Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta"

Transcript

1 Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico che partecipa al commercio internazionale si dice sistema aperto. Una misura del grado di apertura è data dal rapporto tra il valore delle esportazioni o delle importazioni e il valore della produzione complessiva del paese. Il grado di apertura agli scambi internazionali varia in maniera significativa da un paese all'altro: gli Stati Uniti, per esempio, sono un paese abbastanza autosufficiente, con un rapporto esportazione/pil attorno al 10%; paesi europei come Francia, Germania, Italia hanno un maggior grado di apertura (mediamente, intorno al 20-25% del PIL); paesi più piccoli come Belgio, Olanda e Irlanda esportano e importano oltre il 50% della produzione complessiva. Va precisato in effetti che quasi il 60% delle esportazioni e delle importazioni dell Italia si rivolgono a paesi dell Unione Economica Europea e dell Unione Economica e Monetaria. Come si può vedere dalla tabella 8.1 i partner principali dell interscambio commerciale del nostro paese nel 2007 erano innanzitutto la Germania, la Francia, la Spagna (UEM) e il Regno Unito (UE), mentre il resto del mondo rivestiva un peso minore pur evidenziando il rilievo dei paesi OPEC per le importazioni, e degli Stati Uniti come mercato di esportazione. Oltre che beni si possono scambiare anche strumenti finanziari: in un regime di liberalizzazione valutaria i residenti in un paese possono fare investimenti finanziari, acquistando titoli emessi in un altro paese, o possono indebitarsi emettendo titoli sui

2 Mario Oteri mercati internazionali. Al tempo stesso gli operatori, imprese o singoli, possono fare investimenti diretti in un paese straniero acquistando attività produttive già esistenti ovvero creando nuove iniziative imprenditoriali TAB. 7.1 Interscambio commerciale Italia per paese o area (Valori mil. di euro composizione % 2007) Paesi Export Import Valori % Valori % Paesi UE ,9 206,3 58,8 UEM 164, ,7 48,1 di cui Francia 41,8 11,5 32,9 9,3 Germania 47,6 12, ,5 Spagna 24,5 7,5 15 4,4 Altri paesi UE 2753,2 14,8 38,6 10,7 di cui Regno Unito 19,6 5,8 11,5 3,4 Resto del mondo 152,8 39, ,2 Di cui :Cina 6,4 1,7 11,8 5,6 Giappone 4,3 1,2 4,8 1,4 OPEC 21,4 4,9 40,8 9,1 Russia 10,5 2,6 15,1 3,7 Stati Uniti 23,1 6,6 11,5 2,9 Svizzera 14,5 3,6 11,3 3,1 Totale 370,6 371, Il tasso di cambio Ciascun paese scambia beni, servizi e strumenti finanziari con il resto del mondo; poiché i prezzi sono espressi in valuta

3 Equilibrio in Economia Aperta nazionale è necessario determinare i rapporti di cambio fra le singole valute o, più in generale, il rapporto di cambio delle singole valute nazionali con la valuta che viene utilizzata come mezzo di pagamento internazionale e che, attualmente, è il dollaro. Il tasso di cambio nominale misura la quantità di valuta estera che si scambia con una unità di valuta nazionale $/ (incerto per certo) : ad esempio occorrono 1,46 dollari per 1 euro: e = $ / il tasso di cambio può essere determinato anche dalla quantità di valuta nazionale che si scambia con una unità di valuta estera /$ : in questo caso sono necessari 0,68 euro per un dollaro. Nel testo seguiremo la prima definizione. Il tasso di cambio nominale è da intendersi a tutti gli effetti come il prezzo di una valuta in termini di un'altra valuta (una valuta può considerarsi infatti come un bene in quanto offre al detentore un "servizio", ovvero la possibilità di acquistare beni o titoli commerciati solo in quella valuta). Come avviene per i prezzi di tutti i beni il tasso di cambio può variare per effetto di cambiamenti che riguardano la domanda e l'offerta: in parte le banche centrali possono influire sul tasso di cambio "acquistando" o "vendendo" valuta straniera (e corrispondentemente "vendendo" o "acquistando" valuta nazionale), al fine di raggiungere specifici obiettivi di politica economica e monetaria; gli altri operatori, famiglie e imprese, "offrono" valuta nazionale e "domandano" in cambio valuta estera (oppure "offrono" valuta estera e "domandano" in cambio valuta nazionale), per motivi legati a: scambi commerciali ( importazioni ed esportazioni), incluso il turismo (il turismo infatti comporta un'importazione di beni da parte del turista, o

4 Mario Oteri corrispondentemente un'esportazione di beni da parte del paese che riceve il turista); investimenti finanziari (ad es.: acquisto di buoni del tesoro stranieri); attività speculative sui cambi (operazioni di acquisto e vendita di valute col solo fine di guadagnarci attraverso un'eventuale variazione dei tassi di cambio nel tempo). Si ha un apprezzamento del tasso di cambio quando aumenta la quantità di dollari che si scambiano con un euro ; si ha viceversa un deprezzamento quando si riduce la quantità di dollari necessari ad acquistare un euro. Nel primo caso l'euro vale di più in termini di dollari, nel secondo vale invece di meno. Il tasso di cambio è espresso dal rapporto di scambio fra due valute: questo rapporto può essere alla pari quando una unità di valuta estera si scambia con una unità di valuta nazionale; sopra la pari quando occorre una maggiore quantità di valuta estera per acquistare una unità di valuta nazionale; sotto la pari nel caso opposto. Un tasso di cambio al di sopra delle parità non comporta necessariamente una maggiore convenienza ad acquistare prodotti esteri rispetto ai prodotti nazionali. Bisogna tenere conto infatti del tasso di cambio reale, che considera anche il diverso livello generale dei prezzi nei due paesi considerati. Consideriamo un esempio: il cambio nominale dollaro/euro è pari a 1,20 (occorrono 1,20 dollari per acquistare 1,00 euro) ; supponiamo che l'unico bene esistente nel mondo sia costituito dalle arance (in maniera tale da poter ragionare in termini di prezzo delle arance nei due paesi e non in termini di livello generale dei prezzi); supponiamo anche che in Italia le arance costino 2 euro al chilogrammo, mentre negli Stati Uniti 1 dollaro al chilo (le arance vendute in Italia e quelle vendute negli Usa appartengono a due mercati differenti); in Italia si possono acquistare 50 kg di arance con 100 euro, mentre negli

5 Equilibrio in Economia Aperta Stati Uniti con 120 dollari (ottenuti in cambio dei 100 euro) si possono acquistare 60 kg di arance; la conclusione è che, in questo caso, il cambio nominale sembra favorevole a chi vive in Italia, ma il cambio reale (quello che veramente interessa all'agente economico) risulta sfavorevole. In effetti il potere d'acquisto della valuta nazionale è evidenziato dal tasso di cambio reale che indica i prezzi dei beni nazionali espressi in termini di beni esteri e misura la competitività dei prodotti nazionali rispetto ai prodotti esteri. Il prezzo dei beni italiani è espresso infatti in euro (P); per ottenere il prezzo dei beni italiani in dollari occorre moltiplicare il prezzo in euro per il tasso di cambio nominale (ep); il tasso di cambio reale (ε) confronta il prezzo dei beni nazionali espresso in dollari (ep) con il prezzo dei beni esteri (P*) ε = ep/p* A parità di tasso di cambio nominale, il tasso di cambio reale, ovvero il potere d acquisto della valuta nazionale, dipende dall andamento del tasso d inflazione interno rispetto a quello del paese con cui si effettuano gli scambi: se i prezzi dei prodotti nazionali P crescono più velocemente dei prezzi dei prodotti esteri P*, il prezzo in valuta estera dei prodotti nazionali diventa relativamente più elevato ( apprezzamento del tasso di cambio reale) e la competitività del paese diminuisce. Viceversa se il livello dei prezzi dei prodotti esteri P* aumenta più velocemente del prezzo dei prodotti nazionali P, il prezzo in valuta estera dei prodotti nazionali si riduce ( deprezzamento del tasso di cambio reale) e la competitività del paese aumenta. Analogamente, a parità del livello dei prezzi nei due paesi, il tasso di cambio reale si muove in sintonia con il tasso nominale: quando il tasso di cambio nominale (e) si apprezza, occorre cioè più valuta estera per acquistare un euro, anche il tasso di cambio reale si apprezza e

6 Mario Oteri diminuisce la competitività dei prodotti italiani, che diventano per gli operatori esteri relativamente più cari. Tasso di cambio reale Se ad esempio consideriamo un tasso di cambio nominale pari a 1,46 dollari per un euro, il tasso di cambio reale è 0,88 quando il tasso d inflazione negli USA è pari a 0,05 mentre nell Unione è solo 0,03; il tasso di cambio reale diventa invece 2,44 se il tasso d inflazione USA è 0,03 mentre nell Unione è pari a 0,05. Ovviamente se il tasso d'inflazione è uguale nei due paesi il tasso di cambio reale è uguale al tasso nominale. e = $/Є = 1,46 tasso di cambio nominale 1,46 x (0,03/0,05) = 1,46 x 0,6 = 0,88 tasso di cambio reale 1,46 x (0,05/0,03) = 1,46 x 1,67 = 2,44 tasso di cambio reale 1,46 x (0,05/0,05) = 1,46 x 1 = 1,46 tasso di cambio reale 7.3 I mercati valutari Per comprendere come si determina il tasso di cambio nominale fra due valute è opportuno capire come si determina la domanda e l offerta di valuta. Possiamo classificare gli scambi di un paese con il resto del mondo in due grandi categorie: scambio di beni e servizi e scambio di capitali finanziari. Lo scambio di beni è costituito dalla domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo, che sono le esportazioni del nostro paese (X), e dalla domanda di prodotti esteri che proviene dal nostro paese, che sono le importazioni (Q). A fronte delle esportazioni, che rappresentano un flusso di prodotti venduti dal nostro paese al resto del mondo, avremo quindi un afflusso di valuta, per esemplificare dollari, che proviene dal resto del mondo (AV); viceversa a fronte delle importazioni, acquisto di

7 Equilibrio in Economia Aperta beni dal resto del mondo, si determina un deflusso di valuta nazionale (DV), ad esempio euro, verso il resto del mondo. Tab. 7.3 Bilancia dei Pagamenti Valutaria Esportazioni Afflusso di Capitali Afflusso di Valuta (Domanda di valuta nazionale ) Importazioni Deflusso di Capitali Deflusso di Valuta ( Offerta di valuta nazionale) Per quanto riguarda i movimenti di capitali si devono considerare deflussi quando dal nostro paese si effettuano investimenti diretti nel resto del mondo ovvero si acquistano strumenti finanziari emessi in altri paesi, si fanno cioè prestiti a operatori del resto del mondo in deficit (DK); si devono invece considerare afflussi quando dal resto del mondo si fanno investimenti diretti nel nostro paese o si finanziano operatori nazionali in deficit che si indebitano sui mercati internazionali (AK). E chiaro che a fronte dei flussi finanziari si registrano flussi valutari: in particolare se si acquistano attività finanziarie emesse nel resto del mondo si determina un deflusso valutario e, viceversa, se dal resto del mondo sottoscrivono titoli emessi nel nostro paese si determina un afflusso di valuta. Possiamo schematizzare quanto detto nella Bilancia dei Pagamenti Valutaria che evidenzia i movimenti di beni e servizi ( Partite correnti) e i movimenti dei Capitali da un punto di vista valutario. L'afflusso di valuta dal resto del mondo rappresenta domanda di valuta nazionale: gli operatori che esportano nel resto del mondo e sono pagati in dollari, come quelli che vogliono sottoscrivere titoli emessi nel nostro paese, non possono usare questa valuta nel nostro paese ma la devono convertire in euro ( afflusso di valuta = domanda di valuta

8 Mario Oteri nazionale). Al contrario il deflusso di valuta rappresenta offerta di valuta nazionale: gli operatori che importano o acquistano titoli dal resto del mondo devono pagare in dollari e, perciò, offrono euro e domandano dollari ( deflusso di valuta = offerta di valuta nazionale). Il tasso di cambio è determinato dai movimenti valutari ed è stabile quando afflusso e deflusso di valuta sono in equilibrio. Questo equilibrio può verificarsi quando sia le partite correnti che i movimenti di capitali sono in equilibrio, o quando i due conti si compensano fra di loro; ad esempio se le Importazioni superano le Esportazioni e si registra un deflusso netto di valuta nelle partite correnti, un afflusso di Capitali superiore al deflusso può assicurare l equilibrio valutario e la stabilità del tasso di cambio. In questo caso, ovviamente, il paese sta acquistando dal resto del mondo più prodotti di quanto non riesca a venderne e sta pagando indebitandosi sui mercati internazionali. Un operazione normale per un paese che si indebita ed acquista beni per accrescere la sua capacità produttiva e ripagare nel prossimo futuro i debiti contratti, ma che può risultare rischiosa, come insegnano le esperienze del Messico e di altri paesi latino americani, se il paese si indebita con il resto del mondo per acquistare beni di consumo di lusso o per fare operazioni speculative che non garantiscono il pagamento dei debiti. In simboli se X = IM AK = DK AV = DV il tasso di cambio è stabile. Ovvero se X < IM AK >DK AV = DV il tasso di cambio è stabile ma il paese si sta indebitando con il resto del mondo.

9 Equilibrio in Economia Aperta Gli squilibri della bilancia valutaria hanno effetti sul tasso di cambio. Ad esempio se si verifica un attivo delle partite correnti, se cioè le Esportazioni superano le Importazioni, dato l equilibrio nel movimento dei capitali, si determina un afflusso netto di valuta dal resto del mondo che tende a far apprezzare la valuta nazionale rispetto a quella estera. X > IM AK = DK AV> DV e Al contrario un passivo delle partite correnti, o un deflusso netto di capitali, che determina un deflusso valutario netto tende a deprezzare il tasso di cambio cioè il valore della valuta nazionale rispetto a quella estera. X<IM AK<DK AV < DV e Quando il tasso di cambio si apprezza aumenta il potere d acquisto della nostra valuta e gli operatori nazionali hanno convenienza ad acquistare prodotti del resto del mondo mentre per i non residenti i nostri prodotti sono più cari: le importazioni aumentano e le esportazioni si riducono. Accade il contrario quando la valuta nazionale si deprezza. 7.4 Mercato valutario e regime di cambio Il rapporto di scambio fra due valute si determina sulla base degli accordi di cambio esistenti nel sistema monetario: si possono avere regimi di cambio flessibili, regimi di cambio fissi e regimi di cambio manovrati. Oggi fra le principali valute esiste un regime di cambi flessibili nel senso che il tasso di cambio, ad esempio fra dollaro ed euro, è dato dall'equilibrio che si determina sul mercato fra domanda e offerta delle due valute. La domanda di euro è effettuata dagli operatori del nostro paese che esportando prodotti nel resto del

10 Mario Oteri mondo, ad esempio negli Stati Uniti, sono pagati in dollari che, tuttavia, non possono utilizzare in Italia come mezzo di pagamento : sono perciò costretti ad offrire dollari e domandare euro sul mercato valutario.. Figura Mercato valutario e tasso di cambio $/Є S ( IM - DK) S 1 ( IM DK) e e 1 E E 1 A D (X AK) V V 1 V L'offerta di euro è fatta, invece, dagli importatori che dovendo pagare in dollari i prodotti acquistati all estero, ad esempio negli Stati Uniti, sono costretti a procurarseli sul mercato valutario offrendo euro in cambio di dollari. Analogamente se si considerano i movimenti di capitali la domanda di euro viene effettuata da operatori del resto del mondo che, volendo

11 Equilibrio in Economia Aperta acquistare attività finanziarie emesse nel nostro paese, devono pagare in euro; mentre gli operatori nazionali che vogliono acquistare attività finanziarie emesse all'estero in dollari, offrono euro per procurarsi la valuta necessaria. Nella figura rappresentiamo il mercato valutario fra dollaro ed euro: in ordinata poniamo il tasso di cambio $/Є che ci dice quanti dollari occorrono per un euro. Mano a mano che ci allontaniamo dall'origine degli assi è necessaria un quantità crescente di dollari per acquistare un euro a significare che il dollaro si deprezza e l'euro si apprezza La domanda di euro ha il normale andamento decrescente ad indicare che quando il dollaro si apprezza, a danno dell'euro, diventa più conveniente per gli operatori stranieri acquistare prodotti o attività finanziarie sul nostro mercato : le nostre esportazioni pertanto aumentano. L'offerta di euro si presenta crescente dato che per gli operatori nazionali è più conveniente acquistare prodotti esteri quando il dollaro si deprezza e l'euro si apprezza : le nostre importazioni aumentano. In regime di cambi flessibili il tasso di cambio è determinato dall'incontro fra domanda e offerta. Ad un livello superiore a quello di equilibrio gli operatori nazionali vogliono comprare beni dal resto del mondo per un valore che eccede quello che i non residenti desiderano acquistare nel nostro paese, l'offerta supera la domanda: l'euro si deprezza rispetto al dollaro, aumentano le esportazioni si riducono le importazioni e si raggiunge l'equilibrio. Se si dovesse verificare un improvviso aumento dell'offerta di euro, ad esempio perché si verifica un deflusso speculativo di capitali, la funzione si sposta verso destra in S 1 determinando un eccesso di offerta sulla domanda pari al tratto EA; il dollaro comincia ad apprezzarsi mentre l'euro si deprezza riducendo la quantità di dollari necessari ad acquistare un euro. Si raggiunge una nuova posizione di equilibrio in E 1, quando il tasso di cambio si assesta al livello

12 Mario Oteri e 1 riportando l'eguaglianza fra domanda e offerta e la stabilità sul mercato valutario. Sino al 1971, con il sistema di Bretton Woods, vigeva un regime di cambi fissi basato sul dollaro che era convertibile, in rapporto fisso, con l oro mentre ciascuna valuta nazionale si scambiava, in rapporto fisso, con il dollaro. Lo scambio fra due valute avveniva sulla base delle reciproche parità con il dollaro: ad esempio se erano necessari 200 marchi e 400 lire, rispettivamente, per acquistare un dollaro, il rapporto di cambio fra lira e marco era determinato in 2 lire per 1 marco. Ovviamente la Banca Centrale di ciascun paese era tenuta a far fronte alle richieste del mercato cambiando al tasso predeterminato i valori richiesti. Nel caso di un eccesso di offerta sulla domanda, dovuto ad un deficit della Bilancia dei Pagamenti, la Banca Centrale doveva far fronte alle richieste di valuta attingendo alle Riserve Ufficiali, cioè alla quantità di dollari precedentemente accumulate che deteneva in portafoglio. Se le riserve si rivelavano insufficienti la Banca Centrale poteva ricorre ai prestiti internazionali, ottenuti da altre Banche Centrali o da istituzioni internazionali, che comportavano un costo aggiuntivo in termini di interessi da corrispondere sul debito, ovvero era costretta a svalutare il tasso di cambio accettando un rapporto di scambio più gravoso per la propria valuta. La svalutazione può rivelarsi positiva per quanto riguarda le esportazioni, ma rappresenta un maggiore costo delle importazioni e, nel caso di prodotti come il petrolio, un aggravio dei costi che rende sempre più difficile il pareggio della Bilancia dei Pagamenti. Per impedire che i tassi di cambio fossero soggetti a manovre speculative difficilmente sostenibili dalle Banche Centrali, nel sistema di Bretton Woods erano previste forti limitazioni alla circolazione dei capitali finanziari. Ritornando alla figura e ipotizzando che il tasso e sia quello fisso previsto dagli accordi di cambio, un aumento nell'offerta di valuta avrebbe costretto l autorità monetaria a

13 Equilibrio in Economia Aperta procurarsi un ammontare di dollari pari ad EA attingendo alle riserve ufficiali. Se queste fossero state insufficienti o se il deficit delle partite correnti fosse stato di natura strutturale, e quindi destinato a ripetersi nel tempo, l autorità monetaria sarebbe stata costretta a modificare il rapporto di scambio svalutando la moneta nazionale. Quando esistono degli accordi fra le Banche Centrali per intervenire sul mercato dei cambi si parla di sistema di cambi manovrati. Un tipico esempio è rappresentato dal Sistema Monetario Europeo (SME) creato dai paesi europei aderenti alla Comunità Economica Europea nel 1979 nel tentativo di far fronte alla crisi del sistema di Bretton Woods stabilizzando i tassi di cambio. Il sistema prevedeva la creazione di una moneta comune, l'ecu, che fungeva da unità di misura meramente contabile per le altre valute; ciascuna valuta nazionale poteva oscillare liberamente attorno alla parità centrale con l'ecu di una certa percentuale (+/- 2,5%); se la valuta nazionale avesse superato la banda di oscillazione prevista i paesi interessati sarebbero dovuti intervenire modificando i rapporti di cambio. Nella figura il tasso di cambio della lira nei confronti dell'ecu è stabilito al livello ( e* ) e questo rapporto può variare con un apprezzamento della lira sino al livello (e 2 ) o un deprezzamento sino al livello ( e 1 ) senza che l autorità monetaria abbia l'obbligo di intervenire; nel caso in cui la variazione dalla parità centrale avesse superato questi livelli sarebbe stato necessario modificare il rapporto di cambio rivalutando o svalutando la Lira. Con la creazione dell'unione Economica e Monetaria, alla fine degli anni novanta, alcuni paesi dell'unione Europea hanno adottato una moneta unica, l'euro, che ha sostituito le singole valute nazionali creando un nuovo sistema monetario basato sulla Banca Centrale Europea. Lo SME continua a sopravvivere per regolare i rapporti con

14 Mario Oteri ECU/ L Figura Tassi di cambio manovrati S ( IM - DK) e 2 e* E e 1 D (X - AK) L L i paesi europei che, pur aderendo alla Comunità Economica Europea, non hanno adottato l'euro, come ad esempio la Gran Bretagna o la Svezia, o con i paesi che sono entrati successivamente nell'unione, come la Polonia e la Romania, e non hanno ancora potuto adottare l euro. Nel nuovo sistema l'euro rappresenta la valuta di riferimento alla quale si devono adeguare tutti paesi aderenti.

15 Equilibrio in Economia Aperta 7.5 Il mercato delle merci in Economia Aperta Che effetti hanno i rapporti con il resto del mondo sul mercato interno? Occorre innanzitutto evidenziare la differenza fra domanda di prodotti nazionali e domanda nazionale di prodotti : la prima si riferisce alla spesa per acquistare prodotti nazionali proveniente sia dal paese, come i Consumi, gli Investimenti e la Spesa Pubblica, che dal resto del mondo, come le Esportazioni. Mentre la domanda nazionale di prodotti si riferisce alla spesa dei residenti per acquistare prodotti nazionali o provenienti dal resto del mondo, comprende cioè anche le importazioni. Quindi mentre in economia chiusa i due concetti coincidono in un'economia aperta occorre aggiungere, alle componenti interne della spesa, la differenza fra la domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo ( esportazioni) e la domanda nazionale rivolta a merci prodotte nel resto del mondo ( importazioni); occorre aggiungere la differenza fra esportazioni o importazioni ovvero il saldo netto delle partite correnti. Come sappiamo in un'economia chiusa la domanda aggregata è data da AD = C + I + G ma una parte di questa spesa si indirizza su beni e servizi prodotti nel resto del mondo riducendo la domanda di beni nazionali; sottraendo le importazioni alla domanda aggregata evidenziamo la domanda nazionale di prodotti (AA) : AA = C + I + G - IM

16 Mario Oteri aggiungendo a questa la domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo (esportazioni) otteniamo la domanda complessiva di prodotti nazionali ( ZZ) che possiamo scrivere dove ZZ = C + I + G - IM + X ZZ = C + I + G + NX NX = X - IM Lo scambio di beni e servizi con il resto del mondo dipende innanzitutto dall'andamento del tasso di cambio nominale: se l'euro si deprezza rispetto al dollaro per i residenti negli Stati Uniti diventa più conveniente l'acquisto di prodotti europei favorendo le nostre esportazioni. Gli scambi sono influenzati, inoltre, dall andamento del tasso di cambio reale che indica il prezzo dei prodotti nazionali in termini di prodotti esteri: se il tasso di cambio reale si apprezza il paese diventa meno competitivo, perché i prodotti nazionali sono più cari dei prodotti esteri. Ad esempio, dato un tasso di cambio nominale fra dollaro ed euro il tasso di cambio reale si apprezza quando il tasso d inflazione nell Unione Economica e Monetaria è più elevato che negli Stati Uniti, il prezzo in dollari delle merci europee aumenta e la competitività si riduce. Dato il tasso di cambio reale possiamo dire che le esportazioni ( X ) dipendono dal reddito dei paesi importatori che sono, generalmente, i paesi più ricchi : in un economia di mercato i beni si scambiano con moneta e la domanda pagante è quella più importante. Ricordiamo che gli Stati Uniti, che sono il mercato più ricco, rappresentano la locomotiva dello sviluppo

17 Equilibrio in Economia Aperta internazionale perché importano dal resto del mondo più beni di quanti non ne esportino. X = f (Y*, e P/P*) Le importazioni ( IM ) invece, dato il tasso di cambio reale, dipendono dal livello di spesa dei residenti e, quindi, dal livello del reddito nazionale (Y) ; seguendo l'impostazione già analizzata per il consumo, si ipotizza una propensione marginale ad importare (m) stabile che si aggiunge al risparmio e all'imposizione fiscale riducendo la spesa su prodotti nazionali. IM = f ( my, e P/P*) Le esportazioni nette, che indicano il saldo dalle partite correnti e sono determinate dalla differenza fra esportazioni e importazioni, dipendono perciò dal reddito estero, dal reddito nazionale e dal tasso di cambio reale. NX = X IM NX = f ( Y*, my, e P/P*) In particolare il saldo è positivo quando le esportazioni superano le importazioni, ed aumenta al crescere del reddito dei paesi esteri, al diminuire del reddito nazionale, quando il prezzo dei prodottti nazionali in termini e di valuta estera diminuisce per un deprezzamento del tasso di cambio nominale, ovvero perchè il tasso d'inflazione nei paesi esteri è superiore a quello interno. Viceversa le importazioni superano le esportazioni e si registra un saldo negativo delle partite correnti. NX se Y* my e P/P*

18 Mario Oteri Una rappresentazione grafica della bilancia commerciale Nella fig (a) rappresentiamo la spesa dei residenti (AD) in relazione al livello del reddito, ricordiamo che la pendenza della funzione dipende dalla propensione marginale al consumo, cioè dalla parte d'incremento di reddito nazionale speso in incremento dei consumi. In un economia aperta, considerando anche la spesa per Importazioni, una parte della spesa dei residenti si indirizza al resto del mondo e la domanda di prodotti nazionali diminuisce; in particolare si riduce la propensione marginale al consumo dei prodotti nazionali e varia, quindi, la pendenza della funzione. Sottraendo le Importazioni (IM) dalla AD individuiamo la domanda di beni nazionali (AA) espressa dai residenti. A questa aggiungiamo la domanda di beni nazionali proveniente dal resto del mondo, le Esportazioni (X), e otteniamo la domanda complessiva di prodotti nazionali (ZZ); dato che le esportazioni dipendono dal livello del reddito estero la propensione marginale al consumo rispetto al reddito nazionale rimane immutata e, quindi, la ZZ si sposta verso l'alto parallelamente alla AA. La differenza fra la curva AD e la curva ZZ permette di evidenziare l'andamento del saldo commerciale della Bilancia dei pagamenti in relazione al Reddito nazionale.

19 Equilibrio in Economia Aperta Fig Mercato interno e saldo commerciale D 45 AD (a) ZZ AA NX Y' Y'' Y (b) Y' Y'' Y NX Ricordiamo che la AD indica la spesa complessiva dei residenti, la AA indica la spesa dei residenti per prodotti nazionali, la ZZ indica la domanda interna ed esterna di prodotti nazionali. Quando la domanda di prodotti nazionali supera la domanda complessiva dei residenti ( ZZ > AD ) le esportazioni superano

20 Mario Oteri le importazioni e si registra un saldo attivo della bilancia commerciale ; quando la domanda di prodotti nazionali è inferiore alla domanda complessiva dei residenti (ZZ < AD) le importazioni superano le esportazioni e si registra un saldo negativo della bilancia commerciale. Al livello di reddito Y' la domanda di prodotti nazionali è uguale alla spesa complessiva dei residenti (ZZ = AD), le esportazioni sono uguali alle importazioni e la bilancia commerciale è in equilibrio. Nella parte (b) della figura consideriamo le esportazioni nette in relazione all'andamento del reddito nazionale, dato il tasso di cambio reale, il reddito estero e le componenti interne della domanda aggregata. Y' indica il livello del reddito che porta in equilibrio la bilancia commerciale, la funzione NX incontra l'asse delle ascisse; a livelli di reddito inferiori si ha un saldo positivo dato che, a parità di esportazioni determinate dal reddito estero, si riduce la spesa per importazioni ; al contrario al crescere del reddito aumenta la spesa per importazioni e le esportazioni nette diventano negative ( deficit della bilancia commerciale). Va precisato che il livello di equilibrio del reddito nazionale è individuato dall incontro fra la curva della domanda interna ed esterna di prodotti nazionali (ZZ) e la bisettrice ad indicare che domanda e offerta sono uguali (reddito Y''). Tuttavia a livello del reddito Y'' si determina un deficit della bilancia commerciale evidenziato dalla funzione NX al di sotto dell asse delle ascisse ( fig b). Il saldo NX permette di evidenziare il diverso effetto di una variazione della domanda interna o della domanda esterna sul livello del reddito e sulla bilancia commerciale. In un economia aperta un aumento di una componente autonoma della domanda interna, come ad es. la spesa pubblica (G), ha innanzitutto un impatto relativamente minore sul livello del reddito nazionale dato che una parte della spesa si indirizza all acquisto di prodotti esteri, la propensione marginale a consumare prodotti nazionali è diminuita; allo stesso tempo l aumento della

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana di Riccardo Faini (Università di Roma Tor Vergata e CEPR) e André Sapir (Université Libre de Bruxelles e CEPR) Maggio 2005 Questo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

L EURO, MONETA COMUNE EUROPEA E FONTE DI STABILITÀ: HA RAGGIUNTO IL SUO SCOPO?

L EURO, MONETA COMUNE EUROPEA E FONTE DI STABILITÀ: HA RAGGIUNTO IL SUO SCOPO? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA RICHARD M. GOODWIN Corso di Laurea in Economia e Commercio Curriculum Gestione d impresa L EURO, MONETA COMUNE EUROPEA E FONTE DI STABILITÀ: HA RAGGIUNTO

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli