di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever"

Transcript

1 di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever Il territorio di Veio (in latino Veii) era molto vasto, fino alla riva destra del Tevere, alla cui sinistra sorgeva Roma. Era la città più meridionale dell'etruria, situata su un vasto pianoro di forma triangolare e circondata dai corsi d'acqua del Fiordo e del Cremera, che originavano il più importante Valchetta, affluente del Tevere. L'antico centro abitato era protetto da una cinta muraria e da un poderoso contrafforte. Dai ritrovamenti archeologici si evince che i suoi più antichi insediamenti, nella zona dell'odierna Isola Farnese, risalgono all'età del bronzo, anche se solo più tardi assumono connotazione di città ricca e potente, in notevole sviluppo fin dal VII secolo a.c., tanto da controllare importanti rotte commerciali, in virtù della posizione strategica sulla riva destra del Tevere. Il suo vasto territorio si estendeva, nel VI secolo, fino al porto di Fregene. I reperti archeologici mettono in luce una vita economica e culturale piuttosto vivace e gli eventi storici, tramandatici in buona parte da Tito Livio, pongono in luce la sua potenza e la capacità bellica. Veio in età arcaica controllava saldamente la sponda destra del Tevere che le fonti latine chiamano significativamente "ripa Veiens", la riva di Veio: il Gianicolo, "l'antipolis" di Roma e il Trastevere sono luoghi di contesa, dove frequente è il ricordo di episodi di frontiera, e l'archeologia, con la scoperta dell'"oppidum" di Colle S. Agata, oggi presso il Policlinico Gemelli su Monte Mario, difeso da poderose mura e delle tombe a camera di tipo veiente del VII-VI sec. a.c., di S. Onofrio, conferma questo dato delle fonti. Il vasto territorio di Veio si estendeva tra la fascia pianeggiante sulla sponda destra del Tevere e le alture alle spalle di Caere fino al lago di Bracciano (attuali comuni di Capena, Formello e Campagnano). È difficile fissare i limiti antichi dell'ager Veientanus, data la natura dei luoghi, con alture appena pronunciate inframmezzate da fertili pianure; limite meridionale era certo il corso del Tevere, ma già a Nord-Est il suolo veiente trapassa senza ostacoli naturali nel territorio di Capena, che le fonti descrivono come colonia di Veio. Verso settentrione, la via Cassia passa per le terre di Veio, verso Baccano; non sappiamo se il territorio terminasse qui o se proseguisse fino alla strettoia verso Sutri e verso Nepi, ovvero

2 i "claustra Etruriae" (porte d'etruria), che segnavano certamente un confine tra i territori falisci e tarquiniesi. Ad Ovest dobbiamo cercare i confini nelle alture attorno al lago di Bracciano, l'antico "lacus Sabatinus", anche se soprattutto in questo caso dobbiamo supporre l'esistenza di limiti non del tutto certi e, forse, causa di non pochi conflitti con la vicina Caere. In questa vastissima area i siti conosciuti sono relativamente pochi: per l'età villanoviana un interessante insediamento localizzato è quello di Monte S. Angelo, del quale è stata esplorata la piccola necropoli. Più ricca la documentazione arcaica: nell'area tra il Tevere e la costa, ove erano i "septem pagi", si conosce un notevole abitato a Testa di Lepre presso Maccarese, con tombe a camera di tipo veiente, e il già ricordato "oppidum" di Colle S. Agata, mentre nell'interno il sito principale è costituito dall'abitato di Trevignano, forse l'antica "Sabatia". Questo è un vero e proprio sito di frontiera, con caratteri culturali sia veientini sia ceriti In tutta la valle di Baccano e, verso Est, in direzione del territorio di Capena, le fattorie e gli "oppida" di dimensioni modeste sono abbastanza numerosi e restituiscono l'immagine di una campagna assai presto assoggettata a Veio e ben controllata dalla città. L'antica città sorge su uno scosceso altopiano di grandi dimensioni e di forma triangolare, con il vertice verso Sud costituito dall'appendice dell'acropoli di Piazza d'armi, che è congiunta all'altopiano da un basso istmo Ai piedi di Piazza d'armi si congiungono i due corsi d'acqua che lambiscono l'altopiano, ad Ovest il Fosso della Mola e ad Est il Cremera, affluente del Tevere. L area della città di Veio fu forse frequentata già dall età del Bronzo: alcuni frammenti documenterebbero presenze di epoca subappenninica, altre una frequentazione di epoca protovillanoviana. Più certo, dato il gran numero di attestazioni ritrovate, sarebbe uno sviluppo della città nell epoca

3 villanoviana, tra il IX e l VII secolo a. C. Già a quel tempo Veio, come la stessa Roma, aveva il controllo degli approdi tiberini e, secondo alcune fonti, pare che commerciasse con naviganti greci provenienti dall Eubea. Divenuta centro etrusco, Veio raggiunse il suo massimo splendore nel VI sec. a. C. durante il quale controllava i territori sottomessi ed era in grado di colonizzare le aree adiacenti. Fu governata dapprima da re, in seguito adottò la costituzione repubblicana. Nel secolo successivo, secondo quanto ci dice lo storico Tito Livio, si iniziò per la città una lenta decadenza, sia per la crescita della rivale Cerveteri, sia per gli scontri continui con Roma. Veio infatti sbarrava ai Romani il controllo della via d acqua del Tevere e quindi del commercio, in primo luogo del sale e del grano. In realtà, comunque, i rapporti conflittuali tra Roma e Veio, risalivano addirittura ai tempi di Romolo e anche Tullo Ostilio combatté duramente contro la città etrusca. Lo stesso Tullo Ostilio rase al suolo la città di Alba Longa, perché il suo re non si era schierato con decisione al suo fianco nella guerra che opponeva Roma a Veio. Nel 509 a.c. Valerio Publicola aveva combattuto e vinto Veio, la quale era appoggiata dalla sorella etrusca Tarquinia, in una drammatica battaglia dove aveva perso la vita anche il console Lucio Giunio Bruto, fondatore della repubblica romana. Nel V sec. a. C. dunque lo scontro tra Veio e Roma si fece più aspro. Nel 478 a. C., la gens Fabia aveva chiesto e ottenuto l'autorizzazione al Senato, per combattere una sorta di guerra privata (bellum privatum) contro la la rivale etrusca. Trecentosei membri della prestigiosa famiglia romana, accompagnati da una guarnigione di quattromila uomini, probabilmente loro clienti, si accamparono a poca distanza da Veio, sulle rive del fiume Cremera, un piccolo affluente del Tevere. Da lì conducevano una guerra fatta di piccoli scontri, incursioni e razzie di bestiame. Il 13 febbraio del 477 a. C. caddero in un'imboscata preparata dai Veienti trecentocinque componenti della famiglia dei Fabi. Solo un giovane si salvò e garantì in questo modo la discendenza dalla famiglia che rimase comunque una delle gentes più importanti dell'antica Roma. Negli ultimi decenni del secolo la pressione romana si fece fortissima: nel 426 a.c. Veio chiese aiuto alla lega etrusca riunita al "Fanum Voltumnae", ovvero il santuario della dea Voltumna, sede della lega etrusca vicino al lago Trasimeno, ma, tranne Falerii, Fidene e Capena, sue fedeli alleate, nessuna

4 città etrusca venne in soccorso di Veio, colpevole di essersi data nuovamente un regime monarchico. E infatti, negli scontri degli anni precedenti, il re veiente L(ars) o L(ucius) Tolumnius era caduto per mano di A. Cornelio Cosso, che ne aveva dedicato gli "spolia opima", il trofeo d'armi, nel tempio di Giove Feretrio a Roma. In quello stesso anno chi fece le spese del conflitto tra Roma e Veio fu la cittadina di Fidene, che, pur essendo una città latina, si trovava sotto il controllo dei Veienti. Il problema più grosso di Fidene era di trovarsi in mezzo alle due contendenti; già ai tempi di Romolo, la cittadina, che si trovava a pochi chilometri a nord di Roma, aveva pagato duramente la sua fedeltà a Veio. La conquista definitiva di Fidene da parte dei Romani si verificò appunto nel 426 a.c. e, a fronte di questo evento, Veio fu costretta ad accettare un armistizio ventennale. Nel 406 a.c. l esercito romano pose sotto assedio la città etrusca, ma Veio si dimostrò davvero inespugnabile e resistette per più di dieci anni meritandosi in seguito il nome di "Troia etrusca". I Veienti erano anche riusciti, con una sortita inaspettata e grazie all appoggio degli eserciti di Capena e di Faleria, a rompere l'accerchiamento e ad insidiare la stessa Roma. A quel punto Roma, dopo il momento di sbandamento, ricorse nuovamente a un dittatore, Marco Furio Camillo, il quale decise le sorti della guerra in favore dei Romani. Camillo infatti aveva scoperto l'esistenza di un vecchio pozzo che passava sotto l abitato e, dopo averlo svuotato, lo utilizzò come cunicolo sotterraneo per penetrare all interno della città. I Veienti, attaccati alla sprovvista, furono costretti alla resa in breve tempo. Dopo la caduta di Veio il dittatore autorizzò il saccheggio: furono depredate le case private, i palazzi, i templi e gli edifici pubblici. Sembra che lo stesso Camillo si sia impadronito della statua di Giunone Regina, protettrice della città, e che l abbia portata con sé a Roma, dedicandole un tempio sull'aventino. Il dittatore fece inoltre vendere all'asta tutti i Veienti e si impadronì degli oggetti d'oro di notevole pregio, nonché delle pesanti porte bronzee della città. Le splendide terrecotte, che ornavano il tetto del tempio di Veio, tra le quali ricordiamo in particolare il famoso Apollo), furono abbattute o distrutte dai legionari romani, ma risparmiate dal saccheggio perché considerate di scarso valore economico.

5 La sconfitta e la distruzione di Veio coincideva più o meno con la fine della civiltà etrusca, una fine accentuata dalla discesa sul territorio italiano delle popolazioni celtiche che sarebbero giunte a insidiare la stessa Roma. Nonostante l'entusiasmo per la vittoria conseguita, Camillo non dimenticò di vendicarsi degli alleati dei Veienti, conquistando e distruggendo sia Capena sia Faleria (394 a.c.). In seguito Camillo, a causa delle sue posizioni fortemente anti-plebee, venne esiliato nella città di Ardea. Ma nel 390 a.c. l invasione dei Galli di Brenno fornì al generale romano l occasione per un grande riscatto. Infatti l imponente bottino, che era affluito a Roma in seguito al saccheggio di Veio, fu impiegato da Furio Camillo per placare l orda dei Celti che aveva distrutto Roma. Con la distruzione della città appunto, Veio diventò il centro di un dibattito sul possibile trasferimento sul suo suolo di Roma distrutta; ma la tenacia di Camillo impedì l'esodo, ed egli anzi esortò i Romani a ricostruire la loro città. Tuttavia ancora nel I sec. d. C., in occasione della costruzione della Domus Aurea di Nerone, troviamo iscritta sull edificio l esortazione "Roma sta diventando un palazzo: emigrate a Veio, cittadini", testimonianza del fatto che, ancora molti secoli dopo la conquista, la città di Veio rappresenta nell immaginario collettivo l alter ego della città di Roma. A partire dal IV secolo Veio perse definitivamente la sua indipendenza e passò sotto il controllo romano. Il territorio dei Veienti (Ager Veientanus) venne riorganizzato - secondo quanto testimonia Livio - e distribuito alla popolazione in tre fasi successive. Nell anno 393 a. C. avvenne l assegnazione di lotti di 4 o 7 iugeri ai soli cittadini romani. Nell anno 389 vi fu un altra assegnazione di lotti, questa volta ai Veienti, Capenati e Falisci, che durante la guerra di Veio avevano defezionato in favore di Roma. Nel 387 vi fu la riorganizzazione del territorio, dovuta sicuramente alla necessità di riparare ai danni provocati dall invasione dei Galli di Brenno; ne seguì la creazione di quattro nuove "tribù" (Stellatina, Tromentina, Sabatina e Arniensis), cui afferirono i coloni dell Ager Veientanus, divenendo così tutti cittadini romani. Questa distribuzione di terre contribuì a placare per almeno due secoli la plebe romana, che spesso era agitata a causa della povertà e delle carestie.

6 Durante il periodo imperiale Augusto, nell ambito del suo programma di restaurazione sociale, politica e religiosa, creò nel centro dell'altopiano, un insediamento municipale, il "municipium Augustum Veiens", con edifici prestigiosi, noti da fonti epigrafiche e da resti archeologici. Le fonti parlano di un importante centro di culto imperiale, di templi di Marte e della Vittoria Augusta, di terme, di una"porticus Augusta" eretta da Tiberio; i probabili resti di un teatro, le terme dette Bagno della Regina e soprattutto le dodici colonne ioniche di marmo lunense scoperte negli scavi del sono l'equivalente archeologico dl quelle fonti, documenti dello sforzo compiuto dalla dinastia Giulio-Claudia per rivitalizzare questo antico centro in decadenza: ben undici dediche imperiali sulle diciotto conosciute si riferiscono, infatti, ai Giulio-Claudi. Le iscrizioni distinguono "municipes intramurani" e "municipes extramurani", abitanti del centro urbano e della campagna, prova questa di una forte presenza di cittadini nelle "villae" del territorio. Ciò non solo denuncia l'artificiosità della restaurazione augustea, ma fa presagire il destino successivo della città, che nuovamente tornerà allo stato di abbandono a vantaggio della campagna. Già nel I sec d. C. incominciò la decadenza della città, che cessò di esistere nel sec. IV d. C. In epoca medievale abbiamo ancora alcune testimonianze di qualche insediamento nella zona circostante Veio. Papa Adriano I (772-95) infatti fece costruire una fattoria in località S. Cornelia a tre chilometri a Nord-Est dalla città, nota dalle fonti come "domus culta" o "fundum Capracorum" e sopravvissuta fino al XII sec. Nel X sec., invece, sorsero il castello e la "curtis" di Isola Farnese, con il vicino mulino sul fosso, detto appunto della Mola. Isola Farnese sussiste ancor oggi come comune. -SANTUARIO DI PORTONACCIO Fortunati scavi degli inizi del secolo nell'area dell'antica Veio condussero nel 1916 alla scoperta, presso il santuario del Portonaccio, di un eccezionale gruppo di sculture in terracotta risalenti alla fine del VI secolo a.c. Si giunge al complesso del Santuario di Portonaccio da Isola Farnese attraverso

7 una "tagliata" forse antica, perpendicolare ad una grande strada etrusca che, da Portonaccio, andava verso Ovest in direzione della foce tiberina. Questa strada è ancora ben visibile, con la suggestiva tagliata, sulla sinistra del moderno cimitero di Isola Farnese; in età romana, pavimentata a poligoni di selce e bordata da sepolcri tardo-repubblicani a dado, scavati al principio del secolo, doveva scavalcare il Fosso della Mola all'altezza della porta urbana, dove tuttavia piegava costeggiando lo sperone posto sopra il santuario di Portonaccio e dove è ancora visibile. Varcato il Fosso della Mola all'altezza dell'antico mulino ad acqua, il visitatore può raggiungere l'ingresso degli scavi, posto presso l'arco che ha dato nome alla località, Portonaccio. Qui, lungo la strada romana, che fu smontata dagli scavatori per raggiungere i livelli etruschi, si entra nell'area del santuario extraurbano, detto dell'apollo dalla celebre scultura acroteriale, santuario che in realtà sappiamo dalle iscrizioni dedicato a Menerva (Minerva). Il complesso templare etrusco era posto su di una bassa sporgenza dell'altopiano ed era recinto da un muro di τέµενος, ovvero di confine, che verso valle diveniva ostruzione della sporgenza in senso Est-Ovest, con bella tecnica a blocchi rinforzata in età romana da un ulteriore muro obliquo di contenimento. La strada romana borda il lato verso monte del muro di τέµενος, per poi sovrapporglisi, mentre quella etrusca lo rispettava. Ancora più a monte, a sinistra della strada romana, un altro muro di contenimento a blocchi costituiva il limite della strada etrusca, conducendo ad una piccola vasca destinata a raccogliere le acque di un cunicolo retrostante, acque che, varcato con condotte il tracciato viario, entravano nell'area sacra per gettarsi in una vasta e profonda piscina accanto al tempio. Entro il τέµενος di forma trapezoidale si collocavano il tempio, con l'annessa piscina, e una piazza terminante ad Est in una larga piattaforma quadrangolare con l'altare centrale. Tutto il complesso del santuario, e soprattutto il tempio, ha subito gravi danni dal crollo sia del bordo verso valle della piattaforma sia della zona centrale dell'area sacra, in seguito al cedimento del soffitto di grotte praticate in epoca probabilmente postclassica nella collina per cavare materiali. Ciò ha fatto cadere tutte le parti centrali del tempio nel fondo della cava, dal quale sono state raccolte blocco per blocco e restaurate nella forma attuale. Il tempio, dalla caratteristica pianta tuscanica, poteva avere tre celle o, molto più probabilmente, un'unica cella e due alae, o colonnati laterali: la sua

8 decorazione - che ne sostituiva una più antica della metà circa del VI sec. a. C. - risale alla fine del VI sec. a. C., con splendide lastre di rivestimento, affreschi su terracotta per le pareti della cella, antefisse a testa gorgonica, antefisse a testa di menade, e soprattutto bellissimi gruppi acroteriali. I resti di questi gruppi furono trovati in parte sepolti sul lato del tempio e in parte crollati verso il fondovalle, e sono stati pazientemente ricomposti in statue a grandezza maggiore del vero, oggi al Museo di Villa Giulia. La piscina, costruita in bellissima tecnica a blocchi e rivestita di argilla impermeabile, con i suoi 20 m e oltre di lato, si addossava al tempio e al muro di τέµενος con una evidente connessione con il culto. Nella piazza dovevano ergersi altre statue ex-voto; nell'estremità Est dell'area sacra, davanti a un edificio quasi quadrato rinvenuto pieno di materiali votivi, era la piattaforma, dotata di un accurato sistema di scolo delle acque e destinata a sorreggere l'altare. Di questo rimane il filare di base con fascia e accenno di sagoma a cuscino: aveva una forma quadrata ed era perfettamente orientato, con una fossa centrale per i sacrifici rinvenuta colma di ceneri ed ossa di animali. A Portonaccio infatti, le ricche dediche deposte nel santuario tra la fine del VII e la prima metà del VI sec. a.c., attestano la devozione di personaggi di alto rango e di vasta influenza politica: tra i nomi attestati figurano quello di "Avile Vipiennas", certamente Aulus Vibenna, uno dei due fratelli di Vulci collegati con la saga romana di Servio Tullio, e quello di "Avile Acvilnas", lo stesso donatore di bei vasi di bucchero ad una famiglia aristocratica di Castro nel territorio vulcente, o ancora quello di un "Karcuna Tulumnes" ed un "Velthur Tulumnes", membri della famiglia veiente dei Tolumnii, che diede re alla città nel V sec. a.c.alo scavo del riempimento dell'altare e della piattaforma ha restituito una quantità notevole di ex-voto del VII e VI sec. a. C., fra i quali avori, gioielli e ceramiche su cui sono iscritti i nomi dei dedicanti. Con la conquista romana il santuario venne ancora attivamente frequentato: a questa fase appartengono l'iscrizione a Minerva, gemella di quella di Campetti, donata da L. Tolomnius e statuette votive, tra le quali quella, notissima, di Enea recante Anchise sulle spalle, dedicata frequentemente dai coloni romani del IV sec. a. C. come simbolo del loro trasferimento dalla seconda Troia (Roma incendiata dai Galli) alla seconda Roma (Veio). Il

9 santuario, forse abbandonato nel I sec. a. C., fu poi attraversato dalla strada romana. Alla stessa epoca dell intero complesso, se non a qualche decennio prima, va datato anche il tempio sulla sinistra della strada principale: vi si accede da una strada trasversale, e nel τέµενος, solo in parte delimitato, si dispongono le fondazioni a blocchi regolari dell'edificio di culto, di pianta rettangolare (m 15 x 8), del quale furono trovate le terrecotte architettoniche, con fregi raffiguranti processioni di carri e antefisse dell'iniziale VI sec. a. C. Collegato al tempio da un breve muro, è un ambiente rettangolare con pozzo. Poco discosto è tuttora conservata una gigantesca cisterna ellittica con scala di accesso interna. Ma Veio non è solo il santuario del Portonaccio: numerose necropoli circondano l abitato, famose tra l altro per la presenza delle più antiche attestazioni di decorazione pittorica funeraria. La tomba delle anatre in particolare ci ha restituito un interessante attestazione di decorazione appartenente al VII secolo a. C. -TOMBA DELLE ANATRE La tomba detta "delle Anatre", la più antica dipinta di tutta l'etruria, in quanto risalente al secondo quarto del VII sec. a. C., affrescata in vivaci colori, rosso, giallo e nero, ed ha volta a vela e banchine laterali con tracce per incasso ligneo di un baldacchino a doppio spiovente. Le pareti mostrano uno zoccolo rosso che, sulle sole pareti destra e di fondo, è separato dal fregio superiore mediante strisce rosse e gialle alternate a nere; nel fregio della parete di fondo ci sono cinque anatre schematiche, alternativamente in rosso e giallo con particolari in nero, derivate dal patrimonio della pittura vascolare italo-geometrica. Tutto l'altopiano, poi occupato dalla città storica, ha restituito materiali villanoviani in varia quantità. Le vaste necropoli villanoviane intorno alla città costituiscono nuclei abbastanza compatti, in rapporto più o meno stretto con strade antiche che da Veio conducono alle località vicine: a Nord l'imponente cimitero sul colle di Grotta Gramiccia, scavato negli anni tra li 1913 e il 1918; a Ovest la non grande necropoli di fondovalle in località Valle La Fata; ad Est l'altro vasto sepolcreto sulla sommità della collina di Quattro Fontanili con la vicina collina di Vaccareccia.

10 - LE NECROPOLI ETRUSCHE Delle grandi necropoli veienti solo alcune tombe sono visitabili. Il sepolcreto di Riserva del Bagno mostra ancora molte delle tombe aperte nei recenti scavi, disposte su varie terrazze percorse da una strada. I tumuli di Veio conosciuti sono appena otto, dei quali soltanto quattro veramente grandi e degni di stare di fronte ai consimili sepolcri principeschi d'etruria: Monte Aguzzo, sulla cima di Monte Aguzzo presso Formello (m 247 s.l.m.), contenente la "tomba Chigi" che, pur non rinvenuta intatta dagli scavatori del secolo scorso, ha restituito la celebre "olpe" protocorinzia Chigi e l'altrettanto noto vaso con alfabeto, detto appunto alfabeto di Formello; il gigantesco tumulo di Vaccareccia ad Est della città, anch'esso saccheggiato già in epoca antica: e infine i due tumuli di Oliveto Grande ad Ovest di Veio. Questi tumuli, in genere connessi con aree di necropoli etrusche, sono databili tra il 650 e il 600 a. C., e non contenevano materiali molto più tardi del principio dei VI sec. a. C., epoca del massimo splendore di Veio, documentata da altre tombe a camera. - VILLA CAMPETTI Ai confini della città si erge la villa di Campetti. Scavata negli anni 60, essa ci ha restituito un ninfeo dal quale proviene il mosaico che decora il ninfeo di Villa Giulia. Gli scavi ripresi negli ultimi anni dall Università "La Sapienza" di Roma ci stanno restituendo nuove ed interessanti scoperte sulla fine della città. All entrata, a circa 150 m sulla sinistra, vi sono ruderi appena visibili del santuario di Campetti: gli scavi hanno messo in luce una grotta artificiale e, sulla fronte di questa, resti di muri a blocchi, pertinenti ad un grande recinto di circa 20 m con tracce di edifici molto più tardi, di età imperiale romana, sovrapposti a quello; intorno erano i materiali della stipe votiva, in gran parte del IV-III sec. a. C., documento del culto di Vei (Cerere). Lasciando il santuario, attraverso il declivio che immette nel varco dell'antica porta delle mura urbiche (porta di Portonaccio), si può raggiungere una bella villa romana del I sec. a.c. - I sec. d. C. L'impianto della villa sfruttava un leggero declivio: nella parte alta si conserva una cisterna coperta a volta,destinata ad alimentare il sottostante ninfeo, e soprattutto la zona di più antica data, consistente in una serie di vani prospicienti il declivio, costruiti a blocchi di tufo con pavimenti decorati da

11 frammenti di marmi policromi; nella parte inferiore è soprattutto notevole un ninfeo a pianta semicircolare e nicchie per gli zampilli d'acqua, decorato a lastre marmoree, davanti al quale è collocata una sala voltata semisotterranea contenente resti di pittura (sembra di III stile) e pavimentata a mosaico bianco e nero; a fianco del ninfeo si svolge un bel corridoio a finestre. Dinanzi al ninfeo sono venuti in luce mosaici in bianco e nero con scene marine, pertinenti ad ambienti termali della villa, alimentati da cinque grandi cisterne ancora visibili a Sud del nucleo centrale della stessa. - TOMBA CAMPANA Sulle pendici di Monte Michele è scavata la "tomba Campana", dal nome del banchiere collezionista che la scavò nel secolo scorso. Dopo un lungo e profondo δρόµος si entra, attraverso una piccola porta arcuata, nella prima delle due stanze assiali che compongono la tomba. La parete d'ingresso è foderata da blocchi non squadrati; quelle laterali presentano due banchine e quella di fondo ha l'affresco, oggi molto rovinato, con scene a vivaci colori su due registri inquadrati da motivi decorativi. Il registro inferiore mostra una decorazione con animali e motivi vegetali, quello superiore due scene figurate, ciascuna con un cavaliere accompagnato da personaggi a piedi (a destra) o da animali fantastici (a sinistra), inseriti nei riquadri con fitto intrico di motivi ornamentali di riempitivo. Nella seconda stanza, con bassa banchina all'intorno, erano dipinti grandi scudi policromi. Il corredo della tomba è un'associazione sospetta, dal momento che il marchese Campana, per accrescerne l'importanza, vi trasportò oggetti trovati in altre località: tuttavia lo stile delle pitture data la tomba alla fine del VII sec. a. C. - LA CINTA MURARIA La cinta muraria etrusca era costruita in blocchi di tufo delle cave locali, secondo una tecnica molto raffinata, datata dagli archeologi della Scuola Britannica al tardo V sec. a. C., ma su elementi archeologici poco significativi. In basso i blocchi sono leggermente bugnati, in alto molto ben lisciati, mentre alle spalle e sulla parte bassa, nei luoghi più pianeggianti, c'era un poderoso bastione di terra riportata. Sono conosciute almeno dieci tra porte e posterule, oltre alla porta della cinta quasi indipendente dell'acropoli di Piazza d'armi: nessuna conserva

12 l'aspetto originario e molte sono state modificate in età romana con il passaggio delle strade pavimentate. Entrando in città da porta Nord-Ovest si incontra il vicolo Formellese. Sulla sinistra, salendo sulla scarpata del ciglio del colle, si possono vedere i resti delle mura urbane liberati dagli scavi inglesi. Le mura si sovrapponevano a capanne dell'età del Ferro, e a case costruite a graticcio (VII-VI sec. a. C.) e a blocchi (VI-V sec. a. C.). - PORTA CAERE Sulla destra della strada, si raggiunge il santuario di Porta Caere, scavato nel Esso era costituito da un grande terrapieno, delimitato da un bel muro di contenimento a blocchi di tufo, databile al 470 a. C. circa; entro il terrapieno sono una vasta cisterna, sempre costruita in opus quadratum, e i resti di un piccolo edificio rettangolare, forse il sacello, sostituito nella seconda metà del I sec. a. C. da un ambiente poverissimo, esistito fino a tutta l'età Giulio-Claudia, che ha inglobato nei suoi riempimenti di fondazione una stipe votiva del III-II sec. a. C. - MACCHIA GRANDE Nella località Macchia Grande, presso la porta di Capena, sono state scoperte negli anni '30 case etrusche in stato di conservazione particolarmente buono, assieme alle dediche sacre romano-repubblicane. Giungendo all'istmo che collega l'altopiano all'acropoli di Piazza d'armi, sono ancora oggi visibili i resti di una piattaforma di tufo con sovrastrutture reticolate, considerati pertinenti ad una villa, ma che potrebbero essere quelli del celebre tempio di Giunone Regina: lì accanto infatti si possono vedere sulla superficie del suolo fittili pertinenti ad una colossale stipe votiva, i cui pezzi sono oggi dispersi. - PIAZZA D ARMI Attraverso l'istmo si entra nell'area di Piazza d'armi. La collina, già abitata in età villanoviana, come dimostrano i fondi di capanna rinvenuti negli scavi, è cinta da un muro a blocchi con tecnica a casematte, diversa dunque dal resto delle mura di Veio. Può trattarsi di una cinta autonoma, più antica: gli scavi recenti (1972) hanno dimostrato che l'area, non più abitata dopo la conquista

13 romana, era forse già abbandonata nel V sec. a.c., lasciando intravedere la possibilità di un abbandono precoce di una zonaurbana mal collegata e periferica. Di queste mura si conserva un lungo tratto con una porta di ingresso all'abitato. Nella stanza numero sette del Museo Nazionale di Villa Giulia a Roma sono conservati i resti più importanti della zona archeologica di Veio e, in particolare, dell area di Portonaccio, nella quale nei primi decenni del 1900 è stato rinvenuto un complesso cultuale, che ha restituito statue in terracotta, tra le quali il celebre Apollo. E necessario dire inizialmente che gli Etruschi, a differenza dei Greci, usavano per la decorazione degli edifici templari prevalentemente la terracotta; quest arte tipicamente etrusca, chiamata coroplastica, fu così apprezzata che i Romani, per decorare il loro tempio più importante, quello di Giove Ottimo Massimo sul Campidoglio, chiamarono un artista veiente: Vulca. Probabilmente si tratta della stessa persona che plasmò anche le statue di Ercole, Latona, Hermes e Apollo rinvenute nel 1916 nei pressi del Santuario del Portonaccio. Queste statue, originariamente, erano isolate su elaborati basamenti, collocati sulla cima del tetto con la funzione di ornare gli edifici templari, ed erano disposte a gruppi ideali: di questi gruppi alcuni sono stati identificati, come quello di Apollo in lotta con Eracle per la cerva Cerinite e quello di Latona recante in braccio il piccolo Apollo che saetta il serpente Pitone; altri, come quello cui apparteneva la celebre testa di Hermes, sono meno chiari. Alte 180 cm, poste di profilo dovevano apparire decisamente imperiose a chi si avvicinava al Santuario. Particolarmente bella è la statua di Apollo, noto come "l Apollo che cammina" perché ritratto mentre avanza con passo affrettato così che l aria fa aderire al corpo il panneggio, mostrando le parti anatomiche. Il colore della pelle è rosso bruno, caratteristico nell arte arcaica per il nudo maschile. La scoperta dell opera ha avviato una rivalutazione critica dell arte etrusca, che manifesta in questa statua una capacità autonoma di rielaborazione dei modelli greci.

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO rt MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, TAVOLI, SCALE, PROGETTI. FORNITURA MARMI E PIETRE PER ABITAZIONI, HOTEL, EDILIZIA. Art Carrara by Amso International Carrara Italy

Dettagli

Descrizioni dei punti IOF

Descrizioni dei punti IOF Descrizioni dei punti IOF Introduzione La corsa d orientamento è uno sport praticato a livello mondiale. L obiettivo delle descrizioni dei punti IOF è di fornire agli orientisti di tutti i paesi un mezzo

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Testo originale Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Concluso il 20 ottobre 2006 Entrato in vigore mediante

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche Haemimont Games Team Sofia, gennaio 2004 Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche 1.- IMPERIVM TI INVITA A SCOPRIRE IL CONCETTO RTC. Strategia in tempo reale orientata alla conquista militare, elementi

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli