MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER LE ANTICHITÀ SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER LE ANTICHITÀ SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA"

Transcript

1 comunicato stampa MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER LE ANTICHITÀ SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA IL SEGRETO DI MARMO I MARMI POLICROMI DI ASCOLI SATRIANO MUSEO NAZIONALE ROMANO IN PALAZZO MASSIMO 16 dicembre aprile 2010 La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma espone fino al 18 aprile 2010 uno straordinario complesso di 11 marmi dipinti: un unicum nel panorama dell archeologia della Magna Grecia di età tardo-classica. Provenienti dal territorio dell antica Ausculum, l odierna Ascoli Satriano in provincia di Foggia, le preziose opere in marmo pario arrivano al Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo dopo l esposizione nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze, dove erano state accostate alle pitture policrome che decorano il Sarcofago delle Amazzoni. L eccezionalità di questa serie di manufatti ha più ragioni: l alta qualità del marmo, quello cristallino e trasparente scavato in galleria nell isola di Paro che i Greci riservavano ai capolavori della scultura; la presenza della decorazione pittorica, così rara nei marmi giunti sino a noi e, soprattutto, la storia del ritrovamento di questi pezzi, per la prima volta riuniti in una mostra a Roma. Nel maggio del 2006 il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale rintracciò un gruppo di oggetti nei locali del Museo Civico di Foggia e, quindi, lo trasferì a Roma a disposizione della Magistratura, nel quadro del procedimento penale relativo al commercio internazionale clandestino di reperti di scavo. L interesse degli investigatori era stato sollecitato dal fatto che, nel corso di indagini sviluppatesi durante gli anni precedenti, un cittadino italiano aveva ammesso di essere stato a suo tempo partecipe di un fruttuosissimo scavo clandestino svoltosi nel territorio dell antica Ausculum, l odierna Ascoli Satriano, nel quale era stato ritrovato sia un gruppo raffigurante due Grifi che dilaniano un cerbiatto, venduto poi ad un museo americano, sia una serie di altri oggetti, sequestrati invece dalla Guardia di Finanza di Foggia. Di qui, dapprima la ripresa del fascicolo processuale aperto nel 1978 a carico del responsabile e, poco dopo, la vera e propria riscoperta dei marmi, prelevati dagli stessi militari dell Arma il 5 maggio e depositati infine, per gli indispensabili interventi conservativi, presso il laboratorio di restauro romano della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma. La conferma dello straordinario interesse dei pezzi rimasti a Foggia e la palese corrispondenza fra la descrizione di ciò che era stato invece trafugato e venduto e quanto era conservato sulle coste occidentali degli Stati Uniti spingeva infine ad organizzare un sopralluogo nelle campagne di Ascoli Satriano. Due tra i pezzi più eccezionali, il sostegno di mensa decorato con Grifi e il podanipter (grande bacino con supporto), furono acquistati dal J.-P. Getty Museum di Malibu che li ha restituiti all Italia nel 2007.

2 Le indagini condotte dopo la restituzione hanno permesso, quindi, di ricollegare tutti i pezzi, in totale undici più o meno completi, facendone ipotizzare un unica provenienza da un contesto funerario daunio della seconda metà del IV secolo a.c.: questi elementi marmorei sono infatti accomunati sia dalla particolare tecnica di lavorazione, la tornitura, sia dalla presenza della decorazione policroma; le analisi di laboratorio hanno poi confermato la pressoché medesima varietà di marmo, proveniente dalle cave greche più prestigiose. Tutti i manufatti sembrano rappresentare una versione particolarmente monumentale e finora del tutto sconosciuta di un servizio funebre le cui forme richiamano molto da vicino la raffinata ceramica italiota di IV secolo a.c. ed esemplari in bronzo. In particolare, il grande cratere marmoreo non solo conserva tracce di policromia, ma anche l impronta in negativo di una decorazione in oro che è stata riconosciuta come un motivo vegetale a foglie d edera; il supporto da mensa è unico nel suo genere e la sua iconografia due Grifi che uccidono un cervide si rifà sicuramente a modelli orientali. Infine, il podanipter, tipico bacile per uso cerimoniale, mostra ancora al suo interno la splendida scena del trasporto delle armi di Achille da parte delle Nereidi che cavalcano mostri marini: un iconografia coerente con la sua destinazione d uso. Proprio il podanipter presenta interessanti elementi di affinità, per forme e cromia, con le pitture del Sarcofago delle Amazzoni, uno dei più alti esempi della pittura magno-greca del IV secolo a.c. Tutto ciò a testimoniare la qualità dei manufatti che componevano questo complesso funebre, destinato con tutta probabilità a un membro dell élite daunia. In occasione della mostra Electa pubblica una monografia, a cura di Angelo Bottini ed Elisabetta Setari, che, grazie al contributo di diversi specialisti, ricostruisce il contesto di provenienza e il significato dei marmi dipinti di Ausculum, la loro storia dalla scoperta all esposizione con un inquadramento storico-artistico e una catalogazione scientifica di tutti i singoli manufatti. Chiude il volume una sezione sul restauro delle opere, corredata dei risultati delle analisi petrografiche e geochimiche dei marmi e delle indagini analitiche sui pigmenti che gettano luce sulla tecnica pittorica.

3 informazioni tecniche Titolo IL SEGRETO DI MARMO I MARMI DIPINTI DI ASCOLI SATRIANO Date di apertura 16 dicembre aprile 2010 al pubblico Sede Mostra promossa da Curatori della mostra Roma, Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo Largo di Villa Peretti 1 Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma in collaborazione con Electa Angelo Bottini, Elisabetta Setari Orari di apertura dalle 9 alle La biglietteria chiude un ora prima. Il museo è chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1 gennaio. Il biglietto consente l accesso a tutte le sedi del Museo Nazionale Romano ed è valido per 3 giorni Biglietti Intero 7 euro, ridotto 3,50 euro Informazioni Pierreci e visite guidate tel Catalogo Ufficio stampa Electa Gabriella Gatto tel Enrica Steffenini tel

4 colophon Il segreto di marmo Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo alle Terme 16 dicembre aprile 2010 Mostra promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per le Antichità e Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma in collaborazione con Electa Soprintendente archeologo di Roma Angelo Bottini Direzione amministrativa Wanda Vaccaro Direzione del Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo Rita Paris Direzione tecnica del Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo Mauro Petrecca Comitato scientifico Giovanna Bandini Angelo Bottini Rita Paris Elisabetta Setari Comitato organizzativo Maria Teresa Di Sarcina, Valeria Intini, Rita Paris, Miria Roghi, Carlotta Schwartz Progetto espositivo e grafico Stefano Cacciapaglia Carlo Celia Monica Cola Testi in mostra a cura di Elisabetta Setari Traduzione dei testi in mostra Elizabeth Hill Restauri Adriano Casagrande con la collaborazione di Debora Papetti Annunziata D Elia Chiara Miceli Documentazione fotografica Simona Sansonetti con Giorgio Cargnel Luigi Colasanti Romano D Agostini Documentazione infrarossi Luciano Mandato Ufficio Consegnatario Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo Miria Roghi Segreteria Daniela Donninelli, Anna Redigolo, Agnese Tomei, Alfredo Turla, Angela Vivolo Si ringraziano Claudia Scardazza e Annamaria Dolciotti, Ministero per i Beni e le Attività Culturali Antonio Gerardo Paolino Rolla, Sindaco di Ascoli Satriano Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale - Reparto operativo - Sezione archeologia Guardia di Finanza di Foggia Testi in catalogo Giovanna Bandini Ugo Bartolucci Angelo Bottini Maria Perla Colombini Ilaria Degano Gianna Giachi Roberto Goffredo Claudio Imperatori Maria Luisa Marchi Francesca Modugno Pietro Moioli Pasquino Pallecchi Claudio Seccaroni Elisabetta Setari Disegni Francesca Sabbatini Ricostruzione grafica Esmeralda Remotti Giorgio Montinari Ricostruzione virtuale Antonella Cirillo Fotografie Simona Sansonetti con Giorgio Cargnel e Romano D Agostini, Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma Antonino Sentineri, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana Per Electa la mostra è stata curata da Anna Grandi Marta Chiara Guerrieri Ufficio stampa e comunicazione Gabriella Gatto, Enrica Steffenini Immagine coordinata Di Maio Iorio Realizzazione dell allestimento Meloni Fabrizio srl con la collaborazione di Enrico Vandelli Trasporti Borghi International spa Assicurazioni Progress Insurance Broker

5 testo istituzionale È un vero piacere per me presentare questa mostra, che, pur piccola nelle sue dimensioni, è tuttavia di grande importanza sia sul piano scientifico sia su quello simbolico. Dal punto di vista della scienza perché viene ricostruito, per quanto possibile a distanza di decenni, dopo uno scavo clandestino e l esportazione illegale di alcuni oggetti, un contesto assolutamente unico e della massima importanza per la storia della cultura artistica della Magna Grecia. Le tombe degli aristocratici delle città indigene del territorio apulo hanno spesso restituito importanti complessi, architettonici e di materiali mobili, ma anche nei casi più significativi non era mai stato rinvenuto un tale straordinario corredo, di vasi e arredi marmorei, alcuni eccezionalmente dipinti e certamente da mano greca, come in questa tomba. Il che rende tanto più grave la perdita dei dati scientifici provocata dallo scavo clandestino, solo in minima parte recuperata dagli studi, pur di grande rilievo, che accompagnano la mostra attuale. Oltre che sul piano scientifico, l esposizione è tuttavia altrettanto importante dal punto di vista simbolico perché precede, e soprattutto prepara, l allestimento definitivo del complesso funerario nella sede del Museo Civico di Ascoli Satriano (Foggia), l antica Ausculum, città alla cui amministrazione va il merito di aver voluto e realizzato un museo per la valorizzazione del proprio patrimonio culturale ben prima che si profilasse la possibilità di ricevere capolavori come i grifi che assalgono la cerva o il bacino dipinto. Lo spirito che ha informato e tuttora caratterizza la politica delle restituzioni chieste e ottenute all estero è quello, enunciato fin dalle Lettres à Miranda, della pertinenza dell opera al suo contesto territoriale; e ciò soprattutto quando questo, come nel caso presente, sembra prometterne la più efficace valorizzazione, intesa come promozione della cultura del territorio. Il nostos di questi marmi ad Ascoli Satriano procurerà alla causa dell archeologia, intesa come momento e strumento culturale della storia del territorio, ben più consensi e ben più convinti di qualsiasi mostra scintillante in una sede alla moda. E forse taglierà agli scavatori clandestini una parte di quella rete di omertà o di disinteresse senza la quale non potrebbero operare come purtroppo hanno fatto e fanno tuttora in terra di Puglia, e in altre regioni d Italia. Benvenuto dunque a questa mostra romana, viatico per il definitivo ritorno a casa dei grifi e grazie a tutti quanti Soprintendente, Direttore e operatori del Museo Nazionale di Palazzo Massimo, Università di Foggia hanno collaborato alla sua realizzazione. Stefano De Caro Direttore generale per le Antichità

6 testo dal catalogo UN TESORO RITROVATO Angelo Bottini Dalla scoperta all esposizione Nel catalogo della recente mostra mantovana La forza del bello. L arte greca conquista l Italia, le schede di cinque opere in marmo sono precedute, a differenza dalle altre, da un breve testo introduttivo che da un lato ne dichiara la comune origine e dall altro ne spiega l inserimento nell ultima sezione, intitolata Dispersione e recuperi. In quella sede, infatti, il sostegno plastico di mensa, formato da due grifi che dilaniano un cerbiatto e il podanipter decorato all interno da pitture raffiguranti il trasporto delle armi destinate ad Achille, emigrati illegalmente dal nostro paese per approdare infine al J. Paul Getty Museum ed essere infine restituiti nel 2007, erano stati posti per la prima volta accanto a tre vasi a decorazione policroma (un cratere a calice su sostegno, una oinochoe a bocca rotonda, una epichysis) ricomposti da un complesso di elementi separati e frammenti, rimasti praticamente dimenticati nei depositi per quasi trent anni. La singolarità del complesso che, va detto subito, rappresenta un vero e proprio unicum nel panorama dell archeologia del mondo indigeno della Magna Graecia di età tardoclassica, così come l eccezionalità anche sotto il profilo formale di almeno una parte dei manufatti, impongono di riprendere l argomento nel momento in cui, completate le attività di restauro, documentazione e analisi compiute presso i laboratori sia della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma sia di quella della Toscana, è stato possibile redigere il catalogo di tutti gli elementi sopravvissuti alle vicissitudini del loro rinvenimento non controllato e proporne quindi un inquadramento complessivo, in vista del loro definitivo ritorno nel museo di Ascoli Satriano. Iniziamo dalla complicatissima vicenda moderna, quale è stato possibile ricostruire dopo il maggio 2006, quando, presso il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, chi scrive ebbe modo di prendere visione di un gruppo di oggetti da poco rintracciati nei locali del Museo Civico di Foggia e quindi trasportato a Roma a disposizione della Magistratura, nel quadro del procedimento penale relativo appunto al commercio internazionale clandestino di reperti di scavo. L interesse degli investigatori era stato sollecitato dal fatto che come spiega una nota riassuntiva dello stesso Comando nel corso di indagini sviluppatesi durante gli anni precedenti, un cittadino italiano (morto nel 2002) aveva ammesso di essere stato a suo tempo partecipe di un fruttuosissimo scavo clandestino svoltosi nel territorio dell antica Ausculum, l odierna Ascoli Satriano in provincia di Foggia, nel quale era stato ritrovato sia un gruppo raffigurante appunto due grifi che dilaniano un cerbiatto, venduto poi a un museo americano, sia una serie di altri oggetti, sequestrati invece dalla Guardia di Finanza del capoluogo daunio. Di qui, dapprima la ripresa del fascicolo processuale aperto nel 1978 a carico del responsabile e, poco dopo, la vera e propria riscoperta dei marmi, che venivano prelevati dagli stessi militari dell Arma il 5 maggio e depositati infine, per gli indispensabili interventi conservativi, presso il laboratorio di restauro romano. La conferma dello straordinario interesse dei pezzi rimasti a Foggia e la palese corrispondenza fra la descrizione di ciò che era stato invece trafugato e venduto e quanto era conservato sulle coste occidentali degli Stati Uniti spingeva infine a organizzare un sopralluogo nelle campagne di Ascoli Satriano. Grazie anche alla collaborazione dei familiari dello scavatore, il 14 giugno dello stesso anno i militari giungevano così a individuare se non il luogo preciso (cosa ovviamente del tutto impossibile a distanza di circa un ventennio dai fatti), quantomeno la zona in cui sarebbero stati rinvenuti; vi torneremo fra breve. Che i marmi Getty potessero avere a che fare con l Apulia traspariva peraltro anche dallo studio a essi dedicato dal Vermeule. D altra parte, un documento riservato pubblicato dal Los Angeles Times faceva riferimento a una provenienza estremamente più significativa ai fini della ricostruzione della vicenda, riportandola all ambito daunio: supporto di mensa e podanipter avrebbero fatto parte del corredo funerario di una tomba dalla zona di Herdonea (nel territorio dell attuale Orta Nova, sempre in provincia di Foggia) saccheggiata prima del , dove sarebbero stati associati a ceramiche apule a figure rosse attribuibili al Pittore di Dario. Com è facile osservare, le date coincidono sostanzialmente: il rinvenimento dovrebbe essere avvenuto proprio negli anni fra il 1976 e il 1978; per quanto riguarda invece il sito, non vi è alcun valido motivo per mettere in dubbio la testimonianza raccolta dai Carabinieri, anche in considerazione del fatto che Ausculum è un centro archeologico ancor oggi assai meno noto (in lettera-

7 tura e non solo) della vicina Herdonea: applicando i criteri della filologia testuale, la provenienza da quest ultima si presenta come una tipica lectio facilior, probabilmente volta anche ad accreditare dei reperti tanto inconsueti sul mercato clandestino. D altra parte, prendendo per buona la provenienza dichiarata, sarebbe necessario postulare che in due diversi siti della medesima area culturale siano stati quasi contemporaneamente allestiti altrettanti complessi (che l ottimo stato di conservazione fa ritenere, come si vedrà, di natura funeraria), includenti oggetti in marmo unici o quantomeno estremamente rari. Ipotesi sulla collocazione e la natura del complesso Come osservato nelle pagine che precedono, fra i nuclei insediativi finora individuati nell area di Ascoli Satriano una rilevanza particolare sembra contraddistinguere l altura del Serpente, oggetto di numerose campagne di scavo da parte di istituzioni italiane e straniere. Vi emerge, come elemento di specifico interesse, la presenza di apprestamenti cultuali sia stabili sia di carattere più precario direttamente connessi con sepolture di personaggi di rilievo collocate in tombe a pozzo (già di per sé espressione di una condizione di privilegio sociale), che ricevono la loro sistemazione finale nel corso della seconda metà del IV secolo, prima della distruzione, databile ai primi del successivo. Per usare le parole di M. Osanna, l area sacra, destinata ad ospitare pratiche rituali in cui il sacrificio ed il banchetto dovevano svolgere un ruolo significativo, poteva essere stata dunque destinata alla celebrazione di cerimonie commemorative di defunti di rango, cui doveva essere stato attribuito, in qualche modo uno statuto eroico. Secondo le informazioni raccolte dai Carabinieri, la zona di rinvenimento dei materiali studiati in questo lavoro si colloca a monte della Strada Provinciale 99, alla base del pendio sottostante la collina in questione; almeno dal punto di vista teorico, nulla impedisce dunque di ipotizzare che ne rappresenti una prosecuzione, contrassegnata da una ancor più marcata monumentalità. La mancanza di ogni informazione sulle condizioni di rinvenimento fa sì che nulla possa essere affermato con certezza a proposito tanto della natura e della collocazione originaria che del grado di completezza del complesso pervenutoci; del resto, anche le prime indagini promosse dalla Soprintendenza in località Giarnera Piccola non hanno portato a risultati significativi da questo punto di vista, pur confermando l interesse archeologico del sito. Alla luce di quanto precede, le risposte ai principali interrogativi suscitati da questo insieme sono destinate a restare largamente ipotetiche. Per quanto riguarda natura e collocazione del complesso, una destinazione votiva, suggerita anche dal richiamo ai dona del santuario di Diana Nemorensis su cui si tornerà più avanti, appare così meno probabile rispetto all appartenenza al corredo di una tomba a camera, realizzata nelle forme e dimensioni tipiche del costume funerario proprio delle comunità apule nel corso del IV secolo a.c. Ciò, per una serie di motivi che vanno dal buono stato di conservazione (si confrontino al contrario l esiguità e la frammentarietà dei resti dell area sacra di Ausculum appena ricordata, in buona misura determinate anche dalla debolezza strutturale delle relative costruzioni, in cui è escluso l impiego della pietra da taglio) alla presenza delle mensole (cat. 11), alla stessa logica associativa che lega i manufatti fra loro. D altra parte, la presenza di un set di recipienti marmorei, seppure di dimensioni e funzione del tutto diverse, nel corredo dell ipogeo della Medusa di Arpi conferma l esistenza in ambito daunio di un uso anche funerario di manufatti litici. Riguardo poi alla completezza, la mancanza di molte parti degli stessi recipienti induce a una valutazione molto pessimistica, accentuata dal fatto che, pur accettando l integrale sostituzione del marmo alla ceramica e ai metalli nel campo dei contenitori (in effetti non priva di qualche precedente), appare invece inspiegabile la mancanza assoluta di elementi della panoplia difensiva ovvero, in alternativa, di elementi specifici relativi alla sfera femminile. D altra parte, il complesso di recipienti di forma chiusa (due oinochoai, quattro epichyseis, una loutrophoros), di cui si vedrà il rapporto con ceramiche tipiche della produzione magno-greca di V e IV secolo, sembra rappresentare (in tutto o in parte, dal momento che la lacunosità di alcuni fa immaginare la possibile perdita anche di interi esemplari), la versione particolarmente monumentale e finora sconosciuta nella sua natura marmorea di uno o più servizi tipici dei grandi corredi italici di IV secolo, composti di solito da vasi di altissima qualità, appartenenti soprattutto alla ceramografia italiota a figure rosse, spesso deliberatamente privati della capacità di contene-

8 re; non deve sfuggire che al loro interno occupa un posto determinante una forma aperta di grandi dimensioni, quale in effetti è il podanipter, in cui è peraltro la presenza stessa della fragilissima decorazione pittorica all interno della vasca a segnalare una funzionalità assai ridotta. Un eccellente confronto è rappresentato da questo punto di vista dai grandi corredi emergenti tornati in luce nel a Lavello, culminanti nella seconda deposizione della tomba a camera 669, fortunatamente rinvenuta intatta e quindi priva di tutte le incertezze ricostruttive che gravano sugli analoghi complessi canosini, in cui ricorrono tuttavia le medesime forme vascolari. Come osservato da M.P. Fresa in sede di commento alla sua edizione, al suo interno si riconoscono agevolmente due nuclei: uno formato dai vasi a figure rosse (fra cui spiccano quelli di grandi dimensioni: un podanipter, quattro oinochoai, quattro kantharoi), l altro costituito dai vasi a decorazione policroma e plastica: due loutrophoroi, quattro pseudo-oinochoai a testa femminile, un askos, una pisside cilindrica. Il primo rimanda a un sistema del tutto analogo a quello delle due tt. 655 e 686 Ancora una volta, appare prevalente la grande forma aperta, rinvenuta significativamente al centro della cella sepolcrale. Riflettendo sui numeri che danno vita a questi set, viene spontaneo ipotizzare la perdita di almeno una seconda loutrophoros, con cui comporre un complesso minimo formato da due oinochoai, due loutrophoroi, quattro epichyseis, gravitanti sull unico podanipter. Sfugge a questo sistema il solo cratere, che spicca dal punto di vista qualitativo ed era decorato, come si vedrà meglio in seguito, da una corona aurea applicata alla vasca; sebbene la scarsa profondità dell incavo praticato nella parte superiore faccia ritenere poco probabile che sia stato usato come cinerario (al pari dell analogo esemplare in bronzo da Sevaste, che conteneva anche i resti di una corona d oro bruciata col defunto) non sembra tuttavia da escludere un intento se non propriamente eroizzante, paragonabile a quello che traspare dagli elmi cui sono stati aggiunti elementi analoghi, quantomeno distintivo del personaggio cui è stato attribuito. Un ultimo indizio a favore dell ipotesi di una funzione funeraria del complesso viene anche dalla presenza stessa della mensa retta in origine dal sostegno configurato, probabilmente paragonabile alla perduta grande tavola di marmo con cornice rinvenuta nel monumentale ipogeo Lagrasta I di Canosa, al cui interno potrebbe aver svolto la funzione di sostegno per offerte, come lascia intendere la descrizione di M. Ruggiero riportata da R. Cassano ovvero quella di kylikeion, come ci mostrano talune pitture etrusche e campane. In ogni caso, è quest ultimo un paragone che spinge a prendere a riferimento anche taluni altri corredi funerari relativi a personaggi di altissimo livello e dalla composizione altrettanto eccezionale, ospitati in tombe a camera (o a più camere), come nel caso della tomba lucana tornata in luce nell estate del 1814 ad Armento, nella Basilicata meridionale, che conteneva fra l altro la statua in bronzo di Satiro inginocchiato oggi a Monaco (in realtà il sostegno di un grande vaso o di un altro manufatto metallico: un particolare non privo d interesse anche per questa analisi), o di quella, probabilmente apula, che ospitava il gruppo di statue fittili a 2/3 del vero raffiguranti Orfeo e due sirene, oggi allo stesso J. Paul Getty Museum. Possiamo immaginarla non molto diversa da alcuni altri sepolcri monumentali di Canosa che contenevano i gruppi, sempre fittili, di figure oranti. Sulla scorta di questi precedenti e tenendo conto del fatto che lo stesso ipogeo della Medusa di Arpi è dotato di tre celle, oltre il vestibolo, che assommano a circa 20 metri quadrati di superficie, di cui solo sei occupati dai due letti funebri, non appare in definitiva impossibile proporre per il complesso di Ausculum la collocazione in una camera ipogea paragonabile per dimensioni ad altre della medesima area daunia, e capace dunque di contenere l intera serie di recipienti marmorei. In questa prospettiva può trovare infine una spiegazione anche la coppia di mensole a voluta ionica che, considerando la frequente presenza di quel tipo di elementi ornamentali sui sostegni di klinai e seggi quali il trono della tomba di Euridice ad Aigai e la kline di Potidea, potrebbe essere riferita a un apprestamento relativo a un letto funebre (di per sé non incompatibile nemmeno con l adozione del rituale incineratorio); nella notissima tomba monumentale tracia di Sveshtari, si può ad esempio notare la presenza di una mensola a sbalzo accanto alla kline di fondo. In generale, si potrebbe così ipotizzare che almeno una parte degli pseudocontenitori sia stata posta sulla mensa retta dal sostegno configurato, riservando al cratere sull alto hypokrateridion e recante una corona in lamina d oro, una posizione eminente; il centro della camera (com è appunto nel caso della tomba 669 di Lavello appena richiamata) poteva essere occupato infine dal podanipter, forse ricolmo d acqua per il rituale.

9 percorso mostra IL SEGRETO DI MARMO THE SECRET OF MARBLE I marmi di Ausculum rappresentano, nel loro insieme, un esempio unico di oggetti da mensa i cui significati non sono completamente spiegati, un segreto che la storia della scoperta e del recupero ha solo in parte svelato. Alla preziosità del marmo utilizzato, pario e di Afrodisia, si aggiunge il valore della decorazione dipinta ancora ben conservata. Si tratta di oggetti depositati nella tomba di un personaggio di alto rango, come testimonianza del lusso e della cultura che lo avevano distinto in vita e ostentazione di uno status symbol che lo accompagnava anche nell aldilà. Tra i numerosi corredi funebri con servizi da banchetto questo si distingue per l aspetto monumentale delle forme dei vasi deliberatamente privati della capacità di contenere e quindi con funzione prettamente simbolica. Le indagini condotte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (2006) hanno permesso di ricollegare al sostegno di mensa configurato con due grifi che azzannano un cerbiatto ed al bacino podanipter dipinto, conservati già al Getty Museum di Los Angeles, altri 19 elementi di marmo sequestrati nel 1978 dalla Guardia di Finanza. L intero complesso era stato riportato alla luce da scavatori clandestini nel territorio dell antica Ausculum (oggi Ascoli Satriano in provincia di Foggia), centro daunio noto per la battaglia tra Pirro e i Romani nel 279 a.c. The Ausculum marbles are a unique collection of tableware objects the significance of which has not been completely explained; the story of its discovery and recovery has only partially revealed its secret. The precious, rare marble used for this type of artifacts, pario and Afrodisia, is enhanced by the wellpreserved painted decoration. These objects were included in the tomb of a highranking personag to bear witness to the wealth and intellectual development he enjoyed during his life, and as a status symbol which accompanied him into the afterlife. Of many funeral furnishings with table settings, this set is outstanding for its monumental vases which were deliberately created not as containers; they therefore had a purely symbolic function. Investigations carried out by the Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (2006) led to the discovery of a link between the sculpted base for a table representing two gryphons mauling a fawn, the painted podanipter basin in the Getty Museum of Los Angeles, and another 19 marble artifacts seized by the Guardia di Finanza in The entire complex was brought to light in the territory of the ancient Ausculum (now called Ascoli Satriano, in the province of Foggia), a Daunian centre known for the battle between Pirro and the Romans in 279 BC. FUNZIONE DEGLI OGGETTI THE OBJECTS USE In assenza di dati sul rinvenimento nulla di certo può essere affermato a proposito della collocazione originaria di questo eccezionale insieme. L ipotesi più probabile è che si tratti del corredo di una tomba a camera databile nella seconda metà del IV sec.a.c. In questo contesto il podanipter, nel quale la delicata decorazione pittorica indica una funzionalità assai ridotta, potrebbe essere stato utilizzato per la sola cerimonia funebre, come contenitore dell acqua lustrale. L incavo praticato nella parte superiore del cratere fa pensare che potrebbe essere stato usato come cinerario. Questa ipotesi è rafforzata dalla presenza della corona aurea applicata alla vasca con l intento di esprimer l eroizzazione del defunto. L appartenenza a una sepoltura monumentale spiegherebbe anche la presenza delle due mensole, riferibili a un letto funebre, come testimoniano in ambito greco analoghi elementi ornamentali su sostegni di klinai e seggi. Given the lack of data on the discovery, nothing can be stated with certainty about the original site of this exceptional collection. The most likely theory is that it constituted the furnishings of a chamber tomb datable to the second half of the IV century B C. In this context the podanipter, with its delicate painted decoration, suggests very little practical use; it may have been used solely as a container for lake water during funeral ceremonies. The cavity inserted in the top part of the crater seems to indicate that it may have been used as a cinerarium. This hypothesis is supported by the presence of the golden crown attached to the basin for the purpose of portraying the deceased as a hero. The fact that it comes from a monumental burial area would also explain the presence of the two consoles, which were part of a funeral bed; there are similar ornamental elements on Grecian bases for klinai and seats.

10 I MARMI E I COLORI THE MARBLE AND ITS COLOURS Le indagini petrografiche e geochimiche hanno consentito di identificare i marmi con cui sono realizzati gli oggetti. Si è infatti evidenziato che la maggior parte dei manufatti è di marmo proveniente dalle cave di Stephani dell isola di Paros, le mensole dalle cave di Lefkes, sempre dell isola di Paros, mentre il sostegno con grifi risulta essere di marmo di Afrodisia. I marmi e i colori I marmi sono decorati con una variegata gamma di colori: il rosso, il rosso-violaceo, l azzurro, il rosa, il bianco, il beige il giallo, il verde, il marrone. La decorazione del podanipter fornisce indicazioni sul procedimento pittorico: le figure sono state realizzate attraverso un disegno preparatorio con una linea di contorno diversa nello spessore e nel tono, evidente nel corpo degli animali e nel volto e nella veste della Nereide meglio conservata. Le indagini specialistiche hanno permesso di identificare i pigmenti utilizzati per dipingere i reperti di Ausculum. All infuori della jarosite e della natrojarosite (giallo chiaro) compaiono tutti i colori documentati nella pittura del bacino del Mediterraneo: la cuprorivaite (blu egiziano o azzurro pompeiano) negli azzurri, il cinabro e l ematite nei rossi, la cerussite e il caolino nel bianco, la malachite nel verde, mentre il giallo nella tonalità dorata è prodotto con la goethite. Il violetto è dato da una lacca composta da un colorante di origine vegetale, la robbia, probabilmente estratta dalle radici della Rubia tinctorum, assorbita su calcite. I colori sono utilizzati per lo più puri, la tonalità dipende dal grado di macinazione. Le sovradipinture sono presenti essenzialmente nel podanipter (nero su blu, bianco su rosso) dove vanno a delimitare bordi o effetti di chiaroscuro. L utilizzo del cinabro, della cerussite e della malachite è segno di una decorazione pregiata. Anche la scelta del legante pittorico accomuna buona parte dei marmi di Ascoli Satriano: colla animale e caseina sono utilizzati nella pittura del cratere a calice, del sostegno e delle mensole. In tutti i manufatti la pellicola pittorica risulta applicata in un unico strato, direttamente sulla superficie del marmo variamente levigata e lucidata. Petrographic and geochemical studies have identified the type of marble used to make the objects. S- tudies have shown that most of the artifacts are of marble taken from the Stephani quarries on the island of Paros, while the consoles are from the Lefkes quarries on the island of Paros and the base with gryphons appears to be of Afrodisia marble. The marble is decorated with many shades of color: red, purplish-red, sky-blue, pink, white, beige, yellow, green, and brown. The decoration on the podanipter provides information about the process used in painting: the figures were first sketched in different widths and shades for the outlines, which are evident on the bodies of the animals and the face and dress of the Nereid in the best state of preservation. Specialistic research identified the pigments employed to paint the Ausculum relics. Except for jarosite and natrojarosite (light yellow), all the colors in use in the Mediterranean area to paint with are present: cuprorivaite (Egyptian blue or Pompei blue) for blues, cinnabar and haematite for reds, cerussite and kaolin for white, malachite for green, while golden yellow was made with goethite. Violet came from a lacquer made with madder, a color of vegetable origin which was probably extracted from the roots of Rubia tinctorum, absorbed on calcite. Most of the colors used are pure and the shades depend on how finely they were ground. It is mainly the podanipter that was painted over (black over blue, white over red) to define borders or create chiaroscuro effects. The use of cinnabar, cerussite and malachite show that this is a high-quality decoration. The binder used for painting is the same for most of the Ascoli Satriano marble: animal glue and casein were used to paint the chalice crater, the base, and the consoles. A single layer of paint was applied to all the artefacts, directly on the surface of marble that had been sanded down and polished.

11 LE FORME SHAPES Gli oggetti sequestrati, depositati per studio e restauro nei laboratori della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, hanno permesso di ricomporre otto forme di vasi costituiti dalla sovrapposizione, per semplice incastro, di elementi separati, realizzati con la tecnica della tornitura e dipinti. I vasi non presentano alcuna cavità interna, tranne il cratere, e imitano recipienti da mensa utilizzati per versare liquidi (oinochoai e epichyseis), allo stato attuale senza confronti nella produzione in marmo ma corrispondenti a esemplari di ceramica largamente diffusi nella produzione ellenistica dell Italia Meridionale. Appartengono a forme note anche in marmo il recipiente per acqua (loutrophoros) che rimanda a vasi funerari attici del V-IV sec. a.c. e il cratere per il vino. The objects which were seized and deposited in the Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma laboratories to be studied and restored, were reassembled into 8 vase shapes that had bee created by overlaying and joining separate layers created on a lathe and then painting them. With the exception of the crater the vases are not hollow, and are reproductions of tableware vessels that were used to pour liquid (oinochoai and epichyseis), of which currently none exist made of marble; they resemble ceramic vases that were widely produced in southern Italy during the Hellenistic period. On the other hand the water pitcher and the crater (for wine) are the same as shapes that have been found made from marble (loutrophoros), which are reminiscent of Attic funeral urns from the V-IV century BC. IL BACINO PODANIPTER CON NEREIDI THE PODANIPTER BASIN AND THE NEREIDS Anche il bacino su supporto è realizzato a mano libera senza l uso del tornio. Richiama un tipo di bacile in bronzo che caratterizza i più sontuosi complessi tombali dell Italia meridionale, utilizzato sia nei banchetti che nelle cerimonie sacrificali. L interno è dipinto con la scena del trasporto da parte delle Nereidi delle armi di Achille, forgiate da Efesto su richiesta di Teti, madre dell eroe. Delle tre figure in groppa a mostri marini, separati da altrettanti delfini che inseguono pesci più piccoli, è ben leggibile solo quella che reca lo scudo; le altre portavano rispettivamente l elmo e la spada. La rappresentazione del trasporto delle armi da parte di figure femminili è ampiamente diffusa nella decorazione della ceramica, soprattutto apula, a partire dai primi decenni del IV secolo anche perché prefigura un momento importante nell ideologia delle élites italiche: l armamento del guerriero da parte di una donna, forse la moglie. La decorazione del podanipter manifesta un chiaro legame con le pitture, probabilmente di origine tarantina, del sarcofago delle Amazzoni (IV sec. a. C.) conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze. The crater with a support was also made by hand without using a lathe. It is reminiscent of a type of bronze basin common to the more sumptuous burial grounds in southern Italy which was used both for banquets and ceremonial sacrifices. The inside of the basin is painted with the scene of the Nereids carrying Achilles weapons, forged by Hephaestus at the request of Hera, the hero s mother. Of the three figures astride sea monsters, separated by three dolphins following smaller fish, only the figure with a shield is distinguishable; of the other two, one wore a helmet and one carried a sword. Female figures carrying weapons are widely portrayed in ceramic decoration, especially those from Apula, as of the early IV century, and foreshadow an important period in the idealogy of the Italic élite: a woman, perhaps a wife, arming a warrior. The decoration on the podanipter shows a clear connection with the paintings, probably from Taranto, on the Amazons sarcophagus (c. IV BC), in the Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

12 IL SUPPORTO DA MENSA CON I GRIFI BASE FOR A TABLE WITH GRYPHONS Il sostegno di mensa, realizzato in marmo di Afrodisia, raffigura una coppia di Grifi nell atto di dilaniare un cerbiatto. Le grandi ali mascherano gli elementi di sostegno della mensa non conservata. Il motivo ripropone su grande scala uno schema iconografico noto a partire dalla tradizione figurativa orientale attraverso classi di materiali diversi, in particolare su oggetti di arredo. Nella vivacità cromatica spicca l ampio uso del giallo, sugli animali. Il verde, di cui restano tracce sulla base, evoca il contesto naturale della scena, mentre la tonalità tenue del rosa sottolinea le narici del cervo e l attacco delle piume al corpo dei grifi. The table base in Afrodisia marble portrays two gryphons in the act of mauling a fawn. Their great wings conceal the supporting elements of the table, which is no longer in existence. The design reintroduces on a grand scale an iconographic model traceable to the oriental figurative tradition that employed many different types of materials, particularly to make objects used in furnishings. The lively colour scheme favors the use of yellow on animals. The traces of green, visible on the base, evoke a natural environment, while soft pink hues trace the outlines of the fawn s nostrils and the base of the feathers where they are attached to the gryphons bodies. IL CRATERE E LA CORONA D ORO THE CRATER AND THE GOLD CROWN Il cratere è stato realizzato a mano libera, senza l uso del tornio. La vasca era decorata con una corona aurea con foglie e bacche d edera, applicata a parte, della quale sono rimaste tracce sul marmo, riapparse dopo una laboriosa opera di restauro che ne ha consentito la ricostruzione virtuale. La base ed il sostegno del cratere conservano evident tracce della decorazione dipinta a motivi geometrici. The crater was made by hand without the use of a lathe. The basin was decorated with a golden crown with ivy leaves and berrie attached separately of which traces remain on the marble, having reappeared during painstaking restaurations to reconstruct it virtualy. The crater s base and support show evident traces of a painted geometric pattern of decoration.

13 comunicato stampa IL NUOVO PROGETTO DI COMUNICAZIONE DEL MUSEO NAZIONALE ROMANO Il nuovo progetto di comunicazione del Museo Nazionale Romano è finalizzato a migliorare la visibilità delle sue quattro sedi, evidenziandone al tempo stesso i contenuti, per promuovere la conoscenza delle collezioni presso un pubblico ampio. Attraverso il logo si propone, inoltre, di esprimere l identità coerente di un museo unico ma composto, dal carattere moderno e internazionale, che si presenta in modo dinamico, come un continuo evento, risorsa inesauribile e vitale di cultura, spazio aperto per incontri. La campagna è volta a sensibilizzare un pubblico diversificato, dagli appassionati di arte antica, a chi non frequenta abitualmente i musei, con particolare riguardo ai giovani: attraverso stendardi e teloni apposti sulle facciate dei musei e posizionati in alcuni punti nevralgici della città, le opere d arte escono idealmente dalle sale per diventare parte del paesaggio urbano. Ossia l arte va in strada per poi riportare la strada nel museo. La comunicazione è affidata al potere delle immagini: sono le opere stesse a parlare, attraverso fotografie che ne valorizzano l espressività. Alla vitalità dell arte classica, tema della campagna, allude infatti una selezione di soggetti, in prevalenza scultorei, presentati come se fossero i protagonisti di pellicole cinematografiche. Una comunicazione cinematografica dei contenuti del museo è sembrata particolarmente adatta a rappresentare l auspicio espresso di Salvatore Settis nel libro Futuro del classico : Saper guardare al classico come qualcosa di sorprendente da riconquistare ogni giorno. Nelle immagini il fondo nero rappresenta l oscurità da cui la vita delle opere riemerge, illuminata dal nostro sguardo. Per bellezza [le opere dell arte greca] furono subito, già allora, antiche, ma oggi esse ci appaiono fresche, come fossero state appena ultimate. Ne sgorga come una perenne giovinezza che le conserva immuni dall assalto del tempo, quasi fossero intrise di uno spirito che fiorisce in perpetuo e di un anima incapace di invecchiare testimoniava già in antico lo scrittore Plutarco. Conquistati dalla bellezza, i Romani divennero eredi della cultura greca, contribuendo a diffonderne la tradizione in Europa e nel mondo. La bellezza nella civiltà greco-romana non era concepita in senso astratto, ma rifletteva valori etici, culturali e sociali; rammentandoci che non siamo fatti per vivere come bruti e promuovendo la virtù e la conoscenza, incoraggiando creatività e ingegno nella soluzione dei problemi. Una soluzione all attuale situazione critica può dunque nascere dall impegno di una società che riconosca nella cultura un vero e proprio motore dello sviluppo economico. Determinante può essere per questo la prerogativa del Museo di svolgere la sua reale funzione: quella cioè - come si augurava Giulio Carlo Argan - di rappresentare un potente mezzo di educazione collettiva, un centro vivo di cultura. Ciascuna sede museale è identificata da un claim: Once were Romans per Palazzo Massimo e le Terme di Diocleziano, The eternal collections per Palazzo Altemps e The urban discovery per la Crypta Balbi. Mentre gli ultimi due fanno diretto riferimento ai contenuti delle rispettive sedi, Once were Romans si propone di suscitare tramite lo slittamento temporale il desiderio di conoscere quel mondo lontano millenni. Le opere sono presentate con un titolo: giochi di parole che, con un linguaggio fresco e incisivo, tra l ironia e l emozione, hanno l intento di incuriosire e coinvolgere il pubblico, evitando il ricorso a parole come arte, capolavori e tutto quanto concerne il mondo dell arte, spesso vissuto come una sorta di club elitario e che rischia di generare indifferenza. L arte è in grado di riqualificare l esperienza umana, dandole senso, a patto però che venga proposta in maniera avvincente. Per un target non user l arte deve comunicare la vita e non solo l arte stessa. Senza la pretesa di esprimere i contenuti e il valore dei musei questo progetto mira a sfatare i pregiudizi per i quali il museo è un luogo riservato agli specialisti, comunicando con immediatezza le ragioni per cui valga la pena varcare la soglia di quel portone.

14 ROMANI. NON ANTICHI L effigie di Augusto, prototipo di un immagine di potere ancora attuale. HA SFIDATO ANCHE IL TEMPO: la statua del Pugile, con il volto segnato dai combattimenti dai quali è uscito vincitore, sopravvissuta ai millenni; ROMA. ANNO 2010 DOPO CRISTO: attualità di un personaggio romano, il c.d. Generale di Tivoli, NON SIAMO FATTI DI MARMO: la sensualità di Ermafrodito; SI COMBATTE ANCORA: La drammatica contemporaneità della scena di battaglia raffigurata sul sarcofago di Portonaccio, valorizzata dal recente, scenografico riallestimento. QUEI VOLTI CHE TI RESTANO SCOLPITI: il volto fascinoso di Antino, amato da Adriano, che l imperatore fece scolpire innumerevoli volte; OGGI AFFRONTA ESERCITI DI TURISTI: la statua del c.d. Principe Ellenistico è immaginata come in attesa di uno sguardo non frettoloso, che sappia leggerne l autentica storia. ANCHE LORO ERANO TESSERE DI UN MOSAICO: personaggi impegnati in un combattimento senza fine, protagonisti immortali, tessere di una rappresentazione che comprende anche i visitatori del museo, nel gigantesco mosaico della storia. LA MORTE HA UNO SGUARDO INNOCENTE: la morte, rappresentata dal sarcofago, non fa paura; l attenzione è rivolta al candore dello sguardo del protagonista. LE EMOZIONI SONO INVISIBILI: un armatura vuota nella quale siamo noi a immaginare un corpo, e a ricostruirne il contesto e la storia; I MITI NON SONO MORTI E SEPOLTI: l idolo siriaco del Gianicolo, che ci trasmette il mistero degli antichi culti; QUI I ROMANI FANNO ANCORA BAGNI DI EMOZIONE: il monumento-museo delle Terme di Diocleziano. Dove regnava il potere e la forza, ora regna il silenzio e la pace. DOVE PASSARONO I ROMANI CRESCE ANCORA L ERBA: il giardino storico del Chiostro Michelangiolesco nel complesso delle Terme di Diocleziano. IL PARADISO E ANCORA QUI: la rappresentazione dei Campi Elisi dipinta sulla parete di una tomba IL PASSATO E UN VULCANO MAI SPENTO: non si descrive l opera, una corona di marmo con iscrizione, ma l opera stessa diviene un pretesto per evocare diverse suggestioni. GLI IMMORTALI ESISTONO: il Galata suicida, paradossalmente immortalato nel suo commovente gesto; LA BELLEZZA CI SALVERÀ, il valore dell amore spirituale rappresentato dal gruppo statuario di Eros e Psiche; LA CITTA SVELA I SUOI SEGRETI: le opere e gli scavi nel complesso archeologico museale della Cripta Balbi Il progetto è stato realizzato per Electa da Tonino Di Maio e Francesco Iorio in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e con le direzioni dei Musei.

15 comunicato stampa MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA I COLORI DELL ARCHEOLOGIA LA DOCUMENTAZIONE ARCHEOLOGICA PRIMA DELL INTRODUZIONE DELLA FOTOGRAFIA A COLORI ( ) TERME DI DIOCLEZIANO, aula X Inaugurazione 17 dicembre ore La mostra I Colori dell Archeologia racconta, attraverso più di cento disegni e acquerelli, la storia della formazione della documentazione dei ritrovamenti archeologici dell Urbe a partire dal 1703 fino al L esposizione, aperta dal 18 dicembre 2009 al 28 febbraio 2010, è curata dall Archivio Storico della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma (hppt:// archeoroma.beniculturali.it/ada/) che si è avvalsa di prestiti e di collaborazioni scientifiche dell Archivio di Stato di Roma, del Deutsches Archäologisches Institut in Rom e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio. La registrazione del dato archeologico al momento della sua scoperta e la sua successiva elaborazione costituiscono una fase fondamentale per la conoscenza dei resti antichi: il disegno e, attraverso di esso, la ricomposizione e la comprensione del manufatto antico, in un periodo nel quale non vi era altro mezzo per documentare i colori dell archeologia, è protagonista assoluto nella trasmissione della conoscenza. Spesso quel foglio di cartoncino disegnato e acquerellato resterà l unica testimonianza di un patrimonio archeologico destinato a perdersi. Molti dei disegni a colori esposti erano portati dagli studiosi alle riunioni scientifiche e accademiche per illustrare e confrontare i ritrovamenti, quali antesignani degli odierni Power Point. A quel tempo, poi, gli stessi viaggiatori amavano fissare in schizzi, spesso anche in acquerelli, i paesaggi e le rovine, come oggi noi facciamo con le fotografie. La formazione di questi disegnatori appartiene a due filoni fondamentali: l uno tecnico, espresso da architetti/ingegneri o da agrimensori che applicavano codici rappresentativi propri di altri ambiti disciplinari; l altro accademico, composto da disegnatori di ornato e acquerellisti che mutuavano nell archeologia tecniche appartenenti agli ambiti artistici e decorativi, che si fonderanno fino alla formazione di una prassi autonoma del disegno archeologico. La mostra illustra le fasi della nascita del documento grafico a colori come parte integrante dell atto pubblico presso l amministrazione pontificia; valga per tutti citare il documento più antico, prezioso prestito dell Archivio di Stato di Roma, denso di significato per questo anno segnato dalla tragedia de L Aquila, costituito dal rilievo dei danni subiti dai resti di un ninfeo romano all indomani dell ennesima scossa di terremoto la mattina dell 8 maggio del È nel corso della seconda metà del 700 che si diffonde in Europa, sviluppandosi a grande velocità, l interesse per l autenticità del rilievo archeologico come copia della realtà, ad esempio in Italia attraverso l operato dei pensionnaires dell Accademia di Francia a Roma nell ambito delle grandi scoperte pompeiane, del Piranesi, soprattutto per i monumenti romani, con l attività della Society of Dilettanti in Grecia o, infine, con le esperienze in ambito protostorico nei paesi scandinavi. Il colore diventa parte dell esigenza di autenticità in un discorso che è scientifico, ma nello stesso tempo strumento per la rappresentazione della realtà, una sorta di mediazione che, infine, aiuta la visione naturale delle cose.

16 Centro della mostra risulta anche il fervore delle attività che presiedono alla vita di Roma dal 1870 ai primi decenni del 900, con l esposizione della documentazione dell immenso patrimonio archeologico che emergeva in quel periodo, ad esempio con la costruzione dei muraglioni del Tevere fino alla creazione della nuova Stazione Termini, negli anni quaranta del Novecento. Lontana dalla fretta degli scavi urbani risulta, invece, l esperienza di inizio Novecento degli scavi nell area archeologica del Foro romano. Una foto in bianco e nero di una tomba infantile con corredo risalente al VII sec. a.c. venne ritoccata con acquerello in una scrupolosa ricerca dell aderenza alla realtà, ciò che ritroviamo anche per una fotografia di un corredo funerario protostorico o per una bellissima veduta del foro verso il Campidoglio. Si esperimenta in archeologia ciò che avveniva in quel periodo per i ritratti e i paesaggi. La mostra si conclude con una riflessione sul rapporto tra il rilievo moderno informatizzato e quello manuale tradizionale, con l auspicio che si trovi un punto di equilibrio tra i due mezzi. Ci si interroga, infatti, sul perché il rilievo CAD di un manufatto archeologico contenga in sé una rigidità che non può soddisfare la qualità della documentazione. Trattandosi spesso di un soggetto incompleto (un pezzo di muratura, la parte di una pittura), solo quella mediazione verso una visione naturalistica, nella quale grande parte ha il colore, può condurre alla sua comprensione, così come viene documentato all inizio di questo percorso intorno al tema del rilievo archeologico a colori. Paradigmatico il confronto, presente in mostra, tra differenti elaborazioni del volto e dell acconciatura di Aebutia, fanciulla di cui si è ritrovata la sepoltura a Grottaferrata, eseguite oggi da una disegnatrice della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio. La mostra racconta, dunque, un aspetto della storia dell archeologia romana attraverso i suoi documenti d archivio e riflette sulla formazione di una cultura scientifica, interessandosi anche alla vita di coloro che ne furono protagonisti, quei rilevatori, architetti, ingegneri, pittori che lavorarono accanto agli archeologi. La mostra è allestita nel complesso monumentale delle Terme di Diocleziano di Roma, una delle quattro sedi del Museo Nazionale Romano, e ne occupa l Aula X di recente restaurata e riaperta al pubblico. Si tratta di un grandioso ambiente antico appartenente alle terme romane all interno del quale si trovano esposti alcuni sepolcri ritrovati nel territorio della città, essi stessi testimonianza diretta del patrimonio archeologico e pittorico in particolare, rappresentato dai disegni esposti in mostra.

17 informazioni tecniche Ingresso Biglietti Museo Nazionale Romano delle Terme di Diocleziano Roma, via Enrico De Nicola 79 Intero 7 euro, ridotto 3,50 euro Il costo del biglietto può subire variazioni in caso di esposizioni temporanee. Il biglietto consente l accesso a tutte le sedi del Museo Nazionale Romano (Palazzo Massimo alle Terme - Crypta Balbi Palazzo Altemps) ed è valido per 3 giorni Orari di apertura Dal 18 dicembre 2009 al 28 febbraio 2010 Orario: ore 9 19,45 Chiuso il lunedì, 25 dicembre e 1 gennaio Informazioni tel Catalogo Ufficio stampa Edizioni Quasar 36,00 euro Gabriella Gatto tel Via Sicilia Roma Enrica Steffenini tel

18 colophon I COLORI DELL ARCHEOLOGIA La documentazione archeologica prima dell introduzione della fotografia a colori ( ) Museo Nazionale Romano delle Terme di Diocleziano Roma, via Enrico De Nicola dicembre febbraio 2010 La mostra è stata promossa dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma in collaborazione con Deutsches Archäologisches Institut in Rom Archivio di Stato di Roma Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Con il contributo di Air Dolomiti Gruppo CAM Sponsor tecnico In Più Broker Cura della mostra e del catalogo Luigia Attilia e Fedora Filippi Allestimento a cura di Marina Magnani Cianetti Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma Soprintendente Angelo Bottini

19 testo dal catalogo Si aggiunge, con questa esposizione, un nuovo tassello alla riflessione avviata dall Archivio storico della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, sulla storia dell Ufficio di tutela, dei suoi protagonisti e sui modi nei quali essi si sono inseriti e hanno contribuito allo sviluppo dell archeologia romana. Se il tema centrale della prima esposizione del 2007 l opera di Italo Gismondi, un architetto per l archeologia indusse a una riflessione sul rapporto tra differenti discipline, il tema di oggi la documentazione a colori prima dell introduzione della fotografia a colori ci porta nel cuore della formazione di una attività fondamentale per la registrazione e la comprensione del dato archeologico al momento della sua scoperta: il disegno, e attraverso di esso, la ricomposizione e la comprensione del manufatto antico, interessandosi a un periodo nel quale non vi era altro mezzo per documentare i colori dell archeologia, spesso nella consapevolezza che quel foglio di cartoncino disegnato e acquerellato sarebbe rimasto l unica testimonianza di un patrimonio archeologico destinato a perdersi, come in effetti fu in diverse occasioni. Emerge con chiarezza, dalla lettura delle carte d archivio, la consapevolezza diffusa, espressa soprattutto dai tanti architetti, ingegneri e pittori che lavoravano alla documentazione dei grandi scavi urbani legati alle trasformazioni della città della fine dell 800, della precarietà dell oggetto archeologico, della fretta continua alla base del loro agire, caratteri che, dobbiamo ammettere, permangono tuttora nel nostro lavoro. La formazione di questi disegnatori, organici ai ruoli dell Amministrazione o collaboratori occasionali, risulta appartenere, come si coglie nei saggi e leggendo le note biografiche di circa una ventina di essi, a due filoni fondamentali: l uno tecnico, espresso da architetti/ingegneri o da agrimensori che applicavano codici rappresentativi propri di altri ambiti disciplinari; l altro accademico, composto da disegnatori di ornato e acquerellisti che mutuavano nell archeologia tecniche appartenenti agli ambiti artistici e decorativi. Fu in un certo senso dalla fusione tra questi due filoni che possiamo intravvedere la formazione di una prassi del disegno archeologico, che riteniamo solo molto più tardi sarà assoggettata a metodo e procedure indipendenti. Questo tema centrale è stato sostenuto e inquadrato nella ricerca da due contributi che ne hanno costituito la premessa storica, il primo, e l esito contemporaneo, il secondo. I contributi offerti alla mostra dall Archivio dello Stato di Roma e dall Istituto Archeologico Germanico di Roma, permettono di comporre, sebbene solo per accenni, il quadro anteriore alla formazione dello Stato unitario, a partire dall inizio del 700. Nel proprio saggio, Daniela Sinisi ricostruisce, su base documentale, la nascita del documento grafico a colori come parte integrante dell atto pubblico presso l amministrazione pontificia; aspetto che, in modo così denso di significato nei giorni in cui scriviamo, apre la mostra con il rilievo dei danni subiti dai Trofei di Mario all indomani dell ennesima scossa di terremoto la mattina dell 8 maggio del Non si tratta ancora come vedremo di un rilievo propriamente di interesse archeologico; ciò che interessa è la documentazione amministrativa dello stato di conservazione di un bene patrimoniale. Ma il riconoscimento dell importanza del disegno per le Antichità si trova già in un editto del 1704 che prescriveva l esecuzione della documentazione grafica per quelle cose che non si potranno conservare. È nel corso della seconda metà del 700 che si diffonde in Europa, sviluppandosi a grande velocità, l interesse per l autenticità del rilievo archeologico come copia della realtà, ad esempio in Italia attraverso l operato dei pensionnaires dell Accademia di Francia a Roma nell ambito delle grandi scoperte pompeiane, del Piranesi soprattutto per i monumenti di Roma, con l attività della Society of Dilettanti in Grecia o, infine, con le esperienze in ambito protostorico nei paesi scandinavi. Il colore diventa parte dell esigenza di autenticità in un discorso che è scientifico, ma nello stesso tempo strumento per la rappresentazione della realtà, una sorta di mediazione che, infine, aiuta la visione naturale delle cose. Di questo clima internazionale sono esito alcuni disegni a colori risalenti ai primi decenni dell 800, legati agli esponenti del periodo francese, come i preziosissimi rilievi degli ipogei del Colosseo di Luigi Maria Valadier, o quelli commissionati dall Istituto di Corrispondenza Archeologica di Roma relativi a rilievi di pavimenti decorati. Accanto a questo tema centrale, alcuni progetti mai realizzati per una città nuova, come quello di un quartiere sulla nuova strada tra via del Corso e il Colosseo di John Olivier York e quello per la Stazione ferroviaria Roma Frascati di Antonio Cipolla, illustrano quanto alla metà dell 800 l archeologia, anche se talora in secondo piano, fosse parte della struttura urbana, forse più di quanto non lo sia oggi.

20 Centro della mostra risulta il fervore delle attività che presiedono la vita di Roma dal 1870 ai primi decenni del 900, i cui risvolti storici nell ambiente accademico e universitario romani sono esaminati nel saggio di Marina Magnani Cianetti. Alla documentazione dell immenso patrimonio archeologico che emergeva dai grandi scavi urbani, come ad esempio quelli collegati alla costruzione dei muraglioni del Tevere, all apertura dei nuovi corsi, alla creazione, infine, della nuova Stazione Termini, negli anni quaranta del Novecento, sono dedicate molte pagine del Catalogo, anche nell intento di illustrare bene quei disegni, sovente sacrificati nelle pubblicazioni scientifiche. Vennero alla luce in quel periodo, spesso in condizioni proibitive per uno scavo archeologico, i più importanti cicli pittorici antichi ritrovati a Roma, dalle pitture del ciclo dell Odissea rinvenute in via Graziosa, presso l attuale Via Cavour, alle decorazioni parietali della villa della Farnesina, lungo il Tevere, alla domus della Stazione Termini e a tanti altri interventi distribuiti sul territorio di Roma. Dalla lettura degli atti d archivio, dagli appunti manoscritti deriva in noi la consapevolezza di quanto poco sia rimasto rispetto a quanto fu trovato e l insegnamento di quanto sia fondamentale il tempo della documentazione, l opportunità non negata. Ciononostante, guardando oggi quegli acquerelli, spesso destinati alle pubblicazioni, dobbiamo ammetterne la grande qualità tecnica e artistica, sostenuta dal rigore del rilievo e la cura per la resa esatta del tono del colore nel caso delle pitture. Anche gli ultimi acquerelli più impressionistici del Cartocci, sono soggetti alla validazione del Paribeni per quanto riguarda la rappresentazione dei singoli toni di colore, come si rileva dagli appunti a matita presenti sui margini di molti di essi. Di grande interesse è l esposizione per la prima volta della ricomposizione delle dieci tavole originali di Pietro Narducci sugli scavi eseguiti per la realizzazione della fognatura in via di San Gregorio per la lunghezza complessiva di 13 metri. Lontana dalla fretta degli scavi urbani, risulta invece l esperienza, di inizio Novecento del Boni e dei suoi rilevatori/fotografi all interno dell area archeologica del Foro Romano. Una foto in bianco e nero di una tomba infantile con corredo risalente al VII sec. a.c. venne ritoccata con acquerello in una scrupolosa ricerca dell aderenza alla realtà, ciò che ritroviamo anche per una fotografia di un corredo funerario protostorico o per una bellissima veduta del foro verso il Campidoglio. Si esperimenta in archeologia, ciò che avveniva in quel periodo per i ritratti e i paesaggi. Al contrario una veduta del Niger Lapis realizzata ad acquerello monocromo, sembra ricercare la resa fotografica con l impiego del colore seppia che ben si adatterà alla pubblicazione in bianco e nero. Infine l oggi, esaminato nel saggio di Sergio Sgalambro, vede al centro dell interesse il tema del rapporto tra il rilievo moderno informatizzato e quello manuale tradizionale, fino alla conclusione, che ci auguriamo possa costituire fonte di approfondimento, sulla necessità di un punto di equilibrio tra i due mezzi. Si interroga giustamente Sgalambro sul perché il rilievo CAD di un manufatto archeologico contenga in sé una rigidità che non può soddisfare la qualità della documentazione. Trattandosi quasi sempre di un soggetto incompleto (un pezzo di muratura, la parte di una pittura), solo quella mediazione verso una visione naturalistica, nella quale grande parte ha il colore, può condurre alla sua comprensione, così come era stato esperimentato all inizio di questo percorso intorno al tema del rilievo archeologico a colori. In tal senso ci sembra paradigmatico il confronto, presente in mostra, tra differenti elaborazioni del volto e della acconciatura di Aebutia, fanciulla di cui si è ritrovata la sepoltura a Grottaferrata, eseguite oggi da una disegnatrice della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio. In conclusione, l ultimo obiettivo della ricerca, ha visto la ricomposizione della storia professionale e delle vicende personali di circa una ventina di disegnatori che nei vari periodi parteciparono alla storia dell archeologia romana: ne emerge un quadro di formazione, di aspirazioni, di traversie, di soddisfazioni e di grande impegno, che crediamo costituisca un valore per la storia culturale, ma anche sociale della città e in particolare della Pubblica Amministrazione. Si ringraziano gli Istituti che hanno concesso i prestiti consentendo un notevole arricchimento dei contenuti della mostra: per l Archivio di Stato di Roma, si ringraziano in particolare il Direttore Eugenio Lo Sardo e l Archivista Daniela Sinisi; per il Deutsches Archäologisches Institut in Rom, il Direttore Henner von Hesberg e il Direttore dell Archivio Thomas Fröhlich; per la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, la Soprintendente Marina Sapelli Ragni e l Architetto Sergio Sgalambro. Ringrazio inoltre Rosanna Friggeri, Direttore del Museo Nazionale Romano alle Ter-

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che azzannano una cerva. Tecnicamente è un trapezophoros, un sostegno

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI:

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: Il Progetto GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: UNA CAPITALE DEL MEDITERRANEO Mostre, convegno, percorsi e manifestazioni Museo di Sant Agostino Ottobre 2015 Lo Scenario Genova medievale e il suo ruolo nel

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro

7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELLA TOSCANA 7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro Aree Archeologiche e Musei Statali della Toscana COMUNICATO

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2015 - In collaborazione con È un iniziativa proposta alle scuole da

Dettagli

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Davvero! La Pompei di fine '800 nella pittura di Luigi Bazzani Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 29 marzo al 26 maggio

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Luca Carlevarijs (1663-1729)

Luca Carlevarijs (1663-1729) Luca Carlevarijs (1663-1729) Veduta di Piazza San Marco Olio su tela, cm 79 x 122,5 Durante la perquisizione dell abitazione di un commerciante d arte, venivano acquisite 190 foto di opere pittoriche,

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo.

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo. Associazione culturale per la tutela e la valorizzazione Tel. : 345-4418830 E-mail: info@heredia.it Web: www.heredia.it storico-ambientale della Centuriazione a nord-est di Padova. PROPOSTE DIDATTICHE

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

MUSEO DELLA CERAMICA DI MONTELUPO

MUSEO DELLA CERAMICA DI MONTELUPO MUSEO DELLA CERAMICA DI MONTELUPO Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

VISITA ALLA PINACOTECA COMUNALE DI FAENZA

VISITA ALLA PINACOTECA COMUNALE DI FAENZA VISITA ALLA PINACOTECA COMUNALE DI FAENZA Corso di educazione all immagine I RITRATTI NELLE OPERE DELLA PINACOTECA INTRODUZIONE AL RITRATTO Guardando il viso di una persona raffigurata in una fotografia,

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

La scultura degli Uffizi raffigura una delle Horai, divinità legate alla fecondità della

La scultura degli Uffizi raffigura una delle Horai, divinità legate alla fecondità della Le opere d'arte esposte in Palazzo Italia Rossella Vodret Le opere d'arte che saranno ospitate nel Padiglione italiano sono state selezionate, insieme con il commissario Diana Bracco, in base alla loro

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni. Francesca Spatafora

Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni. Francesca Spatafora Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni Francesca Spatafora MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE ANTONINO SALINAS MUSEO NAZIONALE 1860 MUSEO DELLA REAL UNIVERSITA 1814 MUSEO DELL UNIVERSITA

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

5010 VINTAGE_CASSA IN ACCIAIO VINTAGE, QUADRANTE BIANCO NUMERI BLU IN APPLIQUE VINTAGE, SFERE ACCIAIO, CINTURINO IN CUOIO INVECCHIATO

5010 VINTAGE_CASSA IN ACCIAIO VINTAGE, QUADRANTE BIANCO NUMERI BLU IN APPLIQUE VINTAGE, SFERE ACCIAIO, CINTURINO IN CUOIO INVECCHIATO MAnuale VINTAGE 5010 VINTAGE_CASSA IN ACCIAIO VINTAGE, QUADRANTE BIANCO NUMERI BLU IN APPLIQUE VINTAGE, SFERE ACCIAIO, CINTURINO IN CUOIO INVECCHIATO VINTAGE STEEL CASE, WHITE DIAL, BLUE VINTAGE NUMBERS

Dettagli

Tiziana D Este. In collaborazione con studi professionali o esercitando individualmente ha svolto la sua opera nei seguenti lavori di rilievo:

Tiziana D Este. In collaborazione con studi professionali o esercitando individualmente ha svolto la sua opera nei seguenti lavori di rilievo: Tiziana D Este Diplomata nel 1981 in studi artistici, ha seguito parte degli studi Accademici nel corso di Pittura. Si è poi diplomata alla scuola specialistica di Illustrazione affinando oltre alle tecniche

Dettagli

design Massimiliano Raggi

design Massimiliano Raggi design Massimiliano Raggi sinfonia Ispirazione, ricerca e creatività guidano le traiettorie di un disegno unico e irripetibile. La tradizione di ImolArte, brand della storica Sezione Artistica di Cooperativa

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a 1 Un occasione in più È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a continuare a scegliere Scrigno del

Dettagli

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Coccoluto, Giuseppe Fichera (Parchi Val di Cornia Spa) TUTELA,

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 LA PIETÀ DI SAN PIETRO IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 Storia di un restauro ABSTRACTS "LA VIOLENZA E LA PIETÀ" PRESENTAZIONE E COMMENTO DEL FILM- DOCUMENTARIO La violenza e la Pietà è il film documentario

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

osiride e l altro egitto

osiride e l altro egitto ottobre 2013 // gennaio 2014 borgoricco // Dolo // Padova osiride e l altro egitto mostre ed eventi in veneto svelano i misteri dell antico egitto eventi coordinati da borgoricco la tomba di pashedu un

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Per consultare l'archivio della sezione Lo stile prospettico della pittura romana di Emanuela Merluzzi* Quando nel Rinascimento si tradussero

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704 LABORATORI DIDATTICI Anno scolastico 2010/2011 Museo Civico Villa Colloredo Mels Museo Beniamino Gigli PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Messaggio Museo unico, Allegato 03, Rapporto GDL Museo unico p. 1 Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Rapporto del Gruppo di lavoro RG 4632, novembre 2013 Premessa

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S Dalla collezione Vintage nasce Sospiri. Qui il tappeto oltre ad avere perso qualunque reminiscenza classica ed assunto colori moderni ha

Dettagli

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Con la presente siamo ad inviarvi informazioni riguardanti la nostra rete museale, gestita dall Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di

Dettagli

Informazioni per la stampa. Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte

Informazioni per la stampa. Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte Informazioni per la stampa Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte Vienna, agosto 2013 La Hofburg di Vienna: sulle tracce di Sisi, Francesco Giuseppe e del governo

Dettagli

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO 1. Museo Archeologico di Lentini (Frammento di coppa a figure nere con quadriga proveniente Dalla Stipe votiva di Metapiccola); 2. Museo Archeologico

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015 Programma eventi Musei in Musica Sapienza Università di Roma Piazzale Aldo Moro 5 Sabato, 21 novembre 2015 INGRESSO LIBERO PARCHEGGIO GRATUITO INFO: Sapienza Università di Roma Settore eventi celebrativi

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI

Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI Antonio Verico realizzò per l Atlante illustrativo di Zuccagni-Orlandini (1845) un incisione con una veduta ancora approssimativa del foro di Pompei, del

Dettagli

collection Giò Pagani wallpaper collection Life! collection Think Tank collection Big Brand

collection Giò Pagani wallpaper collection Life! collection Think Tank collection Big Brand collection 12 collection Life! collection Giò Pagani wallpaper collection Think Tank collection Big Brand Wall&Decò is a creative project in continuous ferment able to express styles, trends and evocative

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli