VERBALE D1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 28 Aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE D1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 28 Aprile 2010"

Transcript

1 PROVINCIA DI PISTOIA VERBALE D1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Seduta del 28 Aprile 2010 Atto N. 89 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO DI INIZIATIVA DELL'UFFICIO DI PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITA' IN MERITO ALLE INIZIATIVE DA ASSUMERE IN AMBITO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE L'anno duemiladieci, e questo giorno Ventotto del mese di Aprile alle ore nel1 'aula consiliare della Provincia di Pistoia, si è riunito il Consiglio Provinciale convocato nei modi di legge, in seduta pubblica di prima convocazione Risultano presenti N.21 Consiglieri ed assenti N 4, come segue: Presenti I Assenti FRATONI FEDERICA BIAGINI MARCO MONARI RITA MALUCCHI SIMONE BIAGINI SILIANA BARTOLINI SONIA BONFANTI VALERIO BONACCHI GUGLIELMO CALISTRI SLLVANO GALLIGANI MAURIZIO CORMIO SILVIA MARIA LAPENNA KARIM MENICACCI MARIANNA LA PIETRA GIACOMO PATRIZIO x NARDI CLAUDIO ONORI MARCO ROMITI GABRIELE PACI MARCELLO S ARTESCHI GIOVANNI BALDI GIAN LUCA VANNUCCHI ALESSANDRO BALDASSARRI MARCO VICINELLI CLAUDIA NESTI ALESSANDRA BETTINI MORENO 1 X Presiede il Sig. Silvano Calistri in qualità di Presidente del Consiglio Partecipa il Segretario Generale Dott. Franco Pellicci incaricato della redazione del presente verbale Scrutatori Sigg: Silvia Maria Cormio, Claudio Nardi, Guglielmo Bonacchi

2 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO DI INIZIATIVA DELL'UFFICIO DI PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITA' IN MERITO ALLE INIZIATIVE DA ASSUMERE AMBITO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Su invito del Presidente del Consiglio, la Consigliera Vicinelli illustra e sottopone all'approvazione del Consiglio Provinciale la proposta di ordine del giorno in oggetto I1 Presidente del Consiglio invita i consiglieri che ne fanno richiesta ad intervenire nel rispetto delle norme regolamentari del Consiglio sia per quanto attiene gli interventi, che le eventuali repliche e le dichiarazioni di voto. Prendono quindi la parola nell'ordine: Consigliere Bonacchi OMISSIS (intervento allegato in calce alla delibera) Consigliere Bartolini bb '7 bb '7 bl Consigliere Bonfanti &L 7' b L 7' Li Consigliere Biagini S. b L 79 bb 97 &L Consigliere Menicacci bl '7 '6 '7 'L Assessore Innocenti L L '9 b L '7 <L Consigliere Bartolini Li '7 bb 7' <L Assessore Innocenti presenta un emendamento " '7 L L '7 Escono gli assessori Martini e Frugai La seduta viene sospesa alle ore Riprende la seduta alle ore 19. l O Alla ripresa del consiglio il Consigliere Bonfanti formula la seguente proposta di emendamento: nel "impegna a tal fine la giunta, secondo punto, sostituire la parola "rendicontazione" con la parola "comunicazione" I Consigliera Bartolini OMISSIS (intervento allegato in calce alla delibera) Terminati gli interventi, le repliche e le dichiarazioni di voto il Presidente del Consiglio mette in votazione l'ordine del giorno con la modifica sopra illustrata Pertanto IL CONSIGLIO PROVINCIALE - Udita la relazione illustrativa della consigliera Vicinelli; - Vista la proposta di ordine del giorno che il predetto consigliere intende sottoporre all'approvazione di questo consesso;

3 - Vista la proposta di ordine del giorno così come risultante con la modifica precedentemente illustrata allegata alla presente con la lettera "A" - Risultando esito unanime della votazione palese, accertata dagli scrutatori e ritualmente proclamata dal Presidente: DELIBERA 1) Di approvare la mozione di pari oggetto nel testo allegato sub "A" al presente atto quale parte integrante e sostanziale dello stesso, così come richiamata in premessa per le motivazioni in essa contenute e in ordine alle determinazioni nella stessa specificate; 2) Di pubblicare il provvedimento all'albo Pretorio on line ai sensi dell'art. 32 Legge e sul sito INTERNET

4 PROVINCIA DI PISTOIA IL CONSIGLIO PROVINCIALE Che la promozione di uno sviluppo socio-economico solidale equo e sostenibile finalizzato a ridurre la forbice del divario fra Paesi Occidentali i Paesi del Sud del mondo costituisce un obiettivo che passa certamente anche attraverso l'azione della Provincia tesa a promuovere quanto più possibile nella nostra realtà territoriale non solo azioni e progetti concreti in questo ambito ma anche una cultura della solidarietà in senso lato. VISTO quanto sancito dal programma di mandato dell'ente che individua la riecessiti di realizzare progetti propri nell'ambitodella Coperazione allo Sviluppo, così come quella di rafforzare il proprio ruolo come soggetto capofila dei progetti che insistono sul nostro territorio, nonché la necessità di cooperare sinergicamente coi? quei soggetti che possono collaborare cori la Provincia di Pistoia su suddetto tema; che I'Arnrninistrazio~ie proviriciale ha tra le varie finalità la promozione di iniziative atte a raggiungere obiettivi tesi a promuovere la cooperazione tra i popoli; CONSIDERATO che appare sempre più urgente l'imperativo di adoperarsi hic et nunc per tentare gradiialmerite tii colrriare i disequililibri attqali vigenti fra il Nord e il Sud del motldo; che si ritiene aiicor piu stridente c intollerabile la terideiizi che vede sempre più allargarsi la forhicr del disagio e della sofferenza che colpisce i barnbini dei Paesi poveri. che il '2010 P: l'anno europeo della lotta alla povertà P dall'incl~lsione sociale che rientra primo posto dzlla "Cainpagna del Millenriio-voce conlro la poveria" individuati dall'organizzazioric-: delle Nazioiii Ilnile; che gli Enti {orali, iiel rispetto del principio della sussidiarietà verticale ed orizzontale. debbofio porsi il problcrria della lotta alla povertà e della solid:irielà :;ollecitzindo il sostegno econoniico C sociale a tutti i livelli;

5 CONSIDERATO ALTRESI' che l'adozione a distanza è uno strumento di solidarietà, di riequilibrio delle ingiustizie sociali, di educazione allo sviluppo, di impegno personale alla cooperazione internazionale e all'apprendimento interculturale, nonché una misura di accompagnamento allo sviluppo di interventi di cooperazione decentrata; che tale strumento rappresenta una forma solidaristica che consente ai bambini dei paesi poveri del mondo di avere un'istruzione,un'assistenza sociale e sanitaria, un maggiore sostegno nell'ambito familiare e di vedere pertanto garantiti i loro diritti fondamentali e soprattutto favorita la possibilità di autosviluppo attraverso il tentativo di rendere concreti i principi di uguaglianza ed i valori di solidarietà; Che il contributo annualmente richiesto per l'adozione a distanza di una bambinola ammonta ad una cifra modesta di circa 300,OO Euro; OSSERVATO Che i recenti fatti di cronaca in merito ai terremoti che hanno colpito Paesi del Sud del mondo quali Haiti e Cile hanno ci hanno mostrato, fra le centinaia di migliaia di vittime, moltissimi bambini rimasti orfani e privati di tutto; Che nel dicembre 2004 un disastro ambientale di enormi proporzioni si era verificato in un'area geografica molto ampia comprendente Sri Lanka, India orientale, Thailandia, Indonesia e Maldive doveuno tsunarni ha provocato migliaia di morti fra cui moltissimi bambini; che l'africa è l'area geografica più colpita al mondo dalla povertà (Congo, Burkina Faso, Senegal, Tanzania, Ciad, Madagascar, Etiopia, Eritrea, Benin Sierra Leone, Malawi,); che una delle grandi sfide delllafrica è da tempo quella della lotta all'aids e che gli orfani affetti da HIV in questi Paese sono il più delle volte abbandonati in situazione di denutrizione, malattia e solitudine e la maggior parte di questi bambini muore per le conseguenze di emarginazione che l'etichetta di sieropositività comporta; che in Africa, come ci ricorda l'impegno politico assunto anche dalla stessa Regione Toscana, sono a tutt'oggi presenti campi profughi nel Saharawi, delimitati da un "muro" di 2000 KM che divide il popolo del Saharawi da quello marocchino sancendo di fatto uno Stato in esilio (la cui popolazione è costituita da gruppi tribali originari delle zone del Sahara Occidentale costretta all'esodo a seguito del conflitto col Marocco iniziato a causa delle pretese avanzate da questi sull'area del Sahara occidentale per motivi economici che pur sensibili a TUTTE le situazioni di estrema povertà, che ad oggi coinvolgono 3 miliardi di esseri umani nel mondo, colpendo soprattutto i Paesi del Sud del pianeta, ed in particolar modo a tutti quei bambini che in ogni luogo sono colpiti da situazioni di disagio e sofferenza, - proprio a causa delle enormi dimensioni del fenomeno di sottosviluppo si è reso indispensabile operare una scelta fondata su criteri selettivi dettati dallo stato di emergenza più impellente richiesto per i Paesi citati; RITIENE OPPORTUNO che, - in considerazione del ruolo istituzionale svolto dai consiglieri provinciali, dagli assessori provinciali, nonché dalle medesime figure istituzionali operanti in tutti gli Enti del nostro territorio, - la Provincia di Pistoia si impegni a farsi carico di un progetto solidale finalizzato a promuovere iniziative di adozioni a distanza a rivolte ai bambini del Sud del mondo appartenenti alle aree geografiche sopra citate, capace di promuovere e allargare al massimo la solidarietà internazionale coinvolgendo tutte le figure istituzionali operanti negli Enti del nostro territorio.

6 INVITA PERTANTO la Giunta provinciale ad attivarsi concretamente al fine di dar vita e di coordinare una rete di solidarietà con gli Enti locali presenti in tutto il territorio provinciale con le finalità sopra esposte; IMPEGNA A TAL FINE LA GIUNTA - a facilitare un coordinamento tra le figure istituzionali operanti sul territorio mettendo in contatto domanda ed offerta di solidarietà in tal senso attraverso un coordinamento politico dei soggetti (Enti locali) che vorranno essere coinvolti; - a favorire la trasparenza degli interventi attraverso un'opera costante di monitoraggio del progetto e di comunicazione degli obiettivi conseguiti; - a operare per una divulgazione culturale del progetto a 360 gradi che, pur rivolto ai soggetti istituzionali, potrà in tal modo avere ricadute positive su tutta la collettività nell'ottica della promozione della cultura della solidarietà in generale e dello strumento dell'adozione a distanza in particolare. - ad approfondire la riflessione sul valore del sostegno a distanza; - a promuovere il coordinamento a livello provinciale, lo scambio di informazioni, e l'azione concreta tra gli Enti locali aderenti al progetto nel rispetto del reciproco ruolo e con l'obiettivo del raggiungimento di una massimizzazione dei proventi conseguibili nonché della promozione della cultura della solidarietà; - a farsi carico della realizzazione concreta dell'iniziativa attraverso un'adeguata pubblicizzazione anche sul proprio sito Web; - a farsi carico della realizzazione concreta dell'iniziativa attraverso anche attraverso le eventuali collaborazioni con le Associazioni e le ONLUS presenti sul territorio e operanti in tale ambito; - a far sì che suddetto progetto, di cui la Provincia di Pistoia dovrà essere capofila, si connoti per la chiarezza dell'obiettivo che si prefigge, la concretezza, la massima trasparenza e l'efficacia. - a portare il progetto in questione nel consesso del Forum Provinciale della Cooperazione quale strumento per organizzare, attraverso la presenza dei Comuni al suo interno, lo stretto raccordo necessario con i soggetti che vorranno aderire al fine di favorire sinergie di intenti e di risorse e di concertare l'individuazione, fra i Paesi menzionati nel presente documento, dei Paesi di appartenenza dei bambini su cui far convogliare lo strumento dell'adozione a distanza. - ad invitare gli Enti presenti sul nostro territorio ad approvare nelle rispettive sedi consiliari una delibera in accoglimento della proposta contenuta nel presente documento

7 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 28 APRlLE N. 89 TESTO RELATIVO AGLI OMISSIS Si riporta di seguito la trascrizione integrale della registrazione della seduta, secondo quanto espresso negli interventi Consigliere Vicinelli Dunque, l'antefatto di questo ordine del giorno... dicevo l'idea originaria è un'idea proposta e di antica data della consigliera Monari, un'idea che era volta ad invitare le amministrazioni comunali della Provincia di Pistoia e impegnarsi in atti di cooperazione internazionale attraverso lo strumento dell'adozione a distanza. Poi a seguito di varie vicissitudini, avvenimenti che hanno già visto l'ente coinvolto nei progetti di adozione a distanza abbiamo riflettuto sulle necessarie anche modifiche volte ad ampliare, a strutturare, a dare corpo a un progetto sicuramente più ampio e radicato e più articolato sulla stessa falsariga fondamentalmente. Quindi il progetto è in realtà già stato, scusate, è in realtà già stato presentato e discusso in commissione e quindi non vorrei poi ridilungarmi però fondamentalmente si tratta di un progetto solidale che è finalizzato a promuovere iniziative delle adozioni a distanza rivolte ai bambini del sud del mondo in cui in un capoverso si citano varie zone di appartenenza dei paesi verso i quali promuovere questa iniziativa e un progetto volto a coinvolgere realtà, le figure istituzionali ma precisamente gli enti comunali presenti nel nostro territorio e dunque sono state fatte in commissione varie osservazioni sul documento. Allora io ho accolto queste osservazioni così le metto in fila le varie osservazioni e tra queste vi è la richiesta, vi era stata la richiesta di evidenziare al massimo diciamo il requisito, la necessità cogente della trasparenza nell'ambito di questo progetto. Vi era stata la richiesta, se ben ricordo, di precisare il ruolo della Provincia, un ruolo di coordinamento politico, vi era stato un invito anche, una richiesta di invitare i consigli comunali ad approvare essi stessi un documento sull'adozione a distanza; la richiesta di fare, effettuare precisazioni relative anche diciamo a un excursus storico e geopolitico relativo al Sarahawi e non ricordo altri tipi di richieste, se non sbaglio, ah sì quella di precisare che il progetto non si rivolge direttamente ai cittadini ma solo indirettamente ai cittadini attraverso lo strumento della promozione della cultura, della solidarietà e quindi indirettamente attraverso lo strumento dell'adozione a distanza onde per cui la quale gli emendamenti al documento il cui testo, ribadisco era già stato presentato li andrei a leggere direttamente e sono i seguenti, se mi consentite, allora le modifiche apportate al documento sono nel paragrafo osservato, osservato laddove vengano citati quelli che potrebbero essere i paesi del sud del pianeta verso cui devolvere, fare convogliare le adozioni a distanza, tra questi vi era appunto il Saharawi e la precisazione è la seguente: osservato che in Africa, come ci ricorda l'impegno politico assunto anche dalla stessa Regione Toscana sono a tutt'oggi presenti campi profughi nel Saharawi delimitati da un muro di 2 mila chilometri che divide il popolo del Saharawi da quello Marocchino sancendo di fatto uno stato di esilio la cui popolazione è costituita da gruppi tribali originali delle zone del Saharawi occidentale costretto a117esodo a seguito del conflitto col Marocco iniziato a causa delle pretese avanzate da questi sull'area del Saharawi occidentale per motivi economici e chi più ne ha più ne metta, credo che la precisazione sia fin troppo puntuale però dovrebbe offuscale qualunque tipo di dubbio ecco anche sullo status insomma attuale di questa repubblica perché di repubblica si tratta. Altre precisazioni sono soprattutto nel dispositivo. I1 dispositivo laddove dice "Impegna a tal fine la giunta" e le leggo ma sono le precisazioni richieste che vi ho elencato precedentemente: "Impegna a tal fine la giunta a facilitare un coordinamento tra le figure istituzionali operanti sul territorio mettendo in contatto domande d'offerta di solidarietà in tal senso attraverso un coordinamento politico di soggetti, enti locali che vorranno essere coinvolti; a favorire la trasparenza degli interventi attraverso un'opera costante di monitoraggio di, di progetto e di rendicontazione degli obiettivi conseguiti; a operare per una divulgazione culturale del progetto a 360 gradi che pur rivolto ai soggetti istituzionali potrà in tal modo avere ricadute positive su tutta la collettività

8 nell'ottica della promozione della cultura e della solidarietà in generale e dello strumento dell'adozione a distanza in particolare. Infine, l'ultimo emendamento riguarda l'ultimo, il penultimo perdonatemi capoverso, impegna a tal fine la giunta a portare il progetto in questione nel consenso del forum provinciale della cooperazione quale strumento per organizzare attraverso la presenza dei comuni al suo interno lo stretto raccordo necessario con i soggetti che vorranno aderire al fine di favorire sinergie di intenti e di risorse e di concertare l'individuazione tra i paesi menzionati nel presente documento, dei paesi di appartenenza dei bambini su cui far convogliare lo strumento dell'adozione a distanza. Rileggo ora e noto qualche imprecisione, diciamo. La sostanza credo che sia chiara. A invitare infine, l'ultimo capoverso, gli enti presenti sul nostro territorio, ad approvare nelle rispettive sedi consiliari una delibera in accoglimento con la proposta contenuta nel presente documento. Questo è quanto credo di avere aggiunto tutte le modifiche che mi erano state richieste altrimenti può essere fatto presente. Questo è il documento comunque su cui si chiede il voto owiamente favorevole. Consigliere Bonacchi Io volevo ringraziare la consigliera Vicinelli che ha accolto direi per la quasi totalità le osservazioni fatte in commissione e non vedo, può darsi che una cosa che era importante, che era già presente nella prima stesura quella del controllo, del monitoraggio del controllo, non vorrei se... Mi aiuti la consigliera Vicinelli, sono d'accordo quello che avevamo sollevato in commissione sono d'accordo però manca il paragrafo che era stato sottolineato anche... A favorire, no no bene non lo avevo visto. Sì, scusate allora siamo... va bene, tutto è bene quello che finisce bene, va bene sì sì. Grazie. Consigliera Bartolini I1 mio è un intervento stringato, breve, perché ad onor del vero per quanto riguarda l'iter di questo documento all'interno degli uffici di presidenza della commissione Pari Opportunità io devo fare ammenda ma ho avuto problemi di salute e in quel periodo sono stata assente alle riunioni che ci sono state nel merito. Quindi purtroppo anche se involontariamente è una mia mancanza non avere preso parte a quelle sedute. I miei colleghi però di gruppo presenti nella commissione consiliare competente hanno seguito la presentazione del provvedimento, ne hanno richiesto appunto gli opportuni emendamenti che sono stati accolti e questo noi appunto lo valutiamo in maniera estremamente positiva e favorevole. C'è però una cosa che voglio dire oggi, l'avrei sicuramente detta all'interno dell'ufficio di Presidenza se ci fossi stata ma che per altre questioni, di questo le mie colleghe dell'ufficio di presidenza me ne daranno sicuramente atto ho comunque avuto delle posizioni critiche owiamente non per questa cosa in ma per questioni che hanno riguardato progetti passati e che ho sottolineato purtroppo essere caduti in un dimenticatoio più totale da parte di quello che era lo scorso ufficio di presidenza della commissione Pari Opportunità. Una condizione della quale owiamente le mie colleghe di oggi non hanno nessuna owiamente responsabilità né tanto meno ne erano a conoscenza ma siccome io faccio parte di questa sorta di memoria della commissione non ho nessuna difficoltà quando i miei colleghi del gruppo mi chiedono di dare io l'indicazione su come esprimerci nel voto se a favore o contro un'astensione verso questo documento a parlare owiamente per una indicazione di voto favorevole, perché ne condivido sostanzialmente lo spirito, perché ne condivido gli strumenti, vale a dire che la Provincia per quelle che possono essere le sue competenze deve essere attraverso tutti gli strumenti necessari, vale a dire una rete di collegamento con gli altri enti e gli enti, le associazioni presenti sul territorio attraverso il proprio sito internet, dare la più ampia diffusione di questo messaggio e quindi partecipare a una profonda sensibilizzazione dell'opinione pubblica sul tema dell'adozione a distanza. Credo che siano strumenti che hanno un costo zero e questo oggi è un dato di fatto che non può

9 essere owiamente tralasciato e che ha la sua rilevanza; strumenti che comunque attraverso la grande informatizzazione che c'è oggi di chiunque un computer c'è nelle case di tutti è un messaggio che quindi si riesce a far arrivare dovunque. Quello che però, io mi permetto una punta non dico di polemica ma comunque una sottolineatura che possa essere come una sorta di uscire da questo diciamo spartito così lieto che si è suonato fino ad adesso è un impegno che owiamente non può essere aggiunto adesso in calce al documento ma un impegno formale che io chiedo all'ufficio di presidenza e alla giunta che si impegna poi a portare avanti le indicazioni che l'ufficio di presidenza e oggi il consiglio tutto votando questo documento dà a dare però corpo e gambe a questo progetto, perché io purtroppo mi sono trovata nella condizione di espormi anche personalmente con promesse fatte verso altre persone, per altri progetti e che sono caduti immancabilmente nel vuoto. Io non voglio più ritrovarmi in una condizione di questo tipo, perché quando si parla di dare aiuto alle fasce più deboli di una popolazione: ai bambini, alle donne, agli anziani, ai disabili, quando comunque ci si offre per essere portatori di un aiuto questo aiuto deve arrivare, questo aiuto si deve concretizzare, perché altrimenti se siamo in grado solo di fare delle belle promesse per ammantarci appunto di un'irnmagine di buoni e buonisti tanto per dire che ci s'è provato francamente questo a me non piace. Io conosco la serietà delle mie colleghe che questo anno insieme a me fanno parte dell'ufficio di presidenza della commissione Pari Opportunità, conosco la loro profonda voglia di fare, conosco veramente lo spirito di grande volontarietà di aiutare gli altri che le animano. Quindi vi chiedo per favore con anche il mio sforzo perché owiamente non è che io me ne tiri fuori, però facciamo in modo che tutto questo si traduca in atti concreti perché altrimenti io non mancherò di fare rilevare per l'ennesima volta una serie di promesse fatte e poi non mantenute. Grazie. Consigliere Bonfanti Grazie Presidente, sarò veloce, sia l'intervento della consigliera Vicinelli, sia l'intervento appunto della consigliera Bartolini sono stati molto approfonditi e anche, come dire, assolutamente indicativi di elementi che devono essere assolutamente presi in considerazione, in particolare il richiamo assolutamente condiviso e condivisibile che faceva la consigliera Bartolini in merito alla necessità di dare corpo, sostanza e concretezza a queste parole indicate appunto nel testo redatto dalle consigliere Monari e Vicinelli e, come dire, un appello che non può assolutamente non solo essere lasciato così nel vuoto e nell'aria ma è nello spirito, è nel corpo del testo stesso quello di dare effettiva concretezza insomma, un testo di questa portata e di questo significato nasce per dare un aiuto concreto e quindi chiaro, trasparente, ben monitorato, controllato e reso poi palese e chiaramente visibile nei suoi risultati a tutta la cittadinanza. Quindi trovo che questi aspetti che peraltro erano già venuti fuori diciamo nel corso dei lavori della commissione, mi ricordo che alcuni consiglieri intervennero a proposito, in particolare ricordo l'intervento del consigliere Bonacchi ma anche di altri, come vedete sono stati presi in assoluta considerazione giustamente all'interno del testo ma credo che poi al di là di questo se ne debba tenere di conto che questo è un impegno categorico di tipo etico, di tipo morale e politico nella concretezza dei fatti. Mi premeva sottolineare avviandomi però velocemente verso la chiusura, l'importanza di questo strumento, quello dell'adozione a distanza di bambini che è un atto, come dire, buono, positivo, costruttivo, sia in senso stretto, in senso come dire operativo e umanitario perché si dà un aiuto concreto appunto a un bambino aiutandolo a stare meglio, aiutandolo a crescere, avere una assistenza sanitaria e sociale migliore, ad alimentarsi meglio, a potere appunto fare delle scuole in maniera più regolare di quanto altrimenti potrebbe fare. Ma nello stesso tempo lo strumento dell'adozione a distanza come noi sappiamo anche perché molti di noi poi l'hanno concretamente vissuto, realizzato, praticato è uno strumento che porta a un awicinamento, a una conoscenza maggiore, più approfondita non solo del singolo bambino ma della realtà, del contesto ambientale sociale in cui quel bambino vive e quindi praticamente c'è un awicinamento e una conoscenza nei confronti del paese di provenienza del bambino stesso; per cui ecco non solo quindi è un atto buono

10 e positivo e propositivo nei confronti del bambino ma è anche un atto che diventa un elemento di conoscenza e di condivisione che è particolarmente positivo quando viene fatto da una struttura, da un ente come quello della Provincia e quindi poi speriamo dal maggior numero possibile di comuni perché è un passo concreto di vicinanza, di avvicinamento, di conoscenza e di condivisione nei confronti di popoli, nei confronti di realtà geografiche e sociali che magari conosciamo poco, misconosciamo e che comunque hanno tanto bisogno di noi. Quindi, come dire, c'è anche un aspetto culturale educativo che non va tralasciato anzi che mi sembra importante sottolineare anche nel momento stesso in cui un testo come questo in qualche maniera poi transita, viene veicolato e fatto conoscere anche ai comuni e attraverso i comuni e owiamente anche attraverso questo stesso Consiglio Provinciale a tutta la cittadinanza. Per cui in qualche maniera è bello pensare che concretamente ci facciamo carico non solo dei bambini ma in realtà di paesi e realtà più vaste, più complesse che in qualche maniera awiciniamo a noi nei confronti dei quali ci awiciniamo in un atteggiamento di accoglienza ulteriore e di condivisione. Chiudo appunto dicendo che, come dicevo fin dall'inizio, in realtà questo tema della concretezza del dare corpo e sostanza alle parole scritte è una sorta di imperativo categorico e che giustamente la consigliera Vicinelli o la consigliera Monari hanno ribadito con parole assolutamente ferme, trasparenti e chiare la necessità appunto di un monitoraggio, la necessità della trasparenza, la necessità di un controllo e di una verifica in itinere e poi a fine progetto sull'utilizzo, sul buon utilizzo dei soldi che verranno appunto destinati a questo progetto. Proprio perché si tratta di soldi che in qualche maniera vedono coinvolti enti pubblici e poi perché sempre appunto quando si fanno operazioni, relazioni di questo tipo ci deve essere la massima chiarezza e la massima trasparenza. Io mi fermo qui, credo di avere in qualche maniera dato un piccolo contributo, spero, significativo e non banale. Grazie. Consigliere Biagini Volevo partire dalle considerazioni che ha fatto la consigliera Bartolini ringraziandola per l'apprezzamento del documento cui lei purtroppo non ha potuto partecipare però appunto conoscendoci sa che possiamo averci lavorato con scienza e coscienza e di conseguenza sappiamo anche, insomma la voglio ringraziare perché in qualche modo ha interpretato bene quello che noi volevamo dire con il documento. I1 documento nasce appunto, come ha detto la consigliera Vicinelli, da un'idea sorta dall'ufficio della presidenza delle Pari Opportunità e la caratteristica che vorremmo dare a questa iniziativa è una caratteristica che possa in qualche modo essere proprio premiante per tutto il territorio, cioè che veramente l'adozione a distanza diventi una caratteristica fondante della Provincia di Pistoia. Sarebbe molto bello che ogni Consiglio Comunale partendo dall'input di questo documento riuscisse ad adottare dei bambini cosicché tutti e 22 i comuni della Provincia si fanno proprio simbolo della adozione a distanza anche rispetto ad altri territori. Questo è il nostro impegno e cercheremo di portarlo in fondo. Grazie. Consigliera Menicacci Sì, grazie Presidente. Io volevo fare una breve precisazione. Credo che sia importante la convergenza che sta emergendo sul documento e sul contenuto del documento, perché owiamente è importante proprio l'impegno che il documento pone e le riflessioni da cui si parte. I1 lavoro che è stato fatto in ufficio di presidenza è partito inizialmente da una posizione embrionale e molto sicuramente più ristretta e più limitata rispetto a un intervento appunto di adozione a distanza come è già stato detto che era stato espresso dalla sensibilità della consigliera Monari e la volontà un po' di tutto l'ufficio è stato quello di ampliare la portata di questo intervento e di portarla owiamente in un rilievo maggiore e l'opera che ha fatto la consigliera Vicinelli è un'opera sicuramente molto importante e molto anche sensibile alla problematica che viene posta. Io però vorrei puntualizzare che proprio leggendo il dispositivo e l'impegno si vede che la nostra volontà è stata quella, e mi dispiace che la consigliera Bartolini non ci sia, è stata quella proprio di

11 rivolgersi alla giunta e alla Provincia tutta come ente capofila, come ente portatore di quello che è appunto l'impegno di questo progetto. Quindi l'ufficio di presidenza avrà la cura di monitorare, di verificare che tutto proceda e che tutto venga fatto ma sicuramente io non mi sento di prendere in carico la responsabilità di questo progetto né io né le consigliere penso dell'ufficio di presidenza proprio perché la volontà iniziale era quella di dare un mandato, di dare un mandato e una riflessione e quindi un lavoro che impegnasse il proprio l'ente, sia verso l'esterno, di sensibilizzazione verso la cittadinanza tutta, di coinvolgimento verso gli altri enti del territorio, di un coordinamento, diciamo così rimarcare tutti gli aspetti di questo documento ma credo che sarà importante chiarire fin d'ora che il ruolo dell'ufficio di presidenza in questa fase su questo progetto proprio per il rispetto, dall'impegno da cui siamo partiti che è molto chiaro nel documento sarà quello di monitorare ma in un modo propositivo come ci ha già contraddistinto finora il nostro lavoro e no sicuramente di addossarci l'attuazione di questo documento. Assessore Innocenti Sì, io ringrazio le consigliere provinciali, sia per l'interesse che hanno dimostrato attorno a questo tema, sia per avere scritto una mozione che effettivamente rende conto del ruolo istituzionale che la Provincia ha per legge e che quindi è un ruolo non di gestione diretta dei progetti tanto più nel settore della cooperazione internazionale che ha un bilancio molto molto risicato ma soprattutto un ruolo appunto di coordinamento, di diffusione di una cultura anche dell'adozione a distanza che come ricordava prima il consigliere Bonfanti è di per sé uno strumento importante appunto da questo punto di vista anche perché quando si parla di bambini si sconvolgono poi anche le famiglie del territorio e quindi la Comunità tutta coinvolta. Quindi questo ordine del giorno impegna la giunta soprattutto in un'attività di confronto costante soprattutto con i luoghi in cui la cooperazione internazionale viene effettuata e quindi in primo luogo il forum della cooperaiione internazionale. Per cui accolgo anche, come dire, il modo in cui la mozione è scritta e il fatto che si tiene conto che la Provincia non può gestire azioni dirette ma che appunto avrà questo tipo di ruolo. Peraltro appunto in linea con quello che dicevo vorrei proporre un lieve emendamento che da un punto di vista formale e tecnico rende anche giustizia di questa situazione e cioè nel dispositivo quando dice: impegna la giunta a favorire la trasparenza degli interventi attraverso una azione di rendicontazione, ora non ricordo la dizione precisa perché non ho qui l'ordine del giorno. Ecco, se me ne date una copia così leggo precisamente il dispositivo. Allora dunque, il quarto punto mi sembra no, ecco il secondo punto. A favore della trasparenza degli interventi attraverso un'opera costante di monitoraggio del progetto e di rendicontazione degli obiettivi conseguiti. Ora siccome i soggetti appunto del territorio quindi i comuni ma anche tutti coloro che compongono il forum provinciale dovranno gestire loro in prima persona coloro che ovviamente aderiranno a questa richiesta, a questa promozione da parte della Provincia i progetti di adozione quindi chiedo che ci sia soltanto una precisazione da un punto di vista tecnico che quindi si disponga che la giunta si impegna a favorire la trasparenza degli interventi garantendo che i soggetti attuatori dei progetti di attuazione effettuino congma rendicontazione dei progetti stessi. Per cui questo è per una necessità tecnica diciamo che noi non gestiremo direttamente questi progetti ma saranno gestiti da altri soggetti. Quindi noi avremo una funzione di supporto politica, culturale e anche di diffusione di questo progetto complessivo ma non avremo azioni specifiche. Dunque, la commissione Pari Opportunità peraltro non è nuova a azioni di cooperazione internazionale in quanto ha già gestito importanti progetti e quindi abbiamo dimostrato sul campo come commissione cito uno per tutti il Nicaragua, che è sicuramente un'area che ha beneficiato anche della nostra azione, perché lì c'è un consultorio che è stato ampliato e va avanti proprio grazie anche ai contributi e all'impegno direi della commissione Pari Opportunità, di credere fermamente nel tema della cooperazione internazionale e di dare anche concretezza a questo tema che spesso risulta fumoso. Qualora, come dire, qualcuno ritenesse che la commissione nello scorso

12 mandato da me presieduta non ha adempiuto correttamente, ha avuto come dire parole a cui non hanno fatto seguito azioni precise, ecco vorrei che questo fosse anche poi materia di discussione e fosse circostanziato anche meglio perché sinceramente politicamente non mi sento di farmi carico di questo tipo di ragionamenti perché la commissione quello che ha assunto come impegno collegiale dell'organo ha sempre portato avanti. Quindi questo mi faceva piacere, però accolgo veramente con favore questo impegno e vi ringrazio. Consigliera Bartolini Allora, per quanto riguarda l'ultima affermazione che l'assessore ha fatto io avrei voluto evitare di dovere replicare a microfoni aperti ma a questo punto essendo chiamata in causa lo farò. Quando dico di azioni, promesse e poi non intraprese mi riferisco nello specifico a quanto l'ufficio di presidenza della Commissione Pari Opportunità aveva premesso al Presidente del Fatick per quanto riguardava l'invio di materiale sanitario di prima necessità per le donne partorienti in quanto c'era stato fatto presente che c'era un'altissima mortalità sia dei bambini e per le madri. La commissione Pari Opportunità si era presa, l'ufficio di presidenza della Commissione Pari Opportunità si era presa l'impegno di dar vita attraverso una serie di strumenti che dovevano essere poi valutati, a una raccolta di farmaci di prima necessità: antibiotici, disinfettanti, da inviare appunto nel Fatick e di questo ne resta tanto di verbale di quella seduta; ma non solo ne resta tanto di verbale nella mia memoria nelle successive sollecitazioni che ho ricevuto sia da Fa11 Mafall che è Presidente dell'asso-fatick, sia dallo stesso Presidente Sene del Fatick quando è stato ospite in tempi successivi, graditissimo ospite della nostra Provincia e che si aspettava finalmente l'invio di questo materiale. Io, che nella vita di tutti i giomi svolgo la professione come dipendente di farmacista, avevo anche preso contatti con il Presidente dell'ordine dei Farmacisti Andrea Giacomelli, in quanto che avevo posto la difficoltà, dato che gli antibiotici sono farmaci che seguono la vendita solo in base a prescrizione medica, di come poterli reperire con per esempio una colletta pubblica come poteva essere un banco farmaceutico in modo appunto da cortocircuitare la necessità per il normale cittadino pistoiese che avesse voluto aderire a quella campagna di doversi presentare con una ricetta medica. Insomma è inutile negare che degli impegni erano stati presi, che dei contatti mi erano stati fatti avviare e che nonostante ripetute sollecitazioni che io ho fatto fino alla fine del mandato sul dare finalmente una risposta positiva a questa promessa che era stata fatta alla fine non si sono sostanziate. Io una cosa del genere non la voglio vedere ripetere e non mi piace l'emendamento che viene richiesto di introdurre che sembra quasi un emendamento piratesco in modo da fare lavare le mani alla Provincia per quello che riguarda la rendicontazione dei frutti di questo intervento e dell'operato come a dire che se domani le associazioni del territorio non portano i dati e noi non siamo in grado di dirvi quello che si è fatto perché le associazioni i dati non ce li hanno dati. Io e il gruppo che rappresento, vale a dire il PDL, voteremo espressamente contro a questo emendamento e se questo emendamento dovesse passare a nome del mio gruppo faccio già dichiarazione di voto che il nostro voto positivo diventerà un voto di astensione. Grazie. Assessore Innocenti Dunque, avremo modo di chiarire all'intemo dell'ufficio di presidenza la questione che sollevava sull'impegno della commissione perché credo che sia quella la sede opportuna non vorrei diventasse un uno due. Su questa ultima invece questione dell'emendamento. Si tratta di un dato eminentemente tecnico perché nel momento in cui l'ordine del giorno chiede alla Provincia e in particolare alla giunta di fare azione di promozione, di coordinamento e di supervisione delle azioni svolte sul territorio non si chiede alla giunta di procedere ad una adozione a distanza essa stessa. La rendicontazione sulle progettualità quindi non può che essere ad appannaggio dei soggetti che effettuano le azioni progettuali. Questo è un dato tecnico, abbiamo la dottoressa Lombardi che è il funzionario che si

13 occupa di cooperazione e ci potrà dire che non può essere il soggetto che non svolge in prima persona il progetto a fare una rendicontazione del progetto stesso, questo proprio da un punto di vista eminentemente tecnico. Il Consiglio è momentaneamente sospeso. Il Consiglio riprende. Presidente del Consiglio Calistri Allora nel frattempo... invito i consiglieri a prendere posto per riprendere i lavori del Consiglio. Allora è stato trovato la quadratura. Quindi se c'è un accordo illustrate chi parla. Ho la prenotazione Bonfanti. Consigliere Bonfanti, prego. Consigliere Bonfanti Grazie. Sì, abbiamo trovato diciamo un accordo semplicemente attraverso, come dire, la sostituzione, attraverso il cambiamento di una parola che owiamente non inficia minimamente nel senso del significato profondo del ragionato e dell'obiettivo da conseguire ma dà un carattere diciamo nello stesso tempo meno stringente da un punto di vista di rendicontazione tecnica che era quella che magari avrebbe appesantito eccessivamente l'ente Provincia. Quindi laddove si dice: "impegna a tal fine la giunta", poi secondo capoverso: "a favorire la trasparenza degli interventi attraverso un'opera costante di monitoraggio del progetto e di comunicazione degli obiettivi conseguiti" laddove con la parola comunicazione non si intende appunto la rendicontazione contabile amministrativa che poi sarà propria di ciascun ente, di ciascun comune, di ciascuna persona all'intemo dei vari enti ma una comunicazione più di tipo, come dire passatemi la parola, politica. Io spero che su questo si possa convenire. Grazie. Presidente Calistri Allora se siamo d'accordo si mette in votazione il documento però così con la modifica illustrata ora. Consigliere Bartolini Semplicemente per accogliere molto favorevolmente la proposta che è stata appena fatta dal consigliere Bonfanti e che quindi da parte mia e del mio gruppo porta owiamente all'espressione di un voto positivo del provvedimento. Quindi per quello che riguarda il gruppo del Popolo della Libertà il voto è sicuramente un voto a favore.

14 I1 presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto come segue. IL SEGRETARIO GENERALE Dott. Franco PelJicci CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione viene pubblicata al1 'Albo Pretorio on line dal e vi resterà per quindici giorni consecutivi ai sensi dell'art l O comma - T. U. 267/2000, e ai sensi dell'art " comma - T.U. N. 267/2000 diventerà esecutiva a seguito della decorrenza del termine di dieci giorni dalla data di pubblicazione. Pistoia, Registrazione n. L 'Incaricato della Segreteria

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli