L APPROCCIO ALLA TELEDIDATTICA DELL UNIVERSITÀ DI VERONA. LA TECNOLOGIA NON BASTA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L APPROCCIO ALLA TELEDIDATTICA DELL UNIVERSITÀ DI VERONA. LA TECNOLOGIA NON BASTA."

Transcript

1 DiPAV, 2005, n.x, YYY-ZZZ L APPROCCIO ALLA TELEDIDATTICA DELL UNIVERSITÀ DI VERONA. LA TECNOLOGIA NON BASTA. Giovanni M. Bianco * Sommario In questo articolo si descrive l infrastruttura per l erogazione dei servizi di Videoconferenza dell Ateneo di Verona. Ma, la rete, il software e i collegamenti a banda larga da soli non consentono di portare al successo un esperienza di insegnamento di questo tipo. Il vero problema che i tecnici e docenti devono affrontare è come posizionarsi correttamente in questo nuovo contesto. Ambito che tocca profondi aspetti organizzativi e tecnologici, e che è necessario conoscere prima di iniziare a progettare il sistema. Il caso di studio deriva dall esperienza dell Ateneo di Verona. Saranno esaminate l infrastruttura tecnologica e il suo impatto organizzativo sulle strutture. Abstract In this paper the attention is focused on the videoconferencing infrastructure of the University of Verona. It has been recognizing that online and e-learning is not a mere implementation of the technical infrastructure, i.e. the net, the software, the wide-band internet connection. The real problem facing technicians and professors is how to find the right strategies to move in this new context which involves profound organizational and technological aspects that need to be well understood before the system is designed. The case-study is drawn from the experience of the University of Verona, focusing attention on the technical infrastructure and its impact in the University. *Dott. Giovanni Michele Bianco, Servizi Informatici di Ateneo, Università degli Studi di Verona. 1

2 I.Bianchi, U. Savardi 1. Introduzione Lo scopo di questo articolo consiste nel descrivere l infrastruttura tecnologica che sta alla base dei servizi di videoconferenza dell Ateneo di Verona, riportando considerazioni al contorno e di contesto relativamente alle scelte tecniche e all utilizzo degli strumenti messi a disposizione. Gli informatici, spronati dall esigenza primaria che consisteva nell adozione di strumenti di videoconferenza al fine di evitare la replicazione dei corsi destinati alle varie sedi della Laurea in Infermieristica della Facoltà di Medicina, si sono mossi per far evolvere in modo naturale e continuativo le potenzialità del sistema tecnologico. La fortissima spinta iniziale dei proponenti la Videonferenza si è esaurita subito dopo la presentazione del sistema, primariamente per la delusione dei richiedenti di fronte alle possibilità del servizio offerto. Perché non si è adottato il sistema? Dove sono stati gli errori? E quali erano le aspettative? Dove hanno fallito gli informatici? Per molto tempo vi è stato dibattito su queste, e altre, domande. Per quel che concerne questo articolo, si cercherà di dare una risposta all ultima domanda: dove hanno fallito gli informatici? Sono penetrati in un mondo che ha dimensioni diverse da quelle classiche ormai consolidate: non è solo una questione di tecnologia, è una questione di adozione della tecnologia. Sull argomento, sarebbe bastato leggere la storia di altre rivoluzionarie tecnologie al fine di capire la delicatezza del mondo che si stava approcciando (Cuban, 1986). Il problema di una corretta interpretazione dei servizi informatici per i nuovi ambiti, comunque, tocca gli Atenei di tutto il mondo, e non solo quelli italiani o quello veronese. La letteratura descrive le situazioni consuete di Ateneo ove si innestano le scelte per le infrastrutture di Videoconferenza o e-learning: si assiste ad una presenza di piccoli team di Facoltà e Dipartimento, non interagenti e inconsapevoli l uno degli altri, che portano avanti con decisione, ma limitatamente alle loro esigenze, esperimenti e standardizzazioni informatiche creando i presupposti perché il loro sistema in particolare divenga quello generale (Collis 1999). Più in piccolo, internamente alle Facoltà e ai Dipartimenti, è anche noto l entusiasmo di singoli professori che adottano sperimentazioni sofisticate per i loro corsi, sebbene poi questi docenti generalmente non siano seguiti dai loro stessi colleghi di Facoltà o Dipartimento. 148

3 Le forme minime dell esperienza percettiva Che occorra un approccio standardizzato e integrato per uscire dalle nicchie personali o di team è fuor di dubbio, altrimenti l insieme di iniziative scorrelate avrà un successo parziale e limitato, e a lungo andare non permetterà, se non con difficoltà, una integrazione delle diverse componenti (Jochems, 2004). Ironia del campo dell e-learning, visto come integratore (inteso anche come assimilazione) di diverse modalità comunicative e interattive: l integrazione sembra proprio mancare nel momento in cui si tratta di parlarsi per decidere in modo unitario a livello di Ateneo verso quale strada andare. L e-learning integra diverse modalità comunicative, ma non vi è integrazione preliminare a livello di relazioni tra i gruppi o le persone che lo propongono. Scopo di questo articolo è descrivere le potenzialità che l Ateneo di Verona offre per l infrastruttura di videoconferenza. Le scelte seguite sono allo stato dell arte e in linea con gli attuali standard aperti. Quello che manca, però, è lo sfruttamento della potenzialità del sistema. Verranno analizzati i motivi del mancato utilizzo considerando il punto di vista degli informatici, inserendolo però in un contesto di riferimento più generale. 2. I precursori: dalla radio al Personal Computer nelle classi È intrigante notare come l atteggiamento nei confronti delle modalità di videoconferenza o e-learning sia in continuità tra i tecnici, i professori e gli operatori della formazione fin dall introduzione della radio e dei film nelle classi di studenti. Sebbene sia praticamente impossibile trovare studi italiani o europei sull impatto delle nuove tecnologie nella didattica nel corso dei decenni passati, vi sono interessantissimi spunti di riflessione riportati nel 1986 da Larry Cuban (Cuban 1986) il quale ripercorre, a partire dal 1920, i tentativi di introduzione delle nuove tecnologie e le disillusioni che ne derivarono negli Stati Uniti d America. Questa sezione ne riporta alcune considerazioni. È innanzitutto interessante notare come anche i grandi scienziati furono particolarmente fuorviati dai rivoluzionari sistemi tecnologici delle varie epoche. Scriveva Thomas Edison nel 1922 a proposito dell introduzione del film (muto) nelle classi: Io credo che il film sia destinato a rivoluzionare i nostri sistemi educativi e che in pochi anni soppianterà grandemente, se 149

4 I.Bianchi, U. Savardi non completamente, l uso dei libri di scuola. Gli studenti saranno presto istruiti attraverso l uso dei loro occhi. Ma solo la minoranza dei professori usò materiale didattico sottoforma di film. Varie furono le ragioni, soprattutto legate al costo della tecnologia, alla sua difficoltà d uso o alla scelta del giusto film per la classe. Tuttavia, anche altri sistemi quali la radio, sebbene identificati a metà degli anni 1930 come il mezzo per portare ovunque a basso costo i professori più brillanti e rendere universalmente disponibili le conoscenze del mondo e le opinioni dei grandi scienziati I libri diverranno l aria furono presto dimenticati o relegati a nicchie. Anche qui le ragioni si sprecarono, sebbene si puntasse il dito verso la letargia e l indifferenza dei professori nei confronti di queste novità tecnologiche. Vi fu poco tempo per il dibattito, poiché nel 1953 comparve la televisione. Fu l avvento della nuova era, almeno per chi pensava che quando l occhio e l orecchio si uniranno nella televisione, allora assisteremo alla spalancatura delle porte da parte delle scuole per questo prodigio della tecnica. Tuttavia, nonostante milioni di dollari spesi, e nonostante i proclami rivoluzionari iniziali, la televisione fu presto relegata come mezzo occasionale per la visione di contenuti. Al di là di analoghi aspetti già considerati per il film e la radio (problemi tecnologici, la scelta del materiale, problemi di utilizzo) è quasi goliardico notare come tra i motivi del non uso molti professori sottolineavano che gli studenti spendevano più tempo per l andirivieni dai bagni, piuttosto che per guardare la TV in classe. In ogni modo, anche in questo caso fu un fallimento la promessa iniziale. Finalmente arrivò The man of the Year 1982, cioè il computer e il suo carico di innovazione. Le predizioni sulla rivoluzione digitale si sprecarono da parte di tutti gli scienziati dell epoca: il computer spazzerà via la scuola. Cioè, la scuola concepita come classi, professori, esami e organizzazione non sarà più la stessa, semplicemente perché tutto questo è incompatibile con la presenza del computer. Ma a più di vent anni di distanza, ognuno di noi può tirare le somme. Recentemente, sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta su tutti i livelli di scolarizzazione negli Stati Uniti d America (Cuban, 2001): i computer, dall Asilo all Università, sono usati come rimpiazzo di altri strumenti domestici quali la macchina da scrivere, lo stereo, il videoregistratore, il lettore di DVD, o come mezzo per navigare in rete. Le scuole pensano di fare informatica quando si somministra agli scolari degli Asili, delle Elementari o delle Medie un percorso didattico sui PC che al 150

5 Le forme minime dell esperienza percettiva massimo dura 30 minuti alla settimana. Semplicemente, lo strumento non è stato capito, e le lezioni si continua a somministrarle nello stesso modo agli alunni, come se il computer non esistesse. Si arriva, infine, all introduzione delle infrastrutture hardware e software per la Videoconferenza e la Teledidattica: sono gli strumenti definitivi per portare ovunque necessario la presenza virtuale del professore. Basta una collegamento a banda larga e il gioco è fatto. Lo studente interagirà con il docente e si rilasseranno i vincoli spazio-temporali. Ma se in ambito italiano nel 2004 solo 5 Università hanno regolari corsi on-line (concetto che spazia dalla trasmissione delle immagini video a sofisticati framework di e- Learning), si può capire quale impatto questa rivoluzionaria metodologia abbia avuto (Liscia, 2004). Insomma, tecnologie super-sofisticate di ogni tempo non sono state usate per come erano state pensate. Qualcosa non è andato per il verso giusto. Ma cosa? Dove sta il denominatore comune tra tutti gli entusiasmi e i fallimenti delle tecnologie? Perché si pensa che tutto ciò sia conservatorismo dei professori? Cosa occorre fare per evitare di ripercorrere gli stessi errori? Sebbene non si possa che condividere in pieno l affermazione di Niels Bohr, premio Nobel della Fisica, quando dice che è difficile fare previsioni, soprattutto riguardanti il futuro qualche suggerimento la storia ce lo può dare. È vero che l adozione a larga scala di una infrastruttura hardware e software per la videoconferenza e/o l e-learning dipende da molti fattori e molti attori, tuttavia l esperienza fin qui accumulata dimostra che non vi è consapevolezza di cosa, quando, perché e come usare questi nuovi strumenti. Anzi. La problematica più sottile, cui gli informatici inciampano, consiste nella credenza che l introduzione di nuovi strumenti di Videoconferenza ed e- Learning sia in continuità con il principio dell informatica che: il sistema evolve e nuove tecnologie devono essere introdotte che rimpiazzano le precedenti. Ma non è così: non si tratta di avere un PC più veloce, o un masterizzatore DVD Double Layer, o una infrastruttura di rete affidabile che consenta quel determinato Quality of Service per veicolare il flusso video. Piuttosto, la rivoluzione della videoconferenza o dell e-learning percorre dimensioni diverse e in aggiunta a quelle tecnologiche. Forse, analizzando i fallimenti, qualche punto di riferimento in questo nuovo spazio si 151

6 I.Bianchi, U. Savardi può ritrovare. Qualche ragione informatica utile per capire queste nuove tecnologie verrà discussa nella Sezione

7 Le forme minime dell esperienza percettiva 3. L architettura di Videoconferenza dell Ateneo veronese I servizi che possono essere offerti dall infrastruttura di videoconferenza dell Ateneo veronese sono molti e molto sofisticati. In questa sezione si illustreranno i componenti principali e alcune importanti possibilità che possono essere fruite (Pistilli, 2002). Tra i moduli hardware e software che compongono il sistema di videoconferenza dell Ateneo veronese, i principali sono i seguenti: > Sottosistema Gatekeeper > Sottosistema di Management ed Amministrazione > Sottosistema di Video Telefonia > Sottosistema Gateway > Sottosistema di Data Collaboration > Sottosistema di Multipoint Video Conferencing 3.1 Sottosistema Gatekeeper Il Gatekeeper è il dispositivo di registrazione di tutti gli elementi centrali o periferici presenti in rete, preposto a sviluppare le fondamentali funzionalità di controllo di accesso e di controllo di chiamata in corrispondenza di ogni istanza di servizio formulata dagli utenti di rete. 3.2 Sottosistema di Management ed Amministrazione Sul livello informativo creato dal Gatekeeper insistono i necessari processi di coordinamento, gestione ed amministrazione della rete multimediale, quali ad esempio la creazione e gestione dei profili di utente singoli o di gruppo, autenticazione, supervisione dello status, allocazione della banda all interno di singole zone H.323. Il modello di riferimento ITU H.323 è l ombrello di tutti gli standard audio, video, e di controllo necessari per veicolare i contenuti audio/video su una rete di protocollo IP. 153

8 I.Bianchi, U. Savardi 3.3 Sottosistema Gateway Il sistema Gateway realizza la traduzione dello standard H.323 ed H.320 (analogo al modello H.323, ma orientato al mondo della telefonia) consentendo l instaurazione di sessioni ibride ISDN-PSTN/IP di tipo punto punto e di tipo multipunto. L ISDN e il PSTN sono protocolli/ambienti telefonici. 3.4 Sottosistema di Data Collaboration Tale sistema consente la condivisione di applicazioni in modalità pienamente interattiva basandosi sul protocollo standard T.120. Il server gestisce un numero variabile di partecipanti e può funzionare in modalità sincrona rispetto ad una sessione Audio/Video di tipo multipunto. Infatti, i punti finali di videoconferenza H.323 possono essere integrati da un servizio T.120 che consente agli utenti di condividere in modo dinamico le proprie visualizzazioni di un'applicazione, come un foglio di calcolo, le pagine di videoscrittura, o qualsiasi altra applicazione operante sukl proprio PC. 3.5 Il Sottosistema di Multipoint Video Conferencing (MCU) Il sistema multifunzionale conforme agli standard H.323 si basa su moduli hardware installati e in particolare il modulo MCU (Multipoint Conference Unit) permette di supportare videoconferenze con più partecipanti contemporanei, disponendo attualmente di una capacità massima di 60 partecipanti simultanei. Il modulo MCU supporta: > Videoconferenze multipunto di alta qualità > Monitoraggio e controllo della conferenza online > Sessioni video ad alta qualità (fino a 2 Mbps) > Modalità di visualizzazione a presenza continua con immagine su schermo suddivisa fino a 16 finestre (layout personalizzabile) o immagine singola con attivazione vocale > Interfaccia Web che consente ai partecipanti di invitare altre persone a partecipare 154

9 Le forme minime dell esperienza percettiva > Gestione della conferenza su Web, inclusi: o Monitoraggio o Blocco dell'immagine su uno speaker o Disconnessione del partecipante o del terminale > Regolazione dinamica in fase di conferenza dell'ampiezza di banda > Collaborazione dati con protocollo T.120 integrata con qualsiasi conferenza multipunto Tramite altri moduli, ad esempio il Video Processing Server (VPS), si risponde alle diverse esigenze di connettività permettendo ai terminali endpoint di partecipare ad una videoconferenza secondo diverse larghezze di banda contemporanee senza deteriorare il collegamento degli altri partecipanti alla conferenza stessa. Il VPS collabora con il modulo MCU installato per adattare in modo ottimale la larghezza di banda durante una videoconferenza multipunto. La figura seguente descrive un esempio di conferenza in Continuous Presence realizzata per mezzo del modulo VPS. Il modulo MCU trasmette le immagini video ricevute da ciascuno degli end-point al modulo VPS. Il modulo VPS elabora il bit rate ricevuto e lo restituisce al video uscente dell'apparato MCU. Questo trasmette l'immagine video ad ogni end-point con il bit rate adatto, secondo la larghezza di banda disponibile. Nella conferenza raffigurata con presenza continua, la qualità dell'immagine inviata a ciascun quadrante dello schermo dipende dalla larghezza di banda disponibile per ciascun end-point. 155

10 I.Bianchi, U. Savardi 3.6 Cos è una Zona H.323 È un insieme di dispositivi controllati da un Gatekeeper, come schematizzato dalla figura seguente. La Zona H.323 è definita attraverso un numero univoco: è in pratica come un prefisso di identificazione vero e proprio. Se per esempio occorre chiamare un utente telefonico a Milano, nel mondo della telefonia si digita il prefisso 02 seguito dal numero telefonico dell abbonato. Nel caso dell infrastruttura di videconferenza, se si intende chiamare un end-point presente in una altra zona si dovrà digitare il numero della zona (per esempio 818) seguito dal numero assegnato all utente dal Gatekeeper dell altra zona. Quindi, concettualmente le due tipologie di chiamata sono pressoché identiche. Ciò anche per rendere naturale l approccio alle chiamate video, nascondendo la tecnologia sottostante. 156

11 Le forme minime dell esperienza percettiva Zona Gateway Gatekeeper Router Router MCU Segment A Segment B Terminal Terminal Terminal Terminal Terminal 3.7 Standard Video e Audio Vari sono gli standard video che possono essere considerati per veicolare l informazione visiva. In particolare nella seguente tabella vengono riportati nella prima colonna l identificativo internazionale dello standard e nella seconda colonna le possibilità di risoluzione video (in pixel): Codifica H.261 H.263 Risoluzione SQCIF (128*96) QCIF (176*144) CIF (352*288) 4CIF (704*576) 16CIF (1408*1152) 157

12 I.Bianchi, U. Savardi Analogamente agli standard video, si possono introdurre gli standard audio, riportati nella seguente tabella: Standard Larghezza di banda Campionamento G kbit/s 3.4 khz G kbit/s 7 khz G.723 6,4 (5,3) kbit/s 3.4 khz G kbit/s 3.4 khz G kbit/s 3.8 Tipologie di connessione offerte dal sistema Molte sono le combinazioni possibili che l infrastruttura di videconferenza in questo momento operante può offrire. Nel prosieguo si riportano quelle che si presumono di maggior interesse. La prima è una configurazione semplice in cui due end-point sono connessi su rete ISDN con 1 (128Kbps), 2 (256Kbps) o 3 (384Kbps) BRI (Borchie ISDN). 158

13 Le forme minime dell esperienza percettiva Configurazione ISDN punto-multipunto VERONA FIRENZE endpoint H.320 ISDN endpoint H.320 NAPOLI TORINO endpoint H.320 MCU ISDN endpoint H.320 Centro Servizi MCU Questa configurazione permette, utilizzando un apposito Centro Servizi in cui è installato un MCU ISDN (analogo al classico MCU, ma operante con linee telefoniche anziché con servizi di rete) di realizzare una multivideoconferenza contemporanea tra varie città sfruttando le linee telefoniche ISDN. Con la successiva configurazione è invece possibile, oltre a realizzare delle videoconferenze punto-punto, realizzare anche delle Videoconferenze Multipunto coinvolgendo più end-point connessi alla rete LAN. Configurazione IP punto-multipunto Endpoint H.323 MCU H 323 Ethernet Endpoint H Endpoint H 323 Endpoint H 323

14 I.Bianchi, U. Savardi Questa configurazione rappresenta generalmente l approccio naturale e più richiesto. La soluzione seguente permette di collegare i mondi LAN basati su protocollo IP, e quello telefonico basato sui protocolli/ambienti ISDN e PSTN. Inserendo un elemento hardware denominato gateway H.323/H.320 è infatti possibile tradurre i protocolli H.323 e H.320, permettendo di fatto il collegamento tra una postazione su rete LAN e una postazione connessa alla rete ISDN/PSTN. È inoltre possibile chiamare un telefono cellulare o un telefono fisso da una postazione LAN e viceversa. Configurazione IP/ISDN punto-multipunto GATEWAY H 323/H 320 Ethernet ISDN PSTN FIRENZE Endpoint H.320 Endpoint H.323 MCU Telefono Mobile o Fisso ROMA Questa architettura ricopre grandi doti di flessibilità. Permette di realizzare multivideo e multiaudio conferenze coinvolgendo endpoint differenti e quindi all occorrenza anche persone raggiungibili solo telefonicamente. Si pensi alle possibilità che potranno emergere con la telefonia di terza generazione (UMTS). 4. Il panorama generale delle Università in Italia Sebbene non con quella spinta che sembrerebbe accompagnare l introduzione tecnologica della videoconferenza o dell e-learning, gli atenei italiani stanno comunque seguendo la strada dell inevitabilità dell adozione di sistemi didattici basati sull on-line, convinti del fatto che la formazione on-line presenti caratteristiche che la possono rendere per 160

15 Le forme minime dell esperienza percettiva certi versi complementare alla modalità didattica standard. Non solo: l adozione di modelli di e-learning è stato anche spinto dall Unione Europea al fine di contribuire alla mobilità, al riconoscimento reciproco, allo sviluppo di nuovi sistemi organizzativi. Tuttavia, nonostante l impulso della nascita delle Università telematiche in Italia (Decreto 17 Aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni abilitate a rilasciare titoli accademici ) il quadro emergente nel nostro paese rivela in grande le problematiche riscontrate nell Ateneo di Verona. Nelle prossime sezioni, tratte da e-learning Stato dell arte e prospettive di sviluppo (Liscia, 2004), si riportano i dati statistici più esemplificativi al fine di capire quale possa essere il corretto approccio alla Videoconferenza o all e-learning. Il quadro statistico è molto recente, quindi, per certi versi ancora più utile, visto il grado di dinamicità del settore. 4.1 Il panorama dell adozione di strumenti on-line Circa il 72% degli Atenei (in tutto, 79 tra Università e Istituti parificati di Alta Formazione) è impegnato in iniziative di on-line ma di questo solo il 7% circa (5 Atenei) è caratterizzato da un offerta a regime, mentre il rimanente 65% ha sperimentazioni di nicchia. Il 28% degli Atenei (cioè 22 su 79) non ha mai intrapreso sperimentazioni di on-line. Il modello largamente preferito dalle Università italiane è quello relativo all adozione di tecnologie per arricchire, innovare e aumentare l efficacia della didattica prevalentemente basata sulla presenza fisica, definita come insostituibile. 4.2 Il quadro organizzativo Gli strumenti on-line comportano un forte impatto a livello organizzativo in quanto sono necessarie infrastrutture nuove e figure nuove, ma anche docenti che ripensino il modo di fare didattica. Tuttavia, almeno per quel che concerne la presenza di una struttura tecnica, il 60% degli Atenei dichiara la sua assenza, il 10% si rifà a quella esistente (servizi informatici) e il 16% ha previsto un centro apposito per l e-learning. La casistica rimanente è rappresentata da strutture di ricerca per la sperimentazione degli aspetti di e-learning. 161

16 I.Bianchi, U. Savardi Dunque solo pochi atenei hanno destinato quote di budget per una attività centralizzata, sebbene vi sia una tendenza a considerare la frammentazione come causa di sprechi. L effetto collaterale dell assenza di strutture dedicate è quello relativo alla presenza di materiali didattici non conformi (e non uniformi) all ottica on-line, ma che invece seguono la forma delle comuni dispense che lo studente scarica e stampa. 4.3 L adozione degli strumenti e i fattori di criticità Sono varie le motivazioni che portano l Accademia italiana all adozione degli strumenti on-line, come dimostrano i risultati dei quesiti rivolti ai docenti intervistati: efficacia di apprendimento (73%), flessibilità (66%), esigenze organizzative (38%), acquisizione di nuovi studenti e diminuzione del tasso di abbandono (38%), scelte culturali (18%). Interessante verificare che caratteristiche di competizione tra Atenei siano quasi ignorate (13%). Sono presenti dei forti fattori di criticità nell adozione delle tecnologie. Il primo fattore è la diffidenza dei docenti: il 68% non sono convinti dell uso dell on-line. Ancora lato docente : il 67% dichiara che non intravede riconoscimenti sull impegno con possibili ricadute carrieristiche. Più bassa, il 42%, è la motivazione riguardante l assenza di una strategia di Ateneo. Seguono altre motivazioni quali gli alti costi di gestione (31%), la scarsa formazione dei docenti (27%), la difficoltà di reperimento delle figure professionali (25%), le difficoltà di coinvolgimento degli studenti (22%), la mancanza dei requisiti tecnologici minimi lato utente (11%), la necessità di tenere aggiornati i contenuti (8%), l inadeguatezza di varie discipline (4%) e la minor efficacia rispetto all aula tradizionale (2%). 5. Il caso dell Ateneo veronese Quanto riportato in precedenza può senz altro rappresentare una chiave di lettura dell esperienza dell Ateneo veronese, la quale può essere descritta entrando nel dettaglio. 5.1 Il panorama dell adozione di strumenti on-line a Verona L Ateneo veronese fa senza dubbio parte del 65% che dichiara di avere sperimentazioni di nicchia. A quanto risulta sapere (considerato quanto riportato in Sezione 1 in merito all esistenza di molti gruppi autonomi non 162

17 Le forme minime dell esperienza percettiva interagenti), vi sono vari gruppi di ricerca che stanno sperimentando tecnologie di fruizione on-line nelle varie Facoltà e/o Dipartimento. Tali gruppi di ricerca si interfacciano raramente con l organizzazione centrale (Direzione Servizi Informatici di Ateneo) e solamente quando sono necessari adeguamenti relativi alle protezioni sui firewall (per l apertura di determinate porte ) o particolari riservazioni di banda (al fine di migliorare la qualità del servizio erogato). Da un indagine informale sono presenti gruppi che gestiscono: > strumenti di forum > mailing list > strumenti collaborativi > sperimentazioni sulle modalità di comunicazione/percezione visiva > collegamenti dedicati di fruizione contenuto punto-punto > condivisione basata su T.120 Tali sperimentazioni di nicchia sono state evidenziate a seguito della proposta di adozione a livello di Ateneo dello strumento di videoconferenza. L emersione del sommerso, per parafrase altre realtà, ha in ogni modo portato a galla, almeno a livello informatico, un panorama disomogeneo e indipendente che tende a risolvere problematiche di nicchia. Di converso, la motivazione contemplata a livello centrale per l adozione degli strumenti di fruizione on-line si rifà alla necessità di replicare remotamente e in tempo reale alcune lezioni di corsi di laurea della Facoltà di Medicina, le quali prevedono la contemporanea fruizione in sedi extracittadine. Vari sono stati gli elementi a favore di una proposta di fruizione on-line: in primis quello relativo alla economicità derivante dalla non accensione di contratti di docenza (fino a 4 repliche quasi esatte per ciascuna materia). Il costo dell infrastruttura hardware e software (dell ordine di qualche centinaio di migliaia di Euro) si sarebbe ammortizzato entro un arco temporale di due/quattro anni. Attualmente si è ancora in fase di test senza una data di fruizione a regime. 5.2 Il quadro organizzativo dell Ateneo veronese 163

18 I.Bianchi, U. Savardi La fruizione on-line dei contenuti non necessita solo di una infrastruttura hardware e software, ma anche di un servizio di supporto adeguato. Purtroppo tale necessità si scontra con problemi di bilancio e con i vincoli dettati dalle norme per quanto riguarda l accensione di contratti per l assunzione, anche a tempo determinato, di personale tecnico. Tuttavia, questi vincoli (come spesso accade) non hanno fermato la realizzazione delle infrastrutture, le quali sono state realizzate al meglio dello stato dell arte. In questo senso il peso dell adozione delle tecnologie è ricaduto sull unica struttura centrale (Direzione Servizi Informatici di Ateneo) la quale è stata vista come la responsabile della Videoconferenza. Purtroppo, in questo senso Verona rientra in quel 10% (cioè 7 Atenei i- taliani) in cui si è preferito avvantaggiarsi di una struttura esistente piuttosto che crearne una nuova per le questioni relative alla Teledidattica. 5.3 L adozione degli strumenti e i fattori di criticità nell Ateneo veronese Come già riportato, il motivo primario per l adozione degli strumenti on-line era quello di replicare remotamente e in tempo reale lezioni di alcuni corsi di laurea. Secondariamente, si erano privilegiate considerazioni relative all abbattimento dei costi di missione negli spostamenti dei gruppi di ricerca: costi che si riducono a zero con l uso di strumenti on-line (e di scambio dati interattivo con il T.120). Non vi sono ufficialmente altre motivazioni a parte, ovviamente, gli importanti filoni di ricerca relativi allo studio dell impatto pedagogico/organizzativo di questi nuovi strumenti. Sicuramente quindi l Ateneo veronese rientra tra quelli ove appaiono necessarie la flessibilità (66%), o le esigenze organizzative (38%). Altro scenario, invece, per quel che riguarda i fattori di criticità: considerato lo scarso utilizzo attuale dell on-line, essi devono essere profondamente radicati. Alle caratteristiche riportate nell analoga sezione del panorama generale italiano, si aggiungono le seguenti: > l on-line è una discontinuità nel principio dell evoluzione normale del sistema informatico. Infatti, gli informatici sono stati convinti a far evolvere naturalmente il sistema informativo/co al fine di prevedere l esistenza anche di nuovi servizi on-line. L on-line, invece, rappresenta una discontinuità forte, per il fatto che forza cam- 164

19 Le forme minime dell esperienza percettiva biamenti radicati in un settore considerato non informatico quale è appunto la didattica. > La disillusione dei richiedenti: gli strumenti adottati sono allo stato dell arte, sofisticati, operanti con standard aperti eppure sono apparsi limitati agli stessi richiedenti, una volta che si sono visti in opera. Tra le ragioni, si rileva senz altro quello della distribuzione dei contenuti visivi medici (non ancora paragonabile a quella di una slide ad alta definizione proiettata in classe), le problematiche di sincronismo tra il parlato e le immagini, le problematiche di controllo delle presenze fisiche, per citarne alcune. > La ristrettezza dei vincoli temporali e di budget: la richiesta prevedeva entro pochi mesi di adottare strumenti di videoconferenza senza incidere sui vincoli di bilancio. Questa è una caratteristica onnipresente nei progetti informatici: pochi riconoscono l esigenza di una progettualità standard in cui si identifichino esattamente tramite un processo più o meno complesso i richiedenti, gli stakeholders, il time plan, il budget, le risorse, eccetera. > L induzione d uso: è stata considerata una induzione d uso nel senso che si è data per implicita l adozione a livello di Ateneo di uno strumento nato per una Facoltà. Questo rientra senz altro nell assenza (per i vincoli citati) di progettualità. Le esigenze e le visioni delle Facoltà non sono tutte uguali; chi vive in questo ambiente lo conosce molto bene. > La frammentarietà esclusiva : cioè l esistenza di molti gruppi che hanno introdotto sistemi/strategie di e-learning con eredità che potrebbero essere molto pesanti da integrare ; ogni attore, infatti, potrebbe vedere il proprio strumento come quello essenziale per l e- Learning con probabili ricadute di non accettazione in caso di scelte diverse. 165

20 I.Bianchi, U. Savardi 6. Conclusioni Nel presente articolo è stata esaminata l esperienza informatica dell Università di Verona relativamente agli aspetti della Videoconferenza. Gli informatici hanno probabilmente sottovalutato la profonda influenza che questi nuovi servizi hanno sulle consuete attività di docenza. Ciò ha determinato che la fase progettuale fosse minimale, sufficiente per una evoluzione naturale dei servizi di un sistema informativo universitario, ma non sufficiente per il nuovo mondo dell e-learning. L impressione che i tecnici ne hanno derivato, comunque, è che questa consapevolezza non fosse presente nemmeno nei richiedenti, considerate le disillusioni derivanti dall uso del sistema. Attualmente il sistema è operativo e offre servizi a tutti colori che li richiedono, consentendo all Ateneo di Verona di partecipare con alto livello di interattività audio/video a videconferenze nazionali ed internazionali. Bibliografia Cuban, L. (1986). Teachers and Machines. New York: Teachers College Press. Cuban, L. (2001). Oversold and Undersused: computers in the classroom. Cambridge (Massachusetts): Hardward University Press. Jochems, R., van Merrienboer J., Koper, R. (Ed.) (2004). Integrated E-learning: implications for pedagogy, technology and organization. London: Routledge- Falmer. Liscia, R. (Ed.) (2004). E-learning Stato dell arte e prospettive di sviluppo. Milano: Apogeo. Maragliano, R. (Ed.) (2004). Pedagogie dell e-learning. Roma: Editori Laterza. Pistilli, R. (2002). Esame della architettura di rete per la fruizione dei Servizi di VideoConferenza Università di Verona S.I.A. Verona: Rapporto Interno. 166

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Percorso Formativo C1

Percorso Formativo C1 1 Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 1 Infrastrutture informatiche all'interno di un istituto scolastico

Dettagli

Internet e telematica Mauro Nanni

Internet e telematica Mauro Nanni Internet e telematica Mauro Nanni Connessione ad Internet ad uso didattico A partire dalla seconda metà degli anni 90 le scuole hanno iniziato ad utilizzare strumenti telematici per le attività didattiche

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Ernesto Damiani Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Universita di Milano Polo di Crema damiani@dti.unimi.it http://olaf.crema.unimi.it 1 Sommario Sistemi

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 Moodlemoot 2014 La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 DM 47 30 Gennaio 2013 Art. 1 1. Le disposizioni di cui al presente

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

L INNOVAZIONE ENTRA IN CLASSE: LIM - LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE

L INNOVAZIONE ENTRA IN CLASSE: LIM - LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE CORSO DI PERFEZIONAMENTO L INNOVAZIONE ENTRA IN CLASSE: LIM - LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE (PERF01) a.a. 2011-2012 Attivazione Il Centro Servizi Territoriali IRSAF/Università Telematica UNITELMA SAPIENZA

Dettagli

La formazione sincrona nell e-learning in contesti di disagio minorile

La formazione sincrona nell e-learning in contesti di disagio minorile Network Humanitatis - un filo di luce che unisce il sapere La formazione sincrona nell e-learning in contesti di disagio minorile Dott. Ugo Contino Ing. Giuseppe Foglietta Legenda E-learning come tecnologia

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 1.Descrizione della Soluzione La soluzione per la audio/videoconferenza EW2 proposta da Gruppo SIGLA consente di comunicare e collaborare a distanza, senza muoversi

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

HSH@network. Piattaforma e servizi per la videocomunicazione

HSH@network. Piattaforma e servizi per la videocomunicazione HSH@network Piattaforma e servizi per la videocomunicazione Hospital School Home! Il progetto Scuola in ospedale e nato per permettere agli studenti ospedalizzati di proseguire il loro percorso formativo!

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Servizi di videoconferenza

Servizi di videoconferenza Servizi di videoconferenza Documento redatto per: Contesto operativo Il servizio consiste nella erogazione di sessioni di multi videoconferenza HD a diversi tipi di utenza: sale conferenza equipaggiate

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su e Telefonia su Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su IP e Telefonia su IP Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi VoIP - 1 M. Baldi: see page 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Gruppo Multimedia CCR Rapporto di attività

Gruppo Multimedia CCR Rapporto di attività CCR Rapporto di attività Stefano Zani (INFN CNAF) Commissione Calcolo e Reti Roma, 2-3 Ottobre 2006 Attività Svolte nell ultimo anno Attività di Gestione Servizi: Gestione delle Multivideoconferenze in

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE Con l edizione speciale di 30giorni di agosto è stato pubblicato il materiale didattico del corso Il benessere degli animali in allevamento. Lo stesso corso viene ora

Dettagli

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO Bucciarelli Ducci C, MD; Roberto Donati, MD ; Roberto Mezzanotte, MD ; Domenico Mattioli, MD

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti.

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti. Assessorat de l Education et de la Culture Assessorato Istruzione e Cultura TRASMISSIONE*VIA*PEC* Réf. n - Prot. n. 46145/SS Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Regione

Dettagli

Easy School Net Versione Professional

Easy School Net Versione Professional Easy School Net Versione Professional Rete Didattica Multimediale interattiva "Easy-School. Per Enti ed Istituti Scolastici, Aule di Informatica e laboratori linguistici informatizzati La semplicità d'uso

Dettagli

Istruzioni per l'uso. Informazioni su questo manuale. Informazioni sulla funzione Gateway videoconferenza

Istruzioni per l'uso. Informazioni su questo manuale. Informazioni sulla funzione Gateway videoconferenza Istruzioni per l'uso Leggere attentamente il presente manuale prima di utilizzare il dispositivo e tenerlo sempre a disposizione per poterlo consultare in caso di necessità. NEI LIMITI MASSIMI PREVISTI

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano ASSESSORATO ALLE POLITICHE CUTURALI Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO CATALOGO CORSI 1. Informatica di base Partendo dalla descrizione

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Pag. 1 di 5 Descrizione e finalità del progetto. Il progetto Scuole di montagna finanziato dal Fondo Sociale

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Bologna, 27 novembre 2014

Bologna, 27 novembre 2014 Bologna, 27 novembre 2014 Lo scenario Editoria e formazione La crisi globale, gli avanzamenti tecnologici e i mutamenti culturali stanno fortemente impattando il mondo dell editoria e quindi della formazione:

Dettagli

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in La lavagna interattiva multimediale (LIM) e le nuove tecnologie per l insegnamento II edizione A.A. 2011/2012 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete Descrizione del corso Il protocollo IP è alla base del funzionamento di Internet. La naturale evoluzione della fine degli indirizzi IPv4 è

Dettagli

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI Relatore: dott. ing. Oscar Trevisan (membro CEI Confartigianato Imprese) NUOVE TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE Home e Building automation Spesso, tale

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI FORMAZIONE UNIVERSITARIA ON-LINE MASTER IN BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI A Distanza e con Campus Virtuale A partire dall A.A. 2009-2010 Coordinamento Prof. Adriano Tagliabracci

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

EVOLUTION DML SHW. Consolle di Regia EVOLUTION DML

EVOLUTION DML SHW. Consolle di Regia EVOLUTION DML EVOLUTION DML SHW ll Laboratorio Linguistico Multimediale EVOLUTION DML SHW, dotato del software EDUTRONIC imdr per la simulazione di un potente registratore Virtuale, è uno dei più potenti Laboratori

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia

elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia Milano, 30 giugno 2003 1 Osservatorio E-learning 2003 Le Università Italiane e l e-learning

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

FAQ Master Universitario ONLINE di secondo livello in:

FAQ Master Universitario ONLINE di secondo livello in: FAQ Master Universitario ONLINE di secondo livello in: > PROGETTAZIONE SISMICA DELLE STRUTTURE PER COSTRUZIONI SOSTENIBILI 1) Perché un master? Uno studio recente (2010), svolto negli Stati Uniti, dimostra

Dettagli

Che cosa sono gli ebook

Che cosa sono gli ebook Che cosa sono gli ebook Per capire meglio che cosa sono gli ebook proviamo ad attivare una discussione preliminare sulle caratteristiche e i significati di questa nuova tecnologia del libro. Questo stesso

Dettagli

I servizi cloud per la didattica

I servizi cloud per la didattica I servizi cloud per la didattica Un servizio offerto da DidaCloud srls Fare startup significa fare cose nuove che cambiano la vita propria e altrui Riccardo Luna, primo direttore dell edizione italiana

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli

Videocomunicazione: Strumento Competitivo. Autore : Mauro Spagnoli

Videocomunicazione: Strumento Competitivo. Autore : Mauro Spagnoli Videocomunicazione: Strumento Competitivo Autore : Mauro Spagnoli Agenda Un cenno alla storia La videoconferenza tradizionale Analisi di utilizzo, dei benefici e dei costi La videoconferenza ad oggi L

Dettagli

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD di Marco Orazi e Mauro Ranchicchio La Scuola IaD inizia nel 1997 la sua attività di erogazione di corsi in modalità teledidattica mettendo

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN

VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN COME CONFIGURARE IL DISPOSITIVO DI TELEASSISTENZA VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN Requisiti hardware: Dispositivo VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN con versione di firmware almeno 6_1_s2. SIM Card abilitata al traffico

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning 1 METHODY: the one stop shop solution for your e-learning projects La FAD (Formazione a Distanza) dopo anni di sperimentazione

Dettagli

Proposta Videoconferenza Collaborativa

Proposta Videoconferenza Collaborativa Proposta Videoconferenza Collaborativa La Videoconferenza Collaborativa offerta da Ae.Net Nei confronti delle imprese che desiderano beneficiare dei servizi di Videoconferenza Collaborativa, Ae.Net svolge

Dettagli

1.5 Reti informatiche

1.5 Reti informatiche 1.5 Reti informatiche Una rete informatica è un insieme di computer collegati fra loro da una rete di comunicazione in modo che ogni computer possa comunicare e scambiare dati con ogni altro computer della

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete Inizio corso: 22 Febbraio 2011 Fine corso: 30 Aprile 2011 - Data orientativa Descrizione del corso Il protocollo IP è alla base del funzionamento

Dettagli

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET La Rete Didattica Multimediale EDU NET raggruppa diverse tipologie di reti didattiche che possono essere hardware, software o un insieme di hardware e software per meglio

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto 2/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Continua l inchiesta sull e-book in Italia: dopo aver visto che cos è e come funziona il libro digitale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Telecomunicazioni Telecomunicazioni Classe V D Classe V D INSEGNANTI Prof.

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO PER LA DISCIPLINA di SISTEMI L assessorato al turismo di una provincia di medie dimensioni vuole informatizzare la gestione delle prenotazioni degli alberghi associati.

Dettagli

Corso di Aggiornamento e Formazione Professionale Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet) e l'ebook

Corso di Aggiornamento e Formazione Professionale Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet) e l'ebook Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet) e l'ebook Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali e Formativi Università degli Studi di Firenze a.a. 2011/2012

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli