PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013."

Transcript

1 Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE ASSE 4 - MISURA 411 azione 7 VALORIZZAZIONE DEI MERCATI AGRICOLI IN AREA LEADER DI PARMA E PIACENZA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO Area Leader Province di Parma e Piacenza Approvazione avviso delibera del Comitato Esecutivo Leader del 16/05/2013

2 Avviso pubblico Valorizzazione dei mercati agricoli in Area Leader di Parma e Piacenza Premessa Con il presente Avviso il Gal Soprip disciplina l attuazione, per il periodo , degli interventi previsti nel Piano di Azione Locale (di seguito PAL) Misura 411, Azione 7 Valorizzazione dei mercati agricoli secondo i contenuti definiti nel PAL medesimo e derivati dal Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna (di seguito PSR). Le attività ricadenti nella Misura 411 Azione 7, intendono sostenere interventi mirati alla valorizzazione delle risorse endogene del territorio. 1. Misura e Azione di riferimento PSR , Asse 4, Misura 411, Azione Riferimenti normativi I riferimenti normativi sono: - Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 della Regione Emilia Romagna e Reg. (CE) 1698/ Obiettivi Il presente Avviso si pone l obiettivo di favorire la commercializzazione delle produzioni tipiche del territorio dell Appennino di Parma e Piacenza attraverso: 1. incentivi per l organizzazione della vendita dei prodotti agricoli nei farmer market presenti sul territorio. 2. organizzazione e valorizzazione di farmer market o mercati contadini locali attraverso l allestimento ed l organizzazione di aree e spazi mercatali destinati alla vendita diretta di prodotti agricoli ed agroalimentari locali. 4. Descrizione dell azione Gli interventi previsti riguardano due tipologie di investimento: interventi materiali: - acquisto di attrezzature da utilizzare nei farmers market (tenso-strutture, arredi per gli stands,ecc.); - adeguamento e miglioramento di spazi pubblici, all aperto e/o al chiuso da destinare a sede di mercati agricoli (lavori edili di ampliamento adeguamento miglioramento spazi ecc.) ; 2

3 - adozione, adeguamento e miglioramento di attrezzature pubbliche destinate al mercato ( quali corpi illuminanti, colonnine per fornitura di energia elettrica agli stands, cartellonistica,ecc.); tali interventi possono essere realizzati esclusivamente in aree mercatali comunali; interventi immateriali: - progettazione e realizzazione di campagne di comunicazione e promozione dei mercati agricoli: acquisto spazi pubblicitari sugli organi di informazione locali, materiale pubblicitario stampato, pubblicità sui siti internet ecc.) nella misura massima del 20% dell investimento complessivo; - progettazione dell intervento nella misura massima del 10% dell investimento complessivo. 5. Beneficiari Possono beneficiare degli aiuti previsti i Comuni interamente ricadenti in area Leader di Parma e Piacenza, così come elencati al successivo punto 8, imprese agricole singole e associate, Associazioni di imprese agricole. I Comuni al momento di presentazione della domanda, devono già organizzare un mercato agricolo realizzato secondo gli standard ed i requisiti previsti nel Decreto 20/11/2007 in attuazione dell art. 1 del comma 1065 della legge n. 286 sui mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli nonché preferibilmente coerenti con le Linee guida delle funzioni dei comuni in materia di istituzione e autorizzazione allo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli redatte dal Servizio Agricoltura Regione Emilia Romagna (ai sensi del Decreto del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del 20 novembre 2007 in attuazione dell art. 1, comma 1065 della Legge n. 286) oppure intendono realizzare, nell arco dei successivi 12 mesi dalla data di presentazione della domanda relativa al presente Avviso, un mercato agricolo periodico che dovrà essere attuato secondo gli standard ed i requisiti sopra previsti. 6.Tipologie di spese ammesse In riferimento e in stretta connessione con le Tipologie di investimento di cui al punto 4, sono considerati ammissibili le seguenti tipologie di spese: Spese per l acquisizione di impianti ed attrezzature ( ad esempio piccoli impianti, macchinari e attrezzature anche informatiche), arredi per l allestimento di locali ( ad espositori, vetrine, banconi ecc.) strettamente necessari e finalizzati alle attività previste dal progetto 3

4 Spese per piccoli interventi edili finalizzati ad adeguare i locali attrezzati quali vetrine e punti vendita, nonché finalizzati ad adeguare i locali esistenti all interno di edifici utilizzati per la realizzazione di piccoli laboratori di trasformazione artigianale dei prodotti agricoli locali, Spese per l acquisto ed installazione di cartellonistica promozionale turistica Spese per l acquisizione di strutture espositiva e di attrezzature necessarie per la vendita nell ambito dei mercati contadini/farmers market; in particolare saranno ammissibili le spese per l acquisizione del gazebo, di dimensioni standard, acquisto di tende e tendalini necessari per il gazebo, tovaglie e analoghe attrezzature, materiale adesivo o analogo da apporre sul tendalino, necessari per garantire l immagine coordinata del mercato contadino Spese per l adeguamento delle aree mercatali pubbliche ( spese ammissibili solo per i beneficiari pubblici che dimostrino di avere titolo di proprietà e/o la concessione d uso dell area destinata ad ospitare il mercato contadino e solo se ubicate in area Leader di cui al punto 10) Spese per investimenti materiali necessari per dotare i locali dei necessari servizi /utenze (quali spese per connessioni alla rete internet ad alta velocità o ADSL, allacciamento alle rete elettrica, idrica, gas, spese per l adozione di procedure e sistemi di sicurezza e per il rispetto delle normative in termini di igiene e sicurezza, spese per interventi necessari per adeguare i locali alle necessità di portatori di handicap: in tutti i casi le spese saranno ammissibili solo in misura strettamente necessaria e collegata con i locali oggetto dell intervento e commisurato all allestimento e all organizzazione delle vetrine e/o punti vendita e/o del laboratorio artigianale Spese per l attività di promozione, comunicazione e marketing e realizzazione di materiale promozionale, spese per la realizzazione di strumenti promozionali di promo-commercializzazione, quali brochures, folders promozionali, creazione/implementazione di siti web ecc. nella misura massima del 20% del costo complessivo del progetto. (NB: Si ricorda che le spese per attività di promozione possono coprire solo spese per prototipi e non per le copie) Spese generali e tecniche per la progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi, per un massimo del 10% della spesa ammissibile Spese per la realizzazione dei materiali (targhe e cartelli) ai fini dell adempimento degli obblighi informativi di cui al Reg. CE 1974/2006 nei limiti stabiliti dalla deliberazione della Giunta Regionale n. 1077/2010. Tutte le spese di cui sopra devono essere pertinenti con le attività previste dal progetto e rispondenti agli obiettivi dell azione/intervento. Le modalità di effettuazione della spesa devono essere conformi a quatno disposto nelle Linee Guida sull ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale e interventi analoghi pubblicate dalla Direzione generale dello sviluppo rurale del MIPAAF. In particolare tali spese devono rispondere ai requisiti di verificabilità e controllabilità previsti nel paragrafo

5 I beneficiari dovranno rispettare le disposizioni in materia di pubblicità e gli obblighi in materia di informazioni di cui al Reg. CE 1974/2006, secondo quanto stabilito dalla Delibera di Giunta regionale n. 1077/ Spese non ammissibili Non sono ammissibili le seguenti spese: L acquisto di diritti di produzione, diritti di reimpianto vigneti L acquisto di animali L acquisto di piante annuali e loro messa a dimora L acquisto di dotazioni usate e in generale investimenti di sostituzione L acquisto di terreni, fabbricati e la costruzione di nuove abitazioni La costruzione di strutture/l acquisto di attrezzature non strettamente funzionali alle finalità del bando e agli interventi previsti e finalizzati a investimenti di mera sostituzione L acquisto di veicoli Gli investimenti destinati ad adeguare i beni oggetto dell intervento a normative in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali, i cui termini di adeguamento siano scaduti ( ad es. ambientali, di sicurezza sul lavoro, igienico-sanitarie) Gli interventi relativi all acquacoltura di cui al Reg. (CE) n.1198/2006 Gli interventi riferiti all agriturismo Le manutenzioni ordinarie di immobili aziendali inclusi quelli destinati ad uso abitativo e le manuntezioni straordinarie di immobili ad uso abitativo; gli acquisti effettuati in data uguale o precedente alla data di presentazione della domanda d aiuto ai sensi della R.R. n. 15/97, art. 16 comma 2,3; in più in generale non sono ammissibili gli interventi di manutenzione ordinaria, ampliamenti o nuova costruzione e non sono pertanto ammissibili spese relative alla realizzazione di nuove unità o nuovi locali Il costo dell IVA ed altre imposte e tasse Gli interessi passivi Gli investimenti finanziati da altri interventi pubblici Gli investimenti non riconducibili alle finalità dell intervento finanziato Le opere realizzate o attrezzature acquistate prima della presentazione della domanda. 8. Entità dell aiuto L aiuto consiste in: 5

6 - un contributo in conto capitale pari all 80% della spesa ammissibile per i Comuni e gli Organismi portatori di interessi collettivi - un contributo in conto capitale al 40% della spesa ammissibile per le imprese agricole singole ed associare e le Associazioni di imprese agricole. Non sono in ogni caso ammissibili le domande con una spesa ammissibile inferiore a La spesa massima ammissibile è pari a Requisiti e adempimenti Per beneficiare dei contributi previsti, i richiedenti devono possedere e rispettare i requisiti e le condizioni di accesso prescritte nel presente bando. La mancanza anche di uno solo dei requisiti costituisce motivo di non ammissibilità. Si intende per mancanza anche il conseguimento del requisito in un momento successivo alla presentazione della domanda di aiuto. I beni acquistati e le opere realizzate sono soggette al vincolo di destinazione d uso secondo quanto previsto dall art. 19 della L.R. n. 15/1997 e cioè quinquennale per i beni mobili e decennale per i beni immobili. In caso di mancato rispetto di tale vincolo, si applicano le disposizioni stabilite dalla medesima L.R. n. 15/1997. Il beneficiari,inoltre, ha l obbligo di assicurare la manutenzione di tutti gli interventi per tutto il periodo di durata dell impegno al fine di mantenere in funzione, in efficienza e in buono stato di conservazione i medesimi interventi. 10. Aree di applicazione Area Leader Provincia di Piacenza: Bettola, Bobbio, Caminata, Cerignale, Coli, Corte Brugnatella, Farini, Ferriere, Gropparello, Lugagnano Val d Arda, Morfasso, Nibbiano, Ottone, Pecorara, Pianello Val Tidone, Piozzano, Ponte dell Olio, Travo, Vernasca, Zerba, Ziano Piacentino. Area Leader Provincia di Parma: Albareto, Bardi, Bedonia, Berceto, Bore, Borgo Val di Taro, Calestano, Compiano, Corniglio, Fornovo di Taro, Lesignano dè Bagni, Monchio delle Corti, Neviano degli Arduini, Palanzano, Pellegrino Parmense, Solignano, Terenzo, Tizzano Val Parma, Tornolo, Valmozzola, Varano de Melegari, Varsi. 11. Risorse disponibili Il presente Avviso ha una disponibilità complessiva di ,00. 6

7 Al fine di assicurare il pieno utilizzo dei fondi recati dal PSR, il suddetto importo potrà essere integrato in presenza di eventuali nuove assegnazioni di risorse o a fronte di economie maturate dal Gal Soprip su azioni delle Misure 411 dell Asse 4, fermo restando il rispetto delle necessarie procedure di autorizzazione regionale sulla destinazione delle risorse medesime. Eventuali economie derivanti dalla non completa realizzazione di domande ammesse al finanziamento o da rinunce, potranno essere utilizzate per finanziare le domande ammesse ma non finanziate per mancanza di disponibilità finanziaria. 12. Presentazione delle domande Le domande di aiuto devono essere presentate successivamente alla data di pubblicazione del presente Avviso sul sito a partire dal 09/08/2013 entro il termine perentorio del 09/10/2013 utilizzando il Sistema Operativo Pratiche (SOP) secondo le procedure e le modalità indicate dall Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l Emilia Romagna disponibili sul sito che prevedono : - compilazione elettronica con protocollo su SOP presso un CAA; oppure - compilazione semi elettronica con protocollazione presso il Gal Soprip. Le domande pervenute oltre i termini stabiliti saranno escluse dall accesso agli aiuti di cui al presente Avviso. Le domande di aiuto devono essere inoltrate al Gal Soprip Via Sandro Pertini 10/c Parma e devono essere corredate dalla documentazione di cui al successivo punto 11, pena l inammissibilità della domanda. 13. Progetto e documentazione da allegare Le domande di aiuto, di cui al paragrafo precedente, devono essere corredate di una copia del progetto elaborato secondo le indicazioni di seguito riportate. Il progetto, corredato da tutte le informazioni utili per lo svolgimento delle attività istruttorie e per l attribuzione dei punteggi di cui al successivo paragrafo 15, deve essere supportato dai seguenti documenti: 1. relazione generale con la quale si definiscono: a) le finalità del progetto; b) la coerenza con gli obiettivi generali della Misura e quelli specifici dell azione; c) la coerenza con gli strumenti di programmazione territoriale vigenti nell area in cui insiste il progetto, in particolare con i contenuti del Programma rurale integrato provinciale

8 2. relazione tecnica che riporti: a) descrizione del mercato agricolo attualmente realizzato, sua ubicazione, cadenza periodica, n. espositori, mq occupati; b) descrizione analitica degli interventi e degli investimenti che si intendono realizzare tra quelli previsti; al fine di determinare il vincolo di destinazione d uso di cui alla L.R. n. 15/97, per ogni investimento il richiedente deve indicare se si tratta di un investimento fisso o mobile ; c) copia del regolamento comunale e del disciplinare del mercato agricolo attualmente in vigore relativamente ai mercati già in essere o bozza del regolamento comunale e del disciplinare che verranno adottati nel mercato agricolo che verrà realizzato nei successivi 12 mesi dalla data di presentazione della presente domanda ; d) esclusivamente per gli investimenti fissi, il computo metrico estimativo dei lavori previsti, calcolato secondo le modalità di cui al successivo paragrafo 12, nonché i titoli abilitativi; e) il piano dettagliato delle operazioni di manutenzione che si intendono assicurare per tutto il periodo di impegno, così come previsto dal precedente paragrafo 7; f) copia del titolo di proprietà o titolo di possesso degli immobili/dell area oggetto di intervento, per una durata almeno pari al vincolo di destinazione disposto dall art. 19 della L.R. n. 15/1997 con riferimento alla tipologia degli interventi da realizzare (es. copia del contratto di affitto o comodato gratuito registrato); sono comunque ammessi contratti con durata inferiore al vincolo di destinazione, se prevedono clausola di tacito rinnovo atto a garantire il vincolo medesimo; 3. cronoprogramma redatto in relazione alla tipologia e all importo degli investimenti da realizzare, con espressa previsione del termine per l ultimazione dei lavori. Tutta la documentazione tecnica deve essere allegata alla domanda e debitamente sottoscritta dal richiedente. Nei casi previsti, tale documentazione deve essere predisposta e firmata da un professionista abilitato ed iscritto all Albo. 14. Congruità della spesa Per la verifica della congruità della spesa si fa riferimento a quanto previsto nei seguenti punti: In caso di acquisto di macchinari, attrezzature, allestimenti, materiale promozionale, acquisizioni di consulenze e servizi di assistenza tecnica si dovranno allegare almeno tre preventivi su carta intestata, firmati in originale di altrettante ditte fornitrici specializzate ed in concorrenza tra loro, omogenei per oggetto, con quadro di raffronto che giustifichi la scelta effettuata; Computo metrico estimativo calcolato adottando i prezzi unitari previsti per analoghi interventi nell elenco prezzi per opere di miglioramento fondiario approvato dalla Giunta Regionale in vigore dalla data di pubblicazione del presente avviso. Per i lavori non previsti 8

9 nel prezzario di cui sopra deve essere adottato il prezzario della Camera di Commercio della provincia di appartenenza. Per opere, strutture e/o impianti non riconducibili ai suddetti prezzari, dovranno essere forniti almeno tre preventivi di ditte in concorrenza su carta intestata e firmati in originale con allegata relazione tecnico-economica che evidenzi la scelta effettuata. 15. Criteri di priorità e selezione progetti Gli interventi proposti saranno valutati in merito alla congruità del progetto con gli obiettivi del presente Avviso e applicando i seguenti criteri di valutazione distinti per le due tipologie di beneficiari: Aziende agricole singole ed associate: - adozione di tecniche e materiali innovativi in funzione di una riduzione dell impatto ambientale e/o di una riduzione di costi; punti 40 - inerventi integrati ed articolati che coinvolgono più soggetti e più comparti produttivi finalizzati all arricchimento e all innovazione di servizi offerti anche al fine di raggiungere specifici segmenti di mercato punti 30 - relazione tecnico progettuale che esprima coerenza tra lo stato dell arte esistente, le problematiche rilevate, gli obiettivi del progetto, le attività da realizzare, i risultati attesi, i costi totali. Punti 20 A parità di punteggio, nell ordinamento delle graduatorie quale criterio di precedenza la figura dell imprenditore donna nella ditta individuale, mentre per le società si valuterà la - composizione minima con prevalenza femminile secondo la seguente casistica: - Nelle società di persone dovranno essere imprenditrici almeno il 33% con approssimazione sempre al numero superiore di soci; - Nelle società di capitale la presenza femminile dovrà essere in alternativa: a) in capo all amministratore unico ove previsto; b) in capo al 33% dei membri del consiglio di amministrazione ivi compreso l amministratore delegato nel caso l ordinamento societario preveda tale figura, con approssimazione sempre al numero superiore. Dette condizioni dovranno essere mantenute per almeno 5 anni, calcolati dalla data di adozione dell atto di liquidazione del saldo del contributo, anche in caso di avvicendamenti. Nel caso di ulteriore parità avranno priorità le istanze presentate dal conduttore più giovane: - Nel caso di società di persone si farà riferimento all età del socio più giovane; - Nel caso di società di capitale si farà riferimento all età dell amministratore delegato (ove previsto) o del componente più giovane del consiglio di amministrazione. 9

10 Si stabilisce come criterio di precedenza la maggior entità dell investimento ammissibile; nel caso di ulteriore parità si procederà a sorteggio alla presenza degli interessati. Comuni, organismi portatori di interessi collettivi - Interventi in aree rurali con problemi complessivi di sviluppo; punti 40 - Interventi in aree rurali intermedie punti 30 - adozione di tecniche e materiali innovativi in funzione di una riduzione dell impatto ambientale e/o di una riduzione di costi punti 20 - relazione tecnico progettuale che esprima coerenza tra lo stato dell arte esistente, le problematiche rilevate, gli obiettivi del progetto, le attività da realizzare, i risultati attesi, i costi totali punti Competenza dei procedimenti istruttori Al fine dell espletamento dei procedimenti istruttori è individuato unico Ente competente il Gal Soprip. 17. Istruttoria delle domande, approvazione della graduatoria e concessione degli aiuti Entro 60 gg dalla scadenza del presente avviso, il Gal Soprip provvederà ad effettuare l istruttoria di ammissibilità tecnica delle domande pervenute e ad approvare con specifico atto formale del Comitato Esecutivo Leader le graduatorie secondo i criteri indicati al punto successivo. Le domande risultate ammissibili saranno ordinate in un unica graduatoria. Nel medesimo atto saranno riportati: - entità delle spese ammissibili e degli aiuti concedibili; - domande pervenute e non risultate ammissibili. Entro 15 gg dall approvazione della graduatoria, si provvederà all assunzione degli atti di concessione degli aiuti nel rispetto della graduatoria approvata e nei limiti delle disponibilità finanziarie e alla relativa notifica al beneficiario. Nella notifica di concessione dell aiuto saranno indicati: - importo della spesa massima ammessa; - percentuale di aiuto e relativo importo; - termine di fine lavori (massimo 12 mesi dalla data di notifica di concessione dell aiuto); - eventuali prescrizioni tecniche vincolanti atte a garantire che il progetto realizzi pienamente gli obiettivi dell Azione. La graduatoria sarà utilizzata fino all esaurimento delle risorse destinate all attuazione del presente Avviso e comunque avrà validità fino al termine ultimo per adottare provvedimenti di impegno delle risorse pubbliche del PSR disposto dalla Regione. 10

11 18. Ammissibilità delle spese Per quanto riguarda l ammissibilità delle spese si rinvia: - all art. 71 del Reg. (CE) n. 1698/2005 e ai contenuti del documento Linee guida sull ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale e a interventi analoghi realizzato dalla Direzione generale dello sviluppo rurale del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ed approvate dalla Conferenza Stato Regioni il , con specifica esclusione dei capitoli: 2.3 Acquisto di materiale usato ; 2.4 Acquisto di terreni ; 2.5 Acquisto di beni immobili ; 2.10 Leasing ; Fondi di garanzia. - a quanto prescritto nel PSR, al paragrafo Altri requisiti generali comuni a più misure, per quanto riguarda nello specifico: a) pagamento di anticipi per il sostegno agli investimenti; b) elegibilità dell IVA; c) materiale usato di sostituzione; d) spese generali. In ogni caso non sono ammesse spese per la gestione e la manutenzione degli investimenti. 19. Realizzazione degli interventi Gli investimenti previsti dovranno essere terminati entro il periodo massimo di 12 mesi dalla data di concessione dell aiuto, fatto salva l eventuale proroga di cui al successivo paragrafo 18. I beneficiari dovranno dare adeguata informazione e pubblicità sul sostegno ricevuto secondo quanto disposto dall All. VI del Reg. (CE) 1974/2006 e dalla delibera della giunta Emilia Romagna all indirizzo internet 20. Proroghe E ammessa la presentazione di un unica istanza di proroga, a condizione che la realizzazione degli interventi avvenga entro e non oltre 90 giorni dalla data prevista di fine lavori, pena la revoca del contributo concesso. L istanza di proroga deve essere presentata entro la data prevista di fine lavori e deve essere debitamente motivata. In tal caso il beneficiario è tenuto a presentare, entro i 30 giorni successivi alla nuova data di fine lavori, la rendicontazione delle spese sostenute, pena la revoca del contributo concesso. Il Gal Soprip si riserva di accogliere la richiesta di proroga in relazione alla compatibilità con il raggiungimento degli obiettivi finanziari fissati dalla Regione per evitare il disimpegno delle risorse comunitarie da parte della Commissione Europea. 11

12 21. Varianti E ammessa la presentazione di una sola variante al progetto, purchè debitamente motivata. La variante può essere realizzata solo dopo la sua autorizzazione con atto formale del Gal Soprip. In ogni caso le modifiche proposte non devono: a) contrastare con le finalità della Misura 411 e dell azione 7; b) comportare il superamento dell importo complessivo del finanziamento approvato; c) comportare lo spostamento della data prevista di fine lavori, oltre quanto disposto dal paragrafo Domande di pagamento e rendicontazione delle spese L aiuto potrà essere erogato con la seguente modalità: - soluzione unica a saldo, determinato con il verbale di accertamento di avvenuta esecuzione dei lavori, subordinatamente all inoltro della domanda di pagamento a saldo. AGREA effettuerà le erogazioni, previa approvazione e trasmissione dei relativi elenchi di liquidazione. Il beneficiario, entro 90 giorni dal termine fissato per la conclusione dei lavori, deve presentare al Servizio Agricoltura della Provincia di riferimento la domanda di pagamento a saldo unitamente alla richiesta di accertamento finale di avvenuta esecuzione degli interventi. La domanda dovrà essere corredata della seguente documentazione: a) stato finale dei lavori; b) fatture debitamente quietanzate, accompagnate dalla documentazione comprovante l avvenuto pagamento; c) collaudo statico (Legge n. 1086/71) se necessario; d) verbale di regolare esecuzione delle opere se necessario; e) dettagliato resoconto delle spese sostenute e computo metrico consuntivo delle opere realizzate con specifici riferimenti ai prezzi e alle voci del prezzario utilizzato a preventivo nonché alle fatture quietanzate di cui al punto b); In sede di accertamento finale si procederà a verificare: - che siano state rispettate le prescrizioni, gli obblighi ed i vincoli previsti dal presente Avviso e dalla notifica di concessione d aiuto; - che tutte le opere e gli acquisti siano stati regolarmente attuati; - che la rendicontazione finale sia completa di tutti i documenti richiesti; - che le spese rendicontate siano congrue rispetto al computo metrico estimativo ed ai preventivi presentati; 12

13 - che non siano presenti vizi formali non sanabili. Il beneficiario deve mettere a disposizione tutta l ulteriore documentazione tecnica, amministrativa e fiscale che venga ritenuta necessaria ai fini della verifica della corretta realizzazione dell intervento. Esperite le verifiche finali relative agli interventi realizzati, si procederà ad assumere gli atti formali necessari per la liquidazione e a trasmettere i relativi elenchi ad AGREA. L erogazione da parte di AGREA avverrà subordinatamente all esecuzione dei dovuti controlli e previo accertamento dell esecuzione delle opere ed approvazione della documentazione tecnica, amministrativa e contabile inerenti i lavori effettuati. Tali controlli saranno effettuati da AGREA o da soggetti da essa delegati. 23. Tracciabilità dei pagamenti Tutti i pagamenti inerenti il progetto finanziato devono essere effettuati esclusivamente tramite bonifico o ricevuta bancaria, bancomat, carta di credito, assegno, bollettino o vaglia postale secondo quanto indicato al paragrafo 2.13 delle Linee guida sull ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale e a interventi analoghi, di cui all intesa sancita in sede di Conferenza Stato Regioni. Non è mai ammesso il pagamento in contante. La documentazione di spesa effettuata deve essere riconducibile al beneficiario della domanda e documentatamente riscontrabile. Dovrà inoltre essere garantita l ottemperanza a quanto dettato dagli obblighi previsti dalla Legge 136/2010 e successive modifiche sulla tracciabilità, nonché la legge 217/2010 Capo III, sulla tracciabilità dei flussi finanziari e pertanto sarà richiesto ai beneficiari dei contributi la trasmissione formale del conto dedicato, in cui dovrà essere indicato il codice unico di progetto (CUP) che sarà rilasciato alle imprese dal GAL stesso al momento della notifica della concessione del contributo. In base alle Linee guida per l utilizzo del CUP è necessario che l Amministrazione e gli Enti pubblici che realizzano il progetto richiedano il CUP ed a presentazione della domanda d aiuto dovranno comunicare tale codice al GAL per l inserimento nel sistema SOP Questo codice, oltre ad apparire nel modello in cui il beneficiario comunica il proprio conto corrente dedicato, dovrà essere inserito in tutte le transazioni che riguardano il progetto (pagamenti del beneficiario verso terzi a fronte della fornitura di beni o servizi o altre prestazioni necessarie alla realizzazione del progetto). 24. Modalità di controllo I controlli tecnici ed amministrativi e le eventuali sanzioni sono disciplinati dal Regolamento (UE) n. 65/2011 che stabilisce modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 1698/05 del Consiglio per 13

14 quanto riguarda l attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le Misure di sostegno dello sviluppo rurale. La procedura operativa di dettaglio sulle modalità di attuazione e le tipologie di controllo applicabili è definita da AGREA cui compete, ai sensi del par del PSR l effettuazione dei controlli previsti dalla normativa comunitaria. Si prevede l esecuzione di una serie di controlli (riassunti in apposite check list allo scopo predisposte), sia di carattere amministrativo sia tecnico, sulla base della documentazione pervenuta ed attraverso sopralluoghi, in modo tale da verificare il rispetto delle condizioni di concessione degli aiuti previste e dei relativi impegni assunti. I controlli saranno finalizzati all accertamento: a) dell ammissibilità delle domande ( fase di istruttoria a cura del Gal); b) controlli amministrativi sul 100% delle domande pervenute e sulle dichiarazioni sostituive di certificazioni e di atto notorio ad esse allegate; c) controlli in loco a campione e della corrispondenza sul territorio di quanto dichiarato, su almeno il 5% delle domande; d) del rispetto dei vincoli e degli obiettivi progettuali (fase di rendicontazione controlli eseguiti da AGREA o dall Organismo da essa delegato); e) controllo amministrativo del rispetto delle condizioni di progetto, dei vincoli e delle eventuali prescrizioni impartite, sulla base delle domande di pagamento pervenute, sul 100% dei progetti finanziati (saldo); f) controllo in loco a campione su un numero di progetti che rappresenti almeno il 5% della spesa; g) dell avvenuta realizzazione dei lavori ( fase di controllo ex post sugli impegni assunti); h) controllo in loco a campione, in merito alla realizzazione dei lavori nel rispetto delle condizioni di progetto e delle eventuali prescrizioni impartite, su almeno il 5% dei progetti finanziati. I controlli in loco vengono effettuati su un campione estratto dall Organismo pagatore in base ad un analisi di rischio, così come previsto dal Reg. (CE) 65/2011. In sede di accertamento finale, il beneficiario ha l obbligo di mettere a disposizione tutta la documentazione, sia tecnica sia amministrativa, necessaria ai fini della verifica della corretta realizzazione degli interventi. Il campione dei beneficiari da sottoporre a controlli sarà estratto con procedura tale da assicurare la più completa casualità, ferma restando l individuazione di classi di rischio. Tutte le operazioni di controllo saranno verbalizzate ed i relativi esiti saranno recepiti in apposito atto formale del Responsabile del procedimento. Gli esiti dei controlli negativi anche parzialmente saranno comunicati ai diretti interessati con raccomandata A/R. 14

15 25. Revoche e sanzioni I contributi concessi, anche se già erogati, sono revocati qualora il soggetto beneficiario: a) non realizzi l intervento entro i termini stabiliti; b) non rispetti gli obblighi ed i vincoli imposti, fatto salvo quanto previsto dall art. 19 comma 2 della L.R. 15/1997; c) fornisca indicazioni non veritiere tali da indurre il Gal in grave errore; d) realizzi opere difformi da quelle autorizzate; e) non ottemperi a specifiche prescrizioni previste nel presente Avviso e nei singoli atti di concessione; f) non raggiunga gli obiettivi in relazione ai quali i contributi sono stati concessi. Si precisa inoltre che la mancata esecuzione delle attività dopo la comunicazione di ammissione all aiuto comporta la revoca dell aiuto stesso e l impossibilità di presentare al Gal altre domande di aiuto relative alla Misura/Azione di riferimento per tutta la programmazione del PSR La revoca del contributo comporta l obbligo della restituzione delle somme percepite, con interesse calcolato a tasso legale, maggiorato di quattro punti a titolo di sanzione amministrativa, nonché l esclusione fino a cinque anni da ogni agevolazione in materia di agricoltura, ai sensi del art. 18 comma 3, L.R. 15/1997. In sede di liquidazione a saldo del contributo sarà applicata una sanzione pari a: - 1% del contributo concesso per ogni giorno di ritardo nella conclusione dei lavori, rispetto al termine di fine lavori indicato nella notifica di concessione del contributo; - 1% del contributo concesso a saldo per ogni giorno di ritardo nella presentazione della domanda di pagamento a saldo che va presentata secondo quanto disposto dal presente avviso. Qualora la domanda di pagamento contenga spese ritenute non ammissibili, si applicano le disposizioni di cui all'art. 30 del Reg. UE65/2011. Restano ferme le disposizioni attuative del DM del 22 Dicembre 2009 Disciplina del regime di condizionalità ai sensi del regolamento (CE) nr. 73/2009 e delle riduzioni ed esclusioni per inadempienza dei beneficiari dei pagamenti diretti e del Programma di Sviluppo Rurale approvate con deliberazione di Giunta regionale del 21 maggio 2012, nr. 665 reg. (CE) 1698/2005 PSR Asse 4 Individuazione delle violazioni di impegni e dei livelli di gravità, entità e durata di cui al Reg. (UE) 65/2001 e al D.M. MIPAFF 30125/2009 e successive modifiche ed integrazioni in ordine alle riduzioni/esclusioni connesse alle violazioni di impegni secondo il livello di gravità, entità e durata stabilito nella deliberazione medesima. 15

16 Per quanto riguarda le violazioni di impegni e i livelli di gravità, entità e durata di cui al Reg. (UE) 65/2011 e i citati D.M. Mipaaf si dovrà far riferimento a quanto contenuto nella delibera di Giunta Regionale nr. 665/2012 ed eventuali successive modificazioni. 26. Responsabile del procedimento amministrativo e referente Responsabile del procedimento è il dott. Giovanni Pattoneri. Per informazioni rivolgersi alla dott.ssa Maria Laura Lodola Presso gli uffici di Soprip, in via Sandro Pertini 10/c, Parma tel , fax , sito web è possibile accedere agli atti del procedimento. 27. Privacy Ai sensi del D.Lgs. 30/06/2003 n. 196 e successive modifiche, i dati personali contenuti nei documenti prodotti in relazione al presente Avviso, verranno trattati esclusivamente in funzione e per i fini del procedimento conseguente all istanza, con criteri di liceità e correttezza, nel rispetto della citata Legge e dei relativi obblighi di riservatezza e conservati, a seconda della competenza territoriale, presso gli uffici del Gal Soprip. 28. Disposizioni finali Si fa riserva di effettuare in qualsiasi momento accertamenti per la verifica del rispetto delle procedure d esecuzione dei lavori. Per quanto non riportato nel presente Avviso si rimanda alla normativa comunitaria, nazionale e regionale in vigore nonché alle disposizioni previste da AGREA per la presentazione delle domande e nella relativa modulistica, anche con riferimento al trattamento dei dati personali. 16

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L.

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Fondo Europeo agricolo per lo sviluppo rurale L Europa investe nelle zone GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Mod_ 67 Rev. 00 del 25.11.2011 Sarsina, 20 dicembre 2013 Prot. n. 362/L/cc NOTIFICA DI CONCESSIONE

Dettagli

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L.

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Fondo Europeo agricolo per lo sviluppo rurale rurali GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Mod 57 Rev _00 Sarsina, 08/05/2014 Prot. n. 219/L/cc SOSTITUISCE LA NOTIFICA DI CONCESSIONE PRECEDENTEMENTE INVIATA

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013.

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013. Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013. ASSE 4 - MISURA 413 azione 4 ATTIVAZIONE CON APPROCCIO LEADER DELLA MISURA 322

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività :

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività : Comune di Darfo Boario Terme Bando a sportello per gli esercizi ese e le imprese commerciali e turistiche del Distretto dell attrattività : Nel Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE MISURA 1.2.3 ACCRESCIMENTO DEL VALORE AGGIUNTO DEI PRODOTTI AGRICOLI E FORESTALI PRESENTAZIONE ISTANZE DI FINANZIAMENTO Alla domanda di aiuto, il soggetto richiedente

Dettagli

Comunicazione di concessione del finanziamento Descrizione categorie di spesa Interventi strutturali Acquisto attrezzature e dotazioni Spese generali Interventi immateriali spese avvio attività PRESCRIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA ALLEGATO N. 1 UNIONE EUROPEA FEASR REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA P.S.R. LAZIO 2007/2013 ASSE IV LEADER (DGR

Dettagli

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE AI CONTROLLI 1 Reg.

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI. Comune di Caltagirone Provincia di Catania Servizio Politiche Energetiche Via S.Maria di Gesù,90 95041 Caltagirone (CT) 0933 41410-41448 fax 0933 41461 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346

DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346 37788 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 168 del 22-11-2012 DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346 P.S.R. Puglia 2007-2013. Asse I - Bando pubblico

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio.

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio. COMUNE DI BRESCIA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE IN DATA 29.11.2010 N. 3302/81070 P.G. DISTRETTO COMMERCIALE STAZIONE FERROVIARIA DI BRESCIA CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 ALLEGATO D AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 Dipartimento Attività Produttive, Politiche

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera 42 del 05.07.2013 PROGRAMMA

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013*

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 007-03 Asse 4 - LEADER - Attuazione Strategia di Sviluppo

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto Area Tecnica U.O. Ambiente

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto Area Tecnica U.O. Ambiente BANDO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E SOLARI TERMICI Criteri e procedure Premessa Le comunicazioni relative a tutte le fasi

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO Allegato alla deliberazione della G.C. n. 327 del 12/12/2013 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALLA TUTELA DELL ATMOSFERA

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico)

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico) ALLEGATO A REGIONE LAZIO Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DOMESTICI FOTOVOLTAICI E SOLARI TERMICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 48 del 9.03.2016 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Art 1-

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER CODICE MISURA: 133 TITOLO: Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e promozione riguardo ai prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentari CONTRIBUTO: 200.000,00

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area IV - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

LE VIE DELLA SERENISSIMA.

LE VIE DELLA SERENISSIMA. G.A.L. Antico Dogado Via C. Colombo, 4-30010 Lova di Campagna Lupia (VE) - Tel. 041 461157 Fax 041 5184086 mail: info@galdogado.it PEC: galdogado@pec.it www.galdogado.it C.F. 92152130289 Deliberazione

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali per promuovere

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 147 DEL 08/03/2012 OGGETTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013, ASSE 1 - MISURA 111 AZIONE 1 "FORMAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali,

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali, ALLEGATO A L.R. 26/09 - Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna - Anno

Dettagli

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi.

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi. ALLEGATO B Criteri e modalità per l erogazione dei contributi ai comuni, singoli o associati nonché ai municipi per le spese necessarie ai fini dell istituzione e gestione dei consigli comunali, municipali

Dettagli

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ALLE PMI DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI RIAPERTURA TERMINI 1. SOGGETTI BENEFICIARI

Dettagli

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Bando Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 944 del 29/07/2011 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 45 del 8/03/03* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone

Dettagli