Attività collaborativa _ Gruppo 4 : Cosimo Cisternino e Fulvia Baccarani _L3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività collaborativa _ Gruppo 4 : Cosimo Cisternino e Fulvia Baccarani _L3"

Transcript

1 Corso di Attività collaborativa _ Gruppo 4 : Cosimo Cisternino e Fulvia Baccarani _L3 Recupero e sostegno Potenziamento e consolidamento 1 Premessa 2 Porte aperte sul Web Perché introdurre l e-learning a scuola Nelle università e nelle aziende la pratica dell e-learning è consolidata da tempo e per varie ragioni, non ultima quella di natura economica. La scuola l ha scoperta da poco ed è stata introdotta in particolare per la formazione dei docenti. Infatti nel 2002 sono partiti i corsi ForTic che utilizzavano la piattaforma per consentire l interazione on line contestualmente alle lezioni in presenza. Si è trattato di un primo tentativo, a mio avviso non sempre riuscito per l inadeguata formazione dei docenti tutor, che però ha rotto il ghiaccio ed ha spinto verso una ricerca didattica e metodologica peculiare, perchè fare e-learning non significa affatto trasferire on-line ciò che si fa on-site. L e-learning ci potrebbe dare molto più di quanto si fa di innovazione nella didattica in presenza, questo per tre ragioni principali che sintetizzo: Il superamento della costrizione spazio temporale rispetto alla scuola reale L interattività, cioè mettere in comunicazione la comunità di apprendimento L integrazione e l utilizzo della rete internet nella didattica come fonte inesauribile di contenuti e conoscenze. Non dimentichiamo che fare e-learning non significa solo usare la piattaforma che registra gli accessi e la fruizione delle lezioni, ma anche utilizzare l apprendimento informale che sembra essere, dagli studi più recenti, la fonte alla quale giovani e adulti si riferiscono più spesso per migliorare la propria conoscenza. Basti pensare ai motori di ricerca e alle comunità di pratica come ad esempio quella di porte aperte sul web

2 L integrazione dell e-learning nella didattica Nella formazione del ForTic B1 e B2 l e-learning viene incluso nel modulo Ambienti di apprendimento e giustamente viene proposto come integrazione all attività didattica in presenza. Infatti è impensabile che tale modalità vada a sostituirsi alla scuola reale ma certamente la sua introduzione, farebbe ripensare al modo di fare scuola e le sue pratiche influenzerebbero positivamente anche l impianto didattico tradizionale. Questo soprattutto per la valenza che si dà ancora oggi ai contenuti di apprendimento a scapito del raggiungimento di obiettivi didattici ed educativi che sono qualitativamente il valore aggiunto dell apprendimento stesso. Ciò significherebbe riportare il contenuto al suo ruolo originale: quello di strumento e non di finalità del processo di insegnamento/apprendimento. La formazione dei docenti L e-learning non si improvvisa. Con la disponibilità tecnologica che abbiamo oggi è molto facile installare una piattaforma e caricarla di contenuti. Questa modalità appartiene all e-learning 1.0 che però ha manifestato, nel giro di pochi anni, tutti i suoi limiti. Oggi si parla di e-learning 2.0 dove si dà maggior importanza all interazione, secondo le teorie costruttiviste sociali e connettiviste alle quali va assegnata la stessa attenzione programmatica degli obiettivi: le persone interagiscono se hanno qualcosa da comunicare e questi processi vanno stimolati e guidati. Inoltre, come già detto, è indispensabile considerare l apprendimento informale in vista di un obiettivo di learning to learn. Chi desidera introdurre l e-learning nella propria didattica è giusto che segua un percorso di formazione specifico. Esempi di didattica scolastica con l e-learning ce ne sono molti ma ancora pochi quelli che vanno nella direzione sopra citata. E bene anche che siano più persone a collaborare ad un progetto di e-learning; sono necessarie molte competenze diversificate, molto tempo a disposizione e una gran voglia di rimettersi in gioco, rovesciare come un calzino le proprie convinzioni e adottare modalità comunicative specifiche e multimodali. Limitazioni all introduzione dell e-learning Anche se ormai la tecnologia informatica è presente in ogni istituzione, spesso il fattore tecnico è limitante rispetto all introduzione dell e-learning. Il nostro paese, escluse le città, non è ancora all altezza della situazione sotto il profilo delle infrastrutture, penso ad esempio alla banda larga; non tutte le scuole hanno adeguati laboratori informatici e soprattutto non tutti gli studenti posseggono un PC in rete. Fattori limitanti sono anche quelli di natura sociale. Non c è sempre disponibilità all innovazione specialmente se questa scombina le prassi consolidate ed introduce meccanismi destabilizzanti nell ordine costituito. A chi proporre l e-learning Non credo ci siano limiti di età all utilizzo dell e-learning anzi, tutti gli ordini e gradi di scuola potrebbero e dovrebbero essere coinvolti. Penso anche a situazioni di long life learning con adulti o anziani. Alcuni esempi di introduzione dell e-learning nella scuola potrebbero essere, a mio avviso infiniti. Cito quelli più frequenti ma ciascuno può sbizzarrirsi quanto crede, perché ritengo che veramente non ci siano limiti alla creatività. Come integrazione alla didattica tradizionale: i contenuti diventano sempre disponibili, (è bene coinvolgere gli studenti stessi nella costruzione, aggiornamento ed integrazione). Tutto questo allevia la ripetitività liberando energie per la riflessione, interazione, ricerca.

3 Come supporto alle attività di recupero, basti pensare a quanto investe una scuola in corsi I.D.E.I e quanto, purtroppo, investono le famiglie in lezioni private. Già alcuni Istituti Superiori hanno attivato i corsi di recupero on line rendendo più fruibile e meno dispendiosa questa attività, anche in termini di tempo per studenti e docenti. Come erogazione di servizi relativi ad argomenti extracurricolari o multidisciplinari, alcuni esempi possono essere l orientamento in entrata ed in uscita, l educazione alla salute, all ambiente, la patente per il ciclomotore, la prevenzione alla tossicodipendenza, ecc., tutte attività che sono istituzionalmente richieste ma che non hanno ne tempi né spazi propri. La piattaforma Moodle Gli strumenti per implementare corsi in e-learning ormai sono innumerevoli. Vorrei segnalare la piattaforma Moodle perché è uno strumento completo, open source, gratuito, accessibile. La sua funzione è soprattutto quella di ricreare un VLE (Virtual Learning Environment) di carattere formale, ma i suoi strumenti di interattività permettono anche lo scambio informale della conoscenza. Escludendo l installazione in locale o in remoto, che comunque è un operazione abbastanza semplificata, usare Moodle nelle sue funzioni di base è veramente semplice, e già con poche operazioni è possibile implementare un corso. In rete ci sono molte guide on line di facile consultazione, ad esempio, una delle più aggiornate si trova in: Un altro dei grandi pregi di Moodle è l estesa comunità mondiale di utenti che offre un costante e gratuito supporto ai neofiti oltre a preoccuparsi di tradurre il software e la documentazione in varie lingue. Attualmente sul sito ufficiale di Moodle ci sono 200 mila utenti registrati provenienti da oltre 175 paesi; anche la comunità italiana è molto attiva e organizza periodicamente delle manifestazioni utili per scambiarsi esperienze di utilizzo del software e per approfondire i temi legati all e-learning. Progetti europei di e-learning La Comunità Europea è molto attiva e sensibile al problema del Knowledge Management che pone tra gli obiettivi di sviluppo degli Stati Membri. Sono in corso progetti che hanno come scopo la formazione dei docenti (ma non solo) e la creazione di Learning Object per permettere, a quanti producono contenuti per l e-learning, di scambiarli, modificarli riutilizzarli. Per quest ultimo obiettivo invito a vedere il proget-to Sloop a cui aderisce anche la comunità italiana: in cui è possibile seguire un corso on line, su piattaforma Moodle, sulla produzione di Free LO.

4 CRITERI DIDATTICO-METODOLOGICI ATTIVITÀ DI RECUPERO Tenuto conto della normativa vigente, i Consigli di classe, ai quali appartiene la responsabilità didattica nell individuare la natura delle carenze, nell indicare gli obiettivi dell azione di recupero e nel certificarne gli esiti ai fini del saldo del debito formativo, sulla base dei criteri fissati saranno chiamati a programmare e ad attuare le attività di sostegno nel corso dell anno scolastico e di recupero dopo lo scrutinio intermedio e dopo quello finale. CRITERI E ATTIVITÀ DI RECUPERO A.S. 2012/13 La valutazione è un processo che accompagna lo studente per l intero percorso formativo, perseguendo l obiettivo di contribuire a migliorare la qualità degli apprendimenti. Il recupero non è un intervento d eccezione, ma una prassi che accompagna l attività formativa nell articolazione delle sue diverse fasi. Così inteso, il recupero e il sostegno divengono funzionali ad una concezione della valutazione che è da intendersi come una forma di intelligenza pedagogica per la costruzione e l indirizzo didattico del programma. Ogni intervento di sostegno e/o di recupero deve mirare soprattutto a consolidare le competenze, che sono veicolate dalle conoscenze, per questo sarebbe auspicabile utilizzare modalità didattiche diverse da quelle normalmente utilizzate nell attività curricolare (es. problem solving, lavori di gruppo, analisi di testo, altro) e, comunque, a costruire, ove possibile, setting alternativi alla lezione frontale (scoperta guidata, lezione-applicazione, laboratorio, altro). Ogni attività prevista, quindi, non può essere limitata al semplice recupero delle carenze rilevate in occasione delle valutazioni periodiche dei consigli di classe, ma deve rappresentare una costante nell azione didattica di ciascun docente e una priorità dell Istituto collegata al resto dell offerta formativa. Premesso ciò, le attività di sostegno e recupero si potranno articolare in più azioni sviluppate per tutto l anno scolastico, secondo la seguente strutturazione: Aspetti generali Per sviluppare una struttura didattica ed organizzativa di un corso di recupero di 50 ore utilizzando nuove modalità di intervento diventa necessario applicare un sistema di apprendimento a distanza integrato Blended Learning, attraverso due ambienti di apprendimento, uno attraverso lezioni in presenza per il 30% de mentre l altro in modalità elearning per il 70 % per tale modalità diventa necessario utilizzare la piattaforma LMS Moodle, Il corso di recupero è rivolto a studenti con carenze in alcune discipline, lavoreranno per qualche ora insieme al recupero delle lacune, mentre per il resto delle ore utilizzeranno modalità e-learning. Gli studenti tutors si affiancheranno ai Docenti per facilitare il percorso dei ragazzi che hanno bisogno di recupero.

5 PRINCIPI ISPIRATORI Il progetto Innovazione didattica e recupero da adottare si incardina sui seguenti principi ispiratori: CENTRALITA del SOSTEGNO nei PROCESSI di INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO con FUNZIONI di: prevenzione dell insuccesso tramite riduzione/eliminazione delle fragilità consolidamento delle competenze/utilizzo trasversale delle stesse scoperta e approfondimento di attitudini e interessi rafforzamento della responsabilità e dell autonomia orientamento e riorientamento RECUPERO delle LACUNE, come PARTE INTEGRANTE del SOSTEGNO con FUNZIONI di: messa a fuoco delle lacune individuazione dei loro motivi lavoro per la loro soluzione attraverso strategie di insegnamento/apprendimento più appropriate comprensione dei metodi più adatti allo stile cognitivo di ciascuno, individuando punti di forza e di debolezza utilizzo dei metodi appresi in funzione preventiva per evitare nuovi problemi futuri STRATEGIE e METODI Strategie e metodi comprendono: ATTIVITA di SOSTEGNO e RECUPERO CURRICOLARI 30% Assegnazione di compiti individualizzati Lavoro in itinere con la classe intera o divisa per gruppi di livello (durante tutto il corso dell anno, in particolare dopo valutazioni infraquadrimestrali e pagella del I Quadrimestre) Lavoro con gruppi di livello di classi parallele (recupero/approfondimento contemporanei, solo dopo la pagella del I Quadrimestre) Laboratori interdisciplinari (durante tutto il corso dell anno) ATTIVITA di SOSTEGNO e RECUPERO fuori della classe 70% Corsi programmati attraverso e-learning piattaforma moodle per piccoli gruppi di studenti della stessa classe (nel corso del I Quadrimestre e nella seconda parte del II Quadrimestre) Laboratori e-learning ad iscrizione libera da parte degli studenti (nel corso del I e del II Quadrimestre) Corsi estivi on line per gli studenti con sospensione di giudizio

6 I LUOGHI del SOSTEGNO e del RECUPERO Predisposizione di ambienti di apprendimento diversi, che possano prevenire o recuperare difficoltà di varia natura e far emergere le diverse attitudini e punti di forza il rapporto individuale con il proprio insegnante la classe divisa in gruppi di livello con il proprio insegnante la classe che interagisce con due insegnanti compresenti di due discipline diverse il gruppo costituito da alunni con difficoltà analoghe di classi parallele, con insegnante anche diverso dal proprio il gruppo dei pari che interagisce con lo studente tutor il gruppo costituito su base volontaria (laboratorio) con insegnante anche diverso dal proprio LE STRATEGIE INTERCONNESSE DEL PROGETTO DIDATTICA LABORATORIALE attività e operatività di tutti i partecipanti al laboratorio interdisciplinarità/trasversalità conoscenza degli strumenti e dei materiali dell esperimento individuazione di problemi formulazione di ipotesi di risoluzione dei problemi e verifica della loro efficacia IL LABORATORIO COME BOTTEGA DELLA MENTE APPRENDIMENTO COOPERATIVO forum Nel gruppo dei pari (studenti con lo stesso tipo di conoscenze) l apprendimento ha maggiori probabilità di essere vissuto come cooperazione e stimolo a condividere abilità, evitando la condizione dell inerzia passiva o peggio della disistima da parte dello studente. Alta efficacia nell individuazione di strade risolutive è ottenuta dalla presenza, nel gruppo, di studenti tutors, studenti cioè preparati ad essere facilitatori dell apprendimento altrui. Conseguenze positive si rilevano anche sugli studenti tutors che, acquisiscono abilità meta cognitive e sicurezza.attività e operatività di tutti i partecipanti al laboratorio/forum CIRCOLARITA PRODUTTIVA

7 Attività collaborativa _ Gruppo 4 : Cosimo Cisternino e Fulvia Baccarani _L3 INTERDISCIPLINARITA Le discipline non sono compartimenti stagni, anzi esse sono interconnesse e il loro legame mostra la complessità dei vari aspetti del mondo che ci circonda. La vera educazione è enciclopedica, nel senso etimologico della parola che significa apprendimento circolare. La valenza innovativa dell interdisciplinarità risiede nella possibilità di essere sostegno delle competenze trasversali, con ricadute positive anche su quelle disciplinari. In particolare vengono rinforzate le competenze metodologiche, metacognitive e progettuali Piano schematico dell attività DESTINATARI e le risorse umane Il corso è rivolto agli studenti che presentano insufficienze che dovranno recuperare entro il 31 agosto saranno coinvolti per il coordinamento didattico : tutti i docenti con il coordinatore del progetto: elaborazione contenuti : alcuni suporti didattici per ogni modulo (non di insegnamento)vengono forniti anche dalle case editrici come ad es. La Zanichelli. In particolare per alcune discipline ( matematica, fisica, biologia, Inglese ecc., greco, latino, ecc.) viene allegato al testo in adozione un Cd3 presente anche online. L attività online richiede un diverso numero di ora anche per la elaborazione di contenuti e la loro fruibilità quali oogetti multimediali [ tempo 20 ore] attività di tutor online : può essere in parte facilitata tale attività, poiché molte case edistrici di libri di testo scolastici ( vedi la Zanichelli ad esempio con MyZanichelli4) forniscono oltre al testo stesso, dischi di supporto con lezioni interattive e diversi esercizi di consolidamento e potenziamento. Inoltre Myzanichelli permette anche la gestione di classi virtuali. L interazione però diretta attraverso il forum ad esempio o una chat non è contemplata. [tempo 20 ore] 3 4 Bravi si diventa: Myzanichelli: https://my.zanichelli.it/scrivania

8 Attività collaborativa _ Gruppo 4 : Cosimo Cisternino e Fulvia Baccarani _L3 attività in presenza ( attività esperienziale) : uso soprattiutto di attività laboratoriale e come suggerisce anche il dott. Aldo Torrebruno, non lezioni del docente, ripetute, ma piuttosto assegnare a casa lo studio, l ascolto di video lezioni 5, la lettura di parti specifiche del manuale e utilizzare il tempo scuola per esercizi. Proporsi come tutor. Utilizzare il tempo in presenza per sistemare quanto svolto online e verficare eventualmente attraverso l esercizio svolto anche in gruppo il raggiungimento degli obiettivi in termini di conoscenzze e competenze.[15 0re] 5 https://www.khanacademy.org/

9 Studenti Sono destinatari di informazioni sulla struttura del progetto Sono destinatari delle attività di sostegno e recupero Sono destinatari della formazione su apprendimento attivo, e autovalutazione Si iscrivono liberamente ai laboratori Dirigenza Controlla la conformità normativa/progetto Nomina docenti interni ed esterni Valuta il progetto in relazione al POF Sono invitati alla coprogettazione in alcune fasi del progetto Esprimono il grado di soddisfazione Segreteria Docenti Approvano il progetto Attivano gli interventi di sostegno e recupero Sono destinatari della formazione/ aggiornamento Sulla didattica del recupero Sono destinatari delle informazioni su dati statistici e monitoraggio Esprimono il grado di soddisfazione Cdc: deliberano le attività di sostegno e recupero, comunicano alle famiglie natura delle carenze, interventi deliberati e tipo di verifiche da effettuarsi per studenti con insufficienza Compartimenti disciplinari: Individuano gli obiettivi minimi Referente qualità Collabora al monitoraggio delle fasi del progetto Collabora alla revisione della modulistica Elabora i questionari di soddisfazione Verifica l applicazione delle procedure Progetto Sostegno Recupero Relazioni e compiti F.S + commissione Propone il progetto considerando la norma, le risorse,le priorità stabilite dal POF, le indicazioni provenienti dai questionari di soddisfazione di docenti studenti e genitori Organizza e coordina le attività di recupero e sostegno extracurricolari Organizza incontri di formazione e aggiornamento per i docenti sul tema della didattica del recupero Organizza incontri di formazione per studenti e genitori Definisce le modalità della comunicazione a studenti e genitori circa la natura, gli scopi e l organizzazione delle attività di sostegno e recupero Produce la modulistica per tutte le attività di recupero e sostegno Provvede al monitoraggio delle fasi dei processi e verifica l efficacia delle attività Verifica la conformità tra preventivo del progetto e risorse ( Dsga) Collabora alla gestione circolari e modulistica Gestisce le nomine docenti interni ed esterni Collabora all organizzazione degli interventi di sostegno e recupero Genitori Sono destinatari di informazioni sul progetto Sono destinatari di incontri di formazione sul ruolo di collaborazione ai processi di riorientamento, rimotivazione riallineamento Sono destinatari delle informazioni sulle carenze dei figli e sugli interventi deliberati Hanno facoltà di accettare o rifiutare gli interventi di sostegno e recupero Esprimono il grado di soddisfazione

10 Definizione degli strumenti Per l attività online si utilizzerà la piattaforma LMS Moodle, anche per il piano delle attività, calendario, programmi di disciplina, obiettivi. Le risorse a disposizione degli studenti : guida al corso e manuale uso della piattaforma; documenti di supporto nei vari formati scaricabili; video tutorial e test on line; link utili per lo studio degli argomenti mappe concettuali riassuntive; materiale da scaricare utile per esercitazioni da commentare nel forum/blog Video-lezioni La piattaforma di moodle presenterà varie aree: area di benvenuto dove verranno inseriti, suddivisi in varie sezioni, gli obiettivi e il programma del corso, i tutorial di spiegazione delle varie sezioni, informazioni relative alle modalità di utilizzo (eventuali programmi necessari per la visualizzazione dei materiali contenuti con relativo link), i destinatari, le news, forum per porre eventuali domande relative all accesso e/o a problemi tecnici. Da questa sezione si può accedere all area classe area classe virtuale : elenco partecipanti e tipo di recupero (il docente tutor indica il percorso che lo studente deve effettuare) area contenuti : indice delle lezioni con titolo del contenuto, ognuna con link alla pagina corrispondente. area lezioni : ogni sezione, corrispondente ad un argomento, conterrà documenti scaricabili con spiegazioni, videolezioni, materiali di appofondimento, videotutorial ; forum in ogni lezione dedicato ai chiarimenti, alle discussioni, allo scambio di informazioni e al confronto di opinioni area consegna attività individuale area quiz area forum : 1 forum di assistenza tecnica (per problemi tecnici), 1 forum di assistenza alla comprensione dei contenuti, per ogni classe L Iter organizzativo in sintesi è riportato nello schema seguente 6 6 anche secondo i canoni del sistema Qualità

11 TIPOLOGIA AZIONI DOCENTI/STUDENTI ORGANIZZAZIONE Strumenti e modalità di erogazione della attività 7 Recupero in ambito Assegnazione, verifica Docenti della classe In orario curricolare, secondo curricolare e valutazione di modalità stabilite dal docente compiti personalizzati Studenti che in rapporto al livello della classe e specifici assegnati dal docente della materia presentano carenze negli apprendimenti recuperabili autonomamente Nel corso dell anno scolastico secondo la necessità Dopo lo scrutinio intermedio come alternativa al corso di recupero Sportello didattico Guida allo svolgimento Docenti dell Istituto Attività da svolgere in dei compiti assegnati che danno la loro orario pomeridiano nelle diverse materie disponibilità per la previa prenotazione consulenza e da parte degli studenti Guida all acquisizione l assistenza interessati e/o al potenziamento del metodo di studio Docenti della materia Rapporto docenteindicati dai studenti: 1/3 max Supporto e dipartimenti per la 7 È forse possibile in forma sintetica riportare anche nello schema organizzativo le voci più specifiche relative alle metodologie, agli strumenti adottati, oppure fare riferimento al piano di lavoro sul recupero che il docente intende adottare

12 orientamento rispetto correzione dei compiti al percorso di studio e il potenziamento del Dopo lo scrutinio finale previsto per le diverse metodo come possibile materie Studenti che alternativa ai corsi di recupero, considerate Supporto al lavoro presentano carenze le risorse finanziarie assegnato per gli nel metodo e negli disponibili studenti con giudizio sospeso apprendimenti specifici non gravi o che devono completare fasi successive del percorso di recupero Studenti con giudizio sospeso Corsi di recupero Percorsi didattici sui Docenti della classe Ripartizione delle contenuti attività per aree imprescindibili definiti Docenti dell Istituto disciplinari in rapporto dai dipartimenti che danno la loro alla complessità della disponibilità nei materia (scritta/orale, Prova di verifica e Dipartimenti solo orale, pratica) e al valutazione finale disciplinari numero di carenze secondo le modalità definite dai CdC Studenti che emerse per disciplina

13 presentano carenze Corsi di recupero, gravi negli apprendimenti rilevate dai CdC dopo lo scrutinio intermedio e finale e la famiglia intenda avvalersi di tale attività Studenti per i quali in sede di scrutinio finale è stata deliberata, per carenze gravi, la sospensione del giudizio e la famiglia intenda avvalersi di tale attività durante l anno scolastico in orario pomeridiano, anche al mattino nel periodo giugno/luglio, subito dopo lo scrutinio finale; per aree disciplinari; per il numero di ore stabilito dal Collegio docenti sulla base delle risorse disponibili. Prove finali con ratifica nei CdC di febbraio per il trimestre; a fine agosto o nella prima settimana di settembre, con riconvocazione del CdC per integrazione scrutinio finale di giugno

14 Corsi di sostegno o Percorsi didattici su Docenti delle Attività pomeridiane consolidamento specifici segmenti specifiche materie da svolgere tra (IDEI) della programmazione ottobre-dicembre e/o didattica disciplinare Studenti (non meno di marzo-maggio, per 5) delle singole classi non più di 6 ore, su segnalazione tenuto conto,

15 schema organizzativo 8 1. SCOPO: Definire le attività, le responsabilità e la documentazione per l erogazione del servizio IDEI al fine di poterne valutare l efficacia e l efficienza. 2. CAMPO D APPLICAZIONE: Tutte le classi dell Istituto. 3. RESPONSABILITÀ: La responsabilità della procedura è del Dirigente Scolastico (D.S.) coadiuvato dai Coordinatori di Classe. 4. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO: Circolari Ministeriali Statuto delle studentesse e degli studenti. POF e comunicazioni interne 5. PROCEDURA: 5.1 Generalità Caratteristiche del servizio: essere attuato entro il mese d aprile rispondere alle esigenze degli studenti i destinatari devono essere individuati chiaramente dai docenti Obiettivi: fornire occasioni e strumenti di recupero agli studenti in difficoltà fornire interventi d insegnamento individualizzato 5.2 Programmazione Il D.S., ad inizio anno scolastico, individua il monte ore per classe e lo comunica ai docenti. Nelle sedute dei C.d.C. si rilevano le esigenze e si predispone un piano d intervento tenendo conto del monte delle ore e dei problemi degli studenti. Il Coordinatore di classe consegna il piano delle attività (n interventi) per l approvazione del D.S. e la conseguente nomina. Il docente: a) predispone il calendario degli interventi e lo annota sul Registro di classe b) compila l apposito modulo per l informazione a studenti e famiglie e per conoscenza alla segreteria che predisporrà, su indicazione del Dirigente Servizi Generali Amministrativi (DSGA), gli spazi per l attuazione. c) prima dell inizio dell attività l insegnante ritira il registro dalla Segreteria Didattica (S.D.). 5.3 Erogazione Secondo il calendario stabilito, ogni docente attua gli interventi di recupero. Qualora si verificassero variazioni rispetto alla programmazione, le modifiche devono essere tempestivamente comunicate alla Segreteria didattica ed annotate sul Registro di classe. Il docente compila regolarmente il registro annotando le assenze e gli argomenti trattati (le assenze plurime 8 Vedi flow chart e Istruzioni operative del processo IDEI allegati

16 devono essere segnalate alle famiglie, anche telefonicamente) Al termine del ciclo d interventi il docente consegna, alla Segreteria didattica, il registro. 5.4 Monitoraggio Il monitoraggio viene realizzato attraverso la compilazione del registro. Verranno somministrati dei questionari per verificare la soddisfazione degli studenti 5.5 Archiviazione La documentazione sarà conservata in S.D. per un periodo d anni due. 1. PER GLI ALUNNI DEL BIENNIO BISOGNOSI DI SOSTEGNO E/O CONSOLIDAMENTO PER PREVENIRE PARTICOLARI SITUAZIONI DI INSUCCESSO SCOLASTICO IN ALCUNE DISCIPLINE a) Nel I periodo di attività didattiche proseguiranno gli interventi extracurriculari destinati agli alunni stranieri, nell ambito delle attività previste dal progetto Non solo lezioni ; a tali alunni si aggiungeranno quegli studenti che presentino carenze in Italiano e Latino ( e/o Greco) della stessa tipologia. b) La possibilità di recupero extracurriculare è riservata anche agli alunni del biennio che necessitino di sostegno, su precisa indicazione dei consigli di classe. Le discipline interessate a tali corsi sono: italiano, latino, greco, matematica, inglese, scienze. c) Infine, ove siano presenti casi particolari di gruppi di alunni del biennio e del triennio che manifestano, da subito, incertezze e/o carenze di metodo, è possibile attivare corsi di sostegno per prevenire insuccessi articolati in: 1) interventi in itinere; 2) interventi strutturati; 3) interventi lunghi. 2. PER GLI ALUNNI CHE NON CONSEGUONO GLI OBIETTIVI MINIMI AL TERMINE DEL I PERIODO Dopo gli scrutini del I periodo e prima dell inizio delle vacanze natalizie i docenti consegnano agli alunni una scheda in cui siano indicate in modo dettagliato e per ogni disciplina la natura delle carenze da recuperare indicando: obiettivi dell azione di recupero espressi in termini espliciti di sapere e saper fare argomenti da studiare esercizi applicativi/ quesiti modalità di verifica per accertare il recupero Al rientro dalle vacanze natalizie viene effettuata una pausa didattica. In questo periodo i docenti organizzano autonomamente attività di ripasso e consolidamento nonché una verifica dei compiti e di quant altro assegnato agli alunni durante le vacanze. QUANDO CHI COSA Al termine della prima valutazione intraquadrimestrale (novembre) Coordinatori di classe Effettuano, su apposito modulo predisposto dal docente referente dei corsi IDEI, una prima stima, per ciascun alunno, delle discipline oggetto dei corsi IDEI (Max 2 tra: matematica, scienze, lingue straniere, latino ecc.). Copia del modulo deve essere consegnata in segreteria alunni. Entro dicembre Coordinatori di classe & docenti discipline interessate dagli Redigono il documento definitivo dei corsi IDEI andando a verificare, modificare ed eventualmente integrare il documento relativo ai corsi di recupero già compilato in novembre. Copia del modulo revisionato deve essere

17 IDEI consegnata in segreteria alunni. Entro dicembre Docente referente IDEI ) comunicazione alle famiglie. Durante il primo incontro scuolafamiglia Entro il 30 dicembre Entro dicembre Coordinatori di classe (ricevimento famiglie) Redige il piano complessivo degli IDEI e consegna a ciascun coordinatore il modulo di Raccolgono l adesione o meno delle famiglie ai corsi IDEI. Consegnano il documento in segreteria alunni. Segreteria alunni Contatta telefonicamente le famiglie non presenti all incontro scuola-famiglia e raccoglie l adesione o meno ai corsi IDEI. Docente IDEI referente Raccoglie disponibilità docenti a condurre i corsi IDEI. Entro gennaio Docente referente IDEI Procede alla organizzazione e alla calendarizzazione dei corsi IDEI. dal 20 gennaio al 31 marzo Entro 7 giorni dal termine di ciascun corso Nel mese di aprile Docenti incaricati Classi Docente referente IDEI Consigli di Classe Coordinatori di classe (ricevimento famiglie) Corsi IDEI Recupero in itinere/pausa didattica/classi aperte Ritira registri debitamente compilati. Ritira scheda su esito corsi IDEI per ogni singolo alunno. Consegna ai coordinatori di classe copia delle schede. Procedono al monitoraggio dell efficacia dei corsi IDEI e/o altri interventi attivati dal Consiglio. Notificano alle famiglie gli esiti e le ricadute formative degli interventi di recupero registrando la comunicazione su apposito modulo da consegnare in segreteria. Entro aprile Segreteria alunni Contatta telefonicamente le famiglie non presenti all incontro scuola-famiglia e comunica l esito degli IDEI. Nel mese di maggio Docente referente IDEI Raccoglie disponibilità per corsi IDEI estivi In giugno Consigli di classe Indicano gli alunni per i quali sia stata formulata sospensione di giudizio dal 15 al 20 Docente referente Procede alla organizzazione e alla giugno IDEI calendarizzazione dei corsi IDEI estivi. Giugno- 20 luglio Docenti incaricati Corsi IDEI Vengono riportati di seguito due progetti quali esempio di attività promosse nell ambito della attività di potenziamento e sostegno

18 PROGETTO 9 Peer to Peer education NON SOLO LEZIONI [primo biennio] Le scuole sono come uno snodo aeroportuale: gli studenti arrivano da molti e diversi background per dirigersi verso un ampia varietà di destinazioni. I loro particolari decolli verso la vita adulta richiederanno piani di lavoro diversificati. Levine Il progetto NON SOLO LEZIONI nasce dall esigenza di garantire il successo formativo di ogni studente, anche in relazione alla riforma della scuola secondaria di II grado, che prevede il primo biennio ancora all interno dell obbligo formativo. Fondamentale diventa rispettare i tempi di apprendimento di ognuno e favorire l acquisizione di un efficace metodo di studio trasversale a tutte le discipline. In una società complessa quale la nostra e nell era dello sviluppo di nuove tecnologie della comunicazione risulta basilare il possesso di competenze utili alla decifrazione e gestione della complessità, nonché la padronanza di strategie applicabili in diversi contesti di vita quotidiana sia scolastica che extrascolastica. Da questa premessa discende la necessità di una innovazione metodologico-didattica volta a sostenere i processi cognitivi degli studenti al fine di condurli alla consapevolezza delle proprie capacità, attitudini e stili di apprendimento. Introdotto in via sperimentale, il progetto si caratterizza per un approccio innovativo alle difficoltà di apprendimento, basato sulla relazione tra pari e articolato nelle seguenti azioni: agli obiettivi dei gruppi di lavoro (didattici, relazionali, sul compito) (non più di tre studenti ginnasiali della stessa classe con il tutoraggio di uno studente del triennio) lità dell equipe di lavoro (tutor/studenti ginnasiali) per tutti gli incontri programmati 9 Nel liceo dove insegno, dallo scorso anno è stato introdotto in via sperimentale questo progetto di recupero e mi sono permessa di inserirlo tra le attività del progetto di recupero

19 I risultati attesi sono volti a migliorare o sviluppare i seguenti aspetti: o, imparando progressivamente a trasferire le competenze acquisite su altre discipline rispetto a quelle affrontate con i tutor programmazione settimanale delle verifiche da affrontare in classe appartenenza alla propria classe come all istituto e facilitando il clima adeguato allo star bene con se stessi e con gli altri tostima ed autoefficacia con conseguente riduzione o rimozione delle situazioni di disagio Il percorso prevede inoltre la somministrazione agli studenti di un questionario per monitorare l andamento del progetto didattico. La tabulazione e la successiva analisi dei dati rappresenta un momento di confronto tra i Docenti responsabili del progetto A seguito della verifica finale, l 80% degli studenti che hanno frequentato il corso con continuità hanno ottenuto significativi miglioramenti in almeno una delle due discipline affrontate, per alcuni anche in entrambe le discipline. Altri sono passati da una situazione di grave negatività a insufficienze lievi. In generale i partecipanti 1. hanno raggiunto la consapevolezza dei loro punti di forza e hanno preso coscienza dei loro limiti, senza viverli come inadeguatezza verso il corso di studi scelto, ma come stimolo per trovare soluzioni ai loro problemi con l aiuto dei tutor o dei compagni. 2. hanno migliorato il loro metodo di studio ed hanno acquisito una maggiore autonomia e sicurezza nel lavoro casalingo. 3. hanno acquisito maggior sicurezza nella correzione dei compiti e nelle interrogazioni in classe, con conseguente maggiore desiderio di approfondire il lavoro svolto al mattino. 4. hanno iniziato a comprendere che è necessario imparare ad ottimizzare il tempo dedicato allo studio, al fine poi di potersi ritagliare spazio per il proprio tempo libero.

20 Progetto"Imparo facendo: laboratorio attivo di matematica per il consolidamento e il potenziamento degli apprendimenti" [secondo biennio] Il Liceo avvia i corsi di potenziamento e consolidamento di matematica per i propri alunni del secondo biennio di corso. Il Laboratorio avrà luogo nel coro della mattinata in aggiunta all orario curricolare. L adesione alla attività di potenziamento ha carattere volontario. Il forma è laboratoriale e si avvale di attività ludico-logiche, di strumentazioni tecnologiche (aule speciali, software didattici, classi virtuali). Il progetto è rivolto agli studenti che vogliono approfondire i contenuti della disciplina anche in funzione delle scelte universitarie: agli studenti che possono trarre vantaggio da un approccio ludico- laboratoriale alla disciplina Il corso sistematizza una serie di innovazioni e sperimentazioni già realizzate negli anni precedenti in collaborazione sia con l Ateneo della città che con altri Istituti. FINALITÀ La finalità prioritaria del progetto è di potenziamento, supporto e approfondimento, con particolare attenzione all esercitazione, per attività di risoluzione di situazioni problematiche già sperimentate nelle prove come INVALSI, OCSE PISA, dei precedenti giochi matematici e da proporre come situazioni nuove estrapolabili all interno del programma relativo al corso di studi affrontato. Si metteranno alla prova le abilità aritmetiche e geometriche contribuendo a sviluppare progressivamente le capacità induttive e logicodeduttive degli alunni. Il supporto operativo contribuirà quindi alla formazione del pensiero nei suoi vari aspetti: di intuizione, di immaginazione, di progettazione, di ipotesi e deduzione, di controllo e quindi di verifica o smentita. Particolarmente importante in tutti i quesiti proposti sarà la traduzione del problema in termini formali per un potenziamento dell uso appropriato del linguaggio simbolico. Di fondamentale importanza sarà infine il potenziamento della riflessione critica sui diversi metodi di risoluzione e sulle diverse sequenze operative individuate dagli alunni. METODOLOGIE L attività matematica dovrà rivolgersi in primo luogo a costruire, soprattutto là dove essa si manifesta carente, una larga base esperienziale di fatti, fenomeni, situazioni e processi, sulla quale poi sviluppare le conoscenze intuitive, i procedimenti e gli algoritmi di calcolo e le più elementari formalizzazioni del pensiero matematico. Si utilizzeranno come strategie operative: Problem solving, Lezione dialogata, Lezione frontale, Learning by doing, Lavoro di gruppo, Ricerca-azione Per ogni gruppo-classe che si costituirà, seguito dall'insegnante curricolare, si svolgerà attività di consolidamento dei contenuti geometrici, aritmetici e/o algebrici, presentati in orario curricolare anche tramite interventi individualizzati o esercitazioni di gruppo, a seconda delle necessità. In ogni caso verrà dato spazio alla innovazione didattica con l uso di: a) Strumentazione informatica ( laboratorio informatico completamente rinnovato con 20 postazioni funzionanti_software quali: Cabrì II plus, Geogebra, Derive 6_ E-book my Zanichelli https://my.zanichelli.it/ ) b) Aule LIM c) Classi virtuali ( TED learning e ) d) Laboratorio di fisica e) Laboratorio di Matematica

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA. Anno scolastico 2010-2011

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA. Anno scolastico 2010-2011 LICEO SCIENTIFICO E. FERMI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA ALUNNI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA Anno scolastico 2010-2011 Prof.ssa Anna Di Pietro Docenti Prof. Gianni Dosi Collegio

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Sede "A. Meucci" Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012 Sede G. Toniolo Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale 1 di 7 GESTIONE CORSI DI RECUPERO E SOSTEGNO ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale PAVIA COPIA CONTROLLATA n. Data di revisione Rev. DETTAGLIO

Dettagli

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone annualmente (O.M. 92/07 art.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO PER IL RECUPERO

PIANO PER IL RECUPERO PIANO PER IL RECUPERO PRINCIPI I principi a cui si ispira il piano delle attività sono: 1. le attività di recupero aggiuntive devono essere considerate interventi straordinari, da attuare solo dopo che

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO N 07

SCHEDA DEL PROGETTO N 07 Allegato 2 PROGETTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE: MADRID Scuola/iniziative scolastiche: SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID SCHEDA DEL PROGETTO N

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA. Luigi Oliva Liceo classico C.

Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA. Luigi Oliva Liceo classico C. Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA Luigi Oliva Liceo classico C. Colombo Va tenuto in debito conto il fatto che gli studenti con

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Al termine del primo trimestre ( dicembre) Alla fine del mese di marzo inizio aprile ( valutazione intermedia) Alla fine dell anno scolastico.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1 L orientamento e il ruolo del tutor La peer education RAFAELLA TONFI 1 La peer education Per lo studente tutor: Partecipazione attiva alla vita della scuola Conoscenza delle dinamiche organizzative della

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PIANO DI PROGETTO Accoglienza e riorientamento Fucile Ornella (in collaborazione con Dario D'Andrea - dirigente scolastico) STUDENTI CLASSI PRIME; STUDENTI PROVENIENTI DA ALTRI PERCORSI

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008)

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) 1. Le attività di recupero organizzate dalla scuola sono obbligatorie e consistono di corsi di recupero di minimo 15 ore per le materie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli