Natale Perego Elisabetta Ghislanzoni. Parole in viaggio. Narrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Natale Perego Elisabetta Ghislanzoni. Parole in viaggio. Narrativa"

Transcript

1 Natale Perego Elisabetta Ghislanzoni Parole in viaggio Narrativa

2 Natale Perego Elisabetta Ghislanzoni Parole in viaggio Narrativa

3 Copyright 2011 Zanichelli editore S.p.A., Bologna [6781] I diritti di elaborazione in qualsiasi forma o opera, di memorizzazione anche digitale su supporti di qualsiasi tipo (inclusi magnetici e ottici), di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), i diritti di noleggio, di prestito e di traduzione sono riservati per tutti i paesi. L acquisto della presente copia dell opera non implica il trasferimento dei suddetti diritti né li esaurisce. Le fotocopie per uso personale (cioè privato e individuale, con esclusione quindi di strumenti di uso collettivo) nei limiti del 15% di ciascun volume, dietro pagamento alla S.I.A.E del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Tali fotocopie possono essere effettuate negli esercizi commerciali convenzionati S.I.A.E. o con altre modalità indicate da S.I.A.E. Per le riproduzioni ad uso non personale (ad esempio: professionale, economico, commerciale, strumenti di studio collettivi, come dispense e simili) l editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell ingegno (AIDRO) Corso di Porta Romana, n Milano e sito web L editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale, consultabile al sito La fotocopia dei soli esemplari esistenti nelle biblioteche di tali opere è consentita, oltre il limite del 15%, non essendo concorrenziale all opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche. Nei contratti di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all art ter legge diritto d autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: Il progetto e l organizzazione generale dell opera sono frutto di un lavoro di ricerca e riflessione comune, del quale gli autori si assumono congiuntamente la responsabilità scientifica e didattica. Realizzazione editoriale: Coordinamento editoriale: Sandro Invidia Coordinamento redazionale: Silvia Doffo Redazione: Pendragon, Silvia Doffo, con la collaborazione di Rossella Frezzato e Marinella Lombardi Segreteria di redazione: Rossella Frezzato Progetto grafico e impaginazione: Roberto Marchetti Ricerca iconografica: Giorgia Tolfo, Claudia Patella, Maria Giulia Pasi, Chiara Presepi Contributi: Revisione critica e scrittura di parti di testo: Martina Melis, Maria Giovanna Zini Rilettura critica: Andrea Pagani Stesura delle mappe linguistiche: Cristiana De Santis Stesura delle pagine relative alla pittura: Maria Giulia Pasi Stesura delle pagine relative ai testi d uso: Anna Del Viscovo Copertina: Progetto grafico: Miguel Sal & C., Bologna Realizzazione: Roberto Marchetti Immagine di copertina: Artwork Miguel Sal & C., Bologna Per meglio illustrare elementi e caratteristiche del testo narrativo sono state utilizzate in questo libro alcune immagini di prodotti in commercio. In nessun caso tali immagini vanno interpretate come una scelta di merito da parte dell editore né, tanto meno, come un invito al consumo di determinati prodotti. Prima edizione: gennaio 2011 L impegno a mantenere invariato il contenuto di questo volume per un quinquennio (art. 5 legge n. 169/2008) è comunicato nel catalogo Zanichelli, disponibile anche online sul sito ai sensi del DM 41 dell 8 aprile 2009, All. 1/B. Zanichelli editore S.p.A. opera con sistema qualità certificato CertiCarGraf n. 477 sec ondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

4 II Indice Percorso A Strumenti Il testo Unità 1 Elementi e caratteristiche fondamentali Che cos è un testo 2 Le funzioni di un testo 2 Il testo letterario 3 Il testo d uso 3 Unità 2 Il testo narrativo I generi letterari 4 La narrazione breve 5 La narrazione lunga 5 Sotto la lente Romanzo 7 Le costanti del testo narrativo Unità 3 La struttura del testo narrativo Fabula e intreccio 8 Le sequenze 10 Schema logico del testo 12 Laboratorio Guy de Maupassant, Due amici 13 Sotto la lente La guerra franco-prussiana 17 Unità 4 Il tempo Tempo della storia e tempo del racconto 21 Il ritmo narrativo 22 La distanza 23 I tempi verbali nella narrazione 24 L azione espressa dal verbo 25 Tempi della narrazione e tempi del commento 26 La prospettiva linguistica: i tempi del verbo 26 Laboratorio Anton Čechov, La morte dell impiegato 27 Storie da scoprire Racconti russi dell Ottocento 28 Unità 5 Lo spazio Diversi ambienti 32 Diverse rappresentazioni 32 Le funzioni dello spazio 32 La descrizione 33 Laboratorio Heinrich Böll, Viandante, se giungi a Spa 35 Unità 6 I personaggi Modi di presentare i personaggi 44 Caratteristiche dei personaggi 45 Sistema dei personaggi 46 Sotto la lente Protagonista 47 Laboratorio Hanif Kureishi, Mio figlio il fanatico 48 Sotto la lente Fanatismo 51 Unità 7 Il narratore e il punto di vista Narratore e racconto 56 Narratore e punto di vista 57 Laboratorio Pino Corrias, L ultima rapina di Babbo Natale 60 Storie da scoprire Gomorra (2006), di Roberto Saviano: kalashnikov 62 Unità 8 Le scelte linguistiche e stilistiche Pensieri e parole dei personaggi 67 Scelte lessicali 68 Sintassi del testo 69 Laboratorio Stefano Benni, La storia di Pronto Soccorso e Beauty Case 70 Sotto la lente Lingua e stile di Stefano Benni 74 Griglia di analisi di un testo narrativo 78 Laboratorio Alberto Moravia, Le ore piccole 80 Altri linguaggi Unità 9 La pittura Brevi cenni storici 86 Il codice pittorico 86 Gli elementi del linguaggio visivo 87 Le tecniche della pittura 90

5 Indice III Unità 10 Il cinema Brevi cenni storici 92 Il codice cinematografico 92 La sceneggiatura 92 Le inquadrature 93 Il montaggio 93 Griglia di analisi di un film 94 Laboratorio Tim Burton, Big Fish 95 Unità 12 I testi d uso Il testo descrittivo 101 Il testo espositivo 102 I testi narrativi 105 I testi valutativi 107 I testi regolativi 109 I testi argomentativi 111 Unità 11 Il fumetto Brevi cenni storici 96 Un testo, molti codici 96 Il codice grafico 96 Il codice linguistico 98 Il codice iconico 99 Percorso B Una storia di racconti e di romanzi Ray Bradbury Dei libri bisogna fare un rogo 136 Storie da scoprire Fahrenheit 451 (1953), di Ray Bradbury 139 Per approfondire Giorgio Faletti Scrivere? È stato il primo sogno nel cassetto 146 Lettura di un film Peter Weir L attimo fuggente 149 Lettura di un tema d arte Gianfilippo Usellini La biblioteca magica 150 Verifica di fine unità Italo Calvino I classici 151 Unità 1 Vivere di parole e di libri Miguel de Cervantes Perdere il senno a causa dei libri 116 Storie da scoprire Don Chisciotte della Mancia ( ), di Miguel de Cervantes 118 Sotto la lente ll romanzo cavalleresco 119 Edgar Allan Poe Scrivere non è frutto del caso 123 Storie da scoprire Il Corvo (1845), di Edgar Allan Poe 126 Franz Kafka Questo racconto l ho scritto in un fiato 129 Sotto la lente Scrivere e leggere 130 Raymond Carver Il mestiere di scrivere 132 Unità 2 La narrazione breve Giovanni Boccaccio Calandrino e l elitropia 156 Sotto la lente La narrazione breve 158 Storie da scoprire Decameron ( ), di Giovanni Boccaccio 160 Ernst Theodor Amadeus Hoffmann L Orco Insabbia 166 Storie da scoprire L Orco Insabbia (1818), di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann 170 Federico de Roberto Il rosario 175 Sotto la lente Il Verismo 177 Jack London Guerra 187 Isaac Asimov Sistema antiquato 193

6 IV Indice Sotto la lente La fantascienza al cinema 198 Per approfondire Alberto Manguel Leggere a tutti i costi 204 Lettura di un film Pier Paolo Pasolini Il Decameron 206 Lettura di un fumetto Hugo Pratt Una ballata del mare salato 207 Verifica di fine unità Carlo Lucarelli Il silenzio dei musei 210 Unità 3 Il racconto e il romanzo fantastico Mary Shelley Frankenstein e la nascita del mostro 216 Storie da scoprire Frankenstein (1818), di Mary Shelley 217 Bram Stoker Il conte Dracula 220 Storie da scoprire Dracula (1897), di Bram Stoker 222 Sotto la lente Vampiri al cinema 225 Edgar Allan Poe Il pozzo e il pendolo 228 Sotto la lente L Inquisizione 230 Lewis Carroll Alice nella tana del Coniglio 237 Storie da scoprire Alice nel paese delle meraviglie (1865), di Lewis Carroll 238 Richard Matheson Io sono leggenda 243 Storie da scoprire Io sono leggenda (1954), di Richard Matheson 244 Per approfondire Antonio Tabucchi Sogni di viaggi, avventure e libertà 247 Lettura di un film Richard Kelly Donnie Darko 249 Lettura di un fumetto Mœbius Arzach e l onirico 250 Verifica di fine unità Stephenie Meyer Mi spiegherai tutto 252 Unità 4 Il romanzo classico Daniel Defoe L intraprendenza di Robinson Crusoe 258 Sotto la lente Il romanzo: dalle origini all Ottocento 260 Storie da scoprire Robinson Crusoe (1719), di Daniel Defoe 262 Alessandro Manzoni Questo matrimonio non s ha da fare 266 Per conoscere Alessandro Manzoni 268 Storie da scoprire I promessi sposi (1840), di Alessandro Manzoni 271 Sotto la lente Il Seicento 272 Victor Hugo Un atto di fiducia che cambia la vita 276 Storie da scoprire I miserabili (1862), di Victor Hugo 278 Fëdor Dostoevskij Raskòlnikov è preda del rimorso 283 Storie da scoprire Delitto e castigo (1866), di Fëdor Dostoevskij 284 Giovanni Verga La morte di Bastianazzo 290 Storie da scoprire I Malavoglia (1881), di Giovanni Verga 293 Per approfondire Sam Savage Il peccato di gola del topo Firmino 298 Lettura di un film Roman Polanski Oliver Twist 301 Lettura di un tema d arte Giovanni Fattori Uomini e animali 302 Verifica di fine unità Charles Dickens In vendita 304 Unità 5 Il romanzo del Novecento Oscar Wilde Il segreto del ritratto 314 Sotto la lente Il romanzo dal Novecento ai nostri giorni 316 Storie da scoprire Il ritratto di Dorian Gray (1891), di Oscar Wilde 318 Luigi Pirandello Cambio d identità 323 Per conoscere Luigi Pirandello 325 Storie da scoprire Il fu Mattia Pascal (1904), di Luigi Pirandello 326 Sotto la lente Identità 328 Ernest Hemingway Una sfida disperata 333 Storie da scoprire Il vecchio e il mare (1952), di Ernest Hemingway 334 Gabriel García Márquez La malattia dell insonnia 340 Storie da scoprire Cent anni di solitudine (1967), di Gabriel García Márquez 341 Sotto la lente La letteratura latino-americana 342

7 Indice V Umberto Eco Le deduzioni di frate Guglielmo 348 Storie da scoprire Il nome della rosa (1980), di Umberto Eco 350 Per approfondire Cristina Taglietti Un amore difettoso. Storie di vite separate come i numeri primi 354 Lettura di un film Oliver Parker Dorian Gray 357 Lettura di un fumetto Paul Auster, David Mazzucchelli, Paul Karasik Città di vetro 358 Verifica di fine unità Andrea Camilleri La finta cattura di Tano u grecu 360 Percorso C Leggere dentro di noi Storie da scoprire Lo specchio in letteratura 392 Per approfondire Sigmund Freud Scrigni di memoria: i sogni 398 Lettura di un film Gus Van Sant Paranoid Park 401 Lettura di un tema d arte Vincent Van Gogh Autoritratti di un dramma personale 402 Verifica di fine unità Khaled Hosseini Il cacciatore di aquiloni 404 Unità 2 Aspirazioni segrete, miti da inseguire Unità 1 Ciascuno ha la sua storia Vasco Pratolini Il fratellino adottato 370 Storie da scoprire Il quartiere (1943), Cronaca familiare (1947), di Vasco Pratolini 372 Cesare Pavese Ritorno al paese d origine 375 Storie da scoprire La luna e i falò (1950), di Cesare Pavese 376 Sotto la lente Ricordo, memoria 377 Natalia Ginzburg Gioie e inquietudini 380 Italo Svevo L ultima sigaretta 383 Storie da scoprire La coscienza di Zeno (1923), di Italo Svevo 384 Sotto la lente La figura dell inetto 385 Luigi Pirandello Problemi di naso 389 Storie da scoprire Uno, nessuno e centomila (1926), di Luigi Pirandello 390 Stendhal Le ambizioni del giovane Julien Sorel 410 Storie da scoprire Il rosso e il nero (1830), di Stendhal 412 Gustave Flaubert I sogni inconcludenti di Emma 416 Storie da scoprire La signora Bovary (1856), di Gustave Flaubert 418 Sotto la lente Il Naturalismo 419 Herman Melville La personale battaglia del capitano Achab 423 Storie da scoprire Moby Dick (1851), di Herman Melville 424 Hermann Hesse La scelta di Siddharta 428 Storie da scoprire Siddharta (1922), di Hermann Hesse 431 Antonio Skármeta Come mi piacerebbe essere poeta 435 Storie da scoprire Il postino di Neruda (1986), di Antonio Skármeta 436 Per approfondire Sandro Montanari Originali oppure omologati? 441

8 VI Indice Sotto la lente Omologazione 442 Lettura di un film Danny Boyle The Millionaire 443 Lettura di un tema d arte Andy Warhol I miti del consumismo 444 Verifica di fine unità Francesco Piccolo Per terre assai lontane 446 Unità 3 Gioie, amicizie, amori Fred Uhlman Nascita di un amicizia 456 Storie da scoprire L amico ritrovato (1971), di Fred Uhlman 457 Hermann Hesse Sul ghiaccio 461 Sotto la lente Passione 462 Sotto la lente Il bacio in letteratura 464 Thomas Mann Tonio Kröger al ballo 467 Storie da scoprire Tonio Kröger (1903), di Thomas Mann 468 Per conoscere La famiglia Mann, una famiglia di scrittori 469 Iris Origo Il primo amore di Giacomo Leopardi 473 Beppe Fenoglio Nove lune 477 Sotto la lente Il Neorealismo 480 Per approfondire Sandro Onofri Innamorarsi a sedici anni 485 Storie da scoprire Tra i banchi di scuola 486 Lettura di un film Paolo Virzì Ovosodo 487 Lettura di un tema d arte Francesco Hayez L amore romantico 488 Verifica di fine unità Andrea De Carlo Due di due 490 Unità 4 Voglia e paura di crescere Natalia Ginzburg I rapporti umani 496 Per conoscere Natalia Ginzburg 500 Doris Lessing Alba sul veld 506 Sotto la lente Apartheid 507 Alberto Moravia Operazione Pasqualino 515 Storie da scoprire Stand by me Ricordo di un estate (1986), di Rob Reiner 517 Ian McEwan I Grandi 522 Beppe Fenoglio La sposa bambina 529 Per approfondire Silvia Vegetti Finzi, Anna Maria Battistin In mezzo al guado 535 Lettura di un film Marco Tullio Giordana Quando sei nato non puoi più nasconderti 537 Lettura di un tema d arte Pierre-Auguste Renoir Il palpito della vita 538 Verifica di fine unità James Joyce Eveline 540 Percorso D Leggere intorno a noi Unità 1 La famiglia: gabbia o rifugio Elias Canetti La malattia della mamma. Il professore 548 Storie da scoprire La lingua salvata (1977), di Elias Canetti 550 Sotto la lente Complesso di Edipo e Complesso di Elettra 552 Alberto Moravia La cassaforte dietro l immagine sacra 555 Storie da scoprire Agostino (1944), La disubbidienza (1948), di Alberto Moravia 556

9 Indice VII Federigo Tozzi Un giovane 560 Storie da scoprire Con gli occhi chiusi (1919), Tre croci (1920), Il podere (1920), di Federigo Tozzi 562 Italo Calvino Pranzo con un pastore 566 Susanna Tamaro Un difficile rapporto affettivo 573 Storie da scoprire Va dove ti porta il cuore (1994), di Susanna Tamaro 574 Storie da scoprire Romanzi e racconti sugli adolescenti e la famiglia 576 Per approfondire Marinella Ferranti Un consenso motivato 579 Lettura di un film Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud Persepolis 581 Lettura di un tema d arte Marc Chagall Memorie e affetti famigliari 582 Verifica di fine unità Natalia Ginzburg Basta una parola 584 Unità 2 I tanti volti della diversità Ferenc Molnár Geréb, il traditore 590 Storie da scoprire I ragazzi di via Pál (1907), di Ferenc Molnár 592 Sotto la lente Classici della narrativa d avventura 594 Giuseppe Pontiggia Il go-kart 599 Storie da scoprire Nati due volte (2000), di Giuseppe Pontiggia 600 Storie da scoprire Romanzi sulla disabilità 601 Pier Paolo Pasolini Quel disgraziato del Riccetto 604 Storie da scoprire Ragazzi di vita (1955), di Pier Paolo Pasolini 605 Paola Mastrocola Latino agile flessibile 610 Elsa Morante La moglie di Antonio 616 Storie da scoprire La storia (1974), di Elsa Morante 617 Per approfondire Luigi Ciotti Chi ha paura delle mele marce? 621 Lettura di un film Gianni Amelio Le chiavi di casa 623 Lettura di un tema d arte Henri de Toulouse-Lautrec La Parigi notturna 624 Verifica di fine unità Eric-Emmanuel Schmitt Monsieur Ibrahim 626 Unità 3 Quanta vita a scuola Gavino Ledda Strappato alla scuola 632 Storie da scoprire Padre padrone: l educazione di un pastore (1975), di Gavino Ledda 634 Giorgio Bassani La mia classe 638 Storie da scoprire Il giardino dei Finzi-Contini (1962), Dietro la porta (1964), di Giorgio Bassani 641 Marcella Olschki Oggi, niente lezioni 644 Storie da scoprire Terza liceo 1939 (1956), di Marcella Olschki 646 Enrico Brizzi La scuola di Jack Frusciante 649 Storie da scoprire Jack Frusciante è uscito dal gruppo (1994), di Enrico Brizzi 651 Giuseppe Berto Esami di maturità 655 Storie da scoprire I film sulla scuola 659 Per approfondire Francesca Soli in cattedra 662 Lettura di un film Laurent Cantet La classe entre les murs 665 Lettura di un tema d arte Differenti lezioni nell Ottocento 666 Verifica di fine unità Christophe Dufossé La prima ora 667 Unità 4 Obbedire o trasgredire? Renato Fucini I soldi del babbo sciupati al gioco 672 Franz Kafka Lettera al padre 676

10 VIII Indice Jerome David Salinger La vita è una partita, figliolo 683 Storie da scoprire Il giovane Holden (1951), di Jerome David Salinger 684 Erri De Luca Il pannello 689 Sotto la lente Il Sessantotto 692 Italo Calvino Del prendersela coi giovani 697 Sotto la lente Giovani ribelli al cinema 699 Per conoscere Italo Calvino 700 Per approfondire Barbara Strauch Faccende rischiose 703 Lettura di un film Sean Penn Into the wild Nelle terre selvagge 705 Lettura di un tema d arte Renato Guttuso Al ritmo del boogie woogie 706 Verifica di fine unità Cristiano Cavina Alla grande 708 Percorso E Leggere nel tempo Unità 1 Le culture degli altri Claude Lévi-Strauss L etnocentrismo 716 Emilio Franzina Merica! Merica! 719 AA.VV. Opportunità e rischi dei processi di globalizzazione 722 Federico Rampini Fabbrica italiana, ingegneri indiani 727 Grazia Naletto La politica che esclude 732 Verifica di fine unità Gianni Sofri, Francesca Sofri Modelli di convivenza 736 Unità 2 Realtà che cambiano Giorgio Cricco, Francesco Paolo Di Teodoro La narrazione della Colonna Traiana per immagini 742 Nadia Tarantini Inizio di carriera 745 Roberto Seghetti Come ti scelgo la notizia 749 AA.VV. La concorrenza di Internet 754 Ernesto Assante Per la mia generazione la privacy non è un valore 757 Verifica di fine unità Aurelio Magistà Incollati al cellulare 760 Glossario 763

11 Percorso A Strumenti Il testo 1 Elementi e caratteristiche fondamentali 2 Il testo narrativo Le costanti del testo narrativo 3 La struttura del testo narrativo 4 Il tempo 5 Lo spazio 6 I personaggi 7 Il narratore e il punto di vista 8 Le scelte linguistiche e stilistiche Griglia di analisi di un testo narrativo Altri linguaggi 9 La pittura 10 Il cinema 11 Il fumetto 12 I testi d uso

12 percorso A 2 Strumenti 1 Il testo Elementi e caratteristiche fondamentali Che cos è un testo parole chiave La parola testo deriva dal latino texere che significa tessere. Il termine testo deriva dal latino textum, participio passato del verbo texere, che significa tessere. Esso è quindi un tessuto di parole disposte e collegate con coerenza, così come il tessuto è un sistema di fili intrecciati tra loro secondo precise norme. Il testo è un atto comunicativo, in forma orale o scritta, che permette a un emittente di trasmettere un messaggio a un destinatario, attraverso un codice (la lingua) e un canale (voce, posta, , ecc.), in un determinato contesto (la realtà esterna cui allude il messaggio). Canale Emittente Messaggio Destinatario Codice Contesto Provando a esemplificare lo schema, si può dire che un autore (emittente) scrive (canale) un testo (messaggio) in italiano (codice) per un lettore (destinatario), riferendosi a un particolare contesto. Se solo uno di questi elementi viene a mancare, l atto comunicativo non avviene correttamente: è sufficiente, ad esempio, che il codice (la lingua) non sia noto al destinatario oppure che l emittente faccia riferimento a un contesto che il destinatario ignora. Le funzioni di un testo A seconda dell obiettivo che si pone l emittente, un testo può rispondere a una o più funzioni comunicative: funzione emotiva, quando in primo piano si pone l emittente stesso; viene sottolineato l atteggiamento del soggetto riguardo all oggetto di cui parla (Sono felice);

13 Strumenti Il testo 1unità 3 funzione conativa (o persuasiva), quando l intenzione è quella di condizionare il comportamento del destinatario; si tratta normalmente di espressioni esortative o imperative (Muoviti!); funzione referenziale (o denotativa), quando viene posto l accento sul contesto (Oggi piove); funzione fatica, quando si verifica la validità del canale comunicativo (Pronto? Mi senti?); funzione metalinguistica, se viene messo in rilievo il codice stesso ovvero se si parla della lingua attraverso la lingua (Capisci quello che voglio dire?); funzione poetica, se viene dato risalto al messaggio in quanto tale. È una funzione propria non solo della poesia, ma anche, ad esempio, della pubblicità, quando si vuole produrre un enunciato stilisticamente ricercato ed efficace: Elementi e caratteristiche fondamentali È molto difficile che un testo corrisponda a una sola delle funzioni comunicative; accade invece che una prevalga sulle altre. Il testo letterario Si parla di testo letterario quando in esso prevale la funzione poetica, ovvero quando il contenuto della comunicazione non può essere disgiunto dalla forma espressiva. In altre parole, un testo letterario, attraverso la forma in cui viene espresso il contenuto (contenuto denotativo), acquista una pluralità di significati ulteriori (significati connotativi) che lo apre a interpretazioni sempre nuove. Il testo d uso In un testo d uso, contrariamente a quanto accade per quello letterario, è invece più importante il contenuto del messaggio rispetto alla forma in cui viene comunicato. Alcuni dei testi d uso più diffusi sono: testi descrittivi; testi espositivi; testi narrativi; testi valutativi; testi regolativi; testi argomentativi. parole chiave Nel testo letterario prevale la funzione poetica: la forma in cui viene espresso il messaggio è più importante del contenuto. parole chiave Nel testo d uso il contenuto del messaggio è più importante della forma in cui esso viene espresso.

14 percorso A 4 Strumenti 2 Il testo Il testo narrativo Il testo letterario narrativo narra una storia, realistica o fantastica, frutto dell invenzione dell autore, presentata però come se fosse veramente accaduta o potesse accadere. In esso la storia narrata ha in sé la sua ragione d essere per il piacere di chi narra e chi ascolta, mentre le altre funzioni comunicative risultano secondarie; infine in esso è importante non solo ciò che viene esposto, ma anche il modo in cui viene narrato. Questa ampia definizione riguarda testi molto diversi tra loro, ma accomunati da alcune componenti, chiamate costanti: la struttura; il tempo; lo spazio; i personaggi; il narratore e il punto di vista; le scelte linguistiche e stilistiche. I generi letterari Un genere letterario riunisce testi accomunati da caratteristiche formali e contenutistiche omogenee. La suddivisione per genere è cambiata nel corso dei secoli, rispecchiando la produzione artistica della società del tempo. Nell antichità, quando la narrazione era in versi, il filosofo greco Aristotele ( a.c.) aveva Testi narrativi in prosa narrazione breve Fiaba Favola Novella o racconto Romanzo Romanzo storico Romanzo d avventura Romanzo sociale Romanzo realista Romanzo di formazione Romanzo d appendice Romanzo psicologico Romanzo fantastico Romanzo epistolare Romanzo poliziesco

15 Strumenti Il testo 2unità 5 definito tre grandi generi letterari: la poesia epica, la poesia drammatica e la poesia lirica. Questa suddivisione è stata messa in crisi nell Ottocento, con la decisiva affermazione del romanzo, e oggi si è soliti distinguere testi: in prosa (narrativa), in cui si racconta una storia, reale o frutto dell inventiva dell autore; in versi (lirica), in cui viene espresso il mondo interiore dell autore; teatrali (drammaturgia), in cui la narrazione di una vicenda è affidata alla voce e alla gestualità degli attori. Si tratta delle tragedie, delle commedie, dei drammi moderni. Una particolare forma di testo teatrale è il melodramma, in cui le diverse parti vengono recitate cantando. I testi in prosa si possono suddividere in base alla loro lunghezza: la narrazione breve comprende fiaba, favola, novella o racconto, mentre la narrazione più estesa corrisponde al romanzo. Il testo narrativo La narrazione breve La fiaba è un testo narrativo di origine popolare, appartenente alle culture di tutto il mondo, trasmesso per molti secoli oralmente. Tra i personaggi compaiono esseri sovrannaturali, frutto della fantasia, come mostri, streghe, orchi, gnomi. Le fiabe che conosciamo sono il frutto del lavoro di raccolta e di trascrizione di scrittori come Charles Perrault ( ), i fratelli Jacob e Wilhelm Grimm ( ; ) o Italo Calvino ( ), che ha raggruppato le fiabe italiane secondo la regione di provenienza. Accanto alla fiaba tradizionale esistono anche fiabe moderne, come quelle di Hans Christian Andersen ( ) o di Carlo Collodi ( ). Di origine colta, ossia opera di letterati, è invece la favola, genere che affonda le sue radici nella classicità greca con Esopo (ca a.c.) e latina con Fedro (ca 15 a.c.-50 d.c.). Scritta generalmente in versi, la favola presenta di solito come protagonisti animali parlanti, dotati dei vizi e delle virtù degli uomini. Il suo fine è morale e pedagogico, induce cioè a riflettere su comportamenti individuali o sociali. Tra i favolisti moderni ricordiamo il francese Jean de La Fontaine ( ), gli italiani Trilussa ( ) e Pietro Pancrazi ( ). La novella è un testo narrativo caratterizzato dalla brevità (il nome si riferisce alla novità e alla curiosità dei fatti narrati), che nasce e si afferma in Toscana nel Trecento con il Decameron di Giovanni Boccaccio ( ), si diffonde in Italia e in Europa, conoscendo un grande successo fino alla seconda metà del Seicento. Le vicende narrate sono spesso immaginarie, ma verosimili, in un contesto storico e sociale ben definito. Nell Ottocento a questo termine si sostituisce quello di racconto (il termine, dal verbo latino contare, si riferisce al riferire in un certo ordine, raccontare ), per segnare l allontanamento progressivo dal modello tradizionale. Tuttavia la distinzione di denominazione non è rigida, tanto che autori come Giovanni Verga ( ) nell Ottocento e Luigi Pirandello ( ) nel Novecento scelgono di chiamare novelle le loro opere. La narrazione lunga Il romanzo è un testo letterario narrativo in prosa di una certa estensione, che si distingue dalla novella o racconto non solo per la lunghezza, ma anche per la conseguente ricchezza di intreccio, di situazioni e di personaggi. parole chiave La fiaba è un testo narrativo d origine popolare, caratterizzato dalla presenza di esseri fantastici come streghe, orchi, fate. parole chiave La favola è un testo narrativo con fine pedagogico e animali dai tratti umani come protagonisti. parole chiave La novella o racconto sono testi narrativi di breve estensione su fatti reali o verosimili. parole chiave Il romanzo è un testo letterario narrativo lungo, che narra vicende reali o immaginarie.

16 percorso A 6 Strumenti La narrazione lunga ha esempi antichissimi in Grecia (La storia vera di Luciano di Samosata) e a Roma (il Satyricon di Petronio, le Metamorfosi di Apuleio), anche se tali opere non erano considerate un genere definito. A partire dal secolo XII in Francia e in Italia vengono chiamati romanzi delle narrazioni lunghe, in versi o in prosa, su temi analoghi a quelli dei poemi epicocavallereschi: la storia antica (Il romanzo di Troia, Il romanzo di Alessandro), le avventure e gli amori di cavalieri (Tristano, Lancillotto), i vizi umani (Romanzo della rosa). Tuttavia questi romanzi e le successive grandi opere narrative del Cinquecento e del Seicento (Gargantua e Pantagruel di François Rabelais, Don Chisciotte di Miguel de Cervantes) nascono al di fuori di qualsiasi classificazione letteraria. Solo con le importanti trasformazioni economiche e sociali del Settecento nasce il romanzo in senso moderno, come testo letterario codificato in grado di interpretare le esigenze della nuova società. Questo nuovo genere trova diffusione dapprima in Inghilterra, ma ben presto si impone in tutta Europa. Nell Ottocento, infatti, il romanzo si afferma, grazie alle nuove realtà sociali e culturali, come il genere letterario più popolare, mantenendo fino a oggi questo primato. Il romanzo si può suddividere in sottogeneri, raggruppamenti in base al contenuto tematico: romanzo storico: si caratterizza per la storicità della situazione e di alcuni personaggi. Si è soliti considerare l opera Ivanhoe (1819) di Walter Scott ( ) come iniziatrice di questo sottogenere; romanzo d avventura: la narrazione si incentra su viaggi e peripezie di personaggi, reali o immaginari. I primi esempi in età moderna si hanno nel Settecento con Robinson Crusoe (1719) di Daniel Defoe ( ) ( p. 258) e I viaggi di Gulliver (1726) di Jonathan Swift ( ); romanzo sociale: si occupa di denunciare la realtà di ceti socialmente svantaggiati. Ne sono esempio alcune opere di Charles Dickens ( ), come Le avventure di Oliver Twist (1838) o David Copperfield (1850); romanzo realista: narra la contemporaneità, dedicando particolare attenzione alla descrizione degli ambienti e dei personaggi. Esempi di romanzi realisti sono la Commedia umana di Honoré de Balzac ( ), che può essere considerato l iniziatore del genere, e I miserabili (1862) di Victor Hugo ( ) ( p. 276); romanzo di formazione: la narrazione segue l evoluzione di un personaggio, dall infanzia all età adulta. Un noto esempio è Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister (1796) di Johann Wolfgang Goethe ( ); romanzo d appendice: è basato su colpi di scena, avventure, personaggi ben delineati. Nasce a metà Ottocento in Francia (feuilleton) come pubblicazione a puntate su periodici; romanzo psicologico: si concentra sull analisi dell animo umano. Nasce tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento, grazie a opere come Delitto e castigo (1886) di Fëdor Dostoevskij ( ) ( p. 283) e Il fu Mattia Pascal (1904) di Luigi Pirandello ( ) ( p. 323); romanzo fantastico: narra fatti che non hanno spiegazione razionale, come Cent anni di solitudine (1967) di Gabriel García Márquez (1928) ( p. 340); romanzo epistolare: la narrazione è affidata alle lettere di uno o più personaggi; ne sono esempio I dolori del giovane Werther (1774) di Johann Wolfgang

17 Strumenti Il testo 2unità 7 Goethe ( ) e Le ultime lettere di Jacopo Ortis (1798) di Ugo Foscolo ( ); romanzo poliziesco e giallo: al centro c è un delitto o un crimine, risolto da investigatori o poliziotti. L iniziatore è considerato Edgar Allan Poe ( ; pp. 123, 228) con I delitti della Rue Morgue (1841). Sotto la lente Romanzo lat. tardo romanus abitante della Romània, che parla latino Romanzo deriva dal francese antico romanz, testo scritto in francese (anziché in latino), e indicava un genere letterario diffuso nella Francia del nord a partire dal XII secolo: i romanzi cavallereschi (che narravano le avventure di personaggi leggendari come il re Artù) si opponevano, infatti, ai componimenti di carattere colto scritti in latino. Nella Romània, cioè nei territori conquistati dai romani, con l indebolirsi dell Impero, il latino si era mescolato agli idiomi locali dando luogo a lingue diverse da provincia a provincia: i latini volgari (cioè parlati dal popolo), da cui derivano le lingue neolatine o romanze: italiano, francese, spagnolo, catalano, portoghese, rumeno e altre lingue minori. Intorno all anno 1000 si diffonde la consapevolezza che queste lingue possono essere utilizzate per redigere documenti comprensibili al popolo, ma anche per comporre versi nuovi nella forma e nei contenuti. Per indicare le diverse lingue volgari, si diffonde allora il sostantivo romance (da cui discende il fr. ant. romanz) derivato per contrazione da un espressione del latino popolare: romanice (parabolare), cioè (parlare) al modo degli abitanti della Romània, in opposizione a romanice loqui, parlare in latino. Nel latino classico, infatti, il verbo che indicava il parlare era loqui, da cui deriva la parola italiana loquela. L italiano romanzo ebbe inizialmente il significato di componimento in volgare e solo a partire dal Seicento iniziò a indicare un opera in prosa, caratterizzata da una narrazione ampia e articolata di fatti immaginari. Dal sostantivo si formò nel Settecento l aggettivo romanzesco che significa relativo al romanzo, ma anche inverosimile. Dall equivalente inglese di questo aggettivo, romantic, ci è arrivato invece nell Ottocento l aggettivo romantico, cioè relativo alla corrente letteraria del Romanticismo, ma con il significato anche di sentimentale. Il testo narrativo lat. popolare romanice al modo degli abitanti della Romània romanice (parabolare) parlare in volgare romance lingua volgare fr. ant. romanz testo in volgare francese, racconto di avventura ROMANZO componimento in volgare italiano (dal XII sec.), poi opera di invenzione (dal XVII sec.) Esercizi 1. Dal termine romanzo deriva anche il nome di una composizione musicale di carattere sentimentale per voce e strumenti: quale? 2. Da una variante di romanzo, ramanzo, deriva un sostantivo che indica un lungo rimprovero: quale?

18 percorso A 8 Strumenti 3 Le costanti del testo narrativo La struttura del testo narrativo Per comprendere la struttura di un testo narrativo è utile conoscere: la distinzione tra fabula e intreccio; l individuazione delle sequenze; la ricostruzione dello schema logico del testo. Fabula e intreccio parole chiave Con fabula si intende il racconto dei fatti secondo l ordine naturale (cronologico). Si ha intreccio quando l autore altera in modo artificiale la narrazione degli eventi L autore, nel creare la storia che intende raccontare, può seguire l ordine naturale, cioè l ordine logico-cronologico dei fatti la fabula, ma può anche alterarlo, lavorando sull intreccio. La fabula è l insieme degli eventi secondo la loro successione logico-temporale-causale (il prima e il dopo, prima le cause, poi le conseguenze). L intreccio è la costruzione, il montaggio degli eventi secondo un ordine voluto dall autore che li organizza sulla base di sue personali esigenze espressive. Il breve testo che segue è narrato secondo un ordine logico e cronologico, cioè secondo la fabula: 1. Luigi ha preso la bicicletta ed è partito per un giro in paese. 2. In piazza ha incontrato un carissimo amico che non vedeva da tempo e si è intrattenuto con lui a lungo. 3. Entrambi hanno raccontato le loro ultime vicende di vita e 4. prima di lasciarsi si sono dati appuntamento per la sera in pizzeria. È possibile, comunque, alterare la successione degli avvenimenti, creando un certo intreccio: Luigi quella sera si è incontrato in pizzeria con un suo caro amico. 2. Si erano ritrovati casualmente nel pomeriggio sulla piazza del paese, dove Luigi era arrivato 1. dopo che aveva deciso di fare un bel giro in bicicletta. 3. Da tempo si erano persi di vista e si sono raccontati le loro ultime vicende L intreccio può anche essere costruito diversamente: 2. In piazza, Luigi ha incontrato un amico che aveva perso di vista da tempo 3. e si sono intrattenuti a parlare delle rispettive ultime vicende. 4. Prima di lasciarsi si sono dati appuntamento per la sera in pizzeria. 1. Luigi era giunto in piazza in sella alla sua bicicletta, dopo che aveva deciso di fare un giro in paese.

19 Le costanti del testo Strumenti narrativo 3unità 9 Grandi poemi del passato sono stati costruiti alterando il corso naturale degli eventi. Si pensi all Odissea: gran parte delle peripezie che ha affrontato Ulisse vengono narrate dallo stesso protagonista al re dei Feaci, Alcinoo, presso il quale è giunto dopo aver perso la propria imbarcazione e i compagni di viaggio. Ogni autore può sviluppare il suo racconto in diversi modi, determinando: una piena corrispondenza tra fabula e intreccio. Ciò determina testi lineari e semplici che seguono l ordine cronologico e causale degli eventi, come avviene nella fiaba o nella favola; una sfasatura parziale degli avvenimenti. Avviene, ad esempio, quando il racconto inizia in medias res, nel bel mezzo della vicenda, come nel caso dell Odissea o dell Eneide; l avvio del racconto a partire dall evento finale. L ordine degli avvenimenti viene rovesciato, dando risalto a un fatto che risulta essere decisivo nello sviluppo dell intreccio. Le modalità narrative, con le quali un autore interrompe l ordine cronologico degli avvenimenti, si chiamano analessi e prolessi. Si ha analessi (ripresa) o, con termine inglese, flashback ( lampo all indietro ), quando il narratore interrompe gli avvenimenti e riprende un fatto accaduto in precedenza, la cui conoscenza diventa a quel punto utile per lo svolgimento della storia. Proponiamo un esempio tratto dal racconto della vita di un vecchio indiano, Koskoosh, narrata da Jack London ( ): parole chiave In medias res significa in mezzo alle cose : è l espressione che si usa per indicare una narrazione che inizia nel mezzo degli avvenimenti. parole chiave Flashback, letteralmente lampo all indietro, indica un salto temporale all indietro. Suo sinonimo è analessi. La struttura del testo narrativo Koskoosh collocò un altro legnetto sul fuoco e tornò ancora più indietro nel passato. C era stato il tempo della grande carestia, quando i vecchi si accovacciavano, lo stomaco vuoto, accanto al fuoco e lasciavano cadere dalle loro labbra pallide le leggende del tempo antico, di quando lo Yukon defluì sgombro dai ghiacci per tre inverni, e poi restò ghiacciato per tre estati. Aveva perso la madre in quella carestia. Durante l estate il passaggio dei salmoni era venuto a mancare e la tribù attese ansiosamente l inverno e l arrivo dei caribù. (La legge della vita, Jack London) Si ha prolessi (anticipazione) o, con termine inglese, flash-forward ( lampo in avanti ), quando il narratore ritiene opportuno sospendere lo svolgimento naturale dei fatti per anticipare un avvenimento successivo a quelli in corso di narrazione. Il ricorso alla prolessi è però meno frequente. Troviamo un esempio nel medesimo racconto di Jack London, quando il vecchio e solitario Koskoosh si appresta a morire: Poi la mano gli corse verso la legna. Era tutto quello che rimaneva tra lui e l eternità che apriva le fauci su di lui: la misura della sua vita era una manciata di rami secchi. A uno a uno sarebbero andati ad alimentare il fuoco, e proprio così, passo a passo, la morte sarebbe avanzata lentamente verso di lui. Quando l ultimo ramo avesse ceduto il suo calore il gelo avrebbe incominciato a guadagnare forza. Dapprima si sarebbero arresi i piedi, poi le mani, e l intorpidimento avrebbe progredito, adagio, dalle estremità al corpo. La testa gli sarebbe caduta in avanti sulle ginocchia e lui avrebbe riposato. Era facile. Tutti gli uomini debbono morire. (La legge della vita, Jack London) parole chiave Flash-forward, letteralmente lampo in avanti, indica un salto temporale in avanti. Suo sinonimo è prolessi.

20 percorso A 10 Strumenti parole chiave La sequenza è una porzione di testo narrativo dotata di autonomia sul piano della sintassi e del contenuto. sequenza descrittivo-riflessiva sequenza narrativa sequenza narrativa sequenza dialogica Le sequenze La successiva operazione nell analisi del testo narrativo consiste nell individuare le sequenze che lo compongono. Ogni racconto, infatti, procede attraverso il susseguirsi di parti, brevi o ampie, dotate di una loro autonomia sintattica, che svolgono per esteso un evento e offrono in maniera compiuta un informazione, pur mantenendo la loro pienezza di significato solo in collegamento con l intero racconto. Suddividere un testo in sequenze, comunque, è un operazione piuttosto soggettiva. Può essere utile a tal fine osservare un cambiamento di tempo verbale, un cambiamento di luogo, di azione, di personaggi, di modalità narrative (prima una descrizione, poi un dialogo). Possiamo avere vari tipi di sequenze, a seconda della funzione che svolgono: sequenze narrative: le parti del racconto che presentano le azioni, gli avvenimenti che costituiscono la storia; sequenze descrittive: le parti del racconto che hanno il compito di delineare un personaggio, di descrivere un ambiente, di introdurre in un luogo nel quale si svolge la vicenda; sequenze riflessive: le parti del racconto che riportano ragionamenti, giudizi, opinioni, stati d animo dei vari personaggi o dell autore del racconto; sequenze dialogiche: le parti del racconto che propongono dei dialoghi tra i personaggi. Nella fiaba che segue, La scienza della fiacca, vengono indicate le diverse sequenze: C era una volta un vecchio Turco, che aveva un solo figliolo e gli voleva più bene che alla luce degli occhi. Si sa che per i Turchi, il più gran castigo che Dio abbia messo al mondo è il lavoro; perciò quando suo figlio compì i quattordici anni, pensò di metterlo a scuola perché imparasse il miglior sistema per battere la fiacca. Nella stessa contrada del vecchio Turco, stava di casa un professore, da tutti conosciuto e rispettato perché in vita sua non aveva fatto che quello che non poteva farne a meno. Il vecchio Turco andò a fargli visita, e lo trovò in giardino, sdraiato all ombra d un albero di fico, con un cuscino sotto la testa, uno sotto la schiena, e uno sotto il sedere. Il vecchio Turco si disse: «Prima di parlargli voglio un po vedere come si comporta», e si nascose dietro una siepe a spiarlo. Il professore se ne stava fermo come un morto, a occhi chiusi, e solo quando sentiva: «Ciacc!», un fico maturo che cascava lì a portata di mano, allungava il braccio piano piano, lo portava alla bocca e lo ingollava. Poi, di nuovo fermo come un ciocco, ad aspettare che ne caschi un altro. «Questo qui è proprio il professore che ci vuole per mio figlio», si disse il Turco e, uscito dal nascondiglio, lo salutò e gli domandò se era disposto ad insegnare a suo figlio la scienza della fiacca. «Omo» gli disse il professore con un fil di voce, «non stare a parlar tanto, che io mi stanco ad ascoltarti. Se vuoi educare tuo figlio e farlo diventare un vero Turco, mandalo qua, e basta».

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Professoressa Manuela Colombo

Professoressa Manuela Colombo CLASSE III A classico a. s. 2012-2013 ITALIANO Professoressa Manuela Colombo Lavoro estivo per tutta la classe Letture obbligatorie Luigi Pirandello - Il fu Mattia Pascal Federigo Tozzi Con gli occhi chiusi

Dettagli

Suggerimenti bibliografici

Suggerimenti bibliografici Suggerimenti bibliografici II secolo a. C. Apuleio, Favola di Amore e psiche, tratta da L asino d oro (Apuleio, Amore e Psiche, Metamorfosi, Libro IV; Rea Editore, 2014) Omero, L Odissea XIII secolo d.c.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova

Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova Prof.ssa d Apolito Maria PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE I QG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MODULO N 1 Il linguaggio della narrativa UNITA DIDATTICA N

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO a. s. 2014-2015

PROGRAMMA SVOLTO a. s. 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO a. s. 2014-2015 MATERIA: Italiano CLASSE: Prima H INSEGNANTE: Tonelli Il programma si è articolato essenzialmente in tre parti: - La lettura di una antologia di brani (e di almeno un romanzo

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

I.I.S. P. ARTUSI - CHIANCIANO TERME. MODULO 1 Laboratorio di analisi testuale IL TESTO NARRATIVO

I.I.S. P. ARTUSI - CHIANCIANO TERME. MODULO 1 Laboratorio di analisi testuale IL TESTO NARRATIVO I.I.S. P. ARTUSI - CHIANCIANO TERME ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE: I - SEZ. B DOCENTE: ANTONELLA CELLESI PROGRAMMA DI: ITALIANO LIBRO DI TESTO: IL CAMPIELLO tomo A Testo Narrativo di D. Bassini M. Ghedini-

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO X ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

Anno scolastico 2013\2014. Classe I C. Programma di Italiano

Anno scolastico 2013\2014. Classe I C. Programma di Italiano Anno scolastico 2013\2014 Classe I C Programma di Italiano NARRATIVA Fabula, intreccio, tempo Ordine naturale e ordine narrativo Alterazione dell ordine naturale Suspense ed effetto sorpresa La narrazione

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Copertina: a colori, plastificata soft touch Legatura: brossura fresata, con alette da 10 cm. Prezzo previsto: 8,00

Copertina: a colori, plastificata soft touch Legatura: brossura fresata, con alette da 10 cm. Prezzo previsto: 8,00 NOVITÀ MAGGIO 2016 PER APPASSIONARSI AI GRANDI CLASSICI DELLA LETTERATURA PRIMA ANCORA DI AVERLI LETTI IL PRIMO INCONTRO CON I GRANDI DELLA LETTERATURA Pagine: 112 Formato: cm 14 x 18,8 Interno: non illustrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli:

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli: Programma di Italiano prof. Panico Agnese Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in analisi i seguenti capitoli: LE VICENDE BORGHIGIANE (capitoli 1-8) LA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova

Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova Istituto d Istruzione Superiore Gastaldi Abba Genova Prof.ssa d Apolito Maria PROGRAMMA SVOLTO D ITALIANO CLASSE I QG ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO N 1 Il linguaggio della narrativa UNITA DIDATTICA

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16. Programma di italiano

Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16. Programma di italiano Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16 Programma di italiano Classe: I SU B Docente: Cristina Maserati EDUCAZIONE LINGUISTICA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Ripasso di aspetti fondamentali dell

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE SECONDA ITALIANO, STORIA, EDUCAZIONE ALL IMMAGINE, EDUCAZIONE MOTORIA INSEGNANTE FINCATO SUSANNA Unità d apprendimento

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

LA FIABA. C era una volta

LA FIABA. C era una volta LA FIABA C era una volta Che cos è la FIABA: Una storia fantastica ricca di magia, di trasformazioni e di misteri Un racconto antico di origine POPOLARE che inizialmente veniva tramandato oralmente e

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI I Promessi Sposi 1 TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI S - Interesse per la Storia A - Intervento dell Autore nella Narrazione I C - Impegno Civile D - Visuale religiosa del Manzoni P - Personaggi

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA 48 VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA Nel presente documento vengono elencate le competenze d ingresso relative alla classe prima in continuità con la scuola

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 Un bambino che legge, sarà un adulto che pensa! C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura

Dettagli