Disposizioni di sicurezza per i lavori in officina nel settore delle metalcostruzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni di sicurezza per i lavori in officina nel settore delle metalcostruzioni"

Transcript

1 6.00_i Disposizioni di sicurezza per i lavori in officina nel settore delle metalcostruzioni Le aziende del settore delle metalcostruzioni sono imprese soggette a particolari pericoli (ai sensi della direttiva CFSL 6508). Pertanto il rischio di infortuni e malattie professionali è considerevole durante il lavoro in officina (non soltanto in cantiere). Le fonti di pericolo sono le seguenti: Disordine in officina (rischio di inciampare a causa di cavi, tubi, materiale ecc., disorganizzazione nello smaltimento dei rifiuti, luoghi di deposito non definiti, inutili carichi d'incendio, procedure logistiche inadeguate / flussi di merci non conformi, stracci lasciati in giro ecc.). Distacco di pezzi, trucioli, scintille, polveri ecc. durante la lavorazione meccanica e termica dei materiali o nell'uso di macchine e utensili manuali. Punti non protetti di macchine e apparecchiature con rischio di schiacciamento e pericolo di essere colpiti, rimanere impigliati o incastrati. Lavori con l'elettricità (utensili manuali elettrici, operazioni di taglio, saldatura ecc.). Presenza di radiazioni non ionizzanti durante la saldatura. Presenza di rumore durante le operazioni di taglio, piegatura, smerigliatura, uso dell'aria compressa ecc. Uso e deposito di sostanze pericolose (incendio, esplosioni, uso di sostanze non idonee, DPI non conformi o mancanti ecc.). Respirazione di gas di combustione, vapori, polveri ecc. nocivi per la salute. Spostamento manuale di carichi; posizioni e movimenti sfavorevoli per il fisico. Lavori in altezza su scale, ponteggi, pedane, con piattaforme mobili ecc. Utilizzo di mezzi di trasporto, come gru, carrelli trasportatori ecc. Lavori di manutenzione a qualsiasi infrastruttura. Lavori al videoterminale. Non mettete inutilmente in pericolo voi stessi e gli altri! Data dell istruzione: Istruzione e spiegazioni eseguite da (istruttore): Firma del collaboratore: Lavori al videoterminale (postazione ufficio) - L'altezza della sedia va regolata in base all'altezza della persona (coscia leggermente inclinata verso il basso, entrambi i piedi appoggiati a terra). - L'altezza della scrivania va regolata in base all'altezza della persona (gomiti piegati all'altezza della tastiera). - L'altezza dello schermo va regolata in base all'altezza della persona (bordo superiore dello schermo al massimo all'altezza degli occhi). - Distanza minima degli occhi dallo schermo 60 cm (la lunghezza di un braccio). - Posizionare lo schermo in modo che la luce entri lateralmente (posizionarsi di fianco rispetto alla finestra). - Garantirsi una certa libertà di movimento (seduta dinamica, schienale regolabile). - Eventualmente usare qualche ausilio (poggiapiedi, poggiapolsi ecc.). - Legare e raccogliere cavi e connettori o sistemarli in apposite canaline (evitare punti d'inciampo). - Utilizzare esclusivamente sedie a 5 rotelle (minimo pericolo di ribaltamento). - Garantire di poter guardare fuori almeno da un punto. - In caso di luce solare diretta o di altre fonti d'illuminazione intense, oscurare le finestre (con veneziane, tende ecc.). - L'illuminazione orizzontale deve avere una potenza di lux; predisporre eventualmente lampade individuali per le varie postazioni di lavoro. Download pubblicazioni: per la sicurezza sul lavoro/link e documenti Pag. 1/8

2 Trasporti con carrelli trasportatori (elevatori a forca, sollevatori, transpallet) - Ciascun operatore di carrelli elevatori con guida a timone deve essere correttamente istruito e addestrato in merito alle relative caratteristiche. È possibile rilasciare un attestato interno. - I carrelli trasportatori non devono mai essere usati per trasportare o sollevare persone. I carrelli con pedana portaoperatore possono trasportare esclusivamente l'operatore. - I copriruota e le calzature antinfortunistiche forniscono assieme la migliore protezione contro gli infortuni ai piedi; mantenere inoltre il telaio a 35 mm di distanza massima da terra. - Le istruzioni d'uso e lo schema di carico devono essere ben conosciuti e a portata di mano. - Non è consentito effettuare spostamenti con il carico sollevato, eccetto che per l'accatastamento. - L'elevatore non deve essere parcheggiato con forca sollevata. - Non passare sotto i carichi sollevati. - Sollevare i carichi sempre con entrambi i rebbi. - Dopo aver parcheggiato il mezzo, estrarre la chiave d'accensione. - I dispositivi di sicurezza devono essere funzionanti (controllo quotidiano, pulsante di sicurezza, arresto d'emergenza in determinate posizioni del timone). - Le stazioni caricabatteria devono essere conformi alle normative sulla sicurezza (locali aerati, nessuna fonte d'innesco, occhiali protettivi, doccetta oculare, etichetta) e non devono trovarsi vicino ad eventuali fonti d'incendio. - Gli interventi di manutenzione devono essere documentati ed eseguiti da personale adeguatamente istruito. - I conducenti degli elevatori a forca devono essere in possesso di una licenza di condurre riconosciuta dalla SUVA; in caso di trasporto su strade pubbliche occorre la licenza di condurre della categoria F. In caso di circolazione su strade pubbliche è necessario consultare prima la sezione cantonale della circolazione (per l'autorizzazione). - Gli elevatori a forca devono essere dotati di dispositivi di sicurezza supplementari, come dispositivi di ritenuta individuali, tettuccio protettivo per l'operatore, finecorsa laterali per la forca ecc. - Gli elevatori a forca con motore a scoppio devono essere utilizzati solo all'aperto. - I percorsi di circolazione devono essere liberi, senza buche e privi di irregolarità. - La portata massima del suolo deve essere nota (se limitata, deve essere indicata da apposite scritte). - Indicare e illuminare bene i percorsi di circolazione. - Gli impianti, i depositi ecc. che sporgono nei percorsi di circolazione devono essere dotati di protezioni contro gli urti. - Inclinazioni delle rampe: per gli apparecchi condotti a mano, pendenza max 5%; per apparecchi motorizzati, pendenza max 10%. Pag. 2/8

3 Lavori con gru (gru a portale, gru girevole) - Sono considerate "gru" i seguenti apparecchi: portata > 1000 kg, apparecchio di sollevamento motorizzato, con movimento libero in orizzontale su almeno un asse. - Deve essere presente un registro gru (costruttore, tipo, anno di costruzione, dati tecnici, carico massimo ecc.). - Deve essere presente un diario gru (risultati dei controlli, interventi di manutenzione e modifiche, indicazioni di sicurezza per gru, proprietario ecc.). - Gli operatori devono essere istruiti conformemente alle istruzioni d uso e funzionamento (documentare). - Per ogni gru deve essere indicata la portata massima. - Per l'esecuzione dei lavori con gru devono essere indossate le calzature antinfortunistiche; a seconda del pericolo anche il casco e i guanti. - Devono essere noti i mezzi di imbracatura (cappi, catene, funi, ganci, golfari ecc.). - Conoscenza dei punti di sospensione sul carico, rivestimento dei bordi affilati, angolo d'inclinazione della corda non superiore ai 60 gradi. - I nodi sono vietati. - Non passare mai sotto i carichi sospesi; non trasportare mai i carichi sopra le persone. - Non eseguire mai trazioni oblique. - Non eseguire mai fissaggi alla legatura di trasporto. - Non afferrare mai il carico da sotto (pericolo di restare incastrati). - Utilizzare la segnaletica standard per le operazioni con gru. - Non trasportare persone con la gru. - Controlli e manutenzione da parte di personale specializzato almeno una volta l'anno. Lavori con utensili manuali - Impiegare solo utensili in condizioni perfette. - Impiegare utensili con la giusta durezza. Gli utensili troppo duri tendono a scheggiarsi, quelli troppo morbidi a formare sbavature. - Scegliere utensili che possano essere impugnati in modo saldo. - Lavorare su componenti sotto tensione solo con utensili isolati. - In caso di pericolo d'esplosione impiegare utensili che non generano scintille. - Verificare costantemente gli utensili ed eventualmente ripararli o sostituirli immediatamente. - Mantenere puliti gli utensili (privi di olio, trucioli, sporco ecc.). - Utilizzare l'utensile idoneo per ogni tipo di lavoro. - Maneggiare correttamente gli utensili. - Conservare ordinatamente gli utensili (parete portautensili, cassetto ecc.). - Proteggere gli utensili appuntiti o affilati (cappuccio, fodera, involucro ecc.). - Non inserire gli utensili nelle tasche degli indumenti (indossare la cintura portautensili). - Non collocare mai gli utensili nelle vicinanze di componenti mobili dei macchinari. - Non tenere mai in mano gli utensili salendo le scale (indossare la cintura portautensili, sollevare gli utensili all'altezza necessaria in borse o secchi). - Indossare gli occhiali protettivi (contro trucioli e schegge). - Eseguire e documentare periodicamente gli interventi di manutenzione e riparazione. - Gli utensili manuali elettrici devono essere dotati dei dispositivi di protezione forniti all'acquisto (è vietata la manomissione dei dispositivi di sicurezza). Pag. 3/8

4 Lavori con macchine per la foggiatura senza trucioli (tagliare, smussare, piegare, pressare) - I tragitti di trasporto, i piani di deposito e lavoro devono essere liberi e accessibili. - Le lamiere, le barre, i pezzi finiti ecc. devono essere riposti in modo che non cadano o si capovolgano. - Per le lamiere grandi e pesanti (oltre circa 12 kg), utilizzare attrezzi di sollevamento idonei (pinze, ventose ecc.). - Gli interruttori a pedale devono essere protetti con appositi coperchi contro l'attivazione accidentale. - Impedire a terzi l'accesso laterale e posteriore (sbarramenti, recinzioni ecc.). - Indossare i DPI (guanti per trasporto di lamiere, protezione udito contro i rumori, calzature antinfortunistiche). - Dispositivi di protezione per dita e mani. - Fotocellule senza contatto o - limitazione del sollevamento (spessore lamiera più max 6 mm). - Attivazione a pedale: limitazione velocità di alimentazione max 10mm/sec. - Attivazione combinata: chiusura fino a 6mm, attivazione a due mani, attivazione a pedale. - Attivazione a due mani (se non è necessario guidare l'utensile). - La distanza tra il premilamiera e la lamiera deve essere inferiore a 7mm. - La linea di taglio deve essere protetta su tutta la lunghezza della lama. - Gli operatori devono essere istruiti conformemente alle istruzioni d'uso. - Gli interventi di manutenzione devono essere svolti secondo le apposite istruzioni e documentati. - I componenti mobili delle macchine devono essere protetti per evitare il trascinamento, lo schiacciamento ecc. Pag. 4/8

5 Lavori con macchine per lavorazioni ad asportazione di trucioli (segare, perforare, tornire, smerigliare) - Per lavorare in sicurezza è necessario uno spazio libero di almeno 80 cm. - Gli elementi di trazione come le ruote, le cinghie ecc. devono essere coperti. - Per i torni, il mandrino autocentrante deve essere dotato di coperchio protettivo (protezione da parti che si distaccano). - I tasti di arresto d'emergenza devono essere raggiungibili facilmente e rapidamente. - La rimozione dei trucioli deve avvenire con spazzole, uncino asportatrucioli salvamano ecc. (mai a mani nude). - Indossare i DPI come occhiali protettivi, retina per capelli, eventuale protezione per l'udito e per la respirazione in caso di polveri sottili; niente guanti, niente indumenti larghi. - Serrare sempre i pezzi piccoli e le lamiere sottili (non tenere con le mani). - Il posto di lavoro dev'essere ben illuminato. - I liquidi refrigeranti devono essere raccolti da un sistema adeguato ed eventualmente recuperati. - Prima di iniziare a lavorare togliere anelli, braccialetti, orologi ecc. - Sulle smerigliatrici il numero di giri deve essere visibile. - I dischi a smeriglio devono essere protetti da una copertura. - La distanza tra il disco a smeriglio e il sostegno deve essere di max 2mm (regolazione del sostegno). - I perni di banco che sporgono sopra il dado di fissaggio per più di un passo di vite devono essere protetti da un cappuccio protettivo. - Le macchine devono essere fissate a terra o sui piani di lavoro (avvitare). - Gli operatori devono essere istruiti conformemente alle istruzioni d'uso. - Gli interventi di manutenzione devono essere svolti secondo le apposite istruzioni e documentati. Pag. 5/8

6 Tecnica di giunzione (saldare, incollare, avvitare) - Le bombole di gas devono essere assicurate contro il ribaltamento e i tubi del gas devono essere controllati ogni giorno (prima dell'inizio del lavoro) per accertarne le perfette condizioni (allacciamenti, ermeticità). - Tenere puliti da grasso e da olio i rubinetti a contatto con l'ossigeno. - Indossare occhiali protettivi o uno schermo di protezione. - Indossare guanti e calzature antinfortunistiche. - In caso di lavori molto rumorosi (livello acustico >85 db A) indossare una protezione dell'udito. - Gli indumenti da lavoro non devono essere imbrattati con sostanze infiammabili. - Gli indumenti chiusi proteggono dagli spruzzi e dai raggi UV. - Rimuovere sempre tutti i componenti infiammabili dall'area di pericolo, oppure coprirli. Chiudere ermeticamente anche le aperture e i giunti. - Evitare che i tubi e i cavi possano far inciampare. - Non lavorare su corpi vuoti (p.es. fusti) dal contenuto ignoto (pericolo d'esplosione). - Schermare la zona di lavoro in modo da non mettere in pericolo terzi con radiazioni, spruzzi o bave che cadono. - Osservare le disposizioni di sicurezza specifiche per i lavori di saldatura in recepienti e spazi ristretti (pubblicazione Suva n 84011). - Chiarire se è necessaria un'autorizzazione per la saldatura e procurarsela (se non è escluso totalmente il pericolo di incendio ed esplosione). - Dopo la saldatura controllare che non vi siano focolai d'innesco nella zona circostante. - Collocare gli estintori nelle vicinanze dei punti di saldatura. - Per le saldature effettuate su parti rivestite, verniciate o fortemente imbrattate, rimuovere il rivestimento dal punto da saldare, aspirare e rimuovere le sostanze nocive, eventualmente indossare caschi ventilati o dispositivi di respirazione idonei (lavoro in spazi ristretti). - I cavi di alimentazione di corrente, le spine, le tubazioni ecc. devono essere in condizioni perfette. - Il cavo di massa (retroazione corrente di saldatura) deve essere allacciato correttamente. - Gli elettrodi in tungsteno toriato (saldatura WIG) sono radioattivi (ottenere l'autorizzazione dall'ufsp). - Per l'uso di collanti, indossare i DPI conformemente alla scheda di sicurezza (protezione cutanea, protezione oculare, protezione delle vie respiratorie). - Gli impianti di saldatura devono essere sottoposti a manutenzione periodica; i risultati devono essere documentati. Pag. 6/8

7 Protezione anticorrosione (verniciare, rivestire) - Per sabbiare, indossare il casco ventilato con tuta chiusa (protezione delle vie respiratorie) e le calzature antinfortunistiche. - Impiegare cabine di sabbiatura con filtro dell'aria. - Indossare una protezione delle vie respiratorie per la zincatura a spruzzo (la polvere di ossido di zinco causa la febbre da fumi metallici). - Per le operazioni di verniciatura e di rivestimento, limitare le quantità di sostanze nocive sul posto di lavoro (quantità giornaliere). - I posti di lavoro devono essere ben aerati (aspirare gas e vapori); accoppiamento con pistola. - Adottare misure antincendio e antiesplosione (eventualmente redigere il documento sulla protezione contro le esplosioni). - Evitare le fonti d'innesco (non saldare, smerigliare, fumare, evitare le scariche elettrostatiche ecc.). - Evitare che la pelle entri in contatto con le vernici e le sostanze di rivestimento. - Osservare una protezione cutanea regolare: protezione, pulizia, cura. - DPI: mettere a disposizione la protezione per le vie respiratorie, gli occhi, le mani e la pelle. - Non mangiare o bere nella zona di pericolo (contaminazione con le sostanze pericolose). - Adottare misure per le emergenze (risciacquo pelle, doccetta oculare, estintori, primo soccorso ecc.) - Sollevare i carichi preferibilmente con ausili meccanici. - Adottare misure protettive contro il calore e le ustioni per i trattamenti in forno. - Consultare la scheda di sicurezza delle sostanze pericolose. Pag. 7/8

8 Manutenzione - Pianificare la manutenzione (piano di manutenzione in base alle istruzioni del costruttore). - Mettere in sicurezza l'impianto/la macchina (impedire la riattivazione con lucchetto personale, deenergizzare, transennare). - Eseguire gli interventi di manutenzione secondo le istruzioni d'uso, impiegare ausili sicuri (ponteggio su ruote, sollevatori ecc.), utilizzare i DPI. - Eseguire un controllo di funzionamento e rimuovere le misure di sicurezza. - Testare le funzioni di sicurezza (p.es. arresto d'emergenza), documentare gli interventi di manutenzione (protocollo, piano), autorizzazione per l'esercizio. - Non manomettere i dispositivi di sicurezza (non bypassare, rimuovere, modificare ecc.). - Non eseguire interventi di manutenzione sulle macchine in funzione. - Gli interventi di manutenzione devono essere svolti da personale qualificato. - Informare il personale di manutenzione esterno/di terzi su eventuali pericoli in azienda. - Gli interventi di manutenzione sulle installazioni elettriche devono essere svolti solo da personale specializzato. Le 8 regole sicurezza vitali per i manutentori: - Pianificare accuratamente i lavori - Non improvvisare - Non esporsi al rischio di caduta - Rendere innocue le energie residue negli impianti - Disattivare l'impianto e metterlo in sicurezza - Ricorrere a professionisti per i lavori elettrici - Evitare incendi / esplosioni - Assicurare una buona aerazione negli spazi ristretti. Pag. 8/8

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

Lista di controllo Cucina

Lista di controllo Cucina Sicurezza e tutela della salute sul posto di lavoro Lista di controllo Cucina Lavorate sicuri nella vostra cucina? Nel settore alberghiero e della ristorazione il 35 % degli infortuni avviene con strumenti

Dettagli

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA L attività degli addetti alla pulizia consiste nella pulizia, detersione e disinfezione dei locali scolastici Lavoratori

Dettagli

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera di acciaio spessore 30/10 e verniciate a polveri epossidiche

Dettagli

TECNOPOWER serie prestige

TECNOPOWER serie prestige BRACCI ASPIRANTI catalogo TECNOPOWER serie prestige 2014 TECNOPOWER FOR FILTRATION SYSTEM CATALOGO BRACCI ASPIRANTI 02 2014 Bracci aspiranti per ogni tipo di applicazione. INDICE bracci a proboscide FRST

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE

Dettagli

Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo. Sicurezza sul lavoro

Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo. Sicurezza sul lavoro Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo Non possiamo sempre affidarci a Santa Barbara, la patrona dei minatori. Per ottenere

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE Oggetto: D.Lgs. 81/08 dell I.to C. Colombo di Torre G. NA. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITÀ OPERATIVE. Ai fini di ottemperare a quanto previsto

Dettagli

Manuale di istruzioni Barella doccia Luxal

Manuale di istruzioni Barella doccia Luxal Manuale di istruzioni Barella doccia Luxal Importante: Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di utilizzare la sedia Luxal! Data di inizio uso Utente Nome Indirizzo Manufactured by: Lopital

Dettagli

mhtml:file://y:\macchine_impianti\macchine%20per%20sup\agricoltura\motosega\m...

mhtml:file://y:\macchine_impianti\macchine%20per%20sup\agricoltura\motosega\m... Pagina 1 di 9 DESCRIZIONE motosega La MOTOSEGA è una macchina destinata al taglio della legna, considerata tra le più pericolose utilizzata nel settore agricolo e nelle attività forestali. Il suo impiego,

Dettagli

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA 1. SCOPO La presente istruzione ha lo scopo di definire le corrette modalità di utilizzo dei carrelli elevatori. 2. APPLICAZIONE L istruzione si applica ogniqualvolta si eseguano operazioni che prevedano

Dettagli

Direttiva per trasporto, imballo e handling

Direttiva per trasporto, imballo e handling Direttiva per trasporto, imballo e handling La presente direttiva contiene disposizioni di carattere generale per quanto concerne il trasporto, l'imballo e l'handling di macchine e forniture della ditta

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI SIC26 Pag. 1/6 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE

Dettagli

OPERAZIONI DI NECROFORIA

OPERAZIONI DI NECROFORIA OPERAZIONI DI NECROFORIA http://www.626ferrari.com/index_file/page1207.htm INUMAZIONE 1) predisporre un cordone di sicurezza intorno al perimetro della zona di lavoro del braccio della pala meccanica (tramite

Dettagli

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE Collana Cultura della Sicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE MACCHINE Quaderno informativo N. 5 Edizione gennaio 2013 Università degli Studi di Roma La Sapienza CF 80209930587 P.IVA 02133771002 Ufficio

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

CORSO RSPP MODULO B Macrosettore 4. Contenuti

CORSO RSPP MODULO B Macrosettore 4. Contenuti ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO VIA PERGOLA, 73 23900 LECCO (LC) TEL. 0341282822 FAX 0341282034 Internet: http://www.api.lecco.it - E-mail: associazione@api.lecco.it Area

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE Codice Turbograss: 98.00.00.0024 Turbo 1-1W-2-4: 98.00.00.0025 Versione in lingua originale Pagina 1 QUESTO MANUALE DELLA ATTREZZATURA "PIATTO TOSAERBA 150 SM INTEGRA IL MANUALE

Dettagli

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE La segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro è normata dal D.Lgs. 493/96 ed ha lo specifico compito di attirare

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Istruzioni per la manutenzione

Istruzioni per la manutenzione Istruzioni per la manutenzione Caldaie murali a condensazione CGB-75 CGB-100 Caldaia solo riscaldamento Caldaia solo riscaldamento Wolf Italia S.r.l. Via 25 Aprile, 17 20097 S. Donato Milanese (MI) Tel.

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 D 5b. 1. Park -1993 5a. 2. Park -1993 6a. Park -1999 F G H 3. Park -1993 7. I I 4. Park -1993 8. 6b. Park 2000- J 9. 13. 10. 14. X Z Y W 11. V 15. Denna produkt, eller delar

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern

Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern Divisione sicurezza sul lavoro Settore industria e artigianato Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern Telefon 041 419 51 11 Telefax 041 419 58 28 Postkonto 60-700-6 www.suva.ch suva Ceste per il

Dettagli

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555)

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Esafluoruro di zolfo MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Il presente manuale può essere utilizzato dal gestore del quadro

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

www.pianidisicurezza.it

www.pianidisicurezza.it Rischio amianto Lavori di demolizione o rimozione dell'amianto I lavori di demolizione o di rimozione dell'amianto possono essere effettuati solo da imprese rispondenti ai requisiti di cui all'articolo

Dettagli

bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master

bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master 5 bott vario Proteggere i valori 6 4 2 2 4 3 1 Rivestimenti pareti interne vario protect-light Pavimenti e rivestimenti interni

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

Sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro Accessori Bosch 11/12 Sicurezza sul lavoro Panoramica 759 Sicurezza sul lavoro Il professionista è costantemente attento alla propria sicurezza! La qualità Bosch si esprime anche in un completo programma

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

Manuale d'istruzioni

Manuale d'istruzioni Manuale d'istruzioni Indice 1. Istruzioni generali di sicurezza 1.1 Avvisi generali per la sicurezza 1.2 Informazioni su Mission 2. Dati tecnici e contenuto della confezione 2.1 Dati tecnici 2.2 Contenuto

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Quadro Legislativo DLgs 81/08 Titolo VI - MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Art. 167. Campo di applicazione 1. Le norme del presente titolo si applicano alle attività

Dettagli

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base per volontari di protezione civile

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base per volontari di protezione civile In questa lezione apprenderai: L importanza dell utilizzo dei dispositivi di protezione individuale Quali sono i principali rischi nel collegati agli impianti elettrici e all utilizzo di macchine ed utensili

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Sistema di qualità aziendale certificato in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 dal TÜV-CERT Scale a pioli Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio.

Dettagli

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6 Programma Generale corso RSPP mod. B Macrosettori: RSPP B (at. 3, edilizia, escavazione - 60 ore) RSPP B (at. 4, manifatturiero - 49 ore) RSPP B (at. 5, chimico - 69 ore) RSPP B (at. 6, trasporti - 26

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO KIT RACCORDO QUADRO > TONDO PER ASPIRAZIONE FUMI MCM PER CALANDRE MCM 2500/2800/3200 SINO AL NUMERO DI SERIE M201009013

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO KIT RACCORDO QUADRO > TONDO PER ASPIRAZIONE FUMI MCM PER CALANDRE MCM 2500/2800/3200 SINO AL NUMERO DI SERIE M201009013 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO KIT RACCORDO QUADRO > TONDO PER ASPIRAZIONE FUMI MCM PER CALANDRE MCM 2500/2800/3200 SINO AL NUMERO DI SERIE M201009013 IMESA S.p.A. Via degli Olmi 22 31040 Cessalto (TV), Italia

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO ANTINFORTUNISTICA 2014 SEGNALE DI SICUREZZA PRESCRITTO DAL D. LGS. 81/08 SEGNALE DI SICUREZZA NORMATO UNI I CARTELLI CHE SEGNALANO HANNO LE SEGUENTI CARATTERISTICHE: fondo giallo, pittogramma nero, bordo

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 1940. 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 1940. 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05 ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05 Attualità del manuale Questa bordatrice è dotata di un raggruppamento fisso. Il manuale presente contiene

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI AFFETTATRICE. Art. 8060-8070 8080-8090

MANUALE ISTRUZIONI AFFETTATRICE. Art. 8060-8070 8080-8090 MANUALE ISTRUZIONI AFFETTATRICE Art. 8060-8070 8080-8090 ATTENZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE CONTENUTE NEL PRESENTE LIBRETTO IN QUANTO FORNISCONO IMPORTANTI INDICAZIONI RIGUARDANTI LA SICUREZZA

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

CAB 0029; 0030; 0031

CAB 0029; 0030; 0031 CAB 0029; 0030; 0031 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 3 II. III. IV. SCHEMI ELETTRICI........ 1. Schema elettrico AC 3-N-400 50/60 Hz.. 2. Schema elettrico AC 3-230 50/60 Hz.. 3. Schema elettrico

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO A CURA DELL ASL DI BERGAMO DOTT. SERGIO PIAZZOLLA LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza

Dettagli

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso propedeutico alla formazione specialistica

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso propedeutico alla formazione specialistica Utilizzo in sicurezza e manutenzione delle motoseghe Parte 1 Al termine di questo modulo sarai in grado di: descrivere gli elementi costitutivi di una motosega e il suo funzionamento sapere quali sono

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro prof F.Scinicariello Per il Biennio Itis Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Via Ruggero Marturano, 77/79 90142 Palermo Circolare n. 20/d Palermo, 25/09/2013 A tutto il Personale

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

ELENCO BLOCCHI CAD. Macchine. 1. Autobetoniera. 2. Autocarro. 5. Autocarro Rimorchio. 6. Autogru. 7. Autoveicolo. 8. Betoniera. 9.

ELENCO BLOCCHI CAD. Macchine. 1. Autobetoniera. 2. Autocarro. 5. Autocarro Rimorchio. 6. Autogru. 7. Autoveicolo. 8. Betoniera. 9. Macchine ELENCO BLOCCHI CAD 1. Autobetoniera 2. Autocarro 5. Autocarro Rimorchio 6. Autogru 7. Autoveicolo 8. Betoniera 9. Bobcat Cingolato 10. Bobcat Gommato 11. Carrello Elevatore 12. Compressore 13.

Dettagli

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni 1. Il permesso di lavoro è un documento: a) che deve favorire la consultazione tra tutte le parti che hanno a che fare con il lavoro b) in cui sono stipolate le condizioni del lavoro c) che dà il permesso

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

BlowION. Soffiatore ionizzante. Manuale d uso IT

BlowION. Soffiatore ionizzante. Manuale d uso IT Simco-Ion Europe Casella postale 71 NL-7240 AB Lochem Telefono +31-(0)573-288333 Fax +31-(0)573-257319 E-mail general@simco-ion.nl Internet http://www.simco-ion.nl Registro delle imprese di Apeldoorn n.

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

PROGETTO METALMECCANICHE 2008

PROGETTO METALMECCANICHE 2008 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA Sede Legale: Via dei Mille, 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI

Dettagli

Comune di Romano d Ezzelino. Via l amianto. dal nostro territorio e dai nostri polmoni

Comune di Romano d Ezzelino. Via l amianto. dal nostro territorio e dai nostri polmoni Via l amianto dal nostro territorio e dai nostri polmoni, 13 febbraio 2012 Obiettivo eliminare l amianto dal nostro Comune Impatto sulla salute dal greco amíantos antos : incorruttibile. E un minerale

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE Scheda 28 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE Scopo della lavorazione La tintura in overflow sotto pressione è utilizzata per tingere in corda tessuti delicati o tessuti a maglia

Dettagli

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 Sicurezza e Prevenzione sui luoghi di lavoro TQSI Servizi Integrati S.r.l.-Settore Sicurezza e Ambiente dott. chim. Davide GHISLANDI - sicurezza.ambiente@tqsi.it

Dettagli

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMI SANITARI E PER ENERGIA Requisiti per il montaggio Requisiti generali Istruzioni di sicurezza Il kit per il montaggio sul tetto

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Tutto quello che è importante sapere per la vostra sicurezza. La gestione dei pericoli

Tutto quello che è importante sapere per la vostra sicurezza. La gestione dei pericoli Tutto quello che è importante sapere per la vostra sicurezza La gestione dei pericoli «A me non capiterà mai» Molti infortuni si verificano svolgendo attività banali come camminare, salire o scendere le

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

Scuola: I.I.S. Giulio MANUALE DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE N 14. UTILIZZO APPARECCHIATURE DA UFFICIO Pag. 1/5 Preparato da: Ing.

Scuola: I.I.S. Giulio MANUALE DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE N 14. UTILIZZO APPARECCHIATURE DA UFFICIO Pag. 1/5 Preparato da: Ing. UTILIZZO APPARECCHIATURE DA UFFICIO Pag. 1/5 APPARECCHIATURE E MACCHINARI DA UFFICIO INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. ASPETTI GENERALI 4. MISURE PREVENTIVE DA ADOTTARE 5. SCHEDE INFORMATIVE

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /...

Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /... Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /... Indice 1. Dispositivo di sollevamento / uso previsto 2. Basi giuridiche 3. Indicazioni ed informazioni generali 4. Indicazioni

Dettagli

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego

Dettagli

PIATTAFORME ELETTROIDRAULICHE MARCOLIFT

PIATTAFORME ELETTROIDRAULICHE MARCOLIFT PIATTAFORME ELETTROIDRAULICHE MARCOLIFT visitate il sito www.carmet-leini.it Per sollevare, abbassare, posizionare, tenere a livello costante, con assoluta sicurezza qualsiasi prodotto. Vengono impiegate

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

Istruzioni pubblicate sul sito www.sicutool.it TRAPANI A COLONNA CON SUPPORTO MAGNETICO Art. Sicutool 3078GE

Istruzioni pubblicate sul sito www.sicutool.it TRAPANI A COLONNA CON SUPPORTO MAGNETICO Art. Sicutool 3078GE ISTRUZIONI D USO 1/7 Istruzioni pubblicate sul sito www.sicutool.it TRAPANI A COLONNA CON SUPPORTO MAGNETICO Art. Sicutool 3078GE Caratteristiche: Capacità di foratura con frese mm: 50 Capacità di foratura

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

Da una buona valutazione dei rischi ad una corretta gestione dei DPI

Da una buona valutazione dei rischi ad una corretta gestione dei DPI Da una buona valutazione dei rischi ad una corretta gestione dei DPI Como, 29 maggio 2009 Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro M.Rita Aiani 1 D.Lgs. 81/08 Titolo III- Capo II Uso dei dispositivi

Dettagli