Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10 CAPITOLO «Onii-chan~!» Era una domenica serena e luminosa. Ero seduto a tavola a mangiare il mio pranzo, e improvvisamente provai una «sensazione inquietante» corrermi lungo la schiena vedendo la mia amata sorellina mostrarmi il suo sorriso più radioso. Questo dimostrava come io, Kiragaya Kazuto, non fossi una così brava persona. Comunque, smisi di mangiare i pomodori ciliegini e dissi: Che che c è che non va, Sugu? Vidi mia sorella o meglio, mia cugina, Kiragaya Suguha, sedersi di fronte a me. Lei prese qualcosa che aveva posato sulla sedia accanto a lei, e in quel momento capii subito che il mio presentimento era fondato. Ehm hai visto le news in rete stamattina? Non appena lo disse, mi spinse in faccia un foglio A4 stampato. Sembrava avesse stampato il bollettino del sito del più grande notiziario d informazioni sui giochi VRMMO «MMO Tomorrow», o «M Tomo» in breve. Le prime righe dicevano a caratteri grandi: La lista dei 30 giocatori che prenderanno parte al terzo «Bullet of Bullets» per il titolo di più forte in «Gun Gale Online» è stata rivelata. Sotto di essa vi era una piccola relazione con i nomi di tutti i partecipanti. Il dito di Suguha, che aveva tagliato le sue unghie perfettamente, indicò una riga «Primo classificato nel Gruppo F: Kirito 1 Primo», guardai quelle parole e cercai debolmente di nascondere la cosa. Eh, eh quindi c è qualcuno con un nome simile al mio Cosa intendi con simile? È esattamente lo stesso. Sotto la frangia, Suguha mostrò un sorriso sul volto acqua e sapone che si addiceva a una ragazza sportiva. Nel mondo reale, lei avrebbe potuto prender parte al Torneo Nazionale di Kendo per scuole superiori e al torneo di Kendo del Gruppo Gyokuryuuki. Qualcuno debole come me, che si poteva solo nascondere in casa, non la poteva eguagliare fisicamente. Inoltre, Suguha controllava la fata spadaccina «Lyfa» nel VRMMO «ALfheim Online». Proprio 1 Visto che ho messo mano alle raw giapponesi, vi informo che «Kirito» è scritto proprio con l alfabeto occidentale, non con gli ideogrammi. 10

11 quelle robuste tecniche di spada superavano di gran lunga le mie abilità, dove io mi limitavo ad agitare selvaggiamente la mia spada. Non importava se fosse il mondo reale o quello virtuale, potevo solo chiedere immediatamente scusa una volta che litigavo con Suguha, ma di solito, non dovevo preoccuparmi di questo. Questo perché nell ultimo anno trascorso, da quando ero ritornato nel mondo reale, avevamo cancellato tutti quei sentimenti opprimenti che avevamo quando eravamo piccoli, e adesso avevamo un buon rapporto. Anche papà sarebbe stato geloso quando sarebbe ritornato dall America per le vacanze estive. Oggi domenica, anno 2025, 14 Dicembre. Mentre la mamma era al dipartimento editoriale, come al solito, io e Suguha dovevamo comprarci qualcosa per il pranzo. Avevamo preparato insalata alla Cesare, con uova sode e paella di pesce, e ci eravamo seduti uno di fronte all altro a mangiare tranquillamente... finché Suguha non aveva tirato fuori quel pezzo di carta....si, già, è lo stesso, mh. Guardai poco lontano dal foglio col nome di Kirito sopra e mangiai un pomodoro. Lo masticai e dissi con voce vaga: Ma-ma, questo è un nome abbastanza comune, giusto? Io ho solo accorciato il mio nome. Questo Kirito in GGO potrebbe chiamarsi... Kiri Kirigamine Tougorou. Quello potrebbe essere il suo vero nome, no? Il motivo per cui sentivo un dolore così forte dopo aver detto un evidente bugia, doveva essere perché ne avevo detto una così grande proprio alla mia amata sorellina. Si, il Kirito di cui Suguha stava parlando era il mio personaggio nel gioco. La ragione per cui dovevo nasconderlo era perché avevo dovuto «convertire» il mio avatar Kirito da ALO al MMO sparatutto «Gun Gale Online», un gioco pieno di problemi, cosicché potessi prendere parte al torneo «Bullet of Bullets». Convertire un avatar consisteva nell usare le funzioni VRMMO che usavano la piattaforma «Il Seme». Si poteva convertire un personaggio di un certo gioco in un altro «mantenendo la stessa forza». Questo era un sistema inimmaginabile qualche anno prima. Ovviamente, c erano delle limitazioni a questo sistema, e la più grande di queste era che si poteva spostare solo il personaggio, non si potevano spostare soldi o equipaggiamenti in un nuovo gioco. Quindi, il trasferimento non sarebbe stato temporaneo ma permanente. Se avessi detto che volevo trasferirmi da ALO a un altro gioco, Suguha, che amava quel regno di fate, sarebbe stata davvero colpita duramente. D altra parte, stavo esitando oltremodo nello spiegare a Suguha perché avevo trasferito «Kirito» in GGO. Questo perché tutto ciò aveva a che fare con i segreti più oscuri dei VRMMO. L uomo che mi aveva chiesto di indagare sul mondo di GGO si chiamava Kikuoka Seijirou. Una volta era un membro della «Task Force dell incidente SAO» del governo, e ora 11

12 lavorava per il ministero degli affari interni e Divisione mondiale VR, una divisione ufficiale del governo chiamata Divisione Virtuale. La domenica prima, Kikuoka mi aveva chiamato e mi aveva detto qualcosa di strano. Aveva notato che fra le strade del mondo di GGO, un avatar avrebbe detto ad altri giocatori «Giudizio» e gli avrebbe sparato. Da solo sarebbe stato solo uno scherzo o fonte di disturbo. Tuttavia, nel mondo reale erano morti davvero due giocatori nel momento stesso in cui erano stati colpiti dai proiettili virtuali queste erano le informazioni base sulla vicenda. Sentivo che c era una probabilità del 90% che fosse solo una coincidenza. Tuttavia, non potevo davvero non considerare il rimanente 10% di possibilità di un «certo tipo»... così avevo accettato la pericolosa richiesta di Kikuoka ed ero entrato nel mondo di GGO, sperando di entrare in contatto con quel tiratore che aveva creato tutto quello scompiglio. Siccome non c era tempo per allenare il mio personaggio, potevo solo convertire il mio Kirito da ALO e prendere parte alle eliminatorie del BoB che si erano tenute il giorno prima, per attirare la sua attenzione. Lo scontro a fuoco iniziale mi aveva causato un bel mal di testa, ma per fortuna, il primo giocatore col quale ho stretto amicizia mi aveva spiegato le regole del gioco, permettendomi di passare tranquillamente le eliminatorie e avere un primo contatto col tizio che avrebbe potuto essere il tiratore che cercavo. Fino ad allora, non sapevo se quel tizio che si faceva chiamare «Death Gun» avesse davvero la possibilità di uccidere i giocatori nel mondo reale attraverso il gioco stesso. Tuttavia, ciò mi aveva permesso di scoprire qualcosa. Io e «Death Gun» avevamo una insospettabile relazione. Come me, «Death Gun» era un «sopravvissuto» di quel gioco mortale, Sword Art Online. Inoltre, forse avevo già combattuto contro di lui prima e avevo perfino cercato di porre fine alla sua vita... Onii-chan, hai di nuovo quell espressione terrificante. Sentendo ciò, il mio corpo scattò immediatamente, gli occhi che stavano fissando distrattamente il cielo immediatamente videro una Suguha accigliata guardarmi preoccupata. Appoggiò sul tavolo il pezzo di carta stampato, unì le mani con leggerezza e guardò dritto verso di me. Beh, ehm, in realtà sapevo che... «Kirito-kun» si era convertito da ALO a GGO. 12

13 Quelle parole improvvise mi fecero spalancare gli occhi. Vedendo ciò, la mia sorellina, che era un anno più piccola di me, mi fece un sorriso maturo che mi fece capire come lei potesse vedere attraverso tutto. Come potevo non notare che Kirito-kun era scomparso dall elenco dei miei amici? No, comunque, ho intenzione di tornare dopo questo fine settimana... e tu non dovresti controllare la lista dei tuoi amici tutto il tempo. Potevo sentirlo senza guardare. Disse Suguha fermamente. Quegli occhi aperti brillavano di una luce misteriosa, e in quel momento pensai davvero che lei fosse una ragazza. Quell idea era davvero imbarazzante per me, e inoltre, il senso di colpa per averlo convertito senza averglielo detto mi spinse a distogliere lo sguardo. Tuttavia, Suguha mi disse fermamente. Ieri, nel momento in cui ho notato che Kirito-kun era scomparso, mi sono disconnessa immediatamente ed ero pronta a fiondarmi dentro la tua stanza. Comunque, non avresti dovuto nascondermelo. Pensavo ci fosse qualcosa che non andava, così ho contattato Asuna-san. Capisco... Il mio collo si contrasse dopo che risposi brevemente. L avevo detto solamente ad Asuna Yukki Asuna, e a nostra «figlia», l AI Yui, che mi sarei convertito da ALO a GGO. Se fossi sparito anche per due secondi, per non parlare di giorni, Yui, che aveva parziale autorità sul sistema di login, l avrebbe scoperto immediatamente. E a Yui non piaceva che io nascondessi le cose ad Asuna. Certamente avrebbe sicuramente compreso se le avessi detto che avevo alcuni problemi, ma non avrei potuto farlo ricordando che la mia spiegazione avrebbe causato un enorme sforzo al programma di Yui. Così, avevo detto solo ad Asuna e Yui che dovevo andare su GGO perché Kikuoka Seijirou me lo aveva richiesto, e spiegai anche che lo scopo era di indagare sui legami del Seme. Non potevo spiegare loro la ragione principale, ovvero che in realtà si trattava dei colpi che «Death Gun» sparava nel gioco e le due morti nel mondo reale. Questo suonava davvero ridicolo, ma proprio perché era troppo insolito, sentivo che non era normale. Inoltre, quello era stato anche il motivo più grande per cui non avevo potuto dire a Suguha e agli altri miei amici che avevo convertito i miei dati. Abbassai lo sguardo e mormorai. Poi, sentii qualcosa muoversi. Onii-chan. Suguha appoggiò il suo corpo sulla mia schiena e mi sussurrò all orecchio. 13

14 Asuna-san ha detto tornerà come al solito, dopo aver creato un po di caos in GGO ma scommetto che era piuttosto in ansia. Sono anch io così, perché... perché, Onii-chan, sei tornato così tardi la scorsa notte, e il tuo viso era davvero spaventato. È... così. Potei solo rispondere in quel modo. I capelli corti di Suguha mi accarezzavano il collo, e con un filo di voce disse: Non... dovrebbe essere pericoloso, giusto...? Non voglio che tu vada in qualche luogo lontano... Non me ne andrò. Questa volta glielo dissi con fermezza, e poggiai la mia mano destra sulla piccola mano che era appoggiata sulla mia spalla sinistra. 14

15 15

16 Lo prometto. Questa sera, dopo che l evento di GGO sarà terminato, tornerò su ALO... e in questa casa....uhm Suguha sembrò annuire con la testa, e poi appoggiò la parte superiore del suo corpo su di me, così da rimanere in quel modo. La mia sorellina era già stata sconvolta durante i due anni in cui ero rimasto intrappolato in SAO, ed io non volevo che lei fosse di nuovo in ansia. In verità, potevo mandare un messaggio a Kikuoka Seijirou dicendogli non voglio farlo e dimenticare tutto. Ma dopo quello che era accaduto durante le eliminatorie il giorno prima, c erano due motivi che mi rendevano difficile farlo. Uno era che avevo accettato di combattere contro la ragazza «Sinon», che maneggiava un terrificante enorme fucile di precisione e mi aveva scambiato per una ragazza, e onestamente mi aveva insegnato ogni genere di trucchi. E l altra ragione era il mio rancore nei confronti di «Death Gun». Dovevo affrontare quell uomo col cappotto grigio, scoprire il suo «nome passato»... e quello dei suoi amici che avevo ucciso con la mia spada. Quella era una cosa che avrei dovuto fare una volta tornato nel mondo reale... Picchiettai la mano che Suguha aveva messo sulla mia spalla. Non preoccuparti, tornerò sicuramente. Sbrighiamoci a mangiare. Il cibo si sta raffreddando. umh La voce si Suguha sembrava più potente rispetto a prima. Così annuì con la testa, mi abbracciò un attimo e mi lasciò andare. Dopo essere tornata a piccoli passi al suo posto, aveva in volto un sorriso radioso, prese un gran pezzo di paella e lo infilò in bocca mentre rigirava lentamente il cucchiaio. A proposito di questo, Onii-chan. mh? Ho sentito da Asuna-san che si possono guadagnare un sacco di soldi con questo «lavoro», giusto? Ugh! La mia mente iniziò a ricordare la ricompensa di yen che avevo concordato con Kikuoka e il catalogo dei componenti per PC per i quali ero pronto a spendere quei soldi... intuii che dovevo rinunciare alla nuova memoria, così mi colpirmi il petto con fiducia. 16

17 O, oh, ti comprerò qualcosa, aspetta solo il mio ritorno. Magnifico! Ho sempre voluto comprare una shinai in nanocarbonio! Sembrava che dovessi davvero rinunciare alla nuova memoria per il PC. Uscii prima delle 3 di pomeriggio per evitare il traffico e saltai sulla vecchia moto blu prima di lasciare casa. Attraversai via Kawagae e continuai ad andare verso est, superai Ikebukuro, e attraversai Kasuga. Dopo svoltai verso sud a Hongo, attraversai il quartiere Bunkyou prima di arrivare all ospedale, che era la mia destinazione. Ci ero già stato il giorno prima, ma la mia memoria sembrava essere lontana anni luce. In realtà il motivo era semplice. Non riuscivo a dormire, non importava quanto tempo rimanessi sdraiato sul mio letto, potevo solo tenere gli occhi aperti nelle tenebre cercando di ricordare il passato dimenticato che era rilegato nel profondo della mia mente: l intero processo di annientamento della gilda assassina «Laughing Coffin» durante il periodo di SAO. Alla fine, avevo rinunciato a dormire e alle 4 del mattino, avevo indossato l AmuSphere per entrare nello spazio VR, usando la rete network locale, per incontrare mia «figlia» Yui dal PC di casa mia e farla parlare con me fino a quando la «modalità sleep» non si fosse attivata. Tuttavia, non ero riuscito a dormire bene a causa del sonno non troppo tranquillo. Fortunatamente, non ricordavo molto della conversazione, ma una voce continuava a risuonare nelle mie orecchie fino a quando non mi ero svegliato. Sei Kirito? Erano probabilmente le parole che il giocatore chiamato «Death Gun» mi aveva rivolto il giorno precedente alle eliminatorie. E quella era anche una domanda per me, la persona che aveva usato le sue spade per uccidere due no tre membri dei «Laughing Coffin», inclusa quella guardia del corpo di Asuna. Sei tu? Sei tu il «Kirito» che ci ha ucciso? Non potevo rispondere immediatamente sono io a quella domanda, non importava se mi trovavo alle eliminatorie del BoB oppure in sogno. Durante le finali alle 8 di sera, ero sicuro che avrei affrontato quel tizio che sembrava essere un non-morto. Se me lo avesse domandato di nuovo, avrei dovuto ammetterlo non importava quali fossero le conseguenze. Ma non ero sicuro di poterlo fare. 17

18 Sapevo che sarebbe andata a finire così ソードアート オンライン Sword Art Online Avrei dovuto usare un nome completamente diverso anziché convertire il nome «Kirito» da ALO. Condannando me stesso quando risi per un pensiero così vergognoso, parcheggiai la moto ed entrai nell ospedale. Avendole mandato un messaggio prima di partire, l infermiera Aki mi aspettava in quella stanza di ospedale come il giorno prima. E proprio come allora aveva una treccia di capelli poco legata, ma quel giorno aveva sul naso un paio di occhiali senza montatura. Era seduta sulla poltrona accanto al letto, incrociando le sue lunghe e snelle gambe e leggendo un libro di carta che sembrava essere molto vecchio. Tuttavia, lo chiuse rapidamente e sorrise non appena mi vide. Ah, sei venuto piuttosto presto, caro. Perdonami per averti disturbato anche oggi, Aki-san. Dopo averle annuito, guardai l orologio e scoprii che non erano ancora le 16:00. Mancavano più di 4 ore alle finali del BoB, ma probabilmente non potevo imparare molto se arrivavo agli sgoccioli come per la registrazione, quindi pensavo fosse meglio entrare prima e fare un po di pratica. Posai il mio cappotto sul gancio e dissi all infermiera: Bene, il torneo inizia alle 20:00, puoi prendere il mio ECG a quell ora. L infermiera vestita di bianco scrollò leggermente le spalle. Va bene. Ho appena finito il turno di notte, oggi ho il turno libero, così posso tenerti compagnia per qualche ora. Eh ehm, non è troppo stancante...? Dici? Mi servirò del tuo letto allora se voglio dormire. Disse quelle parole strizzando un pochino l occhio. Siccome ero un grande ossessionato dei VRMMO avevo avuto davvero poca esperienza nelle relazioni con l altro sesso, così potei solo guardare lontano distrattamente. L infermiera Aki ridacchiò vedendomi comportare in quel modo. Quella persona mi aveva visto in posizioni imbarazzanti durante la mia riabilitazione, non potevo alzare così facilmente la testa e guardarla. Mi sedetti sul letto per nascondere quell imbarazzo, immediatamente studiai lo schermo vicino a me e i due elmetti di argento a forma di anello sovrapposti l uno all altro, gli «AmuSphere» che erano preparati per me. 18

19 Kikuoka aveva preparato appositamente una nuova macchina per me, e non c era nemmeno una singola macchia sull acciaio inossidabile. Il suo design alla moda e l aspetto superavano di gran lunga il Nerve Gear e sarebbe stato più corretto definirlo un ornamento piuttosto che un dispositivo elettronico. Questo apparecchio non doveva essere in grado di causare microonde fatali in base a quanto detto nel suo slogan di annuncio, «assolutamente sicuro». Infatti, era più di questo, era stato accuratamente progettato per essere in grado di creare deboli impulsi elettrici. Così di solito, non c era bisogno di andare in ospedale, per tenere sotto controllo il mio ECG e avere un infermiera al mio fianco per salvaguardare la mia incolumità. Non importava cosa qualcuno provasse a fare, la probabilità che potessero farmi male attraverso l AmuSphere era pari a zero. Non vi era alcuna possibilità. Ma tuttavia... I famosi giocatori di GGO «Zekushiido» e «Usujio Tarako» erano morti nella realtà. E l avatar «Death Gun», che gli aveva sparato, era qualcuno che uccideva di sua spontanea volontà... un giocatore rosso. E se ci fosse stato qualche componente pericoloso ancora nascosto nella tecnologia FullDive? Per esempio, forse i giocatori che avevano ucciso qualcuno nel mondo anormale di SAO, avevano iniziato a manifestare una sorta di «istinto omicida» digitale o «rancore» verso l ambiente VR. Questo verrebbe dunque convertito in dati dall AmuSphere, trasmesso attraverso la rete e si trasformerebbe in una sorta d impulso che colpiva il sistema nervoso del bersaglio, fino a scorrergli dentro... causando effettivamente l arresto cardiaco. Se quell ipotesi fosse stata corretta, sarebbe stato possibile che gli attacchi di «Death Gun» nel gioco potessero uccidere i giocatori nel mondo reale. Allo stesso tempo, era anche possibile che la spada virtuale impugnata da «Kirito» fosse finita davvero con l uccidere «Death Gun» o qualcun altro. Dopotutto, anch io avevo ucciso dei giocatori su Aincrad. Probabilmente molti di più che la maggior parte dei giocatori rossi. Fino ad allora, avevo deliberatamente dimenticato coloro che erano caduti per mezzo della mia spada. Eppure, il sigillo di quei ricordi era stato aperto il giorno prima. No, era più come se non potessi dimenticarmi di loro dopotutto. Durante l ultimo anno, avevo semplicemente vissuto cercando di far finta che non fosse accaduto nulla e continuando a scappare dalle conseguenze del peccato che avevo commesso. Cosa c è che non va, caro? La punta delle pantofole bianche colpirono improvvisamente le mie ginocchia. 19

20 Ero così sconvolto che le mie spalle divennero rigide. Guardandomi intorno, vidi che l infermiera Aki mi stava guardando attraverso le lenti senza telaio. Ah non è nulla Scossi leggermente la testa, ma le mie labbra erano ancora dure. Poche ore prima, avevo fatto preoccupare Suguha per la stessa ragione. Era troppo vergognoso per me far preoccupare l infermiera Aki dopo che aveva accettato una richiesta simile. Comunque lei mi fece un sorriso incoraggiante, lo stesso che mi aveva fatto quando ero in riabilitazione. Si alzò dalla sedia, si avvicinò a me e disse: È un occasione rara per una bella infermiera dare consigli. Dimmi, cosa c è che non va? Probabilmente avrei un castigo divino, se mi rifiutassi. Aah Dopo aver espirato pesantemente, fissai il pavimento esitando per un momento, e dissi: Beh. Tu eri nel dipartimento di chirurgia prima di venire in quello di riabilitazione, giusto? Si, esatto. Per favore perdona questa mia domanda rude e diretta Alzai la testa verso sinistra e chiesi con voce più delicata: Per quanto tempo i pazienti morti rimangono nella tua mente? Quella era una classica domanda per la quale essere sgridato o perfino rimanere allibiti. Se fossi stato un infermiera, mi sarei preoccupato di chiedermi perché un ragazzino che non sapeva nulla di chirurgia, mi chiedesse una cosa del genere come se sapesse cosa accadeva. Tuttavia l infermiera Aki mi sorrise e rispose: Beh Guardò il soffitto della stanza per un momento, e aprì lentamente la bocca prima di dire: Se ci provo, posso ricordare i loro nomi e i loro volti. Anche se era un paziente col quale avevo trascorso solo un ora nella stessa stanza... mh, posso ancora ricordarli. Eppure li ho solo visti dormire a causa della anestesia. È davvero incredibile, non è vero? In altre parole c erano state delle morti nelle operazioni che l infermiera Aki aveva fatto fino a quel momento... Sapevo che non era un argomento che potevo toccare casualmente, ma non potei fare a meno di chiedere: Non vuole dimenticarli? 20

21 L infermiera Aki sbatté le palpebre due volte, probabilmente vedendo la mia espressione dopo quello che avevo detto. Tuttavia, le labbra, che avevano un leggero rossetto, continuarono a sorridere. Mmh, beh non so se posso rispondere alla tua domanda, ora Detto questo l infermiera Aki continuò con voce molto roca: Gli uomini dimenticheranno sicuramente, una volta che avvertono che c è qualcosa che dovrebbero dimenticare. Non vorrebbero nemmeno avere pensieri sul come farlo. Però più si cerca di dimenticare più i ricordi si radicano e saranno più chiari, giusto? In questo caso credo... che nel profondo del tuo cuore tu non voglia davvero dimenticarli, giusto? Più volevo dimenticare, più non riuscivo a farlo...? Quelle parole mi colpirono dritto al cuore, lasciandomi l amaro in bocca. Sorrisi amaramente. Allora, sono davvero una cattiva persona Evitai lo sguardo interrogativo che l infermiera Aki mi stava rivolgendo, guardando i miei piedi sul pavimento, stringendo i pugni e poggiandoli sulle ginocchia. Usai quella pressione per far uscire quelle parole dal mio petto: Ho ucciso tre giocatori in SAO La voce secca colpì le bianche pareti della stanza e risuonò come un meraviglioso eco. No, ero certo che il mio cervello fosse il solo a essere colpito. Ero arrivato in quell ospedale fra novembre e dicembre dell anno precedente per riprendermi, e l infermiera Aki era incaricata di prendersi cura di me. Ecco perché lei sapeva che ero rimasto prigioniero dentro il mondo virtuale per due anni. Tuttavia, non le avevo mai detto nulla su ciò che era accaduto in quel mondo. Chiunque lavorasse in ospedale sarebbe stato certamente triste nel sentire che io avevo preso la vita di qualcuno. Tuttavia, non riuscivo a smettere di parlare. Potevo solo abbassare la testa sempre di più e dire con voce rauca: Erano rossi... tutti «assassini», ma io potevo scegliere di non ucciderli e renderli incapaci di combattere ulteriormente. Eppure li ho colpiti lo stesso a causa della mia stessa brama e sete di vendetta. Mi sono perfino dimenticato di loro nell ultimo anno. No, non riesco ancora a ricordare i loro nomi o i loro volti anche se ne sto parlando ora. In altre parole io sono il tipo di persona che dimentica perfino le persone che ha ucciso personalmente. Nel momento in cui smisi di parlare la camera diventò completamente silenziosa. Dopo un po, il suono di sfregamento di vestiti e il movimento del letto mi colpì. Credevo che l infermiera Aki, che era seduta alla mia sinistra stesse per lasciare la camera. 21

22 Tuttavia, mi sbagliavo. Una mano mi strinse le spalle e si poggiò sulla mia spalla destra prima di stringermi con forza. In quel momento, la parte sinistra del mio corpo, era poggiata sull uniforme bianca. Sentii una voce morbida e un respiro fresco vicino a me. Mi dispiace, Kiragaya-kun. Ho detto con certezza che avrei potuto alleviare le tue sofferenze, ma non riesco ancora a rimuovere questo fardello da te. Ovviamente non posso sostenerlo con te. La mano che era sulla mia spalla destra iniziò ad accarezzare la mia mano. Non ho mai giocato a nessun gioco VR, figuriamoci a «Sword Art Online» quindi non riesco a provare il peso della parola «uccidere». Tuttavia una cosa la so con certezza ed è che tu hai dovuto uccidere perché volevi aiutare qualcuno, giusto? Eh Le sue parole mi colsero di sorpresa Per aiutare qualcuno. Questo era vero, ma, ma non potevo semplicemente Nella sanità, ci sono anche situazioni dove dobbiamo scegliere chi vogliamo salvare, come scegliere di abbandonare un bambino per salvare la madre, oppure sacrificare qualcuno in stato vegetativo per salvare qualcuno che è in attesa di un organo e così via. Su una larga scala di eventi o disastri, ci sono degli standard per stabilire il livello di gravità e dare priorità a coloro che hanno bisogno di aiuto. Ovviamente non è che possiamo uccidere senza una buona ragione. Una vita persa non può tornare indietro non importa quale prezzo si paghi. Ma qualcuno come te dovrebbe anche avere il diritto di pensare che da qualche parte qualcuno è stato salvato grazie a te. Tu hai il diritto di redimerti pensando alle persone che hai salvato. Avere il diritto di redimermi Dopo aver detto quello con voce roca, scossi la testa mentre la mano dell infermiera Aki era ancora poggiata su di me. Ma, ma ho dimenticato le persone che ho ucciso, ho rigettato le mie responsabilità e i miei peccati, quindi non dovrei nemmeno avere la possibilità di redimermi Non farebbe così male se tu te ne fossi davvero dimenticato. Dopo averlo detto con voce ferma, l infermiera Aki poggiò la sua mano sinistra sulla mia e mi girò verso di lei. Gli occhi stretti e lunghi dietro gli occhiali avevano un bagliore deciso. Capii che stavano cadendo delle lacrime dai miei occhi nel momento in cui usò il pollice per asciugare i miei occhi. Puoi ancora ricordarlo chiaramente. Ovviamente, ricorderai ogni cosa, quando sarai pronto a ricordare. Ecco perché devi ricordare anche chi hai aiutato e salvato a quel tempo. 22

23 Dopo aver detto quelle parole, l infermiera appoggiò la sua fronte vicino la mia. Il suo tocco freddo permise al mio cervello agitato di calmarsi. Anche le mie spalle iniziarono a rilassarsi, e lentamente chiusi i miei occhi. Pochi minuti dopo, ero nudo sul letto e vidi che avevo gli elettrodi per l ECG attaccati a me non appena alzai le mani per sollevare l AmuSpehre. Fin dalla notte precedente, avevo sempre avvertito una paura e una responsabilità fredda e pesante gravare su di me, ma adesso quell onere mi aveva abbandonato. Ma una volta che avrò incontrato di nuovo quel ragazzo in «Gun Gale Online», quel dovere sarebbe gravato di nuovo. Lo schermo VR che era pesante come il ferro, fu riposto sulla mia testa. Lo accesi e immediatamente, vi fu un suono elettronico che indicava il conto alla rovescia prima di iniziare. Spostai lo sguardo e dissi all infermiera Aki che era seduta al mio fianco. Lascio tutto nelle tue mani e per prima grazie. Non hai motivo di ringraziarmi. Dopo averlo detto in modo autoritario, l infermiera poggiò una coperta su di me. Chiusi con forza gli occhi perso nell aroma di sapone pulito. Non ci dovrebbe essere nulla prima delle 8... tornerò fra 10 minuti, vado ora. LINK START! Dopo aver gridato, delle luci colorate apparvero davanti a me e mi catturarono. Nonostante i miei sensi venissero gradatamente recisi continuavo a sentire la voce dell infermiera Aki. Ho capito. Continua senza preoccuparti, «Eroe Kirito». Cosa? Prima che potessi pensare qualcosa la mia coscienza abbandonò la realtà ed entrò in quel deserto brullo di polvere e fumo. 23

24 24

25 CAPITOLO Quel tizio... CRACK...MI FA VERAMENTE INFURIARE!! Mentre urlava queste parole, Asada Shino usò la punta delle scarpe per calciare l'altalena. Si trovava in un angolo del parco vicino a casa sua. Il cielo era già diventato scuro, e in quello spazio verde c erano solo due strutture in metallo ed una pila di sassi, di conseguenza non veniva a giocarci nessun bambino neanche di domenica. Seduto sull'altalena vicino a Shino c'era Shinkawa Kyouji, che spalancò gli occhi. Che rarità, Asada-san che critica qualcuno in maniera così diretta! Ma lui è davvero... Shino mise le mani in tasca, si appoggiò contro il sostegno di ferro dell'altalena, schioccò la lingua e proseguì...così insensibile, ama le molestie sessuali, cerca sempre di agire in maniera figa... e poi, diamine, chi è che usa una spada per combattere in GGO?! Ogni volta che elencava una caratteristica di «quel tizio» che odiava, Shino calciava un piccolo sasso davanti ai suoi piedi. Poi, si era anche travestito da ragazza all'inizio, e mi ha anche chiesto di scegliere dei vestiti per lui! Gli stavo anche per prestare dei soldi! AAAAAAH DANANZIONE! MA QUALE "POTRESTI PER FAVORE ARRENDERTI"!!! Le sue lamentele continuarono fino a che i sassolini della misura giusta da calciare non finirono. Shino abbassò la testa, guardò davanti a sé e si accorse che Kyouji era veramente scioccato nonostante la guardasse con un'espressione tanto delicata....qual è il problema, Shinkawa-san? No... è solo che questa è la prima volta che parli male di qualcuno così tanto... 25

26 Eh... Davvero? Si, anche perché normalmente non sembri molto interessata agli altri.... Sentendoglielo dire, iniziò a realizzarlo... Normalmente, non interagiva con gli altri in quella maniera. Anche se qualcuno le faceva un brutto scherzo come Endou e le altre, al massimo si sentirebbe irritata perché pensava che non ci fosse bisogno di sprecare energie arrabbiandosi. Shino non riusciva neanche a risolvere i suoi stessi problemi. Chi aveva il tempo per preoccuparsi degli altri? Nonostante ciò, «quel tizio» l'aveva fatta veramente infuriare per qualche inspiegabile ragione. Erano passate meno di 24 ore da quando avevano parlato per la prima volta domenica pomeriggio, eppure quel ragazzo era rimasto impresso nella sua memoria e non riusciva a liberarsene. Ma non c'era da stupirsi che lei fosse così arrabbiata. Erano passati quasi 6 mesi da quando Shino aveva iniziato a giocare al VRMMO-RPG «GGO». E quella era stata la prima volta che un giocatore invadeva in questo modo la sua privacy. Inoltre, era oltremodo scioccata dal fatto che lui le avesse tenuto la mano durante la pausa dopo il primo round, ne era rimasta così scossa da mancare ben 2 colpi a media distanza durante il secondo round....n-non guardarmi così. Io mi arrabbio facilmente. Shino trascinò verso di sé un sassolino lontano, per poi calciarlo negli arbusti mentre parlava. Eheh~ Quindi è così... Kyouji continuava a fissare Shino, ma sembrò ricordare improvvisamente qualcosa mentre si alzava dall'altalena dicendo in maniera entusiasta: Allora... vuoi forse tendergli un agguato in qualche arena per il combattimento? Se vuoi giocare da cecchino, allora io posso fare da esca... ma è meglio vendicarsi faccia a faccia no? Posso chiamare immediatamente qualche buon giocatore se serve. Anche usare una granata per stordirlo per poi ucciderlo con una mitragliatrice non sarebbe male. Shino guardava Kyouji in maniera sorpresa, mentre lui stava pianificando tutti i tipi di PK possibili, poi alzò la mano destra e lo interruppe. 26

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare puliva le scale e alcuni clienti erano al bar. L hotel si

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY Choose your destiny Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY racconto www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Annabel Blasi Tutti i diritti riservati Alla mia famiglia Prima parte 1 Freddo. Sentivo un freddo

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

...Addio per sempre...!!! Eheheheheheheheheheh!!!!! PER IL DIABOLICO PIANO DEL MAE- STRO, IL TARDIS DEL DOTTORE E DIRETTO VERSO IL BIG BANG...

...Addio per sempre...!!! Eheheheheheheheheheh!!!!! PER IL DIABOLICO PIANO DEL MAE- STRO, IL TARDIS DEL DOTTORE E DIRETTO VERSO IL BIG BANG... ...Addio per sempre...!!! Eheheheheheheheheheh!!!!! PER IL DIABOLICO PIANO DEL MAE- STRO, IL TARDIS DEL DOTTORE E DIRETTO VERSO IL BIG BANG... 1 Maledetto... E adesso...? Abbiamo trovato le istruzioni...

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!»

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!» 1 SHOPPING SFRENATO Tom attraversò il vialetto a passo di lumaca, trascinando i piedi. Sua madre e sua nonna erano già sedute in macchina. «Sbrigati, Tom!» gridò la sua mamma sporgendosi dal finestrino.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli