Bollettino Antifrode

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Antifrode"

Transcript

1 Bollettino Antifrode Ed. N. 14 Aprile/Maggio 2014 Rassegna stampa sul mondo delle frodi assicurative Pubblicata da: A cura di Giovanni Romito In questo numero: La Maxi-truffa di Catanzaro con centinaia di indagati. Polizze false, quando la firma è di Michael Jackson. False residenti, napoletani si spacciavano per pesaresi.

2 SOMMARIO 03/04/2014 Leonforte Assicurazionionline Leonforte: in 49 a giudizio per truffa alle assicurazioni p.3 09/04/2014 Varese La Provincia di Varese Furbetta delle polizze fantasma, truffa da un milione: cento vittime p.4 10/04/2014 Padova Mattino Padova Falsi incidenti stradali, in 22 rinviati a giudizio p.5 10/04/2014 Teramo Ansa Truffa ad assicurazioni auto, due denunce p.6 10/04/2014 Teramo Primadanoi.it Denunciano il furto di due auto fantasma, ex coniugi nei guai p.7 11/04/2014 Macerata CorriereAdriatico Assicurazioni con truffa, parrucchiere indagato p.8 15/04/2014 Firenze QN False polizze, se la firma è quella di Michael Jackson p.9 16/04/2014 Catania Catania Today Arrestati due vigili urbani e sospesi due avvocati p.10 17/04/2014 Catanzaro Siciliainformazioni Truffe alle assicurazioni, in 20 finiscono in manette p.11 19/04/2014 Angri PositanoNews Angri, rinvio a giudizio per truffa ad assicurazione p.12 22/04/2014 Nocera Inf. CorsoItaliaNews Da Sorrento a Salerno, 12 candidati a rinvio a giudizio p.13 29/04/2014 Brindisi BrindisiOggi 52 rinvii a giudizio, la Asl chiede 150 mila euro di danni p.14 13/05/2014 Teramo Ansa Abruzzo Chiede 2 mln di risarcimento, ma è truffa p.15 13/05/2014 Catanzaro Quotidiano Calabria Falsi incidenti, coinvolti due avvocati e un medico, 156 le denunce p.16 13/05/2014 Catanzaro TGCom24 Truffa da 5 milioni, venti persone arrestate in Calabria p.17 13/05/2014 Catanzaro Reggio Tv Truffa alle assicurazioni, in 20 finiscono in manette p.18 13/05/2014 Catanzaro Strill.it Operazione Violentemente investito : dettagli, nomi e video p.19 13/05/201 Teramo Abruzzo24ore.tv Tentano truffa di 2 mln, denunciati due fratelli p.20 13/05/2014 Catanzaro CinqueW news Tratte in arresto 16 persone tra cui due noti professionisti di Catanzaro p.21 13/05/2014 Catanzaro TGCom24 Incidenti simulati, venti persone arrestate in Calabria p.22 14/05/2014 Catanzaro StrettoWeb.com Catanzaro, falsi incidenti, arrestato l ideatore p.23 16/05/2014 Napoli InChiostroOnLine Presi a Fuorigrotta, usavano la truffa dello specchietto p.24 17/05/2014 Lecco LiberoQuotidiano Denunciate nove persone per truffa a compagnie assicurative p.25 17/05/2014 Lecco OsservatoreItalia Lecco: grossa truffa alle assicurazioni p.26 17/05/2014 Lecco Giornale di Lecco Truffa alle assicurazioni, denunciate nove persone p.27 23/05/2014 Grosseto GoNews Truffe alle assicurazioni, verso il processo per 65 indagati p.28 26/05/201 Benevento Il Mattino Incidenti stradali creati ad arte per truffare le assicurazioni p.29 27/05/2014 Palermo LiveSicilia.it Presunta truffa dei falsi incidenti, indagini chiuse, 81 indagati p.30 27/05/2014 Palermo Ansa Sicilia Truffa assicurazioni, 81 indagati p.31 27/05/2014 Catanzaro Assicurazionionline Assicurazioni al sud, truffa a Catanzaro p.32 28/05/2014 Carsoli Abruzzi24OreTv Truffa delle assicurazioni. Indagate 58 persone p.33 30/05/2014 Salerno Salerno Today Falsi incidenti, il PM chiede 8 condanne p.34 30/03/2014 Amalfi AGI Falsi incidenti: 30 misure cautelari per truffa alle assicurazioni p.35 13/03/2014 Genova Repubblica La gang degli assicuratori intascavano rimborsi per pagarsi i rolex p.36 25/03/2014 Faenza FaenzaNotizie Assicurazioni false e revisioni alterate, i controlli della PM p.37 26/03/2014 Pesaro IlrestodelCarlino False assicurazioni, residenti a Napoli si spacciavano per pesaresi p.38 25/03/2014 Udine Assicurazione Online Udine: cerca di truffare l'assicurazione con il bianchetto p.39 2

3 da AssicurazioneOnline.com 03 aprile 2014 LEONFORTE (EN): IN 49 A GIUDIZIO PER TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI Leonforte. Sono 49 le persone rinviate a giudizio con l accusa di truffa ai danni delle compagnie di assicurazione e tra loro ci sono un medico ed un avvocato. Ieri il Gup del tribunale di Enna ha disposto il processo per 49 indagati ed il proscioglimento per altre 24 persone. tra o prosciolti ci sono un medico e 2 avvocati e per uno dei due legali prosciolti è stato lo stesso pm Fabio Scavone a chiedere l archiviazione. Il processo per i 49 imputati si aprirà il 30 giugno prossimo dinanzi al collegio penale del tribunale di Enna, competente perché è contestata l ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla truffa. L inchiesta coordinata dal procuratore capo di Nicosia Fabio Scavone aveva inizialmente coinvolto 160 persone iscritte nel registro degli indagati. Le indagini avevano poi portato al proscioglimento in istruttoria di una novantina di persone accusate a vario titolo di avere organizzato falsi incidenti per riscuotere indebitamente i risarcimenti dalle compagnie assicurative, perché i reati contestati erano prescritti. Secondo le accuse gli indagati avrebbero, a vario titolo organizzato falsi incidenti automobilistici, con falsi danni fisici, per truffare le assicurazioni ottenendo risarcimenti per danni sia fisici sia ai mezzi. Secondo quanto emerso dalle indagini che sono state coordinate dai carabinieri della Compagnia di Enna e della stazione di Leonforte il meccanismo avrebbe coinvolto decine di persone che con la complicità dei professionisti e con l ausilio di falsi testimoni, ottenevano i risarcimenti. Una situazione andata avanti per anni, fino a quando venne intercettata una conversazione nell ambito di una inchiesta per traffico di stupefacenti, nella quale due giovani parlando di un debito non saldato dicevano che avrebbero fatto un incidente. Gli atti vennero trasmessi alla Procura di Nicosia che ha aperto le indagini. L udienza preliminare si era aperta a gennaio. Gli imputati non hanno optato per riti alternativi, probabilmente contando sul fatto che diverse ipotesi di reato cadranno in prescrizione prima della conclusione del processo di primo grado. Alcune contestazioni riguardano fatti del Una ventina i falsi incidenti che sono contestati. Le compagnie truffate si sono costitute parte civile. 3

4 da La Provincia di Varese - 09 aprile 2014 FURBETTA DELLE POLIZZE FANTASMA TRUFFA DA UN MILIONE: CENTO VITTIME Polizze assicurative fantasma: truffa da un milione di euro. Chiuse le indagini a carico di Giusy Torregrossa: il pubblico ministero di Varese Sabrina Ditaranto ha chiesto il rinvio a giudizio per la furbetta seriale. Impressionante il numero delle vittime: più di un centinaio di clienti della filiale della Milano Assicurazioni (controllata Fondiaria Sai) di via Morisini si sono ritrovati da pagare polizze mai stipulate. Non solo: con i dati delle carte di credito di alcuni dei malcapitati clienti Torregrossa avrebbe aperto anche dei finanziamenti intascando il denaro e lasciando il debito ad altri. L indagine condotta dai militari della compagnia della guardia di finanza di Varese, coordinata da Ditaranto, ha preso le mosse nell ottobre Quando due dei clienti truffati si sono ritrovati polizze vita mai stipulate da pagare. Ne è scaturita un inchiesta estremamente complessa, anche perché secondo gli inquirenti la donna andava avanti con questi giochetti da sette o otto anni. Al termine degli accertamenti ne è scaturito un quadro raggelante. Torregrossa, figlia di assicuratore, era eccezionale nel carpire la fiducia altrui. Quei clienti, che la conoscevano da anni, erano amici, anzi addirittura amici di famiglia. Da parte dell assicuratrice c era sempre una parola gentile per tutti, Torregrossa sapeva se qualcuno aveva qualche problema e se ne interessava, si offriva di dare una mano. E c era sempre qualche regalino, qualche gentilezza che la donna riservava ai clienti. Clienti che di lei non dubitavano affatto. Grazie a quella fiducia la donna, secondo la procura, avrebbe carpito i dati delle vittime, dati in suo possesso, stipulando a nome degli ignari clienti polizze e contratti fantasma intascando le provvigioni e incassando anche i premi d incentivo per la vendita. Ad altri, soprattutto anziani, faceva firmare il contratto direttamente spacciandolo per altro: scartoffie innocue, diceva. E il cliente fiducioso firmava. Con le carte di credito di altri la donna accendeva dei finanziamenti; incassava poi recuperava un altra carta di credito accendendo un altro finanziamento. Con il nuovo prestito pagava alcune rate del vecchio per guadagnare tempo. In altri casi si sarebbe intascata i soldi pagati dal clienti per la stipula del contratto. 4

5 da Il Mattino di Padova 10 aprile 2014 FALSI INCIDENTI STRADALI IN 22 RINVIATI A GIUDIZIO Finiranno davanti al tribunale collegiale il prossimo 14 ottobre e si dovranno difendere dall accusa di associazione a delinquere per aver messo in piedi una truffa alle assicurazioni per falsi incidenti stradali. L importo complessivo del danno accertato è di circa 130 mila euro, si andava dai 3 mila ai 9 mila euro per ogni ferito. Ieri il gip Mariella Fino ha deciso di rinviare a giudizio 22 persone. Gli imputati. Queste le persone finite sotto accusa dopo l inchiesta della Procura. Alfredo Gamba, 53 anni di Padova; Adriana Laghi, 55 di Camposampiero; Roberto Gesuato, 40 di Borgoricco; Corrado Vadalà, 60 di Mestrino e Salvatore Bandiera, 64 di Camposampiero, accusati di associazione a delinquere. Sono chiamati a rispondere di fraudolento danneggiamento di beni (le auto coinvolte nei falsi incidenti) Sara Agnoletto, 24 anni di Camposampiero; Matteo Bacco, 61 di Padova; Giovanna Barbara, 49 di Cadoneghe; Leonardo Barbara, 36 di Cadoneghe; Susanna Barbato, 51 di Cadoneghe; Vittorino Bordigato, 76 di Padova; Lino Cacco, 56 di Noventa; Erik Casarin, 39 di Cadoneghe; Lorenzo Cordi, 73 di Padova; Bruno Fanton, 80 di Padova; Andrea Favero, 41 di Padova; Turno Ferrarese, 52 di Giavera del Montello; Fabio Mattiuzzo, 34 di Fiumicino (Roma); Diego Mezzalira, 53 di Legnaro; Annalisa Moscardo, 59 di Cadoneghe; Enrico Nicolini, 54 di Vigodarzere e Gastone Nobile, 72 di Padova. Le assicurazioni parte civile. Ieri si sono costituiti in aula le assicurazioni Generali e Unipol Sai, erano già costituiti l Allianz Assicurazioni, It Italiana Assicurazioni, Arca e Direct Line tutelate dai legali Lorenzo Locatelli e Mauro Bonato. Incidenti tra le stesse persone. Inominativi coinvolti negli incidenti stradali erano ricorrenti. Una casualità o una truffa? Le prime denunce arrivano sul tavolo della Guardia di Finanza e portano la firma di due compagnie di prim ordine, Allianz e Genialloyd. Parte l inchiesta e vengono alla luce i falsi incidenti stradali destinati a far incassare somme che finivano nelle tasche di chi aveva architettato il gioco. Il risarcimento lievitava grazie all immancabile colpo di frusta per il conducente dell auto e anche per i passeggeri. Poco alla volta, però, è venuto alla luce l organigramma del contestato sodalizio criminale. Fatti successi dal 2007 al L indagine del pubblico ministero Sergio Dini contesta agli imputati incidenti stradali che non sarebbero mai accaduti, tra il 2007 e il Veniva compilata la constatazione amichevole di incidente (il Cid), dove si indicava il luogo del sinistro ed eventuali feriti. Di testimoni non ce n erano quasi mai. La pubblica accusa contesta ai cervelli dei falsi incidenti di percepire ogni volta una percentuale fissa. Spesso la distorsione da rachide cervicale creava fastidi lunghi mesi ai malcapitati incidentati (falsi) e si andava avanti anche 6 mesi con certificati medici e con visite specialistiche per valutare la percentuale di invalidità che si tramutava in soldi facili, che finivano in tasca agli attori di questo giochetto. Che però ora potranno giustificarsi in aula e dimostrare che si tratta di un malintenso. Il meccanismo sarebbe stato messo in piedi grazie alla complicità di medici e carrozzerie. 5

6 Da Ansa.it 10 aprile 2014 TRUFFA AD ASSICURAZIONI AUTO, DUE DENUNCE (ANSA) - TERAMO, 8 APR - Hanno truffato le assicurazioni denunciando il furto di auto incidentate, acquistate in Germania a cinquemila euro, ottenendo un ristoro dei danni per 35 mila euro: protagonista della vicenda una coppia di ex coniugi, denunciata dalla Polstrada di Teramo per concorso in truffa e falso. I due avevano denunciato il furto di due auto nel giro di un mese: si trattava però di auto qualificate come rottami perché non riparabili che erano state regolarmente immatricolate e assicurate. 6

7 Da Primadanoi.it 10 aprile 2014 TRUFFA ASSICURAZIONI: DENUNCIANO IL FURTO DI DUE AUTO FANTASMA, EX CONIUGI NEI GUAI TERAMO. Due ex coniugi sono ritenuti responsabili di aver lucrato sui risarcimenti per il furto di due veicoli inesistente. L indagine della polizia stradale di Teramo è nata per contrastare le truffe in danno alle compagnie di assicurazioni. Negli ultimi mesi la polizia giudiziaria ha intensificato l attività di controllo di pratiche gestite dalle società di assicurazioni, concernenti il risarcimento danni a seguito di furti di autoveicoli. L attenzione degli investigatori, tra l altro, si è soffermata su due pratiche istruite presso due distinte compagnie assicurative riguardanti i furti di due autovetture, una Audi A4 e una Opel Insigna denunciati nell arco di un mese riconducili ai due ex coniugi. P.E di 32 anni e I.E. di 30, entrambi pugliesi ma residenti nel Teramano, dopo la separazione, in comune accordo, per pagare vecchi debiti contratti avevano comprato le autovetture in Germani. Non tue automobili funzionanti ma piuttosto due rottami perché in gran parte distrutti a seguito di incidenti stradali. La coppia aveva investito in totale 5 mila euro. I due veicoli non sono mai stati portati in Italia ma, di fatto, i due hanno presentato solo i documenti presso la motorizzazione per nazionalizzarli ed immatricolarli intestandoli uno al marito e l altro all ex moglie. Dopo aver formalizzato le procedure, entrambi hanno assicurato i veicoli fantasma per la Rca e per il furto totale, con compagnie di assicurazione diverse. Dopo un mese la prima denuncia di furto inoltrata dai due: il risultato è stato quello di ottenere dalla società di assicurazioni il ristoro del danno per un importo pari a 35 mila euro. I due sono stati scoperti e denunciati, in concorso, per truffa e falso. 7

8 da CorriereAdriatrico 11 aprile 2014 ASSICURAZIONI CON TRUFFA PARRUCCHIERE INDAGATO MACERATA - Si era intestato le assicurazioni di una trentina di auto appartenenti ad altri proprietari e circolanti in Campania, così da spuntare premi dalle compagnie decisamente più bassi. Secondo gli investigatori aveva messo in moto un meccanismo originale un parrucchiere maceratese, finito nei guai al termine di un indagine condotta dagli agenti della polizia stradale. I reati ipotizzati sono quelli di falso e truffa. 8

9 da QuotidianoNazionale 15 aprile 2014 FALSE POLIZZE, SE LA FIRMA È QUELLA DI MICHAEL JACKSON Firenze, 13 aprile IL CODICE della strada le classifica «violazioni dell obbligo dell assicurazione di responsabilità civile». Ed è sorprendente, ai limiti del clamoroso, il numero di queste violazioni accertate dai vigili fiorentini sia pure in 5 anni e mezzo, dal 2009 a oggi: così ripartite: nel 2009, poi (2010); (2011); (2012); (2013), 621 in questi primi mesi del Dato tuttavia parziale, cui andrebbero aggiunti i mezzi-pirata non identificati. Eppure basta e avanza a confermare l allarme: in Italia la percentuale di veicoli che circolano senza copertura assicurativa è spaventosa, intorno al 30%, con un costo sociale elevatissimo tra truffe e mancati pagamenti dei premi. Più prosaicamente: c è un giro di polizze fantasma, non rinnovate, molto più spesso contraffatte, proposte da siti internet non identificabili; immesse sul mercato da intermerdiari non abilitati; oppure ancora piazzate da broker falsi, o solo spregiudicati, che rifilano clausole trappola e pacchi veri. Così che quando la copertura serve, magari è farlocca. Pure l Ivass, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, ha molto lavoro: sette le procedure di radiazione di altrettanti intermediari avviate l anno scorso dalla autorità di vigilanza. Due sono fiorentini: R.S., e N.R. di 48 anni. Si va dalla violazione del codice delle assicurazioni e del regolamento Isvap (istituto di vigilanza sulle assicurazioni private). Disposta anche la cancellazione di una società di intermediazione. DI QUANTO sia pericoloso scherzare sulle polizze se ne è avuta conferma in seguito a un incidente avvenuto di notte solo poche sere fa, sui viali: il conducente di uno scooter buca lo stop ed è preso in pieno dall auto guidata da un neopatentato ventenne. Sbalzato a decine di metri di distanza, il primo dei due finisce all ospedale in prognosi riservata. L altro è choccato. I vigili guardano le telecamere in zona e le immagini parlano chiaro: il ventenne guidava molto forte, ha un concorso di colpa, gli viene ritirata la patente. Dopo lo choc, la beffa: la polizza è firmata (come si può vedere nella foto accanto) M. Jackson! Falsa, falsissima. Il ragazzo, la sua famiglia, ci sono cascati: per risparmiare un po le polizze per i neopatentati costano sin troppo hanno fatto un contratto online pagando euro anziché i proposti in media dalle compagnie. Verifiche e accertamenti dei vigili di Porta Romana, fugano ogni dubbio: l Enterprise Insurance Company, che è autorizzata da Ivass a operare in Italia, disconosce il contratto («non abbiamo assicurato questo veicolo») che infatti non risulta stipulato dal tramite italiano, Dekra Italia, bensì da altri sedicenti intermediari. Peraltro viene spiegato la compagnia assicura flotte aziendali, non singoli veicoli. I vigili risalgono ad altri intermediari e a un sito della provincia di Milano. S iniziano i controlli su un giro di polizze, ampio forse e, pensa la muncipale, «prive di valore». Peraltro i vigili si rifanno a un avviso di presunta frode comunicato da Ivass già nell ottobre scorso che cita espressamente il sito. Intanto dall incidente emerge, anche tramite i famigliari del ventenne coinvolto che nella zona dell Isolotto sarebbero state stipulate circa cinquanta polizze tramite la mediazione di un officina meccanica/carrozzeria di Signa oggi chiusa. Le polizze sarebbero state pagate per contanti, con successivo invio delle stesse, con i dati del destinatario scritti a mano su buste bianche. IL FONDO di garanzia per le vittime della strada risarcisce i danni arrecati alle persone da veicoli non coperti da assicurazione, pur tuttavia sulla famiglia del ragazzo potrebbero esserci comunque ricadute pesanti, insostenibili. Avvisano i vigili che in caso di irregolarità delle polizze è bene cautelarsi con una denuncia-querela oltre a sottoscrivere subito un altra polizza, nuova, regolare. L Ivass raccomanda attenzione ai contratti sottoscritti via internet, soprattutto se di durata temporanea. Bisogna verificare prima che i contratti siano emessi da imprese e tramite intermediari autorizzati, prima consultando il sito Oltre all elenco delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia viene suggerita la consultazione degli avvisi relativi a «Casi di contraffazione o società non autorizzate». 9

10 da Il CataniaToday - 16 aprile 2014 TRUFFA E ASSICURAZIONI, ARRESTATI DUE VIGILI URBANI E SOSPESI DUE AVVOCATI Una guardia giurata e un ispettore della polizia municipale arrestati, un altro sottufficiale dei vigili urbani ai domiciliari e due avvocati sospesi dalla professione per due mesi. E' il bilancio di un'operazione della polizia stradale di Catania contro presunte truffe alle assicurazioni con falsi incidenti stradali. Nell'inchiesta della Procura etnea sono indagate, a vario titolo, altre 53 persone per truffa e falsita' ideologica. I rimborsi al centro delle indagini sono 20. Gli arrestati sono la guardia giurata Giuseppe Santo Privitera, di 49 anni, in servizio al pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi, e l'ispettore della polizia municipale di Catania, Salvatore Saeli, di 55 anni. Agli arresti domiciliari è stato sottoposto un altro ispettore dei vigili urbani, Attilio Mazzara, di 53 anni. I due avvocati sospesi dalla professione per due mesi, in applicazione di un provvedimento del Gip, sono Girolamo Graziano Miraldi e Rosario Mauro Privitera, del foro di Catania. I provvedimenti cautelari sono del Gip Laura Benanti, emessi su richiesta dei sostituti procuratori di Catania, Angelo Busacca e Angelo Brugaletta. I cinque sono indagati per truffa a compagnie assicurative e falsità ideologica in atti pubblici. Indagini del compartimento della polizia stradale della Sicilia orientale sono state avviate dopo una segnalazione inviata alla Procura di Catania dal comando dei vigili urbani che segnalava "anomalie sulla condotta dei due ispettori in alcuni incidenti stradali da loro rilevati". Nel fascicolo sono confluite intercettazioni telefoniche, tabulati telefonici e i risultati di appostamenti e pedinamenti. Al centro dell'inchiesta ci sono 20 incidenti, 18 dei quali rilevati dai due ispettori tra l'aprile e l'ottobre del Dalle indagini della polizia stradale sarebbe emerso che: gli incidenti erano tutti con feriti, che non avevano però chiesto la presenza di ambulanza; tutti i referti, tranne due, sono stati stilati nel pronto soccorso dello stesso ospedale; nei rapporti non c'erano rilevi planimetri completi; tutti i sinistri e le richieste di risarcimento erano trattate sempre dai due stessi legali. In alcuni casi i feriti si sarebbero presentati in ospedale in un orario antecedente all'incidente stradale. Secondo la polizia stradale, "il principale componente dell'organizzazione era la guardia giurata Privitera" che, sostiene l'accusa, "entrava in contatto con le persone che si recavano in ospedale per lesioni subite" e poi "manteneva i contatti con i legali per le pratiche di risarcimento". 10

11 da TGCom24-16 aprile 2014 CATANIA, TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI ECCO I RETROSCENA Era un sistema oleato, con ruoli e competenze ben definite. Ispettori di polizia municipale, avvocati, infortunati pronti a dichiarare il falso, la guardia giurata accusata di essere il vertice dell organizzazione catanese dedita a truffare le assicurazioni, aveva congeniato tutto alla perfezione. Santo Privitera dall aprile all ottobre 2011 ha architettato almeno venti raggiri, che secondo i titolari dell inchiesta della Procura, i pm Angelo Busacca e Angelo Brugaletta, potrebbero essersi estesi anche oltre il tempo preso in esame dalle indagini. Un sistema che a Catania per sei mesi che, con il passare dei mesi, hanno notato che qualcosa non andava nell operato dei due ispettori,. I due, secondo i magistrati, operavano nella verbalizzazione dei falsi incidenti, producendo la documentazione che poi sarebbe passata nelle mani di Rosario Privitera e Girolamo Miraldi, i due avvocati incaricati di portare avanti le richieste di risarcimenti. A denunciare l organizzazione sono stati gli stessi vertici della polizia Municipale Salvatore Saeli e Attilio Mazzara sono stati raggiunti ieri da altrettante misure cautelari, decise dal Gip Laura Benanti, per evitare un eventuale inquinamento delle prove e la reiterazione del reato. I cinque Privitera, Saeli, Mazzara, Privitera R. e Miraldi. Poche ore dopo la diffusione della notizia, il Comune di Catania con un comunicato ha fatto sapere di aver provveduto tempestivamente alla sospensione dal servizio dei due ispettori indagati. Il sindaco commentando la vicenda ha indirizzato un plauso alle forze dell ordine e alla magistratura per l azione tempestiva e incisiva comprovata anche con quest indagine. L inchiesta però è ben più ampia: sono 58, infatti, le persone iscritte nel registro degli indagati Enzo Bianco era stato al centro dell attenzione per alcune polemiche riguardanti la nomina del nuovo vicecomandante, ma soprattutto per il cronico sottodimensionamento dell organico, da anni denunciato dai cittadini e dai diretti interessati. 11

12 da SiciliaInformazioni.com 17 aprile 2014 CATANZARO. TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, IN 20 FINISCONO IN MANETTE Catanzaro. 20 le persone arrestate, 16 delle quali in carcere. In tutto 156 quelle denunciate. A finire in manette ci sono anche due avvocati del foro di Catanzaro. Avevano messo in piedi un vero e proprio business legato al mondo delle assicurazioni auto che aveva fruttato in soli 3 anni oltre 5 milioni di euro. È quanto hanno motivo di ritenere gli investigatori della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Catanzaro e i magistrati della locale procura, a conclusione dell indagine culminato con l operazione scattata alle prime luci dell alba e ribattezza, non a caso, Violentemente investito. Sotto la lente dei militari delle fiamme gialle sono finiti in particolare i beneficiari degli indennizzi frutto dei falsi incidenti stradali denunciati. Parte delle somme, venivano poi versate agli organizzatori della truffa, compiuta ai danni di numerose agenzie di assicurazione e anche nei confronti del Fondo di Garanzia per le vittime della Strada. L accusa, per tutti, è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Intensa l attività investigativa che ha coperto un arco temporale compreso tra il 2009 e il Fondamentali ai fini delle indagini, si sono rivelate intercettazione telefoniche, ambientali e telematiche, oltre che riscontri di natura bancaria e patrimoniale. A rivestire un ruolo centrale nell organizzazione oggi smantellata dalla Guardia di Finanza, gli inquirenti hanno motivo di ritenere vi fosse uno dei due avvocati arrestati. Sarebbe lui l ideatore della mega truffa. Per i suoi propositi criminali, si sarebbe inoltre avvalso della collaborazione del fratello (a cui spettava il compito di procacciare i clienti), ma anche di altre persone, alcune delle quali collaboratori del suo studio. Fra gli arrestati, anche un medico al quale, abitudinariamente i promotori dell associazione a delinquere si rivolgevano per il rilascio di falsi certificati medici. Due le tipologie di truffa messe in atto. Oltre a denunciare sinistri mai avvenuti, per altri incidenti realmente accaduti si aggravavano le conseguenze, procurando falsi occupanti dei mezzi coinvolti a denunciare danni fisici mai riportati. Il tutto naturalmente testimoniato da falsi testimoni. Ingente il danno economico prodotto alle compagnie assicurative, ma anche al fondo di garanzia delle vittime della strada laddove ad esser richiesto era un risarcimento ai danni di pedoni, violentemente investiti da fantomatici automobilisti poi datisi alla fuga. Nel corso dell operazione sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore complessivo di 2 milioni di euro, parte dei quali sarebbero frutto delle condotte illecite commesse da alcuni degli indagati. 12

13 Da PositanoNews - 19 aprile 2014 ANGRI: RINVIO A GIUDIZIO PER TRUFFA AD ASSICURAZIONI ANGRI La procura chiede il rinvio a giudizio di dodici persone in tutto l Agro nocerino sarnese,per le accuse di truffa e falso in concorso finalizzato all ottenimento di indennizzi ai danni di compagnie assicurative, per sinistri stradali mai avvenuti o adulterati. Si tratta dell ennesimo stralcio collegato alla serie di grossi filoni investigativi nei quali carabinieri e procura inquadrano migliaia di sinistri falsificati o mai avvenuti, in questo caso specifico fuori dal regime associativo, con la sola partecipazione concorsuale dei coinvolti. In particolare rischiano il processo in attesa della fissazione dell udienza preliminare, gli indagati Domenico Attanasio, 48 anni, di Nocera Inferiore, Salvatore Ciampa, 34, di Vico Equense, Giuseppe Cioffi, 31, di Nocera Inferiore, Sabato Cioffi, 42, di Nocera Inferiore, Carla Cuomo, 45, di Angri, Maria Cira D Ambrosio, 57, di Poggiomarino, Enrico Iervasi, 43, di Nocera Inferiore, Giuseppina Iervasi, di Nocera Inferiore, Carmine Panariello, 35, di Pompei, Veronica Silvestri, 29, di Sant Agnello, Anna Varone, 30, di Angri, e Pasqualina Anna Sorrentino, 44, moglie di Luigi Carpentieri, personaggio apicale non coinvolto in questo procedimento ma ritenuto promotore nell indagine madre. Il suo nome compare come indagato e come organizzatore in particolare in un ulteriore filone che coinvolge quattordici persone, un ulteriore elenco di truffe perpetrate ai danni delle compagnie assicurative. Carpentieri, quarantaseienne di Angri, già comparso in altre inchieste analoghe, titolare della rivendita auto AutoCar.Sorr., individuato quale capo promotore, fondatore ed organizzatore della compagnia criminosa, ideatore nel procedimento parallelo di 46 sinistri stradali mai avvenuti, compare nella vicenda che ricostruisce il filone dello studio Guerritore a Nocera Inferiore. Il lavoro degli investigatori ricostruì il ruolo degli studi legali, a danno delle compagnie assicurative Arca, Credem, Fondiaria, Genialloyd, Groupama,Hdi, Ina Assitalia, Liguria, Milano, Quixa, Sara, Unipol, nel periodo che è compreso tra gli anni 2008 e L ultimo stralcio atteso dal vaglio del gup, che fisserà quindi l udienza preliminare, è seguito dal sostituto procuratore Valeria Vinci, che ha già separato le posizioni concorsuali da quelle che vengono invece ritenute in regime associativo. Alfonso T. Guerritore La Città 13

14 da CorsoItaliaNews.it 22 aprile 2014 TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI AUTO: DA SORRENTO A SALERNO SONO 12 I CANDIDATI A RINVIO A GIUDIZIO La procura di Nocera Inferiore segnala i nominativi di dodici persone tra Agro nocerino sarnese e penisola sorrentina, per il rinvio a giudizio per i reati di truffa e falso in concorso. Sinistri stradali mai avvenuti o sapientemente alterati per un inchiesta che coinvolge il territorio che va da Sorrento a Salerno. Lo scopo di una delle più diffuse modalità di truffa del Sud Italia, che fa lievitare esponenzialmente i costi assicurativi, è l ottenimento di cospicui indennizzi da parte delle compagnie assicurative a fronte, per l appunto di incidenti solo inscenati. Carabinieri e procura classificano nello specifico il risultati delle indagini, nel vasto ambito delle truffe ai danni delle assicurazioni, inquadrandolo al di fuori del regime associativo, con la sola partecipazione concorsuale dei coinvolti. Nocera Inferiore, Vico Equense, Angri, Poggiomarino, Pompei, Sant Agnello sono i comuni associati ai nomi presenti nella lista di coloro che rischiano di essere processati in attesa della fissazione dell udienza preliminare. In particolare emergono delle relazioni tra questo procedimento e un altro filone dell indagine madre: nominativi intrecciati a un altra vicenda di truffe che coinvolge quattordici persone, sempre ai danni delle compagnie assicurative. Collegamenti che hanno portato all individuazione di Luigi Carpentieri, titolare della rivendita auto AutoCar.Sorr. come capo promotore, fondatore ed organizzatore della compagnia criminosa, deus ex machina nel procedimento parallelo di 46 sinistri stradali mai avvenuti, e che era già presente nella ricostruzione della vicenda circa il filone dello studio Guerritore a Nocera Inferiore. Il sostituto procuratore Valeria Vinci segue l ultima parte dell indagine che sarà vagliata dal gup. 14

15 Da BrindisiOggi 29 aprile 2014 TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, 52 RINVII A GIUDIZIO. LA ASL CHIEDE 150MILA EURO DI DANNI BRINDISI-Rinviate a giudizio 52 persone per la truffa alle assicurazioni che vede la Asl di Brindisi parte civile oltre alle agenzie assicurative. Ultima tranche di un inchiesta che consentito di scoperchiare un articolato sistema di raggiri ai danni delle assicurazioni, tra i protagonisti medici, avvocati e carrozzieri, 196 in tutto, ora accusati a vario titolo. Il gup di Brindisi, Giuseppe Licci, li ha rinviati a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alle truffe. Secondo l accusa avrebbero avuto un ruolo nel raggiro al fine di incassare indennizzi e risarcimenti e persino spese legali. 15

16 da Ansa Abruzzo - 13 maggio 2014 CHIEDE 2 MLN RISARCIMENTO, MA È TRUFFA (ANSA) - TERAMO, 13 MAG - Due fratelli teramani di 24 e 27 anni sono stati denunciati dalla Polstrada di Teramo per tentativo di truffa ai danni di una compagnia di assicurazioni per due milioni di euro: i due avevano architettato la truffa dopo che il più giovane era rimasto ferito in un incidente, mentre guidava, da solo, un'auto senza patente, ritirata per guida in stato di ebbrezza. Madre, fratello e un amico dopo averlo soccorso avevano dichiarato il falso, sostenendo che alla guida vi fosse il fratello maggiore. 16

17 da Il Quotidiano della Calabria 13 maggio 2014 FALSI INCIDENTI PER TRUFFARE LE ASSICURAZIONI COINVOLTI DUE AVVOCATI E UN MEDICO, 156 LE DENUNCE CATANZARO - Il Comando provinciale di Catanzaro della Guardia di finanza sta eseguendo un operazione contro una presunta organizzazione criminale accusata di avere attuato una truffa per oltre cinque milioni di euro ai danni di agenzie di assicurazione attraverso il sistema dei falsi incidenti. Venti le persone raggiunte da un provvedimento restrittivo, sei delle quali in carcere, quindi 11 ai domiciliari e 4 con l'obbligo di firma; 156 quelle denunciate. In manette anche due avvocati di Catanzaro. Sequestrati beni per due milioni di euro, oltre ad una mula di 700mila euro per reati di natura fiscale. In carcere gli avvocati Giampiero e Antonio Bressi, Raul Mellea (fratello di Giampiero), Vitaliano Mirarchi, Rosario Murica e Fabrizio Nicoletta. Ai domiciliari il dottore Giulio Cosco, il carrozziere Francesco Giglio e come falsi testimoni Angelo Barone, Bruno Candeloro, Enzo e Serafino Guido, Antonio, Emanuele e Vittorio Nicoletta. Sempre ai domiciliari sono finiti Fabio Parrubello e Luigi Scalzo detto Billy. Quattro, invece, gli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria Maurizio Anastasi, Risa Mazza e Alessandro e Filomena Nicoletta. I dettagli dell'inchiesta sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il procuratore Vincenzo Antonio Lombardo, l'aggiunto, Giovanni Bombardieri, e comandante provinciale della Guardia di finanza, generale Antonio De Nisi. La truffa, secondo quanto ricostruito dal Gruppo tutela economia del Nucleo di polizia tributaria, guidato dal colonnello Massimo Battaglino, è stata attuata ai danni, oltre che delle agenzie di assicurazione, del Fondo di garanzia delle vittime della strada. Gli arresti sono stati fatti dalla Guardia di finanza in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip Gabriella Reillo su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro, con il sostituto Paolo Petrolo. Il reato contestato è l associazione per delinquere finalizzata alla truffa. L importo della truffa, secondo quanto è emerso dalle indagini, è di cinque milioni di euro in un arco di tempo compreso tra il 2009 ed il La gran parte delle persone denunciate sono quelle che avrebbero ottenuto gli indennizzi sulla base dei falsi incidenti versando una parte delle somme ricevute agli organizzatori della truffa. Tra i beni sequestrati ci sono numerosi immobili, per un importo di oltre settecentomila di euro. Gli inquirenti hanno portato avanti tre anni di indagini, intercettazioni ambientali e telematici, con risvolti di natura fiscale, hanno portato a chiudere il cerchio su una vera e propria organizzazione dedita alle truffe assicurative. E' questo quello ha spiegato il generale, Antonio De Nisi, lasciando poi la parola al procuratore Antonio Vincenzo Lombardo, per i dettagli dell'operazione denominata in codice "Violentemente investito". Al centro della scena lo studio legale Mellea, intorno al quale ruotavano periti e medici compiacenti e una serie di falsi testimoni di sinistri inesistenti. Parti offese tutte le compagnie assicurative nazionali, rimaste a turno vittima delle frodi ordite dagli indagati con sinistri inventati o aggravati quando realmente verificatisi. L'ordinanza quasi accoglie per intero la richiesta del sostituto procuratore, Paolo Petrolo, che ha anche contestato un episodio di frode fiscale con dichiarazioni di proventi non reali. Secondo l'accusa, infatti, i principali indagati avrebbero costantemente acquistato beni poi intestati ad altri. Il procuratore aggiunto, Giovanni Bombardieri, ha poi evidenziato il lavoro della Guardia di finanza, che ha messo a nudo quella che ha definito un'organizzazione che alterava il libero mercato. Un sistema che parte dal 2002, stando a quanto ha raccontato un collaboratore di giustizia, dalle cui dichiarazioni rilasciate nell'ambito di un diverso procedimento sono scattate le indagini confluite nell'ordinanza del gip. Tra le cui righe si parla di uno studio legale trasformato in quartier generale della frode, con tanto di IVA evasa dagli avvocati Mellea e Bressi. Sessantacinque i capi di imputazione formulati dal magistrato, al termine di un'indagine che, seppur avviata, non ha impedito agli indagati di frodare anche sul fondo garanzia vittime della strada, dal quale si attinge solo in assenza di specifiche responsabilità, ha spiegato il colonnello Mario Palumbo, che ha puntato il dito contro questo senso di legalità che mancava tra le centinaia di cittadini che si sono prestati alla truffa. A spiegare il nome dell'operazione è stato il colonnello Massimo Battaglino, che ha ripreso il modus operandi dei legali che definivano le false vittime degli incidenti fantasma come violentemente investiti per lucrare il più possibile. Ben 5 milioni di euro il valore della frode messa in atto dal 2009 e che hanno portato ai sigilli apposti si beni mobili e immobili riferibili agli indagati. 17

18 da TgCom24-13 maggio 2014 INCIDENTI SIMULATI, TRUFFA DA 5 MILIONI VENTI PERSONE ARRESTATE IN CALABRIA La frode è stata attuata ai danni delle agenzie di assicurazione e del Fondo di garanzia delle vittime della strada. Oltre 150 i denunciati 08:55 - Avrebbero truffato agenzie di assicurazioni per oltre 5 milioni di euro, denunciando incidenti stradali mai avvenuti. Per questo la guardia di finanza di Catanzaro ha eseguito venti ordinanze di custodia cautelare, 16 delle quali in carcere, e ha denunciato 156 persone. In manette anche due avvocati di Catanzaro. Sequestrati beni per due milioni di euro. La truffa è stata attuata ai danni, oltre che delle agenzie di assicurazione, del Fondo di garanzia delle vittime della strada ed è stata perpetuata in un arco di tempo compreso tra il 2009 ed il Il reato contestato ai 20 arrestati è l'associazione per delinquere finalizzata alla truffa. La gran parte delle persone denunciate sono quelle che avrebbero ottenuto gli indennizzi sulla base dei falsi incidenti versando una parte delle somme ricevute agli organizzatori della truffa. Tra i beni sequestrati ci sono numerosi immobili, per un importo di oltre 700mila euro. 18

19 da ReggioTV 13 maggio 2014 CATANZARO. TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, IN 20 FINISCONO IN MANETTE Catanzaro. 20 le persone arrestate, 16 delle quali in carcere. In tutto 156 quelle denunciate. A finire in manette ci sono anche due avvocati del foro di Catanzaro. Avevano messo in piedi un vero e proprio business legato al mondo delle assicurazioni auto che aveva fruttato in soli 3 anni oltre 5 milioni di euro. È quanto hanno motivo di ritenere gli investigatori della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Catanzaro e i magistrati della locale procura, a conclusione dell indagine culminato con l operazione scattata alle prime luci dell alba e ribattezza, non a caso, Violentemente investito. Sotto la lente dei militari delle fiamme gialle sono finiti in particolare i beneficiari degli indennizzi frutto dei falsi incidenti stradali denunciati. Parte delle somme, venivano poi versate agli organizzatori della truffa, compiuta ai danni di numerose agenzie di assicurazione e anche nei confronti del Fondo di Garanzia per le vittime della Strada. L accusa, per tutti, è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Intensa l attività investigativa che ha coperto un arco temporale compreso tra il 2009 e il Fondamentali ai fini delle indagini, si sono rivelate intercettazione telefoniche, ambientali e telematiche, oltre che riscontri di natura bancaria e patrimoniale. A rivestire un ruolo centrale nell organizzazione oggi smantellata dalla Guardia di Finanza, gli inquirenti hanno motivo di ritenere vi fosse uno dei due avvocati arrestati. Sarebbe lui l ideatore della mega truffa. Per i suoi propositi criminali, si sarebbe inoltre avvalso della collaborazione del fratello (a cui spettava il compito di procacciare i clienti), ma anche di altre persone, alcune delle quali collaboratori del suo studio. Fra gli arrestati, anche un medico al quale, abitudinariamente i promotori dell associazione a delinquere si rivolgevano per il rilascio di falsi certificati medici. Due le tipologie di truffa messe in atto. Oltre a denunciare sinistri mai avvenuti, per altri incidenti realmente accaduti si aggravavano le conseguenze, procurando falsi occupanti dei mezzi coinvolti a denunciare danni fisici mai riportati. Il tutto naturalmente testimoniato da falsi testimoni. Ingente il danno economico prodotto alle compagnie assicurative, ma anche al fondo di garanzia delle vittime della strada laddove ad esser richiesto era un risarcimento ai danni di pedoni, violentemente investiti da fantomatici automobilisti poi datisi alla fuga. Nel corso dell operazione sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore complessivo di 2 milioni di euro, parte dei quali sarebbero frutto delle condotte illecite commesse da alcuni degli indagati. 19

20 da Strill.it 13 maggio 2014 CATANZARO, OPERAZIONE VIOLENTEMENTE INVESTITO : DETTAGLI, NOMI E VIDEO Gennaro Pierino Mellea e Antonio Bressi, i nomi dei due avvocati che la Procura di Catanzaro e la Guardia di Finanza ritengono promotori di una associazione per delinquere finalizzata alla frode assicurativa di 9 tra le più note compagnie assicurative di livello nazionale. Per loro e per altri 4 soggetti, il Gip di Catanzaro ha ordinato l arresto, avvenuto nelle scorse ore, anche se, Mellea, al momento dell arresto non è stato trovato e in questo momento risulta ricercato. 3 anni di indagini coordinate dal Pm Paolo Petrolo, durante le quali gli agenti della Guardia di Finanza, guidati dal Tenente Colonnello Massimo Battaglino e dal Colonnello Mario Palumbo, hanno cercato di ricostruire una fitta rete di finti sinistri. L indagine è legata all operazione Pony Express del Uno degli arrestati in quella circostanza, infatti, rivelò agli inquirenti quanto accadesse nello studio legale di Mellea e Bressi. Dichiarazioni confermate successivamente, dopo l apertura delle indagini, da un collaboratore di studio che rivelò agli investigatori ruoli e dettagli. Questo avveniva nel Dopo la ricostruzione dei fatti la Guardia di Finanza effettuò una perquisizione nello studio degli avvocati, ma questo, secondo quanto riscontrato dalla Gdf, non fermò le frodi. 3 anni di indagini contraddistinte da intercettazioni, pedinamenti, appostamenti e indagini bancarie e patrimoniali. Durante le indagini, inoltre, si è riuscito a ricostruire come Mellea e Bressi avessero nel corso degli anni accumulato denaro senza dichiararlo al Fisco, reato che si è aggiunto a quello della frode assicurativa. Accanto a loro, a sostenere l associazione sono state individuate varie figure professionali: un medico, meccanici, accertatori, con il ruolo di certificare falsamente sinistri mai avvenuti ovvero aggravare le conseguenze di quelli realmente accaduti. La tecnica era semplice. Per gli Incidenti veri, perché il risarcimento fosse più cospicuo venivano dichiarati falsi soggetti terzi trasportati. Per quanto concerne, invece, gli incidenti falsi, se questo non veniva contestato, la liquidazione del danno era diretta. Se invece vi era, da parte dell assicurazione, la contestazione del danno e si andava in causa, davanti al giudice di pace, allora si induceva l Autorità Giudiziaria in errore, producendo false testimonianze. Un giro di affari che dal 2009 ad oggi, ha prodotto 5 milioni e 300mila euro di profitto. Cifra che potrebbe aumentare se si considera che il meccanismo di frode, secondo quanto riferito dai testimoni, risalirebbe al Oltre ai risarcimenti indebitamente conseguiti, le vittime definite nel ricorso dagli stessi avvocati violentemente investite, da qui il nome dell operazione, avevano accesso al Fondo di garanzia Vittime della Strada mediante versamento di assegni su libretti postali di risparmio cointestati con falsa parte lesa, accesi ed immediatamente estinti dopo aver ritirato il relativo denaro contante. Falsi certificati, emissione di fatture per operazioni inesistenti una vera e propria macchina che ha portato a denunciare spiega il procuratore Vincenzo Lombardo 156 soggetti. A sequestrare un notevole patrimonio immobiliare (17 unità immobiliari, ndr) riconducibile alle figure verticistiche dell organizzazione, direttamente posseduto o fittiziamente intestato a terzi, situato nel territorio della provincia di Catanzaro e Cosenza. Oltre a questo, la Gdf, ha anche effettuato un sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, per circa ,00 euro per la contestazione di reati fiscali. Nomi delle persone coinvolte 6 Ordinanze di Custodia Cautelare in carcere per: Gennaro Pierino Mellea; Antonio Bressi; Raoul Mellea; Vitaliano Mirarchi; Rosario Murica e Fabrizio Nicoletta. 10 Ordinanze di Custodia cautelare agli arresti domiciliari per: Angelo Barone; Bruno Candeloro; Giulio Cosco; Francesco Giglio; Enzo Guido; Serafino Guido; Antonio Nicoletta; Emanuele Nicoletta; Vittorio Nicoletta; Fabio Parrinello e Luigi Scalzo. 4 provvedimenti che dispongono l obbligo di presentazione alla P.G. per: Maurizio Anastasi; Rosa Mazza; Alessandro Nicoletta e Filomena Nicoletta. 20

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE Operazione Money from the Sky COMANDO PROVINCIALE VICENZA - OPERAZIONE «MONEY FROM THE SKY» 2 L OPERAZIONE

Dettagli

Ansa 20:32 17-12-09 TRUFFE A ASSICURAZIONI: DECINE INDAGATI, PERQUISITI OSPEDALI

Ansa 20:32 17-12-09 TRUFFE A ASSICURAZIONI: DECINE INDAGATI, PERQUISITI OSPEDALI Ansa 20:32 17-12-09 TRUFFE A ASSICURAZIONI: DECINE INDAGATI, PERQUISITI OSPEDALI (ANSA) - GROSSETO, 17 DIC - Decine di persone, tra i quali medici, avvocati, carrozzieri, periti e assicuratori, sono indagate

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO COMPAGNIA BARLETTA GRUPPO BARLETTA

GUARDIA DI FINANZA COMANDO COMPAGNIA BARLETTA GRUPPO BARLETTA SOGGETTI ATTINTI DA OO.CC. DEGLI ARRESTI DOMICILIARI 1. D.M. di anni 31; 2. D.A. di anni 34; 3. T M. di anni 35; 4. T.F. di anni 40; 5. D.G. di anni 38; 6. D.D. di anni 35; 7. R.P.N. di anni 51; 8. R.N.R.

Dettagli

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti Corriere della Sera http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_29/fasano-nonna-moto-cade_b1ce4c46... Page 1 of 2 03/10/2011 stampa chiudi IL RECORD DI TARANTO, 321 INDAGATI. E LE FRODI FANNO SALIRE IL

Dettagli

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci Sconto 20% sulla tariffa RC Tasso incendio e furto 13 x mille senza franchigia ( fino a 20.000 ) Atti vandalici/eventi atmosferici compresi Cristalli

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

Financial Identity Theft OPERAZIONE GENIUS

Financial Identity Theft OPERAZIONE GENIUS Financial Identity Theft OPERAZIONE GENIUS Squadra Mobile Sezione Reati contro il Patrimonio POLIZIA DI STATO Ferrara, 17 gennaio 2008 17-01-2008 Ferrara 13 arresti : disarticolata un associazione a delinquere

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Attività di controllo Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2010, la Polizia Stradale delle Marche ha effettuato 21.554 pattuglie di vigilanza stradale

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 STATO DI SERVIZIO DELLE FORZE DELL ORDINE NELLA CITTÀ DI MILANO E NELLA PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 COMPARTIMENTO DELLA POLIZIA STRADALE PER LA LOMBARDIA L attività svolta

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

Ansa 03-03-09 07:04 TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI, ARRESTI E DENUNCE NEL PALERMITANO 1

Ansa 03-03-09 07:04 TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI, ARRESTI E DENUNCE NEL PALERMITANO 1 FONTE: ESTRATTO DAL SITO WWW.ANIA.IT Indice Ansa 03-03-09 07:04 TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI, ARRESTI E DENUNCE NEL PALERMITANO 1 Adnkronos 03-03-09 08:09 PALERMO: TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI PER QUASI 1 MLN

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA Comunicato stampa In data 22.5.2014 il NPT- Guardia di Finanza di Genova ha dato esecuzione ad un ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Mario Orfeo 02-AGO-2011 da pag. 29 Quotidiano Roma 30-MAG-2011 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Direttore: Mario Orfeo da pag. 37 Quotidiano

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di:

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Art. 416 co. I,II,III c.p.: Associazione per delinquere. Artt. 624, 625

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA OPERAZIONE ARCOBALENO In data odierna, sono state eseguite ordinanze di custodia cautelare e sequestri

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

La polizza RC auto. Ultimo consiglio: Ogni premio è trattabile.

La polizza RC auto. Ultimo consiglio: Ogni premio è trattabile. 2 La polizza RC auto Da ottobre 2009 a ottobre 2011, secondo i dati ISVAP, gli incrementi tariffari medi nazionali sono stati pari al 26,9% per un 40enne in classe di massimo bonus, al 20,2% per un 18enne

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE Milano, 08 maggio 2012 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO RUOLO DELLA

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

primo piano assicurazioni

primo piano assicurazioni primo piano assicurazioni Banditi alla guida 14 Quello degli automobilisti che circolano senza copertura Rc Auto è un fenomeno sempre più preoccupante. Finalmente una legge permette alle forze dell ordine

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI Comune di Palombara Sabina (Provincia di Roma) C.A.P. 00018 COD.FISC. 00998690580 P.IVA 00950621003 c/c 51060002 TEL. 0774/63641 TELEFAX 0774/636469 Mail: comune@comune.palombarasabina.rm.it REGOLAMENTO

Dettagli

UDF Il ramo auto Il contratto Il proprietario del veicolo Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA) Le garanzie corpi veicoli terrestri (CVT)

UDF Il ramo auto Il contratto Il proprietario del veicolo Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA) Le garanzie corpi veicoli terrestri (CVT) Il ramo auto Il contratto la struttura e le particolarità del contratto auto Il proprietario del veicolo individuare chi è l assicurato; il caso del leasing Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA)

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta Dott. Francesco Strangio

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

Guardia di Finanza. Gruppo Tutela Spesa Pubblica. Nucleo di Polizia Tributaria Napoli

Guardia di Finanza. Gruppo Tutela Spesa Pubblica. Nucleo di Polizia Tributaria Napoli L azione di contrasto alle frodi finanziarie all U.E. vede affiancarsi ai controlli amministrativi e contabili delle autorità di gestione anche le specifiche attività svolte dalla Guardia di Finanza. I

Dettagli

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR.

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. L anno 2012 addì 4 del mese di agosto si dà atto di aver proceduto alla notifica del presente avviso di iscrizione a ruolo

Dettagli

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA Divisione Antifrode Assicurativa DAA L agenzia è in grado di offrire servizi e soluzioni professionali e qualificate nel campo dell'antifrode assicurativa. Accertamenti

Dettagli

Assicurazione Auto: i prezzi variano in base all'alimentazione e residenza dell'assicurato

Assicurazione Auto: i prezzi variano in base all'alimentazione e residenza dell'assicurato Assicurazione Auto: i prezzi variano in base all'alimentazione e residenza dell'assicurato gennaio 2015 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 L'assicurazione auto: la situazione in Italia p. 2 Come ridurre

Dettagli

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO Procura della Repubblica di Milano REATI TRIBUTARI: concorso di reati e concorso di persone strumenti di tutela Dal punto di vista investigativo

Dettagli

La denuncia di sinistro

La denuncia di sinistro Capitolo 1 La denuncia di sinistro Bibliografia: Legislazione: C. BUZZONE-M. CURTI, Formulario RC auto, Ipsoa, Milano 2006. D.P.R. n. 254/2006. La denuncia di sinistro ha lo scopo di portare all attenzione

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Dalle ore 9 alle ore 14: una (mezza) giornata con 8 persone sedute al tavolo di lavoro insieme al docente

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Adnkronos 04-01-10 17:31 SICUREZZA STRADALE: POLSTRADA, -5,8% GUIDATORI IN STATO DI EBBREZZA IN PIEMONTE E VAL D'AOSTA (2) = 1

Adnkronos 04-01-10 17:31 SICUREZZA STRADALE: POLSTRADA, -5,8% GUIDATORI IN STATO DI EBBREZZA IN PIEMONTE E VAL D'AOSTA (2) = 1 FONTE: ESTRATTO DAL SITO WWW.ANIA.IT Indice Adnkronos 04-01-10 17:31 SICUREZZA STRADALE: POLSTRADA, -5,8% GUIDATORI IN STATO DI EBBREZZA IN PIEMONTE E VAL D'AOSTA (2) = 1 Ansa 12-01-10 17:25 TRUFFE AD

Dettagli

SEMINARIO SULLA RESPONSABIITA' CIVILE

SEMINARIO SULLA RESPONSABIITA' CIVILE A.i.g.a Sezione di Vicenza Ordine degli avvocati di Vicenza SEMINARIO SULLA RESPONSABIITA' CIVILE LA RESPONSABILITA CIVILE NELLA CIRCOLAZIONE DEGLI AUTOVEICOLI. LA LEGGE 5 MARZO 2001, N. 57: NUOVI EQUILIBRI

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Convenzione UISP UNIPOLSAI. Modulo Denuncia Responsabilità Civile Terzi Gare Moto e Auto Pol. 1065/53/9199

Convenzione UISP UNIPOLSAI. Modulo Denuncia Responsabilità Civile Terzi Gare Moto e Auto Pol. 1065/53/9199 Convenzione UISP UNIPOLSAI Modulo Denuncia Responsabilità Civile Terzi Gare Moto e Auto Pol. 1065/53/9199 DATI ANAGRAFICI DEL DANNEGGIANTE MOTOCLUB ORGANIZZATORE: INDIRIZZO VIA: N. COMUNE: PROVINCIA: C.A.P.:

Dettagli

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza Indice generale Art. 1 Oggetto e norme di riferimento...2 Art. 2 Definizioni...2 Art. 3 Finalità,

Dettagli

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Pescara

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Pescara Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Pescara poltel.pe@poliziadistato.it Tel. 085/4242233 - fax 085/4242232 OPERAZIONE TOPINO Il Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni di

Dettagli

Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale

Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale DATI DEL CONTRAENTE/ASSICURATO Cognome e Nome Codice Fiscale Nato in Prov. Data di Nascita Sesso Indirizzo Residenza Comune Provincia Cap Indirizzo

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 29 FEBBRAIO 2008, N. 9418: sui requisiti per la connotazione della nozione di disastro Relativamente al delitto previsto dall art.434 c.p., si osserva come

Dettagli

193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA

193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA 193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA Consegna degli attestati di benemerenza agli appartenenti del Corpo della Polizia Municipale che si sono distinti in servizio Ispettore Debora

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Approvato con Deliberazione Consiliare N 18 del 17/03/2008 SOMMARIO : CAPO I

Dettagli

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Focus su sinistri, frodi e contenzioso r.c. auto I prezzi delle polizze r.c.a. e la normativa mancata La raccolta totale premi 2013 per canale distributivo Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE

Dettagli

Ritiro Patente. Contratto di Assicurazione per il Ritiro della Patente. UNIQA Protezione SpA. Modello D03 - Edizione maggio 2014

Ritiro Patente. Contratto di Assicurazione per il Ritiro della Patente. UNIQA Protezione SpA. Modello D03 - Edizione maggio 2014 Ritiro Patente Modello D03 - Edizione maggio 2014 Contratto di Assicurazione per il Ritiro della Patente Il presente Fascicolo Informativo, contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del Glossario; b)

Dettagli

Caricamenti Carta verde Certificato di assicurazione Condizioni generali di assicurazione Constatazione amichevole di incidente Contraente

Caricamenti Carta verde Certificato di assicurazione Condizioni generali di assicurazione Constatazione amichevole di incidente Contraente Glossario A Agente di Assicurazione - Soggetto che, mettendo a disposizione del pubblico la propria competenza tecnica, svolge stabilmente in forma professionale ed autonoma l incarico di provvedere a

Dettagli

Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia

Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia Osservatorio CRIF sui furti di identità e le frodi creditizie in Italia Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia Il numero dei casi rilevati è cresciuto del +8,3% rispetto al 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. _69_ del 15.04.2011 1 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021 Arzachena DURATA: TRE ANNI DECORRENZA: ORE 24:00 DEL 31 DICEMBRE 2015

CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021 Arzachena DURATA: TRE ANNI DECORRENZA: ORE 24:00 DEL 31 DICEMBRE 2015 COMUNE DI ARZACHENA Provincia di Olbia - Tempio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO POLIZZA TRIENNALE RC AUTO PER I VEICOLI COMUNALI 2016-2018 LIBRO MATRICOLA CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021

Dettagli

Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA ART.1. ART.2 La richiesta di risarcimento danni

Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA ART.1. ART.2 La richiesta di risarcimento danni Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA I cittadini che ritengono di aver subito un danno ingiusto a seguito di un fatto riconducibile alla responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- ART. 189 - Comportamento in caso

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni

Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni L analisi delle segnalazioni di operazioni sospette Maria Benedetta Bastioni Unità di Informazione Finanziaria Milano, 1 giugno

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

CORSO PER LE INDAGINI IN AMBITO ANTIFRODE ASSICURATIVA Su progetto ed in collaborazione con Studio Investigativo Borriello Agenzia per le investigazioni ed i servizi di sicurezza E con il gratuito patrocinio

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina TRIBUNALE DI MESSINA Atto di citazione per Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina via C.Battisti n. 191 (avv. Giuseppe Maria Orlando), recapito professionale dell

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO BANCA CONVENZIONE FILIALE ABI CAB PROPOSTA Stipulata il CONTRAENTE Cognome/Rag.soc. Nome Sesso Codice Fiscale/P.IVA

Dettagli

In caso di Incidente da circolazione

In caso di Incidente da circolazione 1. Il Risarcimento Diretto Dal 1 febbraio 2007 è in vigore, a seguito delle modifiche introdotte dal Codice delle Assicurazioni Private, la procedura di Risarcimento Diretto, applicabile a molte tipologie

Dettagli

Contratto di assicurazione Genialdent Fascicolo informativo Edizione 7/2015

Contratto di assicurazione Genialdent Fascicolo informativo Edizione 7/2015 Contratto di assicurazione Genialdent Fascicolo informativo Edizione 7/2015 Il presente fascicolo viene consegnato al Contraente prima della sottoscrizione del contratto e contiene: Nota Informativa comprensiva

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

399ª Seduta Pubblica

399ª Seduta Pubblica SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Martedì 20 maggio 2003 alle ore 9,30 399ª Seduta Pubblica ORDINE DEL GIORNO Discussione della mozione 1-00115 sulla vicenda della società Viola Basket di Reggio

Dettagli