Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione"

Transcript

1 Uiversità degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Elettroia e delle eleomuiazioi Orthogoal Frequey Divisio Multiplexig Itroduzioe L ossia multiplazioe a divisioe di frequeza ortogoale è ua teia di modulazioe multiportate aratterizzata da: rasmissioe su portati equispaziate ed ortogoali rasmissioe QAM su ogi portate Possibilità di alloare diamiamete il bit rate Realizzazioe ompletamete umeria del modulatore e del demodulatore Sempliità ell effettuare l equalizzazioe Itroduzioe Motivazioi Grazie alle sue proprietà, l è stato adottato per: ADSL, ioè ua teia asimmetria di trasmissioe ad alta veloità he permette, usado u solo doppio, di utilizzare otemporaeamete ahe il servizio telefoio tradizioale DVB-//, ioè la trasmissioe broadast terrestre del segale televisivo digitale Elevato bit-rate elle appliazioi wireless Superameto delle limitazioi dovute al aale radio Migliorameto geeralizzato delle prestazioi i termii di bitrate 3 4

2 Coetti base Coetti base Come detto i preedeza, si tratta di ua trasmissioe a divisioe di frequeza, ella quale i diversi aali utilizzao forme d oda ortogoali. utte le diverse frequeze f f o, o,,.-, soo utilizzate otemporaeamete e ogua di esse realizza ua modulazioe umeria ahe a più livelli, ad esempio QPSK o impulso RZ rettagolare. Se idihiamo o a a j as le oordiate el piao dell iviluppo omplesso di u determiato puto della ostellazioe realizzata per la portate f all istate t, possiamo srivere il segale i questo modo: x t ret t a δ t ret t a osω t a siω t Le sommatorie i e idetifiao rispettivamete gli istati di simbolo e le diverse portati. osω t a s s siωt 5 6 Coetti base Coetti base L iviluppo omplesso di questo segale sarà dato da: x t δ t ret t a e j π [ / ] t Questa speifia è eessaria perhé il rievitore opera sul segale ua fiestratura temporale di ampiezza i modo da redere ortogoali tra loro le frequeze f e mettere il rievitore i grado di alolare i valori a per tutti gli preseti all istate t, mediate u rievitore a orrelazioe. La durata di u simbolo o è violata ad u valore partiolare ma deve essere rispettata la relazioe: L itervallo viee hiamato periodo priipale del simbolo metre la quatità g è idiata ome tempo di guardia o preambolo. 7 8

3 Coetti base Coetti base Il segale rievuto durate il periodo g o viee usato i riezioe, questo perhé, i preseza di u aale o ideale, la parte iiziale di ogi simbolo risulta orrotta da iterfereza itersimboliaisi dovuta al risultato della ovoluzioe tra la odadelsimboloel htdelaale. Il periodo g è la stima della durata della risposta all impulso del aale o ideale. rasmettedo opportui simboli durate questo periodo si può evitare l ISI. 9 Coetti base Coetti base Vediamo ora l oupazioe i bada, osideriamo u solo simbolo rievuto ell itervallo Lospettrohesiottieeèilseguete: o iviluppo omplesso: x jπ t ret t a e Calolo la trasformata di Fourier e ottego: X f si f a δ [ / ] t f / f / a si Come si vede, ogi si viee moltipliata per uo dei oeffiieti a, oeffiieti he possoo essere riotteuti i riezioe ampioadoi modo omplesso X f a passo.

4 Modulatore Modulatore Ua delle proprietà più importati della modulazioe è quella di essere realizzata uiamete mediate iruiti digitali; eo lo shema ompleto del modulatore: Il flusso biario a frequeza viee parallelizzato per formare M simboli al livelli ad ua frequeza di: fb fb f L M log L Questi M bit/simbolo soo suddivisi i ~ gruppi di M o,,.. ~ - bit iasuo, o: ~ M M Ogi gruppo di bit produe u puto di ostellazioe M a selto tra L puti possibili. f b M 3 4 Modulatore ~ Alla sequeza degli a vegoo aggiuti / valori ulli all iizio e alla fie, questo per otteere ua uova sequeza di valori a i modo he la sommatoria i dia luogo ad u iviluppo omplesso limitato i bada tra ± z; tale iviluppo può essere quidi rappresetato dai ampioi suoi ampioi presi a frequeza f se Modulatore Il bloo FF svolge proprio questa operazioe, esegue ifatti il seguete alolo: a e j π h Il risultato della FF è quidi ua sequeza di oeffiieti omplessi x h he a meo di u sego altero soo uguali all iviluppo omplesso forito dalla relativo ad u simbolo. h x h 5 6

5 Modulatore Modulatore Il valore x h può essere sritto i questo modo: x h a e j π h a e e j jπh π [ / ] h j π [ ] h jπ [ / ] h a Questo è il motivo per ui bisoga iserire il fattore - h dopo il alolo della FF. e a e j π h e h Ilpreambolodatrasmetteredurate g siottieeaggiugedo i testa alla sequeza degli x h u gruppo di ampioi prelevati dalla oda; si dimostra ifatti he osì si evita l iterfereza itersimbolia dovuta alla o idealità del aale. La parti reali e immagiarie della sequeza degli x h soo iviate ad ua oppia di overtitori digitale/aalogio, operati a g f le ui usite soo utilizzate per produrre il segale x t mediate ua oppia di modulatori i fase e quadratura. 7 8 Equalizzazioe di u segale Equalizzazioe di u segale Il segale trasmesso dal modulatore ha il seguete spettro: Suppoiamodiavereuaalediquestotipo: Subarriers Caale selettivo i frequeza Spettro del segale trasmesso f f Avremo he il segale i riezioe avrà il seguete spettro: Se il aale ha ua risposta i frequeza il ui modulo o è ostate e la ui fase o è lieare, è eessario eseguire u operazioe di equalizzazioe. f 9

6 Equalizzazioe di u segale Demodulatore L equalizzazioe, amplifiado le ompoeti i frequeza he soo state maggiormete atteuate dal aale, i osete di reuperare la forma dello spettro del segale trasmesso e riotteere i ampioi orretti. Per otteere la sequeza degli elemeti e quidi il gruppo di M bit he hao origiato il simbolo, si utilizza il seguete shema di demodulazioe: a f Campioi orretti Demodulatore Demodulatore Il rievitore deve aquisire il siroismo di simbolo per determiare l iizio della riezioe di u sigolo bloo di ampioi. Il segale rievuto viee demodulato i fase e quadratura e ampioato a frequeza f g / Dopo aver effettuato l iversioe di sego ad idii alteri, vegoo rimossi i f ampioi del preambolo. g g Ua FF permette di otteere i valori: h j π x he X a h Solo gli ~ valori etrali soo avviati verso altrettati deisori, i quali determiao il puto della ostellazioe più viio all a rievuto per ogi portate, lo odifiao o M bit, ed il risultato fiale è reso seriale per produrre gli M bit he hao dato origie al simbolo. 3 4

7 Effiieza dell L effiieza si ottiee osiderado he solo ~ portati su trasportao iformazioe, e he solo f ampioi su f soo uii. Avremo quidi: ρ ~ ~ g ~ g Questa relazioe misura la frazioe di segale utile rispetto all oupazioe di bada ed al umero di ampioi/simbolo preseti i x t Effiieza dell La ridodaza itrodotta le portati vuote ed il preambolo è della stessa atura di quella itrodotta dal roll-off di u impulsoaoseorialzato,iquatohalosopodievitarehe si verifihio feomei di iterfereza tra simboli Si ota failmete he l effiieza aumeta all aumetare di edi,datohe e ~ soofissi. g 5 6 Riduzioe del Pea-to-Average Power Ratio Proprietà del PAPR Proprietà del PAPR Clippig e filtraggio Il modulo dell'iviluppo omplesso risultate dalla sovrapposizioe di simboli idipedeti, o >>, ha ua fuzioe desità di probabilità he può essere approssimata da ua distribuzioe di Rayleigh Seletive Mappig Partial rasmit Sequee Codifia f x x b x exp b 7 8

8 Proprietà del PAPR Proprietà del PAPR Il PAPR Pea-to-Average Power Ratio è defiito ome il rapporto tra la poteza di pio e la poteza media di u segale Per u segale xt, defiito per t ompreso tra e, il PAPR è espresso dalla seguete formula, dove è il umero delle portati: max PAPR < t< x t x t dt All'aumetare di, aumeta il PAPR Problemi per le o lierarità degli amplifiatori Ogi volta he si raggiuge il livello di saturazioe si ha ua distorsioe del segale e quidi aumeta il bit error rate La distorsioe del segale ausa u aumeto dell'oupazioe di bada e quidi ridue l'effiieza spettrale Amplifiatori o alte poteze di pio soo meo effiieti dal puto di vista eergetio problema soprattutto per termiali mobiliehaousrpiùbasso 9 3 Clippig e filtraggio Clippig e filtraggio Clippig di u segale: operazioe he taglia tutti i valori del segale he superao ua erta soglia CR Clippig Ratio: rapporto tra valore di soglia e valore quadratio medio del segale origiale Il lippig itrodue ua distorsioe del segale i-bad oise e u allargameto dello spettrospetral spreadig Per elimiare lo spetral spreadig si può eseguire u filtraggio aumetadiuovoilvaloredipiodelsegale Oorroo teihe più sofistiate Bit error rate e desità spettrale di poteza di u segale sottoposto a lippig 3 3

9 Seletive Mappig Seletive Mappig Data soure Serial to parallel r r IFF legth IFF legth... IFF legth Selet sequee with lowest PAPR for x Ciasu isieme di simboli da trasmettere viee moltipliato peruertoumeromdisequezer i diumeriomplessi Leompoetidellesequezer i soodeltipoexpjϕ j Si esegue la IFF Iverse Fast Fourier rasform, FF di iasuo degli M vettori otteuti Si ofrota il PAPR dei segali otteuti e si trasmette quello oilpaprpiùbasso E eessario trasmettere al rievitore ahe la sequeza orrispodete al segale he si è selto r M Partial rasmit Sequee Partial rasmit Sequee Data Soure X Serial to Parallel ad partitio ito subblos X IFF legth b X IFF legth X M... IFF legth b CiasuisiemedisimbolivieesuddivisoiMblohi SieseguelaIFFdilughezzadiiasubloo U algoritmo di ottimizzazioe moltiplia ogi IFF per u oeffiieteb i,deltipoexpjϕ i Si trasmette la somma delle IFF modifiate I oeffiieti b i soo alolati i modo da miimizzare il valore di pio delle ompoeti della somma delle IFF E'eessariotrasmetterealrievitoreaheioeffiietib i b M Optimizatio 35 36

10 Codifia Siroizzazioe el tempo e i frequeza Prima del alolo della IFF, iasu isieme di simboli viee overtitoiuisiemedi simboli,o > L algoritmo di oversioe fa i modo he, per ogi possibile sequeza di simboli i igresso, la sequeza di simboli dopo la odifia o orrispoda a segali o alti valori di pio La odifia ridodate permette ahe la orrezioe d errore Appliabile solo per u umero di portati piolo Desiroizzazioe temporale: Iter Symbol IterfereeISI Offset di frequeza: Iter Chael IterfereeICI Stima dell offset di tempo Metodi basati su segali pilota Metodi o basati su segali pilota Stima dell offset di frequeza Stima dell offset di tempo Stima dell offset di tempo U metodo basato su u segale pilota prevede la trasmissioe di u segale ullo all iizio di ogi gruppo di simboli Il rievitore si siroizza o il trasmettitore tramite la rivelazioe del segale ullo U altro metodo di siroizzazioe basato su u segale pilota utilizza ua sequeza pseudo-asuale di simboli, he viee trasmessa sul aale ale sequeza deve essere oosiuta dal rievitore, he alola la orrelazioe tra il segale rievuto e la sequeza Per le proprietà dei segali aleatori, tale orrelazioe ha u pio quado i due segali soo allieati La siroizzazioe avviee tramite la rivelazioe del pio della orrelazioe 39 4

11 Stima dell offset di tempo Stima dell offset di tempo La teia di Shmidl utilizza u simbolo ostituito da due gruppi idetii di / simboli iasuo trasmessi i sequeza Calolado la orrelazioe tra simboli spaziati tra loro di / siosservaupiodidurataparia/simboli L iizio del pio idividua l iizio del simbolo Ua teia he o fa uso di segali pilota sfrutta la ridodaza el prefisso ilio per stimare l offset di tempo Il prefisso ilio, o estesioe ilia, è l isieme di simboli trasmessi durate il tempodi guardia g tra u simbolo e il suessivo Detta g la lughezza del prefisso ilio, il suo oteuto è uarepliadegliultimi g simbolidelgruppodisimboli Aalizzado la orrelazioe tra simboli spaziati tra loro di, si rivelaupiodidurataparia g simboli 4 4 Stima dell offset di frequeza Stima dell offset di frequeza L offset di frequeza osiste ella differeza tra la frequeza di portate usata dal trasmettitore e quella usata dal rievitore; a questo può aggiugersi u evetuale spostameto i frequeza dovuto all effetto Doppler E u problema serio ei sistemi multi-portate ome L offset tollerabile è dell ordie dell % della spaziatura tra le sottoportati Isistemiabassoostoohaoquestapreisioe Soo eessarie teihe di ompesazioe dell offset 43 44

12 Stima dell offset di frequeza Stima del aale ello shema preedete, u segale pilota viee trasmesso ogi D simboli Il segale pilota, he deve essere oto al rievitore, osiste di diversi toi i frequeza Per effetto dell offset di frequeza, tali toi appaioo al rievitore spostati di ua quatità pari all offset, he può essere quidi stimato eessaria quado il aale è tempo-variate Stima basata su segali pilota Stima blo-type Stima omb-type eihe di iterpolazioe Metodi ibridi Prestazioi Stima blo-type Stima blo-type Adatta quado il aale varia letamete I simboli trasmessi soo raggruppati i blohi Il primo simbolo di iasu bloo è u segale pilota he otiee toi i tutte le sottoportati I base al simbolo rievuto, il rievitore stima la risposta del aale i ogi sottoportate, o Stima otteuta tramite LS Least Square o MMSE Miimum Mea-Square Si ha u migliorameto della preisioe ella stima del aale utilizzado u deisio feedba equalizer Per ogi simbolo rievuto Y si aggiora la stima della orrispodete sottoportate Si alola il simbolo trasmesso tramite la stima preedete: Y ~ X X X Siaggioralastima: Y ~ ew X 47 48

13 49 Stima omb-type Adatta quado il aale varia veloemete I ogi simbolo vi soo p sottoportati equispaziate utilizzate per trasmettere segali pilota, o La stima del aale alle portati ml è otteuta tramite LS, MMSE o LMSLeast Mea-Square Per le altre frequeze si usao teihe di iterpolazioe x p m p p L L l dati l m x l ml X X p m 5 eihe di iterpolazioe Iterpolazioe lieare Iterpolazioe del seodo ordie [ ] m L l m m l ml l m m m l ml α α α α α α α 5 eihe di iterpolazioe Iterpolazioe el domiio del tempo Altre teihe di iterpolazioe: low-pass, splie exp exp p p j G M M M M M M G G G j G p π π 5 Metodi ibridi

14 Metodi ibridi Prestazioi Isegalipilotasootrasmessiiertisimbolieierte sottoportati: rappresetazioe mediate ua griglia tempofrequeza Si stima la risposta del aale alle frequeze e egli istati di tempo orrispodeti ai segali pilota Perlastimaallealtrefrequezeeeglialtriistatitemporalisi usao teihe di iterpolazioe più ompliate Appliazioi Appliazioi Asymmetri Digital Subsriber LieADSL ADSL Digital Audio BroadastigDAB Digital Video Broadastig errestredvb-/ E ua teia he dà la possibilità di utilizzare la liea telefoia per realizzare u ollegameto umerio ad alta veloità, oupado ua regioe di frequeze più elevata di quella i ui avviee la trasmissioe del segale voale. Wireless LAsWLA igh-speed ellular data E ua teia asimmetria perhé osete ua veloità di dowstream molto superiore a quella i upstream o u rapportodiiradieiauo 55 56

15 Appliazioi Appliazioi Le veloità he si riesoo ad otteere dipedoo dalla distaza tra la etrale di attestazioe del doppio e il modem dell utete E stato realizzato per poter essere utilizzato ahe i otemporaea ol ormale servizio telefoio; quest ultimo opera ei primi 4 Kz e per o avere iterfereza l ADSL operaellabada6kz Kz DAB E la soluzioe digitale per la radiofoia he permette di trasportare i u sigolo bloo largo.5 Mz fio a sette programmi o qualità CD per la riezioe fissa, portatile e mobile Grazie alla sua flessibilità, il sistema permette di trasmettere, su di ua sola frequeza di diffusioe, diversi programmi radiofoii e servizi dati, osetedo di soddisfare le esigeze dell uteza adattado la apaità trasmissiva alle aratteristihe del programma radiofoiomusia, parlato, e Appliazioi Appliazioi DVB-/ La sigla sta a idiare la riezioe digitale del segale V da aptare o u atea tradizioale Permette di vedere programmi V o ua buoa qualità e a basso osto, sfruttado al meglio le frequeze per la radiodiffusioe e i servizi aggiutivi Co il DVB-/ le emitteti televisive potrao trasmettere i propri aali su tutto il territorio e o osti iferiori rispetto alla trasmissioe aalogia e o l abbattimeto dell elettrosmog si avrà ahe u impatto beefio sulla salute e sull ambiete Wireless LAs E la teia di trasmissioe seza fili ostituita da sistemi radio he illumiao dei settori di territorio tramite delle stazioi base ra le teologie esisteti la più importate è la IEEE 8., di ui esistoo quattro tipi a, b, e, g, ogua o diverse aratteristihe i termii di bit rate e frequeza di lavoro I Europa è stata defiita la IPERLA ESI he sfrutta bade dai5.ai7.gz 59 6

16 Appliazioi Appliazioi el aso di 8.a he si basa apputo su uo shema di modulazioe abbiamo u rate fio a 54 Mbps ad ua frequezadi5gz IPERLAigh Performae Radio Loal Area etwor IFORMAIO DAA RAE 48, 3, 4, 6 ad 8 Mbps MODULAIO with 6-QAM, QPSK or BPSK MODULAIO SCEME SUB-CARRIER MODULAIO UMBER OF SUBCAELS CODIG DAA RAES DBPSK, 6 QAM I EAC SUBCAEL 48 SUBCAELS OU OF 64 COVOLUIOS K7, R/ OR 3/4 IER- CARRIER IERLEAVE 5 Mbps BPSK, R/ MbpsQPSK, R/ 5 Mbps QPSK, R3/4 Mbps 6QAM, R/ 3 Mbps 6QAM, R3/4 CODIG RAE CODIG SYMBOL DURAIO GUARD IERVAL prefix postfix SUBCAEL SPACIG ROLL-OF FACOR CAEL SPACIG OCCUPIED 3dB BADWID Covolutioal 3/4 or / 48 3 μs 6 s 6 s 75 s Kz.5 5 Mz Mz 6 6 Appliazioi Appliazioi igh Speed Cellular Bad Divisio Multiple AessBDMA E stata proposta da Soy e osiste i ua ombiazioe di DMA, e luster hoppig Advaed Cellular Iteret Servie L obiettivo è di forire u servizio Iteret ad ampia opertura per uteti mobili Assoia l o diversi sistemi di atee trasmitteti e rieveti 63 64

17 F.A.Q F.A.Q Defiire le proprietà dell Quali soo gli elemeti he aratterizzao l effiieza dell? Cosa sfrutta l per evitare/ridurre l iterfereza itersimbolia ISI? Quali metodi vegoo impiegati per la stima dell offset di tempo e offset di frequeza? Defiire le operazioi effettuate sul segale dal modulatore Cosa differezia la stima sul aale di tipo blo-type da quella omb-type? I osa osiste l equalizzazioe di u segale Quali soo i priipali asi d uso dell? 65 66

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli