L a carità sarà sempre necessaria, anche nella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L a carità sarà sempre necessaria, anche nella"

Transcript

1

2 Brasile L a carità sarà sempre necessaria, anche nella società più giusta. Non c è nessun ordinamento statale giusto che possa rendere superfluo il servizio dell amore. Chi vuole sbarazzarsi dell amore si dispone a sbarazzarsi dell uomo. [ ] gli affamati devono essere saziati, i nudi vestiti, i malati curati in vista della guarigione, i carcerati visitati, ecc [ ] i soccorritori devono essere formati in modo da saper fare la cosa giusta nel modo giusto, assumendo poi l impegno del proseguimento della cura. La competenza professionale è una prima fondamentale necessità, ma da sola non basta. Si tratta, infatti, di esseri umani, e gli esseri umani necessitano sempre di qualcosa in più di una cura solo tecnicamente corretta. Hanno bisogno di umanità. Hanno bisogno dell attenzione del cuore. Deus Caritas Est, Benedetto XVI (parr. 28, 3)

3 2 Il presente documento è stato elaborato con la consulenza esterna di Piera Benaglio e il coordinamento interno di Chiara Savelli in collaborazione con tutti i settori di AVSI. Responsabile AVSI progetto : Giampaolo Silvestri. Questo bilancio è disponibile sul sito Oppure è possibile richiederlo alle sedi AVSI di Milano e Cesena Certificato Qualità Progettazione AVSI Vincitore Oscar Bilancio 2004 Categoria No Profit Foto courtesy by Silvia Morara, Fabrizio Arigossi, Marco d Andrea, Fabio Cuttica, Paolo Pellegrin, staff AVSI nel mondo Illustrazione cartina di Lorenzo Morabito Grafica Accent on Design, Milano Fotocomposizione e stampa Esaprint. Maniago, PN CESENA V.le Carducci, Cesena Tel.: Fax: MILANO Via M. Gioia, Milano Tel.: Fax:

4 sommario Brasile Rosa Brambilla a Belo Horizonte I numeri di AVSI nel Presentazione Nota metodologica parte prima PROFILO La missione I valori guida La storia Gli stakeholder I settori di attività Cooperazione allo sviluppo Adozioni internazionali Le attività in Italia Il sistema di corporate governance La struttura organizzativa I partner locali AVSI Network Le relazioni nazionali ed internazionali parte seconda I settori di attività La cooperazione allo sviluppo I progetti in corso nel - Ambito socio-educativo - Sostegno a distanza - Sviluppo urbano - Prevenzione e tutela della salute - Formazione professionale e sviluppo piccola e media impresa - Agricoltura e ambiente - Aiuto umanitario di emergenza Le adozioni internazionali Le ragioni dell impegno L informazione e la preparazione delle coppie Progetto di sussidiarietà Le attività in Italia Gli AVSI Point La Campagna Tende Un anno di avvenimenti Corporate Social Responsability La comunicazione Le attività culturali e formative parte terza DATI ECONOMICI L ampiezza dell attività dal punto di vista economico Lo Stato Patrimoniale Il Conto Economico Relazione di certificazione Sintesi dei risultati economici e patrimoniali parte quarta Sedi AVSI in Italia Sedi AVSI nel mondo ONG e Associazioni del network AVSI Appendice : Scheda esemplificativa Appendice 2: Certificazione CSI Le risorse umane Il personale di sede Il personale all estero La formazione

5 4 PROFILO I numeri di AVSI nel 27 le ONG che formano l AVSI network, 7 delle quali si trovano nel Sud del mondo e nei paesi in transizione 3 progetti in 40 paesi del mondo circa i volontari impegnati negli AVSI Point 3 milioni di famiglie per un totale di circa 6 milioni di persone hanno beneficiato indirettamente degli interventi realizzati 4 espatriati e 535 persone di staff locale sono impiegati nei progetti realizzati i bambini sostenuti attraverso le varie attività Distribuzione di beni di prima necessità a persone

6 5 PROFILO i numeri di AVSI i genitori ed i ragazzi coinvolti in attività di formazione e sensibilizzazione 50 i pozzi costruiti e motorizzati.000 madri e donne gravide hanno beneficiato del programma PMTCT persone hanno beneficiato degli interventi di emergenza i bambini sostenuti a distanza in 33 paesi del mondo 8 strutture educative sono state costruite o riabilitate gli operatori formati persone hanno potuto usufruire dell offerta di migliori servizi sanitari (Uganda, Ruanda, Nigeria) Sostenuti 6 ospedali in Uganda e 5 cliniche sanitarie in Ruanda e Nigeria

7 Nord Uganda, Kitgum

8 7 PRESENTAZIONE Tutti noi constatiamo quotidianamente quanto il mondo sia dominato dalla violenza e dalla sopraffazione e quanto sia faticoso e lento il cammino degli uomini di buona volontà che desiderano costruire la pace. La guerra è ancora, purtroppo, un mezzo troppo frequente che gli uomini scelgono per risolvere i vari tipi di conflitto e per dare una risposta alle proprie esigenze di dominio e di potere. La Fondazione AVSI non si è ritagliata una piccola oasi accanto al mondo, ma è immersa nella realtà dolorosa del nostro tempo: in Nord-Uganda, dove per 20 anni ha imperversato la guerriglia; in Congo, dilaniato da una guerra civile che speriamo venga risolta attraverso il processo democratico in corso; in Sierra Leone, che sta faticosamente cercando di superare i danni di una lunga guerra fratricida; in Medio-Oriente (Libano, Giordania, Palestina), dove l odio fra popoli e tradizioni diverse sembra veramente inestinguibile; nell inferno delle baraccopoli che caratterizzano le grandi città latino-americane, in cui la lotta quotidiana per la sopravvivenza sembra occupare totalmente la mente ed il cuore di tanti nostri fratelli. In queste difficili circostanze il personale AVSI impegnato sul campo fa esperienza che c è sempre un positivo da cui partire e attraverso cui costruire un futuro meno drammatico per le persone che si incontrano nel bisogno. In tale contesto il Bilancio Sociale relativo alle attività del vuole essere certo una documentazione di come utilizziamo i finanziamenti pubblici e privati che riceviamo ed uno strumento di comunicazione per gli stakeholder, ma vuole essere anche e soprattutto la documentazione del miracolo dell operosità che scaturisce dall amore per gli uomini e per il loro destino, una semplice ma concreta testimonianza del lavoro positivo che uomini mossi da un ideale stanno svolgendo in favore di altri uomini che vivono in condizioni di povertà, di emarginazione, di malattia. Il Presidente Arturo Alberti

9 8 Nota metodologica Giunto alla sua quarta edizione il Bilancio Sociale di AVSI ha fatto tesoro, dal punto di vista tecnico, del processo di elaborazione emerso nell esperienza precedente a cui sono stati apportati tutti quei miglioramenti che soltanto l azione diretta consente di individuare quali utili strade da percorrere. I riferimenti metodologici fondamentali quest anno sono stati: le G3 Guidelines elaborate dalla Global Reporting Initiative (GRI), che costituiscono lo standard più diffuso a livello internazionale, i Principi di redazione del elaborati nel 200 dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale (GBS) 2 per il contesto italiano. Nella sua stesura ci siamo ispirati ai seguenti criteri: chiarezza nell esposizione dei contenuti; sinteticità nei modi di presentazione, anche attraverso l utilizzo di tabelle e in generale del linguaggio visivo; completezza dei dati e delle informazioni. Il documento è stato redatto secondo i principi di trasparenza, accuratezza, attendibilità e verificabilità. In particolare il Bilancio Sociale presenta le seguenti caratteristiche: - la parte descrittiva relativa alla missione, al profilo aziendale, alle attività, alla struttura organizzativa e ai sistemi di gestione segue i criteri indicati dalla GRI, opportunamente adattati sì da recepire le specificità di una ONG; - la parte relativa agli indicatori economici aggiunge alle misure richieste dalla GRI, anche in questo caso opportunamente adattate, una serie di informazioni relative alla raccolta fondi e alcuni indicatori del grado di efficienza; - agli indicatori di performance ambientali non è dedicata una apposita sezione come richiesto dalla GRI, in quanto essi trovano esplicitazione nei risultati di alcuni progetti in ambito agricolo e di miglioramento degli insediamenti urbani; - per quanto riguarda gli indicatori sociali, si segue la logica della GRI con riferimento ai dipendenti. Per gli indicatori che esprimono l'impatto delle azioni di AVSI sulle persone e sul loro contesto e quindi consentono di apprezzare il grado di perseguimento della missione di AVSI, si è invece ritenuto opportuno far riferimento alla logica di costruzione delle misure di performance che l'ocse, l'onu e la Banca Mondiale hanno convenuto di adottare per la valutazione degli interventi di cooperazione. Tale classificazione identifica tre categorie di indicatori: input, output, outcome, come descritte nella tabella n.. Tabella Indicatori di input, output e outcome obiettivi Input Output Outcome definizioni 3 Risorse umane, finanziarie, tecniche ed organizzative impiegate per la realizzazione degli interventi Risultati immediati delle attività che concorrono al raggiungimento dell obiettivo specifico: sono beni, servizi, decisioni e autorizzazioni direttamente generati nella fase operativa Effetto a breve, in termini di miglioramento di benessere, generato sui beneficiari diretti dell intervento La Global Reporting Initiative è un iniziativa dell organizzazione non governativa Ceres con sede a Boston che riunisce, dal 997, esponenti di importanti società di consulenza, imprese, sindacati, organizzazioni ambientaliste e religiose, investitori istituzionali, per elaborare indicatori in grado di esprimere l incidenza economica, sociale ed ambientale delle attività delle imprese. 2 Il Gruppo di studio per il Bilancio Sociale è un comitato che è stato costituito nel 998 da alcuni studiosi e operatori che in Italia si occupano della responsabilità sociale d impresa per elaborare uno strumento di rendicontazione in grado di fornire un resoconto esaustivo, verificabile e comparabile sugli effetti sociali prodotti dall attività dell impresa. 3 Manuale operativo di monitoraggio e valutazione delle iniziative di Cooperazione alla Sviluppo, Ministero degli Affari Esteri Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo.

10 9 NOTA METODOLOGICA Nella prima fase di raccolta dei dati è stato decisivo il contributo delle diverse unità operative responsabili dei progetti. Le informazioni da esse fornite sono state fondamentali ai fini delle aggregazioni riportate in questo documento. In particolare nella presentazione dei risultati relativi all attività di cooperazione allo sviluppo abbiamo: descritto le caratteristiche tipiche di ciascuna area di intervento; evidenziato le sintesi dei risultati ottenuti dai diversi progetti realizzati nel derivanti dalla aggregazione dei dati analitici forniti dai singoli capi progetto (vedi scheda esempio in appendice ). AVSI intende proseguire il cammino intrapreso attraverso il Bilancio Sociale, ponendosi precisi obiettivi di miglioramento da perseguire per il prossimo anno: - intensificazione del dialogo con gli stakeholder, attraverso forme strutturate di coinvolgimento e di rilevazione delle aspettative e del grado di soddisfazione; - miglioramento del processo di rendicontazione, inteso soprattutto come utilizzo sistematico e strutturato degli indicatori di performance che si sono cominciati a definire. Brasile, Alagados, Salvador

11 Argentina Obra Padre Mario Pantaleo

12 La missione I valori guida La storia Gli stakeholder I settori di attività Cooperazione allo sviluppo Adozioni internazionali Attività di sensibilizzazione Il sistema di corporate governance La struttura organizzativa I partner locali AVSI Network Le relazioni nazionali ed internazionali profilo

13 2 PROFILO La missione Sostenere la dignità della persona nei paesi in via di sviluppo nel solco dell insegnamento della Dottrina Sociale Cattolica con particolare attenzione all educazione e alla promozione della dignità della persona umana in tutte le sue espressioni. I valori guida Centralità della persona Realizzare progetti di sviluppo avendo come punto centrale la persona significa anzitutto condividerne i bisogni, il senso della vita e commuoversi per il suo personale destino: senza di ciò la risposta al bisogno è un gesto di bontà autogratificante o una strategia politica. La persona è vista come essere unico nelle sue relazioni fondamentali, famiglia e società, irripetibile ed irriducibile a qualsiasi categoria sociologica o a un limite che contingentemente vive (povertà, malattia, handicap, guerra). Partire dal positivo Ogni persona, ogni comunità, per quanto carente, rappresenta una ricchezza. Ciò significa valorizzare ciò che le persone hanno costruito, cioè quel tessuto umano e quell insieme di esperienze che costituiscono il loro patrimonio di vita. È un punto operativo fondamentale, che nasce da un approccio positivo alla realtà e aiuta la persona a prendere coscienza del proprio valore e della propria dignità e nel contempo la sostiene nella sua responsabilità. Fare con Un progetto di sviluppo calato dall alto è violento perché non partecipato oppure inefficace e senza futuro in quanto solo assistenziale. La modalità con cui AVSI si coinvolge in un progetto e lo attua è quella di fare assieme alle persone, cioè partire dal rapporto con le persone cui il progetto è rivolto e costruire sulla base dei passi che maturano con loro e tra loro. Sviluppo dei corpi intermedi e sussidiarietà La società nasce dalla libera aggregazione delle persone e delle famiglie: fare progetti di sviluppo significa favorire la capacità associativa, riconoscere e valorizzare il costituirsi dei corpi intermedi e di un tessuto sociale ricco di partecipazione e di corresponsabilità. Il diritto, riconosciuto e favorito, di ogni persona alla libertà di intrapresa, anche economica, si rivela, nei fatti, una forza potente di sviluppo e di arricchimento della convivenza civile e democratica. Partnership Nei progetti di sviluppo è fondamentale concretizzare una reale partnership tra tutte le entità presenti in quel luogo e in quel settore, siano esse pubbliche o private, locali o internazionali, evitando sovrapposizioni, favorendo sinergie ed ottimizzando l uso delle già scarse risorse a disposizione.

14 3 PROFILO La storia 972 > Nasce a Cesena il 27 settembre su iniziativa di alcune persone che appoggiavano la presenza di volontari in Zaire (ora Repubblica Democratica del Congo). Il primo intervento AVSI a Kiringye durò 0 anni e diede vita ad un Centro Medico Sociale, una riseria, un oleificio, una centrale idroelettrica e realizzò attività di formazione per il personale locale. 973 > Riconoscimento idoneità al Ministero degli Affari Esteri. 98 > AVSI è abilitata ad attuare progetti di cooperazione in collaborazione con la Commissione dell Unione Europea (CUE). I primi finanziamenti iniziano nel 984 su alcuni progetti sperimentali per migliorare l habitat di cinque favelas brasiliane. 990 > Prima campagna di raccolta fondi intitolata Natale di Solidarietà, realizzata in collaborazione con la Compagnia delle Opere, per il finanziamento dei progetti promossi da AVSI, che prevedeva anche un iniziativa di sensibilizzazione sui problemi del sottosviluppo, con l allestimento di 50 tende 4 in Lombardia ed Emilia-Romagna. 99 > AVSI è accreditata e registrata nell albo delle ONG di volontariato internazionale presso l Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (USAID). 993 > Nasce l iniziativa adozione a distanza per far fronte alla tragedia degli orfani dell AIDS in Africa. Questo strumento inoltre rispondeva al desiderio dei volontari espatriati di occuparsi e sostenere le necessità dei bambini che non erano inseriti nei progetti e tuttavia bisognosi di aiuto. 996 > Il Comitato per le Organizzazioni Non Governative del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC), che formula raccomandazioni all Assemblea Generale ed ai Paesi membri su questioni economiche, sociali, culturali e sui diritti umani, riconosce ad AVSI lo status consultivo generale, accreditandola al Consiglio stesso nella categoria I ed abilitandola a fornire contributi nelle aree di competenza. 200 > Apertura di un ufficio di rappresentanza AVSI presso gli organismi internazionali e l ONU a New York. > Il 5 aprile 200 viene firmato un grant agreement del valore di 4,4 milioni di dollari tra l agenzia della World Bank, Cities Alliance, e AVSI per un programma di 3 anni in collaborazione con la Condor, impresa pubblica di sviluppo urbano dello Stato di Bahia (Trust Fund del Governo Italiano alla World Bank). Si tratta di un programma di assistenza tecnica nel settore dell integrazione di una grande area di favela, denominata Ribeira Azul, nella Baia di Todos os Santos, nell area metropolitana di Salvador Bahia (Brasile). Delle persone abitanti nella favela molte vivono su palafitte in condizioni di assoluta povertà > In occasione del trentennale della fondazione di AVSI si è tenuto a Roma il convegno Presenza cristiana è sviluppo con la partecipazione dell On. Franco Frattini (Ministro degli Affari Esteri Italiano), di S. E. Mons. J. L. Tauran (Segretario per i Rapporti con gli Stati della Città del Vaticano), dell On. Massimo D Alema (Presidente Fondazione Italianieuropei) e del prof. Giorgio Vittadini (Presidente della Compagnia delle Opere) > AVSI ottiene la certificazione di qualità (ISO 900:2000) che garantisce un controllo ed un miglioramento continuo del processo interno di elaborazione e stesura dei progetti di cooperazione allo sviluppo > La cooperazione degli Stati Uniti (USAID) approva un finanziamento di 7,54 milioni di dollari ad un progetto AVSI per il sostegno agli orfani di genitori colpiti dall AIDS e ai bambini e adolescenti vulnerabili in Uganda, Ruanda e Kenya i bambini beneficiari diretti, i familiari coinvolti e 20 le organizzazioni locali chiamate ad intervenire sul campo in collaborazione con AVSI. E la prima volta che un Governo USA finanzia un progetto così importante di una ONG italiana. > AVSI si aggiudica il Premio Nazionale Oscar di Bilancio per la categoria "organizzazioni non profit", promosso e organizzato dalla FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche Italiana. > AVSI diventa Fondazione. La ristrutturazione ha portato ad una configurazione giuridica e gestionale più appropriata per operare nel contesto della cooperazione allo sviluppo. > AVSI interviene a gennaio a sostegno dell emergenza tsunami in India, Sri Lanka e Thailandia. Vengono avviati progetti di aiuto alla ripresa delle attività economiche di alcuni villaggi di pescatori, progetti di sostegno alle scuole distrutte dal maremoto e attività di supporto a bambini disabili. A novembre AVSI interviene anche a sostegno delle popolazioni colpite dall uragano Katrina a New Orleans. > AVSI è accreditata con status consultivo presso l UNICEF I primi gruppi di appoggio che realizzavano attività di promozione e raccolta fondi per i progetti AVSI nel mondo, allestivano nelle varie piazze italiane banchetti al coperto (da cui il nome di Tende ) durante il periodo natalizio (vedi paragrafo La campagna Tende ).

15 4 PROFILO Gli stakeholder Con il termine stakeholder si indicano tutti i soggetti, interni ed esterni ad una ONG, che sono portatori di un interesse collegato all attività dell organizzazione stessa. La loro identificazione risulta spesso difficile, in quanto risente della complessità e della varietà degli attori che si muovono all interno del mondo della cooperazione allo sviluppo. Ciò nonostante, l analisi attenta e dettagliata delle relazioni che AVSI intrattiene ha portato all individuazione di alcune categorie principali di stakeholder: ) Finanziatori pubblici e privati: sono coloro che permettono la realizzazione dei progetti grazie all erogazione di contributi finanziari. Si tratta di enti pubblici e privati nazionali e delle numerose imprese, scuole e famiglie che hanno sostenuto e continuano a sostenere a distanza un numero elevato di bambini. È soprattutto per loro che il Bilancio Sociale si prefigge l obiettivo di contribuire alla costruzione di rapporti di trasparenza e di fiducia, attraverso il puntuale rendiconto sull utilizzo delle risorse, al fine di instaurare e sviluppare collaborazioni tra la cooperazione governativa e non governativa. 2) Organismi internazionali: AVSI intende potenziare, anche con lo strumento del Bilancio, sinergie e collaborazioni attraverso il canale multilaterale per la realizzazione di progetti di sviluppo. 3) Enti fondatori di AVSI ed enti partecipanti, persone fisiche socie fondatrici di AVSI e persone fisiche partecipanti: il Bilancio Sociale è un utile strumento che consente di avere una visione organica e complessiva del lavoro svolto, evidenziando i risultati raggiunti e l efficienza della gestione della Fondazione. 4) Beneficiari diretti, comunità e partner locali: il ruolo di stakeholder primario nella gestione delle attività di AVSI è ricoperto dalla persona che sempre è inserita in un contesto preciso ed in una comunità. Intermediari fondamentali nel rapporto tra AVSI ed i beneficiari diretti sono i partner locali che, grazie alla presenza costante sul campo ed alla profonda conoscenza della realtà cui appartengono, contribuiscono all instaurazione di un rapporto di fiducia. Il progetto viene percepito come proprio (ownership) dalla comunità e ciò garantisce all intervento la sostenibilità nel lungo periodo. 5) Risorse umane: il Bilancio Sociale rappresenta il riconoscimento delle attività svolte dal personale ed un utile strumento per ottenere un quadro complessivo del frutto del lavoro compiuto, rafforzando il livello di responsabilità operativa e gestionale all interno della Fondazione. Con il Bilancio Sociale AVSI ribadisce il proprio impegno verso un miglioramento continuo, tanto nel processo di rendicontazione quanto nel dialogo con i propri stakeholder, cercando così di rispondere all esigenza di una comunicazione aperta e trasparente nei confronti di tutti coloro che sono direttamente o indirettamente coinvolti nelle sue attività. Donatori privati Finanziatori enti privati Enti locali Destinatari degli interventi Fondatori Finanziatori pubblici Collaboratori ONG/ Associazioni locali partner Rete sostenitori Volontari in Italia Dipendenti PVS Dipendenti di sede Espatriati Unione Europea Agenzie UN, World Bank Finanziatori privati Partecipanti Stakeholder esterni Stakeholder interni Comunità locali Enti partecipanti Persone fisiche partecipanti Enti fondatori Persone fisiche fondatrici Ministero degli Affari Esteri Agenzie di cooperazione allo sviluppo di altri stati Beneficiari diretti Organismi internazionali

16 5 PROFILO I settori di attività I principali settori di intervento dell attività di AVSI sono tre: Cooperazione allo sviluppo La trentennale esperienza di AVSI in questo settore è frutto di una storia e di una concezione secondo cui lo sviluppo è anzitutto sviluppo della persona umana nella sua integralità. La persona è il centro di ogni intervento di AVSI e ciascun progetto, lungi dal proporre una visione assistenzialistica, cerca di favorire la libertà e la responsabilità di ciascuno all interno della realtà in cui vive. Oggi AVSI è presente in 40 paesi di Africa, America Latina, Medio Oriente, Est Europa, Asia e Nord America (a seguito dell intervento a sostegno delle vittime dell uragano Katrina) con 3 progetti nei seguenti settori: socio-educativo, sviluppo urbano, prevenzione e tutela della salute, formazione professionale e sviluppo piccola e media impresa, agricoltura e ambiente ed aiuto umanitario di emergenza. Educazione in Nord Uganda Adozioni internazionali La legge italiana - unico caso in Europa - stabilisce che tutti gli enti italiani, per poter essere autorizzati ad espletare pratiche di adozione internazionale, devono dimostrare il proprio impegno anche nella realizzazione di progetti di cooperazione a favore dei minori. La condivisione di esperienze di abbandono di molti bambini nelle diverse parti del mondo ha spinto AVSI ad impegnarsi, a partire dal 2000, anche in questo ambito. AVSI svolge il proprio servizio di Ente Autorizzato non solo come assistenza nello svolgimento delle pratiche, ma soprattutto come condivisione e sostegno ad un evento umano eccezionale per gratuità e significato, quale quello dell adozione. Le attività in Italia L attività di sensibilizzazione è strettamente correlata alla preoccupazione educativa generale di AVSI. Per questo la Fondazione promuove, in collaborazione e partnership con università, scuole, associazioni di insegnanti, studenti, medici, operatori sanitari e altri enti, attività il cui obiettivo principale è favorire l avvicinamento delle persone ai temi dello sviluppo e della solidarietà preparando anche il terreno a nuove professioni e opportunità di lavoro nel mondo della cooperazione. La capillarità delle attività di sensibilizzazione è garantita dalla Rete sostenitori di AVSI, circa volontari che, in tutta Italia, si coinvolgono in iniziative di varia natura (cene, dibattiti nelle scuole, spettacoli..) presentando l attività di AVSI nel mondo. Volontari a Milano

17 6 PROFILO Il sistema di Corporate Governance La Fondazione AVSI si avvale della gestione della proria attività: organi Assemblea dei fondatori Si riunisce due volte all anno, approva e definisce gli indirizzi dell attività della Fondazione proposti dal Consiglio di Amministrazione, nomina i membri del Consiglio di Amministrazione, il Tesoriere, il Presidente del Collegio dei Revisori e i suoi componenti, delibera le modifiche di statuto, approva il bilancio consuntivo e preventivo. Collegio dei partecipanti Si riunisce almeno una volta all anno, è convocato e presieduto dal Presidente della Fondazione, propone uno o più propri rappresentanti tra i quali l Assemblea dei Fondatori nominerà un componente del Consiglio di Amministrazione. Formula pareri e proposte non vincolanti sulle attività della Fondazione. Consiglio di amministrazione È l organo di amministrazione ordinaria e straordinaria della Fondazione. In carica per tre esercizi, è composto da un numero dispari di membri variabile da 7 a determinato dall Assemblea dei Fondatori. Predispone il bilancio consultivo e preventivo, propone eventuali modifiche statutarie, nomina il Segretario Generale, propone gli indirizzi dell attività dell Ente. Presidente Rappresenta la Fondazione, controlla l esecuzione degli atti deliberati, cura le relazioni esterne. membri 4 fondatori: 24 Enti di cui: - 7 ONG di paesi del nord del mondo - 5 ONG dei paesi in via di sviluppo e dei paesi in transizione - 2 Fondazioni italiane 7 persone fisiche 2 partecipanti: 4 Enti di cui: - 2 ONG di paesi in via di sviluppo - 2 associazioni italiane 08 persone fisiche - Arturo Alberti - Gianluigi Mauri - Raffaello Vignali - Alberto Brugnoli - Alberto Piatti - Fulvia Tagliabue - Carlo Michele Battistini - Fabrizio Palai - Ezio Castelli - Pablo Llano Torres - Roberto Mingucci Arturo Alberti Vice Presidente Vicario Sostituisce il presidente in caso di assenza o di impedimento ed esercita le funzioni e i poteri a lui delegati dal Consiglio di Amministrazione o dal Presidente. Segretario Generale È responsabile della direzione operativa della Fondazione esercitando tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione conferitigli dal Consiglio di Amministrazione. Dura in carica tre anni ed è rinnovabile. Collegio dei revisori Controlla l attività della Fondazione ed è composto da tre membri. Il Collegio resta in carica tre anni e i suoi componenti possono essere riconfermati. Ezio Castelli Alberto Piatti - Paolo Sciumè - Massimo Moscatelli - Luigi Mondardini

18 La struttura organizzativa 7 PROFILO Responsabilità come qualità Grazie all esperienza maturata nell elaborazione del primo Bilancio Sociale (esercizio 2002), AVSI ha implementato un sistema di raccolta dati di natura sociale che permette di monitorare costantemente i risultati e di facilitare l elaborazione del presente documento. Il coordinamento del sistema di raccolta è affidato all ufficio Controllo Qualità, mentre a ogni area operativa (progettuale, amministrativa, personale) spetta, secondo una procedura stabilita, il monitoraggio e l aggiornamento dei dati di propria competenza. Anche per l anno AVSI ha mantenuto la certificazione di qualità (UNI EN ISO 900:2000) relativamente alla progettazione di interventi di cooperazione, aiuto e sostegno allo sviluppo in collaborazione e per le principali istituzioni nazionali ed internazionali (vedi certificazione CSI, appendice 2). organigramma presidente attività culturali e formative AVSI USA rappresentanza OO.II. consiglio amministrazione comunicazione istituzionale comitato tecnico operativo segretario generale educazione allo sviluppo direttore tecnico operativo amministrazione personale servizi generali area progetti adozioni internazionali controllo qualità fund raising comunicazione cooperazione decentrata sostegno a distanza donatori privati comunicazione rete sostenitori Africa Medio Oriente Est Europa America Latina Aree Tsunami

19 8 PROFILO _ gli stakeholder I partner locali Il sostegno ai beneficiari dei progetti si realizza attraverso una fitta rete di relazioni che AVSI ha in corso con partner locali radicati nel territorio. Tali partner sono rappresentati da: istituzioni governative (ministeri, distretti, municipalità, ospedali); istituzioni scolastiche ed educative (incluse le università); associazioni di base (le cosiddette CBOs, Community Based Organizations); organizzazioni non governative (ONG); organizzazioni di stampo religioso (sono le FBOs, Faith Based Organizations: congregazioni, parrocchie, diocesi). Il coinvolgimento di tali partner nella realizzazione dei progetti è di fondamentale importanza nel metodo di AVSI. Dal punto di vista operativo ciò significa che le comunità devono essere le prime a promuovere ed approvare un progetto di sviluppo e ad esserne coinvolte nella realizzazione con serietà e responsabilità. In questo modo l intervento non viene percepito come esterno, ma come proprio (ownership) dalle comunità, non corre il rischio di sostituire le persone che vi operano, ma si limita ad offrire un supporto specializzato. Inoltre, obiettivo di AVSI nel rapporto con i partner locali è il rafforzamento delle loro capacità di gestione degli interventi (capacity building) in un ottica di sostenibilità futura degli stessi. A tal fine AVSI promuove corsi di formazione di vario tipo per trasferire non solo conoscenze, ma anche il proprio metodo di lavoro agli operatori dei partner locali. Numero partner locali coinvolti nella realizzazione dei progetti AVSI nel Istituzioni governative Istituzioni scolastiche ed educative Associazioni di base (CBO) Organizzazioni non governative (ONG) Organizzazioni di stampo religioso (FBO) Totale AVSI network Alcune ONG, nate inizialmente come controparti nei progetti di AVSI, potenziando nel tempo la propria partnership e condividendo con AVSI l ispirazione ideale e il metodo di lavoro, hanno dato origine ad un network informale attualmente composto da 27 ONG, 7 delle quali si trovano nel Sud del mondo e nei paesi in transizione. Le Ong del Network AVSI * ONG Europa Occidentale e Nord America ONG dei paesi in via di sviluppo e dei paesi in transizione Enti fondatori AVSI Enti partecipanti AVSI Fundatia ROMANIA Maksora REP. RUSSA Meeting Point International UGANDA Fundación Domus CILE CESAL SPAGNA Meeting Point Kitgum UGANDA AVSI USA DIJO MESSICO AVAID SVIZZERA AVSI CANADA SHIS ALBANIA CSJ* MESSICO Support International V. GERMANIA VIDA PORTOGALLO SOTAS LITUANIA COWA UGANDA Ass. per l Uganda* ITALIA Ass. Famiglie per l Accoglienza ITALIA St. Kizito* KENYA COWA KENYA AVSI San Marino REP. SAN MARINO EDUS* ITALIA The Seed NIGERIA ACDI ARGENTINA CODESC BRASILE CDM BRASILE AVSI Polska POLONIA

20 9 PROFILO Due esperienze SOTAS (Volontari del Servizio Sociale), Lituania SOTAS è un organizzazione non governativa costituita nell aprile 2002 per iniziativa di alcune persone che, desiderando rispondere ai bisogni in particolare dei giovani, hanno voluto dare una forma stabile al proprio lavoro di aiuto a ragazzi e famiglie in difficoltà in Lituania. Lo scopo principale di SOTAS consiste infatti nella realizzazione di progetti che possano portare da un lato ad un miglioramento concreto della qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie, dall altro alla promozione di una cultura dell accoglienza e della solidarietà sociale nel paese. Nel SOTAS ha effettuato, insieme ad AVSI, un progetto inserito nel programma ACCESS della UE intitolato Il reinserimento sociale dei minori residenti nelle strutture di accoglienza. Le attività si sono svolte principalmente nell Istituto per Minori No. 4 di Vilnius dove vivono 60 bambini. Sono stati molto importanti gli interventi volti al reinserimento familiare e all integrazione sociale di ragazzi orfani o provenienti da famiglie problematiche esposti a rischio di emarginazione ed abbandono educativo. Nel SOTAS, insieme ad AVSI (il partner principale) e ad altre associazioni italiane accreditate per l adozione internazionale AMU e la Primogenita, ha realizzato il progetto La prevenzione dell abbandono minorile e il miglioramento dell integrazione sociale dei bambini in difficoltà in Lituania, finanziato dalla Commissione Italiana per l Adozione Internazionale. Il progetto ha avuto come obiettivo quello di migliorare la qualità di vita dei minori residenti nelle strutture di accoglienza o in famiglie a rischio sociale, attraverso interventi atti a promuoverne la reintegrazione sociale nella propria comunità e nel paese. Beneficiari dell intervento sono stati i minori, attualmente residenti in strutture di accoglienza e in famiglie a rischio, le famiglie d origine, le famiglie affidatarie e adottive, gli operatori sociali. I seminari per gli operatori sociali che operano nei servizi del VTAT (il Comitato per la Difesa dei Diritti dei Bambini) e per gli operatori impegnati nelle strutture di accoglienza (in tutto hanno partecipato 60 operatori sociali di tutta la Lituania) sono stati proposti e tenuti dagli enti autorizzati coinvolti nel progetto, in collaborazione con il Servizio di Adozione lituano e con gli operatori locali di SOTAS. SOTAS fa parte di AVSI Network, della Confederazione lituana ONG a favore dei bambini, del Forum delle Iniziative Sociali Cattoliche di Vilnius. Meeting Point International (Uganda) Meeting Point International (MPI) è un organizzazione non governativa ugandese fondata nel 992 e registrata ufficialmente come ONG dal MPI è nato per aiutare e sostenere le persone affette da HIV/AIDS ed i loro orfani in quattro slum di Kampala. L idea che ha animato sin dall inizio l associazione è stata quella di porre al centro dell esperienza di assistenza la persona e non semplicemente il malato. Primo interesse del Meeting Point è che nessuno venga lasciato solo di fronte alla malattia, alla sofferenza ed alla morte, nella convinzione che l uomo non è definibile sulla base dei suoi problemi, ma sull infinito valore del suo cuore (per questo l Icaro di Matisse, che rappresenta il desiderio infinito del cuore dell uomo, nonostante la sua finitezza, è stato scelto come logo del Meeting Point International). L associazione si occupa di fornire cure mediche agli ammalati, sostegno psicologico a loro ed alle loro famiglie, concede prestiti ai più bisognosi per avviare piccole attività generatrici di reddito e migliorare così le loro condizioni di vita, porta avanti attività di informazione e sensibilizzazione sul problema dell AIDS, fornisce aiuto sotto forma di cibo a gruppi di persone vulnerabili nelle zone di intervento. Una parte molto importante del lavoro del Meeting Point International riguarda l aiuto agli orfani. Attraverso il sostegno a distanza di AVSI, l associazione provvede al pagamento delle tasse scolastiche e delle spese relative alla frequenza scolastica per 733 bambini, propone corsi di educazione sanitaria e di orientamento professionale ai ragazzi più grandi. Oltre a questo intervento, il MPI gestisce a Kireka, lo slum più grande della capitale, due strutture: la Welcoming House, che ospita 33 bambini orfani e abbandonati, ed il Day Care Centre Luigi Giussani, dove si fornisce un istruzione di base a 85 bambini che altrimenti resterebbero per strada. Ben.035 persone malate di AIDS beneficiano dell aiuto dell organizzazione e 06 di queste sono beneficiarie del trattamento antiretrovirale..660 orfani e bambini di età compresa tra i 4 ed i 5 anni in difficoltà sono sostenuti dal MPI e 50 persone anziane e abbandonate vengono raggiunte con aiuti alimentari e di altro tipo. Nel il Meeting Point International ha gestito un budget di 238 mila euro, ricevendo finanziamenti da istituzioni pubbliche italiane, spagnole, svizzere e da numerosi donatori privati.

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI INDICE 1. Carta dei Servizi per l adozione internazionale: perchè 2. Presentazione della Fondazione AVSI Chi è AVSI Paesi per i quali è autorizzata, accreditata

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli