RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale"

Transcript

1 GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO IN UNO SCENARIO IN CONTINUA EVOLUZIONE RISK MANAGEMENT di Giovanni Segato e Davide Giovanelli Estero >> Commercio internazionale

2 Il continuo rafforzamento dell euro sul dollaro impone alle aziende esportatrici di considerare con attenzione il rischio derivante dalla perdita di competitività. Assume notevole rilievo, quindi, l attività di analisi del rischio di cambio nonché la gestione della esportazione al rischio stesso. PREMESSA Il rapporto di cambio EUR/USD ha manifestato negli ultimi due anni un trend di continuo rafforzamento. Dopo aver raggiunto un minimo a 0,8250 nell ottobre 2000 ed essere rimasto in un range di oscillazione di una decina di figure fino all inizio del 2002, da quel momento fino ad oggi il movimento è stato praticamente unidirezionale arrivando a toccare un massimo a 1,2875 intorno a metà gennaio di questo anno (Tavola 1). TAVOLA 1 Andamento del cambio EUR/USD dal gennaio ,3 Cambio EUR/USD 1,25 1,2 1,15 1,1 1,05 1 0,95 0,9 0,85 0,8 4-gen-99 4-mar-99 4-mag-99 4-lug-99 4-set-99 4-nov-99 4-gen-00 4-mar-00 4-mag-00 4-lug-00 4-set-00 4-nov-00 4-gen-01 4-mar-01 4-mag-01 4-lug-01 4-set-01 4-nov-01 4-gen-02 4-mar-02 4-mag-02 4-lug-02 4-set-02 4-nov-02 4-gen-03 4-mar-03 4-mag-03 4-lug-03 4-set-03 4-nov-03 4-gen-04 L azienda esportatrice in USD si è quindi trovata nel corso di poco più di tre anni con un cambio più alto del 56% rispetto al punto di minimo. L ampiezza dello scostamento, peraltro spalmata su un arco temporale abbastanza esteso, è sicuramente rilevante. L impatto sui risultati, in assenza di coperture e senza la possibilità di utilizzare la leva prezzo in modo significativo, è stato sicuramente importante sia nel 2002 che nel 2003, soprattutto nei settori in cui la marginalità sul prodotto è limitata a pochi punti percentuali. Il mercato è divenuto dunque sempre più selettivo e complesso per una azienda esportatrice in USD. Assume pertanto una forte rilevanza la capacità di affrontare in modo evoluto ed integrato tutte le attività del processo di gestione del rischio di cambio (Tavola 2), al fine di evitare perdite di competitività che possono essere particolarmente ampie se la struttura dei costi dei concorrenti è denominata in USD o in altre divise che non si sono apprezzate in modo analogo all euro. E da sottolineare come nel caso delle PMI, un ulteriore aggravante sia legata al fatto che le soluzioni che permettono di risolvere la problematica vadano ricercate in presenza di una carenza strutturale di risorse sia umane che tecnologiche. Le soluzioni e le Pagina 1 di 13

3 metodologie che verranno presentate in questo articolo sono accessibili anche ad aziende di piccola o media dimensione, con un investimento limitato sia negli strumenti che in termini di ore uomo dedicate all analisi. TAVOLA 2 Il processo di gestione del rischio di cambio Volendo approfondire il tema delle risorse umane coinvolte in questa attività, qualsiasi azienda deve affrontare un investimento in termini di crescita professionale anche se quest ultima, pur essendo destinata a portare in azienda un notevole valore aggiunto, non sempre può essere ottenuta in tempi brevi ed a costi contenuti. Di qui la necessità di esplorare anche soluzioni che prevedano il coinvolgimento di risorse esterne in grado di portare in azienda esperienza professionale e di fare crescere la qualità della struttura esistente. Queste soluzioni possono arrivare a prevedere anche l esternalizzazione totale o parziale della gestione. Su questo fronte l offerta di servizi è in evoluzione in quanto la tradizionale attività di consulenza orientata ai mercati finanziari (suggerimenti di acquisto o vendita di divisa legati ad aspettative di movimenti dei mercati basate su analisi di tipo tecnico o fondamentale) e agli strumenti di copertura (termine piuttosto che strategie in opzioni a costo zero) è sempre più affiancata dalla capacità di supportare l azienda nella altre fasi del processo di gestione del rischio di cambio. Chiudiamo questa premessa sottolineando il fatto che il contributo che può offrire la tecnologia nella gestione delle diverse fasi del processo è sicuramente crescente. Questa affermazione è valida anche per le PMI in quanto Internet e le tecnologie ASP consentono la possibilità di accedere a soluzioni strutturate a costi molto contenuti. Non stiamo parlando esclusivamente della possibilità di accedere a pagine che pubblicano informazioni aggiornate sull andamento dei mercati finanziari, ma anche di siti che consentono un pricing indicativo dei diversi strumenti di copertura e, in alcuni casi, si spingono fino ad offrire la possibilità di accedere a soluzioni di risk manangement integrate ed evolute. DEFINIZIONE DELL ESPOSIZIONE DA GESTIRE La definizione dell esposizione da gestire passa attraverso un processo che prevede diverse fasi e si basa sull individuazione della tipologia di rischio da gestire e sulla sua quantificazione, che come vedremo può assumere connotati diversi a seconda dell orizzonte temporale considerato (mensile, annuale, pluriennale) e della fonte di reperimento dei dati (sistema di fatturazione, portafoglio ordini, budget, ecc.). Molti fattori condizionano questa attività; solo per citarne alcuni possiamo evidenziare la reperibilità dei dati, l attendibilità della fonte, la tempestività di comunicazione delle informazioni, che devono necessariamente far leva sulla relazione e la collaborazione tra enti interni aziendali (tipicamente amministrazione e finanza, commerciale, acquisti, controllate estere). Ciascuno degli aspetti sopra ricordati rappresenta un elemento di potenziale criticità che deve essere preso in considerazione al momento della definizione dell esposizione a rischio. Tenuto presente quanto appena detto, il primo passo da affrontare è pertanto quello di chiarire cosa si intenda per «esposizione al rischio». La composizione di questa grandezza, infatti, non ha una connotazione univoca e può assumere diversi significati a seconda della tipologia di rischio che si considera. In particolare possiamo identificare tre categorie fondamentali di rischio (Tavola 3): Contabile; Economico; Competitivo; Il rischio contabile, tendenzialmente di breve termine, consiste nel rischio che il cambio di incasso/pagamento di una specifica transazione risulti peggiore rispetto a quello di emissione/registrazione Pagina 2 di 13

4 della relativa fattura; ha un impatto diretto sul Conto Economico aziendale come «differenza negativa su cambi». Questa tipologia di rischio è senza dubbio quella più conosciuta e gestita dalle aziende italiane, in particolare dalle PMI. Con riferimento al contesto attuale e all azienda esportatrice in USD, rientra in questa categoria anche il rischio associato a posizioni di liquidità in USD nel portafoglio dell azienda o di sue controllate estere mai negoziate in quanto in attesa di un cambio più vicino agli obiettivi aziendali. Si tratta di una situazione abbastanza frequente; nel corso del 2002 e 2003 molte aziende con una posizione finanziaria solida hanno preferito mantenere le posizioni in USD. Ne consegue un aumento notevole della tipologia di rischio appena descritta. Il rischio economico ha invece un accezione decisamente più estesa del rischio contabile e comprende tutti gli effetti che una variazione del cambio di mercato può generare sulla «parte alta» del conto economico aziendale (i.e. sul margine operativo). Una manifestazione evidente di questa tipologia di rischio si ha nei casi in cui un azienda, per necessità di business o per scelta organizzativa, operi con un listino prezzi in divisa con validità temporale fissa (ad es. annuale). In tale situazione, infatti, senza un adeguata strategia di gestione del «cambio di listino», una variazione sfavorevole del tasso di cambio comporterà una diminuzione della marginalità di tutte le vendite effettuate in applicazione del listino prezzi corrente. Se ipotizziamo che la nostra azienda esportatrice abbia definito il listino sulla base del cambio medio dell anno precedente, ci troveremmo, in assenza di coperture, con una erosione del controvalore in euro del fatturato del 10/15% negli ultimi due anni. Nell accezione più strategica il rischio economico diviene rischio competitivo; come può essere desunto dalla sua definizione, è legato alla variazione dei rapporti competitivi in seguito all andamento dei cambi di mercato e alla diversa struttura per divisa dei costi e dei ricavi rispetto ai concorrenti. Se ad esempio ci troviamo ad operare in un contesto in cui le aziende concorrenti hanno una struttura di costi denominata in USD, è evidente che la loro capacità di competere è nettamente migliorata rispetto al passato. Questa componente di rischio può comunque venire gestita in modo efficace solamente qualora i concorrenti non siano particolarmente numerosi, siano concentrati in poche aree valutarie e la loro struttura di costi e ricavi sia di facile individuazione. TAVOLA 3 Tipologie di rischio e relativo impatto sul Conto Economico Pagina 3 di 13

5 La maggior parte delle aziende italiane si confronta giornalmente sulle prime due tipologie descritte (rischio contabile e rischio economico) ed è quindi con riferimento a queste che affronteremo il tema della quantificazione dell esposizione a rischio di cambio. Se l obiettivo aziendale è la copertura del rischio contabile, si potrà operare attingendo la base dati dalla fatturazione. La pratica più usata nelle aziende vede l utilizzo di un foglio elettronico, alimentato manualmente o attraverso un estrazione automatica dal sistema gestionale, sul quale corredare ed integrare i dati di tutti gli attributi che saranno utili per la gestione. Esistono alternative più evolute; nelle Tavole 4 e 5, ad esempio, viene rappresentato un ambiente strutturato fornito con modalità ASP. I dati da considerare, oltre naturalmente all importo, al segno (incasso/pagamento), alla divisa domestica (Main Currency) e a quella relativa alla transazione (Trade Currency), sono principalmente la data valuta (Value Date) in cui si attende la manifestazione del flusso in divisa estera e il cambio obiettivo (Target Rate); quest ultimo elemento rappresenta il riferimento della gestione (nel caso del rischio di cambio «contabile» è rappresentato dal cambio di fatturazione). Il processo di costruzione dell esposizione vedrà un attività di inserimento dei flussi attesi derivanti dal business (incassi/pagamenti prospettici in valuta) con l attribuzione per ciascuno degli elementi appena descritti. Il risultato finale, come si può notare porterà all evidenziazione dell esposizione netta (Exposure) data dal risultato del matching tra incassi e pagamenti (logica di natural hedging). Tale esposizione netta potrà essere modulata su un differente dettaglio temporale (settimana, mese, anno, ecc.) e su un orizzonte che arriva fino all ultima data presente di incasso/pagamento. Per singolo sottoperiodo e a livello totale verrà associata all esposizione netta il relativo Target Rate risultante dalla media ponderata degli obiettivi associati ai singoli flussi appartenenti al periodo considerato; il peso della ponderazione sarà dato dall ammontare del flusso stesso. Nel caso di copertura del rischio economico, il processo di costruzione dell esposizione a rischio risulta più articolato in quanto le fonti sono più numerose e l orizzonte temporale da considerare è più ampio; operativamente tale processo può essere riassunto in tre passaggi successivi che hanno inizio in fase di redazione del budget (o di uno strumento previsionale ad esso assimilabile): identificazione dell esposizione valutaria di budget; analisi delle caratteristiche dell esposizione da budget; definizione dell esposizione da gestire finanziariamente. TAVOLA 4 Esempio di alimentazione dell esposizione a rischio Pagina 4 di 13

6 TAVOLA 5 Esempio di determinazione dell esposizione a rischio Servizio fornito con modalità ASP Identificazione dell esposizione valutaria di budget In tale fase si procede ad identificare i flussi che compongono l esposizione e che possono essere così classificati: flussi commerciali (incassi e pagamenti in divisa); flussi tecnici (investimenti in valuta in impianti, macchinari, ecc.); flussi finanziari (finanziamenti ed investimenti in valuta, dividendi, royalty liquidate in valuta, ecc.) La quantificazione di questi flussi coinvolge diverse funzioni aziendali (commerciale, acquisti, finanza, uffici tecnici, direzione generale, imprenditore, ecc.). Esula dallo scopo del presente contributo la modalità con cui ciascuna funzione procede alla quantificazione del flusso di propria competenza, anche se riteniamo opportuno ricordare la necessità di una visione omogenea e congiunta del processo complessivo e delle finalità di utilizzo dei dati forniti. Analisi delle caratteristiche dell esposizione I flussi valutari derivanti dal budget rappresentano la base di partenza sulla quale costruire l esposizione che la finanza dovrà gestire; a questa base dovrà affiancarsi un analisi delle caratteristiche dell esposizione valutaria aziendale. La corretta definizione dell esposizione valutaria deve infatti prevedere un analisi qualitativa delle grandezze individuate. In altre parole, l analisi delle caratteristiche dell esposizione deve permettere la distinzione tra profili di rischio differenti. Si pensi ad esempio alla distinzione necessaria nel caso di quote di rimborso di finanziamento a medio e lungo termine in valuta (perfettamente definibili per importo e scadenza) rispetto a flussi di incasso relativi ad una commessa e collegati allo stato di avanzamento dei lavori (dati estremamente incerti). Altra considerazione da svolgere in sede di analisi è legata al posizionamento dell azienda sui diversi mercati di riferimento. Infatti, nel caso in cui l azienda si trovi in una posizione di price leader o addirittura di price maker, ha la possibilità di rispondere con elevata elasticità attraverso le leve a sua disposizione ad una variazione del tasso di cambio; al contrario se l azienda è price taker dovrà necessariamente cautelarsi per non subire le variazioni avverse del mercato. La finalità dell analisi sulle caratteristiche dell esposizione è pertanto quella di individuare il complessivo profilo di rischio aziendale al quale dovranno essere adattati il profilo di copertura e la strategia di gestione. Definizione dell esposizione da gestire finanziariamente Una volta individuata la posizione derivante dal budget ed analizzate le caratteristiche dei diversi flussi e quelle specifiche del business, il passo successivo porta a valutare, e, se necessario, a modificare, l esposizione valutaria di budget, integrandola oppure considerandone solo una porzione al fine di individuare l esposizione che deve essere gestita finanziariamente. Il budget non è infatti l unica fonte dei dati relativi all esposizione e talvolta non risulta nemmeno quella prevalente; lo scadenzario clienti e/o fornitori ed il portafoglio ordini forniscono una stima più attendibile in un orizzonte temporale di breve termine; allo stesso modo, nel caso in cui l azienda decida di considerare un orizzonte temporale più ampio di quello di budget dovrà ricorrere a stime e/o proiezioni di lungo termine. In sintesi la determinazione dell esposizione da gestire finanziariamente richiede l esplicita definizione di una serie di elementi tra i quali possiamo ricordare l orizzonte temporale prospettico di gestione del rischio di Pagina 5 di 13

7 cambio (che potrebbe non coincidere con l orizzonte di budget) e la definizione di quali divise considerare (alcune potrebbero risultare di dimensione irrilevante). A questa attività si dovrà associare una rettifica prudenziale da applicare a dati previsionali incerti e la compensazione ove possibile di incassi e pagamenti nella stessa divisa (natural hedging), individuando in tal modo la posizione netta. Un alternativa a questa modalità potrebbe essere rappresentata dalla creazione di diversi portafogli (ad es. portafoglio di budget, portafoglio ordini e portafoglio fatturazione) con la possibilità di considerare in maniera dinamica l esposizione complessiva e/o quella parziale risultante dalle combinazioni di uno o più di tali portafogli (Tavola 6). In tal caso sarà di fondamentale importanza curare la definizione dei criteri di cut-off tra i dati presenti nei diversi portafogli per evitare duplicazioni o omissioni di informazioni. Il risultato finale porterà, come evidenziato in precedenza con riferimento al solo rischio contabile, alla determinazione di un esposizione nei diversi sottoperiodi scelti e per totale con l associazione del relativo cambio di riferimento; il cambio obiettivo a seconda delle scelte aziendali potrà essere unico per tutti i flussi (cambio di budget o cambio utilizzato per la conversione del listino in valuta) oppure essere una media ponderata dei diversi cambi di riferimento associati ai singoli flussi prospettici in valuta. GESTIRE E CONTROLLARE LE OPERAZIONI FINANZIARIE Come abbiamo precedentemente sottolineato non esiste un unica ed indiscutibile posizione valutaria, bensì una rappresentazione quantitativa del rischio di cambio aziendale filtrata attraverso un analisi di tipo qualitativo (scelta della fonte, screening sull attendibilità dei dati, definizione dell orizzonte temporale di gestione, ecc.). E da evitare pertanto la gestione «indipendente» delle operazioni finanziarie, slegata da un analisi preventiva e continuativa sulla posizione valutaria aziendale, ossia dalla consapevolezza di quale sia l impatto nel tempo di un operazione finanziaria sulla posizione e sugli obiettivi aziendali. In particolare, prima di intervenire con una gestione finanziaria è basilare la determinazione del cambio minimo/massimo (a seconda del segno import o export della posizione a rischio) che permetta la salvaguardia del margine aziendale. In questa logica, l utilizzo di operazioni finanziarie è alternativa a strategie interne di protezione aziendale, che possono prevedere: pattuizione di regolamenti a vista; matching, ovvero compensazione di poste attive e passive omogenee per importo, scadenza e valuta di riferimento in modo da gestire la posizione netta; politiche di leads and lags (ritardo/accelerazione negli incassi/pagamenti) che permettono, laddove sono praticabili, di ricondursi anche in questo caso alla gestione della posizione netta; exposure pairing, ossia compensazione di esposizioni basata sulla correlazione positiva o negativa degli andamenti di diverse valute; questa tecnica ha una rilevante complessità di applicazione ed è poco praticata nelle realtà italiane. Negli ultimi anni anche nelle PMI si sta assistendo ad un sempre maggiore ricorso ad operazioni finanziarie nella gestione del rischio di cambio. Ciò è dovuto a diverse motivazioni, tra le quali possiamo ricordare i forti sviluppi dell ingegneria finanziaria uniti ad un evoluzione dei mercati e delle tecnologie che hanno permesso la «targetizzazione» di questi strumenti anche sulle esigenze della piccola e media impresa. Rispetto a tecniche di protezione interna, l utilizzo di strumenti trattati nei mercati finanziari (regolamentati o Over The Counter),consente una gestione più flessibile e dinamica. Non possiamo tuttavia evitare di ricordare che si tratta di strumenti con profili di rischio fortemente differenti, che devono essere valutati e considerati in ogni momento sia per le proprie caratteristiche di strumenti stand alone sia per le loro ripercussioni sull esposizione da gestire. L utilizzo di tali strumenti finanziari consente infatti all impresa di creare una posizione di rischio con scadenza e importo uguale ma di segno contrario a quella derivante dalla sua esposizione. Gli strumenti utilizzati, in linea con la tipologia di rischio gestita, possono garantire un cambio fisso oppure un cambio massimo o minimo, a seconda che si tratti di una posizione import o export. Volendo fare una classificazione di massima sulle diverse tipologie di operazioni finanziarie possiamo distinguere tra strumenti derivati e finanziamenti in valuta; tra le principali categorie di derivato utilizzate possono essere ricordati i forward (contratti a termine), gli swap e le currency option. Pagina 6 di 13

8 In relazione alle caratteristiche e all impatto dello strumento di copertura sull esposizione possiamo individuare un insieme di strumenti cosiddetti «rigidi» (contratti a termine, finanziamenti in valuta,) che permettono di proteggersi da un andamento sfavorevole ma non consentono di beneficiare di un evoluzione in senso favorevole del mercato. Esempio tipico è il contratto a termine che stabilisce per un determinato ammontare in valuta e ad una determinata data futura, quale sarà il costo di acquisto (acquisto a termine) o il prezzo di vendita (vendita a termine): a scadenza l operazione determinerà comunque un flusso positivo o negativo inverso rispetto a quello che subirà l esposizione, rendendo neutra la posizione dell azienda nei confronti del mercato. Diverso è l effetto dell associazione tra esposizione e currency option; in particolare l utilizzo di opzioni plain vanilla comporta l applicazione di una logica assicurativa alla posizione di rischio che protegge dal manifestarsi di eventi negativi (ribasso/rialzo dei cambi di mercato), ma che allo stesso tempo permette di cogliere le opportunità favorevoli. L inconveniente nell utilizzo di questi strumenti è dato dalla presenza di un costo iniziale (premio) che spesso può rappresentare un ostacolo al loro impiego. Per ovviare a questo inconveniente l ingegneria finanziaria ha prodotto e continuamente produce delle soluzioni cosiddette zero cost, che attraverso una combinazione di acquisto e vendita di strumenti opzionali evitano il pagamento del premio. Tali soluzioni arrivano quotidianamente all attenzione di responsabili finanziari aziendali con dei nomi spesso diversi da istituto ad istituto (anche se l operazione presenta caratteristiche simili) e con effetti molto articolati sull esposizione. Le strutture zero cost più note e più utilizzate sono i Cilindri o Collar, i partecipating swap ed i forward knock in o knock out. Spesso queste soluzioni prevedono anche un effetto leva che consente di ottenere un cambio migliorativo rispetto ai livelli di mercato del momento in cui viene chiusa l operazione. Il rischio sottostante è però quello di esporre all azienda all obbligo di vendere una quantità di divisa superiore rispetto all esposizione di riferimento. Consideriamo ad esempio il caso dell azienda esportatrice in USD che vuole ottenere su un determinato nozionale un cambio di copertura a tre mesi di 1,2000. Si tratta di un obiettivo molto lontano dagli attuali livelli di mercato (cambio a pronti pari a 1,2450 e cambio a termine a tre mesi pari a 1,2420); dovrà quindi chiudere un operazione con una leva che a titolo di esempio supponiamo essere pari a tre. Questo significa che l azienda in questione correrà il rischio di dover vendere alla scadenza il triplo del nozionale al cambio di 1,2000 prendendo di conseguenza una posizione speculativa. L utilizzo degli strumenti di copertura deve essere accompagnato da metodologie e supporti che consentano di analizzare gli effetti sulla posizione di business (business exposure) sia in una logica preventiva a supporto delle decisioni, attraverso l analisi dell impatto delle diverse alternative (simulation analysis), sia in una logica gestionale e di controllo per verificare in ogni momento il reale effetto degli strumenti derivati in portafoglio sull esposizione stessa. Il metodo più utilizzato dalle aziende, in particolar modo dalle PMI, prevede la determinazione del cosiddetto pay-out dell operazione, ossia la quantificazione, ai livelli «correnti» di mercato, dei flussi di cassa legati ad una specifica operazione finanziaria; si tratta di una modalità basata su un approssimazione talvolta rilevante, in quanto non vengono considerati il valore temporale dell operazione (time value) e le aspettative di mercato (volatilità sull orizzonte temporale dell operazione). Tale approssimazione diventa tanto maggiore quanto più ampio è l arco temporale di vita residua del derivato e/o quanto più strutturata e complessa è l operazione. Un metodo senz altro più scientifico e corretto è quello del mark to market ossia la valorizzazione al mercato dell operazione finanziaria; questa modalità associata all utilizzo di soluzioni over the Counter, non quotate in mercati regolamentati, comporta la necessità di dotarsi di strumenti che contengano da un lato l algoritmo di calcolo per un corretto pricing dell operazione finanziaria e dall altro un collegamento con i valori di mercato. Questo metodo è destinato ad assumere una rilevanza ed un applicabilità sempre maggiore in azienda non solo in una logica gestionale ma anche contabile, alla luce di quanto previsto dai nuovi principi internazionali (Ias 39) che lo includono tra le modalità di valutazione dei derivati a fini di bilancio. Il confronto tra il valore di mercato (che assume una valorizzazione diversa istante per istante in relazione ai mutamenti del mercato) ed il costo originario dell operazione permette di evidenziare il Profitto/Perdita realizzabile in tale istante in caso di smobilizzo dell operazione finanziaria attraverso una vendita (nel caso di opzione) o un operazione contraria sulla scadenza residua (nel caso del forward). È importante sottolineare che non essendo presente un mercato regolamentato, gli strumenti che determinano il mark to market hanno una funzionalità indicativa che dovrà essere confermata attraverso la contrattazione con una specifica controparte finanziaria. A supporto dell attività lo strumento più utilizzato, specialmente nella PMI, è il foglio elettronico alimentato con dati di mercato attraverso input manuale; in casi più evoluti, è presente un automatismo che permette il collegamento ad una fonte dati di mercato in tempo reale (info-provider). Questa modalità raggiunge dei Pagina 7 di 13

9 risultati soddisfacenti per quanto riguarda la gestione di operazioni lineari elementari (forward e finanziamenti in valuta) mentre diventa difficilmente praticabile in presenza di operazioni con natura opzionale, soprattutto se strutturate. Un alternativa senza dubbio più efficiente e completa vede l utilizzo di tool di pricing; i vantaggi di questi strumenti rispetto al foglio elettronico sono rilevanti: l azienda ha infatti la possibilità di gestire strutture finanziarie lineari e opzionali, di determinare mark to market e profit/loss, di simulare l impatto di un cambiamento delle condizioni di mercato sul portafoglio di operazioni in essere (Tavola 6). TAVOLA 6 Esempio di mark to market e simulation analysis Le soluzioni più evolute (Tavola 7) permettono di attivare anche delle funzionalità di controllo e monitoraggio automatico dei livelli di mercato, attraverso l individuazione di un canale di oscillazione e di conseguenti livelli critici (down limit e up limit) e la segnalazione di livelli di stop loss e profit taking legate ad una specifica transazione o ad un portafoglio di operazioni finanziarie. TAVOLA 7 Esempio di alert su livelli critici Queste soluzioni aiutano, pertanto, a scegliere le modalità e le strategie di gestione, fornendo la possibilità di reagire con tempismo alle dinamiche del mercato e alle conseguenti ripercussioni sulla posizione in cambi aziendale. In altre parole consentono maggior consapevolezza nel caso di attività tradizionale di tipo «statico», coperture tenute fino a scadenza indipendentemente dal mutare del mercato, e rendono praticabile il passaggio ad una strategia di copertura dinamica in cui la percentuale di copertura ed il peso di ciascuna tipologia di strumento finanziario (per esempio strumenti rigidi verso strumenti opzionali) vengono considerati non solo ad inizio periodo sulla base dell esposizione, degli obiettivi e del profilo di rischio aziendale, ma nel continuo o comunque con una frequenza stabilita. Pagina 8 di 13

10 GLI STRUMENTI A SUPPORTO DEL PRICING Il pricing delle operazioni finanziarie di copertura del rischio di cambio può essere variamente ottenuto; una soluzione perseguita da gran parte delle PMI e che consente dei risultati apprezzabili se gestita in modo oculato consiste nel mettere a confronto i prezzi forniti da diverse controparti. Pur ritenendo questa metodologia efficace riteniamo che ad essa dovrebbe affiancarsi la capacità dell azienda di quotare a livello indicativo in modo indipendente i principali strumenti di copertura. Infatti, da una parte la contrattazione con una controparte poggia su più solide basi se supportata da capacità di quotare in autonomia, dall altra assume un importanza sempre maggiore la possibilità di effettuare una valutazione al mercato delle operazioni in portafoglio o di simulare gli impatti sulle stesse di determinati scenari (scenario analysis). Il tema merita in realtà di essere esplorato in particolare con riferimento alle opzioni, la formula per il calcolo del termine è infatti abbastanza semplice e può essere facilmente gestita a mezzo calcolatrice o impostata su un foglio elettronico. Per quanto concerne le opzioni, semplici o strutturate, la questione è più complessa; gli algoritmi di calcolo che consentono di prezzare queste strutture sono infatti decisamente più difficili da gestire. Si trovano tuttavia sul mercato diverse soluzioni che consentono un pricing affidabile a costi molto contenuti; si tratta di fogli di lavoro appositamente strutturati (add-in di fogli elettronici) che vengono installati su una specifica postazione di lavoro (Tavola 9) oppure di strumenti che risultano fruibili via internet (Tavola 10). Il mercato si sta decisamente muovendo verso queste ultime soluzioni in quanto comportano numerosi vantaggi: non sono vincolate ad una specifica versione del software di calcolo, possono rapidamente evolvere per consentire la gestione dei nuovi prodotti che vengono costantemente lanciati sul mercato, non comportano il vincolo della specifica postazione di lavoro e soprattutto offrono la possibilità dell aggiornamento automatico dei campi in cui vanno inseriti i parametri di mercato (cambio a pronti, tassi di interesse e volatilità). Per effettuare un pricing efficace restano a questo punto due punti aperti: il primo è rappresentato dalla necessità di gestire e inserire nelle maschere degli strumenti di calcolo l elemento chiave nel prezzo di una opzione che è rappresentato dalla volatilità implicita, mentre il secondo si sostanzia nella difficoltà di impostare e prezzare una strategia per un operatore senza esperienza specifica. Il problema della volatilità è in realtà circoscritto alle soluzioni che prevedono l installazione di software e può essere risolto solamente chiedendo il dato alle proprie controparti con tutti i rischi del caso (al di là del conflitto di interessi pesa su questo tipo di informazione anche il fatto che la volatilità è una variabile legata alle caratteristiche della specifica opzione). Il secondo aspetto richiede invece una crescita professionale delle risorse aziendali, crescita che può essere ottenuta per vie interne oppure con il supporto di realtà esterne in grado di favorire un percorso di questo tipo. Riteniamo importante sottolineare anche il fatto che le strategie di copertura diffuse sul mercato sono tutte a costo zero e si sostanziano in una combinazione di opzioni semplici e/o con barriere acquistate e vendute. L operatore deve pertanto acquisire nel tempo da una parte la capacità di disaggregare il prodotto che viene proposto per valutarne le componenti elementari, dall altra l abilità nell aggregare le stesse componenti per strutturare le strategie che meglio possono rispondere alle esigenze di copertura dell azienda. Si tratta di competenze che esulano dalla capacità di gestire lo strumento di pricing ma che sono fondamentali per sfruttare appieno lo stesso. Tra l altro gli applicativi più diffusi prevedono la possibilità di prezzare solamente gli elementi base della strategia: l opzione semplice (plain vanilla) e l opzione con barriere di tipo knock in o knock out (le soluzioni più evolute, non molto diffuse sul mercato, anche le opzioni digitali). VALUTARE LA GESTIONE E MISURARE IL RISCHIO Concentreremo l attenzione su uno schema di valutazione che riteniamo completo ed implementabile anche in una PMI soffermandoci sulle implicazioni organizzative e tecnologiche della soluzione. Con riferimento a questo ultimo aspetto ci preme in particolare evidenziare gli sviluppi che stanno permettendo la diffusione di soluzioni evolute che permettono una valutazione della gestione che integra dati relativi alle coperture effettuate con dati di mercato aggiornati in tempo reale. Si tratta di uno schema particolarmente preciso ed efficace sia a fini di mera valutazione a consuntivo, sia come strumento di supporto alle decisioni relative ad eventuali nuove operazioni di copertura. Gli elementi chiave per valutare la gestione sono contenuti nelle ultime due colonne sulla destra nello schema in Tavola 10. Nella penultima colonna (Exposure Rate) troviamo il cambio di esposizione aziendale: si tratta del cambio a cui l azienda potrebbe coprire interamente la propria esposizione date le coperture effettuate ed i livelli di mercato del momento in cui viene calcolato questo indice sintetico. Pagina 9 di 13

11 TAVOLA 8 Esempio di pricing tool ADD-IN di un programma di calcolo Spot Foreign Exchange Option Calculator Value Date: 10-apr-2003 enter currency Notional for which currency? Domestic EUR Notional Amount: USD 2 Foreign USD Notional in EUR ,00 exercise type European Exercise 1 Notional in USD ,00 FX spot - domestic / foreign 1,076 EUR/ USD Spot spot FX (inverse) 0, USD/ EUR Spot exercise price 1,066 exercise price 0, expiry date 10-lug-2004 volatility 8,50% rate - domestic 2,50% EUR rat e acc & freq EUR actual/360 2 annual compounding 1 rate - foreign 1,20% USD rat e acc & freq USD actual/360 2 annual compounding 1 option type call 1 on USD (put on EUR) / unit Result in EUR units / unit Result in USD units Fair Value 0, ,13 0, ,37 Fair Value Delta 0, ,72-0, ( ,27) Delta Gamma 3, ,75 4, ,14 Gamma Theta -0, (61,57) -0, (57,22) Thet a Vega 0, ,51 0, ,63 Vega TAVOLA 9 Esempio di pricing tool Servizio fornito con modalità ASP Per ogni scadenza si avrà: Pagina 10 di 13

12 Dal punto di vista teorico si può calcolare anche come media tra il cambio di copertura ed il cambio a termine di mercato sulla scadenza prevista di incasso o pagamento del flusso commerciale sottostante. Il Cambio di Copertura è rappresentato dal cambio a termine e dal cambio di esercizio delle opzioni che sono state acquistate con fini di copertura; nel caso dell azienda con flussi export denominati in divisa extraeuro e coperti con anticipi export, il cambio di copertura dovrebbe essere rappresentato dal cambio a termine sintetico calcolato utilizzando il tasso del finanziamento in divisa senza spread, il cambio a pronti a cui è stata venduta la divisa ed il tasso euro equivalente. La presenza di opzioni e ancor più la diffusione di strategie di copertura a costo zero basate su combinazioni delle stesse complica comunque la rilevazione del cambio di copertura e merita qualche approfondimento. Si scontrano in questi casi due visioni di quello che dovrebbe essere il cambio utilizzato per valutare la gestione: da una parte abbiamo infatti il tesoriere che adotta un approccio «prudenziale», che prevede l utilizzo del cambio «certo» di copertura (cambio di esercizio di una opzione o cambio peggiore di una struttura zero cost), dall altro troviamo invece un atteggiamento più aperto verso il rischio che preferisce l adozione dei livelli di esercizio delle opzioni solamente se sono in-the-mone, in alternativa i cambi di mercato sulle specifiche scadenze. Prendiamo ad esempio un esportatore in dollari che ha acquistato un cilindro (collar): l azienda definisce con questa struttura un cambio massimo ed uno minimo tramite l acquisto di una opzione put sul dollaro (diritto a vendere) e la contemporanea vendita di una call sempre sulla stessa divisa (diritto ad acquistare) con stessa scadenza e nozionale sottostante, ma strike diverso. L approccio prudenziale vorrebbe che venisse utilizzato per qualsiasi valutazione il cambio peggiore ovvero il cambio dell opzione venduta, una visione più orientata al mercato comporterebbe invece l adozione del cambio minimo o massimo del canale solamente se una delle due opzioni è in-the money, in alternativa (si tratta chiaramente del caso in cui ci troviamo all interno del corridoio) verrà rilevato il cambio di mercato. Lo stesso ragionamento è estensibile ad una opzione semplice (plain vanilla) o strutturata. L altro elemento che concorre a determinare l Exposure Rate è il cambio di mercato ovvero il termine del momento in cui viene valutata la gestione; un calcolo accurato dovrebbe arrivare a prevedere la determinazione del termine su ciascuna scadenza di incasso e/o pagamento e l individuazione della media ponderata su ciascun intervallo temporale e a livello generale. TAVOLA 10 Schema di valutazione della gestione Le considerazioni sin qui svolte non chiudono l argomento con riferimento al Cambio di Esposizione. La presenza in portafoglio di opzioni o di operazioni con scadenza futura ma già chiuse da strutture di segno opposto (con fine speculativo o di copertura dinamica) ci pone infatti davanti ad un interrogativo: che impatto hanno sul cambio di esposizione il valore temporale delle opzioni in portafoglio ed il profitto o la perdita sulle operazioni incrociate? Il secondo elemento dovrebbe sicuramente incidere sul cambio di esposizione se si tratta di utili o perdite realizzate in virtù di una attività di copertura dinamica; non dovrebbe essere invece incluso se l azienda ha deciso di gestire un portafoglio di operazioni con fine speculativo in modo assolutamente svincolato dalla attività di copertura del rischio di cambio sui flussi commerciali o finanziari denominati in divisa extra-euro. Per quanto riguarda invece il valore temporale delle opzioni dobbiamo anche in questo caso evidenziare la presenza di due approcci, non necessariamente alternativi. La soluzione più semplice prevede l utilizzo del solo Valore intrinseco, ne consegue che non vi saranno differenze in termine di Cambio di Esposizione a Pagina 11 di 13

13 seconda che la copertura venga effettuata con un termine o con un opzione. I punti a favore di questo approccio riguardano la semplicità di calcolo e la facilità nella spiegazione dei risultati a terzi. La soluzione più evoluta, che ci sentiamo di sostenere in quanto più precisa e completa, prevede invece la gestione anche del valore temporale. Il Cambio di Esposizione non potrà più essere ottenuto come media del Cambio di Copertura, rappresentato nel caso di opzioni dal prezzo di esercizio o dal cambio di mercato se queste non sono in-the-money, e del Cambio a Termine di mercato per la quota di esposizione non coperta. Il calcolo di questo indice prevede infatti in questo caso l utilizzo del Cambio a Termine di mercato corretto dal Profitto o Perdita sulle operazioni finanziarie di copertura. Si tratta quindi di ipotizzare di chiudere ai livelli di mercato del momento da una parte un ipotetica operazione a termine sull intera esposizione a rischio sottostante, dall altra di «smontare» sulla base delle quotazioni correnti tutte le operazioni finanziarie in portafoglio (mark to market) e di ribaltare sul cambio a termine di cui sopra il Profitto o Perdita risultante. Il mark to market delle opzioni in portafoglio prevede ovviamente il calcolo del premio e di conseguenza sia del valore temporale che del valore implicito. L ultima colonna rappresentata in Tavola 9 contiene i Risultati della gestione (Hedging Results). Il confronto tra il Cambio di Esposizione ed il Cambio Obiettivo (Target Rate) rapportato all esposizione sottostante (Exposure) porta infatti ad ottenere una valutazione a preventivo dei risultati ottenibili sulla base delle condizioni di mercato del momento in cui viene lanciato il report. Si tratta ovviamente di un risultato che è destinato a cambiare nel tempo a meno che l esposizione sottostante non sia stata coperta integralmente con strumenti lineari (termine e anticipi export). Abbiamo in ogni caso ottenuto una fotografia della posizione di rischio di cambio su una specifica divisa e degli indici sintetici (Cambio di esposizione e Risultato della gestione) che possono consentire una valutazione accurata e completa della gestione. Un passaggio ulteriore, che porta indubbiamente a valorizzare il metodo non solo per una valutazione a consuntivo ma anche come strumento a supporto delle decisioni di copertura, è rappresentato dalla possibilità di attivare sullo schema appena descritto delle analisi di scenario. Questo significa valutare l impatto sulla posizione di rischio e sui risultati della gestione, sia di ulteriori operazioni finanziarie, sia di scenari differenti in termini di cambi, tassi e volatilità Altresì vanno diffondendosi anche metodologie alternative che sono in grado di offrire all azienda la possibilità di valutare con l aiuto di formule derivate dalla statistica l impatto di diversi scenari sulla posizione di rischio. Tipicamente prevedono il calcolo di un indice in grado di rappresentare sinteticamente il rischio di massima perdita dato un portafoglio di operazioni ed un intervallo di confidenza (Value at Risk). Si tratta di soluzioni indubbiamente molto evolute e che cominciano a venire adottate con una certa frequenza dalla grande azienda, ma che difficilmente troveranno diffusione a breve presso la PMI in quanto da una parte richiedono conoscenze approfondite sul tema ai diversi livelli organizzativi, dall altra sono nate per gestire portafogli di operazioni finanziarie e solamente in tempi recenti si sono evolute per gestire anche i flussi di origine commerciale sottostanti (Cash Flow at Risk). Certamente l implementazione di un approccio così strutturato richiede dei tempi abbastanza lunghi e una condivisione del modello ai diversi livelli aziendali. Non si tratta inoltre, di soluzioni che possono consentire ad una azienda esportatrice in USD di recuperare l erosione dei margini generata dal movimento dell EUR/USD negli ultimi due anni, ma possono senza dubbio consentire per gli esercizi futuri un approccio corretto e strutturato, in grado di proteggere le strategie aziendali dai rischi legati alla «variabile cambio». Pagina 12 di 13

14 GLOSSARIO Risk Management Studio di tutte le tipologie di rischio a cui è soggetta un impresa nel quotidiano svolgimento del suo business. E una disciplina che aiuta a studiare il controllo del rischio in tutte le sue sfaccettature. Over The Counter Si indicano con questo termine i mercati finanziari caratterizzati dall assenza di un luogo fisico di svolgimento e accentramento delle negoziazioni. La trattativa tra acquirente e venditore avviene in modo diretto, con la determinazione del prezzo basata sulla legge dell offerta e della domanda.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Amministrazione & Finanza - Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale, Ipsoa Editore Pagina 13 di 13

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione di Giovanni Segato e Davide Giovanelli I l continuo rafforzamento dell euro sul dollaro impone alle aziende esportatrici di considerare

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget

I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget di Giorgio Bomben e Piero Bortolotti Financial Innovations I l calo di attenzione da parte delle imprese alla problematica del

Dettagli

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) Attraverso il caso di una PMI italiana vengono evidenziati alcuni aspetti salienti legati gestione del

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato COMUNE DI MONTECATINI TERME 16 marzo 2009 1. Introduzione La valutazione del derivato del Comune

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane

Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Agenda 1. Introduzione:

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Strumenti finanziari derivati

Strumenti finanziari derivati OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Strumenti finanziari derivati xx BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 31 maggio 2016 all

Dettagli

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità TRADINGONLINE EXPO Milano, 25 e 26 ottobre 2007 Definizione dei take-profit e degli stop-loss in base base alla volatilità Relatore: Maurizio Milano, docente SIAT resp. Analisi tecnica Gruppo Banca Sella

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza di Fabrizio Masinelli (*) Spesso, nonostante il periodo di crisi, la pianificazione finanziaria viene considerata unicamente nel

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura.

Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura. Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura. Riassunto Oggi viviamo in un contesto economico e sociale caratterizzato da una totale globalizzazione dei mercati. Lo

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Convegno Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Fabio Massoli, Corporate Treasury Sales Italy Vicenza, 26 ottobre 2011 L impatto dei rischi sul bilancio aziendale

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Premessa Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio

BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio Marzo 2010 Indice Premessa...4 1 Linee guida della risk policy...6 2...8 2.1 Strutture organizzative coinvolte...8 2.2 Attribuzione di mission e responsabilità e relativo sistema di deleghe...8 2.3 Modalità

Dettagli