Indice. 1 Le operazioni della Banca Centrale Errore. Il segnalibro non è definito.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Le operazioni della Banca Centrale ------------------------- Errore. Il segnalibro non è definito."

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI POLITICA ECONOMICA LEZIONE IX LE POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI PROF. GAVINO NUZZO

2 Indice 1 Le operazioni della Banca Centrale Errore. Il segnalibro non è definito. 2 L'equilibrio del mercato monetario Errore. Il segnalibro non è definito. 3 Il controllo della Banca Centrale sull offerta di moneta - Errore. Il segnalibro non è definito. 4 L Italia nel SEBC Errore. Il segnalibro non è definito. 2 di 30

3 1 Le politiche per la bilancia dei pagamenti A partire da questa lezione intraprendiamo un discorso complicato dalla presenza del commercio estero, fattore finora trascurato o trattato incidentalmente. Il suo rilevo è tale che in macroeconomia, tradizionalmente, si distinguono i sistemi economici in economie aperte o chiuse, a seconda dell'esistenza o meno di scambi commerciali tra il Paese di riferimento e il resto del mondo. Questa distinzione è destinata a diventare sempre più anacronistica e da manuale, mentre le relazioni economiche tra le diverse aree geografiche si intensificano e si sviluppano forme di interdipendenza in virtù delle quali, qualsiasi evento politico, economico o sociale, determinatosi in una certa zona, immancabilmente, irradia le sue ripercussioni su quello che oramai può definirsi il sistema-mondo. È per questo che gli economisti sono attenti ad ogni piccolo cambiamento, mentre decisioni di operatori economici di Paesi stranieri diventano variabili cruciali per le previsioni dell'andamento economico nazionale. I canali attraverso cui si concretizza questa interdipendenza planetaria, sono essenzialmente due: gli scambi di beni e servizi e i mercati finanziari. L'esistenza dell' import-export influenza le curve di domanda e offerta aggregate, mentre le diversità tra i tassi di rendimento nei vari Paesi provocano gli spostamenti dei capitali di investimento. 3 di 30

4 2 L'equilibrio interno e l'equilibrio esterno Il movimento internazionale dei beni e dei capitali, generato da variazioni del livello dei prezzi e del tasso di rendimento dei singoli Paesi e le sue ripercussioni sulla bilancia dei pagamenti costringono gli Stati a valutare due diverse condizioni di equilibrio: 1) l'equilibrio interno che caratterizza la condizione di pieno impiego delle risorse; 2) l'equilibrio esterno che caratterizza la condizione di pareggio della bilancia dei pagamenti Spesso la determinazione dello Stato di raggiungere uno dei due equilibri può attuarsi a scapito dell'altro. Per comprendere meglio quest'ultima affermazione, si consideri, ad esempio, il caso di una riduzione del tasso di interesse nazionale, questa, favorendo i programmi di investimento, rappresenta una politica di rilancio del reddito e dell'occupazione. Complicando l'analisi con l'introduzione del mercato internazionale ed analizzando le registrazioni della bilancia dei pagamenti, potremmo, contestualmente riscontrare che, qualora il tasso di rendimento nazionale si abbassi al di sotto di quello medio internazionale, verrà a determinarsi una fuga di capitali dal Paese, controproducente rispetto alla crescita dell'occupazione. Più in generale, un perdurante squilibrio della bilancia dei pagamenti non è mai sostenibile nel lungo periodo in quanto esso comporta, alternativamente, o una emorragia di valuta estera ovvero un accumulo indesiderato di moneta straniera dagli esiti inflazionistici. Prima o poi le autorità centrali dovranno prendere provvedimenti per riportare la bilancia dei pagamenti in una situazione di equilibrio. 4 di 30

5 3 Il pareggio della bilancia dei pagamenti Le Banche centrali si impegnano, attraverso le variazioni delle riserve ufficiali in valuta estera ad assicurare il pareggio della bilancia commerciale. Le operazioni eseguite a questo scopo sono diverse a seconda che le Banche operino in sistemi a cambi fissi, ovvero flessibili, spieghiamo le differenza tra i due sistemi prima di procedere nell'analisi dei meccanismi di aggiustamento. 1) Il regime di cambio fisso In questa situazione il valore di una determinata valuta estera viene espresso in termini di valuta nazionale. In altri termini, la Banca centrale si impegna a fornire qualsiasi ammontare di quella valuta estera come corrispettivo di un valore di valuta nazionale assegnato. Negli anni Settanta la Banca d'italia pagava ogni dollaro a L. 625 (0,62 centesimi di euro), ciò tendeva a livellare i prezzi tra i vari Paesi in quanto era sempre possibile, assicurata la fissità del cambio, operare un paragone diretto tra una stessa merce, ad esempio un chilo di mele, acquistata negli Stati Uniti o in Italia e nessuno avrebbe acquistato mele negli Stati Uniti ad un prezzo maggiore di quello che avrebbe dovuto pagare in Italia trasformando l'equivalente di dollari in lire. Affinché possa perdurare il regime di cambio fisso, occorre però che la Banca centrale abbia a disposizione una adeguata quantità di riserve in valuta estera, soltanto così potrà all'occorrenza riversare tali riserve sul mercato evitando la rivalutazione della divisa straniera nel caso in cui le esportazioni superino le importazioni, ovvero una svalutazione della divisa straniera quando accade il contrario. Per comprendere meglio questo concetto, spieghiamo che una divisa estera rappresenta sul mercato nazionale una merce come qualunque altra. Se i beni di un certo Paese iniziano ad essere molto richiesti, gli operatori nazionali inizieranno a domandare quantità crescenti della valuta straniera per poter onorare i debiti che sorgono con i contraenti esteri. La domanda di valuta estera farà aumentare il suo prezzo per la legge della scarsità e la Banca centrale sarà in grado di assicurare la fissità dei cambi solo fino a quando potrà immettere quantità crescenti di valuta straniera per impedire che la sua scarsità ne faccia aumentare il prezzo. Se la situazione persiste, costatata l'assottigliarsi di riserve la Banca centrale deciderà di non convertire più la valuta nazionale in estera a quel cambio fissato, e svaluterà la propria divisa, ossia fisserà un valore di cambio più basso. 5 di 30

6 La stabilità dei cambi è sempre stato un obiettivo della Unione Europea che, per molti anni, prima di arrivare alla unione monetaria, fissava percentuali di scostamento dal valore di cambio ufficiale molto bassi tra le monete degli Stati appartenenti all'unione. Oggi il problema è in larga misura risolto con la moneta unica, almeno all'interno dell'eurosistema. La stabilità dei cambi è un obiettivo della politica monetaria in quanto solo in questo modo il commercio estero diventa sicuro e si evitano pericolose fluttuazioni che rendono instabili le economie nazionali. 2) Il regime del cambio flessibile o fluttuante In questo secondo caso si verifica esattamente l'opposto di quanto accade nel primo. Le Banche centrali non intervengono nei mercati acquistando o vendendo valuta estera e lasciano che sia il gioco della domanda e dell'offerta a stabilire il prezzo della divisa estera, ossia quel livello di cambio a cui la quantità di moneta straniera domandata uguaglia quella offerta. Questo comportamento da parte della Banca centrale assicura il costante pareggio della bilancia dei pagamenti realizzato attraverso fluttuazioni del tasso di cambio e configura la condizione di fluttuazione pura. Accanto a essa è stata rilevata un'altra forma di fluttuazione dagli economisti, detta amministrata o sporca (dall'inglese dirty float). In questo caso le banche intervengono a un certo punto nei mercati per motivi che esamineremo in seguito. A prescindere dal regime di cambio, la quotazione può essere di due tipi, certo per incerto, e incerto per certo. Definiamo quotazione come il prezzo della divisa estera espresso in valuta nazionale, quando questa viene definita certo per incerto significa che a fronte di una unità di divisa nazionale (certo) varia la quantità di moneta estera convertibile, al contrario, nella quotazione incerto per certo varia la quantità di moneta nazionale necessaria a procurarsi una unità della divisa estera. Sebbene le divise straniere siano molto numerose, è possibile derivare il cambio tra due monete una volta note le quotazioni di entrambe rispetto ad una terza divisa (cross rate). Le operazioni di arbitraggio consentono l'integrazione tra i mercati valutari impedendo agli speculatori di lucrare su eventuali discrepanze tra i cambi su due differenti sottomercati valutari. Ad esempio una differenza tra il rapporto euro/dollaro sulla piazza di Milano, rispetto a quella di New York verrebbe immediatamente corretta. Prima di abbandonare questo paragrafo riportiamo alcune definizioni terminologiche. Occorre distinguere tra deprezzamento/apprezzamento e svalutazione/rivalutazione. I primi due 6 di 30

7 termini si riferiscono al regime di cambi flessibili e indicano variazioni del - valore di una divisa estera in aumento o in diminuzione prodotte da movimenti autonomi dei mercati. Gli altri due termini si riferiscono invece a variazioni, sempre in aumento o in diminuzione del valore del cambio, determinatisi questa volta in seguito a deliberazioni della Banca centrale. In via generale e in assenza di condizioni specifiche, la relazione tra svalutazione/ deprezzamento, reddito nazionale ed estero e bilancia commerciale è la seguente: la bilancia commerciale migliora se la moneta nazionale viene svalutata o deprezzata o se il reddito estero aumenta, un aumento del reddito nazionale,invece fa peggiorare la bilancia dei pagamenti. Le ragioni di quanto testé affermato sono le seguenti: a fronte di una svalutazione/ deprezzamento della moneta nazionale, i beni diventano più competitivi sui mercati nazionali e le esportazioni aumentano e viceversa; similmente le esportazioni aumentano quando aumenta il reddito estero e con esso la domanda degli operatori stranieri. Di converso un aumento del reddito nazionale comporta il peggioramento della bilancia commerciale se nel paese vi è un'alta propensione marginale ad importare. Definiamo propensione marginale ad importare, la quantità di reddito marginale che viene impiegata nell'acquisto di merci straniere, questa percentuale indica quale parte dell'incremento del consumo nazionale non contribuisce all'aumento del reddito nazionale. 7 di 30

8 4 L'influenza del mercato estero sul movimento di capitali L'infittirsi delle relazioni economiche internazionali, fenomeno che ha oramai raggiunto l'eccezionale effetto della globalizzazione, produce l'elevata integrazione dei mercati finanziari. In quasi tutte le economie moderne è consentita l'esportazione di capitali, ossia la possibilità di acquistare titoli ed attività finanziarie all'estero quando il tasso di rendimento renda più conveniente un simile tipo di operazione. Gli investitori affacciandosi sui mercati finanziari integrati valuteranno le attività più remunerative ed acquisteranno i relativi titoli senza restrizioni. Tutto ciò alla lunga conduce, inevitabilmente, al livellamento del tasso di rendimento su scala mondiale. Differenziali limitati tra i tassi di rendimento di diversi Paesi sono sempre possibili e dipendono da fattori di rischio che possiamo racchiudere in tre diverse categorie principali: 1) rischi connessi a possibili modifiche dei tassi di cambio. Questi rischi trovano contromisure adeguate nei contratti cosiddetti future che garantiscono un determinato tasso di cambio tra valute ad un certo momento futuro, a fronte, naturalmente di un costo. 2) differenze nei sistemi fiscali. Ogni Paese sottopone i redditi da capitale ad una forma di tassazione differenziata che finisce con l'incidere sul rendimento netto; quest'ultimo elemento sarà oggetto di valutazione da parte degli investitori internazionali ed è su questo fattore che si andrà a sviluppare il processo di livellamento sopra descritto. 3) rischi connessi a perturbazioni politico-economiche nel Paese di emissione del titolo. Ogni Paese presenta un certo grado di affidabilità internazionale, ossia in alcuni Paesi sono più probabili che altrove le evenienze di insolvenza o di sconvolgimento del quadro politico che producono ripercussioni economiche e fiscali. Questi elementi sono tenuti debitamente in conto dagli investitori nelle loro strategie di assunzione dei rischi. In ogni caso, il tasso di rendimento interno del Paese non può risultare drasticamente diverso da quello medio internazionale. Se ciò non accade, si generano flussi di capitali verso il Paese che remunera il capitale in misura maggiore della media internazionale e dal Paese che presenta un tasso di rendimento inferiore rispetto a quello medio internazionale, tali flussi influenzano la bilancia dei pagamenti 8 di 30

9 e producono ripercussioni su tutte le principali variabili macroeconomiche: reddito, occupazione, tasso di interesse. L'introduzione delle relazioni economiche internazionali aggiunge un ulteriore grado di difficoltà all'analisi delle politiche economiche e monetarie. Vedremo qui di seguito cosa accade nelle diverse ipotesi e come si modificano le strategie di politica economica in presenza del commercio estero. 9 di 30

10 5 Perturbazioni del mercato reale (dei beni e dei servizi) Consideriamo il caso in cui, a partire da una condizione di equilibrio, si verifichi una crescita esogena della domanda estera di beni e servizi, ossia una crescita imprevista delle esportazioni. Fermi restando, al tempo iniziale, il tasso d'interesse, il tasso di cambio e la domanda interna, l'offerta aggregata risulta inferiore alla domanda aggregata. Si osservi la figura IS Produzione La bilancia dei pagamenti e l'aumento delle esportazioni Tornando a ragionare nello schema noto della IS-LM, aggiungiamo la retta BP che, al tasso di interesse internazionale i f, assicura l'equilibrio della bilancia dei pagamenti. Dal punto di vista analitico la-retta BP viene espressa come: i BP = NX (Y, Y f, R ) + CF (i - if) Dove NX indica l'avanzo della ' bilancia commerciale, dipendente dal reddito nazionale, Y, dal reddito estero Y f e dal tasso di cambio R, mentre CF rappresenta l'avanzo del conto 10 di 30

11 capitali, dipendente dal tasso di rendimento del capitale all'interno del Paese (i) ed internazionale (i f ). La condizione dell'equilibrio esterno è data da: BP = NX (Y, Y f, R ) + CF (i - if) = 0 La pressione esercitata dalla domanda aggregata dovrebbe spingere la IS in IS, e condurre ad un nuovo punto di equilibrio E,. In E I risultano aumentati sia il livello della produzione che la domanda di moneta e, quindi, il tasso di interesse. In realtà l'equilibrio in E l non sarà raggiunto poiché tale equilibrio non si trova sulla retta BP, ossia in esso si registra uno scompenso nella bilancia dei pagamenti. La nuova domanda di esportazioni sortirà semplicemente l'effetto di far rivalutare la moneta, mentre la produzione rimarrà al livello E. Come avviene il processo di aggiustamento? Possiamo immaginare che a partire da un aumento delle esportazioni si determini una tendenza alla crescita della produzione e del reddito che provoca un aumento del tasso di interesse, via aumento della domanda di moneta. Il nuovo e più alto tasso di interesse attirerà capitali stranieri e farà aumentare il valore del cambio. La nuova situazione rende più convenienti le importazioni e più cari i prodotti nazionali. Fino a quando il tasso di interesse nazionale si mantiene più alto di quello internazionale vi saranno apprezzamenti del cambio. Tutto ciò provocherà una riduzione delle esportazioni (ora più costose) ed un aumento delle importazioni (ora più convenienti), le esportazioni nette tendono a rientrare nei valori antistanti la perturbazione. L'equilibrio sarà raggiunto tornando all'iniziale punto E. In altri termini, in un regime di cambi flessibili, un aumento delle esportazioni conduce ad una rivalutazione della moneta, lasciando invariati il livello di produzione, di occupazione e di esportazioni nette. Notiamo che l'aumento delle esportazioni è un evenienza, dal punto di vista macroeconomico, del tutto simmetrica a quella di una qualsiasi manovra di politica fiscale espansiva. Anche la riduzione delle tasse, 01' aumento della spesa pubblica, incrementando la domanda aggregata, non sortiscono effetti sulla produzione, ma soltanto sul tasso di cambio. Cosa avviene, invece, in un regime di cambi fissi? Se i cambi sono fissi, la Banca centrale per evitare la rivalutazione della moneta dovrà espandere la base monetaria, ciò provoca una riduzione del tasso di interesse che continua fino a quando quest'ultimo torna al suo livello di equilibrio originario. Tale livello annulla le attrattive 11 di 30

12 esercitate sul mercati finanziari internazionali ed i conseguenti afflussi di capitali. In tal modo l'aumento delle esportazioni potrà effettivamente aumentare il livello del reddito secondo la regola del moltiplicatore. 12 di 30

13 6 Perturbazioni del mercato monetario Concentriamoci adesso sull'ipotesi di un espansione della offerta monetaria, determinata dalla Banca centrale in regime di cambi flessibili. Ci serviremo ancora una volta dello schema IS- LM. Osservando la figura 14.13: 0 F`= Produzione Fig. 14.B - Variazioni dell'offerta di moneta si parte da un iniziale equilibrio del punto E, il tasso di interesse nazionale i coincide con quello internazionale i f. L'accresciuta offerta di moneta, in costanza del livello dei prezzi, sposta la LM in LM I. La quantità di moneta aggiuntiva, per essere assorbita dal mercato richiede un tasso di interesse più basso o un reddito più elevato. Il primo effetto si verifica sul tasso di interesse, il nuovo equilibrio si ritrova in corrispondenza del punto E I che prevede un tasso di interesse interno più basso. Quando i si riduce rispetto ad i,, gli investitori daranno il via ad una serie di disinvestimenti, ossia il Paese registrerà una fuga di capitali. Questo episodio genera un deprezzamento della divisa nazionale che rende più vantaggiose le esportazioni e riduce le importazioni. Finalmente si avranno ripercussioni nel mercato reale, infatti l'aumento delle esportazioni farà aumentare la produzione e l'occupazione spostando la IS in alto e a destra fino a condurre il sistema nel punto E z dove il tasso di interesse i sarà allineato a quello internazionale, mentre la produzione risulterà accresciuta. 13 di 30

14 Cosa sarebbe accaduto in regime di cambio fisso? In maniera simmetrica, rispetto allo scenario esaminato al punto precedente, sotto il regime dei cambi fissi non si sarebbe ottenuto alcun effetto reale. Non potendo aver luogo il deprezzamento e in assenza di svalutazione da parte della Banca centrale, quest'ultima avrebbe continuato a riversare sul mercato le riserve in valuta estera per fronteggiare il peggioramento della bilancia dei pagamenti e, alla fine, avrebbe dovuto operare una stretta creditizia per riportare il tasso di interesse nazionale a livello di quello internazionale. 14 di 30

15 7 Il deprezzamento e la svalutazione Si ricordi che la differenza fondamentale tra deprezzamento e svalutazione consiste nel regime di cambi entro cui ci muoviamo. Infatti, entrambi i meccanismi si riferiscono ad una perdita di valore della valuta nazionale rispetto a quelle estere, ma mentre il deprezzamento avviene spontaneamente sul mercato valutario in regime di cambi flessibili, la svalutazione viene stabilita dalla Banca centrale come modifica rispetto ad un valore di cambio precedentemente fissato. Il meccanismo della svalutazione può essere deliberatamente attuato come misura di politica economica, allo scopo di produrre la crescita delle esportazioni nette, della produzione e della occupazione. Quando ciò avviene, gli economisti parlano di beggar the neighbor, ossia di rapinare il vicinato. La locuzione, per la verità un po' forte, vuole sottolineare che la svalutazione della divisa nazionale rende le merci più concorrenziali e potenzialmente provoca l'esportazione della disoccupazione in quanto la domanda internazionale si sposterà verso il Paese che ha svalutato a scapito degli altri. Precisiamo per correttezza analitica che non necessariamente la svalutazione risulta lesiva nei confronti delle economie straniere, non accade, in quei casi in cui in qualche Paese estero si sperimenti una fase di sovraoccupazione, fenomeno che presagisce l inflazione da domanda. Se, dunque, due Paesi si trovano in fasi diverse del ciclo economico, quello che vive una recessione, attraverso la svalutazione potrà contemporaneamente migliorare la propria economia ed aiutare il partner commerciale in sovraoccupazione ad evitare meccanismi inflazionistici. Poiché, tuttavia, l'economia mondiale, proprio in virtù della diffusione delle relazioni economiche internazionali, tende ad essere livellata ad uno stesso stadio del ciclo economico, quest'ultima ipotesi si verifica difficilmente, mentre sono più frequenti le svalutazioni competitive attuate dagli Stati per favorire i propri commerci a detrimento reciproco. Quando un Paese sperimenta un persistente disavanzo della bilancia dei pagamenti diventa molto difficile la messa a punto di politiche economiche che non peggiorino alcuni settori dell'economia allo scopo di riportare l'equilibrio esterno. In passato si ricorreva molto spesso alla imposizione di tariffe, dazi e quant'altro per rendere artificiosamente più costose le importazioni e, talvolta, per favorire la produzione ed il consumo di prodotti interni succedanei. Queste misure, che si collegano ad un regime di scambi protezionistico, sono state messe al bando, quasi completamente, da accordi bilaterali o 15 di 30

16 multilaterali tra diversi Stati, ispirati ai dettami del libero scambio, tra i principali accordi ricordiamo: il GATT (General Agreement on Tariffs and Trade) che impegna anche gli Stati Uniti, Paese tradizionalmente protezionista e 1'IMF (International Monetary Fund o anche Fondo monetario internazionale FMI) che favorisce gli scambi con l'estero finanziando i Paesi in difficoltà allo scopo di prevenire l'introduzione di misure protezionistiche. Altri sistemi di riequilibrio della bilancia dei pagamenti fanno largamente uso di misure restrittive, che vanno a colpire il consumo e la spesa pubblica, in modo da ridurre le importazioni. I risultati di queste contromisure sono spesso altamente nefasti per l'economia, andando ad incidere negativamente sul reddito e sull'occupazione. La svalutazione diventa, quindi, il sistema riequilibratore più innocuo e di semplice utilizzo, essa generalmente si accompagna a manovre monetarie e/o fiscali restrittive. Dopo aver svalutato, le merci estere diventano più costose e quelle nazionali più competitive sul mercato estero segue una necessaria riallocazione della spesa nazionale che privilegia i prodotti interni che adesso dovrebbero risultare maggiormente richiesti anche all'estero. La svalutazione, attuabile in un regime di cambi fissi, è uno strumento di politica economica, strumento inesistente nel regime di cambi flessibili. Tuttavia si deve precisare che quest'ultimo soltanto raramente opera nel concreto, in quanto, ad un certo punto, le Banche centrali intervengono sui mercati per influenzare i cambi. Altra precisazione tiene conto della differenza tra svalutazione reale e svalutazione nominale, infatti vi sarà una svalutazione reale, in grado di produrre gli effetti sopraesposti, soltanto se la svalutazione non viene compensata da un aumento dei prezzi interni dovuto ad un processo inflazionistico che ne annulla gli effetti in termini di competitività. In presenza di inflazione, infatti, i beni nazionali, possono risultare all'estero più costosi, nonostante la svalutazione. 16 di 30

17 8 Il deprezzamento e la svalutazione in presenza di inflazione Per quanto detto in chiusura del precedente punto: l'inflazione è un grosso problema per il commercio internazionale. Poiché i diversi Paesi non registrano identici tassi di inflazione, quelli che sperimentano un processo inflazionistico più severo risultano svantaggiati, oltre che da altri punti di vista, già analizzati nel capitolo dodicesimo, anche nel commercio internazionale, dove riscontrano una progressiva perdita di competitività. Onde porre rimedio a ciò vengono stabiliti tassi di cambi con parità mobile. In presenza di questo correttivo, il tasso di cambio viene deprezzato proporzionalmente al differenziale tra il tasso di inflazione dei Paesi che intrattengono rapporti commerciali. Alcuni Paesi rinunciano volontariamente a questa misura correttiva in modo da rallentare l'inflazione. Ciò accade quando i beni importati che registrano aumenti più contenuti rispetto a quelli nazionali, rientrano nel paniere di beni utile a stabilire il tasso di inflazione, essi riducono fittiziamente questo tasso, scontando il Paese una perdita secca in termini di competitività. Alla lunga questo comportamento può generare crisi valutarie ed è per questo fortemente sconsigliato dagli economisti. 17 di 30

18 9 Il meccanismo di pass through, ovvero il trasferimento delle variazioni del cambio sui prezzi Affinché la svalutazione o il deprezzamento possano sortire gli auspicati effetti di rilancio sull'economia occorre che i prezzi delle esportazioni si adeguino al nuovo rapporto di cambio (pass through), e ciò deve avvenire in maniera generalizzata per tutti i mercati delle merci di esportazioni e per tutti gli operatori di commercio estero. Poiché, normalmente, le condizioni di concorrenza perfetta non risultano verificate e i produttori godono di un certo potere sul livello dei prezzi, il trasferimento in oggetto solitamente non avviene in maniera completa, vediamo diverse eventualità: - massimizzazione del profitto. Se l'impresa esportatrice persegue la finalità di massimizzazione del profitto, a fronte di un peggioramento del regime di cambio dovrà valutare se sia il caso o meno di ridurre il prezzo nella stessa proporzione in cui si è ridotto il cambio (trasferimento completo). In questo calcolo il riferimento principale è quello della elasticità della domanda, quanto più essa sia rigida, tanto meno risulta conveniente trasferire la variazione del cambio e viceversa. A fronte di una domanda completamente rigida, l'esportatore non ha alcun interesse a ridurre il prezzo ed anzi registra un aumento del profitto unitario e complessivo in quanto dopo la svalutazione o il deprezzamento, la valuta estera che ottiene dalla vendita del prodotto vale di più in territorio nazionale. La riduzione del prezzo avviene soltanto in presenza di una domanda elastica; - economie di scala, se l'esportatore gode di economie di scala avrà convenienza ad allargare la produzione riducendo il prezzo, in quanto il profitto unitario potrebbe restare invariato, o addirittura aumentare; - impresa razionata dal lato della domanda, può verificarsi che l'impresa esportatrice disponga di capacità inutilizzata a causa della carente domanda sia interna che esterna. In questi casi si dice che l'impresa è razionata. Il trasferimento non andrebbe a ridurre il profitto unitario, poiché la maggiore produzione abbasserebbe il costo fisso, molto elevato a causa della capacità sottoutilizzata; - elasticità dell'offerta. La facoltà di un'impresa esportatrice di estendere le vendite a fronte di un peggioramento del rapporto di cambio, dipende dalla sua capacità di allargare la produzione. Normalmente tale capacità si possiede quando esistono risorse inutilizzate e 18 di 30

19 disoccupazione, al di fuori di queste ipotesi, l'aumento della domanda estera a seguito del pass through è controproducente e può provocare un processo inflattivo. 19 di 30

20 10 Altri aspetti della svalutazione In quest'ultimo punto relativo alla svalutazione ci soffermeremo su alcuni meccanismi di inceppo che possono alterare e perfino invertire il suo funzionamento. Il primo di questi meccanismi è quello già più volte incontrato nei processi di riequilibrio economico: la rigidità dei salari e dei prezzi. In seguito ad una svalutazione, si verifica l'aumento dei beni importati, questi ultimi generalmente rientrano, per una certa quota nel paniere di spesa che valuta il costo della vita, pertanto, quando i salari sono indicizzati rispetto a tale valore, tenderanno ad aumentare e con essi i prezzi (soprattutto quando questi ultimi vengono stabiliti utilizzando il metodo del mark-up sui salari). L'inflazione che ne deriva può annullare gli effetti positivi della svalutazione. Un'ulteriore conseguenza di questo processo è la riduzione della domanda aggregata, infatti quando i prezzi e i salari aumentano, occorre un incremento dell'offerta di moneta per evitare l'innescarsi di processi recessivi. Qualora la Banca centrale adotti una politica accomodante espandendo la base monetaria, si darà inizio ad una spirale inflazionistica, nell'altro caso vi sarà recessione, riduzione dell'offerta aggregata e del reddito, quest'ultimo elemento può, però, di fatto migliorare il saldo di conto corrente. Se l'obiettivo prioritario è quello di riequilibrare la bilancia dei pagamenti, la Banca centrale, in presenza di rigidità dei salari, non dovrà espandere la base monetaria a scapito dell'occupazione. Un diverso tipo di perturbazione sul mercato dei beni è quello causato da una maggiore competitività internazionale dovuta a miglioramenti dei prodotti o dei processi produttivi. Se i prezzi dei beni e dei servizi stranieri diventano più convenienti rispetto a quelli nazionali, una contromisura adeguata sarebbe quella di abbassare i prezzi interni riducendo i costi e quindi i salari nominali e reali. Laddove si riscontri un'assoluta rigidità di questi ultimi, probabilmente l'aggiustamento si otterrà con una riduzione, perlomeno momentanea, del reddito interno dovuta ad un aumento dei licenziamenti e della disoccupazione, per procedere quindi ad una completa ristrutturazione dei settori di produzione nazionale meno competitivi rispetto al mercato estero. Un ulteriore fattore di inceppo è definito l'effetto J. Il meccanismo di funzionamento dell'effetto J è molto semplice. All'indomani della svalutazione ci si attende che le importazioni aumentino e le esportazioni diminuiscano, ma 20 di 30

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)%

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% EFFETTI DEL PROTEZIONISMO SULLA BILANCIA DEI PAGAMENTI (cfr. G. Mankiw, Macroeconomia, Zanichelli) Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% Sipuòdimostrarechel a3uazionediformeprotezionis7cheproducesulla

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING 5.1 INTRODUZIONE In questo capitolo studieremo alcuni aspetti relativi all economia aperta agli scambi internazionali. In quanto segue,

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio

Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio Capitolo 24 Sommario del capitolo 24.1 I diversi regimi dei tassi di cambio 24.2 Tassi di cambio fissi 24.3 Tassi di cambio liberamente fluttuanti 24.4 I sistemi dei tassi di cambio nella realtà *Appendice:

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Economia e Politica economica nei mercati globali

Economia e Politica economica nei mercati globali Economia e Politica economica nei mercati globali Prof. S. Papa Management e comunicazione d impresa Facoltà di Scienze della Comunicazione Prima parte Teoria del commercio internazionale Argomenti Teoria

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Le vie commerciali dell antica Roma Tre quesiti

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

Il modello Mundell-Fleming

Il modello Mundell-Fleming Il modello Mundell-Fleming Il modello di Mundell-Fleming inserisce nel modello IS LM l economia Aperta. Ipotizza che vi sia perfetta mobilità dei capitali Che il paese in esame sia rappresentato da una

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea ISTRUZIONI 1. Riempire i campi relativi a nome, cognome, matricola

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Le Motivazioni del Protezionismo

Le Motivazioni del Protezionismo Le Motivazioni del Protezionismo Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Le motivazioni del protezionismo La politica commerciale, il protezionismo sono una

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Capitolo 5. L economia aperta. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 5: L economia aperta 1

Capitolo 5. L economia aperta. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 5: L economia aperta 1 Capitolo 5 L economia aperta 1 Il percorso L economia aperta Identità in una economia aperta I tassi di cambio nominali e reali 2 I flussi internazionali di beni Il ruolo delle esportazioni nette Spesa

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011 Calendario residuo Oggi finiamo il capitolo 7: Curva AD-AD e sue implicazioni

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Lezione 30- Le politiche della bilancia dei pagamenti: strumenti automatici e discrezionali

Lezione 30- Le politiche della bilancia dei pagamenti: strumenti automatici e discrezionali Lezione 30- Le politiche della bilancia dei pagamenti: strumenti automatici e discrezionali Le relazioni economiche internazionali di un'economia aperta, intese in un significato comprensivo sia degli

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE

ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Filippo Reganati SOMMARIO La Bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio La condizione di parità dei tassi di interesse su base scoperta La condizione di parità

Dettagli