Radioterapia. Guida pratica per il paziente. Ugo de Paula Annamaria Di Palma. con la collaborazione di Luisa de Paula

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Radioterapia. Guida pratica per il paziente. Ugo de Paula Annamaria Di Palma. con la collaborazione di Luisa de Paula"

Transcript

1 Radioterapia Guida pratica per il paziente Ugo de Paula Annamaria Di Palma con la collaborazione di Luisa de Paula Radioterapia Oncologica Complesso Ospedaliero San Giovanni - Addolorata Roma

2 SOMMARIO Introduzione Una preoccupazione piuttosto comune Che cose è la Radioterapia Che cosa è un tumore e come agisce la Radioterapia Le tecniche di Radioterapia Brachiterapia nei tumori della prostata Quando si utilizza la Radioterapia La prima visita e l indicazione al trattamento Il Centro di Radioterapia e il suo Team La preparazione al ciclo di Radioterapia La seduta di Radioterapia Gli effetti collaterali e alcune raccomandazioni specifiche Irradiazione dell encefalo Irradiazione del cavo orale e collo Irradiazione della regione toracica (mediastino e polmoni) Irradiazione della mammella Irradiazione della regione addominale e pelvica Conclusione del trattamento e visite di controllo Le domande più frequenti Glossario Nel glossario troverete ulteriori specifiche dei termini riportati nel testo in grassetto TAVOLA I Raccomandazioni per il paziente che effettua la radioterapia sul cavo orale e/o collo TAVOLA II Suggerimenti dietetici per i pazienti irradiati sull addome e pelvi 44 45

3 introduzione Circa due terzi dei pazienti affetti da tumore affrontano almeno un ciclo di radioterapia durante il loro percorso terapeutico. Questo opuscolo è stato pensato e realizzato su misura per chi sta per sottoporsi ad un trattamento radiante, allo scopo di aiutare il paziente a capire cos è la radioterapia, a sapere come viene applicata e gli effetti collaterali che l'irradiazione può provocare. Nel fornirvi le indicazioni sul trattamento, ci atterremo volutamente a un registro generico, intendendo offrire una semplice base conoscitiva che non può sostituire il confronto diretto con il medico e con gli altri operatori sanitari sulla vostra situazione specifica. A questo riguardo, è importante che voi teniate sempre bene a mente che ogni persona malata ha una sua propria storia clinica che si integra con la sua storia personale: ogni paziente è unico e ogni trattamento dovrà essere accuratamente personalizzato. Perciò evitate di confrontare la vostra situazione con quella 3

4 di altri pazienti e, per qualsiasi dubbio, non esitate a rivolgervi al vostro medico oncologo radioterapista e all équipe che vi ha preso in cura: loro saranno sempre pronti a rispondere alle vostre domande e a supportarvi per far fronte alle specifiche esigenze che di volta in volta si dovessero presentare. Ricordatevi che l informazione e il dialogo tra il medico e paziente sono premesse essenziali per ottenere la massima efficacia delle cure e minimizzare gli effetti collaterali della terapia. 4

5 UNA PREOCCUPAZIONE PIUTTOSTO COMUNE Molti pazienti quando vengono in contatto con un centro di radioterapia sono preoccupati per la propria sicurezza e per la sicurezza dei propri familiari. In nessun momento dell'intero periodo del vostro trattamento di radioterapia a fasci esterni correrete il rischio di essere radioattivi o di mettere in qualche modo in pericolo le persone che vi sono vicine. Potrete continuare a stare accanto ai bambini, ai vostri cari e alle donne in gravidanza. Esistono poi dei casi particolari in cui la cura consiste nell inserimento permanente di sostanze radioattive all interno del vostro corpo. Solo in questi casi dovrete adottare delle particolari precauzioni che vi saranno sempre dettagliatamente prescritte dal medico radioterapista. Le misure protettive da adottare in questi casi dipendono principalmente dal tipo di sostanza radioattiva impiegata, e sono sempre diverse a seconda del caso, tali da richiedere delle informazioni specifiche che vi saranno puntualmente fornite dal personale medico al momento della dimissione dall ospedale. 5

6 CHE COSA E LA RADIOTERAPIA? La radioterapia consiste nell impiego di radiazioni ionizzanti per la cura dei tumori. Le radiazioni utilizzate in radioterapia sono di energia più elevata di quelle impiegate a scopi diagnostici e cioè per effettuare una comune radiografia o un esame TC (Tomografia Computerizzata) e sono finalizzate a distruggere il DNA (acido desossiribonucleico) delle cellule tumorali per contrastarne la crescita incontrollata. Con la radioterapia si può curare, inibire la progressione tumorale o alleviare alcuni sintomi tra i quali il dolore e il sanguinamento. La moderna radioterapia è una disciplina molto complessa, il cui tratto peculiare è l'alto livello di integrazione tra fisica, radiobiologia ed oncologia clinica. Per esercitarla sono necessarie elevate competenze specialistiche, una solida esperienza professionale ed una formazione continua. 6

7 COSA E UN TUMORE E COME AGISCE LA RADIOTERAPIA Il tumore è una malattia determinata dalla crescita anomala di cellule che si dividono senza controllo all interno di un organo del corpo formando una massa di tessuto malato che invade i tessuti sani vicini. Questo tessuto neoformato può infiltrare o distruggere quelli circostanti e, attraverso i vasi linfatici o sanguigni, migrare in altre parti del corpo formando altre masse di cellule con le stesse caratteristiche di quelle di partenza, le metastasi. Il team che si occupa della cura del tumore è costituito da diversi profili professionali altamente specialistici, e principalmente da: chirurgi oncologi, oncologi medici e radioterapisti oncologi, i quali mettono in comune le proprie specifiche competenze per il medesimo obiettivo di controllo e gestione terapeutica dalla malattia. Le radiazioni utilizzate in radioterapia servono a bloccare la capacità che hanno le cellule tumorali di riprodursi e crescere. Il bersaglio delle radiazioni è il DNA cellulare. Quando il DNA di una cellula è colpito ed è danneggiato in modo irreversibile dalle radiazioni, la cellula muore, o immediatamente o in un secondo tempo; in ogni caso, perde la 7

8 capacità di riprodursi. Per poter distruggere le cellule malate, le radiazioni a volte causano danni ai tessuti sani ed effetti secondari che sono effetti non voluti, spesso inevitabili, ma prevedibili e comunque sempre controllabili con le specifiche cure prescritte dal medico radioterapista. E stato dimostrato che normalmente le cellule malate sono più sensibili alle radiazioni rispetto a quelle sane. Ciò avviene perché le cellule malate si dividono e crescono più rapidamente di quelle sane e vengono pertanto distrutte in maggiore quantità rispetto alle cellule sane. Se la dose radiante viene somministrata quando la cellula è sul punto di dividersi per dar luogo a due cellule, l'irradiazione impedirà questo processo e la cellula morirà. L effetto della radioterapia è tanto maggiore quanto più è elevata la dose somministrata. In linea generale quindi più è elevata la dose di radiazioni e migliori sono i risultati terapeutici. Ma poiché, nonostante tutti i più moderni accorgimenti tecnici, una parte dei tessuti sani è necessariamente inclusa nell area interessata dalle radiazioni, la dose totale dovrà tenere conto anche della tolleranza dei tessuti sani vicini e non può essere erogata tutta insieme, ma frazionata in dosi più piccole (definite appunto frazioni), somministrate giornalmente. Ricordate che la dose totale, il numero di frazioni (e quindi di sedute di radioterapia) e la durata complessiva del trattamento non sono uguali per tutti i pazienti, ma variano a seconda della sede e del tipo di malattia. 8

9 LE TECNICHE DI RADIOTERAPIA Al giorno d oggi i cicli di radioterapia vengono realizzati con la garanzia della massima precisione e in condizioni di assoluta sicurezza per ciò che concerne le dosi somministrate e distribuite nelle diverse regioni anatomiche interessate. Tutte le tecnologie hanno un denominatore comune: riducono la dose di radiazione somministrata ai tessuti sani adiacenti al tumore, limitando di conseguenza gli effetti collaterali durante il trattamento e le complicanze a lungo termine. L'avanzamento tecnologico mette a disposizione del medico radioterapista una vasta gamma di apparecchiature sempre più complesse e in continua evoluzione. Tramite l informazione dei media potreste venire a conoscenza di nuove apparecchiature o tecniche innovative che sembrano risolutive per qualsiasi tumore. La supertecnologia con il fascino di strumenti fantascientifici, ogni volta riaccende le speranze per i pazienti che, con comprensibile aspettativa, richiedono di accedere a quel tipo di trattamento più avanzato. Le descrizioni 9

10 entusiastiche - per lo più propagandistiche - delle illimitate potenzialità terapeutiche dell ultimo apparecchio, seducono e incantano chi sta vivendo nella difficoltà della propria malattia. Non esitate a domandare chiarimenti al vostro medico specialista in radioterapia, il quale sicuramente sarà disponibile a supportare con le sue competenze professionali le vostre scelte, calibrandole sulla specificità del quadro clinico. Solo nel caso che ve ne sia una effettiva indicazione, saprà informarvi su come accedere a quella nuova specifica modalità terapeutica. La scelta dell apparecchio e della tecnica più appropriata alla vostra situazione è una decisione riservata esclusivamente ai medici specialisti e dipende da molteplici fattori sia clinici sia tecnici, che dovranno essere accuratamente e specificatamente valutati per ogni singolo paziente. Ci sono due tipi principali di radioterapia: la radioterapia a fasci esterni (o teleterapia), e la radioterapia con sorgenti interne, e cioè con sostanze radioattive introdotte all interno del corpo (brachiterapia). Nella radioterapia a fasci esterni un apparecchio (generalmente un acceleratore lineare o linac), posto a una certa distanza dal paziente, ruota e dirige i fasci di radiazioni 10

11 su una determinata regione del corpo senza che il paziente avverta alcuna sensazione anomala. Tutti i moderni acceleratori lineari consentono difatti di realizzare tecniche di radioterapia conformazionale tridimensionale (o 3D-CRT: Three- Dimensional Conformal Radiation Therapy), in cui il fascio di radiazioni è conformato, e cioè perfettamente modellato sulla forma del bersaglio da irradiare, in modo che i tessuti sani circostanti siano il più possibile preservati dalle radiazioni. Un'altra tecnica conformazionale di cui sentirete parlare è la radioterapia a intensità modulata (o IMRT: Intensity Modulated Radiation Therapy), basata su movimenti programmati di piccole lamelle schermanti che, grazie a software dedicati, riesce a conformare la dose al bersaglio e a differenziare l intensità del fascio di radiazioni, distribuendo in maniera differente la dose all interno del volume da irradiare. Gli acceleratori lineari hanno anche dei sistemi di verifica con immagini portali, che riescono a controllare con estrema accuratezza l area anatomica da irradiare con la dose prescritta. Su questa scia è nata la radioterapia guidata dalle immagini (o IGRT: Image Guided Radiation Therapy), che permette di visualizzare il bersaglio poco prima dell ir- 11

12 radiazione. Oggi la maggior parte degli acceleratori lineari offre questa possibilità. Negli ultimi anni, poi, alcuni apparecchi sono stati progettati proprio in base a tale specifica finalità, come per esempio l acceleratore per Tomoterapia, dove il linac, integrato con un apparecchio TC (Tomografia Computerizzata), offre la possibilità, mediante un esame TC sullo stesso lettino di trattamento, di verificare il corretto posizionamento del paziente e del bersaglio da irradiare prima di ogni seduta di radioterapia. L apparecchio per Tomoterapia ha una struttura ad anello (gantry), entro cui scorre il lettino, simile a quella di una TC per diagnostica, che può ruotare in modo continuo attorno al paziente, con movimenti coordinati allo spostamento del lettino stesso. All uscita del fascio di radiazioni sono posizionate delle piccole lamelle schermanti che con il loro rapido movimento modulano e scompongono il fascio emesso in tanti piccoli fascetti selettivamente indirizzati al bersaglio. Rispetto ai trattamenti convenzionali, la Tomoterapia consente un'irradiazione maggiormente accurata del bersaglio, offrendo la possibilità di trattare nella stessa seduta più di una lesione tumorale con una migliore protezione dei tessuti circostanti. Le modalità IMRT e IGRT possono essere ottenute anche con sistemi di rilevazione 12

13 della immagini applicati agli acceleratori lineari. E' il caso della tecnica VMAT (Volumetric Modulated Arc Therapy), in cui il movimento continuo ad arco (Rapid Arc ) intorno al paziente consente sia l elaborazione di immagini assiali per il controllo della posizione del bersaglio, sia una irradiazione circolare continua a intensità modulata (IMRT). Un cenno a parte meritano le tecniche stereotassiche, che permettono d'individuare con la massima accuratezza un volume di piccole lesioni in modo che il fascio radiante possa essere ritagliato ed indirizzato selettivamente ad esso risparmiando i tessuti circostanti mediante sofisticati sistemi tridimensionali di localizzazione definiti appunto stereotassici. Grazie a queste tecniche i tessuti malati possono ricevere senza rischio alte dosi di radiazioni, ed il trattamento può concludersi nel giro di un brevissimo arco di tempo: una o poche (2-3) sedute. Le tecniche stereotassiche, originariamente utilizzate per il trattamento di lesioni cerebrali, sono oggi largamente impiegate anche per il trattamento di lesioni extracraniche (radioterapia stereotassica extracranica o SBRT: Stereotactic Body Radiation Therapy), e sono applicate con acceleratori lineari modificati oppure con apparecchi dedicati come la CyberKnife. Sistema robotizzato di radiochirurgia stereo- 13

14 tassica, CyberKnife è il figlio più evoluto dell'apparecchio GammaKnife, già all'opera all'inizio degli anni 50 nel trattamento di piccole lesioni cerebrali. Cyberknife è costituito da un acceleratore lineare miniaturizzato montato su un braccio mobile robotizzato. Durante l irradiazione, il braccio robotico localizza con estrema precisione la sede del tumore, orienta il fascio di radiazioni sul tessuto malato, corregge in tempo reale la sua posizione in base ai movimenti del paziente (ad esempio durante la respirazione), il tutto riducendo in modo significativo il volume del bersaglio così da ridurre al minimo la diffusione del fascio radiante ai tessuti sani adiacenti al tumore. Molti acceleratori lineari di ultima generazione hanno ricalcato tale modello costruttivo indirizzato essenzialmente al trattamento di tumori di limitate dimensioni in qualsiasi distretto corporeo, ma in particolare per quelle sedi in cui sia necessaria un estrema precisione, come il midollo spinale o in cui vi sia una certa difficoltà per il movimento fisiologico degli organi polmone in primis. Uno di questi acceleratori di avanguardia è il VERO System, che ruota attorno al paziente e su se stesso ad alta velocità e che, grazie ai movimenti sincronizzati del lettino del paziente e dalla angolazione del gantry, ha ottime capacità performative in termini di accuratezza e versatilità. Alla stessa generazione di avanguardia appartiene il linac 14

15 True Beam, un acceleratore che visualizza la congruità del bersaglio con immagini ad alta risoluzione nel momento stesso dell irraggiamento, offrendo la possibilità di irradiazioni ad alta dose in tempi brevissimi. La Radioterapia Intraoperatoria (o IORT: IntraOperative Radiation Therapy) è un trattamento radioterapico effettuato direttamente in sala operatoria durante l intervento chirurgico. Radioterapista e chirurgo cooperano alla somministrazione di un'unica, elevata dose di radiazioni allo scopo di trattare la sede dove era localizzato il tumore e ridurne le probabilità di ricrescita. L'altra principale forma di radioterapia è la brachiterapia, in cui le sorgenti radioattive vengono poste all interno o nelle immediate vicinanze del tumore. Le sostanze radianti sono di diverse forme e dimensioni (semi, fili, capsule, sfere etc ) tali da da poter essere collocate nei tessuti malati o nelle vicinanze con maggiore facilità. Questo materiale radioattivo potrà essere rimosso dopo qualche tempo (brachiterapia con impianti temporanei), oppure lasciato in sede definitivamente (brachiterapia con impianti permanenti) per tutto il tempo del decadimento della radioattività. Nel primo caso una volta rimosse le sorgenti radioattive il paziente 15

16 potrà tornare alla sua normale attività, senza alcun rischio per se stesso e per le persone con cui interagisce. Nel caso di impianti permanenti, invece, il paziente dovrà osservare scrupolosamente alcune norme di protezione e sicurezza per le altre persone finché la carica radioattiva non si sarà completamente esaurita. Nella brachiterapia con impianti permanenti gli accorgimenti e le precauzioni da prendere nella fase successiva al trattamento variano in base alle caratteristiche fisiche della sostanza radioattiva utilizzata. Pertanto, al termine del trattamento e in fase di dimissione, ciascun paziente riceverà le istruzioni specifiche per il suo caso. La brachiterapia è impiegata in diversi distretti anatomici, ma si è rivelata di particolare utilità nel trattamento di tumori della regione cervico-facciale e della mammella, e nei tumori ginecologici e urologici. BRACHITERAPIA NEI TUMORI DELLA PROSTATA La brachiterapia prostatica è una tecnica particolare che si è diffusa nel Nord Europa e in USA negli ultimi 30 anni. In questo trattamento le sostanze radioattive vengono posizionate all'interno della prostata per via perineale sotto guida ecografica. Le sorgenti radianti, in genere sotto forma di semi, sono collocate nella ghiandola prostatica in modo permanente (brachitera- 16

17 pia con impianti permanenti), oppure vengono estratte attraverso vettori-guida dopo un tempo definito di trattamento (brachiterapia con impianti temporanei). In questo modo una dose di radiazioni estremamente elevata può essere depositata all interno della prostata con minimo danno agli organi adiacenti, retto e vescica in primis. E' una procedura minimamente invasiva e assai rapida: generalmente si completa in una unica seduta operatoria. Permette di ottenere risultati sovrapponibili a quelli della chirurgia e di evitare l intervento di prostatectomia radicale in quei pazienti che sono stati diagnosticati in una fase iniziale. Nonostante questi enormi vantaggi, la brachiterapia non è indicata per tutti i pazienti con tumore alla prostata. L indicazione elettiva è per coloro che abbiano una prostata di piccole dimensioni senza severi segni di ostruzione al flusso urinario. E' consigliata a tutti quei pazienti che vogliano evitare l intervento di prostatectomia radicale, il lungo periodo del ciclo di radioterapia a fasci esterni (6-7 settimane). Inoltre, viene scelta da coloro che desiderino preservare la potenza sessuale, in quanto è la metodica che meno delle altre causa questo effetto collaterale. 17

18 QUANDO SI UTILIZZA LA RADIOTERAPIA A pochi anni dalla scoperta dei raggi x (1895) e della radioattività naturale (1896), e quindi da oltre cento anni, la radioterapia è stata sempre utilizzata per il trattamento dei tumori maligni (radioterapia oncologica). Oggi, in una varietà di situazioni cliniche selezionate e resistenti ad altre terapie, è impiegata anche per il trattamento di patologie benigne (radioterapia non oncologica). In molte circostanze la radioterapia rappresenta il miglior metodo di cura, essendo in grado, da sola, di guarire definitivamente la malattia. Altre volte, per conseguire i migliori risultati, la radioterapia è impiegata in combinazione con le altre forme di terapie oncologiche, come la chirurgia, la chemioterapia o entrambe. Pertanto, a seconda della specificità del caso, la radioterapia potrà affiancare, precedere o seguire le altre modalità con tempi e modalità variabili secondo le diverse situazioni cliniche, sempre in base ad una programmazione preventivamente concordata tra tutti i medici specialisti coinvolti nell assistenza del paziente. 18

19 Specialmente in questi ultimi anni, i progressi tecnologici, le nuove scoperte nel campo della biologia e l integrazione delle varie forme di terapia hanno consentito una crescita in percentuale dei casi di guarigione definitiva e un aumento delle tipologie di tumori da cui sia possibile guarire in modo radicale. Ogni paziente presenta problemi propri, ed è da un'accurata specificazione del caso che parte la definizione del programma terapeutico più efficace. La radioterapia è anche impiegata per eliminare dolori particolarmente importanti o resistenti alle comuni terapie farmacologiche. In questi casi l azione antidolorifica non è sempre immediata, ma una volta ottenuto l effetto analgesico questo si mantiene a lungo. In sintesi, la radioterapia è impiegata per controllare la crescita tumorale e quindi curare, prevenire o alleviare i sintomi provocati della malattia. 19

20 LA PRIMA VISITA E L INDICAZIONE AL TRATTAMENTO Il primo contatto con un reparto di radioterapia avviene a seguito dell invio del paziente da parte dello specialista o da parte del medico curante. Nel corso della prima visita specialistica, il medico radioterapista valuta il caso e stabilisce l indicazione e la possibilità di sottoporre il paziente al trattamento radiante. Per questo il medico radioterapista ha bisogno di tutte le informazioni sullo stato di salute attuale del nuovo paziente e del quadro clinico completo delle malattie e degli interventi chirurgici pregressi. E quindi necessario che vi rechiate alla prima visita con tutta la documentazione medica in vostro possesso e in particolare: la descrizione degli interventi chirurgici effettuati, gli esami istologici, gli esami di diagnostica per immagine (sia editi a stampa che su supporto informatico come CD e DVD). E altresì importante conoscere in dettaglio le pregresse terapie specifiche effettuate (radioterapia, chemioterapia, ormonoterapia), e redigere un elenco dettagliato e completo dei farmaci abitualmente assunti. 20

21 Al termine della visita il medico radioterapista potrà richiedervi di effettuare ulteriori accertamenti clinici o strumentali utili ad una più accurata definizione diagnostica, alla stadiazione e/o alla pianificazione del trattamento. Qualora sia invece posta l indicazione alla radioterapia, sarete informati sulle modalità di esecuzione del trattamento e potrete discuterne i benefici, le eventuali alternative terapeutiche e i possibili rischi e complicanze conosciute. 21

22 IL CENTRO DI RADIOTERAPIA ED IL SUO TEAM Una volta stabilita dal medico radioterapista l indicazione al trattamento ed elaborato il piano di cura radioterapico, il ciclo di radioterapia verrà eseguito quotidianamente dal personale tecnico. Il tecnico di radioterapia è la figura professionale con la quale il paziente viene a contatto più frequentemente essendo materialmente responsabile dell esecuzione del trattamento. La seduta di radioterapia avviene all interno del bunker, una sala dove l accesso è consentito esclusivamente al personale e al malato nel momento della terapia. Ogni stanza è dotata di un interfono e telecamere che consentono uno stretto e continuo controllo del paziente. Vi sono sofisticati sistemi di sicurezza di verifica dell erogazione della dose. L oncologo radioterapista che vi seguirà durante il ciclo di radioterapia ha sia la competenza clinica che gli consente di stabilire la cura per la vostra patologia oncologica, sia quella tecnica per l impiego delle apparecchiature per il trattamento. 22

23 Egli si occuperà di valutarvi ed eventualmente trattare gli effetti collaterali che si dovessero presentare nel corso della terapia. Un compito fondamentale sarà svolto dagli infermieri ai quali spetterà il delicato compito di istruirvi e guidarvi nelle varie fasi di preparazione e prevenzione degli effetti secondari. Completano il reparto di radioterapia i fisici sanitari che si occupano dell elaborazione del piano di cura e i controlli di qualità sulle apparecchiature per garantirne il corretto funzionamento. 23

24 LA PREPARAZIONE AL CICLO DI RADIOTERAPIA L ' esecuzione del vostro trattamento di radioterapia richiede sempre una fase preliminare di preparazione: la centratura di simulazione (o più semplicemente: centraggio o simulazione), durante la quale, mediante l impiego di apparecchi dedicati come la TC, e talvolta la RM (Risonanza Magnetica) e la PET- TC (tomografia a emissione di positroni associata alla TC ), vengono individuate e localizzate con precisione le zone da irradiare e i tessuti da risparmiare. Tutte le informazioni ottenute con queste immagini, saranno impiegate dal medico e dal fisico per la preparazione del vostro piano di trattamento (o piano di cura) personalizzato. Nella fase di simulazione il tecnico e il medico radioterapista, stabiliranno la posizione nella quale sarà eseguita quotidianamente la terapia nel corso della sua intera durata. I mezzi di contenzione per il posizionamento nella maggioranza dei casi sono assolutamente indolori e consentono di mantenere la posizione corretta durante 24

25 la seduta di trattamento. Nell irradiazione del capo e collo potrebbe rendersi necessario l impiego di un dispositivo di contenzione di plastica (una specie di maschera) costituita da un materiale che scaldandosi prenderà la esatta forma del vostro capo. La preparazione di questo sistema di contenzione personalizzato è assolutamente indolore. Tutto ciò che potrete sentire è una sensazione di calore di modesta entità e di breve durata, sensazione provocata dal materiale plastico riscaldato. Tale dispositivo è necessario per mantenere l accuratezza del posizionamento durante l irradiazione. In questi casi ripeterete la seduta di radioterapia sempre indossando questo accessorio. Nella maggior parte dei casi vi saranno tatuati sulla cute piccoli punti permanenti con inchiostro di china scuro. I tatuaggi puntiformi non potranno essere eseguiti senza il vostro consenso e sono necessari per ricercare la corretta posizione ad ogni seduta di radioterapia. 25

26 LA SEDUTA DI RADIOTERAPIA Ogni seduta è preceduta da un momento in cui sarete riposizionati sul lettino dal tecnico specializzato sulla base dei tatuaggi eseguiti precedentemente e impiegando - laddove necessario - lo stesso sistema di immobilizzazione confezionato nella fase preliminare di simulazione. La seduta ha una durata molto breve: appena qualche minuto. In questo lasso di tempo, rimarrete soli in sala, ma in ogni momento potrete comunicare con il tecnico che vi osserva con più telecamere dalla sua postazione in consolle di terapia. E' importante che voi rimaniate perfettamente immobili per tutta la durata dell irradiazione. Tuttavia, se vi dovesse capitare di tossire o compiere movimenti involontari, non preoccupatevi: qualsiasi eventuale spostamento sarà valutato dal tecnico tramite delle verifiche eseguite prima della terapia, ed eventualmente corretto. La dose totale e il numero complessivo di sedute cui sarete sottoposti dipendono 26

27 da un programma terapeutico strettamente personalizzato, e sono calibrati in funzione di fattori differenti, quali: età, stato generale di salute, tipologia diagnostica e sito di localizzazione del tumore. Il trattamento studiato per voi sarà quindi diverso da quello riservato ad altri pazienti con la stessa vostra patologia. Pertanto, evitate di confrontarvi con situazioni analoghe alla vostra, ma non indugiate a chiedere qualora avvertiste la necessità di chiarimenti tecnici sulla terapia che è stata programmata per voi. 27

28 GLI EFFETTI COLLATERALI E ALCUNE RACCOMANDAZIONI SPECIFICHE Troverete qui di seguito un breve accenno agli effetti secondari che potrebbero verificarsi durante il trattamento. Questo non significa che tali disturbi debbano necessariamente comparire, in quanto esiste una estrema variabilità individuale che ne rende assolutamente imprevedibili comparsa ed entità. La maggioranza degli effetti collaterali della radioterapia dipende dall area che riceve le radiazioni. Questo perché il fascio di raggi, per arrivare a colpire il bersaglio, non può evitare di attraversare gli organi e i tessuti sani posti sulla traiettoria del tessuto che deve ricevere la dose terapeutica. E importante che riferiate al medico qualsiasi disturbo anche minimo che dovesse comparire, affinché opportune contromisure possano essere tempestivamente messe in opera. Un intervento tempestivo sugli effetti collaterali, infatti, evita il peggioramento del sintomo e il suo perdurare nel tempo. Già prima dell'inizio della terapia vi saranno consigliati degli accorgimenti utili a 28

29 contrastare e minimizzare gli effetti tossici della radioterapia a seconda della regione da irradiare. Il sintomo generale più comunemente riferito dai pazienti è la stanchezza, ben motivata dal fatto che l organismo spende una notevole quantità di energia per affrontare il trattamento, ed è dunque sottoposto a un notevole impegno che è al contempo fisico e mentale. Nella maggioranza dei casi, comunque, i pazienti non perdono la capacità di svolgere le proprie attività quotidiane, e possono portare avanti la propria attività lavorativa, purché con moderazione. Non vi sforzate comunque in maniera eccessiva e cercate di concedervi un maggior tempo di relax. Qui di seguito riportiamo gli effetti collaterali più frequenti in base al distretto corporeo irradiato: IRRADIAZIONE DELL ENCEFALO L esecuzione del trattamento sull encefalo richiede una fase di preparazione nella quale vi sarà confezionata una specie di maschera di plastica che, scaldata in acqua, assumerà la forma del vostro viso. La preparazione della maschera è indolore, e viene realizzata dal tecnico in fase di simulazione. Si tratta di un dispositivo necessario ad evitare movimenti involontari che, grazie al materiale plastico, morbido e fora- 29

30 to di cui è costituito, non vi sarà di nessun impedimento per respirare liberamente. Dovrete indossare questo presidio ogni volta che effettuerete il trattamento. A seguito dell irradiazione dell encefalo potreste accusare nausea e/o cefalea, ma anche sonnolenza e intorpidimento. Potrebbe anche accadere che i sintomi che accusavate all'inizio della malattia tornino a ripresentarsi, anche in forma acuta ed aggravata rispetto a prima. Questi disturbi sono dovuti a un accumulo di liquidi (edema) che si forma nella zona dell encefalo irradiato. In questo caso il medico potrebbe decidere di impostare una terapia steroidea (cioè a base di cortisone) volta a eliminare questi sintomi. La terapia farmacologica deve essere effettuata tutti i giorni, compresi il sabato e la domenica, e prosegue anche dopo il termine del ciclo di radioterapia in base alla prescrizione che il medico calibra sul vostro caso specifico. La prosecuzione della terapia si rende necessaria perché la reazione del tessuto cerebrale e gli eventuali effetti secondari persistono per qualche settimana anche dopo la fine del ciclo di radioterapia. Anche gli effetti legati all assunzione di farmaci steroidei (aumento di peso, gonfiore etc.) regrediranno gradualmente dopo la loro sospensione. In ogni caso questi farmaci vanno sempre modulati dal medico, e non sulle base delle vostre sen- 30

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici Gruppo di studio Istituto Superiore di Sanità Assicurazione di Qualità in Radioterapia

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli