1- Le origini di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1- Le origini di Roma"

Transcript

1 CAPITOLO I LA CITTA STATO Sommario: 1- Le origini di Roma; 2- Il predominio nel Lazio; 3- La struttura della civitas; 4- le assemblee popolari; 5-Le magistrature superiori; 6- Le altre magistrature; 7- Il senato; 8- I collegi sacerdotali. 1- Le origini di Roma Secondo una tradizione accolta dagli storiografi dell età di Augusto (in particolare Tito Livio e Dionigi di Alicarnasso), Roma sarebbe sorta nel 753 a. C. per iniziativa di un gruppo armato (proveniente dalla comunità latina di Alba Longa, a cui si erano uniti elementi provenienti da altre comunità vicine), che sotto il comando di Romolo si sarebbe impadronito del territorio sovrastante il guado del Tevere corrispondente all Isola Tiberina, creando sul colle Palatino una fortificazione da cui si sarebbe sviluppata la città. Siccome i reperti archeologici attestano che il Palatino e gli altri colli circostanti erano abitati già da tempi più remoti, gli storici odierni sono inclini a considerare inattendibile il racconto tradizionale, e ritengono che Roma sia sorta dalla spontanea fusione delle comunità preesistenti. Non vi sono elementi sufficientemente sicuri per affrontare la questione, e sarebbe ragionevole accontentarsi del puro dato di fatto, che Roma è sorta in quel luogo e all incirca in quel periodo. Tuttavia non è privo di interesse soffermarsi sulle ragioni del dissenso, per farsi un idea dei percorsi conoscitivi che sorreggono la critica storica. Se noi riduciamo il confronto fra le due opposte ricostruzioni alle premesse più elementari che stanno rispettivamente a fondamento dell una e dell altra, constatiamo che la presenza di insediamenti preesistenti è necessaria per la tesi che ricollega l origine di Roma al consenso, mentre resta del tutto irrilevante per la tesi che riconduce l origine di Roma ad un atto di forza. E da dire che l atteggiamento complessivo tenuto da Roma nei confronti dei vicini in epoca storica, indubbiamente più aggressivo che difensivo, depone a favore del racconto tradizionale. Qui però interessa soltanto richiamare l attenzione sul gioco delle opinioni, per acquisire consapevolezza critica sul modo di affrontare i problemi. Le opinioni, sul piano strettamente personale, possono reggersi benissimo sulla base di preferenze puramente istintive, legate all esperienza o all indole delle persone; ma per essere utilmente comunicate ad altri devono assumere una valenza obiettiva, che viene per lo più ottenuta attraverso percorsi argomentativi, coi quali muovendo da elementi certi o comunque condivisi si cerca di rendere credibili quelli incerti. L attendibilità di una opinione dipende dunque dagli elementi (o fattori) posti a suo fondamento, che devono essere almeno tre: un termine di riferimento fattuale (insediamenti preesistenti), un canone di inferenza, che di solito è rappresentato da esperienze condivise (nel caso nostro, ad esempio, l atteggiamento tenuto da Roma nei tempi successivi, oppure l idea che l unione fa la forza) ed infine le conclusioni che si propongono come opinione da condividere. Sia il dato fattuale (insediamenti preesistenti) sia i due canoni di inferenza, isolatamente considerati, si possono considerare attendibili; la loro relazione però è qualcosa che instauriamo noi, e di per sé è semplicemente possibile. Siamo dunque di fronte ad una operazione di carattere preferenziale, 1

2 che muovendo da conoscenze già disponibili, crea spazio per un allargamento della conoscenza, rappresentato dalla relazione di interdipendenza suggerita, che crea uno spazio in cui è possibile inserire (inferre) elementi ulteriori. Essa di per sé vale come proposta, e non comporta acquisizione di conoscenze nuove,sul piano dei fatti, finché non emergono riscontri esterni che danno conferma delle relazioni proposte 1. E doveroso dare atto di questo perché tutta questa prima parte è impostata in modo di suggerire delle relazioni, ma senza che vi sia lo spazio per discuterle e verificarle, che richiederebbe un corso apposta, come un tempo avveniva. Possiamo così ritornare al racconto della tradizione, alla quale ormai ci si può richiamare senza troppe preoccupazioni, lasciando al senso critico di ognuno di valutarne l attendibilità.si narra dunque che Romolo, dopo aver fondato la nuova città, avrebbe suddiviso la popolazione in tre tribù, secondo la provenienza (Titii, Ramnes, Luceres), ognuna delle quali era stata suddivisa al suo interno in dieci curiae, costituite dai nuclei familiari insediati sulle porzioni di territorio a loro assegnate 2. Le curiae avevano quindi al tempo stesso una base personale e territoriale, esvolgevano una duplice funzione: militare, per il reclutamento dei soldati, e civile, per riunire i cittadini in assemblea (comitia) quando vi erano operazioni che riguardavano l intera cittadinanza, come ad esempio la dichiarazione di guerra, l acquisizione di nuove gentes o familiae, o la nomina (inauguratio) di un nuovo re. Sempre a Romolo si fa risalire l istituzione di un consiglio di anziani (senatus), composto di cento membri, come pure la distinzione della popolazione in due classi, patrizi e plebei, riservando ai primi le funzioni pubbliche e destinando gli altri alle attività produttive. 2. Il predominio nel Lazio La regione laziale, al tempo della fondazione di Roma, era caratterizzata da insediamenti rurali, accorpati intorno a modesti nuclei urbani, che in sostanza erano l esito dell occupazione territoriale avvenuta alcuni secoli prima da parte di popolazioni indoeuropee. Erano popolazioni organizzate per stirpi, che rispecchiavano un origine comune, ma non necessariamente di sangue, che a loro volta si erano frammentate in nuclei più ristretti su base territoriale, che andavano 1E chiaro che questo discorso non è stato fatto per affrontare il problema delle origini di Roma, che di per sé è abbastanza irrilevante, ma si è preso spunto da una questione elementare per evidenziare una impostazione di pensiero che nel campo del diritto svolge un ruolo primario, e che sarà il filo conduttore di tutto il corso. Resta da aggiungere fin da ora che la concezione romana del diritto esigeva delle certezze, alle quali si poteva arrivare in due modi: o per statuizione, facendo decidere a qualcuno (come nel caso delle leggi e delle sentenze), oppure per ragionamentoimpostando una verifica in termini stringenti. La tecnica adottata Romani in sede processuale era in sostanza questa, di dare la precedenza a quella delle due tesi che si riteneva prevalente e sottoporla a giudizio stringente sulla base degli argomenti contrari; se riusciva a superarli diventava definitiva, diversamente si teneva per buona l altra. Questa tecnica richiedeva in sostanza due stadi di giudizio, quello per accordare la precedenza e quello per verificarla. L argomento verrà affrontato nella seconda parte. Fin da ora si può precisare (e questo vale anche per le ricostruzioni storiche) che in qualunque ragionamento il termine di riferimento che funge da premessa deve essere un dato fattuale, perché diversamente manca qualunque riscontro reale, e si rischia dicadere in un gioco di vuote allegazioni; l altro riferimento invece può richiamare anche dei contenuti di esperienza generici, affinché dal loro ambito si possano utilizzare quelli che di volta in volta interessano. 2 Anche qui siamo di fronte a dei riferimenti (le tribù, le curiae, le familiae) confermati da molteplici attestazioni, e ad un evento (la loro istituzione da parte di Romolo) che manca invece di conferme fattuali. Addirittura si discute se Romolo sia davvero esistito, o sia un nome inventato per indicare un immaginario fondatore. 2

3 sotto il nome di populi o di civitates secondo che venissero in considerazione le persone o gli assetti del territorio. Nella parte centrale del Lazio erano insediati i Latini, e con loro confinavano a est i Sabini e gli Osci, a sud i Volsci, a nord, di là dal Tevere, gli Etruschi (questi ultimi di origine diversa, giunti in Italia via mare). L organizzazione delle popolazioni latine era il riflesso di un economia pastorale, tendenzialmente autosufficiente, e la loro vita politica, in assenza di un potere centrale che tenesse insieme le comunità locali, era caratterizzata da alleanze fondamentalmente difensive, per fronteggiare le prepotenze dei vicini, ma ben spesso utilizzate anche per incursioni ai loro danni. Non del tutto diverso, anche se assai più evoluto, era l assetto delle stirpi etrusche, che avevano già da tempo assimilato l esperienza greca della pòlis ed avevano un economia capace di industria e commercio, sia terrestre che marittimo. Una conseguenza importante di questo assetto politico, caratterizzato in sostanza da rapporti di vicinato fra le singole comunità, è la grande rilevanza che assumeva il principio di reciprocità, come condizione della loro stessa coesistenza, per cui si era sviluppato fin dai tempi remoti, ancor prima del diritto cittadino, una sorta di diritto internazionale, rappresentato dalle relazioni in cui quella coesistenza si esprimeva, come le ambascerie, le alleanze, le regole del commercio, le stesse formalità di guerra. Era, come è ancora oggi il diritto internazionale, un diritto imperfetto, nel senso che esprimeva bensì condizioni di reciprocità, ma mancando un autorità che potesse garantirle, pronunciandosi sopra le parti in contrasto, veniva meno tutte le volte che prevalevano i rapporti di forza. Un diritto quindi possibile, ma non sempre praticabile. Ciò che in ogni caso merita di essere sottolineato è che Roma ha saputo sfruttare questo assetto di rapporti con straordinaria sagacia politica, orientando la sua azione politica ad un progetto di egemonia, più che di conquista. Lo straordinario successo conseguito nei secoli successivi è in buona parte riconducibile all uso accorto di queste esperienze primordiali. I primi due secoli e mezzo di storia sono stati caratterizzati per Roma da continue lotte con i vicini, suscitate bensì, secondo la versione dei Romani, dalla necessità di difendere la propria indipendenza più che da un proposito di espansione territoriale, ma in concreto alimentate dal fatto che per i Romani l indipendenza era fatta coincidere con la preminenza (maiestas) del popolo romano rispetto ai vicini, il che rendeva inevitabile intervenire ogni qualvolta si creava uno spostamento di equilibri. I fatti più salienti di questo periodo si possono considerare la distruzione di Alba, da cui Roma aveva tratto un significativo incremento di territorio, e la fondazione di Ostia, che le aveva dato la possibilità di aprirsi ai traffici marittimi. Quest ultima vicenda è legata verosimilmente all influenza etrusca, che pur senza tradursi in una vera e propria conquista territoriale, si era di fatto concretizzata in un controllo della città, come attesta il fatto che gli ultimi re di Roma, i Tarquinii, erano di stirpe etrusca. Forti di una fiorente economia commerciale, attraverso l inserimento di gruppi gentilizi all interno delle comunità preesistenti, gli Etruschi si erano spinti fino al territorio di Cuma, una delle più antiche colonie greche (da cui aveva tratto origine Napoli), e vi avevano fondato come avamposto Capua, impegnandosi in una serie incessante di conflitti che in un primo tempo avevano visto i Latini, unitamente ai Romani, in guerra con i Volsci, spalleggiati a loro volta dai Greci, poi, cambiate le alleanze, i Latini con i Volsci ed i Greci contro i Romani e gli Etruschi. 3

4 Più o meno in concomitanza con la cacciata dei Tarquinii, le città latine avevano cercato di sottrarsi all egemonia di Roma e si erano federate fra loro dando vita ad una lega, che aveva chiaramente lo scopo di unire le forze. Questo fu occasione di ripetuti conflitti coi Romani, in cui le parti in contesa trovavano appoggio di volta in volta nelle popolazioni circostanti, finché nel 493 a.c. si arrivò ad un trattato, il foedus Cassianum, che stabiliva reciprocità di diritti fra Roma e la Lega. A seguito di questo accordo si riaccesero le ostilità con le popolazioni circostanti, che consentirono ai Latini di sottrarre territori agli Equi ed ai Volsci 3, e a Roma di impadronirsi della città rivale di Veio. A seguito di ciò le risorse delle due parti rimanevano equivalenti, ma Roma aveva indubbiamente il vantaggio di essere un entità politica unitaria. Intorno al 390 a.c. Roma aveva subito una rovinosa invasione da parte dei Galli, che l'avevano messa al sacco e incendiata. Le città della Lega Latina cercarono di approfittarne per scrollarsi di dosso l egemonia romana, ma senza successo. Roma resistette ed incominciò a praticare una politica discriminatoria, che privilegiava alcune città rispetto alle altre, concedendo loro la cittadinanza romana, senza che perdessero la propria. Questo non impedì che qualche decennio più avanti le città della Lega cercassero ancora una volta di contrastare l egemonia romana, ma Roma ebbe ancora il sopravvento e nel 338 a.c. la Lega latina venne sciolta. Con ciascuna città vennero conclusi trattati diversi, privandole tutte però del diritto di stringere alleanze in modo autonomo, cosicché tutto quanto il Lazio, pur restando articolato in comunità formalmente indipendenti, di fatto era saldamente nelle mani di Roma. 3- La struttura della civitas La struttura di Roma, secondo la tradizione che si è riferita, è fin dalle origini quella della città-stato, espressione che vuole essere l equivalente della nozione romana di civitas, per indicare la comunità organizzata intorno ad un nucleo urbano, in cui si svolgevano le relazioni di vita più importanti della comunità. La parola Stato(status) allude in generale nella lingua latina agli assetti stabili su cui si fonda il modo di essere di una cosa, ed in questo caso viene utilizzata per alludere alle strutture attraverso cui si svolgeva la vita cittadina. Per quanto attiene al profilo territoriale, nella civitas possiamo distinguere il nucleo urbano vero e proprio (sede delle funzioni pubbliche, del culto e del mercato), il contado (costituito dagli insediamenti agricoli, col loro appezzamento di terreno privato, e dai terreni destinati allo sfruttamento comune, come i pascoli ed i boschi) ed infine il territorio, che comprende l intera area geografica assoggettata al potere della civitas, in cui erano presenti anche altri nuclei di popolazione, anteriori alla conquista o insediati successivamente. 3 Si può ricordare un episodio riferito da Livio(II,17), che dà un idea di queste guerre. I Romani assediavano Populonia, che era stata in origine un insediamento latino, di cui però si erano impadroniti gli Aurunci, che verosimilmente erano uno dei populi che facevano parte della stirpe osca. I Romani si accingevano a dare la scalata alle mura, quando la città decise di arrendersi. Secondo la consuetudine la resa evitava la distruzione totale, i Romani però le inflissero una sorte non meno dura che se fosse stata presa d assalto: i maggiorenti furono decapitati, gli altri abitanti (i coloni, come dice Livio, lasciando incerto se vi fossero anche abitanti di stirpe diversa) vennero venduti come schiavi, la città venne distrutta ed i campi messi all asta. Livio attribuisce questo atteggiamento al fatto che i Romani erano furiosi per un rovescio che avevano subito in precedenza, ma è più probabile che fin dall'inizio il progetto fosse di eliminare gli Aurunci per riportarvi i Latini. 4

5 Per quanto attiene alla popolazione, il tratto più caratteristico è rappresentato dalla coesistenza di aggregazioni e stratificazioni diverse. Il livello più alto di aggregazione era rappresentato dalle stirpi (Latini, Sabini, Etruschi, ecc.), articolate in comunità (civitates) a loro volta composte da familiae e da gentes (gruppi parentali). In Roma, come retaggio delle stirpi, vi erano anche le tribù, che però nel tempo erano diventate delle semplici circoscrizioni cittadine in funzione elettorale. Altre distinzioni, che probabilmente sussistevano anche nelle altre comunità, dipendevano dagli assetti sociali, e potevano derivare sia dal fatto che le popolazioni vinte, se non venivano ridotte in schiavitù, restavano in posizione subalterna (salva la possibilità che singoli gruppi familiari o gentilizi venissero conservati nel proprio rango ed accolti nella civitas), sia dal fatto che è del tutto naturale riconoscere preminenza ai più valorosi, così come è naturale che, sviluppandosi il commercio, emergano i più intraprendenti. A Roma quegli assetti sociali avevano dato vita alla distinzione fra patrizi e plebei, come pure fra patroni e clienti (clientes erano persone che pur essendo estranee alle gentes od alle familiae) si mettevano a disposizione con un vincolo di carattere personale, ricevendone protezione. Possiamo dire dunque che le disuguaglianze erano uno dei fattori costitutivi della civitas, non meno della solidarietà derivante dal fatto che alla resa dei conti la sorte dei singoli era legata a quella della città. Il problema politico vero suscitato da queste disuguaglianze non era quindi di eliminarle, ma di trovare le condizioni per la loro coesistenza. Per quanto infine attiene alla struttura organizzativa, prendendo a riferimento la diversa funzione assegnata ai cittadini, si può dire che la civitas era organizzata su tre livelli: il popolo, i magistrati ed il senato, a cui corrispondevano rispettivamente tre funzioni, che in ordine di importanza erano rispettivamente: la funzione direttiva, demandata al senato, la funzione operativa demandata ai magistrati e la funzione deliberativa, nel senso assai stretto che si dirà, demandata alle assemblee popolari. Un ruolo a sé e molto importante avevano i collegi sacerdotali. 4. Le assemblee popolari La singolarità più vistosa dell assetto romano, rispetto alle esperienze odierne, è che solo in senso generico si intendeva per populus romanus l insieme di tutti i cittadini, perché in realtà sul piano operativo il popolo era rappresentato non già dai singoli cittadini, ma dai raggruppamenti attraverso cui venivano costituiti in assemblea, per partecipare alle funzioni pubbliche. In pratica il popolo fin dall origine partecipava alle assemblee suddiviso per curie, ed ogni curia esprimeva solo un voto, che era la risultante della maggioranza interna, la quale a sua volta dipendeva dai criteri con cui i cittadini venivano iscritti alle curie, che verosimilmente erano gli stessi con cui si procedeva al reclutamento dell esercito. Le assemblee però non avevano alcun potere di iniziativa e nemmeno di discussione, ma soltanto il potere di esprimere consenso o dissenso alle proposte dei magistrati, e soltanto in età repubblicana, per consentire la discussione, era stata introdotta la regola che le proposte fossero rese pubbliche prima dell'assemblea. La figura più antica di assemblea popolare erano stati i comitia curiata, di cui già si è detto, che assolvevano a funzioni civili e religiose. Nel tempo però erano stati soppiantati da due nuove figure, i comitia tributa ed i comitia centuriata. I comitia tributa si possono considerare la naturale conseguenza dell espansione territoriale di Roma, che aveva reso necessario sostituire gli 5

6 originari distretti di leva, costituiti dalle curiae, con nuovi distretti, che avevano una connotazione puramente geografica, anche se conservavano il nome tribus. come semplice sinonimo di ripartizione. Al momento della riforma le tribù erano 20, di cui 4 interne alla città (urbane) e 16 esterne (rustiche); nel tempo crebbero di numero, fino a 35, poi però, per non alterare l'assetto interno della civitas, si stabilì che le nuove comunità a cui si concedeva la cittadinanza fossero iscritte nelle tribù esistenti, e così le tribù tornarono ad essere circoscrizioni a base mista, territoriale e personale. Quanto ai comitia centuriata, si possono considerare una conseguenza della riforma militare introdotta dal re Servio Tullio. Egli aveva suddiviso la popolazione in cinque classi, in base alla superficie di terra posseduta, e a carico di ciascuna classe aveva posto un numero prestabilito di centuriae (contingenti di cento uomini armati). Al di sopra delle cinque classi stava la classe di coloro che, per il loro rilevante patrimonio, dovevano fornire 18 centurie di cavalieri. Che la riforma riguardasse il reclutamento vero e proprio è assai dubbio, perché assegnava un numero molto alto di centurie alla classe più alta (80), un numero proporzionalmente assai basso a ciascuna delle tre classi intermedie (20) ed appena poco di più all ultima (30), là dove la proporzione numerica della popolazione, fra ricchi e poveri, farebbe presumere che anche a Roma fosse di segno opposto. E da ritenere quindi che in realtà la riforma, dal punto di vista militare, fosse nata solo con lo scopo di coprire i costi di allestimento dell esercito, mentre al reclutamento vero e proprio è probabile che si procedesse attraverso le tribù. I modi in cui da queste riforme militare si sono sviluppate le nuove assemblee cittadine non li conosciamo. Sarebbe ragionevole ritenere che siano sorte in età repubblicana, in concomitanza con l istituzione delle nuove magistrature, per assolvere alla funzione elettorale, che in precedenza non esisteva, ma ignoriamo come realmente siano andate le cose. Possiamo solo intuire che l istituzione dei nuovi comizi rispondeva a due differenti esigenze: tener conto dei nuovi nuclei ammessi alla cittadinanza (comitia tributa) e riconoscere maggior peso politico ai ceti che sopportavano il maggior carico economico (comitia centuriata). Ancora al tempo della unificazione d Italia si riteneva che solo chi pagava le tasse avesse diritto di partecipare alla vita pubblica. In ogni caso il risultato pratico era questo, che la prima classe, unita ai cavalieri, aveva un numero di centurie che poteva condizionare l esito di qualunque votazione, in quanto, per la regola ricordata sopra, ogni centuria esprimeva un solo voto. Ultimi in ordine di tempo, ma diventati subito assai importanti, sono i concilia plebis, detti tributa perché erano organizzati sulla base delle tribù. La loro introduzione è legata alla ribellione della plebe, iniziata nel 494 a. C., poco dopo la cacciata dei re, suscitata probabilmente dal malumore provocato dall ordinamento centuriato 4. Rifiutando di sottostare ad un sistema che toglieva 4 Livio (II, 23) sottolinea le condizioni drammatiche della plebe ricordando un episodio che sarebbe occorso durante la guerra coi Volsci. I plebei erano in fermento, perché lamentavano che mentre fuori combattevano per la libertà e la supremazia di Roma, in città erano oppressi e fatti schiavi dai concittadini. Ad un tratto si era presentato nel foro un vecchio, con le vesti logore ed il corpo macilento. Alcuni lo avevano riconosciuto, e dicevano che aveva rivestito i gradi militari, ricordando le sue benemerenze. Interrogato dagli altri, aveva raccontato che mentre era alle armi nella guerra coi Sabini questi gli avevano devastato il podere, bruciata la fattoria e portato via il bestiame. Costretto a fare dei debiti, a causa delle usure dapprima aveva venduto il campo, poi anche gli altri beni, ed infine aveva dovuto mettere a disposizione del creditore il proprio corpo, assoggettato al lavoro coatto ed alle torture, come dimostravano ancora i segni recenti delle frustate. A seguito di ciò il tumulto si era esteso a tutta la città. I consoli si erano affrettati a 6

7 alle classi umili qualunque peso politico, la plebe si era raccolta sul monte Sacro (o, secondo un altra versione, sull Aventino) col proposito di abbandonare Roma e costituire una nuova comunità. La ribellione venne superata con un accordo, che da un lato riconosceva lo stato di fatto (e quindi il governo dei patrizi), ma d altro lato riconosceva alla plebe una propria autonomia sul piano della vita cittadina (non sul piano militare), che consisteva nel diritto di riunirsi in assemblea separata, di darsi proprie leggi (plebiscita) e di avere propri magistrati, detti tribuni plebis. 5. Le magistrature superiori Il termine magistratura deriva da magister, che indicava la posizione di preminenza in un certo ambito: magister equitum era ad esempio il comandante della cavalleria. Nei tempi più antichi Roma aveva un assetto monarchico, impersonato dalla figura del rex, che assommava in sé tutti i poteri pubblici (militari, civili e religiosi) ed esercitava in modo esclusivo la funzione di comando. Non è sbagliato però presentarlo come magistrato, al pari delle figure che ne prenderanno il posto in epoca successiva, perché ci consente di configurare il suo potere come funzione demandata dalla civitas. Rex significa reggitore, ed il termine esprime bene la totalità dei poteri che gli competono; ma alla civitas, nel momento stesso in cui lo sceglieva, si riconosceva un potere di autodeterminazione: siamo quindi di fronte ad una comunità che si sceglie un capo, e non ad una popolazione sottoposta ad un capo. Il rex era designato dal senato, con una procedura, l interregnum, che consentiva di raccogliere i consensi, senza procedere ad una vera e propria elezione. I senatori, a turno, assumevano per cinque giorni il titolo di interrex, e questi, una volta raggiunto l accordo, provvedeva alla nomina (creatio) del nuovo rex, dopo di che si procedeva alla solenne investitura, sia religiosa che politica. L investitura religiosa aveva luogo attraverso la cerimonia della inauguratio, in cui attraverso segni magici, in particolare il volo degli uccelli, si cercava il consenso degli dei; l investitura politica, che aveva luogo successivamente da parte dei comizi, verosimilmente non aveva spazio diverso da quello dell acclamazione, ma venne intesa o forse anche configurata come lex, la lex curiata de imperio (imperium era la funzione di comando, che il popolo riconosceva al nuovo monarca). Si può quindi essere d accordo con coloro che sottolineano come la regalità romana non fosse né ereditaria né elettiva, ma avesse luogo per designazione. Il sistema monarchico durò per circa due secoli e mezzo dalla fondazione. Nel 509 però scoppiò una ribellione e secondo la tradizione venne instaurato un nuovo ordinamento, che prevedeva al posto del re due magistrati annuali, datti consules, eletti direttamente dai comizi (centuriati), i cui poteri decadevano automaticamente allo scadere del mandato. Essi non solo dovevano condividere il potere fra loro, condizionandosi reciprocamente col diritto di veto (intercessio), convocare il senato, ma qui le opinioni erano divise: Appio suggeriva di affrontare la plebe coi poteri consolari, in modo che, arrestato qualcuno, gli altri si sarebbero acquietati; Servilio proponeva che si cercassero rimedi più miti. Solo alla notizia che i Volsci si stavano dirigendo con l esercito contro Roma Servilio potè prendere la decisione di liberare dalle catene coloro che si fossero arruolati, ma conclusa la guerra, Appio ricominciò ad applicare le leggi sui debiti. L impostazione letteraria del racconto è evidente, ma al tempo stesso è innegabilmente realistica. 7

8 ma erano limitati anche dal fatto che il cittadino, contro i provvedimenti che colpivano la persona, poteva difendersi ricorrendo ai comizi (provocatio ad populum). Era l instaurazione della libera res publica, intesa come governo della civitas controllato dai cittadini, da cui è derivato il nostro termine repubblica, come forma di governo antitetica alla monarchia. Sul piano storico si dubita che le cose siano andate in modo così piano, e la tradizione stessa fornisce in realtà notizie contraddittorie, che lasciano intravedere una vicenda molto tormentata, sia per tensioni politiche interne che per guerre esterne. Di fatto però questo è stato l esito, ed è il solo da tener presente in questa sede. Ai consoli era conferito l imperium, cioè il potere di comando, che si distingueva in imperium militiae ed imperium domi. Il primo coincideva col comando militare, ed era incondizionato, consono al proverbiale rigore della disciplina militare romana. L altro, che potremmo definire potere civile, aveva la medesima ampiezza, nel senso che i consoli avevano il potere di costringere anche fisicamente il cittadino (coercitio) e di metterlo a morte, ma non era incondizionato; il cittadino infatti poteva contare, oltre che sulle due garanzie ricordate sopra, anche sull intercessio dei tribuni della plebe. Rientravano nell imperium domi il potere di presiedere il senato, di convocare i comizi e proporre leggi, di indire le elezioni, di amministrare la giustizia sia in campo civile che in campo penale. Originariamente spettavano ai consoli anche tutte le altre funzioni pubbliche minori, che però potevano essere demandate a dei collaboratori scelti da loro. Una magistratura di carattere straordinario era il dictator. Nata come magistratura d emergenza, sospendeva il normale svolgimento delle funzioni pubbliche, con lo scopo di concentrare il comando della civitas in una sola persona, per un tempo limitato, di regola sei mesi. Come dice il nome, ciò che il dittatore stabilisce (dicit) deve essere osservato, come se fosse legge. Egli ha dunque qualcosa di più che l imperium, e questo spiega perché sul finire della repubblica si sia fatto ricorso a questa figura per imporre riforme costituzionali. Fra le magistrature supreme sono infine da ricordare i censori (censores). Per la verità erano privi di imperium, ed erano stati istituiti per procedere al census, cioè alla stima dei patrimoni, al fine di inquadrare i cittadini nelle diverse classi dell ordinamento centuriato. Si trattava evidentemente di un compito di notevole rilevanza sul piano politico, che assunse via via sempre maggiore importanza, in quanto era inevitabile che venisse in considerazione anche il modo in cui la ricchezza era stata acquisita o dissipata. Da lì aveva preso avvio una più generale funzione, quella di valutare la condotta dei cittadini ed esprimere un giudizio di biasimo (nota censoria) nei confronti di coloro che tenevano costumi non consoni al rango. I censori venivano eletti ogni cinque anni, e restavano in carica diciotto mesi. La carica, inizialmente riservata ai patrizi, venne estesa anche ai plebei, e per iniziativa dei tribuni della plebe (plebiscito Ovinio) venne affidato anche il compito di nominare i senatori in sostituzione di quelli deceduti (lectio senatus), scegliendoli fra gli ex magistrati. Fu considerata pertanto la carica più prestigiosa, coronamento supremo della carriera politica. 6.Le altre magistrature Fra le ragioni che possono aver suggerito l istituzione di due magistrati supremi vi era stata probabilmente la necessità di assicurare che l esercizio dell imperium potesse aver luogo contemporaneamente sia in città che fuori; non era infrequente però che la guerra impegnasse entrambi i consoli, con la 8

9 conseguenza che di fatto l imperium domi veniva esercitato in modo saltuario da sostituti (praefecti) designati dai consoli. Si venne così nella determinazione di istituire un nuovo magistrato con gli stessi poteri dei consoli, anche se di rango inferiore, il pretore. Il nome praetor, che i Romani stessi ricollegavano ad una funzione di comando militare (prae-itor, colui che guida), fa supporre che questa figura esistesse già nell esercito; ma qui interessa solo la nuova magistratura cittadina, istituita nel 367 a.c. con la specifica funzione di amministrare la giustizia. Il pretore, al pari dei consoli, aveva il potere di comando (imperium), che nel campo civile assumeva forme diverse, a seconda della finalità perseguita: il iussum, il decretum e l edictum. Iussum (comando) era l ordine rivolto al singolo cittadino di fare o non fare qualcosa; decretum (decisione), era il provvedimento con cui il pretore risolveva questioni che ricadevano sotto la sua potestà; edictum (proclama) era il provvedimento con cui stabiliva in via generale come dovevano essere affrontate le questioni di sua competenza. In sostanza, mentre il iussum era un provvedimento rivolto alla singola persona, l edictum riguardava in generale tutti i cittadini; d altra parte, mentre l edictum aveva carattere puramente programmatico, il decretum aveva efficacia costitutiva: in altre parole, decideva direttamente l assetto delle situazioni affrontate. Un esempio caratteristico di decreto era la sentenza di condanna, con cui veniva stabilito il trattamento da applicare al reo. Abbiamo qui un esempio molto significativo di impiego rigorosamente tecnico del linguaggio, su cui si dovrà tornare. Merita attenzione anche l uso del termine dicere, perché a differenza del nostro verbo dire, assume il significato di proclamare, cioè dichiarare in modo ufficiale e vincolante. Ce ne occuperemo quando si chiarirà perché all amministrazione della giustizia era stato dato il nome di iurisdictio. Una magistratura molto importante sul piano politico interno, forse alla resa dei conti la più importante, è il tribunato della plebe. I tribuni plebis erano stati riconosciuti inizialmente come semplici rappresentanti della plebe, ma il giuramento con cui i plebei in occasione della secessione si erano impegnati a vendicare con la morte chiunque avesse attentato alla loro incolumità, li aveva resi fin dai primi tempi sacrosancti, cioè inviolabili. Ad essi spettava inizialmente il ius auxilii a favore del plebeo ingiustamente perseguitato dai magistrati patrizi, che in seguito divenne un generale diritto di intercessio contro i provvedimenti ritenuti lesivi dei plebei. Spettava inoltre il potere di proporre ai concilia plebis l adozione di deliberazioni (plebiscita), da opporre alle leggi votate dai patrizi, finché si riconobbe che anche i plebisciti potevano valere come leggi per tutti i cittadini. Col definitivo pareggiamento fra patrizi e plebei, sancito dalla lex Hortensia del 286 a.c., i tribuni della plebe divennero veri e propri magistrati del popolo romano, e fu loro riconosciuto anche il diritto di convocare il senato. Fra le magistrature con funzioni prettamente amministrative sono da ricordare infine gli edili (aediles) ed i questori (quaestores). Ai primi era affidata la sorveglianza degli edifici e delle opere pubbliche, nonché dei mercati, ed erano detti curuli in quanto nei mercati avevano anche competenza giurisdizionale, che esercitavano da un apposito scanno, la sella curulis. Ai questori invece era affidata la contabilità pubblica, ed in particolare la gestione della cassa dello Stato (aerarium). 9

10 7. Il senato Il senato (senatus) verosimilmente era sorto come un consiglio degli anziani (senes), costituito dagli esponenti delle famiglie nobili (patres), che secondo la tradizione erano stati designati in origine dallo stesso Romolo in numero di cento, elevati poi a trecento. Al senato come s è visto spettava la designazione del rex. Con la caduta della monarchia il senato era diventato l organo supremo della civitas, che assommava in sé in modo permanente e collegiale la direzione politica dello stato, mentre ai magistrati competevano solo funzioni specifiche e solo in via temporanea. Al senato compete anzitutto la politica estera, nella quale ha il compito di rappresentare e far valere la maiestas populi romani, cioè la superiorità di Roma. In particolare è il senato che riceve ed invia le ambascerie e definisce le condizioni dei trattati o le operazioni belliche da intraprendere, anche se la dichiarazione di guerra vera e propria e la ratifica dei trattati sono competenza dei comizi centuriati. Da questa funzione direttiva della politica estera deriverà poi il potere del senato di designare i governatori dei territori occupati (provinciae). Sul piano della politica interna la funzione direttiva del senato si esprime nell auctoritas, cioè nel potere di ratifica. In linea di principio erano sottoposte alla ratifica del senato tutte le deliberazioni dei comizi; di fatto però, per evitare che ne derivassero conflitti politici molto gravi, si finì per adottare il principio che il senato esprimesse un parere preventivo sulle proposte che i magistrati si accingevano a sottoporre ai comizi. Analoga funzione svolgeva per la elezione dei magistrati. Nel corso della storia tuttavia si è verificato più di una volta che il dissenso fra i magistrati (in particolare i tribuni della plebe), forti dell appoggio popolare, ed il senato, arroccato a difesa della classe nobiliare, sfociasse in aperto conflitto. In questo caso il senato, come organo supremo della civitas, si era arrogato il potere di dichiarare lo stato di emergenza (senatus consultum ultimum), con cui venivano sospese le garanzie costituzionali e demandato ai consoli di perseguire il magistrato ribelle (provideant consules ne quid res publica detrimenti capiat). Un altro potere che il senato si era arrogato era quello di istituire delle commissioni speciali (quaestiones), con lo scopo di procedere alla repressione penale nei casi di maggior rilevanza politica. Di per sé era naturale che il magistrato nei casi gravi si consultasse con il senato, ma le commissioni, desautorando il magistrato dalla sua funzione, davano al senato un controllo discrezionale sulla giustizia criminale che divenne uno dei motivi centrali della lotta politica. 8. I collegi sacerdotali Le popolazioni italiche, come i generale le popolazioni indoeuropee, avevano una religiosità abbastanza semplice, che faceva presiedere ciascuna manifestazione del mondo fisico da una divinità, e così pure gli aspetti più importanti della vita sociale. Anche il culto aveva impostazioni molto pragmatiche, rivolto in sostanza ad avere propizie le divinità che presiedevano alle varie operazioni: sacrifici e preghiere per ingraziarsi gli dei, festività che ne celebravano la potenza, riti espiatori dei comportamenti considerati offensivi, riti divinatori per capire se erano favorevoli o sfavorevoli, feste di ringraziamento quando le operazioni si concludevano in modo favorevole. Dei riti romani originari sappiamo poco, perché la loro religiosità elementare è stata sicuramente sopravanzata dai riti etruschi, assai più elaborati; occorre dare atto però che nella sostanza erano rimaste estranee ai Romani impostazioni 10

11 complesse, come la lotta contro il male, di cui abbiamo tracce nelle tombe etrusche, ma non nei culti romani. Il culto è considerato una funzione pubblica di primaria importanza, demandato ad appositi collegi di sacerdoti, che vi provvedevano con rigoroso rispetto della tradizione. E da sottolineare però che questi collegi non costituivano delle caste, come accadeva presso i popoli orientali, ma esprimevano anch'essi delle funzioni pubbliche, demandate al pari delle magistrature a cittadini ritenuti degni e capaci di assolvere il compito affidato. L assunzione al sacerdozio aveva luogo di regola per cooptazione, cioè per scelta da parte di coloro che già ne facevano parte. In epoca storica il collegio più importante è senza dubbio quello dei pontifices, che aveva una chiara connotazione politica, nel senso che doveva sorvegliare la vita cittadina affinché non venisse recata offesa alle divinità. In pratica erano i custodi dei mores, cioè dell assetto di vita su cui si reggeva la civitas, tanto che a loro risalgono le prime elaborazioni del diritto. Per questa loro funzione avevano assunto anche una sorta di sorveglianza su tutti gli atti di culto, anche quelli di origine più remota. Altro collegio importante era quello dei fetiales, che sorvegliava, allo scopo di propiziare gli dei, il rispetto delle regole relative ai rapporti con le comunità esterne, in particolare per quanto atteneva alle ambascerie, agli ostaggi ed alle dichiarazioni di guerra. Per ogni divinità inoltre vi era un collegio sacerdotale che ne curava il culto, e fra questi i più importanti erano i flamines, incaricati di svolgere i sacrifici in onore degli dei a cui era affidata la protezione della città. Altri due collegi importanti erano quelli degli augures e degli aruspices. I primi avevano il compito di assumere gli auspicia, cioè di interpretare i segni del cielo, in particolare il volo degli uccelli, per capire quale era l atteggiamento degli dei sulle questioni che la civitas doveva affrontare; gli altri, secondo rituali di derivazione etrusca, cercavano di interpretare l'atteggiamento degli dei dalle viscere degli animali sacrificati. Un sacerdozio che pur essendo composto da più membri non aveva carattere collegiale, perché costituito da donne, era quello delle vestali (virgines vestales), che avevano il culto di Vesta, protettrice del focolare domestico. Restano da ricordare, per avere un quadro sufficientemente completo della spiritualità romana, di cui la religio, cioè il rispetto delle entità soprannaturali, era certamente una componente fondamentale, i culti domestici, detti sacra, a cui ogni famiglia attendeva con zelo, e riguardavano i manes, spiriti protettori dei defunti, i lares, che impersonavano le virtù civili degli antenati, ed i penates, che erano ancora gli antenati, come protettori della vita familiare. 11

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c)

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) LE ISTITUZIONI A ROMA Magistrature e assemblee I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) Re: nominato a vita dal senato con ratifica dei comizi curiati (lex curiata de imperio), accentrava in

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO STATUTO del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO 1. - L avvocatura italiana svolge funzioni costituzionali nell ambito della giurisdizione e, nel più

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO.

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. N. 42 in data 19 novembre 2007 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. Introduce l argomento il Sindaco, ricordando che lunedì 26 novembre si svolgerà ad Oderzo

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32.

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32. PROPOSTE DI MODIFICA DEGLI ARTICOLI DELLO STATUTO SOCIALE NUMERI 2, 5, 7, 8, 9, 10, 12, 13, 15, 17, 18 E INSERIMENTO DI UN NUOVO ARTICOLO CONCERNENTE IL CONTROLLO CONTABILE (ART. 24); DELIBERAZIONI INERENTI

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA STATUTO Allegato all Atto costitutivo dell Associazione denominata Cantalupo Volontari Protezione Civile Mandela redatto in data undici di febbraio anno duemilasei. Art. 1 TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali.

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. STATUTO Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. Art.2) La sede dell Associazione è in Arese (Mi), Via Mazzini

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA STATUTO TITOLO PRIMO Denominazione, sede, scopo Art. 1 Art. 2 Art. 3 E costituita in Udine l Associazione A.Pe.D.F.V.G. Associazione Periti Danni Friuli Venezia Giulia per l accertamento e la stima dei

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI Articolo 1 Costituzione, sede, Fondatori 1.1 È costituita una fondazione denominata "Torino Musei", con sede in Torino, via Magenta, 31 presso la Galleria Civica d Arte

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

LE ORIGINI DI ROMA 1. La leggenda narra che Romolo fondò Roma le città etrusche del Lazio Roma LE CAPANNE DI ROMOLO leggende Romolo e Remo

LE ORIGINI DI ROMA 1. La leggenda narra che Romolo fondò Roma le città etrusche del Lazio Roma LE CAPANNE DI ROMOLO leggende Romolo e Remo LE ORIGINI DI ROMA 1. La leggenda narra che Romolo fondò Roma Verso la fine dell VIII secolo a.c. le città etrusche del Lazio, come Tarquinia e Veio, cominciarono a provare interesse per una piccola città

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia ART. 1 É costituita una Associazione denominata C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA, abbreviabile

Dettagli

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1 Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Esame di Alfabetizzazione Informatica L'Impero Romano 1 A.A 2010/2011 Prof. Francesco FONTANELLA 1 Questo documento è stato

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano

DIFESA DELLA P.I. 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano INDICAM "ALLARGAMENTO DELL'UNIONE EUROPEA: PROBLEMI E OPPORTUNITÀ PER LA DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30 Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano Le prospettive e i rischi

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875)

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) FRANCIA LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) Art. 1 Il Senato si compone di 300 membri: 225 eletti dai dipartimenti e dalle colonie e 75 eletti dall Assemblea nazionale. Art.

Dettagli

StudentIngegneria STATUTO

StudentIngegneria STATUTO 1 StudentIngegneria STATUTO Articolo 1. COSTITUZIONE 1. E costituita presso l Università degli Studi di Salerno l Associazione denominata: StudentIngegneria Articolo 2. DENOMINAZIONE SEDE E LOGO 1. Il

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità)

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) E costituita la federazione di organismi di solidarietà e cooperazione internazionale denominata C.O.C.I.S.- Coordinamento delle Organizzazioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto. Art. 1

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BROGNATURO NEL CUORE Statuto. Art. 1 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto Art. 1 1) Denominazione dell'associazione Volontaria: "Brognaturo nel cuore" 2) L 'associazione è apolitica, apartitica, aconfessionale, senza

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni,

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

STATUTO DELLA SEZIONE PROVINCIALE LILT TITOLO UNO. Denominazione Sede Scopi - Durata. Articolo 1

STATUTO DELLA SEZIONE PROVINCIALE LILT TITOLO UNO. Denominazione Sede Scopi - Durata. Articolo 1 STATUTO DELLA SEZIONE PROVINCIALE LILT TITOLO UNO Denominazione Sede Scopi - Durata Articolo 1 1.E costituita ai sensi del titolo 4 dello statuto nazionale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata

IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata 3 Cari studenti dedico a voi questo modesto lavoro pensato per fornirvi le prime ed indispensabili cognizioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

5 anno LA LUPA E L AQUILA AL TEMPO DI ROMA MONARCHICA. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160

5 anno LA LUPA E L AQUILA AL TEMPO DI ROMA MONARCHICA. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 5 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria LA LUPA E L AQUILA AL TEMPO DI ROMA MONARCHICA AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0788-2

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.Ma.Me.mi Associazione Malattie Metaboliche Memi ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.Ma.Me.mi Associazione Malattie Metaboliche Memi ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.Ma.Me.mi Associazione Malattie Metaboliche Memi ONLUS DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1) E costituita l Associazione denominata A.Ma.Me.mi Associazione Malattie Metaboliche Memi ONLUS,

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO L ETÀ DELLA MONARCHIA (753-509 a.c.) 1. I poteri del rex. - 2. Il senatus. - 3. I comitia curiata. - 4. I collegi sacerdotali. - 5. I «mores» ed il «diritto». - 6. Gli inizi della repressione

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

STATUTO. A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224

STATUTO. A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224 A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224 STATUTO Testo approvato con D.L. 5 aprile 1945, n. 224 pubblicato sulla G.U. n. 61 del 22 maggio 1945 Modificato

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli