Viaggio nella Tuscia, erede della civiltà etrusca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viaggio nella Tuscia, erede della civiltà etrusca"

Transcript

1

2 Viaggio nella Tuscia, erede della civiltà etrusca SPECIALE VITERBO di Ivo Carezzano Vice Direttore Vicario de Il Messaggero Una ragione c è, se i ricchi inglesi e americani stanno scendendo lentamente dalla Toscana, dal Chiantishire e dalla Maremma, verso la Tuscia: quella vasta area compresa (oggi) tra il Tirreno, al confine tra le province di Viterbo e Grosseto, e l entroterra di colline ora dolci ora orride che corrono fino e oltre il Lago di Bolsena, il più grande di origine vulcanica d Italia, per arrivare alle selve profonde nel cuore verde dell Umbria, esattamente a metà strada tra i due mari che profilano la Penisola... 3

3 Tombe etrusche di Castel d Asso, vicino a Viterbo. Xilografia dal volume Viaggio Pittoresco dall Alpi all Etna di W. Kaden, Stoccarda, Collezione della Galleria genovese San Lorenzo al Ducale. Alle pagine precedenti Italia Antica. Incisione su rame con coloritura d epoca di Georg Matthäus Seutter, Augsburg, 1730 ca. Collezione della Galleria genovese San Lorenzo al Ducale. La parola tra parentesi - oggi - sta a indicare che ieri, e cioè tra l VIII e il V secolo avanti Cristo, la Tuscia - come la chiamarono i Romani - rappresentava il cuore dell Etruria, e comprendeva anche gran parte della Toscana, dell Emilia Romagna, del versante umbro della Valle del Tevere, con puntate espansionistiche fin verso la Liguria spezzina. Dunque, Tuscia. Nome che scivola in bocca e accende la fantasia ed eccita soprattutto loro, gli inglesi, che furono fra i primi a scoprire quel che restava della straordinaria civiltà etrusca: fu infatti lo scozzese Thomas Dempster, vissuto a cavallo tra cinque e seicento, a dare sistemazione nel De Etruria Regali alla consapevolezza, tutta medioevale, che nell Italia preromana erano esistite civiltà importanti diverse da quella classica greco-romana, le quali, nella logica della conquista e dell impero, Roma aveva teso a cancellare. Allora, da dove erano spuntati, gli Etruschi? Come spiegano gli studiosi Antonio Giuliano e Giancarlo Buzzi le ipotesi sono tre. In sintesi: popoli arrivati in Italia attraverso le Alpi Retiche; popoli discendenti dai protoitalici, che abitavano la penisola prima ancora delle invasioni indoeuropee; popoli, infine, emigrati in Italia via mare dall Oriente. Per tante ragioni noi siamo per questa terza ipotesi e per avere spiegazioni maggiori ci lasciamo prendere per mano da Erodoto, storico greco nato nel 484 avanti Cristo ad Alicarnasso. Nelle sue Storie (I, 94) racconta che al tempo di Atìs, figlio di Mane, diciamo noi intorno al XIII o XII secolo avanti Cristo, un po dopo la fine della Guerra di Troia, una tremenda carestia si sarebbe abbattuta sulla Lidia. La Lidia si trova nella parte meridionale della penisola anatolica: luoghi straordinari dove bisogna recarsi per vedere quel che i Romani lasciarono in quella loro Asia Minore, dove, nella purezza della Turchia profonda che si affaccia verso Cipro e la Siria e le coste dell Africa settentrionale, spuntano ovunque resti archeologici situati in modo tale che il viaggiatore ha ancora oggi la sensazione di scoprirli lui, più che vederli da turista. La stessa sensazione che si ha anche qui nella Tuscia, oggi, scoprendo gli insediamenti etruschi di Bolsena o Ferento, Vulci o Grotte di Castro, Tarquinia o Blera, Norchia o Tuscania, eccetera eccetera. Così i Lidi, dopo aver cercato di resistere alle disgrazie - pensate un po - inventando pas- 4

4 SPECIALE VITERBO satempi per sfuggire la fame, come i dadi, gli astragali, persino il gioco della palla, dopo 18 anni, decisero di dividersi in due gruppi: uno sarebbe rimasto per continuare comunque la stirpe, l altro avrebbe preso il mare. A capo della flotta che doveva partire dal porto antenato dell odierna Smirne, fu messo Tirreno, figlio del re. Partirono, dunque, e dopo tante peripezie degne di un altra Odissea, giunsero secondo Erodoto tra gli Umbri, e lì si fermarono, cambiando il loro nome da Lidi in Tirreni. In questa metamorfosi, a dare una mano a Erodoto arriva niente meno che Virgilio, il quale - nell Eneide (VIII libro, 478 e seguenti) - identifica i Tirreni nei Lidi. E molti storici greci e romani confermarono, in base a infiniti riscontri più o meno mitici, che i Tirreni sono chiamati Etruschi e Tusci dai romani; gli Elleni li denominarono Tirreni da Tirreno, figlio di Ati, uno dei discendenti di Ercole..., così Anticlide, citato da Strabone ( Geografia, V, 2, 4). Allora è in questo contesto, che continua a essere avvolto dalle suggestioni della leggenda, che americani e inglesi arrivano da Nord a comprarsi casali sperduti nella campagna o case negli infiniti centri storici della Tuscia, a due passi, non va mai dimenticato, da Roma. E che strada usano e che tappe fanno nelle loro moderne migrazioni? Per scendere dalla Toscana, ormai per loro già troppo frequentata dal jet set che abusa di notorietà e mondanità, i nostri pionieri a bordo delle Suv seguono l antica Via Francigena. Anche loro, come i pellegrini a cavallo del Mille, vanno alla ricerca della perduta Patria Celeste. In quel tempo, e da allora fino all altroieri per secoli e secoli, prìncipi e preti, cardinali e monaci, popolo grasso e bifolchi in grazia di Dio, in tanti cercarono di salvarsi l anima con un pellegrinaggio nelle capitali della cristianità. Per i musulmani, la Mecca era e resta una sola, ma per i cristiani, soprattutto quelli dei secoli bui dell alto medioevo, i poli di attrazione erano tre: Santiago de Compostela, estrema punta dell Europa occidentale che finisce nell Atlantico della Spagna gallega, dove l apostolo Giacomo aveva scelto di riposare in pace; la Terra Santa, sui luoghi della passione di Cristo; infine Roma, dove erano stati martirizzati Pietro e Paolo, fondatori della comunità ecclesiale cristiana e dove risiedeva il Papa, vicario di Cristo in Terra. Giuseppe Morozzo, carta del Patrimonio di San Pietro,

5 SPECIALE VITERBO In un reticolo impressionante di strade, basato su quell autentico capolavoro insuperato che restano gli assi viari dell Impero romano, i pellegrini si avviavano verso la pianura padana arrivando da Nord. Partivano magari dal Vallo di Adriano, ai confini scozzesi della Britannia, superavano la Manica e scendevano lungo il Reno o per altre vie e oltrepassavano le Alpi Occidentali: itinerari standard, secondo le memorie che ci ha tramandato Sigerico, arcivescovo di Canterbury, che tornando nel 994 alla sua diocesi da Roma, scrisse il diario del suo viaggio. Così, dopo più di mille anni, torniamo noi a seguire le tappe di quell avventura rivissuta milioni di volte lungo almeno sette secoli, sulle tracce della Via Francigena, che nella Tuscia si sovrappone per tratti considerevoli alla Via Cassia. E scopriamo che già i romani avevano approntato lungo questa come le altre vie consolari il sistema delle mutationes, ovvero i posti di cambio (dei cavalli) dislocati a intervalli compresi tra 7 e 12 miglia: cosicché i tabellarii, o corrieri a cavallo, potevano già all epoca percorrere 50 miglia al giorno, e un dispaccio inviato da Brindisi a Roma impiegava con l Appia circa una settimana, più o meno quanto ci mette anche oggi per posta normale. Ma le consolari, e quindi le vie maestre come più tardi la Francigena, prevedevano anche luoghi di sosta notturni, situati a un giorno di viaggio l uno dall altro, chiamati mansiones, forniti di ogni Le famose vasche d acqua termale a Bagno Vignoni. genere di comfort: locande, stalle, rimesse, che fornivano l assistenza di personale specializzato, quali stallieri, fabbri, maniscalchi, carpentieri per i carri, veterinari, cocchieri, per non dire degli stationarii, autentici agenti di polizia della strada, che dovevano regolare il traffico e presidiare le consolari contro ladri e briganti che le infestavano. Sulla Cassia è possibile vedere il sito di una di queste mansiones nella Valle di Baccano, verso Roma. Moderni pellegrini, che troviamo noi, a fianco di sofisticati lord inglesi e magnati americani, lungo la Francigena? Dalla Padania abbiamo valicato l Appennino presso Berceto e siamo scesi lungo la Toscana sulla Cassia, partendo da Siena e fermandoci magari a Montalcino, sulle colline del mitico Brunello, o a San Quirico d Orcia, nei suoi splendidi Horti Leonini, tra i primi esempi di giardini all italiana, o a Bagno Vignoni, dove ci si immerge nelle meravigliose vasche di acqua calda che sgorga dal sottosuolo, oppure infine a Radicofani, la celebre rocca che sovrasta da 900 metri la Val d Orcia e dalla quale il Ghino di Tacco di craxiana memoria taglieggiava quanti di lì dovevano passare. Ci siamo affacciati sul viterbese a nord, attraversando il fiume Paglia sul ponte a cinque arcate che fece costruire Gregorio XIII nel 1580 per sfuggire alle insidie delle frequenti piene che travolgevano i vetusti ponti di barche. Siamo all esterno della cinta craterica del 6

6 SPECIALE VITERBO Lago di Bolsena e incontriamo Acquapendente. E la città medioevale dei Pugnaloni. Niente paura, niente paurose storie gotiche. Si tratta solo di una festa di Mezzo Maggio collegata al miracolo del ciliegio fiorito e alla cacciata del Barbarossa nel 1166, ricordata con la processione della Madonna del Fiore, in cui gli acquesiani, divisi in gruppi, realizzano degli stupendi mosaici istoriati utilizzando fiori e foglie: si chiamano i Pugnaloni e vengono portati in corteo lungo il centro storico nella giornata governata dal Signore di Mezzo Maggio. Vince il quartiere che ha creato il Pugnalone più ricco e stupefacente. Ma non ce ne possiamo andare da Acquapendente prima di aver fatto un escursione alla Riserva naturale del Monte Rufeno, tremila ettari di boschi dove sono di casa nibbi, caprioli e cinghiali e dove, soprattutto, crescono le rarissime orchidee: provare per credere. Ora siamo a Bolsena, la città dei miracoli, la patria del Corpus Domini. E la Volsinii dei romani, l erede dell etrusca Velzna (Orvieto): adagiata sulla riva nord-orientale del lago, al centro del complesso dei monti Volsini, è esattamente a metà strada tra Siena e Roma. Un tempo questo gigantesco specchio d acqua, che arriva a 151 metri di profondità, un vero mare interno posteggiato dagli dei nel cono del vulcano, si chiamava Lacum Christinae, in ricordo di una bambina di 11 anni, figlia del prefetto Urbano. Accadde che Diocleziano avesse deciso uno dei tanti pogrom contro i cristiani e accadde che lei, proprio lei figlia del legato dell imperatore, avesse abbracciato la fede. Il padre, implacabile, ordinò di metterla a morte, ma i carnefici non riuscivano a eseguire la sentenza per tante miracolose ragioni. Allora Urbano ordinò: legatele una macina al collo e gettatela nel lago. Il lago di Bolsena. Bolsena: un particolare dell infiorata del Corpus Domini, lunga tre chilometri. 7

7 SPECIALE VITERBO Un tipico casale della Tuscia. Così fu fatto, ma l enorme pietra, invece di trascinare a fondo la sventurata, la tenne a galla e la riportò a riva, salva. Fatela a pezzi: fu la soluzione finale. E morte, finalmente, fu. Il povero corpo finì sull Isola Martana (una delle due splendide isole del lago), da dove lo fecero traslare a Bolsena nientepopodimenoche Gregorio VII e Matilde di Canossa, campioni della fede quant altri mai. Il feretro della santa finì nel 1078 nelle catacombe cristiane (ancora oggi in gran parte inesplorate) sottostanti quel tempio che è diventato in seguito la collegiata di Santa Cristina, una chiesa romanica dell XI secolo, con un superbo campanile del XIII, che svetta aperto su tre piani di bifore. E qui arriviamo al secondo miracolo che si intreccia in maniera inestricabile col primo. La cappella di Santa Cristina è nella navata a sinistra: lì sono custodite le sue reliquie, compresa la pietra che doveva ucciderla e invece la salvò dall annegamento trasformandosi in salvagente, e nella pietra ci sono le impronte dei suoi piedini. Che cosa volere di più come segno del trascendente? Sotto una splendida opera policroma di Giovanni della Robbia, è stata dunque posta quella sacra pietra ed è lì che nel 1263 avvenne il Miracolo del Corporale. Successe che un prete boemo - Pietro da Praga - mentre celebrava la messa venne colto dal dubbio sulla transustanziazione, ovvero l effettiva trasformazione in sangue e carne del vino e dell ostia consacrati. Allora la particola che il sacerdote aveva in mano cominciò a sanguinare e bagnò il corporale e macchiò il marmo del pavimento: il corporale, ovvero il telo di lino su cui vengono posti il calice e l ostia, segnato dal miracolo fu portato in processione a Orvieto, dove risiedeva Papa Urbano IV, che l 11 agosto 1264 promulgò la Bolla che istituiva la festa del Corpus Domini, immortalata nello splendido duomo di Orvieto e nell insuperabile affresco di Raffaello nelle Stanze in Vaticano. Naturalmente, se per il Corpus Domini vi capita di passare da queste parti, non perdetevi la solenne processione che si snoda per le vie del borgo fronte lago, sopra un tappeto di fiori di ben tre chilometri: ovvero siamo davanti all infiorata più lunga del mondo. Ma non di soli miracoli si vive. E infatti Bolsena vive di turismo ed è meta di villeggianti, molti stranieri, che affollano nelle giornate di sole, tutto l anno, i piccoli bar in riva al lago. Tanti giovani preferiscono d estate il lago al mare e i loro sorrisi spensierati e i loro corpi, costellati di piercing e orecchini - come ha ben notato Corrado Augias in un suo reportage sul numero dei Meridiani del luglio scorso dedicato alla Cassia - concorrono a togliere ai luoghi quell aura di misticismo esagerato che rischierebbe altrimenti di soffocare questi splendidi paesaggi. Così per ritrovare la gioia di vivere basta lasciarsi prendere dall envie de flaner dans le soleil o di navigare fino all Isola Bisentina, che abbiamo giusto di fronte, lontana sull orizzonte verso sud e ovest: allo sguardo si presenta con le pareti a picco sull acqua e per raggiungerla in barca bisogna chiedere il permesso ai prìncipi del Drago. Sull isola potrà essere orrendamente affascinante visitare il carcere, scavato nel tufo, riservato agli ecclesiastici eretici. E poi salire alla Rocca, costruzione ottagonale opera di Antonio da Sangallo il giovane, e ascendere al Monte Tabor seguendo le cinque cappelle del XV secolo, affrescate dai seguaci di Benozzo Gozzoli, immaginandosi che sull isola, nel IX secolo, in seguito alle incursioni dei Saraceni, trovarono rifugio stabile per più di cent anni tutti gli abitanti di Capodimonte. 8

8 Sarà un autentico strazio, per chi è sceso nella magia del lago vulcanico, abbandonarlo. C è una calamita che vi trattiene. E vi obbligherà forse a fermarvi sulla penisola lavica dove si stende il magico centro urbano di Capodimonte, una piattaforma sulla sponda meridionale che si incunea nel lago. Né riuscirete a non esplorare al tramonto i cinque chilometri di costa del lago lungo i quali si stende la necropoli etrusca di Bisenzio, con tombe a pozzetto addirittura della precedente civiltà villanoviana e con colombari di età romana. Tutto concorre a documentare quel grande e fiorente insediamento urbano, esistito ininterrottamente dall età del ferro fino a noi, una miniera inesauribile di reperti sparsi in tutti i maggiori musei del mondo, che ancora oggi ci regala sorprese come i sandali snodabili di età etrusca, inventati dagli abili artigiani bisentini e ritrovati intatti e usabili, oppure le piroghe recentemente individuate a dieci metri di profondità, e quindi visibili, che hanno la caratteristica di essere monossili, ovvero scavate in un unico albero, di notevoli proporzioni: lunghe fino a 10 metri, larghe 80 centimetri, alte 60, spesse 3 centimetri. Era Bisenzio, dall VIII al V secolo avanti Cristo, la vera capitale del lago e controllava i commerci per terra e per acqua, che incrociavano da Vetulonia a nord, da Tarquinia a sud, da Vulci da ovest verso il mare, e da est dalle valli del Tevere e dei Monti Cimini. La sua successiva decadenza è legata, semplicemente, alla conquista romana del lago: nel III secolo, i Romani creano sulla sponda opposta a Bisenzio la città di Volsinii, trasferendo lì forzatamente i superstiti di Orvieto, la Velzna degli etruschi diruta dalle legioni, e di lì faranno più tardi transitare la Cassia, che concentrerà i traffici sulla sponda orientale. E sulla Cassia torniamo anche noi per fare una breve tappa a Montefiascone, ormai sulla via di Viterbo, ma anche sulla Strada dei Vini dell Alta Tuscia. Questa strada è a Denominazione d origine supercontrollata e superprotetta: si dice dei vini, ma in realtà - come spiega l assessore alla Cultura e al turismo della Provincia di Viterbo, Giovanni Maria Santucci, riassumendo la Legge 90/85 della Regione Lazio - vuol dire una ventina di comuni dove si intende valorizzare i percorsi turistici e gastronomici, individuare botteghe del vino, aziende agricole che producono colture tipiche, trattorie con cucine caratteristiche, botteghe del pesce del Lago, aziende e casali dedicate all agriturismo, negozi e laboratori artigiani, eccetera. Il territorio è stato diviso in tre aree di produzione dei tre vini Doc: Est!!Est!!Est!!, Aleatico e Orvieto. A noi, adesso, interessa solo il primo. Perché ha una storia particolarissima, da raccontare. Caprarola: l imponente palazzo-fortezza realizzato su disegno del Vignola. Il suggestivo casale Fornovecchino. SPECIALE VITERBO 9

9 SPECIALE VITERBO Il lago di Vico. Entriamo a San Flaviano, chiesa romanica del XII secolo fondata su un tempio preesistente del Mille. Lì è collocata la pietra tombale del barone tedesco Giovanni Fugger o Defuck che reca un iscrizione: Est Est Est! propter nimium est hic joannes de fuk dominus meus mortuus est. Cos era successo? Successe che nel 1111 il barone tedesco era sceso al seguito dell imperatore Enrico V ed essendo un appassionato degustatore di vini di qualità, usava mandare avanti un suo furbo servitore con il compito di assaggiare i vini locali, contrassegnando la singola osteria con la scritta Est, se c era del vino buono. Arrivato a Montefiascone e assaggiato il vino dell oste del Moscatello (65% Trebbiano, 20 Malvasia e 15 Rossetto, tutti rigorosamente vitigni toscani), contrassegnò la mescita con tre Est!! Il barone tanto apprezzò la qualità del vino che ne bevve per due anni di seguito, così da morirne nel Comunque, riconoscente per il godimento che gli avevano fornito, il barone lasciò i suoi beni al municipio, con la precisa clausola che ogni anno sulla sua tomba doveva essere versato un barile di quel vino. Se volete assaggiarlo anche voi andate a Montefiascone la prima quindicina d agosto: il nettare scorre a fiumi, ed è gratis, offerto dal barone, che se la ride da lassù e brinda alla salute di tutti quelli che vogliono bene al vino buono. Ormai siamo a 20 chilometri da Viterbo: un attimo e sulla Cassia entriamo da Porta Fiorentina per uscirne da Porta Romana. Lasciamo la città dei papi, ampiamente descritta in altre parti de La Casana, 80 chilometri ci dividono dalla Capitale. Ma non cadiamo nella trappola della Cassia. Puntiamo decisamente su San Martino al Cimino e aggiriamo il Lago di Vico lungo l impareggiabile Via Cimina: la soluzione ci permette di viaggiare in pizzo del cratere a 500 metri d altezza, di scoprire colpi d occhio sul lago assolutamente insperati, di percorrere chilometri solitari a ogni ora in mezzo a faggete e castagneti che l autunno accende di colori straordinari, che non hanno nulla da invidiare al foliage dell indian summer bostoniana. Ed ecco subito, già in vista di Ronciglione, la deviazione per Caprarola. La cittadina è inserita - spiega l assessore Santucci - nell Itinerario Farnesiano della Tuscia. Sono infatti qui le radici della grande famiglia dei Farnese, da qui l illustre ca- 10

10 Acquapendente: la Riserva Naturale di Monte Rufino. SPECIALE VITERBO Alcune varietà di orchidee della Riserva Naturale di Monte Rufino. sato partì per la sua rapida e felice scalata al potere, che tanto dominio conquistò in Italia e in Europa, a cominciare dal soglio pontificio a cui assurse Alessandro con il nome di Paolo III. E fu certamente lui che rivelò quella vocazione al mecenatismo che qualificò per sempre i Farnese tra i maggiori protettori delle lettere, delle arti, della musica. Ne beneficiarono Roma, Parma, Piacenza, la Tuscia stessa. Da qui l invito al viaggiatore curioso e sofisticato a questo Itinerario farnesiano che ha la sua capitale proprio a Caprarola. Qui il Palazzo Farnese toglie davvero il respiro: edificato da Alessandro, nipote di Paolo III, su disegno del Vignola, il gigantesco palazzo-fortezza è nato insieme al paese che gli è stato per così dire spalmato tutt intorno, secondo un preciso progetto urbanistico. Le fondamenta ciclopiche insistono su una rocca eretta da Antonio da Sangallo il Giovane. Si tratta di uno dei più preziosi gioielli del Rinascimento ed è amatissmo da Carlo d Inghilterra, che per anni ha qui soggiornato, ponendovi pure la sede del suo Istituto di studi di architettura dell ambiente, poi trasferita all Est. Comincia la discesa verso Roma. Arriviamo, sempre viaggiando in una stupenda campagna dominata dai Cimini, al quadrivio di Ponterotto e da lì precipitiamo ai piedi di Sutri. No, non entriamo in città, non varchiamo le mura possenti e ancora affioranti. Stiamo fuori. Entriamo piuttosto nel magnifico anfiteatro ai margini della Cassia. Si apre inaspettato, tutto scavato a gradoni alti nelle pareti di tufo: è bello camminare sul suo prato verde, riposante, dà il senso e il gusto degli spettacoli che lì dovevano svolgersi dall inizio del I secolo avanti Cristo in poi. Ma come si arrivò alla costruzione di quest opera indubbiamente sorprendente in questo luogo perduto nelle gole delle ultime propaggini della Selva Cimina? Per scoprirlo ci facciamo aiutare da Paolo Giannini, autore di un opera profonda e affascinante sui Centri etruschi e romani dell Etruria meridionale. Immaginiamo un altipiano tufaceo lungo 500 metri e largo 200, profondamente eroso ai lati, orientato nordovest sud-est: era già abitato nel X secolo, età del Bronzo finale, e dominava le vie commerciali che legavano i centri costieri etruschi con le popolazioni falische dell entroterra del Tevere. Quando la minaccia di Roma si avvicina, Sutri - che deriva il suo nome da Saturno - si dota di una cinta di poderose mura (ancor oggi ben visibili sul lato che guarda la Cassia) più tardi incorporate nelle fortificazioni medioevali. Se la guardate dall alto, Sutri sembra la punta di una lancia: e davvero ha a lungo balenato in battaglia, almeno da quando i Romani conquistano Veio nel 396 avanti Cristo, avamposto etrusco a due passi dall Urbe, e puntano su Sutri che investono poco dopo. La conquistano, poi la perdono, la riconquistano. Furio Camillo la perse e la riprese in un solo giorno, battendo infine gli Etruschi di Tarquinia nel 380. Da qui venne il detto latino: Ire Sutrium, per dire detto fatto. 11

11 SPECIALE VITERBO A metà del II secolo a. C. la costruzione della Cassia, della quale resta tuttora un importante stazione, restituisce a Sutri tutta la sua importanza strategica e un diffuso benessere che l accompagna da sempre. Così la città diventa municipio romano dopo la guerra sociale a.c. - e con Augusto diventa Colonia Coniuncta Iulia Sutrina e, secondo Strabone, cresce fino a diventare fra le cittadine più popolose dell Etruria, come Arezzo e Perugia. Ed è allora che si costruisce l anfiteatro, e l arcano è svelato. Due curiosità, per finire. La prima: narra la leggenda che in una grotta-casa di Sutri sia vissuto con la madre Berta il paladino Orlando, prima di essere riconosciuto dallo zio Carlo Magno. La seconda: in un grande frammento marmoreo ritrovato in loco, che reca ben ordinato l elenco dei pontefici della Colonia di Sutri, compare anche il nome di Ponzio Pilato, che pronunciò la condanna di Gesù. Da Sutri a Roma solo Veio si pone come un baluardo. La città, tanto nemica di Roma da essere definita l altra e più antica Cartagine, dista solo 17 chilometri da Ponte Milvio, tradizionale punto d arrivo della Cassia e della Clodia che scendono dalla Tuscia. Dunque, Veio va vista e digerita per capire quanto i Romani l abbiano odiata fino a che non l hanno distrutta. Veio, urbs opulentissima Etrusci nominis è la città la cui sconfitta fece prendere coscienza ai Romani della loro forza militare e della possibilità di dare il via a quella espansione che culminerà nell Impero. L etrusca Vei, la greca Uentia, la latina Veii, era costruita su un ripiano tufaceo triangolare grande 190 ettari: i veienti, dal X secolo in poi, imbrigliarono le acque del Cremera e del Piordo, rivi In questa pagina Acquapendente: la realizzazione di un pugnalone, mosaico di foglie e fiori. A fronte Particolare di un pugnalone (in alto) e un tratto della via Francigena (in basso). 12

12 che nei millenni avevano eroso le pareti di tufo della piana rendendola praticamente imprendibile. Cominciano subito a litigare con le tribù di Romolo: le tombe di Veio dell VIII secolo (Roma fu fondata del 753 a. C.) restituiscono reperti di origine greco-euboica, colonie della Campania, il che significa che Veio commercia lungo il Tevere con i greci degli empori a sud dell Etruria Campana e che Veio è padrona del Tevere, presso le cui foci ci sono le saline e il cui controllo sarà il perno della politica veiate negli anni futuri e motivo di conflitto perenne con la nascente Roma. L Urbe, infatti, i veienti l aveva in casa: i sentieri che passano sotto la sua acropoli diventano infatti rapidamente strade commerciali che da Veio partono verso Formello a nord, verso Capena e Fidene a nord-est, a nord-ovest verso Vulci, Tarquinia, Nepi e Caere. A ovest, passando presso il tempio di Portonaccio dedicato a Giunone Regina, si arrivava a Roma e alla foce del Tevere e al Tirreno. Veio coi commerci cresce cresce, fino a 32 mila abitanti nel V secolo, e fino a controllare tutta la riva destra del Tevere e buona parte della sinistra, spingendo i suoi avamposti a Monte Mario e al Gianicolo. In una parola, Veio può e vuole strangolare la giovane Roma, anche se talvolta le offre il ramoscello d ulivo. Tuttavia è lo scontro che prevale, prima con la singola famiglia dei Fabii, che aveva interessi in zona, poi con l esercito romano: nel 474, dopo una battaglia vinta dai consoli Valerio e Manlio, prevale un armistizio che si spera durerà 40 anni. Ma nello stesso anno nelle acque di Cuma la flotta etrusca subisce una tremenda disfatta, che segna il tramonto della sua talassocrazia e l inizio della crisi economica dell Etruria intera. Di questa crisi Veio fa le spese, perché quando chiederà aiuto alle dodici città etrusche convocandole al Fano di Voltumna, si sentirà dire di no. E ciò che aspettava Furio Camillo, che nel 396 la conquista e la rade al suolo e trasporta a Roma la statua e il culto di Giunone Regina, venerata sulla rocca della città sconfitta, e a lei dedica un tempio sull Aventino. Il console non mancherà inoltre di ringraziare anche l Apollo di Delfi, al cui santuario invierà un grande cratere d oro. Veio vale una visita. Per la sua storia e per quello che è rimasto: anche se il mitico Apollo di Veio oggi è possibile vederlo solo al Museo di Villa Giulia. Abilmente restaurato, se ne sta solitario come lo generò Vulca, l unico artista etrusco di cui le fonti ci abbiano tramandato il nome, autorevolissimo rappresentante di una scuola di coroplasti che illustrava in quel periodo non solo Veio, se è vero che la tradizione attribuisce a Vulca anche la statua acroteriale del tempio di Giove Capitolino. Vulca, dunque, cotanto artista da essere chiamato anche all estero. Ed è giusto in questa saletta del ninfeo di Villa Giulia a Roma, alle falde di Villa Borghese, dove l Apollo ci sorride immortale, che finisce il nostro lungo viaggio. SPECIALE VITERBO 13

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Itinerario di 7 notti attraverso le bellezze artistiche, naturali ed enogastronomiche del Lazio Grand Tour del Lazio Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Bonjour Italie:

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare Tre giorni a piedi nella Costa degli Etruschi. Dall elegante Campiglia Marittima si entra nel Parco di San Silvestro tra le antiche

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Guida all uso. on line

Guida all uso. on line Guida all uso on line www.romatiburtina.it Ricco di storia, di attività, di tanti beni e servizi che sono cresciuti insieme alle case, alle famiglie e alle loro esigenze, nel V Municipio, tutto è a portata

Dettagli

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA Nel 2011 siamo andati a Torino, per onorare i primi 150 anni della nostra Italia. Nel 2012 siamo stati a Roma, la nostra Capitale, e lì abbiamo avuto l onore di recarci

Dettagli

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente Poor Niagara Falls! scrisse un lontano giorno, con una punta forse di invidia, Eleonor Roosevelt sul libro d oro dell albergo delle Cateratte dopo aver visto le cascate di Iguazù. In effetti sono spettacolari:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA

In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA Cofanetti SCRINIUM SCRINIUM è una linea di cofanetti dedicata alle mete dello Spirito in Italia e nel Mondo che dona alle persone la possibilità di vivere esperienze

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

La Polonia di Wojtyla

La Polonia di Wojtyla La Polonia di Wojtyla VIAGGI DI GRUPPO IN BUS www.generbus.it SCOPRI I LUOGHI DI PAPA WOJTYLA Il 27 aprile 2014 Papa Giovanni Paolo II verrà proclamato santo. Wojtyla, il nuovo Papa chiamato di un paese

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com TOUR DEL GUSTO,VINO E CIOCCOLATO 2 PERSONE 229 EURO 3 PERSONE 329 EURO 4 PERSONE 429 EURO 5 PERSONE 559 EURO Da 6 a

Dettagli

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 La Scuola dell infanzia L. Scotti Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 REGINA MADRE TERRA Siamo partiti da un racconto dal titolo: REGINA MADRE TERRA Per sensibilizzare

Dettagli

LeMOBYGuide. Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire. Volume 2

LeMOBYGuide. Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire. Volume 2 LeMOBYGuide Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire Volume 2 Un comune recente Proteso sul Mar Tirreno e naturale braccio Nord del Golfo di Olbia, Capo Figari è un aspro promontorio

Dettagli

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Pagina 1 Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Scheda informativa Punto di partenza: Bolsena Distanza da Roma: 113 km. Lunghezza: 34,3 km. Ascesa totale: 720 m. Quota massima: 559

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia Partendo dalla Chiesa di S. Maria delle Fortezze scendiamo verso Via Garibaldi e Via dei Mille, per proseguire per via della Verità, alla scoperta

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede Varese Villa Panza Sacro Monte Campo dei Fiori il Forte di Orino - Durata 1 giorno Percorso: indirizzato a gambe un po allenate Sviluppo: 35

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

VESUVIO. Prezzo tour privato Prezzo tour collettivo * 1 persona 90 2 persone 95 3 persone 100 4 persone 105

VESUVIO. Prezzo tour privato Prezzo tour collettivo * 1 persona 90 2 persone 95 3 persone 100 4 persone 105 Pompei, famosa in tutto il mondo per i suggestivi scavi, è in una posizione ideale per poter visitare agevolmente le altre bellezze della nostra regione. Situata geograficamente al centro dell area di

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it - tel. 346 5446353 I NUOVI SENTIERI NEL TERRITORIO DI BOLCA La Pro Loco di Bolca, aderendo alle richieste dei turisti di poter conoscere,

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Passeggiando per Genzano

Passeggiando per Genzano Passeggiando per Genzano Genzano di Roma è un comune di 24.397 abitanti della provincia di Roma nel Lazio ed è situato sul versante esterno del cratere vulcanico del lago di Nemi. ...Forno antichi sapori...

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

L incanto italiano: Puglia e Basilicata

L incanto italiano: Puglia e Basilicata L incanto italiano: Puglia e Basilicata Località: Puglia, Salento, Valle d'itria, Basilicata, Terra di Bari Città: Castel del Monte, Trani, Alberobello, Ostuni, Castellana Grotte, Matera, Lecce, Otranto,

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci INDICE PRESENTAZIONE (Sergio Rinaldi Tufi) pag. V INTRODUZIONE (Francesca Ceri)» 1 ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci I. AMBIENTE E PAESAGGIO» 11 La natura del suolo» 12 Idrografia» 18 La costa» 23

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

ALMAR sea. dell ALMAR viaggi s.r.l.

ALMAR sea. dell ALMAR viaggi s.r.l. TRAVEL AGENCY - T. O. fiavet LA MACCHINA DI SANTA ROSA E LA TUSCIA 1 GIORNO 31 AGOSTO 2014 :Bagnaia e Santuario della Madonna della Quercia Arrivo nel primo pomeriggio a Bagnaia, che fu per lungo tempo

Dettagli

cd centro documentazione

cd centro documentazione cd centro documentazione Turismo scolastico di puccy paleari / elena pollastri Basilica S. Pietro al Monte Oratorio S. Benedetto sopra Civate ieri nello spazio Viabilità Dov è oggi nel tempo fuori Basilica

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede DIOCESI DI PORDENONE Aprile 2013 3 giorni; 2 notti Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede Percorso catechistico-celebrativo Porta fidei semper nobis patet, quae in communionem cum Deo nos infert datque

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

SPAGNA del NORD I Paesi Baschi

SPAGNA del NORD I Paesi Baschi Corso Cavour, 4 28021 Borgomanero (No) Tel.+39 0322/843936 fax +390322/846764 E-mail info@grandangoloviaggi.com Web www.grandangoloviaggi.it SPAGNA del NORD I Paesi Baschi San Sebastian, Bilbao, Burgos

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI)

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Il lotto e situato a Torrenieri, una frazione del comune di Montalcino (Si). I terreni risultano all interno delle zone definite d.o.c. per la produzione

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004

Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004 Due giorni tra le province di Roma e Viterbo Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004 Partenza da Telese Terme (BN) Km percorsi 682 Finalmente riusciamo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Tra rupi ofiolitiche e boschi lussureggianti le limpide acque del torrente

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli