GIOVANNI POLARA CONCLUSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANNI POLARA CONCLUSIONI"

Transcript

1 GIOVANNI POLARA CONCLUSIONI Questo è stato il primo convegno dopo la scomparsa di Nino Scivoletto: i curatori degli Atti del 2008, Roberto Cristofoli, Francesco Santucci e Carlo Santini, hanno dedicato a lui il volume, aperto da un ricordo scritto da quest ultimo, che con il doveroso affetto di un allievo, ma anche con la serenità dello studioso, ritorna sul Properzio di Scivoletto, sul ruolo che gli scritti di Croce ebbero nel provocarlo, e ripercorre la storia dei convegni di Assisi voluti e organizzati da lui, latinista e Preside di Facoltà nell Università umbra. Il successo più che trentennale dell appuntamento dimostra che i suoi fondatori i Della Corte, i Vivona, i Catanzaro, gli Scivoletto avevano visto bene, ma anche che i successori, Paolo Fedeli, Santini e il Presidente dell Accademia Giorgio Bonamente, stanno degnamente continuando il loro programma, senza peraltro rinunciare a marcare ciascun convegno con il tratto peculiare delle loro personalità; anche l organizzazione, da tempo magistralmente coordinata da Cristofoli, e la segreteria riescono a fare degli incontri un occasione particolarmente gradevole, mentre gli amministratori comunali, e in primo luogo il Sindaco Ricci, hanno trovato il modo, anche in questi tempi di ristrettezze, per finanziare venti borse che hanno consentito ad altrettanti giovani di prendere contatto con il mondo della ricerca. Come sempre il convegno si è aperto col saluto dell Accademia Properziana del Subasio portato da Giorgio Bonamente: presentato da Paolo Fedeli, che presiedeva la seduta, Bonamente ha parlato degli Atti appena usciti, secondo l ottima consuetudine di garantire che ciascun volume sia già stampato quando ha inizio il convegno successivo. A nome di tutti, ha ringraziato l Accademico Arnaldo Manini, che si è fatto carico dei costi in memoria del suo caro Roberto, e ha fatto presente che una seduta avrebbe avuto luogo a Spello, sull altro versante del Subasio, e quindi sempre nel territorio a cui fa riferimento l Accademia; si è infine soffermato sull argomento di quest anno, Tempo e spazio

2 254 GIOVANNI POLARA nella poesia di Properzio, sottolineando che anche questa volta si è fatto in modo di esaminare l argomento sia dal punto di vista letterario sia da quello storico. Abbiamo quindi ascoltato il saluto dell Assessore Massucci a nome suo e del Sindaco, e quello del Sovrintendente archeologico per l Umbria Gabriele Baldelli, che ha preso possesso della carica lo scorso anno e si è soffermato sul Museo archeologico di Assisi e sugli scavi in città, consentiti dai contributi del Comune e della Cassa di Risparmio, in particolare quelli della nuova domus con pareti affrescate fin quasi al soffitto e quelli dell anfiteatro; poi Paolo Fedeli, nel dare la parola al Preside del Liceo classico Properzio, ha sottolineato l importanza che i Convegni hanno sempre riservato ai rapporti con la scuola secondaria, confermati dalla costante presenza di studenti, fin dal 1976, e dalla significativa scelta degli organizzatori di dedicare uno dei Convegni proprio all insegnamento scolastico di Properzio. Il Preside Giovanni Pace ha quindi informato sul confortante aumento delle iscrizioni al Liceo classico e sul cospicuo numero di suoi diplomati che proseguono i loro studi nel campo dell antichistica, invogliati anche dal Certamen Propertianum organizzato dal Liceo. La dottoressa Laura Manca, della Soprintendenza archeologica, che ha poi anche guidalo la visita di Spello, ha invece illustrato i nuovi reperti venuti alla luce nel corso dei lavori di sistemazione urbana strade, cisterne, pilastri, colonne, ma soprattutto case con le loro decorazioni e ha parlato brevemente della casa di Properzio, che al termine della mattinata è stata oggetto di una breve visita guidata. Le relazioni e gli interventi hanno confermato come la scelta del tema su cui costruire il convegno sia stata particolarmente felice. Parlare di tradizione e innovazione fa parte, del resto, dei compiti più propri di chi fa il nostro mestiere, visto che curiamo la tradizione la conservazione del passato nel presente e la sua trasmissione al futuro ma dobbiamo anche essere attenti all innovazione, perché è destinato a non conservarsi ciò che non è capace di cambiarsi per rispondere alle nuove esigenze che ogni stagione storica reca con sé; e al tempo stesso siamo consapevoli che il nuovo non si può produrre se non in relazione al vecchio (all antico), in risposta ad esso: dal niente non può nascere niente! Il convegno poteva così ospitare due tipi di interventi: quelli che si occupavano di tradizione e innovazione in Properzio, cioè come il poeta si movesse fra antico e nuovo, come partecipasse del passato di Roma, dell Umbria, dell Italia, del Mediterraneo e come contribuisse a creare la nuova società che nei suoi anni stava prendendo vita, e quelli che

3 CONCLUSIONI 255 avevano per oggetto tradizione e innovazione nelle letture che di Properzio sono state fatte nei secoli. Ci facciamo un vanto di non abbandonare i solidi percorsi della filologia e della metodologia storica, ma proprio per questo non rifiutiamo i nuovi strumenti e i nuovi tipi di indagini che gli sviluppi della tecnologia ci stanno offrendo in direzioni finora non immaginabili; ancora di più non rinunciamo a cercare nuovi percorsi metodologici, come sempre hanno fatto i nostri predecessori. Certo ci possono essere problemi e discussioni; quando nacque la Methode ci fu un sollevamento contro la filologia germanica che occupò buona parte dell Ottocento, e non solo: oggi ci fanno sorridere le profezie del Vallauri che a metà secolo prevedeva che Mommsen sarebbe stato dimenticato in breve tempo, e che si sarebbe presto tornati a scrivere in buon latino; può anche darsi che questa seconda cosa prima o poi succeda, non ci sarebbe nulla di male e magari ancora oggi a qualcuno potrebbe fare piacere, ma certo il metodo filologico è stato una grande conquista, e allo stesso modo le nuove tecniche per l indagine filologica, delle quali abbiamo avuto interessanti saggi in varie relazioni, ci daranno altre conquiste da aggiungere non da sostituire a quelle da tempo acquisite e messe in pratica. Se poi pensiamo alla velocità con cui le innovazioni nascono, si sviluppano e si consumano, possiamo perfino dire che alcune di queste tecniche non sono neppure ormai tanto nuove (e tanto nuovi del resto non siamo nemmeno noi), ed è bene che ci si sbrighi ad approfittarne tutti: sono stati inventati il treno, l automobile, l aeroplano e oggi sarebbe assurdo farne a meno per un cieco misoneismo; altrettanto assurdo sarebbe però privarci di una bella camminata ogni tanto, se ci fa piacere e magari ci fa anche bene. Ci ha ricordato von Albrecht che l attesa e il viaggio possono valere più del risultato e del raggiungimento della meta, e questo vale senz altro anche per il gusto della ricerca e per l uso dei suoi strumenti. Ma se Tradizione e innovazione è per noi tematica di assoluta attualità, non si può negare che sia stata anche una questione centrale dell età di Augusto, che aveva per missione quella di cambiare tutto nasce l impero! ma amava essere formalmente improntata alla continuità; si introducevano innovazioni sostanziali in tutti o quasi i campi delle istituzioni e della vita quotidiana nel pieno rispetto di alcune forme che funzionavano da garanzia di persistenza e riducevano così le tensioni e le angosce prodotte dall ignoto. Dei mutamenti e addirittura delle rivoluzioni di cui fu spettatore e partecipe, e in qualche caso addirittura simbolo, sul piano della politica non meno che su quello dei valori, delle consuetudini e, ovviamente, della letteratura, Properzio per la sua storia personale e per le sue opere è testimone privilegiato; uno

4 256 GIOVANNI POLARA dei percorsi più seguiti dai relatori è stato perciò quello della presenza del mos maiorum nelle elegie, indagata da tre punti di vista: in rapporto alla res publica e alle sue strutture, a partire dalla figura del principe; in rapporto alla vita privata; in rapporto alla vita sociale e collettiva. Hans Christian Günther ha affrontato l argomento dal punto di vista delle istituzioni, e quindi della massima innovazione introdotta da Ottaviano Augusto; Properzio e il principato, dunque, in termini di adesione e prese di distanza, di entusiasmi e di nostalgie. L introduzione del nuovo sistema era avvenuta attraverso vicende sanguinose, capaci di generare il cambiamento epocale destinato a condizionare per continuità o per ideologia il futuro dell Europa, e anche l esistenza personale del poeta ne era stata pesantemente colpita, ma tutto lo sforzo del poeta è dedicato a presentare questi contenuti, che potrebbero essere così connotati di reazioni individuali, nelle più rigorose forme scolastiche di un estetica tradizionale. È un fenomeno che ha riguardato tutti grandi esponenti delle prime due generazioni dei poeti augustei, con le canoniche coppie Virgilio-Orazio e Tibullo-Properzio, ma ognuno di essi ha saputo risolvere il problema in forme personali, con differenze che il relatore ha finemente individuato all interno dell analogia. Per Properzio è ormai canonica la chiave di lettura dell integrazione difficile di La Penna, che ne fa un augusteo con forti limiti nell adesione al progetto del principe, ma che aderiva comunque al circolo di Mecenate, a dimostrazione della straordinaria capacità di integrare i dissidenti dimostrata da chi sovrintendeva ai rapporti con gli artisti del verso. Tra le molte presenze delle tematiche politiche all interno della poesia che sono state passate in rassegna, un posto importante è spettato alla recusatio dell epica: Günther ha posto il problema se il rifiuto riguardasse l intero genere, o solo l epica mitologica, ed è giunto alla conclusione che dietro la recusatio ci fosse soprattutto una scelta di tipo estetico, anche perché l amarezza del poeta nei riguardi della situazione politica contemporanea non si estendeva mai alla persona di Ottaviano, sicché, da questo punto di vista, Orazio e Tibullo sono anche meno augustei di lui. Dopo aver esaminato l elegia II 1 nel confronto con altre famose recusationes, la sesta bucolica di Virgilio e l Orazio dell ode I 6 e della prima epistola, e con l antirecusatio nel proemio del terzo libro delle Georgiche (haud mollia iussa), il relatore è giunto alla conclusione che nell ambiente di Mecenate ogni poeta veniva accettato per quello che era, proprio perché in questo modo si poteva ricavare il meglio da ognuno di loro, e così anche Properzio ha la sua antirecusatio, che è II 10. Properzio sceglie quindi per sé il compito di integrare la tematica

5 CONCLUSIONI 257 politica con la poesia d amore, e in questo modo riesce, a coronamento della sua scrittura, a produrre la sua opera di regime, la regina elegiarum, che genialmente ha una donna nel ruolo di protagonista. I valori del mos maiorum nelle scelte personali e familiari degli augustei hanno sempre interessato studiosi di letteratura, storici e giuristi: ne è un esempio il successo di un libro come Casta domus di Tullio Spagnuolo Vigorita, che in queste settimane ha visto la sua terza edizione, su un tema discusso con puntigliosa vivacità da più di cent anni come quello della legislazione di Augusto sulla famiglia e sulla sua cronologia, che vede gli studiosi schierati sostanzialmente su due fronti contrapposti, quello di chi ritiene sempre valide le tesi di Mommsen e quello di chi dubita della loro esattezza; nel convegno Mario Lentano e Maurizio Bettini ce ne hanno offerto una lettura nuova, che ha spostato il fuoco del problema sulle consuetudini e le convinzioni profonde dei Romani del tempo. Lentano, per il suo Properzio e i valori privati del mos maiorum, ha preso le mosse da una raffigurazione cinquecentesca di Bamberga, un rilievo appartenente alla tomba di Enrico II in cui è rappresentata l ordalia di Cunegonda, che, accusata di adulterio, dimostrò la propria innocenza sottoponendosi alla prova delle lastre ardenti. Era da poco passato il fatidico anno mille, e la vicenda dimostra un atteggiamento nei riguardi dell onere della prova che è esattamente contrario rispetto al nostro: tocca all imputato di addurre prove convincenti di non aver commesso ciò di cui viene incriminato, e non all accusa di portare sufficienti riscontri a favore delle sue tesi. Così era, nel mondo antico, per i casi che ci narra il romanzo greco, così per soffermarci su Properzio nell elegia sul serpente di Lanuvio, così perfino per la Madonna, che in alcuni apocrifi è costretta a confondere chi era incredulo dinanzi al mistero della nascita di Gesù. E che questa fosse una pratica, una mentalità diffusa, è confermato dalla consuetudine di non nascondere, nelle iscrizioni tombali, i pettegolezzi e i sospetti che erano circolati nei riguardi del defunto, anzi piuttosto di metterli bene in evidenza per difenderlo e dimostrare la falsità delle calunniose invenzioni fatte circolare sul suo conto. Anche la nascita di ogni bambino doveva essere dimostrata legittima, contro una sorta di sospetto programmatico nei riguardi delle madri, e lo stesso vale per la pudicizia femminile, sicché è possibile una lettura di IV 11 come una sorta di processo a Cornelia nelle forme previste dalle procedure giuridiche romane. Questa innovativa chiave interpretativa, accompagnata da una lettura attenta alle più tradizionali questioni filologiche, ha portato anche a interessanti contributi di critica testuale, ad esempio a proposito del v. 70 (fata o facta con i recentiores?).

6 258 GIOVANNI POLARA Lentano ha messo in evidenza come l elegia contenga momenti e figure tipiche dei giudizi, come il giuramento, la presenza di garanti e di giudici (gli illustri antenati della defunta), i precedenti, con le altre figure di donne sottoposte a prova, e una serie di indizi che vanno dalle lacrime del vedovo a quelle, anche più significative, di Augusto, che con il suo ruolo quasi divino gode della massima credibilità come testimone e come difensore; per di più, nell elegia ritornano anche, con notevole frequenza, termini tecnici come lex e ius. Attraverso un procedimento così formalizzato, che si conclude con l arrivo di un altra Cornelia nel paradiso dove il Somnium aveva collocato gli Scipioni, un fatto privato finisce con l acquistare rilevanza pubblica. Dai valori privati a quelli pubblici, dunque, e quindi alla relazione di Bettini, Properzio e i valori pubblici del mos maiorum. Partendo dalle definizioni antiche di mos, e soffermandosi in particolare su quella che lo determina come iudicium animi, Bettini si è chiesto quando qualcosa di così privato divenga un fatto pubblico, e ha individuato, con gli antichi, due caratteristiche che fanno del mos una consuetudo: l essere condiviso da più persone e il persistere per una significativa quantità di tempo. Divenire una consuetudo comporta non secondarie conseguenze giuridiche, ma non libera il mos dalla sua caratteristica di costruzione culturale e mutevole, perché è tipico del mos andare incontro ad innovazioni ai fini dell utilitas, e la flessibilità è una sua caratteristica intrinseca, perché anch esso solo cambiando può permanere, e solo se permane può cambiare: modificare il mos, insomma, è appunto un mos, in una sorta di paradosso russelliano sulla permanenza del mutevole. Le elegie sulle quali Bettini ha fondato la sua analisi del mos in Properzio sono state le prime due del quarto libro: la prima con i monumenti della città e i loro racconti, ma anche con le cose da fare e quelle da evitare (Tarpea, l augurium di Romolo, Ercole e Caco e così via); soprattutto la seconda, con Vertumno che cambia forma, ma rimane sempre nell ambito umano, statua di bronzo capace di mimesi come un trasformista o un pantomimo che cambiano personalità per mezzo delle vesti, un potente elemento di identificazione dal preciso ruolo nella società e nella storia. Non a caso le persone che passano dinanzi a Vertumno sono identificate soprattutto attraverso le loro toghe (turba togata), che sono quasi un uniforme che ne fa un popolo con la sua identità, mentre il dio come Properzio! è invece vagus. È un argomento già affrontato qualche anno fa nei Convegni properziani con una relazione di Paola Pinotti dal titolo significativamente profetico: Properzio e Vertumno: anticonformismo e restaurazione augustea, nella quale l autrice segnalava accanto alla componente del lusus alessandrino, anche la presenza di un lato serio, che si collega alla posizione

7 CONCLUSIONI 259 di Properzio in rapporto alla politica del principato, e quindi all uso pubblico del mos maiorum. Fra queste due lezioni di Lentano e Bettini e due che si sono tenute il giorno successivo sul tema dell altro c è stata una significativa continuità all interno della questione dell identità, sollevata nella sua relazione e nelle discussioni da Maurizio Bettini con evidente sensibilità per i problemi di oggi non meno che per quelli del passato: ma gli uni non potrebbero esserci senza gli altri, o almeno sarebbero visti e avvertiti in maniera diversa. Fabio Stok ha posto la questione di Properzio e gli altri dai Romani chiamando in causa in primo luogo la geografia, o meglio la cartografia un altro fuori da sé dunque con quella sorta di atlante pubblico che fu la cosiddetta carta di Agrippa. Se l architetto Nicodemo (forse il padre di Galeno?) farà porre a Pergamo un formulario pubblico per il calcolo delle superfici e dei volumi dei solidi di rotazione, a dimostrazione di un bel rapporto fra la popolazione e le cosiddette scienze esatte, la pubblicità di un planisfero ha più evidenti finalità propagandistiche, non solo perché al centro della terra è posto proprio il paese in cui ci si trova, secondo l ideologia dell impero di mezzo, mentre ai margini sono collocati i popoli e le terre nondum cogniti, ma anche perché già la loro rappresentazione è un modo per cominciare ad appropriarseli. L età di Augusto tende infatti a ridurre e marginalizzare la parte sconosciuta del mondo, che sta addirittura divenendo tutto romano, a differenza dei tempi di Cicerone, che ben sapevano che molto ancora c era da conoscere. Quanto a Properzio, il poeta sa di non avere limiti a livello esistenziale: il suo argomento è l amore, e questo regna uguale dappertutto, e le diversità etniche sono superate dal linguaggio d amore; sul piano politico, invece, anche lui, come gli altri augustei, auspica la totale conquista del mondo da parte di Roma. La sua visione della terra segue un percorso sull asse E/W più che su quello N/S: gli estremi delle terre emerse vanno dai Parti e gli Indi fino ai Britanni, mentre la Germania è molto sottovalutata, e ancora di più l Africa. L auspicio di Properzio è che l unità politica conseguente alle future conquiste possa dare vita ad un popolo romano esteso in tutto il mondo, così come era successo in passato per l unità d Italia (l Italia antica, naturalmente) e stava accadendo per la Gallia e per l Africa settentrionale, mentre le diversità riguardano solo popoli e paesi ancora fuori dello stato di Roma o le realtà del passato, separate dal tempo più che dallo spazio, come l Egitto dei Faraoni e dei Lagidi. Le diversità, tuttavia, non sempre segnano una superiorità dei Romani, perché può avvenire che siano indifferenti sul piano dei valori: non c è nulla di male se i Celti di Britannia e del continente si dipingono

8 260 GIOVANNI POLARA il viso, e in qualche caso le caratteristiche degli altri popoli sono addirittura preferibili a quelle Romane, come per il suicidio rituale delle vedove indiane. Anche la propensione per il lusso è oggetto di considerazioni ambigue: se infatti esso da un lato si presenta come simbolo di una tendenza allo spreco, e quindi merita una valutazione negativa, è anche vero che esso dimostra come il benessere si sia ampiamente diffuso nel popolo romano, per merito dei suoi governanti. Dall altro fuori da sé ad un altro che sta rapidamente diventando parte integrante del proprio essere, e viene quindi avvertito quasi come un altro dentro di sé : la relazione di Luigi Spina su La cultura greca in Properzio è risultata particolarmente gradevole per la sua vivacità e la capacità di tenere sempre desta l attenzione, con il classico artificio della suddivisione in parti, premesse e svolgimenti, ma anche con le novità del susseguirsi di immagini, parole pronunciate e testo scritto. Tra le premesse, Spina ha ricordato la speranza di grande successo, almeno post mortem, che il poeta nutriva, contrapposta alla sua esclusione da alcuni moderni canoni dei classici, la sua modica presenza nella scuola e la sua quasi totale assenza nella pittura; la premessa metodologicamente più importante è stata però quella sul significato che si vuole dare a cultura greca, che non si identifica in una serie di citazioni letterarie, ma si allarga piuttosto ad una Stimmung, un atmosfera che abbraccia la Grecia del passato recuperata da occhi romani, l evocazione di personaggi e fatti chiamati a testimoniare a favore delle tesi sostenute secondo il precetto della Retorica aristotelica, l importazione dei miti, oppure lo spostamento dell azione romana in luoghi del mito ricchi di connotazioni, con una trasposizione-traduzione che può giungere fino al rovesciamento nell adynaton di un Ippolito innamorato o di una Penelope infedele. Due percorsi dunque: andare verso gli antichi, come praticava il Machiavelli indossando vesti degne di loro, o anche il metodo della filologia che invita a liberarsi dei propri idola per evitare anacronismi, oppure chiamare gli antichi al presente con Plutarco e le altre rivisitazioni attualizzanti; Properzio sceglie il secondo, come Gaber che canta due elegie, come Battiato che canta in latino l inizio di III 7, e Spina ci ha presentato questi dialoghi fra Properzio e la sua grecità evidenziandone una serie di aspetti che, senza questa particolarissima ottica, avrebbero rischiato di scomparire o almeno di essere notevolmente sminuiti. Dopo questa illustrazione si può chiudere il cerchio che si era aperto con la domanda su che cosa fosse per Properzio la cultura greca, e dare ad essa una risposta che per il relatore è: Quello che la cultura statunitense è stata per Adriano Celentano.

9 CONCLUSIONI 261 C è infine un altro che è ormai pienamente inserito nella coscienza romana, gli Etruschi che sono stati oggetto della relazione di Paolo Poccetti su Properzio e l Etruria. Certo la situazione dell etrusco Properzio era diversa, su questo argomento, da quelle degli altri poeti augustei, e ne fa una fonte privilegiata su almeno due aspetti: il rapporto fra Roma e gli Etruschi nel quadro dell ideologia augustea e soprattutto i caratteri etnolinguistici e le esperienze personali. Poccetti ha ricordato come in quell identità incompiuta dell Italia romana di cui ha scritto Andrea Giardina (e torna ancora una volta il tema dell identità) fosse ancora presente una rete di parentele, amicizie e clientele consolidata dalla consapevolezza delle comuni origini, che va approfondita a proposito dell etrusco Mecenate e dei rapporti che poteva intrattenere con i primi poeti dell età augustea, Virgilio Orazio e Properzio le differenze con la generazione di Ovidio non sono solo cronologiche, o su temi come la regalità degli Etruschi, sui loro nomi, Tusci, Etrusci, Tyrrheni, intercambiabili per Virgilio ed Orazio, mentre in Properzio l ultimo di essi ha sempre a che fare con il mare, e designa comunque i popoli, tutti i popoli, che dal mare sono venuti, e i primi due, invece, sono più individuanti di quello specifico popolo, ma al tempo stesso sono più ampi perché non lo designano necessariamente in relazione al suo mare. Come Bettini, Poccetti ha esaminato attentamente e dettagliatamente l elegia di Vertumno, rilevando alcuni aspetti meritevoli di segnalazione, ad esempio il fatto che il vicus Tuscus negli altri poeti compare come Tuscus vicus (a parti invertite Orazio e Properzio usano via Sacra e Sacra via), e non si tratta di una differenza trascurabile, perché anteporre il sostantivo fa divenire prevalente il carattere toponomastico della denominazione, mentre anteporre l aggettivo enfatizza il rapporto con gli Etruschi. Naturalmente Properzio si distingue anche per la frequenza di Umbria/Umber e delle vicende relative alla regione, dal bellum Perusinum agli altri eventi per lui luttuosi; si occupa anche della tripartizione delle originarie tribù di Roma, di nomi istituzionali come quello di Lucumone, e si distingue per un gusto antiquario meno presente negli altri poeti. Insomma dà più spazio (e meno negatività) a ciò che è avvertito come etrusco, da Porsenna a Mezenzio, dalle origini di Roma a Tarquinio il Superbo; descrive come locus amoenus i campi fertili che costituiscono il panorama umbro; espone ampiamente in chiave filoetrusca le vicende di Veio; si sofferma sulle origini etrusche della religione romana. Fra i cambiamenti augustei più celebrati, soprattutto da Augusto stesso, c è quello nel campo dell architettura e della monumentalità di Roma, trovata di pietra e lasciata di marmo; di questa, vista attraverso

10 262 GIOVANNI POLARA la poesia e più in generale la letteratura, si è interessato Michael von Albrecht nella sua bella lezione su Properzio e l architettura della Roma augustea. Al centro della relazione sono stati soprattutto due elegie, II 31, con la descrizione del tempio di Apollo Palatino, e IV 1, con il confronto tra la Roma antica e quella di Augusto. Il tempio inaugurato nel 28 è rappresentato secondo il percorso che possono compiere gli occhi di un visitatore che descriva prima il portico, con i suoi materiali e le sue decorazioni, e soprattutto con la luminosità dell insieme, veramente degno della bellezza di Apollo e della luce di Febo; poi le Danaidi, le statue collocate fra le colonne che attraverso Danao rinviano alla fondazione del tempio di Apollo ad Argo, ma non possono sfuggire al confronto con le Danaidi poetiche collocate sul balteo di Pallante da Virgilio, che giudica un nefas le uccisioni dei mariti, mentre Properzio sottolinea soprattutto la pietas nei riguardi del padre dimostrata ubbidendo al suo ordine. Poi la statua marmorea di Apollo, che fonde poesia, musica e scultura, è presentata nell atto di cantare, con qualche differenza rispetto alla seconda e più ampia descrizione del tempio in IV 6 motivata dalla diversa situazione militare di Roma. Infine l interno del tempio, la vera casa del dio, trasportato da Delo a Roma, divenuta aurea, smentendo la profezia di Callimaco secondo cui nessuna terra sarebbe mai stata amata da lui come l isola natia; quest Apollo romano consacra la parità della letteratura latina con quella greca, simboleggiata dalla doppia biblioteca sul Palatino. Ancora, le sculture d avorio sui battenti della porta, poi la statua interna del dio, fra Latona e Diana, con la Sibilla ai suoi piedi, la veste lunga e la cetra: a questo punto carmen, oracolo, poesia e musica sono tutti compresenti, e anche Apollo intona il suo canto. L altra elegia, IV 1, è invece bipartita come il libro che introduce, in cui coesistono poesia eziologica e poesia erotica; la funzione di guida alla visita di Roma è svolta mettendo i luoghi antichi in contrasto con quelli della nuova maxima Roma, con gli estremi dei buoi di Evandro e ancora una volta del tempio di Apollo. Gli edifici pubblici al centro di Roma segnano la differenza delle epoche, e quella fra le meraviglie attuali e il povero focolare che costituiva i maxima regna di Romolo e Remo è prodotto della grandezza di Augusto: solo il nome di Roma e dei Romani è rimasto sempre quello, sicché il vero nodo è quello della crescita all interno dell identità. Alla crescita fanno da contraltare da un lato le rovine (di Troia) e dall altro la poesia: le rovine ne sono il presupposto, anche se altrove c è meno ottimismo, perché alla rovina passata corrisponde il crollo morale del mondo moderno; quanto al poeta, in fondo è anche lui un architetto, novello Anfione la cui costruzione

11 CONCLUSIONI 263 coincide con quella di Roma, e la poesia sull edificazione può legittimamente gareggiare con la costruzione stessa. Se Augusto sta creando Roma come un sublime testo poetico, così Properzio si impegna nel far sorgere le sue opere, che rispetto a quelle architettoniche hanno in più una prospettiva di eternità (exegi monumentum... aveva detto pochi anni prima Orazio): la poesia costruisce soltanto, mentre i potenti della terra possono costruire, ma con le guerre talvolta sempre troppo spesso possono anche distruggere. L epoca di Augusto è però, almeno per noi, soprattutto letteratura, con un esemplare concentrazione di capolavori destinati ad una straordinaria fortuna in tutti i tempi e in tutti i luoghi del mondo; giustamente, perciò, anche quest anno il convegno è stato aperto da Paolo Fedeli su un tema squisitamente letterario, Il IV libro delle elegie fra l Eneide virgiliana e l ultima produzione lirica di Orazio. Per aiutare gli ascoltatori, Fedeli ha ricordato innanzi tutto qualche data; l ultimo libro delle elegie va collocato sicuramente dopo il 23 (terminus post quem già del terzo, con la morte di Marcello) e il 15: otto anni sono molti, ma il libro segna anche una grande novità nella poesia del suo autore, perché i cambiamenti appena anticipati nel terzo sono ora pienamente compiuti e danno tutti i loro frutti. Virgilio muore nel 19, come Tibullo, l anno in cui va collocata anche la crisi di Mecenate, di cui si avvertono le conseguenze nel quarto libro delle odi di Orazio, che ha al suo centro direttamente la figura di Augusto, così come il secondo delle epistole, e anche nel quarto di Properzio Augusto sostituisce Mecenate. Come è noto i rapporti fra Orazio e Properzio non furono ottimi: ufficialmente si ignorano, ma Orazio dopo il 19 prese il posto di Virgilio come massimo poeta vivente, e lo dimostra se non altro la scelta di affidargli la composizione del Carme Secolare (e poi l Ars), e Properzio non può non esserne a conoscenza. La critica si è immaginata rapporti probabilmente anche peggiori di quelli realmente documentati e documentabili, immaginando che Properzio fosse il seccatore della nona satira oraziana; problema diverso è quello dell identificazione con Properzio del poeta elegiaco di cui si parla nell epistola a Floro, ricordando Callimaco e Mimnermo, i due poeti greci più cari a Properzio, ma in questo caso, se pure è vero che il riferimento sia a lui e probabilmente è così, nel riferimento oraziano non c è cattiveria, perché l elegiaco riceve esattamente lo stesso trattamento che Orazio, con la sua consueta autoironia, riserva a se stesso. Fedeli ha poi passato in rassegna le possibili riprese properziane da Orazio, mostrando come siano assai poche e poco significative: le affinità nella struttura compositiva di due libri, Prop. III e Hor. carm. III, e il

12 264 GIOVANNI POLARA tema della missione del poeta come vate; in Prop. IV e Hor. carm. IV l elogio di Augusto, la difesa della poesia, la consapevolezza di sé, gli amici, il tempo che fugge, la precarietà del tentativo di ritornare agli amori giovanili. Anche fra questi due ultimi libri le analogie sono soprattutto nella struttura complessiva e nella collocazione in posti privilegiati dei due libri di componimenti di forte portata programmatica. Molto diverso è il rapporto con Virgilio: oltre le sicure riprese tematiche ci sono ben più significative analogie verbali. Fra le prime merita in particolare di essere ricordata la saldatura fra passato mitico e storia contemporanea (le armi di Enea e Augusto a IV 1), quasi un simbolo del rapporto fra tradizione e innovazione che dà il titolo al convegno, e la mediazione tra i valori del tempo antico e quelli moderni, fra i culti arcaici e la religiosità dei suoi tempi, tanto che si può concludere che Properzio si ponga come modelli tanto Callimaco quanto Virgilio. Questo itinerario, già così ricco di per sé, è stato ulteriormente abbellito e reso sempre affascinante con una quantità di osservazioni puntuali su un altissimo numero di luoghi virgiliani, oraziani, properziani chiamati in causa, come poteva fare solo chi abbia il pieno dominio di tutta la poesia augustea e di tutte le linee di ricerca contemporanee sull argomento. Più politiche e ideologiche sono le somiglianze individuate da Lorenzo Braccesi nella sua relazione Properzio, Foscolo e dintorni. Braccesi è uno dei massimi studiosi sull argomento, e con un suo bel volume di vari anni fa si sono confrontati prestigiosi italianisti, ma anche altri classicisti, come Vincenzo Di Benedetto; ritorna ora sul tema affrontandolo con nuove tecniche e nuovi strumenti come le banche dati allestite dalle ricerche compiute o coordinate da Mirko Tavoni, per i testi italiani, e da Paolo Mastandrea per quelli latini. Ci ha fatto così vedere un significativo numero di citazioni e riprese testuali dal poeta augusteo a quello dei tempi di Napoleone, e ci ha illustrato le modalità con cui il testo latino è stato di volta in volta riutilizzato, ma anche gli errori in cui può essere incorso Foscolo, esposto a fraintendimenti per inesatte interpretazioni correnti ai suoi tempi, e non solo su Properzio, visto che come è noto attribuiva a Gallo i distici di Massimiano antidatandoli così grosso modo di cinque secoli e mezzo. Braccesi si è soprattutto soffermato sulle affinità biografiche tra i due poeti sul tema della continuità e del cambiamento, e ci ha ricordato come entrambi siano stati vittime di fatti storici che li avevano portati alla perdita di una patria, quella etrusca di Properzio, e nel caso di Foscolo addirittura due, l amata Zacinto e l Italia ma soprattutto Venezia tradita dopo Campoformio; ci ha fatto vedere il significato che

13 CONCLUSIONI 265 essi attribuivano ai due imperatori dei loro tempi e il rapporto che stabilirono con il loro potere e con le modalità di esercitarlo, per cui Orazio, non molto amato da Properzio, era considerato da Foscolo una sorta di predecessore dell odiato Vincenzo Monti; ha approfondito i loro rapporti con Callimaco, fra i più amati modelli di Properzio, ma anche apprezzato da Foscolo che volle commentare la traduzione catulliana della Chioma di Berenice (i papiri con il testo greco non videro la luce prima del ventesimo secolo); ha segnalato l interesse che entrambi dimostrano per la poesia delle rovine e per i testi delle iscrizioni. In conclusione, ha affiancato i due scrittori per la necessità che entrambi avvertivano di integrarsi in un sistema da cui prendevano le distanze. La letteratura va intesa e gustata con l aiuto di critici raffinati come Fedeli e Braccesi, ma sono necessari anche gli strumenti della filologia perché le analisi siano fondate su salde basi scientifiche; lo ha ricordato proprio Fedeli nella discussione sulla relazione di Lucio Ceccarelli su L evoluzione del distico elegiaco fra Catullo e Ovidio, avvertendoci dell importanza degli studi di prosodia e metrica ai fini della costituzione del testo, e non solo: solo rigorose indagini quantitative possono dare fondamento scientifico a quelle che altrimenti sono destinate a rimanere impressioni diffuse e tutt al più petizioni di principio. La densità del testo di Ceccarelli merita che venga riletto con la necessaria attenzione quando vedrà la luce negli Atti, visto che mette a frutto una banca dati in cui sono inseriti tutti i distici di Catullo, Tibullo, Properzio, Ovidio, con la possibilità di interrogazioni molteplici e articolate per cogliere le differenze tra i carmina docta e gli epigrammi del Veronese, o le opere prima e dopo l esilio per il Venosino, e così via. I programmi impiegati consentono anche confronti fra i dati statistici relativi agli esametri della poesia in distici e quelli katà stichon; insomma, anche se non abbiamo certo tutti i testi prodotti in quegli anni, perché gravissime sono le perdite fra i componimenti degli autori contemporanei di Catullo, ma anche fra gli augustei, c è la possibilità di individuare con buona credibilità alcune costanti che possono essere considerate senza troppe incertezze come linee di evoluzione attendibili. Da Catullo ad Ovidio aumentano i dattili, e crollano soprattutto le serie di 3 o 4 spondei consecutivi, mentre aumentano gli olodattilici e le serie di 4 dattili; molta attenzione viene dedicata all alternanza fra dattili e spondei; tendono a diminuire le sinalefi; fra le incisioni del terzo piede cresce il numero delle pentemimeri; fra i versi di Ovidio sono pochissimi quelli che non presentano incisioni nel terzo piede; al quarto piede Catullo fa registrare un numero relativamente alto di dieresi; nelle clausole dell esametro tendono a generalizzarsi i tre tipi cano-

14 266 GIOVANNI POLARA nici, mentre Catullo presenta ancora tipologie arcaiche destinate a scomparire. Nella distribuzione di dattili e spondei fra i vari piedi l esametro di Properzio e il pentametro di Tibullo presentano caratteristiche atipiche per quanto riguarda la presenza degli spondei al secondo piede; nelle clausole del pentametro, Catullo predilige più degli altri il polisillabo, mentre Ovidio è per i bisillabi, e Properzio evita l anapesto finale; Catullo mostra una notevole varietà di schemi verbali tra dieresi e clausola, sicché nessuna tipologia supera il 30% delle ricorrenze, mentre Ovidio è molto meno libero. Particolare interesse hanno i rilevamenti relativi a problemi già segnalati dagli antichi: Quintiliano segnalava come atipica, anche se non errata, la sillaba breve aperta come finale di verso, e in effetti i rilevamenti sui pentametri danno l 8% in Catullo, il 3-4% in Tibullo e Properzio e solo il 2% in Ovidio. La banca dati si presta anche a rilevamenti sintattici, che ci dicono ad esempio come tendano a divenire sempre più frequenti la pausa sintattica a fine pentametro e la collocazione di sostantivo e attributo in dieresi e clausola (con omoteleuto o senza); ma questa è solo una parzialissima elencazione di alcune delle tante preziose informazioni che Ceccarelli ci ha dato, e dalle quali non potranno prescindere i futuri studi sui distici augustei. Infine Carlo Santini, che con la sua relazione conclusiva ha incorniciato il Convegno all interno di un percorso tracciato già da Fedeli in apertura. Il suo Forme, voci, gesti in Properzio: l Anrede all amico rivale ha infatti preso le mosse dalle odi di Orazio per giungere al nostro poeta, tracciando una sorta di storia delle rappresentazioni del dialogo nella poesia lirica ed elegiaca della prima età augustea; ne sono emersi chiaramente il ruolo e le potenzialità della persona loquens e dell interlocuzione, che può avere come destinatari quegli amici-rivali a cui gli scorsi convegni hanno dedicato importanti relazioni. L inserimento di parti dialogiche rende infatti più ricco e complesso il ruolo del poeta, di cui si possono enfatizzare le funzioni pedagogiche e didascaliche e quindi il ruolo di maestro d amore, lungo un percorso destinato ad avere fortuna nella poesia elegiaca degli anni successivi. Con una serie di analisi delle varie elegie di Properzio in cui compaiono discorsi indirizzati ad amici di pari rango, compagni di studi, rivali, Santini ha approfondito il senso di queste inserzioni all interno delle strutture compositive di ognuna di esse, dei singoli termini che vengono impiegati per attirare l attenzione dell interlocutore, delle figure retoriche che ne rendono più vivace l andamento. Molto importanti sono stati i contributi che Santini ha recato alla migliore definizione del significato che hanno i vocativi, destinati a sta-

15 CONCLUSIONI 267 bilire un rapporto di solidarietà con il destinatario del discorso, una solidarietà che in qualche caso può perfino sfumare nella complicità, e all evoluzione del ruolo della persona loquens da libro a libro: un modo anche questo per affrontare il delicatissimo problema dei cambiamenti della poetica properziana con il procedere dell età dell autore e con il sopravvenire di avvenimenti esterni che lo costringono a correzioni di rotta. In questo modo il relatore, partendo da una tematica specifica e ben individuata, trattandola esaustivamente secondo le varie tipologie di interlocuzione, tutte dettagliatamente esemplificate e discusse nei loro sviluppi e nelle motivazioni che hanno indotto il poeta ad inserirle nel tessuto dei componimenti, ha affiancato efficaci ricostruzioni e quadri d insieme a puntuali analisi dei testi capaci di sollecitarne le venature più riposte. All inizio dei lavori Bonamente e Fedeli hanno espresso la loro convinzione che questo sarebbe stato uno dei più importanti fra i periodici convegni organizzati dall Accademia e dal Centro di Studi sulla poesia latina in distici elegiaci, e certamente è stato uno dei più vivaci e stimolanti per il confronto fra le diverse letture e per la provocazione a cercare gli usi sempre nuovi che si possono fare della tradizione, tentando di fornire risposte alle domande che gli antichi ci pongono in modo da conoscerli meglio, e attraverso loro conoscere meglio anche noi. Assai proficua è stata anche l indagine a cui sono stati sottoposte alcune parole chiave come cultura e identità, con le sottostanti realtà storiche, per mettere a fuoco i termini dell antitesi tradizione-innovazione: si può dire che, dopo queste giornate, non sono più parole scontate, innocenti, di unanime e anodina comprensione, e scegliere per l uno o l altro dei loro possibili valori è già uno schieramento, una presa di posizione. Dietro ogni interpretazione dell essere e del divenire c è un interpretazione del mondo che vale anche, o almeno spera di poter valere, come intervento sul reale; è questo il nostro modo di fare, che si dimostra alla lunga tanto meno superficiale e più duraturo delle vanterie degli ardaliones, meddlers per gli anglofoni, come ricorda il buon Forcellini, e fortuna delle parole in una vecchia edizione del Concise Oxford Dictionary la voce meddler è immediatamente seguita da media. Mentre altri si sforzano con fatica di conservare aperto lo stretto ponte fra il passato e il futuro, questi sono tutti occupati nel mostrarsi in azione mentre girano a vuoto nella migliore delle ipotesi, o combinano guai agli altri cercando di far bene a sé nella peggiore: come dimenticare la pointe conclusiva di Mart. IV 78, come sfuggire alle sue capacità evocative!

16 268 GIOVANNI POLARA Questo nostro lavoro, di cui nel convegno abbiamo avuto tanti ottimi esempi, ha lo straordinario pregio di agire sulle mentalità e sulle coscienze, a condizione che non lo interpretiamo come un gioco superficiale (ci sono anche i giochi molto profondi) o un semplice dovere professionale da svolgere per guadagnarsi lo stipendio, ma senza troppo impegno e senza rifletterci nemmeno un po. Tra l ormai scontato È necessario che tutto cambi perché tutto possa rimanere immutato e l abile copertura sotto il manto della continuità di presunte innovazioni che sono invece veri e propri tradimenti di regole profondamente presenti nelle coscienze rimane, come straordinaria arma di difesa contro il fare tanto per fare e il non fare per disperazione, l invito di Baruch Spinoza a conoscere e capire, a trascrivere e trasferire nel carattere della ragione la folla di dati e notizie che rischia di sommergerci con il suo rumore. Come sempre, il problema è di trovare una misura, e come sempre è necessario sentire quante più voci è possibile. È quello che ha fatto questo convegno, e ne ringraziamo tutti i relatori e gli organizzatori.

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE e CONTENUTI. Saper leggere in modo scorrevole un testo latino

COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE e CONTENUTI. Saper leggere in modo scorrevole un testo latino LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI - PERUGIA PIANO ANNUALE DI CLASSE A.S. 14-15 Classe 4a, sez. L MATERIA: LINGUA E LETTERATURA LATINA DOCENTE: ROSSELLA SPINA 1. Presentazione della classe La classe è composta

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola.

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola. Delegazione di Brescia PROGETTO DELLA DELEGAZIONE FAI DI BRESCIA PER LE SCUOLE Anno Scolastico 2005/06 Brescia da visitare, da vivere, da amare Progetto a supporto

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali

1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali 1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli

UDA PLURIDISCIPLINARE ASSE LINGUISTICO-STORICO

UDA PLURIDISCIPLINARE ASSE LINGUISTICO-STORICO L UDA che presentiamo è stata prevista per il prossimo anno scolastico, da realizzare cioè, in una prima classe del triennio, nell intento di una progettazione a più mani che vada oltre le rigidità imposte

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Dipinti, Sculture, Uniformi, Decorazioni, Armi antiche e Documenti Storici in un Percorso Tematico che Racconta la Storia del Regno d Italia www.collezionesabauda.it

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Premessa. Il consumo come racconto

Premessa. Il consumo come racconto Premessa Il consumo come racconto Cosa succede quando un individuo ha il coraggio di mettersi a nudo? Quando un brand decide di diventare tanto reale da rinunciare alla retorica manageriale celebrativa?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE IV SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Cultura Latina DOCENTE:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento)

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) Al termine dell'obbligo scolastico gli studenti dovranno essere in possesso

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

INTRODUZIONE I. PROGETTI DIDATTICI SCUOLA PRIMARIA. Obiettivi

INTRODUZIONE I. PROGETTI DIDATTICI SCUOLA PRIMARIA. Obiettivi INTRODUZIONE In occasione del XVI Centenario della Lettera Decretale di papa Innocenzo I a Decenzio vescovo di Gubbio, la Diocesi di Gubbio propone un progetto formativo articolato per ogni scuola di ogni

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Milano, 13 settembre 2012 INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Quando Gabriele Nissim, Presidente dell Associazione del Giardino dei Giusti, mi ha offerto la progettazione del nuovo Giardino

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli