L a carità sarà sempre necessaria, anche nella

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L a carità sarà sempre necessaria, anche nella"

Transcript

1

2 Brasile L a carità sarà sempre necessaria, anche nella società più giusta. Non c è nessun ordinamento statale giusto che possa rendere superfluo il servizio dell amore. Chi vuole sbarazzarsi dell amore si dispone a sbarazzarsi dell uomo. [ ] gli affamati devono essere saziati, i nudi vestiti, i malati curati in vista della guarigione, i carcerati visitati, ecc [ ] i soccorritori devono essere formati in modo da saper fare la cosa giusta nel modo giusto, assumendo poi l impegno del proseguimento della cura. La competenza professionale è una prima fondamentale necessità, ma da sola non basta. Si tratta, infatti, di esseri umani, e gli esseri umani necessitano sempre di qualcosa in più di una cura solo tecnicamente corretta. Hanno bisogno di umanità. Hanno bisogno dell attenzione del cuore. Deus Caritas Est, Benedetto XVI (parr. 28, 3)

3 2 Il presente documento è stato elaborato con la consulenza esterna di Piera Benaglio e il coordinamento interno di Chiara Savelli in collaborazione con tutti i settori di AVSI. Responsabile AVSI progetto : Giampaolo Silvestri. Questo bilancio è disponibile sul sito Oppure è possibile richiederlo alle sedi AVSI di Milano e Cesena Certificato Qualità Progettazione AVSI Vincitore Oscar Bilancio 2004 Categoria No Profit Foto courtesy by Silvia Morara, Fabrizio Arigossi, Marco d Andrea, Fabio Cuttica, Paolo Pellegrin, staff AVSI nel mondo Illustrazione cartina di Lorenzo Morabito Grafica Accent on Design, Milano Fotocomposizione e stampa Esaprint. Maniago, PN CESENA V.le Carducci, Cesena Tel.: Fax: MILANO Via M. Gioia, Milano Tel.: Fax:

4 sommario Brasile Rosa Brambilla a Belo Horizonte I numeri di AVSI nel Presentazione Nota metodologica parte prima PROFILO La missione I valori guida La storia Gli stakeholder I settori di attività Cooperazione allo sviluppo Adozioni internazionali Le attività in Italia Il sistema di corporate governance La struttura organizzativa I partner locali AVSI Network Le relazioni nazionali ed internazionali parte seconda I settori di attività La cooperazione allo sviluppo I progetti in corso nel - Ambito socio-educativo - Sostegno a distanza - Sviluppo urbano - Prevenzione e tutela della salute - Formazione professionale e sviluppo piccola e media impresa - Agricoltura e ambiente - Aiuto umanitario di emergenza Le adozioni internazionali Le ragioni dell impegno L informazione e la preparazione delle coppie Progetto di sussidiarietà Le attività in Italia Gli AVSI Point La Campagna Tende Un anno di avvenimenti Corporate Social Responsability La comunicazione Le attività culturali e formative parte terza DATI ECONOMICI L ampiezza dell attività dal punto di vista economico Lo Stato Patrimoniale Il Conto Economico Relazione di certificazione Sintesi dei risultati economici e patrimoniali parte quarta Sedi AVSI in Italia Sedi AVSI nel mondo ONG e Associazioni del network AVSI Appendice : Scheda esemplificativa Appendice 2: Certificazione CSI Le risorse umane Il personale di sede Il personale all estero La formazione

5 4 PROFILO I numeri di AVSI nel 27 le ONG che formano l AVSI network, 7 delle quali si trovano nel Sud del mondo e nei paesi in transizione 3 progetti in 40 paesi del mondo circa i volontari impegnati negli AVSI Point 3 milioni di famiglie per un totale di circa 6 milioni di persone hanno beneficiato indirettamente degli interventi realizzati 4 espatriati e 535 persone di staff locale sono impiegati nei progetti realizzati i bambini sostenuti attraverso le varie attività Distribuzione di beni di prima necessità a persone

6 5 PROFILO i numeri di AVSI i genitori ed i ragazzi coinvolti in attività di formazione e sensibilizzazione 50 i pozzi costruiti e motorizzati.000 madri e donne gravide hanno beneficiato del programma PMTCT persone hanno beneficiato degli interventi di emergenza i bambini sostenuti a distanza in 33 paesi del mondo 8 strutture educative sono state costruite o riabilitate gli operatori formati persone hanno potuto usufruire dell offerta di migliori servizi sanitari (Uganda, Ruanda, Nigeria) Sostenuti 6 ospedali in Uganda e 5 cliniche sanitarie in Ruanda e Nigeria

7 Nord Uganda, Kitgum

8 7 PRESENTAZIONE Tutti noi constatiamo quotidianamente quanto il mondo sia dominato dalla violenza e dalla sopraffazione e quanto sia faticoso e lento il cammino degli uomini di buona volontà che desiderano costruire la pace. La guerra è ancora, purtroppo, un mezzo troppo frequente che gli uomini scelgono per risolvere i vari tipi di conflitto e per dare una risposta alle proprie esigenze di dominio e di potere. La Fondazione AVSI non si è ritagliata una piccola oasi accanto al mondo, ma è immersa nella realtà dolorosa del nostro tempo: in Nord-Uganda, dove per 20 anni ha imperversato la guerriglia; in Congo, dilaniato da una guerra civile che speriamo venga risolta attraverso il processo democratico in corso; in Sierra Leone, che sta faticosamente cercando di superare i danni di una lunga guerra fratricida; in Medio-Oriente (Libano, Giordania, Palestina), dove l odio fra popoli e tradizioni diverse sembra veramente inestinguibile; nell inferno delle baraccopoli che caratterizzano le grandi città latino-americane, in cui la lotta quotidiana per la sopravvivenza sembra occupare totalmente la mente ed il cuore di tanti nostri fratelli. In queste difficili circostanze il personale AVSI impegnato sul campo fa esperienza che c è sempre un positivo da cui partire e attraverso cui costruire un futuro meno drammatico per le persone che si incontrano nel bisogno. In tale contesto il Bilancio Sociale relativo alle attività del vuole essere certo una documentazione di come utilizziamo i finanziamenti pubblici e privati che riceviamo ed uno strumento di comunicazione per gli stakeholder, ma vuole essere anche e soprattutto la documentazione del miracolo dell operosità che scaturisce dall amore per gli uomini e per il loro destino, una semplice ma concreta testimonianza del lavoro positivo che uomini mossi da un ideale stanno svolgendo in favore di altri uomini che vivono in condizioni di povertà, di emarginazione, di malattia. Il Presidente Arturo Alberti

9 8 Nota metodologica Giunto alla sua quarta edizione il Bilancio Sociale di AVSI ha fatto tesoro, dal punto di vista tecnico, del processo di elaborazione emerso nell esperienza precedente a cui sono stati apportati tutti quei miglioramenti che soltanto l azione diretta consente di individuare quali utili strade da percorrere. I riferimenti metodologici fondamentali quest anno sono stati: le G3 Guidelines elaborate dalla Global Reporting Initiative (GRI), che costituiscono lo standard più diffuso a livello internazionale, i Principi di redazione del elaborati nel 200 dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale (GBS) 2 per il contesto italiano. Nella sua stesura ci siamo ispirati ai seguenti criteri: chiarezza nell esposizione dei contenuti; sinteticità nei modi di presentazione, anche attraverso l utilizzo di tabelle e in generale del linguaggio visivo; completezza dei dati e delle informazioni. Il documento è stato redatto secondo i principi di trasparenza, accuratezza, attendibilità e verificabilità. In particolare il Bilancio Sociale presenta le seguenti caratteristiche: - la parte descrittiva relativa alla missione, al profilo aziendale, alle attività, alla struttura organizzativa e ai sistemi di gestione segue i criteri indicati dalla GRI, opportunamente adattati sì da recepire le specificità di una ONG; - la parte relativa agli indicatori economici aggiunge alle misure richieste dalla GRI, anche in questo caso opportunamente adattate, una serie di informazioni relative alla raccolta fondi e alcuni indicatori del grado di efficienza; - agli indicatori di performance ambientali non è dedicata una apposita sezione come richiesto dalla GRI, in quanto essi trovano esplicitazione nei risultati di alcuni progetti in ambito agricolo e di miglioramento degli insediamenti urbani; - per quanto riguarda gli indicatori sociali, si segue la logica della GRI con riferimento ai dipendenti. Per gli indicatori che esprimono l'impatto delle azioni di AVSI sulle persone e sul loro contesto e quindi consentono di apprezzare il grado di perseguimento della missione di AVSI, si è invece ritenuto opportuno far riferimento alla logica di costruzione delle misure di performance che l'ocse, l'onu e la Banca Mondiale hanno convenuto di adottare per la valutazione degli interventi di cooperazione. Tale classificazione identifica tre categorie di indicatori: input, output, outcome, come descritte nella tabella n.. Tabella Indicatori di input, output e outcome obiettivi Input Output Outcome definizioni 3 Risorse umane, finanziarie, tecniche ed organizzative impiegate per la realizzazione degli interventi Risultati immediati delle attività che concorrono al raggiungimento dell obiettivo specifico: sono beni, servizi, decisioni e autorizzazioni direttamente generati nella fase operativa Effetto a breve, in termini di miglioramento di benessere, generato sui beneficiari diretti dell intervento La Global Reporting Initiative è un iniziativa dell organizzazione non governativa Ceres con sede a Boston che riunisce, dal 997, esponenti di importanti società di consulenza, imprese, sindacati, organizzazioni ambientaliste e religiose, investitori istituzionali, per elaborare indicatori in grado di esprimere l incidenza economica, sociale ed ambientale delle attività delle imprese. 2 Il Gruppo di studio per il Bilancio Sociale è un comitato che è stato costituito nel 998 da alcuni studiosi e operatori che in Italia si occupano della responsabilità sociale d impresa per elaborare uno strumento di rendicontazione in grado di fornire un resoconto esaustivo, verificabile e comparabile sugli effetti sociali prodotti dall attività dell impresa. 3 Manuale operativo di monitoraggio e valutazione delle iniziative di Cooperazione alla Sviluppo, Ministero degli Affari Esteri Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo.

10 9 NOTA METODOLOGICA Nella prima fase di raccolta dei dati è stato decisivo il contributo delle diverse unità operative responsabili dei progetti. Le informazioni da esse fornite sono state fondamentali ai fini delle aggregazioni riportate in questo documento. In particolare nella presentazione dei risultati relativi all attività di cooperazione allo sviluppo abbiamo: descritto le caratteristiche tipiche di ciascuna area di intervento; evidenziato le sintesi dei risultati ottenuti dai diversi progetti realizzati nel derivanti dalla aggregazione dei dati analitici forniti dai singoli capi progetto (vedi scheda esempio in appendice ). AVSI intende proseguire il cammino intrapreso attraverso il Bilancio Sociale, ponendosi precisi obiettivi di miglioramento da perseguire per il prossimo anno: - intensificazione del dialogo con gli stakeholder, attraverso forme strutturate di coinvolgimento e di rilevazione delle aspettative e del grado di soddisfazione; - miglioramento del processo di rendicontazione, inteso soprattutto come utilizzo sistematico e strutturato degli indicatori di performance che si sono cominciati a definire. Brasile, Alagados, Salvador

11 Argentina Obra Padre Mario Pantaleo

12 La missione I valori guida La storia Gli stakeholder I settori di attività Cooperazione allo sviluppo Adozioni internazionali Attività di sensibilizzazione Il sistema di corporate governance La struttura organizzativa I partner locali AVSI Network Le relazioni nazionali ed internazionali profilo

13 2 PROFILO La missione Sostenere la dignità della persona nei paesi in via di sviluppo nel solco dell insegnamento della Dottrina Sociale Cattolica con particolare attenzione all educazione e alla promozione della dignità della persona umana in tutte le sue espressioni. I valori guida Centralità della persona Realizzare progetti di sviluppo avendo come punto centrale la persona significa anzitutto condividerne i bisogni, il senso della vita e commuoversi per il suo personale destino: senza di ciò la risposta al bisogno è un gesto di bontà autogratificante o una strategia politica. La persona è vista come essere unico nelle sue relazioni fondamentali, famiglia e società, irripetibile ed irriducibile a qualsiasi categoria sociologica o a un limite che contingentemente vive (povertà, malattia, handicap, guerra). Partire dal positivo Ogni persona, ogni comunità, per quanto carente, rappresenta una ricchezza. Ciò significa valorizzare ciò che le persone hanno costruito, cioè quel tessuto umano e quell insieme di esperienze che costituiscono il loro patrimonio di vita. È un punto operativo fondamentale, che nasce da un approccio positivo alla realtà e aiuta la persona a prendere coscienza del proprio valore e della propria dignità e nel contempo la sostiene nella sua responsabilità. Fare con Un progetto di sviluppo calato dall alto è violento perché non partecipato oppure inefficace e senza futuro in quanto solo assistenziale. La modalità con cui AVSI si coinvolge in un progetto e lo attua è quella di fare assieme alle persone, cioè partire dal rapporto con le persone cui il progetto è rivolto e costruire sulla base dei passi che maturano con loro e tra loro. Sviluppo dei corpi intermedi e sussidiarietà La società nasce dalla libera aggregazione delle persone e delle famiglie: fare progetti di sviluppo significa favorire la capacità associativa, riconoscere e valorizzare il costituirsi dei corpi intermedi e di un tessuto sociale ricco di partecipazione e di corresponsabilità. Il diritto, riconosciuto e favorito, di ogni persona alla libertà di intrapresa, anche economica, si rivela, nei fatti, una forza potente di sviluppo e di arricchimento della convivenza civile e democratica. Partnership Nei progetti di sviluppo è fondamentale concretizzare una reale partnership tra tutte le entità presenti in quel luogo e in quel settore, siano esse pubbliche o private, locali o internazionali, evitando sovrapposizioni, favorendo sinergie ed ottimizzando l uso delle già scarse risorse a disposizione.

14 3 PROFILO La storia 972 > Nasce a Cesena il 27 settembre su iniziativa di alcune persone che appoggiavano la presenza di volontari in Zaire (ora Repubblica Democratica del Congo). Il primo intervento AVSI a Kiringye durò 0 anni e diede vita ad un Centro Medico Sociale, una riseria, un oleificio, una centrale idroelettrica e realizzò attività di formazione per il personale locale. 973 > Riconoscimento idoneità al Ministero degli Affari Esteri. 98 > AVSI è abilitata ad attuare progetti di cooperazione in collaborazione con la Commissione dell Unione Europea (CUE). I primi finanziamenti iniziano nel 984 su alcuni progetti sperimentali per migliorare l habitat di cinque favelas brasiliane. 990 > Prima campagna di raccolta fondi intitolata Natale di Solidarietà, realizzata in collaborazione con la Compagnia delle Opere, per il finanziamento dei progetti promossi da AVSI, che prevedeva anche un iniziativa di sensibilizzazione sui problemi del sottosviluppo, con l allestimento di 50 tende 4 in Lombardia ed Emilia-Romagna. 99 > AVSI è accreditata e registrata nell albo delle ONG di volontariato internazionale presso l Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (USAID). 993 > Nasce l iniziativa adozione a distanza per far fronte alla tragedia degli orfani dell AIDS in Africa. Questo strumento inoltre rispondeva al desiderio dei volontari espatriati di occuparsi e sostenere le necessità dei bambini che non erano inseriti nei progetti e tuttavia bisognosi di aiuto. 996 > Il Comitato per le Organizzazioni Non Governative del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC), che formula raccomandazioni all Assemblea Generale ed ai Paesi membri su questioni economiche, sociali, culturali e sui diritti umani, riconosce ad AVSI lo status consultivo generale, accreditandola al Consiglio stesso nella categoria I ed abilitandola a fornire contributi nelle aree di competenza. 200 > Apertura di un ufficio di rappresentanza AVSI presso gli organismi internazionali e l ONU a New York. > Il 5 aprile 200 viene firmato un grant agreement del valore di 4,4 milioni di dollari tra l agenzia della World Bank, Cities Alliance, e AVSI per un programma di 3 anni in collaborazione con la Condor, impresa pubblica di sviluppo urbano dello Stato di Bahia (Trust Fund del Governo Italiano alla World Bank). Si tratta di un programma di assistenza tecnica nel settore dell integrazione di una grande area di favela, denominata Ribeira Azul, nella Baia di Todos os Santos, nell area metropolitana di Salvador Bahia (Brasile). Delle persone abitanti nella favela molte vivono su palafitte in condizioni di assoluta povertà > In occasione del trentennale della fondazione di AVSI si è tenuto a Roma il convegno Presenza cristiana è sviluppo con la partecipazione dell On. Franco Frattini (Ministro degli Affari Esteri Italiano), di S. E. Mons. J. L. Tauran (Segretario per i Rapporti con gli Stati della Città del Vaticano), dell On. Massimo D Alema (Presidente Fondazione Italianieuropei) e del prof. Giorgio Vittadini (Presidente della Compagnia delle Opere) > AVSI ottiene la certificazione di qualità (ISO 900:2000) che garantisce un controllo ed un miglioramento continuo del processo interno di elaborazione e stesura dei progetti di cooperazione allo sviluppo > La cooperazione degli Stati Uniti (USAID) approva un finanziamento di 7,54 milioni di dollari ad un progetto AVSI per il sostegno agli orfani di genitori colpiti dall AIDS e ai bambini e adolescenti vulnerabili in Uganda, Ruanda e Kenya i bambini beneficiari diretti, i familiari coinvolti e 20 le organizzazioni locali chiamate ad intervenire sul campo in collaborazione con AVSI. E la prima volta che un Governo USA finanzia un progetto così importante di una ONG italiana. > AVSI si aggiudica il Premio Nazionale Oscar di Bilancio per la categoria "organizzazioni non profit", promosso e organizzato dalla FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche Italiana. > AVSI diventa Fondazione. La ristrutturazione ha portato ad una configurazione giuridica e gestionale più appropriata per operare nel contesto della cooperazione allo sviluppo. > AVSI interviene a gennaio a sostegno dell emergenza tsunami in India, Sri Lanka e Thailandia. Vengono avviati progetti di aiuto alla ripresa delle attività economiche di alcuni villaggi di pescatori, progetti di sostegno alle scuole distrutte dal maremoto e attività di supporto a bambini disabili. A novembre AVSI interviene anche a sostegno delle popolazioni colpite dall uragano Katrina a New Orleans. > AVSI è accreditata con status consultivo presso l UNICEF I primi gruppi di appoggio che realizzavano attività di promozione e raccolta fondi per i progetti AVSI nel mondo, allestivano nelle varie piazze italiane banchetti al coperto (da cui il nome di Tende ) durante il periodo natalizio (vedi paragrafo La campagna Tende ).

15 4 PROFILO Gli stakeholder Con il termine stakeholder si indicano tutti i soggetti, interni ed esterni ad una ONG, che sono portatori di un interesse collegato all attività dell organizzazione stessa. La loro identificazione risulta spesso difficile, in quanto risente della complessità e della varietà degli attori che si muovono all interno del mondo della cooperazione allo sviluppo. Ciò nonostante, l analisi attenta e dettagliata delle relazioni che AVSI intrattiene ha portato all individuazione di alcune categorie principali di stakeholder: ) Finanziatori pubblici e privati: sono coloro che permettono la realizzazione dei progetti grazie all erogazione di contributi finanziari. Si tratta di enti pubblici e privati nazionali e delle numerose imprese, scuole e famiglie che hanno sostenuto e continuano a sostenere a distanza un numero elevato di bambini. È soprattutto per loro che il Bilancio Sociale si prefigge l obiettivo di contribuire alla costruzione di rapporti di trasparenza e di fiducia, attraverso il puntuale rendiconto sull utilizzo delle risorse, al fine di instaurare e sviluppare collaborazioni tra la cooperazione governativa e non governativa. 2) Organismi internazionali: AVSI intende potenziare, anche con lo strumento del Bilancio, sinergie e collaborazioni attraverso il canale multilaterale per la realizzazione di progetti di sviluppo. 3) Enti fondatori di AVSI ed enti partecipanti, persone fisiche socie fondatrici di AVSI e persone fisiche partecipanti: il Bilancio Sociale è un utile strumento che consente di avere una visione organica e complessiva del lavoro svolto, evidenziando i risultati raggiunti e l efficienza della gestione della Fondazione. 4) Beneficiari diretti, comunità e partner locali: il ruolo di stakeholder primario nella gestione delle attività di AVSI è ricoperto dalla persona che sempre è inserita in un contesto preciso ed in una comunità. Intermediari fondamentali nel rapporto tra AVSI ed i beneficiari diretti sono i partner locali che, grazie alla presenza costante sul campo ed alla profonda conoscenza della realtà cui appartengono, contribuiscono all instaurazione di un rapporto di fiducia. Il progetto viene percepito come proprio (ownership) dalla comunità e ciò garantisce all intervento la sostenibilità nel lungo periodo. 5) Risorse umane: il Bilancio Sociale rappresenta il riconoscimento delle attività svolte dal personale ed un utile strumento per ottenere un quadro complessivo del frutto del lavoro compiuto, rafforzando il livello di responsabilità operativa e gestionale all interno della Fondazione. Con il Bilancio Sociale AVSI ribadisce il proprio impegno verso un miglioramento continuo, tanto nel processo di rendicontazione quanto nel dialogo con i propri stakeholder, cercando così di rispondere all esigenza di una comunicazione aperta e trasparente nei confronti di tutti coloro che sono direttamente o indirettamente coinvolti nelle sue attività. Donatori privati Finanziatori enti privati Enti locali Destinatari degli interventi Fondatori Finanziatori pubblici Collaboratori ONG/ Associazioni locali partner Rete sostenitori Volontari in Italia Dipendenti PVS Dipendenti di sede Espatriati Unione Europea Agenzie UN, World Bank Finanziatori privati Partecipanti Stakeholder esterni Stakeholder interni Comunità locali Enti partecipanti Persone fisiche partecipanti Enti fondatori Persone fisiche fondatrici Ministero degli Affari Esteri Agenzie di cooperazione allo sviluppo di altri stati Beneficiari diretti Organismi internazionali

16 5 PROFILO I settori di attività I principali settori di intervento dell attività di AVSI sono tre: Cooperazione allo sviluppo La trentennale esperienza di AVSI in questo settore è frutto di una storia e di una concezione secondo cui lo sviluppo è anzitutto sviluppo della persona umana nella sua integralità. La persona è il centro di ogni intervento di AVSI e ciascun progetto, lungi dal proporre una visione assistenzialistica, cerca di favorire la libertà e la responsabilità di ciascuno all interno della realtà in cui vive. Oggi AVSI è presente in 40 paesi di Africa, America Latina, Medio Oriente, Est Europa, Asia e Nord America (a seguito dell intervento a sostegno delle vittime dell uragano Katrina) con 3 progetti nei seguenti settori: socio-educativo, sviluppo urbano, prevenzione e tutela della salute, formazione professionale e sviluppo piccola e media impresa, agricoltura e ambiente ed aiuto umanitario di emergenza. Educazione in Nord Uganda Adozioni internazionali La legge italiana - unico caso in Europa - stabilisce che tutti gli enti italiani, per poter essere autorizzati ad espletare pratiche di adozione internazionale, devono dimostrare il proprio impegno anche nella realizzazione di progetti di cooperazione a favore dei minori. La condivisione di esperienze di abbandono di molti bambini nelle diverse parti del mondo ha spinto AVSI ad impegnarsi, a partire dal 2000, anche in questo ambito. AVSI svolge il proprio servizio di Ente Autorizzato non solo come assistenza nello svolgimento delle pratiche, ma soprattutto come condivisione e sostegno ad un evento umano eccezionale per gratuità e significato, quale quello dell adozione. Le attività in Italia L attività di sensibilizzazione è strettamente correlata alla preoccupazione educativa generale di AVSI. Per questo la Fondazione promuove, in collaborazione e partnership con università, scuole, associazioni di insegnanti, studenti, medici, operatori sanitari e altri enti, attività il cui obiettivo principale è favorire l avvicinamento delle persone ai temi dello sviluppo e della solidarietà preparando anche il terreno a nuove professioni e opportunità di lavoro nel mondo della cooperazione. La capillarità delle attività di sensibilizzazione è garantita dalla Rete sostenitori di AVSI, circa volontari che, in tutta Italia, si coinvolgono in iniziative di varia natura (cene, dibattiti nelle scuole, spettacoli..) presentando l attività di AVSI nel mondo. Volontari a Milano

17 6 PROFILO Il sistema di Corporate Governance La Fondazione AVSI si avvale della gestione della proria attività: organi Assemblea dei fondatori Si riunisce due volte all anno, approva e definisce gli indirizzi dell attività della Fondazione proposti dal Consiglio di Amministrazione, nomina i membri del Consiglio di Amministrazione, il Tesoriere, il Presidente del Collegio dei Revisori e i suoi componenti, delibera le modifiche di statuto, approva il bilancio consuntivo e preventivo. Collegio dei partecipanti Si riunisce almeno una volta all anno, è convocato e presieduto dal Presidente della Fondazione, propone uno o più propri rappresentanti tra i quali l Assemblea dei Fondatori nominerà un componente del Consiglio di Amministrazione. Formula pareri e proposte non vincolanti sulle attività della Fondazione. Consiglio di amministrazione È l organo di amministrazione ordinaria e straordinaria della Fondazione. In carica per tre esercizi, è composto da un numero dispari di membri variabile da 7 a determinato dall Assemblea dei Fondatori. Predispone il bilancio consultivo e preventivo, propone eventuali modifiche statutarie, nomina il Segretario Generale, propone gli indirizzi dell attività dell Ente. Presidente Rappresenta la Fondazione, controlla l esecuzione degli atti deliberati, cura le relazioni esterne. membri 4 fondatori: 24 Enti di cui: - 7 ONG di paesi del nord del mondo - 5 ONG dei paesi in via di sviluppo e dei paesi in transizione - 2 Fondazioni italiane 7 persone fisiche 2 partecipanti: 4 Enti di cui: - 2 ONG di paesi in via di sviluppo - 2 associazioni italiane 08 persone fisiche - Arturo Alberti - Gianluigi Mauri - Raffaello Vignali - Alberto Brugnoli - Alberto Piatti - Fulvia Tagliabue - Carlo Michele Battistini - Fabrizio Palai - Ezio Castelli - Pablo Llano Torres - Roberto Mingucci Arturo Alberti Vice Presidente Vicario Sostituisce il presidente in caso di assenza o di impedimento ed esercita le funzioni e i poteri a lui delegati dal Consiglio di Amministrazione o dal Presidente. Segretario Generale È responsabile della direzione operativa della Fondazione esercitando tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione conferitigli dal Consiglio di Amministrazione. Dura in carica tre anni ed è rinnovabile. Collegio dei revisori Controlla l attività della Fondazione ed è composto da tre membri. Il Collegio resta in carica tre anni e i suoi componenti possono essere riconfermati. Ezio Castelli Alberto Piatti - Paolo Sciumè - Massimo Moscatelli - Luigi Mondardini

18 La struttura organizzativa 7 PROFILO Responsabilità come qualità Grazie all esperienza maturata nell elaborazione del primo Bilancio Sociale (esercizio 2002), AVSI ha implementato un sistema di raccolta dati di natura sociale che permette di monitorare costantemente i risultati e di facilitare l elaborazione del presente documento. Il coordinamento del sistema di raccolta è affidato all ufficio Controllo Qualità, mentre a ogni area operativa (progettuale, amministrativa, personale) spetta, secondo una procedura stabilita, il monitoraggio e l aggiornamento dei dati di propria competenza. Anche per l anno AVSI ha mantenuto la certificazione di qualità (UNI EN ISO 900:2000) relativamente alla progettazione di interventi di cooperazione, aiuto e sostegno allo sviluppo in collaborazione e per le principali istituzioni nazionali ed internazionali (vedi certificazione CSI, appendice 2). organigramma presidente attività culturali e formative AVSI USA rappresentanza OO.II. consiglio amministrazione comunicazione istituzionale comitato tecnico operativo segretario generale educazione allo sviluppo direttore tecnico operativo amministrazione personale servizi generali area progetti adozioni internazionali controllo qualità fund raising comunicazione cooperazione decentrata sostegno a distanza donatori privati comunicazione rete sostenitori Africa Medio Oriente Est Europa America Latina Aree Tsunami

19 8 PROFILO _ gli stakeholder I partner locali Il sostegno ai beneficiari dei progetti si realizza attraverso una fitta rete di relazioni che AVSI ha in corso con partner locali radicati nel territorio. Tali partner sono rappresentati da: istituzioni governative (ministeri, distretti, municipalità, ospedali); istituzioni scolastiche ed educative (incluse le università); associazioni di base (le cosiddette CBOs, Community Based Organizations); organizzazioni non governative (ONG); organizzazioni di stampo religioso (sono le FBOs, Faith Based Organizations: congregazioni, parrocchie, diocesi). Il coinvolgimento di tali partner nella realizzazione dei progetti è di fondamentale importanza nel metodo di AVSI. Dal punto di vista operativo ciò significa che le comunità devono essere le prime a promuovere ed approvare un progetto di sviluppo e ad esserne coinvolte nella realizzazione con serietà e responsabilità. In questo modo l intervento non viene percepito come esterno, ma come proprio (ownership) dalle comunità, non corre il rischio di sostituire le persone che vi operano, ma si limita ad offrire un supporto specializzato. Inoltre, obiettivo di AVSI nel rapporto con i partner locali è il rafforzamento delle loro capacità di gestione degli interventi (capacity building) in un ottica di sostenibilità futura degli stessi. A tal fine AVSI promuove corsi di formazione di vario tipo per trasferire non solo conoscenze, ma anche il proprio metodo di lavoro agli operatori dei partner locali. Numero partner locali coinvolti nella realizzazione dei progetti AVSI nel Istituzioni governative Istituzioni scolastiche ed educative Associazioni di base (CBO) Organizzazioni non governative (ONG) Organizzazioni di stampo religioso (FBO) Totale AVSI network Alcune ONG, nate inizialmente come controparti nei progetti di AVSI, potenziando nel tempo la propria partnership e condividendo con AVSI l ispirazione ideale e il metodo di lavoro, hanno dato origine ad un network informale attualmente composto da 27 ONG, 7 delle quali si trovano nel Sud del mondo e nei paesi in transizione. Le Ong del Network AVSI * ONG Europa Occidentale e Nord America ONG dei paesi in via di sviluppo e dei paesi in transizione Enti fondatori AVSI Enti partecipanti AVSI Fundatia ROMANIA Maksora REP. RUSSA Meeting Point International UGANDA Fundación Domus CILE CESAL SPAGNA Meeting Point Kitgum UGANDA AVSI USA DIJO MESSICO AVAID SVIZZERA AVSI CANADA SHIS ALBANIA CSJ* MESSICO Support International V. GERMANIA VIDA PORTOGALLO SOTAS LITUANIA COWA UGANDA Ass. per l Uganda* ITALIA Ass. Famiglie per l Accoglienza ITALIA St. Kizito* KENYA COWA KENYA AVSI San Marino REP. SAN MARINO EDUS* ITALIA The Seed NIGERIA ACDI ARGENTINA CODESC BRASILE CDM BRASILE AVSI Polska POLONIA

20 9 PROFILO Due esperienze SOTAS (Volontari del Servizio Sociale), Lituania SOTAS è un organizzazione non governativa costituita nell aprile 2002 per iniziativa di alcune persone che, desiderando rispondere ai bisogni in particolare dei giovani, hanno voluto dare una forma stabile al proprio lavoro di aiuto a ragazzi e famiglie in difficoltà in Lituania. Lo scopo principale di SOTAS consiste infatti nella realizzazione di progetti che possano portare da un lato ad un miglioramento concreto della qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie, dall altro alla promozione di una cultura dell accoglienza e della solidarietà sociale nel paese. Nel SOTAS ha effettuato, insieme ad AVSI, un progetto inserito nel programma ACCESS della UE intitolato Il reinserimento sociale dei minori residenti nelle strutture di accoglienza. Le attività si sono svolte principalmente nell Istituto per Minori No. 4 di Vilnius dove vivono 60 bambini. Sono stati molto importanti gli interventi volti al reinserimento familiare e all integrazione sociale di ragazzi orfani o provenienti da famiglie problematiche esposti a rischio di emarginazione ed abbandono educativo. Nel SOTAS, insieme ad AVSI (il partner principale) e ad altre associazioni italiane accreditate per l adozione internazionale AMU e la Primogenita, ha realizzato il progetto La prevenzione dell abbandono minorile e il miglioramento dell integrazione sociale dei bambini in difficoltà in Lituania, finanziato dalla Commissione Italiana per l Adozione Internazionale. Il progetto ha avuto come obiettivo quello di migliorare la qualità di vita dei minori residenti nelle strutture di accoglienza o in famiglie a rischio sociale, attraverso interventi atti a promuoverne la reintegrazione sociale nella propria comunità e nel paese. Beneficiari dell intervento sono stati i minori, attualmente residenti in strutture di accoglienza e in famiglie a rischio, le famiglie d origine, le famiglie affidatarie e adottive, gli operatori sociali. I seminari per gli operatori sociali che operano nei servizi del VTAT (il Comitato per la Difesa dei Diritti dei Bambini) e per gli operatori impegnati nelle strutture di accoglienza (in tutto hanno partecipato 60 operatori sociali di tutta la Lituania) sono stati proposti e tenuti dagli enti autorizzati coinvolti nel progetto, in collaborazione con il Servizio di Adozione lituano e con gli operatori locali di SOTAS. SOTAS fa parte di AVSI Network, della Confederazione lituana ONG a favore dei bambini, del Forum delle Iniziative Sociali Cattoliche di Vilnius. Meeting Point International (Uganda) Meeting Point International (MPI) è un organizzazione non governativa ugandese fondata nel 992 e registrata ufficialmente come ONG dal MPI è nato per aiutare e sostenere le persone affette da HIV/AIDS ed i loro orfani in quattro slum di Kampala. L idea che ha animato sin dall inizio l associazione è stata quella di porre al centro dell esperienza di assistenza la persona e non semplicemente il malato. Primo interesse del Meeting Point è che nessuno venga lasciato solo di fronte alla malattia, alla sofferenza ed alla morte, nella convinzione che l uomo non è definibile sulla base dei suoi problemi, ma sull infinito valore del suo cuore (per questo l Icaro di Matisse, che rappresenta il desiderio infinito del cuore dell uomo, nonostante la sua finitezza, è stato scelto come logo del Meeting Point International). L associazione si occupa di fornire cure mediche agli ammalati, sostegno psicologico a loro ed alle loro famiglie, concede prestiti ai più bisognosi per avviare piccole attività generatrici di reddito e migliorare così le loro condizioni di vita, porta avanti attività di informazione e sensibilizzazione sul problema dell AIDS, fornisce aiuto sotto forma di cibo a gruppi di persone vulnerabili nelle zone di intervento. Una parte molto importante del lavoro del Meeting Point International riguarda l aiuto agli orfani. Attraverso il sostegno a distanza di AVSI, l associazione provvede al pagamento delle tasse scolastiche e delle spese relative alla frequenza scolastica per 733 bambini, propone corsi di educazione sanitaria e di orientamento professionale ai ragazzi più grandi. Oltre a questo intervento, il MPI gestisce a Kireka, lo slum più grande della capitale, due strutture: la Welcoming House, che ospita 33 bambini orfani e abbandonati, ed il Day Care Centre Luigi Giussani, dove si fornisce un istruzione di base a 85 bambini che altrimenti resterebbero per strada. Ben.035 persone malate di AIDS beneficiano dell aiuto dell organizzazione e 06 di queste sono beneficiarie del trattamento antiretrovirale..660 orfani e bambini di età compresa tra i 4 ed i 5 anni in difficoltà sono sostenuti dal MPI e 50 persone anziane e abbandonate vengono raggiunte con aiuti alimentari e di altro tipo. Nel il Meeting Point International ha gestito un budget di 238 mila euro, ricevendo finanziamenti da istituzioni pubbliche italiane, spagnole, svizzere e da numerosi donatori privati.

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni, raggiungendo più di 4.000.000

Dettagli

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace occorre

Dettagli

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012. Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012. Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace

Dettagli

15 ANNI DI INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE PIU BISOGNOSE

15 ANNI DI INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE PIU BISOGNOSE L INIZIO La presenza della fondazione AVSI in Romania si lega in particolar modo al problema dell infanzia colpita dall AIDS. Ha avvio nel 1995, dopo aver ottenuto l autorizzazione da parte del Governo

Dettagli

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi Campagna Tende 2011-2012 I PROGETTI DA SOSTENERE: Kenya. Anche nella carestia del

Dettagli

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Il progetto si sviluppa nella città di Meki, situata a 135 km da Addis

Dettagli

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già.

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già. Campagna Tende 2012-2013 COSTRUENDO UN BENE PER TUTTI UGANDA Ultimazione della scuola secondaria Luigi Giussani a Kampala L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme.

Dettagli

bilancio sociale 2004

bilancio sociale 2004 bilancio sociale bilancio sociale Se vuoi costruire una nave non chiamare la gente che procura il legno, che prepara gli attrezzi necessari, non distribuire compiti, non organizzare il lavoro. Prima invece

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Le persone con disabilità

Le persone con disabilità Mina Lomuscio Ministero Affari Esteri Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo Unità Tecnica Centrale Cooperazione internazionale e inclusione Rimini 9 novembre 2013 Le persone con disabilità Le persone

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti all ESTERO

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti all ESTERO FAIB Fondazione aiutare i bambini Via Ronchi 17, 20134 Milano tel: 02 70 60 35 30 fax: 02 70 60 52 44 info@aiutareibambini.it www.aiutareibambini.it Linee Guida Presentazione MOD 27/A PRO 06.05 bis Rev.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

Project for People ONLUS

Project for People ONLUS Project for People ONLUS Project for People è una ONLUS che dal 1993 realizza progetti di cooperazione e sviluppo in India, Benin (Africa) e Brasile. I valori dell Associazione sono il rispetto della cultura

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary L associazione Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary Dal 1993 si attiva in Italia un gruppo di studenti per sviluppare progetti di cooperazione a

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali!

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali! MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO NATIONALHIGHSCHOOLMODELUNITEDNATIONS201542016 StudentiAmbasciatorialleNazioniUnite ItalianDiplomaticAcademy

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 Oggetto: DGR 1107/2014 Criteri e modalità per l assegnazione di contributi a favore degli Ambiti Territoriali Sociali

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD Direzione Generale per il Terzo settore e le Formazioni sociali Sostegno a Distanza - SaD Iscrizione all elenco organizzazioni SaD MODELLI 1. Richiesta di adesione: - Modello n. 1- Richiesta di adesione

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009)

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Indice: Sintesi Generale 1 Sintesi mappatura progetti regionali su fondi comunitari in ambito

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Brasile chiama Italia

Brasile chiama Italia Brasile chiama Italia Brasile, Rio de Janeiro Nova Iguaçu favela Miguel Couto: noi siamo qui! Prima... durante... e dopo! Espaço Progredir Espaço Progredir (Spazio della crescita, del progresso) è stato

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO

LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO AVSI nel mondo La Fondazione AVSI è una organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972, presente in 38 Paesi del mondo

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO. Rep.Dem.Congo. il Sostegno a Distanza

Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO. Rep.Dem.Congo. il Sostegno a Distanza Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Rep.Dem.Congo. Tutti a scuola con il Sostegno a Distanza Campagna Tende 2011-2012 I PROGETTI DA SOSTENERE: Kenya. Anche nella carestia del Corno

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA ForumSaD Forum Permanente per il Sostegno a Distanza Onlus Segreteria: c/o Re Orient - Xa Me Vicolo Scavolino 61 00187 Roma Telefono 06.69759467 fax 06.69921981; e-mail: segreteria@forumsad.it C.F. 97351760588

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI Siena 09/12/2013 Nicole Mascia Firenze 29 giugno 2012 Il punto di partenza Legge Regionale n.26 del 2009 Piano

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2 STATUTO Articolo 1 Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita l Associazione LINEA ROSA. L associazione ha sede in Ravenna, Via Garatoni n. 12. Articolo 2 Finalità ed attività dell Associazione.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli