IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE..."

Transcript

1 Dicembre 2008

2 INDICE 2 1 INTRODUZIONE PREMESSA LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE - POR Asse II Obiettivo specifico II.1 - Imprese Asse II Obiettivo specifico II.2 - Diffusione dell ICT IL RUOLO DELLA REGIONE BASILICATA OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA E STRATEGIE TERRITORIALI PER IL SUPERAMENTO DEL DIGITAL DIVIDE IN BASILICATA SOGGETTI COINVOLTI I CONTENUTI DELLE LINEE GUIDA E STRATEGIE TERRITORIALI IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE IL CONTESTO INTERNAZIONALE IL CONTESTO NAZIONALE Le Linee Guida per i Piani territoriali per la banda larga Il ruolo di Infratel Italia e gli Accordi con il Ministero delle Comunicazioni Le opportunità della tecnologia WiMAX Le best practices tra le Regioni italiane IL CONTESTO REGIONALE ANALISI DELL OFFERTA DI INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA Metodologia Il quadro delle infrastrutture in fibra ottica Backbone Copertura e Competizione MAN Copertura e Competizione ANALISI DELL OFFERTA DI SERVIZI A BANDA LARGA Metodologia La segmentazione del territorio per livello di copertura ADSL La segmentazione del territorio per banda disponibile La segmentazione del territorio per livello di competizione La natura del digital divide La copertura radiomobile La copertura delle aree industriali ANALISI DELLA DOMANDA DI SERVIZI A BANDA LARGA Metodologia La domanda di banda larga nelle famiglie La domanda di banda larga nelle imprese La domanda di banda larga nei Comuni INDICATORI DI SINTESI GLI INTERVENTI PUBBLICI REALIZZATI E IN CORSO L INTERVENTO DI INFRATEL ITALIA Il Programma Banda Larga di Infratel La Convenzione Quadro con la Regione Basilicata La MAN di Matera Estensione della MAN di Matera - ICT territori d eccellenza LA RETE REGIONALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La rete regionale della Basilicata La rete secondaria La rete regionale e il Sistema Pubblico di Connettività LE RETI DI ACCESSO WIRELESS PER LA PA Il progetto Il progetto Wi-Fi PAL LA MAN DI POTENZA IL QUADRO DELLE RISORSE LE LINEE E GLI STRUMENTI DI INTERVENTO...87

3 5.1 I CRITERI DI INTERVENTO PUBBLICO LA STRATEGIA DI INTERVENTO REGIONALE Definizione della politica regionale Le linee strategiche d azione Il modello di intervento regionale Gli strumenti per l attuazione delle linee guida e strategie territoriali per il superamento del digital divide LA SEGMENTAZIONE TERRITORIALE L INDAGINE SUGLI OPERATORI DI TELECOMUNICAZIONE LE AREE DI INTERVENTO PUBBLICO La situazione Le aree di intervento GLI INVESTIMENTI NECESSARI SCENARI DI LUNGO TERMINE EVOLUZIONE TECNOLOGICA Reti di nuova generazione Wired e Wireless INFRASTRUTTURE DI TELECOMUNICAZIONE E INFRASTRUTTURE CIVILI Le sinergie auspicabili dall utilizzo di infrastrutture civili ALLEGATO 1 TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA FIBRA OTTICA TECNOLOGIE XDSL HIPERLAN / WI-FI WIMAX ALLEGATO 2 GLOSSARIO

4 1 INTRODUZIONE 1.1 Premessa Il comparto delle comunicazioni, e in particolare quello delle comunicazioni elettroniche, costituisce ormai uno dei settori trainanti per l'economia mondiale, essendo caratterizzato da un progressivo processo di liberalizzazione verso la formazione di un mercato unico delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. I moderni sistemi economici nel nuovo scenario internazionale fondano la loro competitività sulla produzione, sulla diffusione e sull uso delle nuove conoscenze. In tutte le nazioni industrializzate il confine che separa chi può e chi non può accedere alle infrastrutture di telecomunicazioni ad alta velocità ed ai servizi a banda larga, altrimenti noto come digital divide, è considerato un indicatore del grado di competitività del sistema-paese. La soluzione del problema richiede un approccio specifico che affronti la questione non solo in termini di disponibilità assoluta della banda larga, ma anche in termini di velocità di collegamento, diversità di piattaforme e servizi disponibili. L eliminazione del digital divide è considerata anche a livello europeo uno dei pilastri di tutti i recenti piani per lo sviluppo della Società dell Informazione. Se da un lato la banda larga rappresenta un opportunità per lo sviluppo di nuovi servizi ed applicazioni, dall altro va sottolineato come i processi di infrastrutturazione richiedono ingenti risorse e tempi lunghi di realizzazione. Inoltre, contrariamente al passato, tali processi non avvengono oggi in regime di monopolio, bensì di competizione guidata da logiche prettamente di mercato e quindi di ritorno di breve-medio periodo degli investimenti. Il quadro che ne consegue è inevitabilmente un quadro di forte eterogeneità, sia tecnologica che territoriale. Dal punto di vista tecnologico, il nodo più critico è oggi relativo all ammodernamento delle reti di accesso. La disponibilità di infrastrutture e servizi a banda larga non potrà che svilupparsi in un contesto dove convivranno diverse tecnologie in funzione delle diverse caratteristiche prestazionali, dei costi e dei tempi necessari per l infrastrutturazione. Allo stesso tempo, in una logica di mercato è chiaro come il dispiegamento di infrastrutture avanzate veda privilegiate le aree a maggior potenziale (e quindi a maggiore rapidità di ritorno degli investimenti), per poi procedere in modo incrementale alla progressiva copertura del territorio, conducendo così ad una situazione di divario tecnologico tra le diverse aree territoriali (digital divide). 4 E, pertanto, inevitabile che si venga a creare una disparità tra zone che già dispongono della banda larga, zone che ne disporranno progressivamente nel prossimo futuro e zone, infine, alle quali le logiche economiche del mercato negheranno questa opportunità.

5 E quindi evidente come si rendano necessari e riscuotano un interesse politico sempre maggiore gli interventi da parte delle Amministrazioni pubbliche tesi a ridurre il digital divide esistente tra le diverse aree dei propri territori. Per cogliere queste opportunità è necessario che gli strumenti di programmazione valorizzino le sinergie derivanti dall efficienza ed efficacia dei sistemi di attuazione e di gestione degli interventi sul territorio e dalla massimizzazione degli impatti sulle condizioni dello sviluppo territoriale e occupazionale. Lo sviluppo della Società dell'informazione può essere realizzato promuovendo la disponibilità di tecnologie e servizi la cui infrastruttura abilitante è costituita da reti affidabili ad alta velocità fra loro interconnesse in modo da garantire a tutta l utenza, rappresentata da imprese, cittadini e Pubblica Amministrazione, il diritto di accesso a risorse qualificate di connettività a costi sostenibili. L accesso alle infrastrutture di telecomunicazione e alle tecnologie informatiche evolute è riconosciuto ormai come uno dei bisogni primari per lo sviluppo sostenibile di un territorio; tale bisogno può divenire, se adeguatamente soddisfatto, fattore di vantaggio competitivo rispetto ad altri territori. L impatto della disponibilità di infrastrutture avanzate sui processi innovativi si può declinare in diversi modi per i diversi attori della Società dell Informazione: in primo luogo, per i cittadini (intesi come individui, famiglie e associazioni) lo sviluppo di sistemi di comunicazione, che moltiplicano lo scambio e la circolazione di contenuti e informazioni, accresce in generale la predisposizione verso l adozione di tecnologie e servizi innovativi, ampliando la sfera delle possibilità e delle opportunità. Per le imprese, la valenza è duplice in termini sia di innovazione di processo che di prodotto. Da un lato, le infrastrutture avanzate consentono una migliore interazione tra le diverse strutture aziendali (a maggior ragione se distribuite territorialmente) e tra queste e l ambiente esterno (clienti, fornitori, partner), con ripercussioni dirette sull efficacia e efficienza dei processi aziendali. La disponibilità di un nuovo canale distributivo immateriale (le reti di telecomunicazioni) consente, inoltre, di ampliare il mercato territoriale di riferimento creando nuove opportunità di sviluppo. D altra parte, attraverso le nuove reti di telecomunicazioni è possibile creare nuovi prodotti/servizi, che possono rappresentare per le aziende un importante fattore di differenziazione e diversificazione della propria attività, intervenendo quindi direttamente sull innovazione di prodotto. Per le istituzioni, infine, i servizi abilitati dalle infrastrutture avanzate incidono direttamente sui processi interni e sulla qualità delle relazioni con i cittadini e le imprese e permettono l innesco di un processo innovativo nella Pubblica Amministrazione. Il rischio di un rallentamento generalizzato degli investimenti nel settore delle telecomunicazioni evidenzia un fattore tangibile di accentuazione del divario di dotazione tecnologica tra le diverse aree territoriali digital divide: la stessa competitività dell Italia nei confronti degli altri Paesi europei risulta fortemente influenzata da tale fenomeno. La conferma della crescente attenzione verso la 5

6 creazione delle condizioni di offerta di infrastrutture e servizi a banda larga, necessarie per lo sviluppo della Società dell Informazione, proviene anche dalle più recenti iniziative della Commissione europea che mettono lo sviluppo della banda larga nei paesi dell Unione europea tra gli interventi prioritari. Le prime iniziative strategiche per la diffusione della banda larga in Europa risalgono al Piano d azione eeurope 2005 adottato dalla Commissione europea nel Obiettivo principale del piano d azione è stato quello di creare un contesto favorevole agli investimenti privati e alla creazione di nuovi posti di lavoro, accrescere la produttività, modernizzare i servizi pubblici e garantire a tutti i cittadini la possibilità di partecipare alla Società dell Informazione. Nel 2005 la Commissione ha presentato il nuovo Piano d azione i2010 Una società europea dell'informazione per la crescita e l'occupazione", che ha tra gli obiettivi fondamentali quello di garantire a tutti i cittadini la possibilità di partecipare alla Società dell Informazione globale promuovendo servizi, applicazioni e contenuti sicuri basati su un infrastruttura a banda larga ampiamente disponibile. In tale contesto, al fine di stimolare un mercato interno aperto e competitivo per la Società dell'informazione e i media, l Unione europea ha previsto come primo obiettivo del programma i2010 la realizzazione di uno spazio unico europeo dell'informazione che offra comunicazioni a banda larga affidabili e sicure, contenuti diversificati, di qualità e servizi digitali. È per tali ragioni che la Commissione invita gli Stati membri e le Regioni ad elaborare programmi di attuazione in materia di: Accesso a Internet a banda larga; Circolazione dei contenuti digitali; Messa a disposizione di frequenze delle spettro radioelettrico per nuove applicazioni; Integrazione delle strategie di ricerca e innovazione. In considerazione della valenza strategica dell argomento, nel 2006 in Italia è stato istituito il Comitato per la diffusione della banda larga, che ha emanato Le Linee guida per i Piani territoriali per la banda larga, approvate dalla Commissione Permanente per l Innovazione Tecnologica negli Enti locali e nelle Regioni e dalla Conferenza Unificata il 20 settembre Le Linee Guida si propongono come strumento di rafforzamento per offrire alle Regioni un supporto metodologico uniforme e condiviso per affrontare un fenomeno che è in continua evoluzione e che presenta aspetti tecnici complessi. Questo strumento potrà essere utilizzato dalle Regioni in tutte le fasi che devono essere svolte per affrontare il problema del digital divide, dalla misurazione del fenomeno alla pianificazione territoriale, dalla negoziazione con gli operatori al monitoraggio degli interventi effettuati. 6

7 1.2 La programmazione regionale - POR Nell ambito della programmazione regionale definita dal Programma Operativo Regionale (POR) , l Asse II - Società della conoscenza persegue l obiettivo generale di fare della Basilicata una società incentrata sulla economia della conoscenza attraverso il potenziamento della ricerca, la diffusione delle innovazioni e lo sviluppo delle reti ICT. In sintonia con le indicazioni formulate in ambito europeo attraverso la strategia di Lisbona e in ambito nazionale dal PICO (Piano per l Innovazione, la Crescita e l Occupazione), l obiettivo generale della società della conoscenza è perseguito, per un verso, mobilitando le eccellenze, presenti in regione nel campo della ricerca, dello sviluppo tecnologico, delle innovazioni, ecc., in direzione dell innalzamento della competitività del sistema produttivo regionale mediante il rafforzamento delle reti di cooperazione tra imprese e centri di ricerca; per l altro, potenziando le tecniche e le tecnologie proprie della Società dell Informazione attraverso il rafforzamento delle reti ICT e la promozione della relativa domanda delle imprese ed, in particolare, delle PMI. Per quanto riguarda la Società dell Informazione, il P.O.R , attivando un apposito progetto integrato settoriale (Basitel plus 1 ), ha puntato prevalentemente a potenziare la dotazione di base (in termini sia infrastrutturali che strumentali) e a diffondere le tecniche dell ICT in ambito sia pubblico che sociale. Nella definizione delle strategie relative alla nuova programmazione regionale dei fondi comunitari diretti allo sviluppo della Società dell Informazione, la Regione Basilicata intende sostenere e promuovere: La realizzazione di reti telematiche a banda larga, wired (fibra ottica) e wireless (Wi-Fi e WiMax), dirette al superamento del digital divide di medio e lungo periodo. Saranno incentivati gli interventi infrastrutturali e i servizi a banda larga nelle aree svantaggiate del territorio regionale laddove il fallimento di mercato è comprovato e nel rispetto del principio della neutralità tecnologica. In tale contesto, la Regione Basilicata intende perseguire e rafforzare l abilitazione e la fruizione di servizi fortemente innovativi, anche attraverso investimenti infrastrutturali che consentano una forte integrazione tra le diverse piattaforme di comunicazione nell ottica della mobilità e della multicanalità (VoIP); Alla luce dei risultati della sperimentazione regionale in materia di digitale terrestre e al fine di anticipare il previsto switch-off sulla nuova piattaforma televisiva previsto per l anno 2012, la Regione incentiverà gli operatori televisivi anche in forma associata per la produzione ed erogazione di contenuti digitali innovativi per cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione; Lo sviluppo di servizi interattivi, applicazioni e contenuti digitali avanzati ai cittadini ed alle imprese nell ottica della interoperabilità dei sistemi diretti alla promozione della imprenditorialità di settore; 7 1 Deliberazione Giunta regionale n.1384 del 28 luglio 2003.

8 Il rafforzamento dell'innovazione e degli investimenti nella ricerca sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT); Gli interventi progettuali finalizzati alla realizzazione di una Società dell Informazione e dei Media basata sull'inclusione e la crescita dell occupazione quale fattore di sviluppo sostenibile basato sull uso generalizzato delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni nei servizi pubblici, nelle PMI e nelle famiglie. Particolare attenzione sarà rivolta a proposte dirette alla riduzione della disoccupazione giovanile, alla formazione e qualificazione professionale e allo sviluppo dell'apprendistato nelle imprese ICT; La digitalizzazione dell attività amministrativa e i processi di e-governance finalizzati alla riorganizzazione dei processi interni diretti alla semplificazione amministrativa e al contenimento dei costi della Pubblica Amministrazione locale coerenti con i piani regionali. L Amministrazione regionale, a tal fine, istituirà un apposito Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli Enti locali ; La competitività industriale attraverso l avvio di azioni finalizzate alla riduzione delle inefficienze del mercato e alla promozione di servizi o prodotti innovativi. La Regione finanzierà progetti e partnership imprenditoriali che garantiranno la sinergia tra il mondo della ricerca, della produzione, la società civile e la Pubblica Amministrazione. A tal fine, potrà essere istituito un apposito Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione alle imprese ICT. Nel nuovo ciclo di programmazione - oltre a completare la connettività delle reti ICT (in particolare, estendere all intero territorio regionale la fruizione della connettività a banda larga) ed ampliare la gamma dei servizi offerti in rete, in modo da contribuire al superamento dell attuale condizione di perifericità della Basilicata - si intende veicolare l economia della conoscenza nella società lucana mediante, a monte, una forte integrazione con le politiche sviluppate in tema di ricerca ed innovazione, ed a valle attraverso un estesa e pervasiva diffusione delle tecniche e delle tecnologie proprie della Società dell Informazione all interno dei principali ambiti di intervento del programma operativo (dalle politiche per la mobilità a quelle per lo sviluppo sostenibile, dalle politiche per la competitività produttiva a quelle per l attrattività dei territori, dalle reti idriche a quelle energetiche, ecc.). Pertanto, l Asse II si articola in due obiettivi specifici a loro volta suddivisi in distinti obiettivi operativi (vedi Tabella 1): Asse II.1 - Sostegno alla domanda di innovazione delle imprese finalizzata all innalzamento della competitività del sistema produttivo regionale attraverso il rafforzamento delle reti di cooperazione tra imprese ed organismi di ricerca; Asse II.2 - Diffusione delle nuove tecnologie e dei servizi avanzati connessi all impiego dell ICT, rafforzando i processi di modernizzazione della P.A. e di innovazione delle PMI. 8

9 Tabella 1 ASSE II Obiettivi specifici ed operativi ASSE OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVO SPECIFICO OBIETTIVO OPERATIVO II - SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA Fare della Basilicata una società incentrata sulla economia della conoscenza attraverso il potenziamento della ricerca, la diffusione delle innovazioni e lo sviluppo delle reti ICT II.1 Sostegno alla domanda di innovazione delle imprese finalizzata all innalzamento della competitività del sistema produttivo regionale attraverso il rafforzamento delle reti di cooperazione tra imprese ed organismi di ricerca II.1.1 Incentivazione degli investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale da parte di imprese in collaborazione con organismi di ricerca prevalentemente nell ambito di distretti tecnologici e cluster produttivi II.1.2 Rafforzamento delle attività di trasferimento tecnologico (azioni di assistenza e accompagnamento all innovazione, auditing tecnologico e organizzativo, acquisizione di servizi avanzati) delle innovazioni dal sistema della ricerca a quello delle imprese II.2.1 Potenziamento delle reti regionali dell Information and Communication Technology II.2 Diffusione delle nuove tecnologie e dei servizi avanzati connessi all impiego dell ICT, rafforzando i processi di modernizzazione della P.A. e di innovazione delle PMI II.2.2 Rafforzamento dei processi di innovazione della Pubblica Amministrazione mediante il ricorso alle nuove Tecnologie dell Informazione e Comunicazione II.2.3 Sostegno all innovazione di prodotto e di processo nelle PMI e nelle microimprese mediante il ricorso alle nuove Tecnologie dell Informazione e Comunicazione Asse II Obiettivo specifico II.1 - Imprese In un ottica di promozione dell economia fondata sulla conoscenza e sulla base di programmi di attività condivisi ed a forte impatto strutturante, l obiettivo specifico II.1 mira ad accrescere la propensione delle imprese regionali, ed in modo specifico delle PMI, ad investire nel campo della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale - coerentemente con gli indirizzi formulati nella strategia regionale per la ricerca e l innovazione, secondo gli ambiti prioritari di intervento definiti (osservazione della terra, energia, automotive, agro-biotecnologie, materiali e tecnologie di produzione), in modo da elevare, attraverso l innovazione produttiva, la competitività delle imprese e dei sistemi produttivi locali. Per conseguire detta finalità, in sinergia con il PON Mezzogiorno Ricerca e Competitività (FAS) ed il VII Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell Unione europea, l obiettivo specifico II.1 è volto: Al rafforzamento ed alla qualificazione della domanda di ricerca industriale e sviluppo sperimentale espressa da parte del sistema produttivo lucano ed in particolare delle PMI; 9

10 Alla creazione di legami stabili tra il sistema della RSI ed il mondo della produzione sotto una regia pubblica in grado di garantire la coerenza con le opzioni strategiche regionali in materia; Alla messa a sistema dell intera filiera della ricerca/innovazione/trasferimento tecnologico/ formazione, ecc., in modo da accrescere le sinergie e le interconnessioni tra i vari attori dell offerta regionale; Alla promozione del trasferimento tecnologico in modo da riconnettere, attraverso il potenziamento dei servizi e dei centri di competenza dedicati, in maniera strutturata e stabile l offerta di RSI con la domanda regionale di innovazione e sviluppo tecnologico espressa dal sistema produttivo; Alla costruzione attorno alle eccellenze regionali produttive e scientifiche di piattaforme tecnologiche integrate (distretti tecnologici, poli di innovazione, parchi scientifici, centri di competenza per l innovazione, ecc.) con il diretto coinvolgimento del sistema produttivo in modo da qualificare e potenziare l offerta ed attrarre la domanda anche extraregionale; Allo sviluppo di reti di collaborazione scientifica e tecnologica in modo da consentire l apertura all esterno del sistema regionale di RSI, il suo inserimento fattivo e partecipato in sistemi strutturati di cooperazione a scala nazionale ed internazionale, lo sviluppo di scambi di esperienze, la circolazione dei risultati e la mobilità degli operatori. L Obiettivo specifico II.1 verrà realizzato attraverso i seguenti obiettivi operativi: Obiettivo operativo II.1.1: incentivazione degli investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale da parte di imprese in collaborazione con organismi di ricerca prevalentemente nell ambito di distretti tecnologici e cluster produttivi; Obiettivo operativo II.1.2: rafforzamento delle attività di trasferimento tecnologico (azioni di assistenza e accompagnamento all innovazione, auditing tecnologico e organizzativo, acquisizione di servizi avanzati) delle innovazioni dal sistema della ricerca a quello delle imprese. 10 Beneficiari sono imprese, di preferenza PMI, in partnership con enti ed istituti pubblici e privati specializzati nel settore RSI (Università, istituti di ricerca, centri di competenza nel campo dell innovazione e del trasferimento tecnologico, ecc.). Considerato il contesto regionale caratterizzato dalla debolezza e frammentarietà del sistema produttivo e dalla scarsa presenza di servizi altamente qualificati, l Obiettivo operativo II.1.1 è preordinato al potenziamento ed alla qualificazione della domanda di ricerca attraverso il sostegno a programmi di investimento promossi da imprese lucane, preferibilmente inserite in distretti tecnologici e cluster produttivi, in partenariato con centri ed istituti di ricerca nei campi della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale in grado di tradursi in innovazioni di prodotto e di processo potenzialmente oggetto di trasferimento tecnologico, di cui all Obiettivo operativo II.1.2, in una prospettiva che privilegi la formazione ed il consolidamento di piattaforme scientifico-

11 tecnologiche integrate e la costruzione di reti di cooperazione, a livello nazionale e transnazionale, a partire dalle polarità e reti già presenti in regione Asse II - Obiettivo specifico II.2 - Diffusione dell ICT L obiettivo specifico mira, in via prioritaria, al miglioramento e potenziamento della dotazione di infrastrutture, nel rispetto del principio di neutralità tecnologica, ed attrezzature relative alle reti dell ICT in modo da garantire la copertura dell intero territorio regionale, la connettività delle reti regionali ai network nazionali ed internazionali, l accessibilità e la sicurezza delle reti, ecc.. Inoltre, l obiettivo è finalizzato all ampliamento e diversificazione della gamma dei servizi veicolati attraverso la Società dell Informazione così da assicurare la fruibilità dei servizi online da parte degli utenti (Pubblica Amministrazione, cittadini e comunità, imprese, ecc.), la promozione di servizi digitali avanzati nei contenuti e nelle applicazioni, la diffusione delle competenze professionali e tecniche nel campo dell ICT. In particolare, sono perseguite le finalità di: Contribuire all affermarsi della cittadinanza elettronica attraverso l innalzamento delle abilità e delle competenze degli utenti nell impiego delle nuove tecnologie della informazione e comunicazione, prevedendo di far ricorso in fase di attuazione al principio di flessibilità; Superare l attuale digital divide, concentrando gli interventi dove il fallimento di mercato è comprovato nel rispetto del principio della neutralità tecnologica, garantendo ai residenti adeguati standard di accessibilità alle reti dell ICT (banda larga) ed assicurando, in continuità con gli interventi già in atto, la connettività sicura delle reti regionali a quelle nazionali e transnazionali; Ampliare e qualificare l offerta in rete dei servizi pubblici promuovendo la diffusione delle tecniche e delle tecnologie della Società dell Informazione all interno della Pubblica Amministrazione, favorendo i processi di innovazione organizzativa e procedurale connessi al ricorso all ICT, sostenendo l interoperatività in rete del settore pubblico in armonia con il codice dell amministrazione digitale; Promuovere servizi digitali avanzati, nei contenuti e nelle applicazioni, ed accrescerne la capacità di utilizzo, l accessibilità e la fruibilità attraverso un adeguata promozione dell offerta; Promuovere la domanda di servizi in rete da parte delle PMI, favorendo l integrazione dei fattori produttivi, della ricerca e del capitale umano nella filiera della Società dell Informazione, finalizzata all innovazione digitale, all attrazione di investimenti e all impiego di risorse umane qualificate nel settore ICT. L obiettivo specifico II.2 si articola nei seguenti tre obiettivi operativi: Obiettivo operativo II.2.1: potenziamento delle reti regionali dell ICT; 11

12 Obiettivo operativo II.2.2: rafforzamento dei processi di innovazione della Pubblica Amministrazione mediante il ricorso alle nuove tecnologie dell informazione e comunicazione; Obiettivo operativo II.2.3: sostegno all innovazione di prodotto e di processo nelle PMI e nelle microimprese mediante il ricorso alle nuove tecnologie dell informazione e comunicazione. Rientrano nell Obiettivo operativo II.2.1 gli ambiti di intervento volti a ridurre il digital divide, a promuovere l ammodernamento ed il potenziamento delle attrezzature e degli impianti relativi alle reti dell ICT, ad accrescere la connettività affidabile e sicura delle reti della Società dell Informazione, contribuendo così al superamento dell attuale condizione di perifericità in cui versa la regione. Potranno essere finanziate operazioni comprese nelle seguenti linee di intervento: Completamento, nel rispetto del principio della neutralità tecnologica, della copertura regionale a banda larga nei territori in cui si registra il fallimento del mercato (con priorità per le aree rurali, le zone marginali di montagna, ecc.) attraverso la realizzazione di impianti ed infrastrutture nonché acquisizioni di attrezzature in grado di assicurare standard di accesso e fruibilità tendenzialmente uniformi nell intera regione; Miglioramento degli standard di accessibilità e sicurezza, funzionalità ed operatività della rete mediante l adozione di tecnologie dell informazione e della comunicazione mirate alla finalità di garantire agli utenti residenti i diritti propri della cittadinanza elettronica. I beneficiari dell Obiettivo sono l Ente Regione, gli Enti locali ed altri operatori pubblici specializzati nel settore dell ICT. 12 Rientrano nell Obiettivo operativo II.2.2 gli ambiti di intervento volti a favorire sia la diffusione delle tecniche e delle tecnologie della Società dell Informazione nel settore pubblico attraverso lo sviluppo di moderni servizi in rete che la diffusione della domanda per l utilizzo di tali servizi da parte di cittadini ed imprese. Saranno finanziati progetti ed iniziative volti alla predisposizione ed attivazione di programmi informatici compresi nelle seguenti linee di intervento: Completamento e rafforzamento RUPAR (Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale) attraverso interventi in grado di accrescere l interoperabilità e la cooperazione applicativa nel settore pubblico regionale ricorrendo, ove possibile, al riuso di soluzioni adottate da altre amministrazioni basate su sistemi open source ; Potenziamento e diffusione del sistema di e-government regionale con particolare riguardo agli Enti locali minori situati in aree marginali ed a rischio di isolamento; Attivazione di interventi in linea con gli orientamenti comunitari relativamente alla einclusion ed e-health mirati a ridurre gli svantaggi territoriali e di servizio esistenti che penalizzano individui e comunità (sviluppando, ad esempio, la telemedicina e la tele

13 assistenza) ed a promuovere una più sistematica partecipazione attiva dei cittadini (attivando, ad esempio, gli strumenti di e-democracy, e-government, e-learning, ecc.). I beneficiari dell Obiettivo sono l Ente Regione, gli Enti locali ed altri operatori pubblici specializzati nel settore dell ICT. Rientrano nell Obiettivo operativo II.2.3 gli ambiti di intervento volti a promuovere la diffusione delle tecniche e delle tecnologie della Società dell Informazione all interno del sistema produttivo nonché a favorire la formazione di imprese specializzate nell ambito dei servizi on line (creazione e gestione di portali e banche dati, manutenzione attiva di impianti, attrezzature e reti, ecc.). Potranno essere finanziate iniziative di sostegno ad investimenti produttivi comprese nelle seguenti linee di intervento: Interventi di qualificazione e specializzazione delle imprese di produzione e di servizi operative nel settore delle tecniche e delle tecnologie della Società dell Informazione; Sostegno agli investimenti nel campo dell ICT (e-commerce, applicazione dell ICT nei processi produttivi con particolare attenzione ai cluster di imprese) da parte di PMI in modo da accrescere la capacità competitiva del sistema produttivo. I beneficiari dell Obiettivo sono le imprese di produzione e servizi operanti nel settore dell ICT e le PMI. 1.3 Il ruolo della Regione Basilicata La Regione Basilicata ha identificato nello sviluppo della Società dell Informazione uno degli obiettivi e, al tempo stesso, uno dei motori principali del proprio sviluppo 2. In questa prospettiva nel 2004 è stato stipulato tra il Ministero dell Economia e delle Finanze, la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie, il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e la Regione Basilicata, un Accordo di Programma Quadro (APQ) in materia di Società dell Informazione, poi seguito dalla stipula di ulteriori tre atti integrativi all APQ tra il 2005 e il Seguendo un approccio integrato a sostegno della domanda e dell offerta di servizi telematici avanzati, negli ultimi anni sono stati sviluppati vari progetti in favore della rapida diffusione su tutto il territorio regionale di infrastrutture, strumenti e servizi basati sulle tecnologie dell ICT. Le politiche di intervento, infatti, hanno riguardato diversi ambiti e hanno avuto come beneficiari cittadini, imprese e Pubbliche Amministrazioni Locali. In particolare sono stati effettuati importanti investimenti finalizzati al potenziamento delle infrastrutture telematiche per rinnovare la rete 13 2 Legge regionale n 53 del 04/11/1996.

14 regionale (RUPAR), all erogazione di servizi on-line per i cittadini e le imprese attraverso progetti di e-government, e-learning ed e-health, al sostegno di un ampia e capillare connettività sociale attraverso i progetti Un computer in ogni casa e Internet Social Point, all alfabetizzazione informatica, all incremento della dotazione informatica delle Pubbliche Amministrazioni Locali e delle Associazioni no profit, etc. Sul territorio regionale ancora oggi si evidenziano sensibili ritardi di sviluppo per i settori economici, produttivi e turistici dovuti anche alla impossibilità di accedere alle reti telematiche ad alta velocità. Tale gap tecnologico, più penalizzante nelle aree rurali e montane, è diffuso in tutta la regione risultando maggiore nella provincia di Potenza in considerazione dell orografia del territorio e all elevata presenza di piccoli comuni. La rimozione di tale ostacolo diviene fattore chiave per il superamento del fenomeno dello spopolamento, nonché condizione necessaria per la promozione di efficaci azioni di sviluppo economico e sociale. Il digital divide, pur rappresentando una problematica di carattere nazionale va però affrontata prevalentemente a livello territoriale, in quanto fortemente legata alle peculiarità dei territori interessati al superamento dell attuale condizione di perifericità quale fattore propulsivo di competitività. Più precisamente, con il termine digital divide si indica il divario fra chi abita in zone dove sono disponibili infrastrutture e servizi a banda larga e chi abita in aree remote, ove tali infrastrutture e servizi non sono disponibili. Tale problema è strettamente legato alla difficoltà degli operatori di telecomunicazioni di garantire l evoluzione dei collegamenti telefonici delle famiglie verso infrastrutture a banda larga, che siano disponibili in modo capillare sul territorio. La Regione Basilicata, nella definizione delle strategie relative alla nuova programmazione dei fondi comunitari ha voluto rafforzare e sostenere il ruolo propulsivo connesso allo sviluppo della società dell informazione e dei media, fondato sull'inclusione, quale fattore di sviluppo sostenibile basato sull uso generalizzato delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni (ICT) nella Pubblica Amministrazione, nelle PMI e nelle famiglie. Infatti, come già evidenziato, l obiettivo generale dell Asse II Società della conoscenza del Programma Operativo Regionale è quello di far crescere in Basilicata una società incentrata sulla economia della conoscenza attraverso il potenziamento della ricerca, la diffusione delle innovazioni, lo sviluppo e il rafforzamento delle reti ICT potenziando le tecniche e le tecnologie proprie della società dell informazione. 14 Il ruolo propositivo dell Amministrazione regionale, in questo contesto, è quello della definizione delle linee guida e strategie territoriali per il superamento del digital divide in Basilicata quale strumento di programmazione in cui definire l esatta mappatura della disponibilità di banda larga sul territorio, evidenziando, anche attraverso una negoziazione e incentivazione diretta con gli

15 operatori, le aree di intervento privato e le aree dove l intervento pubblico si rende necessario, attraverso azioni o incentivi diretti a favorire l estensione della copertura. Le azioni sono dirette al sostegno del mercato ed allo sviluppo di reti telematiche a banda larga, wired (fibra ottica) e wireless (senza fili), nelle aree svantaggiate del territorio regionale laddove il fallimento di mercato è comprovato e nel rispetto del principio della neutralità tecnologica. In tale contesto verranno privilegiate azioni finalizzate all abilitazione e alla fruizione di servizi fortemente innovativi, anche attraverso investimenti infrastrutturali che consentano una forte integrazione tra le diverse piattaforme di comunicazione nell ottica della mobilità e della multicanalità. L architettura programmatica, delineata dal presente documento, pone in evidenza la necessità di rendere permanenti nel tempo gli effetti degli interventi del prossimo periodo di programmazione. Infatti, non è soltanto necessario moltiplicare gli sforzi per adeguare le dotazioni delle infrastrutture tecnologiche ai parametri europei, né è sufficiente ampliare le risorse finanziarie disponibili per aumentare la dotazione di reti. Occorre, piuttosto, rafforzare, e se del caso creare, le risorse in grado di collegare al territorio gli effetti positivi determinati dallo sviluppo. La fase di concertazione con le rappresentanze degli Enti territoriali e con gli operatori di telecomunicazione ha permesso la realizzazione partecipata del presente documento valorizzando le esigenze del contesto locale della domanda e dell offerta di servizi a banda larga, la fattibilità tecnica ed economica degli interventi proposti e la condivisione delle strategie d azione. Le linee guida e strategie territoriali per il superamento del digital divide in Basilicata, oltre a delineare il cammino della Regione nei prossimi anni in tale settore, ha come obiettivo generale la definizione delle linee guida strategiche e di indirizzo degli investimenti pubblici nel settore delle infrastrutture tecnologiche a banda larga, nell ottica della complementarietà con le dinamiche del mercato. 1.4 Obiettivi delle linee guida e strategie territoriali per il superamento del digital divide in Basilicata La Regione Basilicata intende partecipare allo sviluppo di un sistema di connettività a banda larga su tutto il territorio per contribuire ad offrire nuove opportunità di sviluppo e far uscire il territorio regionale dall isolamento tecnologico, ricercando: Lo sviluppo socio-culturale, economico e territoriale per la popolazione regionale; La competitività delle imprese; L efficienza e l efficacia della Pubblica Amministrazione. 15

16 A partire dalla constatazione che i progetti finora promossi dalla Regione per portare la banda larga sul territorio erano limitati alla sola Pubblica Amministrazione e che questi difficilmente si sono tradotti in servizio finale per il cittadino, ed al fine di conseguire risultati che vanno in quest ultima direzione, le linee strategiche previste porranno particolare attenzione alle seguenti finalità: Fornire possibilità di accesso distribuito sul territorio al maggior numero possibile di utenti, pubblici e privati, massimizzando le opportunità offerte dalle tecnologie wireless; Favorire una maggiore integrazione e potenziamento del sistema sanitario, universitario e della ricerca, attraverso connessioni dirette e ad altissima velocità alla rete Internet; Porre le basi per rendere disponibili al sistema scolastico regionale le tecnologie e i paradigmi Internet della prossima generazione; Aumentare l interconnessione della Basilicata con i sistemi territoriali confinanti, integrando la regione con il resto del Paese e all interno del contesto internazionale; Aumentare il grado di visibilità delle imprese lucane, consentendo loro di raggiungere (o essere raggiunte) da fornitori di servizi, indipendentemente dalla posizione sul territorio; Aumentare e sostenere il livello dell occupazione in settori innovativi, promuovendo l inserimento di personale con profili tecnici di alto livello; Promuovere lo sviluppo e la fruibilità di servizi ad alto valore aggiunto per il mondo dell associazionismo in generale. Il documento NoDigitalDivide si prefigge l obiettivo di superare il digital divide sul territorio per cittadini e imprese e di assicurare nel contempo adeguata connettività agli Enti e alle sedi della Pubblica Amministrazione. Il documento si svolgerà secondo una duplice programmazione temporale: Superamento del digital divide di prima generazione entro il 2010, per rendere disponibili servizi di connettività a banda larga con livelli prestazionali base (superiori ai 640 Kbps fino ad arrivare ai 4-7 Mbps) all intera popolazione regionale; Superamento del digital divide di seconda generazione entro il 2013, con l aumento delle prestazioni dei collegamenti a banda larga resi disponibili alla popolazione fino ad almeno 20 Mbps. 16 In particolare, la Regione recependo i bisogni del territorio, intende garantire a tutti i cittadini e le imprese del proprio territorio ed alla Pubblica Amministrazione le opportunità di un contesto digitale basato su: Superamento del digital divide attraverso l estensione della banda larga tramite tecnologie ADSL e/o tecnologie alternative (wireless, mobili; satellitari); Estensione delle reti ad alta capacità (maggiore capillarità della fibra ottica) per garantire la migrazione verso i servizi di connettività basati sulle reti di nuova generazione (VDSL, NGN, ecc.).

17 Al fine di agevolare la realizzazione degli interventi per l estensione della banda larga e la riduzione del digital divide, l Amministrazione regionale intende inoltre rimuovere l ulteriore fattore di ostacolo alla diffusione dei servizi a banda larga che è costituito dalle difficoltà che gli operatori spesso incontrano nell ottenere i permessi dagli Enti locali per eseguire i lavori necessari alla posa di infrastrutture in fibra ottica e alla realizzazione dei tralicci per le reti wireless. 1.5 Soggetti coinvolti Le linee guida e strategie territoriali per il superamento del digital divide in Basilicata saranno attuate attraverso il contributo e le sinergie di diversi attori, anche tramite la condivisione di piani, che nell insieme garantiranno il raggiungimento degli obiettivi prefissati: La Regione Basilicata, attraverso il livello decisionale politico e l ufficio Società dell Informazione, che ha la responsabilità dell elaborazione, della gestione e del coordinamento delle strategie regionali per il superamento del digital divide; Infratel Italia S.p.A. - Infrastrutture e Telecomunicazioni per l'italia - società di scopo costituita su iniziativa del Ministero delle Comunicazioni e di Sviluppo Italia con l'obiettivo di favorire lo sviluppo di infrastrutture a banda larga sul territorio nazionale e di ridurre il digital divide, soggetto attuatore di alcune delle iniziative realizzate sul territorio. La società agisce sotto il coordinamento della Regione Basilicata nelle modalità definite dalla Convenzione Quadro (e successive integrazioni) stipulata fra le due istituzioni nel dicembre 2005; Gli Enti locali, attraverso la pianificazione e realizzazione di interventi diretti alla PAL, e la partecipazione alle attività di concertazione e condivisione delle azioni che saranno realizzate con l attuazione del presente documento; Gli operatori di telecomunicazione, attraverso la condivisione dei propri piani di sviluppo e delle logiche di investimento sul territorio, e tramite l attività di negoziazione con la Regione, per la definizione delle aree di intervento autonomo e delle aree dove l intervento pubblico si rende necessario, attraverso azioni o incentivi diretti a favore dell estensione della copertura. 1.6 I contenuti delle linee guida e strategie territoriali Il presente documento si pone l obiettivo di fornire un quadro esauriente delle azioni strategiche e delle modalità di intervento che la Regione porrà in atto al fine di ridurre il digital divide sul territorio per cittadini e imprese e assicurare connettività agli Enti e alle sedi della Pubblica Amministrazione Locale. 17

18 Nella prima parte del documento vengono presentati i più recenti sviluppi in termini di politiche per lo sviluppo della banda larga a livello internazionale e nazionale. Successivamente viene evidenziato lo stato di sviluppo della banda larga in Basilicata, con le problematiche chiave da affrontare. In particolare sono analizzate l offerta di infrastrutture e servizi (backbone, MAN, copertura xdsl, etc.) e la domanda di banda larga e servizi da parte di famiglie, imprese e Pubbliche Amministrazioni Locali, attraverso la presentazione di dati relativi a dicembre In chiusura della prima parte è presentato un quadro degli indicatori di sintesi della Società dell Informazione nella regione. La seconda parte del documento sviluppa le diverse linee strategiche definite dal documento, a partire dagli interventi pubblici realizzati e in via di realizzazione in regione per il potenziamento della rete regionale della Pubblica Amministrazione e la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica da parte di Infratel Italia. In particolare vengono presentati i criteri generali dell intervento pubblico, le linee strategiche di azione, gli strumenti, le modalità e le aree di intervento regionale, evidenziandone i contenuti salienti ed il loro rapporto con l evoluzione del contesto tecnologico. L ultima parte del documento dà una visione degli scenari prospettici delle tecnologie a banda larga, approfondendo inoltre il tema dell utilizzo delle infrastrutture civili e delle possibili sinergie con la realizzazione di infrastrutture di telecomunicazione. E presente infine un allegato sulle tecnologie per la banda larga che intende fornire un quadro d insieme sullo stato dell arte delle tecnologie wired/wireless presenti sul mercato o di prossima introduzione. 18

19 2 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Il documento NoDigitalDivide della Regione Basilicata si colloca all interno di un contesto internazionale e nazionale in evoluzione, caratterizzato da differenti modelli di intervento pubblico volti al superamento del digital divide ed allo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi a banda larga per i cittadini, le imprese e le Pubbliche Amministrazioni. 2.1 Il contesto internazionale Lo sviluppo della Società dell Informazione è indicato dalla Commissione europea come un passo necessario per favorire lo sviluppo economico dei Paesi membri. La disponibilità di servizi a banda larga è considerata la condizione abilitante per l affermazione della Società dell Informazione ed è, quindi, indicata come una delle priorità nella politica dell Unione europea. La Commissione europea, di conseguenza, sta attivamente incoraggiando i Paesi membri ad adottare piani nazionali per la diffusione della banda larga. Gli Stati membri dell UE stanno adottando diverse strategie in materia di banda larga. Tutti concordano sul fatto che lo sviluppo del mercato della banda larga debba essere guidato dal mercato, e che l intervento delle autorità pubbliche è giustificato quando il mercato non può garantire da solo la realizzazione degli investimenti necessari. Le strategie nazionali in materia di banda larga sono rivolte, pertanto, ad assicurare la copertura delle zone ancora scarsamente servite e a stimolare la domanda. In ambito europeo si stanno dunque studiando e realizzando interventi per estendere la copertura delle infrastrutture a banda larga anche nelle zone più remote e nelle aree rurali. In alcuni casi, si è fatto ricorso ai fondi strutturali dell'ue per incentivare la realizzazione di infrastrutture a banda larga. In altri casi, l intervento è consistito nell'aggregazione della domanda del settore pubblico, in modo da rendere economicamente più sostenibili gli investimenti nelle aree remote. Le autorità pubbliche, inoltre, svolgono un ruolo fondamentale nello stimolare la domanda di banda larga, fornendo un numero sempre maggiore di servizi in rete a cittadini e imprese. Dal punto di vista cronologico, il Regno Unito è stato il precursore, con il primo progetto approvato dalla Commissione nel 2003 (Cumbria Broadband Project Access). La Francia si è affiancata successivamente, seguita via via dagli altri Paesi. Il Parlamento europeo ha approvato il 19 giugno 2007 una Risoluzione sulla messa a punto di una politica europea in materia di banda larga 3. Nella Risoluzione si constata come gli orientamenti strategici comunitari in materia di coesione per il considerano prioritario garantire la disponibilità di infrastrutture ICT e di servizi collegati qualora il mercato non li fornisca a prezzi accessibili cfr. 2006/2273 (INI).

20 Il Parlamento europeo rileva che le autorità pubbliche possono svolgere un ruolo importante per quanto riguarda la promozione dell'introduzione di reti a banda larga e ritiene che esse dovrebbero prendere in considerazione misure volte ad incoraggiare la domanda e gli investimenti in infrastrutture. L Istituzione comunitaria ribadisce altresì che gli investimenti pubblici in infrastrutture non devono distorcere i meccanismi di mercato né essere discriminatori nei confronti delle imprese private. L intervento pubblico a sostegno dello sviluppo di infrastrutture a banda larga può avvenire secondo diverse modalità, con differenti implicazioni in termini di impatto sulla concorrenza e compatibilità con il regime sugli Aiuti di Stato. Nonostante i singoli progetti possano differire significativamente, nella prassi della Commissione possono individuarsi due tipologie di intervento, sufficientemente generali da poter ricomprendere tutti i progetti finora sottoposti alla sua valutazione: Interventi per l offerta di servizi infrastrutturali, in cui il soggetto pubblico supporta la creazione di un infrastruttura a banda larga, che viene successivamente messa a disposizione di tutti gli operatori su basi non discriminatorie. L infrastruttura resta di proprietà pubblica e la sua gestione è affidata in concessione, tramite gara pubblica, ad un soggetto indipendente che non offre servizi agli utenti finali, ma solo servizi infrastrutturali (fibra spenta) e servizi wholesale; Interventi per l offerta di servizi agli utenti finali, in cui l operatore, selezionato mediante gara pubblica, non solo ha l onere di realizzare l infrastruttura e di offrire servizi infrastrutturali e wholesale, ma ha esso stesso l obbligo di offrire servizi all utenza finale. È lasciata all operatore selezionato la facoltà di scelta in merito alla modalità di realizzazione dell infrastruttura e la proprietà resta di norma in capo al medesimo operatore. In relazione alla prima tipologia di intervento (offerta di servizi infrastrutturali), l uso di risorse pubbliche, per finanziare progetti infrastrutturali, non ricade nell applicazione della disciplina sugli Aiuti di Stato, in quanto destinato al finanziamento di un Servizio di Interesse Economico Generale (SIEG), che deve essere rivolto alla soddisfazione di un interesse generale, più ampio di quello associabile allo svolgimento di una mera attività economica. Le condizioni affinché il finanziamento pubblico di un SIEG sia compatibile con la disciplina europea sulla concorrenza sono state stabilite, in via generale, dalla Corte di Giustizia Europea nella Sentenza Altmark 4. La Commissione europea ha applicato per la prima volta i principi della Sentenza Altmark alla valutazione di interventi pubblici per l infrastrutturazione a banda larga, relativamente al progetto francese Pyrenees-Atlantique 5. Il progetto Pyrenees-Atlantique è successivamente diventato il modello di riferimento per la Francia. Tra gli altri Paesi Europei, l Irlanda e Olanda hanno provato ad implementare un modello analogo. In entrambi i casi, tuttavia, la Commissione ha ritenuto che 20 4 Cfr. Case C-280/00, Altmark Trans, ECR Cfr. Case N 381/2004, C (2004), 4343 final.

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli