Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta"

Transcript

1 Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico che partecipa al commercio internazionale si dice sistema aperto. Una misura del grado di apertura è data dal rapporto tra il valore delle esportazioni o delle importazioni e il valore della produzione complessiva del paese. Il grado di apertura agli scambi internazionali varia in maniera significativa da un paese all'altro: gli Stati Uniti, per esempio, sono un paese abbastanza autosufficiente, con un rapporto esportazione/pil attorno al 10%; paesi europei come Francia, Germania, Italia hanno un maggior grado di apertura (mediamente, intorno al 20-25% del PIL); paesi più piccoli come Belgio, Olanda e Irlanda esportano e importano oltre il 50% della produzione complessiva. Va precisato in effetti che quasi il 60% delle esportazioni e delle importazioni dell Italia si rivolgono a paesi dell Unione Economica Europea e dell Unione Economica e Monetaria. Come si può vedere dalla tabella 8.1 i partner principali dell interscambio commerciale del nostro paese nel 2007 erano innanzitutto la Germania, la Francia, la Spagna (UEM) e il Regno Unito (UE), mentre il resto del mondo rivestiva un peso minore pur evidenziando il rilievo dei paesi OPEC per le importazioni, e degli Stati Uniti come mercato di esportazione. Oltre che beni si possono scambiare anche strumenti finanziari: in un regime di liberalizzazione valutaria i residenti in un paese possono fare investimenti finanziari, acquistando titoli emessi in un altro paese, o possono indebitarsi emettendo titoli sui

2 Mario Oteri mercati internazionali. Al tempo stesso gli operatori, imprese o singoli, possono fare investimenti diretti in un paese straniero acquistando attività produttive già esistenti ovvero creando nuove iniziative imprenditoriali TAB. 7.1 Interscambio commerciale Italia per paese o area (Valori mil. di euro composizione % 2007) Paesi Export Import Valori % Valori % Paesi UE ,9 206,3 58,8 UEM 164, ,7 48,1 di cui Francia 41,8 11,5 32,9 9,3 Germania 47,6 12, ,5 Spagna 24,5 7,5 15 4,4 Altri paesi UE 2753,2 14,8 38,6 10,7 di cui Regno Unito 19,6 5,8 11,5 3,4 Resto del mondo 152,8 39, ,2 Di cui :Cina 6,4 1,7 11,8 5,6 Giappone 4,3 1,2 4,8 1,4 OPEC 21,4 4,9 40,8 9,1 Russia 10,5 2,6 15,1 3,7 Stati Uniti 23,1 6,6 11,5 2,9 Svizzera 14,5 3,6 11,3 3,1 Totale 370,6 371, Il tasso di cambio Ciascun paese scambia beni, servizi e strumenti finanziari con il resto del mondo; poiché i prezzi sono espressi in valuta

3 Equilibrio in Economia Aperta nazionale è necessario determinare i rapporti di cambio fra le singole valute o, più in generale, il rapporto di cambio delle singole valute nazionali con la valuta che viene utilizzata come mezzo di pagamento internazionale e che, attualmente, è il dollaro. Il tasso di cambio nominale misura la quantità di valuta estera che si scambia con una unità di valuta nazionale $/ (incerto per certo) : ad esempio occorrono 1,46 dollari per 1 euro: e = $ / il tasso di cambio può essere determinato anche dalla quantità di valuta nazionale che si scambia con una unità di valuta estera /$ : in questo caso sono necessari 0,68 euro per un dollaro. Nel testo seguiremo la prima definizione. Il tasso di cambio nominale è da intendersi a tutti gli effetti come il prezzo di una valuta in termini di un'altra valuta (una valuta può considerarsi infatti come un bene in quanto offre al detentore un "servizio", ovvero la possibilità di acquistare beni o titoli commerciati solo in quella valuta). Come avviene per i prezzi di tutti i beni il tasso di cambio può variare per effetto di cambiamenti che riguardano la domanda e l'offerta: in parte le banche centrali possono influire sul tasso di cambio "acquistando" o "vendendo" valuta straniera (e corrispondentemente "vendendo" o "acquistando" valuta nazionale), al fine di raggiungere specifici obiettivi di politica economica e monetaria; gli altri operatori, famiglie e imprese, "offrono" valuta nazionale e "domandano" in cambio valuta estera (oppure "offrono" valuta estera e "domandano" in cambio valuta nazionale), per motivi legati a: scambi commerciali ( importazioni ed esportazioni), incluso il turismo (il turismo infatti comporta un'importazione di beni da parte del turista, o

4 Mario Oteri corrispondentemente un'esportazione di beni da parte del paese che riceve il turista); investimenti finanziari (ad es.: acquisto di buoni del tesoro stranieri); attività speculative sui cambi (operazioni di acquisto e vendita di valute col solo fine di guadagnarci attraverso un'eventuale variazione dei tassi di cambio nel tempo). Si ha un apprezzamento del tasso di cambio quando aumenta la quantità di dollari che si scambiano con un euro ; si ha viceversa un deprezzamento quando si riduce la quantità di dollari necessari ad acquistare un euro. Nel primo caso l'euro vale di più in termini di dollari, nel secondo vale invece di meno. Il tasso di cambio è espresso dal rapporto di scambio fra due valute: questo rapporto può essere alla pari quando una unità di valuta estera si scambia con una unità di valuta nazionale; sopra la pari quando occorre una maggiore quantità di valuta estera per acquistare una unità di valuta nazionale; sotto la pari nel caso opposto. Un tasso di cambio al di sopra delle parità non comporta necessariamente una maggiore convenienza ad acquistare prodotti esteri rispetto ai prodotti nazionali. Bisogna tenere conto infatti del tasso di cambio reale, che considera anche il diverso livello generale dei prezzi nei due paesi considerati. Consideriamo un esempio: il cambio nominale dollaro/euro è pari a 1,20 (occorrono 1,20 dollari per acquistare 1,00 euro) ; supponiamo che l'unico bene esistente nel mondo sia costituito dalle arance (in maniera tale da poter ragionare in termini di prezzo delle arance nei due paesi e non in termini di livello generale dei prezzi); supponiamo anche che in Italia le arance costino 2 euro al chilogrammo, mentre negli Stati Uniti 1 dollaro al chilo (le arance vendute in Italia e quelle vendute negli Usa appartengono a due mercati differenti); in Italia si possono acquistare 50 kg di arance con 100 euro, mentre negli

5 Equilibrio in Economia Aperta Stati Uniti con 120 dollari (ottenuti in cambio dei 100 euro) si possono acquistare 60 kg di arance; la conclusione è che, in questo caso, il cambio nominale sembra favorevole a chi vive in Italia, ma il cambio reale (quello che veramente interessa all'agente economico) risulta sfavorevole. In effetti il potere d'acquisto della valuta nazionale è evidenziato dal tasso di cambio reale che indica i prezzi dei beni nazionali espressi in termini di beni esteri e misura la competitività dei prodotti nazionali rispetto ai prodotti esteri. Il prezzo dei beni italiani è espresso infatti in euro (P); per ottenere il prezzo dei beni italiani in dollari occorre moltiplicare il prezzo in euro per il tasso di cambio nominale (ep); il tasso di cambio reale (ε) confronta il prezzo dei beni nazionali espresso in dollari (ep) con il prezzo dei beni esteri (P*) ε = ep/p* A parità di tasso di cambio nominale, il tasso di cambio reale, ovvero il potere d acquisto della valuta nazionale, dipende dall andamento del tasso d inflazione interno rispetto a quello del paese con cui si effettuano gli scambi: se i prezzi dei prodotti nazionali P crescono più velocemente dei prezzi dei prodotti esteri P*, il prezzo in valuta estera dei prodotti nazionali diventa relativamente più elevato ( apprezzamento del tasso di cambio reale) e la competitività del paese diminuisce. Viceversa se il livello dei prezzi dei prodotti esteri P* aumenta più velocemente del prezzo dei prodotti nazionali P, il prezzo in valuta estera dei prodotti nazionali si riduce ( deprezzamento del tasso di cambio reale) e la competitività del paese aumenta. Analogamente, a parità del livello dei prezzi nei due paesi, il tasso di cambio reale si muove in sintonia con il tasso nominale: quando il tasso di cambio nominale (e) si apprezza, occorre cioè più valuta estera per acquistare un euro, anche il tasso di cambio reale si apprezza e

6 Mario Oteri diminuisce la competitività dei prodotti italiani, che diventano per gli operatori esteri relativamente più cari. Tasso di cambio reale Se ad esempio consideriamo un tasso di cambio nominale pari a 1,46 dollari per un euro, il tasso di cambio reale è 0,88 quando il tasso d inflazione negli USA è pari a 0,05 mentre nell Unione è solo 0,03; il tasso di cambio reale diventa invece 2,44 se il tasso d inflazione USA è 0,03 mentre nell Unione è pari a 0,05. Ovviamente se il tasso d'inflazione è uguale nei due paesi il tasso di cambio reale è uguale al tasso nominale. e = $/Є = 1,46 tasso di cambio nominale 1,46 x (0,03/0,05) = 1,46 x 0,6 = 0,88 tasso di cambio reale 1,46 x (0,05/0,03) = 1,46 x 1,67 = 2,44 tasso di cambio reale 1,46 x (0,05/0,05) = 1,46 x 1 = 1,46 tasso di cambio reale 7.3 I mercati valutari Per comprendere come si determina il tasso di cambio nominale fra due valute è opportuno capire come si determina la domanda e l offerta di valuta. Possiamo classificare gli scambi di un paese con il resto del mondo in due grandi categorie: scambio di beni e servizi e scambio di capitali finanziari. Lo scambio di beni è costituito dalla domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo, che sono le esportazioni del nostro paese (X), e dalla domanda di prodotti esteri che proviene dal nostro paese, che sono le importazioni (Q). A fronte delle esportazioni, che rappresentano un flusso di prodotti venduti dal nostro paese al resto del mondo, avremo quindi un afflusso di valuta, per esemplificare dollari, che proviene dal resto del mondo (AV); viceversa a fronte delle importazioni, acquisto di

7 Equilibrio in Economia Aperta beni dal resto del mondo, si determina un deflusso di valuta nazionale (DV), ad esempio euro, verso il resto del mondo. Tab. 7.3 Bilancia dei Pagamenti Valutaria Esportazioni Afflusso di Capitali Afflusso di Valuta (Domanda di valuta nazionale ) Importazioni Deflusso di Capitali Deflusso di Valuta ( Offerta di valuta nazionale) Per quanto riguarda i movimenti di capitali si devono considerare deflussi quando dal nostro paese si effettuano investimenti diretti nel resto del mondo ovvero si acquistano strumenti finanziari emessi in altri paesi, si fanno cioè prestiti a operatori del resto del mondo in deficit (DK); si devono invece considerare afflussi quando dal resto del mondo si fanno investimenti diretti nel nostro paese o si finanziano operatori nazionali in deficit che si indebitano sui mercati internazionali (AK). E chiaro che a fronte dei flussi finanziari si registrano flussi valutari: in particolare se si acquistano attività finanziarie emesse nel resto del mondo si determina un deflusso valutario e, viceversa, se dal resto del mondo sottoscrivono titoli emessi nel nostro paese si determina un afflusso di valuta. Possiamo schematizzare quanto detto nella Bilancia dei Pagamenti Valutaria che evidenzia i movimenti di beni e servizi ( Partite correnti) e i movimenti dei Capitali da un punto di vista valutario. L'afflusso di valuta dal resto del mondo rappresenta domanda di valuta nazionale: gli operatori che esportano nel resto del mondo e sono pagati in dollari, come quelli che vogliono sottoscrivere titoli emessi nel nostro paese, non possono usare questa valuta nel nostro paese ma la devono convertire in euro ( afflusso di valuta = domanda di valuta

8 Mario Oteri nazionale). Al contrario il deflusso di valuta rappresenta offerta di valuta nazionale: gli operatori che importano o acquistano titoli dal resto del mondo devono pagare in dollari e, perciò, offrono euro e domandano dollari ( deflusso di valuta = offerta di valuta nazionale). Il tasso di cambio è determinato dai movimenti valutari ed è stabile quando afflusso e deflusso di valuta sono in equilibrio. Questo equilibrio può verificarsi quando sia le partite correnti che i movimenti di capitali sono in equilibrio, o quando i due conti si compensano fra di loro; ad esempio se le Importazioni superano le Esportazioni e si registra un deflusso netto di valuta nelle partite correnti, un afflusso di Capitali superiore al deflusso può assicurare l equilibrio valutario e la stabilità del tasso di cambio. In questo caso, ovviamente, il paese sta acquistando dal resto del mondo più prodotti di quanto non riesca a venderne e sta pagando indebitandosi sui mercati internazionali. Un operazione normale per un paese che si indebita ed acquista beni per accrescere la sua capacità produttiva e ripagare nel prossimo futuro i debiti contratti, ma che può risultare rischiosa, come insegnano le esperienze del Messico e di altri paesi latino americani, se il paese si indebita con il resto del mondo per acquistare beni di consumo di lusso o per fare operazioni speculative che non garantiscono il pagamento dei debiti. In simboli se X = IM AK = DK AV = DV il tasso di cambio è stabile. Ovvero se X < IM AK >DK AV = DV il tasso di cambio è stabile ma il paese si sta indebitando con il resto del mondo.

9 Equilibrio in Economia Aperta Gli squilibri della bilancia valutaria hanno effetti sul tasso di cambio. Ad esempio se si verifica un attivo delle partite correnti, se cioè le Esportazioni superano le Importazioni, dato l equilibrio nel movimento dei capitali, si determina un afflusso netto di valuta dal resto del mondo che tende a far apprezzare la valuta nazionale rispetto a quella estera. X > IM AK = DK AV> DV e Al contrario un passivo delle partite correnti, o un deflusso netto di capitali, che determina un deflusso valutario netto tende a deprezzare il tasso di cambio cioè il valore della valuta nazionale rispetto a quella estera. X<IM AK<DK AV < DV e Quando il tasso di cambio si apprezza aumenta il potere d acquisto della nostra valuta e gli operatori nazionali hanno convenienza ad acquistare prodotti del resto del mondo mentre per i non residenti i nostri prodotti sono più cari: le importazioni aumentano e le esportazioni si riducono. Accade il contrario quando la valuta nazionale si deprezza. 7.4 Mercato valutario e regime di cambio Il rapporto di scambio fra due valute si determina sulla base degli accordi di cambio esistenti nel sistema monetario: si possono avere regimi di cambio flessibili, regimi di cambio fissi e regimi di cambio manovrati. Oggi fra le principali valute esiste un regime di cambi flessibili nel senso che il tasso di cambio, ad esempio fra dollaro ed euro, è dato dall'equilibrio che si determina sul mercato fra domanda e offerta delle due valute. La domanda di euro è effettuata dagli operatori del nostro paese che esportando prodotti nel resto del

10 Mario Oteri mondo, ad esempio negli Stati Uniti, sono pagati in dollari che, tuttavia, non possono utilizzare in Italia come mezzo di pagamento : sono perciò costretti ad offrire dollari e domandare euro sul mercato valutario.. Figura Mercato valutario e tasso di cambio $/Є S ( IM - DK) S 1 ( IM DK) e e 1 E E 1 A D (X AK) V V 1 V L'offerta di euro è fatta, invece, dagli importatori che dovendo pagare in dollari i prodotti acquistati all estero, ad esempio negli Stati Uniti, sono costretti a procurarseli sul mercato valutario offrendo euro in cambio di dollari. Analogamente se si considerano i movimenti di capitali la domanda di euro viene effettuata da operatori del resto del mondo che, volendo

11 Equilibrio in Economia Aperta acquistare attività finanziarie emesse nel nostro paese, devono pagare in euro; mentre gli operatori nazionali che vogliono acquistare attività finanziarie emesse all'estero in dollari, offrono euro per procurarsi la valuta necessaria. Nella figura rappresentiamo il mercato valutario fra dollaro ed euro: in ordinata poniamo il tasso di cambio $/Є che ci dice quanti dollari occorrono per un euro. Mano a mano che ci allontaniamo dall'origine degli assi è necessaria un quantità crescente di dollari per acquistare un euro a significare che il dollaro si deprezza e l'euro si apprezza La domanda di euro ha il normale andamento decrescente ad indicare che quando il dollaro si apprezza, a danno dell'euro, diventa più conveniente per gli operatori stranieri acquistare prodotti o attività finanziarie sul nostro mercato : le nostre esportazioni pertanto aumentano. L'offerta di euro si presenta crescente dato che per gli operatori nazionali è più conveniente acquistare prodotti esteri quando il dollaro si deprezza e l'euro si apprezza : le nostre importazioni aumentano. In regime di cambi flessibili il tasso di cambio è determinato dall'incontro fra domanda e offerta. Ad un livello superiore a quello di equilibrio gli operatori nazionali vogliono comprare beni dal resto del mondo per un valore che eccede quello che i non residenti desiderano acquistare nel nostro paese, l'offerta supera la domanda: l'euro si deprezza rispetto al dollaro, aumentano le esportazioni si riducono le importazioni e si raggiunge l'equilibrio. Se si dovesse verificare un improvviso aumento dell'offerta di euro, ad esempio perché si verifica un deflusso speculativo di capitali, la funzione si sposta verso destra in S 1 determinando un eccesso di offerta sulla domanda pari al tratto EA; il dollaro comincia ad apprezzarsi mentre l'euro si deprezza riducendo la quantità di dollari necessari ad acquistare un euro. Si raggiunge una nuova posizione di equilibrio in E 1, quando il tasso di cambio si assesta al livello

12 Mario Oteri e 1 riportando l'eguaglianza fra domanda e offerta e la stabilità sul mercato valutario. Sino al 1971, con il sistema di Bretton Woods, vigeva un regime di cambi fissi basato sul dollaro che era convertibile, in rapporto fisso, con l oro mentre ciascuna valuta nazionale si scambiava, in rapporto fisso, con il dollaro. Lo scambio fra due valute avveniva sulla base delle reciproche parità con il dollaro: ad esempio se erano necessari 200 marchi e 400 lire, rispettivamente, per acquistare un dollaro, il rapporto di cambio fra lira e marco era determinato in 2 lire per 1 marco. Ovviamente la Banca Centrale di ciascun paese era tenuta a far fronte alle richieste del mercato cambiando al tasso predeterminato i valori richiesti. Nel caso di un eccesso di offerta sulla domanda, dovuto ad un deficit della Bilancia dei Pagamenti, la Banca Centrale doveva far fronte alle richieste di valuta attingendo alle Riserve Ufficiali, cioè alla quantità di dollari precedentemente accumulate che deteneva in portafoglio. Se le riserve si rivelavano insufficienti la Banca Centrale poteva ricorre ai prestiti internazionali, ottenuti da altre Banche Centrali o da istituzioni internazionali, che comportavano un costo aggiuntivo in termini di interessi da corrispondere sul debito, ovvero era costretta a svalutare il tasso di cambio accettando un rapporto di scambio più gravoso per la propria valuta. La svalutazione può rivelarsi positiva per quanto riguarda le esportazioni, ma rappresenta un maggiore costo delle importazioni e, nel caso di prodotti come il petrolio, un aggravio dei costi che rende sempre più difficile il pareggio della Bilancia dei Pagamenti. Per impedire che i tassi di cambio fossero soggetti a manovre speculative difficilmente sostenibili dalle Banche Centrali, nel sistema di Bretton Woods erano previste forti limitazioni alla circolazione dei capitali finanziari. Ritornando alla figura e ipotizzando che il tasso e sia quello fisso previsto dagli accordi di cambio, un aumento nell'offerta di valuta avrebbe costretto l autorità monetaria a

13 Equilibrio in Economia Aperta procurarsi un ammontare di dollari pari ad EA attingendo alle riserve ufficiali. Se queste fossero state insufficienti o se il deficit delle partite correnti fosse stato di natura strutturale, e quindi destinato a ripetersi nel tempo, l autorità monetaria sarebbe stata costretta a modificare il rapporto di scambio svalutando la moneta nazionale. Quando esistono degli accordi fra le Banche Centrali per intervenire sul mercato dei cambi si parla di sistema di cambi manovrati. Un tipico esempio è rappresentato dal Sistema Monetario Europeo (SME) creato dai paesi europei aderenti alla Comunità Economica Europea nel 1979 nel tentativo di far fronte alla crisi del sistema di Bretton Woods stabilizzando i tassi di cambio. Il sistema prevedeva la creazione di una moneta comune, l'ecu, che fungeva da unità di misura meramente contabile per le altre valute; ciascuna valuta nazionale poteva oscillare liberamente attorno alla parità centrale con l'ecu di una certa percentuale (+/- 2,5%); se la valuta nazionale avesse superato la banda di oscillazione prevista i paesi interessati sarebbero dovuti intervenire modificando i rapporti di cambio. Nella figura il tasso di cambio della lira nei confronti dell'ecu è stabilito al livello ( e* ) e questo rapporto può variare con un apprezzamento della lira sino al livello (e 2 ) o un deprezzamento sino al livello ( e 1 ) senza che l autorità monetaria abbia l'obbligo di intervenire; nel caso in cui la variazione dalla parità centrale avesse superato questi livelli sarebbe stato necessario modificare il rapporto di cambio rivalutando o svalutando la Lira. Con la creazione dell'unione Economica e Monetaria, alla fine degli anni novanta, alcuni paesi dell'unione Europea hanno adottato una moneta unica, l'euro, che ha sostituito le singole valute nazionali creando un nuovo sistema monetario basato sulla Banca Centrale Europea. Lo SME continua a sopravvivere per regolare i rapporti con

14 Mario Oteri ECU/ L Figura Tassi di cambio manovrati S ( IM - DK) e 2 e* E e 1 D (X - AK) L L i paesi europei che, pur aderendo alla Comunità Economica Europea, non hanno adottato l'euro, come ad esempio la Gran Bretagna o la Svezia, o con i paesi che sono entrati successivamente nell'unione, come la Polonia e la Romania, e non hanno ancora potuto adottare l euro. Nel nuovo sistema l'euro rappresenta la valuta di riferimento alla quale si devono adeguare tutti paesi aderenti.

15 Equilibrio in Economia Aperta 7.5 Il mercato delle merci in Economia Aperta Che effetti hanno i rapporti con il resto del mondo sul mercato interno? Occorre innanzitutto evidenziare la differenza fra domanda di prodotti nazionali e domanda nazionale di prodotti : la prima si riferisce alla spesa per acquistare prodotti nazionali proveniente sia dal paese, come i Consumi, gli Investimenti e la Spesa Pubblica, che dal resto del mondo, come le Esportazioni. Mentre la domanda nazionale di prodotti si riferisce alla spesa dei residenti per acquistare prodotti nazionali o provenienti dal resto del mondo, comprende cioè anche le importazioni. Quindi mentre in economia chiusa i due concetti coincidono in un'economia aperta occorre aggiungere, alle componenti interne della spesa, la differenza fra la domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo ( esportazioni) e la domanda nazionale rivolta a merci prodotte nel resto del mondo ( importazioni); occorre aggiungere la differenza fra esportazioni o importazioni ovvero il saldo netto delle partite correnti. Come sappiamo in un'economia chiusa la domanda aggregata è data da AD = C + I + G ma una parte di questa spesa si indirizza su beni e servizi prodotti nel resto del mondo riducendo la domanda di beni nazionali; sottraendo le importazioni alla domanda aggregata evidenziamo la domanda nazionale di prodotti (AA) : AA = C + I + G - IM

16 Mario Oteri aggiungendo a questa la domanda di prodotti nazionali che proviene dal resto del mondo (esportazioni) otteniamo la domanda complessiva di prodotti nazionali ( ZZ) che possiamo scrivere dove ZZ = C + I + G - IM + X ZZ = C + I + G + NX NX = X - IM Lo scambio di beni e servizi con il resto del mondo dipende innanzitutto dall'andamento del tasso di cambio nominale: se l'euro si deprezza rispetto al dollaro per i residenti negli Stati Uniti diventa più conveniente l'acquisto di prodotti europei favorendo le nostre esportazioni. Gli scambi sono influenzati, inoltre, dall andamento del tasso di cambio reale che indica il prezzo dei prodotti nazionali in termini di prodotti esteri: se il tasso di cambio reale si apprezza il paese diventa meno competitivo, perché i prodotti nazionali sono più cari dei prodotti esteri. Ad esempio, dato un tasso di cambio nominale fra dollaro ed euro il tasso di cambio reale si apprezza quando il tasso d inflazione nell Unione Economica e Monetaria è più elevato che negli Stati Uniti, il prezzo in dollari delle merci europee aumenta e la competitività si riduce. Dato il tasso di cambio reale possiamo dire che le esportazioni ( X ) dipendono dal reddito dei paesi importatori che sono, generalmente, i paesi più ricchi : in un economia di mercato i beni si scambiano con moneta e la domanda pagante è quella più importante. Ricordiamo che gli Stati Uniti, che sono il mercato più ricco, rappresentano la locomotiva dello sviluppo

17 Equilibrio in Economia Aperta internazionale perché importano dal resto del mondo più beni di quanti non ne esportino. X = f (Y*, e P/P*) Le importazioni ( IM ) invece, dato il tasso di cambio reale, dipendono dal livello di spesa dei residenti e, quindi, dal livello del reddito nazionale (Y) ; seguendo l'impostazione già analizzata per il consumo, si ipotizza una propensione marginale ad importare (m) stabile che si aggiunge al risparmio e all'imposizione fiscale riducendo la spesa su prodotti nazionali. IM = f ( my, e P/P*) Le esportazioni nette, che indicano il saldo dalle partite correnti e sono determinate dalla differenza fra esportazioni e importazioni, dipendono perciò dal reddito estero, dal reddito nazionale e dal tasso di cambio reale. NX = X IM NX = f ( Y*, my, e P/P*) In particolare il saldo è positivo quando le esportazioni superano le importazioni, ed aumenta al crescere del reddito dei paesi esteri, al diminuire del reddito nazionale, quando il prezzo dei prodottti nazionali in termini e di valuta estera diminuisce per un deprezzamento del tasso di cambio nominale, ovvero perchè il tasso d'inflazione nei paesi esteri è superiore a quello interno. Viceversa le importazioni superano le esportazioni e si registra un saldo negativo delle partite correnti. NX se Y* my e P/P*

18 Mario Oteri Una rappresentazione grafica della bilancia commerciale Nella fig (a) rappresentiamo la spesa dei residenti (AD) in relazione al livello del reddito, ricordiamo che la pendenza della funzione dipende dalla propensione marginale al consumo, cioè dalla parte d'incremento di reddito nazionale speso in incremento dei consumi. In un economia aperta, considerando anche la spesa per Importazioni, una parte della spesa dei residenti si indirizza al resto del mondo e la domanda di prodotti nazionali diminuisce; in particolare si riduce la propensione marginale al consumo dei prodotti nazionali e varia, quindi, la pendenza della funzione. Sottraendo le Importazioni (IM) dalla AD individuiamo la domanda di beni nazionali (AA) espressa dai residenti. A questa aggiungiamo la domanda di beni nazionali proveniente dal resto del mondo, le Esportazioni (X), e otteniamo la domanda complessiva di prodotti nazionali (ZZ); dato che le esportazioni dipendono dal livello del reddito estero la propensione marginale al consumo rispetto al reddito nazionale rimane immutata e, quindi, la ZZ si sposta verso l'alto parallelamente alla AA. La differenza fra la curva AD e la curva ZZ permette di evidenziare l'andamento del saldo commerciale della Bilancia dei pagamenti in relazione al Reddito nazionale.

19 Equilibrio in Economia Aperta Fig Mercato interno e saldo commerciale D 45 AD (a) ZZ AA NX Y' Y'' Y (b) Y' Y'' Y NX Ricordiamo che la AD indica la spesa complessiva dei residenti, la AA indica la spesa dei residenti per prodotti nazionali, la ZZ indica la domanda interna ed esterna di prodotti nazionali. Quando la domanda di prodotti nazionali supera la domanda complessiva dei residenti ( ZZ > AD ) le esportazioni superano

20 Mario Oteri le importazioni e si registra un saldo attivo della bilancia commerciale ; quando la domanda di prodotti nazionali è inferiore alla domanda complessiva dei residenti (ZZ < AD) le importazioni superano le esportazioni e si registra un saldo negativo della bilancia commerciale. Al livello di reddito Y' la domanda di prodotti nazionali è uguale alla spesa complessiva dei residenti (ZZ = AD), le esportazioni sono uguali alle importazioni e la bilancia commerciale è in equilibrio. Nella parte (b) della figura consideriamo le esportazioni nette in relazione all'andamento del reddito nazionale, dato il tasso di cambio reale, il reddito estero e le componenti interne della domanda aggregata. Y' indica il livello del reddito che porta in equilibrio la bilancia commerciale, la funzione NX incontra l'asse delle ascisse; a livelli di reddito inferiori si ha un saldo positivo dato che, a parità di esportazioni determinate dal reddito estero, si riduce la spesa per importazioni ; al contrario al crescere del reddito aumenta la spesa per importazioni e le esportazioni nette diventano negative ( deficit della bilancia commerciale). Va precisato che il livello di equilibrio del reddito nazionale è individuato dall incontro fra la curva della domanda interna ed esterna di prodotti nazionali (ZZ) e la bisettrice ad indicare che domanda e offerta sono uguali (reddito Y''). Tuttavia a livello del reddito Y'' si determina un deficit della bilancia commerciale evidenziato dalla funzione NX al di sotto dell asse delle ascisse ( fig b). Il saldo NX permette di evidenziare il diverso effetto di una variazione della domanda interna o della domanda esterna sul livello del reddito e sulla bilancia commerciale. In un economia aperta un aumento di una componente autonoma della domanda interna, come ad es. la spesa pubblica (G), ha innanzitutto un impatto relativamente minore sul livello del reddito nazionale dato che una parte della spesa si indirizza all acquisto di prodotti esteri, la propensione marginale a consumare prodotti nazionali è diminuita; allo stesso tempo l aumento della

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING 5.1 INTRODUZIONE In questo capitolo studieremo alcuni aspetti relativi all economia aperta agli scambi internazionali. In quanto segue,

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico Capitolo 3 Teorie alternative dell equilibrio economico Il sistema economico è in equilibrio quando l offerta trova sul mercato una domanda uguale e corrispondente: in questo caso le imprese riescono a

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Capitolo 23. La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio

Capitolo 23. La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio Capitolo 23 La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio Ogni economia aperta commercia col resto del mondo, scambiando attività finanziarie, beni e servizi. Il mercato in cui vengono scambiate le valute

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 1. Le funzioni dell investimento e del consumo sono, rispettivamente: I = 70 310 r C = 60 + 0,8 Y Rappresentarle entrambe. Mostrare nello stesso

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

Corso di Macroeconomia. L economia aperta. Enrico Saltari Sapienza, Università di Roma

Corso di Macroeconomia. L economia aperta. Enrico Saltari Sapienza, Università di Roma Corso di Macroeconomia L economia aperta Enrico Saltari Sapienza, Università di Roma 1 La bilancia dei pagamenti È un prospetto contabile che riassume le transazioni economiche che avvengono in un dato

Dettagli

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 11 IL MODELLO DI MUNDELL-FLEMING IN CAMBI FLESSIBILI Cambi flessibili un deprezzamento sposta la BP verso il basso; un apprezzamento sposta la BP verso l alto. Poiché

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (prima parte del programma), 30.10.2015. PARTE

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Corso di Economia Politica Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Prof. Stefano Papa Bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti registra il valore delle transazioni tra residenti e

Dettagli

Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio

Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio Capitolo 4 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 4.1 La funzione keynesiana del consumo Abbiamo visto che, almeno nel breve periodo, il livello del reddito dipende dalla domanda aggregata che è composta

Dettagli

Il modello Mundell-Fleming

Il modello Mundell-Fleming Il modello Mundell-Fleming Il modello di Mundell-Fleming inserisce nel modello IS LM l economia Aperta. Ipotizza che vi sia perfetta mobilità dei capitali Che il paese in esame sia rappresentato da una

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA 1 LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA In economia chiusa la domanda di beni nazionali coincideva con la domanda nazionale di beni: ( ) Z C + I + In economia aperta, invece,

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi LE ECONOMIE APERTE Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Quando l economia è aperta si hanno effetti sul: -mercato dei beni e dei fattori produttivi -mercato delle attività finanziarie. Va inoltre

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: francesco.palumbo@uniroma1.it

Dettagli

LEZIONE 10. Argomenti trattati

LEZIONE 10. Argomenti trattati LZION 0 L CONOMI PRT () La bilancia dei pagamenti, il saldo della bilancia dei pagamenti e il mercato dei cambi rgomenti trattati La bilancia dei pagamenti Le determinanti del saldo del conto corrente

Dettagli

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)%

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% EFFETTI DEL PROTEZIONISMO SULLA BILANCIA DEI PAGAMENTI (cfr. G. Mankiw, Macroeconomia, Zanichelli) Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% Sipuòdimostrarechel a3uazionediformeprotezionis7cheproducesulla

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Economia Politica H-Z Lezione 16

Economia Politica H-Z Lezione 16 Economia Politica H-Z Lezione 16 Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Sergio Vergalli - Lezione 4 1 Capitolo XVIII. Produzione, tasso di interesse E tasso di cambio Vergalli - Eco Pol II HZ Piccola parentesi..

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14 Politica Economica Europea 2 Costi di aderire ad un UM Aderendo ad una UM si perde: la propria moneta; la possibilità di gestire la politica monetaria in modo indipendente; la gestione del tasso di cambio

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

5 L economia aperta. 5.2 La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio

5 L economia aperta. 5.2 La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio 5 L economia aperta 5.1 Oggetto del capitolo La presenza del commercio con l estero e dei movimenti internazionali di capitali modificano profondamente l operare del sistema economico. Dopo aver preso

Dettagli

ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO

ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO ESERCIZIO 1 ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO Nell ambito di un'economia di lungo periodo chiusa agli scambi con il resto del mondo, facendo riferimento al mercato dei prestiti, si analizzino

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio

Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio Capitolo 24 Sommario del capitolo 24.1 I diversi regimi dei tassi di cambio 24.2 Tassi di cambio fissi 24.3 Tassi di cambio liberamente fluttuanti 24.4 I sistemi dei tassi di cambio nella realtà *Appendice:

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia 16/06/2005 Corso unico VERSIONE 11 ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO), matricola e corso

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

8 Le politiche di stabilizzazione nel modello IS-LM aperto: assenza di mobilità dei capitali

8 Le politiche di stabilizzazione nel modello IS-LM aperto: assenza di mobilità dei capitali 8 Le politiche di stabilizzazione nel modello IS-LM aperto: assenza di mobilità dei capitali 8.1 Introduzione Nel. 6 abbiamo studiato le determinanti dei valori di equilibrio delle principali variabili

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli