Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat. Per genitori ;-) Prevenzione Svizzera della Criminalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat. Per genitori ;-) Prevenzione Svizzera della Criminalità"

Transcript

1 Consigli contro gli abusi sessuali nelle chat ;-) Per genitori Prevenzione Svizzera della Criminalità

2 Impressum Edito da Prevenzione Svizzera della Criminalità Casella postale 2073, CH-2001 Neuchâtel, Tel Responsabile: Martin Boess Distribuzione Questo opuscolo è ottenibile presso ogni corpo di Polizia cantonale, oltre ai corpi di Polizia comunale di Berna, Zurigo, Winterthur, come pure presso la Polizia del Principato del Liechtenstein. Redazione per l edizione svizzera 2006 Martin Boess, Prevenzione Svizzera della Criminalità Testo e idea Ursula Enders, Zartbitter, e.v., Colonia Versione italiana Alessandra Arrigoni Ravasi Concezione graþca Dorothee Wolters, Colonia Illustrazione e menabò Atelier Richner, Berna Edizione 2006 per la Svizzera Stampa Stämpßi Pubblicazioni SA, Berna Edizione es. in tedesco, es. in francese 5000 es. in italiano Copyright Zartbitter, e.v., 2005 presente edizione: 2006, Prevenzione Svizzera della Criminalità, 1 a edizione Questo opuscolo è stato pubblicato nell ambito della Campagna «Stop alla pornograþa infantile in Internet!». Nota della traduttrice Per rendere più scorrevole la lettura del testo, abbiamo deciso di non indicare il doppio genere maschile e femminile per nomi o aggettivi. Ce ne scusiamo con le lettrici. Alessandra Arrigoni Ravasi

3 Sommario 1 2 Introduzione 4 Cosa è una chat? 6 Gli abusi nei confronti dei ragazzi nelle chat 7 Le strategie di chi abusa 8 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 10 Come potete proteggere i vostri Þgli 14 Quando occorre maggiore prudenza 15 Cosa devono sapere i ragazzi 19 Come difendere i ragazzi dagli abusi sessuali nelle chat 20 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 22 Se vostro Þglio raccoglie materiale pornograþco 23 Aspetti legali 26 Indirizzi 28 Informazioni e consulenza in Internet Ouscoli della Prevenzione Svizzera della Criminalità SKP PSC

4 Care mamme, cari papà, 2 Gli adolescenti vanno alla scoperta del mondo con una curiosità inþnita: vogliono conoscerlo, scoprire degli spazi in cui potersi muovere da soli e sono letteralmente affascinati dai nuovi incontri, soprattutto se questi avvengono senza il controllo dei genitori. E tutto ciò ha anche i suoi lati positivi! Le diverse chat-room offrono esattamente queste opportunità: i ragazzi hanno accesso ad un mondo virtuale in cui possono incontrare persone interessanti e nel contempo possono inventarsi più identità. Spesso infatti, chi chatta si diverte a giocare ruoli diversi e si racconta come meglio desidera e non sempre come è in realtà, modiþcando età, sesso, aspetto esteriore, hobby, preferenze, qualità personali, indirizzo, ecc. Negli ultimi tempi avrete forse sentito parlare dei pericoli delle chat e siete preoccupati per i vostri Þgli. I mass media evidenziano con sempre maggior frequenza il fatto che, proprio grazie alle chat-room, tra coloro che commettono degli abusi, vi è chi ha scoperto l opportunità di contattare potenziali vittime e molestarle per soddisfare i propri fantasmi sessuali. Tuttavia, nonostante i pericoli presenti nelle chat, i genitori non dovrebbero demonizzare l uso di questo strumento, creando nei propri Þgli ulteriori timori. La paura è sempre una cattiva consigliera, poiché indebolisce la capacità di reazione, paralizzando chi la subisce. Anche i divieti sono poco auspicabili: gli adolescenti Þniscono per chattare senza che i genitori lo sappiano, creando innumerevoli opportunità per connettersi di nascosto. E nel caso di un abuso di tipo sessuale, i ragazzi non si Þderanno né dei propri genitori né di altri adulti. Gli adolescenti hanno bisogno di avere informazioni obiettive e di essere relativamente prudenti per poter riconoscere in tempo i problemi nascosti nelle chat e non farsi imbrogliare dai trucchi di chi commette degli abusi. Hanno bisogno di madri e padri sufþcientemente informati e che scoprano con loro il mondo delle chat, elaborando delle strategie comuni contro gli abusi sessuali.

5 3 Questo opuscolo è stato elaborato da Zartbitter, e.v., di Colonia, un ufþcio che si occupa principalmente di abusi sessuali sui ragazzi. Su un lungo lasso di tempo, i collaboratori di Zartbitter hanno chattato regolarmente con degli pseudonimi in alcune delle più conosciute chat per adolescenti, raccogliendo numerose informazioni sui loro pericoli e sperimentando sul campo diverse forme per lottare contro queste molestie. L opuscolo «click it! consigli contro gli abusi sessuali nelle chat» vi offre alcune informazioni sulle strategie degli autori e delle autrici di abusi nelle chat, e propone delle modalità di intervento per i genitori. Auguriamo a voi, alle vostre Þglie e ai vostri Þgli ogni bene! Prevenzione Svizzera della Criminalità

6 Cosa è una chat? 4 «Chattare» è un neologismo derivato dall inglese «to chat», che signiþca chiacchierare. Una chat è in sostanza un dialogo online dove due o più partecipanti si trasmettono dei messaggi in tempo reale via computer. Per entrare servono un nickname (pseudonimo) e una password. Nella maggior parte delle chat-room, il dialogo scritto risulta leggibile a tutti i partecipanti e ognuno può essere invitato in una Þnestra privata con un semplice clic. Questo dialogo non può essere letto da nessun altro, neppure da un moderatore, presente di regola in alcune chat e il cui scopo è principalmente quello di fare attenzione afþnché le regole di comportamento vengano rispettate (netiquette). Esiste un vero e proprio linguaggio di chat: si rinuncia ad una descrizione dettagliata, si accorciano molte parole e spesso i sentimenti vengono espressi con delle emoticon (smileys). Freunde Adressen ProÞle Schliessen Messenger Bearbeiten Senden Zurück Hilfe Mica669: hallo wie geht s toribori233: gut und dir? Mica669: super Line_bösemine: was machst du gerade?? B K U Verdana Regular 14 Pt Se si possiede l attrezzatura tecnica necessaria, in molte chat-room si può trasmettere la voce dei partecipanti con dei microfoni, mentre le web-cam (le macchine fotograþche collegate ai computer) mostrano in tempo reale delle immagini. In questo modo si può «telefonare» e vedere al tempo stesso sullo schermo la persona con la quale si sta parlando. Quando i due partner possiedono entrambi una web-cam e sono collegati tra loro in contemporanea, si parla di «cam2cam». Senden 3 Teilnehmer

7 Cosa è una chat? 5 In quasi tutte le chat, gli utenti (user) possono fornire un proþlo inserendo i loro dati personali (hobby, professione...) ed allegando una fotograþa. Spesso i «partner di chat» si scambiano i loro indirizzi privati e/o lasciano aperto il contatto tramite Messenger (MSN, Yahoo, ICQ...). Si apre allora una «casella di posta» privata, nella quale viene inserita la lista dei contatti e che permette di vedere chi tra questi chatter è collegato in quel momento in rete. Grazie a Messenger possono venire spedite immagini riprese dalla web-cam voce, foto (pics) e Þlmati. Molti provider Internet mettono gratuitamente a disposizione Messenger, oppure lo si può scaricare senza particolari conoscenze tecniche. La sempre maggiore facilità dei software utilizzati per le chat consente alle stesse di essere installate su molte homepage. Di regola l offerta viene Þnanziata tramite la pubblicità. Attenzione: con i computer portatili e la tecnologia wireless, negli Internet-point oppure con i cellulari di ultima generazione, si può chattare o utilizzare Messenger anche se non si è seduti al computer di casa!

8 Gli abusi nei confronti dei ragazzi nelle chat 6 Nelle chat-room esistono forme estremamente diverse di molestie sessuali nei confronti degli adolescenti. Chi compie un abuso... infastidisce ragazze e ragazzi con un approccio a sfondo sessuale, coinvolge le vittime in dialoghi riguardanti pratiche sessuali, chiede al suo interlocutore di raccontare le sue esperienze sessuali, descrive dettagliatamente le sue preferenze sessuali e le sue perversioni, invita le ragazze a vendere la loro biancheria intima già indossata, si masturba di fronte alla web-cam e trasmette le immagini sullo schermo della vittima, incita ragazze e ragazzi a masturbarsi di fronte alla web-cam e a spedire le immagini registrate, produce Þlmati pornograþci contenenti gli atti sessuali dei ragazzi ottenuti tramite le web-cam, produce pornograþa virtuale con dei fotomontaggi: inserisce cioè le facce dei partner di chat su immagini pornograþche, utilizzando le foto allegate ai proþli oppure ottenute direttamente dai ragazzi stessi via mail, organizza degli incontri reali per poter commettere degli abusi, offre dei soldi, afþnché gli adolescenti portino altri coetanei agli incontri reali... spedisce materiale pornograþco, contenente anche immagini e Þlmati di abusi sessuali su minori,

9 Le strategie di chi abusa 7 Così come ogni ladro o truffatore sviluppa la propria «maschera» al Þne di ottenere il massimo risultato con il minore sforzo possibile, anche chi abusa sviluppa delle vere e proprie strategie per poter agire possibilmente senza farsi scoprire. Per prima cosa, molti chiariscono se i loro giovani partner di chat sono soli davanti allo schermo, oppure se sono presenti degli adulti che potrebbero sorvegliare il loro dialogo. Non sono pochi coloro che si spacciano per coetanei per poter guadagnare la Þducia della potenziale vittima. Alcuni scelgono «il ruolo dello zio carino e comprensivo» e cercano di ottenere delle informazioni sulla vita dei ragazzi e in un secondo tempo risvegliare la curiosità infantile su temi quali amicizia, amore e sessualità. Altri invece sorprendono ragazze e ragazzi spedendo via Messenger del materiale pornograþco non richiesto oppure dei Þlmati con i loro atti di esibizionismo. È pur sempre vero che i ragazzi potrebbero evitare di aprire i Þle, tuttavia la loro curiosità è comprensibile ed è normale che vogliano sapere cosa contiene la loro posta elettronica. La maggior parte di chi abusa cerca di convincere le vittime del fatto che sia assolutamente normale che adulti e adolescenti abbiano dei contatti sessuali con bambini e mettano in pratica le loro perversioni con le giovani vittime. Spesso offrono dei soldi convincendo i ragazzi che «ne valga la pena», oppure fanno in modo che il loro contatto rimanga segreto. Quando gli adolescenti iniziano ad opporre resistenza, gli autori e le autrici di molestie aumentano le loro arti seduttive oppure li ricattano, minacciando per esempio di mettere in rete i loro fotomontaggi porno. Altri invece cercano di raggiungere il loro scopo innervosendo i ragazzi ed inserendoli nella loro lista di contatti. Messenger li informa in tempo reale quando i ragazzi si collegano per chattare e il «gioco» ricomincia da capo.

10 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 8 Normalmente gli adolescenti conoscono Internet meglio di molti adulti, ma sono totalmente impreparati agli eventuali incontri con gli autori e le autrici di abusi in rete e non sono di conseguenza in grado di riconoscere le loro strategie. Molti ragazzi per esempio non pensano assolutamente che il ritratto spedito dai loro interlocutori potrebbe contenere delle informazioni false. La maggior parte di coloro che chattano si sentono a proprio agio davanti allo schermo. Non è così raro quindi che, sentendosi al sicuro nel proprio ambiente, gli adolescenti si lascino coinvolgere in approcci spiccatamente sessuali, mentre non oserebbero mai comportarsi allo stesso modo nella vita reale. Tuttavia, non sono in grado di valutare le conseguenze per la loro salute psichica. In una chat normalmente ci si dà del tu. Così facendo però si crea una Þnta atmosfera di Þducia, perché tra l altro viene a mancare una determinata forma di rispetto dell identità altrui. Gli adolescenti sono felici di potersi esprimere in maniera «paritaria» con gli adulti delle chat e li trattano con la stessa familiarità concessa ai loro coetanei della vita reale. Spesso si ritrovano addirittura più aperti e disponibili con gli amici virtuali e rivelano informazioni estremamente personali che non dovrebbero mai essere conþdate a terzi. Di norma, nel mondo reale i contatti tra bambini e adulti avvengono mantenendo una sana distanza. Dato che nelle chat-room non si può vedere l aspetto esteriore del partner, spesso si creano dei contatti con persone che non si frequenterebbero mai nella vita quotidiana, magari perché ci risulterebbero meno simpatiche di altre.

11 Cosa dovete sapere in qualità di genitori 9 Nelle chat-room non esiste una tipica vittima di molestie a sfondo sessuale. A rischio troviamo anche i Þgli di chi crede il contrario. Alcuni genitori sono convinti che i propri Þgli non saranno mai vittime di abusi, perché consapevoli dei rischi che corrono. Questi ragazzi sono in realtà troppo Þduciosi: sopravvalutano la loro capacità di resistere alle molestie e sottovalutano invece l energia criminale, gli stratagemmi e la perþdia di chi commette degli abusi. Nelle chat, gli abusi sessuali non sono commessi solo da persone adulte, bensì molto spesso gli autori sono adolescenti poco più grandi delle vittime. Di regola, ai ragazzi viene consigliato di spegnere il computer quando trovano qualcosa in Internet che incute loro paura. Tuttavia, una tale «fuga» impedisce di fatto il confronto con la violenza, che comunque rimane, e lo spavento non può essere elaborato in immagini e parole. Normalmente i programmi Þltro contenenti delle misure di protezione per i ragazzi non funzionano nelle chatroom: infatti anche se questi programmi sono in grado di bloccare completamente l accesso ad una chat, non possono sorvegliarne i dialoghi. Per questa ragione alcuni provider di chat hanno installato uno speciale software che sostituisce determinati concetti con altri. Per esempio se si scrive la parola «sex», sullo schermo si leggerà «Þori». Inoltre molti chatter ingannano i programmi di Þltro scrivendo p.es. «s*e*x» invece di «sex».

12 Come potete proteggere i vostri Þgli Come genitori avete diverse possibilità di limitare il rischio che i vostri Þgli subiscano delle molestie sessuali nelle chat. Imparate voi stessi ad utilizzare il computer e Internet, in modo da avere un idea della realtà virtuale sperimentata da vostro Þglio. Fatevi spiegare come si chatta e chiedete ai vostri Þgli di mostrarvi le loro chat preferite. Parlate apertamente con i vostri Þgli su come ci si possa difendere in maniera generica dagli approcci sessuali e dagli esibizionisti. Per potersi difendere, i vostri Þgli dovrebbero assolutamente «bloccare» questi chatter. Non proibite le chat! Con un divieto rischiate solo che i ragazzi chattino di nascosto negli Internet-point, a casa di amici oppure in vostra assenza. 10 Le chat-room sono del tutto inappropriate come baby-sitter! Chattate regolarmente con i vostri Þgli proprio come guardate la televisione insieme a loro. Fate in modo che i vostri Þgli salvino le loro chat abituali tra i contatti «Preferiti». In questo modo non correranno il rischio di Þnire in altri siti per aver sbagliato a scrivere un indirizzo. Fate Þnta di essere un bambino quando chattate. Grazie a questo gioco di ruolo, i vostri Þgli potranno capire che nelle chat ci sono degli adulti che si spacciano per bambini.

13 Come potete proteggere i vostri Þgli 11 Date l esempio afþnché non vengano mai diffuse informazioni personali in Internet, facendo p.es. attenzione che nei siti di scuole oppure di associazioni non ci sia alcun tipo di riferimento speciþco (nomi, hobby). Per poter adescare i ragazzi in maniera mirata, alcuni autori di abusi raccolgono informazioni proprio tramite i siti scolastici. Prima di pubblicare fotograþe o altri dati, associazioni e scuole dovrebbero essere in possesso di un autorizzazione scritta, anche quando il nome del ragazzo non compare accanto ad una foto. La maggior parte degli adolescenti cerca di avere degli amici via . Mettete a disposizione dei vostri Þgli un secondo indirizzo per non divulgare l indirizzo ufþciale della famiglia a persone sconosciute. Concordate un limite nella durata delle connessioni Internet e dei dialoghi in chat. Per un dodicenne dovrebbe bastare un ora al giorno. Altrimenti vi è il rischio che i ragazzi perdano il contatto con la vita reale e abbiano troppo poco tempo per il gioco o per altre attività. Le attività in Internet che sviluppano un comportamento aggressivo dovrebbero essere assolutamente limitate nella durata.

14 Come potete proteggere i vostri Þgli 12 Dal punto di vista pedagogico, è sicuramente meglio Þssare delle regole chiare per l utilizzo di Internet piuttosto che modiþcarle di volta in volta. Gli adoles centi devono essere a conoscenza sia delle regole Þssate dagli adulti, sia delle conseguenze che rischiano se le infrangono (p.es. divieto temporaneo di navigare in Internet). Non bisognerebbe mai installare un collegamento Internet direttamente nelle camere dei ragazzi! Fate attenzione afþnché i vostri Þgli non si colleghino online senza il vostro controllo (attenzione alle connessioni wireless!). Cercate se possibile di non mettere a disposizione alcuna web-cam! Controllate le chat-room frequentate dai vostri Þgli, da chi ricevono delle e a chi rispondono. Non è il caso di comportarvi come un «sergente maggiore», tuttavia dovete mantenere il controllo delle attività online dei vostri Þgli. Per scoprire dove navigano, potete p.es. guardare nella «Cronologia» e nei «Temporary Internet Files». Collocate il computer connesso ad Internet in una stanza di accesso comune dell appartamento (soggiorno o studio), in modo da controllare sia la durata delle navigazioni sia gli interessi dei vostri Þgli.

15 Come potete proteggere i vostri Þgli 13 I ragazzi dovrebbero imparare ad essere responsabili del loro utilizzo di Internet. Se pensate che vostro Þglio sia in grado di navigare in maniera responsabile, a partire dai dodici anni circa, dovreste gradualmente permettere un accesso più libero. Mantenete un dialogo costante sugli sviluppi e le esperienze del mondo virtuale. Discutete regolarmente quanto sperimentato nelle chat-room, inserendo questi scambi tra i racconti della vita quotidiana (avvenimenti accaduti a scuola, nell ambito della formazione professionale oppure nel tempo libero). Fate attenzione se i vostri Þgli dovessero cominciare a spegnere il computer ogni volta che entrate nella stanza oppure se navigano per ore. Discutete con i genitori di altri ragazzi per capire come si comportano i loro Þgli quando chattano. Affrontate apertamente i vostri Þgli per cercare di scoprire quale potrebbe essere la causa di queste stranezze.

16 Quando occorre maggiore prudenza 14 Un atteggiamento di maggiore prudenza aiuta a riconoscere abbastanza rapidamente le situazioni di pericolo nella rete! Gli adolescenti dovrebbero iniziare ad avere dei sospetti quando un chatter si informa se i ragazzi sono in possesso di foto (pics) o di una web-cam, dà conþdenza e si comporta come se conoscesse molto bene il suo interlocutore, trova fantastico che una ragazza o un ragazzo siano ancora così giovani, fa dei complimenti esagerati, vuole parlare principalmente di sesso o chiede se i ragazzi hanno già delle esperienze sessuali, chiede particolari sull aspetto esteriore, p.es. vuole sapere se una ragazza ha già un seno sviluppato oppure dei peli sul pube, se ha un nickname in relazione con la sfera sessuale, oppure particolarmente singolare (come p.es. cybermanfor6, dolce&calda, paghetta_facile), si informa se il ragazzo è al computer da solo, chiede numeri di telefono, di cellulare, fotograþe, nomi reali, indirizzi oppure nome della scuola frequentata, fa dei regali o delle offerte generose, spiegando ai ragazzi come potrebbero guadagnare facilmente dei soldi (p.es. come modelli), minaccia oppure cerca di ricattare i ragazzi, non vuole che i suoi interlocutori parlino del loro contatto a terzi.

17 Cosa devono sapere i ragazzi 15 Sapere è potere! Così come i bambini vengono informati sui pericoli del trafþco ed imparano le regole della circolazione, a partire dall età scolastica, i ragazzi dovrebbero poter ricevere delle informazioni anche sui pericoli delle chat-room e conoscere le relative regole di sicurezza. I ragazzi dovrebbero sapere che: Chi commette degli abusi cerca spesso di ottenere in chat i nomi reali, gli indirizzi, i numeri di telefono o di cellulare, l indirizzo della scuola frequentata. Passa poi a degli abusi telefonici, inviando sui cellulari dei ragazzi sms con Þlmati porno oppure li infastidisce davanti a casa o a scuola. Per questi motivi, non si dovrebbero mai divulgare delle informazioni personali in una chat-room oppure via . Una password è come una chiave di casa. Chi ne è a conoscenza ha accesso ad informazioni molto personali. Dovreste quindi dare la vostra password solo ad un numero ristretto di persone di Þducia, delle quali potete p.es. essere sicuri che non vadano a «curiosare nella posta elettronica». La password non dovrebbe mai essere rivelata agli amici conosciuti in chat o a terzi. Nelle chat, i ragazzi con un nickname che ne rivela l età oppure il loro aspetto Þsico (p.es. dolce12a e troppo_giusto12) sono particolarmente soggetti a molestie. Per queste ragioni, gli adolescenti dovrebbero scegliere un nickname che non abbia alcun riferimento personale e non risvegli l interesse degli autori e delle autrici di abusi. Al momento dell iscrizione, alcune chat-room richiedono cognome, telefono e indirizzo e può accadere molto facilmente che per una svista questi dati Þniscano in rete. Perciò i formulari di iscrizione o i moduli online non andrebbero mai compilati in modo corretto, inventando invece nomi e indirizzi ed evitando l immissione di numeri telefonici. Non si tratta di dire bugie, ma di proteggersi!

18 Cosa devono sapere i ragazzi 16 Molte chat offrono la possibilità di inserire i dati personali in un proþlo. Grazie a queste informazioni, chi abusa può cercare di scoprire dove vivano i ragazzi: in un proþlo non andrebbero perciò mai forniti i dati esatti, e andrebbero modiþcati nomi e date di nascita, indicando di abitare in un altra città. Chi commette degli abusi desidera trovare nuove vittime con il minore sforzo possibile. Se i ragazzi indicano nel loro proþlo l intenzione di bloccare o ignorare i contatti di tutti coloro che inviano loro testi o immagini pornograþche, nella maggior parte dei casi sono meno soggetti a molestie. Tutto quanto è scritto in una chat-room può venire letto da tutti i partecipanti online. Per questa ragione non andrebbero mai divulgate informazioni personali né informazioni riguardanti amici, famigliari o terze persone. Spesso non ci si rende conto se dietro ad un nickname si cela una persona che si conosce nella vita reale (p.es. un compagno di scuola). Inoltre non si può mai sapere cosa faranno gli altri chatter, specialmente quelli sconosciuti, con le informazioni ottenute. Bisognerebbe perciò essere particolarmente attenti e soprattutto evitare di raccontare tutto quanto si potrebbe invece dire ai propri amici e conoscenti.

19 Cosa devono sapere i ragazzi 17 I molti chatter che si spacciano per qualcun altro rispetto a quanto sono in realtà, vengono deþniti «fake» (impostori). Anche per questo bisogna essere estremamente prudenti nelle chat e non si deve mai credere a tutto quanto viene detto. Le fotograþe possono essere modiþcate con il computer e non si sa mai cosa gli altri potrebbero farne. Non bisognerebbe mai spedire alcuna immagine ad altri partner in chat, evitando inoltre di inserire una foto nel proprio proþlo tantomeno una foto in cui si è ritratti in biancheria intima, con un top scollato o in costume da bagno! Chi commette degli abusi, cerca spesso di scoprire se i ragazzi sono soli davanti allo schermo oppure in casa. Così come si chiede ai ragazzi di non dire mai per telefono che i genitori sono assenti a lungo, è altrettanto importante che non lo comunichino nelle chat. Frasi come «il mio papà ritorna tra un paio di minuti» oppure «la mia mamma utilizza questo stesso computer» offrono una certa protezione perché chi abusa si trattiene dall inviare p. es. immagini o Þlmati pornograþci. Chi commette degli abusi sa che quasi tutti gli adolescenti sono interessati a discussioni su amicizia, amore e sesso. Molti cercano di far breccia tra loro affrontando in maniera molto libera e disinibita questi temi. L UfÞcio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Fondation Profa di Losanna hanno pubblicato due opuscoli che offrono numerose risposte alle domande dei giovani. Si intitolano «Ok ragazze!» e «Ok ragazzi!» e possono essere richiesti all indirizzo Spesso chattare è divertente. Talvolta però i dialoghi possono diventare imbarazzanti e fare paura. Bisognerebbe sempre abbandonare una chat-room quando si ha una sensazione strana oppure sgradevole.

20 Cosa devono sapere i ragazzi 18 Gli appuntamenti tra chatter possono essere pericolosi: non si può mai sapere quanti anni abbia in realtà l amico di chat e cosa davvero voglia. Per questo motivo non bisognerebbe mai incontrare un partner di chat sconosciuto se non in presenza di un adulto. Non basta andare all appuntamento in compagnia di un amico e per la prima volta, l incontro dovrebbe svolgersi in un luogo pubblico frequentato da molte altre persone (p.es. un ristorante o un bar oppure un centro giovanile). Alcune vittime si vergognano o non osano raccontare ai propri genitori quanto hanno vissuto in chat. Per questo motivo, i ragazzi dovrebbero rißettere su chi, genitori a parte, potrebbe offrire loro un aiuto se dovessero essere molestati mentre chattano. I trucchi di chi abusa sono meschini e sgradevoli. Spesso ci si accorge solo in un secondo tempo di essere stati abbindolati. Non importa se i ragazzi abbiano seguito o meno le regole imposte dai genitori, essi non hanno mai colpa se vengono sottoposti a molestie. La responsabilità dell abuso è sempre dell autore o dell autrice dello stesso!

21 Come difendere i ragazzi dagli abusi sessuali nelle chat 19 Sono pochi gli autori e le autrici di abusi che pongono Þne alle molestie dopo essere stati ignorati: la maggior parte cerca invece di riprendere contatto in un secondo tempo. Per questi motivi, i ragazzi dovrebbero conoscere a seconda della loro età, alcune possibilità per far fronte ad un abuso sessuale o ad altre molestie in rete. Gli adolescenti possono escludere con un semplice clic coloro con i quali non vogliono più chattare, ignorando l interlocutore. Attenzione: spesso chi abusa, riprende nuovamente contatto utilizzando un altro nickname! Spesso per porre Þne ad un abuso verbale a carattere sessuale può bastare un chiaro NO da parte dei bambini: «lasciami in pace, stupido, non voglio chattare con te!» Gli esibizionisti che si masturbano davanti alla web-cam possono venire isolati con delle osservazioni di scherno; la speranza di risvegliare «meraviglia» con i loro peni in erezione verrà distrutta da frasi come: «ma guarda che noia... che stupido... ridicolo... disgustoso!». Per porre Þne ad un abuso sessuale, il più delle volte aiuta il «suggerimento» di andare a chiamare un adulto: «ti fa così tanto piacere parlare di sesso, ti chiamo la mia mamma così puoi chattare con lei.»

22 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 20 Nonostante tutte le precauzioni, gli adolescenti possono venire molestati nelle chat o tramite i telefoni cellulari e vedere immagini che li possono turbare profondamente. Oppure possono essere vittime di un abuso sessuale a scuola o nel tempo libero. Tuttavia hanno un opportunità molto alta di elaborare la violenza subita senza conseguenze a lungo termine, quando l ambiente circostante offre loro un sostegno mirato per superare l accaduto. Reagite in maniera sensata e non nel panico! Respirate profondamente e prendete coscienza dapprima della vostra reazione! Anche se delle reazioni esagerate sono ovviamente comprensibili dal punto di vista umano, lasciano le vittime, in questo caso i ragazzi, completamente senza parole. Non fate alcun rimprovero a vostro Þglio, anche se non è stato lui a confessare quanto è successo e lo avete scoperto per caso (p.es. con delle telefonate, dei regali da amici, delle tracce nel computer oppure tramite altri ragazzi). È molto raro che le vittime si conþdino spontaneamente con i propri genitori. Ponete delle domande nella calma e il più oggettive possibili su come si è svolto l abuso e fate in modo che la vittima trovi il coraggio di parlarne. Non subissatela con delle domande e non discutete se ha fatto qualcosa di sbagliato prima oppure se non ha rispettato le regole. Indipendentemente da come si siano comportati i ragazzi, la responsabilità per un abuso sessuale è sempre dell autore o dell autrice dello stesso! Se nonostante tutto è successo qualcosa... Consolate la vittima. Rimanete calmi e non drammatizzate i fatti! È del tutto normale che la vittima abbia delle reazioni Þsiche (pianto, tremito, sensazione di freddo, crampi allo stomaco...). Essere in grado di manifestare spontaneamente la propria paura, nausea e spavento è di grande aiuto, e queste reazioni non sono esagerate.

23 Se vostro bambino viene infastidito durante il chat 21 Se il ragazzo si conþna nel proprio dolore e nonostante un approccio chiaro e calmo non si riesce a scuoterlo, può essere d aiuto muoversi (p.es. facendo una passeggiata) per farlo tornare alla realtà. Non parlate con il ragazzo della violenza sessuale subita prima di andare a dormire. Disturbi del sonno e incubi ne sono spesso la logica conseguenza. Tuttavia, la comprensione umana non può riuscire ad aiutare da sola le vittime di abusi. Gli adulti devono p.es. essere in grado di capire quali siano le possibili reazioni speciþche osservate nei ragazzi confrontati con del materiale pornograþco. Cercate quindi di parlare con uno specialista per poter essere un vero aiuto per vostro Þglio! Gli indirizzi di alcuni consultori di aiuto alle vittime sono elencati alla Þne del presente opuscolo.

24 Se vostro Þglio raccoglie materiale pornograþco 22 Quanto colpisce è il numero particolarmente alto di giovani esibizionisti nelle chat-room. Internet offre uno spazio di libertà considerevole per eliminare le proprie inibizioni nei confronti del consumo e della produzione di pornograþa infantile ed entrare a far parte della cerchia di chi commette degli abusi. Un consumo regolare di pornograþa in Internet è pericoloso per gli adolescenti; esso spinge spesso ad un atteggiamento disinibito aumentando il pericolo di sviluppare un comportamento sessuale aggressivo. Gli adulti dovrebbero fare attenzione se dovessero trovare dei Þle con dei contenuti pornograþci nel computer dei propri Þgli, oppure se scoprissero che questi ultimi navigano in siti porno. Tuttavia non dovreste farvi prendere dal panico soprattutto se si tratta di una navigazione saltuaria in questo tipo di siti. È infatti plausibile che i ragazzi Þniscano in siti pornograþci per sbaglio: una delle cause più frequenti è l immissione di una lettera sbagliata nella ricerca di un indirizzo web. In casi del genere, i consultori di aiuto alle vittime offrono un enorme sostegno ai giovani, poiché oltre a trattare casi di abusi sessuali sugli adolescenti, svolgono un lavoro di prevenzione afþnché i ragazzi non ne commettano a loro volta. A partire da una certa età, i ragazzi incominciano ad interessarsi della propria sessualità e del proprio corpo. È assolutamente normale. Ogni famiglia ha il suo modo per affrontare questi argomenti. L importante è sapere che ad un ragazzo al di sotto dei 16 anni non può essere mostrato alcun tipo di materiale pornograþco! I genitori dovrebbero tuttavia avere qualche sospetto se dovessero trovare delle vere e proprie collezioni di materiale pornograþco sul computer dei loro Þgli! In questo caso dovreste far capo alla consulenza di uno specialista. Una falsa vergogna fa male soprattutto all adolescente!

Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni

Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni Stop ai ladri! 7 consigli utili per proteggere la vostra casa dalle effrazioni La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Perché parlare di cancro con i figli? Quando una madre o un padre si ammala di cancro, cambia la vita di tutti

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Non cadere nella rete!

Non cadere nella rete! Non cadere nella rete! Campagna Informativa Non cadere nella rete! Cyberbullismo ed altri pericoli del web RAGAZZI Introduzione In questo opuscolo vi parleremo di cose che apprezzate molto: il computer,

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI A.6.1 Accesso a Swiss Lotto tramite PGI...2 A.6.2 Rischi...5 A.6.3 Blocco dell'accesso a Swiss Lotto tramite la PGI sia da parte del partecipante

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

La Truffa Che Viene Dal Call Center

La Truffa Che Viene Dal Call Center OUCH! Luglio 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione La Truffa Come Proteggersi La Truffa Che Viene Dal Call Center L AUTORE DI QUESTO NUMERO A questo numero ha collaborato Lenny Zeltser. Lenny si occupa normalmente

Dettagli

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI FACEBOOK & CO AVVISO AI NAVIGANTI TI SEI MAI CHIESTO? CONSIGLI PER UN USO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL NETWORK IL GERGO DELLA RETE SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Preparati e sicuri su facebook & Co.

Preparati e sicuri su facebook & Co. Online with Respect Preparati e sicuri su facebook & Co. Guida alle reti sociali destinata ai giovani In collaborazione con: www.bernergesundheit.ch Impressum Editore: Swiss Olympic, Ittigen a Berna, 2012

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

La Svizzera in cifre.

La Svizzera in cifre. ab Edizione 2014 / 2015 Addetti per divisione economica 20 8 La Svizzera in cifre. UBS Partner di Svizzera Turismo Addetti per settori Settore primario Agricoltura 12 Settore secondario Industria, artigianato

Dettagli

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza OUCH! Settembre 2012 IN QUESTO NUMERO I vostri account utente I vostri dispositivi I vostri dati Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza L AUTORE DI QUESTO NUMERO Chad Tilbury ha collaborato alla

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli