1- Le origini di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1- Le origini di Roma"

Transcript

1 CAPITOLO I LA CITTA STATO Sommario: 1- Le origini di Roma; 2- Il predominio nel Lazio; 3- La struttura della civitas; 4- le assemblee popolari; 5-Le magistrature superiori; 6- Le altre magistrature; 7- Il senato; 8- I collegi sacerdotali. 1- Le origini di Roma Secondo una tradizione accolta dagli storiografi dell età di Augusto (in particolare Tito Livio e Dionigi di Alicarnasso), Roma sarebbe sorta nel 753 a. C. per iniziativa di un gruppo armato (proveniente dalla comunità latina di Alba Longa, a cui si erano uniti elementi provenienti da altre comunità vicine), che sotto il comando di Romolo si sarebbe impadronito del territorio sovrastante il guado del Tevere corrispondente all Isola Tiberina, creando sul colle Palatino una fortificazione da cui si sarebbe sviluppata la città. Siccome i reperti archeologici attestano che il Palatino e gli altri colli circostanti erano abitati già da tempi più remoti, gli storici odierni sono inclini a considerare inattendibile il racconto tradizionale, e ritengono che Roma sia sorta dalla spontanea fusione delle comunità preesistenti. Non vi sono elementi sufficientemente sicuri per affrontare la questione, e sarebbe ragionevole accontentarsi del puro dato di fatto, che Roma è sorta in quel luogo e all incirca in quel periodo. Tuttavia non è privo di interesse soffermarsi sulle ragioni del dissenso, per farsi un idea dei percorsi conoscitivi che sorreggono la critica storica. Se noi riduciamo il confronto fra le due opposte ricostruzioni alle premesse più elementari che stanno rispettivamente a fondamento dell una e dell altra, constatiamo che la presenza di insediamenti preesistenti è necessaria per la tesi che ricollega l origine di Roma al consenso, mentre resta del tutto irrilevante per la tesi che riconduce l origine di Roma ad un atto di forza. E da dire che l atteggiamento complessivo tenuto da Roma nei confronti dei vicini in epoca storica, indubbiamente più aggressivo che difensivo, depone a favore del racconto tradizionale. Qui però interessa soltanto richiamare l attenzione sul gioco delle opinioni, per acquisire consapevolezza critica sul modo di affrontare i problemi. Le opinioni, sul piano strettamente personale, possono reggersi benissimo sulla base di preferenze puramente istintive, legate all esperienza o all indole delle persone; ma per essere utilmente comunicate ad altri devono assumere una valenza obiettiva, che viene per lo più ottenuta attraverso percorsi argomentativi, coi quali muovendo da elementi certi o comunque condivisi si cerca di rendere credibili quelli incerti. L attendibilità di una opinione dipende dunque dagli elementi (o fattori) posti a suo fondamento, che devono essere almeno tre: un termine di riferimento fattuale (insediamenti preesistenti), un canone di inferenza, che di solito è rappresentato da esperienze condivise (nel caso nostro, ad esempio, l atteggiamento tenuto da Roma nei tempi successivi, oppure l idea che l unione fa la forza) ed infine le conclusioni che si propongono come opinione da condividere. Sia il dato fattuale (insediamenti preesistenti) sia i due canoni di inferenza, isolatamente considerati, si possono considerare attendibili; la loro relazione però è qualcosa che instauriamo noi, e di per sé è semplicemente possibile. Siamo dunque di fronte ad una operazione di carattere preferenziale, 1

2 che muovendo da conoscenze già disponibili, crea spazio per un allargamento della conoscenza, rappresentato dalla relazione di interdipendenza suggerita, che crea uno spazio in cui è possibile inserire (inferre) elementi ulteriori. Essa di per sé vale come proposta, e non comporta acquisizione di conoscenze nuove,sul piano dei fatti, finché non emergono riscontri esterni che danno conferma delle relazioni proposte 1. E doveroso dare atto di questo perché tutta questa prima parte è impostata in modo di suggerire delle relazioni, ma senza che vi sia lo spazio per discuterle e verificarle, che richiederebbe un corso apposta, come un tempo avveniva. Possiamo così ritornare al racconto della tradizione, alla quale ormai ci si può richiamare senza troppe preoccupazioni, lasciando al senso critico di ognuno di valutarne l attendibilità.si narra dunque che Romolo, dopo aver fondato la nuova città, avrebbe suddiviso la popolazione in tre tribù, secondo la provenienza (Titii, Ramnes, Luceres), ognuna delle quali era stata suddivisa al suo interno in dieci curiae, costituite dai nuclei familiari insediati sulle porzioni di territorio a loro assegnate 2. Le curiae avevano quindi al tempo stesso una base personale e territoriale, esvolgevano una duplice funzione: militare, per il reclutamento dei soldati, e civile, per riunire i cittadini in assemblea (comitia) quando vi erano operazioni che riguardavano l intera cittadinanza, come ad esempio la dichiarazione di guerra, l acquisizione di nuove gentes o familiae, o la nomina (inauguratio) di un nuovo re. Sempre a Romolo si fa risalire l istituzione di un consiglio di anziani (senatus), composto di cento membri, come pure la distinzione della popolazione in due classi, patrizi e plebei, riservando ai primi le funzioni pubbliche e destinando gli altri alle attività produttive. 2. Il predominio nel Lazio La regione laziale, al tempo della fondazione di Roma, era caratterizzata da insediamenti rurali, accorpati intorno a modesti nuclei urbani, che in sostanza erano l esito dell occupazione territoriale avvenuta alcuni secoli prima da parte di popolazioni indoeuropee. Erano popolazioni organizzate per stirpi, che rispecchiavano un origine comune, ma non necessariamente di sangue, che a loro volta si erano frammentate in nuclei più ristretti su base territoriale, che andavano 1E chiaro che questo discorso non è stato fatto per affrontare il problema delle origini di Roma, che di per sé è abbastanza irrilevante, ma si è preso spunto da una questione elementare per evidenziare una impostazione di pensiero che nel campo del diritto svolge un ruolo primario, e che sarà il filo conduttore di tutto il corso. Resta da aggiungere fin da ora che la concezione romana del diritto esigeva delle certezze, alle quali si poteva arrivare in due modi: o per statuizione, facendo decidere a qualcuno (come nel caso delle leggi e delle sentenze), oppure per ragionamentoimpostando una verifica in termini stringenti. La tecnica adottata Romani in sede processuale era in sostanza questa, di dare la precedenza a quella delle due tesi che si riteneva prevalente e sottoporla a giudizio stringente sulla base degli argomenti contrari; se riusciva a superarli diventava definitiva, diversamente si teneva per buona l altra. Questa tecnica richiedeva in sostanza due stadi di giudizio, quello per accordare la precedenza e quello per verificarla. L argomento verrà affrontato nella seconda parte. Fin da ora si può precisare (e questo vale anche per le ricostruzioni storiche) che in qualunque ragionamento il termine di riferimento che funge da premessa deve essere un dato fattuale, perché diversamente manca qualunque riscontro reale, e si rischia dicadere in un gioco di vuote allegazioni; l altro riferimento invece può richiamare anche dei contenuti di esperienza generici, affinché dal loro ambito si possano utilizzare quelli che di volta in volta interessano. 2 Anche qui siamo di fronte a dei riferimenti (le tribù, le curiae, le familiae) confermati da molteplici attestazioni, e ad un evento (la loro istituzione da parte di Romolo) che manca invece di conferme fattuali. Addirittura si discute se Romolo sia davvero esistito, o sia un nome inventato per indicare un immaginario fondatore. 2

3 sotto il nome di populi o di civitates secondo che venissero in considerazione le persone o gli assetti del territorio. Nella parte centrale del Lazio erano insediati i Latini, e con loro confinavano a est i Sabini e gli Osci, a sud i Volsci, a nord, di là dal Tevere, gli Etruschi (questi ultimi di origine diversa, giunti in Italia via mare). L organizzazione delle popolazioni latine era il riflesso di un economia pastorale, tendenzialmente autosufficiente, e la loro vita politica, in assenza di un potere centrale che tenesse insieme le comunità locali, era caratterizzata da alleanze fondamentalmente difensive, per fronteggiare le prepotenze dei vicini, ma ben spesso utilizzate anche per incursioni ai loro danni. Non del tutto diverso, anche se assai più evoluto, era l assetto delle stirpi etrusche, che avevano già da tempo assimilato l esperienza greca della pòlis ed avevano un economia capace di industria e commercio, sia terrestre che marittimo. Una conseguenza importante di questo assetto politico, caratterizzato in sostanza da rapporti di vicinato fra le singole comunità, è la grande rilevanza che assumeva il principio di reciprocità, come condizione della loro stessa coesistenza, per cui si era sviluppato fin dai tempi remoti, ancor prima del diritto cittadino, una sorta di diritto internazionale, rappresentato dalle relazioni in cui quella coesistenza si esprimeva, come le ambascerie, le alleanze, le regole del commercio, le stesse formalità di guerra. Era, come è ancora oggi il diritto internazionale, un diritto imperfetto, nel senso che esprimeva bensì condizioni di reciprocità, ma mancando un autorità che potesse garantirle, pronunciandosi sopra le parti in contrasto, veniva meno tutte le volte che prevalevano i rapporti di forza. Un diritto quindi possibile, ma non sempre praticabile. Ciò che in ogni caso merita di essere sottolineato è che Roma ha saputo sfruttare questo assetto di rapporti con straordinaria sagacia politica, orientando la sua azione politica ad un progetto di egemonia, più che di conquista. Lo straordinario successo conseguito nei secoli successivi è in buona parte riconducibile all uso accorto di queste esperienze primordiali. I primi due secoli e mezzo di storia sono stati caratterizzati per Roma da continue lotte con i vicini, suscitate bensì, secondo la versione dei Romani, dalla necessità di difendere la propria indipendenza più che da un proposito di espansione territoriale, ma in concreto alimentate dal fatto che per i Romani l indipendenza era fatta coincidere con la preminenza (maiestas) del popolo romano rispetto ai vicini, il che rendeva inevitabile intervenire ogni qualvolta si creava uno spostamento di equilibri. I fatti più salienti di questo periodo si possono considerare la distruzione di Alba, da cui Roma aveva tratto un significativo incremento di territorio, e la fondazione di Ostia, che le aveva dato la possibilità di aprirsi ai traffici marittimi. Quest ultima vicenda è legata verosimilmente all influenza etrusca, che pur senza tradursi in una vera e propria conquista territoriale, si era di fatto concretizzata in un controllo della città, come attesta il fatto che gli ultimi re di Roma, i Tarquinii, erano di stirpe etrusca. Forti di una fiorente economia commerciale, attraverso l inserimento di gruppi gentilizi all interno delle comunità preesistenti, gli Etruschi si erano spinti fino al territorio di Cuma, una delle più antiche colonie greche (da cui aveva tratto origine Napoli), e vi avevano fondato come avamposto Capua, impegnandosi in una serie incessante di conflitti che in un primo tempo avevano visto i Latini, unitamente ai Romani, in guerra con i Volsci, spalleggiati a loro volta dai Greci, poi, cambiate le alleanze, i Latini con i Volsci ed i Greci contro i Romani e gli Etruschi. 3

4 Più o meno in concomitanza con la cacciata dei Tarquinii, le città latine avevano cercato di sottrarsi all egemonia di Roma e si erano federate fra loro dando vita ad una lega, che aveva chiaramente lo scopo di unire le forze. Questo fu occasione di ripetuti conflitti coi Romani, in cui le parti in contesa trovavano appoggio di volta in volta nelle popolazioni circostanti, finché nel 493 a.c. si arrivò ad un trattato, il foedus Cassianum, che stabiliva reciprocità di diritti fra Roma e la Lega. A seguito di questo accordo si riaccesero le ostilità con le popolazioni circostanti, che consentirono ai Latini di sottrarre territori agli Equi ed ai Volsci 3, e a Roma di impadronirsi della città rivale di Veio. A seguito di ciò le risorse delle due parti rimanevano equivalenti, ma Roma aveva indubbiamente il vantaggio di essere un entità politica unitaria. Intorno al 390 a.c. Roma aveva subito una rovinosa invasione da parte dei Galli, che l'avevano messa al sacco e incendiata. Le città della Lega Latina cercarono di approfittarne per scrollarsi di dosso l egemonia romana, ma senza successo. Roma resistette ed incominciò a praticare una politica discriminatoria, che privilegiava alcune città rispetto alle altre, concedendo loro la cittadinanza romana, senza che perdessero la propria. Questo non impedì che qualche decennio più avanti le città della Lega cercassero ancora una volta di contrastare l egemonia romana, ma Roma ebbe ancora il sopravvento e nel 338 a.c. la Lega latina venne sciolta. Con ciascuna città vennero conclusi trattati diversi, privandole tutte però del diritto di stringere alleanze in modo autonomo, cosicché tutto quanto il Lazio, pur restando articolato in comunità formalmente indipendenti, di fatto era saldamente nelle mani di Roma. 3- La struttura della civitas La struttura di Roma, secondo la tradizione che si è riferita, è fin dalle origini quella della città-stato, espressione che vuole essere l equivalente della nozione romana di civitas, per indicare la comunità organizzata intorno ad un nucleo urbano, in cui si svolgevano le relazioni di vita più importanti della comunità. La parola Stato(status) allude in generale nella lingua latina agli assetti stabili su cui si fonda il modo di essere di una cosa, ed in questo caso viene utilizzata per alludere alle strutture attraverso cui si svolgeva la vita cittadina. Per quanto attiene al profilo territoriale, nella civitas possiamo distinguere il nucleo urbano vero e proprio (sede delle funzioni pubbliche, del culto e del mercato), il contado (costituito dagli insediamenti agricoli, col loro appezzamento di terreno privato, e dai terreni destinati allo sfruttamento comune, come i pascoli ed i boschi) ed infine il territorio, che comprende l intera area geografica assoggettata al potere della civitas, in cui erano presenti anche altri nuclei di popolazione, anteriori alla conquista o insediati successivamente. 3 Si può ricordare un episodio riferito da Livio(II,17), che dà un idea di queste guerre. I Romani assediavano Populonia, che era stata in origine un insediamento latino, di cui però si erano impadroniti gli Aurunci, che verosimilmente erano uno dei populi che facevano parte della stirpe osca. I Romani si accingevano a dare la scalata alle mura, quando la città decise di arrendersi. Secondo la consuetudine la resa evitava la distruzione totale, i Romani però le inflissero una sorte non meno dura che se fosse stata presa d assalto: i maggiorenti furono decapitati, gli altri abitanti (i coloni, come dice Livio, lasciando incerto se vi fossero anche abitanti di stirpe diversa) vennero venduti come schiavi, la città venne distrutta ed i campi messi all asta. Livio attribuisce questo atteggiamento al fatto che i Romani erano furiosi per un rovescio che avevano subito in precedenza, ma è più probabile che fin dall'inizio il progetto fosse di eliminare gli Aurunci per riportarvi i Latini. 4

5 Per quanto attiene alla popolazione, il tratto più caratteristico è rappresentato dalla coesistenza di aggregazioni e stratificazioni diverse. Il livello più alto di aggregazione era rappresentato dalle stirpi (Latini, Sabini, Etruschi, ecc.), articolate in comunità (civitates) a loro volta composte da familiae e da gentes (gruppi parentali). In Roma, come retaggio delle stirpi, vi erano anche le tribù, che però nel tempo erano diventate delle semplici circoscrizioni cittadine in funzione elettorale. Altre distinzioni, che probabilmente sussistevano anche nelle altre comunità, dipendevano dagli assetti sociali, e potevano derivare sia dal fatto che le popolazioni vinte, se non venivano ridotte in schiavitù, restavano in posizione subalterna (salva la possibilità che singoli gruppi familiari o gentilizi venissero conservati nel proprio rango ed accolti nella civitas), sia dal fatto che è del tutto naturale riconoscere preminenza ai più valorosi, così come è naturale che, sviluppandosi il commercio, emergano i più intraprendenti. A Roma quegli assetti sociali avevano dato vita alla distinzione fra patrizi e plebei, come pure fra patroni e clienti (clientes erano persone che pur essendo estranee alle gentes od alle familiae) si mettevano a disposizione con un vincolo di carattere personale, ricevendone protezione. Possiamo dire dunque che le disuguaglianze erano uno dei fattori costitutivi della civitas, non meno della solidarietà derivante dal fatto che alla resa dei conti la sorte dei singoli era legata a quella della città. Il problema politico vero suscitato da queste disuguaglianze non era quindi di eliminarle, ma di trovare le condizioni per la loro coesistenza. Per quanto infine attiene alla struttura organizzativa, prendendo a riferimento la diversa funzione assegnata ai cittadini, si può dire che la civitas era organizzata su tre livelli: il popolo, i magistrati ed il senato, a cui corrispondevano rispettivamente tre funzioni, che in ordine di importanza erano rispettivamente: la funzione direttiva, demandata al senato, la funzione operativa demandata ai magistrati e la funzione deliberativa, nel senso assai stretto che si dirà, demandata alle assemblee popolari. Un ruolo a sé e molto importante avevano i collegi sacerdotali. 4. Le assemblee popolari La singolarità più vistosa dell assetto romano, rispetto alle esperienze odierne, è che solo in senso generico si intendeva per populus romanus l insieme di tutti i cittadini, perché in realtà sul piano operativo il popolo era rappresentato non già dai singoli cittadini, ma dai raggruppamenti attraverso cui venivano costituiti in assemblea, per partecipare alle funzioni pubbliche. In pratica il popolo fin dall origine partecipava alle assemblee suddiviso per curie, ed ogni curia esprimeva solo un voto, che era la risultante della maggioranza interna, la quale a sua volta dipendeva dai criteri con cui i cittadini venivano iscritti alle curie, che verosimilmente erano gli stessi con cui si procedeva al reclutamento dell esercito. Le assemblee però non avevano alcun potere di iniziativa e nemmeno di discussione, ma soltanto il potere di esprimere consenso o dissenso alle proposte dei magistrati, e soltanto in età repubblicana, per consentire la discussione, era stata introdotta la regola che le proposte fossero rese pubbliche prima dell'assemblea. La figura più antica di assemblea popolare erano stati i comitia curiata, di cui già si è detto, che assolvevano a funzioni civili e religiose. Nel tempo però erano stati soppiantati da due nuove figure, i comitia tributa ed i comitia centuriata. I comitia tributa si possono considerare la naturale conseguenza dell espansione territoriale di Roma, che aveva reso necessario sostituire gli 5

6 originari distretti di leva, costituiti dalle curiae, con nuovi distretti, che avevano una connotazione puramente geografica, anche se conservavano il nome tribus. come semplice sinonimo di ripartizione. Al momento della riforma le tribù erano 20, di cui 4 interne alla città (urbane) e 16 esterne (rustiche); nel tempo crebbero di numero, fino a 35, poi però, per non alterare l'assetto interno della civitas, si stabilì che le nuove comunità a cui si concedeva la cittadinanza fossero iscritte nelle tribù esistenti, e così le tribù tornarono ad essere circoscrizioni a base mista, territoriale e personale. Quanto ai comitia centuriata, si possono considerare una conseguenza della riforma militare introdotta dal re Servio Tullio. Egli aveva suddiviso la popolazione in cinque classi, in base alla superficie di terra posseduta, e a carico di ciascuna classe aveva posto un numero prestabilito di centuriae (contingenti di cento uomini armati). Al di sopra delle cinque classi stava la classe di coloro che, per il loro rilevante patrimonio, dovevano fornire 18 centurie di cavalieri. Che la riforma riguardasse il reclutamento vero e proprio è assai dubbio, perché assegnava un numero molto alto di centurie alla classe più alta (80), un numero proporzionalmente assai basso a ciascuna delle tre classi intermedie (20) ed appena poco di più all ultima (30), là dove la proporzione numerica della popolazione, fra ricchi e poveri, farebbe presumere che anche a Roma fosse di segno opposto. E da ritenere quindi che in realtà la riforma, dal punto di vista militare, fosse nata solo con lo scopo di coprire i costi di allestimento dell esercito, mentre al reclutamento vero e proprio è probabile che si procedesse attraverso le tribù. I modi in cui da queste riforme militare si sono sviluppate le nuove assemblee cittadine non li conosciamo. Sarebbe ragionevole ritenere che siano sorte in età repubblicana, in concomitanza con l istituzione delle nuove magistrature, per assolvere alla funzione elettorale, che in precedenza non esisteva, ma ignoriamo come realmente siano andate le cose. Possiamo solo intuire che l istituzione dei nuovi comizi rispondeva a due differenti esigenze: tener conto dei nuovi nuclei ammessi alla cittadinanza (comitia tributa) e riconoscere maggior peso politico ai ceti che sopportavano il maggior carico economico (comitia centuriata). Ancora al tempo della unificazione d Italia si riteneva che solo chi pagava le tasse avesse diritto di partecipare alla vita pubblica. In ogni caso il risultato pratico era questo, che la prima classe, unita ai cavalieri, aveva un numero di centurie che poteva condizionare l esito di qualunque votazione, in quanto, per la regola ricordata sopra, ogni centuria esprimeva un solo voto. Ultimi in ordine di tempo, ma diventati subito assai importanti, sono i concilia plebis, detti tributa perché erano organizzati sulla base delle tribù. La loro introduzione è legata alla ribellione della plebe, iniziata nel 494 a. C., poco dopo la cacciata dei re, suscitata probabilmente dal malumore provocato dall ordinamento centuriato 4. Rifiutando di sottostare ad un sistema che toglieva 4 Livio (II, 23) sottolinea le condizioni drammatiche della plebe ricordando un episodio che sarebbe occorso durante la guerra coi Volsci. I plebei erano in fermento, perché lamentavano che mentre fuori combattevano per la libertà e la supremazia di Roma, in città erano oppressi e fatti schiavi dai concittadini. Ad un tratto si era presentato nel foro un vecchio, con le vesti logore ed il corpo macilento. Alcuni lo avevano riconosciuto, e dicevano che aveva rivestito i gradi militari, ricordando le sue benemerenze. Interrogato dagli altri, aveva raccontato che mentre era alle armi nella guerra coi Sabini questi gli avevano devastato il podere, bruciata la fattoria e portato via il bestiame. Costretto a fare dei debiti, a causa delle usure dapprima aveva venduto il campo, poi anche gli altri beni, ed infine aveva dovuto mettere a disposizione del creditore il proprio corpo, assoggettato al lavoro coatto ed alle torture, come dimostravano ancora i segni recenti delle frustate. A seguito di ciò il tumulto si era esteso a tutta la città. I consoli si erano affrettati a 6

7 alle classi umili qualunque peso politico, la plebe si era raccolta sul monte Sacro (o, secondo un altra versione, sull Aventino) col proposito di abbandonare Roma e costituire una nuova comunità. La ribellione venne superata con un accordo, che da un lato riconosceva lo stato di fatto (e quindi il governo dei patrizi), ma d altro lato riconosceva alla plebe una propria autonomia sul piano della vita cittadina (non sul piano militare), che consisteva nel diritto di riunirsi in assemblea separata, di darsi proprie leggi (plebiscita) e di avere propri magistrati, detti tribuni plebis. 5. Le magistrature superiori Il termine magistratura deriva da magister, che indicava la posizione di preminenza in un certo ambito: magister equitum era ad esempio il comandante della cavalleria. Nei tempi più antichi Roma aveva un assetto monarchico, impersonato dalla figura del rex, che assommava in sé tutti i poteri pubblici (militari, civili e religiosi) ed esercitava in modo esclusivo la funzione di comando. Non è sbagliato però presentarlo come magistrato, al pari delle figure che ne prenderanno il posto in epoca successiva, perché ci consente di configurare il suo potere come funzione demandata dalla civitas. Rex significa reggitore, ed il termine esprime bene la totalità dei poteri che gli competono; ma alla civitas, nel momento stesso in cui lo sceglieva, si riconosceva un potere di autodeterminazione: siamo quindi di fronte ad una comunità che si sceglie un capo, e non ad una popolazione sottoposta ad un capo. Il rex era designato dal senato, con una procedura, l interregnum, che consentiva di raccogliere i consensi, senza procedere ad una vera e propria elezione. I senatori, a turno, assumevano per cinque giorni il titolo di interrex, e questi, una volta raggiunto l accordo, provvedeva alla nomina (creatio) del nuovo rex, dopo di che si procedeva alla solenne investitura, sia religiosa che politica. L investitura religiosa aveva luogo attraverso la cerimonia della inauguratio, in cui attraverso segni magici, in particolare il volo degli uccelli, si cercava il consenso degli dei; l investitura politica, che aveva luogo successivamente da parte dei comizi, verosimilmente non aveva spazio diverso da quello dell acclamazione, ma venne intesa o forse anche configurata come lex, la lex curiata de imperio (imperium era la funzione di comando, che il popolo riconosceva al nuovo monarca). Si può quindi essere d accordo con coloro che sottolineano come la regalità romana non fosse né ereditaria né elettiva, ma avesse luogo per designazione. Il sistema monarchico durò per circa due secoli e mezzo dalla fondazione. Nel 509 però scoppiò una ribellione e secondo la tradizione venne instaurato un nuovo ordinamento, che prevedeva al posto del re due magistrati annuali, datti consules, eletti direttamente dai comizi (centuriati), i cui poteri decadevano automaticamente allo scadere del mandato. Essi non solo dovevano condividere il potere fra loro, condizionandosi reciprocamente col diritto di veto (intercessio), convocare il senato, ma qui le opinioni erano divise: Appio suggeriva di affrontare la plebe coi poteri consolari, in modo che, arrestato qualcuno, gli altri si sarebbero acquietati; Servilio proponeva che si cercassero rimedi più miti. Solo alla notizia che i Volsci si stavano dirigendo con l esercito contro Roma Servilio potè prendere la decisione di liberare dalle catene coloro che si fossero arruolati, ma conclusa la guerra, Appio ricominciò ad applicare le leggi sui debiti. L impostazione letteraria del racconto è evidente, ma al tempo stesso è innegabilmente realistica. 7

8 ma erano limitati anche dal fatto che il cittadino, contro i provvedimenti che colpivano la persona, poteva difendersi ricorrendo ai comizi (provocatio ad populum). Era l instaurazione della libera res publica, intesa come governo della civitas controllato dai cittadini, da cui è derivato il nostro termine repubblica, come forma di governo antitetica alla monarchia. Sul piano storico si dubita che le cose siano andate in modo così piano, e la tradizione stessa fornisce in realtà notizie contraddittorie, che lasciano intravedere una vicenda molto tormentata, sia per tensioni politiche interne che per guerre esterne. Di fatto però questo è stato l esito, ed è il solo da tener presente in questa sede. Ai consoli era conferito l imperium, cioè il potere di comando, che si distingueva in imperium militiae ed imperium domi. Il primo coincideva col comando militare, ed era incondizionato, consono al proverbiale rigore della disciplina militare romana. L altro, che potremmo definire potere civile, aveva la medesima ampiezza, nel senso che i consoli avevano il potere di costringere anche fisicamente il cittadino (coercitio) e di metterlo a morte, ma non era incondizionato; il cittadino infatti poteva contare, oltre che sulle due garanzie ricordate sopra, anche sull intercessio dei tribuni della plebe. Rientravano nell imperium domi il potere di presiedere il senato, di convocare i comizi e proporre leggi, di indire le elezioni, di amministrare la giustizia sia in campo civile che in campo penale. Originariamente spettavano ai consoli anche tutte le altre funzioni pubbliche minori, che però potevano essere demandate a dei collaboratori scelti da loro. Una magistratura di carattere straordinario era il dictator. Nata come magistratura d emergenza, sospendeva il normale svolgimento delle funzioni pubbliche, con lo scopo di concentrare il comando della civitas in una sola persona, per un tempo limitato, di regola sei mesi. Come dice il nome, ciò che il dittatore stabilisce (dicit) deve essere osservato, come se fosse legge. Egli ha dunque qualcosa di più che l imperium, e questo spiega perché sul finire della repubblica si sia fatto ricorso a questa figura per imporre riforme costituzionali. Fra le magistrature supreme sono infine da ricordare i censori (censores). Per la verità erano privi di imperium, ed erano stati istituiti per procedere al census, cioè alla stima dei patrimoni, al fine di inquadrare i cittadini nelle diverse classi dell ordinamento centuriato. Si trattava evidentemente di un compito di notevole rilevanza sul piano politico, che assunse via via sempre maggiore importanza, in quanto era inevitabile che venisse in considerazione anche il modo in cui la ricchezza era stata acquisita o dissipata. Da lì aveva preso avvio una più generale funzione, quella di valutare la condotta dei cittadini ed esprimere un giudizio di biasimo (nota censoria) nei confronti di coloro che tenevano costumi non consoni al rango. I censori venivano eletti ogni cinque anni, e restavano in carica diciotto mesi. La carica, inizialmente riservata ai patrizi, venne estesa anche ai plebei, e per iniziativa dei tribuni della plebe (plebiscito Ovinio) venne affidato anche il compito di nominare i senatori in sostituzione di quelli deceduti (lectio senatus), scegliendoli fra gli ex magistrati. Fu considerata pertanto la carica più prestigiosa, coronamento supremo della carriera politica. 6.Le altre magistrature Fra le ragioni che possono aver suggerito l istituzione di due magistrati supremi vi era stata probabilmente la necessità di assicurare che l esercizio dell imperium potesse aver luogo contemporaneamente sia in città che fuori; non era infrequente però che la guerra impegnasse entrambi i consoli, con la 8

9 conseguenza che di fatto l imperium domi veniva esercitato in modo saltuario da sostituti (praefecti) designati dai consoli. Si venne così nella determinazione di istituire un nuovo magistrato con gli stessi poteri dei consoli, anche se di rango inferiore, il pretore. Il nome praetor, che i Romani stessi ricollegavano ad una funzione di comando militare (prae-itor, colui che guida), fa supporre che questa figura esistesse già nell esercito; ma qui interessa solo la nuova magistratura cittadina, istituita nel 367 a.c. con la specifica funzione di amministrare la giustizia. Il pretore, al pari dei consoli, aveva il potere di comando (imperium), che nel campo civile assumeva forme diverse, a seconda della finalità perseguita: il iussum, il decretum e l edictum. Iussum (comando) era l ordine rivolto al singolo cittadino di fare o non fare qualcosa; decretum (decisione), era il provvedimento con cui il pretore risolveva questioni che ricadevano sotto la sua potestà; edictum (proclama) era il provvedimento con cui stabiliva in via generale come dovevano essere affrontate le questioni di sua competenza. In sostanza, mentre il iussum era un provvedimento rivolto alla singola persona, l edictum riguardava in generale tutti i cittadini; d altra parte, mentre l edictum aveva carattere puramente programmatico, il decretum aveva efficacia costitutiva: in altre parole, decideva direttamente l assetto delle situazioni affrontate. Un esempio caratteristico di decreto era la sentenza di condanna, con cui veniva stabilito il trattamento da applicare al reo. Abbiamo qui un esempio molto significativo di impiego rigorosamente tecnico del linguaggio, su cui si dovrà tornare. Merita attenzione anche l uso del termine dicere, perché a differenza del nostro verbo dire, assume il significato di proclamare, cioè dichiarare in modo ufficiale e vincolante. Ce ne occuperemo quando si chiarirà perché all amministrazione della giustizia era stato dato il nome di iurisdictio. Una magistratura molto importante sul piano politico interno, forse alla resa dei conti la più importante, è il tribunato della plebe. I tribuni plebis erano stati riconosciuti inizialmente come semplici rappresentanti della plebe, ma il giuramento con cui i plebei in occasione della secessione si erano impegnati a vendicare con la morte chiunque avesse attentato alla loro incolumità, li aveva resi fin dai primi tempi sacrosancti, cioè inviolabili. Ad essi spettava inizialmente il ius auxilii a favore del plebeo ingiustamente perseguitato dai magistrati patrizi, che in seguito divenne un generale diritto di intercessio contro i provvedimenti ritenuti lesivi dei plebei. Spettava inoltre il potere di proporre ai concilia plebis l adozione di deliberazioni (plebiscita), da opporre alle leggi votate dai patrizi, finché si riconobbe che anche i plebisciti potevano valere come leggi per tutti i cittadini. Col definitivo pareggiamento fra patrizi e plebei, sancito dalla lex Hortensia del 286 a.c., i tribuni della plebe divennero veri e propri magistrati del popolo romano, e fu loro riconosciuto anche il diritto di convocare il senato. Fra le magistrature con funzioni prettamente amministrative sono da ricordare infine gli edili (aediles) ed i questori (quaestores). Ai primi era affidata la sorveglianza degli edifici e delle opere pubbliche, nonché dei mercati, ed erano detti curuli in quanto nei mercati avevano anche competenza giurisdizionale, che esercitavano da un apposito scanno, la sella curulis. Ai questori invece era affidata la contabilità pubblica, ed in particolare la gestione della cassa dello Stato (aerarium). 9

10 7. Il senato Il senato (senatus) verosimilmente era sorto come un consiglio degli anziani (senes), costituito dagli esponenti delle famiglie nobili (patres), che secondo la tradizione erano stati designati in origine dallo stesso Romolo in numero di cento, elevati poi a trecento. Al senato come s è visto spettava la designazione del rex. Con la caduta della monarchia il senato era diventato l organo supremo della civitas, che assommava in sé in modo permanente e collegiale la direzione politica dello stato, mentre ai magistrati competevano solo funzioni specifiche e solo in via temporanea. Al senato compete anzitutto la politica estera, nella quale ha il compito di rappresentare e far valere la maiestas populi romani, cioè la superiorità di Roma. In particolare è il senato che riceve ed invia le ambascerie e definisce le condizioni dei trattati o le operazioni belliche da intraprendere, anche se la dichiarazione di guerra vera e propria e la ratifica dei trattati sono competenza dei comizi centuriati. Da questa funzione direttiva della politica estera deriverà poi il potere del senato di designare i governatori dei territori occupati (provinciae). Sul piano della politica interna la funzione direttiva del senato si esprime nell auctoritas, cioè nel potere di ratifica. In linea di principio erano sottoposte alla ratifica del senato tutte le deliberazioni dei comizi; di fatto però, per evitare che ne derivassero conflitti politici molto gravi, si finì per adottare il principio che il senato esprimesse un parere preventivo sulle proposte che i magistrati si accingevano a sottoporre ai comizi. Analoga funzione svolgeva per la elezione dei magistrati. Nel corso della storia tuttavia si è verificato più di una volta che il dissenso fra i magistrati (in particolare i tribuni della plebe), forti dell appoggio popolare, ed il senato, arroccato a difesa della classe nobiliare, sfociasse in aperto conflitto. In questo caso il senato, come organo supremo della civitas, si era arrogato il potere di dichiarare lo stato di emergenza (senatus consultum ultimum), con cui venivano sospese le garanzie costituzionali e demandato ai consoli di perseguire il magistrato ribelle (provideant consules ne quid res publica detrimenti capiat). Un altro potere che il senato si era arrogato era quello di istituire delle commissioni speciali (quaestiones), con lo scopo di procedere alla repressione penale nei casi di maggior rilevanza politica. Di per sé era naturale che il magistrato nei casi gravi si consultasse con il senato, ma le commissioni, desautorando il magistrato dalla sua funzione, davano al senato un controllo discrezionale sulla giustizia criminale che divenne uno dei motivi centrali della lotta politica. 8. I collegi sacerdotali Le popolazioni italiche, come i generale le popolazioni indoeuropee, avevano una religiosità abbastanza semplice, che faceva presiedere ciascuna manifestazione del mondo fisico da una divinità, e così pure gli aspetti più importanti della vita sociale. Anche il culto aveva impostazioni molto pragmatiche, rivolto in sostanza ad avere propizie le divinità che presiedevano alle varie operazioni: sacrifici e preghiere per ingraziarsi gli dei, festività che ne celebravano la potenza, riti espiatori dei comportamenti considerati offensivi, riti divinatori per capire se erano favorevoli o sfavorevoli, feste di ringraziamento quando le operazioni si concludevano in modo favorevole. Dei riti romani originari sappiamo poco, perché la loro religiosità elementare è stata sicuramente sopravanzata dai riti etruschi, assai più elaborati; occorre dare atto però che nella sostanza erano rimaste estranee ai Romani impostazioni 10

11 complesse, come la lotta contro il male, di cui abbiamo tracce nelle tombe etrusche, ma non nei culti romani. Il culto è considerato una funzione pubblica di primaria importanza, demandato ad appositi collegi di sacerdoti, che vi provvedevano con rigoroso rispetto della tradizione. E da sottolineare però che questi collegi non costituivano delle caste, come accadeva presso i popoli orientali, ma esprimevano anch'essi delle funzioni pubbliche, demandate al pari delle magistrature a cittadini ritenuti degni e capaci di assolvere il compito affidato. L assunzione al sacerdozio aveva luogo di regola per cooptazione, cioè per scelta da parte di coloro che già ne facevano parte. In epoca storica il collegio più importante è senza dubbio quello dei pontifices, che aveva una chiara connotazione politica, nel senso che doveva sorvegliare la vita cittadina affinché non venisse recata offesa alle divinità. In pratica erano i custodi dei mores, cioè dell assetto di vita su cui si reggeva la civitas, tanto che a loro risalgono le prime elaborazioni del diritto. Per questa loro funzione avevano assunto anche una sorta di sorveglianza su tutti gli atti di culto, anche quelli di origine più remota. Altro collegio importante era quello dei fetiales, che sorvegliava, allo scopo di propiziare gli dei, il rispetto delle regole relative ai rapporti con le comunità esterne, in particolare per quanto atteneva alle ambascerie, agli ostaggi ed alle dichiarazioni di guerra. Per ogni divinità inoltre vi era un collegio sacerdotale che ne curava il culto, e fra questi i più importanti erano i flamines, incaricati di svolgere i sacrifici in onore degli dei a cui era affidata la protezione della città. Altri due collegi importanti erano quelli degli augures e degli aruspices. I primi avevano il compito di assumere gli auspicia, cioè di interpretare i segni del cielo, in particolare il volo degli uccelli, per capire quale era l atteggiamento degli dei sulle questioni che la civitas doveva affrontare; gli altri, secondo rituali di derivazione etrusca, cercavano di interpretare l'atteggiamento degli dei dalle viscere degli animali sacrificati. Un sacerdozio che pur essendo composto da più membri non aveva carattere collegiale, perché costituito da donne, era quello delle vestali (virgines vestales), che avevano il culto di Vesta, protettrice del focolare domestico. Restano da ricordare, per avere un quadro sufficientemente completo della spiritualità romana, di cui la religio, cioè il rispetto delle entità soprannaturali, era certamente una componente fondamentale, i culti domestici, detti sacra, a cui ogni famiglia attendeva con zelo, e riguardavano i manes, spiriti protettori dei defunti, i lares, che impersonavano le virtù civili degli antenati, ed i penates, che erano ancora gli antenati, come protettori della vita familiare. 11

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli