Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari"

Transcript

1 Genova Insolita Genova Insolita è un iniziativa organizzata dalle volontarie del Servizio Civile Nazionale per il progetto Arte, Natura e Scienza del Comune di Genova e coinvolge le biblioteche e i musei presso cui le ragazze hanno prestato servizio durante l anno 2014/2015. L idea è nata con l obiettivo di suggerire ai cittadini nove itinerari alla scoperta di mete inesplorate del territorio genovese, per valorizzare e promuovere il valore artistico, naturalistico e scientifico celato intorno ad ogni sede di progetto, punto di partenza di ciascun percorso. Armatevi quindi di scarpe comode e preparatevi a partire! Il percorso della volontaria della biblioteca Lercari Ciao! Sono Elisa. Nelle pagine seguenti troverete diversi approfondimenti da utilizzare separatamente oppure in un unico percorso: - Arte: - Villa Cattaneo-Imperiale di Terralba - Villa Centurione Musso Piantelli - Villa Borsotto Ayroli Franzone - Natura: - Il parco di Villa Imperiale Buona visita!

2 Genova Insolita Biblioteca Lercari Bassa Val Bisagno (Municipio III) San Fruttuoso Lo sapevi? Lo stemma della Bassa Val Bisagno è uno scudo sormontato dalla croce simbolo del Comune di Genova e comprende idealmente il territorio municipale nella varietà dei suoi quartieri (Marassi, Quezzi e San Fruttuoso); essi sono rappresentati dai tre ponti che rimandano alla parte civile relativa agli scambi economici e commerciali che da sempre hanno caratterizzato questa zona. L anima religiosa è richiamata dall'immagine stilizzata del Santuario di Nostra Signora del Monte. San Fruttuoso: stesso santo, due luoghi diversi, un unica reliquia: Nessun genovese confonderebbe mai San Fruttuoso di Capodimonte (Camogli) con San Fruttuoso di Genova; eppure non tutti conoscono il perché di questa omonimia, né come mai il quartiere genovese, pur non vantando alcuna reliquia del Santo omonimo, ne abbia preso il nome. Il motivo è da ricondursi alle leggendarie peripezie delle reliquie dei santi martiri Augurio, Eulogio e Fruttuoso: pare che durante il famoso viaggio che da Tarragona le condusse alla loro destinazione finale, San Prospero e i giovani che lo accompagnavano, si fossero fermati proprio in questa zona, che prese dunque il nome dalle spoglie del Santo che, seppure per un breve periodo, aveva ospitato. Il reliquiario di San Fruttuoso è tutt ora conservato nell omonima chiesa di Genova, riedificata nel XX Secolo.

3 È difficile da immaginare, ma fino a pochi secoli fa San Fruttuoso e Marassi costituivano una delle zone verdi della città ed erano considerate mete campagnole di villeggiatura. Proprio per questo motivo molti nobili genovesi elessero questi quartieri per edificare le loro residenze di campagna, le ville. Avulse dal contesto cittadino, queste maestose dimore coniugavano di sovente l eleganza e la ricchezza delle abitazioni patrizie, spesso decorate da affreschi volti a celebrare le famiglie dei committenti, con l organizzazione di una vera e propria azienda agricola. Non era infatti insolito che le zone verdi che circondavano la villa fossero coltivate da braccianti al servizio dei ricchi proprietari terrieri che abitavano la zona. Particolare del quadro di Luigi Garibbo con il panorama di San Fruttuoso (1822) Molte delle ville costruite in passato, sono oggi in stato di degrado ed abbandono e le loro bellezze artistiche perdute. Altre, pur essendo ancora in buone seppur talvolta non originarie- condizioni, sono state inglobate dal contesto urbano: oggi, quelle splendide dimore sono nascoste da edifici più moderni e per questo motivo risultano spesso sconosciute anche agli stessi genovesi. È interessante notare come spesso le architetture delle ville di San Fruttuoso e Marassi sembrino seguire gli stessi canoni riconducibili ad un filone detto pre-alessiano, ossia quello stile diffuso a Genova prima dell arrivo del famoso architetto perugino Galeazzo Alessi e che permase in alcuni esempi anche in seguito alle innovazioni da lui proposte. Le caratteristiche peculiari dello stile pre-alessiano saranno riscontrabili e tra loro collegabili visitando le ville proposte da questi tre itinerari, ricche dimore costruite in tempi diversi da architetti differenti, ma che risultano nello stile indissolubilmente collegate. Nonostante le ristrutturazioni effettuate nel corso dei secoli, infatti, sono ancora riscontrabili alcune delle caratteristiche che le accomunano: la presenza di logge angolari, una pianta rettangolare anziché quadrata e la concezione dell edificio come un contenitore aperto sul territorio.

4 ARTE e NATURA Villa Imperiale-Cattaneo e il suo parco Edificata alle pendici del colle del Santuario della Madonna del Monte e attuale Sede della Biblioteca Civica G. L. Lercari, la Villa fu commissionata alla fine del XV secolo da Lorenzo Cattaneo, ricco mercante genovese imparentato con la nobiltà fiorentina e cugino di Simonetta Cattaneo Vespucci, famosa modella di artisti rinascimentali tra cui Sandro Botticelli e amata da Giuliano de Medici. Nel 1502, poco dopo la sua edificazione, la Villa ospitò Luigi XII di Francia: i gigli scolpiti nei rilievi del portico (pur difficilmente visibili ad occhio nudo) e del caminetto, testimoniano ancora oggi l omaggio reso all illustre visitatore. I gigli di Francia nel rilievo del camino

5 Nel XVIII Secolo la Villa fu acquistata dai Salvago e un secolo dopo passò alla famiglia Imperiale grazie al matrimonio tra Gian Giacomo Imperiale e Livia Salvago. L edificio, comprato dal Comune di Genova nel 1926, è tutt ora ricordato con il nome dei suoi ultimi proprietari. Per quanto riguarda l architettura della Villa, la critica è ancora in dubbio sull effettiva compatibilità tra la struttura originale e quella attuale; è ignoto il nome dell autore del progetto, comunque ricollegabile al modello della villa pre-alessiana di pianta rettangolare dotata di due logge laterali, di cui Villa Imperiale è considerata il prototipo. Risale all epoca dell edificazione il volume longitudinale a due piani con tre assi di finestre centrali e due logge angolari a tre fornici su ciascun lato. La facciata della Villa: si può notare con un unico colpo d occhio l asimmetria della posizione dello scalone e la presenza delle due logge angolari. Le logge, appartenenti sicuramente alla struttura originale, sono sorrette da colonne cerchiate alte e sottili, poggiate su balaustre,con capitelli di elegante e variata decorazione. A differenza delle dimore alessiane, l ingresso rialzato di Villa Imperiale è asimmetrico, situato sul lato sinistro, ed introdotto da un portico angolare ricoperto da due mezze volte ad ombrello; un altro ingresso a livello terreno è incorniciato da un portale in pietra nera scolpito con rilievi raffiguranti San Giorgio tra due angeli. Tutti i particolari architettonici e decorativi (i profili acuti delle vele della volta, i peducci figurati, la piccola bifora) riconducono al gotico fiorito, quindi si è ipotizzato che questo portico appartenesse ad una fase di edificazione più antica di quella documentata. Particolare del portale in pietra nera con San Giorgio tra due angeli.

6 La pianta attuale presenta una forma a ferro di cavallo o a U, piuttosto rara a Genova,dovuta agli interventi effettuati a metà del Cinquecento dal Bergamasco (G. B. Castello, 1500 ca. 1569); l attuale distribuzione degli spazi interni della Villa è frutto di questa ristrutturazione che prolungò i fianchi della costruzione sul retro e aprì la loggia posteriore (loggia delle Virtù), che attualmente dà sul ninfeo ; allo stesso periodo risale probabilmente la chiusura della loggia del salone principale (che oggi è quindi un ambiente chiuso, compreso tra le due logge laterali) e il rivestimento della superficie interna ed esterna con elementi architettonici: nelle sale si possono ancora ammirare le cornici e i timpani spezzati o a volute che arricchiscono le finestre e le porte, i fregi e i busti di ispirazione romana, mentre poco è rimasto della decorazione esterna risalente a questo periodo e ornata a motivi architettonici, con putti ed anfore raffigurati nelle nicchie e nei riquadri. L attuale pianta a ferro di cavallo è risultato degli interventi di ristrutturazione risalenti alla metà del XVI Secolo; mentre le decorazioni esterne sono attribuibili con certezza al Bergamasco, l attribuzione della ristrutturazione architettonica non è accertata; tuttavia è probabile che anch essa sia dello stesso architetto lombardo.

7 La decorazione ad affresco, che orna tutto il piano nobile, fu affidata in periodi diversi ad alcune personalità illustri del panorama artistico genovese. Sala Cambiaso:l opera di maggior pregio è il grande affresco che orna la volta del salone principale, raffigurante il Ratto delle Sabine di Luca Cambiaso (1565 circa). Il famoso episodio romano è raffigurato con grande drammaticità e forza espressiva. L azione è al suo apice: Romolo, sulla sinistra, con il braccio ancora alzato nel gesto convenuto per dare inizio al rapimento, assiste alla lotta sotto un baldacchino. Lo stile tragico è sottolineato dai corpi dei Romani e delle Sabine che lottano avvinghiati, dall uso di colori violenti e dal gioco di luci ed ombre. Sullo sfondo, edifici classicheggianti incorniciano la scena. Luca Cambiaso, Il Ratto delle Sabine, affresco, 1565 circa Il Ratto delle Sabine, particolare: pur avendo scelto la tecnica dell affresco, il pittore scelse di dipingere alcuni dettagli, come le perle e i gioielli delle fanciulle, a secco; per questo motivo sono visibili anche da lontano e spiccano nella scena dipinta.

8 I riquadri laterali che circondano l affresco centrale raffigurano episodi posteriori al Ratto e sono tratti dall opera storiografica di Tito Livio; si noti come le decorazioni che incorniciano le varie scene si limitino a simulare pittoricamente stucchi e rilievi, con grande virtuosismo capace di creare un illusione di spazi e profondità. La prima scena laterale (lato lungo sinistro) raffigura la vicenda di Tarpea, fanciulla romana che, innamoratasi del re dei Sabini, aveva aperto al suo popolo le porte dell Urbe. I Sabini stessi si liberarono della ragazza, da cui prende il nome la rupe dalla quale i Romani gettavano i traditori politici. Proseguendo in senso orario, si assiste alla Pacificazione tra i due popoli favorita dalle donne Sabine guidate da Ersilia e alla conseguente Alleanza tra Romolo e Tito Tazio, re dei Sabini. Seguono l Ascesa di Romolo all Olimpo, l Incoronazione di Numa Pompilio e il colloquio di quest ultimo con la ninfa Egeria. Finte sculture di stucco, tra cui la Lupa Capitolina, completano la decorazione della sala e si alternano alle scene di storia romana. Negli angoli, le allegorie delle Scienze e delle Arti, coronano l opera. Luca Cambiaso, L Ascesa di Romolo all Olimpo e L Incoronazione di Numa Pompilio nei riquadri rettangolari; li separano, nell angolo, due raffigurazioni femminili delle scienze e delle arti. La volta è stata oggetto di un restauro avvenuto in seguito al crollo dell affresco nel 1994; nonostante l accurato lavoro di recupero e di ricomposizione, è stato necessario reintegrare alcune parti della superficie pittorica ormai irrecuperabile, ove i restauratori sono intervenuti con la tecnica del rigatino.

9 Risalenti alla stessa epoca della Sala Cambiaso o di poco posteriori sono gli affreschi che ornano la maggior parte delle altre sale del piano nobile, a cui lavorò la bottega dei fratelli Calvi. Artisti di modesto valore, ma molto apprezzati all epoca per la rapidità con cui eseguivano gli incarichi a loro affidati, rinunciano in questo caso alla tecnica dell affresco in favore di una pittura a secco per raffigurare diversi temi mitologici. Loggia delle Virtù: la virtù principale esaltata dalle pitture di questo spazio semi aperto è la Castità, rappresentata dalla storia della vestale Tuccia, che orna il riquadro centrale del soffitto. La fanciulla, accusata ingiustamente di essere venuta meno al suo voto, dimostra la propria innocenza riuscendo a trasportare in un setaccio l acqua del Tevere tra lo stupore generale dei suoi calunniatori. Nei quattro ovali che incorniciano la scena sono raffigurate altrettante figure femminili allegoriche di virtù:la Castità, in abito bianco, la Sapienza, recante in mano la torcia simbolica del lume dell intelletto, la Gloria, figura alata che regge tra le mani la piramide e il ramo d ulivo e la Temperanza che stringe un freno, simbolo di moderazione. Una decorazione a grottesche, arricchita da tritoni e nereidi, completa la decorazione del soffitto; alle pareti, com era uso all epoca, sono raffigurati paesaggi rurali al fine di favorire un illusoria corrispondenza tra esterno e interno e una totale immersione nella natura, resa in questo caso più efficace dall apertura della loggia. Bottega dei Calvi, La vestale Tuccia (nel riquadro) e Quattro Virtù (negli ovali); si notino le decorazioni a grottesche (con festoni ed esseri mostruosi) che circondano l opera; queste erano già tipiche all epoca dei Romani e furono riscoperte proprio nel rinascimento nelle rovine della Domus Aurea, che per le sue disastrose condizioni era stata inizialmente scambiata per una grotta; da qui il termine grottesche.

10 Il ninfeo che si affaccia su questo spazio risale al 1909 e la sua sistemazione va fatta risalire all ultimo proprietario della Villa, Cesare Imperiale; il modello seguito è quello del ninfeo presente a Villa Imperiale Scassi (Sampierdarena) risalente al Cinquecento: due nicchie laterali minori che ospitano due statue femminili, affiancano una nicchia centrale maggiore (allusiva ad una grotta) ornata da una scultura maschile; le nicchie sono inframmezzate da quattro erme maschili. Il ninfeo novecentesco di Villa Cattaneo Imperiale (Terralba) Il ninfeo cinquecentesco di Villa Imperiale Scassi (Sampierdarena). Corridoio di Venere e Giunone: non si sa se la forma a elle di questa piccola stanza (dovuta alla presenza di una scala di servizio interna) corrisponda alla sua condizione originaria; il pavimento di maioliche azzurre ornate dallo stemma dei Cattaneo è quello originale dell epoca. Sul soffitto, incorniciate da una complicata decorazione a grottesche, si trovano i riquadri raffiguranti Giunone Lucina, con la falce di luna sul capo, e Venere con Cupido. Alle pareti, i paesaggi campestri dipinti tentano di rendere arioso un ambiente altrimenti angusto. Bottega dei Calvi, Venere e Cupido. Bottega dei Calvi, Giunone. Anche se la fronte della dea è ornata da una mezza luna, non va confusa con Diana; infatti è presente il pavone, animale sacro alla madre degli dei.

11 Sala del Concilio di Enea:nel riquadro centrale, Enea sale all Olimpo al cospetto degli dei; Venere, madre dell eroe, lo indica come se lo volesse introdurre a Giove, che siede al centro della scena circondato da tutte le altre divinità. Accanto al padre degli dei si riconosce la sagoma del simbolo zodiacale del Leone, l unico a comparire in tutto l affresco e probabilmente segno del committente, in una voluta identificazione con l eroe troiano. Bottega dei Calvi, Concilio di Enea. Tra gli dei sono riconoscibili, oltre a Giove e Venere, Marte, in tenuta da combattimento, Bacco, in primo piano accanto a dei grappoli d uva, Saturno con la falce e Nettuno con la vita avvolta in un drappo azzurro. Concilio di Enea, particolare del Leone. Ai lati del riquadro principale sono rappresentate quattro fanciulle che simboleggiano i quattro continenti allora conosciuti secondo gli stereotipi dell epoca: gli sfondi su cui si stagliano raffigurano la flora e la fauna delle diverse parti del mondo rappresentate. Bottega dei Calvi, I Quattro Continenti; considerata la visione del mondo eurocentrica di allora, non stupisce vedere come l Europa sia raffigurata come l unica del tutto vestita (quindi civilizzata); le piume verdi che ornano il capo dell America sono forse del Quetzal, uccello sacro ai popoli precolombiani.

12 Un apertura a destra introduce alla cappella, composta da due ambienti: un atrio con volte a crociera affrescate e una sala sulla cui parete principale è raffigurata una Crocefissione su sfondo urbano. Sulla volta, circondato da putti reggenti i simboli della Passione, spicca la figura di Dio Padre con la colomba. Sulle pareti laterali della cappella si aprono due finestrelle, che permettevano agli ospiti di assistere alle funzioni religiose nonostante il poco spazio disponibile. Sala dell Aurora:su un carro trainato da due galli, annunciatori dell alba e simbolo della virtù della vigilanza, la figura di Aurora, coperta da un manto cangiante e con la testa cinta da una corona di rose, è in procinto di abbracciare un uomo di incerta identificazione. Ai lati della dea si stagliano a sinistra la stella del mattino, l ultima a lasciare il cielo notturno, e a destra una figura volante che sparge i petali rosati che coloreranno l alba. In basso a destra, la personificazione maschile di un vento assiste alla scena. Bottega dei Calvi, Il Carro di Aurora; incerta è l identità dell uomo che accoglie: potrebbe trattarsi di Cefalo, amato e rapito dalla dea, o di Mèmone, suo figlio. Ai lati, quattro riquadri raffiguranti le stagioni, circondano la scena centrale. Bottega dei Calvi, Inverno. Bottega dei Calvi, Primavera.

13 Sala di Apollo Sole:il soggetto raffigurato sul soffitto esemplifica l uso comune dell epoca di associare la decorazione pittorica all orientamento geografico della stanza che la ospita. Esposto a levante questo ambiente è ornato da un dipinto raffigurante Apollo sul suo carro, simbolo del Sole, causa generatrice del cosmo. Ai lati lo circondano, secondo l iconografia tradizionale, le divinità simbolo delle altre parti dell universo: Nettuno dio del mare, Plutone con Cerbero agli Inferi, Saturno, signore del mondo primigenio e Zeus, dio del cielo. Bottega dei Calvi, Apollo Sole circondato da altre quattro divinità Più tardo risulta essere l intervento pittorico di Andrea Ansaldo, risalente al terzo decennio del Seicento; egli affresca la sala di Amore e Psiche: rappresentando l episodio mitologico narrato da Apuleio: nel riquadro centrale, purtroppo compromesso, Psiche illumina il volto dell amato addormentato per poterlo finalmente vedere. Nei cartigli che circondano la scena principale sono rappresentate figure di dei e nelle lunette le peripezie vissute da Psiche prima di potersi ricongiungere con Amore. Andrea Ansaldo, Amore e Psiche. Andrea Ansaldo, una delle lunette raffiguranti le peripezie di Psiche.

14 Sala camino: Sul soffitto è stata trasferita una tela di autore ignoto raffigurante Apollo e le Muse sul Parnaso; il dipinto è databile tra la fine del XIX e l inizio del XX Secolo e proviene da Villa Scassi, altra residenza della famiglia Imperiale, che commissionò questa tela. Apollo e le Muse sul Parnaso (XIX XX Secolo), tela staccata proveniente da Villa Scassi (Sampierdarena). Nella parete di sinistra si può ammirare un camino in pietra nera risalente al XV secolo: tra le decorazioni a rilievo si possono notare i gigli di Francia, in memoria della già citata visita di Luigi XII. La parte interna del camino è rivestita da maioliche cinquecentesche bianche e blu che, come quelle che ornano i pavimenti del corridoio di Venere e Giunone, sono ornate dallo stemma dei Cattaneo. Particolare delle maioliche del camino, con lo stemma della famiglia Cattaneo, uno scudo a strisce sormontato da un aquila. Sala Genova: Ornata da affreschi più compromessi rispetto a quelli delle altre sale, la sala, che ospita parte dei volumi della raccolta locale, raccoglie parte del mobilio ottocentesco in noce che apparteneva all arredamento della dimora della famiglia Imperiale.

15 Il Parco della Villa La villa sorge in quello che secondo la leggenda è il territorio dell Albero d Oro, da cui prende il nome la via vicina. Si narra che l antico proprietario del territorio della villa, avendo perso al gioco tutti i suoi averi, fosse rimasto in possesso di un unico albero di alloro. Puntando al gioco quella sola pianta, riuscì a riguadagnare tutti i suoi averi e da quella fortunata mano nacque la leggenda dell Albero d Oro, che, inoltre è da ricollegare con l assonanza con alloro.il parco che circondava la Villa ai tempi della sua edificazione era probabilmente coltivato a vigne e frutteti, tipico delle residenze di villa anteriori al XVI Secolo, che coniugavano lo sfarzo di una residenza patrizia con l efficienza di un azienda agricola. Una sistemazione geometrica all italiana del giardino è documentata dal Gautiher in una planimetria del 1818 di incerta veridicità. Planimetria di Gauthier, 1818; non è chiaro se l autore abbia ricostruito una sistemazione simmetrica mai realizzata, o se abbia documentato la precedente sistemazione del parco, oggi scomparsa. Il ninfeo esterno, di epoca cinquecentesca, è collocato in una posizione asimmetrica rispetto alla Villa che oggi risulta ancora inspiegata. La posizione asimmetrica del ninfeo cinquecentesco.

16 Alla fine del XIX secolo risale la trasformazione paesistica del parco secondo il gusto inglese: l inserimento di piante ad alto fusto, sia locali che provenienti da terre lontane e la creazione di sentieri sinuosi in mezzo a boschetti e prati rasi, testimonia il cambiamento del gusto dell epoca rispetto agli spazi verdi. Le piante del parco: Il parco della Villa presenta una vastissima varietà di piante: qui di seguito sono riportate solamente le specie più curiose, collegate a leggende, poesie, rimedi medici degni di nota o veleni letali che è opportuno saper evitare. Questa cartina indica la collocazione delle piante più interessanti del parco; contrassegnate dal rosso sono le piante velenose. Fate attenzione!

17 Arancio (Citrus Sinensis) Famiglia:Rutacee Il nome di questa pianta potrebbe venire dal latino aurum, oro, in riferimento al colore giallo-dorato, o dall arabo narangi, ossia inclinazione dell elefante e indicava quindi il frutto preferito dagli elefanti, mentre il termine scientifico significa limone cinese. L'arancio è un albero che può arrivare fino a 12 metri, dalle foglie allungate e carnose e dai fiori candidi. I germogli sono sempre verdi, mai rossastri. Questa specie si chiama anche Arancia dolce per distinguerla dall Arancia amara (Citrus Aaurantium) ed è probabilmente un antico ibrido tra pompelmo e mandarino. I primi frutti dell arancio si possono raccogliere in novembre e gli ultimi a maggio giugno. Un albero adulto produce circa 500 frutti all'anno Originario della Cina e del sud-est asiatico, questo tipico frutto invernale sarebbe stato importato in Europa solo nel XIV secolo da marinai portoghesi. Tuttavia alcuni testi anticoromani ne parlano già nel I secolo; veniva coltivata in Sicilia e la chiamavano melarancia, il che potrebbe significare che il frutto avesse raggiunto l'europa via terra. L arancia è molto usata in cucina, sia come ingrediente che come aromatizzante; è noto il suo alto contenuto di vitamina C e il terpene d'arancia, un liquido incolore ottenuto dalla distillazione dell'essenza di arancia, è largamente usato come solvente naturale dall'industria delle vernici.

18 In letteratura: J. W. Goethe, Conosci la terra dove fioriscono i limoni? Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni, gli aranci dorati rilucono fra le foglie scure, una mite brezza spira dal cielo azzurro, il mirto immoto resta e alto si erge l alloro, La conosci tu, forse? Laggiù, laggiù Con te, amore mio, io vorrei andare P. Neruda, Ode all arancia A somiglianza tua, a tua immagine, arancia, si fece il mondo: rotondo il sole, circondato per spaccarsi di fuoco: la notte costellò con zagare la sua rotta e la sua nave. Così fu e così fummo, oh terra, scoprendoti, pianeta arancione. Siamo i raggi di una sola ruota divisicome lingotti d oro e raggiungiamo con treni e con fiumi l insolita unità dell arancia. S. Quasimodo, Ride la gazza nera sugli aranci Forse è un segno vero della vita: intorno a me fanciulli con leggeri moti del capo danzano in un gioco di cadenze e di voci lungo il prato della chiesa. Pietà della sera, ombre riaccese sopra l erba così verde, bellissime nel fuoco della luna! Memoria vi concede breve sonno: ora, destatevi. Ecco, scroscia il pozzo per la prima marea. Questa è l ora: non più mia, arsi, remoti simulacri. E tu vento del sud forte di zàgare, spingi la luna dove nudi dormono fanciulli, forza il puledro sui campi umidi d orme di cavalle, apri il mare, alza le nuvole dagli alberi: già l airone s avanza verso l acqua e fiuta lento il fango tra le spine, ride la gazza, nera sugli aranci.

19 Alloro (LaurusNobilis); Famiglia: Lauracee Il famoso mito racconta che Daphne (alloro, in greco antico) era una fanciulla amata da Apollo, che però non era ricambiato; infatti la ragazza si era consacrata alla dea Artemide e pur di sfuggire all inseguimento del dio, chiese ed ottenne dalla terra di trasformarsi in una pianta, appunto, l alloro che da allora è sacro ad Apollo e simboleggiava la vittoria e la sapienza; non a caso corone fatte di foglie di alloro cingevano le teste dei vincitori delle olimpiadi e quelle dei poeti più importanti, mentre ancora oggi spesso si usa per festeggiare i laureati. L alloro si presenta, poiché spesso sottoposto a potatura, in forma arbustiva di varie dimensioni ma è un vero e proprio albero alto fino a 10 m. È una pianta sempreverde, perenne. Il fusto è eretto, la corteccia verde nerastra. Le foglie, ovate, sono verde scuro, coriacee, lucide nella parte superiore e opache in quella inferiore e molto profumate. Questa pianta è originaria del Mediterraneo; cresce spontaneamente in Italia Centrale e Meridionale, mentre al Nord è coltivato. Si adatta bene a tutti i terreni e non ha bisogno di cure particolari. Oltre che in cucina, dove viene usato per insaporire molti piatti, l alloro può essere utilizzato anche negli armadi per allontanare le tarme e per preservare libri e pergamene. Per quanto riguarda le sue proprietà curative, le sue foglie si utilizzano per preparare decotti rinfrescanti e dalle qualità digestive o pediluvi, mentre dai semi pressati si ricava un olio essenziale. Con le foglie di alloro si prepara che un liquore tradizionale, utilizzato come digestivo.

20 In letteratura: Numerosissimi sono i testi letterari, poetici o meno, che citano l alloro; tra i più famosi possiamo citare il brano delle Metamorfosi di Ovidio che narra la fuga che vedrà Daphne trasformarsi in pianta; altri poeti più moderni, invece rinunciano al simbolismo legato a questa pianta per relegarla a semplice ingrediente da cucina. Ovidio, Metamorfosi, Libro I l'alloro non c'era ancora e Febo si cingeva le tempie, incorniciate da lunghi capelli, con fronde qualsiasi. Il primo amore di Febo fu Dafne, figlia di Peneo, e non fu dovuto al caso, ma all'ira implacabile di Cupido ( ) Ma lui [Apollo] che l'insegue, con le ali d'amore in aiuto, corre di più, non dà tregua e incombe alle spalle della fuggitiva, ansimandole sul collo fra i capelli al vento. Senza più forze, vinta dalla fatica di quella corsa allo spasimo, si rivolge alle correnti del Peneo e: «Aiutami, padre», dice. «Se voi fiumi avete qualche potere, dissolvi, mutandole, queste mie fattezze per cui troppo piacqui». Ancora prega, che un torpore profondo pervade le sue membra, il petto morbido si fascia di fibre sottili, i capelli si allungano in fronde, le braccia in rami; i piedi, così veloci un tempo, s'inchiodano in pigre radici, il volto svanisce in una chioma: solo il suo splendore conserva. Anche così Febo l'ama e, poggiata la mano sul tronco, sente ancora trepidare il petto sotto quella nuova corteccia e, stringendo fra le braccia i suoi rami come un corpo, ne bacia il legno, ma quello ai suoi baci ancora si sottrae. E allora il dio: «Se non puoi essere la sposa mia, sarai almeno la mia pianta. E di te sempre si orneranno, o alloro, i miei capelli, la mia cetra, la faretra; e il capo dei condottieri latini, quando una voce esultante intonerà il trionfo e il Campidoglio vedrà fluire i cortei. Fedelissimo custode della porta d'augusto, starai appeso ai suoi battenti per difendere la quercia in mezzo. E come il mio capo si mantiene giovane con la chioma intonsa, anche tu porterai il vanto perpetuo delle fronde!». Qui Febo tacque; e l'alloro annuì con i suoi rami appena spuntati e agitò la cima, quasi assentisse col capo

21 G. B. Marino, Dafne Il poeta seicentesco riprende il tema della fuga e della trasformazione di Dafne, già affrontato da Ovidio. Non disse più, però ch'alfin s'accorse esser cangiata in trionfal alloro colei, che 'n volto umano tanto gli piacque, e vide mezzo ancor tra bionda e verde l'oro del crespo crin moversi a l'aura, e sentì nel toccar l'amato legno sotto la viva e tenerella buccia tremar le vene e palpitar le fibre. Colà fermossi e con sospiri e pianti Tra le braccia le strinse, e mille e mille vani le porse, e 'ntempestivi baci. Indi de' sacri ed onorati fregi del novello arboscel cinta la fronte, coronatane ancor l'aurea cetra, de l'avorio fecondo in atto mesto sospeso il peso a l'omero chimato e col dolce arco della destra mosso tutte scorrendo le loquaci fila, cantò l'historia dolorosa e trista de' suoi lugubri e sventurati amori" G. D Annunzio, L alloro oceanico Oleandro d Apollo, ambiguo arbusto che d ambra aulisci nell ardente sera; melagrano, e il tuo rosso balausto quasi fiammella in calice di cera; nautico pino, e il tuo scoglioso fusto e i coni entro la chioma tua leggera; olivo intorto da dolor vetusto, e l oliva tua dolce che s annera; ginepro irsuto, mirto caloroso, lentisco, terebinto, caprifoglio, cento corone dell Estate ausonia; ma te, sargasso, re del Marerboso, vasto alloro del gorgo, anche te voglio, che bacche fai come la fronda aonia. E. Montale, Proteggetemi Avendo già manifestato la propria avversione per i poeti laureati e le piante dai nomi aulici e altisonanti, il poeta declassa l alloro riducendolo a mera spezia da cucina, nemmeno adatta a condire l arrosto. Proteggetemi custodi miei silenziosi perché il sole si raffredda e l ultima foglia di alloro era polverosa e non servì nemmeno per la casseruola dell arrosto.

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance L arancio La leggenda L albero Il frutto Gli agrumi La spremuta Le decorazioni Verifiche Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance Bevi un goccio

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli