di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever"

Transcript

1 di Giovanni Boggero e Lorenzo Brach del Prever Il territorio di Veio (in latino Veii) era molto vasto, fino alla riva destra del Tevere, alla cui sinistra sorgeva Roma. Era la città più meridionale dell'etruria, situata su un vasto pianoro di forma triangolare e circondata dai corsi d'acqua del Fiordo e del Cremera, che originavano il più importante Valchetta, affluente del Tevere. L'antico centro abitato era protetto da una cinta muraria e da un poderoso contrafforte. Dai ritrovamenti archeologici si evince che i suoi più antichi insediamenti, nella zona dell'odierna Isola Farnese, risalgono all'età del bronzo, anche se solo più tardi assumono connotazione di città ricca e potente, in notevole sviluppo fin dal VII secolo a.c., tanto da controllare importanti rotte commerciali, in virtù della posizione strategica sulla riva destra del Tevere. Il suo vasto territorio si estendeva, nel VI secolo, fino al porto di Fregene. I reperti archeologici mettono in luce una vita economica e culturale piuttosto vivace e gli eventi storici, tramandatici in buona parte da Tito Livio, pongono in luce la sua potenza e la capacità bellica. Veio in età arcaica controllava saldamente la sponda destra del Tevere che le fonti latine chiamano significativamente "ripa Veiens", la riva di Veio: il Gianicolo, "l'antipolis" di Roma e il Trastevere sono luoghi di contesa, dove frequente è il ricordo di episodi di frontiera, e l'archeologia, con la scoperta dell'"oppidum" di Colle S. Agata, oggi presso il Policlinico Gemelli su Monte Mario, difeso da poderose mura e delle tombe a camera di tipo veiente del VII-VI sec. a.c., di S. Onofrio, conferma questo dato delle fonti. Il vasto territorio di Veio si estendeva tra la fascia pianeggiante sulla sponda destra del Tevere e le alture alle spalle di Caere fino al lago di Bracciano (attuali comuni di Capena, Formello e Campagnano). È difficile fissare i limiti antichi dell'ager Veientanus, data la natura dei luoghi, con alture appena pronunciate inframmezzate da fertili pianure; limite meridionale era certo il corso del Tevere, ma già a Nord-Est il suolo veiente trapassa senza ostacoli naturali nel territorio di Capena, che le fonti descrivono come colonia di Veio. Verso settentrione, la via Cassia passa per le terre di Veio, verso Baccano; non sappiamo se il territorio terminasse qui o se proseguisse fino alla strettoia verso Sutri e verso Nepi, ovvero

2 i "claustra Etruriae" (porte d'etruria), che segnavano certamente un confine tra i territori falisci e tarquiniesi. Ad Ovest dobbiamo cercare i confini nelle alture attorno al lago di Bracciano, l'antico "lacus Sabatinus", anche se soprattutto in questo caso dobbiamo supporre l'esistenza di limiti non del tutto certi e, forse, causa di non pochi conflitti con la vicina Caere. In questa vastissima area i siti conosciuti sono relativamente pochi: per l'età villanoviana un interessante insediamento localizzato è quello di Monte S. Angelo, del quale è stata esplorata la piccola necropoli. Più ricca la documentazione arcaica: nell'area tra il Tevere e la costa, ove erano i "septem pagi", si conosce un notevole abitato a Testa di Lepre presso Maccarese, con tombe a camera di tipo veiente, e il già ricordato "oppidum" di Colle S. Agata, mentre nell'interno il sito principale è costituito dall'abitato di Trevignano, forse l'antica "Sabatia". Questo è un vero e proprio sito di frontiera, con caratteri culturali sia veientini sia ceriti In tutta la valle di Baccano e, verso Est, in direzione del territorio di Capena, le fattorie e gli "oppida" di dimensioni modeste sono abbastanza numerosi e restituiscono l'immagine di una campagna assai presto assoggettata a Veio e ben controllata dalla città. L'antica città sorge su uno scosceso altopiano di grandi dimensioni e di forma triangolare, con il vertice verso Sud costituito dall'appendice dell'acropoli di Piazza d'armi, che è congiunta all'altopiano da un basso istmo Ai piedi di Piazza d'armi si congiungono i due corsi d'acqua che lambiscono l'altopiano, ad Ovest il Fosso della Mola e ad Est il Cremera, affluente del Tevere. L area della città di Veio fu forse frequentata già dall età del Bronzo: alcuni frammenti documenterebbero presenze di epoca subappenninica, altre una frequentazione di epoca protovillanoviana. Più certo, dato il gran numero di attestazioni ritrovate, sarebbe uno sviluppo della città nell epoca

3 villanoviana, tra il IX e l VII secolo a. C. Già a quel tempo Veio, come la stessa Roma, aveva il controllo degli approdi tiberini e, secondo alcune fonti, pare che commerciasse con naviganti greci provenienti dall Eubea. Divenuta centro etrusco, Veio raggiunse il suo massimo splendore nel VI sec. a. C. durante il quale controllava i territori sottomessi ed era in grado di colonizzare le aree adiacenti. Fu governata dapprima da re, in seguito adottò la costituzione repubblicana. Nel secolo successivo, secondo quanto ci dice lo storico Tito Livio, si iniziò per la città una lenta decadenza, sia per la crescita della rivale Cerveteri, sia per gli scontri continui con Roma. Veio infatti sbarrava ai Romani il controllo della via d acqua del Tevere e quindi del commercio, in primo luogo del sale e del grano. In realtà, comunque, i rapporti conflittuali tra Roma e Veio, risalivano addirittura ai tempi di Romolo e anche Tullo Ostilio combatté duramente contro la città etrusca. Lo stesso Tullo Ostilio rase al suolo la città di Alba Longa, perché il suo re non si era schierato con decisione al suo fianco nella guerra che opponeva Roma a Veio. Nel 509 a.c. Valerio Publicola aveva combattuto e vinto Veio, la quale era appoggiata dalla sorella etrusca Tarquinia, in una drammatica battaglia dove aveva perso la vita anche il console Lucio Giunio Bruto, fondatore della repubblica romana. Nel V sec. a. C. dunque lo scontro tra Veio e Roma si fece più aspro. Nel 478 a. C., la gens Fabia aveva chiesto e ottenuto l'autorizzazione al Senato, per combattere una sorta di guerra privata (bellum privatum) contro la la rivale etrusca. Trecentosei membri della prestigiosa famiglia romana, accompagnati da una guarnigione di quattromila uomini, probabilmente loro clienti, si accamparono a poca distanza da Veio, sulle rive del fiume Cremera, un piccolo affluente del Tevere. Da lì conducevano una guerra fatta di piccoli scontri, incursioni e razzie di bestiame. Il 13 febbraio del 477 a. C. caddero in un'imboscata preparata dai Veienti trecentocinque componenti della famiglia dei Fabi. Solo un giovane si salvò e garantì in questo modo la discendenza dalla famiglia che rimase comunque una delle gentes più importanti dell'antica Roma. Negli ultimi decenni del secolo la pressione romana si fece fortissima: nel 426 a.c. Veio chiese aiuto alla lega etrusca riunita al "Fanum Voltumnae", ovvero il santuario della dea Voltumna, sede della lega etrusca vicino al lago Trasimeno, ma, tranne Falerii, Fidene e Capena, sue fedeli alleate, nessuna

4 città etrusca venne in soccorso di Veio, colpevole di essersi data nuovamente un regime monarchico. E infatti, negli scontri degli anni precedenti, il re veiente L(ars) o L(ucius) Tolumnius era caduto per mano di A. Cornelio Cosso, che ne aveva dedicato gli "spolia opima", il trofeo d'armi, nel tempio di Giove Feretrio a Roma. In quello stesso anno chi fece le spese del conflitto tra Roma e Veio fu la cittadina di Fidene, che, pur essendo una città latina, si trovava sotto il controllo dei Veienti. Il problema più grosso di Fidene era di trovarsi in mezzo alle due contendenti; già ai tempi di Romolo, la cittadina, che si trovava a pochi chilometri a nord di Roma, aveva pagato duramente la sua fedeltà a Veio. La conquista definitiva di Fidene da parte dei Romani si verificò appunto nel 426 a.c. e, a fronte di questo evento, Veio fu costretta ad accettare un armistizio ventennale. Nel 406 a.c. l esercito romano pose sotto assedio la città etrusca, ma Veio si dimostrò davvero inespugnabile e resistette per più di dieci anni meritandosi in seguito il nome di "Troia etrusca". I Veienti erano anche riusciti, con una sortita inaspettata e grazie all appoggio degli eserciti di Capena e di Faleria, a rompere l'accerchiamento e ad insidiare la stessa Roma. A quel punto Roma, dopo il momento di sbandamento, ricorse nuovamente a un dittatore, Marco Furio Camillo, il quale decise le sorti della guerra in favore dei Romani. Camillo infatti aveva scoperto l'esistenza di un vecchio pozzo che passava sotto l abitato e, dopo averlo svuotato, lo utilizzò come cunicolo sotterraneo per penetrare all interno della città. I Veienti, attaccati alla sprovvista, furono costretti alla resa in breve tempo. Dopo la caduta di Veio il dittatore autorizzò il saccheggio: furono depredate le case private, i palazzi, i templi e gli edifici pubblici. Sembra che lo stesso Camillo si sia impadronito della statua di Giunone Regina, protettrice della città, e che l abbia portata con sé a Roma, dedicandole un tempio sull'aventino. Il dittatore fece inoltre vendere all'asta tutti i Veienti e si impadronì degli oggetti d'oro di notevole pregio, nonché delle pesanti porte bronzee della città. Le splendide terrecotte, che ornavano il tetto del tempio di Veio, tra le quali ricordiamo in particolare il famoso Apollo), furono abbattute o distrutte dai legionari romani, ma risparmiate dal saccheggio perché considerate di scarso valore economico.

5 La sconfitta e la distruzione di Veio coincideva più o meno con la fine della civiltà etrusca, una fine accentuata dalla discesa sul territorio italiano delle popolazioni celtiche che sarebbero giunte a insidiare la stessa Roma. Nonostante l'entusiasmo per la vittoria conseguita, Camillo non dimenticò di vendicarsi degli alleati dei Veienti, conquistando e distruggendo sia Capena sia Faleria (394 a.c.). In seguito Camillo, a causa delle sue posizioni fortemente anti-plebee, venne esiliato nella città di Ardea. Ma nel 390 a.c. l invasione dei Galli di Brenno fornì al generale romano l occasione per un grande riscatto. Infatti l imponente bottino, che era affluito a Roma in seguito al saccheggio di Veio, fu impiegato da Furio Camillo per placare l orda dei Celti che aveva distrutto Roma. Con la distruzione della città appunto, Veio diventò il centro di un dibattito sul possibile trasferimento sul suo suolo di Roma distrutta; ma la tenacia di Camillo impedì l'esodo, ed egli anzi esortò i Romani a ricostruire la loro città. Tuttavia ancora nel I sec. d. C., in occasione della costruzione della Domus Aurea di Nerone, troviamo iscritta sull edificio l esortazione "Roma sta diventando un palazzo: emigrate a Veio, cittadini", testimonianza del fatto che, ancora molti secoli dopo la conquista, la città di Veio rappresenta nell immaginario collettivo l alter ego della città di Roma. A partire dal IV secolo Veio perse definitivamente la sua indipendenza e passò sotto il controllo romano. Il territorio dei Veienti (Ager Veientanus) venne riorganizzato - secondo quanto testimonia Livio - e distribuito alla popolazione in tre fasi successive. Nell anno 393 a. C. avvenne l assegnazione di lotti di 4 o 7 iugeri ai soli cittadini romani. Nell anno 389 vi fu un altra assegnazione di lotti, questa volta ai Veienti, Capenati e Falisci, che durante la guerra di Veio avevano defezionato in favore di Roma. Nel 387 vi fu la riorganizzazione del territorio, dovuta sicuramente alla necessità di riparare ai danni provocati dall invasione dei Galli di Brenno; ne seguì la creazione di quattro nuove "tribù" (Stellatina, Tromentina, Sabatina e Arniensis), cui afferirono i coloni dell Ager Veientanus, divenendo così tutti cittadini romani. Questa distribuzione di terre contribuì a placare per almeno due secoli la plebe romana, che spesso era agitata a causa della povertà e delle carestie.

6 Durante il periodo imperiale Augusto, nell ambito del suo programma di restaurazione sociale, politica e religiosa, creò nel centro dell'altopiano, un insediamento municipale, il "municipium Augustum Veiens", con edifici prestigiosi, noti da fonti epigrafiche e da resti archeologici. Le fonti parlano di un importante centro di culto imperiale, di templi di Marte e della Vittoria Augusta, di terme, di una"porticus Augusta" eretta da Tiberio; i probabili resti di un teatro, le terme dette Bagno della Regina e soprattutto le dodici colonne ioniche di marmo lunense scoperte negli scavi del sono l'equivalente archeologico dl quelle fonti, documenti dello sforzo compiuto dalla dinastia Giulio-Claudia per rivitalizzare questo antico centro in decadenza: ben undici dediche imperiali sulle diciotto conosciute si riferiscono, infatti, ai Giulio-Claudi. Le iscrizioni distinguono "municipes intramurani" e "municipes extramurani", abitanti del centro urbano e della campagna, prova questa di una forte presenza di cittadini nelle "villae" del territorio. Ciò non solo denuncia l'artificiosità della restaurazione augustea, ma fa presagire il destino successivo della città, che nuovamente tornerà allo stato di abbandono a vantaggio della campagna. Già nel I sec d. C. incominciò la decadenza della città, che cessò di esistere nel sec. IV d. C. In epoca medievale abbiamo ancora alcune testimonianze di qualche insediamento nella zona circostante Veio. Papa Adriano I (772-95) infatti fece costruire una fattoria in località S. Cornelia a tre chilometri a Nord-Est dalla città, nota dalle fonti come "domus culta" o "fundum Capracorum" e sopravvissuta fino al XII sec. Nel X sec., invece, sorsero il castello e la "curtis" di Isola Farnese, con il vicino mulino sul fosso, detto appunto della Mola. Isola Farnese sussiste ancor oggi come comune. -SANTUARIO DI PORTONACCIO Fortunati scavi degli inizi del secolo nell'area dell'antica Veio condussero nel 1916 alla scoperta, presso il santuario del Portonaccio, di un eccezionale gruppo di sculture in terracotta risalenti alla fine del VI secolo a.c. Si giunge al complesso del Santuario di Portonaccio da Isola Farnese attraverso

7 una "tagliata" forse antica, perpendicolare ad una grande strada etrusca che, da Portonaccio, andava verso Ovest in direzione della foce tiberina. Questa strada è ancora ben visibile, con la suggestiva tagliata, sulla sinistra del moderno cimitero di Isola Farnese; in età romana, pavimentata a poligoni di selce e bordata da sepolcri tardo-repubblicani a dado, scavati al principio del secolo, doveva scavalcare il Fosso della Mola all'altezza della porta urbana, dove tuttavia piegava costeggiando lo sperone posto sopra il santuario di Portonaccio e dove è ancora visibile. Varcato il Fosso della Mola all'altezza dell'antico mulino ad acqua, il visitatore può raggiungere l'ingresso degli scavi, posto presso l'arco che ha dato nome alla località, Portonaccio. Qui, lungo la strada romana, che fu smontata dagli scavatori per raggiungere i livelli etruschi, si entra nell'area del santuario extraurbano, detto dell'apollo dalla celebre scultura acroteriale, santuario che in realtà sappiamo dalle iscrizioni dedicato a Menerva (Minerva). Il complesso templare etrusco era posto su di una bassa sporgenza dell'altopiano ed era recinto da un muro di τέµενος, ovvero di confine, che verso valle diveniva ostruzione della sporgenza in senso Est-Ovest, con bella tecnica a blocchi rinforzata in età romana da un ulteriore muro obliquo di contenimento. La strada romana borda il lato verso monte del muro di τέµενος, per poi sovrapporglisi, mentre quella etrusca lo rispettava. Ancora più a monte, a sinistra della strada romana, un altro muro di contenimento a blocchi costituiva il limite della strada etrusca, conducendo ad una piccola vasca destinata a raccogliere le acque di un cunicolo retrostante, acque che, varcato con condotte il tracciato viario, entravano nell'area sacra per gettarsi in una vasta e profonda piscina accanto al tempio. Entro il τέµενος di forma trapezoidale si collocavano il tempio, con l'annessa piscina, e una piazza terminante ad Est in una larga piattaforma quadrangolare con l'altare centrale. Tutto il complesso del santuario, e soprattutto il tempio, ha subito gravi danni dal crollo sia del bordo verso valle della piattaforma sia della zona centrale dell'area sacra, in seguito al cedimento del soffitto di grotte praticate in epoca probabilmente postclassica nella collina per cavare materiali. Ciò ha fatto cadere tutte le parti centrali del tempio nel fondo della cava, dal quale sono state raccolte blocco per blocco e restaurate nella forma attuale. Il tempio, dalla caratteristica pianta tuscanica, poteva avere tre celle o, molto più probabilmente, un'unica cella e due alae, o colonnati laterali: la sua

8 decorazione - che ne sostituiva una più antica della metà circa del VI sec. a. C. - risale alla fine del VI sec. a. C., con splendide lastre di rivestimento, affreschi su terracotta per le pareti della cella, antefisse a testa gorgonica, antefisse a testa di menade, e soprattutto bellissimi gruppi acroteriali. I resti di questi gruppi furono trovati in parte sepolti sul lato del tempio e in parte crollati verso il fondovalle, e sono stati pazientemente ricomposti in statue a grandezza maggiore del vero, oggi al Museo di Villa Giulia. La piscina, costruita in bellissima tecnica a blocchi e rivestita di argilla impermeabile, con i suoi 20 m e oltre di lato, si addossava al tempio e al muro di τέµενος con una evidente connessione con il culto. Nella piazza dovevano ergersi altre statue ex-voto; nell'estremità Est dell'area sacra, davanti a un edificio quasi quadrato rinvenuto pieno di materiali votivi, era la piattaforma, dotata di un accurato sistema di scolo delle acque e destinata a sorreggere l'altare. Di questo rimane il filare di base con fascia e accenno di sagoma a cuscino: aveva una forma quadrata ed era perfettamente orientato, con una fossa centrale per i sacrifici rinvenuta colma di ceneri ed ossa di animali. A Portonaccio infatti, le ricche dediche deposte nel santuario tra la fine del VII e la prima metà del VI sec. a.c., attestano la devozione di personaggi di alto rango e di vasta influenza politica: tra i nomi attestati figurano quello di "Avile Vipiennas", certamente Aulus Vibenna, uno dei due fratelli di Vulci collegati con la saga romana di Servio Tullio, e quello di "Avile Acvilnas", lo stesso donatore di bei vasi di bucchero ad una famiglia aristocratica di Castro nel territorio vulcente, o ancora quello di un "Karcuna Tulumnes" ed un "Velthur Tulumnes", membri della famiglia veiente dei Tolumnii, che diede re alla città nel V sec. a.c.alo scavo del riempimento dell'altare e della piattaforma ha restituito una quantità notevole di ex-voto del VII e VI sec. a. C., fra i quali avori, gioielli e ceramiche su cui sono iscritti i nomi dei dedicanti. Con la conquista romana il santuario venne ancora attivamente frequentato: a questa fase appartengono l'iscrizione a Minerva, gemella di quella di Campetti, donata da L. Tolomnius e statuette votive, tra le quali quella, notissima, di Enea recante Anchise sulle spalle, dedicata frequentemente dai coloni romani del IV sec. a. C. come simbolo del loro trasferimento dalla seconda Troia (Roma incendiata dai Galli) alla seconda Roma (Veio). Il

9 santuario, forse abbandonato nel I sec. a. C., fu poi attraversato dalla strada romana. Alla stessa epoca dell intero complesso, se non a qualche decennio prima, va datato anche il tempio sulla sinistra della strada principale: vi si accede da una strada trasversale, e nel τέµενος, solo in parte delimitato, si dispongono le fondazioni a blocchi regolari dell'edificio di culto, di pianta rettangolare (m 15 x 8), del quale furono trovate le terrecotte architettoniche, con fregi raffiguranti processioni di carri e antefisse dell'iniziale VI sec. a. C. Collegato al tempio da un breve muro, è un ambiente rettangolare con pozzo. Poco discosto è tuttora conservata una gigantesca cisterna ellittica con scala di accesso interna. Ma Veio non è solo il santuario del Portonaccio: numerose necropoli circondano l abitato, famose tra l altro per la presenza delle più antiche attestazioni di decorazione pittorica funeraria. La tomba delle anatre in particolare ci ha restituito un interessante attestazione di decorazione appartenente al VII secolo a. C. -TOMBA DELLE ANATRE La tomba detta "delle Anatre", la più antica dipinta di tutta l'etruria, in quanto risalente al secondo quarto del VII sec. a. C., affrescata in vivaci colori, rosso, giallo e nero, ed ha volta a vela e banchine laterali con tracce per incasso ligneo di un baldacchino a doppio spiovente. Le pareti mostrano uno zoccolo rosso che, sulle sole pareti destra e di fondo, è separato dal fregio superiore mediante strisce rosse e gialle alternate a nere; nel fregio della parete di fondo ci sono cinque anatre schematiche, alternativamente in rosso e giallo con particolari in nero, derivate dal patrimonio della pittura vascolare italo-geometrica. Tutto l'altopiano, poi occupato dalla città storica, ha restituito materiali villanoviani in varia quantità. Le vaste necropoli villanoviane intorno alla città costituiscono nuclei abbastanza compatti, in rapporto più o meno stretto con strade antiche che da Veio conducono alle località vicine: a Nord l'imponente cimitero sul colle di Grotta Gramiccia, scavato negli anni tra li 1913 e il 1918; a Ovest la non grande necropoli di fondovalle in località Valle La Fata; ad Est l'altro vasto sepolcreto sulla sommità della collina di Quattro Fontanili con la vicina collina di Vaccareccia.

10 - LE NECROPOLI ETRUSCHE Delle grandi necropoli veienti solo alcune tombe sono visitabili. Il sepolcreto di Riserva del Bagno mostra ancora molte delle tombe aperte nei recenti scavi, disposte su varie terrazze percorse da una strada. I tumuli di Veio conosciuti sono appena otto, dei quali soltanto quattro veramente grandi e degni di stare di fronte ai consimili sepolcri principeschi d'etruria: Monte Aguzzo, sulla cima di Monte Aguzzo presso Formello (m 247 s.l.m.), contenente la "tomba Chigi" che, pur non rinvenuta intatta dagli scavatori del secolo scorso, ha restituito la celebre "olpe" protocorinzia Chigi e l'altrettanto noto vaso con alfabeto, detto appunto alfabeto di Formello; il gigantesco tumulo di Vaccareccia ad Est della città, anch'esso saccheggiato già in epoca antica: e infine i due tumuli di Oliveto Grande ad Ovest di Veio. Questi tumuli, in genere connessi con aree di necropoli etrusche, sono databili tra il 650 e il 600 a. C., e non contenevano materiali molto più tardi del principio dei VI sec. a. C., epoca del massimo splendore di Veio, documentata da altre tombe a camera. - VILLA CAMPETTI Ai confini della città si erge la villa di Campetti. Scavata negli anni 60, essa ci ha restituito un ninfeo dal quale proviene il mosaico che decora il ninfeo di Villa Giulia. Gli scavi ripresi negli ultimi anni dall Università "La Sapienza" di Roma ci stanno restituendo nuove ed interessanti scoperte sulla fine della città. All entrata, a circa 150 m sulla sinistra, vi sono ruderi appena visibili del santuario di Campetti: gli scavi hanno messo in luce una grotta artificiale e, sulla fronte di questa, resti di muri a blocchi, pertinenti ad un grande recinto di circa 20 m con tracce di edifici molto più tardi, di età imperiale romana, sovrapposti a quello; intorno erano i materiali della stipe votiva, in gran parte del IV-III sec. a. C., documento del culto di Vei (Cerere). Lasciando il santuario, attraverso il declivio che immette nel varco dell'antica porta delle mura urbiche (porta di Portonaccio), si può raggiungere una bella villa romana del I sec. a.c. - I sec. d. C. L'impianto della villa sfruttava un leggero declivio: nella parte alta si conserva una cisterna coperta a volta,destinata ad alimentare il sottostante ninfeo, e soprattutto la zona di più antica data, consistente in una serie di vani prospicienti il declivio, costruiti a blocchi di tufo con pavimenti decorati da

11 frammenti di marmi policromi; nella parte inferiore è soprattutto notevole un ninfeo a pianta semicircolare e nicchie per gli zampilli d'acqua, decorato a lastre marmoree, davanti al quale è collocata una sala voltata semisotterranea contenente resti di pittura (sembra di III stile) e pavimentata a mosaico bianco e nero; a fianco del ninfeo si svolge un bel corridoio a finestre. Dinanzi al ninfeo sono venuti in luce mosaici in bianco e nero con scene marine, pertinenti ad ambienti termali della villa, alimentati da cinque grandi cisterne ancora visibili a Sud del nucleo centrale della stessa. - TOMBA CAMPANA Sulle pendici di Monte Michele è scavata la "tomba Campana", dal nome del banchiere collezionista che la scavò nel secolo scorso. Dopo un lungo e profondo δρόµος si entra, attraverso una piccola porta arcuata, nella prima delle due stanze assiali che compongono la tomba. La parete d'ingresso è foderata da blocchi non squadrati; quelle laterali presentano due banchine e quella di fondo ha l'affresco, oggi molto rovinato, con scene a vivaci colori su due registri inquadrati da motivi decorativi. Il registro inferiore mostra una decorazione con animali e motivi vegetali, quello superiore due scene figurate, ciascuna con un cavaliere accompagnato da personaggi a piedi (a destra) o da animali fantastici (a sinistra), inseriti nei riquadri con fitto intrico di motivi ornamentali di riempitivo. Nella seconda stanza, con bassa banchina all'intorno, erano dipinti grandi scudi policromi. Il corredo della tomba è un'associazione sospetta, dal momento che il marchese Campana, per accrescerne l'importanza, vi trasportò oggetti trovati in altre località: tuttavia lo stile delle pitture data la tomba alla fine del VII sec. a. C. - LA CINTA MURARIA La cinta muraria etrusca era costruita in blocchi di tufo delle cave locali, secondo una tecnica molto raffinata, datata dagli archeologi della Scuola Britannica al tardo V sec. a. C., ma su elementi archeologici poco significativi. In basso i blocchi sono leggermente bugnati, in alto molto ben lisciati, mentre alle spalle e sulla parte bassa, nei luoghi più pianeggianti, c'era un poderoso bastione di terra riportata. Sono conosciute almeno dieci tra porte e posterule, oltre alla porta della cinta quasi indipendente dell'acropoli di Piazza d'armi: nessuna conserva

12 l'aspetto originario e molte sono state modificate in età romana con il passaggio delle strade pavimentate. Entrando in città da porta Nord-Ovest si incontra il vicolo Formellese. Sulla sinistra, salendo sulla scarpata del ciglio del colle, si possono vedere i resti delle mura urbane liberati dagli scavi inglesi. Le mura si sovrapponevano a capanne dell'età del Ferro, e a case costruite a graticcio (VII-VI sec. a. C.) e a blocchi (VI-V sec. a. C.). - PORTA CAERE Sulla destra della strada, si raggiunge il santuario di Porta Caere, scavato nel Esso era costituito da un grande terrapieno, delimitato da un bel muro di contenimento a blocchi di tufo, databile al 470 a. C. circa; entro il terrapieno sono una vasta cisterna, sempre costruita in opus quadratum, e i resti di un piccolo edificio rettangolare, forse il sacello, sostituito nella seconda metà del I sec. a. C. da un ambiente poverissimo, esistito fino a tutta l'età Giulio-Claudia, che ha inglobato nei suoi riempimenti di fondazione una stipe votiva del III-II sec. a. C. - MACCHIA GRANDE Nella località Macchia Grande, presso la porta di Capena, sono state scoperte negli anni '30 case etrusche in stato di conservazione particolarmente buono, assieme alle dediche sacre romano-repubblicane. Giungendo all'istmo che collega l'altopiano all'acropoli di Piazza d'armi, sono ancora oggi visibili i resti di una piattaforma di tufo con sovrastrutture reticolate, considerati pertinenti ad una villa, ma che potrebbero essere quelli del celebre tempio di Giunone Regina: lì accanto infatti si possono vedere sulla superficie del suolo fittili pertinenti ad una colossale stipe votiva, i cui pezzi sono oggi dispersi. - PIAZZA D ARMI Attraverso l'istmo si entra nell'area di Piazza d'armi. La collina, già abitata in età villanoviana, come dimostrano i fondi di capanna rinvenuti negli scavi, è cinta da un muro a blocchi con tecnica a casematte, diversa dunque dal resto delle mura di Veio. Può trattarsi di una cinta autonoma, più antica: gli scavi recenti (1972) hanno dimostrato che l'area, non più abitata dopo la conquista

13 romana, era forse già abbandonata nel V sec. a.c., lasciando intravedere la possibilità di un abbandono precoce di una zonaurbana mal collegata e periferica. Di queste mura si conserva un lungo tratto con una porta di ingresso all'abitato. Nella stanza numero sette del Museo Nazionale di Villa Giulia a Roma sono conservati i resti più importanti della zona archeologica di Veio e, in particolare, dell area di Portonaccio, nella quale nei primi decenni del 1900 è stato rinvenuto un complesso cultuale, che ha restituito statue in terracotta, tra le quali il celebre Apollo. E necessario dire inizialmente che gli Etruschi, a differenza dei Greci, usavano per la decorazione degli edifici templari prevalentemente la terracotta; quest arte tipicamente etrusca, chiamata coroplastica, fu così apprezzata che i Romani, per decorare il loro tempio più importante, quello di Giove Ottimo Massimo sul Campidoglio, chiamarono un artista veiente: Vulca. Probabilmente si tratta della stessa persona che plasmò anche le statue di Ercole, Latona, Hermes e Apollo rinvenute nel 1916 nei pressi del Santuario del Portonaccio. Queste statue, originariamente, erano isolate su elaborati basamenti, collocati sulla cima del tetto con la funzione di ornare gli edifici templari, ed erano disposte a gruppi ideali: di questi gruppi alcuni sono stati identificati, come quello di Apollo in lotta con Eracle per la cerva Cerinite e quello di Latona recante in braccio il piccolo Apollo che saetta il serpente Pitone; altri, come quello cui apparteneva la celebre testa di Hermes, sono meno chiari. Alte 180 cm, poste di profilo dovevano apparire decisamente imperiose a chi si avvicinava al Santuario. Particolarmente bella è la statua di Apollo, noto come "l Apollo che cammina" perché ritratto mentre avanza con passo affrettato così che l aria fa aderire al corpo il panneggio, mostrando le parti anatomiche. Il colore della pelle è rosso bruno, caratteristico nell arte arcaica per il nudo maschile. La scoperta dell opera ha avviato una rivalutazione critica dell arte etrusca, che manifesta in questa statua una capacità autonoma di rielaborazione dei modelli greci.

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

La città di Veio: un antica civiltà parte prima

La città di Veio: un antica civiltà parte prima Vittorio CREA e Vincenzo ROSSI La città di Veio: un antica civiltà parte prima Veio e il suo territorio. Le guerre di Veio. I culti di Veio. La visita di Veio. CULTURA VEIO E IL SUO TERRITORIO Sull etimologia

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Roma e il Lazio tra reges e principes

Roma e il Lazio tra reges e principes Roma e il Lazio tra reges e principes Tra VII e VI secolo inizia però ad affermarsi un nuovo tipo di scambio: negli empori sulla costa tirrenica, controllati dalle città Etrusche, si verificano nuovi contatti

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum.

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. 22 agosto 2009 Mirabella Eclano La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. La visita propone l incontro con la storia avvicinandosi al quotidiano, scoprendo come si viveva. Il percorso muove dalla visita

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

CEFALA DIANA. Le Terme Arabe

CEFALA DIANA. Le Terme Arabe CEFALA DIANA Cefalà Diana è un centro abitato sito a Km 36 da Palermo, raggiungibile dalla strada statale 121 Palermo Agrigento, adagiato sulle pendici orientali del Massiccio di Rocca Busambra, fra i

Dettagli

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA Negli anni Sessanta mentre erano in corso gli scavi per la costruzione del Santuario "Madonna delle Lacrime", sono stati ritrovati dei resti archeologici risalenti

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Lago di Bracciano: Le bellezze naturali e paesaggistiche, i retaggi storici e culturali, il patrimonio archeologico ed artistico: questi gli ingredienti che fanno del lago di Bracciano una meta turistica

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

Itinerario storico-naturalistico

Itinerario storico-naturalistico Itinerario storico-naturalistico La mappa del percorso Baluardi di Ponente: il camminamento che segue il sito degli antichi baluardi, che delimitavano la città sul lato nord-ovest, permette di osservare

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE

ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE ARTE NELL ANTICA ROMA LA CELEBRAZIONE DEL POTERE Dall età repubblicana all et età imperiale ARTE e IMMAGINE - Prof. Antonio Fosca LE ORIGINI La storia dell'arte romana si può dividere in 3 periodi fondamentali:

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano Itinerando Scuola per conoscere il Litorale Romano Visite guidate per bambini e ragazzi alla scoperta delle bellezze naturalistiche, storico-culturali e paesaggistiche del territorio Chi siamo Programma

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010 Alla scoperta di Roma antica Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Gita scolastica del 12 aprile 2010 Programma della giornata:

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A Passeggiando per Bagnara Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A A.S. 2014-2015 Presentazione Gli alunni della Classe III - A della S.S. di I grado San Francesco di Bagnara

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c.

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c. GRANDE PALAZZO Palatium Magnum Il Grande o Sacro Palazzo fu impiantato dall imperatore Costantino (324-337). Come modello fu assunto il Palazzo di Diocleziano a Spalato. Si estendeva per 100.000 mq fra

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

LA CASA GRECA. La casa a pastas

LA CASA GRECA. La casa a pastas LA CASA GRECA Durante l età classica i greci non si preoccupavano granché delle loro abitazioni, poiché erano più interessati alla Polis. Essi, infatti, non si curavano di avere una bella casa, ove, del

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1 Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Esame di Alfabetizzazione Informatica L'Impero Romano 1 A.A 2010/2011 Prof. Francesco FONTANELLA 1 Questo documento è stato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 Le origini Secondo una leggenda la città di Perugia avrebbe avuto origine da Euliste, un nobile guerriero che, tornando dalla guerra di

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Le Frazioni di Todi: Ponterio

Le Frazioni di Todi: Ponterio Le Frazioni di Todi: Ponterio La località era chiamata Villa del Ponte di Rivo per la presenza di un ponte che in questo punto attraversa il torrente Rio e di cui si hanno notizie già dal 1341. La vicinanza

Dettagli

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni La fortezza di confine Altfinstermünz si trova in una gola del fiume Inn, sotto la strada di Resia, presso la localitá di Hochfinstermünz. In questo

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci INDICE PRESENTAZIONE (Sergio Rinaldi Tufi) pag. V INTRODUZIONE (Francesca Ceri)» 1 ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci I. AMBIENTE E PAESAGGIO» 11 La natura del suolo» 12 Idrografia» 18 La costa» 23

Dettagli

Tour dell umbria. Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA. Veduta aerea di Gubbio: a sinistra della piazza si riconosce il medievale Palazzo dei Consoli

Tour dell umbria. Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA. Veduta aerea di Gubbio: a sinistra della piazza si riconosce il medievale Palazzo dei Consoli ASSOCIAZIONE CULTURALE ITINERARI Venerdì 6 giugno TELGATE Organizza un Tour dell umbria Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA Ore 6.30: Partenza dal Piazzale del mercato di Telgate alla volta di Gubbio (PG).

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

LE SALE ED I REPERTI

LE SALE ED I REPERTI LE SALE ED I REPERTI SALA 1 I pastori del Bronzo Finale X secolo a.c. Il Chianti 3000 anni fa Sulla collina di Poggio La Croce, a Radda in Chianti, sede di uno scavo etrusco iniziato nel 1989, durante

Dettagli

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Per consultare l'archivio della sezione Lo stile prospettico della pittura romana di Emanuela Merluzzi* Quando nel Rinascimento si tradussero

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI. Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA

PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI. Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA La storia Sede di uno dei più antichi insediamenti umani nel Lazio, Fontana Liri

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

Atene Monumenti ed edifici storici

Atene Monumenti ed edifici storici Atene Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Agorà Akropolis Agorà in greco significa piazza e la piazza nel mondo ellenico era il cuore della città dove si votavano le

Dettagli

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Turismo Scolastico Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Parco Archeologico di Roselle e Museo Storico Archeologico della Maremma: Una delle più importanti città della Dodecapoli

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli