PRESIDENTE... si cambia!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESIDENTE... si cambia!"

Transcript

1 LUGLIO 2005 ASA Onlus -Via Val Cismon 103, Thiene (VI) iscritta al n VI0427 del registro Regionale Veneto PRESIDENTE... si cambia! Meglio essere in due che da solo. Lavorare insieme rende di più. Se uno cade, il compagno può aiutarlo. Ma se uno è solo e cade, nessuno lo aiuta a rialzarsi. Se fa freddo, in due si può dormire insieme e star caldi, ma uno da solo come si scalderà? Quando si è aggrediti in due ci si può difendere. Come dice il proverbio: fune a tre capi, difficile a rompere. Qoelet 4,9-12 La situazione in Ecuador è precipitata a metà aprile. Da mercoledì 13 il popolo di Quito ha voluto manifestare pacificamente, in forma libera e spontanea il suo disaccordo verso il governo: bambini, giovani adulti e famiglie sono scesi in strada per chiedere un modo di guidare il paese che porti a una vita dignitosa per tutti. La risposta del presidente, Lucio Gutierrez, è stata armata, con atti di violenza e repressione fino al giorno della sua destituzione, mercoledì 20 aprile. Gutierrez è stato sostituito dal suo vice Alfredo Palacio. Ancora una volta in 26 anni dal ritorno alla democrazia in Ecuador martedì 19 aprile 2005 è avvenuto un cambio di presidente prima della scadenza del mandato elettorale. L'Ecuador è una repubblica presidenziale. Sono tre i Poteri dello Stato: l'esecutivo, rappresentato dal Presidente Costituzionale della Repubblica, il legislativo, il cui rappresentante è il Congresso Nazionale formato da 125 legislatori nazionali e provinciali, ed il giudiziale il cui organo massimo è la Corte Suprema di Giustizia. Questa continua situazione di instabilità politica limita le possibilità di costruzione di uno Stato democratico e genera pratiche di corruzione e nepotismo arrivando al risultato che l'ecuador sia il secondo paese più corrotto dell'america Latina dopo il Paraguay Si tratta di una democrazia giovane che tuttavia non ha maturato una coscienza politica e manca di memoria storica visto che uno degli ex presidenti, che fu un vero e proprio dittatore, è tuttora presente come deputato e possiede una influenza forte in uno dei luoghi di potere fondamentali come il congresso. Non possiamo dimenticare poi che, come la maggior parte dei paesi in via di sviluppo, pur essendo l'ecuador ricco di petrolio e materie prime, il pagamento del debito estero occupa circa il 60% del prodotto interno lordo, che esiste una perenne dipendenza dalle decisioni del fondo monetario internazionale, che molte decisioni politiche dipendono dagli accordi con le imprese multinazionali e che il disagio causato dalle condizioni di povertà della maggior parte della gente cresce sempre di più, causando il fenomeno dell emigrazione che negli ultimi anni ha portato all estero più di di ecuatoriani su un totale di Esiste inoltre un quarto potere che grava pesantemente sulla vita politico-sociale dell Ecuador ed è la forza militare che rappresenta la massima espressione di sicurezza nel paese: è sempre determinante In questo numero Pag. PRESIDENTE SI CAMBIA 1 P. JOSÈ CAROLLO, L OPERAIO DI DIO TEMPO DI VACANZE 4 SPAZIO FANTASIA SOLIDALE 7 3

2 Pagina 2 NotiAsa l appoggio o meno dell esercito per un cambio presidenziale. In questa occasione la situazione che ha portato alla destituzione del presidente Gutierrez comprende, oltre a tutto questo retroterra storicosociale problematico, una successione di scelte politico giudiziare incomprensibili, come la destituzione della Corte Suprema di Giustizia e l annullamento dei processi in corso all ex presidente per furto di denaro dello stato dandogli così la possibilità di rientrare nel paese dopo solo 8 anni dall esilio, giusto il giorno della morte del Papa, con festeggiamenti faraonici da campagna elettorale. La popolazione, stimolata inizialmente dai partiti dell opposizione, è scesa in piazza per uno sciopero nazionale con una marcia che non ha visto molta partecipazione. La novità è nata grazie ad una radio indipendente della capitale, più volte zittita nelle frequenze e nelle linee telefoniche, che ha dato vita ad un movimento popolare pacifico, creativo e spontaneo che, riunendo dopo il lavoro giornaliero persone di tutte le età e classi sociali in punti fissi di Quito, ha manifestato il senso di sfiducia nelle istituzioni attraverso il cazerolazo (sbattendo le pentole), il reventòn (prendendo il nome dalla musica locale commerciale chiamata regeton, e facendo scoppiare palloncini), il tablazo (sbattendo tavole di legno), il frenazo (macchine ferme), rollazo (carta igienica), mochilazo (partecipazione degli studenti che portano zaini), camarazo (camere fotografiche e video). Ancora una volta la caratteristica del popolo sudamericano, di passare dal pensiero all azione senza un momento di riflessione, ha fatto crescere la partecipazione popolare di dissenso arrivando a far decidere al presidente di rispondere con la repressione e le contro manifestazioni (di gente pagata), che ha portato a scontri violenti e purtroppo a 4 morti. Proprio nel giorno della ricorrenza della Vergine Dolorosa, l esercito ha ritirato il suo appoggio e il Congresso ha votato per la destituzione del Presidente, nominandone uno nuovo nella persona dell ex vice presidente. Questi si trova nella posizione non facile di riportare la stabilità e la fiducia nelle istituzioni; il suo primo discorso che ha puntato su due punti vitali come la sanità e l educazione sembra essere di buon auspicio. Rimane comunque forte la volontà popolare di chiedere nuove elezioni, ma per il momento si aspetta la visita di una commissione dell organizzazione degli Stati Americani che verifichi gli eventi, mentre Gutierrez ha raggiunto il Brasile che lo ha accolto come rifugiato politico. Una luce di speranza viene anche dal fatto che le persone manifestano il bisogno di formazione politica e la stessa radio, che ha accompagnato le manifestazioni antigovernative, propone delle assemblee popolari per elaborare delle proposte. Come gruppo di missionari padovani in Ecuador sentiamo che il nostro compito più importante sarà quello di accompagnare questo processo di formazione delle coscienze attraverso il rafforzamento di una proposta di pastorale sociale e la condivisione del lavoro in una Associazione che si impegna in progetti di sviluppo, come Asa. Affidiamo alla Vergine Dolorosa di intercedere per sostenere questo popolo nella strada che porta alla pace e alla libertà della pienezza di vita. tratto da del 28 Aprile 2005

3 NotiAsa Pagina 3 P. JOSE CAROLLO L OPERAIO DI DIO È morto padre José Carollo, l'operaio di Dio, un addio al padre della solidarietà... Era solito svegliarsi alle 5 della mattina per pregare, venerdì 13 maggio, padre Josè (Giuseppe) Carollo si è risvegliato in cielo, dopo una lunga sofferenza per il cancro terminale al pancreas e fegato: ora è lì per accompagnare i poveri dal cielo, con Papito Dios (così, in modo confidenziale, si rivolgeva a Dio Padre). Era nato il 13 aprile di 1931 a Carré (Vicenza), ma in questi anni ripeteva che nacque per sbaglio in Italia avendo passato più di 50 anni in Ecuador e sentendosi legato alla gente dell Ecuador, specialmente ai poveri del sud. Arrivato come giovane studente salesiano nel 1949, viene poi consacrato sacerdote e dopo aver vissuto nella comunità religiosa per diversi anni, nel 1976 lascia la congregazione per dedicarsi ai poveri nella zona sud della capitale ecuadoriana. Il suo lavoro nei quartieri da sud fu impressionante ed è molto difficile trovare un quartiere nel sud di Quito in cui non ci sia un'orma del suo lavoro: chiese, centri medici, case parrocchiali, asili, biblioteche, abitazioni popolari, l'università Salesiana... Fu ideatore di molte opere, ma non agì solo. Tutte le sue opere le finanziò attraverso donazioni che venivano specialmente dell'italia, USA, Germania, Spagna ed Irlanda. È riuscito a realizzare quello che a stento il governo ancora non ha eseguito: una attenzione alle necessità delle persone meno abbienti. La sua gran opera è quella di un altro ospedale per attenzione ai più poveri Un Canto alla Vita, nel settore sud di Quito compiuto finora al 70%. Le testimonianze lo ripetono: Fu umile, lavoratore, era Fondazione Tierra Nueva La fondazione Tierra Nueva, fondata da Padre Giuseppe Carollo, ha cominciato ad assistere la gente più bisognosa di Quito nel 1970, garantendo in un primo periodo servizi medici e asili nido nel nord di Quito. Tuttavia, le maggiori necessità riguardavano il sud della città, dove le famiglie vivevano in promiscuità e in condizioni inadeguate, dove l urgente attenzione alla salute era una priorità. Per tale motivo, Padre Carollo e Tierra Nueva risposero alla chiamata d aiuto. Dedizione ed impegno hanno ispirato i professionisti della Fondazione a lavorare e riuscire a formare quella che oggi è una grande famiglia chiamata Tierra Nueva. Con 32 anni di servizio, Tierra Nueva è una delle organizzazioni più antiche e rispettate di Quito. Padre Carollo continua a gestire e coordinare le sue attività da casa propria, ubicata anch essa nel sud di Quito. Con l appoggio della famiglia di Tierra Nueva e di collaboratori esterni, la Fondazione cerca di migliorare e molto serio e silenzioso, ma preciso e molto ostinato, non gli piaceva essere contraddetto... ma sempre pensava come aiutare la gente. I collaboratori, le persone vicine e anche la gente comune lo ha lo ha salutato riconoscendolo nella loro vita come il padre, il vicario, il fratello, l amico il ricordo e la stima sono concordi e si ripetono nella strada, sui giornali, alla radio ed alla televisione, a testimonianza di una persona che ha saputo spendersi per gli altri coinvolgendo persone e istituzioni a tutti i livelli. Sul semplice feretro di legno la bandiera dell Ecuador, dell Italia, la stola, la Bibbia ed una rosa esprimono la sua dedicazione alla missione, ad un Paese, ai poveri, proprio come lui diceva: Offro questo cammino ai poveri del mio Paese. Loro mi hanno evangelizzato. Tutto lo devo a loro e all infinita misericordia di Dio. Pochi mesi fa, nell inaugurazione di un opera per i poveri disse: Qui il povero non ha spazio per la vita, allora abbiamo l'urgenza di dare a tutti un minimo di dignità alla vita. Graziano Mason, uno dei suoi affettuosi amici e collaboratori dice con convinzione che la sua opera non rimarrà incompiuta: gli anni passati insieme hanno segnato uno stile ed un esempio: la passione per Dio, per la vita, per i poveri... ed il suo fuoco interno. Quito, 16 maggio 05 p. Nicola De Guio aumentare i suoi servizi in favore della gente che ne ha maggiore bisogno. Attualmente i servizi di salute, educazione e sviluppo infantile si sono ampliati e migliorati fornendo alla comunità del sud servizi di qualità che garantiscono dignità alle persone. Per informazioni: Fondazione Tierra Nueva, Cardenal de la Torre y Ajaví, Ciudadela Quito Sur Telefono: (593-2) o (593-2) Fax: (593-2) E- mail:

4 Pagina 4 NotiAsa TEMPO DI VACANZE Con l estate arriva anche il tempo, tanto agognato, delle vacanze e per molte persone é diventato un tempo da sfruttare nel migliore dei modi possibile. Ma cos é che spinge molte persone a cercare qualcosa di diverso, a non accontentarsi delle solite vacanze al mare o ai monti? Per quali motivi non ci accontentiamo e cerchiamo qualcosa di nuovo? Sará forse la necessità di rompere anche con questa routine delle vacanze? Penso che la necessitá che si sente sia quella di ritrovare il ritmo originario di vivere, di ridare al cuore il suo giusto battito, smarrito durante l anno tra le innumerevoli occupazioni, giuste e buone, ma disumane. Il riprendere fiato. Forse la consapevolezza che il riposo vero é quello del cuore, e il riposo del cuore lo si raggiunge facendogli rivivere i ritmi normali del suo battito, non fermandolo. É cosí che le vacanze diventano occasione per riscoprire i legami familiari e valorizzarli, é un tempo dove sento la necessitá di reincontrarmi e di stare con le persone per il solo gusto di stare insieme e condividere. Darsi tempo per vivere al ritmo dell amore. Per questo c é tutto un sorgere di attivitá che facilitano il ritrovare questo ritmo giusto e originario: ci sono proposte di campi lavoro, di scambi interculturali; ci sono proposte per conoscere da vicino e in prima persona realtá di cui solo si sente parlare, e per le quali anche si prega, come le realtá delle missioni, ecc. Tutto questo vuole andare al di lá di un semplice fare qualcosa di straordinario e fuori del comune, vuole essere qualcosa di piú che un avventura, vuole essere un riscoprire la dimensione vera della persona, fatta per incontrare e amare, attraverso il lavoro, la conoscenza, lo scambio. É cosí che intendiamo i viaggi che si organizzano con il centro missionario diocesano, che hanno il loro costo, non solo economico (che non é poco) ma anche di preparazione e impegno, perché si inizia qualcosa che non si sa dove ci porterá. É cosí che intendiamo anche lo scambio che si sta realizando tra Ecuador e Padova con un gruppo di animatori del settore giovanile. Fuori da questa prospettiva mi sembra che il rischio sia quello di vivere una fatica in piú. Il cambiare routine solo per cambiarla, il fare qualcosa di diverso e magari anche caritativo, per straviarmi o per darmi la possibilita di mettermi a posto la coscienza, o per sentirmi nel numero dei giusti e dei buoni ; realmente non ha senso, non mi riposa affatto, e forse é per questo che dopo un esperienza forte ho bisogno di una settimana o piú di vacanze al mare o ai monti, quasi per riprendermi dai colpi subiti. Ritrovare il propio ritmo del cuore, che mi porta ad aprirmi a me stesso e agli altri non mi puó lasciare tranquillo e in pace, mi fa perdere i sonni, mi fa perdere la tranquillitá, mi porta a recuperare quel desiderio di Dio che incontro nei fratelli e nel vivere con loro, lasciando da parte la competenza, volendogli bene perché sono, perché ci sono, anche se a volte mi accorgo che ci sono solo quando mi pestano i piedi. É questo per me il riposo vero, che ritempra le forze, che mi disintossica e mi libera, per amare meglio e di piú. É qui che il cuore si fa piú forte, perché incontra l amore, che é il riposo piú salutare. Buone vacanze! Don Giuseppe Nante

5 NotiAsa Pagina 5 SPONDYLUS quando l essere umano è il soggetto dello scambio Spondylus è il nome preispanico di un mollusco che vive soprattutto nelle acque calde del golfo di Guayaquil (Ecuador) e lungo le coste di Tumbes (Perù). Il suo svilupparsi è stato, nei secoli, una forma naturale di preannunciare il replicarsi del disastroso fenomeno del niño. Per questo era considerato oggetto sacro e, con grande ritualità, diventava oggetto di scambio tra i popoli. Spondylus è il nome che ASA ha scelto per identificare un progetto, da poco avviato, con cui viene offerta, ai govani sensibili e innamorati dell Ecuador, la possibilità di condividere un tempo ben determinato (da un minimo di un mese) con gli operatori di ASA e le comunità cui l Associazione si rivolge. Non sono richiesti profili professionali particolari, se non la disponibilità a porsi in ascolto, ad accogliere, a conoscere, ad osservare superando la tentazione tutta occidentale del fare e dell insegnare. Ai volontari, ASA offre alloggio in ambienti calorosi e familiari, condivisi con gli operatori dell Associazione; un alimentazione rispettosa delle abitudini degli stranieri, colazione e cena nella casa in cui si è alloggiati, pranzo nel luogo ove si presta servizio di volontariato. E una grande opportunità per vivere a diretto contatto con la realtà, la cultura, le persone; un occasione per imparare almeno gli elementi base della lingua spagnola; uno spazio in cui misurare sul campo la propria generosità e capacità di vivere in autentico spirito di servizio. Generalmente i volontari vengono inseriti nei centri Infantili, nei doposcuola e nelle attività proprie del progetto di educazione alla cittadinanza attiva e partercipativa. Finalità di Spondylus è conoscere e conoscersi; coniugare globale con locale; intercambiare esperienze di realtà distinte senza pregiudizi: razziali, sociali, economici. Spondylus è il progetto con cui recuperare l essere umano come soggetto dello scambio. Tutti i costi (biglietto aereo, assicurazione, vitto e alloggio, trasporti in loco) sono a carico del volontario. Nello spazio gente che va, gente che viene trovi i nomi di chi si è già avvicinato a questa proposta. Per informazioni rivolgersi a: Centro Missionario Diocesano di Padova, Via Vandelli 10, Padova, tel e chiedere di Novella FATTI CONTAGIARE!!! L anno scorso, più o meno in questo periodo, mio marito ed io eravamo intenti a preparare le valigie per affrontare quello che sarebbe stato il viaggio più significativo della nostra giovane vita. Sapevamo che non sarebbe stata la solita vacanza, ma non sapevamo quanto quei 20 giorni ci avrebbero cambiati. Durante l anno, che ha preceduto il viaggio, grazie agli incontri mensili, organizzati dalla dal Centro Missionario, abbiamo potuto prepararci incontrando persone che ci hanno aiutato ad aprire mente e cuore verso il Sud del mondo. Partiti con otto compagni di viaggio, eravamo tutti pieni di entusiasmo, ma impauriti dalla radicata mentalità occidentale che portava a chiederci: cosa possiamo fare una volta arrivati? Che saremo in grado di dare? riusciremo ad aiutarli? Una volta arrivati, allo scorgere i primi sguardi dei bambini e gli abbracci calorosi dei missionari diocesani le paure svanirono e il nostro cuore fece posto all ECUADOR. La gente, i colori, gli odori, i paesaggi tutto ci è entrato dentro fin dall inizio; le difficoltà e la stanchezza del girovagare venivano sempre cancellate dai sorrisi e dall ospitalità della gente. Innegabili certe situazioni di povertà estrema e sconfortante disagio, ma l Ecuador è anche questo. Io, Elena, sono animatrice di un gruppo di giovanissimi di Azione Cattolica e quante volte ho desiderato che tutto il gruppo fosse li con noi per condividere quei momenti! Al ritorno ho dato spazio alla fantasia perché, almeno in parte, i miei tosi avessero la possibilità di conoscere l Ecuador. A settembre, appena ripreso il gruppo, mio marito ed io abbiamo letteralmente inondato i ragazzi con il nostro entusiasmo per la meravigliosa esperienza vissuta. Inoltre, grazie ai missionari del Centro Missionario, abbiamo potuto far partecipare i ragazzi a molteplici iniziative: gestire lo stand di A.S.A. durante la giornata missionaria mondiale in Piazza a Padova, organizzare dei mercatini di solidarietà e delle veglie missionarie in parrocchia, prestare servizio allo stand allestito in Civitas Durante l anno i ragazzi hanno anche tenuto una simpatica corrispondenza con i giovanissimi dell Ecuador, insomma la famosa febbre missionaria ha contagiato tutti noi e ognuno, con il suo stile e con le sue possibilità, ha cercato di contagiare tante altre persone. Se vedi intorno a te qualcuno che ha questa febbre non aver timore, ma fatti contagiare!!! Elena Capovilla e Angelo Quadrini

6 Pagina 6 NotiAsa GENTE CHE VIENE GENTE CHE VA!!! Montenegro Mayra, Quintana Milena, Calderòn Kervin, Leon Cèsar, Soto Cecilia, Soto Veronica, Maldonado Ana, Sangoquiza Patricio, hanno partecipato al progetto di scambio voluto da ACR di Padova e Ufficio Missionario; Don Fabio Lazzaro e don Francesco Bonsembiante, a fine luglio rientreranno per un periodo di vacanza: approfittiamone!!!! Alberto Zuecco e Michele Cecotti di Sarmeola, Matteo de Marchi di Padova hanno vissuto un esperienza di volontariato in ASA con il progetto Spondylus Cristina Giovannini di Padova, Annalisa Solmi e Lorenzo Zucchini di Ferrara, hanno avuto la possibilità di visitare le missioni padovane in Ecuador da un viaggio di visita alle missioni padovane Federica Daidonedi Torino, Daniele Bettiati di Bassano del Grappa, Elisabetta Piffer di Trento, accompagnati da Arianna Sinigaglia di Padova, sono in Ecuador con un progetto di scambio culturale tra l Associazione Xena di Padova e ASA Ecuador Michela Manganellodi Padova, Emanuela Sbabo di Grisignano, Chiara Fiammetta di Stanghella e Paola Peron di Campodarsego, sono in Ecuador inviate dal Centro Missionario di Padova con il programma Viaggiare per condividere Natalina Missaglia di Casale di Scodosia, torna ad impegnare il periodo di ferie a servizio delle missioni padovane in Quito. il Vescovo di Padova e don Leopoldo Voltan, assistente diocesano Agesci, sono appena rientrati EDUCATORI APERTI AL MONDO! Le due dimensione dello scambio Da sempre, nei percorsi di formazione di ragazzi, giovani e adulti, l Azione Cattolica riserva un attenzione particolare all educazione alla solidarietà e al servizio, secondo lo spirito evangelico. Per questo, ogni anno, l Azione Cattolica della Diocesi di Padova settore Ragazzi - lancia un iniziativa di solidarietà con raccolte, scambi e invio di materiale informativo. Questo legame si è sviluppato in collaborazione e dialogo con l Ufficio Missionario e i progetti, dallo stesso sostenuti, nelle tre missioni di Kenya, Brasile, Ecuador. Nell anno pastorale 2003/2004 venne lanciata la proposta di far conoscere le missioni diocesane in Ecuador ed appoggiare i progetti di promozione umana attivati in Quito da ASA (Asociaciòn Solidaridad y Acciòn), E una proposta innovativa nel suo genere, sia per la durata nel tempo (tre anni, per sottolineare il valore della fedeltà nella solidarietà), sia nella metodologia (non solo raccolte o diffusione di notizie, ma coinvolgimento diretto degli attori dello scambio) La proposta è arrivata alla sua seconda tappa e, in questa estate 2005, ha previsto l accoglienza, in alcune Parrocchie e Comuni della Diocesi di Padova (Conselve, Cittadella, San Giorgio delle Pertiche, Thiene, Padova, Ponte di Brenta, Ronchi di Casalserugo) di un gruppo di 8 giovani ecuadoriani, educatori/ facilitatori impegnati nella pastorale parrocchiale dei ragazzi o nei Centri Culturali di ASA - (biblioteche e doposcuola). Suddivisi a due a due, il programma ha previsto il loro inserimento in quattro differenti Grest, la partecipazione a quattro caposcuola diocesani e ad un corso su animazione e comunicazione tenuto dall Associazione La bottega dei ragazzi, alcune gite turistico/culturali di conoscenza del nostro Paese. Il progetto si concluderà la prossima estate con la visita all Ecuador di un gruppo di educatori della Diocesi di Padova che, fra l altro, parteciperanno ai campamentos vacacionales (qualcosa di simile al Grest) promossi dalle Parrocchie dove operano i missionari padovani in collaborazione con i Caes (doposcuola) e le Biblioteche di ASA. Nel prossimo numero del NotiASA daremo spazio e voce ad alcuni di questi giovani ecuadoriani che fin d ora ringraziamo per averci permesso di sperimentare la dimensione bidirezionale dello scambio.

7 NotiAsa Pagina 7 SPAZIO FANTASIA SOLIDALE UN MILIONE DI ADOZIONI Il 21 Gennaio scorso si è riunito a Milano, il Forum Sad, presso la sede delle Pontificie Missioni, per fare il punto della situazione, a quasi mezzo secolo dalle prime esperienze di sostegno a distanza (www.forumsad.it). Fu infatti p. Mario Meda, nel 1958, a sviluppare in Birmania l idea dell adozione a distanza. Mi giunse una lettera del vescovo Guercilena da Kengtung - ricorda l anziano missionario - in cui mi scriveva: non pensi tanto alla patente auto; qui usiamo tuttora i cavalli. Piuttosto ci trovi qualche buona famiglia che ci aiuti, perché da noi la fame è endemica. Nacque così al Pime l idea delle adozioni a distanza, e si riuscì a provvedere a vari orfanotrofi birmani con l aiuto di 1300 famiglie americane. La quota era di 5 dollari al mese per ogni ragazzo. Fu poi la volta delle scuole per i paria indiani, delle case di accoglienza per i giovani tailandesi stuprati e, passo a passo, questa esperienza prese piede, incontrando sempre più consenso. Adottare una scuola, un bambino, una famiglia o un villaggio; sono tanti i modi in cui si declina il sostegno a distanza che, per le associzioni che lo promuovono, è un gesto di condivisione, uno sprone all autosviluppo, un ingrediente per la pace e i diritti dei popoli. Si tratta di una pratica ormai diffusissima, stando all indagine condotta da Forum Sad, che coinvolge un milione di italiani, impegnati a sostenere cinque mila progetti e in tal modo ad aiutare, direttamente e indirettamente, 2 milioni e mezzo di persone, in Africa, Asia e America Latina. Il Forum Sad. Nato nel 98 su iniziativa del coordinamento la Gabbianella come luogo di confronto fra addetti ai lavori, riunisce oggi una sessantina di organizzazioni senza fini di lucro e ong, con l obiettivo ultimo di realizzare un anagrafe nazionale dell azione umanitaria a distanza e trasformarsi in un interfaccia permanente con le istituzioni pubbliche, aprendo un tavolo di confronto con governo, parlamento, enti locali e organi internazionali. Ciò che ha provocato lo tsunami in Asia ha spinto il Forum ad interrogarsi. Corrado Oppedisano, portavoce del Forum Sad afferma: questa edizione del forum ci ha aiutati a consolidare il processo di autoregolamentazione, che nel sostegno a distanza è garanzia di trasparenza ed efficacia nei confronti di sostenitori e beneficiari. Per chi lo promuove, il sostegno a distanza non è un fine, ma un mezzo per far maturare un approccio consapevole agli squilibri mondiali. Per aiutare i bambini delle zone povere - ha sottolineato Oppedisano - è necessario aiutare le loro famiglie. Questo è solo l inizio di un viaggio verso una maggiore sensibilità mondiale, in un momento in cui gli aiuti allo sviluppo sono sempre più ridotti dai governi. Mentre si decapitano i fondi statali destinati alla cooperazione italiana, potati di 250 milioni di euro, la stessa cifra è sorprendentemente raccolta grazie alla rete dei genitori a distanza italiani. Per chi vuole però essere sicuro che il suo gesto andrà a buon fine non mancano i suggerimenti del Forum Sad. Conoscere i referenti e la storia dell ente a cui vi rivolgete, sapere se l adozione riguarda un singolo giovane o un intera comunità, informarsi su entità e durata dell impegno e su quali sono i costi gestionali: sono questi gli accorgimenti utili a capire cosa intende fare chi finanzierete. Ed è nell interesse delle stesse organizzazioni che vi sia fiducia nei loro confronti. Non a caso, nel 2000 è stato presentato un codice di autoregolamentazione, la Carta dei principi del sostegno a distanza, sottoscritta da 120 organizzazioni. Partendo da questo minimo comune denominatore si è poi arrivati, due anni più tardi, a un vero e proprio codice etico, contenente i criteri con cui definire la qualità dell azione a distanza, un documento cui hanno aderito 63 organismi. Alessandro Berruti LA CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA Questi gli impegni delle organizzazioni che lo hanno firmato: 1. Promuovere il sostegno a distanza. 2. Sviluppare la formazione multiculturale. 3. Caratterizzare il sostegno rispetto alle forme di solidarietà occasionali. 4. Rendere consapevole il sostenitore dell importanza di un aiuto costante nel tempo. 5. Mettere a disposizione il proprio bilancio annuale. 6. Comunicare al sostenitore la somma destinata al beneficiario. 7. Valutare le richieste di aiuto e avviare progetti solo con il consenso della comunità interessata. 8. Agire in modo che il sostegno a distanza favorisca l autosviluppo del beneficiario. 9. Verificare l affidabilità di eventuali partner esteri. 10. Confrontarsi con le altre organizzazioni.

8 Pagina 8 NotiAsa ASA anche a Trento: un associazione che non conosce confini! America Latina. QuestAltroMondo :è il nome dell evento che dal 13 al 22 maggio ha animato Trento con una varietà di iniziative dedicate interamente all America Latina. Incontri, spettacoli, tavole rotonde, stages, mostre, laboratori, cene etniche tutto all insegna della partecipazione, con lo scopo di far conoscere un mondo altro. In mezzo a tutto questo brulicare di manifestazioni, c è stato spazio per un expo nell ambito del quale oltre 35 associazioni attive in Trentino ed operanti in America Latina hanno allestito altrettanti stands, fianco a fianco con i gruppi delle comunità latinoamericane presenti nella provincia. L occasione della visita a Trento di Adriana Ines Monesterolo, presidentessa di ASA Ecuador, ha offerto lo spunto per l allestimento di uno stand della nostra associazione. Nonostante i soci residenti in Trentino siano solamente tre, si è voluto dare visibilità all associazione, anche in relazione alla scelta della Fondazione Fontana, che ha attivamente organizzato l intero evento, di sostenere il Programma Habitat con il quale ASA promuove iniziative di autocostruzione di abitazioni popolari in Ecuador. Anche grazie alla massiccia partecipazione alle Cene dell Altro Mondo, che hanno attirato nel sobborgo di Martignano migliaia di persone desiderose di gustare le specialità gastronomiche di alcuni paesi del Sud America, sono stati numerosi i visitatori che hanno sostato presso i vari stands, attirati forse più dai colori degli oggetti d artigianato che dai contenuti dei numerosi progetti di cooperazione illustrati per l occasione; in ogni caso, è stata per noi un occasione per raccontare la storia di ASA, per scambiare informazioni con altre associazioni attive in America Latina, per dialogare con i numerosi latinoamericani residenti in Trentino, per distribuire i nuovi depliant di ASA e anche per raccogliere fondi. Per il futuro, l idea è quella di mantenere i contatti con la Fondazione Fontana, magari per ideare qualche iniziativa mirata a sostegno in particolare del Programma Habitat. E Adriana? Insieme ad altre 7 donne, è stata la protagonista della tavola rotonda L altro G8. America Latina: democrazia è partecipazione, tenutasi a Trento il 14 maggio e che ha riempito di pubblico molto interessato la capiente Sala della Cooperazione. L incontro, moderato dalla scrittrice Isabella Bossi Fedrigotti, ha visto intervenire le rappresentanti di Ecuador, Bolivia, Brasile, Perù, Cile, Argentina e Stati Uniti. Adriana, in particolare, ha tenuto un intervento dal titolo A partire dagli ultimi: la società civile organizzata per un nuovo welfare. In primo luogo ha illustrato la movimentata situazione sociale dell Ecuador con la recente ennesima cacciata del presidente della repubblica, spiegando come la realtà del paese si caratterizzi ancora per l assenza di diritti minimi per una parte della popolazione e per un atteggiamento servile da parte dei politici nei confronti dei gruppi di potere economico. Parlando della nascita e del cammino di ASA, della sua attività nei barrios marginali delle grandi città ecuadoriane, Adriana ha sottolineato gli obiettivi dell associazione, in primo luogo la volontà di rendere ogni persona protagonista della propria vita e di coinvolgerla in un processo di reale partecipazione. E ancora, ha spiegato che ASA ha voluto far fruttare la propria esperienza, condividendola con altre associazioni tra l altro costituendo un Consorzio di organizzazioni non governative ( Confie ) a favore dell infanzia e delle famiglie ecuadoriane. Con decisione, convinzione e chiarezza, Adriana è riuscita ad evidenziare la maturità di ASA, che ha scelto di puntare sulla persona, sulla partecipazione e sulla condivisione per dare una risposta alle molte richieste che nascono dalla società civile. Elisabetta e Luca Malesani Per saperne di più visita il sito della Regione Trentino alla voce: Convegni - America Latina: QuestAltroMondo Programma Potete trovare il video dell'intervento di Adriana Monesterolo alla tavola rotonda ditrento Scommettiamo che supereremo quota 1000? Non è una nuova idea quella di fare un calendario, già negli anni scorsi le foto di Romeo Zucchi hanno accompagnato diversi di noi posizionato sulla scrivania o sul tavolo di lavoro il calendario del 2000 ci ha ricordato il nostro impegno a favore della solidarietà il compito di ricordarci il nostro impegno. Un calendario che di ASA neppure parli, se non con una nota al margine, ma che possa entrare nelle case di tutti, in tutti gli uffici, essere appeso in qualsiasi parete; un tocco d arte, di colore, di pensiero, che parli della vita oltre le solite definizioni. COLORE NEL TEMPO in attesa di nuove lune Per l anno 2006 una novità c è: il tentativo di affidare all arte È il nome del nostro calendario per soffermarci a pensare,

9 NotiAsa Pagina 9 con il gusto che solo l arte concede alla vita. Nasce dal desiderio dell artista Debora Antonello, pittrice e grafica, amica di ASA, che volendo dare il proprio contributo di solidarietà, ha pensato di fare ciò che sa fare: sta preparando 12 tavole con i 12 mesi del 2006, ha già preso contatti per la stampa e si è impegnata a consegnare il calendario bell e pronto per metà ottobre. Il ricavato, al netto delle spese per materiale e stampa, sarà devoluto ai progetti di ASA. La parrocchia di S. Anna di Piove di Sacco si impegna a venderne un migliaio, e noi amici di ASA, vogliamo accettare la sfida di raggiungere e superare quota 1000 copie di calendari acquistati e fatti acquistare? Coinvolgiamo in questa iniziativa gruppi di amici e parrocchie, certamente contribuiremo ad aumentare l introito a favore di ASA in maniera notevole. Sarà un bel calendario, confezionato con ottimo materiale, del valore di 10 euro; pensate che ogni 10 calendari venduti otterremo un introito di 60 euro per i Centri Educativi!!! E se raggiungiamo quota 1000 saranno ben euro. Se ognuna delle persone che riceve il NotiASA si impegnasse a collocarne almeno cinque, la scommessa sarà vinta!!!! La tiratura maggiore farà abbassare i costi unitari, quindi già vi chiediamo di anticipare a Novella ( ) o Sandra ( ) per inizio ottobre il numero di calendari che volete prenotare. Per quest anno è un acquisto sulla fiducia, ma sarà un calendario bellissimo! Vi chiedo di dare, almeno per quest anno, un po di credito al sottoscritto che sta seguendo l operazione male che vada ci saremo impegnati un po per ASA e per i Centri Educativi, la faccia almeno ce la giochiamo ugualmente per qualcosa che vale. dgiorgiodechecchi Debora Antonello vive a San Martino di Lupari, ha già esposto le sue opere in diverse mostre personali. Il suo ambito di lavoro spazia dalla pittura, alla grafica e a complementi d arredo. Recentemente ha vinto il primo premio di pittura nel concorso per giovani artisti dello Spazio d Arte Pisanello, Fondazione Toniolo di Verona. La mostra, per chi vorrà vedere alcune sue opere, si terrà dal 9 al 23 settembre nella sala di esposizioni in via S. Fermo dietro la Chiesa di S.Fermo Maggiore a Verona. Il fondo dei laici! Quando pensiamo ad un gesto di solidarietà per le missioni, ci balza alla mente la possibilità di contribuire alla costruzione di una scuola, un ospedale, una chiesa, un dispensario alla possibilità di sostenere a distanza i bambini di un centro infantile, di un doposcuola, e sono iniziative importanti che vanno promosse e mantenute in vita. Più raramente ci balzano alla mente i volti dei missionari che promuovono l avvio ed il primo accompagnamento di questi progetti che verranno, poi, affidati alla totale guida dei locali, sottraendoli così dalla dipendenza economica di Paesi, Enti e benefattori stranieri. Pur nello stile del camminare a fianco di, dell entrare in punta di piedi in realtà che non ci appartengono, del non perpetuare forme di nuovo colonialismo, in molte situazioni e realtà la figura dei missionari resta comunque determinante per l avvio di alcuni processi di sviluppo. L Ufficio Missionario della Diocesi di Padova ha scelto di investire di più nelle persone piuttosto che nelle strutture, moltiplicando l invio di missionari, in particolare di laici (famiglie, coppie e singoli). E una scelta che ha però un costo non indifferente (casa, mezzo di trasporto, sostentamento, spese scolastiche per i figli, ecc), specie per i laici che ancora non godono di tutti i benefici che la CEI riconosce ai missionari presbiteri. Da molti anni alcuni gruppi e movimenti laicali si sostengono al loro interno con una sorta di autotassazione: laici missionari stanziali (tutti i cristiani che non sono chiamati alla missione in terra straniera) che si fanno carico dei fratelli missionari itineranti (coloro che sono chiamati a servire una chiesa nel Sud del mondo). Un modo concreto per condividere la stessa missione, per sentirsi parte di un unica chiamata, per sperimentare che chi parte lo fa anche in nome e per conto di chi rimane. CONCRETAMENTE proponiamo a tutti noi laici amici dell Ecuador di considerare la possibilità di autotassarci, o comunque attivarci anche come gruppi (giovani, coppie, famiglie, parrocchie), al fine di mantenere attivo il Fondo sostentamento laici aperto presso il Centro Missionario di Padova. Per informazionirivolgersi al Centro Missionario di Padova, tel (chiedendo di Rita o Vanna) Per versamenti: Banca Popolare Etica succursale di Padova CIN L ABI 5018 CAB C/C intestato a Centro Missionario Diocesano Via Vandelli Padova

10 Pagina 10 NotiAsa GRAZIE A. Davide Beordo, che ha offerto il supporto grafico e tecnico la Banca San Giorgio e Valle Agno di Fara Vicentino, che si è accollata il costo della stampa ASA ONLUS si presenta con un veste nuova, elegante, al pari di tante altre Associazioni. Finalmente anche noi possiamo contare con un dèpliant coloratissimo che ci permette di presentare al pubblico chi è e cosa fa ASA, sia in Ecuador che in Italia. Una copia del pieghevole ti arriva allegata a questo numero del Noti ASA ED ORA TOCCA A TUTTI NOI far conoscere l Associazione ad amici, colleghi, parrocchiani, familiari, ecc.; tocca a noiimpegnarci per raccogliere nuovi soci e sostenitori ai singoli microprogetti. Lo strumento ora c è e l abbiamo fatto stampare in grande quantità, ma servono braccia, gambe e cuori perché possa andare per il mondo e trasformarsi in gesti di solidarietà. SCRIVETECI NotiASA vuol essere un foglio di collegamento, una lettera che spediamo a casa vostra. Vi invitiamo a mandarci osservazioni e proposte; a sollecitarci con le vostre riflessioni, ad arricchirci con le vostre esperienze; a chiedere informazioni su proposte e progetti. I NOSTRI INDIRIZZI A.S.A. Associazione Solidarietà in Azione onlus Via Val Cismon THIENE (VI) A.S.A. Associazione Solidarietà in Azion c/o Sandra Beordo Via Bacchiglione SARMEOLA (PD) A.S.A. Associazione Solidarietà in Azione onlus c/o Maurizio Fanton Via Val Cismon THIENE (VI) I NOSTRI NUMERI c/c postale c/c bancario 1456/5 Banca S.Giorgio e Valle Agno Ag. Thiene (VI) ABI 8807 CAB 60790

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus Via Veneto 11 24035 CURNO (BG) - Cod.fisc.

ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus Via Veneto 11 24035 CURNO (BG) - Cod.fisc. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013 La presente relazione, predisposta ai sensi dell art. 8 dello Statuto ha lo scopo di informare gli aderenti delle attività poste in essere dall

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE Sostegno a distanza Si é consolidata ed è in continua espansione una forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, sostegno a distanza,

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO 1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO L ASSOCIAZIONE L Associazione ONLUS La Luna Banco di Solidarietà di Busto Arsizio, è stata costituita da 8 soci fondatori all inizio dell anno

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA ForumSaD Forum Permanente per il Sostegno a Distanza Onlus Segreteria: c/o Re Orient - Xa Me Vicolo Scavolino 61 00187 Roma Telefono 06.69759467 fax 06.69921981; e-mail: segreteria@forumsad.it C.F. 97351760588

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Ottobre 2012 - Mese Missionario

Ottobre 2012 - Mese Missionario Un opportunità d incontro e confronto per il tuo Istituto Scolastico Scopri il tuo cuore Missionario Ottobre 2012 - Mese Missionario Proposta per scuole Canossiane Quali sono le origini del mese Missionario?

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI TUTTI POSSIAMO SPERIMENTARE LA CARITà IMPARANDO AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI Papa Francesco 28 aprile 2015 Scegli di fare un lascito. i tuoi beni continueranno a vivere nei gesti e nei sorrisi delle

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

Fondazione AVSI. Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo

Fondazione AVSI. Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo 1 Fondazione AVSI Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo Domande frequenti (FAQ) Domande frequenti (FAQ) 1. Chi può fare un sostegno a distanza? Tutti: persone singole, famiglie,

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE!

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE DIAMOCI UNA MANO PRENDENDOCI PER MANO 2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO DI 2 SETTIMANE È una forma di volontariato che

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa

Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa Un progetto di sostenuto da Chi siamo I Cappuccini Per la strada, i Cappuccini sono quelle persone

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Condividere i bisogni per condividere il senso della vita

Condividere i bisogni per condividere il senso della vita Condividere i bisogni per condividere il senso della vita L Associazione ONLUS La Luna Banco di Solidarietà di Busto Arsizio è stata costituita all inizio dell anno 2010, è iscritta al registro delle ONLUS

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

IL bello di crescere

IL bello di crescere IL bello di crescere Zeta6a 8-11-2004 10:54 Pagina 1 L Associazione In.Famigliaia Costituita nel 1997 da un gruppo di genitori e di professionisti dell educazione, si propone di offrire un aiuto concreto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico. frequently asked questions

Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico. frequently asked questions Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico frequently asked questions Cosa sono le missioni in Messico di Gioventù e Famiglia Missionaria? Le missioni in Messico sono una esperienza fuori dal comune, un

Dettagli

Cantiere Giovani Comune di Fidenza 2014-2015.

Cantiere Giovani Comune di Fidenza 2014-2015. Sede legale Centro Giovanile Don Bosco Via Berzieri n 11 43036 Fidenza (PR) Tel.- fax 0524/528830 www.progettolink.net coordinamento@progettolink.net P.IVA C.F. 02240060349 TITOLO DEL PROGETTO: Cantiere

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

A CHI DI COMPETENZA. Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona. Verona, giugno 2014. Gentili Signori,

A CHI DI COMPETENZA. Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona. Verona, giugno 2014. Gentili Signori, A CHI DI COMPETENZA Verona, giugno 2014 Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona Gentili Signori, Vi sottoponiamo in allegato la scheda dello Spettacolo di Teatro per bambini di figura

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

"Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo."

Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo. "Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo." (Giovanni Paolo II, Lettera Juvenum Patris, 5) Egli comincia subito a cercare collaborazione a tutti i livelli: educativa, religiosa,

Dettagli

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Chi siamo ProgettoMondo Mlal (www.progettomondomlal.org) è una ONG di cooperazione internazionale con sede a Verona, attiva da

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Project for People ONLUS realizza progetti di cooperazione e sviluppo in India, Benin e Brasile.

Project for People ONLUS realizza progetti di cooperazione e sviluppo in India, Benin e Brasile. REGALI SOLIDALI Project for People Onlus Via Angera, 3-20125 Milano tel. +39 02 36552292 - fax +39 02 99982010 info@projectforpeople.org - www.projectforpeople.org Project for People ONLUS realizza progetti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Sostegno a distanza I nostri bambini di valore Haïti, Port-au-Prince

Sostegno a distanza I nostri bambini di valore Haïti, Port-au-Prince Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47521 Cesena (FC) - Via Padre Vicinio da Sarsina 216 Tel. +39.0547.36.08.11 - cesena@avsi.org Se io fossi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Presentazione del progetto Svetlost 1 Svetlost 2 Gli oltre 250.000 profughi cacciati dal Kosovo dopo la fine dei bombardamenti NATO, con la complicità degli eserciti di pace, compreso quello italiano,

Dettagli