Parole amiche on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parole amiche on line"

Transcript

1 Parole amiche on line I brani seguenti sono stati selezionati appositamente per alunni non italofoni o che presentano difficoltà linguistiche. Il loro utilizzo può integrare, rafforzare o ampliare le attività svolte con Leggere nuvole, i Libri delle competenze e il volumetto Parole amiche. I brani sono corredati da un apparato didattico di facile uso, con autovalutazione, per consentire agli alunni di eseguirlo autonomamente. Sono proposte forme testuali diverse, dal racconto al mito, dalla fiaba all articolo giornalistico. Si tratta di testi popolari o d autore, sia italiani sia provenienti da varie parti del mondo, per favorire anche la conoscenza e l integrazione tra culture e tradizioni diverse. l Francesca Lazzarato e Vinicio Ongini La frittata, p. 2 l Racconto popolare L uomo e il topo muschiato, p. 5 l Lev Tolstòj Mio e tuo, p. 8 l Rigoberta Menchù Nonna Luna e Nonno Sole si annoiano nel cielo, p. 10 l Mito popolare del Vietnam Il bufalo, i cereali e le erbe cattive, p. 13 l Francesca Lazzarato Gopal l indovino, p. 16 l Fiaba dello Sri Lanka I due amici, p. 20 l Aleksandr N. Afanasjev Il sudicione, p. 23 l Italo Calvino La fiaba dei gatti, p. 27 l Paolo Rumiz Assediati dagli orsi bianchi, p. 32 Vai Vai Vai Vai Vai Vai Vai Vai Vai Vai

2 2 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Francesca Lazzarato e Vinicio Ongini La frittata La storia è ambientata nella Cina del passato, quando era possibile per un uomo avere più di una moglie. I sentimenti che animano i personaggi sono però ancora attuali e attribuibili agli uomini di ogni Paese e tempo. 1. chioccia: una gallina che cova le uova. 2. interesse: denaro richiesto oltre a quello prestato. C era una volta un contadino povero che, camminando lungo un sentiero tra le risaie, vide un uovo per terra e lo raccolse. Poi corse dalla moglie, gridando: «Moglie, moglie, guarda: ecco il patrimonio della nostra famiglia». «Come sarebbe?» chiese la moglie. «Io non vedo altro che un uovo.» «Certo, ma quest uovo lo farò covare dalla chioccia 1 dei vicini, e ne verrà fuori una pollastrella che farà altre uova, e altre ancora, finché non avremo un bel pollaio, il più grande del paese! Poi venderemo le nostre galline per dieci pezzi d argento, e compreremo un toro e due vacche. Quelle faranno figli a tutt andare, finché avremo tanti vitelli da poterli vendere per trecento pezzi d argento. Allora comincerò a prestare denaro, e chiederò un bell interesse 2, finché non avremo cinquecento pezzi d argento. E allora mi comprerò una casa nuova, un servitore e un altra moglie, così potremo vivere senza preoccupazione fino alla fine dei nostri giorni. Non ti sembra magnifico?» A sentir parlare di un altra moglie, la donna prese l uovo, lo ruppe, ci aggiunse funghi e cipolle, fece una frittatina e poi se la mangiò in un boccone. Furibondo, il marito la picchiò per bene e poi la trascinò davanti al giudice: «Onorevole signore, questa disgraziata si è mangiata tutto il patrimonio di famiglia! Puniscila, chiudila in prigione, gettala nell olio bollente!» «Prima di condannare o di assolvere, devo sapere tutta la storia», disse il giudice, e il contadino raccontò ogni cosa, a cominciare dall uovo trovato sul sentiero. Ma subito la moglie si difese, dicendo: «Ma che patrimonio e patrimonio! L unica cosa certa è che mio marito ha trovato l uovo e che io me lo sono mangiato: quanto al resto, sono tutte cose di là da venire». «E non hai pensato che anche la nuova moglie era di là da venire?» chiese il giudice. «Sì, ma disastri del genere bisogna prevenirli in tempo!» fece la donna, e il giudice, sorridendo, la lasciò andare, perché alla gelosia non si comanda. (F. Lazzarato e V. Ongini, L uomo che amava i draghi, Milano, A. Mondadori, 1991)

3 ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... 3 VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO I personaggi 1. Chi è il protagonista della storia? Chi sono gli altri personaggi?... Speranze e illusioni 3. Che cosa trova il contadino? Rimetti nel giusto ordine le speranze del contadino numerandole. a.... Prestare denaro e chiedere un bell interesse. b.... Far covare l uovo dalla chioccia dei vicini. c.... Avere un altra moglie. d.... Comprare un toro e due vacche. e.... Comprare una casa nuova. f.... Avere cinquecento pezzi d argento. g.... Prendere un servitore. h.... Vendere le galline per dieci pezzi d argento. i.... Avere una pollastrella che faccia altre uova. 5. Che cosa fa la moglie sentendo parlare di un altra moglie?... METTI A FUOCO Il giudizio 6. Che cosa chiede il contadino al giudice? Come si difende la moglie? a Chiede perdono. b Dice che ha mangiato l uovo perché aveva fame. c Sostiene di aver prevenuto un possibile disastro. 8. Che cosa fa il giudice? a Capisce la gelosia della donna. b Condanna la donna. c Condanna il marito per averla picchiata.

4 4 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Le parole per dirlo 9. Chioccia, pollastrella, gallina sono tre termini usati per indicare lo stesso animale. Si usano però in circostanze diverse. Collega ciascun termine alla definizione appropriata. a. Chioccia 1. L animale adulto. b. Pollastrella 2. L animale quando cova. c. Gallina 3. L animale da giovane. Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 22 Da 20 a 22 punti Bravissimo, le tue risposte sono state esaurienti. Da 16 a 19 punti Bravo, hai risposto alla maggior parte delle domande. Da 10 a 15 punti Hai risposto in modo parziale. Da 0 a 9 punti Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il brano, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. Un contadino (1 punto). 2. La moglie e un giudice (1 x 2 punti). 3. Un uovo (1 punto). 4. 1b, 2i, 3h, 4d, 5a, 6f, 7e, 8g, 9c (1 x 9 punti). 5. Fa una frittata con l uovo e se la mangia (1 punto). 6. Di punire la moglie, chiuderla in prigione, gettarla nell olio bollente (1 x 3 punti). 7. c (1 punto). 8. a (1 punto). 9. a2, b3, c1 (1 x 3 punti).

5 ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... 5 Racconto popolare L uomo e il topo muschiato La fiaba africana che stai per leggere testimonia che anche gli animali più piccoli e fastidiosi, al momento buono, possono rivelarsi alleati preziosi. 1. crocicchi: incroci di sentieri o strade. 2. topo muschiato: topo dotato di una ghiandola che secerne una sostanza dall odore sgradevole, simile al muschio. C era una volta un cacciatore che soleva andarsene col suo cane in cerca di selvaggina da portare a sua moglie e ai suoi figli. Un giorno, dopo aver camminato per un buon tratto, sentì una voce che diceva: «Cacciatore, aiutami ai crocicchi 1, e un giorno io ti aiuterò a mia volta». Il cacciatore si guardò intorno senza vedere chi avesse parlato, poi si fermò e disse: «Chi è che ha parlato? Parla ancora, in modo che io possa vedere chi sei». Allora sentì di nuovo la voce: «O signore, aiutami e anch io ti aiuterò un giorno io, il topo muschiato 2». L uomo guardò a terra, vide il piccolo animale e disse: «Io ti aiuterò ad attraversare la strada, solo che tu puzzi talmente che mi farai puzzare come te». Il topo muschiato replicò: «Oh, no, signore, soltanto aiutami ad attraversare, perché se non andrò dall altra parte morirò. Se ora mi aiuti, io ti salverò un giorno». L uomo disse: «Che! Tu che sei così piccolo salverai me che sono così grande? C è forse qualche cosa che potrebbe battere me e che tu saresti capace di affrontare? Tu menti, piccolo animale». Il topo muschiato replicò: «Oh no, signore! Basta che tu mi sollevi da terra col tuo arco, se hai paura che io ti faccia puzzare, e mi getti dall altra parte del sentiero; e un giorno ti salverò da un grande guaio». Il cacciatore prese l arco, sollevò il topo muschiato al di sopra del sentiero e lo fece ricadere dall altra parte. «Ti ringrazio moltissimo di aver avuto pietà di me», disse il topo muschiato. E qui i due si separarono e ciascuno proseguì il suo cammino. E questo fu quanto accadde quel giorno. All alba del giorno dopo, l uomo prese i suoi soliti arnesi da caccia, chiamò il cane e uscì. Era la stagione delle piogge e il cielo era coperto di enormi nubi che oscuravano la vista. Continuò a camminare e intanto uccise tre galline faraone finché ebbe la fortuna di vedere una caverna e vi entrò col suo cane, proprio quando la pioggia cominciava a cadere a torrenti. Bene, là nascosto nell ombra vi era anche il topo muschiato. Ora avvenne che un leone, che era uscito anche lui a caccia, stava cercando un rifugio contro la pioggia e arrivò proprio a quella caverna. L uomo alzò gli occhi e vide che era entrato un leone; afferrò le sue armi con virile coraggio, ma il leone si diede a ruggire terribilmente,

6 6 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA: bramoso: desideroso. finché la caverna tremò tutta e parve vicina a crollare. Allora il leone disse all uomo: «Bene, signore, date al cane le faraone che avete lì, e quando le avrà mangiate voi potrete mangiare il cane, e infine io mangerò voi. Che ne dite?» L uomo, piangendo, disse: «Oggi io morirò a causa della caccia!» In quel momento sentirono una voce che veniva da un angolo della caverna e diceva: «Sì, signore, date al cane le faraone, e quando le avrà mangiate potrete mangiarvi il cane e il signor leone potrà mangiare voi; ma quando vi avrà mangiato io mangerò lui.» E quando il topo muschiato ebbe finito di parlare, aggiunse: «Bene, ragazzi della guardia del corpo del re, voi che ne dite?» E le termiti nella caverna risposero: «Mmmmmmmmm». Qui il leone e l uomo rimasero stupefatti, chiedendosi chi fosse a parlare nella caverna. E sentirono la voce che ripeteva: «Sissignore, date al cane le faraone e voi mangiate il cane e il leone vi mangerà e allora io mangerò il leone. Ho detto giusto, uomini della guardia reale?» E le termiti replicarono: «Mmmmmmmm». Ora, il leone era più preoccupato di esser mangiato che non bramoso 3 di mangiare, e l uomo gli disse: «Tieni su la caverna, che non crolli, e io andrò a tagliare dei pali per puntellarla». Il leone acconsentì. L uomo allora se ne andò, mentre il leone continuava a sostenere la caverna per paura che crollasse. L uomo si mise a correre più veloce che poteva e il cane fece altrettanto e non si fermarono finché non arrivarono a casa. Un giorno il cacciatore incontrò di nuovo il topo muschiato e il topo disse: «Lo sai tu chi era che parlava nella caverna e diceva: O signore, dai al cane le faraone e tu mangiati il cane e il leone poi mangerà te e io mangerò il leone? Non ti ho detto forse che ti avrei salvato, quando mi hai aiutato ad attraversare la strada? E infatti ho spaventato il leone e ti ho salvato». L uomo lo ringraziò moltissimo e poi andò a casa e raccontò tutto a sua moglie, e tutti furono felici. (adatt. da Leggende della Madre Africa, a cura di R. Abrahams, Milano, Arcana Editrice, 1987) VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO Una richiesta insolita 1. Chi incontra il cacciatore?... Quale caratteristica del personaggio preoccupa il cacciatore? Che cosa gli chiede?... Che cosa gli promette in cambio?...

7 ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... 7 Un incontro imprevisto 3. Perché il cacciatore entra nella grotta? Chi ha la sua stessa idea?... METTI A FUOCO Stratagemmi 5. Con quali stratagemmi il topo riesce a spaventare il leone? a Non facendosi vedere. b Usando delle armi. c Facendo credere al leone di essere un re. d Facendo credere al leone che le termiti siano la guardia del corpo del re. e Minacciandolo di far crollare la caverna. 6. Che cosa dimostra la favola? a Tanti animali piccoli valgono più di un solo animale grande. b A fare del bene ci si guadagna sempre. c Bisogna essere grati a chi ci fa del bene. Le parole per dirlo 7. L espressione «la pioggia cominciava a cadere a torrenti» paragona la forza della pioggia a un torrente. Sapresti spiegare le seguenti espressioni, anch esse riferite alla pioggia? a. Piove a catinelle:... b. Piove a dirotto:... Conosci altre espressioni che si riferiscono alla pioggia? Se sì, quali?... Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 12 Da 11 a 12 punti Da 8 a 10 punti Da 0 a 7 punti Bravo, hai dato le risposte esatte. Le risposte sono incomplete. Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il brano, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. Un topo muschiato. La sua puzza (1 x 2 punti). 2. Di aiutarlo ad attraversare la strada. Di salvarlo un giorno (1 x 2 punti). 3. Per la pioggia (1 punto). 4. Un leone (1 punto). 5. a, c, d. (1 x 3 punti). 6. b (1 punto). 7. a. Piove con la forza di catini d acqua rovesciati. b. Piove in modo scrosciante (1 x 2 punti).

8 8 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Lev Tolstòj Mio e tuo Il breve racconto dello scrittore russo Lev Tolstòj dimostra come le circostanze possano influenzare e modificare il comportamento delle persone. 1. zietto: forma familiare di rispetto verso gli anziani. Un vecchio e un giovane stavano andando insieme per strada. E vedono che sulla strada c è una borsa piena di soldi. Il giovane la raccolse e disse: «Ecco che Dio mi ha mandato un bel colpo di fortuna». Ma il vecchio disse: «Eh, ma dobbiamo fare a metà». Il giovane disse: «No, non l abbiamo trovata insieme, io solo l ho raccolta». Il vecchio non disse nulla. Camminarono ancora per un po. A un tratto sentono arrivare dei cavalieri al galoppo, che gridano: «Chi ha rubato una borsa piena di soldi?» Il giovane ebbe paura e disse: «Di, zietto 1, adesso non ci succederà mica qualche guaio per la borsa che abbiamo trovata». Il vecchio disse: «Non l abbiamo trovata, l hai trovata tu e i guai saranno tuoi e non nostri». Arrestarono il giovane e lo portarono in città dal giudice, e il vecchio se ne andò a casa sua. (L. Tolstòj, Dal nuovo abbecedario, trad. it. I. Sibaldi, Milano, A. Mondadori, 2005) VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO Sulla strada 1. Che cosa vedono i due uomini?... Chi la raccoglie? Che cosa chiedono i cavalieri?... METTI A FUOCO Comportamenti diversi 3. Indica quali sentimenti guidano il comportamento del giovane nelle seguenti circostanze. a. Davanti alla borsa piena di soldi: egoismo. generosità. b. All arrivo delle guardie: sincerità. ipocrisia.

9 ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... 9 Le parole per dirlo 4. Nel testo ci sono delle espressioni in corsivo: l abbiamo, l hai, tu, tuoi, nostri. L uso del corsivo: a è un errore. b serve per mettere in rilievo le differenze. Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 6 6 punti Bravo, hai dato le risposte esatte. Da 4 a 5 punti Le tue risposte sono incomplete. Da 0 a 3 punti Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il racconto, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. Una borsa piena di soldi. Il giovane (1 x 2 punti). 2. Chi ha rubato la borsa (1 punto). 3. a. egoismo, b. ipocrisia (1 x 2 punti). 4. b (1 punto).

10 10 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Rigoberta Menchù Nonna Luna e Nonno Sole si annoiano nel cielo Il brano che stai per leggere è un mito che appartiene alla tradizione maya, un antica civiltà del Guatemala, nell America centrale. 1. macchia solare: area opaca presente sulla superficie del Sole dovuta a grandi esplosioni di gas. 2. meteoriti: frammenti di materiale celeste, di varie dimensioni e peso. Nonna Luna era molto triste. E quando Nonno Sole vide la tristezza piena di piccole macchie sul viso di Nonna Luna, allora capì che quella stessa tristezza lui la stava provando da molti secoli. Nonna Luna e Nonno Sole vivevano sospesi nel cielo, fra nuvole di zucchero filato. Quando ne avevano voglia, prendevano un pezzetto di zucchero, che era un pezzetto di nuvola, e se lo mangiavano. Erano fili rosa, arancioni, celesti, molto dolci perché erano fatti di zucchero. Ma quando si è soli, ci si annoia. E sebbene Nonno Sole fosse innamorato di Nonna Luna, e vedesse la sua luce riflessa sul volto della sposa, gli mancava comunque qualcosa. Aveva voglia di qualcosa. E allora, dall oscurità, che solamente il Sole, con i suoi capelli d oro, o la Luna, con la sua luce bianca, potevano rompere, i Nonni crearono le stelle con quattrocento ragazzi che venivano da un libro sacro. Come erano allegri e contenti Nonna Luna e Nonno Sole di quei quattrocento ragazzi, anzi, di quelle stelle che brillavano con le loro lucine, come punte di spilli nella notte! Assomigliavano a noi bambini, durante una delle feste che costellavano l anno. Tuttavia, proprio come a noi bambini, il gusto della novità gli passò subito. «E adesso che cosa facciamo con queste stelle, con questi quattrocento ragazzi che sì, brillano, ma sono muti come il cielo nero dal quale pendono?» «Stelle, parlateci!» gridarono Nonna Luna e Nonno Sole. Ma le stelle rimasero mute. Erano quattrocento ragazzi muti. I Nonni ci rimasero proprio male. «E adesso che cosa inventiamo?» si dissero. Nonno Sole vide di nuovo la tristezza dipingersi, come una ruga celeste, sul volto di Nonna Luna. E lui, che rifletteva la sua luce sul viso della Nonna, sentì come la tristezza di lei si rifletteva nel suo cuore. Dalla collera, fece esplodere una macchia solare 1. FLUOFFFF! fece la grande macchia quando esplose, illuminando vari universi. Nonno Sole si mise a camminare nel cielo, che non era più vuoto come prima, e inciampava nelle stelle, e queste si rompevano in mille pezzi che si chiamarono meteoriti 2. A ogni scivolone del Nonno, PLINNNN! partivano come schegge migliaia di frammenti di stella che se ne andavano in giro per tutto l universo. Talvolta, di notte, vediamo una stella cadere con la coda e tutto. In realtà, non è una stella, ma è Nonno Sole che camminando è inciampato, perché non si è ancora abi-

11 ALUNNO:... CLASSE:... DATA: civettuola: vanitosa, desiderosa di piacere. tuato alla presenza delle stelle fra i piedi. «E adesso che cosa faccio per rendere felice la mia amata Luna?» diceva, e inciampava, e allora PLINNNN! migliaia di meteoriti volavano nel cielo. Questo faceva molto ridere Nonna Luna, che imparò a chinarsi, perché i primi meteoriti la colpirono sul viso, lasciandole piccole macchie che a lei, che è molto civettuola 3, non piacciono per nulla. Si chinava, lasciava passare i meteoriti e pensava: Che cosa possiamo inventare per essere felici, e perché la nostra creazione non sia così noiosa? I due, insieme, entrambi, all unisono, ebbero la stessa idea. «Creeremo due grandi spiriti che si occuperanno di darci la felicità che ci manca. Creeremo il Cuore della Terra e gli daremo un nome maya: Uk u x Ulew, e creeremo il Cuore del Cielo e anche a lui daremo un nome maya; lo chiameremo Uh u x Kaj. Il Cuore della Terra sarà la Madre tenera e affettuosa delle creature che nasceranno dalle sue forti viscere, e il Cuore del Cielo sarà il padre tenero e affettuoso delle creature che nasceranno dalle sue forti viscere. Così sia», dissero Nonna Luna e Nonno Sole. Ed erano così contenti che si misero a danzare nell universo, facendo un gigantesco girotondo con le stelle, che erano quattrocento ragazzi. È per questo che durante la grande festa del paese i ballerini indossano le maschere del Sole, le maschere della Luna e le maschere delle stelle, e danzano tutto il giorno, per ricordare la volta, tanto tempo fa, in cui Nonna Luna e Nonno Sole crearono nostra Madre, il Cuore della Terra, e nostro Padre, il Cuore del Cielo. (R. Menchù, Il vaso di miele, trad. it. M. Trambaioli, Milano, Sperling & Kupfer, 2002) VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO Tristezza nel cielo 1. Perché Nonno Sole e Nonna Luna sono tristi? Devi dare più di una risposta. a Si sentono soli. b Non brillano come vorrebbero. c Litigano spesso tra loro. d Sentono la mancanza di qualcosa. e Non si amano più. f Si annoiano. La creazione 2. Quali sono le prime cose create?... La creazione soddisfa i due nonni? Come sono nati i meteoriti?...

12 12 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA: Che cosa provocano i meteoriti sul viso di Nonna Luna? Di chi sono figli gli uomini? a Del Sole e della Luna. b Della Terra e del Cielo. METTI A FUOCO Le caratteristiche del mito 6. Quali tra le seguenti spiegazioni fornisce il mito? a La nascita delle stelle. b L origine dell uomo. c La grandezza della civiltà maya. d Le macchie sulla superficie della Luna. e La presenza dei meteoriti. f La presenza della religione. 7. Il mito può essere definito: a una spiegazione scientifica. b una spiegazione popolare. c una creazione fantasiosa. Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 13 Da 12 a 13 punti Da 8 a 11 punti Da 0 a 7 punti Bravo, hai individuato le risposte esatte. Hai risposto in modo limitato. Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il brano, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. a, d, f (1 x 3 punti). 2. Quattrocento stelle. No, perché sono mute (1 x 2 punti). 3. Da stelle su cui incespica Nonno Sole (1 punto). 4. Delle macchie (1 punto). 5. b (1 punto). 6. a, b, d, e (1 x 4 punti). 7. b (1 punto).

13 ALUNNO:... CLASSE:... DATA: Mito popolare del Vietnam Il bufalo, i cereali e le erbe cattive La creazione è stata spiegata agli uomini da numerosi miti popolari, tra cui questo, originario del Vietnam, uno Stato del Sud-Est asiatico. Il mito riflette anche l importanza che il lavoro dei campi ha avuto e ha ancora nel Paese. 1. baccano: rumore assordante, prodotto soprattutto da voci umane. 2. rimostranze: lamentele. 3. al suo cospetto: davanti a lui. 4. una sola mascella: il bufalo, come tutti i bovini, è privo di incisivi e canini nella mascella superiore, per cui, per nutrirsi, strappa l erba con la lingua e poi la mastica lungamente. Il Re del Cielo, dopo la creazione della terra e degli esseri destinati a popolarla, aveva dimenticato di pensare a fornire loro del cibo. Gli uomini e le bestie cominciarono allora a lamentarsi, lanciando grida di dolore e di rabbia. Il baccano 1 arrivò fino alla Corte Celeste. Per riparare alla sua dimenticanza, il Re del Cielo creò i cinque principali cereali per nutrire gli uomini e le bestie. Cercò poi un volontario per piantare i semi sulla terra. Si presentò solo Bo Tac. Il Re del Cielo gli affidò due grandi sacchi, uno conteneva i semi dei cereali, l altro i semi delle erbe selvatiche. Gli raccomandò a lungo di seminare prima i semi dei cereali e di non seminare le erbe selvatiche che qualche tempo più tardi. Il volontario lo rassicurò e scese sulla terra con i due sacchi. Il cuore di Bo Tac, però, era grande quanto era piccolo il suo cervello e gli capitò di confondere un sacco con l altro. Le erbe cattive invasero allora la terra, lasciando ai cereali solo un piccolo spazio. Bo Tac, che non si era accorto di nulla, ritornò alla Corte Celeste per riferire al Re del Cielo il risultato della sua missione. Gli uomini però, sempre insoddisfatti della loro condizione e desiderosi di avere di più, cominciarono a lamentarsi, alzando al Cielo lamenti e grida. Gli rimproverarono di avere privilegiato gli animali, dando loro un cibo vario e abbondante e di avere costretto l uomo a lavorare con il sudore della fronte. Il Cielo sentì questi lamenti e aprì un inchiesta. Scoprì allora le ragioni delle rimostranze 2 e l errore che aveva commesso il suo inviato. Fece quindi venire Bo Tac al suo cospetto 3 e gli disse: «Non hai fatto quello che ti ho detto. Prima hai seminato le erbe e dopo i cereali. Per colpa tua le erbe hanno invaso la terra e il genere umano soffre. Per permetterti di riparare al tuo errore, ti condanno a mangiare l erba e ad aiutare gli uomini a coltivare i cereali». Così Bo Tac fu trasformato in bufalo e da allora aiuta gli uomini ad arare la terra. Il Cielo gli ha donato un grande appetito e una sola mascella 4, obbligandolo così a mangiare in continuazione e avere sempre fame. (Fiabe dal Vietnam, dal Laos e dalla Cambogia, trad. it. E. Galasso, Milano, A. Mondadori, 1996)

14 14 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO Nel cielo 1. Chi è il creatore?... Che cosa ha dimenticato? Che cosa viene creato per nutrire uomini e bestie? 3. Chi viene inviato sulla terra?... Che cosa porta con sé?... Le istruzioni 4. Bo Tac riceve precise istruzioni, ma confonde i sacchi. Completa la tabella. a. Dovrebbe seminare b. Semina Prima Qualche tempo più tardi Sulla terra 5. Quali sono le conseguenze dell azione di Bo Tac? Completa le frasi. a. Le erbe cattive... b. Ai cereali Come reagiscono gli uomini? 7. In quale animale viene trasformato Bo Tac per punizione? METTI A FUOCO Le caratteristiche del mito 8. Il brano che hai letto è un mito perché: a è immaginario. b parla di dei. c spiega alcuni aspetti della creazione. d presenta personaggi famosi. e parla di animali. 9. Quali tra le seguenti spiegazioni dà questo mito? Devi dare più di una risposta. a Come furono creati i cereali. b Perché gli uomini si lamentano sempre. c Come furono creati i bufali. d Perché ci sono più erbe cattive che cereali. e Come fu punito Bo Tac. f Perché gli uomini devono lavorare.

15 ALUNNO:... CLASSE:... DATA: Le parole per dirlo 10. Il baccano che fanno gli uomini nel testo è un rumore assordante, prodotto soprattutto da voci umane. Per definire il rumore si usano varie parole; le conosci? Individuale tra le seguenti. a Frastuono. b Stordimento. c Fragore. d Trambusto. e Rimbombo. f Fracasso. g Strepito. h Chiasso. i Rombo. l Risonanza. Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 27 Da 25 a 27 punti Da 20 a 24 punti Da 15 a 19 punti Da 9 a 14 punti Da 0 a 8 punti Bravissimo, hai risposto in maniera completa o quasi. Bravo, hai saputo rispondere a quasi tutte le domande. Hai individuato quasi la metà delle risposte. Ti sono sfuggiti diversi elementi del testo. Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il brano, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. Il Re del Cielo. Il cibo per uomini e bestie (1 x 2 punti). 2. Cinque cereali ed erbe selvatiche (1 x 2 punti). 3. Bo Tac. Un sacco di semi di cereali e un sacco di erbe selvatiche (1 x 3 punti). 4. a. cereali / erbe selvatiche; b. erbe selvatiche / cereali (1 x 4 punti). 5. a. invasero la terra; b. fu lasciato solo un piccolo spazio (1 x 2 punti). 6. Insoddisfatti, alzarono lamenti e grida al Cielo (1 punto). 7. Bufalo (1 punto). 8. c (1 punto). 9. a, c, d, f (1 x 4 punti). 10. a, c, e, f, g, h, i (1 x 7 punti).

16 16 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Francesca Lazzarato Gopal l indovino Il protagonista di questo racconto indiano è un giovane con più difetti che virtù; eppure la fortuna sembra stare dalla sua parte, aiutandolo a uscire dalle situazioni problematiche in cui viene a trovarsi. 1. kabab: o kebab, o kebap, fette di carne d agnello, manzo, montone o pollo infilate in uno spiedo verticale e cotte alla brace. Qui però si tratta di polpette infilate su spiedini. 2. masala: condimento preparato con varie spezie. La madre di Gopal era vedova e anziana eppure doveva mantenere il figlio, che non aveva mai avuto voglia di lavorare. Ma un giorno la donna lo prese da parte e gli disse: «Gopal, io sono molto vecchia e presto morirò. Non faresti meglio a trovarti un lavoro? Chi provvederà a te, quando io non ci sarò più?» Gopal ci pensò su e si rese conto che la madre diceva la verità, perciò rispose: «Va bene, mamma! Andrò in cerca di un lavoro e non tornerò a casa finché non l avrò trovato». Si mise subito in cammino, ma dopo un po cominciò a dire: «Povero me, vorrei proprio tornarmene a casa! Ma ho promesso! Però potrei sempre entrare senza che mia madre se ne accorga, e farmi una bella dormita». Così si intrufolò in casa e si nascose in soffitta. Intanto, siccome Gopal non tornava, la vedova pensò che forse il figlio aveva trovato lavoro e che al suo ritorno avrebbe avuto una gran fame. Allora decise di cucinare un buon kabab 1, e, mentre preparava la carne, non si accorse che Gopal la spiava dalla soffitta e annusava il profumo del masala 2 con l acquolina in bocca. Sono addirittura dieci! disse tra sé Gopal, contando le grosse polpette infilate sugli spiedini. Me le mangerò una dopo l altra. E fece dieci nodi alla cordicella che teneva sempre in tasca, perché non voleva dimenticare nemmeno uno di quei bocconi saporiti. Verso sera la vedova andò a trovare una vicina e Gopal ne approfittò per uscire dalla soffitta. Poi chiamò la madre a gran voce e lei corse a dargli il benvenuto, convinta che fosse appena tornato dal lavoro. Quando Gopal le disse che aveva cercato per tutto il giorno senza trovare nulla, la vedova ci rimase male, ma cercò di consolarlo. «Non preoccuparti, figlio! Tenterai di nuovo domani. E adesso vieni a mangiare, ti ho preparato una bella cena». Senza riflettere, Gopal disse: «Sì, non vedo l ora di assaggiare quel meraviglioso kabab». «Come fai a sapere che ho cucinato proprio il kabab?» gli chiese la madre sorpresa. «Oh, lo so!» rispose Gopal, mostrandole il pezzo di corda, e aggiunse: «Hai preparato tante polpette quanti sono i nodi su questa corda».

17 ALUNNO:... CLASSE:... DATA: Sua madre contò i nodi e vide che erano dieci, né più né meno. Stupefatta, pensò che il figlio fosse diventato un indovino e corse a raccontarlo ai vicini: il pigro Gopal aveva poteri soprannaturali! Chi l avrebbe mai detto? Proprio quel giorno il vasaio della porta accanto aveva perso il suo asino, e quando sentì le chiacchiere della vedova si precipitò da Gopal per chiedere aiuto. «Gopal, figlio mio!» lo pregò. «Per favore, ritrovami l asino, altrimenti non potrò andare in giro a vendere la mia mercanzia e finirò per morire di fame». Gopal sapeva bene che, se avesse raccontato la verità, sua madre l avrebbe cacciato di casa. Perciò decise di stare al gioco e disse: «Non preoccuparti, domani mattina troverai il tuo asino davanti alla porta». Il vasaio se ne andò via tutto contento, ma adesso sì che Gopal era nei guai. Doveva ritrovare l asino a tutti i costi, e dopo aver mangiato il suo kabab girò per il paese e guardò in ogni stradina, finché non vide l animale che brucava placidamente l erba in un angolo del cimitero. E la mattina dopo, quando si svegliò, il vasaio trovò il suo asino legato davanti alla porta, proprio come aveva detto Gopal. Così Gopal diventò famoso. Ormai non si parlava che dei suoi straordinari poteri, e andò a finire che un ricco mercante lo mandò a chiamare perché ritrovasse il prezioso anello di sua moglie. «A me non importa niente di quello stupido anello», disse il mercante a Gopal. «Ma mia moglie è davvero disperata e piange tutto il giorno. Sono disposto a farti ricco per tutta la vita, pur di restituirle la pace». Gopal, naturalmente, non aveva la minima idea di come ritrovare l anello, ma rispose: «Signore, prima devo interrogare gli dei, e per questo ci vuole tempo. Fra tre giorni ti darò una risposta». «D accordo», acconsentì il mercante. «Ma bada che se allo scadere del tempo non mi riporterai l anello, ti farò arrestare come imbroglione». E adesso come me la cavo? si preoccupò Gopal. Era così spaventato che per due giorni non riuscì né a mangiare né a dormire, e al tramonto del terzo andò a sedersi in riva al fiume, pensando che quasi quasi era meglio morire affogato piuttosto che finire in prigione. Ma proprio in quel momento sentì le voci di due lavandaie che risalivano l argine, con le ceste piene di panni appena lavati. E una di loro disse: «Dove hai nascosto l anello?» «L ho messo in un sacco pieno di riso, vicino alla finestra della soffitta», rispose l altra, «e domattina andrò a venderlo in città. Così anche noi potremo fare le signore e la smetteremo di star sempre con le mani nell acqua!» Subito Gopal si mise alle calcagna delle due donne e le seguì fino alla casa del loro padrone, che poi era il mercante.

18 18 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Ormai il falso indovino non doveva fare altro che rivelare il nascondiglio dell anello e mettersi in tasca la ricompensa. E quando Gopal tornò a casa della madre, carico di monete d oro e di stoffe preziose, la vedova quasi scoppiò dalla gioia: anche un figlio pigro può dare delle soddisfazioni! VERIFICA SE HAI BEN CAPITO IL TESTO (F. Lazzarato, L elefante di pietra, Milano, A. Mondadori, 1996) Madre e figlio 1. Perché Gopal non ha un lavoro? Che cosa chiede la madre al figlio?... Perché: a vorrebbe che il figlio la mantenesse. b non vuole più vederlo in casa a far nulla. c si preoccupa del suo futuro. Una fama immeritata 3. Dove trascorre la giornata Gopal, anziché cercare lavoro?... Che cosa vede dal suo nascondiglio? Perché Gopal fa dieci nodi sulla corda?... Che cosa pensa la madre? Chi chiede a Gopal di ritrovargli l asino?... Dove è finito l animale?... Scomparso o rubato? 6. In che modo Gopal ritrova l anello? a Facendo un accurata perquisizione della casa. b Interrogando le domestiche. c Ascoltando per caso due lavandaie. METTI A FUOCO Giudica il protagonista 7. Che tipo è Gopal? Scegli tra i seguenti aggettivi i tre che lo descrivono meglio e sottolineali. Laborioso pigro intelligente fortunato bugiardo sincero.

19 ALUNNO:... CLASSE:... DATA: Gopal merita la fama che ha conquistato come indovino? Sì. No. Le parole per dirlo 9. Qual è il significato delle seguenti espressioni, che abbiamo tratto dal testo? Collegale con una linea alla definizione appropriata. a. Ci pensò su 1. Capacità non umane. b. S intrufolò 2. Entrò di nascosto. c. [Avere] l acquolina in bocca 3. Rifletté sulla situazione. d. Poteri soprannaturali 4. Aver voglia di mangiare qualcosa, pregustarla. e. Brucava 5. Tagliare o strappare l erba coi denti. Autovalutazione Punteggio ottenuto:... / 19 Da 18 a 19 punti Da 14 a 17 punti Da 9 a 13 punti Da 0 a 8 punti Bravissimo, hai individuato tutte le risposte. Bravo, hai trovato molte risposte. Ti sono sfuggiti molti particolari; devi leggere con maggior attenzione. Ti consigliamo di rileggere tra qualche tempo il racconto, con maggior attenzione. Soluzioni e punteggio: 1. Perché non ha mai avuto voglia di lavorare (1 punto). 2. Di trovarsi un lavoro; c (1 x 2 punti). 3. Nella soffitta. La madre che prepara del kabab (1 x 2 punti). 4. Per ricordare il numero delle polpette. Che Gopal sia diventato un indovino (1 x 2 punti). 5. Un vasaio. Nel cimitero (1 x 2 punti). 6. a (1 punto). 7. Pigro, fortunato, bugiardo (1 x 3 punti). 8. No (1 punto). 9. a3, b2, c4, d1, e5 (1 x 5 punti).

20 20 Parole amiche on line ALUNNO:... CLASSE:... DATA:... Fiaba dello Sri Lanka I due amici Nelle fiabe si incontrano spesso animali che nel loro comportamento riproducono caratteristiche umane: ad esempio, animali parlanti, come l orso di questa fiaba dello Sri Lanka, lo Stato che si trova in un isola dell Oceano indiano, a sud-est dell India. 1. caprioli: erbivori con pelame bruno rossiccio e corna presenti solo nel maschio. C erano una volta due amici. Uno dei due era grande e forte, mentre l altro era piccolo e debole; ma nonostante fossero tanto diversi stavano sempre assieme. Il grande Forte non voleva fare nulla se non l aiutava il piccolo Debole, il piccolo Debole ammirava il suo grande amico Forte e faceva tutto quello che lui gli chiedeva. Così i due avevano già avuto parecchie avventure assieme. Un giorno i due amici decisero di andare a caccia. Quando giunsero nella foresta si misero a cercare dei caprioli 1, ma non riuscirono a scoprire nessun capriolo per quanto girassero in lungo e in largo. Trascorsero tutto il giorno nella foresta, ma senza risultati. Stanchi e delusi stavano appunto per mettersi sulla via del ritorno quando, all improvviso, sentirono un forte rumore. Rimasero fermi e ascoltarono: quando il rumore si ripeté, Debole disse al suo grande amico Forte: «Amico mio, credo che ci sia un orso molto vicino! Andiamo via di qui prima che ci noti!» «Vigliacco!» rispose allora il Forte. «Hai forse paura di un orso? Siamo in due! Andiamo a vedere se riusciamo ad abbatterlo!» Visto che il grande Forte parlava così senza timore, il piccolo Debole raccolse tutto il suo coraggio e si dichiarò d accordo. Gli chiese: «Amico mio, che cosa dobbiamo fare?» e il grande Forte rispose: «Vai avanti e cerca di spaventare l orso. Poi corri via, e io verrò fuori e lo colpirò. L orso resterà sorpreso e non saprà che fare! Non avere paura, non ti può succedere nulla!» Siccome Debole aveva sempre ubbidito al suo amico, pensò che anche quella volta sarebbe andato tutto bene e avanzò lentamente, picchiando con un bastone contro i tronchi. Nel frattempo il grande Forte si nascose dietro a un albero e attese per vedere che cosa accadeva. All improvviso l orso una bestia imponente uscì da un cespuglio e corse grugnendo addosso al piccolo Debole. Questi lasciò cadere tutto quello che aveva in mano e corse più in fretta che poté verso l albero dietro cui si nascondeva il suo amico, gridando: «Arriva l orso. Aiutami e abbattilo!» Ma urlare era inutile, dato che, nel frattempo, Forte si era arrampicato sull albero e da lassù gridava al suo amico: «Sono qui sopra! Vieni in fretta e sali anche tu!» Debole però non aveva abbastanza forza per arrampicarsi, e perciò si sdraiò a terra, trattenne il respiro, chiuse gli occhi e fece finta di essere morto.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia Mondadori Education Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia C era a Perugia un giovane il cui nome era Andreuccio; egli vendeva e comperava cavalli e, avendo una volta sentito che Napoli era un luogo

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima)

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) Indice Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11 FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) FAVOLA 2 La rana Susanna 29 (La paura del giudizio degli altri) FAVOLA 3 Il cavallo Riccardo 41 (Il dover essere

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano».

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». LA VOLPE E IL GAMBERO Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». «Va bene» acconsentì il gambero. E subito dopo urlò: «Pronti, via!». La volpe si mise a correre, il gambero

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Il viaggio di Stella

Il viaggio di Stella Il viaggio di Stella Laboratorio di narrazione collettiva Classi II C e IV B Anno scolastico 2011/2012 Primo Circolo Didattico di Poggibonsi, Scuola Primaria"Vittorio Veneto" Nota dell insegnante Chiunque

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli