Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo"

Transcript

1 Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo - Ozzano Dell'Emilia (BO) - Collezione di documenti TESTIMONIANZE SU DON ROMOLO BACILIERI E SUGLI ANNI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE AD OZZANO Curatore: Roberto Mattioli

2 INTRODUZIONE Nell'autunno del 2004 mi è capitata tra le mani una copia grezza delle testimonianze presumibilmente raccolte da Giuliano Serra, in occasione delle manifestazioni in ricordo di don Romolo Bacilieri tenutesi sul finire del 2001, organizzate dal precedente centro culturale parrocchiale, manifestazioni che ho contribuito ad organizzare. Siccome a mia conoscenza non vi erano copie in formato elettronico o comunque non ve ne erano di facilmente accessibili, ho realizzato questo documento curandone l'impaginazione e facendolo rientrare nella Collezione di documenti preparata dal Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo, al fine di assicurarne la futura conservazione e memoria. Roberto Mattioli (Presidente del Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo NOTE LEGALI La fonte originale di questa edizione elettronica è, a conoscenza in buona fede del Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo, un documento a carattere non commerciale volto alla diffusione in pubblico. Il testo, del quale la presente edizione rappresenta un semplice adattamento alle esigenze di archiviazione digitale, stampa e comoda lettura, resta di proprietà dell'autore o degli autori originali. Questa edizione elettronica viene distribuita gratuitamente e senza percepire compenso alcuno, nel puro intento di diffondere un contenuto di elevato carattere morale e/o culturale. Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 2

3 Dott. Francesco Pesci Don Romolo l'ho seguito personalmente nel periodo in cui aveva cominciato a stare poco bene. Partivo da Bologna per andare a Ozzano a prenderlo per portarlo a farsi visitare dal prof. Gasbarrini che lo seguiva già da due anni personalmente. Soffriva di Poliglobulia, il sangue un po' denso. Il giorno in cui andammo da Gasbarrini a porta S. Stefano (oggi clinico a Roma) il cui padre era l'archiatra pontificio di Papa Pio XII e mio compagno di collegio al S.Luigi. Il professore era in fondo all'enorme salone e quando entrammo alzò lo sguardo dicendo, se pur un po' distante: "Signor parroco si fermi lì un attimo. Lei ha il morbo di Vacché". Il morbo di Vacché è una poliglobulia cioè la formazione (nel sangue) di una gran quantità di globuli rossi, nettamente oltre la norma. Il prof. Gasbarrini cominciò così a prenderlo in cura, dandogli delle gran medicine ma lui preferiva farsi dei beveroni di aglio e cipolla...ricordo poi che, quand'ero ragazzino ci si trovava a giocare a pallone nel campetto sportivo (n.d.r. della Chiesa) e don Romolo ci guardava ma non s'inseriva mai in modo invadente, preferiva osservare...credo di essere stato uno di quelli, soprattutto nel periodo in cui stava poco bene, che gli è stato più vicino. Anche dal lato psicologico. E in quei momenti mi parlava di qualcuno che aiutava, bisognoso, coi soldi delle elemosine. Però non è mai stato, per sua indole, il tipo che ti diceva fino in fondo il suo iter quotidiano, nel far del bene... Ermanno Sanmarchi Era persona di grandissima umiltà e di estrema riservatezza. Una persona che tratteneva molto per sé. Quel che faceva lo faceva con riserbo e con delicatezza nei confronti di quelli che venivano aiutati, che era davvero encomiabile. Fra le attività che ha sviluppato don Romolo, oltre alla parte religiosa, ecclesiastica e di educatore, c'era anche quella sportiva. Le attività sportive (ndr di Ozzano) sono partite tutte da San Cristoforo. Ma c'è un altro aspetto che vorrei dire con forza di don Romolo. Si parla tanto della "Memoria" (ndr Giornata della Memoria), ma don Romolo, per quello che ho raccolto e sentito nel nostro microcosmo, nel silenzio e nel riserbo, quanta gente ha salvato o ha contribuito a salvare, nel periodo bellico! Don Romolo fu mandato dal Cardinale (ndr, nel luglio 1939) perché in S.Cristoforo c'era una grossa difficoltà. Il parroco don Bertusi era ormai molto sordo e il cappellano don Bruno Salsini si era ammalato con un'infiammazione ai polmoni. Così don Romolo, come oggi fu nominato sacerdote e il giorno dopo il Cardinale lo chiamò per andare in S.Cristoforo a prendere a mano la parrocchia. Don Romolo era di famiglia contadina proveniente da Castelmaggiore. Gli anni di guerra don Romolo li trascorse tutti in S.Cristoforo, continuando ad adempiere al suo dovere sacerdotale e di parroco, portando (ndr, persino) le comunioni ai parrocchiani. Ricordo quando nacque una bimba alla Casa Bianca, e i genitori volevano battezzarla, ma non potendosi muovere liberamente gli uomini, per i rastrellamenti, don Romolo decise così di andare a prenderla e portarla in chiesa per battezzarla e quindi riportarla (ndr, subito dopo). E io andai con lui. Nelle famiglie dove c'erano solo dorme, vecchi e bambini, andava lui a comprare le medicine in farmacia, a fare le punture, la spesa. Intanto, già prima della guerra don Romolo aveva dato vita al centro sportivo, con campi da tennis, alla polisportiva Claterna, al cinema. Durante il periodo bellico, bombardarono dentro Ozzano. Morirono due soldati e due ragazzi, e don Romolo corse subito sul posto per cercare di soccorrerli. Poi c'è stata una sera una fila di carrarmati che passarono per la via Emilia. La gente scappò tutta da Ozzano... si presero paura tutti... saranno stati 20 o 30 persone quelle rimaste. Alla finestra della casa di Barbieri (ndr, la Centonara) c'erano affacciati Elio Barbieri e la sua fidanzata, ch'era l'aldina Masi... da un carrarmato partì un siluro che colpì la finestra e lei morì... e don Romolo andò a soccorrerla. Dott. Francesco Pesci Davanti a casa nostra c'era un camion militare pieno di munizioni, la casa è quella dove c'era il Consorzio Agrario e oggi la Banca di Imola. La fortuna di casa nostra è stata il fatto che il camion era girato....e dal camion partirono colpi in direzione della caserma dei Carabinieri (ndr, la casa Centonara)...tanto è vero che sul muro per tanto tempo si è vista la figura e la sagoma di un soldato...intanto don Romolo per correre a soccorrere l'aldina per portarla a Bologna in ospedale, si bruciò anche un po'... l'aldina era sorella di Ottorino Masi... ma morì quasi subito. Dopo T8/9/1943, un giorno, arrivarono i tedeschi nella chiesa... che picchiarono don Romolo... qua don Romolo aveva gente dappertutto, nascosta... ne aveva nel campanile: aveva don Dante, don Gino, un mio cugino di Modena...erano in sei o sette lassù... dove mettete gli altoparlanti (ndr, per la festa di San Crisotoforo, oggi)... sopra c'è un altro nascondiglio....nei travi c'è anche scritto i nomi con le candele Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 3

4 Sergio Mazzoni In pratica un doppio fondo, dal quale si usciva poi attraverso un armadio della cantoria...così che se arrivavano i tedeschi don Romolo riusciva a farli scappare dall'armadio e arrivare in chiesa Qui in canonica aveva almeno una trentina di persone....ci fu un rastrellamento, io, la Letizia e l'iside dormivamo su delle assi giù in casa, perché su avevamo paura...una mattina presto.. 1' 8/9... sentimmo parlare... allora don Romolo si affacciò alla finestra, loro (ndr, i tedeschi) credendo forse fosse un civile gli dissero: "kom, kom scendere". Venne giù vestito da prete, con una candela in mano...il pensiero andò a quelli nascosti in cantina, dove c'è la caldaia...qui dormivano in 8 o 10 persone...nella mia cantina c'era Ansaloni, un parente di Chiusoli nascosto, che ogni tanto veniva a guardare su dal pozzo...e che ci portava da mangiare mia mamma... Dopo l'8/9, gli uomini li portavano via tutti per cui stavano tutti nascosti per evitare i rastrellamenti e quindi di andare in Germania...don Romolo li salvò quasi tutti... non riuscì a salvare Guido Chiusoli e altri 4 o 5, nascosti sul campanile....che dicevano: nel caso succede qualcosa voi scossate le campane e noi scappiamo dal granaio attraverso dei buchi che avevano aperto...era un labirinto (ndr, il granaio), si arrivava anche in casa nostra... quelli lì poverini furono presi dai tedeschi che andarono sul campanile... che poi li portarono a Castenaso dove rimasero un po' di tempo, riuscendo poi a scappare e tornare a casa....una volta, prima dell'8/9, quelli delle SS fecero un rastrellamento alla Casa Bianca... le SS erano convinte che nella parrocchia ci fossero dei partigiani... dopo la guerra si è poi saputo che c'era uno che aveva vissuto dei mesi sopra un albero del palazzo del Bosco, là vicino alla chiesa di Pizzocalvo. Lui aveva un apparecchio che dava comunicazione (ndr, radiotrasmittente)... agli alleati... e (ndr, i tedeschi) dicevano: è il centro della chiesa... qui niente buoni... perché sempre luki, luki?....spostarono una volta un camion di fianco al cimitero... dopo un'ora... pum pum, arrivarono le granate... lo bombardarono dal Monte Grande di Monte Calderaro... Ed era così anche alla Casa Bianca... se là si spostava un qualche cosa... Una mattina vennero qui quelli delle SS... due omarini alti così (ndr, per dire bassi) che chiesero: "dove pastore"...e c'era don Romolo dall'uscio... qui (ndr, in canonica) c'era sfollata anche la signora Lunelli la padrona della villa Maccaferri... sfollata qui con due figlie... loro (ndr, i tedeschi) dissero: "tu pastore essere partigiano, perché tu avere tanta gente... i'aveven imparò ch'i'era d'la zente... No, io non sono partigiano... ma io se posso salvare qualcuno, lo faccio... io faccio prima di tutto il prete, e poi aiuto i miei parrocchiani in quel che hanno bisogno... parlano un po'... Sei mesi abbiamo avuto i tedeschi in casa... in casa nostra... al piano terreno... e di quelli nascosti lassù (ndr, nel solaio) nessuno sapeva niente... erano (ndr, i tedeschi) nella cantina, dove avevano bevuto tutto il vino... nella prima cantina avevano una radio... qui con loro c'era sempre Romano Pignatti, che aveva 14 anni... sapeva il tedesco meglio di loro ed era sempre giù con loro... e allora quel giorno lì... tu non è vero (ndr, i tedeschi rivolti a don Romolo)... mettere camion là... e luki, luki... pum pum... bene... qui si vede che c'è qualcuno che fa la spia... gli diedero due gran schiaffi... poverino... due gran schiaffi, e noi a piangere... loro (ndr, i tedeschi) gli puntarono poi il fucile nella schiena, poi a piedi lo portarono alla Foraggera... che là c'era il comando grosso. Quando fu lì, lui (ndr, don Romolo) chiese un interprete e disse (ndr, al comandante): "io sono un parroco... sono stato trattato male... faccio la parte del mio dovere... faccio del bene... sono sei mesi che abbiamo i tedeschi in casa... se c'è qualche cosa da mangiare, loro la mangiano... in cantina il vino l'hanno bevuto tutto loro... noi non siamo più padroni della nostra casa, perché sono diventati loro i padroni... non so cosa io possa avere fatto di male... se i vostri uomini... e disse con l'interprete: gli dica bene così... che se i suoi uomini continuano a comportarsi in quella maniera, io gli auguro di perdere la guerra...(ndr, don Romolo poi raccontò)... Tanto (ndr, pensando che tanto non avevo più nulla da perdere) m'avevano detto che mi ammazzavano... ci avevano detto che gli facevano la pelle... L'interprete spiegò un po' tutto... gli lasciarono poi un lasciapassare, una carta, che lui finché non finì la guerra potè girare dappertutto... e così cominciò a portare a Bologna tutta la roba della chiesa... in chiesa c'erano rimasti solo i banchi... il resto: biancheria, statue, via Crucis, tutta la roba sacra... che la caricavano i Masi col camioncino, se no i Ravaglia che avevano il carro con i buoi... e la portavano a Bologna nei sotterranei di San Petronio... anche la Madonna di Lourdes... fecero una cassa, che gli aiutò poi (ndr,a don Romolo) don Consolini, che non c'è più, e don Dante Baldazzi, che c'è ancora... in questa cassa ci misero poi tutta la biancheria e la statua della Madonna... portarono via tutto, tutto... anche la Madonnina delle Tombe (ndr, del '500)... rimasero solo i banchi... tutti gli altri preti attorno, poverini, che erano scappati... quello di Settefonti arrivò qui... gli avevano bombardato la chiesa... che è poi rimasto un po' rifugiato poi andò a Bologna... c'è stato il marchese Malvezzi, rifugiato... e gli hanno vuotato la villa anche a lui... don Romolo andò poi su alla chiesa di Settefonti a prendere un po' di pianete e un po' di biancheria, che poi è andata a Bologna... A Ozzano eravamo in una ventina o poco più. Da Ozzano se n'erano andati quasi tutti. Allora, a Fedele Leoni il fornaio... don Romolo gli chiese... di dire messa nel forno... e lui gli diede un santino scritto da lui... lo facemmo il giorno di Pasqua... non ricordo Pasqua 1944 o fu Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 4

5 una bella cosa... Noi, poi, ci mandarono via tutti... fino alla via Emilia fecero sfollare... da don Consolini in giù (ndr, Casa Bellaria via Emilia) potevano restare lì... noi siamo stati due mesi a casa da Strazzari, dove abita adesso Sergio Mazzoni (ndr, Ca' Querceto) Quello che don Romolo non ha fatto durante la guerra... andando a casa da uno e a casa di un altro, sempre in bicicletta a rischio della propria vita...andando a fare le punture alla mamma di Scazzieri che abitava al castello Malvezzi (ndr, oggi Rangoni Machiavelli via Tomba Forella)... perché i dottori avevano paura a girare... gli uomini li rastrellavano tutti... noi avevamo Pignatti... eravamo qua in cinque donne: io e le mie sorelle, una sposata e quattro no... e i tedeschi che erano dappertutto... e dicevano: oh, stasera a casa vostra grande festa... si mettevano in cucina, venivano su dalla cantina con delle gran bottiglie di vino... si ubriacavano... lo dicevamo a Pignatti che rispondeva: non abbiate paura ragazoli, vengo io... e veniva lui con un fiasco di vino... finché stavano lì i tedeschi stava lì con loro anche Pignatti... i tedeschi li abbiamo avuti in casa sei mesi ma non possiamo dire niente... vuotarono la cantina quello sì... arrivarono con delle mucche che legarono fuori e che poi ammazzarono....quando arrivarono sembravano dei gran signori... tutta una fila di camion...tra gli alberi ci fecero vedere quello con la cucina e i letti....quando ripartirono andarono via scalzi, non avevano più nemmeno le scarpe...venivano da mia sorella Iside con dei teli per farsi fare dei pantaloni... erano gli ultimi giorni... erano diventati cattivi.. il fronte si sentiva....gli americani erano già arrivati a Castel de'britti...dalla cantina guardavamo la partenza dei camion... a Monterenzio invece stavano già bene, c'erano già gli americani (ndr, per cui erano liberi)... Li vedevamo tutti, poverini, sopra delle camionette, svestiti....uno lo seppellirono nel prato (ndr, dicono però fosse un russo)... e don Romolo andò a parlare (ndr, ai tedeschi)... per noi, disse don Romolo, i morti devono andare nel cimitero....per gli altri (ndr, nel registro dei morti sono annotati infatti quattro militari tedeschi) la signora Sofia Pignatti aveva preparato una corona d'alloro....lo portammo in chiesa e poi lo portammo noi ch'eravamo,al cimitero... dove Galinel fece la buca... subito dentro a sinistra... uno dopo l'altro sono poi venuti i suoi (ndr, parenti) a riprenderli...perché avevano i documenti ricordo che cadde anche un paracadutista nel campo di Maciste, che morì....non so però se lo portarono via o lo seppellirono...forse era quello del campo?....sono rimasti nel cimitero per parecchi anni (ndr, questi miliatri tedeschi) poi sono venuti i famigliali a recuperare le spoglie... Sergio Mazzoni e Quando c'è stata la liberazione don Romolo dormì in cantina con due mucche che avevano nascosto (ndr, era il 20/4/1945)... in una camera su aveva fatto un piccolo tabernacolo... piccolino che era in una scatolina... (aggiunge Zita di anni 83)... Si è cominciato con niente... dopo la guerra non avevamo niente... noi siamo nati a Castel Franco Emilia... avevo sei anni quando venimmo a stare in Tolara... poi lo zio prete: don Enea Mazzoni divenne parroco di S.Cristoforo (ndr, nel 1922) e venimmo ad abitare qui... dopo s'ammalò e ce lo diedero a casa... e venne don Bertusi a reggere la chiesa... don Enea è rimasto paralizzato undici anni... Don Romolo girava sempre in bicicletta, anche a Bologna. Caricava la roba e poi andava a Bologna a cercare il posto...è riuscito a portare (ndr, in salvo) a Bologna tutto.sui rapporti col podestà Pignatti, mai guai...erano in molto, molto buoni rapporti... il podestà è stato un gran podestà, che ci ha fatto tanto del bene... la moglie e i tre figli erano sfollati qui....il solaio l'avevamo dovuto puntellare... Dott. Francesco Pesci Ricordo un particolare dei Pignatti...(ndr, un aneddotto legato alla stazza fisica)... ero un bambino allora... quando arrivavano i cinque Pignatti sulla loro 1500 si fermavano davanti a casa mia... quella povera macchina, quando scendeva qualcuno di loro... Ricordo come fosse adesso quando scendeva la signora che era un po'... la macchina (ndr, ondeggiava)... il padre e la madre di Romano infatti erano molto grossi... Altro particolare, anche noi tra ottobre e novembre noi eravamo su al Trepiede (ndr, sopra a San Pietro di Ozzano), in una grotta dove restammo per un certo periodo di tempo... poi ci fermammo a Ozzano San Pietro... per fortuna partimmo (ndr, da lì) con due buoi e un carro... nella notte vennero a bombardare dove eravamo noi... raso tutto al suolo completamente... andammo a Bologna... ci ospitarono dai Sassoli de'bianchi in strada Maggiore... che avevano poi un appartamento in S.Vitale, e lì passammo i giorni e Francesco Pesci Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 5

6 Stettero qui (ndr, in San Cristoforo) un po' i polacchi....con la fine della guerra delle grandi cose tra fascisti e partigiani non si sono sentite... (aggiunge il dott. Pesci)... anche se questo (ndr, Ozzano) è stato un paese... (ndr, abbastanza tranquillo)... qualche problemino c'è stato nella zona verso Medicina (ndr, allude forse all'omicidio dei fratelli Codice)... Ripristinata la normalità... sono ricominciate le attività parrocchiali... cominciò (ndr, don Romolo) con le gare di briscola per gli anziani... poi ha fatto i campi da tennis, fece fare la giostra da Grandi (ndr, il fabbro) con dodici seggiolini in ferro, che venivano tirati a braccia...dopo la guerra inoltre, nei primissimi tempi, c'è stato qualche altro problema (ndr, di natura politica)... ricordo per esempio mio fratello Carlo, che qui a Ozzano fondò lo stesso movimento di Giuseppe Fanin, suo compagno di scuola di Agraria, sia Fanin che Carlo erano infatti studenti di Agraria ed erano amici... spesso (ndr, i comunisti) passavano la sera davanti a casa nostra e cantavano la canzoncina "Crumiri schifosi la vostra lega, l'é una lega da ninein (ndr, maiali)..." Mio fratello voleva uscire...(ndr, per lo scontro fisico)... E' stato solo un breve periodo... poi tutto è finito... E' stato picchiato anche Rebelato (ndr, oggi ha 77 anni)... il padre abitava vicino a noi... Dott. Francesco Pesci Molto attivo e vivace nel ricreativo...nell'aggregare i giovani... per quanto molto restio... sembrava quasi un controsenso rispetto al suo carattere e la sua indole... Anche don Remo tutte le sere veniva giù col mosquito (ndr, una sorta di bicicletta col motore), col suo spolverino lungo lungo... in una tasca aveva le carte da briscola e da ramino, nell'altra caramelle... e si giocava di caramelle. Rag. Angiolino Bernardi La casa (ndr, di don Romolo) era sempre aperta a tutti...ma veramente aperta, non soltanto per dire: era disponibile, ma aperta senza la chiave, per cui potevano entrare tutti in qualsiasi momento....aveva messo prima il bigliardo poi dopo il calciobalilla (bigliardino)....il ping pong fuori....il pallone... (ndr, fra le attività parrocchiali)....ha sviluppato fortemente l'azione cattolica e il catechismo, con molti gruppi. Ermanno Sanmarchi I primi anni... (ndr, del dopoguerra)...sono state fatte gite a Padova e Campeggio... tre o quattro volte... col camion si caricavano panchine e sedie... soprattutto col camion di Stefani... Don Romolo era di una semplicità unica. Tutto quello che aveva lo donava, e quando gli facevano notare che la tonaca era consunta, e che doveva prenderne una nuova, rispondeva: va bene questa qui, non vi preoccupate... tutto ciò che poteva rinunciare lo destinava poi a chi aveva bisogno. Zita e Sergio Mazzoni Anche la camminata di Settefonti è partita da qua, come polisportiva Claterna...la fece per due anni Cardellini...Al cardinale Lercaro guai a toccargli gli ozzanesi e don Romolo... quanti anni abbiamo fatto il servizio a Villa Revedin!... anche il cardinale Nasalli Rocca, veniva volentieri a Ozzano e spesso in S.Cristoforo... fu il card. Nasalli Rocca a mettere qui (ndr, in S.Cristoforo) don Romolo... l'autista del cardinale lasciava la macchina alla Campana e il card. Nasalli Rocca veniva su a piedi fino alla chiesa... E le mangiate che d'inverno si facevano!... erano tante. Don Remo poi, in fatto di scherzi era l'asso di briscola...vi voglio raccontare lo scherzo coi gatti... un inverno organizzò una mangiata... allora c'era davvero tanta neve... Sassatelli e don Remo andarono a caccia... vennero a casa con quattro gatti... li prepararono e li misero sotto la neve quindici giorni... e dissero facciamo poi una cena... occasione per festeggiare: il diploma di Angiolino (ndr, Bernardi)... Arrivato il giorno cucinarono i quattro gatti, tutta una notte... li prepararono prima con gli odori poi il giorno dopo li passarono al forno... come minestra c'erano i tortellini... per contorno fecero anche delle frittelline di verdure... poi c'era dell'arrosto... e tutti mangiarono il gatto... Le pelli dei gatti poi le riempirono di paglia e le misero sulla neve, con a fianco una candela e un cartello con su scritto: era buona la nostra ciccia? Angiolino Bernardi Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 6

7 La voce s'era un po' sparsa... e qualcuno però sospettò (ndr, qualcosa) Quando c'era la neve in parrocchia, si facevano delle grandi battaglie a colpi di palle di neve... e le faceva anche don Romolo... A Natale, la gente veniva alla messa di mezzanotte... io avevo imparato a suonare un po' Notte Placida con l'armonio... per poi divertirsi a tirarsi le palle di neve Dott. Franceso Pesci La malattia di don Romolo cominciò a manifestarsi, quando facevano i carri mascherati fra il 1966 e il che lui è cominciato a stare un po' male (ndr, di più)... io credo di averlo portato poi dal prof. Gasbarrini nel 1967 o S'era però stancato di farsi curare... negli ultimi tempi non ci teneva più (ndr, a sé stesso)... adesso ci sarebbero medicine che questo tipo di male lo controllerebbero bene... negli ultimi tempi non s'è curato, s'era stancato... Quanto lavorava poverino... chissà che sofferenza sentiva!... La sera la sua cena era un pezzetto di pollo... ma dopo due o tre anni del pollo non ne voleva più sapere... così mettevo su due o tre cipolle grandi, un po' di patate, un po' di carote e sedano, poi passavo tutto col passaverdure....(ndr, e glielo davo) Ermanno Sanmarchi e Sergio Mazzoni Un giorno era in auto con don Remo... suo fratello (ndr, don Romolo era fratello di don Remo) vide un biglietto con la prescrizione d'un farmaco che cercava (ndr, per necessità di Giovanni Stefani)....e don Romolo (ndr, ci si accorse poi) ne aveva una partita (ndr, notevole)... perché non lo prendeva... al punto che quando don Romolo morì il farmaco venne dato all'ospedale....anche in questo aiutò gli altri piuttosto che curarsi lui... Don Romolo lavorò molto anche per 1'Onanno...ma negli ultimi tempi non andava più in montagna...aveva un gran dispiacere...abbiamo fatto la festa a Villa Revedin, andavamo su in una quarantina coi bambinetti....a lui andava sempre bene tutto....per il mangiare mi diceva sempre...non pensare a me prepara per don Remo... Angiolino Bernardi Nei rapporti con la Curia, fra i due fratelli sacerdoti, la figura di riferimento era (ndr, comunque e sempre) don Romolo....mentre in casa don Romolo faceva sedere don Remo a capo tavola, essendo il fratello maggiore... e si mangiava quando don Remo rincasava... e a don Remo veniva servito per primo il pasto... e Angiolino Bernardi Don Remo è nato infatti nel luglio 1910, mentre don Romolo era nato il 4/11/ giorno di S.Carlo...alla sua cena venivano molte volte anche persone che non andavano mai in chiesa... dopo la guerra subito c'era chi diceva: "pare quasi voglia più bene ai comunisti che a quelli che sono sempre in chiesa... per lui aiutare un comunista, o aiutare uno di chiesa, era lo stesso... Angiolino Bernardi Da bambino, per un certo periodo, io venivo spesso in parrocchia...ai primi tempi che c'era la televisione... ce l'aveva Leoni al bar, Giacomelli e don Romolo....si parlava molto....non saprei dire le idee politiche di don Romolo, sicuramente trattava chi la pensava diversamente da lui, forse come gli altri....o per paura di fare differenze, anche meglio....(aggiunge dott. Pesci)... ci pensava poi don Remo a pareggiare i conti...non sembravano nemmeno fratelli.... però si completavano (ndr, l'un l'altro) Sergio Mazzoni Penso di avere fatto parte dell'ultimo gruppo (ndr, di giovani) che ha avuto don Romolo....siamo rimasti molto Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 7

8 affiatati e molto legati fino all'ultimo....infatti, l'anno che è morto, non so' per quale motivo... queir anno lì (ndr, il 1982)... anticipò (ndr, don Romolo) la cena di fine anno...stranamente....e c'eravamo tutti...verso il nostro gruppo, poi, aveva un affiatamento e una venerazione....quando andavamo fuori ci difendeva....una partita (ndr, di calcio) a Campeggio, dove dei grandi ci picchiavano, difese con grinta tutti noi come fossimo suoi figli... La festa di S.Cristoforo è stata rilanciata da don Romolo....coi Motoclub, Vespa Club, Moto Club Ruggeri... che venivano qui... il primo anno arrivarono una ventina di motociclette del Moto club Ruggeri....era nel '50....facemmo tutte le bandierine, mettemmo un bel garofano...e nella moto davanti, che c'era il sideca^era seduto il cardinale Lercaro, col gagliardetto...lo stradone (ndr, via S.Cristoforo) era ghiaiate per cui un gran polverone... Anni indimenticabili....come indimenticabili sono state e saranno sempre, per me, le parole che pronunciò prima di andare in ospedale... Lui veniva a casa sempre verso le due... un mezzogiorno venne a casa dicendo di avere un gran male agli occhi... ogni tanto gli veniva... stette delle ore a farsi degli impacchi di acqua fredda... ma quel giorno lì non passava... verso sera andai su (ndr, nel suo alloggio) e lo sentii dire: "no, no, troppo presto, ancora un poco!"...gli chiesi: beh, don Romolo cos'è troppo presto, ancora un poco... poi andai da don Remo, ch'era davanti alla televisione, che rispose: "se sta poco bene chiamate il dottore"...così chiamammo il medico condotto....prima d'andare via per l'ospedale dal letto volse lo sguardo al crocefisso e pronunciò: "Gesù mio misericordia..."... poverino si vede che capiva di essere alla fine... aveva soltanto 68 anni. Dott. Francesco Pesci Don Romolo Bacilieri, è morto per una trombosi il giorno 21/12/1982. Testimonianza di Laura Pignatti - ricevuta per iscritto la sera dell'intervista a e altri Sono sfollata da Bologna a Ozzano nel dicembre Avevo 17 anni e mi sono trovata a vivere in una canonica dov'era parroco mio zio don Domenico Giuseppe Bertusi e cappellano don Romolo Bacilieri (ndr, chiesa di S.Cristoforo di Ozzano). La guerra infiiriava, la vita era difficile per tutti, ma noi eravamo giovani e superavamo tutte le traversie con nel cuore la speranza di un avvenire migliore. In canonica venivano anche i Seminaristi, che erano stati mandati a casa per le difficoltà della guerra. Io non li frequentavo mai perché le ragazze, soprattutto se giovani, non potevano allora avere rapporti di amicizia con loro. Io mi ero fidanzata con quello che poi sarebbe diventato mio marito. Il fronte si avvicinava sempre più alle nostre zone. Io andai a Bologna, che fu dichiarata città aperta. Qui oltre ai bombardamenti cominciarono i cannonneggiamenti e i rastrellamenti. Don Romolo si adoperò molto per nascondere i giovani. Sette giovani, fra cui mio marito, furono nascosti in un rifugio segreto ch'era in canonica. Ci rimasero diverso tempo e venivano approvvigionati attraverso un armadio. Quando tutta la zona fu sgomberata don Romolo rimase con i pochi parrocchiani che erano stati lasciati nelle loro case. Lo ritrovai nel 1949 quando mi sposai nella chiesa di San Cristoforo. Allora era già parroco, con una parrocchia di agricoltori. So che si adoperò per organizzare scuole serali, per chi non aveva potuto studiare, corsi di lavoro per uomini e donne. La parrocchia era fiorente nella fede. Cominciò poi la trasformazione in zona industriale. Il paese si ingrandì, vennero immigrati dal sud e tutto cambiò. Quello che posso dire è che don Romolo non chiedeva mai niente a nessuno. A volte io lo esortavo a appoggiarsi di più ai suoi parrocchiani, ma lui, se qualche volta l'ha fatto, gli è sempre costata molta difficoltà. Un altro ricordo risale al Natale C'era il coprifuoco, non si poteva celebrare la Messa di mezzanotte, ma don Romolo la celebrò lo stesso: la Chiesa di San Cristoforo era illuminata solo da due candele sull'altare. E' il ricordo più dolce, più bello, di quegli anni così difficili e, pensandoci, ancora mi commuove il pensiero. Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo Pag. 8

9 CO Reimpaginato ed esportato in formato PDF il 28 novembre 2004 a cura del Centro Culturale e Ricreativo S.Cristoforo - Ozzano dell'emilia (BO) Per contatti: Sito web:

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Caso di Arsenicum sulphuratum flavum

Caso di Arsenicum sulphuratum flavum Dott. Massimo Mangialavori Caso di Arsenicum sulphuratum flavum Bruno è uomo di 58 anni dall'aspetto malaticcio e modesto. Molto magro, curvo sulle spalle, il viso scavato ed asciutto, la dentiera mobile

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

«I me g ha reso l anima ribelle»

«I me g ha reso l anima ribelle» «I me g ha reso l anima ribelle» testimonianza di Lidia Schiavon a cura di Franca Cosmai 1. Introduzione L intervista a Lidia Schiavon 1 fa parte di un gruppo di quaranta testimonianze di donne venete,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli