Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat. Per genitori ;-) Prevenzione Svizzera della Criminalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat. Per genitori ;-) Prevenzione Svizzera della Criminalità"

Transcript

1 Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat ;-) Per genitori Prevenzione Svizzera della Criminalità

2 Impressum Edito da Prevenzione Svizzera della Criminalità Casella postale 2073, CH-2001 Neuchâtel, Tel Responsabile: Martin Boess Distribuzione Questo opuscolo è ottenibile presso ogni corpo di Polizia cantonale, oltre ai corpi di Polizia comunale di Berna, Zurigo, Winterthur, come pure presso la Polizia del Principato del Liechtenstein. Redazione per l edizione svizzera 2006 Martin Boess, Prevenzione Svizzera della Criminalità Testo e idea Ursula Enders, Zartbitter, e.v., Colonia Versione italiana Alessandra Arrigoni Ravasi Concezione graþca Dorothee Wolters, Colonia Illustrazione e menabò Atelier Richner, Berna Edizione 2006 per la Svizzera Stampa Stämpßi Pubblicazioni SA, Berna Edizione es. in tedesco, es. in francese 5000 es. in italiano Copyright Zartbitter, e.v., 2005 presente edizione: 2006, Prevenzione Svizzera della Criminalità, 1 a edizione Questo opuscolo è stato pubblicato nell ambito della Campagna «Stop alla pornograþa infantile in Internet!». Nota della traduttrice Per rendere più scorrevole la lettura del testo, abbiamo deciso di non indicare il doppio genere maschile e femminile per nomi o aggettivi. Ce ne scusiamo con le lettrici. Alessandra Arrigoni Ravasi

3 Sommario 1 2 Introduzione 4 Cosa è una chat? 6 Gli abusi nei confronti dei ragazzi nelle chat 7 Le strategie di chi abusa 8 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 10 Come potete proteggere i vostri Þgli 14 Quando occorre maggiore prudenza 15 Cosa devono sapere i ragazzi 19 Come difendere i ragazzi dagli abusi sessuali nelle chat 20 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 22 Se vostro Þglio raccoglie materiale pornograþco 23 Aspetti legali 26 Indirizzi 28 Informazioni e consulenza in Internet Ouscoli della Prevenzione Svizzera della Criminalità SKP PSC

4 Care mamme, cari papà, 2 Gli adolescenti vanno alla scoperta del mondo con una curiosità inþnita: vogliono conoscerlo, scoprire degli spazi in cui potersi muovere da soli e sono letteralmente affascinati dai nuovi incontri, soprattutto se questi avvengono senza il controllo dei genitori. E tutto ciò ha anche i suoi lati positivi! Le diverse chat-room offrono esattamente queste opportunità: i ragazzi hanno accesso ad un mondo virtuale in cui possono incontrare persone interessanti e nel contempo possono inventarsi più identità. Spesso infatti, chi chatta si diverte a giocare ruoli diversi e si racconta come meglio desidera e non sempre come è in realtà, modiþcando età, sesso, aspetto esteriore, hobby, preferenze, qualità personali, indirizzo, ecc. Negli ultimi tempi avrete forse sentito parlare dei pericoli delle chat e siete preoccupati per i vostri Þgli. I mass media evidenziano con sempre maggior frequenza il fatto che, proprio grazie alle chat-room, tra coloro che commettono degli abusi, vi è chi ha scoperto l opportunità di contattare potenziali vittime e molestarle per soddisfare i propri fantasmi sessuali. Tuttavia, nonostante i pericoli presenti nelle chat, i genitori non dovrebbero demonizzare l uso di questo strumento, creando nei propri Þgli ulteriori timori. La paura è sempre una cattiva consigliera, poiché indebolisce la capacità di reazione, paralizzando chi la subisce. Anche i divieti sono poco auspicabili: gli adolescenti Þniscono per chattare senza che i genitori lo sappiano, creando innumerevoli opportunità per connettersi di nascosto. E nel caso di un abuso di tipo sessuale, i ragazzi non si Þderanno né dei propri genitori né di altri adulti. Gli adolescenti hanno bisogno di avere informazioni obiettive e di essere relativamente prudenti per poter riconoscere in tempo i problemi nascosti nelle chat e non farsi imbrogliare dai trucchi di chi commette degli abusi. Hanno bisogno di madri e padri sufþcientemente informati e che scoprano con loro il mondo delle chat, elaborando delle strategie comuni contro gli abusi sessuali.

5 3 Questo opuscolo è stato elaborato da Zartbitter, e.v., di Colonia, un ufþcio che si occupa principalmente di abusi sessuali sui ragazzi. Su un lungo lasso di tempo, i collaboratori di Zartbitter hanno chattato regolarmente con degli pseudonimi in alcune delle più conosciute chat per adolescenti, raccogliendo numerose informazioni sui loro pericoli e sperimentando sul campo diverse forme per lottare contro queste molestie. L opuscolo «click it! consigli contro gli abusi sessuali nelle chat» vi offre alcune informazioni sulle strategie degli autori e delle autrici di abusi nelle chat, e propone delle modalità di intervento per i genitori. Auguriamo a voi, alle vostre Þglie e ai vostri Þgli ogni bene! Prevenzione Svizzera della Criminalità

6 Cosa è una chat? 4 «Chattare» è un neologismo derivato dall inglese «to chat», che signiþca chiacchierare. Una chat è in sostanza un dialogo online dove due o più partecipanti si trasmettono dei messaggi in tempo reale via computer. Per entrare servono un nickname (pseudonimo) e una password. Nella maggior parte delle chat-room, il dialogo scritto risulta leggibile a tutti i partecipanti e ognuno può essere invitato in una Þnestra privata con un semplice clic. Questo dialogo non può essere letto da nessun altro, neppure da un moderatore, presente di regola in alcune chat e il cui scopo è principalmente quello di fare attenzione afþnché le regole di comportamento vengano rispettate (netiquette). Esiste un vero e proprio linguaggio di chat: si rinuncia ad una descrizione dettagliata, si accorciano molte parole e spesso i sentimenti vengono espressi con delle emoticon (smileys). Freunde Adressen ProÞle Schliessen Messenger Bearbeiten Senden Zurück Hilfe Mica669: hallo wie geht s toribori233: gut und dir? Mica669: super Line_bösemine: was machst du gerade?? B K U Verdana Regular 14 Pt Se si possiede l attrezzatura tecnica necessaria, in molte chat-room si può trasmettere la voce dei partecipanti con dei microfoni, mentre le web-cam (le macchine fotograþche collegate ai computer) mostrano in tempo reale delle immagini. In questo modo si può «telefonare» e vedere al tempo stesso sullo schermo la persona con la quale si sta parlando. Quando i due partner possiedono entrambi una web-cam e sono collegati tra loro in contemporanea, si parla di «cam2cam». Senden 3 Teilnehmer

7 Cosa è una chat? 5 In quasi tutte le chat, gli utenti (user) possono fornire un proþlo inserendo i loro dati personali (hobby, professione...) ed allegando una fotograþa. Spesso i «partner di chat» si scambiano i loro indirizzi privati e/o lasciano aperto il contatto tramite Messenger (MSN, Yahoo, ICQ...). Si apre allora una «casella di posta» privata, nella quale viene inserita la lista dei contatti e che permette di vedere chi tra questi chatter è collegato in quel momento in rete. Grazie a Messenger possono venire spedite immagini riprese dalla web-cam voce, foto (pics) e Þlmati. Molti provider Internet mettono gratuitamente a disposizione Messenger, oppure lo si può scaricare senza particolari conoscenze tecniche. La sempre maggiore facilità dei software utilizzati per le chat consente alle stesse di essere installate su molte homepage. Di regola l offerta viene Þnanziata tramite la pubblicità. Attenzione: con i computer portatili e la tecnologia wireless, negli Internet-point oppure con i cellulari di ultima generazione, si può chattare o utilizzare Messenger anche se non si è seduti al computer di casa!

8 Gli abusi nei confronti dei ragazzi nelle chat 6 Nelle chat-room esistono forme estremamente diverse di molestie sessuali nei confronti degli adolescenti. Chi compie un abuso... infastidisce ragazze e ragazzi con un approccio a sfondo sessuale, coinvolge le vittime in dialoghi riguardanti pratiche sessuali, chiede al suo interlocutore di raccontare le sue esperienze sessuali, descrive dettagliatamente le sue preferenze sessuali e le sue perversioni, invita le ragazze a vendere la loro biancheria intima già indossata, si masturba di fronte alla web-cam e trasmette le immagini sullo schermo della vittima, incita ragazze e ragazzi a masturbarsi di fronte alla web-cam e a spedire le immagini registrate, produce Þlmati pornograþci contenenti gli atti sessuali dei ragazzi ottenuti tramite le web-cam, produce pornograþa virtuale con dei fotomontaggi: inserisce cioè le facce dei partner di chat su immagini pornograþche, utilizzando le foto allegate ai proþli oppure ottenute direttamente dai ragazzi stessi via mail, organizza degli incontri reali per poter commettere degli abusi, offre dei soldi, afþnché gli adolescenti portino altri coetanei agli incontri reali... spedisce materiale pornograþco, contenente anche immagini e Þlmati di abusi sessuali su minori,

9 Le strategie di chi abusa 7 Così come ogni ladro o truffatore sviluppa la propria «maschera» al Þne di ottenere il massimo risultato con il minore sforzo possibile, anche chi abusa sviluppa delle vere e proprie strategie per poter agire possibilmente senza farsi scoprire. Per prima cosa, molti chiariscono se i loro giovani partner di chat sono soli davanti allo schermo, oppure se sono presenti degli adulti che potrebbero sorvegliare il loro dialogo. Non sono pochi coloro che si spacciano per coetanei per poter guadagnare la Þducia della potenziale vittima. Alcuni scelgono «il ruolo dello zio carino e comprensivo» e cercano di ottenere delle informazioni sulla vita dei ragazzi e in un secondo tempo risvegliare la curiosità infantile su temi quali amicizia, amore e sessualità. Altri invece sorprendono ragazze e ragazzi spedendo via Messenger del materiale pornograþco non richiesto oppure dei Þlmati con i loro atti di esibizionismo. È pur sempre vero che i ragazzi potrebbero evitare di aprire i Þle, tuttavia la loro curiosità è comprensibile ed è normale che vogliano sapere cosa contiene la loro posta elettronica. La maggior parte di chi abusa cerca di convincere le vittime del fatto che sia assolutamente normale che adulti e adolescenti abbiano dei contatti sessuali con bambini e mettano in pratica le loro perversioni con le giovani vittime. Spesso offrono dei soldi convincendo i ragazzi che «ne valga la pena», oppure fanno in modo che il loro contatto rimanga segreto. Quando gli adolescenti iniziano ad opporre resistenza, gli autori e le autrici di molestie aumentano le loro arti seduttive oppure li ricattano, minacciando per esempio di mettere in rete i loro fotomontaggi porno. Altri invece cercano di raggiungere il loro scopo innervosendo i ragazzi ed inserendoli nella loro lista di contatti. Messenger li informa in tempo reale quando i ragazzi si collegano per chattare e il «gioco» ricomincia da capo.

10 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 8 Normalmente gli adolescenti conoscono Internet meglio di molti adulti, ma sono totalmente impreparati agli eventuali incontri con gli autori e le autrici di abusi in rete e non sono di conseguenza in grado di riconoscere le loro strategie. Molti ragazzi per esempio non pensano assolutamente che il ritratto spedito dai loro interlocutori potrebbe contenere delle informazioni false. La maggior parte di coloro che chattano si sentono a proprio agio davanti allo schermo. Non è così raro quindi che, sentendosi al sicuro nel proprio ambiente, gli adolescenti si lascino coinvolgere in approcci spiccatamente sessuali, mentre non oserebbero mai comportarsi allo stesso modo nella vita reale. Tuttavia, non sono in grado di valutare le conseguenze per la loro salute psichica. In una chat normalmente ci si dà del tu. Così facendo però si crea una Þnta atmosfera di Þducia, perché tra l altro viene a mancare una determinata forma di rispetto dell identità altrui. Gli adolescenti sono felici di potersi esprimere in maniera «paritaria» con gli adulti delle chat e li trattano con la stessa familiarità concessa ai loro coetanei della vita reale. Spesso si ritrovano addirittura più aperti e disponibili con gli amici virtuali e rivelano informazioni estremamente personali che non dovrebbero mai essere conþdate a terzi. Di norma, nel mondo reale i contatti tra bambini e adulti avvengono mantenendo una sana distanza. Dato che nelle chat-room non si può vedere l aspetto esteriore del partner, spesso si creano dei contatti con persone che non si frequenterebbero mai nella vita quotidiana, magari perché ci risulterebbero meno simpatiche di altre.

11 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 9 Nelle chat-room non esiste una tipica vittima di molestie a sfondo sessuale. A rischio troviamo anche i Þgli di chi crede il contrario. Alcuni genitori sono convinti che i propri Þgli non saranno mai vittime di abusi, perché consapevoli dei rischi che corrono. Questi ragazzi sono in realtà troppo Þduciosi: sopravvalutano la loro capacità di resistere alle molestie e sottovalutano invece l energia criminale, gli stratagemmi e la perþdia di chi commette degli abusi. Nelle chat, gli abusi sessuali non sono commessi solo da persone adulte, bensì molto spesso gli autori sono adolescenti poco più grandi delle vittime. Di regola, ai ragazzi viene consigliato di spegnere il computer quando trovano qualcosa in Internet che incute loro paura. Tuttavia, una tale «fuga» impedisce di fatto il confronto con la violenza, che comunque rimane, e lo spavento non può essere elaborato in immagini e parole. Normalmente i programmi Þltro contenenti delle misure di protezione per i ragazzi non funzionano nelle chatroom: infatti anche se questi programmi sono in grado di bloccare completamente l accesso ad una chat, non possono sorvegliarne i dialoghi. Per questa ragione alcuni provider di chat hanno installato uno speciale software che sostituisce determinati concetti con altri. Per esempio se si scrive la parola «sex», sullo schermo si leggerà «Þori». Inoltre molti chatter ingannano i programmi di Þltro scrivendo p.es. «s*e*x» invece di «sex».

12 Come potete proteggere i vostri Þgli Come genitori avete diverse possibilità di limitare il rischio che i vostri Þgli subiscano delle molestie sessuali nelle chat. Imparate voi stessi ad utilizzare il computer e Internet, in modo da avere un idea della realtà virtuale sperimentata da vostro Þglio. Fatevi spiegare come si chatta e chiedete ai vostri Þgli di mostrarvi le loro chat preferite. Parlate apertamente con i vostri Þgli su come ci si possa difendere in maniera generica dagli approcci sessuali e dagli esibizionisti. Per potersi difendere, i vostri Þgli dovrebbero assolutamente «bloccare» questi chatter. Non proibite le chat! Con un divieto rischiate solo che i ragazzi chattino di nascosto negli Internet-point, a casa di amici oppure in vostra assenza. 10 Le chat-room sono del tutto inappropriate come baby-sitter! Chattate regolarmente con i vostri Þgli proprio come guardate la televisione insieme a loro. Fate in modo che i vostri Þgli salvino le loro chat abituali tra i contatti «Preferiti». In questo modo non correranno il rischio di Þnire in altri siti per aver sbagliato a scrivere un indirizzo. Fate Þnta di essere un bambino quando chattate. Grazie a questo gioco di ruolo, i vostri Þgli potranno capire che nelle chat ci sono degli adulti che si spacciano per bambini.

13 Come potete proteggere i vostri Þgli 11 Date l esempio afþnché non vengano mai diffuse informazioni personali in Internet, facendo p.es. attenzione che nei siti di scuole oppure di associazioni non ci sia alcun tipo di riferimento speciþco (nomi, hobby). Per poter adescare i ragazzi in maniera mirata, alcuni autori di abusi raccolgono informazioni proprio tramite i siti scolastici. Prima di pubblicare fotograþe o altri dati, associazioni e scuole dovrebbero essere in possesso di un autorizzazione scritta, anche quando il nome del ragazzo non compare accanto ad una foto. La maggior parte degli adolescenti cerca di avere degli amici via . Mettete a disposizione dei vostri Þgli un secondo indirizzo per non divulgare l indirizzo ufþciale della famiglia a persone sconosciute. Concordate un limite nella durata delle connessioni Internet e dei dialoghi in chat. Per un dodicenne dovrebbe bastare un ora al giorno. Altrimenti vi è il rischio che i ragazzi perdano il contatto con la vita reale e abbiano troppo poco tempo per il gioco o per altre attività. Le attività in Internet che sviluppano un comportamento aggressivo dovrebbero essere assolutamente limitate nella durata.

14 Come potete proteggere i vostri Þgli 12 Dal punto di vista pedagogico, è sicuramente meglio Þssare delle regole chiare per l utilizzo di Internet piuttosto che modiþcarle di volta in volta. Gli adoles centi devono essere a conoscenza sia delle regole Þssate dagli adulti, sia delle conseguenze che rischiano se le infrangono (p.es. divieto temporaneo di navigare in Internet). Non bisognerebbe mai installare un collegamento Internet direttamente nelle camere dei ragazzi! Fate attenzione afþnché i vostri Þgli non si colleghino online senza il vostro controllo (attenzione alle connessioni wireless!). Cercate se possibile di non mettere a disposizione alcuna web-cam! Controllate le chat-room frequentate dai vostri Þgli, da chi ricevono delle e a chi rispondono. Non è il caso di comportarvi come un «sergente maggiore», tuttavia dovete mantenere il controllo delle attività online dei vostri Þgli. Per scoprire dove navigano, potete p.es. guardare nella «Cronologia» e nei «Temporary Internet Files». Collocate il computer connesso ad Internet in una stanza di accesso comune dell appartamento (soggiorno o studio), in modo da controllare sia la durata delle navigazioni sia gli interessi dei vostri Þgli.

15 Come potete proteggere i vostri Þgli 13 I ragazzi dovrebbero imparare ad essere responsabili del loro utilizzo di Internet. Se pensate che vostro Þglio sia in grado di navigare in maniera responsabile, a partire dai dodici anni circa, dovreste gradualmente permettere un accesso più libero. Mantenete un dialogo costante sugli sviluppi e le esperienze del mondo virtuale. Discutete regolarmente quanto sperimentato nelle chat-room, inserendo questi scambi tra i racconti della vita quotidiana (avvenimenti accaduti a scuola, nell ambito della formazione professionale oppure nel tempo libero). Fate attenzione se i vostri Þgli dovessero cominciare a spegnere il computer ogni volta che entrate nella stanza oppure se navigano per ore. Discutete con i genitori di altri ragazzi per capire come si comportano i loro Þgli quando chattano. Affrontate apertamente i vostri Þgli per cercare di scoprire quale potrebbe essere la causa di queste stranezze.

16 Quando occorre maggiore prudenza 14 Un atteggiamento di maggiore prudenza aiuta a riconoscere abbastanza rapidamente le situazioni di pericolo nella rete! Gli adolescenti dovrebbero iniziare ad avere dei sospetti quando un chatter si informa se i ragazzi sono in possesso di foto (pics) o di una web-cam, dà conþdenza e si comporta come se conoscesse molto bene il suo interlocutore, trova fantastico che una ragazza o un ragazzo siano ancora così giovani, fa dei complimenti esagerati, vuole parlare principalmente di sesso o chiede se i ragazzi hanno già delle esperienze sessuali, chiede particolari sull aspetto esteriore, p.es. vuole sapere se una ragazza ha già un seno sviluppato oppure dei peli sul pube, se ha un nickname in relazione con la sfera sessuale, oppure particolarmente singolare (come p.es. cybermanfor6, dolce&calda, paghetta_facile), si informa se il ragazzo è al computer da solo, chiede numeri di telefono, di cellulare, fotograþe, nomi reali, indirizzi oppure nome della scuola frequentata, fa dei regali o delle offerte generose, spiegando ai ragazzi come potrebbero guadagnare facilmente dei soldi (p.es. come modelli), minaccia oppure cerca di ricattare i ragazzi, non vuole che i suoi interlocutori parlino del loro contatto a terzi.

17 Cosa devono sapere i ragazzi 15 Sapere è potere! Così come i bambini vengono informati sui pericoli del trafþco ed imparano le regole della circolazione, a partire dall età scolastica, i ragazzi dovrebbero poter ricevere delle informazioni anche sui pericoli delle chat-room e conoscere le relative regole di sicurezza. I ragazzi dovrebbero sapere che: Chi commette degli abusi cerca spesso di ottenere in chat i nomi reali, gli indirizzi, i numeri di telefono o di cellulare, l indirizzo della scuola frequentata. Passa poi a degli abusi telefonici, inviando sui cellulari dei ragazzi sms con Þlmati porno oppure li infastidisce davanti a casa o a scuola. Per questi motivi, non si dovrebbero mai divulgare delle informazioni personali in una chat-room oppure via . Una password è come una chiave di casa. Chi ne è a conoscenza ha accesso ad informazioni molto personali. Dovreste quindi dare la vostra password solo ad un numero ristretto di persone di Þducia, delle quali potete p.es. essere sicuri che non vadano a «curiosare nella posta elettronica». La password non dovrebbe mai essere rivelata agli amici conosciuti in chat o a terzi. Nelle chat, i ragazzi con un nickname che ne rivela l età oppure il loro aspetto Þsico (p.es. dolce12a e troppo_giusto12) sono particolarmente soggetti a molestie. Per queste ragioni, gli adolescenti dovrebbero scegliere un nickname che non abbia alcun riferimento personale e non risvegli l interesse degli autori e delle autrici di abusi. Al momento dell iscrizione, alcune chat-room richiedono cognome, telefono e indirizzo e può accadere molto facilmente che per una svista questi dati Þniscano in rete. Perciò i formulari di iscrizione o i moduli online non andrebbero mai compilati in modo corretto, inventando invece nomi e indirizzi ed evitando l immissione di numeri telefonici. Non si tratta di dire bugie, ma di proteggersi!

18 Cosa devono sapere i ragazzi 16 Molte chat offrono la possibilità di inserire i dati personali in un proþlo. Grazie a queste informazioni, chi abusa può cercare di scoprire dove vivano i ragazzi: in un proþlo non andrebbero perciò mai forniti i dati esatti, e andrebbero modiþcati nomi e date di nascita, indicando di abitare in un altra città. Chi commette degli abusi desidera trovare nuove vittime con il minore sforzo possibile. Se i ragazzi indicano nel loro proþlo l intenzione di bloccare o ignorare i contatti di tutti coloro che inviano loro testi o immagini pornograþche, nella maggior parte dei casi sono meno soggetti a molestie. Tutto quanto è scritto in una chat-room può venire letto da tutti i partecipanti online. Per questa ragione non andrebbero mai divulgate informazioni personali né informazioni riguardanti amici, famigliari o terze persone. Spesso non ci si rende conto se dietro ad un nickname si cela una persona che si conosce nella vita reale (p.es. un compagno di scuola). Inoltre non si può mai sapere cosa faranno gli altri chatter, specialmente quelli sconosciuti, con le informazioni ottenute. Bisognerebbe perciò essere particolarmente attenti e soprattutto evitare di raccontare tutto quanto si potrebbe invece dire ai propri amici e conoscenti.

19 Cosa devono sapere i ragazzi 17 I molti chatter che si spacciano per qualcun altro rispetto a quanto sono in realtà, vengono deþniti «fake» (impostori). Anche per questo bisogna essere estremamente prudenti nelle chat e non si deve mai credere a tutto quanto viene detto. Le fotograþe possono essere modiþcate con il computer e non si sa mai cosa gli altri potrebbero farne. Non bisognerebbe mai spedire alcuna immagine ad altri partner in chat, evitando inoltre di inserire una foto nel proprio proþlo tantomeno una foto in cui si è ritratti in biancheria intima, con un top scollato o in costume da bagno! Chi commette degli abusi, cerca spesso di scoprire se i ragazzi sono soli davanti allo schermo oppure in casa. Così come si chiede ai ragazzi di non dire mai per telefono che i genitori sono assenti a lungo, è altrettanto importante che non lo comunichino nelle chat. Frasi come «il mio papà ritorna tra un paio di minuti» oppure «la mia mamma utilizza questo stesso computer» offrono una certa protezione perché chi abusa si trattiene dall inviare p. es. immagini o Þlmati pornograþci. Chi commette degli abusi sa che quasi tutti gli adolescenti sono interessati a discussioni su amicizia, amore e sesso. Molti cercano di far breccia tra loro affrontando in maniera molto libera e disinibita questi temi. L UfÞcio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Fondation Profa di Losanna hanno pubblicato due opuscoli che offrono numerose risposte alle domande dei giovani. Si intitolano «Ok ragazze!» e «Ok ragazzi!» e possono essere richiesti all indirizzo Spesso chattare è divertente. Talvolta però i dialoghi possono diventare imbarazzanti e fare paura. Bisognerebbe sempre abbandonare una chat-room quando si ha una sensazione strana oppure sgradevole.

20 Cosa devono sapere i ragazzi 18 Gli appuntamenti tra chatter possono essere pericolosi: non si può mai sapere quanti anni abbia in realtà l amico di chat e cosa davvero voglia. Per questo motivo non bisognerebbe mai incontrare un partner di chat sconosciuto se non in presenza di un adulto. Non basta andare all appuntamento in compagnia di un amico e per la prima volta, l incontro dovrebbe svolgersi in un luogo pubblico frequentato da molte altre persone (p.es. un ristorante o un bar oppure un centro giovanile). Alcune vittime si vergognano o non osano raccontare ai propri genitori quanto hanno vissuto in chat. Per questo motivo, i ragazzi dovrebbero rißettere su chi, genitori a parte, potrebbe offrire loro un aiuto se dovessero essere molestati mentre chattano. I trucchi di chi abusa sono meschini e sgradevoli. Spesso ci si accorge solo in un secondo tempo di essere stati abbindolati. Non importa se i ragazzi abbiano seguito o meno le regole imposte dai genitori, essi non hanno mai colpa se vengono sottoposti a molestie. La responsabilità dell abuso è sempre dell autore o dell autrice dello stesso!

21 Come difendere i ragazzi dagli abusi sessuali nelle chat 19 Sono pochi gli autori e le autrici di abusi che pongono Þne alle molestie dopo essere stati ignorati: la maggior parte cerca invece di riprendere contatto in un secondo tempo. Per questi motivi, i ragazzi dovrebbero conoscere a seconda della loro età, alcune possibilità per far fronte ad un abuso sessuale o ad altre molestie in rete. Gli adolescenti possono escludere con un semplice clic coloro con i quali non vogliono più chattare, ignorando l interlocutore. Attenzione: spesso chi abusa, riprende nuovamente contatto utilizzando un altro nickname! Spesso per porre Þne ad un abuso verbale a carattere sessuale può bastare un chiaro NO da parte dei bambini: «lasciami in pace, stupido, non voglio chattare con te!» Gli esibizionisti che si masturbano davanti alla web-cam possono venire isolati con delle osservazioni di scherno; la speranza di risvegliare «meraviglia» con i loro peni in erezione verrà distrutta da frasi come: «ma guarda che noia... che stupido... ridicolo... disgustoso!». Per porre Þne ad un abuso sessuale, il più delle volte aiuta il «suggerimento» di andare a chiamare un adulto: «ti fa così tanto piacere parlare di sesso, ti chiamo la mia mamma così puoi chattare con lei.»

22 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 20 Nonostante tutte le precauzioni, gli adolescenti possono venire molestati nelle chat o tramite i telefoni cellulari e vedere immagini che li possono turbare profondamente. Oppure possono essere vittime di un abuso sessuale a scuola o nel tempo libero. Tuttavia hanno un opportunità molto alta di elaborare la violenza subita senza conseguenze a lungo termine, quando l ambiente circostante offre loro un sostegno mirato per superare l accaduto. Reagite in maniera sensata e non nel panico! Respirate profondamente e prendete coscienza dapprima della vostra reazione! Anche se delle reazioni esagerate sono ovviamente comprensibili dal punto di vista umano, lasciano le vittime, in questo caso i ragazzi, completamente senza parole. Non fate alcun rimprovero a vostro Þglio, anche se non è stato lui a confessare quanto è successo e lo avete scoperto per caso (p.es. con delle telefonate, dei regali da amici, delle tracce nel computer oppure tramite altri ragazzi). È molto raro che le vittime si conþdino spontaneamente con i propri genitori. Ponete delle domande nella calma e il più oggettive possibili su come si è svolto l abuso e fate in modo che la vittima trovi il coraggio di parlarne. Non subissatela con delle domande e non discutete se ha fatto qualcosa di sbagliato prima oppure se non ha rispettato le regole. Indipendentemente da come si siano comportati i ragazzi, la responsabilità per un abuso sessuale è sempre dell autore o dell autrice dello stesso! Se nonostante tutto è successo qualcosa... Consolate la vittima. Rimanete calmi e non drammatizzate i fatti! È del tutto normale che la vittima abbia delle reazioni Þsiche (pianto, tremito, sensazione di freddo, crampi allo stomaco...). Essere in grado di manifestare spontaneamente la propria paura, nausea e spavento è di grande aiuto, e queste reazioni non sono esagerate.

23 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 21 Se il ragazzo si conþna nel proprio dolore e nonostante un approccio chiaro e calmo non si riesce a scuoterlo, può essere d aiuto muoversi (p.es. facendo una passeggiata) per farlo tornare alla realtà. Non parlate con il ragazzo della violenza sessuale subita prima di andare a dormire. Disturbi del sonno e incubi ne sono spesso la logica conseguenza. Tuttavia, la comprensione umana non può riuscire ad aiutare da sola le vittime di abusi. Gli adulti devono p.es. essere in grado di capire quali siano le possibili reazioni speciþche osservate nei ragazzi confrontati con del materiale pornograþco. Cercate quindi di parlare con uno specialista per poter essere un vero aiuto per vostro Þglio! Gli indirizzi di alcuni consultori di aiuto alle vittime sono elencati alla Þne del presente opuscolo.

24 Se vostro Þglio raccoglie materiale pornograþco 22 Quanto colpisce è il numero particolarmente alto di giovani esibizionisti nelle chat-room. Internet offre uno spazio di libertà considerevole per eliminare le proprie inibizioni nei confronti del consumo e della produzione di pornograþa infantile ed entrare a far parte della cerchia di chi commette degli abusi. Un consumo regolare di pornograþa in Internet è pericoloso per gli adolescenti; esso spinge spesso ad un atteggiamento disinibito aumentando il pericolo di sviluppare un comportamento sessuale aggressivo. Gli adulti dovrebbero fare attenzione se dovessero trovare dei Þle con dei contenuti pornograþci nel computer dei propri Þgli, oppure se scoprissero che questi ultimi navigano in siti porno. Tuttavia non dovreste farvi prendere dal panico soprattutto se si tratta di una navigazione saltuaria in questo tipo di siti. È infatti plausibile che i ragazzi Þniscano in siti pornograþci per sbaglio: una delle cause più frequenti è l immissione di una lettera sbagliata nella ricerca di un indirizzo web. In casi del genere, i consultori di aiuto alle vittime offrono un enorme sostegno ai giovani, poiché oltre a trattare casi di abusi sessuali sugli adolescenti, svolgono un lavoro di prevenzione afþnché i ragazzi non ne commettano a loro volta. A partire da una certa età, i ragazzi incominciano ad interessarsi della propria sessualità e del proprio corpo. È assolutamente normale. Ogni famiglia ha il suo modo per affrontare questi argomenti. L importante è sapere che ad un ragazzo al di sotto dei 16 anni non può essere mostrato alcun tipo di materiale pornograþco! I genitori dovrebbero tuttavia avere qualche sospetto se dovessero trovare delle vere e proprie collezioni di materiale pornograþco sul computer dei loro Þgli! In questo caso dovreste far capo alla consulenza di uno specialista. Una falsa vergogna fa male soprattutto all adolescente!

Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat

Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat Per adolescenti Prevenzione Svizzera della Criminalità Chattare è divertente! In una chat puoi per esempio conoscere ragazze e ragazzi di altre città e nazioni,

Dettagli

La polizia è presente anche su Internet

La polizia è presente anche su Internet Pedopornografia La polizia è presente anche su Internet La polizia identifica chi possiede, produce o distribuisce materiale pedopor nografico, indaga sui casi sospetti, vuole proteggere i giovani dalle

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network L uso sicuro della Rete e dei social network LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Servizio Centrale 20 Compartimenti regionali 80 Sezioni provinciali Compartimenti Polizia Postale Sezioni della Polizia

Dettagli

ESSERE PRUDENTI ON-LINE

ESSERE PRUDENTI ON-LINE ESSERE PRUDENTI ON-LINE LINEE GUIDA PER UN CORRETTO USO DI INTERNET Per non rischiare una brutta avventura, prendi nota delle seguenti regole relative all'utilizzo di internet. Avvicinarsi al computer

Dettagli

Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni

Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e

Dettagli

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO La rete siamo noi Seminario organizzato dal CORECOM e Difensore Civico 19 maggio 2011 Ispettore Capo Luca Villani

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

My little Safebook. Molestie su Internet: quello che voi e i vostri figli dovreste sapere. Per i genitori

My little Safebook. Molestie su Internet: quello che voi e i vostri figli dovreste sapere. Per i genitori My little Safebook Molestie su Internet: quello che voi e i vostri figli dovreste sapere Per i genitori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza

Dettagli

My little Safebook. Molestie su Internet: quello che dovresti sapere. Per i figli

My little Safebook. Molestie su Internet: quello che dovresti sapere. Per i figli My little Safebook Molestie su Internet: quello che dovresti sapere Per i figli La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Dalla connessione alla relazione e ritorno Per cominciare Hikikomori È un termine giapponese usato per riferirsi a chi sceglie di ritirarsi dalla vita sociale, spesso

Dettagli

Campagna contro la pedocriminalità 1 «Stop pornografia infantile su Internet!»

Campagna contro la pedocriminalità 1 «Stop pornografia infantile su Internet!» Campagna contro la pedocriminalità 1 Contenuto Video-Clip Indice Clip 1: «Tipi di chat» Clip 2: «Utilizzo delle chat» Clip 3: «Protezione attiva in chat» da pagina 2 del presente documento da pagina 7

Dettagli

Progetto pilota dell Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) 2013-2016. Lucia Galgano, Infodrog Lugano, 05.02.2015

Progetto pilota dell Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) 2013-2016. Lucia Galgano, Infodrog Lugano, 05.02.2015 Progetto pilota dell Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) 2013-2016 Lucia Galgano, Infodrog Lugano, 05.02.2015 www.safezone.ch è un portale di consulenza online su domande legate al consumo e alle

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Sicurezza nella terza età

Sicurezza nella terza età Sicurezza nella terza età Informazioni e consigli per prevenire la criminalità Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Crimi nalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

2008 Spam Scuola e ICT

2008 Spam Scuola e ICT Spam 2008 Scuola e ICT Avvertenze legali Editore educa.ch Autore Redazione educa.ch educa.ch CC BY-NC-ND (creativecommons.org) Agosto 2003, attualizzato: 2008, 2011 Indice Spam: come prevenire e reagire?

Dettagli

Io e le mie tracce Informazione per il docente

Io e le mie tracce Informazione per il docente Informazione per il docente 1/8 Compito Diverse persone e gruppi, ad esempio futuri datori di lavoro, locatori, banche ecc., sono interessati ad ottenere maggiori informazioni su determinate persone. Uso

Dettagli

Safersurfing Sicurezza nei Social network

Safersurfing Sicurezza nei Social network Safersurfing Sicurezza nei Social network In collaborazione con Scuola e ICT Avvertenze legali Editore Autore Fotografie educa.ch Prevenzione Svizzera della Criminalità www.skppsc.ch büro z {grafik design},

Dettagli

POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ!

POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ! POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ! Introduzione pag. 2 Strumenti utili per aiutare Pollicino a non perdersi nella Rete pag. 3 A cura di Symantec Consigli utili per aiutare Pollicino

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni L audizione dei bambini Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione Per i bambini dai 9 anni Cara mamma, caro papà, il presente opuscolo è pensato per essere letto insieme a vostro figlio.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA REGOLE PER UN USO ACCETTABILE E RESPONSABILE DI INTERNET La Commissione incaricata dal Dirigente Scolastico ha elaborato questo documento sull uso accettabile della rete

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

Comunicato stampa Embargo stampa, 18 marzo 2010, ore 10.45

Comunicato stampa Embargo stampa, 18 marzo 2010, ore 10.45 Comunicato stampa Embargo stampa, 18 marzo 2010, ore 10.45 Berna, 18 marzo 2010 Conferenza per i media in occasione del lancio della campagna-netcity.org Il surfer prudente è un surfer intelligente! Il

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Nostro figlio e Internet

Nostro figlio e Internet Nostro figlio e Internet Il mondo su Internet Internet è il nuovo strumento di comunicazione e di informazione. E' parte integrante del nostro quotidiano che permette di : INFORMARSI Navigando su Internet

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

«Ciao, sono io!» Commento didattico

«Ciao, sono io!» Commento didattico «Ciao, sono io!» Commento didattico Cari insegnanti, con il quaderno di lavoro «Ciao, sono io!» per la scuola primaria disponete di uno strumento didattico che permette ai vostri allievi di conoscere meglio

Dettagli

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web Internet e Famiglie: non perdersi nel Web N@vigare Sicuri Indicazioni per un uso Consapevole e Protetto Agenda I Ragazzi: cosa fanno online? L utilizzo sicuro Il ruolo dei Genitori Il Fenomeno dei Social

Dettagli

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Che cos e INTERNET? Come nasce? (Arpa-net) 1969-DARPA Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti 1983 evoluzione in Internet Cosa sono i Protocolli

Dettagli

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 SOMMARIO Stop! Alla «violenza domestica» 4 Fatti e numeri 6 «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 Cosa posso fare se sono vittima della «violenza domestica»? 13 Cosa posso fare se

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Ladri, alla larga da casa mia!

Ladri, alla larga da casa mia! Ladri, alla larga da casa mia! «Perchè proprio da me?» si chiedono spesso le vittime di un furto. Ignorano che i ladri non fanno distinzioni tra ricchi e poveri. Risparmiatevi i danni e i disagi causati

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La previdenza professionale (PP) è il secondo pilastro del sistema

Dettagli

Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese. Philippe Bolla 10 06 2009

Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese. Philippe Bolla 10 06 2009 Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese Philippe Bolla 10 06 2009 Federalismo e sanità, alcuni dati Il sistema sanitario svizzero Lo sviluppo del "managed care" Le cure

Dettagli

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST AVVISI AI NAVIGANTI VITA DIGITALE VITA REALE Non esiste più una separazione tra la vita on-line e quella off-line. Quello che scrivi e le immagini che pubblichi sui social network hanno quasi sempre un

Dettagli

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI?

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI? COME MI DIFENDO? Usa gli aggiornamenti automatici per avere sempre l'ultima versione del software. aggiorna l antivirus aggiorna il sistema operativo (Pannello di controllo, Aggiornamenti automatici, oppure

Dettagli

Giornata sui diritti dell infanzia 2014

Giornata sui diritti dell infanzia 2014 Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) Manifesto «1024 sguardi» Giornata sui diritti dell infanzia 2014 Temi: Diritti dell'infanzia, scuola qui e altrove Media: Cortometraggio «Shodaï a

Dettagli

Proteggi la tua famiglia online

Proteggi la tua famiglia online con la collaborazione di Proteggi la tua famiglia online Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi la

Dettagli

6.07 Assicurazione malattie Assicurazione malattie obbligatoria Riduzione individuale dei premi

6.07 Assicurazione malattie Assicurazione malattie obbligatoria Riduzione individuale dei premi 6.07 Assicurazione malattie Assicurazione malattie obbligatoria Riduzione individuale dei premi Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve In virtù della legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) in Svizzera

Dettagli

Navigare Sicuri in Internet

Navigare Sicuri in Internet Navigare Sicuri in Internet Gioca con i nostri consigli per essere più SICURO nella tua vita di tutti i giorni... In ogni sezione potrai trovare informazioni e materiali che ti guidano nelle situazioni

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

Progetto pilota 2013-2016. Dagmar Costantini, Ufficio federale della sanità pubblica Lucia Galgano, Infodrog Jann Schumacher, Ticino Addiction

Progetto pilota 2013-2016. Dagmar Costantini, Ufficio federale della sanità pubblica Lucia Galgano, Infodrog Jann Schumacher, Ticino Addiction Progetto pilota 2013-2016 Dagmar Costantini, Ufficio federale della sanità pubblica Lucia Galgano, Infodrog Jann Schumacher, Ticino Addiction Conferenza stampa Lugano, 30.10.2014 www.safezone.ch è un portale

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Nota informativa aumento dei costi 2011

Nota informativa aumento dei costi 2011 Nota informativa aumento dei costi 2011 Dal 1 gennaio 2011 le imprese dovranno confrontarsi con notevoli aumenti dei costi. Di conseguenza, il singolo imprenditore deve valutare se e in che misura adeguare

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010 Dipartimento federale dell economia DFE Segreteria di Stato dell economia SECO - Modifica dell ordinanza del 31 agosto 1983 sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza

Dettagli

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Scuola Media Alighieri Sanremo Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Mauro Ozenda Consulente IT (www.tecnoager.eu) 1 SCENARIO ATTUALE MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Per la prima volta nella

Dettagli

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015 15 Formazione e scienza 1558-1500 Edizione 2015 Istituzioni di formazione Neuchâtel 2015 Informazioni: Statistica delle istituzioni di formazione (SBI): schulstat@bfs.admin.ch. Altre informazioni inerenti

Dettagli

La popolazione della Svizzera

La popolazione della Svizzera 1 Popolazione 81-9 La popolazione della Svizzera 29 Neuchâtel, 21 L essenziale in breve Nel 29, l evoluzione demografica della Svizzera si è distinta da quella registrata l anno precedente per un saldo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

6.07 Stato al 1 gennaio 2013

6.07 Stato al 1 gennaio 2013 6.07 Stato al 1 gennaio 2013 Assicurazione malattie obbligatoria Riduzione individuale dei premi Base legale 1 In virtù della Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal), in Svizzera l assicurazione

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di La tutela della privacy nei social network di Stefano Santini I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di diffusione e di accesso pressoché illimitato, permettendo

Dettagli

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 M I O PA S S AT O M I O P R E S E N T E W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U Guida di apprendimento degli studenti Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 2 M I O

Dettagli

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta Progetto: Ragazzi digitali. Per un uso consapevole dei nuovi media. Agli studenti vi invitiamo a rispondere al seguente questionario, anonimo, al fine di comprendere il rapporto che i giovani hanno con

Dettagli

Se una persona in formazione è vittima di violenza, cercate il dialogo, chiedetele della situazione e discutete insieme su come procedere.

Se una persona in formazione è vittima di violenza, cercate il dialogo, chiedetele della situazione e discutete insieme su come procedere. Promemoria 201 Violenza Se notate che una persona in formazione subisce o esercita una qualsiasi forma di violenza, sia fisica che psicologica, siete tenuti a prendere dei provvedimenti a norma di legge.

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA SICUREZZA IN INTERNET

LA SICUREZZA IN INTERNET DIREZIONE DIDATTICA VI CIRCOLO NOVARA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA ORIENTATO A INTERNET E ALLA PIATTAFORMA NOVARETE LA SICUREZZA IN INTERNET Nel 2011 erano connessi ad Internet 10.300.000.000

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

A cura di. Pubblicato da. Prima edizione 2010. Grafica. Illustrazioni

A cura di. Pubblicato da. Prima edizione 2010. Grafica. Illustrazioni 1 A cura di Sarah Di Giglio, Carlotta Bellini, Corinna Muzi, Diane Risopoulos, Camilla Caccia, Laura Lagi Pubblicato da Save the Children Italia Onlus Via Volturno, 58 00185 Roma, Italia Prima edizione

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Social Network : Tra Rischi e Opportunità

Social Network : Tra Rischi e Opportunità Social Network : Tra Rischi e Opportunità Analisi Cosa non fare Cosa fare Franco Battistello Imprenditore IT battistello.franco@ibs.vi.it WEB : evoluzione velocissima Quiz : valore di un cellulare Quiz

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Giorno 2: il mondo Internet Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Contenuti del modulo: La comunicazione attraverso il WEB Mailing list Forum Chat Telefonia VOIP / Videoconferenze Social

Dettagli

Istruzioni d uso. innovaphone mypbx. Versione 10

Istruzioni d uso. innovaphone mypbx. Versione 10 Nome utente Istruzioni d uso innovaphone mypbx Versione 10 Configurazione Attiva/disattiva Videotelefonia Seleziona terminale Deviazioni di chiamata Indicatore Presenza Comunicazioni Profilo Finestra ricerca

Dettagli

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questo questionario ci dirà qualcosa di te, della tua famiglia, e di come ti senti riguardo a te stesso. È strutturato in quattro sezioni. Il questionario è segreto

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

PADRINATI. Aiuti diretti per le persone in situazione di handicap che vivono nella vostra regione

PADRINATI. Aiuti diretti per le persone in situazione di handicap che vivono nella vostra regione PADRINATI Aiuti diretti per le persone in situazione di handicap che vivono nella vostra regione Lenire il bisogno, donare gioia, aiutare le famiglie. Care madrine, cari padrini, vi ringrazio sentitamente

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

Servizi telefonici supplementari. Come sfruttare al meglio il vostro collegamento telefonico. Novembre 2008

Servizi telefonici supplementari. Come sfruttare al meglio il vostro collegamento telefonico. Novembre 2008 Servizi telefonici supplementari. Come sfruttare al meglio il vostro collegamento telefonico. Novembre 2008 Sommario 5 6 7 8 9 10 11 13 14 15 16 17 18 19 20 22 Come sfruttare al meglio il vostro collegamento

Dettagli

Il mondo dei social network

Il mondo dei social network Il mondo dei social network ( in particolare) Prof. Danilo Piazza Premessa Il presente documento è una sintesi dell incontro svolto in presenza. Come tale esso diventa significativamente fruibile avendo

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli