Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza."

Transcript

1 versione non definitiva Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza. Morena Terraschi, Stefano Penge, Maurizio Mazzoneschi Sommario Il contributo vuole, attraverso l'esemplificazione dei principali modelli didattici su cui si basano i corsi di formazione a distanza, illustrare e individuare i possibili scenari di valutazione che essi rendono possibile. L'ambito di analisi è quello della valutazione in itinere di un corso, tenendo però presenti i due principali aspetti della valutazione: la valutazione dell'apprendimento e la valutazione di processo. Attraverso l'analisi dei tre elementi del processo valutativo l'acquisizione delle competenze, il livello di adesione al patto formativo e il livello di collaborazione/costruzione vedremo che strategie è possibile mettere in atto e quali strumenti è possibile e asupicabile di volta in volta utilizzare. Incrociando il modello didattico di riferimento e gli elementi del processo valutativo verranno individuati gli ambiti e gli strumenti della valutazione. A partire da questi verranno poi descritti degli scenari di riferimento e dei modelli di valutazione possibile. 1 L'approccio alla valutazione In ogni processo educativo è possibile distinguere due tipi di valutazione che vanno comunque di pari passo: una valutazione di processo e una valutazione formativa. La prima verifica se l'intervento formativo risponde ai criteri iniziali, se è efficace e se effettivamente ha avuto successo. La seconda verifica se e in che misura l'intervento formativo ha reso possibile un aumento delle conoscenze iniziali possedute dai corsisti. I due tipi di valutazione sono quasi coincidenti e si snodano cronologicamente durante tutto il corso. Rispetto all'intervento formativo è possibile valutare processo e competenze dei corsisti a priori (prima cioè dell'attivazione del corso), durante e a posteriori (dopo il termine del corso).

2 Non entriamo nel merito di tutti gli aspetti del processo coinvolti 1, qui ci interessa considerare in particolare la valutazione in itinere, quella cioè che il tutor fa durante il corso e che riguarda sia il processo che l'apprendimento. Dal punto di vista del processo si valuta se l'organizzazione del corso, la cadenza delle lezioni, i materiali proposti e le attività proposte dal tutor sono efficaci. Dal punto di vista dell'apprendimento si valuta l'aumento e la maturazione delle competenze dei corsisti. Noi adottiamo un approccio per cui la scelta degli strumenti di valutazione è legata al modello didattico prescelto, vi proponiamo perciò una schematizzazione che cerca di tener conto di tutti gli aspetti descritti sopra riconducendoli però a tre modelli didattici di base: trasmissivo, cooperativo e laboratoriale 2. 2 Modelli didattici ed elementi di valutazione Nell'individuazione dei modelli didattici di base seguiamo qui Luciano Galliani 3 che individua tre paradigmi dominanti nella storia della didattica: 1. razionalista informazionista 2. sistemico interazionista 3. costruttivista sociale Al paradigma razionalista informazionista corrisponde un modello, una organizzazione didattica di tipo trasmissivo. Nel nostro caso quindi ci troviamo di fronte ad un modello didattico razionalista informazionista quando il processo di apprendimento consiste nella mera trasmissione di contenuti da una parte e nella mera acquisizione di questi contenuti dall'altra. Chi segue il corso quindi legge o comunque fruisce dei contenuti in maniera passiva, non è prevista molta interazione tra il corsista e il tutor o tra corsisti e corsisti e la valutazione di apprendimento di solito consiste in batterie di test. 1 Rimandiamo al Vademecum sull e learning per le Pubbliche Amministrazioni, elaborato dal CNIPA (Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione) nel 2004, che sintetizza egregiamente questi aspetti. 2 Queste tematiche sono state da noi anticipate nel contributo FaD online e costruttivismo durante il Convegno Expo e learning (6/8 ottobre 2005). 3 Vedi Galliani, Costa, Criteri di valutazione e indicatori di qualità nell Open Distance Learning, Anno I n. 02/2002 (leggibile per intero sulla versione online di Pedagogia sperimentale e ricerca didattica).

3 Al paradigma sistemico interazionista corrisponde invece un modello didattico di tipo cooperativo. Il corso non è solo erogazione e fruizione di contenuti ma è soprattutto scambio e confronto di esperienze e competenze. L'apprendimento si fa in gruppo e ogni membro di questo gruppo (docente, esperto, tutor o corsista che sia) contribuisce alla sua realizzazione. E' il modello più diffuso e più efficace. Al paradigma costruttivista sociale infine corrisponde un modello didattico laboratoriale. Il lavoro di gruppo diventa centrale, si punta moltissimo sull'interazione, si vuole arrivare di solito alla realizzazione di un prodotto e si cerca di creare una comunità di apprendimento che continui oltre i limiti temporali del corso. Abbiamo definito dei modelli didattici, ora vediamo che tipo di elemeni è possibile valutare. La valutazione si basa sostanzialmente sull'analisi di tre elementi del processo formativo: l'acquisizione delle competenze, il livello di adesione al patto formativo e il livello di collaborazione/costruzione. Se nel modello trasmissivo valuto il singolo corsista, nei modelli cooperativi e laboratoriali valuto anche il gruppo. Non solo, nella valutazione degli apprendimenti non perdo mai di vista la valutazione di processo e questo vale per tutti e tre i modelli illustrati. Possiamo allora provare ad incorciare il modello didattico di riferimento e gli elementi del processo formativo (schema 1), in questo modo è possibile individuare gli ambiti che di volta in volta si vanno a valutare e gli strumenti FaD che rendono possibile questa valutazione (in senso lato è forse più corretto parlare di processi vista la complessità degli elementi considerati). elementi modelli Trasmissivo Cooperativo Laboratoriale Acquisizione competenze Test Elaborato/Simulazione Prodotto Livello di adesione/ Partecipazione Dati navigazione Chat Autoregolamentazione/ Formalizzazione delle regole Collaborazione/Costruzione Interazione Forum Comunità indipendente Schema 1. Modelli didattici ed elementi di valutazione In un modello trasmissivo per valutare l acquisizione delle competenze si usano batterie di test e prove strutturate, per valutare il livello di adesione al patto formativo si analizzano i dati di navigazione (quante volte il corsista si è collegato, per quanto tempo è rimasto connesso, quale materiale ha visionato e quante volte), per valutare la collaborazione (che è comunque presente in questo modello anche se molto

4 bassa) verifico il livello di interazione con il tutor e gli altri corsisti (ad esempio quanti messaggi sono stati inviati e ricevuti). In un modello cooperativo la valutazione delle competenze è resa possibile dalla realizzazione di elaborati complessi o di simulazioni, l'adesione e la partecipazione si valuta tramite la chat che qui è intesa come il luogo di socializzazione del gruppo, infine il livello di collaborazione/costruzione si valuta tramite il forum inteso come luogo di discussione, di confronto e di approfondimento dei contenuti. In un modello didattico laboratoriale ci andiamo a concentrare sul prodotto dal punto di vista della valutazione delle competenze, sulla capacità di autoregolamentazione e di formalizzazione delle regole proprie del gruppo per quanto riguarda l'adesione, mentre il livello di cooperazione lo valutiamo in base alla creazione o meno di una comunità indipendente che continui anche dopo il corso. Per ognuno di questi ambiti/processi occorrono degli strumenti di analisi adeguati. Se nel modello trasmissivo ci basiamo soprattutto sull'analisi quantitativa dei dati di interazione, nel modello cooperativo avremo bisogno di strumenti che ci consentano una analisi di tipo lessicale, mentre nel modello laboratoriale entriamo nell'ambito più ampio dell'autovalutazione (d'altronde il passaggio dall etero all autovalutazione si inserisce trasversalmente in questo schema). Quella che proponiamo è una semplificazione che ci permette una schematizzazione più efficace, ci possono infatti essere contaminazioni e sovrapposizioni tra i vari modelli, anzi probabilmente nelle prime fasi di un corso a distanza (anche se si basa su un modello didattico cooperativo), l'approccio valutativo è di tipo trasmissivo e solo con il tempo si arriva agli approcci più complessi. Ma ci sembra comunque valida perché considera la valutazione non esterna al corso ma parte integrante dello stesso e in cui tra l'altro è possibile coinvolgere gli stessi corsisti (specie nell'ultimo modello). 3 Scenari e strumenti di valutazione Finora ci siamo concentrati sulla delineazione di uno scenario di valutazione complessivo, proviamo ora ad entrare nel merito degli strumenti e delle strategie di valutazione. Partiamo infatti dal presupposto che questi scenari non hanno possibilità di concretizzarsi senza strumenti adeguati, se una piattaforma non consente la registrazione e l'analisi del tipo di dati di cui abbiamo parlato prima

5 queste valutazioni non sono possibili. Entriamo quindi nel merito della questione, per farlo ci baseremo in parte su degli esempi concreti tratti da una piattaforma di formazione a distanza 4, inoltre terremo conto soprattutto del punto di vista del tutor. Ci sembra infatti che manchi una adeguata riflessione di quanto e come il tutor possa valutare. La valutazione degli apprendimenti può contare su una tradizione pedagogica solida 5, meno usuale invece la valutazione di fino a che punto il corsista è coinvolto dal corso (adesione al patto formativo) e dal gruppo (livello di collaborazione). Questi ultimi due punti però ci sembrano invece non solo molto interessanti ma anche concretamente attuabili quando si parla di e learning: ogni piattaforma di formazione a distanza consente la registrazione di moltissimi dati quantitativi, tutto quello che viene fatto online può essere visualizzato e di conseguenza analizzato anche da un punto di vista qualitativo. Abbiamo detto che in un modello trasmissivo la valutazione passa attraverso il risultati dei test, l'analisi dei dati di navigazione e il livello di interazione. Nella figura 1 possiamo vedere il tipo di dati su cui basare questa valutazione. Per ognuno dei corsisti infatti il tutor visualizza il numero di visite realizzate, la data dell'ultima visita, i punteggi degli esercizi, il numero di messaggi inviati e ricevuti. Figura 1. Dati navigazione dei corsisti Per ogni corsista è possibile visualizzare ed elaborare questi dati quantitivi ed utilizzarli per la valutazione. I dati sono in questo caso autoevidenti. Il tutor si rende perfettamente conto se il corsista ha visitato solo parzialmente il corso, se non si collega da molto tempo, se ha avuto punteggi bassi negli esercizi e se riceve ed 4 Chi scrive fa parte del gruppo che ha progettato e sviluppato ADA: una piattaforma e learning basta sui principi del costruttivismo e rilasciata in licenza GPL (opensource) 5 Vedi i lavori di Benedetto Vertecchi e di Gaetano Domenici.

6 invia dei messaggi. Ma possiamo adottare strumenti più raffinati e chiedere al sistema di elaborare per ogni corsista o per tutta la classe dei grafici sulla navigazione o sul livello di interazione. In questo modo il tutor può rendersi conto del ritmo di collegamento del corsista (regolare o saltuario), della quantità di materiale letto, del tempo di connessione eccetera. E' anche possibile chiedere al sistema di analizzare i destinatari dei messaggi inviati dai corsisti e i mittenti dei messaggi ricevuti per analizzare appunto il livello di interazione della comunità. Quello che manca non è certo il riferimento teorico o il modello per questo tipo di analisi quanto degli strumenti di analisi e di visualizzazione adeguati. Vediamo ora cosa e come possiamo valutare secondo un approccio di tipo costruttivo. Abbiamo detto che l'acquisizione delle competenze si valuta chiedendo al corsista di elaborare una riflessione o di realizzare una simulazione. Per quanto rigurda il livello di adesione abbiamo individuato nella chat il luogo di socializzazione per eccellenza del corso, mentre nel forum l'elemento che ci permette di valutare il livello di cooperazione e collaborazione. Anche in questo caso una piattaforma ben progettata consente al tutor di avere a disposizione report puntuali della chat e una visione del forum sia globale (figura 2) che particolare (figura 3). Figura 2. Il forum del corso Figura 3. Report delle note inserite dal corsista Anche in questo caso è semplice costruire report sia sulle chat che sui forum incrociando ad esempio il numero di chat realizzate durante il corso con il numero di chat a cui ha partecipato il singolo corsista. O ancora la distribuzione delle note forum per treahd e per autore. Su chat e forum inoltre si possono utilizzare semplici

7 strumenti di analisi testuale 6, con una adeguata progettazione di partenza un tutor può infatti analizzare le ricorrenze di un certo termine all'interno del forum (figura 4) e utilizzare questo dato per valutare il livello di costruzione collettiva della conoscenza nel gruppo. Se un certo termine che nell'ambito del corso è stato definito fondamentale non ricorre (o ricorre raramente) nelle discussioni del forum, il tutor può chiedersi se effettivamente qualcosa non va nel corso o se quel termine è stato sostituito da un altro. Figura 4. Occorrenze dei lemmi all'interno del forum del corso Veniamo ora all'ultimo modello didattico, quello laboratoriale. Abbiamo detto che i tre elementi del processo valutativo sono: la realizzazione di un progetto, la capacità di autoregolamentazione e la creazione, a corso finito, di una comunità. E' questo l'ambito in cui l'analisi dei dati quantitivi è meno utile. La valutazione del prodotto viene il più delle volte fatta fuori dalla piattaforma, al massimo nella piattaforma se ne riportano i risultati a meno che il prodotto non sia autoreferenziale. Per quanto riguarda la capacità di autoregolamentazione e la creazione di una comunità invece è possibile fare qualcosa di più. Ad esempio posso valutare la capacità di autoregolamentazione del gruppo consentendo ai corsisti di aprire liberamente discussioni all'interno del forum oppure di moderare sessioni di chat. Progetto quindi un ambiente che consenta al corsista di assumere ruoli e poteri di solito riservati al tutor, al docente o all'esperto. Lo stesso vale per la comunità, se la piattaforma lo consente i corsisti possono creare e gestire al suo interno una spazio autonomo e autoregolamentato. 6 L'analisi testuale in ambito e learning è pratica diffusa ma nella maggior parte dei casi viene fatta al termine di un corso e mai in itinere. Vedi inoltre il contributo di Stefano Penge, Valutare gruppi di apprendimento online, citato in bibliografia.

8 4 Conclusione Dovrebbero ora essere chiari i due elementi su cui abbiamo basato il nostro ragionamento. Da una parte abbiamo dei modelli didattici a cui corrispondono determinati approcci valutativi. Dall'altra abbiamo delle piattaforme dotate di strumenti che possono agevolare (od ostacolare se mal progettate) queste valutazioni. Da quanto illustrato si evince come il rimando tra valutazione e strumento è continuo e che non esiste una separazione netta tra i processi valutativi che abbiamo illustrato. Non è possibile affrontare in modo adeguato la valutazione senza dotare il tutor di strumenti adeguati e, prima ancora, senza realizzare una progettazione adeguata della piattaforma e del corso. Riferimenti bibliografici AA.VV., Vademecum per l'e learning nelle Pubbliche Amministrazioni, CNIPA, Roma, 2004 Banzato, M., Apprendere in rete, Utet, Torino, 2002 Calvani, A., Rotta, M., Comunicazione e apprendimento in Internet, Erickson, Trento, 1999 Galliani, L., Costa, R., Criteri di valutazione e indicatori di qualità nell'open Distance Learning, in Pedagogia Sperimentale, n. 2, a (http://www.pedagogiasperimentale.it/articolo_ps.asp?art=29) Maragliano, R., Pedagogie dell e learning, Laterza, Roma Bari, 2004 Mazzoneschi, M., (2004), Knowledge Management ed e learning: l'autore collettivo e l'emersione delle competenze, 1 Congresso Sie L (Genova, novembre 2004). Penge, S., (2004), Valutare un gruppo di apprendimento online, E learning: formazione, modelli, proposte (Macerata, 1 2 aprile 2004). Penge, S., (2004), Valutare un gruppo di apprendimento online, Didamatica 2004, E Learning: qualità e knowledge management (Ferrara, maggio 2004). Penge, S., Terraschi, M., Ambienti digitali per l apprendimento, Anicia, Roma, 2004 Terraschi, M., (2004), Il tutor online e la creazione di un gruppo di apprendimento, E learning: formazione, modelli, proposte (Macerata, 1 2 aprile 2004).

9 Terraschi, M., (2004), Dalla classe alla rete, l'esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti, Expo e learning (Ferrara, 9 12 ottobre 2004). Terraschi, M., (2004), ADA un esempio di piattaforma centrato sugli utenti, 1 Congresso Sie L (Genova, novembre 2004). Terraschi, M., (2005), Imparare facendo: i corsi di Altrascuola, in Journal of e Learning and Knowledge Society, n. 2. Terraschi, M. (2005), FaD online e costruttivismo, Expo e learning (Ferrara, 6 8 ottobre 2005). Trentin, G. (2001), Dalla formazione a distanza all'apprendimento in rete, Franco Angeli, Milano.

Integrazione di Knowledge Management ed E-learning

Integrazione di Knowledge Management ed E-learning Integrazione di Knowledge Management ed E-learning Maurizio Mazzoneschi Stefano Penge Morena Terraschi Lynx s.r.l. Richiamiamo brevemente il modello SECI (Socializzazione, Esteriorizzazione, Combinazione,

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Strategie collaborative di costruzione di un corso online: una metodologia a spirale

Strategie collaborative di costruzione di un corso online: una metodologia a spirale Strategie collaborative di costruzione di un corso online: una metodologia a spirale Stefano Penge Maurizio Mazzoneschi Morena Terraschi Lynx s.r.l. www.lynxlab.com PLE e tecnologie 2.0 Oggi le comunità

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

Il corso di italiano on-line: presentazione

Il corso di italiano on-line: presentazione Il corso di italiano on-line: presentazione Indice Perché un corso di lingua on-line 1. I corsi di lingua italiana ICoNLingua 2. Come è organizzato il corso 2.1. Struttura generale del corso 2.2. Tempistica

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Formazione online o in presenza?

Formazione online o in presenza? Formazione online o in presenza? Settore Tecnologie Educative Paolo_Manfredi@multifad.formazione.unipd.it http://www.formazione.unipd.it PRINCIPALI VARIABILI DI PROCESSO DI APPRENDIMENTO atteggiamenti

Dettagli

L elearning nell Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori (21 dicembre 2011) RUO FSRU Formazione Tecnico-Specialistica e Finanziata

L elearning nell Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori (21 dicembre 2011) RUO FSRU Formazione Tecnico-Specialistica e Finanziata L elearning nell Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori (21 dicembre 2011) Indice 2 1. L elearning nell Accordo Stato Regioni: applicabilità e requisiti 2. Sede e strumentazione 3. Programma

Dettagli

Organizzazione didattica e processi valutativi

Organizzazione didattica e processi valutativi Organizzazione didattica e processi valutativi Giovanni Moretti Dipartimento di Scienze della Formazione Corso di Studio in Scienze dell Educazione a.a. 2014-2015 Suddivisione in Moduli Modulo - Percorso

Dettagli

Gestione del sapere in processi di e-learning

Gestione del sapere in processi di e-learning Gestione del sapere in processi di e-learning MAURIZIO MAZZONESCHI - STEFANO PENGE - MORENA TERRASCHI La gestione e l'aggiornamento dei contenuti all'interno di processi di e-learning è argomento cruciale

Dettagli

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo SHARECONFERENCE Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo Teramo 15/12/2006 Manuela Pegoraro Il Centro METID del Politecnico

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano Allegato 2 Relazione Finale Insegnante: prof. Giorgio Ravanelli a.s. 2006/2007 1. Descrizione di contenuti,

Dettagli

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 E-tutor ing. Antonio Di Micco Docente di elettronica presso: Istituto Superiore Statale P. Gobetti Scandiano (RE) E-mail: antonio.dimicco@libero.it Programma Riferimenti normativi

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Anno Accademico 2009/2010 Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE LINEEGUIDA PEDAGOGICHE Le linee guida sono lo strumento di accompagnamento alle attività formative previste nel progetto europeo Uptake_ICT2life-cycle: digital literacy and inclusion to learners with disadvantaged

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca ANVUR Autovalutazione, Valutazione periodica e Accreditamento (AVA) AVA prevede

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Gestione del sapere in processi di e-learning

Gestione del sapere in processi di e-learning Gestione del sapere in processi di e-learning Maurizio Mazzoneschi, Stefano Penge, Morena Terraschi Altrascuola mazzoneschi@altrascuola.it, steve@altrascuola.it, morena@altrascuola.it keywords: condivisione,

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center Provincia

Dettagli

MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345

MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345 MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345 www.unipegaso.it Titolo MA345 - Il Tutor on line Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO. Scuola Polo ISTITUTO LEON BATTISTA ALBERTI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO. Scuola Polo ISTITUTO LEON BATTISTA ALBERTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Scuola Polo ISTITUTO LEON BATTISTA ALBERTI Anno di formazione 2014-2015 PERSONALE DOCENTE NEOASSUNTO

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Progetto formativo DoteComune - 6 mesi - nel Servizio Bilancio e società partecipate del Comune di Lecco

Progetto formativo DoteComune - 6 mesi - nel Servizio Bilancio e società partecipate del Comune di Lecco Progetto formativo DoteComune - 6 mesi - nel Servizio Bilancio e società partecipate del Comune di Lecco Sintetica presentazione di contesto e finalità del progetto Il contesto di riferimento del progetto

Dettagli

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS?

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI OTTENGONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI ACCEDE ALLA PIATTAFORMA? CHE COSA E' AULA DIDATTICA 3.0? IN CHE COSA CONSISTE L'ESAME? La Certificazione

Dettagli

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia con il patrocinio e la collaborazione dell Associazione Italiana Dislessia MASTERCLASS DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Edizione

Dettagli

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Attività laboratoriali di matematica, fisica e scienze Federico Francesco Placenti Salvatore Alex Cordovana Giorgio

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELLE AZIENDE SANITARIE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELLE AZIENDE SANITARIE PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELLE AZIENDE SANITARIE 1 OTTOBRE - 31 DICEMBRE 2004 organizzato da: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Ufficio Relazioni Esterne N ID CORSO: 5304 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA V.LE

Dettagli

Guida alla fruizione del percorso di validazione Trad Lab:Struttura la tua idea di BIC Lazio

Guida alla fruizione del percorso di validazione Trad Lab:Struttura la tua idea di BIC Lazio Guida alla fruizione del percorso di validazione Trad Lab:Struttura la tua idea di BIC Lazio Indice OBIETTIVI... 3 REQUISITI TECNICI... 3 ILLUSTRAZIONE DEL PERCORSO... 3 PARTE TEORICA...4 PARTE PRATICA...4

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE IN MODALITÀ E

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE IN MODALITÀ E IL RETTORE il Decreto del Ministro dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica del 10 Giugno 1998, con cui è stata istituita l Università degli Studi di Milano - Bicocca; lo Statuto dell

Dettagli

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI anno scolastico 2008/09

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI anno scolastico 2008/09 Ufficio Scolastico Provinciale di Piacenza Borgo Faxhall Piazzale Marconi, 29100 Piacenza - Tel. 0523330711 Fax 0523330774 Sito Internet: http://www.csapiacenza.it e-mail: csa.pc@istruzione.it FORMAZIONE

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Ambienti di apprendimento e TIC

Ambienti di apprendimento e TIC Piano Nazionale di Formazione Degli Insegnanti sulle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Ambienti di apprendimento e TIC OBIETTIVI DEL MODULO Il concetto di ambiente di apprendimento Le

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 1 - La Formazione a distanza La formazione a distanza Premessa Obiettivo Il senso

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Progetto RISAS - Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri

Progetto RISAS - Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «G.GALILEI» Via della Concordia, 92 61100-PESARO-tel.0721/283030 fax 0721/450756 - e-mail: info@icsgalilei.it INSIEME Scuola, famiglie,integrazione Seminario Nazionale Ancona,

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA

IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA #BarbariDigitali Nuove frontiere della scuola digitale, delle tecnologie e dell umanesimo Trento, 14 ottobre 2013 Cristiana

Dettagli

Nuove metodologie di formazione

Nuove metodologie di formazione Nuove metodologie di formazione per la sicurezza nel settore delle costruzioni LA FORMAZIONE DEI COORDINATORI PER LA SICUREZZA Farina Geom. Stefano Consigliere Nazionale AiFOS AiFOS Associazione Italiana

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Roma 23.10.2014

Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Roma 23.10.2014 Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) 0 Roma 23.10.2014 Sommario 1. Oggetto... 2 2. Riferimenti normativi e attuativi... 2 3. Gruppo di lavoro e ruoli... 3 4. Tabella riepilogativa

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012 TIC e Formazione in ambito sanitario Introduzione teorica La formazione in ambito sanitario si concretizza in un approccio di tipo olistico alla professione ed all utenza che ne deriva, intersecandosi

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

La Formazione A Distanza. La Formazione A Distanza

La Formazione A Distanza. La Formazione A Distanza 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni Formazione rete di rilevazione Obiettivi Fornire una serie di prodotti e servizi aggiuntivi alla formazione in aula - percorsi didattici strutturati,

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli