ET SANCTA HELENA IN SUA ROTUNDA. Il mausoleo di Elena e la basilica dei SS. Marcellino e Pietro sulla Labicana - Parte III -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ET SANCTA HELENA IN SUA ROTUNDA. Il mausoleo di Elena e la basilica dei SS. Marcellino e Pietro sulla Labicana - Parte III -"

Transcript

1 Articolo tratto da ImagoRomae ET SANCTA HELENA IN SUA ROTUNDA Il mausoleo di Elena e la basilica dei SS. Marcellino e Pietro sulla Labicana - Parte III - Di Gabriella Cetorelli Schivo Parte I - Parte II Fotografie ed apparato iconografico di Alfredo Corrao Il mausoleo dell Augusta

2 Il mausoleo di Elena si presentava come un edificio a pianta centrale preceduto da un vestibolo rettangolare, situato in posizione obliqua di m per 9.50, e costituito da una rotonda coperta a cupola il cui diametro esterno misurava m Sui restanti tre lati la rotonda era circondata da un muro con portici. La struttura del mausoleo, sia all interno che all esterno, appariva estremamente movimentata nella sue linee architettoniche. Esse, infatti, si articolavano in una sovrapposizione di zone di cui quella inferiore, alta m. 9.60, era costituita da una serie di nicchie sormontate da una zona a finestre, di m. 5.74, sulla quale si impostava la cupola, alta m , cosicché tutto l edificio raggiungeva, complessivamente, l altezza di m La prima zona era costituita, internamente, da quattro nicchie curvilinee e da tre nicchie rettilinee, situate sugli assi principali, mentre quella posta sul lato occidentale venne adoperata come entrata. Tutte le nicchie presentavano una larghezza di circa m. 4.90, ad eccezione della nicchia di fronte all ingresso, che aveva una ampiezza di m. 5.50, ed era, molto probabilmente, quella destinata ad accogliere il grande sarcofago di porfido che conteneva le spoglie di Elena. Anche nelle altre nicchie dovettero probabilmente essere collocati dei sarcofagi. Una scala, posta a sinistra della nicchia maggiore, e coperta alla cappuccia, permetteva l accesso ad un ambulacro esterno situato all altezza delle finestre. All interno tutte le nicchie erano inquadrate da strutture verticali, verosimilmente pilastri, e da archivolti. Esternamente la zona delle nicchie risultava liscia e non suddivisa; essa terminava all altezza dei parapetti delle finestre con una serie di grosse mensole in pietra. Al di sopra di queste, la parete diminuiva di spessore presentando, all esterno, una serie di otto nicchie poco profonde con finestre arcuate che si aprivano in corrispondenza delle nicchie inferiori interne. Le finestre avevano un ampiezza di m mentre gli archi che le chiudevano verso l alto erano profondi m Un altra serie di mensole chiudeva la zona delle finestre al di sopra delle quali si impostava la cupola costruita in opus signinum. Essa risultava articolata in una duplice serie di nervature poste nella parte superiore a partire dall imposta della cupola[1].

3 Nella parte inferiore di essa, sopra l appoggio interno della volta, erano inserite verticalmente due file di anfore (pignatte), a giri concentrici, che hanno dato il nome all edificio. Il loro compito era quello di alleggerire il peso della copertura e contemporaneamente di facilitare l asciugamento del calcestruzzo all interno delle masse murarie[2]. Internamente l edificio non presentava due piani, ma un unica aula spaziosa di m di diametro, sormontata da una calotta che nella parte inferiore è attualmente conservata fino ad un terzo della sua altezza. Deichmann e Tschira hanno potuto ricostruire, in base alla posizione dei fori per i perni, il sistema di decorazione interna del monumento. In tal senso è stato possibile stabilire che la rotonda era coperta, fino all imposta della cupola, da incrostazioni marmoree policrome. Sulla volta sono ancora visibili le tessere di un mosaico in pasta di vetro che probabilmente ne ricopriva tutta la superficie. Sappiamo inoltre che il Bosio, nella cavità delle nicchie, scorse ancora ai suoi tempi un mosaico con figure di santi nimbati, di cui oggi non rimane traccia.

4 Cornici in opus sectile dovettero essere utilizzate per rifinire la linea di imposta delle finestre. Esternamente l edificio era invece tutto intonacato. Interessante è anche l analisi del vestibolo del mausoleo. Questo aveva la forma di un aula rettangolare, lunga quanto era larga in tutto la basilica alla quale si addossava, con pareti di m di spessore. Venendo dalla basilica, la rotonda era accessibile solo attraverso questo atrio, che secondo il Deichmann, comunicava originariamente con il nartece della chiesa tramite una triplice arcata, mentre il Guyon, in base alla localizzazione delle tombe dislocate sul pavimento della basilica, ha avanzato l ipotesi che tale comunicazione dovette avvenire mediante un unica porta larga all incirca m Mentre la conformazione del mausoleo ci è nota in tutti i particolari, l alzato del vestibolo può essere ricostruito solo ipoteticamente, dal momento che la parte occidentale del mausoleo, in cui esso si apriva, è andata completamente distrutta. In tal senso è possibile supporre che il vestibolo raggiungesse la zona delle finestre, come ha ipotizzato il Deichmann in seguito all analisi strutturale dell edificio. Trovandosi ad essere elemento indispensabile di raccordo tra due costruzioni successive, l atrio presentò all inizio una sorta di copertura definita dal Tolotti un dispositivo costruttivamente criticabile. Ed infatti la parete del vestibolo veniva a toccare, su una lunghezza di m. 30, il tetto del nartece, che si inclinava contro di essa in modo tale da implicare una soluzione di ripiego per il deflusso delle acque. Successivamente l attacco venne mutato per poter porre rimedio alle infiltrazioni di acque meteoriche in corrispondenza dei punti più delicati della copertura. A tale proposito, nel nartece, in prosecuzione delle pareti della navata centrale, furono posti dei pilastri in muratura che, secondo Deichmann, furono eretti per sostenere i muri mediante i quali detta nave fu prolungata fino a raggiungere l atrio del mausoleo. In tal modo la linea del tetto del vestibolo veniva a corrispondere a quella della basilica.

5 Probabilmente in questa fase di ristrutturazione il vestibolo e le navate prolungate vennero collegati tramite una grande apertura simile ad un arco trionfale. Modifiche vennero apportate anche al mausoleo, dove si rialzò il cilindro murario e si coprirono i preesistenti gradoni circolari, posti alla base dell estradosso della cupola, mediante un manto di calcestruzzo opportunamente sagomato. Purtroppo non è stato possibile stabilire in quale periodo sia avvenuta tale ristrutturazione dell edificio, che si presenta come un intervento troppo vasto per poter essere messo in relazione ai lavori di restauro dei papi Vigilio e Adriano di cui parlano le fonti. I documenti storici datano il mausoleo all età costantiniana. Tale attribuzione è suffragata dalla scoperta di un bollo laterizio, trovato nella copertura della scala interna, databile al 320 circa, e dalla tecnica muraria dell edificio. Inoltre una moneta, coniata a Roma fra il 324 ed il 326, rinvenuta nella malta del muro interno del mausoleo, confermerebbe questa datazione, specie se si accetta l ipotesi del Deichmann secondo cui vi sarebbe stata posta durante l applicazione delle lastre marmoree. La posizione e la grandezza del mausoleo hanno trovato concordi tutti gli studiosi nell affermare che si tratta di una costruzione imperiale, ed in particolare che questo sia il mausoleo romano, costruito da Costantino il Grande ancor prima della fondazione della nuova capitale d Oriente. Pianta della Basilica dei ss Marcellino e Pietro e del Mausoleo di Elena

6 Ed infatti, dal punto di vista architettonico, l edificio si presenta come un opera della tarda età imperiale, ponendosi come elemento di realizzazione intermedia tra la serie degli edifici rotondi pagani e quella dei monumenti centrali cristiani. La sopravvivenza del significato cultuale della rotonda, nell'altomedieo, è testimoniata dalla presenza di numerose sepolture poste nelle immediate vicinanze del monumento. La posizione della tomba di Elena, ed il perdurare delle pratiche devozionali, furono infatti la causa per cui si continuò a seppellire in questa zona anche dopo la distruzione della basilica e la traslazione delle altre reliquie in città. In tal senso la caducità del mausoleo è da mettere in relazione con il trasporto delle spoglie di Elena in Aracoeli, avvenuto sotto il Pontificato di Innocenzo II [3]. In età tardo-medievale i ruderi della rotonda furono trasformati in fortezza. Fu probabilmente in questo periodo che, nella parete della nicchia rettangolare a sud, fu praticata un apertura che dava sulla strada, mentre le altre nicchie furono usate come abituri. Nel XVII secolo, sulle rovine dell edificio, furono costruite, ad opera del Capitolo lateranense, una chiesa ed una casa parrocchiale. Del mausoleo rimane oggi solo la parte inferiore della metà nord nei suoi elementi costruttivi tipici del IV secolo; nessun resto medievale è invece attualmente visibile.

7 Mausoleo di Elena particolare della muratura e delle pignatte La basilica dei SS. Marcellino e Pietro Il luogo di fondazione della basilica dei SS. Marcellino e Pietro era già stato individuato dal Marucchi nel 1898[4]. Tuttavia fu solo in seguito agli scavi effettuati da Deichmann e Tschira nel 1956 che fu possibile individuare i resti di questo monumento e del complesso di cui faceva parte, costituito da alcuni mausolei[5] - tra cui quello di Tiburzio - dalla rotonda di Elena e da un antica cinta muraria. Gli scavi del Deichmann e dello Tschira, e quelli seguenti del 1974[6] e del 1978[7] hanno permesso di stabilire l anteriorità di queste mura di recinzione rispetto alla basilica, cosicché la prima costruzione sul posto dovette consistere in un grande recinto a pianta rettangolare. La raffigurazione del Bosio[8], che probabilmente vide ancora gli angoli dell antica cinta, lascia supporre che essa fosse chiusa sui quattro lati da portici con colonne o pilastri, e che formasse inoltre, a sud della basilica, una sorta di atrio. Tuttavia non è stato possibile verificare tale ipotesi, come pure non si può

8 provare che il recinto racchiudesse mausolei più antichi, anche se, secondo il Krautheimer[9] l attuale cappella di S. Tiburzio, che è fuori asse e perciò evidentemente anteriore alla basilica, deponga a favore di tale supposizione. La basilica, che venne ad inserirsi nel recinto, era un grande edificio lungo m. 65 e largo m. 29[10]. Essa era preceduta da un nartece nel quale a sud si apriva un ingresso ad arco, largo circa m. 4. All interno l edificio era diviso in tre navate coperte con travature lignee, le quali comunicavano con il nartece mediante una triplice arcata. Le navate minori, la cui lunghezza era circa la metà di quella della navata centrale[11] formavano, nel congiungersi, un deambulatorio la cui esistenza, secondo il Krautheimer, troverebbe conferma anche dalla pianta del Bosio, nella quale l esedra sporgente dal muro di recinzione dovrebbe corrispondere proprio al muro esterno di tale deambulatorio. Il Bosio riporta inoltra una fila di pilastri situati all interno di questo muro, i quali avevano evidentemente la funzione di separare l abside dal prolungamento delle navate laterali. Interessante è pure l ipotesi, formulata sempre dal Bosio, secondo cui proprio al centro del muro absidale esterno doveva trovarsi una grande apertura, definita dall autore ingresso all atrio, fiancheggiata da due piccole nicchie. Secondo il Krautheimer[12] tale apertura potrebbe essere del tipo di quelle che si aprivano lungo il muro del deambulatorio della basilica maior di S. Lorenzo. L ingresso principale della basilica dovette essere quello ad arco ricavato nel muro del nartece, al quale si accedeva tramite un diverticulum della Labicana. Un altro ingresso si apriva probabilmente al centro del muro orientale dello stesso nartece; questo muro, tuttavia, venne distrutto quando il mausoleo di Elena fu addossato alla basilica, rendendo così impossibile la verifica di tale dato. Altri ingressi, secondo il Krautheimer, furono forse aperti nel lato nord del deambulatorio; in questo caso l accesso ad essi sarebbe avvenuto tramite un secondo diverticolo proveniente dalla Labicana. All interno della basilica una serie di finestre poste lungo il perimetro della navata centrale aveva il compito di illuminare l edificio. I numerosi resti di stucchi colorati rinvenuti nel corso degli scavi, fanno ritenere che i muri dell alzato della basilica fossero intonacati e decorati con una sorta di finta incrostazione marmorea. Nessuna traccia è stata trovata del pavimento originario dell aula di culto, costituito probabilmente da lastre tombali[13]. Rifacimenti interessarono il nartece che fu alterato con l inserimento di pilastri, i quali continuavano l allineamento delle arcate delle navate. Secondo il Krautheimer lo scopo di questi pilastri fu quello di portare gli archi attraverso la profondità del nartece, dividendolo così in tre vani corrispondenti alle navate laterali e a quella centrale della basilica. Deichmann e Tschira suggerirono inoltre l idea che questi archi a croce avessero la funzione di sostenere alti muri a continuazione di quelli finestrati della navata centrale. In tal modo, eliminato il nartece, la navata veniva a diretto contatto con il vano di ingresso al mausoleo di Elena. La comunicazione avvenne probabilmente tramite una grande apertura creata in sostituzione delle tre arcate precedenti, dando così al complesso un nuovo centro nella tomba dell Augusta.

9 Il Liber Pontificalis attribuisce a Costantino ed al pontificato di Silvestro la costruzione della basilica[14]. Gli scavi eseguiti nel 1956 e quelli successivi hanno confermato l attendibilità delle testimonianze storiche, situando l edificio, dal punto di vista cronologico, ai primi anni di regno dell imperatore.

10 Nella seconda metà del IV secolo il complesso dovette raggiungere la sua massima espansione, come prova il rinvenimento di numerosi mausolei datati a questo periodo, sorti a nord ed a sud della basilica. Un primo restauro fu apportato al monumento da Papa Onorio I ( )[15], ma le traslazioni dei corpi dei santi dalla vicina catacomba, divenute sempre più frequenti nel IX secolo, fecero sì che la basilica venisse gradualmente abbandonata. In età medievale sul luogo occupato dalla basilica dei SS. Marcellino e Pietro sorse un area cimiteriale. Gabriella Cetorelli Schivo NOTE [1] Per giustificare l esistenza dei possenti pilastri costruiti a sud ed a nord dei muri laterali della rotonda, il Guyon ha invece proposto che la volta fosse a crociera (Guyon et alii, Basilique, p. 1018). [2] Si tratta di una tecnica costruttiva ben nota agli architetti romani, che offre notevoli punti di confronto non solo nel territorio dell impero, ma

11 anche nella stessa capitale. Essa nasce dall esigenza di applicare il sistema romano della volta su grandi costruzioni in cui l uso di materiale leggero, oltre a rendere relativamente modesta l azione di spinta, aveva anche il compito di semplificare l enorme armatura su cui veniva a poggiarsi la cupola (Giovannoni, S. Costanza, pp. 213 ss.). Tale procedimento, iniziato con l impiego di pomici vesuviane nella volta del Pantheon, avrà larga applicazione durante tutto il periodo dell impero (si vedano, ad es., le Terme Stabiane di Ercolano, la c.d. Minerva Medica a Roma e l heroon di Romolo sull Appia) e diverrà frequente nel V secolo, durante il quale prevarrà l uso di vasi appositamente costruiti con la punta collegantesi a bicchiere con gli elementi successivi. Questa tecnica sarà continuata e perfezionata anche in ambito bizantino, ove anfore in argilla saranno usate non solo nei rinfianchi delle volte, ma anche nella costruzione vera e propria di cupole. [3] Acta Sanct., Augusti III, p [4] Marucchi, Cripta, p [5] Si tratta di una serie di piccoli mausolei che vennero ad addossarsi alla basilica. Tra essi vanno menzionati un mausoleo rotondo in opus listatum, scavato dallo Stevenson nel 1896 (Deichmann-Tschira, Mausoleum, p. 55) nel quale sono stati rinvenuti i resti di un sarcofago ancora in situ, ed il mausoleo conservato nell attuale cappella di S. Tiburzio di cui già il Bosio diede la pianta (Bosio, R.S., p. 325). [6] Guyon, Recherches, pp [7] Guyon et alii, Basilique, pp [8] Bosio, R.S., p [9] Krautheimer, Corpus II, p [10] La lunghezza è calcolata comprendendo il nartece (Deichmann- Tschira, Mausoleum, p. 510). [11] Il Deichmann e lo Tschira stabilirono l altezza della navata centrale in m e quella delle navate minori in m (Mausoleum, p. 55). [12] Krautheimer, Corpus II, p [13] L ipotesi è del Krautheimer (Corpus II, pp ). E peraltro d obbligo il riferimento alle altre basiliche cimiteriali con deambulatorio del suburbio romano, tutte identificate nella loro funzione di coemetria subteglata. [14] L.P. I, pp [15] L.P. I, p Bibliografia essenziale G. Cetorelli Schivo, Mausolei imperiali e reali di età costantiniana a Roma, Roma 1995 J. Drijvers, Helena Augusta. The Mother of Konstantine the Great and the Legend of her Finding of the True Cross, Leiden1992 M. Torelli, Le basiliche circiformi di Roma. Iconografia, funzione, simbolo, in Milano Capitale 1990, pp

12 Bibliografia generale Acta Sanctorum quotquot toto urbe coluntur, Parisiis et Romae 1863 A. Alföldi, Costantino tra paganesimo e cristianesimo, trad. it, Roma, Bari T. Ashby, La campagna romana nell età classica, Milano 1982 T. Ashby, G.Lugli, La villa dei Flavi cristiani ad duas lauros e il suburbano imperiale ad Oriente di Roma, in Memorie PARA 2, 1928,pp T.D. Barnes, Constantine and Eusebius, Cambridge (Mass.) A. Bosio, Roma sotterranea, presentazione di Vincenzo Fiocchi Nicolai. Roma 1998 G. Bonamente, F. Fusco (a cura di ) Costantino il Grande dall Antichità all Umanesimo, voll. I e II, Macerata B. Bleckmann, Konstantin der GroBe, Hamburg 1996 J. Burckhardt, L età di Costantino, (1853), trad. it. Firenze 1957 C. Cecchelli, Mausolei imperiali e reali del Basso impero e dell Alto medioevo, Roma, 1940 M. Clauss, Konstantin der GroBe und seine Zeit, Munchen 1996 M. Cullhed, Conservator Urbis suae. Studies in the politics and propaganda of the Emperor Maxentius, Stockholm 1994 M. D Auria, Vita di Costantino di Eusebio di Cesarea, in Quaderni di Koinonia, Roma 2001 F.W. Deichmann, A.Tschira, Das Mausoleum der Kaiserin Elena und die Basilica der Hilungen Marcellinus und Petrus an der via Labicana vor Rom, Berlin 1957 L. Duchesne, Liber Pontificalis = Le Liber Pontificalis, Texte, introduction et commentaire par l Abbé L. Duchesne, Paris, Éditions E. De Boccard, 1981, tome I (Réimpression conforme à l édition de 1955) Eusebius Caesariensis, De Vita Constantini imperatoris, in PG 20, II, 1857, coll P.A. Fevrier, Roma. Il prestigio della città pagana, in Storia di Roma 1993, III, 1, pp M.G. Filetici, L. Vendittelli, Il progetto e il cantiere del Mausoleo di S. Elena, Roma 2002 V. Fiocchi Nicolai, Strutture funerarie ed edifici di culto paleocristiani di Roma dal III al VI secolo, in Iscrizioni dei Cristiani, Roma 1997, pp A. Fraschetti, La conversione. Da Roma pagana a Roma cristiana, Roma-Bari 1999 G. Giovannoni, La cupola di Santa Costanza e le volte romane a struttura leggera, in Atti del IV Congr. Naz. St. Romani (Roma ottobre 1935), Roma 1938 pp J. Guyon, Dal praedium imperiale al santuario dei martiri. Il territorio ad duas lauros, in Società romana 1986, II, pp J. Guyon, La topographie et la cronologie du cimitiere inter duas lauros, in Dekers- Seeliger- Mietke1987, pp J. Guyon, Le cemetière aux deux lauriers: Recherches sur les catacombes

13 romaines, Roma J.Guyon et alii, Recherches autour de la Basilique constantinienne des saints Pierre et Marcellin sur la vie Labicana à Rome: le mausolée et l enclos au nord de la basilique, in MEFRA 92,II pp J. Guyon, Stèles funéraires d Equites singulares trouvées au cimetière inter duas lauros, in RAC 53 (1977) pp Tertullians Apologeticum, Leipzig 1910 R. Krautheimer, Tre capitali cristiane, (trad. it.),torino R. Krautheimer, Corpus basilicarum christianarum Romae : the early Christian basilicas of Rome (IV-IX cent.) Città del Vaticano R. MacMullen, Constantine, London E. Martinori, Lazio turrito. Ricerche di storia medievale. I-III, Roma O. Marucchi, La cripta storica della Basilica dei SS. Marcellino e Pietro recentemente scoperta sulla via Labicana, in NBAC 4, 1898, pp S. Mazzarino, L impero romano, 3 voll. Roma-Bari,1984. S. Mazzarino, Antico, Tardoantico ed Era costantiniana, 2 voll., Bari I. Morris, Burial and Ancient Society. The rice of the greeck city-state, Cambridge V.Neri, Medius princeps. Storia e immagine di Costantino nella storiografia latina pagana, Bologna 1992 C. Pietri, La Roma cristiana, in Storia di Roma, 1993, pp H.A. Pohlsander, The Emperor Constantine, London 1996 Procopius Caesariensis, De Aedificiis cum duobus indicibus et appendice, recognovit J. Haury, in Bibl. Teubn. 3,II ( 1913) J.J. Rasch, Zur Konstruction spatanticher Kuppeln vom 3, bis 6, Jahrhundert, Jdl, 106, 1991, pp J.J. Rasch, Das Mausoleum der Kaiserin Helena in Rom und der Tempio della Tosse in Tivoli, Mainz G.T. Rivoira, L architettura romana, costruzione e statica in età imperiale, Milano 1921 W.N. Schumacher, Die Konstantinischen Exedra-Basiliken, in Guyon 1987 a, pp D. Srejovic, C. Vasic, Imperial mausolea and consecration memorials in Felix Romuliana (Gamzigrad, East Serbia), Beograd A. Schnapp, Gourbeillon, Les funérailles de Patrocle, in G. Gnoli- J.P. Vernant, L idèologie funeraire. La mort, les morts dans les sociètes anciennes, 1982, pp F. Tolotti, Le basilcihe cimiteriali con dembulatorio del suburbio romano: una questione ancora aperta in MDAI 89, 1982,pp G. Tomassetti, La campagna romana antica medievale e moderna a cura di L.Chiumenti F. Bilancia, Roma 1979 L. Vendittelli, Il mausoleo di Sant Elena, Roma Articolo tratto da ImagoRomae di Gabriella Cetorelli Schivo

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 7 Agli albori della Roma cristiana. Da San Giovanni in Laterano a Santa Croce in Gerusalemme

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 7 Agli albori della Roma cristiana. Da San Giovanni in Laterano a Santa Croce in Gerusalemme Itinerari romani Comune di Roma Turismo 7 Agli albori della Roma cristiana Da San Giovanni in Laterano a Santa Croce in Gerusalemme Roma per te Collana di informazioni del Comune di Roma Realizzazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME M. Piccirillo Nella primavera del 1992 un antiquario della Città Santa presentò al Museo dello Studium Biblicum uno stampo per eulogia in pietra, a suo dire,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 6 Tra boschi e acquedotti. Il Celio

Itinerari romani. Comune di Roma Turismo. 6 Tra boschi e acquedotti. Il Celio Itinerari romani Comune di Roma Turismo 6 Tra boschi e acquedotti Il Celio Roma per te Collana di informazioni del Comune di Roma Realizzazione a cura: Testi: Coordinamento editoriale: Progetto grafico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli