L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS"

Transcript

1 L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS Dott Alessio Borrelli Coordinatore Gruppo Emergenze-Urgenze Società Italiana di Cardiologia Dipartimento di Cardiologia Policlinico Casilino

2 Introduzione Accade ogni giorno che il cuore di qualcuno si fermi, e non solo il cuore di chi è giunto alla fine della propria esistenza, ma anche quello di chi è ancora troppo sano per morire. La morte inattesa è un evento drammatico che si può e si deve non solo prevenire, limitando i fattori di rischio cardiovascolare, ma anche combattere, impedendo che un arresto cardiorespiratorio improvviso duri così a lungo da causare la morte dell individuo

3 Introduzione! Il vero obiettivo della rianimazione cardiopolmonare è la salvaguardia della funzionalità cerebrale! La RCP di cardiopatici, traumatizzati e bambini non dev essere patrimonio culturale e competenza operativa solo di tre tipi diversi di soccorritori! Fondamentale è la stesura di linee guida che accomunino i dettami di società scientifiche quali: " American Heart Association (AHA) " American Society of Anesthesiologist (ASA) " European Resuscitation Council (ERC) Peter Safar; Cardiopulmonary cerebral resuscitation

4 Il problema della morte improvvisa Casi per anno 1/1000 abitanti Casi in Italia per anno Casi negli Stati Uniti per anno Sopravvivenza dopo arresto cardiaco Sopravvivenza se Defibrillazione precoce Sopravvivenza se Defibrillazione in 5 min % 20-35% 50%

5 ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO IN ETÀ PEDIATRICA Nel PRIMO anno di vita: # Morte improvvisa del lattante (SIDS) # Pneumopatia # Ostruzione delle vie aeree # Annegamento # Sepsi # Patologie neurologiche Da 1-10 anni # Incidenti domestici # Incidenti su veicoli a motore # Incidenti in bicicletta # Ostruzioni vie aeree # Annegamento # Lesioni da fuoco ed elettricità # Ustioni la fibrillazione ventricolare si riscontra nel 10% dei casi di arresto cardiaco

6 Il problema della morte improvvisa! Molte di queste morti possono essere prevenute dal sostegno delle funzioni vitali (Basic Life Support, BLS) e dalla rianimazione cardiologica avanzata ( Advanced Cardiac Life Support, ACLS), che includono: " il rapido accesso al sistema EMS, " la CPR da parte dei presenti all evento, " la defibrillazione precoce. " Controllo avanzato delle vie aeree " Trattamento antiaritmico e.v. ACLS BLS-D

7 PROBABILI CAUSE DI ARRESTO CARDIACO CAUSE Nr % Soffocamento Affogamento Suicidio Malattie polmonari Traumi Overdose di droga Malattie cardiache Altre cause

8 Decessi negli USA da patologia Cardiovascolare, 1990 T I P O D I PATOLOGIA N Morti % Attacco Cardiaco Ictus Ipertensione Febbre e cardiopatia reumatica Altre National Center for Health Statistics-AHA

9 Insufficienza respiratoria In alcuni casi l arresto respiratorio può precedere di almeno un minuto l A.C. 1. Inalazione di miscele ipossiche 2. Compromissione SNC 5. Lesioni a carico gabbia toracica 6. Ostruzione vie aeree 7. Edema/embolia polmonare 8. Anemia e avvelenamento da CO 9. Cianuro

10 Tempo e Sopravvivenza! Quando l emergenza avviene al di fuori della struttura ospedaliera, è di fondamentale importanza che sia dato immediatamente l allarme ad una centrale operativa in grado di coordinare l intervento delle Unità Mobili di Soccorso.! Le possibilità di successo della RCP dipendono dalla durata dell intervallo che intercorre fra il momento in cui parte la richiesta di aiuto ed il momento in cui si ottiene la ripresa di una circolazione efficace

11 La catena della sopravvivenza! In caso di arresto cardiaco la sopravvivenza dipende da una serie di eventi critici (catena della sopravvivenza), se una qualunque di queste azioni non viene eseguita o è ritardata, la sopravvivenza diventa improbabile.! I quattro anelli di questa catena sono: " L accesso precoce al sistema EMS, " La CPR precoce, " La defibrillazione precoce, " Il trattamento avanzato cardiaco precoce ACLS

12 CHAIN OF SURVIVAL

13 ACLS PRECOCE! L ACLS precoce eseguita sul posto è un anello critico nel trattamento dell arresto.! L ACLS porta con sé l equipaggiamento per: " Sostenere la ventilazione, " Stabilire un accesso venoso, " Somministrare farmaci, " Controllare le aritmie, " Stabilizzare la vittima per il trasporto. " Trattamento dei ritmi periarresto

14 ACLS GOLDEN RULES per sbagliare di meno! IL CERVELLO: La rianimazione cerebrale è il traguardo principale! IL PAZIENTE: Non dimenticare mai il paziente! IL BLSD: La rianimazione è un continuum! IL TEMPO: Il passare del tempo è determinante per la sopravvivenza! LA CAUSA: Identificare al più presto le cause dell arresto! TRATTAMENTO POST-RIANIMATORIO: Controllo e trattamento nel periodo immediatamente seguente il ripristino della circolazione spontanea

15 Concetti Fondamentali dell ACLS! LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SI APPLICA IN OGNI SITUAZIONE: Sul territorio, in ospedale, in dipartimento di emergenza! UN APPROCCIO DI RISPOSTA FASICO: Ogni tentativo di rianimazione ha una sua struttura, tempi successivi ed una ampia varietà di fasi intermedie! MORTI PREVISTE E RIANIMAZIONI INUTILI: Per molte persone l ultimo battito del cuore deve rimanere l ultimo battito del cuore! LA CATENA DELA SOPRAVVIVENZA NELLA VOSTRA COMUNITÀ: L ACLS non può esistere in astratto

16 La valutazione primaria A-B-C-D Primario! Airway: Aprire le vie aeree! Breathing: Fornire ventilazioni a pressione positiva! Circulation Fornire compressioni toraciche! Defibrillation Defibrillare FV e TV senza polso

17 La valutazione secondaria in ACLS! Airway: A-B-C-D Secondario Stabilire un controllo avanzato delle vie aeree Provvedere all intubazione endotracheale! Breathing: Controllare l efficacia della ventilazione attraverso il tubo endotracheale Provvedere a ventilazioni a pressione positiva! Circulation Reperire un accesso venoso per somministrare liquidi e farmaci Proseguire con la CPR Identificare il ritmo e somministrare farmaci adeguati! Diagnosi differenziale Identificare le possibili cause di arresto cardiaco

18 I dieci comandamenti dell ACLS 1. Eseguire una buona CPR 2. Valutazione ABCD Primaria 3. ABCD Secondario 4. Conosci il tuo defibrillatore 5. Andare alla ricerca di cause reversibili e trattabili 6. Conoscere Perché?, Quando?, Come? e Attenzione! di tutti i farmaci usati nel trattamento dell emergenza 7. Siate un buon team leader 8. Imparate a mettere in atto il protocollo di rianimazione per fasi 9. Definite in anticipo lo stato di necessità di rianimazione o lo stato di DNAR (paziente da non rianimare) quando il paziente è ancora stabile 10. Imparate a far pratica degli aspetti più difficili

19 Load and go or stay and treat? E fondamentale per gli operatori sanitari, una volta raggiunto lo scenario del malore e dell incidente, valutare immediatamente le condizioni del paziente per discriminare fra situazioni che comportano la necessità di trasporto immediato (carica e vai?) rispetto alla necessità di stabilizzazione del malato sul posto (resta e tratta). Le linee guida dell AHA e dell ILCOR consigliano di trattare il paziente direttamente in loco, cercando di stabilizzare le condizioni prima di caricarlo sull ambulanza

20 Il numero unico telefonico 118 In Italia dal 1992 è iniziata l attivazione del sistema d urgenza/emergenza 118 su tutto il territorio nazionale, teso a diminuire i tempi ed a integrare la fase di soccorso territoriale ed i dipartimenti di emergenza-urgenza ed accettazione ospedalieri

21 Le emergenze cardiovascolari intraospedaliere: Modelli organizzativi Dott. Alessio Borrelli Divisione di Cardiologia Policlinico Casilino

22 Epidemiologia dell ACC 400,000 ACC / year in U.S.A. 3 / 4 Out-of-hospital 1 / 4 In-hospital Sopravvivenza alla dimissione 1-5% 10-20% Becker et al, 1993 Peberdy et al, 2003

23 Morte Improvvisa Intraospedaliera Possibili cause Arresto cardiocircolatorio Arresto respiratorio Problemi del ritmo cardiaco letali (FV/TV) MI Emergenze mediche, chirurgiche e neurologiche BLSD ACLS Emergency Nov. 2002

24

25 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

26 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

27 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione Acuta dell ACC 1Riconoscimento dell ACC ed allertamento mdg/team emergenza 2Inizio BLSD 3Inizio ACLS 4trasferimento nei reparti di terapia intensiva se necessario Catena della sopravvivenza EMS CPR AED ACLS

28 L emergenza Intraospedaliera Il tempo come determinante " Precoce attivazione del team ACLS Success " BLS-D precoce 90%! Attivazione precoce team ACLS! No BLS-D 20% in 7-10 min 2-8% after 10 min + danni cerebrali Emergency Nov. 2002

29 In-hospital cardiac arrest: survival depends on the effectivness of the emergency response Struttura Ospedaliera complessa di 1400 posti: Università La Cattolica Roma Monitoraggio dati sec. Utstein 2 anni 114 ACRi (37 VF/VT e 77 non VF/VT) 52 in zone monitorizzate Circa <3 min 62 non monitorizzate Tempo medio per team ACLS Outcome: sopravvivenza > se CAT (Cardiac arrest Team) <3 min, no sopravvisuti se CAT > 6 min 37 pazienti sopravvisuti alla dimissione Sandroni, Resuscitation 2004 Sep;62(3):291-7

30 L emergenza Intraospedaliera La qualità come determinante January 19, 2005

31 Qualità del Soccorso Defibrillatore con sensori per: Massaggio cardiaco Frequenza e profondità Frequenza e volume ventilatorio Assenza o presenza di polso Data Card di registrazione dell intero evento

32 Frequenza delle compressioni Frequenza delle insufflazioni number of 30 sec segments n = 401 segments mean rate ± 21.5 Segmeni di 30 sec n = 454 segments mean rate 22.9 ± < Frequenza delle compressioni (cpm) 0 < Insufflazioni/minuto Profondità delle compressioni toraciche Pre-shock hands-off time Segmenti di 30 sec n = 406 segments mean depth 31.6 ± 21.6 n volte < >79 Profondità compressioni toraciche (mm) 0 < >15 pausa (sec)

33 Da questo Studio si evince che talora anche personale altamente addestrato può non essere sufficientemente efficace nella RCP

34 Tempi ed intervalli di somministrazione dell adrenalina sembrano essere tardivi e non conformi con le linee guida

35 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

36 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

37 CHAIN OF SURVIVAL

38 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria La mortalità intraospedaliera sembra essere molto elevata nelle prime 72 ore dopo una rianimazione cardiopolmonare con un picco a 24 hr Outcome RCP: Coscienti Semicoscienti Coma (20% neurologicamente integri ad 1 anno) Am J Emerg Med. 1986;4:72 86 I trattamenti post-rianimatori sono tesi a: 1) Stabilizzare ed ottimizzare I parametri emodinamici, respiratori e neurologici 2) identificare e trattare le cause reversibili dell ACC 3) monitorizzare la temperatura e trattare I disturbi del metabolismo e della temperatura

39 Morte Improvvisa Intraospedaliera 5H Hypovolemia Hypoxiemia Hydrogenion (acidosi) Hypo/hiperK Hypoglicemia Hypothermia 5T Toxins Tamponade pneumothorax Thrombosys cardiac Thrombosys Pulmon Trauma I disturbi metabolici dovrebbero essere trattati precocemente. Talora il tardivo trattamento può aggravare la prognosi

40 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria Negli ultimi anni sono stati proposti alcuni Trials sul beneficio di una moderata ipotermia LOE 1-2 HACA (hypotermia after cardiac arrest) Moderata ipotermia: 32 C< TC > 34 C 2 modalità: raffredamento da fonti esterne - lenta Raffreddamento con fonti interne (liquidi freddi) Limitata selezione dei pazienti per ipotermia indotta Rischio di aritmia e stretto controllo del range almeno ore

41 Mechanisms hypothermia ischemia lower metabolic rate less oxygen consumption reperfusion glutamate release calcium shifts mitochondrial dysfunction excitotoxicity inflam. cascades Cell Death oxygen-free radicals blood brain barrier disruption & cerebral edema Geocadin RG, Koenig MA, Jia X et al. Management of brain injury after resuscitation from cardiac arrest. Neurol Clin. 2008;22:

42 Hypothermia for Coma After Cardiac Arrest P 0.02 Hypothermia Normothermia Mild therapeutic hypothermia to improve the neurologic outcome after cardiac arrest. N Engl J Med. 2002;346:

43 Devices

44 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria Prognosi Dopo un ACC sia extraospedaliero che intraospedaliero uno dei maggiori problemi è la prognosi quad vitam e valitudinem soprattutto nei pazienti comatosi. LOE 1: Metanalisi di 11 Studi (4/5 elementi) 1. Riflesso corneale assente a 24 ore 2. Riflesso pupillare assente a 24 ore 3. Assente risposta di difesa al dolore 4. Assenza di risposta motoria a 24 ore 5. Assenza di risposta motoria a 72 ore

45 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

46 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

47 Morte Improvvisa Intraospedaliera " Negli ospedali italiani la defibrillazione è spesso tardiva e difficoltosa: " per la mancanza di presidi adeguati, (defibrillatore e tipo di defibrillatore) " sia per la presenza di barriere architettoniche o strutturali " Nei reparti generici le MI 85 %, " Terapie intensive le MI < 10 %. Emergency Nov. 2002

48 Le differenze nella gestione dell Arresto cardiocircolatorio intraospedaliero Reparti generici Unità di terapia intensiva All esterno dei reparti Disponibilità di risorse Telemetria, personale, laringoscopi, etc. All interno dei reparti Personale Infermieristico Personale medico BLSD ACLS

49 Evaluation of a hospital-wide resuscitation team: does it increases survival for in-hospital cardiopulmonary arrest? August (group 1), NO resuscitation team August (group 2), with resuscitation team The formation of a hospital resuscitation team increases the number of patients discharged from hospital Resuscitation rate 58 return circulation Group 1 Group FV/TV PEA/asystolia Henderson Resuscitation 2001 Feb;48(2):111-6

50 Morte Improvvisa Intraospedaliera In genere l assistenza al paziente critico al di fuori delle terapie intensive può non risultare adeguata McQuillan P, BMJ 1998; 316: scarsa abitudine alla vigilanza carenze nelle attrezzature e nell organizzazione deficit di competenza, mancanza di supervisione mancato o tardivo riconoscimento dei segni di allarme tardiva richiesta di aiuto 2 sistemi: - Outreach system (UK) - Medical Emergency Team (Australia) Buist MD, BMJ 2002; 324:1-6 Bellomo R, MJA 2003; 179: De Vita MA, Qual Saf Health Care 2004; 13: Team allertato su determinati scores Team allertato su alterazione di un singolo parametro

51 Chiamata METs

52 BIAS circa 40% interventi CAT come MET MET non sufficientemente implementati

53 AHA guidelines for CPR and emergency cardiovascular care. Supplement, December 2005, vol.112,

54 PREVENZIONE DELL ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO: UNO SCORE PER LA VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI GRAVITA IN PAZIENTI RICOVERATI IN DEGENZA ORDINARIA Algoritmo di prevenzione per ACRi da asistolia o PEA Gruppo A.C.R.O. Az Sanitaria Firenze MEWS (Modified Early Warning Score): TC, PA, FC, FR, Glasgow scale. Tempo medio di valutazione 5.7 Score PTS % 15% G. Fradella Congresso ANMCO 2003

55 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

56 A survey of the in-hospital response to cardiac arrest on general wards in the hospitals of Rome 32 Ospedali di Roma Problema n ospedali Addestramento insufficiente del personale di turno 29 (91%) Staff Insufficiente 19 (59%) Equipaggiamento insufficiente 18 (56%) Solo in 2 (6%) ospedali è presente un numero dedicato all emergenza In 21 (65%) ospedali è presente meno di un defibrillatore per piano Il modello di raccolta dati di Utstein è utilizzato in un solo ospedale Sandroni, Resuscitation 2003 Jan; 56(1):41-7

57 Progetti AID Napoli Verbania Bergamo Alessandria Conegliano Treviso Udine Thiene Pordenone Lonigo Venezia Piacenza Parma Lavagna Lucca Viareggio Firenze Livorno Siena Ravenna Rimini Ancona Roma Salerno Napoli Cosenza Messina

58 DEFIBRILLAZIONE INTRAOSPEDALIERA Scopo a - potenzialità di defibrillazione in tutto l ospedale con personale addestrato (IIa) b - intervallo collasso-shock < 3 min in tutto l ospedale ed ambulatori (I) c - correggere i tempi di intervento intraospedalieri in caso di AC per rendere efficace la defibrillazione AHA Guidelines 2000 for CPR and ECC. Circulation 2000

59 Limiti " Difficoltà logistiche a poliblocchi " Costi " Team dedicati " Uniformità dei carrelli o del materiale vd sonda Fast echo " 24 hr " Monitoraggio pazienti " Addestramento del personale neoassunti

60 Considerazioni " Alcuni degli studi eseguiti e la pratica clinica ci mostra che i soccorsi spesso non aderiscono completamente alle linee guida e tuttavia non è noto se questa pratica possa spiegare l attuale outcome. " L attuale livello di risposta all arresto cardiaco intraospedaliero in Italia, seppur con dei limiti dovuti alle grandi dimensioni del progetto ed alla necessità di implementare nuovi protocolli e risorse, ha dimostrato una enorme crescita in questi ultimi anni, solo nel 2001 si contavano un numero di almeno 26 progetti AID (dato forse sottostimato). " Non appare esserci una uniformità di sistema di risposta alle emergenze. " Purtroppo ancora non esistono dati completi sul reale impatto di questi progetti, sia per la difficoltà della raccolta del dato, sia per la non uniformità del dato. " Da valutare l implementazione di Team Ecmo o dell utilizzo dell ipotermia anche per le emergenze Intraospedaliere

61 Considerazioni 2 " In Ospedali dove non è possibile implementare Team dedicati all emergenza (vd costi o logistica), è fondamentale investire nella formazione di tutto il personale " Un BLSD precoce aumenta le chance di sopravvivenza " La presenza di protocolli interni ed il continuo training può migliorare l outcome e ridurre errori e ritardi

62 Bisogna insegnare agli uomini avendo l'aria di non insegnare affatto, proponendo loro cose che non sanno come se le avessero soltanto dimenticate. Alexander Pope, Saggio sulla critica, 1711

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza.

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza. LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE Vivere ogni giorno in sicurezza. Sicurezza perchè La reputazione e la missione di Physio-Control sono basate sull affidabilità. Un affidabilità costruita in più di 50 anni

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: PRONTO UNO- UNO- OTTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO L analisi territoriale e settoriale ha permesso la lettura

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

NOTIZIE della Fondazione

NOTIZIE della Fondazione NOTIZIE della Fondazione SPECIALE Defibrillatori per Imola Attraverso il Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese la Fondazione dona 30 defibrillatori alle strutture sportive imolesi 2 CSETI

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

La dimensione etica nella riabilitazione: criteri e norme di orientamento - 1996 - Bosisio Parini (Lc)

La dimensione etica nella riabilitazione: criteri e norme di orientamento - 1996 - Bosisio Parini (Lc) Corrssii perr operrattorrii delllle ssedii de La Nossttrra Famiiglliia A n n o 1 9 9 4 Corso di aggiornamento per insegnanti della scuola elementare La relazione educativa tra insegnante e alunno 1994

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli