L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS"

Transcript

1 L arresto cardiocircolatorio e gli algoritmi ACLS Dott Alessio Borrelli Coordinatore Gruppo Emergenze-Urgenze Società Italiana di Cardiologia Dipartimento di Cardiologia Policlinico Casilino

2 Introduzione Accade ogni giorno che il cuore di qualcuno si fermi, e non solo il cuore di chi è giunto alla fine della propria esistenza, ma anche quello di chi è ancora troppo sano per morire. La morte inattesa è un evento drammatico che si può e si deve non solo prevenire, limitando i fattori di rischio cardiovascolare, ma anche combattere, impedendo che un arresto cardiorespiratorio improvviso duri così a lungo da causare la morte dell individuo

3 Introduzione! Il vero obiettivo della rianimazione cardiopolmonare è la salvaguardia della funzionalità cerebrale! La RCP di cardiopatici, traumatizzati e bambini non dev essere patrimonio culturale e competenza operativa solo di tre tipi diversi di soccorritori! Fondamentale è la stesura di linee guida che accomunino i dettami di società scientifiche quali: " American Heart Association (AHA) " American Society of Anesthesiologist (ASA) " European Resuscitation Council (ERC) Peter Safar; Cardiopulmonary cerebral resuscitation

4 Il problema della morte improvvisa Casi per anno 1/1000 abitanti Casi in Italia per anno Casi negli Stati Uniti per anno Sopravvivenza dopo arresto cardiaco Sopravvivenza se Defibrillazione precoce Sopravvivenza se Defibrillazione in 5 min % 20-35% 50%

5 ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO IN ETÀ PEDIATRICA Nel PRIMO anno di vita: # Morte improvvisa del lattante (SIDS) # Pneumopatia # Ostruzione delle vie aeree # Annegamento # Sepsi # Patologie neurologiche Da 1-10 anni # Incidenti domestici # Incidenti su veicoli a motore # Incidenti in bicicletta # Ostruzioni vie aeree # Annegamento # Lesioni da fuoco ed elettricità # Ustioni la fibrillazione ventricolare si riscontra nel 10% dei casi di arresto cardiaco

6 Il problema della morte improvvisa! Molte di queste morti possono essere prevenute dal sostegno delle funzioni vitali (Basic Life Support, BLS) e dalla rianimazione cardiologica avanzata ( Advanced Cardiac Life Support, ACLS), che includono: " il rapido accesso al sistema EMS, " la CPR da parte dei presenti all evento, " la defibrillazione precoce. " Controllo avanzato delle vie aeree " Trattamento antiaritmico e.v. ACLS BLS-D

7 PROBABILI CAUSE DI ARRESTO CARDIACO CAUSE Nr % Soffocamento Affogamento Suicidio Malattie polmonari Traumi Overdose di droga Malattie cardiache Altre cause

8 Decessi negli USA da patologia Cardiovascolare, 1990 T I P O D I PATOLOGIA N Morti % Attacco Cardiaco Ictus Ipertensione Febbre e cardiopatia reumatica Altre National Center for Health Statistics-AHA

9 Insufficienza respiratoria In alcuni casi l arresto respiratorio può precedere di almeno un minuto l A.C. 1. Inalazione di miscele ipossiche 2. Compromissione SNC 5. Lesioni a carico gabbia toracica 6. Ostruzione vie aeree 7. Edema/embolia polmonare 8. Anemia e avvelenamento da CO 9. Cianuro

10 Tempo e Sopravvivenza! Quando l emergenza avviene al di fuori della struttura ospedaliera, è di fondamentale importanza che sia dato immediatamente l allarme ad una centrale operativa in grado di coordinare l intervento delle Unità Mobili di Soccorso.! Le possibilità di successo della RCP dipendono dalla durata dell intervallo che intercorre fra il momento in cui parte la richiesta di aiuto ed il momento in cui si ottiene la ripresa di una circolazione efficace

11 La catena della sopravvivenza! In caso di arresto cardiaco la sopravvivenza dipende da una serie di eventi critici (catena della sopravvivenza), se una qualunque di queste azioni non viene eseguita o è ritardata, la sopravvivenza diventa improbabile.! I quattro anelli di questa catena sono: " L accesso precoce al sistema EMS, " La CPR precoce, " La defibrillazione precoce, " Il trattamento avanzato cardiaco precoce ACLS

12 CHAIN OF SURVIVAL

13 ACLS PRECOCE! L ACLS precoce eseguita sul posto è un anello critico nel trattamento dell arresto.! L ACLS porta con sé l equipaggiamento per: " Sostenere la ventilazione, " Stabilire un accesso venoso, " Somministrare farmaci, " Controllare le aritmie, " Stabilizzare la vittima per il trasporto. " Trattamento dei ritmi periarresto

14 ACLS GOLDEN RULES per sbagliare di meno! IL CERVELLO: La rianimazione cerebrale è il traguardo principale! IL PAZIENTE: Non dimenticare mai il paziente! IL BLSD: La rianimazione è un continuum! IL TEMPO: Il passare del tempo è determinante per la sopravvivenza! LA CAUSA: Identificare al più presto le cause dell arresto! TRATTAMENTO POST-RIANIMATORIO: Controllo e trattamento nel periodo immediatamente seguente il ripristino della circolazione spontanea

15 Concetti Fondamentali dell ACLS! LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SI APPLICA IN OGNI SITUAZIONE: Sul territorio, in ospedale, in dipartimento di emergenza! UN APPROCCIO DI RISPOSTA FASICO: Ogni tentativo di rianimazione ha una sua struttura, tempi successivi ed una ampia varietà di fasi intermedie! MORTI PREVISTE E RIANIMAZIONI INUTILI: Per molte persone l ultimo battito del cuore deve rimanere l ultimo battito del cuore! LA CATENA DELA SOPRAVVIVENZA NELLA VOSTRA COMUNITÀ: L ACLS non può esistere in astratto

16 La valutazione primaria A-B-C-D Primario! Airway: Aprire le vie aeree! Breathing: Fornire ventilazioni a pressione positiva! Circulation Fornire compressioni toraciche! Defibrillation Defibrillare FV e TV senza polso

17 La valutazione secondaria in ACLS! Airway: A-B-C-D Secondario Stabilire un controllo avanzato delle vie aeree Provvedere all intubazione endotracheale! Breathing: Controllare l efficacia della ventilazione attraverso il tubo endotracheale Provvedere a ventilazioni a pressione positiva! Circulation Reperire un accesso venoso per somministrare liquidi e farmaci Proseguire con la CPR Identificare il ritmo e somministrare farmaci adeguati! Diagnosi differenziale Identificare le possibili cause di arresto cardiaco

18 I dieci comandamenti dell ACLS 1. Eseguire una buona CPR 2. Valutazione ABCD Primaria 3. ABCD Secondario 4. Conosci il tuo defibrillatore 5. Andare alla ricerca di cause reversibili e trattabili 6. Conoscere Perché?, Quando?, Come? e Attenzione! di tutti i farmaci usati nel trattamento dell emergenza 7. Siate un buon team leader 8. Imparate a mettere in atto il protocollo di rianimazione per fasi 9. Definite in anticipo lo stato di necessità di rianimazione o lo stato di DNAR (paziente da non rianimare) quando il paziente è ancora stabile 10. Imparate a far pratica degli aspetti più difficili

19 Load and go or stay and treat? E fondamentale per gli operatori sanitari, una volta raggiunto lo scenario del malore e dell incidente, valutare immediatamente le condizioni del paziente per discriminare fra situazioni che comportano la necessità di trasporto immediato (carica e vai?) rispetto alla necessità di stabilizzazione del malato sul posto (resta e tratta). Le linee guida dell AHA e dell ILCOR consigliano di trattare il paziente direttamente in loco, cercando di stabilizzare le condizioni prima di caricarlo sull ambulanza

20 Il numero unico telefonico 118 In Italia dal 1992 è iniziata l attivazione del sistema d urgenza/emergenza 118 su tutto il territorio nazionale, teso a diminuire i tempi ed a integrare la fase di soccorso territoriale ed i dipartimenti di emergenza-urgenza ed accettazione ospedalieri

21 Le emergenze cardiovascolari intraospedaliere: Modelli organizzativi Dott. Alessio Borrelli Divisione di Cardiologia Policlinico Casilino

22 Epidemiologia dell ACC 400,000 ACC / year in U.S.A. 3 / 4 Out-of-hospital 1 / 4 In-hospital Sopravvivenza alla dimissione 1-5% 10-20% Becker et al, 1993 Peberdy et al, 2003

23 Morte Improvvisa Intraospedaliera Possibili cause Arresto cardiocircolatorio Arresto respiratorio Problemi del ritmo cardiaco letali (FV/TV) MI Emergenze mediche, chirurgiche e neurologiche BLSD ACLS Emergency Nov. 2002

24

25 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

26 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

27 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione Acuta dell ACC 1Riconoscimento dell ACC ed allertamento mdg/team emergenza 2Inizio BLSD 3Inizio ACLS 4trasferimento nei reparti di terapia intensiva se necessario Catena della sopravvivenza EMS CPR AED ACLS

28 L emergenza Intraospedaliera Il tempo come determinante " Precoce attivazione del team ACLS Success " BLS-D precoce 90%! Attivazione precoce team ACLS! No BLS-D 20% in 7-10 min 2-8% after 10 min + danni cerebrali Emergency Nov. 2002

29 In-hospital cardiac arrest: survival depends on the effectivness of the emergency response Struttura Ospedaliera complessa di 1400 posti: Università La Cattolica Roma Monitoraggio dati sec. Utstein 2 anni 114 ACRi (37 VF/VT e 77 non VF/VT) 52 in zone monitorizzate Circa <3 min 62 non monitorizzate Tempo medio per team ACLS Outcome: sopravvivenza > se CAT (Cardiac arrest Team) <3 min, no sopravvisuti se CAT > 6 min 37 pazienti sopravvisuti alla dimissione Sandroni, Resuscitation 2004 Sep;62(3):291-7

30 L emergenza Intraospedaliera La qualità come determinante January 19, 2005

31 Qualità del Soccorso Defibrillatore con sensori per: Massaggio cardiaco Frequenza e profondità Frequenza e volume ventilatorio Assenza o presenza di polso Data Card di registrazione dell intero evento

32 Frequenza delle compressioni Frequenza delle insufflazioni number of 30 sec segments n = 401 segments mean rate ± 21.5 Segmeni di 30 sec n = 454 segments mean rate 22.9 ± < Frequenza delle compressioni (cpm) 0 < Insufflazioni/minuto Profondità delle compressioni toraciche Pre-shock hands-off time Segmenti di 30 sec n = 406 segments mean depth 31.6 ± 21.6 n volte < >79 Profondità compressioni toraciche (mm) 0 < >15 pausa (sec)

33 Da questo Studio si evince che talora anche personale altamente addestrato può non essere sufficientemente efficace nella RCP

34 Tempi ed intervalli di somministrazione dell adrenalina sembrano essere tardivi e non conformi con le linee guida

35 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

36 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

37 CHAIN OF SURVIVAL

38 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria La mortalità intraospedaliera sembra essere molto elevata nelle prime 72 ore dopo una rianimazione cardiopolmonare con un picco a 24 hr Outcome RCP: Coscienti Semicoscienti Coma (20% neurologicamente integri ad 1 anno) Am J Emerg Med. 1986;4:72 86 I trattamenti post-rianimatori sono tesi a: 1) Stabilizzare ed ottimizzare I parametri emodinamici, respiratori e neurologici 2) identificare e trattare le cause reversibili dell ACC 3) monitorizzare la temperatura e trattare I disturbi del metabolismo e della temperatura

39 Morte Improvvisa Intraospedaliera 5H Hypovolemia Hypoxiemia Hydrogenion (acidosi) Hypo/hiperK Hypoglicemia Hypothermia 5T Toxins Tamponade pneumothorax Thrombosys cardiac Thrombosys Pulmon Trauma I disturbi metabolici dovrebbero essere trattati precocemente. Talora il tardivo trattamento può aggravare la prognosi

40 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria Negli ultimi anni sono stati proposti alcuni Trials sul beneficio di una moderata ipotermia LOE 1-2 HACA (hypotermia after cardiac arrest) Moderata ipotermia: 32 C< TC > 34 C 2 modalità: raffredamento da fonti esterne - lenta Raffreddamento con fonti interne (liquidi freddi) Limitata selezione dei pazienti per ipotermia indotta Rischio di aritmia e stretto controllo del range almeno ore

41 Mechanisms hypothermia ischemia lower metabolic rate less oxygen consumption reperfusion glutamate release calcium shifts mitochondrial dysfunction excitotoxicity inflam. cascades Cell Death oxygen-free radicals blood brain barrier disruption & cerebral edema Geocadin RG, Koenig MA, Jia X et al. Management of brain injury after resuscitation from cardiac arrest. Neurol Clin. 2008;22:

42 Hypothermia for Coma After Cardiac Arrest P 0.02 Hypothermia Normothermia Mild therapeutic hypothermia to improve the neurologic outcome after cardiac arrest. N Engl J Med. 2002;346:

43 Devices

44 Morte Improvvisa Intraospedaliera Gestione post-rianimatoria Prognosi Dopo un ACC sia extraospedaliero che intraospedaliero uno dei maggiori problemi è la prognosi quad vitam e valitudinem soprattutto nei pazienti comatosi. LOE 1: Metanalisi di 11 Studi (4/5 elementi) 1. Riflesso corneale assente a 24 ore 2. Riflesso pupillare assente a 24 ore 3. Assente risposta di difesa al dolore 4. Assenza di risposta motoria a 24 ore 5. Assenza di risposta motoria a 72 ore

45 Morte Improvvisa Intraospedaliera % Sopravvivenza arrest CPR ROSC 52% 18% Dimissione Tempo

46 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

47 Morte Improvvisa Intraospedaliera " Negli ospedali italiani la defibrillazione è spesso tardiva e difficoltosa: " per la mancanza di presidi adeguati, (defibrillatore e tipo di defibrillatore) " sia per la presenza di barriere architettoniche o strutturali " Nei reparti generici le MI 85 %, " Terapie intensive le MI < 10 %. Emergency Nov. 2002

48 Le differenze nella gestione dell Arresto cardiocircolatorio intraospedaliero Reparti generici Unità di terapia intensiva All esterno dei reparti Disponibilità di risorse Telemetria, personale, laringoscopi, etc. All interno dei reparti Personale Infermieristico Personale medico BLSD ACLS

49 Evaluation of a hospital-wide resuscitation team: does it increases survival for in-hospital cardiopulmonary arrest? August (group 1), NO resuscitation team August (group 2), with resuscitation team The formation of a hospital resuscitation team increases the number of patients discharged from hospital Resuscitation rate 58 return circulation Group 1 Group FV/TV PEA/asystolia Henderson Resuscitation 2001 Feb;48(2):111-6

50 Morte Improvvisa Intraospedaliera In genere l assistenza al paziente critico al di fuori delle terapie intensive può non risultare adeguata McQuillan P, BMJ 1998; 316: scarsa abitudine alla vigilanza carenze nelle attrezzature e nell organizzazione deficit di competenza, mancanza di supervisione mancato o tardivo riconoscimento dei segni di allarme tardiva richiesta di aiuto 2 sistemi: - Outreach system (UK) - Medical Emergency Team (Australia) Buist MD, BMJ 2002; 324:1-6 Bellomo R, MJA 2003; 179: De Vita MA, Qual Saf Health Care 2004; 13: Team allertato su determinati scores Team allertato su alterazione di un singolo parametro

51 Chiamata METs

52 BIAS circa 40% interventi CAT come MET MET non sufficientemente implementati

53 AHA guidelines for CPR and emergency cardiovascular care. Supplement, December 2005, vol.112,

54 PREVENZIONE DELL ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO: UNO SCORE PER LA VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI GRAVITA IN PAZIENTI RICOVERATI IN DEGENZA ORDINARIA Algoritmo di prevenzione per ACRi da asistolia o PEA Gruppo A.C.R.O. Az Sanitaria Firenze MEWS (Modified Early Warning Score): TC, PA, FC, FR, Glasgow scale. Tempo medio di valutazione 5.7 Score PTS % 15% G. Fradella Congresso ANMCO 2003

55 Morte Improvvisa Intraospedaliera Nonostante la sopravvivenza ad ACC intraospedaliero sia circa3-4 volte superiore alla sopravvivenza extraospedaliera, sussiste ancora una significativa differenza tra la ripresa di coscienza e la sopravvivenza alla dimissione che rappresenta tuttavia il gold standard di un soccorso Gestione Acuta dell ACC Gestione post-rianimatoria Prevenzione ACC

56 A survey of the in-hospital response to cardiac arrest on general wards in the hospitals of Rome 32 Ospedali di Roma Problema n ospedali Addestramento insufficiente del personale di turno 29 (91%) Staff Insufficiente 19 (59%) Equipaggiamento insufficiente 18 (56%) Solo in 2 (6%) ospedali è presente un numero dedicato all emergenza In 21 (65%) ospedali è presente meno di un defibrillatore per piano Il modello di raccolta dati di Utstein è utilizzato in un solo ospedale Sandroni, Resuscitation 2003 Jan; 56(1):41-7

57 Progetti AID Napoli Verbania Bergamo Alessandria Conegliano Treviso Udine Thiene Pordenone Lonigo Venezia Piacenza Parma Lavagna Lucca Viareggio Firenze Livorno Siena Ravenna Rimini Ancona Roma Salerno Napoli Cosenza Messina

58 DEFIBRILLAZIONE INTRAOSPEDALIERA Scopo a - potenzialità di defibrillazione in tutto l ospedale con personale addestrato (IIa) b - intervallo collasso-shock < 3 min in tutto l ospedale ed ambulatori (I) c - correggere i tempi di intervento intraospedalieri in caso di AC per rendere efficace la defibrillazione AHA Guidelines 2000 for CPR and ECC. Circulation 2000

59 Limiti " Difficoltà logistiche a poliblocchi " Costi " Team dedicati " Uniformità dei carrelli o del materiale vd sonda Fast echo " 24 hr " Monitoraggio pazienti " Addestramento del personale neoassunti

60 Considerazioni " Alcuni degli studi eseguiti e la pratica clinica ci mostra che i soccorsi spesso non aderiscono completamente alle linee guida e tuttavia non è noto se questa pratica possa spiegare l attuale outcome. " L attuale livello di risposta all arresto cardiaco intraospedaliero in Italia, seppur con dei limiti dovuti alle grandi dimensioni del progetto ed alla necessità di implementare nuovi protocolli e risorse, ha dimostrato una enorme crescita in questi ultimi anni, solo nel 2001 si contavano un numero di almeno 26 progetti AID (dato forse sottostimato). " Non appare esserci una uniformità di sistema di risposta alle emergenze. " Purtroppo ancora non esistono dati completi sul reale impatto di questi progetti, sia per la difficoltà della raccolta del dato, sia per la non uniformità del dato. " Da valutare l implementazione di Team Ecmo o dell utilizzo dell ipotermia anche per le emergenze Intraospedaliere

61 Considerazioni 2 " In Ospedali dove non è possibile implementare Team dedicati all emergenza (vd costi o logistica), è fondamentale investire nella formazione di tutto il personale " Un BLSD precoce aumenta le chance di sopravvivenza " La presenza di protocolli interni ed il continuo training può migliorare l outcome e ridurre errori e ritardi

62 Bisogna insegnare agli uomini avendo l'aria di non insegnare affatto, proponendo loro cose che non sanno come se le avessero soltanto dimenticate. Alexander Pope, Saggio sulla critica, 1711

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI

L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale del Friuli-Venezia Giulia L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI Trieste, 23 giugno 2007 L EMERGENZA PEDIATRICA IN MARE dr. Sergio Renier Pronto Soccorso

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d MoVimento Cinque Stelle Nardò Via S. Gentile, 18 www.nardo5stelle.it m5stellenardo@gmail.com FB: Movimento Cinque Stelle

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Il neonato e il bambino in condizioni critiche

Il neonato e il bambino in condizioni critiche Il neonato e il bambino in condizioni critiche Emergenze pediatriche Le emergenze pediatriche sono eventi clinicamente rari ma ad alto rischio il personale coinvolto può non essere adeguatamente formato

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache Consueto appuntamento con i dati delle RCP effettuate nel corso del 2011. Come già detto nei report degli anni precedenti i dati riguardano gli interventi effettuati dalle auto mediche di Bologna che coprono

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore DAE e PROGETTI PAD Enrico Baldi Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore Uso dei DAE I DAE sono sicuri ed efficaci quando usati da laici con minima formazione o senza formazione Yeung et al., Resuscitation 2011:

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 ALLEGATO 1 di cui alla Determinazione n. 867 del 31/08/2006 PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 Il Corso di Formazione è indirizzato al personale sanitario che risulterà

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA Furio Zucco Responsabile Sevizio Sanitario Stadio S. Siro Milano Convegno: In campo con il Cuore 17 maggio 2014 Milano UN PROBLEMA

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA RCP MECCANICA MEDIANTE AUTOPULSE : 4 ANNI DI ESPERIENZA RAIMONDI MAURIZIO AREU L b di AAT 118 PAVIA AREU Lombardia, AAT 118 PAVIA, I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA ILCOR 2005 GRANDE ENFASI

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118

ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118 4 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETA ITALIANA SISTEMA 118 BARI 14-16 16 DICEMBRE 2006 ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118 A.Furgani, G.Pallini, S.Pappagallo, S.Ruffoni

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS-D (Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato

Dettagli

PAD Pubblic Access Defibrillation

PAD Pubblic Access Defibrillation PAD Pubblic Access Defibrillation ARGOMENTO DELLA LEZIONE 1) L Importanza della Defibrillazione Precoce: La Morte Cardiaca Improvvisa L incidenza del DAE 2) IL DAE Cos è Come si usa 3) Il DAE nel Pediatrico

Dettagli

PREVENZIONE ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO: Il piano di risposta nella ASL di Taranto

PREVENZIONE ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO: Il piano di risposta nella ASL di Taranto Università Campus Bio-Medico Roma Master Universitario II Livello in Clinical Risk Management PREVENZIONE ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO: Il piano di risposta nella ASL di Taranto Dott. Marcello CHIRONI

Dettagli

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Pediatric Alarm Intercettamento precoce del peggioramento clinico C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Centro di Riferimento SIMEUP Torino, Ospedale Infantile Regina Margherita REGIONE PIEMONTE

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983

<Emilia Filicetti> LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983 INFORMAZIONI PERSONALI Nome FILICETTI EMILIA CF FLC MLE 57B55I896I Indirizzo Via Roma 191/D, 87058 Spezzano Sila- Cosenza Telefono 0984 435940 340 6884568 e-mail emiliafilicetti@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS Introduzione La opera dal 2000 nel settore della ricerca scientifica per lo studio delle cardiomiopatie di origine genetica, causa di morte

Dettagli

Dott. ssa Laura Grassi U.O Cardiologia NOCSAE

Dott. ssa Laura Grassi U.O Cardiologia NOCSAE Le emergenze nello studio medico e/o odontoiatrico. Linee guida internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare: novità 2015, aspetti teorici e pratici. Dott. ssa Laura Grassi U.O Cardiologia NOCSAE

Dettagli

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO: Il Progetto Scuola di Viva! 2015 Adottiamo gli insegnanti AMBITO DI AZIONE: EDUCAZIONE E FORMAZIONE SANITA AMBITO TERRITORIALE: Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di

Dettagli

CORSI DI EMERGENZA SANITARIA

CORSI DI EMERGENZA SANITARIA CORSI DI EMERGENZA SANITARIA BLS- d esecutore cat. A (per laici) Finalità: Scopo del corso è trasmettere agli allievi un metodo che consenta di gestire il soccorso in caso di arresto cardiaco, con il supporto

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A Obj100 R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per la promozione della salute delle persone e delle pari opportunità Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione PROGETTO DEEP IMPACT

Dettagli

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA CORSO DI RIANIMAZIONE E PRONTO SOCCORSO PER ASSISTENTE BAGNANTI DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA PRIMO SOCCORSO E QUELLO CHE LA PRIMA PERSONA CHE

Dettagli

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010)

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) DEFINIZIONE DI ARRESTO CARDIACO BRUSCA CESSAZIONE DELLA FUNZIONE DI POMPA DEL

Dettagli

PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI

PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI INAIL, Settore Ricerca, Dipartimento di Medicina del Lavoro PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI Nota tecnica a cura di: Papaleo Bruno, Cangiano Giovanna, Sara Calicchia 2 agosto 2012-08-02

Dettagli

Constatazioni di decesso RCP

Constatazioni di decesso RCP Consueto appuntamento con i dati delle RCP dell anno appena passato, il 2012. I dati riguardano l attività delle auto mediche di Bologna che servono il territorio del comune di Bologna e dei comuni limitrofi.

Dettagli