SATURNIA TELLUS DEFINIZIONI DELLO SPAZIO CONSACRATO IN AMBIENTE ETRUSCO, ITALICO, FENICIO-PUNICO, IBERICO E CELTICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SATURNIA TELLUS DEFINIZIONI DELLO SPAZIO CONSACRATO IN AMBIENTE ETRUSCO, ITALICO, FENICIO-PUNICO, IBERICO E CELTICO"

Transcript

1 MONOGRAFIE SCIENTIFICHE SATURNIA TELLUS DEFINIZIONI DELLO SPAZIO CONSACRATO IN AMBIENTE ETRUSCO, ITALICO, FENICIO-PUNICO, IBERICO E CELTICO ATTI DEL CONVEGNO INTERNAZIONALE SVOLTOSI A ROMA DAL 10 AL 12 NOVEMBRE 2004 sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana a cura di XAVIER DUPRÉ RAVENTÓS SERGIO RIBICHINI STÉPHANE VERGER CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ROMA 2008

2 PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 2008 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ROMA Volume realizzato dall Ufficio Pubblicazioni e Informazioni Scientifiche Direttore: Mario Apice

3 INDICE Pag. Elenco delle Abbreviazioni Xavier DUPRÉ RAVENTÓS Sergio RIBICHINI Stéphane VERGER, Saturnia tellus. Introduzione Sergio RIBICHINI, «Più volte mutò nome la terra Saturnia» (Verg. Aen. VIII 329).. 19 Dominique BRIQUEL, L espace consacré chez les Étrusques: réflexions sur le rituel étrusco-romain de fondation des cités Mariolina GAMBA Giovanna GAMBACURTA Angela RUTA SERAFINI, Spazio designato e ritualità: segni di confine nel Veneto preromano Adele CAMPANELLI, Topografia del sacro: spazi e pratiche religiose in alcuni santuari dell Abruzzo ellenistico Giovanna GRECO, Tra Greci e Indigeni: problematiche e definizioni del sacro Carlos GÓMEZ BELLARD, Espacios sagrados en la Ibiza púnica Pierre-Yves LAMBERT, Gaulois nemeton et atoa deuogdonion : deux noms de l espace sacré Dominique GARCIA, Espaces sacrés chez les Celtes du Midi

4 6 SATURNIA TELLUS Matthieu POUX, Du Nord au Sud: définition et fonction de l espace consacré en Gaule indépendante Donato COPPOLA Martine DENOYELLE Martine DEWAILLY Ivana FUSCO Sébastien LEPETZ Alessandro QUERCIA William VAN ANDRINGA Thierry VAN COMPERNOLLE Stéphane VERGER, La grotte de Santa Maria di A gnano (Ostuni) et ses abords: à propos des critères d identification d un sanctuaire messapien Paolo POCCETTI, Un Case Study per l identificazione di un santuario messapico: il materiale epigrafico dalla grotta di S. Maria di Agnano (Ostuni, Brindisi) Ricardo OLMOS ROMERA, La simbolización del espacio sagrado en la iconografía ibérica Giovanna BAGNASCO GIANNI, Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca di epoca orientalizzante Ida OGGIANO, Lo spazio fenicio rappresentato Maria Paola BAGLIONE, Esame del santuario meridionale di Pyrgi Vincenzo BELLELLI, Per una storia del santuario della Vigna Parrocchiale a Cerveteri Olivier DE CAZANOVE, Il recinto coperto del campo di Aquilonia: santuario sannita o praetorium romano? Luisa MIGLIORATI, Peltuinum. Un caso di pietrificazione di un area di culto Bianca FERRARA, Tra Greci e Indigeni: problematiche di definizione dello spazio consacrato nel santuario di Hera alla foce del Sele Maria Giulia AMADASI GUZZO, Il santuario di Astarte a Malta sulla base delle iscrizioni 377 Giuseppe GARBATI Chiara PERI, Considerazioni sul culto delle acque nella Sardegna punica e tardo-punica: l esempio di Mitza Salamu (Dolianova CA) Ahmed FERJAOUI, Les pratiques rituelles dans les sanctuaires de Ba al Hammon en Afrique à l époque romaine. Le cas de Henchir el-hami dans le pays de Zama (Tunisie du Nord-Ouest) Yann LECLERC, Deux exemples d espaces consacrés indigènes en Cyrénaïque: Slonta et Hagfa el Khasaliya

5 Indice 7 José Luis ESCACENA CARRASCO Rocío IZQUIERDO DE MONTES, A propósito del paisaje sagrado fenicio de la paleodesembocadura del Guadalquivir Francisco DIEZ DE VELASCO, Mutation et perduration de l espace sacré: l exemple du culte des eaux thermales dans la Peninsule Ibérique jusqu à la romanisation Sebastián CELESTINO Trinidad TORTOSA, Ensayo acerca de la evolución del espacio sagrado y del ritual religioso desde el final del orientalizante al mundo romano. El ejemplo del Valle del Guadiana (Extremadura) Juan Simón GORNÉS HACHERO, Nuevas aportaciones a los contextos arqueológicos y a la cronologí a de los santuarios de taula de Menorca Francisco MARCO SIMÓN Silvia ALFAYÉ VILLA, El santuario de Peñalba de Villastar (Teruel) y la romanización religiosa en la Hispania indoeuropea Marco V. GARCÍA QUINTELA Manuel SANTOS ESTÉVEZ, Los santuarios de Galicia en la Edad del Hierro: A Ferradura (Amoeiro, Ourense) como ejemplo Réjane ROURE, Nouvelles découvertes dans l habitat du Cailar (Gard) : pratiques et espace cultuel de type laténien dans le Midi de la Gaule Simonetta STOPPONI, Un luogo per gli dèi nello spazio per i defunti Barbara WILKENS, Resti faunistici da una fossa rituale di Orvieto Filippo DELPINO, La morte ritualizzata. Modalità di sepoltura nell Etruria protostorica. 599 Sébastien LEPETZ William VAN ANDRINGA, Archeologia del rituale: scavo di tombe romane nella necropoli di Porta Nocera a Pompei Massimo BOTTO, Organizzazione dello spazio funerario nel Latium Vetus: il caso di Laurentina Acqua Acetosa Paolo BERNARDINI, La morte consacrata. Spazi, rituali e ideologia nella necropoli e nel tofet di Sulky fenicia e punica Anna Maria Gloria CAPOMACCHIA, Ai margini del mondo: lo spazio dell esplorazione 659 Maria ROCCHI, Monti al servizio di un pantheon: i Capitolia (Verg. Aen. 8, ) Corinne BONNET, Dove vivono gli de i? Note sulla terminologia fenicio-punica dei luoghi di culto e sui modi di rappresentazione del mondo divino

6 8 SATURNIA TELLUS Sylvia ESTIENNE, Éléments pour une définition rituelle des espaces consacrés à Rome Olivier DE CAZANOVE John SCHEID, Progetto di un Inventario dei luoghi di culto dell Italia antica Silvia BULLO, Santuari e culti nel Nord-Africa d età imperiale: Topografie del sacro, tra persistenze punico-numide ed influenze romane. La presentazione di un progetto John SCHEID Francisco DIEZ DE VELASCO Paolo XELLA, Interventi introduttivi alla Tavola Rotonda Definizioni dello spazio consacrato nel Mediterraneo antico Ricardo OLMOS ROMERA Trinidad TORTOSA, Xavier Dupré, un guía, un predecesor

7 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI AA ACalc ActaInstRomFin AE AEspA AION(Arch) AJA ANES ANRW A nnales ESC A nnales HSS AnnCagliari AnnFaina AnnIstOrNap AnnPg ArchCl ARG ASCL ASNP ATTA AV = Archäologischer Anzeiger. = Archeologia e Calcolatori. = Acta Instituti Romani Finlandiae. = L Année Épigraphique. = Archivo Español de Arqueología. = Annali dell Istituto universitario orientale di Napoli. Dipartimento di studi del mondo classico e del Mediterraneo antico. Sezione di archeologia e storia antica. = American Journal of Archaeology. = Ancient Near Eastern Studies. = Aufstieg und Niedergang der Römischen Welt. = A nnales. Économie, Sociétés, Civilisations. = A nnales. Histoire, Sciences Sociales. = Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Cagliari. = Annali della Fondazione per il Museo Claudio Faina. = Annali dell Istituto universitario orientale di Napoli. = Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia. Università di Perugia. = Archeologia Classica. = A rchiv für Religionswissenschaft. = Archivio Storico per la Calabria e la Lucania. = Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. = Atlante Tematico di Topografia Antica. = Archeologia Veneta.

8 10 SATURNIA TELLUS BAAL = Bulletin d Archéologie et d Architecture Libanaises. BDA = Bollettino d Arte. BdArch = Bollettino di Archeologia. BEFA R = Bibliothèque des Écoles Françaises d A thènes et de Rome. CEFR = Collection de l École Française de Rome. CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum. CIG = Corpus Inscriptionum Graecarum. CIL = Corpus Inscriptionum Latinarum. CIS = Corpus Inscriptionum Semiticarum. CJ = Classical Journal. CLP 1976 = AA.VV., Civiltà del Lazio Primitivo, Roma CQ = Classical Quarterly. CrArch = Cronache di Archeologia e di Storia dell arte. CRA I = Comptes-Rendus de l A cadémie des Inscriptions et Belles-Lettres. DA M = Documents d A rchéologie Méridionale. DdA = Dialoghi di Archeologia. DHA = Dialogues d Histoire A ncienne. Daremberg Saglio = Ch. Daremberg E. Saglio, Dictionnaire des antiquités grecques et romaines, Paris DBS = Dictionnaire Biblique. Supplément. DCPP = E. Lipiński (ed.), Dictionnaire de la Civilisation Phénicienne et Punique, Turnhout EAA = Enciclopedia dell Arte Antica, classica e orientale. ET = H. Rix, Etruskische Texte, editio minor, I-II, Tübingen HrwG = H. Cancik B. Gladigow K.-H. Kohl (edd.), Handbuch religionswissenschaftlicher Grundbegriffe, I-V, Stuttgart ICO = M.G. Amadasi Guzzo, Le iscrizioni fenicie e puniche delle colonie in Occidente, Roma IEJ = Israel Exploration Journal. ID = Inscriptions de Délos. IG = Inscriptiones Graecae. ILLRP = A. Degrassi (ed.), Inscriptiones Latinae Liberae Rei Publicae, I-II, Firenze ILS = H. Dessau (ed.), Inscriptiones Latinae Selectae, Berlin (rist. Chicago 1979). JAT = Journal of Ancient Topography. JMS = Journal of Mediterranean Studies. JRS = Journal of Roman Studies. KAI = H. Donner W. Röllig, Kanaanäische und aramäische Inschriften, 3 voll., Wiesbaden 1964 ss.

9 Elenco delle abbreviazioni 11 LIMC LTUR MAL MD MDAIR MEFRA MM NBAS NSc OJH PdP QAL QdAV QuadAEI QuadCagliari RAC RASMI RC RdA RE REA REE REL RendLinc RendPontAcc RFIC RHR RIA RivStFen ScAnt SMSR SSR StEtr = Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae. = E.M. Steinby (ed.), Lexicon Topographicum Urbis Romae, Roma 1993 ss. = Monumenti Antichi dei Lincei. = Materiali e Discussioni. = Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts (Römische Abteilung). = Mélanges d Archéologie et d Histoire de l École Française de Rome (A ntiquité). = AA.VV., Missione archeologica italiana a Malta. Rapporto preliminare della Campagna , vari volumi, secondo gli anni delle campagne di scavo, Roma = Nuovo Bullettino Archeologico Sardo. = Notizie degli Scavi di Antichità. Accademia Nazionale dei Lincei. = Jahreshefte des Österreichischen archäologischen Instituts in Wien. = La Parola del Passato. = Quaderni di Archeologia della Libia. = Quaderni di Archeologia del Veneto. = Quaderni di Archeologia etrusco-italica. = Quaderni della Soprintendenza Archeologica per le Province di Cagliari e Oristano. = Reallexikon für Antike und Christentum. = Notizie del Chiostro del Monastero Maggiore. Rassegna di Studi del Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano. = Revue Celtique. = Rivista di Archeologia. = A. Pauly G. Wissowa (edd.), Real-Encyclopädie der klassichen A ltertumswissenschaft, Berlin-Stuttgart-München = Revue des Études A nciennes. = Rivista di Epigrafia Etrusca. = Revue des Études Latines. = Accademia Nazionale dei Lincei. Rendiconti. = Rendiconti della Pontificia Accademia di Archeologia. = Rivista di Filologia e Istruzione Classica. = Revue de l Histoire des Religions. = Rivista dell Istituto nazionale di Archeologia e Storia dell arte. = Rivista di Studi Fenici. = Scienze dell Antichità. = Studi e Materiali di Storia delle Religioni. = Studi Storico-Religiosi. = Studi Etruschi.

10 12 SATURNIA TELLUS ThesCRA = Thesaurus Cultus et Rituum A ntiquorum. ThLE = M. Pallottino M. Pandolfini Angeletti (edd.), Thesaurus Linguae Etruscae, I. Indice Lessicale, Roma TI = Tabulae Iguvinae. TLE = M. Pallottino, Testimonia Linguae Etruscae, II ed., Milano TLG = Thesaurus Linguae Grecae. TP = Trabajos de Prehistoria. TSSI = J.C. Gibson, Textbook of Syrian Semitic Inscriptions, I-III, Oxford UF = Ugarit-Forschungen. ZAW = Zeitschrift für Alttestamentliche Wissenschaft. ZDPV = Zeitschrift des Deutschen Palästina-Vereins. ZPE = Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik. ZVS = Zeitschrift für Vergleichende Sprachforschung.

11 Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca di epoca orientalizzante GIOVANNA BAGNASCO GIANNI Dipartimento di Scienze dell Antichità - Università degli Studi di Milano Ringrazio gli organizzatori del Colloquio non solo per essersi impegnati sull argomento che qui ci raccoglie, ma per l ampia libertà accordata dal punto di vista tematico e metodologico 1. All interno della documentazione epigrafica raccolta per il periodo orientalizzante esistono segni che hanno un eloquenza visiva, determinata dal modo in cui essi si rapportano al proprio supporto epigrafico, che sembrerebbe alludere a un ambito concettuale diverso rispetto a quello della scrittura 2. Ciò mi ha stimolato a esplorare la possibilità che all interno di tale patrimonio di segni, esista una rappresentazione grafica dello spazio «sacro». A un livello più generale dunque il problema che desidero porre con questo contributo è che lettere singole, segni alfabetiformi, contrassegni e loro combinazioni, possano rientrare in qualche modo nell intimo meccanismo creativo della religione etrusca, per la loro capacità di comunicare, con pochi tratti, concetti estesi. Secondo la prospettiva linguistica, che domina solitamente gli studi epigrafici, le lettere singole sono considerate solo un appendice sostanzialmente superflua, soprattutto quando compaiono insieme a iscrizioni più 1 La stesura del testo ha assunto una veste più lunga rispetto alla relazione letta al Convegno, pertanto intendo sviluppare in altra sede la nuova lettura e il testo dell iscrizione maggiore del Tumulo delle Ginestre, con i temi connessi. 2 Bagnasco Gianni 1996, p Questo complesso fenomeno ha origini lontane, in fase prescrittoria, quando il messaggio avviene per singole immagini simboliche che rimandano a orizzonti sacri come accade nel caso della presenza della tartaruga sul cinturone villanoviano (M. Bonghi Jovino, Offerte, uomini e dei nel complesso monumentale di Tarquinia. Dallo scavo all interpretazione, in M. Bonghi Jovino F. Chiesa [a cura di], Offerte dal regno vegetale e dal regno animale nelle manifestazioni del sacro, Atti dell Incontro di Studio [Milano giugno 2003], Tarchna Supplemento 1, Roma, 2005, pp , in partic. p. 79) o, sempre in fase villanoviana, quando ci si esprime mediante singoli elementi come il carro solare o mediante un processo di narrazione continuativa che oggi crea incertezza sul suo significato ma che a quel tempo doveva essere ben chiaro all osservatore: M. Bonghi Jovino, Produzioni in impasto. Ceramica, utensili e oggetti di uso dall orizzonte protovillanoviano fino all orientalizzante medio finale, in M. Bonghi Jovino (a cura di), Tarquinia. Scavi sistematici nell abitato. Campagne I materiali 2, Roma 2001, pp. 1-90, in partic. pp

12 268 SATURNIA TELLUS lunghe, di ben evidente contenuto linguistico. Proprio il binomio fra il segno e l iscrizione potrebbe costituire invece il nucleo di un messaggio visivo da esplorare nel suo complesso, secondo una prospettiva nuova che prenda in considerazione il campo dell esperienza estetica visuale: al confine tra la comunicazione per immagini e simboli da un lato e la comunicazione scritta dall altro 3. Un esempio interessante in tale direzione potrebbe essere rappresentato dal segno in forma di croce delimitato o iscritto in un cerchio, quando si trovi in determinate condizioni combinato con altri segni o con specifiche parti del supporto epigrafico o ancora si trovi inserito in particolari contesti. Tutti questi elementi, da soli o associati, possono rappresentare indicatori utili a distinguere quando il segno funziona come rappresentazione grafica e quando invece funziona come lettera indicante un suono. Nella serie alfabetica etrusca di epoca orientalizzante un siffatto segno, quando è iscritto nel cerchio, potrebbe corrispondere ad esempio alla lettera theta 4. Il presente contributo muove da una coincidenza riscontrata a Cerveteri fra due oggetti iscritti, da tempo editi, provenienti da due diverse tombe femminili di notevole rilevanza per le caratteristiche del corredo e per la particolarità degli oggetti in esse deposti, databili entro l orientalizzante antico. Si tratta del piatto in ceramica di impasto a copertura rossa del tipo Ricci 182 della tomba II del tumulo di Casaletti di Ceri 5 e dell anforetta a spirali in ceramica di impasto del tipo Colonna A/B (Beijer Ib) della tomba 66 della necropoli della Banditaccia (Laghetto I) 6. Il piatto della tomba di Casaletti di Ceri (Fig. 1) fa parte di un gruppo di cinque ai quali ho creduto opportuno a suo tempo attribuire una funzione rituale per le seguenti caratteristiche: rottura intenzionale della tesa (accertata in due casi), presenza su tutti dell omphalos e del termine spanti, a fronte di un grande numero di vasi identici che ne sono privi. Come dimostrato da A.L. Prosdocimi, il termine rientra nella famiglia lessicale dei verbi indeuropei, che indicano la libagione, e sarebbe stato acquisito in etrusco come prestito nella sfera del rituale, nelle realtà materiali del sacro 7. Tutte le iscrizioni sono graffite dopo la cottura all esterno del piatto. L iscrizione maggiore, che contiene il termine spanti, è sistemata sulla tesa nel semicerchio opposto a quello ove è stata praticata la rottura intenzionale. Sulla vasca, tra la tesa e il piede, sulla linea del diametro che si diparte dai due fori di sospensione, sono disposti due segni forma- 3 Seguendo i singoli aspetti dei documenti è forse possibile individuare contenuti solitamente nascosti ai nostri occhi, per la disabitudine che abbiamo a cercarli sotto forme diverse da quelle da noi utilizzate: M. Pallottino, I documenti scritti e la lingua, in Rasenna. Storia e civiltà degli Etruschi, Milano, 1986, pp , in partic. p. 315; G. Bagnasco Gianni, A proposito della forma e della funzione della fiaschetta di Poggio Sommavilla, in I. Lemos F. Lo Schiavo L. Vagnetti E. Herring R. Whitehouse J. Wilkins (a cura di), Across Frontiers. Papers in honour of David Ridgway and Francesca R. Serra Ridgway, London 2006, pp Bagnasco Gianni 1996, pp Bagnasco Gianni 1996, nn C. Alberici, La tomba 66 dalla necropoli della Banditaccia (Caere): sepoltura falisca o influssi falisci?, Rassegna di Studi del Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano, 59-60, 1997, pp G. Bagnasco Gianni, Circolazioni culturali nel mondo antico. Un esempio in Etruria: il piatto spanti (con postilla di A.L. Prosdocimi), StEtr, 59, 1993 (1994), pp. 3-27, p. 24; Eadem, Imprestiti greci nell Etruria del VII secolo a.c.: osservazioni archeologiche sui nomi dei vasi, in A. Aloni L. Definis (a cura di), Dall Indo a Thule: i Greci, i Romani, gli altri, Atti del Convegno Internazionale di Studio, Trento 1996, pp

13 Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca 269 ti da una linea verticale tagliata da tre tratti minori, simili alla lettera E, che vanno in direzione contrapposta. I due segni risultano in asse con due degli opposti quadranti formati dai bracci della croce iscritta nel cerchio, che si trova all interno del piede. L anforetta a spirali della tomba 66 (Fig. 2) presenta un analoga associazione di segni. Oltre ai consueti motivi dei fasci di linee spezzate incise al di sotto delle anse e della grande spirale al centro del ventre, presenta un più raro motivo formato da una rosetta puntinata posta al di sotto di una cuspide che si diparte dalla spirale stessa. Decisamente eccezionale è l elemento posto al di sotto della spirale, formato da un cerchio delimitato esteriormente da una fila di puntini impressi che, ripetuti all interno del cerchio, disegnano un motivo a croce. Inoltre sul collo in corrispondenza delle anse sono stati graffiti due segni formati da una linea verticale tagliata da tre tratti minori; quello posto al di sotto dell ansa sinistra è simile alla lettera E mentre quello posto a destra è simile alla lettera samek del tipo fenicio. I due documenti di area etrusca non sono isolati per quanto concerne l associazione fra il segno a croce delimitato e i segni che si dispongono simmetricamente rispetto a esso. All interno della tomba 10 della necropoli laziale dell Acqua Acetosa Laurentina, del tipo a fossa con ricco corredo a destinazione maschile, databile al periodo IVA e dunque entro la prima metà del VII secolo a.c. 8, è presente una coppia di piatti di impasto a copertura rossa Fig. 1 Casaletti di Ceri, tomba II del tumulo, piatto in ceramica di impasto rosso, riduzione 18,3% (disegno G. Bagnasco Gianni). Fig. 2 Cerveteri, necropoli della Banditaccia (Laghetto I), tomba 66, anforetta a spirali in ceramica di impasto bruno, riduzione 25,7% (disegno C. A lberici). 8 A. Bedini, Struttura ed organizzazione delle tombe principesche nel Lazio. Acqua Acetosa Laurentina, un esempio, Opus, 3, 1984, pp , in partic. p Il corredo comprende: spada e lancia, tre fibule, di cui una d argento, affibbiaglio, due tripodi e una patera liscia di bronzo, spiedi in ferro e dieci vasi di impasto.

14 270 SATURNIA TELLUS a tesa, di forma analoga a quella dei piatti tipo Ricci 182 che presentano però un alto piede, come altri di area laziale 9. Entrambi i piatti sono iscritti 10 e mostrano un insieme di segni sui quali vale la pena di soffermarsi. Su uno dei piatti (Laur. T 10, n. 2) (Fig. 3), sulla superficie esterna, sono due segni formati da un rettangolo tagliato da tratti orizzontali. In un caso si tratta di tre tratti di cui il mediano, come quello superiore che chiude il rettangolo, sporge lateralmente verso destra rispetto ai fori di sospensione; nell altro caso due sono i tratti mediani, di cui quello che chiude il rettangolo dalla parte rivolta verso il centro del piatto e quello immediatamente successivo, sporgono lateralmente in maniera contrapposta rispetto a quelli del segno precedentemente descritto. Sull altro piatto (Laur. T 10, n. 4) (Fig. 4), sulla superficie esterna, Fig. 3 Acqua Acetosa Laurentina, tomba 10, piatto in ceramica di impasto rosso n. 2, riduzione 18,1% (disegno G. Foglia). Fig. 4 Acqua Acetosa Laurentina, tomba 10, piatto in ceramica di impasto rosso n. 4, riduzione 17,6% (disegno G. Foglia). 9 Sono grata a Alessandro Bedini per avermi permesso di utilizzare i disegni inediti dei due piatti iscritti. Sulle questioni crono-tipologiche concernenti la classe è in corso un lavoro di tesi, da parte di S. ten Kortenaar dal titolo «La produzione della ceramica in impasto rosso in Etruria meridionale e nel Latium Vetus nel periodo compreso tra l Orientalizzante Antico e l Orientalizzante Medio» nell ambito del XVIII ciclo del Dottorato di Ricerca in Archeologia (Etruscologia) istituito presso l Università degli Studi di Roma «La Sapienza» (coordinatore prof. G. Colonna). 10 F. Cordano, Graffiti e iscrizioni provenienti dall Acqua Acetosa Laurentina, PdP, 36, 1981, pp

15 Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca 271 sulla tesa, immediatamente a destra dei due fori di sospensione, è presente un segno a croce che sembra iscritto entro due cerchi concentrici: la croce risulta disposta obliquamente, se si prendono a riferimento i fori di sospensione. L effetto dei due cerchi concentrici è ottenuto con un segno a tratto continuo, che forma una sorta di arco che lascia aperta la semicirconferenza inferiore, e con un secondo segno continuo con andamento a spirale che si diparte dal quadrante inferiore sinistro e va a richiudersi su se stesso nel quadrante inferiore destro. All interno dell alto piede è presente un segno a croce, iscritto in un quadrato sommariamente tracciato, che lascia completamente libero un lato: ci si può porre il problema dell effettiva volontà di realizzare una siffatta forma, data la ristrettezza dello spazio a disposizione per graffire il segno all interno dell alto piede. Sulla vasca, sempre all esterno, è un segno formato da due tratti paralleli tagliati da un tratto verticale che si biforca verso una delle estremità. In questo caso, a fronte dei due esempi ceretani, sembrerebbe evidente che l associazione fra i due segni contrapposti e il segno a croce delimitato è stata solo dislocata su due supporti epigrafici distinti e identici. Tutti gli oggetti descritti sono fra i più antichi finora rinvenuti, collocandosi fra i pochi oggetti iscritti all alba dell acquisizione della scrittura nell Italia Antica. Ciò li rende degni di considerazione nel quadro del panorama complessivo, come già è stato fatto a suo tempo da F. Cordano per quelli di Acqua Acetosa Laurentina, benché non si tratti evidentemente di testi di lingua. L occorrenza di segni analoghi nella stessa epoca, in contesti diversi, sembrerebbe indicare una regolarità, determinata da una volontà precisa tesa a rendere riconoscibili alcuni concetti, quali la partizione in due (i segni diametralmente opposti) e in quattro (la croce). Più articolato appare il modo di condurre segni circolari o archi di cerchio attorno alla croce, la cui delimitazione appare meno omogenea. La questione dello spazio ripartito sembrerebbe trovare corrispondenza in quanto è noto a proposito dei modi di interpretare i segni del divino da parte degli Etruschi, quali emergono nelle fonti letterarie e archeologiche. I rari passi in cui sono citati in modo diretto gli Etruschi si riferiscono a divisioni del cielo (ad esempio Cic. div. 2, 42; Plin. nat. II, ) 11 mentre le divisioni pratiche del terreno appartengono a episodi che hanno a che fare con personaggi controversi in qualche modo legati alla presenza etrusca a Roma, Atto Navio (episodio della Vigna) 12 e Oleno 11 F. Guillamont, Ciceron et les techniques de l haruspicine, in La divination dans le monde étrusco-italique 2. Actes de la Table Ronde (Paris, 22 mars 1986), Caesarodunum, 54, Paris 1986, pp , in partic. p La disamina delle fonti, in rapporto a Marziano Capella si deve a S. Weinstock che ha recuperato le informazioni sugli Etruschi in modo indiretto, integrandole con evidenze documentarie: Weinstock 1946, pp ; (elenco di documenti A-G). Una discussione sulla validità degli agganci proposti da S. Weinstock fra fonti sulla situazione romana e gli Etruschi si deve a A. Maggiani, che annovera fra le testimonianze dirette sulla provenienza dei segni dal cielo, ma senza riferimenti alla divisione, anche l episodio di Tanaquilla (Liv. I, 34, 9): Maggiani 1984, in partic. pp ; Linderski 1986, pp Per citazioni di fonti e un commento sulla lapide di Praga (documento D dell elenco in Weinstock 1946): L. Aigner Foresti, «Europa» e gli Etruschi, in M. Sordi (a cura di), Studi sull Europa antica II, Milano, 2001, pp , in partic. pp Catalano 1960, pp ; Cipriano 1983, p. 111, nota 28 (con ampia bibliografia precedente); Linderski 1986, p. 2281, nota 536; Briquel 1986, p. 80.

16 272 SATURNIA TELLUS Caleno 13. In tali contesti e in altri collegati è stata osservata una sequenzialità che dalla bipartizione passa alla quadripartizione 14, strettamente connessa alla questione dell orientamento, in base al quale il quadrante nord-est doveva risultare il più favorevole 15. Pertanto in assenza di una parola etrusca corrispondente 16, quella latina templum è stata utilizzata negli studi etruscologici per definire lo spazio sacro utile a interpretare i segni del divino, sottoposto ai principi di orientamento e partizione 17, e applicata anche a superfici molto ridotte: l arte fulguratoria e l aruspicina, le due forme tipiche della divinazione etrusca, appaiono infatti strettamente collegate, secondo la limitatio, che si riflette anche nel sottosuolo 18. Da ciò consegue che in campo etruscologico è possibile intravedere un passaggio coerente dalla forma del cielo ai suoi riflessi sulla terra, secondo una prassi che molto si avvicina alla descrizione dei templa di Varrone, da quello in cielo, a quello sulla terra e poi ancora a quello sotto terra Frothingham 1914, pp ; P.M. Martin, Le témoignage de Denys d Halicarnasse sur l etrusca disciplina, in Les écrivains du siècle d Auguste et l etrusca disciplina 2, Caesarodunum, 63, Tours 1993, pp , in partic. pp ; J. Schnäbele, Strabon, ibidem, pp , in partic. pp ; A. Maggiani, L uomo e il sacro nei rituali e nella religione etrusca, in Le civiltà del Mediterraneo e il sacro, Milano 1992, pp , in partic Nell ampia bibliografia posizioni precise sull argomento sono in: Cipriano 1983, pp , nota 39; Linderski 1986, pp ; Prosdocimi Di segno diverso è la problematica connessa all origine dell agrimensura romana dalla limitatio etrusca, secondo la notizia di Varrone. Il riferimento ai due elementi incrociati costituiti da cardo e decumano, non tiene apparentemente conto dell esistenza di una linea mediana che funga da asse per l orientamento della presa degli auspici mentre è presupposta dallo stesso Fegato di Piacenza. In particolare, sulle considerazioni dei gromatici circa la limitatio dei campi che Varrone avrebbe fatto risalire all etrusca disciplina: Pallottino 1956, p. 224; Torelli 1966, pp ; Magdelain 1969, pp ; Cipriano 1983, pp e nota 7, p. 141 e nota 44; Linderski 1986, pp , nota 568; Prosdocimi 1991, pp In particolare per i riflessi sul Fegato con la relativa bibliografia in merito ai diversi passaggi della linea mediana: Pallottino 1956; Maggiani 1984, in partic. pp ; L.B. van der Meer, L orientation du Foie de Plaisance, in La divination dans le monde étrusco-italique 2. Actes de la Table Ronde (Paris, 22 mars 1986), Caesarodunum, 54, Paris 1986, pp Nell ampia bibliografia, mutuando da fonti latine: Weinstock 1946, p. 123; Torelli 1966, pp ; Cipriano 1983, pp ; Maggiani 1984, pp ; R. Chevallier, Note sur Vitruve et l haruspicine étrusque. Problèmes d orientation. Eléments pour une enquête topographique, in Les écrivains du siècle d Auguste et l etrusca disciplina 2, Caesarodunum 63, Tours 1993, pp La disamina delle fonti, la loro discussione e una proposta di soluzione per la questione della differenza di orientamento verso est e verso sud è stata trattata da J. Linderski che ipotizza una differenza di orientamento dell auspicante verso est (templum in terris) e dell augure verso sud (templum in caelo): Linderski 1986, pp Più avanzati sono invece gli studi sul lessico etrusco degli spazi sacri frequentati: G. Colonna, Tempio e santuario nel lessico delle lamine di Pyrgi, ScAnt, 3-4, , pp ; Id., La delimitazione dello spazio consacrato nei santuari d Etruria (testo della relazione tenuta in questo stesso Convegno). Una proposta di individuare una parola etrusca nella sfera concettuale del templum in terris è in: Colonna 1997, p Il termine è utilizzato per definire il Fegato di Piacenza, appena dopo la sua scoperta (Deecke), compare nel 1956 in un fondamentale articolo di M. Pallottino e persiste fino in epoca recente a opera di un linguista come il compianto H. Rix: Pallottino 1956, p. 223 (templum); Torelli 1966, p. 296 (templum a similitudine); H. Rix, Teonimi etruschi e teonimi italici, AnnFaina, 5, 1998, pp , p. 209 (templum di Piacenza). Per l uso della parola templum con riferimento agli Etruschi, fino alla metà del secolo scorso: Weinstock 1946, pp , in partic. p Pallottino 1984, pp Come rivela lo specchio di Tarchon, ove il richiamo all esame condotto da Pava Tarchies sul fegato è posto a un livello preciso, fra uno spazio terreno e un «sotto» e un «sopra» popolati da divinità: M. Torelli, Etruria principes disciplinam doceto. Il mito normativo dello specchio di Tuscanica, in Studia Tarquiniensia, Archeologia Perusina 9, Roma 1988, pp , in partic. p Maggiani 1984, p. 69, fig. 2. La problematica dei generi dei templa dell arte augurale romana, sollevata in modo sistematico da lungo tempo (I.M.J. Valeton, De modis auspicandi Romanorum, Mnemosyne, 17, 1889,

17 Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca 273 Parallelamente si dispongono gli apprezzabili tentativi dovuti a G. Colonna che portano a individuare una possibile indicazione anche per gli Etruschi dell esistenza di un templum in terris da identificarsi in un ara quadrangolare, che ben si accorda con la possibilità di considerare il lago Trasimeno come riflesso del templum, sulla base della dislocazione dei suoi santuari in rapporto alle sedi degli dei 20. Nel caso in cui tali letture cogliessero nel segno, si giungerebbe a poter differenziare anche per gli Etruschi due templa, l uno nel cielo e l altro sulla terra, con un passaggio che dalla forma circolare si concretizza in quella quadrangolare. Il celebre rinvenimento a Marzabotto della decussis, sepolta all incrocio degli assi viari della città, ha costituito negli studi l evidenza della saldatura materiale fra la divisione del cielo e quella della terra, ponendo in causa direttamente in materia etruscologica tale concetto 21. Recentemente i lavori integrati condotti sull urbanistica di Marzabotto dal Dipartimento di Archeologia dell Università degli Studi di Bologna hanno contribuito a meglio chiarire da un lato i rapporti fra modello cosmologico e forma urbana, dall altro i rapporti di quest ultima con la dislocazione delle sedi delle divinità nella grande architettura del cielo, comprovati dall eccezionale rinvenimento di un tempio sacro a Tinia, nella zona nord-orientale della città 22. In tale contesto potrebbe offrire nuove aperture critiche la ricerca della regola logicogeometrica alla base del piano di fondazione della città tentata da A. Gottarelli, che formalizza i diversi livelli concettuali che portano a riflettere il templum circolare celeste sul piano quadrangolare terrestre. In tal modo l impianto cittadino risulterebbe in collegamen- pp ; pp , in partic. pp ), verte sul templum in aëre che dal punto di vista augurale costituisce il riferimento essenziale e supera da tale punto di vista la forma circolare del templum caeleste proposta a suo tempo da P. Regell. A sua volta, a partire dal Regell e sulla base delle scoperte di M. Torelli a Bantia (Torelli 1966), A. Magdelain (Magdelain 1969, in partic. pp. 255, ) propone una diversa natura dei segni (uccelli o lampi) e una diversa delimitazione del templum in terris (uccelli; forma quadrangolare) e del templum caeleste (lampi; assenza di limiti), recuperando così l aspetto emisferico e concavo di quest ultimo, come dal frammento di Nevio in Varrone (Varro, de lingua 7). J. Linderski accetta a sua volta tale proposta, sulla base della nuova lettura di M. Torelli del templum bantino (Torelli 1969). Pur ammettendo l esistenza di un templum emisferico, «the only templum in caelo that the augural discipline had ever known» (Linderski 1986, p. 2265), torna altrove sul concetto negandolo come «augural nonsense» (Linderski 1986, p. 2293; Linderski 1986A, p. 338, nota 22) perché il campo di osservazione sarebbe stato di fronte all osservatore, che non poteva trovarsi al centro, sulla decussis (Linderski 1986, p. 2265). La questione, evidentemente non ancora soluta, torna in termini pratici in: Gottarelli 2003 (II), pp , fig. 7. Per un recente e produttivo tentativo di ricostruzione del processo a monte per Roma: A. Carandini, Variazioni sul tema di Romolo. Riflessioni dopo la nascita di Roma ( ), in A. Carandini, R. Cappelli, Roma. Romolo, Remo e la fondazione della città. Catalogo della Mostra (Roma 28 giugno-29 ottobre 2000), Milano 2000, pp , in partic. pp Per gli usi diversi della parola templum al di là della semantica tecnica, ma sempre in qualche modo a essa connessi: Cipriano 1983, pp Colonna 1997, p. 169; G. Colonna, La dea etrusca Cel e i santuari del Trasimeno, Rivista Storica dell Antichità, 6-7, , pp , in partic. p. 62. A sua volta M. Cristofani ha colto negli spazi urbani e del territorio di Capua in epoca arcaica un orientamento astronomico: M. Cristofani, Tabula Capuana. Un calendario festivo di età arcaica, Firenze, 1995, p G.A. Mansuelli, Etrusca disciplina e pensiero scientifico, A nnfaina, 5, 1998, pp I risultati sono stati presentati in due relazioni (G. Sassatelli E. Govi, Il tempio urbano di Tinia ; A. Gottarelli, Templum Solare e città fondata. La connessione astronomica della forma urbana della città etrusca di Marzabotto [III]) tenute nel corso del Convegno: Culti, forma urbana e artigianato a Marzabotto. Nuove prospettive di ricerca, Bologna 3-4 giugno 2003, Bologna 2005, pp. 9-62;

18 274 SATURNIA TELLUS to con la geometria delle principali stazioni annuali del moto solare, basata sull asse equinoziale 23 e con l auguraculum, attraverso la proiezione di una linea diagonale portante 24. Come auspicava in altro settore della scienza augurale P. Catalano 25, è forse possibile ora configurare dei Realien etruscologici e tentare da tale prospettiva la comprensione della natura spazio-temporale dei processi e dei dati materiali al contorno della scienza augurale etrusca, senza poggiare esclusivamente sul portato delle fonti riferite al mondo romano, pur in presenza di evidenti punti di contatto tra scienza augurale romana e etrusca 26. Inoltre, a partire da questi documenti, sembrerebbe lecito porsi la domanda su quanto si possa andare indietro cronologicamente nel riconoscere i Realien, al contorno della dottrina della suddivisione del cielo 27, dato che esiste in epoca arcaica il «sistema» individuato a Marzabotto Gottarelli 2003 (I); Gottarelli 2003 (II), entrambi con l indispensabile apparato di figure. Il cosiddetto templum solare individuato a Marzabotto, sembra disporsi accanto all evidenza più tarda costituita dall iscrizione di Bantia: Torelli 1966, pp ; Torelli 1969, p. 46 (solei al centro del templum bantino). 24 Gottarelli 2003 (I), pp Nello specifico della discussione della problematica del diritto augurale romano P. Catalano (Catalano 1960, p. 147) auspicava di partire dai fatti e non dal sistema terminologico rigido precostituito. Ciò ha spesso inficiato infatti la comprensione della natura spazio-temporale dei processi a monte che, in quanto tali, vanno letti in un continuum. Il lavoro di P. Cipriano sulla parola templum, ove sono passate in rassegna in modo esaustivo le fonti letterarie antiche e le riflessioni moderne in proposito, ha posto in evidenza altresì come l individuazione della relativa area semantica necessiti continuamente di riflessioni puntuali con precisi riferimenti agli orizzonti culturali e agli specifici contesti in cui la parola viene utilizzata: Cipriano Interessanti in proposito le osservazioni in: M. Morani, Sull espressione linguistica dell idea di santuario nelle civiltà classiche, in M. Sordi (a cura di), Santuari e politica nel mondo antico (= Contributi dell Istituto di Storia Antica, 9), Milano 1983, pp. 3-32, in partic. pp ; Linderski 1986A, p Più recentemente il problema dell estensione del concetto, al di là della sezione di realtà costituita dallo spazio di terra rigidamente delimitato denominato templum, è posto in: A.L. Prosdocimi, La tavola di Agnone. Una interpretazione, in L. Del Tutto Palma (a cura di), La tavola di Agnone nel contesto italico. Atti del Convegno di studio (Agnone, aprile 1994), Firenze 1996, pp , in partic. pp Rimando alle trattazioni nei volumi dei supplementi in Caesarodunum dedicati all Etrusca disciplina, ma su questo aspetto in particolare, si veda: Weinstock 1946, p. 123 e nota 136; Briquel 1986; Linderski 1986, pp La necessità di indicare uno schema di riferimento in connessione con il cosmo traspare in letteratura, nei trattati almeno: rosa dei venti (Torelli 1966, p. 302); raggiera (Pallottino 1984, p. 335); «Himmelskreuz», croce celeste (Prayon 1975, p. 87, fig. 17); bussola (Maggiani 1984, p. 68). Oltre allo stesso esempio del Fegato, schemi compaiono nei testi degli agrimensori romani (Frothingham 1914, pp , figg. 1-4) e sono posti a corredo del testo di Marziano Capella: H.J. Westra (a cura di), The Berlin commentary on Martianus Capella s De nuptiis Philologiae et Mercurii, I, Leiden 1994, p In merito alla suddivisione in dodici parti, dovuta la riflesso delle dottrine dello zodiaco: Weinstock 1946, p Più di recente sul simbolo della croce inscritta nel cerchio, dal punto di vista operativo: Gottarelli 2003 (II), p Weinstock 1946, pp Il problema è posto, anche sulla base degli studi di F. Prayon, in: D. Briquel, La religiosité étrusque ou le regard de l autre, in Les plus religieux 1997, pp , in partic. p La questione della profondità del substrato culturale degli elementi rituali riscontrati per Marzabotto e Bantia con riferimento almeno alla quota cronologica del pitagorismo e della cosmologia platonica è ripresa in: Maggiani 1984, pp ; Gottarelli 2003 (II), p Per rimanere in epoca arcaica, anche nei soggetti raffigurati all interno delle coppe laconiche del VI secolo a.c. è stato proposto di riconoscere nel tondo centrale un riflesso del cosmo, poiché lo spazio è in qualche modo orientabile e quadripartito. In una di queste coppe, ove sono riconoscibili i quattro Venti, l orientamento è possibile grazie ai due diametri costituiti dalla linea che passa per le due anse e dalla linea a essa ortogonale, formata da un albero e da un essere scimmiesco: A. Faustoferri, Tentativo d interpretazione dei soggetti raffigurati all interno delle coppe laconiche del VI sec. a.c., in Studi sulla ceramica laconica. Atti del seminario (Perugia, febbraio 1981), Archeologia Perusina 3, Roma, 1986, pp , in partic. p. 144 (coppa LV, n. 204).

19 Rappresentazioni dello spazio sacro nella documentazione epigrafica etrusca 275 Tra i documenti che F. Prayon produce per sostenere l arcaicità dell orientamento dei tumuli, sono due segni a croce, in qualche modo delimitati da segni circolari a andamento continuo e spezzato, incisi al di sotto dell ara del tumulo I della necropoli di Cerveteri, detto delle Ginestre (o delle Croci). In essi egli riconosce la rappresentazione grafica della croce celeste «Himmelskreuz», ovvero la partizione del cielo 29. Data la pregnanza dell affermazione e la sua attinenza con le questioni qui trattate, potrebbe essere di un qualche interesse scendere nello specifico di tali segni e del loro contesto. Il tumulo, situato nella zona detta dell Affienatora (Fig. 5), è datato sulla base della sua struttura (Fig. 6) (tipo Prayon C1 30 ), all orientalizzante recente con un termine cronologico più basso da porre al 580 a.c. circa 31. Sul lato volto a nord-est della galleria, che attra- Fig. 5 Cerveteri, particolare della pianta della necropoli della Banditaccia, zona detta dell Affienatora l asterisco indica il tumulo delle Ginestre (da M. Cristoani, Corpus Inscriptionum Etruscarum 2, 1, 4. Tituli , Firenze, 1970, p. 399, n. 7). 29 Prayon 1975, pp e nota 505 (tomba delle Croci); F. Prayon, Deorum Sedes. Sull orientamento dei templi etrusco-italici, ArchCl, 43, 1991, pp , in partic. p (tumulo delle Croci); Prayon 1997, p. 368 (tumulus des Croix). 30 Prayon 1975, p. 104, fig. 23a 31 Tale cronologia, entro l Orientalizzante recente, è confermata dalla presenza delle riseghe orizzontali che decorano il tamburo: G. Colonna, Urbanistica e Architettura, in Rasenna. Storia e civiltà degli Etruschi, Milano 1986, pp , in partic. p. 397; A. Naso, La tomba dei Denti di Lupo a Cerveteri (= Biblioteca di Studi Etruschi, 23), Firenze 1991, p. 14 e nota 19.

20 276 SATURNIA TELLUS Fig. 6 Cerveteri, pianta del tumulo delle Ginestre (da Prayon 1975, p. 104, fig. 23). versa la rampa sporgente dal basamento del tumulo, è incisa un iscrizione composta da un testo in scriptio continua e da un segno sottostante (Fig. 7) formato dalla croce inscritta in un cerchio incompleto. Sulla parete di fronte, sempre al di sotto della galleria, è ripetuto un segno analogo. Gli elementi struttivi e redazionali non sono utili per stabilire se l iscrizione sia stata incisa contestualmente con la costruzione del tumulo, ma gli aspetti epigrafici dell iscrizione maggiore permettono di affermarlo: le varianti combinatorie grafiche per rendere la gutturale sono ancora in uso, pertanto il terminus ante quem per la sua apposizione è da porre alla fine del VII secolo a.c. 32. Il rapporto di designazione diretta esistente fra iscrizione maggiore e segno, indipendentemente dalla possibile distanza temporale intercorsa fra l apposizione dell una e dell altro, è espresso dal fatto che il segno è inciso in corrispondenza della metà della lunghezza dell iscrizione, al di sotto di essa, rispettando una certa simmetria compositiva e redazionale. 32 Bagnasco Gianni 1996, pp L uso delle varianti cessa a Cerveteri alla fine del VII secolo a.c. per effetto della riforma grafica che afferma l unico segno del gamma semilunato: G. Colonna, in F.M. Gambari G. Colonna, Il bicchiere con iscrizione arcaica da Castelletto Ticino e l adozione della scrittura nell Italia nordoccidentale, StEtr, 54, 1986, pp. 145; e nota 126; A.L. Prosdocimi, II. Insegnamento e apprendimento della scrittura nell Italia antica, in M. Pandolfini A.L. Prosdocimi, Alfabetari e insegnamento della scrittura nell Italia Antica, Firenze 1990, pp , in partic. pp ; G. Bagnasco Gianni, L acquisizione della scrittura in Etruria: materiali a confronto, in G. Bagnasco Gianni F. Cordano (a cura di), Scritture mediterranee tra il IX e il VII secolo a.c., Atti del Seminario di Studio (Milano febbraio 1998), Milano, 1999, pp , in partic. pp

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDI IN ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO ANTICO DIPARTIMENTO DI STORIA CULTURE CIVILTÀ AULA PRODI 7 OTTOBRE 2014, ORE 9.45 IL CORSO DI STUDI http://corsi.unibo.it/magistrale/archeol

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia

Progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia 0_5_CIL79_Monestiroli 26-0-200 5:27 Pagina 0 Progetti Carmen Murua Fotografie Stefano Topuntoli Il progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia, a parte la palese particolarità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE

CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE Atti del Seminario di Studi Università degli Studi di Milano (23 24 novembre 2009) ARISTONOTHOS Scritti per il Mediterraneo antico Vol. 4 (2012) Convivenze etniche

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

-Maturità Classica, liceo scientifico con annessa sezione classica «G. Dal Piaz», Feltre (BL), a.s. 1995/96.

-Maturità Classica, liceo scientifico con annessa sezione classica «G. Dal Piaz», Feltre (BL), a.s. 1995/96. 1 PH. DR. DAVIDE AMBROGIO FAORO NATO IL 26/01/1977 A LAMON (BL) COLLABORATORE DI RICERCA POST DOC DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, STORIA E TUTELA DEI BEI CULTURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO VIA TOMMASO

Dettagli

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella 2015 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia.

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia. GIUSEPPE PROIETTI Nato a Tivoli (RM) il 28/IX/1945. Laureato in lettere classiche, Indirizzo Archeologico, con il voto di 110/110, presso l Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Scuola di Specializzazione

Dettagli

La domanda del perché quindi andrebbe insegnato didatticamente un metodo per questo tipo di ricerca si lascia facilmente motivare:

La domanda del perché quindi andrebbe insegnato didatticamente un metodo per questo tipo di ricerca si lascia facilmente motivare: Il metodo, ricerca fine a cerchio per la ricerca di travolti in valanga sepolti in profondità riportato in questo articolo, è stato ufficialmente presentato alla commissione valanghe della CISA - IKAR

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015 TEOLOGIA ECUMENICA RIFORMA DELLA CHIESA E CONVERSIONE Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015 1 ISTITUZIONE L Istituto di Studi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del La prima fase dell attività topografica e di rilevamento si é svolta nel periodo che va dal 25 Settembre al 25 Ottobre 2006 ed é stata realizzata da Angela Bizzarro e Alessandro Tilia. L immagine rappresenta

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE

LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE» Legislazione Nazionale Ampia raccolta legislativa di provvedimenti dello Stato Italiano in testo vigente dal 1861 ad oggi. I testi legislativi sono riportati

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM EMILIO ROSAMILIA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dati Personali Nome: Nazionalità: Nato il: Emilio ROSAMILIA Italiana 17 Maggio 1986, a Modena (MO) Titoli di Studio - Diploma di Licenza in Discipline filologiche,

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA Studi di storia culturale e religiosa veneziana Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA COMITATO SCIENTIFICO: Edoardo Barbieri, direttore

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna Progetti Carmen Murua Planimetria. Nella pagina a fianco: veduta della facciata principale. I Paesi Baschi, una delle regioni del nord della Spagna, costituiscono un territorio di grande bellezza naturale,

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio Il coordinamento di piccoli e grandi istituti culturali di una Regione e la promozione delle loro attività

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI. Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006

INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI. Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006 INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006 Introduzione L argomento che verrà presentato questa mattina, è molto più articolato e disomogeneo rispetto a quelli affrontati durante

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Università degli Studi di Verona STORIA DI SAN BENEDETTO POLIRONE

Università degli Studi di Verona STORIA DI SAN BENEDETTO POLIRONE Università degli Studi di Verona STORIA DI SAN BENEDETTO POLIRONE SAN BENEDETTO PO: IL COMPLESSO MONASTICO I DOCUMENTI STORIA ATTO DI FONDAZIONE DEL MONASTERO DI TEDALDO DI CANOSSA GIUGNO 1007 DOCUMENTO

Dettagli

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA Alunno CLASSI PRIME Valutazione Competenze trasversali Sì In parte NO Riconosce i colori fondamentali Riconosce le forme Riconosce le varie grandezze

Dettagli

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente I periodi fondamentali della scrittura corrispondono a tre fasi della sua evoluzione: scrittura delle idee o sintetica, scrittura delle

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura Dipartimento per la Programmazione Ministeriale del Bilancio, delle Risorse Umane e dell Informazione Direzione Generale per i Sistemi Informativi PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie

Dettagli