso l agibilità è il rispetto che tu faccia tutti i lavori che sono previsti in quel piano, se questi dicono: noi abbiamo fatto esattamente tutto; siamo arrivati sul limite del comparto di questa lottizzazione; se la lottizzazione su cui dovevamo agganciarci non c è perché non è stata fatta; è un problema tuo, Comune, non è un problema mio. Oddio, puoi dissentire Fabrizio, però la realtà di fondo è che tu hai un area urbanizzata, che probabilmente sarà certamente realizzata, che deve attaccare tutti i servizi in centro a Tavo, tanto per capirsi su Via Cavino.

5 Non può attaccarsi su Via Chiesa e su Via Donazzan. E la parte intermedia, che è condizione per allacciare tutti i servizi di questa lottizzazione che io ho chiamato a monte, non c è, non è stato richiesto il permesso di costruire; non è possibile che il Comune si sostituisca, cosa prevista, al lottizzante attraverso la polizza fideiussoria, perché il soggetto che l ha rilasciata è fallito, non so, non è in grado di dire: va beh, ti do i soldi, il Comune incassa un milione di euro e fa tutte le opere. La domanda, tanto per rendere sintetica la situazione, è semplicemente che cosa ha intenzione di fare l Amministrazione Comunale per non essere becca e bastonata? Scusate il termine. Nel senso che capisco che tu dici che c è qualcuno che vuole costruire, gli do il permesso, ma devi anche capire... PRESIDENTE. Scusa Roberto, se diamo modo di rispondere, così la tua curiosità sarà parzialmente penso soddisfatta. CONSIGLIERE ZANOVELLO. Può darsi che sia anche completamente soddisfatta. PRESIDENTE. Conoscendo i fatti e le persone! CONSIGLIERE ZANOVELLO. C è poi anche la domanda della lottizzazione. E mi dispiace, perché sono cinque, sei, sette, otto anni che, credo che abbiamo partecipato in molti a questa discussione, che si tentava, attraverso questo intervento dei privati, di portare a casa il centro civico, peraltro progetto concordato e discusso ed estremamente interessante per una situazione come Tavo. Per carità, aspetteremo condizioni migliori, però nel frattempo dobbiamo porci un altro problema: dovremo garantire, a quelli a cui voi avete dato le autorizzazioni, di poter essere in grado di usufruire effettivamente dei permessi che hanno. PRESIDENTE. D accordo, sentiamo l assessore. ASSESSORE CALLEGARO. Io avevo preparato una risposta abbastanza sintetica, Roberto, però è un ricalco alle tue risposte, nel senso è una ripetizione a quello che hai appena esposto tu. Comunque, cerco di parlare un po a braccio e poi darò una risposta formale, perché rimanga agli atti. Sappiamo benissimo che in edilizia ed in urbanistica e poi ultimamente non è che il settore se la passi molto bene, quindi l investitore che nel 2006 o 2007, quando è nata questa proposta, è lo stesso investitore che oggi, la società in questo caso è un Consorzio di tre soggetti, ha dei problemi legati al contesto dell edilizia. Quindi i problemi che sta vivendo nel 2013 il comparto anche a Vigodarzere si fanno sentire. Cosa cerchiamo di fare in questo momento? Di portare a ragione un Consorzio che è in pieno, passatemi il termine tra virgolette, torto. Non ha ragioni e non ci sono ragioni. I termini sono scaduti. Potremo anche dire che non si fa più nulla di quell area. Si aggiunge anche il problema, l hai già detto tu, lo ripeto io in termini ufficiali, questa società che garantiva il Consorzio con una polizza fidejussoria è oggi in liquidazione, priva assolutamente di fondi. L Amministrazione oggi con chi se la vede? Con un Consorzio di garanzia in liquidazione ufficiale. Noi abbiamo, nel 2012, varie volte sollecitato, non negli ultimi mesi, in dicembre ma nei vari mesi, sollecitato questo Consorzio a farsi avanti, a proporre, a realizzare, perché i termini stavano scadendo. Il Consorzio, per bocca del suo presidente, diceva sempre: Sì, domani. Sì, faremo. Convinto che il settore potesse in qualche maniera risollevarsi. Nel 2012 c è stato un confronto acceso tra questo Consorzio, che detiene più del 72% dell intervento, ed il restante 18%. C è stato appunto un confronto piuttosto acceso, perché questa minoranza voleva a tutti i costi realizzare quella sua parte, l altra parte era totalmente incerta e scoperta.

6 Noi abbiamo pensato che di questi tempi è meglio privilegiare anche una parte di minoranza, piuttosto che sostituire e cancellare tutto. E quella parte di minoranza è consapevole che vanno a realizzare delle opere dove poi si troveranno i problemi degli allacciamenti primari. Sono ben consapevoli e non verranno a chiedere al Comune, al termine dei lavori, l allacciamento, perché stanno realizzando, ripeto consapevoli, che dovranno fare degli accordi con la società in maggioranza. Non è detto che nella prospettiva anche i soci minoritari diventino maggioritari, quindi agevolando questo intervento agevoliamo anche la trattativa tra privati. Noi auspichiamo, in questo momento di difficoltà economica, che ci sia la ragionevolezza dell Amministrazione di concedere ulteriori tempi per guadagnare quello che può essere, in un momento di crisi, anche quell economia necessaria per fare i lavori. Ritengo che per la razionalità ci sia un intervento molto importante, che è il palazzetto chiamiamolo civico di aggregazione, che solo nella frazione di Tavo manca. Noi quindi auspichiamo fortemente che ci sia la realizzazione del comparto C2.1, proprio per realizzare l opera pubblica. Oggi, secondo me, bisogna ragionare, guadagnando dei tempi, compatibilmente con quello che è l aspetto legislativo. Leggevo in questi giorni, faccio un passaggio veloce politico, non è il mio stile, comunque trovo che in questi giorni la politica stia dando un po il meglio di se stessa, nel senso che due blocchi che la pensavano esattamente al contrario stanno, nel ragionamento edilizio, dando dei tempi necessari, e parlo dello slittamento dai tre anni ai cinque anni per la realizzazione delle opere dei Piani di lottizzazione; parlo della possibilità di dare agibilità parziale ai comparti che stentano nell essere realizzati. Vuol dire che quello che sta facendo in piccolissima parte Vigodarzere, viene a livello decreto ministeriale, decreto del fare, recepita come una necessità, una necessità e un opportunità per quelle imprese del comparto in difficoltà, e quindi guadagnare tempo e cercare di dare di nuovo respiro e volano ad un economia che sappiamo benissimo com è. Quello che mi sento di dire è che il comparto C2.1 non è immune, purtroppo, dalla crisi del settore. E, se possiamo, dobbiamo agevolarlo. Vado a leggere ufficialmente, per metterla poi agli atti, quella che è la risposta all interrogazione. Ringrazio dell attenzione che dedica al settore urbanistico il consigliere Zanovello. Non è per piaggeria e neanche per ironia ma è proprio un vero ringraziamento. Sempre attento e puntuale nelle sue richieste. Colleghi consiglieri, a questa interrogazione desidero certamente rispondere cercando di stimolare il dibattito su un argomento di attualità e particolarmente difficile. Avrete sentito parlare, in questi anni, di una crescente crisi nel settore edilizio ed immobiliare, crisi che ha dei numeri spaventosi. Vi cito due rapporti. Il primo della Federazione Agenti Immobiliari Veneto. Da un rapporto recente emerge che negli ultimi tre anni il calo delle compravendite è gradualmente peggiorato: meno 4,2 nel 2010, meno 7% nel 2011, meno 18,2 nel L andamento della crisi si legge anche dal dato delle agenzie immobiliari venete che stanno chiudendo, circa 200 con una perdita di 400 posti di lavoro. Altro rapporto recente è dell ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edile) Veneto. Inflessione continua del comparto dal La situazione del settore delle costruzioni in Veneto, inflessione fino dal 2007, è andata peggiorando anche nel In Veneto il settore delle costruzioni ha perso circa occupati dall inizio della crisi, -21%, dati della cassa integrazione in deroga. Si legge, nelle note dell ANCE, che ha raggiunto i 13,7 milioni di ore autorizzate nel 2012, settore edilizio; valore cinque volte più alto rispetto al 2008, calcola la stessa associazione. Nel complesso, negli ultimi sei anni, il volume degli investimenti ha subìto una contrazione del meno 30%. Dati inconfutabili. Vado adesso nel dettaglio di Vigodarzere. Certamente anche Vigodarzere non è immune dalla crisi del comparto edilizio. Alcuni di voi diranno bene, altri diranno male, ma di mezzo ci vanno le imprese ed i lavoratori del comparto.

7 Ora, non stravolgendo le regole e le leggi, l Amministrazione Vezzaro, e personalmente con la delega che mi onoro a ricoprire, ritiene e ritengo necessario riflettere ed utilizzare tutti quegli strumenti legislativi che permettano all Amministrazione e alle società ed imprese edili, coinvolte nella carenza di opportunità di vendita, di cercare di uscire, guadagnando i tempi necessari per non abbandonare i progetti o quelle lottizzazioni in corso d opera. Nel caso specifico, dare tempo per uscire. Desidero comunque scendere nel dettaglio dell interrogazione e rispondere al gruppo del consigliere Zanovello. Il comparto C2.1 Tavo ha visto, per una parte dell intervento, l inizio lavori solo nel dicembre 2012, quello che hai menzionato prima, mentre per il restante comparto i lavori non sono mai stati iniziati né terminati nei termini previsti. Compreso, e confermo, per la parte delle opere pubbliche convenzionate, i lavori non sono stati né iniziati né tanto meno terminati. Risulta altrettanto vero che la polizza fideiussoria stipulata da parte del Consorzio con la società Cofiart S.r.l. risulta essere scaduta ad oggi e di difficile riscossione, essendo la stessa Cofiart azienda in liquidazione e priva di fondi. Abbiamo comunque ragione di credere che in questo particolare momento si debba trovare il dialogo con il Consorzio di lottizzazione, contestualmente al rinnovo della pratica di concessione e si debba richiedere una nuova polizza fideiussoria, questa volta con istituto di credito di primaria importanza. In sostanza riteniamo opportuno portare a ragione il Consorzio, per non penalizzare un intervento pubblico di importanza strategica per la frazione di Tavo. CONSIGLIERE ZANOVELLO. Io prendo atto Fabrizio di quello che mi hai detto e che mi avevi anticipato. Io posso capire che l edilizia non va, sono questioni che sappiamo, però ci sono alcune questioni che devono essere estremamente chiare. Prima di tutto c è un problema di inadempienza. Il Comune l ha passata all Amministrazione e questa Amministrazione, anche se è un po cambiata, ha firmato un contratto ed una convenzione nell aprile del 2010, che prevedeva degli adempimenti reciproci, a fronte di un percorso abbastanza condiviso con le commissioni. Tu eri il presidente della Commissione. Quello è un contratto in cui il Comune ha dato in cambio di alcune questioni. C erano degli adempimenti formali. Una parte è venuta meno a quegli adempimenti formali e, nel momento in cui è venuta meno, perché c erano delle scadenze, chi doveva vigilare su questo ha lasciato trascorrere il tempo. È chiaro che voi siete intervenuti alla fine del 2012, perché? Perché il 13 dicembre 2012, se non mettevate in mora la compagnia di assicurazione, la convenzione scadeva. Ma se tu mettevi il Consorzio di fronte alle proprie responsabilità di contraente nell aprile del 2011, probabilmente la situazione era difficile già allora ma era completamente diversa. Perlomeno io ritengo che se, al 10 aprile 2011, prima ancora che diventasse Sindaco Francesco, l Amministrazione diceva: entro il 10 tu dovevi presentare e non l hai presentato, bene io ho una polizza fideiussoria ed ho trenta giorni di tempo per escutere euro, perché tu sei inadempiente. Non interessa niente la crisi. Io intanto tutelavo il Comune e gli dicevo: mi dovevi presentare al termine di contratto, non l hai fatto, intanto io ti domando i soldi. Se tu avessi domandato i soldi l 11 aprile 2011 sarebbe stata una cosa diversa rispetto al dicembre del 2012, perché se non altro ti saresti garantito, non dico te come persona fisica ma chi amministrava, l adempimento di un aspetto che è contrattuale. Il Comune fa dei contratti e li firma dal notaio, in cui dà e riceve. Questa inadempienza, fino ad arrivare alla fine del 2012, è una inadempienza che adesso è costata il fatto che il Comune si trova ovviamente con una lottizzazione che non parte, ma aveva dato quel permesso in funzione del fatto che recuperava, attraverso il meccanismo della perequazione, su cui è farcita tutta la vostra pianificazione di bilancio, cioè accordo con i privati. Lì abbiamo dato la possibilità ai privati di costruire, avendo in cambio un intervento che è valutato intorno al terreno più sette o ottocentomila euro di intervento. In questo momento non si farà, si aspetterà.

8 Ma c è un problema di adempimento, perché io introduco un altra questione, Fabrizio, perché lo sai che non te le mando a dire. Il criterio di metodo con cui l Amministrazione si misura nei suoi adempimenti deve essere uguale per tutti. Allora, io non ho niente da dire, io dico semplicemente che c è stata una mancanza di adempienza, sarà stata fatta dagli uffici, non lo so, non mi interessa niente, abbiamo perso la lottizzazione perché non l hanno adempiuta ed abbiamo anche perso la possibilità di poter utilizzare gli elementi che avevamo messo come garanzia. Ma ammesso questo, quando tu mi dici che il comparto su cui è stato fatto partire, ma io mi auguro che voi abbiate la possibilità, perché a questa gente avete dato dei permessi e tra due anni questa gente costruirà e ti dirà: Comune, mi devi garantire gli allacciamenti che adesso tu non sei in grado di fare. Certo, tu puoi dire: guarda, può darsi che quelli che stanno costruendo adesso comprano tutto, si mettono d accordo. Ma tu non sei il mercato, tu sei una Amministrazione pubblica, tu devi fare le cose con delle questioni molto precise, perché lo stai verificando anche su altre questioni, perché ci sono altri comparti che hanno difficoltà ma gli stai chiedendo di spezzare le convenzioni, gli stai chiedendo di avere delle polizze fideiussorie e garanzie. Cioè, ci sono degli adempimenti formali che non sono quelli dei rapporti tra un privato ed il pubblico. I privati si mettono d accordo, rischiano di loro, possono fare le cose e possono non farle. Noi siamo di fronte al fatto, primo, che c è stata una inadempienza consolidata da parte dell Amministrazione. Io poi non dico che sia colpa tua, perché tu non puoi andare a chiedere un anno e mezzo dopo, ad uno che è inadempiente contrattualmente, e dirgli: ma cosa hai intenzione di fare! Tu avevi uno strumento, che era la fideiussione. Probabilmente, se tu andavi ad escutere la fideiussione nell aprile del 2011, la compagnia era ancora sana ed i soldi te li doveva dare. Perché in un anno e mezzo di tempo in questo contesto fan ora a saltare gli stati, non le compagnie. Ma intanto portavi a casa la garanzia di avere un milione e cento e i lavori te li facevi, ti facevi i lavori e ti facevi pure il centro civico. E di questa inadempienza io voglio avere conto, perché non è ammissibile dire... io posso capire che c è il bon ton, il buon senso, va bene la situazione è grave, ma chi è che si mette di traverso a questa situazione? Tu sei inadempiente perché formalmente non hai applicato le prerogative contrattuali, Fabrizio. E allora chi è stato? È stato il capo dell Ufficio Tecnico? Non lo so, io non pongo questioni. Ti dico semplicemente che questa questione, se veniva presa nei termini previsti dal contratto, non sarebbe finita così. Allora, quando si fanno le cose, e tu lo sai perché oltre a questa ce ne sono tante altre, o vengono fatte secondo dei criteri, che sono quelli segnati dalla buona regola, dopodiché si cerca sempre di dare una mano a tutti. Perché, sai, in questo Comune, diciamocelo fuori dai denti, si creano casini per delle questioni discutibili nei confronti del singolo privato, perché abbiamo una storia di ordinanze, di demolizioni, contenzioso, per il singolo privato che ha fatto la baracca; e dopo, su situazioni di questo genere, invece, c è... No, queste cose non possono essere accettate. Detto questo, io non sono soddisfatto della tua risposta per questi motivi, ma non sono soddisfatto per un altra questione. Prima di rilasciare il comparto che si chiama C2.4, che sta a nord del comparto C2.1, e sono due cose esattamente separate, dove c è un altra convenzione, un altro contratto, un altro progetto, siccome voi sapevate che in quella lottizzazione, se andavate a rilasciare il permesso, avreste dovuto garantire che nel momento in cui verrà realizzata, tra qualche anno, deve poter scaricare le fognature, passando attraverso la lottizzazione, perché non ci sono altre possibilità, dovevate essere cauti da questo punto di vista qua, dovevate cercare di fare in maniera che... Perché un domani, i signori che fanno le case e che le vendono, perché fanno l investimento, loro investono i soldi, tu gli dai il permesso subito per farla tra tre anni, non gliene può fregare di meno che tu hai risolto il problema con l altra lottizzazione. Sì, tu puoi sperare che magari questi la comprano, ma quando tu amministri devi partire da cose certe, discutibili. Perché domani mattina tu puoi andare a casa e gli impegni che hai assunto tu, a livello di opportunità relazionale, restano lì.

9 Sono le carte che contano, sono le cose scritte che contano, sono le responsabilità che assumi quando fai queste cose. E questa non è una pagina molto bella. Premesso che io sono uno, e mi conoscete, che se si tratta di dire, di fare in maniera che questo Comune si muova, quella lottizzazione lì, quella lottizzazione lì l ho approvata io quando ero Sindaco, sono io che ho fatto le varianti. E Francesco era presidente della Commissione ai lavori pubblici e sa che tutti abbiamo tirato... dico bene, Francesco. Se si fanno delle cose, si fanno bene. E c è un altra cosa da dire, Fabrizio. Tutte le lottizzazioni che sono state fatte dal 2002 in poi, fino a queste due, tutte tranne questa qui perché aveva le caratteristiche di contiguità, sono state rilasciate a condizione che prima di rilasciare il permesso per costruire una casa venisse collaudato l 80% delle opere di urbanizzazione. Tranne il verde e l installazione delle lampade, tutte le lottizzazioni che ci sono qui, per valutazione comune che abbiamo portato in Consiglio Comunale, per evitare la famosa questione della lottizzazione che c è vicino alla ferrovia, perché c era la gente dentro che voleva l agibilità e non c era niente, non c erano le strade e non c erano gli impianti tecnologici, abbiamo deciso: no, signori, vi diamo la possibilità. Bene, queste lottizzazioni sono state rilasciate, una nel 2010 firmata ed una nel 2012, dicendo che tu, appena dai il permesso per cominciare a costruire e buttare il bitume nelle strade, gli puoi rilasciare il permesso per fare le case. Non a caso quelli che hanno presentato il comparto C2.4 hanno presentato, dopo due mesi che gli è stato rilasciato il permesso, oltre ad una piccola variante per il parcheggio, hanno presentato la bellezza di venticinque casette, chiedendo contestualmente alla variante il rilascio per cominciare i lavori. Benissimo, in un momento di crisi, lavoro, tutto bene. Ma quella gente lì quelle robe le fa per venderle, perché sennò succede come qua, che ci sono gli appartamenti venduti con la gente dentro, che vive con l allacciamento al cantiere; e magari c è qualcuno che fa la contestazione e la denuncia perché non hai ancora dato l agibilità. Queste cose si fanno nei limiti del buon senso e nei limiti del possibile. Io mi auguro, spero che ci siano cose che non ci hai detto Fabrizio, io mi auguro che questa situazione venga risolta per due motivi. Primo, perché sono dieci anni che lavoriamo per portare a casa per Tavo un centro dignitoso civico che serve alla comunità, di cui siamo tutti convinti ed è l unica possibilità di farlo, perché se non lo portiamo a casa attraverso questa operazioni non lo faremo mai, perché ci sono altre priorità, perché non ci sono i soldi. E, secondo, per dare organicità ad un paese che si sta sviluppando. Voglio ricordare che queste due lottizzazioni, che comportano l inserimento di qualcosa come trenta, trentacinquemila metri cubi di residenza, scaricano una piastra di quarantamila metri quadrati su Via Cavino. Tutta l acqua. E qua si pone anche un altro problema che dobbiamo affrontare, non voi ma tutti noi, perché non possiamo pensare, fra due o tre anni, che questa piastra, che mi auguro sarà realizzata, sia fatta senza che si faccia il primo, il secondo stralcio del Piano Idraulico di Tavo. Perché già adesso, l ultima volta che è piovuto, di fronte al panificio di Via Mazzini siamo andati sotto acqua. Sì, abbiamo approvato il progetto idraulico, è nella seconda fase, ma se non andiamo a cambiare l impostazione delle reti, come sono state progettate, pensare di scaricare, nonostante ci siano i laminatoi interni sulla lottizzazione, tutta l acqua su Via Cavino, che è completamente intasata, è una follia. Oggi dobbiamo preoccuparci ed augurarci che questa roba vada fatta, perché ci porta a casa tutta una serie di ristrutturazione del centro abitato di Tavo, ma dobbiamo cominciare a pensare che quando tu gli darai l agibilità e le lottizzazioni, che ci si augura siano fatte, dovremo intervenire immediatamente sul rifacimento della linea che parte da dove c è l inizio di Via Cavino, dove c è la curva, e che arriva fino a Via San Francesco. Un milione di euro: Via Mazzini, Via Fornace, etc. etc.. Programmare lo sviluppo del territorio significa un problema che va oltre.

10 Io mi auguro che quello che ha detto l assessore speriamo che, gli abbiamo dato la possibilità, però, ragazzi, il Comune non può fare le trattative che faccio io insieme a Pino, che siamo privati e rischiamo del nostro, ma deve fare le cose in funzione di quello che scrive. Ed oggi noi abbiamo segnato una pagina che è difficile, perché domani può succedere di tutto. Può succedere di tutto e comunque non abbiamo né modalità né tempo per risolverlo noi. Non sono ovviamente soddisfatto sulle questioni che sono state dette, pur prendendo atto che le comunicazioni, che peraltro mi aveva anticipato Fabrizio, ci sono. Non è che io contesto, però tu la dovevi prendere in mano due anni fa questa roba qua, non adesso. ASSESSORE CALLEGARO. Non soddisfazione, Zanovello, ho capito bene? PRESIDENTE. Sì, hai capito bene. ASSESSORE CALLEGARO. Io credo che in tempi di vacche molto molto magre, parlare come parli tu adesso, Roberto, sia assolutamente deleterio. PRESIDENTE. Per favore, Fabrizio, entra nel merito. Lascia stare le valutazioni. ASSESSORE CALLEGARO. Va bene, amministrare vuol dire intanto pesare le parole. Quando mi dai dell inadempiente, inadempiente sarà la società che non ha rispettato il contratto. PRESIDENTE. E tu che non hai controllato. ASSESSORE CALLEGARO. Non è vero. Allora, state attenti a come dite le parole, perché l Ufficio Tecnico ha sollecitato nel 2012, e vi do tutte le date, molte e molte volte la società ed il Consorzio. E ci sono tutti i report e le riunioni fatte. Quindi, se vogliamo fare politica, stasera la facciamo; domani mattina andiamo in Ufficio Tecnico e facciamo i report della situazione del Consorzio. Perché, se vogliamo mostrare i muscoli, sono in grado di farlo anch io. Dal punto di vista tecnico... CONSIGLIERE ZANOVELLO. Non lo devi dimostrare a me, lo devi dimostrare agli altri. Se tu facevi la verifica... ASSESSORE CALLEGARO. No, tu mi dici inadempiente. Allora, se volete dirmi le cose che devo dire io, me le scrivete e poi le comunico. Permettete, sono grandino abbastanza. Attenzione, inadempiente è la società. L Ufficio Tecnico ha fatto tutti i percorsi necessari per portare a ragione una società in difficoltà. Cofiart, già dal 2010, da mio personale interessamento, io ho analizzato chi era Cofiart: Consorzio di garanzia, nato Siracusa, con sede legale a Roma, con 80 milioni di debito. Il rispetto del contratto sta nel rispettare anche i termini. Allora, nel 2012 c è stato tutto un percorso di seguire passo passo il Consorzio in quello che doveva essere almeno l inizio lavori, almeno avvertivamo che questa società Cofiart era inattendibile.. Assessore, stia al suo posto, il contratto dice dicembre CONSIGLIERE ZANOVELLO. Fabrizio non dirmi queste cose, perché ti tiro fuori la convenzione. La convenzione diceva che entro il 10 aprile 2011 doveva essere depositato al Comune un progetto per il Piano di lottizzazione e il progetto per il centro civico. E dopo un anno e mezzo questo progetto non c era! È decaduta la convenzione per inadempienza loro, ma tu sei stato un anno ad aspettare, a discutere che cosa? Che cominciassero i lavori su che cosa, se mancava il progetto! Il progetto doveva essere presentato nell aprile 2011 e non è stato presentato, quindi tutte le discussioni che hai fatto te le potevi risparmiare e dirgli: siete inadempienti, escuto la fideiussione. E non dire: discutiamo, presentami l inizio lavori. L inizio lavori su cosa!

11 ASSESSORE CALLEGARO. Allora tu porti in Tribunale, così, en passant, una... CONSIGLIERE ZANOVELLO. Ma io non dico che porto in Tribunale. Se tu gli domandavi la fideiussione il 12 aprile 2011, prima che... ASSESSORE CALLEGARO. Il risultato non cambia la sostanza. CONSIGLIERE ZANOVELLO. Ma non è vero, perché non sei in grado di dimostrarmelo. Perché quello che poteva succedere un anno e mezzo fa è diverso da quello che può succedere adesso. E non puoi giustificarmelo dicendo abbiamo cercato. Siete stati inadempienti perché, dopo che era scaduta la fideiussione, il termine della convenzione, voi dovevate escutere, nell aprile del Stiamo parlando di un po di tempo fa, di due anni fa, voi, inadempienti loro, andavate ad escutere e discutevate dopo che li avevate messi in mora. Adesso non avete nessuna strumentazione, perché la polizza di assicurazione è saltata. La società giustamente fa tutto in funzione di questo e tu ti trovi chiaramente a dover negoziare, ma per inadempienza loro e per inadempienza vostra. Non dico tua, ma queste cose qua vanno seguite giorno per giorno. Non venirmi a dire che nel ASSESSORE CALLEGARO. Va bene, ho finito. PRESIDENTE. Credo che possiamo chiudere qui. I lavori consiliari terminano alle ore

12

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI COMUNICAZIONI INTERROGAZIONI INTERPELLANZE. L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di settembre alle ore 21:00 nella Sala delle adunanze

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 SINDACO BOVI ROBERTO: Buonasera. Innanzitutto mi fa piacere che finalmente abbiamo dei microfoni che mi auguro, senz altro, anzi sono certo che funzioneranno

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli