FAME DI MAMMA. Ogni 15 secondi un bambino viene abbandonato: C è Fame di Mamma nel mondo! #famedimamma.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAME DI MAMMA. Ogni 15 secondi un bambino viene abbandonato: C è Fame di Mamma nel mondo! #famedimamma. www.aibi.it"

Transcript

1 Amici dei Bambini Il diritto di essere figlio Amici dei Bambini Il diritto di essere afiglio FAME DI MAMMA Ogni 15 secondi un bambino viene abbandonato: C è Fame di Mamma nel mondo! #famedimamma

2 Ai.Bi Inizio Campagna La Campagna Inaugurazione Family House 30 anni di Amici dei Bambini Fame di Mamma Fame di Mamma è la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi di Ai.Bi. contro l abbandono minorile. Chiudi gli occhi e conta fino a 15: un bambino è stato abbandonato! C è fame di mamma nel mondo! Con questo dato scioccante, l Associazione Amici dei Bambini, che da oltre 30 anni promuove il diritto di ogni bambino ad essere figlio, lancia la campagna internazionale Fame di Mamma, per dire No all abbandono minorile. Di fame si muore e si vede; di malattia si muore e si vede, di guerra si muore e si vede, di abbandono si muore dentro e non si vede. L abbandono minorile è la quarta emergenza umanitaria del XXI secolo, eppure per fermare l abbandono basterebbero semplici soluzioni a basso costo, come per esempio una carezza, un abbraccio, una famiglia. Oggi il mondo ha tutte le capacità e le risorse per risolvere una volta per tutte questo problema. Con Fame di Mamma combatteremo giorno dopo giorno l abbandono e ci faremo ascoltare per ottenere un maggiore impegno da parte della Comunità politica nazionale e internazionale, dei governi e dei leader mondiali. Fame di Mamma 2

3 Mondo Ogni 15 secondi un bambino viene 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,15 abbandonato di bambini abbandonati Droga SUICIDIO GUERRA abuso DIASPORA POVERTA CATASTROFE NATURALE Solitudine VITTIME FERITE conflitti EBOLA ABBANDONO MALATTIA AIDS Malaria VIOLENZA MIGRAZIONE FAME alluvioni profugo EDUCAZIONE STUPRO INONDAZIONE care leavers PROSTITUZIONE DEPRESSIONE GUERRA *Dati ECOSOC (Comitato economico e sociale) dell ONU Fame di Mamma 3

4 Italia ** bambini fuori famiglia I minori fuori famiglia in Italia, sono bambini che non possono accedere all adozione nazionale perchè considerati non adottabili in quanto ancora legati alla famiglia di origine. Ai.Bi. lavora in questo senso, affinchè questi bambini nel limbo dell accoglienza temporanea abbiamo una Accoglienza Giusta minori in Italia fuori famiglia bambini IN COMUNITa EDUCATIVA bambini IN CASA FAMIGLIA Ai.Bi. lavora perchè i bambini possano mantenere il legame affettivo con la famiglia. Ecco perchè nasce la task force dell accoglienza. **Dati Istituto degli Innocenti Fame di Mamma 4

5 Task force contro l abbandono Le strutture di Ai.Bi. 5 Centri Servizi alla Famiglia (CSF) (Centro Servizi alla famiglia Fidarsi della vita: Firenze, Milano Centro, Roma, Salerno, Valsabbia (BS) 1 Appartamento ad alta autonomia (Il Bocciolo) 2 Centri di pronta accoglienza per i MISNA Case Famiglia (Il grembo La tenda di Giobbe Il sorriso L abbraccio Combricola Famiglia Esperanza) Comunità Mamma-Bambino (La tua Casa Pacha Mama) 1 Family House La Clinica dell abbandono I numeri di Ai.Bi. 23 Minori in accoglienza familiare temporanea dal MISNA accolti nel Centro di accoglienza dal Minori accolti in Casa Famiglia dal Nuclei Mamma Bambino dal 2011 Fame di Mamma 5

6 Come funzionano le strutture Centro Servizi alla Famiglia - CSF Il centro servizi alla famiglia è un luogo pensato per condividere idee, responsabilità, esperienze, e dove ognuno può diventare risorsa per l altro, attraverso la ricchezza di cui è portatore. All interno del centro sono previsti spazi di gioco, dove piccoli e grandi potranno imparare e crescere divertendosi attraverso laboratori ludico ricreativi, e spazi per adulti, in cui le famiglie possono confrontarsi sulla crescita dei propri figli. Casa Famiglia - CF È una casa dove una mamma e un papà accolgono temporaneamente, con il supporto di operatori specializzati, fino a sei minori in difficoltà. Il bambino vive in un ambiente sereno in cui condividere momenti di gioco, divertimento e studio. Comunità Mamma/Bambino - CMB È una struttura in cui abitano 4/5 nuclei mamma bambino costantemente affiancati da un gruppo di educatori impegnati ad accompagnare le mamme verso una genitorialità responsabile. Appartamento ad Alta Autonomia - AAA È una struttura in cui abitano 2 nuclei mamma bambino, affiancati in alcuni momenti della giornata, da un educatore. Il suo compito è quello di accompagnare le donne che vivono situazioni di sofferenza e difficoltà a costruire percorso di vita stabile e sereno per se stesse e i loro figli Centro di pronta accoglienza per MISNA (Minori Stranieri Non Accompagnati) È una struttura in grado di accogliere i minori stranieri non accompagnati entro le 24 ore dalla segnalazione per un periodo massimo di 6 mesi. Gli ospiti vengono seguiti da operatori specializzati, educatori e mediatori culturali per accompagnarli verso il loro progetto di vita. Family House È una struttura che mira ad essere un punto di riferimento sul terriorio italiano per la prevenzione dell abbandono, attraverso il supporto alla genitorialità (e in particolare alle mamme in difficoltà, attraverso le Comunità Mamma Bambino e l affido familiare) Come strumento, il sostegno alla famiglia accogliente come unica risposta adeguata al bisogno del minore, attraverso la formazione, la messa in rete, il supporto professionale e relazionale Fame di Mamma 6

7 Ai.Bi Approfondimento Fame di Mamma è la campagna di di Ai.Bi. per chiudere le comunità educative e aprire le famiglie italiane all accoglienza. I bisogni vitali di un bambino, specie se abbandonato, mettono in risalto la necessità di un nutrimento non soltanto fisico, bensì interiore e affettivo, una vera e propria fame di mamma. Ci sono in Italia quasi minori fuori famiglia di cui circa il 50% vive nelle comunità educative, strutture che non rispondono ai criteri di giusta accoglienza per un minore: è ormai maturo il tempo di programmare la chiusura delle comunità educative entro il Solo una famiglia può sostituire una famiglia. E cosa c è di analogo a una famiglia, se non un altra famiglia? Una proposta che semplicemente darebbe attuazione alla legislazione esistente. La legge 149, all articolo 2 comma 4, recita testualmente: Il ricovero in istituto deve essere superato entro il 31 dicembre 2006 mediante affidamento ad una famiglia e, ove ciò non sia possibile, mediante inserimento in comunità di tipo familiare caratterizzate da organizzazione e da rapporti interpersonali analoghi a quelli di una famiglia. La battaglia per la chiusura dei vecchi istituti, dichiara Marco Griffini, Presidente dell Associazione Amici dei Bambini lanciata da Don Oreste Benzi e fatta propria da Amici dei Bambini, si è realizzata. Ma a distanza di tredici anni dalla legge, manca la corretta riorganizzazione delle modalità di accoglienza dei minori in affidamento. Educatori e operatori professionali, quali sono i dipendenti delle comunità educative, non possono in alcun modo avere il ruolo di due genitori. Di minori in Italia fuori famiglia solo la metà vive in una casa famiglia con una mamma ed un papà. Gli altri bambini sono chiusi in comunità educative con operatori. Fame di Mamma 7

8 Quindi servirebbero 10mila famiglie disponibili ad accogliere bambini e ragazzi che si trovano in difficoltà. Per realizzare questo è opportuno coinvolgere il privato sociale nella gestione dell affido, per ora esclusivo appannaggio del pubblico. Bisogna restituire all affido la sua principale caratteristica: garantire a un minore in difficoltà un progetto di accoglienza temporanea. Invece la temporaneità viene quasi sempre disattesa. La prassi ha trasformato quella che dovrebbe essere l eccezione, un affido superiore ai 24 mesi (eventualmente rinnovabili), in consuetudine. A danno soprattutto dei bambini, che restano per anni in un limbo affettivo e burocratico. I numeri in Italia (Dati Istituto degli Innocenti 2010) Bambini fuori dalla famiglia Minori presso strutture residenziali Minori in affido familiare in corso Fame di Mamma 8

9 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Amici dei Bambini - Il diritto di essere f FAME DI MAMMA iglio Amici dei Bambini - Il diritto di essere Family House Progetto di punta contro l ABBANDONO Fame di Mamma 9

10 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Ai.Bi Contesto L esigenza di una struttura di questo tipo nasce dall esperienza maturata da Amici dei Bambini in 30 anni di lavoro, che ha portato alla focalizzazione di due bisogni prioritari, in aumento, nel nostro Paese: 1 2 La prevenzione dell abbandono, attraverso il supporto alla genitorialità (e in particolare alle mamme in difficoltà, attraverso le Comunità Mamma Bambino e l affido familiare) Il sostegno alla famiglia accogliente come unica risposta adeguata al bisogno del minore, attraverso la formazione, la messa in rete, il supporto professionale e relazionale In aumento è anche il rischio di abbandono: dal momento dell apertura della sua prima Comunità Mamma Bambino nel milanese, Ai.Bi. ha ricevuto una media di 1,6 richieste al mese di intervento su nuclei familiari a rischio, di cui moltissime in pronto intervento. Si tratta di donne giovanissime, che hanno subito in gran parte abusi e violenze, con bimbi sotto l anno di età. Fame di Mamma 10

11 MADE IN ITALY Amici dei Bambini Ai.Bi Progetto in sintesi Nel 2013, grazie a una donazione testamentaria, Ai.Bi. è diventata proprietaria a Pedriano, a poche centinaia di metri dalla sede principale dell Associazione, di una palazzina destinata a diventare la Clinica dell Abbandono in grado di fornire servizi a 360 a sostegno della famiglia e dell accoglienza familiare dei minori in difficoltà. Si tratta di un progetto ambizioso e unico sul territorio italiano, nell ambito del Sostegno alla Famiglia, della Prevenzione e della Cura dell Abbandono. La struttura è suddivisa in appartamenti disabitati da anni e necessita un importante ristrutturazione. Family House partirà da febbraio comunità mamma bambino 1 appartamento di semi autonomia per le mamme in uscita dalla comunità 1 culla termica per l accoglienza dei neonati 1 foresteria per i volontari di Ai.Bi. e le coppie adottive 1 consultorio familiare e Centro Servizi per le famiglie 1 centro di formazione sull accoglienza per famiglie e operatori 1 spazio neutro per l incontro tra bambini e famiglie Fame di Mamma 11

12 MADE IN ITALY Obiettivi di progetto Il progetto si propone di sostenere l accoglienza del bambino, attraverso il sostegno alla famiglia (d origine, affidataria o adottiva) in tutti i modi possibili, dall accoglienza temporanea, al supporto professionale, alla formazione, alla creazione di reti di supporto. Obiettivi specifci Amici dei Bambini Portare le mamme alla piena autonomia attraverso l incoraggiamento all autonomia e all autostima. Obiettivo raggiungibile grazie alla consulenza pedagogica (relativa a temi specifici che riguardano l educazione, lo sviluppo e la crescita) e alla consulenza psicologica. Servizio offerto dalla Comunità mamma-bambino e dall appartamento di semi autonomia. Portare i bambini a sviluppare le loro capacità e fornire ai nuclei mamma - bambino gli strumenti necessari per intraprendere un percorso al di fuori della comunità educativa. Obiettivi raggiungibili attraverso la creazione di spazi ludici e ricreativi che permettano il rafforzamento del legame mamma-bambino attraverso il gioco. Servizio offerto dalla Comunità mamma-bambino e dall appartamento di semi autonomia Evitare abbandoni pericolosi per la salute del neonato attraverso la messa a disposizione di una culla termica alla quale potranno avere accesso le mamme senza essere riconosciute. Facilitare gli incontri tra genitori e figli temporaneamente allontanati dal nucleo familiare. Lo Spazio neutro infatti permetterà che l incontro avvenga in un luogo sicuro sotto il controllo di un èquipe specializzata che monitorerà gli incontri, effettuerà le osservazioni e ne curerà l andamento creando un progetto personalivzzato. Attraverso la realizzazione di una foresteria riservare una particolare attenzione nei confronti dei genitori che intendono avvicinarsi al mondo dell adozione Una struttura riservata alle coppie adottive si inserisce proprio in questo contesto con l obiettivo di prendersi cura delle persone che da tutta Italia si recano presso la sede per seguire il loro percorso adottivo. Oltre alle coppie adottive, la foresteria potrà essere utilizzata anche dalla rete di volontari dell Associazione Attivare un consultorio e il centro di formazione si inseriscono nella rete territoriale come sportello sempre aperto per le famiglie in difficoltà che vorranno avere consigli e aiuti su come attivarsi per salvaguardare la propria vita e quella dei loro bambini. Il centro di formazione sarà attivo per tutti coloro che si rivolgono all Associazione per avere maggiori informazioni in merito al percorso dell accoglienza e dell adozione. Fame di Mamma 12

13 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Entra a far parte del progetto Per costruire insieme un percorso di responsabilità sociale Perchè con Amici dei Bambini Ai.Bi. è in grado di offrire forme efficienti di collaborazione per dare vita a progetti vincenti di Responsabilità Sociale. Brand Benefit attività che portano beneficio al marchio e che quindi rafforzano il posizionamento aziendale incrementando la brand awereness e la reputazione d impresa; People Benefit attività che mettono al centro del percorso di responsabilità sociale le risorse umane rafforzando così il senso di appartenenza all azienda, favorendo il team building, lo sviluppo di nuove competenze dei dipendenti e la motivazione; Market Benefit collaborazioni e azioni che creano vantaggi commerciali e che implicano un ruolo attivo dei clienti e dei consumatori. Image reputation Forte reputazione e identità aziendale dovuta ai tanti riconoscimenti acquisiti da Ai.Bi. negli anni per l impegno costante al fianco dei tanti bambini abbandonati. Accountability e trasparenza della raccolta fondi Grande fiducia e affidabilità ottenuta dall adesione all Istituto Italiano della Donazione. Un posto d onore Una presenza in prima fila in 31 paesi in Asia, Africa, Europa e America Latina e in tutta Italia, dove Ai.Bi. lavora da oltre trent anni con attività di Adozione internazionale, Cooperazione, Accoglienza Familiare Temporanea, Sostegno a Distanza. Consolidamento dell immagine aziendale Grande aumento della credibilità, del posizionamento e della popolarità grazie al coinvolgimento in una mission profonda. Trasparenza Chiarezza delle informazioni dovuta all invio costante di report aggiornati sugli sviluppi dei progetti (Annual Report). Relazione privilegiata Rapporto diretto con Ai.Bi. e possibilità di partecipare alle attività dell Associazione. Staff aziendale Personale aziendale a disposizione per presenziare gli eventi organizzati dalla vostra azienda al fine di comunicare la mission dell Associazione e i valori correlati. Fame di Mamma 13

14 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Perchè la Family House? Per sempre qualcosa di te per i bambini abbbandonati. Raddoppia il tuo impegno! Donazione in natura prodotti e forniture che la tua azienda può mettere a disposizione Contributo libero per sostenere la Family House Payroll giving Sostegno a Distanza della Family House dei dipendenti Spesa solidale Raccolta indumenti Raccolta prodotti utili per pulizia e mantenimento Puoi trasformare le donazioni in Sostegni Continuativi Fame di Mamma 14

15 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Come puoi partecipare da 500euro a euro 500 euro kit accoglienza mamma e bambino (biancheria e abbigliamento, beni di prima necessità, vademecum pronta accoglienza) euro Allestimento parco giochi: (scivolo, altalena, panchina) euro allestimento spazio verde esterno (altalena, casette, scivolo, panchine, gazebo) euro mantenimento spazio neutro per 1 anno euro adozione di un nucleo mamma-bambino Puoi trasformare le donazioni in Sostegni Continuativi Fame di Mamma 15

16 Amici dei Bambini MADE IN ITALY Come puoi partecipare da euro a euro euro pulmino per la Family House euro culla termica euro ristrutturazione di una comunità mamma-bambino euro mantenimento di una comunità mamma-bambino per 1 anno euro ristrutturazione e allestimento spazio neutro Fame di Mamma 16

17 Come comunicheremo il tuo impegno Attività di ufficio stampa Partecipazione all evento di inaugurazione Ingresso nel Club Impresa Amica Targa di riconoscimento nella Family House visitatori unici sul sito visualizzazioni sul canale youtube like su facebook follower su twitter Fame di Mamma 17

18 Fame di Mamma e i testimonial La campagna, partita l 11 maggio 2014 in occasione della Festa della Mamma ha coinvolto già tanti ambasciatori d eccellenza: Michele Cannistraro: Sono il cannibale che divora l abbandono: Amici dei Bambini è l Associazione giusta per dare ai bambini abbandonati la speranza di una nuova famigla Anna Falchi: Ho deciso di abbracciare i progetti di Amici dei Bambini, perché è importante offrire a un bambino in difficoltà la possibilità di crescere in una famiglia vera, con un papà e una mamma. Avendo subìto insieme a mio fratello l abbandono da parte di nostro padre, sono particolarmente sensibile al diritto dei bambini di crescere nell amore di una famiglia. Melissa Satta: Nei miei viaggi non mi capita spesso di inoltrarmi in situazioni complicate. Ho visto tanta povertà in Brasile e Zanzibar: villaggi senza acqua potabile, bimbi che correvano scalzi, case di legno e fango. Se una persona ha la possibilità di donare anche un solo euro, quella moneta è importante perché si somma a tanti euro di altri sostenitori che poi possono davvero cambiare la vita a un bambino. Tata Francesca Valla: Il bambino abbandonato non può scegliere. Siete voi la sua speranza: la sua scommessa per una nuova vita. Siamo tutti corresponsabili verso quel bambino che non ha alcuna colpa per trovarsi solo e senza amore. Lui come tutti gli altri ha, invece, diritto di essere felice e tu sei la sua unica possibilità. Savino Zaba: Con Ai.Bi. mi sento un uomo e padre completo, per questo mi batto contro l abbandono dei bambini L hashtag #famedimamma rappresenta uno strumento importante per condividere e partecipare alla diffusione della coscienza collettiva sul tema dell abbandono. #famedimamma Fame di Mamma 18

19 IL DIRITTO DI ESSERE FIGLIO Associazione Amici dei Bambini Ai.Bi. è un organizzazione non governativa, nata nel 1986 da un movimento di famiglie adottive e affidatarie, che opera affinché sia garantito a ogni bambino abbandonato il diritto a una famiglia. Ai.Bi., ente autorizzato per le adozioni internazionali, opera in Italia con una sede nazionale e 29 uffici tra sedi regionali e spazii famiglia ed è presente nel mondo in 31 paesi con sedi operative in Europa dell Est, Americhe, Africa e Asia. I nostri valori Accoglienza Familiare Solidarietà Accompagnamento Adozione Sussidiarietà Sostegno Educazione allo sviluppo Fondazione Amici dei Bambini La Fondazione Ai.Bi. è stata costituita nell ottobre Essa persegue esclusivamente finalità di interesse sociale consistenti nel realizzare, promuovere, incentivare, sostenere iniziative di solidarietà e accoglienza in favore di quanti sono o si sentono abbandonati, con particolare attenzione al mondo dell infanzia e dell adolescenza. La Fondazione Ai.Bi. è un Ente Commerciale senza scopo di lucro che svolge, tra l altro, iniziative commerciali e di raccolta fondi con l obiettivo di sostenere interventi nei confronti dei minori in difficoltà, realizzati direttamente o in collaborazione con Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini. Accreditamenti Ente Morale (Ministero dell Interno, 1991); Organizzazione Non Governativa (Ministero degli Affari Esteri, 1993); Organizzazione di Volontariato (Regione Lombardia, 1994); Onlus di Diritto (D.lgs. 4 dicembre 1997 n.460, 1997); Associazione che svolge attività a favore degli immigrati (Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, 1999); Ente autorizzato all attività nelle procedure di adozione internazionale (Presidenza del consiglio dei ministri, 2000); Soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola (Ministero dell Istruzione, 2005); Associazione di solidarietà familiare (Regione Lombardia, 2008); Associated NGO at Department of public information of the United Nations (2001) Riconoscimenti Oscar di Bilancio e della Comunicazione delle Organizzazioni Non Profit (2002 e 2005); Sodalitas Social Award: 2005 ARTSANA per il supporto al CSF Centro Servizi alla Famiglia Il bruco e la farfalla a Napoli 2014 ALESSI per la Casa Famiglia Ange Gabrielle in Congo Adesioni Ai.Bi. aderisce a: Convol Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza (Gruppo CRC) Family Audit Istituto Italiano della Donazione Forum del Terzo settore Forum delle Associazioni Familiari Movimento del Volontariato Italiano Fame di Mamma 19

20 Informazioni importanti Come sostenere Ai.Bi. Le donazioni a favore di Ai.Bi. sono deducibili In posta Conto corrente postale n.3012 intestato ad Amici dei Bambini On line In banca Bonifico bancario Amici dei Bambini Banca Intesa San Paolo IBAN: IT 09R Con carta di credito Chiamando il numero o sul sito 5x1000 Codice fiscale: Domiciliazione bancaria Con la domiciliazione bancaria (SDD, ex RID) puoi sostenere Ai.Bi. con continuità Sostegno a Distanza Visita o chiama lo tasto 3 per ricevere il kit informativo Seguici sulle nostre pagine social Shopping solidale online Cosa facciamo con un euro* 20 centesimi in spese 80 centesimi per i progetti Bilancio 2013 revisionato da Indice di impiego delle risorse attività istituzionali 80% attività di raccolta fondi 8% attività di supporto 12% Fonte di Bilancio 2013 Come lavoriamo Ai.Bi destina l 80% delle donazioni ai progetti di lotta all abbandono per garantire ad ogni bambino il diritto di avere una famiglia e un futuro sereno. Il 20% sarà utilizzato in Italia per le campagne di informazione e sensibilizzazione oltre che per le spese di gestione e operative. Ai.Bi. da sempre si è data una policy restrittiva sugli investimenti pubblicitari prediligendo collaborazioni e spazi gratuiti per la realizzazione di campagne advertising a costi il più possibile ridotti, grazie anche collaborazioni pro bono con agenzie specializzate. La visibilità di Ai.Bi. infatti è frutto di relazioni avviate da anni con i media più autorevoli ed è garantita da un instancabile attività di comunicazione sui propri strumenti, come ad esempio il sito istituzionale, le pagine social, gli eventi sul territorio, le partnership con le aziende e le relazioni con i nostri amici testimonial. Ai.Bi. Amici dei Bambini Via Marignano Mezzano di San Giuliano Milanese, Milano Tel: Fax: Fame di Mamma 20

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita La Bruciata adotta un filare per la vita L Azienda Vinicola La Bruciata, di Oscar Bosio, fatta da uomini e donne veri, gente della terra e venuta

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

in primo luogo a Zanzibar

in primo luogo a Zanzibar ...... Se fai il bene diranno che lo fai per fini egoistici...non importa fa il bene S. Teresa di Calcutta cosa ci ha riservato questo 2014 come abbiamo speso questi 365 giorni... è stato certamente un

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Linee Guida sull Accoglienza dei bambini fuori dalla famiglia d origine

Linee Guida sull Accoglienza dei bambini fuori dalla famiglia d origine Linee Guida sull Accoglienza dei bambini fuori dalla famiglia d origine Un progetto delle Nazioni Unite Il calore di una casa per ogni bambino Oltrepassare i confini dell accoglienza e del sostegno ai

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli