Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari"

Transcript

1 Genova Insolita Genova Insolita è un iniziativa organizzata dalle volontarie del Servizio Civile Nazionale per il progetto Arte, Natura e Scienza del Comune di Genova e coinvolge le biblioteche e i musei presso cui le ragazze hanno prestato servizio durante l anno 2014/2015. L idea è nata con l obiettivo di suggerire ai cittadini nove itinerari alla scoperta di mete inesplorate del territorio genovese, per valorizzare e promuovere il valore artistico, naturalistico e scientifico celato intorno ad ogni sede di progetto, punto di partenza di ciascun percorso. Armatevi quindi di scarpe comode e preparatevi a partire! Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari Ciao! Sono Elisa. Nelle pagine seguenti troverete diversi approfondimenti da utilizzare separatamente oppure in un unico percorso: - Arte: - Villa Cattaneo-Imperiale di Terralba - Villa Centurione Musso Piantelli - Villa Borsotto Ayroli Franzone - Natura: - Il parco di Villa Imperiale Buona visita!

2 Genova Insolita Biblioteca Lercari Bassa Val Bisagno (Municipio III) San Fruttuoso Lo sapevi? Lo stemma della Bassa Val Bisagno è uno scudo sormontato dalla croce simbolo del Comune di Genova e comprende idealmente il territorio municipale nella varietà dei suoi quartieri (Marassi, Quezzi e San Fruttuoso); essi sono rappresentati dai tre ponti che rimandano alla parte civile relativa agli scambi economici e commerciali che da sempre hanno caratterizzato questa zona. L anima religiosa è richiamata dall'immagine stilizzata del Santuario di Nostra Signora del Monte. San Fruttuoso: stesso santo, due luoghi diversi, un unica reliquia: Nessun genovese confonderebbe mai San Fruttuoso di Capodimonte (Camogli) con San Fruttuoso di Genova; eppure non tutti conoscono il perché di questa omonimia, né come mai il quartiere genovese, pur non vantando alcuna reliquia del Santo omonimo, ne abbia preso il nome. Il motivo è da ricondursi alle leggendarie peripezie delle reliquie dei santi martiri Augurio, Eulogio e Fruttuoso: pare che durante il famoso viaggio che da Tarragona le condusse alla loro destinazione finale, San Prospero e i giovani che lo accompagnavano, si fossero fermati proprio in questa zona, che prese dunque il nome dalle spoglie del Santo che, seppure per un breve periodo, aveva ospitato. Il reliquiario di San Fruttuoso è tutt ora conservato nell omonima chiesa di Genova, riedificata nel XX Secolo.

3 È difficile da immaginare, ma fino a pochi secoli fa San Fruttuoso e Marassi costituivano una delle zone verdi della città ed erano considerate mete campagnole di villeggiatura. Proprio per questo motivo molti nobili genovesi elessero questi quartieri per edificare le loro residenze di campagna, le ville. Avulse dal contesto cittadino, queste maestose dimore coniugavano di sovente l eleganza e la ricchezza delle abitazioni patrizie, spesso decorate da affreschi volti a celebrare le famiglie dei committenti, con l organizzazione di una vera e propria azienda agricola. Non era infatti insolito che le zone verdi che circondavano la villa fossero coltivate da braccianti al servizio dei ricchi proprietari terrieri che abitavano la zona. Particolare del quadro di Luigi Garibbo con il panorama di San Fruttuoso (1822) Molte delle ville costruite in passato, sono oggi in stato di degrado ed abbandono e le loro bellezze artistiche perdute. Altre, pur essendo ancora in buone seppur talvolta non originarie- condizioni, sono state inglobate dal contesto urbano: oggi, quelle splendide dimore sono nascoste da edifici più moderni e per questo motivo risultano spesso sconosciute anche agli stessi genovesi. È interessante notare come spesso le architetture delle ville di San Fruttuoso e Marassi sembrino seguire gli stessi canoni riconducibili ad un filone detto pre-alessiano, ossia quello stile diffuso a Genova prima dell arrivo del famoso architetto perugino Galeazzo Alessi e che permase in alcuni esempi anche in seguito alle innovazioni da lui proposte. Le caratteristiche peculiari dello stile pre-alessiano saranno riscontrabili e tra loro collegabili visitando le ville proposte da questi tre itinerari, ricche dimore costruite in tempi diversi da architetti differenti, ma che risultano nello stile indissolubilmente collegate. Nonostante le ristrutturazioni effettuate nel corso dei secoli, infatti, sono ancora riscontrabili alcune delle caratteristiche che le accomunano: la presenza di logge angolari, una pianta rettangolare anziché quadrata e la concezione dell edificio come un contenitore aperto sul territorio.

4 ARTE e NATURA Villa Imperiale-Cattaneo e il suo parco Edificata alle pendici del colle del Santuario della Madonna del Monte e attuale Sede della Biblioteca Civica G. L. Lercari, la Villa fu commissionata alla fine del XV secolo da Lorenzo Cattaneo, ricco mercante genovese imparentato con la nobiltà fiorentina e cugino di Simonetta Cattaneo Vespucci, famosa modella di artisti rinascimentali tra cui Sandro Botticelli e amata da Giuliano de Medici. Nel 1502, poco dopo la sua edificazione, la Villa ospitò Luigi XII di Francia: i gigli scolpiti nei rilievi del portico (pur difficilmente visibili ad occhio nudo) e del caminetto, testimoniano ancora oggi l omaggio reso all illustre visitatore. I gigli di Francia nel rilievo del camino

5 Nel XVIII Secolo la Villa fu acquistata dai Salvago e un secolo dopo passò alla famiglia Imperiale grazie al matrimonio tra Gian Giacomo Imperiale e Livia Salvago. L edificio, comprato dal Comune di Genova nel 1926, è tutt ora ricordato con il nome dei suoi ultimi proprietari. Per quanto riguarda l architettura della Villa, la critica è ancora in dubbio sull effettiva compatibilità tra la struttura originale e quella attuale; è ignoto il nome dell autore del progetto, comunque ricollegabile al modello della villa pre-alessiana di pianta rettangolare dotata di due logge laterali, di cui Villa Imperiale è considerata il prototipo. Risale all epoca dell edificazione il volume longitudinale a due piani con tre assi di finestre centrali e due logge angolari a tre fornici su ciascun lato. La facciata della Villa: si può notare con un unico colpo d occhio l asimmetria della posizione dello scalone e la presenza delle due logge angolari. Le logge, appartenenti sicuramente alla struttura originale, sono sorrette da colonne cerchiate alte e sottili, poggiate su balaustre,con capitelli di elegante e variata decorazione. A differenza delle dimore alessiane, l ingresso rialzato di Villa Imperiale è asimmetrico, situato sul lato sinistro, ed introdotto da un portico angolare ricoperto da due mezze volte ad ombrello; un altro ingresso a livello terreno è incorniciato da un portale in pietra nera scolpito con rilievi raffiguranti San Giorgio tra due angeli. Tutti i particolari architettonici e decorativi (i profili acuti delle vele della volta, i peducci figurati, la piccola bifora) riconducono al gotico fiorito, quindi si è ipotizzato che questo portico appartenesse ad una fase di edificazione più antica di quella documentata. Particolare del portale in pietra nera con San Giorgio tra due angeli.

6 La pianta attuale presenta una forma a ferro di cavallo o a U, piuttosto rara a Genova,dovuta agli interventi effettuati a metà del Cinquecento dal Bergamasco (G. B. Castello, 1500 ca. 1569); l attuale distribuzione degli spazi interni della Villa è frutto di questa ristrutturazione che prolungò i fianchi della costruzione sul retro e aprì la loggia posteriore (loggia delle Virtù), che attualmente dà sul ninfeo ; allo stesso periodo risale probabilmente la chiusura della loggia del salone principale (che oggi è quindi un ambiente chiuso, compreso tra le due logge laterali) e il rivestimento della superficie interna ed esterna con elementi architettonici: nelle sale si possono ancora ammirare le cornici e i timpani spezzati o a volute che arricchiscono le finestre e le porte, i fregi e i busti di ispirazione romana, mentre poco è rimasto della decorazione esterna risalente a questo periodo e ornata a motivi architettonici, con putti ed anfore raffigurati nelle nicchie e nei riquadri. L attuale pianta a ferro di cavallo è risultato degli interventi di ristrutturazione risalenti alla metà del XVI Secolo; mentre le decorazioni esterne sono attribuibili con certezza al Bergamasco, l attribuzione della ristrutturazione architettonica non è accertata; tuttavia è probabile che anch essa sia dello stesso architetto lombardo.

7 La decorazione ad affresco, che orna tutto il piano nobile, fu affidata in periodi diversi ad alcune personalità illustri del panorama artistico genovese. Sala Cambiaso:l opera di maggior pregio è il grande affresco che orna la volta del salone principale, raffigurante il Ratto delle Sabine di Luca Cambiaso (1565 circa). Il famoso episodio romano è raffigurato con grande drammaticità e forza espressiva. L azione è al suo apice: Romolo, sulla sinistra, con il braccio ancora alzato nel gesto convenuto per dare inizio al rapimento, assiste alla lotta sotto un baldacchino. Lo stile tragico è sottolineato dai corpi dei Romani e delle Sabine che lottano avvinghiati, dall uso di colori violenti e dal gioco di luci ed ombre. Sullo sfondo, edifici classicheggianti incorniciano la scena. Luca Cambiaso, Il Ratto delle Sabine, affresco, 1565 circa Il Ratto delle Sabine, particolare: pur avendo scelto la tecnica dell affresco, il pittore scelse di dipingere alcuni dettagli, come le perle e i gioielli delle fanciulle, a secco; per questo motivo sono visibili anche da lontano e spiccano nella scena dipinta.

8 I riquadri laterali che circondano l affresco centrale raffigurano episodi posteriori al Ratto e sono tratti dall opera storiografica di Tito Livio; si noti come le decorazioni che incorniciano le varie scene si limitino a simulare pittoricamente stucchi e rilievi, con grande virtuosismo capace di creare un illusione di spazi e profondità. La prima scena laterale (lato lungo sinistro) raffigura la vicenda di Tarpea, fanciulla romana che, innamoratasi del re dei Sabini, aveva aperto al suo popolo le porte dell Urbe. I Sabini stessi si liberarono della ragazza, da cui prende il nome la rupe dalla quale i Romani gettavano i traditori politici. Proseguendo in senso orario, si assiste alla Pacificazione tra i due popoli favorita dalle donne Sabine guidate da Ersilia e alla conseguente Alleanza tra Romolo e Tito Tazio, re dei Sabini. Seguono l Ascesa di Romolo all Olimpo, l Incoronazione di Numa Pompilio e il colloquio di quest ultimo con la ninfa Egeria. Finte sculture di stucco, tra cui la Lupa Capitolina, completano la decorazione della sala e si alternano alle scene di storia romana. Negli angoli, le allegorie delle Scienze e delle Arti, coronano l opera. Luca Cambiaso, L Ascesa di Romolo all Olimpo e L Incoronazione di Numa Pompilio nei riquadri rettangolari; li separano, nell angolo, due raffigurazioni femminili delle scienze e delle arti. La volta è stata oggetto di un restauro avvenuto in seguito al crollo dell affresco nel 1994; nonostante l accurato lavoro di recupero e di ricomposizione, è stato necessario reintegrare alcune parti della superficie pittorica ormai irrecuperabile, ove i restauratori sono intervenuti con la tecnica del rigatino.

9 Risalenti alla stessa epoca della Sala Cambiaso o di poco posteriori sono gli affreschi che ornano la maggior parte delle altre sale del piano nobile, a cui lavorò la bottega dei fratelli Calvi. Artisti di modesto valore, ma molto apprezzati all epoca per la rapidità con cui eseguivano gli incarichi a loro affidati, rinunciano in questo caso alla tecnica dell affresco in favore di una pittura a secco per raffigurare diversi temi mitologici. Loggia delle Virtù: la virtù principale esaltata dalle pitture di questo spazio semi aperto è la Castità, rappresentata dalla storia della vestale Tuccia, che orna il riquadro centrale del soffitto. La fanciulla, accusata ingiustamente di essere venuta meno al suo voto, dimostra la propria innocenza riuscendo a trasportare in un setaccio l acqua del Tevere tra lo stupore generale dei suoi calunniatori. Nei quattro ovali che incorniciano la scena sono raffigurate altrettante figure femminili allegoriche di virtù:la Castità, in abito bianco, la Sapienza, recante in mano la torcia simbolica del lume dell intelletto, la Gloria, figura alata che regge tra le mani la piramide e il ramo d ulivo e la Temperanza che stringe un freno, simbolo di moderazione. Una decorazione a grottesche, arricchita da tritoni e nereidi, completa la decorazione del soffitto; alle pareti, com era uso all epoca, sono raffigurati paesaggi rurali al fine di favorire un illusoria corrispondenza tra esterno e interno e una totale immersione nella natura, resa in questo caso più efficace dall apertura della loggia. Bottega dei Calvi, La vestale Tuccia (nel riquadro) e Quattro Virtù (negli ovali); si notino le decorazioni a grottesche (con festoni ed esseri mostruosi) che circondano l opera; queste erano già tipiche all epoca dei Romani e furono riscoperte proprio nel rinascimento nelle rovine della Domus Aurea, che per le sue disastrose condizioni era stata inizialmente scambiata per una grotta; da qui il termine grottesche.

10 Il ninfeo che si affaccia su questo spazio risale al 1909 e la sua sistemazione va fatta risalire all ultimo proprietario della Villa, Cesare Imperiale; il modello seguito è quello del ninfeo presente a Villa Imperiale Scassi (Sampierdarena) risalente al Cinquecento: due nicchie laterali minori che ospitano due statue femminili, affiancano una nicchia centrale maggiore (allusiva ad una grotta) ornata da una scultura maschile; le nicchie sono inframmezzate da quattro erme maschili. Il ninfeo novecentesco di Villa Cattaneo Imperiale (Terralba) Il ninfeo cinquecentesco di Villa Imperiale Scassi (Sampierdarena). Corridoio di Venere e Giunone: non si sa se la forma a elle di questa piccola stanza (dovuta alla presenza di una scala di servizio interna) corrisponda alla sua condizione originaria; il pavimento di maioliche azzurre ornate dallo stemma dei Cattaneo è quello originale dell epoca. Sul soffitto, incorniciate da una complicata decorazione a grottesche, si trovano i riquadri raffiguranti Giunone Lucina, con la falce di luna sul capo, e Venere con Cupido. Alle pareti, i paesaggi campestri dipinti tentano di rendere arioso un ambiente altrimenti angusto. Bottega dei Calvi, Venere e Cupido. Bottega dei Calvi, Giunone. Anche se la fronte della dea è ornata da una mezza luna, non va confusa con Diana; infatti è presente il pavone, animale sacro alla madre degli dei.

11 Sala del Concilio di Enea:nel riquadro centrale, Enea sale all Olimpo al cospetto degli dei; Venere, madre dell eroe, lo indica come se lo volesse introdurre a Giove, che siede al centro della scena circondato da tutte le altre divinità. Accanto al padre degli dei si riconosce la sagoma del simbolo zodiacale del Leone, l unico a comparire in tutto l affresco e probabilmente segno del committente, in una voluta identificazione con l eroe troiano. Bottega dei Calvi, Concilio di Enea. Tra gli dei sono riconoscibili, oltre a Giove e Venere, Marte, in tenuta da combattimento, Bacco, in primo piano accanto a dei grappoli d uva, Saturno con la falce e Nettuno con la vita avvolta in un drappo azzurro. Concilio di Enea, particolare del Leone. Ai lati del riquadro principale sono rappresentate quattro fanciulle che simboleggiano i quattro continenti allora conosciuti secondo gli stereotipi dell epoca: gli sfondi su cui si stagliano raffigurano la flora e la fauna delle diverse parti del mondo rappresentate. Bottega dei Calvi, I Quattro Continenti; considerata la visione del mondo eurocentrica di allora, non stupisce vedere come l Europa sia raffigurata come l unica del tutto vestita (quindi civilizzata); le piume verdi che ornano il capo dell America sono forse del Quetzal, uccello sacro ai popoli precolombiani.

12 Un apertura a destra introduce alla cappella, composta da due ambienti: un atrio con volte a crociera affrescate e una sala sulla cui parete principale è raffigurata una Crocefissione su sfondo urbano. Sulla volta, circondato da putti reggenti i simboli della Passione, spicca la figura di Dio Padre con la colomba. Sulle pareti laterali della cappella si aprono due finestrelle, che permettevano agli ospiti di assistere alle funzioni religiose nonostante il poco spazio disponibile. Sala dell Aurora:su un carro trainato da due galli, annunciatori dell alba e simbolo della virtù della vigilanza, la figura di Aurora, coperta da un manto cangiante e con la testa cinta da una corona di rose, è in procinto di abbracciare un uomo di incerta identificazione. Ai lati della dea si stagliano a sinistra la stella del mattino, l ultima a lasciare il cielo notturno, e a destra una figura volante che sparge i petali rosati che coloreranno l alba. In basso a destra, la personificazione maschile di un vento assiste alla scena. Bottega dei Calvi, Il Carro di Aurora; incerta è l identità dell uomo che accoglie: potrebbe trattarsi di Cefalo, amato e rapito dalla dea, o di Mèmone, suo figlio. Ai lati, quattro riquadri raffiguranti le stagioni, circondano la scena centrale. Bottega dei Calvi, Inverno. Bottega dei Calvi, Primavera.

13 Sala di Apollo Sole:il soggetto raffigurato sul soffitto esemplifica l uso comune dell epoca di associare la decorazione pittorica all orientamento geografico della stanza che la ospita. Esposto a levante questo ambiente è ornato da un dipinto raffigurante Apollo sul suo carro, simbolo del Sole, causa generatrice del cosmo. Ai lati lo circondano, secondo l iconografia tradizionale, le divinità simbolo delle altre parti dell universo: Nettuno dio del mare, Plutone con Cerbero agli Inferi, Saturno, signore del mondo primigenio e Zeus, dio del cielo. Bottega dei Calvi, Apollo Sole circondato da altre quattro divinità Più tardo risulta essere l intervento pittorico di Andrea Ansaldo, risalente al terzo decennio del Seicento; egli affresca la sala di Amore e Psiche: rappresentando l episodio mitologico narrato da Apuleio: nel riquadro centrale, purtroppo compromesso, Psiche illumina il volto dell amato addormentato per poterlo finalmente vedere. Nei cartigli che circondano la scena principale sono rappresentate figure di dei e nelle lunette le peripezie vissute da Psiche prima di potersi ricongiungere con Amore. Andrea Ansaldo, Amore e Psiche. Andrea Ansaldo, una delle lunette raffiguranti le peripezie di Psiche.

14 Sala camino: Sul soffitto è stata trasferita una tela di autore ignoto raffigurante Apollo e le Muse sul Parnaso; il dipinto è databile tra la fine del XIX e l inizio del XX Secolo e proviene da Villa Scassi, altra residenza della famiglia Imperiale, che commissionò questa tela. Apollo e le Muse sul Parnaso (XIX XX Secolo), tela staccata proveniente da Villa Scassi (Sampierdarena). Nella parete di sinistra si può ammirare un camino in pietra nera risalente al XV secolo: tra le decorazioni a rilievo si possono notare i gigli di Francia, in memoria della già citata visita di Luigi XII. La parte interna del camino è rivestita da maioliche cinquecentesche bianche e blu che, come quelle che ornano i pavimenti del corridoio di Venere e Giunone, sono ornate dallo stemma dei Cattaneo. Particolare delle maioliche del camino, con lo stemma della famiglia Cattaneo, uno scudo a strisce sormontato da un aquila. Sala Genova: Ornata da affreschi più compromessi rispetto a quelli delle altre sale, la sala, che ospita parte dei volumi della raccolta locale, raccoglie parte del mobilio ottocentesco in noce che apparteneva all arredamento della dimora della famiglia Imperiale.

15 Il Parco della Villa La villa sorge in quello che secondo la leggenda è il territorio dell Albero d Oro, da cui prende il nome la via vicina. Si narra che l antico proprietario del territorio della villa, avendo perso al gioco tutti i suoi averi, fosse rimasto in possesso di un unico albero di alloro. Puntando al gioco quella sola pianta, riuscì a riguadagnare tutti i suoi averi e da quella fortunata mano nacque la leggenda dell Albero d Oro, che, inoltre è da ricollegare con l assonanza con alloro.il parco che circondava la Villa ai tempi della sua edificazione era probabilmente coltivato a vigne e frutteti, tipico delle residenze di villa anteriori al XVI Secolo, che coniugavano lo sfarzo di una residenza patrizia con l efficienza di un azienda agricola. Una sistemazione geometrica all italiana del giardino è documentata dal Gautiher in una planimetria del 1818 di incerta veridicità. Planimetria di Gauthier, 1818; non è chiaro se l autore abbia ricostruito una sistemazione simmetrica mai realizzata, o se abbia documentato la precedente sistemazione del parco, oggi scomparsa. Il ninfeo esterno, di epoca cinquecentesca, è collocato in una posizione asimmetrica rispetto alla Villa che oggi risulta ancora inspiegata. La posizione asimmetrica del ninfeo cinquecentesco.

16 Alla fine del XIX secolo risale la trasformazione paesistica del parco secondo il gusto inglese: l inserimento di piante ad alto fusto, sia locali che provenienti da terre lontane e la creazione di sentieri sinuosi in mezzo a boschetti e prati rasi, testimonia il cambiamento del gusto dell epoca rispetto agli spazi verdi. Le piante del parco: Il parco della Villa presenta una vastissima varietà di piante: qui di seguito sono riportate solamente le specie più curiose, collegate a leggende, poesie, rimedi medici degni di nota o veleni letali che è opportuno saper evitare. Questa cartina indica la collocazione delle piante più interessanti del parco; contrassegnate dal rosso sono le piante velenose. Fate attenzione!

17 Arancio (Citrus Sinensis) Famiglia:Rutacee Il nome di questa pianta potrebbe venire dal latino aurum, oro, in riferimento al colore giallo-dorato, o dall arabo narangi, ossia inclinazione dell elefante e indicava quindi il frutto preferito dagli elefanti, mentre il termine scientifico significa limone cinese. L'arancio è un albero che può arrivare fino a 12 metri, dalle foglie allungate e carnose e dai fiori candidi. I germogli sono sempre verdi, mai rossastri. Questa specie si chiama anche Arancia dolce per distinguerla dall Arancia amara (Citrus Aaurantium) ed è probabilmente un antico ibrido tra pompelmo e mandarino. I primi frutti dell arancio si possono raccogliere in novembre e gli ultimi a maggio giugno. Un albero adulto produce circa 500 frutti all'anno Originario della Cina e del sud-est asiatico, questo tipico frutto invernale sarebbe stato importato in Europa solo nel XIV secolo da marinai portoghesi. Tuttavia alcuni testi anticoromani ne parlano già nel I secolo; veniva coltivata in Sicilia e la chiamavano melarancia, il che potrebbe significare che il frutto avesse raggiunto l'europa via terra. L arancia è molto usata in cucina, sia come ingrediente che come aromatizzante; è noto il suo alto contenuto di vitamina C e il terpene d'arancia, un liquido incolore ottenuto dalla distillazione dell'essenza di arancia, è largamente usato come solvente naturale dall'industria delle vernici.

18 In letteratura: J. W. Goethe, Conosci la terra dove fioriscono i limoni? Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni, gli aranci dorati rilucono fra le foglie scure, una mite brezza spira dal cielo azzurro, il mirto immoto resta e alto si erge l alloro, La conosci tu, forse? Laggiù, laggiù Con te, amore mio, io vorrei andare P. Neruda, Ode all arancia A somiglianza tua, a tua immagine, arancia, si fece il mondo: rotondo il sole, circondato per spaccarsi di fuoco: la notte costellò con zagare la sua rotta e la sua nave. Così fu e così fummo, oh terra, scoprendoti, pianeta arancione. Siamo i raggi di una sola ruota divisicome lingotti d oro e raggiungiamo con treni e con fiumi l insolita unità dell arancia. S. Quasimodo, Ride la gazza nera sugli aranci Forse è un segno vero della vita: intorno a me fanciulli con leggeri moti del capo danzano in un gioco di cadenze e di voci lungo il prato della chiesa. Pietà della sera, ombre riaccese sopra l erba così verde, bellissime nel fuoco della luna! Memoria vi concede breve sonno: ora, destatevi. Ecco, scroscia il pozzo per la prima marea. Questa è l ora: non più mia, arsi, remoti simulacri. E tu vento del sud forte di zàgare, spingi la luna dove nudi dormono fanciulli, forza il puledro sui campi umidi d orme di cavalle, apri il mare, alza le nuvole dagli alberi: già l airone s avanza verso l acqua e fiuta lento il fango tra le spine, ride la gazza, nera sugli aranci.

19 Alloro (LaurusNobilis); Famiglia: Lauracee Il famoso mito racconta che Daphne (alloro, in greco antico) era una fanciulla amata da Apollo, che però non era ricambiato; infatti la ragazza si era consacrata alla dea Artemide e pur di sfuggire all inseguimento del dio, chiese ed ottenne dalla terra di trasformarsi in una pianta, appunto, l alloro che da allora è sacro ad Apollo e simboleggiava la vittoria e la sapienza; non a caso corone fatte di foglie di alloro cingevano le teste dei vincitori delle olimpiadi e quelle dei poeti più importanti, mentre ancora oggi spesso si usa per festeggiare i laureati. L alloro si presenta, poiché spesso sottoposto a potatura, in forma arbustiva di varie dimensioni ma è un vero e proprio albero alto fino a 10 m. È una pianta sempreverde, perenne. Il fusto è eretto, la corteccia verde nerastra. Le foglie, ovate, sono verde scuro, coriacee, lucide nella parte superiore e opache in quella inferiore e molto profumate. Questa pianta è originaria del Mediterraneo; cresce spontaneamente in Italia Centrale e Meridionale, mentre al Nord è coltivato. Si adatta bene a tutti i terreni e non ha bisogno di cure particolari. Oltre che in cucina, dove viene usato per insaporire molti piatti, l alloro può essere utilizzato anche negli armadi per allontanare le tarme e per preservare libri e pergamene. Per quanto riguarda le sue proprietà curative, le sue foglie si utilizzano per preparare decotti rinfrescanti e dalle qualità digestive o pediluvi, mentre dai semi pressati si ricava un olio essenziale. Con le foglie di alloro si prepara che un liquore tradizionale, utilizzato come digestivo.

20 In letteratura: Numerosissimi sono i testi letterari, poetici o meno, che citano l alloro; tra i più famosi possiamo citare il brano delle Metamorfosi di Ovidio che narra la fuga che vedrà Daphne trasformarsi in pianta; altri poeti più moderni, invece rinunciano al simbolismo legato a questa pianta per relegarla a semplice ingrediente da cucina. Ovidio, Metamorfosi, Libro I l'alloro non c'era ancora e Febo si cingeva le tempie, incorniciate da lunghi capelli, con fronde qualsiasi. Il primo amore di Febo fu Dafne, figlia di Peneo, e non fu dovuto al caso, ma all'ira implacabile di Cupido ( ) Ma lui [Apollo] che l'insegue, con le ali d'amore in aiuto, corre di più, non dà tregua e incombe alle spalle della fuggitiva, ansimandole sul collo fra i capelli al vento. Senza più forze, vinta dalla fatica di quella corsa allo spasimo, si rivolge alle correnti del Peneo e: «Aiutami, padre», dice. «Se voi fiumi avete qualche potere, dissolvi, mutandole, queste mie fattezze per cui troppo piacqui». Ancora prega, che un torpore profondo pervade le sue membra, il petto morbido si fascia di fibre sottili, i capelli si allungano in fronde, le braccia in rami; i piedi, così veloci un tempo, s'inchiodano in pigre radici, il volto svanisce in una chioma: solo il suo splendore conserva. Anche così Febo l'ama e, poggiata la mano sul tronco, sente ancora trepidare il petto sotto quella nuova corteccia e, stringendo fra le braccia i suoi rami come un corpo, ne bacia il legno, ma quello ai suoi baci ancora si sottrae. E allora il dio: «Se non puoi essere la sposa mia, sarai almeno la mia pianta. E di te sempre si orneranno, o alloro, i miei capelli, la mia cetra, la faretra; e il capo dei condottieri latini, quando una voce esultante intonerà il trionfo e il Campidoglio vedrà fluire i cortei. Fedelissimo custode della porta d'augusto, starai appeso ai suoi battenti per difendere la quercia in mezzo. E come il mio capo si mantiene giovane con la chioma intonsa, anche tu porterai il vanto perpetuo delle fronde!». Qui Febo tacque; e l'alloro annuì con i suoi rami appena spuntati e agitò la cima, quasi assentisse col capo

21 G. B. Marino, Dafne Il poeta seicentesco riprende il tema della fuga e della trasformazione di Dafne, già affrontato da Ovidio. Non disse più, però ch'alfin s'accorse esser cangiata in trionfal alloro colei, che 'n volto umano tanto gli piacque, e vide mezzo ancor tra bionda e verde l'oro del crespo crin moversi a l'aura, e sentì nel toccar l'amato legno sotto la viva e tenerella buccia tremar le vene e palpitar le fibre. Colà fermossi e con sospiri e pianti Tra le braccia le strinse, e mille e mille vani le porse, e 'ntempestivi baci. Indi de' sacri ed onorati fregi del novello arboscel cinta la fronte, coronatane ancor l'aurea cetra, de l'avorio fecondo in atto mesto sospeso il peso a l'omero chimato e col dolce arco della destra mosso tutte scorrendo le loquaci fila, cantò l'historia dolorosa e trista de' suoi lugubri e sventurati amori" G. D Annunzio, L alloro oceanico Oleandro d Apollo, ambiguo arbusto che d ambra aulisci nell ardente sera; melagrano, e il tuo rosso balausto quasi fiammella in calice di cera; nautico pino, e il tuo scoglioso fusto e i coni entro la chioma tua leggera; olivo intorto da dolor vetusto, e l oliva tua dolce che s annera; ginepro irsuto, mirto caloroso, lentisco, terebinto, caprifoglio, cento corone dell Estate ausonia; ma te, sargasso, re del Marerboso, vasto alloro del gorgo, anche te voglio, che bacche fai come la fronda aonia. E. Montale, Proteggetemi Avendo già manifestato la propria avversione per i poeti laureati e le piante dai nomi aulici e altisonanti, il poeta declassa l alloro riducendolo a mera spezia da cucina, nemmeno adatta a condire l arrosto. Proteggetemi custodi miei silenziosi perché il sole si raffredda e l ultima foglia di alloro era polverosa e non servì nemmeno per la casseruola dell arrosto.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA Tre Olmi MONUMENTALE

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Veglia di Pasqua 2014

Veglia di Pasqua 2014 Daniela Canardi Veglia di Pasqua 2014 «Vi ho sollevato su ali di aquile e vi ho fatto venire fino a me» (Es 19,4) In una sola notte le letture della Veglia ripercorrono tutta la storia della Salvezza.

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Erice Anno Scolastico 2013/2014 Ideato e diretto dalle insegnanti: Miceli Giovanna Mancuso Benedetta Tortorici Francesca Martino Giuseppa Daidone Carmela Perticone Maria

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Speciale Scale & Serramenti. In Puglia con le allodole. Ibiza in musica. Fascino newyorkese PRINCIPEMEDIA. idee e consigli per la tua casa

Speciale Scale & Serramenti. In Puglia con le allodole. Ibiza in musica. Fascino newyorkese PRINCIPEMEDIA. idee e consigli per la tua casa MENSILE N.140 LUGLIO 2011 3,90 dentrocasa - mensile N. 140 LUGLIO 2011 - IDEE E CONSIGLI PER LA TUA casa - EURO 3,90 Austria-Germania 9,50 Belgio-Lussemburgo-Francia-Principato di Monaco 7,50 SPAGNA 7,20

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

la cantina Il vino, per la nostra famiglia, è una storia presente che rimanda al passato. Il nonno coltivava la vigna e così il nonno del nonno. Oggi, nel solco della tradizione, noi portiamo avanti la

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11)

La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11) Daniela Canardi Domenica delle Palme La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11) «Non ho sottratto la faccia agli insulti

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

A cura di: Arche Scaligere

A cura di: Arche Scaligere A cura di: Arche Scaligere INTRODUZIONE STORICO-ARTISTICA Le Arche scaligere, situate nel centro storico di Verona, sono un monumentale complesso funerario in stile gotico della famiglia degli Scaligeri,

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA

ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA Rossetti, Christina Georgina (Londra 1830-1894) poetessa inglese, di genitori italiani: Gabriele Rossetti noto carbonaro abruzzese e Francesca Polidori amica di Lord Byron e

Dettagli

Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione

Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione per lo più mitologica, e da un magnifico giardino ricco

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini Agrumi di Sicilia Rarità, specialità, riscoperte Storia e origini Si presume che la famiglia degli agrumi sia originaria dell Asia orientale e che i primi agrumi commestibili siano stati raccolti alle

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

Percorsi di botanica, storia, geografia, ecologia e scienze nel territorio arcense

Percorsi di botanica, storia, geografia, ecologia e scienze nel territorio arcense Percorsi di botanica, storia, geografia, ecologia e scienze nel territorio arcense a cura del MUSE - Museo delle Scienze di Trento MUSE - Museo delle Scienze www.muse.it/it/impara Consulta il sito per

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

L ERBOLARIO. Fiori scuri

L ERBOLARIO. Fiori scuri L ERBOLARIO Fiori scuri FIORICHIARI. FIORISCURI. FIORI PER LA PELLE. I profumi, le fragranze, rappresentano per tutti noi un intero universo di sensazioni. È facile infatti che ci capiti di associare e

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

IL VOSTRO MEETING A GENOVA

IL VOSTRO MEETING A GENOVA IL VOSTRO MEETING A GENOVA In occasione del 55esimo Salone Nautico grazie a un accordo effettuato con ICE, Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane e grazie

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera.

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera. Cristina Sedioli V. Marconi, 15 Montiano (FC) Tel: 0547-314074; 347-7354539 E-mail: cristina.sedioli@alice.it Al Sindaco Fabio Molari Resoconto del progetto Che avventura la lettura Percorsi narrativi

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli