Sabato 15 novembre 2008 ore La chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo. visita guidata con Sergio Spiazzi e Roberto Alloro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sabato 15 novembre 2008 ore 10.00 La chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo. visita guidata con Sergio Spiazzi e Roberto Alloro"

Transcript

1 S a n M a r t i n o d a ( r i ) s c o p r i r e Visite guidate ai monumenti e ai luoghi del territorio Sabato 15 novembre 2008 ore La chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo visita guidata con Sergio Spiazzi e Roberto Alloro iniziativa realizzata in collaborazione con

2

3 IL COMPLESSO DELLA PARROCCHIALE DI SAN MARTINO VESCOVO DI TOURS Chi viene da Verona incontra la chiesa di S. Martino B. A. tra gli alberi centenari dei giardinetti, disposta scenograficamente a chiudere il largo viale acciottolato a greca bicroma che termina davanti al sagrato, con il cerchio perfetto della rosa dei venti. Correva l anno MDCCCXX quando con l elemosina volontaria dei parrocchiani (fu) costruito lo stradone di fronte alla chiesa parrocchiale ricorda il parroco Giuseppe Maria Gilardoni unitamente alle due stradelle laterali, una lungo la casa al muro parrocchiale; l altra lungo il cimitero con i profili di pietra con l ornamento di 24 colonnette di pietra le quali furono fatte fare da alcune particolari persone e costarono ciascheduna 19 lunghi (denari). La facciata della chiesa, dedicata a San Martino Vescovo di Tours, è d impostazione classica (di quella semplificazione del barocco che il Veneto e Verona sono testimoni nel XVIII secolo) e suddivisa in due fasce orizzontali, con un frontone triangolare che conclude il prospetto, il quale è suddiviso verticalmente in tre parti, con lesene tuscaniche in basso ed ioniche in alto. Nella zona centrale, secondo un percorso dal basso verso l alto, troviamo il portale d ingresso con soprastante il timpano curvo spezzato, contenente in una nicchia la statuetta di S. Martino; in alto, al centro, una finestratura rettangolare sostiene l ovale con l iscrizione D.O.M. DESIDERIUM PAUPERUM EXAUDIVIT DOMINUS ; al di sopra troviamo il frontone, mentre nel timpano è posto l orologio, inserito alla fine dell ottocento in sostituzione di quello ormai vetusto del campanile quattrocentesco. A destra del prospetto principale si erge l oratorio, costruito nel 1891, in onore della Vergine Maria, di S. Antonio e di S. Luigi. Costruito in stile neoromanico con facciata a salienti, si dispone a metà altezza dell edificio principale. Al centro la porta d ingresso si conclude in alto con una finestra a mezzaluna, mentre due finestre slanciate si dispongono ai lati. In alto, al centro, un cartiglio rettangolare conteneva le scritte dedicatorie ( D.O.M. alla Vergine, a S. Antonio e S. Luigi), mentre in alto un finto rosone conclude il prospetto (in alcune cartoline dei primi anni del novecento si notano le pitture che dovevano simulare una vetrata floreale). A sinistra la casa parrocchiale costruita in due riprese (un tempo nel prospetto interno sul cortile si leggeva la data del 1781). Nella mappa del 1771 del Fabbri si notano gli edifici parrocchiali già edificati accanto all edificio ecclesiastico appena ampliato. Lo Zannandreis ricorda che nella casa del parroco di S. Martino B.A. vi sieno due stanze del Parolari dipinte, da annoverarsi fra le opere sue migliori. Pietro Parolari nasce a Verona, nella contrada di S. Maria in Organo, il 14 luglio 1738 e muore il 29 dicembre del 1811 a 73 anni. Gli affreschi quindi possiamo datarli attorno al , anni probabilmente di completamento dei lavori effettuati nella casa parrocchiale durante la reggenza di don Giovanni Mazzi. All interno la chiesa si dispone ad un unica navata, con volta ribassata, secondo le indicazioni del Concilio di Trento. La chiesa viene ampliata nel dopoguerra, tra il 1945 e il 1954 per volere di don Egidio Peroni, nella forma attuale a croce latina con transetto, presbiterio rialzato e tre absidi. Nella parte settecentesca troviamo sei altari in forma barocca con al centro il vecchio pulpito in legno. Tra gli altari spicca il primo a destra, con la statua del Santo eretto per volere della confraternita di Sant Antonio da Padova, nel 1696 (un tempo l altare nell antica chiesa si trovava in altra posizione) come dimostra un documento dell epoca et lo fece il Sig. Prospero Schiavi Tagliapedra in Verona sotto l arciprete Sig. Rd. D. Giò Battista Castellani. Lo Zannandreis ricorda Prospero Schiavi come architetto tra i migliori dell epoca. Nato nel 1643 e morto a 54 anni nel 1697, fu ideatore e costruttore d altari e palazzi tra i quali spicca Palazzo Carlotti sul Corso. Continuando nella descrizione degli altari troviamo nel secondo di destra, al centro della navata, una pala dipinta da Carlo Zorzi ( ). Di fronte, nel secondo altare di sinistra, si trova la famosa pala di Wenceslao Huberti, rappresentante Il transito di S. Giuseppe (1814) opera praticamente prima ed incompiuta del giovane pittore (in alto a destra si trova la parte scura non finita). Il tema trattato non è comune da un punto di vista iconografico. La pala è costruita secondo il tradizionale schema piramidale anche se il dato volumetrico è poco marcato. Diego Zannandreis nelle Vite racconta in modo appassionato la breve esistenza di Wenceslao e della tela dipinta volle Iddio che l ultima fosse, poiché infermatosi con piccola febbre dapprima, si manifestò quindi in lui un attacco di polmone ed una tisi perfetta.

4 Muore a 23 anni, la notte del 15 aprile dell anno 1815 lasciando oltre al dipinto suddetto una tavola con Medea e Giasone e un catafalco da morti, con emblemi allusivi al lugubre fine a cui serve, che incontrò il comune aggradimento. Sulle pilastrature o lesene che scompartiscono le pareti troviamo la Via Crucis, opera pregevole di Romolo Nicolis, autore anche dell Annunciazione, posta nell arco trionfale e della serie dei dodici apostoli, in alto, lungo la navata ed il transetto, oltre alla tela conservata nell oratorio ottocentesco dedicata alla Madonna del Rosario coi Ss. Domenico e Caterina da Siena. Nello stesso oratorio è conservata una tela dedicata a S. Antonio di Padova, proveniente dall antico altare di destra della confraternita di S. Antonio della chiesa quattrocentesca, dipinto da autore ignoto in due riprese per volere di Bartolomeo Salatius nel 1611 e di G. B. Colosimo nel 1620, per grazia ricevute, con storie del santo di Padova. Nel presbiterio rialzato, troviamo l altare seicentesco, traslato in quella posizione ed arricchito, con aggiunte laterali, per la nuova collocazione, dopo l ampliamento del dopoguerra. Rognini lo descrive come: Notevole l altare maggiore l antipendio di forme lineari, a tre specchi che presenta in quello centrale un intarsio marmoreo a motivi quadrilobi di verde antico e croce greca. Elegante anche il tabernacolo a tempietto, poggiante su alto zoccolo, con colonnine in marmo rosso di Francia e bianco di Carrara nel doppio coronamento. Disposto verso i fedeli troviamo il nuovo altare, voluto da Don Egidio Peroni e disegnato dal sottoscritto nel 1971, in seguito alle nuove disposizioni celebrative della S. Messa in italiano dettate dal Concilio Vaticano II. Dietro l altare, al centro dell organo, restaurato da Bartolomeo Formentelli e collocato nel 1964 in quella posizione (prima dell ampliamento del dopoguerra si trovava sopra l entrata principale), si trova la pala dedicata a S. Martino, al centro, tra due santi, mentre in alto si trova la figura di Cristo tra la Madonna e S. Giuseppe. Il Lanceni nel 1720 indica tale opera derivata dalla scuola Brusazorzi, con S. Martino nel mezzo ai ss. Bartolomeo e Francesco. Luigi Simeoni nel 1909 in La provincia di Verona scrive: Nel coro la pala con Cristo la Madonna e S. Giuseppe in alto, Francesco, Martino e Domenico in basso è bella opera dell Ottino. A parte l errore del Lanceni che riconosce S. Bartolomeo al posto di S. Domenico, è interessante capire se l opera è veramente attribuibile a Pasquale Ottino ( ) o ad un pittore contemporaneo come l Orbetto, morto nel 1650, (entrambi allievi del Brusazorzi morto nel 1605) visto che nella prima visita pastorale del 1640 il Cozza non cita la tela, ma solo nella sua seconda visita pastorale del Diego Zannandreis nelle sue Vite dedica all Ottino diverso spazio. Lo pone come allievo del Brusazorzi, ma nell elenco delle sue opere non risulta quella di S. Martino, anche se ricorda diverse pale d altare della provincia veronese. Lo stesso vale per Alessandro Turchi detto l Orbetto. Da ricordare che lo Zannandreis utilizza come fonti il Lanceni e il Dal Pozzo. Luciano Rognini a pag. 191 di San Martino Buon Albergo Una comunità tra collina e pianura, suggerisce il nome di Felice Brusazorzi o comunque di un pittore della sua cerchia. Nel catino absidale si trova il grande dipinto del Buon Pastore eseguito a tempera nel 1963 da Giuseppe Resi (Ronco all Adige 1904 Verona 1974), che nell occasione dipinge tutta la volta della chiesa con decorazioni a cassettoni quadrati ed esagonali, in gran parte ricoperti durante il pesante restauro degli anni novanta, che ha tolto la leggerezza originaria al Buon Pastore. Il Resi lascia innumerevoli dipinti sacri e profani, soprattutto di grandi dimensioni, in numerose chiese del veronese e del mantovano. Ai lati del presbiterio e nelle due absidi del transetto si trovano quattro grandi tele raffiguranti alcuni miracoli di S. Francesco d Assisi, della metà del XVIII secolo, provenienti dall oratorio di S. Francesco che si trovava in Piazza del Popolo, costruito nel 1730, soppresso nel 1806 sotto Napoleone e demolito, come ricorda la lapide, nel I temi raffigurati, secondo Luciano Rognini sono: La vergine intercede presso il Cristo Risorto in favore del santo, Francesco implora la Madonna ed il Bambino per le Anime del Purgatorio, Il Santo davanti al cardinale Ugolino e L approvazione della sua Regola da parte di papa Innocenzo III. A destra del presbiterio si sviluppano alcuni ambienti, tra cui la sacrestia, costruita nel 1862 ed il campanile della prima metà del XV secolo, elemento centrale e perno del complesso parrocchiale. A sinistra del presbiterio una piccola cappella costruita insieme all ampliamento della chiesa tra il 1945 ed il Sergio Spiazzi

5 Wenceslao Huberti Transito di San Giuseppe

6 San Martino vescovo, san Francesco e san Domenico Pasquale Ottino (attribuito) Nella pala conservata nella chiesa parrocchiale di San Martino vescovo, anticamente posta sopra la mensa dell altar maggiore ed ora nel coro, in uno spazio ricavato tra le canne dell organo, il santo patrono (nato a Claudia Sabaria, nell antica provincia romana di Pannonia, oggi Szombathely in Ungheria, nel 316 circa morto a Candes, in Francia, nel 397) è raffigurato al centro del registro inferiore, in ricco paramento episcopale. Il piviale rosso è decorato da una fibbia in oro e pietre preziose e da una fascia ricamata con figure di santi. Per rendere immediatamente conoscibile l identità del vescovo, il pittore ha raffigurato, in secondo piano, all altezza della caviglia sinistra del santo, l episodio della carità del mantello, in cui Martino indossa un armatura di foggia contemporanea. Affiancano il patrono altri due autentici campioni della Chiesa, protagonisti indiscussi del grande moto di rinnovamento attuato dagli ordini Mendicanti a partire dal tredicesimo secolo: san Francesco a sinistra e san Domenico di Caleruega a destra. Il santo di Assisi (Assisi ca ), fondatore dell ordine dei frati Minori, è raffigurato con il saio marrone cinto dal cingolo di corda con i nodi simboleggianti i tre voti religiosi (obbedienza, povertà e castità). Le mani recano ben visibili le stimmate ricevute nell estate del 1224 sul sacro monte della Verna. Al fianco sinistro del santo pende la corona del rosario francescano, a ricordo della preghiera costante ed intensa. Domenico (Caleruega, nella Vecchia Castiglia, ca Bologna 1221), fondatore dell ordine dei frati Predicatori, chiamati comunemente Domenicani, è ritratto nell abito religioso del suo ordine, veste bianca e cappa nera, con i tre attributi più comuni: il giglio nella destra, il libro nella sinistra e la stella nell aureola sopra la fronte. L iconografia è densa di simbolismo. Il bianco della veste indica la purità dell anima e l innocenza dei costumi. Il nero della cappa significa il lutto (per la morte di Cristo), la penitenza e l umiltà. Il giglio simbolo di purezza e castità secondo alcuni sarebbe simbolo del culto tributato da Domenico alla Vergine. Il libro della Sacra Scrittura è un invito alla meditazione, allo studio, alla predicazione e ricorda l innovazione più originale di Domenico nelle istituzioni ecclesiastiche, ossia l introduzione dello studio come mezzo ordinario per tutti i Predicatori. La stella ricorda quelle viste dalla nutrice sulla fronte e sulla nuca del neonato Domenico al momento del battesimo, simbolo delle sue luminose dottrine. Il registro superiore del dipinto è occupato dalla visione gloriosa del Cristo risorto benedicente che nella sinistra regge il globo terrestre. Ai suoi piedi, genuflessi, da un lato la Vergine Maria intercede per i sottostanti, dall altro è raffigurato san Giuseppe orante. Il dipinto viene attribuito solitamente al pittore veronese Pasquale Ottino (Verona ), altre volte al suo maestro e concittadino Felice Brusasorzi (Verona 1539/ ) o comunque alla di lui cerchia. Viene spontaneo chiedersi quale sia l eventuale nesso che lega tra loro i santi del registro inferiore, quale la relazione tra essi e la visione rappresentata in quello superiore e, infine, quale il messaggio che il committente voleva trasmettere scegliendo un soggetto così articolato. In mancanza di una risposta certa, facciamo alcune riflessioni. La prima è intrinseca e riguarda la visione, che il gioco degli sguardi sembra attribuire a Francesco e a Martino ma non a Domenico, gli occhi del quale sono rivolti allo spettatore. Il mantello che copre il dorso, la spalla e il braccio sinistro del Risorto potrebbe essere un richiamo alla visione in cui, la notte successiva all episodio della carità di Amiens, il Cristo si mostrò al giovane cavaliere ricoperto del mantello regalato al mendicante. E forse non è un caso che anche Francesco abbia compiuto lo stesso gesto, il dono del mantello ad un bisognoso, episodio immortalato da Giotto nel ciclo delle storie del santo nella basilica di Assisi. La rappresentazione di Francesco e Domenico ai lati del santo titolare Martino può essere frutto casuale dell accostamento al patrono di due santi per i quali esistevano in paese devozioni private o della comunità. Potrebbe esserci, però, anche un altro e meno immediato significato. Francesco e Domenico si incontrarono personalmente e si riconobbero uniti nella difesa del messaggio di Cristo. Il santo di Caleruega aveva avuto, in precedenza, una visione in cui la Madonna intercedeva presso il Figlio adirato con i peccatori dicendo di poter contare su due fedeli, lo stesso Domenico e Francesco, in grado di salvare gli uomini e la Chiesa intera. Una scena che mostra diverse analogie con il soggetto rappresentato in questo dipinto. L accostamento dei due grandi rinnovatori medievali a san Martino, cerniera ideale tra monachesimo orientale e cenobitismo d occidente, potrebbe allora essere letto come celebrazione della grandezza della vita religiosa e, in senso più ampio, della comunità cristiana, sempre capace di generare dal suo interno uomini ed energie in grado di rinnovare strategie e modalità del cammino, individuale e collettivo, verso Dio. Roberto Alloro

7 Madonna in trono col Bambino Antonio da Mestre (attribuito) L opera d arte più antica e senza dubbio più preziosa - come giustamente ha scritto Sergio Spiazzi - tra quelle custodite nella parrocchiale di San Martino Buon Albergo si trova in sacrestia, in una nicchia ricavata nel muro orientato a meridione. Si tratta di un interessante gruppo lapideo policromo di dimensioni inferiori al naturale (altezza 97 cm, larghezza 54 cm) raffigurante la Madonna in trono col Bambino. La Vergine, coronata e assisa in posizione frontale su un severo trono a panchetta con avancorpo sporgente alla base, indossa veste rossa e mantello blu. La capigliatura castana finemente incisa, folta e mossa, incornicia il viso fino alle spalle evidenziandone l ovale pieno, la fronte ampia, le sopracciglia ben disegnate, il mento piccolo e pronunciato, le labbra appena increspate in un accenno di timido sorriso. Gli occhi, ben delineati, mostrano ancora tracce dell antica cromia scura dell iride. La corona dorata ferma sulla sommità della testa, poggiandovi sopra, il cappuccio del mantello. L attributo regale è costituito da una fascia dorata con incisioni diagonali incrociate delimitata da due cordoni a spirale con andamento opposto impreziosita da una sequenza alternata di grosse gemme dipinte rotonde o romboidali. La parte superiore della corona è decorata da un motivo stilizzato d ispirazione floreale. Poco sotto l attaccatura del collo, il sottile bordo rosso della veste stacca tra l incarnato e il bordo dorato del manto. Una spilla dorata di raffinata fattura, ancora di gusto floreale, stringe le due falde del mantello formando una fitta raggiera di pieghe. La falda destra (alla sinistra di chi guarda) disegna un ampio panneggio che scende lungo il ventre pronunciato, si arrotola intorno all avambraccio destro e attraversa, formando molli pieghe opulente tra le gambe divaricate, l intera figura della Vergine. L ampia veste rossa è stretta poco sotto il seno da una cintura dorata con incisioni diagonali incrociate (come nella corona) stretta da un fibbia quadrata. Le maniche sono lunghe fino al polso, aderenti e prive di bordi o bottoni. Il lembo inferiore della veste poggia sulle punte delle calzature, delineandone la forma ma coprendole interamente, e cade a terra in ricche pieghe, in ossequio ad un gusto ampiamente attestato per questo soggetto nella scultura del tempo anche per quanto riguarda foggia e colori dell abbigliamento. Alle estremità della base del collo, tra i capelli e le spalle, due fori circolari passanti erano forse destinati ad alloggiare le terminazioni del sostegno che originariamente sosteneva l aureola. Maria porta il Bambino sul fianco sinistro, trattenendolo al bacino con la mano e sostenendone appena un piede con la destra. La posizione di Gesù è molto inclinata rispetto a quella della madre e il lieve piegamento in avanti del busto non è sufficiente ad allontanare l impressione di forte asimmetria e di sbilanciamento della composizione e di una complessiva non felice resa plastica del fanciullo, più mostrato al riguardante che raccolto tra le braccia materne. Il piccolo è coperto solo da un panno con ampie tracce di doratura che gli cinge i fianchi e che egli stesso trattiene con la sinistra. La testa è resa con tratti fisionomici decisi, molto simili a quelli della madre, incorniciati da una massa abilmente descritta di corti capelli castani ricciuti che lasciano scoperte orecchie clamorose per dimensione e attaccatura. Nella destra Gesù stringe l ala sinistra di un cardellino che invano tenta di liberarsi beccandogli il polpastrello dell indice. Le forme e la sgargiante colorazione del piumaggio dell uccello, di cui rimangono tracce, sono suggerite con efficacia da incisioni graffite sulla pietra. Il cardellino, frequentemente attestato nelle rappresentazioni artistiche del periodo, è un richiamo alla tradizione popolare che vede nella macchia rossa delle piume sulla testa del pennuto un ricordo della goccia di sangue caduta dalla fronte di Cristo sull esemplare che tentava di alleviare le sofferenze della Passione togliendo col becco una delle spine della corona. Secondo uno schema circolare ricorrente nell iconografia antica la presenza del cardellino nell infanzia di Gesù prefigura il destino di sofferenza e morte profetizzato dalle Sacre Scritture necessario per la redenzione dell umanità peccatrice. Anche qui come nella Madonna - ma in questo caso sotto le ascelle - due fori passanti non necessari alla definizione dei volumi erano probabilmente funzionali al sostegno dell aureola. La nicchia (B) che da non molti anni ospita il gruppo statuario è ricavata in quello che originariamente era muro meridionale del campanile, ma in precedenza la scultura era collocata nella vicina nicchia (A), più ampia e dunque più adatta ad ospitarla, nell andito che separa la sacrestia dal presbiterio, ossia sull esterno della parete orientale della torre campanaria, in cui attualmente è esposta un immagine lignea policroma di san Rocco. Spiazzi ha ipotizzato che, in origine, la statua potesse trovarsi nella non lontana chiesa di Santa Maria in Fibbio, esistente nel XII secolo nei pressi dell attuale via Radisi. Nel 1532, al tempo della visita pastorale del vescovo Gian Matteo Giberti, di tale chiesa non si fa menzione mentre si ricorda l esistenza, nella parrocchiale di San Martino Buon Albergo, di un altare «di Santa Maria antica». Potrebbe trattarsi proprio dell altare dell antica chiesa di Santa Maria in Fibbio, rimosso prima dell abbandono dell edificio e trasportato (con la statua che vi era esposta) nella chiesa del capoluogo. Nel 1744, infine, al tempo dell ampliamento della chiesa intitolata al vescovo di Tours e della connessa demolizione dell altare ora ricordato, la scultura sarebbe stata posizionata nella nicchia (A). Non si può escludere, naturalmente, che l opera sia nata proprio per la chiesa di San Martino e che l eventuale rimozione dalla collocazione originaria sia stata determinata dal mutamento dei canoni

8 estetici. In ogni caso, le dimensioni della statua sono consone all esposizione su altare, impiego con il quale bene si conciliano il buono stato di conservazione generale e dei pigmenti in particolare. La struttura del gruppo scultoreo, la connotazione fisionomica delle figure e, soprattutto, il raffronto con la produzione artistica scaligera di epoca tardo-medievale suggeriscono una datazione tra la seconda metà del secolo XIV e i primissimi anni del XV. In particolare, i tratti della testa e del viso, un certo quasi inconfondibile modo di rendere i capelli, la corona ed il panneggio mi spingono, spero non avventatamente, a riconoscere nella Madonna in trono col Bambino della parrocchiale di San Martino Buon Albergo la stessa mano che scolpì almeno alcune delle otto statuette in particolare quelle raffiguranti la Madonna con il Bambino (e il cardellino) e l Annunciazione - che formano il fastigio del monumento funebre della famiglia Dal Verme nella chiesa di Santa Eufemia di Verona. Se tale attribuzione venisse suffragata da altri e più autorevoli pareri, la nostra scultura, di cui si confermerebbe in tal caso la datazione sopra indicata, sarebbe opera di Antonio da Mestre, lo scultore cui Fabrizio Pietropoli ha assegnato, nel 1996, la paternità della tomba Dal Verme. Questo maestro veneziano, molto attivo in città e nell Est veronese tra gli ultimi anni ottanta del Trecento e il primo ventennio del Quattrocento, rivelò una forte personalità artistica, tale da «improntare di sé», come ha scritto Gian Lorenzo Mellini, «la scultura fin de siècle a Verona»*. La Madonna in trono col Bambino di San Martino Buon Albergo si conferma perciò un importantissimo monumento dell arte veronese, vecchio di oltre sei secoli, che merita di essere restituito alla fruizione e alla devozione popolare anche pensando con sollecitudine ad una collocazione più conveniente della nicchia in sacrestia, angusta e scarsamente accessibile al pubblico. Roberto Alloro

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino Itinerario stampabile scaricato dal sito Morano Calabro Morano Calabro Chiesa di San Bernardino La chiesa di San Bernardino da Siena e l annesso convento sono un importante esempio di architettura francescana

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

Chiesa di Santa Maria

Chiesa di Santa Maria Chiesa di Santa Maria La chiesa parrocchiale di santa Maria di Vervò sorge al centro dell abitato e da essa si dipartono tutte le strade che portano nell ambiente circostante: verso il cimitero di San

Dettagli

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina.

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina. LA SACRA FAMIGLIA Il dipinto, opera di bottega locale, realizzato su tela ad altra sovrapposta, restaurato circa 8 anni fa, potrebbe ritenersi settecentesco. Collocato sull altare dedicato a San Giuseppe,

Dettagli

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme La Basilica di Santa Maria Assunta a Montecatini Terme 1 Visitiamo la Basilica La Chiesa Propositurale di Santa Maria Assunta è stata costruita secondo il progetto, vincitore di un concorso nazionale,

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

La chiesa di San Biagio al Tegoleto

La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa, secolare, è sempre appartenuta al Capitolo della Cattedrale Aretina. Alcuni documenti attestano la sua esistenza già prima dell anno 1000. Varie sono state

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso La cornice La cornice che racchiude attualmente la pala è opera seicentesca (si ipotizza una data intorno al 1623): lavoro complesso e fastoso a testimonianza della grande considerazione in cui era tenuto

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN CARLO DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA EDIFICIO CHIESA Consacrato il 15 novembre 1941 dal Beato Cardinale Alfredo Ildefonso Schuster Arcivescovo di Milano. Sorto in quattro tempi

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

I SIMBOLI MEDIOEVALI

I SIMBOLI MEDIOEVALI I SIMBOLI MEDIOEVALI VERSO UN ARTE SIMBOLICA L arte medioevale ha la funzione di esprimere concetti e simboli religiosi mediante immagini, per far conoscere ai fedeli la storia sacra. Dall arte imperiale

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale CHIESE E ORATORI DI RASSA Chiesa parrocchiale La parrocchiale anticamente non era che una semplice chiesuola dedicata a S. Maiolo, o direm meglio, questa chiesuola era dove si facevano i divini officii,

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Basilica Santa Maria della Sanità

Basilica Santa Maria della Sanità Basilica Santa Maria della Sanità Di Jose Maria Gonzalez Spinola vesuvioweb 2014 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 La chiesa di Santa Maria della Sanità Il complesso di Santa Maria della

Dettagli

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 2002 Inizio dell attività come Ditta Individuale Covelli Silvia FORMAZIONE 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 1993 2002 Assunta

Dettagli

Cascia. La Chiesa di Sant Agostino

Cascia. La Chiesa di Sant Agostino Cascia La Chiesa di Sant Agostino Il complesso di Sant Agostino La Chiesa di Sant Agostino. Il luogo, l arte e la storia. La chiesa, con annesso convento, sorse nel Trecento, su un primitivo oratorio eremitico

Dettagli

L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA

L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA Comune di Vestenanova L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA Provincia di Verona AMBIENTE E STORIA La chiesetta di Sant Antonio Abate è incastonata in un anfiteatro di colline e montagne

Dettagli

Il Monastero di Santa Chiara in Nocera Inferiore

Il Monastero di Santa Chiara in Nocera Inferiore Il Monastero di Santa Chiara in Nocera Inferiore Di Rocco Vitolo 2010 www.vesuvioweb.com Collocazione Il complesso monastico è posto in piano, ai piedi della collina di San Pantaleone, da cui è separato

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio RICERCA ESEGUITA DA MARCO MARVEGGIO, ALESSANDRO DELLA VALLE STEFANO PROIETTI,, IAN VUTCARIOV CLASSE 5^ SCUOLA PRIMARIA BRUNO CREDARO- VIA BOSATTA,

Dettagli

Il gravoso impegnativo compito

Il gravoso impegnativo compito IRSINA: UN CASO EMBLEMATICO DELLE COMPLESSE PROBLEMATICHE DEL RESTAURO di Benedetta Di Mase BASILICATA REGIONE Notizie Il gravoso impegnativo compito della tutela, conservazione e valorizzazione di ogni

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI

SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI 5-09-2011 12:05 Pagina 1 SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI Cope S.Rita175DORSO:Layout 4 SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI PRESENTAZIONE Le oltre 300 pagine della guida hanno come obiettivo

Dettagli

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica.

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica. Codici ed affreschi. Alcuni studiosi della storia dell arte hanno accennato alla possibilità di uno stretto contatto tra codici miniati ed affreschi. Qui presentiamo un caso significativo: un particolare

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911)

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) Scheda n. 7 Calavino, Veduta esterna Calavino, La decorazione presbiterale Oggetto Ciclo pittorico Soggetto Sulla volta presbiterale

Dettagli

A.C.V. associazione per la tutela del patrimonio culturale verzuolese GUIDA AI LUOGHI D INTERESSE DI VERZUOLO

A.C.V. associazione per la tutela del patrimonio culturale verzuolese GUIDA AI LUOGHI D INTERESSE DI VERZUOLO A.C.V. associazione per la tutela del patrimonio culturale verzuolese GUIDA AI LUOGHI D INTERESSE DI VERZUOLO Municipio Dal 1962 ospita, in modo più efficiente ed in sito più centrale rispetto allo sviluppo

Dettagli

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri)

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) Aspetti della vegetazione nei dintorni di Velate: -bosco misto con affioramenti calcarei; -faggeto

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

DIOCESI DI TEANO-CALVI

DIOCESI DI TEANO-CALVI DIOCESI DI TEANO-CALVI Complesso Parrocchiale di San Paride l architettura il luogo la riconoscibilità la forma la materia il culto l iconografia la protezione l accoglienza l architettura le scelte formali

Dettagli

Il ciclo degli affreschi di Assisi

Il ciclo degli affreschi di Assisi Giotto ad Assisi Il ciclo degli affreschi di Assisi la fonte iconografica a cui attingono gli affreschi della basilica di Assisi è un testo scritto da Bonaventura Da Bagnoregio sulla vita di San Francesco.

Dettagli

L ACQUASANTIERA LA PIANETA

L ACQUASANTIERA LA PIANETA L ACQUASANTIERA È un recipiente, di pietra o di marmo, posto all entrata della Chiesa, che contiene acqua benedetta. In esso intingi la mano destra, prima di farti il segno della croce. Segnarsi con l

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

Cascia. La Chiesa di San Francesco

Cascia. La Chiesa di San Francesco Cascia La Chiesa di San Francesco La Chiesa di San Francesco. Il luogo, l arte e la storia. La prima chiesa dedicata in Cascia al Santo d Assisi fu fondata nel 1247, ventun anni dopo la sua morte. Nel

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

CHIESA DI SAN GIACOMO

CHIESA DI SAN GIACOMO CHIESA DI SAN GIACOMO La chiesa di San Giacomo sorge nel centro del rione Liparlati ed è una delle più antiche di Positano. Fondata nel XII secolo in onore di Santiago de Compostela( San Giacomo dal Campo

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Il primo gruppo della processione dei Misteri, la Separazione, è formato dalla figura di Gesù, al centro, leggermente

Dettagli

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria 1 Arte romana Urna cineraria Fine sec. I d.c. Marmo di Carrara Città del Vaticano, Musei Vaticani, coperchio inv. n. 9183, cassa inv. n. 9184 5 Niccolò di Segna (Siena, documentato dal 1331 al 1348) Madonna

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

I gioielli lombardi poco conosciuti: il Santuario di Campoè (Caglio)

I gioielli lombardi poco conosciuti: il Santuario di Campoè (Caglio) I gioielli lombardi poco conosciuti: il Santuario di Campoè (Caglio) Questo è un lavoro fatto con le classi seconde (B e C) e con la terza B in occasione delle giornate del FAI di primavera (28/29 marzo

Dettagli

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito.

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito. Sommario Introduzione... 2 Capitolo I... Errore. Il segnalibro non è La storia del monastero... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Le origini... Errore. Il segnalibro non è 1.2 I primi documenti in cui è

Dettagli

Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT)

Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT) ARCIDIOCESI DI MATERA - IRSINA Chiesa Madre Santa Maria Maggiore Miglionico - (MT) Adeguamento liturgico provvisorio del presbiterio don Giuseppe Tarasco PARROCCHIA SANTA MARIA MAGGIORE Largo Chiesa Madre,

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

SAN NICOLA NEL MONDO

SAN NICOLA NEL MONDO SAN NICOLA NEL MONDO GERMANIA In Germania il culto di S. Nicola ebbe origine verso l anno 1000. Col tempo si sviluppò la figura del ragazzo vescovo: i ragazzi giravano per le strade delle città cantando

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione percorsi didattici per le scuole I Percorsi didattici che i Servizi educativi del Museo diocesano rivolgono alle scuole

Dettagli

La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete

La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete ITALIANO Da più di 1000 anni la chiesa di santo Stefano veglia, dal piccolo rilievo sul quale si appoggia, i paesi della Pieve di Capriasca. Le montagne

Dettagli

Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte

Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte Conferenza tenuta a Giano dell Umbria, Sala Consiliare, Il 14 agosto 2011 da Marcello Castrichini Lavori anni 80-90 del XX secolo

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Corso Chierichetti Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Abiti liturgici Per le liturgie, i sacerdoti e coloro che prestano servizio all altare indossano abiti speciali perché si sta svolgendo

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

L OCCHIO SACRO DI BRIGA

L OCCHIO SACRO DI BRIGA COMUNE DI BRIGA NOVARESE L OCCHIO SACRO DI BRIGA Le otto chiese di Briga, più la Cappelletta della Madunina, formano una specie di ellisse allungata nel cui vertice nord potremmo collocare la scomparsa

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più LA BASILICA DI SAN ZENO La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più belle chiese romaniche esistenti in Italia. L intenso cromatismo, dato dall impiego della pietra di tufo usata sola o alternata

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE DISO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Palazzo Baronale Miglietta All

Dettagli

LA CHIESA PARROCCHIALE DI SANT ANDREA APOSTOLO

LA CHIESA PARROCCHIALE DI SANT ANDREA APOSTOLO LA CHIESA PARROCCHIALE DI SANT ANDREA APOSTOLO Patrimonio mondiale della cristianità. L - castelnovesi degli ultimi due secoli passati. 8 IL SANTO PATRONO DI CASTELNUOVO LE ORIGINI DELLA CHIESA chiesa

Dettagli

CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità

CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità CONVEGNO il nuovo mecenatismo nell arte e nella cultura. Riflessioni e opportunità Sabato 28 febbraio 2015 ore 16.00 Locri Sala Convegni Centro Pastorale Parlare di mecenatismo oggi ci porta a volgere

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

LA CHIESA DI SANT ANASTASIA

LA CHIESA DI SANT ANASTASIA LA CHIESA DI SANT ANASTASIA L a chiesa di Sant Anastasia è uno splendido esempio di gotico italiano. Fu eretta a partire dal 1290 con il contributo della famiglia che governava la città, gli Scaligeri,

Dettagli

PERCORSO DANTESCO A VERONA

PERCORSO DANTESCO A VERONA PERCORSO DANTESCO A VERONA In giro per Verona sulle orme di Dante SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAVALCHINI - MORO PIAZZA BRA Al tempo di Dante non esistevano i palazzi che vediamo ora, c'erano solo

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli