TRACCIA DELL INTERVENTO DI PIETRO GRASSO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRACCIA DELL INTERVENTO DI PIETRO GRASSO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE"

Transcript

1 TRACCIA DELL INTERVENTO DI PIETRO GRASSO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d Este, Cernobbio 5, 6 e 7 settembre 2014 Working paper, settembre Per gentile concessione dell Autore. The European House-Ambrosetti è stata nominata nella categoria dei migliori Think Tank privati - primo Think Tank italiano e quarto europeo, nell edizione 2014 del Global To Go Think Tanks Report dell Università della Pennsylvania. Il presente documento è riservato agli utenti dei servizi di aggiornamento di The European House- Ambrosetti. L uso è personale e non è cedibile. È fatto divieto assoluto di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico o utilizzare in qualsiasi forma e modo, commerciale o meno, il presente documento, senza il consenso scritto di The European House-Ambrosetti. Maggiori informazioni sui termini e sulle condizioni di utilizzazione sono disponibili su Copyright assolto.

2 1 Forum Ambrosetti: Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive. Agenda per Cambiare l'europa Intervento del Presidente Grasso Villa d Este, Cernobbio, 6 settembre 2014 Presidente Ambrosetti, Autorità, Signore e Signori, Ho accolto con molto piacere l'invito a partecipare a questo importante forum internazionale che, anche quest anno, unisce nella splendida cornice di Villa d Este voci diverse ed autorevoli del mondo dell economia e della politica per un confronto aperto e vitale sulle sfide e sui problemi dello scenario economico e geopolitico mondiale, europeo e italiano. Sono particolarmente onorato di poter aprire questa sessione dedicata alle prospettive evolutive dell Europa che negli scorsi anni è stata arricchita dai pregnanti interventi del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Discutere del futuro dell'europa equivale, oggi più che mai, a definire anche il destino del nostro Paese, economico, politico ed istituzionale. In questo senso, il dibattito di quest'oggi è necessaria premessa per il confronto che domani, secondo tradizione, sarà animato da esponenti del governo, della politica e dell'economia, da analisti e da esperti. Per parte mia considero appropriato lasciare a quel consesso il merito delle questioni su cui si concentra il dibattito politico italiano ed europeo in questo difficile momento, mentre vorrei con voi condividere alcune riflessioni di carattere prospettico. Un filo rosso accompagna il dibattito sull Europa che di anno in anno si svolge nel Forum Ambrosetti: questo legame di continuità è dato dalla considerazione integrata dei profili istituzionali ed economici del progetto europeo. E mi pare molto opportuno che in questa sessione mattutina si parli insieme di riforme, di equilibri di potere, di scelte economiche e di governance, nella consapevolezza che non vi possono essere politiche economiche o di settore efficaci senza una vera Politica, capace di rappresentare e di dare voce ai diversi interessi in causa. Sono fermamente convinto, in altre parole, che non ci sia più spazio in Europa per "policies without politics". E riprendere questo filo rosso significa ripartire dall auspicio che il Presidente Napolitano ha rivolto l'anno scorso a questa assemblea, invocando un salto di qualità: procedere sulla via dell integrazione - sono parole del Presidente - per acquisire maggiore autorevolezza politica ma

3 anche maggiore capacità di attirare capitali, risorse tecnologiche e umane, capaci di stimolare e sostenere la ripresa, l'occupazione e l'innovazione. 2 Oggi quel salto di qualità si rivela ancora incompiuto e ancora più urgente. Come ha avvertito anche il Consiglio Europeo del 30 agosto, oggi la situazione economica dell Unione, dopo una limitata, forse apparente ripresa, registra una preoccupante recessione e una minaccia deflazionistica che investono non solo l Italia, da tempo considerata Paese a rischio, ma anche Paesi prima ritenuti stabili come la Francia e la Germania: cala il Pil, aumenta il deficit, sono fermi consumi e investimenti. L'Europa rischia di affondare sotto il peso della deflazione, ormai presente in tutto il continente. I prezzi diminuiscono, la domanda diminuisce, l'occupazione si restringe. Preoccupa, anche come fattore di alterazione della coesione sociale, il crescere delle diseguaglianze, anche nei Paesi che hanno subito meno la crisi. Secondo i dati dell'istat in Italia il dieci per cento dei cittadini possiede circa la metà della ricchezza nazionale, mentre un altro dieci per cento della popolazione ha raggiunto la soglia della povertà. Intervenire su tali stridenti disparità è una priorità assoluta. La gravissima crisi dell'occupazione rischia di consegnare un'intera generazione all'incertezza ed alla marginalità; l'assenza della ripresa alimenta il grave senso di insicurezza dei cittadini e incide sulla coesione sociale. Mentre nel frattempo realtà esterne all euro-zona, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, che in questi anni hanno decisamente perseguito politiche improntate alla crescita, sembrano mostrare una significativa ripresa dei principali fattori produttivi. Alcune diagnosi della situazione sono funeste: vi è chi definisce l area euro una catastrofe economica; chi parla di una double-dip o per alcuni paesi di una triple-dip recession, chi prefigura un nuovo suicidio politico dell Europa a cento anni di distanza da quello che già all inizio del XX secolo coincise con il primo conflitto mondiale. Taluni poi oggi attribuiscono le cause di questa perdurante fase di crisi dell Euro-zona a fattori economici contingenti e congiunturali, come la persistenza di regole monetarie e finanziarie talmente rigide da rendere difficili le riforme strutturali. Sul piano politico, viceversa, si tende sempre di più a denunciare l incapacità della classe politica europea di assumere scelte coraggiose e dirompenti per fare ripartire l economia,

4 approvando riforme strutturali che determinino nuove opportunità di occupazione, come il Presidente della BCE Draghi ha auspicato alla riunione dei banchieri centrali a Jackson Hole. 3 Ho seguito con interesse la decisione della BCE dell'altro ieri che ha abbassato i tassi di interesse fino al livello dell'0,05 % e annunciato acquisti dei titoli ABS, anche senza poterne indicare l'entità per il momento, con il doppio obiettivo di garantire maggiore stabilità dei prezzi contrastando la deflazione e fare ripartire il circuito creditizio per incentivare l'economia reale. Sarebbe improprio che entrassi nel merito delle risposte per affrontare questa situazione, che spettano ai governi e alle parti politiche, ma mi pare necessario riconoscere che una politica di austerità ad ogni costo non sia più sostenibile. Di fronte alla crisi del debito sovrano nell'area euro io ho condiviso la necessità imperativa di dotare l'unione di strumenti incisivi per definire e verificare la disciplina di bilancio agli Stati membri. E certamente i vari pacchetti legislativi adottati istituiscono controlli profondi e penetranti. Ma la caduta del prodotto interno lordo e della domanda interna impone oggi come indifferibile, senza abbandonare la via del rispetto delle regole, una svolta drastica in direzione della crescita, anche facendo uso della flessibilità già esistente per fare spazio ai costi delle riforme strutturali, come ha suggerito il Presidente Draghi. Da un punto di vista politico più generale, a me sembra che il tentativo di affrontare la crisi con una prospettiva di breve o medio termine sia destinato a rivelarsi inesorabilmente fallimentare. Le criticità di oggi sono il risultato di una crisi strutturale che investe la natura stessa dell Unione Europea, la coesione tra le diverse aree, le prospettive di integrazione future. La crisi politica è più radicata e profonda ancora di quella economica. Penso ai diversi elementi di asimmetria che condizionano le sorti dell integrazione, a partire dall area euro non coincidente con i confini geografici dell Unione o alla scelta di Paesi come il Regno Unito o la Repubblica Ceca, pur con motivazioni molto diverse scelgono di non aderire a tasselli fondamentali della nuova governance economica, come il Fiscal compact; agli opt-out in materia di giustizia e sicurezza; alle esitazioni anacronistiche, in nome della difesa della sovranità nazionale, ad unire le forze rispetto a fenomeni che solo uniti possiamo affrontare, la criminalità economica o le migrazioni, per esempio. Penso alla seria frattura che si è prodotta fra Paesi creditori che alimentano i meccanismi di stabilizzazione finanziaria e Paesi debitori, che per accedere ad un percorso di risanamento dei debiti sovrani subiscono significative conseguenze politiche ed istituzionali.

5 4 Questi fattori di crisi, radicati nella stessa struttura politica ed istituzionale dell Unione, condizionano profondamente le strategie economiche e monetarie dell Unione. Per questo, non è immaginabile che il salto di qualità che noi tutti invochiamo sia percorribile solo sul terreno della politica macroeconomica. Noi dobbiamo saper guardare con lucidità e realismo ai problemi politici dell Unione mossi da quello spirito costruttivo che ha guidato i padri fondatori del progetto europeo penso fra tutti ad Alcide De Gasperi ed Emilio Colombo - utilizzando questa lunga fase di crisi come opportunità per ripensare e quindi rilanciare l originario sogno di un'europa unita e coesa, un'utopia realizzata cui dobbiamo un periodo di pace e stabilità unici nella storia internazionale. Nel peculiare progetto europeo si è cercato di edificare un unione politica su un'integrazione economica, e quest ultima attraverso un'unione monetaria. In questo senso, l Unione europea nasce come tentativo di una democrazia di risultato, una democrazia che si prefigge di soddisfare i bisogni dei cittadini non investendo sulle procedure partecipative, bensì sulla capacità di garantire ai singoli livelli più elevati di tutela dei diritti e delle libertà di quelli che i singoli Stati avrebbero potuto offrire. Un disegno che sembra essere inesorabilmente fallito con la crisi economica e del debito che, intaccando l unione monetaria e quindi l integrazione economica, ha minato alle basi anche l architettura politica raffreddandone ulteriori e necessari progressi. E i cittadini hanno avvertito uno smarrimento profondo, una distanza profonda fra le istituzioni europee e la vita reale, quotidiana. Così questa grave congiuntura si è convertita in una crisi di sistema, in una drammatica incertezza esistenziale. Oggi occorre quindi in prima battuta collocare la governance di una vera e propria unione economico-monetaria nel contesto istituzionale dell'unione e così contribuire a rafforzare la legittimità dei processi decisionali. Bisogna in altri termini potenziare la democrazia "di processo", in primis consolidando la legittimazione democratica dell esecutivo europeo, valorizzando al tempo stesso i poteri di controllo del Parlamento europeo e degli stessi parlamenti nazionali. Il processo che, nel mese di luglio scorso, per la prima volta nella storia dell integrazione europea ha portato il Presidente della Commissione ad ottenere la fiducia quasi unanime sia del Consiglio sia del neoeletto Parlamento segna un'importante evoluzione costituzionale. Ma serve allo stesso tempo rafforzare il legame fiduciario che lega il Consiglio europeo, il Consiglio dei Ministri e la Commissione al Parlamento; così come a livello nazionale, i Parlamenti devono sapere svolgere un controllo capillare e di carattere preventivo sulle scelte che i governi rappresenteranno a Bruxelles.

6 5 Affrontare in maniera costruttiva la crisi significa quindi tornare alle origini, alle domande che i cittadini pongono all Unione europea e che solo la politica, con i suoi canali rappresentativi, è in grado di assicurare. Mi avvio a concludere. Il monito a Jackson Hole della Presidente della Federal Reserve Janet Yellen a "mettere il lavoro al centro" è sintomatico del percorso che negli ultimi mesi ha segnato l uscita dalla crisi degli Stati Uniti. Altrettanto significativa la posizione di Mario Draghi che ha posto l'accento sulla necessità che i governi nazionali adottino riforme strutturali per rilanciare l'occupazione. Si tratta del riconoscimento che la ripresa in Europa può solo derivare dalla combinazione di politiche capaci di intervenire sui fattori monetari, ma prima ancora sull'economia reale. Ma non basta. Un'Unione più forte internamente deve imparare a rilanciare la propria presenza, il proprio peso nel mondo per governare, e non solo subire le trasformazioni degli equilibri mondiali, in un quadro geopolitico connotato da fenomeni sconvolgenti che prevalentemente hanno luogo ai nostri confini. Sono convinto che proprio in questa direzione saprà operare con determinazione ed equilibrio e nell'interesse di tutti il nuovo Alto Rappresentante designato per la Politica Estera Federica Mogherini, cui rivolgo con orgoglio affettuosi auguri di buon lavoro. Non posso naturalmente fornire opinioni sui diversi provvedimenti che il Governo sta programmando per la riforma del mercato del lavoro, della giustizia civile, della spesa e del patrimonio pubblici. Posso dire che sono convinto che nel nostro Paese occorra una trasformazione profonda, direi genetica e culturale nella gestione della cosa pubblica. Dobbiamo sapere ascoltare con più attenzione la voce dell'economia reale, dell'associazionismo imprenditoriale e dei sindacati, di coloro che producono ricchezza e futuro per il Paese. Dobbiamo imparare ad adottare i modelli di efficienza e professionalità che produce il settore privato più competitivo. E dobbiamo imparare a curare e verificare l'attuazione delle leggi che approva il Parlamento, giacchè è un vizio antico e tutto italiano quello di dare per conclusa una riforma con il voto delle Camere, dimenticandosi che l'effettività dei provvedimenti nel mondo reale è determinata dall'efficienza e dalla rapidità con cui se ne cura il compimento. In questo credo che anche il Parlamento possa seguire l'esempio di altri Paesi nei quali le assemblee legislative dedicano molta più attenzione alla revisione della effettiva attuazione delle norme.

7 6 Nelle prossime settimane il Senato dovrà occuparsi di due riforme strutturali di grande importanza per consentire al Paese di tornare a crescere: la riforma del mercato del lavoro e quella della pubblica amministrazione. Su questi temi, che incideranno direttamente sulle prospettive economiche dell'italia, non possiamo permetterci ulteriori ritardi. Parallelamente dovrà proseguire il cammino della legge elettorale già approvata alla Camera ma sulla quale si prospettano interventi migliorativi. Per parte mia mi impegnerò per garantire che il lavoro in assemblea sia al tempo stesso approfondito e rapido e lo stesso impegno chiederò alle forze politiche e a tutti i senatori. Il mio auspicio è che non ritorni su questi temi così vitali quel clima di chiusura reciproca alle ragioni altrui che ha caratterizzato la discussione della riforma costituzionale e che si riesca ad improntare il confronto democratico a quel senso di urgenza e di responsabilità di cui ha fortemente bisogno il Paese. L'Italia deve tornare a sognare. L Europa deve tornare a sognare. E la politica deve tornare al centro per dare il suo contributo, traducendo in azioni i sogni, i bisogni e le aspirazioni di tutti. Io sono fermamente convinto che non esista un'alternativa ad un rafforzamento della nostra Unione. Si tratta di una sfida esistenziale: le nostre comuni radici ci vincolano a un destino comune, che non permetteremo sia compromesso da improbabili ideologie distruttive e revisionistiche. L'Italia, un grande Paese che sessant anni fa per prima ha creduto nell utopia europea, non mancherà di impegnarsi per il futuro di ciascuno e di tutti. Questo, io credo, sia il nostro collettivo dovere e questo considero il mio più importante impegno personale. Grazie.

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d'este, Cernobbio 2, 3 e 4 settembre 2011 Riprodotto

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO 6-7 Marzo 2014 Dublino, Irlanda Manifesto del PPE Perché votare per il Partito Popolare Europeo? L'esito delle imminenti elezioni influenzerà l'orientamento

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno. "Fare impresa sociale e buona economia"

Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno. Fare impresa sociale e buona economia Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno "Fare impresa sociale e buona economia" Milano, venerdì 7 novembre 2014 Presidente Vita, Presidente Carrara, Autorità, Gentili

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Domenico Lombardi

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Domenico Lombardi LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Domenico Lombardi 7/10 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE

UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE Signor Segretario di Stato per gli Affari Esteri Signori Rappresentanti Diplomatici e Consolari La Reggenza è particolarmente

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Documento unitario La buona scuola

Documento unitario La buona scuola 17 ottobre 2014 Forum nazionale delle Associazioni studentesche Documento unitario La buona scuola PREMESSE Il Forum delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative ha analizzato e discusso

Dettagli

L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane

L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane Siamo lieti che il Governo Italiano abbia deciso di organizzare questa Conferenza, nel contesto

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

INTRODUZIONE ASSEMBLEA DONNE SPI CGIL RIMINI DEL 15.01.2015

INTRODUZIONE ASSEMBLEA DONNE SPI CGIL RIMINI DEL 15.01.2015 INTRODUZIONE ASSEMBLEA DONNE SPI CGIL RIMINI DEL 15.01.2015 Perché L Assemblea delle Donne dello SPI? Perchè il Coordinamento Donne nello SPI? A che cosa serve? Esiste ancora una specificità nella rappresentanza

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Dichiarazione di intenti del Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Francesco Rampi Roma, 1 ottobre 2013 L occasione dell insediamento della quinta consiliatura del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo

Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Strasburgo, 27 ottobre 2011 EUCO 117/11 PRESSE 401 PR PCE 82 Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo Buongiorno, come ho

Dettagli

La Banca Centrale Europea motore dell'unificazione politica

La Banca Centrale Europea motore dell'unificazione politica 1 1 F E B B R A I O 2 0 1 5 La Banca Centrale Europea motore dell'unificazione politica di Umberto Triulzi Professore ordinario di Politica economica Sapienza Università di Roma La Banca Centrale Europea

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

2 ASSEMBLEA NAZIONALE UILM 12 E 13 MARZO 2012 INTERVENTO DI CHIARA ROMANAZZI RESPONSABILE UFFICIO INTERNAZIONALE UILM

2 ASSEMBLEA NAZIONALE UILM 12 E 13 MARZO 2012 INTERVENTO DI CHIARA ROMANAZZI RESPONSABILE UFFICIO INTERNAZIONALE UILM 2 ASSEMBLEA NAZIONALE UILM 12 E 13 MARZO 2012 INTERVENTO DI CHIARA ROMANAZZI RESPONSABILE UFFICIO INTERNAZIONALE UILM Il 2012 è un anno di particolare importanza per il sindacato europeo e internazionale.

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. Editoriale a cura dell Ing. Aldo Mancurti, Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati,

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati, Intervento dell On.le Gianluigi Magri Sottosegretario di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze, al Consiglio dei Governatori dell IFAD Roma 18 e 19 Febbraio 2004 Signor Presidente, Signore e Signori

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica Assemblea dei Soci Milano, 19 giugno 2013 Relazione del Presidente Fabio Rossello Parte pubblica Buongiorno a tutti e benvenuti alla 46sima assemblea. Ringrazio le Autorità, gli ospiti e le colleghe e

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Terziario Donna. Può apparire quasi provocatorio, un atteggiamento elitario e sterile che non guarda ai reali problemi del Paese

Terziario Donna. Può apparire quasi provocatorio, un atteggiamento elitario e sterile che non guarda ai reali problemi del Paese Terziario Donna "I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano; sostenere tali diritti è un obbligo dell'umanità; il rafforzamento del potere di azione delle donne significa il

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ROMA

DICHIARAZIONE DI ROMA IL PRESIDENTE DICHIARAZIONE DI ROMA V. GISCARD d ESTAING PRESIDENTE DELLA CONVENZIONE EUROPEA Roma 18 luglio 2003 I. Il 18 luglio 2003 Valery Giscard d'estaing, Presidente della Convenzione sul futuro

Dettagli

COSTITUZIONE E DEMOCRAZIA IN EUROPA. VERSO (E DOPO) IL REFERENDUM IRLANDESE.

COSTITUZIONE E DEMOCRAZIA IN EUROPA. VERSO (E DOPO) IL REFERENDUM IRLANDESE. COSTITUZIONE E DEMOCRAZIA IN EUROPA. VERSO (E DOPO) IL REFERENDUM IRLANDESE. di Renzo Dickmann (Consigliere della Camera dei Deputati) 23 settembre 2009 Il 2 ottobre si terrà in Irlanda l atteso nuovo

Dettagli

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica.

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica. Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica Marsilio INDICE 11 Introduzione 11 Oggi, la democrazia 22 Come nasce questo

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona La nuova politica estera e di sicurezza Tra le politiche europee la politica estera e di sicurezza

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Approvata all unanimità

Approvata all unanimità Approvata all unanimità Nella sesta conferenza della CALRE del 28 e 29 ottobre 2002 a Bruxelles è stato discusso il funzionamento contenutistico dei Parlamenti regionali a potere legislativo ed è stata

Dettagli

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni.

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni. Assemblea regionale di Legacoopsociali della Sardegna Cagliari, 25 gennaio 2013 Caesar Hotel Via Darwin 2/4 Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

Statuto dei Verdi del Trentino

Statuto dei Verdi del Trentino Statuto dei Verdi del Trentino Preambolo I Verdi del Trentino sono una formazione politica costituitasi nel 1983, con la denominazione Lista verde del Trentino, per realizzare uno strumento aperto di autorganizzazione

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Consulta Nazionale Volontariato Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Documento di Lavoro 1 CONSIDERAZIONI DI CONTESTO: LA SITUAZIONE POLITICA, ECONOMICA E CULTURALE ODIERNA Il nostro

Dettagli

VERSO UNA RIFORMA DEMOCRATICA VERDE DELL'UE Diamo voce ai cittadini europei

VERSO UNA RIFORMA DEMOCRATICA VERDE DELL'UE Diamo voce ai cittadini europei La risoluzione approvata VERSO UNA RIFORMA DEMOCRATICA VERDE DELL'UE Diamo voce ai cittadini europei Introduzione L'Unione Europea è al centro di una crisi socioeconomica, ecologica e democratica che mette

Dettagli