Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000"

Transcript

1 Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000 Contenuti del Corso : Defibrillazione Cardiaca Precoce con Defibrillatore Semiautomatico - La catena della sopravvivenza - L importanza della defibrillazione precoce - Il defibrillatore - Efficacia della defibrillazione : - Soglia di defibrillazione - Energia, corrente, voltaggio. - Impedenza toracica. - Dimensione degli elettrodi. - Posizione degli elettrodi. Defibrillatori automatico e semiautomatico - Analisi automatica del ritmo cardiaco - Tachicardia Ventricolare - Defibrillazioni non necessarie o mancate - Interruzione della RCP - Asistolia Procedure operative - Due soccorritori - Refibrillazione - Shock non indicato - Rientro in Centrale Operativa - Singolo soccorritore dotato di DAE Defibrillazione in casi particolari - Ipotermia associata ad arresto cardiaco - Paziente bagnato o in prossimità d acqua - Donna gravida - Defibrillazione in età pediatrica Precauzioni Coordinazione tra operatori dotati di DAE e operatori ACLS. Terapia dopo la rianimazione Revisione del caso al rientro in Centrale Operativa Metodi di revisione caso per caso.

2 La manutenzione del defibrillatore

3 Avvertenza: proprietà e riproduzione del documento Questo documento è proprietà ditreviso Emergenza. Il documento in toto e le sue parti di testo e di grafica realizzate da Treviso Emergenza possono essere liberamente utilizzati per scopi documentali, didattici ed informativi non aventi fine di lucro o commerciale, a condizione che ne sia citata la fonte. Il loro utilizzo e la loro riproduzione, sotto qualsiasi forma, a fini di vendita o commercio, o per iniziative aventi scopo di lucro o comunque diverse da quelle consentite è vietato senza il consenso esplicito dell'autore. Treviso Emergenza non assume nessuna responsabilità per qualsivoglia conseguenza derivante dall'utilizzo da parte di terzi delle informazioni contenute nel documento, indipendentemente dal fatto che l'utilizzo stesso sia stato o meno autorizzato. Avvertenza: finalità e precauzioni d'uso Questo documento è destinato ad essere utilizzato come supporto didattico nei corsi svolti da Treviso Emergenza ed è applicabile alla specifica realtà operativa. L'utilizzo del DAE richiede un addestramento pratico; il solo studio di questo documento non consente l'acquisizione delle nozioni necessarie all'impiego del DAE. L'utilizzo del DAE è subordinato alle vigenti norme di legge ed alle disposizioni interne di ciascun servizio di emergenza. Cronistoria Versione 2.0 aprile 2000 revisione: PR correzioni grafiche - modifica algoritmo Versione 1.1 dicembre 1999 revisione: AA versione definitiva approvata Versione 1.0 novembre 1999 revisione: AA bozza finale per approvazione Fonti Bibliografiche : Manuale di ACLS American Heart Association, 1998 Linee guida ILCOR, 1997 Linee guida ERC, 1998 Illustrazioni tratte dal Manuale di ACLS American Heart Association ACRONIMI UTILIZZATI NEL DOCUMENTO FV : Fibrillazione Ventricolare TV : Tachicardia Ventricolare BLS : Basic Life Support ACLS : Advanced Cardiac Life Support ACC : Arresto Cardiocircolatorio DAE : Defibrillatore Automatico Esterno PEA : Pulsless Electrical Activity - Attività Elettrica senza Polso

4 LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA L efficacia di un sistema di emergenza sanitaria dipende dalla stretta interconnessione fra gli anelli di una catena ideale: allarme precoce, B.L.S. precoce, defibrillazione precoce, A.C.L.S. precoce. Per il successo della rianimazione di una persona in ACC è inoltre fondamentale anche il riconoscimento precoce dell arresto stesso. Fig. 1 La catena della sopravvivenza L IMPORTANZA DELLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Vengono riconosciute, per l adulto, due gruppi di cause di ACC: la FV/TV senza polso, e la NON FV/TV, che comprende l asistolia, la attività elettrica senza polso e la dissociazione elettromeccanica La FV è caratterizzata da caos elettrico che si traduce nella perdita della capacità di pompa del cuore; nella TV i ventricoli si contraggono ad una frequenza tanto elevata da non riuscire a riempirsi di sangue e quindi a pomparlo in aorta. In ambedue i casi il polso è assente e la persona è in arresto cardiocircolatorio (ACC). Fig. 2 Fibrillazione ventricolare E possibile ripristinare un ritmo organizzato ed una capacità contrattile spontanea per mezzo della defibrillazione elettrica:questa consiste nel fare attraversare il cuore da una scarica di corrente elettrica con

5 un adeguato livello di energia; lo shock elettrico stordisce il cuore e può così consentire la ripresa di un ritmo spontaneo efficace. L importanza della defibrillazione più precoce possibile é ormai indiscutibile dal momento che: - vari studi hanno dimostrato che l ACC ha una incidenza di 0,5 1 caso ogni 1000 abitanti; - il ritmo iniziale più frequente negli arresti cardiaci improvvisi è la FV; - l unico trattamento efficace per la F.V. è la defibrillazione elettrica; la Rianimazione CardioPolmonare (RCP) praticata nell attesa del defibrillatore sembra prolungare la FV e contribuire a preservare cuore e funzioni cerebrali, MA NON è in grado di convertire la FV ad un ritmo normale; - la probabilità di successo della defibrillazione diminuisce rapidamente con il passare del tempo: diversi studi hanno dimostrato che la sopravvivenza cade del 7-10% ogni minuto dopo il collasso per i pazienti trovati in FV.; - la FV tende a degenerare in asistolia entro pochi minuti dall ACC; - la TV in genere si converte rapidamente in FV, situazione in cui l unico trattamento é la defibrillazione precoce. Fig. 3 Probabilità di successo della rianimazione in base al tempo. Da Cummis Alcuni pazienti adulti in FV possono sopravvivere senza danni neurologici anche se la defibrillazione viene eseguita dopo 6-10 minuti dall arresto, ma la velocità con cui si arriva a somministrare lo shock della defibrillazione é il fattore più importante per il successo della rianimazione. Il numero dei pazienti in FV decresce di minuto in minuto con sempre maggiore probabilità di asistolia, caso in cui la rianimazione ha scarso successo; dopo 4-8 minuti dall ACC il 50% dei pazienti risulta essere ancora in FV. Il successo della defibrillazione dipende dallo stato metabolico del miocardio: una FV di maggiore durata produce un maggior deterioramento miocardico, con diminuizione della probabilità che lo shock riesca a restaurare un ritmo efficace spontaneo.

6 Se il tempo fra l arresto cardiaco e la defibrillazione è breve come succede in ambiente rianimatorio, le probabilità che la defibrillazione sia efficace è molto alta.

7 IL DEFIBRILLATORE Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. L apparecchio è alimentato da una batteria ricaricabile, a rete o a corrente continua a 12 Volt. I DAE comunemente utilizzati possono ad onda monofasica o ad onda difasica. L alimentazione di funzionamento all interno dell apparecchio è del tipo a bassa tensione, a corrente continua; per questo nel caso di alimentazione a rete un trasformatore-raddrizzatore provvede a ridurre il voltaggio ed a raddrizzare la corrente portandola da 220V a volt in continua. All interno del defibrillatore si possono distinguere due tipi di circuito: - un circuito a bassa tensione di V, che interessa tutti le funzioni (pulsanti, ecc), il monitor ECG, la scheda contenente i microprocessori, ed il circuito a valle del condensatore; - un circuito ad alta tensione, che interessa il circuito di carica e scarica dell energia di defibrillazione; questa viene accumulata dal condensatore e può raggiungere voltaggi fino a 5000 V. Altre componenti del defibrillatore sono: - la resistenza interna dove viene scaricata l energia già accumulata dal condensatore, in seguito a comando manuale, oppure automaticamente, trascorso un certo tempo dalla carica, se l operatore non ha scaricato l energia sul paziente, - il relais di scarica che in condizioni di riposo chiude il circuito elettrodi-monitor ECG, consentendo il rilevamento del tracciato ECG attraverso le piastre adesive; quando viene premuto il pulsante di scarica, il relè chiude il circuito elettrodi-condensatore permettendo l erogazione dello shock al paziente.

8 EFFICACIA DELLA DEFIBRILLAZIONE La defibrillazione consiste nel passaggio di una adeguata quantità di corrente elettrica (misurata in ampére) attraverso il cuore in un breve periodo di tempo (4-5 msec) La efficacia dello shock elettrico dipende da: - la soglia di defibrillazione, cioé la disponibilità del miocardio a lasciarsi defibrillare. - dall energia elettrica erogata, cioé l energia che si libera tra due elettrodi e che viene misurata in Joule. - dall impedenza toracica, cioé dalla resistenza che si oppone alla corrente che deve raggiungere il cuore. Soglia di defibrillazione Dipende soprattutto dalla durata della FV, dallo stato patologico del miocardio, dalla temperatura corporea, dalla eventuale presenza di farmaci in circolo. Energia, Corrente, Voltaggio L energia che si libera tra due elettrodi viene misurata in Joule (E-J); essa è il prodotto di: Differenza di Potenziale (Volt) x Corrente (Ampére) x il tempo (sec) = E-J Volt x Ampére = Watt (Potenza) Watt x sec = E-J Quantità di energia troppo alte tendono a convertire la FV in asistolia; energie troppo basse lasciano il cuore in FV. In età pediatrica si applica il criterio di selezione del livello di energia in base al peso: 2 J/kg alla prima scarica, 4 J/kg per le seguenti. Negli adulti, in base a sperimentazioni cliniche si è individuato un range tra J. I DAE ad onda monofasica comunemente in commercio erogano al 1 e al 2 shock 200 Joule; per gli shock successivi 360 J. I DAE ad onda bifasica partono da un erogazione minima di 130 J per un impedenza di 50 ohm, e commisurano l'energia erogata all'impedenza toracica. L impedenza toracica diminuisce in seguito a shock ripetuti per cui si avranno livelli di corrente maggiori anche selezionando la stessa energia. Se la FV viene interrotta da una scarica ma poi si ripresenta nello stesso episodio di arresto cardiaco, la nuova scarica deve essere dello stesso livello di energia di quello precedentemente efficace. Impedenza Toracica E la resistenza che si interpone al passaggio della corrente; viene misurata in ohm (nell adulto la media è di ohm)

9 I fattori che determinano l impedenza toracica sono: l energia selezionata, la grandezza degli elettrodi, il materiale di interfaccia elettrodi-cute, il numero e l intervallo di tempo di precedenti shock, la fase di ventilazione, la distanza tra gli elettrodi (dimensione del torace), la pressione di contatto cute-elettrodi. Se l impedenza toracica é elevata, uno shock a bassa energia può non riuscire a fare passare nel cuore abbastanza corrente per essere efficace. Dimensione degli elettrodi per defibrillazione Tanto più sono grandi gli elettrodi tanto minore sarà l impedenza; deve essere fatta molta attenzione a farli aderire bene alla cute; un inadeguato contatto con la superficie toracica può provocare il passaggio di gran parte della corrente attraverso vie di conduzione extracardiache. Nell adulto la grandezza va da 8,5 a 12 cm di diametro, nel bambino è di 4,5 cm. Posizione degli elettrodi per defibrillazione Gli elettrodi devono essere posti in modo da rendere massimo il passaggio del flusso di corrente attraverso il miocardio. La posizione raccomandata è sterno-apicale: - l elettrodo sternale va posto alla destra della parte superiore dello sterno sotto la clavicola; - l elettrodo apicale va posto alla sinistra del capezzolo con la parte centrale in corrispondenza della linea ascellare anteriore. Nei pazienti portatori di pace-maker permanenti gli elettrodi non devono essere posti vicino al generatore di impulsi (pace-maker) poichè la defibrillazione diretta potrebbe produrre malfunzionamenti temporanei o permanenti. Comunque non bisogna mai rinunciare alla defibrillazione nei pazienti portatori di pace-maker.

10 Fig. 4 Posizione degli elettrodi per defibrillazione DEFIBRILLATORE AUTOMATICO E SEMIAUTOMATICO Sono defibrillatori esterni che incorporano un sistema di analisi del ritmo; la differenza più importante tra un defibrillatore automatico ed uno convenzionale è che nel secondo caso una persona deve interpretare il ritmo cardiaco, mentre nel primo lo stesso compito viene svolto da un dispositivo elettronico (un microprocessore). Alcuni defibrillatori sono completamente automatici, altri, come il Laerdal 3000 Heartstat o il Forerunner Hartstream, sono semiautomatici o a richiesta di scarica. Un defibrillatore completamente automatico richiede solo che l operatore colleghi le placche al paziente ed accenda il defibrillatore; se é presente FV o TV queste vengono riconosciute e registrate all interno dell apparecchio e contemporaneamente il dispositivo carica il condensatore e impartisce una scarica. I defibrillatori semiautomatici richiedono all operatore altre azioni: - la pressione del tasto Analisi per dare inizio all analisi del ritmo - la pressione del tasto Shock per somministrare la scarica. Questo va premuto solo quando l apparecchio identifica la FV e consiglia l erogazione dello shock. Con il DAE la defibrillazione avviene a distanza, attraverso placche-elettrodi che vengono applicate sul torace del paziente attraverso cavi di connessione. Questo permette la defibrillazione a mani libere, più sicura per l operatore, ed offre inoltre un posizionamento migliore durante la rianimazione prolungata. Con questa tecnica l operatore non può esercitare la elevata pressione che si fa con le placche convenzionali e che serve a migliorare il contatto tra elettrodi e cute; tuttavia le placche adesive garantiscono una diminuizione dell impedenza toracica grazie alla loro maggiore superficie.

11 Analisi automatica del ritmo cardiaco. Il DAE è stato ampiamente sperimentato sia dal punto di vista teorico, confrontando raccolte di ritmi cardiaci analizzati e registrati, sia da quello clinico in numerosi studi sul campo; l accuratezza dell analisi del ritmo cardiaco é risultata molto elevata. Gli errori riscontrati durante gli studi erano dovuti al non riconoscimento di alcune varietà di FV e TV (falsi negativi), o quando l operatore non aveva seguito le procedure quali quella di NON muovere il paziente (falsi positivi). I DAE sono dotati di un microprocessore che analizza le caratteristiche dell ECG: ampiezza, frequenza ed alcune integrazioni di esse come la morfologia di inclinazioni o di onde. Una serie di filtri controlla le possibili interferenze durante la registrazione del complesso ventricolare QRS provenienti: da trasmissioni radio, onde elettromagnetiche come artefatti da elettrodi male adesi; alcuni DAE riescono a riconoscere i movimenti attivi o passivi del paziente. Il DAE controlla ripetutamente il ritmo cardiaco ed ogni volta per qualche secondo. Se molte di queste volte viene riconosciuta la presenza di un ritmo per il quale é indicato uno shock, il defibrillatore completamente automatico si carica ed eroga la scossa. Il defibrillatore semiautomatico, invece, segnala all operatore che lo shock é indicato, ed avvia contemporaneamente la carica automatica dei condensatori. Una volta che questi sono carichi, l apparecchio indica la necessità di una defibrillazione: a questo punto l operatore può allontanarsi dal paziente e premere il pulsante shock, provocando il rilascio della scarica. Tachicardia Ventricolare Tutti i DAE sono programmati per erogare shock in caso di TV monomorfa e polimorfa con frequenza superiore a valori stabiliti, una volta che si sia riconosciuto l arresto cardiaco. Defibrillazioni non necessarie o mancate. L esperienza clinica ha dimostrato che raramente un DAE viene tratto in errore da movimenti del paziente dovuti a respiro agonico o crisi convulsive, o da movimenti passivi impressi da altre persone, o da altri artefatti. Il tasto Analisi del DAE deve essere schiacciato solo dopo avere accertato l arresto cardiocircolatorio (assenza di coscienza, assenza di atti respiratori e di polso) e dopo che il paziente non viene più toccato; durante il trasporto il DAE deve essere convertito in analisi SOLO DOPO l arresto completo dell ambulanza. Interruzione della RCP. Mentre il DAE sta analizzando il ritmo cardiaco, caricando i condensatori e scaricando lo shock il personale dell emergenza deve:

12 - assicurarsi che nessuno stia toccando il paziente - le compressioni toraciche e la ventilazione devono essere interrotte al fine di permettere un accurata analisi del ritmo cardiaco e prevenire accidentali scariche ai soccorritori (possibile con i defibrillatori automatici). Il tempo più lungo di interruzione dell RCP nell uso del DAE (10-15 secondi), viene accettato come eccezione alle linee guida BLS che raccomandano la sospensione non superiore a 5 secondi; questo perché vi è il beneficio della defibrillazione precoce. Nei pazienti con FV refrattaria al primo shock, la RCP può dover essere sospesa per un tempo più lungo per la somministrazione dei tre shock sequenziali. Gli standard internazionali accettano un periodo di 90 secondi per diagnosticare l ACC, effettuare l analisi ed erogare le tre scariche. Asistolia In caso di asistolia non esiste alcuna prova che il tentativo di somministrare la defibrillazione sia di beneficio; invece la somministrazione empirica di uno shock elettrico in asistolia può impedire la riattivazione dei pace-makers naturali del cuore e quindi annullare ogni possibilità di recupero.

13 PROCEDURE OPERATIVE Tutti i DAE possono essere utilizzati seguendo 4 punti: 1 Accendere il dispositivo 2 Applicare le piastre adesive 3 Avviare l analisi del ritmo 4 Impartire lo shock quando necessario e dopo aver verificato le condizioni di sicurezza. Presenza di due soccorritori (1 Infermiere + 1 Autista) ATTENZIONE: Dopo il riconoscimento dell ACC, nessuna altra manovra deve avere precedenza sull analisi del ritmo e sulla defibrillazione (NON devono essere effettuate manovre quali predisporre la somministrazione di ossigeno, preparare l aspiratore, assicurare una via venosa) Se all arrivo presso la persona in ACC il DAE è già a disposizione dell infermiere questi NON deve somministrare le prime due ventilazioni previste dal protocollo CPR. Se non è disponibile immediatamente il DAE somministrare le prime due ventilazioni quando appropriate. 1) All arrivo l infermiere verifica i segni di arresto circolatorio: perdita di coscienza, mancanza di atti respiratori, assenza del polso carotideo; 2) Se viene confermato l ACC: l autista chiama immediatamente la C.O. per il soccorso avanzato (medico-rianimatore); quando disponibile, predispone il materiale di rianimazione e partecipa alla RCP; l infermiere se possibile pone il defibrillatore alla sinistra della testa del paziente ed esegue comunque le manovre seguenti: a) esporre ed asciugare il torace, eventualmente radere le parti di applicazione degli elettrodi; b) accendere il DAE premendo il tasto On fino a quando si sente un bip; nessuno deve toccare il paziente c) collegare ai due elettrodi i due cavi provenienti dal DAE d) rimuovere la protezione da un elettrodo per volta ed applicarli al paziente premendo sulla superficie, specialmente lungo i bordi: - l elettrodo con il raccordo bianco va applicato a destra della parte superiore dello sterno sotto la clavicola destra

14 - l elettrodo con il raccordo rosso va applicato sotto il capezzolo sinistro 3) Premere il pulsante Analizza : l analisi dell ECG dura 6-9 sec. Durante l analisi vengono trasmessi messaggio sonoro e video di Allontanarsi : nessuno deve toccare il paziente, sospendere la RCP, se si è in ambulanza fermare il mezzo; ripetere a voce alta il comando per allontanare tutti i presenti; 4) Se il DAE riconosce il primo tracciato trattabile con shock elettrico, comincia automaticamente a caricarsi. Fino a che c è il messaggio Analizzando l analisi può risultare in un messaggio Shock non indicato che provoca l arresto del caricamento; 5) Se non c è indicazione allo shock il DAE manda i messaggi sonoro e video di Shock non indicato ; avviare la RCP per 3 minuti (controllare il tempo su orologio del DAE) e proseguire come da algoritmo. Solo se non è disponibile l ACLS continuare con la RCP e trasportare il paziente all ospedale. 6) Se invece, mentre il DAE sta analizzando, riconosce i vari segmenti dell ECG come trattabili con shock, la carica prosegue e sullo schermo appare il conto progressivo della carica fino a completamento 7) quando il DAE ha raggiunto il completamento della carica viene dato un segnale acustico 8) Assicurarsi che: - NESSUNA PERSONA NE OGGETTI CONDUTTIVI SIANO A CONTATTO CON IL PAZIENTE - LA FONTE DI OSSIGENO SIA LONTANA 9) Quando il DAE dà l avviso sonoro di Premi tasto shock premerlo per almeno 0,2 sec. 10) Premere di nuovo il pulsante Analizza per verificare il bisogno di un altro shock fino ad un totale di tre shock, se richiesti. Nei DAE ad onda monofasica i primi 2 shock sono fissati a 200 Joule, il 3 shock ed i successivi sono fissati a 360 Joule. In caso di FV persistente il DAE si caricherà nuovamente per il secondo shock; tra uno shock e l altro NON si deve controllare il polso, ma ripetere l analisi per l eventuale terzo shock. La manovra di ricerca del polso tra le prime tre defibrillazioni ritarderebbe la rapida identificazione ed il trattamento della FV persistente, interferirebbe con le capacità valutative del DAE aumentando le possibilità di errore da parte dell operatore.

15 11) Dopo le tre scariche, controllare il polso, se assente continuare la RCP per un minuto. 12) Dopo 1 minuto di RCP controllare di nuovo il polso se polso assente: premere il pulsante Analizza. In caso di ulteriore persistenza della FV di nuovo il defibrillatore carica il condensatore e impartisce il consiglio di shock; si somministra una nuova sequenza di tre shock, se necessarie, senza valutazione del polso tra la quarta e la quinta, dopo la sesta si valuta il polso e si continua come da Algoritmo). 13) In caso di FV persistente quando NON é disponibile il medico (ACLS) si somministra una seconda tripletta di shock, se necessari, quindi, anche se persiste la FV, si trasporta la persona. all ospedale continuando la RCP. N.B. Vi sono dei defibrillatori semiautomatici che analizzano automaticamente il ritmo dopo la connessione delle piastre al torace, ma che erogano la scarica solo dopo aver premuto il pulsante di scarica. Refibrillazione Dopo la defibrillazione il paziente può presentare un ritmo cardiaco efficace e la presenza di polso, ma può in seguito refibrillare e ritornare in ACC. In questo caso riprendere la sequenza di trattamento dal punto 3 della procedura: se la FV si presenta durante il trasporto fermare completamente l ambulanza. Shock non indicato Dopo il collegamento del DAE al paziente la prima analisi segnala shock non indicato : a questo punto praticare la RCP per 3 minuti iniziandola come da protocollo con due ventilazioni. Al terzo minuto si interrompe, si valuta il polso; se assente si avvia l analisi. - se NON è disponibile il medico: trasportare la persona all ospedale continuando la RCP - se il polso è presente seguire l'algoritmo. Rientro in C.O. Al rientro in C.O. si procede al riesame del caso insieme al medico: Stampare i dati registrati sul Modulo di Controllo Medico.

16 Singolo soccorritore dotato di DAE Se un unica persona interviene in soccorso a persona in arresto cardiaco può seguire la seguente sequenza di intervento: 1 - Riconoscimento perdita di coscienza 2 - collegare il DAE al paziente 3 - procedere all analisi L attivazione del SUEM può essere fatta dopo il punto 1) o dopo il punto 2). Ipotermia associata ad arresto cardiaco. Persone in FV a temperature molto basse (inferiore a 30 C), non rispondono adeguatamente alla defibrillazione (la stessa ipotermia è causa di FV). La sequenza va limitata ai primi 3 shock ( J). Se inefficaci in caso di indisponibilità di ACLS, il paziente va trasportato all ospedale praticando la RCP durante il trasporto. Paziente bagnato o in prossimità d acqua. Portare il paziente su una superficie asciutta, asciugare accuratamente il torace prima di applicare gli elettrodi del defibrillatore. Donna gravida A gravidanza avanzata la donna dovrebbe essere posta in lieve decubito laterale sinistro; se non vi sono traumi sospetti della colonna vertebrale, mettere un lenzuolo piegato sotto il fianco destro per lateralizzare l utero per evitare la compressione della vena cava. Defibrillazione in età pediatrica L uso del DAE NON è indicato per la popolazione pediatrica. Questo perché i DAE attualmente in uso hanno un livello di energia minimo di 200 J, che provocherebbe la conversione in asistolia della FV in persone sotto i 50 kg. L energia richiesta per la defibrillazione dei pazienti pediatrici e di 2-4 J/Kg. In questo caso iniziare subito la RCP e se non vi è disponibilità del medico trasportare la persona all ospedale. Portatori di Pace-maker. Nei pazienti portatori di pace-maker permanenti le piastre devono essere poste alla distanza di cm dal pace-maker poichè la defibrillazione diretta potrebbe produrre malfunzionamenti temporanei o permanenti dello stesso. La presenza del pace-maker NON è una controindicazione all'uso del DAE.

17 COORDINAMENTO TRA GLI OPERATORI ACLS ED IL PERSONALE DAE. Avvisata la C.O. del bisogno del medico o di ACLS, quando questa è disponibile é previsto il seguente protocollo: - l operatore ACLS assume il controllo e la responsabilità del trattamento e chiede un resoconto di ciò che é stato fatto e della situazione; - l operatore ACLS può decidere di continuare l uso del modulo DAE per risparmiare tempo e non interrompere l intervento, o di passare al modulo manuale; - l operatore ACLS considererà gli shock già erogati del DAE e proseguirà quindi con l ACLS; - appena il paziente ha ripreso un ritmo valido ed il polso, l operatore DAE può decidere di passare al modulo manuale. PRECAUZIONI D'USO DEL DAE - Allontanare le fonti di ossigeno per il rischio di esplosione - Allontanarsi per le comunicazioni radio e telefoniche: sebbene non ci siano dati disponibili sull interferenza tra gli AED e gli apparecchi radio o i telefoni mobili non si esclude che essi possano interferire con il funzionamento del defibrillatore. - Togliere i cerotti alla nitroglicerina per pericolo di scoppi. TERAPIA DOPO LA RIANIMAZIONE Dopo la applicazione del protocollo operativo può accadere che il paziente: 1) abbia la ripresa del ritmo cardiaco e del polso ed essere sveglio, rispondere e respirare spontaneamente 2) abbia un polso palpabile ma con quadri emodinamici e neurologici variabili 3) permanga l arresto cardiaco senza un ritmo che risponda alla defibrillazione 4) può continuare la FV o una TV. Nei casi 1 e 2 si deve continuare a dare la terapia di supporto - mantenimento pervietà delle vie aeree - somministrazione di ossigeno - monitoraggio delle funzioni vitali - stabilizzazione fisica e trasporto. REVISIONE DEI CASI Ogni caso di ACC in cui si é usato il DAE, o in cui si sarebbe dovuto usare, deve essere riesaminato dal medico responsabile; quindi ogni evento in cui viene praticata la RCP deve essere documentato e registrato, per poi essere sottoposto a revisione medica. Le metodologie dell esame caso per caso possono basarsi su: - referto del soccorso - revisione dei dati riportati sul nastro ECG dei DAE

18 - moduli di memoria e le registrazioni di informazioni del DAE. Ogni caso deve essere registrato secondo il protocollo internazionale di raccolta dati Utstein Style. MANUTENZIONE DEL DAE - Controllo personale del DAE da parte dell operatore; - Utilizzo delle check-list quotidianamente, ad ogni cambio turno; - Controllo di manutenzione raccomandati dal produttore; - Controllo delle batterie che possono essere al nickel-cadmio o litio o piombo acido; - Controllo della presenza delle piastre. DOCUMENTI COLLEGATI L'utilizzo del DAE richiede la conoscenza dei seguenti documenti: - Algoritmo per l'utilizzo del DAE (versione corrente) - Manuale d'uso del DAE - Procedura di controllo del DAE - Procedura di raccolta dei dati - Algoritmo CPR (versione corrente) I documenti non sono contenuti nel presente manuale perché soggetti a revisione con cadenza diversa dallo stesso NORMA D'IMPIEGO L'utilizzo del DAE è subordinato alla frequenza del corso di formazione ed al superamento dell'esame finale, ed al successivo rilascio, da parte del medico responsabile del servizio, dell'autorizzazione nominativa all'impiego.

MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE

MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE Come già illustrato, l impiego del defibrillatore semiautomatico esterno è riservato ai pazienti in arresto cardiocircolatorio. Il soccorritore che utilizza l apparecchiatura

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 Fase D: Defibrillazione Precoce Se Polso e Segni di Circolo sono

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

Istruzioni per l operatore di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P)

Istruzioni per l operatore di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P) di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P) AVVERTENZA: le leggi federali (USA) limitano la vendita di questo dispositivo a medici autorizzati o dietro loro ordine.

Dettagli

GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE

GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE Introduzione Acquistare un DAE (defibrillatore semiautomatico esterno) per uso professionale o personale è una prassi che si sta consolidando grazie alla legge n 120 del 2001

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

Defibrillatore Semiautomatico/Manuale FRED easy Relazione Generale Specifiche Tecniche

Defibrillatore Semiautomatico/Manuale FRED easy Relazione Generale Specifiche Tecniche Defibrillatore Semiautomatico/Manuale FRED easy Relazione Generale Specifiche Tecniche FRED easy Relazione Generale Rev.A13 Pagina 1 di 10 Defibrillatore Bifasico FRED easy FRED EASY è un defibrillatore

Dettagli

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD?

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD? Basic Life Support Defibrillation - Holistic Square INTRODUZIONE: La morte cardiaca improvvisa è causata nell 80%- 90% dei casi da aritmie ipercinetiche a carico dei ventricoli :tachicardia ventricolare

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.org Servizio con sistema di gestione certificato ISO 9001 Riferimenti Normativi:

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

R Series. La sicurezza è garantita. dal sistema Code-Ready

R Series. La sicurezza è garantita. dal sistema Code-Ready R Series La sicurezza è garantita dal sistema Code-Ready Il primo ed unico defibrillatore Code-Ready Il momento peggiore per scoprire che un defibrillatore non è pronto è quando serve. Agire rapidamente

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza BLSD BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010

Dettagli

BLSD (Basic Life Support Defibrillation) RCP (Rianimazione Cardio Polmonare) PRIMA PARTE

BLSD (Basic Life Support Defibrillation) RCP (Rianimazione Cardio Polmonare) PRIMA PARTE BLSD (Basic Life Support Defibrillation) RCP (Rianimazione Cardio Polmonare) PRIMA PARTE BLSD (Basic Life Support Defibrillation) RCP (Rianimazione Cardio Polmonare) OBIETTIVO AFFRONTARE E TRATTARE L ACC

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Repertorio Atti n. 1626 del 27 febbraio 2003 Oggetto:Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 1 U.O.C. Cardiologia UTIC Ospedale San Giacomo ASL RMA Ospedale San Giacomo ASL

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course BACKGROUND Circa 700.000 arresti cardiaci\anno in europa 5 10% di dimessi vivi dopo arresto cardiaco L inizio precoce della CPR da parte degli

Dettagli

Basic Life Support. Early Defibrillation

Basic Life Support. Early Defibrillation CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Padova Basic Life Support Early Defibrillation Dispensa per la formazione interna BLSD a cura di dott.ssa Silvia De Carlo, dott. Giacomo Magagnotti INDICE

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010)

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) DEFINIZIONE DI ARRESTO CARDIACO BRUSCA CESSAZIONE DELLA FUNZIONE DI POMPA DEL

Dettagli

Manuale d uso. Defibrillatore esterno semiautomatico (AED) FR2 HEARTSTART M3840A e M3841A LAERDAL

Manuale d uso. Defibrillatore esterno semiautomatico (AED) FR2 HEARTSTART M3840A e M3841A LAERDAL Manuale d uso Defibrillatore esterno semiautomatico (AED) FR2 HEARTSTART M3840A e M3841A LAERDAL " "$#$"$ In senso orario, a partire dal componente in alto a destra. Batteria. Gruppo batteria non ricaricabile

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria.

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria. Programma della Regione Calabria per la diffusione e l utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) secondo il decreto interministeriale 18 marzo 2011 Definizione e dati statistici della Morte

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

Certificazione Regionale BLSD

Certificazione Regionale BLSD INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio Il razionale della defibrillazione precoce La catena della sopravvivenza BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Principi generali Defibrillatori esterni Il danno

Dettagli

LIFE LINE AED plus. relazione tecnica. Pag. 1 di 10

LIFE LINE AED plus. relazione tecnica. Pag. 1 di 10 DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO ESTERNO LIFE LINE AED plus relazione tecnica prodotto da: distribuito da: Mortara Rangoni EUROPE Vista anteriore con protezione gommata esterna maniglia di trasporto e due

Dettagli

Corso Regionale BLS-D

Corso Regionale BLS-D Corso Regionale BLS-D Corso Regionale BLS-D RegioneLombardia 2006 INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio... Il razionale della defibrillazione precoce... La Catena della sopravvivenza... BASIC LIFE

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012)

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione) PREMESSA L arresto cardiaco improvviso è la

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

Capitolo 3a. Aggiornamento ILCOR 2010

Capitolo 3a. Aggiornamento ILCOR 2010 Capitolo 3a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio Il razionale della defibrillazione precoce La catena della sopravvivenza

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

Basic Life Support Early-Defibrillation

Basic Life Support Early-Defibrillation QUADERNO DI LAVORO Basic Life Support Early-Defibrillation Secondo le linee guida IRC 2006/ILCOR-ERC 2005 Provincia Autonoma di Trento Servizio Sanitario Provinciale Presentazione Il trattamento tempestivo

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

Il Defibrillatore nello Sport

Il Defibrillatore nello Sport Il Defibrillatore nello Sport Il Primo Soccorso anche per persone non qualificate SEMPLICITÀ - AFFIDABILITÀ - SICUREZZA - RAZIONALITÀ OPERATIVA BioApp sas www.bioapp.it - info@bioapp.it - bioappsas@pec.it

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA DELIBERAZIONE N. VII/10306 DEL 16 SETTEMBRE 2002 Oggetto: APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA VISTA la legge regionale 11.7.1997, n. 31 Norme per il riordino del Servizio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in infermieristica L ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in infermieristica L ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in infermieristica L ARRESTO CARDIACO INTRAOSPEDALIERO PROTOCOLLO INFERMIERISTICO D ATTIVAZIONE DELLA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

La professionalità a portata di mano

La professionalità a portata di mano La professionalità a portata di mano La professionalità a portata di mano Ogni anno in Europa circa 700.000 persone sono colpite da arresto cardiaco improvviso (SCA). L'arresto cardiaco può affliggere

Dettagli

Defibrillatore esterno semi automatico Defibtech LIFELINE AED

Defibrillatore esterno semi automatico Defibtech LIFELINE AED Defibrillatore esterno semi automatico Defibtech LIFELINE AED Manuale dell operatore Software v2.0 Premessa La Defibtech non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti nella presente

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Equipaggiamenti di emergenza.

Equipaggiamenti di emergenza. Informazione sul prodotto Equipaggiamenti di emergenza. Defibrillatori e ossigeno medicale per ogni esigenza. 2 Equipaggiamenti di emergenza Sommario. PanGas Healthcare 4 Powerheart G DAE Powerheart G

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU39 27/09/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 24 settembre 2012, n. 32-4611 DGR 49-2905 del 14 novembre 2011. Regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

20 x 18,4 x 4,8 cm (8,0 x 7,25 x 1,9 pollici) 1,1 kg (2,4 libbre)

20 x 18,4 x 4,8 cm (8,0 x 7,25 x 1,9 pollici) 1,1 kg (2,4 libbre) Parametri fisici (con Pad-Pak installato) Dimensioni: 20 x 18,4 x 4,8 cm (8,0 x 7,25 x 1,9 pollici) Peso: 1,1 kg (2,4 libbre) Parametri ambientali Temperatura di funzionamento: da 0 a 50 C (da 32 a 122

Dettagli

Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione. AOU Sassari BLS-D. Basic Life Support and Defibrillation

Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione. AOU Sassari BLS-D. Basic Life Support and Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione AOU Sassari BLS-D Basic Life Support and Defibrillation A cura di: Prof. Luca Brazzi Dott.ssa Elena Mannu Dott. Giacinto Staffa Dott. Daniel

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Istruttori: FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Angela Bevilacqua BLSD/PBLSD/METAL/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN) Paolo Dadone BLSD/PBLSD/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN e

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

BLSD Basic Life Support Defibrillation

BLSD Basic Life Support Defibrillation BLSD Basic Life Support Defibrillation PER PROFESSIONISTI SANITARI LINEE GUDA ILCOR ERC 2010 Aeffe AggiornaMenti InFormazione http://www.aeffetraining.it http://www.formazioneaeffe.it aeffe@aeffetraining.it

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE

CARATTERISTICHE TECNICHE HEARTSTART FR 3 CARATTERISTICHE TECNICHE Revisione Aprile 2013 pag. 1 INDICE DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE DEL FORERUNNER 3 Cap. 1 CARATTERISTICHE FUNZIONALI Pag. 3 Cap. 2 ELEMENTI NECESSARI PER L UTILIZZO

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support and Defibrillation

B.L.S.D. Basic Life Support and Defibrillation A.I.S.A.C.E. Centro di Formazione per l Emergenza Sanitaria B.L.S.D. Basic Life Support and Defibrillation SOSTEGNO DELLE FUNZIONI VITALI CON UTILIZZO DI DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO Linee Guida Ilcor

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

LIFEPAK CR. Plus DEFIBRILLATORE LIFEPAK EXPRESS DEFIBRILLATORE ISTRUZIONI PER L USO

LIFEPAK CR. Plus DEFIBRILLATORE LIFEPAK EXPRESS DEFIBRILLATORE ISTRUZIONI PER L USO + LIFEPAK CR Plus DEFIBRILLATORE LIFEPAK EXPRESS DEFIBRILLATORE ISTRUZIONI PER L USO LIFEPAK CR Plus DEFIBRILLATORE LIFEPAK EXPRESS DEFIBRILLATORE ISTRUZIONI PER L USO Responsabilità delle informazioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU5S2 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 febbraio 2015, n. 16-979 Aggiornamento regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia

Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia Obiettivo del progetto ECG 12 derivazioni within 10 to call (sospetta SCA) Incidenza 50% sulla mortalità

Dettagli