Testi: Pier Zelasco, Banca dati Opere IGDA Revisione: Guido Turtur. Copertina: Marco Santini ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testi: Pier Zelasco, Banca dati Opere IGDA Revisione: Guido Turtur. Copertina: Marco Santini ISBN 978-88-418-6941-3"

Transcript

1

2

3 SETTORE DIZIONARI E OPERE DI BASE Responsabile editoriale: Valeria Camaschella Coordinamento redazionale: Davide Bernardini Coordinamento grafico: Marco Santini Testi: Pier Zelasco, Banca dati Opere IGDA Revisione: Guido Turtur Copertina: Marco Santini ISBN Istituto Geografico De Agostini S.p.A., Novara Redazione: corso della Vittoria 91, Novara prima edizione elettronica, marzo 2011 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico, in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell Editore. Le copie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana 108, Milano, e sito web

4 La civiltà occidentale è sempre stata caratterizzata da una lingua egemone, veicolo di scambio culturale quello che fu il greco nell Ellenismo, la famosa koiné, è oggi rappresentato dalla lingua anglo-americana e questo monopolio linguistico, di fatto, è sempre coinciso con il predominio politico-militare. Dall anno 100 a.c. fino all alto Medioevo il latino ha svolto la funzione di lingua comune della classe dominante in campo culturale, politico e anche religioso. Una mole di scritti, contenuti, forme e generi letterari, imprese leggendarie, eroi e figure mitiche tramandatici dalla letteratura latina, che sono entrati a far parte del nostro immaginario e hanno fondato le basi della nostra cultura e della nostra letteratura. Un bagaglio culturale, quindi, che non può essere ignorato da chiunque voglia interpretare il passato e capire il tragitto dell espressione letteraria e artistica e del pensiero occidentali. Tutto Storia della letteratura latina suddivide la materia in quattro sezioni che corrispondono ai grandi periodi che hanno scandito la storia della letteratura latina (dall età arcaica all età di Cesare e all età di Augusto, dall età imperiale da Tiberio a Traiano all età di Adriano e degli scrittori latino cristiani fino alle soglie del Medioevo), ai loro straordinari protagonisti e alle nuove tendenze e forme letterarie cui questi diedero vita e in cui trovarono la loro massima espressione). All interno di questi capitoli, gli argomenti sono esposti ed approfonditi in paragrafi che rispondono a esigenze di sintesi, chiarezza espositiva e completezza. Il libro presenta una visione integrale dell insieme e dei particolari e non tralascia nessun aspetto: la ricchezza della materia con l accorta distribuzione delle sue parti, l ampia documentazione dei testi, l impostazione di quadri storici che preparano la presentazione dei singoli scrittori sullo sfondo politico e culturale del tempo in cui vissero, la presenza di riassunti di importanti opere, la precisa e costante indicazione delle fonti.

5 Guida alla consultazione Sintesi introduttiva al capitolo Riassunto delle opere 3 Catullo Catullo è il più grande e geniale dei neóteroi e in assoluto uno dei maggiori poeti latini. Egli pone al centro della sua poesia se stesso e i propri sentimenti, pronto a cantare con versi eterni le gioie e le delusioni d amore, ma anche a lanciare pesanti invettive contro gli avversari. Le sue liriche sono lo specchio fedele degli ideali di vita e delle nuove tendenze artistiche della generazione letteraria dei poeti nuovi. Una vita breve Gaio Valerio Catullo (Verona 87/84-Sirmione a.c.) ebbe una vita breve ma molto intensa, perché trascorsa negli ambienti raffinati e decadenti dell alta e colta società romana. Le notizie biografiche su di lui sono scarse e per lo più ricostruibili dai cenni contenuti nelle sue liriche. Nacque Il problema della nella Gallia Cisalpina e sulla data esistono incertezze: san data di nascita Girolamo, infatti, che si servì di Svetonio come fonte, riferisce che nacque nell 87 e che morì a trent anni, nel 57 a.c.; questa data però non può essere accettata perché alcuni versi del poeta contengono allusioni indiscutibili a vicende degli anni 55-54; la sua morte avvenne pertanto intorno al 54 a.c. e la nascita va pertanto posticipata all anno 84, se si vuole mantenere la notizia della morte a trent anni, oppure la sua esistenza va ritenuta più lunga di tre anni, se si fa fede alla data di nascita tramandata da san Girolamo. Era di famiglia aristocratica e facoltosa, che possedeva una villa a aristocratica La famiglia Sirmione, una dimora a Roma, beni in Sabina e una villa a Tivoli, e che si poteva permettere di ospitare personaggi di primo piano della vita politica contemporanea, come Quinto Cecilio Metello Celere, governatore della Gallia Cisalpina o come lo stesso Cesare quando, proconsole nelle Gallie, sostava nella città dell Adige. Ricevette un ottima educazione Ottima educazione letteraria, che approfondì in seguito nella capitale, e incominciò da giovanissimo a comporre poesie d amore. letteraria Poco più che ventenne si trasferì a Roma, con ambizioni solo mondane e intellettuali, non politiche. Per la sua origine fu a Roma Il trasferimento accettato facilmente dalle famiglie aristocratiche e trascorse una vita di agi, brillante e dissoluta. Si legò in amicizia con alcuni giovani poeti, definiti con disprezzo da Cicerone neóteroi (poeti nuovi), come Elvio Cinna e Licinio Calvo, condividendo con loro una vita d amore e di spensieratezza. Si ten- gli studi La vita mondana e ne lontano dagli impegni politici e dall oratoria forense, che 69 RIASSUNTO DELL ENEIDE Libro I Enea, con la flotta troiana decimata da una tempesta suscitata da Giunone, approda alle coste africane. Ospitato a Cartagine, da poco fondata da Didone, esule da Tiro, trova quasi tutti i compagni che credeva morti. Per intervento di Venere, madre di Enea, la regina si innamora dell eroe e gli chiede di raccontare la fine di Troia. Libro II Enea narra la finta ritirata dei nemici, l abbattimento delle mura per introdurre l enorme cavallo di legno nella città, la fuoriuscita nella notte dal suo ventre dei guerrieri achei, la strage, la morte del re Priamo e l incendo della città. Solo Enea, con il padre Anchise, il figlio Ascanio e pochi compagni, si salva dal disastro e salpa in cerca di una nuova patria. Libro III I fuggiaschi giungono in Tracia, da dove ripartono su consiglio di Polidoro, trasformato in arbusto. Dopo aver consultato l oracolo di Delo, sbarcano a Creta, ma sono costretti a riprendere il mare a causa di una pestilenza. Sbarcano alle Strofadi, dove si scontrano con le Arpie, in Sicilia, nell isola dei Ciclopi e a Drepano, luogo in cui muore Anchise; infine la tempesta che li porta a Cartagine. Libro IV In seguito a un accordo tra Giunone e Venere, Enea si unisce a Didone; ma Giove, invocato da Iarba che aspira alla mano della regina, ordina al troiano di andarsene. Didone, dopo aver invano pregato Enea di restare, si toglie la vita, mentre guarda le navi troiane allontanarsi. Libro V Gli esuli ritornano a Drepano, dove tengono dei giochi in onore di Anchise. Giunone brucia loro le navi, ma una pioggia mandata da Giove spegne l incendio. Enea riparte, lasciando a terra i compagni stanchi di errare per mare. Durante la navigazione Palinuro cade in acqua di notte e muore. Libro VI Sbarcato a Cuma, Enea si reca dalla Sibilla che gli consiglia di scendere nell oltretomba. Qui incontra le anime di Deifobo, Didone, Palinuro e, nei Campi Elisi, di Anchise. Il padre gli mostra i futuri eroi romani, tra cui Cesare e Augusto. In seguito riprende il mare alla volta di Gaeta. 2 - Virgilio Libro VII Enea è ormai alla fine del viaggio: giunto alle foci del Tevere, risale il fiume fino a Laurento, dove Latino, re del Lazio, lo accoglie amichevolmente, gli concede di fondare una città e gli promette in sposa la figlia Lavinia. Giunone, tramite la furia Aletto, fomenta contro i troiani Amata, la moglie di Latino, e il principe dei rutuli Turno, promesso sposo di Lavinia. Scoppia la guerra. Libro VIII Su suggerimento del dio Tiberino, Enea si reca a chiedere aiuto al re di Pallanteo, Evandro, che mette a sua disposizione dei cavalieri, guidati da suo figlio Pallante; un altro sostegno gli viene dai popoli etruschi. Dalla madre Venere poi riceve un armatura forgiata da Vulcano, che sullo scudo racconta le future vicende di Roma. Libro IX Comincia la battaglia: i troiani sono in difficoltà per l assenza di Enea e decidono di cercarlo. Incaricati della missione sono i due giovani volontari Eurialo e Niso che vengono uccisi mentre stanno facendo una strage nel campo nemico. Turno riesce a penetrare nel campo troiano, ma costretto alla fuga, si salva gettandosi nel Tevere. Libro X Giove ordina agli altri dei di non intervenire nella contesa. Intanto ritorna Enea, che risolleva le sorti della battaglia. L uccisione di Pallante, da parte di Turno, fa infuriare il troiano che, non riuscendo a trovare il principe dei rutuli, uccide il suo più forte alleato, il tiranno Mesenzio. Libro XI Il momento della tregua per seppellire i caduti dura poco. Turno manda all attacco la cavalleria sotto il comando di Messalo e di Camilla, regina dei volsci; ma la morte della fanciulla fa disunire i latini ed Enea riesce facilmente a giungere con gran parte dell esercito fino a Laurento. Libro XII Turno sfida Enea a duello; durante la tregua la ninfa Diuturna, incitata da Giunone, fa riaccendere la battaglia, nella quale Enea è ferito e guarito da Venere. Tornato nella mischia, egli assalta la città di Laurento: la regina Amata, disperata, si toglie la vita. Accorre Turno, che era stato allontanato con un trucco, affronta Enea, ma è sconfitto e ucciso. 131 Il testo è articolato in modo da favorire l inquadramento generale dei temi e la memorizzazione rapida dei tratti salienti dei movimenti, dei generi letterari e degli autori della letteratura latina con la loro poetica e le loro opere. Il volume è diviso in quattro sezioni corrispondenti ai grandi periodi che scandiscono la storia della letteratura latina dalle origini agli scrittori latino-cristiani. Ogni sezione è introdotta da una presentazione che ne espone sinteticamente i caratteri generali. I singoli capitoli sono aperti da un cappello introduttivo che fornisce un rapido inquadramento generale dell argomento trattato. Le frequenti note a margine permettono la rapida individuazione dei temi principali e agevolano la loro 4

6 Riquadro di approfondimento Note a margine per l individuazione dei temi principali 2 - Il teatro I GENERI TEATRALI Palliata (fabula palliata). Era la commedia di ambientazione greca (pallium è infatti il termine latino che designa il mantello greco indossato dagli attori), che si ispirava dichiaratamente ai testi degli autori della commedia nuova, quali Filemone, Difilo e, soprattutto, Menandro, dei quali assume intrecci, ambienti e personaggi, con libertà creativa e spesso col procedimento della contaminatio. Introdotta da Livio Andronico (vedi a pag. 22) e da Gneo Nevio (vedi a pag. 23), ebbe i maggiori interpreti in Cecilio Stazio (vedi a pag. 47), in Plauto (vedi a pag. 48) e in Terenzio (vedi a pag. 48). A un prologo, in cui erano esposti l antefatto, la trama e la richiesta agli spettatori di essere indulgenti, seguivano una protasi, uno svolgimento e un finale. Le parti recitate erano i diverbia, le parti cantate i cantica; un flautista intercalava brani musicali. Si estinse a causa dell eccessiva uniformità degli intrecci. Togata (fabula togata). Era la commedia di ambientazione romana, così chiamata dalla toga, la veste romana che indossavano gli attori. Ebbe inizio dopo la scomparsa della palliata. Aveva un carattere La tragedia La commedia chiaramente più popolare della commedia greca; metteva in scena il mondo degli umili, dei contadini, degli artigiani, con grande varietà di tematiche, con intrecci meno complicati e con un minor numero di personaggi. La togata venne anche chiamata tabernaria, quando metteva in scena il mondo delle osterie e delle botteghe. Restano solo scarsi frammenti di autori quali Titinio, Lucio Afranio, il più famoso, e Tito Quinzio Atta. Coturnata (fabula cothurnata). È la tragedia di ambientazione greca, che prende come modelli Eschilo, Sofocle, ma, soprattutto, Euripide. Il nome deriva dal coturno, l alto calzare a forma di stivaletto con spessa suola, tipico degli attori greci. Pretesta (fabula praetexta). È la tragedia di ambientazione romana, di carattere patriottico e nazionale, che esalta avvenimenti importanti o eminenti figure politiche. Il termine deriva dal nome dell abito (toga praetexta) indossato dai magistrati romani e orlato da una striscia di porpora. La prima rappresentazione di cui si ha notizia risale all ultimo decennio del terzo secolo. Tragedia e commedia Le tragedie erano scritte in un linguaggio solenne, lontano da quello quotidiano, almeno da quanto si desume dai pochi frammenti pervenuti, nonostante il genere fosse molto rappresentato in tutta l età repubblicana. Le commedie usavano, invece, una lingua più familiare e prevedevano parti recitate e cantate con grande varietà di metri e un ricco accompagnamento musicale, eseguito da un flautista. I temi trattati erano quelli della famiglia, del denaro, della gelosia, dell amore contrastato, dello scambio di personaggi dovuto alla somiglianza. Qualsiasi riferimento alla vita politica e sociale contemporanea era escluso, anche perché le autorità esercitavano sulla fabula una censura preventiva, controllando ciò che si metteva in scena. Non vigeva certo la libertà di espressione di cui godevano gli autori greci. 2 - Il teatro Il mimo Era uno spettacolo, di origine greca, in cui venivano parodiate situazioni, figure, aspetti della realtà quotidiana. Era Un intrattenimento una forma di intrattenimento popolare che si alternava all atellana e che godeva di un pubblico assiduo e attento, in comico quanto la rappresentazione non richiedeva allo spettatore nessuno sforzo mentale. Aveva come scopo quello di suscitare la risata e questo era affidato all abilità e alla vena comica degli attori, che improvvisavano su un canovaccio una satira pesante e spesso oscena, entrando in scena senza maschera e a piedi nudi (planipedes). Il fatto più notevole era Nel mimo recitavano che nel mimo recitavano anche le donne, in genere cortigiane e schiave, guidate da un archimima. La prima rappre- anche le donne sentazione, di cui si abbia notizia, risale all ultimo decennio del sec. III; in seguito si diffuse anche l uso di recitare mimi come intermezzo o farsa terminale (exodium) nelle rappresentazioni sceniche più impegnative. Il genere assunse dignità letteraria all epoca di Cesare, con Decimo Laberio e con Publilio Siro. Le donne recitavano e danzavano anche nel pantomimo, Il pantomimo una danza, in genere licenziosa, in cui esperti ballerini mimavano l azione senza parlare. Durante il balletto, un coro raccontava la trama. Non si conosce invece quasi nulla della tragicommedia o Fabula Rhintonica, così detta dal poeta greco Rintone di Taranto (secc. IV-III a.c.), che cercava di La Fabula Rhintonica divertire gli spettatori, parodiando tragedie e commedie famose, in cui erano protagonisti eroi e anche divinità. IL TEATRO ATTORI E AUTORI I GENERI SCHEMA RIASSUNTIVO Grande fortuna ha in Roma la fabula, termine generico che può essere riferito a qualsiasi tipo di testo teatrale; la rappresentazione avviene nelle pubbliche feste religiose, durante i ludi scaenici. Il teatro è costituito da un palcoscenico provvisorio in legno, collocato in una piazza o in una via. Gli attori indossano la maschera e guadagnano bene, ma sono quasi tutti schiavi o liberti. Anche gli autori non godono di alta posizione sociale: alla loro corporazione non aderisce nessun cittadino romano. Palliata e cothurnata sono rispettivamente le commedie e le tragedie di ambientazione greca; togata e preaesta le commedie e le tragedie di argomento romano. Molta fortuna hanno anche il mimo e il pantomimo, di carattere decisamente più popolare Schema riassuntivo per la ricapitolazione veloce ricapitolazione. All interno del testo sono evidenziati in carattere nero più marcato i concetti e le parole che è particolarmente utile ricordare. I capitoli sono conclusi da schemi riassuntivi che espongono in sintesi i lineamenti di fondo degli autori o delle scuole. Numerosi riquadri di approfondimento espongono temi particolari e forniscono notizie aggiuntive per integrare gli argomenti della trattazione principale e allargarne il margine di comprensione. Un Glossario di retorica e metrica fornisce un ulteriore prezioso strumento per la comprensione del testo. L indice analitico rende possibile ritrovare facilmente gli autori, i movimenti letterari trattati. 5

7 Sommario 6 L ETÀ ARCAICA 1 ll periodo delle origini 9 2 Il teatro 18 3 Livio Andronico e Gneo Nevio 22 4 Plauto 26 5 Ennio e i suoi continuatori 34 6 La prosa e Catone il Censore 41 7 Evoluzione della commedia: Stazio e Terenzio 47 8 Il tramonto della commedia e il ritorno dell atellana 52 9 Lucilio e le nuove tendenze della poesia 55 L ETÀ DI CESARE 1 Il periodo classico della letteratura latina 63 2 I poëtae novi, o neóteroi 67 3 Catullo 71 4 Lucrezio 78 5 Cicerone 84 6 Cesare 95 7 Sallustio Varrone e gli scrittori minori 109 L ETÀ DI AUGUSTO 1 Società e cultura sotto il principato di Augusto Virgilio Orazio L elegia d amore: Tibullo e Properzio Ovidio Livio 167 L ETÀ L ETÀ GIULIO-CLAUDIA 1 Seneca Lucano e la poesia minore Petronio e la prosa minore La satira: Persio 195 L ETÀ DEI FLAVI 1 Marziale Poeti epici Quintiliano Plinio il Vecchio 210 L ETÀ DI NERVA E TRAIANO 1 Tacito La satira: Giovenale Plinio il Giovane 225 DALL ETÀ DI ADRIANO ALLE SOGLIE DEL MEDIOEVO 1 La poesia La prosa: Svetonio, Floro, Frontone, Gellio Apuleio La fine della letteratura pagana: i prosatori e gli ultimi poeti Tertulliano e l'apologetica cristiana La poesia cristiana I Padri della Chiesa latina Agostino e i tardi prosatori latini 287 Glossario di retorica e metrica 295 Indice analitico 302

8 L ETÀ ARCAICA 1 Il periodo delle origini 2 Il teatro 3 Livio Andronico e Gneo Nevio 4 Plauto 5 Ennio e i suoi continuatori 6 La prosa e Catone il Censore 7 Evoluzione della commedia: Stazio e Terenzio 8 Il tramonto della commedia e il ritorno dell atellana 9 Lucilio e le nuove tendenze della poesia

9 Nei primi cinque secoli della sua storia Roma non produce nulla di specificatamente letterario, ma solo embrionali forme artistiche anonime e orali, di cui restano scarsi documenti di difficile interpretazione. Alla metà del III secolo a.c., per influenza della cultura ellenistica dell Italia meridionale, ha inizio la letteratura vera e propria con la rappresentazione teatrale di un dramma di Livio Andronico. Il contemporaneo Nevio introduce il poema epico con l argomento storico della prima guerra punica e il commediografo Plauto, nella sua produzione comica di matrice greca, diffonde gusto e atmosfere tipicamente romane. Ennio, il primo e più insigne poeta del periodo arcaico, nei suoi Annales estende agli avvenimenti a lui contemporanei la materia epica già trattata da Nevio, sostituisce il metro esametro al saturnio e scrive Saturae, un genere che avrà larga fortuna nei secoli successivi. A opera del cosiddetto circolo degli Scipioni si ampliano i rapporti con la cultura e la filosofia greca e si definisce il concetto di humanitas, intesa come dignità dell uomo, amore per la cultura, necessità di rapporti rispettosi della personalità altrui. Al circolo sono legate personalità quali Il commediografo Terenzio e il poeta Lucilio. A questa ellenizzazione della cultura romana si oppongono vigorosamente tradizionalisti, come Catone il Censore, in nome del mos maiorum, delle usanze degli antenati fatte di disciplina intransigente, parsimonia e dedizione al lavoro. Gli ultimi esponenti della rappresentazione tragica in età arcaica sono Pacuvio e Accio.

10 1 Il periodo delle origini La letteratura latina nasce alla metà del III secolo a.c.; la data d inizio fu fissata dai romani stessi nel 240 a.c., anno della prima rappresentazione di un opera teatrale, forse una tragedia, di Livio Andronico. Fin dalle sue prime manifestazioni essa subisce l influenza della letteratura greca, con la quale si pone in costante rapporto dialettico. In cinque secoli Roma conquista l Italia centrale e meridionale, delinea il proprio volto, forgia il proprio ordinamento giudiziario, le proprie istituzioni politiche e religiose, ma non crea nessuna opera letteraria, nonostante il continuo contatto con la cultura ellenistica della Magna Grecia. Ci fu una produzione anonima e tramandata oralmente, che ha però scopi pratici e occasionali e che può essere definita come preletteraria. Si tratta di forme poetiche abbozzate, prive di intenti letterari e scritte in un latino rozzo e primitivo, di cui restano solo scarsi documenti che interessano la storia della cultura e della lingua più che la letteratura. Il loro unico interesse risiede nel fatto che tali documenti hanno esercitato una certa influenza sulla letteratura posteriore, soprattutto per quanto concerne il teatro, l oratoria e la storiografia. Le iscrizioni I rari documenti epigrafici pervenuti sono spesso poco chiari e di ardua interpretazione per le difficoltà linguistiche, ma testimoniano che nella Roma arcaica del 600 a.c. era già diffusa la scrittura per uso privato e pubblico, per lo meno nei ceti dominanti e nella classe sacerdotale; si tratta di una scrittura alfabetica di derivazione greca, proveniente dalle città della Magna Grecia. Decisamente oscura, anche per il testo lacunoso, è l iscrizione del cosiddetto Lapis Niger (pietra nera), risalente ai secc. VII-VI a.c., incisa su un cippo a forma di parallelepipedo trovato, alla fine del 1800, nel Foro romano sotto un lastricato di marmo nero, che la tradizione indicava come la tomba di Romolo. Esso reca le norme religiose per interdire l accesso a un recinto sacro; compare anche un rex, una figura sacerdotale. Il testo è in caratteri greci e in scrittura bustrofedica ( come i buoi che arano ), per cui le righe si alternano da destra a sinistra e da sinistra a destra, con le lettere opportunamente orientate. Dello stesso periodo e parimenti di difficile interpretazione è la lunga iscrizione sul cosiddetto Vaso di Dueno, un vasetto di terracotta usato forse per qualche rito sacrificale o La scrittura monopolio della casta dirigente politico-sacerdotale Il Lapis Niger Il Vaso di Dueno 9

11 1 - Il periodo delle origini La Cista Ficoroni La Fibula Praenestina Prima testimonianza diretta del verso saturnio come contenitore di cosmetici, trovato nell avvallamento tra il Quirinale e il Viminale. La scrittura va da destra a sinistra e le parole non sono separate l una dall altra. Forse si allude alla destinazione votiva del vaso stesso, oppure a una fanciulla che invia all innamorato un dono; si ricava solo un dato, e forse erroneo: che fu opera di un certo Dueno. Facilmente decifrabile, anche perché di un periodo molto più recente, è la cosiddetta Cista Ficoroni (dal nome dello scopritore), un iscrizione incisa su un cofanetto di bronzo di forma cilindrica trovato a Preneste (oggi Palestrina): Dindia Malconia mi diede alla figlia; Novio Plauzio mi fece a Roma. È invece sicuramente un falso di fine Ottocento la Fibula Praenestina, primo documento pervenutoci in lingua latina, anch essa rinvenuta in una tomba di Preneste: su una fibbia d oro del 600 a.c. è inciso il nome dell orafo o del donatore e quello del destinatario: Manio mi fece per Numerio. La scritta è in caratteri greci, da destra a sinistra senza intervallo tra le parole. Le tombe degli Scipioni Di grande interesse documentario sono le iscrizioni sepolcrali incise sui sarcofaghi della potente famiglia degli Scipioni, fuori Porta Capena, sulla via Appia. Rappresentano la prima testimonianza diretta del verso saturnio e rivelano una buona conoscenza delle epigrafi funerarie greche. L epitaffio in onore di Lucio Cornelio Scipione Barbato, console nel 298 a.c., è un rifacimento dell originale posteriore al 200, come dimostra la lingua, mentre senz altro più remoto è quello per il figlio omonimo: Moltissimi Romani sono concordi che questo unico / fu il migliore tra gli uomini onesti / Lucio Scipione. Figlio di Barbato. / Costui fu console, censore, edile presso di voi. / Egli conquistò la Corsica e la città di Aleria, / consacrò come dovuto un tempio alle Tempeste. La prosa: diritto, cronaca e oratoria La prosa dei secoli delle origini, pur non facendo parte della comunicazione letteraria, contribuì all evoluzione linguistica e, pertanto, a creare l ambiente adatto alla nascita della letteratura. I trattati diplomatici 10 Il diritto Non si possiede nulla purtroppo di molti documenti storicamente importanti: è questo il caso dei trattati (foedera) di alleanza, di pace, di commercio con i vari popoli con cui i romani di volta in volta venivano in contatto, come quello com-

12 merciale con Cartagine del 509 a.c. e il patto con la Lega Italica del 493 a.c. Gli storici romani riportano un arido elenco di trattati, che non riferisce nulla sulla sostanza dei patti conclusi, né sui principi del primitivo diritto internazionale. Anche delle leges regiae (leggi regie), che si facevano risalire a Romolo e ai suoi successori, non sono rimasti che pochi frammenti riportati da giuristi posteriori. Sicuramente non erano scritte ma tramandate oralmente all interno della classe dominante; si basavano probabilmente su norme consuetudinarie riguardanti il rituale sacrale e il diritto privato. Secondo la tradizione sarebbero state raccolte da un pontefice, Sesto Papirio, all epoca di Tarquinio il Superbo in un libro, lo Ius civile Papirianum. Enorme importanza storica e giuridica hanno le Leggi delle XII Tavole, la prima legislazione scritta del diritto romano, che Livio, secoli più tardi, definì la fonte di ogni diritto pubblico e privato. All epoca di Cicerone costituivano ancora un importante testo scolastico. Dietro le richieste sempre più impellenti della plebe, che esigeva una maggiore certezza del diritto, vennero redatte da una commissione di dieci magistrati, i Decemviri legibus scribundis, nel a.c. e scritte su dodici tavole di bronzo esposte nel Foro. Hanno anche grande rilevanza dal punto di vista letterario: pur non essendo l originale ma versioni posteriori in cui è stato modificato qualche vocabolo, sono il primo documento di prosa organizzata del periodo delle origini. Lo stile è conciso: Se un ladro ruba di notte, e il derubato lo uccide, venga ritenuto ucciso legalmente. Oppure: Nei riguardi di uno straniero vale il diritto di rivendicazione. O ancora: Se un padre avrà venduto il figlio per tre volte, il figlio sia libero dalla patria potestà. Pur non escludendo un influenza greca, le leggi sono chiaramente il frutto delle consuetudini dei romani e del loro senso pratico. Le XII Tavole non costituiscono un complesso sistematico di tutto il diritto privato e pubblico, sono un importante passo in avanti verso la parificazione dei diritti dei cittadini romani. La sostituzione del diritto consuetudinario con uno scritto rappresentava una grande conquista della plebe; era stato, infatti, interesse dei ceti dominanti, che detenevano il monopolio del potere giudiziario, mantenere una legislazione affidata alla memoria dei giudici. 1 - Il periodo delle origini Le leges regiae Leggi delle XII Tavole Primo documento di prosa organizzata La cronaca Grande importanza avevano per i romani i fasti, un vero e proprio calendario civile, redatto dai pontefici. Riportava i giorni dell anno in cui era lecito dedicarsi alle attività pub- I fasti 11

13 1 - Il periodo delle origini Tabula Dealbata Gli Annales Maximi I commentarii Importanza dell oratoria Appio Claudio Cieco Il discorso contro Pirro 12 bliche (fasti), e quelli in cui non era lecito per motivi religiosi (nefasti). Vi erano inoltre annotati le cerimonie, i mercati, le calamità naturali, gli spettacoli, gli avvenimenti astronomici, i prodigi. In seguito la parola fasti (fasti consulares; fasti pontificales; fasti triumphales) indicò anche gli elenchi dei magistrati in carica annuale, gli atti ufficiali, le vittorie militari. Più tardi, il collegio dei pontefici pubblicò ogni anno sulla Tabula Dealbata (tavola bianca), esposta presso la Regia (sede del pontefice massimo e del rex sacrorum), non solo i nomi dei magistrati, ma anche gli avvenimenti di pubblica importanza, civile, religiosa, commerciale e militare. Questi documenti, scritti e consultabili con il nome complessivo di annales, registravano il ricordo di avvenimenti fondamentali e perciò fornivano una storia del popolo romano. Nel sec. II a.c., riuniti in 80 volumi per ordine del pontefice Publio Muzio Scevola, presero il titolo di Annales Maximi. Sfortunatamente un incendio aveva in gran parte distrutto le annate anteriori al 390 a.c.: per questo sono poche le notizie attendibili dei primi secoli della storia di Roma. Tutti i più importanti magistrati, come i consoli, i questori e i censori, redigevano diari, i commentarii, in cui registravano accuratamente i fatti salienti della loro magistratura e i provvedimenti presi. Era una memorialistica del tutto privata, che però poteva diventare pubblica quando i commentarii venivano depositati presso il collegio dei pontefici. Anche i vari collegi sacerdotali annotavano i loro atti nei Libri pontificum, nei Libri augurum, nei Libri saliorum. L oratoria e Appio Claudio Cieco Fin dalla nascita della repubblica, l oratoria ebbe importanza rilevante, in quanto l arte del parlare e del convincere dava fama, successo, potere ed era base necessaria della carriera politica. Adatta all indole pragmatica dei romani, essa costituiva l unica attività intellettuale degna di un cittadino di ceto elevato. Non si conosce nulla degli oratori precedenti Appio Claudio Cieco, il primo di cui si hanno notizie storiche sicure. Patrizio di origine (sec. IV-III a.c.), molto aperto ai problemi sociali della sua epoca, nel 312, da censore, introdusse uomini nuovi in Senato, persino figli di liberti. Fece costruire il primo acquedotto (Aqua Appia) e dette inizio ai lavori della via Appia (regina viarum), la prima grande strada militare che conduceva a Capua. Fu console nel 307 e nel 296; partecipò alle guerre sannitiche e, ormai vecchio e cieco, persuase il Senato a respingere la pace offerta da Pirro, re dell Epiro, pronunciando (280) un

14 famoso discorso cui Cicerone alludeva come al primo discorso ufficiale mai pubblicato a Roma. Scrisse un Carmen de moribus, raccolta di massime moraleggianti in versi saturni fra cui, delle tre rimaste, la celebre: Ognuno è artefice del proprio destino è la più famosa. Non si sa se nei suoi scritti subì il fascino della cultura greca. Si interessò anche di diritto, facendo raccogliere e pubblicare dal suo segretario, Gneo Flavio, il cosiddetto Ius Flavianum, la prima opera latina di procedura giudiziaria. La tradizione gli attribuisce anche una riforma ortografica, con l introduzione della consonante r intervocalica, al posto della s, e l abolizione della z. La poesia: i carmina Nel periodo preletterario delle origini la poesia si limitava alla sfera del pratico e dell occasionale, cantando i sentimenti più sentiti della vita spirituale, religiosa e civile in componimenti detti carmina (da cano: canto), che usavano il verso saturnio (vedi a pag. 15). In ambito letterario il termine viene utilizzato per designare componimenti poetici di notevole estensione, mentre in questa fase antica, carmen non indica solo quello che è cantato, e cioè i componimenti in poesia, ma più genericamente tutto ciò che è di particolare solennità, che sta fuori dal parlato quotidiano, e quindi anche la prosa. Si trova così applicato alle più disparate forme di comunicazione, dalle preghiere alle filastrocche infantili e alle formule magiche, dalle leggi alle profezie e agli incantesimi, dalle nenie funebri ai giuramenti. I carmina hanno un contenuto piuttosto ingenuo e mostrano una certa rozzezza stilistica, nonostante il tentativo di elevare il tono espressivo. Mezzi tecnici poveri (rima, allitterazione, assonanza, figura etimologica e simmetria) e la cadenza di cantilena monotona aiutavano l apprendimento a memoria. I carmina religiosi Tra i più antichi canti della poesia religiosa, risalenti al sec. VI a.c., vi è il Carmen Saliare, legato ai riti magico-religiosi dei Salii, è uno dei primi testi romani pervenuti, di cui sono rimasti pochi e spesso incomprensibili frammenti, conservati dagli eruditi latini. Ogni anno, in marzo e in ottobre, per celebrare l apertura e la chiusura della stagione della guerra, i Salii (da salio: salto), i dodici sacerdoti di Marte, percorrevano in processione, vestiti da antichi guerrieri, i luoghi più importanti di Roma, intonando preghiere di invocazione agli dei, danzando e battendo con il piede il suo- 1 - Il periodo delle origini Carmen de moribus Lo Ius Flavianum Comunicazioni fuori dal parlato quotidiano Contenuto ingenuo e rozzezza stilistica Il Carmen Saliare 13

15 1 - Il periodo delle origini Il Carmen Arvale I carmina convivalia I carmina triumphalia Le neniae 14 lo con colpi forti e regolari in ritmo ternario, percuotendo con bastoni gli ancilia, i dodici scudi sacri di bronzo. Secondo la tradizione il collegio dei sacerdoti Salii era stato fondato dallo stesso Numa Pompilio per custodire l ancile caduto miracolosamente dal cielo, pegno divino per la salvezza di Roma, e gli altri undici perfettamente uguali al primo, costruiti dal fabbro Mamurio Veturio. È invece pervenuta una versione completa e attendibile del Carmen Arvale, risalente al sec. VI, perché il testo veniva trasmesso di generazione in generazione. È un canto propiziatorio affinché gli dei invocati diano fertilità ai campi. Il carmen si trova nei numerosi frammenti di un epigrafe del 218 d.c. degli Acta fratrum Arvalium, in cui il collegio sacerdotale registrava la propria attività. Il canto, in versi saturni (vedi a pag. 15), ognuno ripetuto tre volte tranne l ultimo ripetuto cinque volte, costituiva il momento culminante della processione della festa Ambarvalia nel mese di maggio. Nel carmen, di difficile interpretazione, si invocano i Lari, Marte e i Semòni, divinità campestri, perché proteggano i campi (arva) dalle pestilenze. Veniva eseguito durante il rito della purificazione dei campi e in altre cerimonie dai fratres Arvales, il collegio di dodici sacerdoti, tutti patrizi, dediti al culto della divinità agricola Dia, la terra nutrice, istituito secondo la tradizione da Romolo. I carmina profani Legati alla sfera privata e profana sono i carmina convivalia, canti che, come riporta Cicerone, era regola nei banchetti degli antenati che gli invitati cantassero uno dopo l altro, accompagnati dal flauto, le gesta e le virtù degli uomini illustri. In questi banchetti (convivia) i ceti più elevati si incontravano quasi quotidianamente, ricambiando a turno cene di carattere politico, e la poesia, la musica e la danza assumevano un ruolo importante. I carmina celebravano, probabilmente in saturni, le imprese gloriose di antenati illustri. Non si conosce nulla degli eroi celebrati, perché non è pervenuto neppure un frammento. Brevi canti in saturni sono i carmina triumphalia, che i soldati improvvisavano durante le sfilate delle cerimonie di trionfo dei generali vittoriosi; espressioni rozze e plebee che avevano poco del trionfale, in cui i soldati alternavano alle lodi al vincitore, moteggi, battute triviali e licenziose. Del tutto diverse dai canti trionfali sono le neniae, le lamentazioni funebri in versi che venivano intonate durante le esequie in lode del defunto, prima da un parente e in epoca più tarda dalle praeficae, donne appositamente as-

16 1 - Il periodo delle origini IL VERSO SATURNIO Il saturnio, l unico verso usato nella poesia latina arcaica, prende il nome dal dio Saturno che, secondo il mito, si era rifugiato nel Lazio dopo la cacciata dal cielo; è detto anche faunio, in onore di Fauno, il dio indigeno che lo avrebbe inventato. Il poeta Ennio scrive che gli antichi canti erano in saturni e che a questo verso ricorrevano i vati e i fauni, intendendo forse così indicare il suo uso nei canti della tradizione religiosa e agreste. È un verso imprevedibile, dalla struttura estremamente fluida sulla cui natura gli studiosi non sono unanimi: ha un ritmo quantitativo, costruito cioè secondo una precisa successione di sillabe lunghe e brevi, oppure accentuativo, basato cioè su una determinata alternanza di sillabe toniche e sillabe atone, oppure, ancora, quantitativo e accentuativo insieme. Il fatto è che nei pochi versi pervenuti, circa duecento tra epigrafici e letterari, non si riscontrano due saturni uguali. È probabile comunque che nei primi secoli il verso avesse un ritmo accentuativo di origine indoeuropea, e successivamente, in fase soprattutto letteraria, diventasse quantitativo, perché più adatto alla natura della lingua latina. Già nel I sec. d.c. il grammatico Cesio Basso sosteneva fosse quantitativo: composto da due membri o cola che formano un dimetro giambico catalettico e da un itifallico o tripodia trocaica; aggiungeva però che aveva trovato un solo verso formato così. Usato a lungo nei secoli delle origini, il saturnio fu adottato in letteratura da Livio Andronico (vedi a pag. 22) e da Nevio (vedi a pag. 23) e poi scomparve per sempre, sostituito dall esametro (vedi a p. 35) di origine greca, forse perché troppo irregolare per il gusto sempre più raffinato degli autori. soldate. Probabilmente erano in parte improvvisate secondo uno schema fisso. Del resto il funerale dei personaggi in vista di Roma diventava una cerimonia pubblica, con un grandioso corteo cui partecipavano tutti i parenti e gli amici e, simbolicamente, anche gli antenati, rappresentati da persone con maschere di cera. Giunti al Foro, il figlio del defunto, oppure un altro parente stretto o un amico, pronunciava un discorso commemorativo, la laudatio funebris, che celebrava le virtù e le imprese del defunto. Il teatro Fescennino, satura e atellana rappresentano le forme preletterarie teatrali di Roma: sono in versi e tutte di carattere popolare. Il fescennino Il fescennino, manifestazione tipica del mondo agreste, era un vivace scambio di battute licenziose, in rozzi e improvvisati versi, che i gruppi di contadini si scambiavano nel corso delle cerimonie dopo il raccolto o delle feste dei Liberalia, in onore del dio della fecondità. Il termine sembra derivare dalla cittadina falisca di Fescennium, nell Etruria me- La laudatio funebris Scambio di battute licenziose 15

17 1 - Il periodo delle origini ridionale. Il fescennino è un embrione di rappresentazione drammatica, sia per la sua forma di dialogo, sia perché i contadini indossavano maschere grottesche, le personae, fatte di corteccia d albero. Penetrati in città, durante le feste nuziali, i versi fescennini furono oggetto di una legge delle XII Tavole, perché spesso diffamatori. Il ruolo degli attori La satura rappresentazione teatrale popolare Le maschere e i ruoli 16 La satura Provenivano dall Etruria anche gli attori (histriones) che, secondo Livio, diedero inizio ai primi ludi scaenici nel 364 a.c. Nel corso delle cerimonie per placare gli dei e allontanare una grave epidemia, fu messo in scena uno spettacolo in cui alcuni artisti danzavano al suono del flauto. I romani alla danza e alla musica aggiunsero in seguito il canto e la recitazione con versi di tipo fescennino. Nacque così la satura, rappresentazione drammatica più complessa, di cui non è rimasto nulla. Il suo nome deriva da satura lanx, piatto colmo di molti cibi diversi, assimilabili ai vari elementi che concorrevano a comporla. La satura terminava spesso con un exodium, vale a dire un fine spettacolo, in cui un attore (exodiarius) eseguiva un canto buffonesco, mimandolo, per allietare gli spettatori. L atellana Decisamente più importante per la storia del teatro romano è la nascita verso la fine del sec. IV a.c. dell atellana (fabula atellana), farsa di origine osca che trae nome da Atella, una piccola città della Campania. Gli attori indossavano maschere che li trasformavano in personaggi facilmente riconoscibili dal pubblico per il modo di pensare, di agire, di parlare, di vestire, e improvvisavano su un rudimentale canovaccio prestabilito di argomento burlesco e grossolano, con un linguaggio plebeo, volgare e osceno. Quattro erano i ruoli fissi più comuni dell atellana: Pappus, il vecchio rimbambito, lussurioso e avaro, gabbato sempre dall amante e dal figlio; Maccus, lo scemo e millantatore dalle orecchie d asino, vittima predestinata dei furbi; Bucco, il servo spaccone, chiacchierone e ghiottone; Dossennus, vecchio gobbo e astuto, saggio e perfido, parassita e amante dei banchetti. Sembra che il metro fosse il versus quadrato, due unità metriche ognuna di due piedi. L atellana ebbe grande diffusione e continuò a vivere come exodium, anche quando con Livio Andronico (vedi a pag. 22), iniziò il teatro su modello greco. Nel sec. I a.c. assunse forma letteraria con Pomponio e Novio (vedi a pagg ), che al canovaccio e all improvvisazione sostituirono un testo totalmente scritto.

18 1 - Il periodo delle origini PRIMI SECOLI (SECC. VIII-VII A.C.) LE ISCRIZIONI LA PROSA Il diritto La cronaca L oratoria LA POESIA LE ORIGINI DEL TEATRO SCHEMA RIASSUNTIVO Nei primi secoli della sua storia, Roma ha una produzione anonima e tramandata oralmente, ma nulla di specificatamente letterario. I primi documenti pervenuti della lingua latina sono epigrafi di difficile interpretazione come il Lapis Niger (secc. VII-VI), il Vaso di Dueno (secc. VII-VI), la Cista Ficoroni e le iscrizioni sulle tombe della famiglia degli Scipioni (sec. III), interessanti perché prima testimonianza diretta del verso saturnio. Le Leggi delle XII Tavole costituiscono non solo una grande conquista della plebe, che otteneva la certezza del diritto, ma hanno anche importanza preletteraria come primo documento di prosa organizzata. La redazione annuale degli Annales e la loro riunificazione in 80 libri con il titolo di Annales Maximi fornisce la storia del popolo romano. È l unica attività intellettuale degna di un patrizio, perché necessaria per fare carriera. Appio Claudio Cieco (sec. IV a.c.), il primo oratore di cui ci è giunta notizia, convinse il Senato a respingere la pace con Pirro con una famosa orazione (280) che era ancora letta ai tempi di Cicerone. Il più antico verso romano è il saturnio e il primo componimento di cui si ha memoria è il carmen. Di questo genere sono i più antichi inni religiosi: il Carmen Saliare e il Carmen Arvale; il primo cantato dai sacerdoti Salii in primavera e in autunno per l apertura e la chiusura della guerra; il secondo dai sacerdoti Arvali per propiziare la fertilità dei campi. Profani sono i carmina convivalia e triumphalia e le neniae. Forma primitiva di poesia teatrale sono i versi fescennini, battute licenziose che i contadini si scambiavano durante le feste, e la satura, rappresentazione più complessa, di origine etrusca, con canto, recitazione, danza e gesticolazioni mimiche. Decisamente più importante per il teatro è l atellana, farsa di origine osca recitata su un canovaccio da maschere fisse, quali Pappus, Maccus, Bucco e Dossennus. 17

19 2 Il teatro Il contatto sempre più intenso con la civiltà ellenistica dell Italia meridionale apre ai romani le porte della letteratura e del pensiero greco. Quando Livio Andronico nel 240 a.c. mette in scena una tragedia ispirandosi ai modelli greci, non solo scrive un opera d arte nella lingua di Roma, ma dà inizio a un teatro diverso, con novità che il pubblico, sia plebeo sia aristocratico, è pronto a recepire e a seguire in massa. I Libri Sibillini Influenza del teatro greco Teatro e politica I rapporti col mondo greco I rapporti col mondo greco erano già stabiliti nei primi secoli della storia di Roma come confermano i Libri Sibillini, che la tradizione romana faceva risalire all epoca di Tarquinio il Superbo (sec. VI a.c.). Autrice della raccolta di oracoli era considerata la Sibilla, profetessa del santuario della colonia greca di Cuma. Fattore decisivo per la nascita della letteratura latina fu l intensificarsi dei contatti, nel III sec. a.c., con la fiorente civiltà ellenistica dell Italia meridionale. Gli stessi romani riconobbero l essenzialità dei modelli greci per lo sviluppo della loro cultura: il poeta Orazio dice che la Grecia conquistata conquistò a sua volta il vincitore ancora rozzo e introdusse le arti nel Lazio contadino. Non fu certo un caso che Livio Andronico (vedi a pag. 22) venisse da Taranto anch essa colonia greca. La fabula Nel periodo arcaico il termine latino fabula designava qualsiasi rappresentazione teatrale tragica o comica. Il genere ebbe un grande sviluppo: il teatro rappresentava un momento di intrattenimento collettivo a carattere popolare e, in quanto tale, a Roma era organizzato, a spese dello Stato, dagli edili e dal pretore urbano durante le cerimonie religiose. La popolarità che esso arrecava poteva infatti tradursi facilmente in un vantaggio per la carriera politica, così che talvolta erano gli stessi magistrati ad assumersi l onere delle spese dei ludi scaenici, che si tenevano durante le feste religiose (feriae), nelle quali, oltre alle cerimonie sacrali, si disputavano gare sportive (ludi circenses) e si tenevano spettacoli di vario genere. 18 I ludi pubblici La rappresentazione di tragedie e di commedie avveniva du-

20 2 - Il teatro rante le feste religiose principali, che a Roma erano quattro: in aprile, in onore della dea Cibele, la Magna Mater, si tenevano i ludi Megalenses, istituiti nel 191 a.c.; in luglio i ludi Apollinares, fondati nel 212 in onore di Apollo; in settembre i ludi Romani in onore di Giove Ottimo Massimo, che erano i più antichi perché risalivano al 364; infine, in novembre, i ludi Plebeii, iniziati nel 220 in onore di Giove. A queste feste si devono aggiungere anche i ludi Floreales, iniziati nella seconda metà del sec. III, ma celebrati con regolarità dal 173 a. C., e altre feste di carattere straordinario, come quelle per il trionfo di un generale. Lo spazio scenico, attori e autori Prima del 55 a.c., anno in cui fu costruito il primo teatro permanente in pietra, quello di Pompeo, le rappresentazioni erano tenute su un palcoscenico in legno (pulpitum) provvisorio, montato in una via o in una piazza, soprattutto al Circo Massimo e al Circo Flaminio. La scena era rappresentata da pannelli mobili dipinti, provvisti di porta per consentire l ingresso degli attori. Una serie di sedili mobili permetteva ai patrizi e, forse, anche ad altri spettatori di assistere alla rappresentazione seduti, mentre il resto del pubblico stava in piedi. Le parti femminili erano recitate da attori maschi, riuniti in compagnie (greges) dirette da un capocomico (dominus gregis). Gli attori bravi diventavano famosi e guadagnavano bene, ma erano quasi tutti schiavi o liberti. Gli autori stessi non erano di elevata condizione sociale e nessuno di loro era nato a Roma. Quando nel 207 a.c. venne fondato il collegium scribarum histrionumque, cioè una specie di corporazione degli autori e degli attori, con sede sull Aventino nel tempio di Minerva, nessun libero cittadino romano ne entrò a far parte. Tuttavia l istituzione di questo collegium stava a indicare non solo l importanza che il teatro aveva assunto nella città, ma anche l esistenza di altri scrittori di cui non è rimasto il nome, oltre a Livio Andronico e a Gneo Nevio; uno di questi compose il Carmen Priami, un altro il Carmen Nelei. Sulla scena gli attori indossavano maschere e parrucche in modo che gli spettatori potessero riconoscere immediatamente il tipo di personaggio: il vecchio, il giovane innamorato, il parassita, l avaro, il soldato fanfarone, la matrona, lo schiavo, il padrone e altri ancora. Non si sa se le maschere fossero già in uso all epoca di Andronico, ma lo era senz altro nel sec. II a.c. Il palcoscenico Gli attori e gli autori Il collegium scribarum histriomumque I costumi scenici 19

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica IL TEATRO ROMANO Struttura architettonica La struttura del teatro romano (theatrum)ricava gli aspetti fondamentali della propria immagine architettonica dalla parallela figura del teatro greco. Tuttavia,

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

E cerchiamo di vedere i primi documenti, le prime attestazioni in latino ed i generi letterari esistenti prima di Livio Andronico.

E cerchiamo di vedere i primi documenti, le prime attestazioni in latino ed i generi letterari esistenti prima di Livio Andronico. La letteratura latina deve le sue origini alle tre grandi civiltà che fiorirono sulla nostra penisola: l etrusca, la greca e l italica (latina, osca, umbra) Ognuno di esse diede il proprio contributo vitale

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere curricula: Letteratura dell età moderna e contemporanea, cultura teatrale

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Programmazione curriculare modulare di Lingua e Italiana Lingua e Latina Lingua e Greca a. s. 2012/13 Nel corso del triennio l insegnamento delle Lettere

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Gli spettacoli a Roma

Gli spettacoli a Roma Gli spettacoli a Roma I ludi A Roma il teatro non ha propria autonomia artistica, gli spettacoli teatrali si collocano all interno dei ludi. Ludus (s.) = gioco e divertimento nella sua più vasta accezione

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente laboratorio teatrale con serata finale per gli studenti di Medicina della Seconda Università di Napoli Premessa La medicina

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

Roma: La Leggenda delle Origini

Roma: La Leggenda delle Origini Roma: La Leggenda delle Origini Dopo la distruzione di Troia un principe troiano, Enea, fu costretto dalla madre, Venere, a fuggire dalla città in fiamme con il padre Anchise e il figlio Ascanio, essendo

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c)

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) LE ISTITUZIONI A ROMA Magistrature e assemblee I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) Re: nominato a vita dal senato con ratifica dei comizi curiati (lex curiata de imperio), accentrava in

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO Flavius Valerius Costantinus Nasce a Naissus (nell attuale Serbia) nel 274 d.c. Muore a Nicomedia nel 337 d.c. Predecessore: Costanzo Cloro Successore: Costantino

Dettagli

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO Nascita del teatro Nasce come rito legato a celebrazioni di carattere religioso. Cerimonie sacre con cori e danze si svolgevano entro i recinti dei templi. Età antica

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Revisione generale del sistema verbale. Individuazione e descrizione di strutture sintattiche ( analisi logica della proposizione).

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia Massimiliano Musi Sul diritto della navigazione nell antica Grecia ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA.

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. ATENE POSIZIONE GEOGRAFICA Si trova in Grecia,nella penisola del Peloponneso e vicino al mare. DUE CITTÀ A CONFRONTO SPARTA POSIZIONE

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE CHIOGGIA (VE) DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: FRANCESCA FUIANO CLASSE: II D Scienze Applicate PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI STORIA Introduzione:

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1 Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Esame di Alfabetizzazione Informatica L'Impero Romano 1 A.A 2010/2011 Prof. Francesco FONTANELLA 1 Questo documento è stato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

GIUGNO 2015 SABATO 6 E DOMENICA 7 EVENTI

GIUGNO 2015 SABATO 6 E DOMENICA 7 EVENTI GIUGNO 2015 SABATO 6 E DOMENICA 7 Lucciole e poesie Passeggiata notturna alla scoprta delle lucciole accompagnata dalla lettura di poesie recitate da attori professionisti. comitato@caffarella.it. SPECIALE

Dettagli

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori.

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori. TEATRO La nascita del teatro è strettamente connessa alla sfera del sacro, in particolare alle pubbliche feste e cerimonie religiose. Tale fu l origine anche del teatro greco, prima di definirsi nei due

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Il cappello, l attacco 8

Il cappello, l attacco 8 50 TRENTA RIGHE PER SESSANTA BATTUTE LEZIONE Il cappello, l attacco 8 CAPPELLO Periodo iniziale di un articolo, generalmente ispirato alla regola delle 5W; fa comunque parte della notizia ed è composto

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

PROGRAMMA di ITALIANO e STORIA 2^A CAT

PROGRAMMA di ITALIANO e STORIA 2^A CAT ISTITUTO FERMI IGLESIAS Anno Scolastico 2013-2014 PROGRAMMA di ITALIANO e STORIA 2^A CAT L INSEGNANTE Prof.ssa ENNAS SILVANA I Modulo La comunicazione e la lingua Lo scambio di messaggi. Segno, significante

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria Attività: La nascita dell arte. Dipingere come nella Preistoria. Destinatari: Classi III - Scuola Primaria Obiettivi: Artisti del Paleolitico è un

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

spegni la Luce... SanValentino... Accende il Cuore

spegni la Luce... SanValentino... Accende il Cuore spegni la Luce... SanValentino... Accende il Cuore San Valentino protettore degli Innamorati La Reliquia nell Oratoiro della SS.ma Trinità a Sassocorvaro La reliquia di San Valentino Martire Prete romano

Dettagli