Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000"

Transcript

1 Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000 Contenuti del Corso : Defibrillazione Cardiaca Precoce con Defibrillatore Semiautomatico - La catena della sopravvivenza - L importanza della defibrillazione precoce - Il defibrillatore - Efficacia della defibrillazione : - Soglia di defibrillazione - Energia, corrente, voltaggio. - Impedenza toracica. - Dimensione degli elettrodi. - Posizione degli elettrodi. Defibrillatori automatico e semiautomatico - Analisi automatica del ritmo cardiaco - Tachicardia Ventricolare - Defibrillazioni non necessarie o mancate - Interruzione della RCP - Asistolia Procedure operative - Due soccorritori - Refibrillazione - Shock non indicato - Rientro in Centrale Operativa - Singolo soccorritore dotato di DAE Defibrillazione in casi particolari - Ipotermia associata ad arresto cardiaco - Paziente bagnato o in prossimità d acqua - Donna gravida - Defibrillazione in età pediatrica Precauzioni Coordinazione tra operatori dotati di DAE e operatori ACLS. Terapia dopo la rianimazione Revisione del caso al rientro in Centrale Operativa Metodi di revisione caso per caso.

2 La manutenzione del defibrillatore

3 Avvertenza: proprietà e riproduzione del documento Questo documento è proprietà ditreviso Emergenza. Il documento in toto e le sue parti di testo e di grafica realizzate da Treviso Emergenza possono essere liberamente utilizzati per scopi documentali, didattici ed informativi non aventi fine di lucro o commerciale, a condizione che ne sia citata la fonte. Il loro utilizzo e la loro riproduzione, sotto qualsiasi forma, a fini di vendita o commercio, o per iniziative aventi scopo di lucro o comunque diverse da quelle consentite è vietato senza il consenso esplicito dell'autore. Treviso Emergenza non assume nessuna responsabilità per qualsivoglia conseguenza derivante dall'utilizzo da parte di terzi delle informazioni contenute nel documento, indipendentemente dal fatto che l'utilizzo stesso sia stato o meno autorizzato. Avvertenza: finalità e precauzioni d'uso Questo documento è destinato ad essere utilizzato come supporto didattico nei corsi svolti da Treviso Emergenza ed è applicabile alla specifica realtà operativa. L'utilizzo del DAE richiede un addestramento pratico; il solo studio di questo documento non consente l'acquisizione delle nozioni necessarie all'impiego del DAE. L'utilizzo del DAE è subordinato alle vigenti norme di legge ed alle disposizioni interne di ciascun servizio di emergenza. Cronistoria Versione 2.0 aprile 2000 revisione: PR correzioni grafiche - modifica algoritmo Versione 1.1 dicembre 1999 revisione: AA versione definitiva approvata Versione 1.0 novembre 1999 revisione: AA bozza finale per approvazione Fonti Bibliografiche : Manuale di ACLS American Heart Association, 1998 Linee guida ILCOR, 1997 Linee guida ERC, 1998 Illustrazioni tratte dal Manuale di ACLS American Heart Association ACRONIMI UTILIZZATI NEL DOCUMENTO FV : Fibrillazione Ventricolare TV : Tachicardia Ventricolare BLS : Basic Life Support ACLS : Advanced Cardiac Life Support ACC : Arresto Cardiocircolatorio DAE : Defibrillatore Automatico Esterno PEA : Pulsless Electrical Activity - Attività Elettrica senza Polso

4 LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA L efficacia di un sistema di emergenza sanitaria dipende dalla stretta interconnessione fra gli anelli di una catena ideale: allarme precoce, B.L.S. precoce, defibrillazione precoce, A.C.L.S. precoce. Per il successo della rianimazione di una persona in ACC è inoltre fondamentale anche il riconoscimento precoce dell arresto stesso. Fig. 1 La catena della sopravvivenza L IMPORTANZA DELLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Vengono riconosciute, per l adulto, due gruppi di cause di ACC: la FV/TV senza polso, e la NON FV/TV, che comprende l asistolia, la attività elettrica senza polso e la dissociazione elettromeccanica La FV è caratterizzata da caos elettrico che si traduce nella perdita della capacità di pompa del cuore; nella TV i ventricoli si contraggono ad una frequenza tanto elevata da non riuscire a riempirsi di sangue e quindi a pomparlo in aorta. In ambedue i casi il polso è assente e la persona è in arresto cardiocircolatorio (ACC). Fig. 2 Fibrillazione ventricolare E possibile ripristinare un ritmo organizzato ed una capacità contrattile spontanea per mezzo della defibrillazione elettrica:questa consiste nel fare attraversare il cuore da una scarica di corrente elettrica con

5 un adeguato livello di energia; lo shock elettrico stordisce il cuore e può così consentire la ripresa di un ritmo spontaneo efficace. L importanza della defibrillazione più precoce possibile é ormai indiscutibile dal momento che: - vari studi hanno dimostrato che l ACC ha una incidenza di 0,5 1 caso ogni 1000 abitanti; - il ritmo iniziale più frequente negli arresti cardiaci improvvisi è la FV; - l unico trattamento efficace per la F.V. è la defibrillazione elettrica; la Rianimazione CardioPolmonare (RCP) praticata nell attesa del defibrillatore sembra prolungare la FV e contribuire a preservare cuore e funzioni cerebrali, MA NON è in grado di convertire la FV ad un ritmo normale; - la probabilità di successo della defibrillazione diminuisce rapidamente con il passare del tempo: diversi studi hanno dimostrato che la sopravvivenza cade del 7-10% ogni minuto dopo il collasso per i pazienti trovati in FV.; - la FV tende a degenerare in asistolia entro pochi minuti dall ACC; - la TV in genere si converte rapidamente in FV, situazione in cui l unico trattamento é la defibrillazione precoce. Fig. 3 Probabilità di successo della rianimazione in base al tempo. Da Cummis Alcuni pazienti adulti in FV possono sopravvivere senza danni neurologici anche se la defibrillazione viene eseguita dopo 6-10 minuti dall arresto, ma la velocità con cui si arriva a somministrare lo shock della defibrillazione é il fattore più importante per il successo della rianimazione. Il numero dei pazienti in FV decresce di minuto in minuto con sempre maggiore probabilità di asistolia, caso in cui la rianimazione ha scarso successo; dopo 4-8 minuti dall ACC il 50% dei pazienti risulta essere ancora in FV. Il successo della defibrillazione dipende dallo stato metabolico del miocardio: una FV di maggiore durata produce un maggior deterioramento miocardico, con diminuizione della probabilità che lo shock riesca a restaurare un ritmo efficace spontaneo.

6 Se il tempo fra l arresto cardiaco e la defibrillazione è breve come succede in ambiente rianimatorio, le probabilità che la defibrillazione sia efficace è molto alta.

7 IL DEFIBRILLATORE Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. L apparecchio è alimentato da una batteria ricaricabile, a rete o a corrente continua a 12 Volt. I DAE comunemente utilizzati possono ad onda monofasica o ad onda difasica. L alimentazione di funzionamento all interno dell apparecchio è del tipo a bassa tensione, a corrente continua; per questo nel caso di alimentazione a rete un trasformatore-raddrizzatore provvede a ridurre il voltaggio ed a raddrizzare la corrente portandola da 220V a volt in continua. All interno del defibrillatore si possono distinguere due tipi di circuito: - un circuito a bassa tensione di V, che interessa tutti le funzioni (pulsanti, ecc), il monitor ECG, la scheda contenente i microprocessori, ed il circuito a valle del condensatore; - un circuito ad alta tensione, che interessa il circuito di carica e scarica dell energia di defibrillazione; questa viene accumulata dal condensatore e può raggiungere voltaggi fino a 5000 V. Altre componenti del defibrillatore sono: - la resistenza interna dove viene scaricata l energia già accumulata dal condensatore, in seguito a comando manuale, oppure automaticamente, trascorso un certo tempo dalla carica, se l operatore non ha scaricato l energia sul paziente, - il relais di scarica che in condizioni di riposo chiude il circuito elettrodi-monitor ECG, consentendo il rilevamento del tracciato ECG attraverso le piastre adesive; quando viene premuto il pulsante di scarica, il relè chiude il circuito elettrodi-condensatore permettendo l erogazione dello shock al paziente.

8 EFFICACIA DELLA DEFIBRILLAZIONE La defibrillazione consiste nel passaggio di una adeguata quantità di corrente elettrica (misurata in ampére) attraverso il cuore in un breve periodo di tempo (4-5 msec) La efficacia dello shock elettrico dipende da: - la soglia di defibrillazione, cioé la disponibilità del miocardio a lasciarsi defibrillare. - dall energia elettrica erogata, cioé l energia che si libera tra due elettrodi e che viene misurata in Joule. - dall impedenza toracica, cioé dalla resistenza che si oppone alla corrente che deve raggiungere il cuore. Soglia di defibrillazione Dipende soprattutto dalla durata della FV, dallo stato patologico del miocardio, dalla temperatura corporea, dalla eventuale presenza di farmaci in circolo. Energia, Corrente, Voltaggio L energia che si libera tra due elettrodi viene misurata in Joule (E-J); essa è il prodotto di: Differenza di Potenziale (Volt) x Corrente (Ampére) x il tempo (sec) = E-J Volt x Ampére = Watt (Potenza) Watt x sec = E-J Quantità di energia troppo alte tendono a convertire la FV in asistolia; energie troppo basse lasciano il cuore in FV. In età pediatrica si applica il criterio di selezione del livello di energia in base al peso: 2 J/kg alla prima scarica, 4 J/kg per le seguenti. Negli adulti, in base a sperimentazioni cliniche si è individuato un range tra J. I DAE ad onda monofasica comunemente in commercio erogano al 1 e al 2 shock 200 Joule; per gli shock successivi 360 J. I DAE ad onda bifasica partono da un erogazione minima di 130 J per un impedenza di 50 ohm, e commisurano l'energia erogata all'impedenza toracica. L impedenza toracica diminuisce in seguito a shock ripetuti per cui si avranno livelli di corrente maggiori anche selezionando la stessa energia. Se la FV viene interrotta da una scarica ma poi si ripresenta nello stesso episodio di arresto cardiaco, la nuova scarica deve essere dello stesso livello di energia di quello precedentemente efficace. Impedenza Toracica E la resistenza che si interpone al passaggio della corrente; viene misurata in ohm (nell adulto la media è di ohm)

9 I fattori che determinano l impedenza toracica sono: l energia selezionata, la grandezza degli elettrodi, il materiale di interfaccia elettrodi-cute, il numero e l intervallo di tempo di precedenti shock, la fase di ventilazione, la distanza tra gli elettrodi (dimensione del torace), la pressione di contatto cute-elettrodi. Se l impedenza toracica é elevata, uno shock a bassa energia può non riuscire a fare passare nel cuore abbastanza corrente per essere efficace. Dimensione degli elettrodi per defibrillazione Tanto più sono grandi gli elettrodi tanto minore sarà l impedenza; deve essere fatta molta attenzione a farli aderire bene alla cute; un inadeguato contatto con la superficie toracica può provocare il passaggio di gran parte della corrente attraverso vie di conduzione extracardiache. Nell adulto la grandezza va da 8,5 a 12 cm di diametro, nel bambino è di 4,5 cm. Posizione degli elettrodi per defibrillazione Gli elettrodi devono essere posti in modo da rendere massimo il passaggio del flusso di corrente attraverso il miocardio. La posizione raccomandata è sterno-apicale: - l elettrodo sternale va posto alla destra della parte superiore dello sterno sotto la clavicola; - l elettrodo apicale va posto alla sinistra del capezzolo con la parte centrale in corrispondenza della linea ascellare anteriore. Nei pazienti portatori di pace-maker permanenti gli elettrodi non devono essere posti vicino al generatore di impulsi (pace-maker) poichè la defibrillazione diretta potrebbe produrre malfunzionamenti temporanei o permanenti. Comunque non bisogna mai rinunciare alla defibrillazione nei pazienti portatori di pace-maker.

10 Fig. 4 Posizione degli elettrodi per defibrillazione DEFIBRILLATORE AUTOMATICO E SEMIAUTOMATICO Sono defibrillatori esterni che incorporano un sistema di analisi del ritmo; la differenza più importante tra un defibrillatore automatico ed uno convenzionale è che nel secondo caso una persona deve interpretare il ritmo cardiaco, mentre nel primo lo stesso compito viene svolto da un dispositivo elettronico (un microprocessore). Alcuni defibrillatori sono completamente automatici, altri, come il Laerdal 3000 Heartstat o il Forerunner Hartstream, sono semiautomatici o a richiesta di scarica. Un defibrillatore completamente automatico richiede solo che l operatore colleghi le placche al paziente ed accenda il defibrillatore; se é presente FV o TV queste vengono riconosciute e registrate all interno dell apparecchio e contemporaneamente il dispositivo carica il condensatore e impartisce una scarica. I defibrillatori semiautomatici richiedono all operatore altre azioni: - la pressione del tasto Analisi per dare inizio all analisi del ritmo - la pressione del tasto Shock per somministrare la scarica. Questo va premuto solo quando l apparecchio identifica la FV e consiglia l erogazione dello shock. Con il DAE la defibrillazione avviene a distanza, attraverso placche-elettrodi che vengono applicate sul torace del paziente attraverso cavi di connessione. Questo permette la defibrillazione a mani libere, più sicura per l operatore, ed offre inoltre un posizionamento migliore durante la rianimazione prolungata. Con questa tecnica l operatore non può esercitare la elevata pressione che si fa con le placche convenzionali e che serve a migliorare il contatto tra elettrodi e cute; tuttavia le placche adesive garantiscono una diminuizione dell impedenza toracica grazie alla loro maggiore superficie.

11 Analisi automatica del ritmo cardiaco. Il DAE è stato ampiamente sperimentato sia dal punto di vista teorico, confrontando raccolte di ritmi cardiaci analizzati e registrati, sia da quello clinico in numerosi studi sul campo; l accuratezza dell analisi del ritmo cardiaco é risultata molto elevata. Gli errori riscontrati durante gli studi erano dovuti al non riconoscimento di alcune varietà di FV e TV (falsi negativi), o quando l operatore non aveva seguito le procedure quali quella di NON muovere il paziente (falsi positivi). I DAE sono dotati di un microprocessore che analizza le caratteristiche dell ECG: ampiezza, frequenza ed alcune integrazioni di esse come la morfologia di inclinazioni o di onde. Una serie di filtri controlla le possibili interferenze durante la registrazione del complesso ventricolare QRS provenienti: da trasmissioni radio, onde elettromagnetiche come artefatti da elettrodi male adesi; alcuni DAE riescono a riconoscere i movimenti attivi o passivi del paziente. Il DAE controlla ripetutamente il ritmo cardiaco ed ogni volta per qualche secondo. Se molte di queste volte viene riconosciuta la presenza di un ritmo per il quale é indicato uno shock, il defibrillatore completamente automatico si carica ed eroga la scossa. Il defibrillatore semiautomatico, invece, segnala all operatore che lo shock é indicato, ed avvia contemporaneamente la carica automatica dei condensatori. Una volta che questi sono carichi, l apparecchio indica la necessità di una defibrillazione: a questo punto l operatore può allontanarsi dal paziente e premere il pulsante shock, provocando il rilascio della scarica. Tachicardia Ventricolare Tutti i DAE sono programmati per erogare shock in caso di TV monomorfa e polimorfa con frequenza superiore a valori stabiliti, una volta che si sia riconosciuto l arresto cardiaco. Defibrillazioni non necessarie o mancate. L esperienza clinica ha dimostrato che raramente un DAE viene tratto in errore da movimenti del paziente dovuti a respiro agonico o crisi convulsive, o da movimenti passivi impressi da altre persone, o da altri artefatti. Il tasto Analisi del DAE deve essere schiacciato solo dopo avere accertato l arresto cardiocircolatorio (assenza di coscienza, assenza di atti respiratori e di polso) e dopo che il paziente non viene più toccato; durante il trasporto il DAE deve essere convertito in analisi SOLO DOPO l arresto completo dell ambulanza. Interruzione della RCP. Mentre il DAE sta analizzando il ritmo cardiaco, caricando i condensatori e scaricando lo shock il personale dell emergenza deve:

12 - assicurarsi che nessuno stia toccando il paziente - le compressioni toraciche e la ventilazione devono essere interrotte al fine di permettere un accurata analisi del ritmo cardiaco e prevenire accidentali scariche ai soccorritori (possibile con i defibrillatori automatici). Il tempo più lungo di interruzione dell RCP nell uso del DAE (10-15 secondi), viene accettato come eccezione alle linee guida BLS che raccomandano la sospensione non superiore a 5 secondi; questo perché vi è il beneficio della defibrillazione precoce. Nei pazienti con FV refrattaria al primo shock, la RCP può dover essere sospesa per un tempo più lungo per la somministrazione dei tre shock sequenziali. Gli standard internazionali accettano un periodo di 90 secondi per diagnosticare l ACC, effettuare l analisi ed erogare le tre scariche. Asistolia In caso di asistolia non esiste alcuna prova che il tentativo di somministrare la defibrillazione sia di beneficio; invece la somministrazione empirica di uno shock elettrico in asistolia può impedire la riattivazione dei pace-makers naturali del cuore e quindi annullare ogni possibilità di recupero.

13 PROCEDURE OPERATIVE Tutti i DAE possono essere utilizzati seguendo 4 punti: 1 Accendere il dispositivo 2 Applicare le piastre adesive 3 Avviare l analisi del ritmo 4 Impartire lo shock quando necessario e dopo aver verificato le condizioni di sicurezza. Presenza di due soccorritori (1 Infermiere + 1 Autista) ATTENZIONE: Dopo il riconoscimento dell ACC, nessuna altra manovra deve avere precedenza sull analisi del ritmo e sulla defibrillazione (NON devono essere effettuate manovre quali predisporre la somministrazione di ossigeno, preparare l aspiratore, assicurare una via venosa) Se all arrivo presso la persona in ACC il DAE è già a disposizione dell infermiere questi NON deve somministrare le prime due ventilazioni previste dal protocollo CPR. Se non è disponibile immediatamente il DAE somministrare le prime due ventilazioni quando appropriate. 1) All arrivo l infermiere verifica i segni di arresto circolatorio: perdita di coscienza, mancanza di atti respiratori, assenza del polso carotideo; 2) Se viene confermato l ACC: l autista chiama immediatamente la C.O. per il soccorso avanzato (medico-rianimatore); quando disponibile, predispone il materiale di rianimazione e partecipa alla RCP; l infermiere se possibile pone il defibrillatore alla sinistra della testa del paziente ed esegue comunque le manovre seguenti: a) esporre ed asciugare il torace, eventualmente radere le parti di applicazione degli elettrodi; b) accendere il DAE premendo il tasto On fino a quando si sente un bip; nessuno deve toccare il paziente c) collegare ai due elettrodi i due cavi provenienti dal DAE d) rimuovere la protezione da un elettrodo per volta ed applicarli al paziente premendo sulla superficie, specialmente lungo i bordi: - l elettrodo con il raccordo bianco va applicato a destra della parte superiore dello sterno sotto la clavicola destra

14 - l elettrodo con il raccordo rosso va applicato sotto il capezzolo sinistro 3) Premere il pulsante Analizza : l analisi dell ECG dura 6-9 sec. Durante l analisi vengono trasmessi messaggio sonoro e video di Allontanarsi : nessuno deve toccare il paziente, sospendere la RCP, se si è in ambulanza fermare il mezzo; ripetere a voce alta il comando per allontanare tutti i presenti; 4) Se il DAE riconosce il primo tracciato trattabile con shock elettrico, comincia automaticamente a caricarsi. Fino a che c è il messaggio Analizzando l analisi può risultare in un messaggio Shock non indicato che provoca l arresto del caricamento; 5) Se non c è indicazione allo shock il DAE manda i messaggi sonoro e video di Shock non indicato ; avviare la RCP per 3 minuti (controllare il tempo su orologio del DAE) e proseguire come da algoritmo. Solo se non è disponibile l ACLS continuare con la RCP e trasportare il paziente all ospedale. 6) Se invece, mentre il DAE sta analizzando, riconosce i vari segmenti dell ECG come trattabili con shock, la carica prosegue e sullo schermo appare il conto progressivo della carica fino a completamento 7) quando il DAE ha raggiunto il completamento della carica viene dato un segnale acustico 8) Assicurarsi che: - NESSUNA PERSONA NE OGGETTI CONDUTTIVI SIANO A CONTATTO CON IL PAZIENTE - LA FONTE DI OSSIGENO SIA LONTANA 9) Quando il DAE dà l avviso sonoro di Premi tasto shock premerlo per almeno 0,2 sec. 10) Premere di nuovo il pulsante Analizza per verificare il bisogno di un altro shock fino ad un totale di tre shock, se richiesti. Nei DAE ad onda monofasica i primi 2 shock sono fissati a 200 Joule, il 3 shock ed i successivi sono fissati a 360 Joule. In caso di FV persistente il DAE si caricherà nuovamente per il secondo shock; tra uno shock e l altro NON si deve controllare il polso, ma ripetere l analisi per l eventuale terzo shock. La manovra di ricerca del polso tra le prime tre defibrillazioni ritarderebbe la rapida identificazione ed il trattamento della FV persistente, interferirebbe con le capacità valutative del DAE aumentando le possibilità di errore da parte dell operatore.

15 11) Dopo le tre scariche, controllare il polso, se assente continuare la RCP per un minuto. 12) Dopo 1 minuto di RCP controllare di nuovo il polso se polso assente: premere il pulsante Analizza. In caso di ulteriore persistenza della FV di nuovo il defibrillatore carica il condensatore e impartisce il consiglio di shock; si somministra una nuova sequenza di tre shock, se necessarie, senza valutazione del polso tra la quarta e la quinta, dopo la sesta si valuta il polso e si continua come da Algoritmo). 13) In caso di FV persistente quando NON é disponibile il medico (ACLS) si somministra una seconda tripletta di shock, se necessari, quindi, anche se persiste la FV, si trasporta la persona. all ospedale continuando la RCP. N.B. Vi sono dei defibrillatori semiautomatici che analizzano automaticamente il ritmo dopo la connessione delle piastre al torace, ma che erogano la scarica solo dopo aver premuto il pulsante di scarica. Refibrillazione Dopo la defibrillazione il paziente può presentare un ritmo cardiaco efficace e la presenza di polso, ma può in seguito refibrillare e ritornare in ACC. In questo caso riprendere la sequenza di trattamento dal punto 3 della procedura: se la FV si presenta durante il trasporto fermare completamente l ambulanza. Shock non indicato Dopo il collegamento del DAE al paziente la prima analisi segnala shock non indicato : a questo punto praticare la RCP per 3 minuti iniziandola come da protocollo con due ventilazioni. Al terzo minuto si interrompe, si valuta il polso; se assente si avvia l analisi. - se NON è disponibile il medico: trasportare la persona all ospedale continuando la RCP - se il polso è presente seguire l'algoritmo. Rientro in C.O. Al rientro in C.O. si procede al riesame del caso insieme al medico: Stampare i dati registrati sul Modulo di Controllo Medico.

16 Singolo soccorritore dotato di DAE Se un unica persona interviene in soccorso a persona in arresto cardiaco può seguire la seguente sequenza di intervento: 1 - Riconoscimento perdita di coscienza 2 - collegare il DAE al paziente 3 - procedere all analisi L attivazione del SUEM può essere fatta dopo il punto 1) o dopo il punto 2). Ipotermia associata ad arresto cardiaco. Persone in FV a temperature molto basse (inferiore a 30 C), non rispondono adeguatamente alla defibrillazione (la stessa ipotermia è causa di FV). La sequenza va limitata ai primi 3 shock ( J). Se inefficaci in caso di indisponibilità di ACLS, il paziente va trasportato all ospedale praticando la RCP durante il trasporto. Paziente bagnato o in prossimità d acqua. Portare il paziente su una superficie asciutta, asciugare accuratamente il torace prima di applicare gli elettrodi del defibrillatore. Donna gravida A gravidanza avanzata la donna dovrebbe essere posta in lieve decubito laterale sinistro; se non vi sono traumi sospetti della colonna vertebrale, mettere un lenzuolo piegato sotto il fianco destro per lateralizzare l utero per evitare la compressione della vena cava. Defibrillazione in età pediatrica L uso del DAE NON è indicato per la popolazione pediatrica. Questo perché i DAE attualmente in uso hanno un livello di energia minimo di 200 J, che provocherebbe la conversione in asistolia della FV in persone sotto i 50 kg. L energia richiesta per la defibrillazione dei pazienti pediatrici e di 2-4 J/Kg. In questo caso iniziare subito la RCP e se non vi è disponibilità del medico trasportare la persona all ospedale. Portatori di Pace-maker. Nei pazienti portatori di pace-maker permanenti le piastre devono essere poste alla distanza di cm dal pace-maker poichè la defibrillazione diretta potrebbe produrre malfunzionamenti temporanei o permanenti dello stesso. La presenza del pace-maker NON è una controindicazione all'uso del DAE.

17 COORDINAMENTO TRA GLI OPERATORI ACLS ED IL PERSONALE DAE. Avvisata la C.O. del bisogno del medico o di ACLS, quando questa è disponibile é previsto il seguente protocollo: - l operatore ACLS assume il controllo e la responsabilità del trattamento e chiede un resoconto di ciò che é stato fatto e della situazione; - l operatore ACLS può decidere di continuare l uso del modulo DAE per risparmiare tempo e non interrompere l intervento, o di passare al modulo manuale; - l operatore ACLS considererà gli shock già erogati del DAE e proseguirà quindi con l ACLS; - appena il paziente ha ripreso un ritmo valido ed il polso, l operatore DAE può decidere di passare al modulo manuale. PRECAUZIONI D'USO DEL DAE - Allontanare le fonti di ossigeno per il rischio di esplosione - Allontanarsi per le comunicazioni radio e telefoniche: sebbene non ci siano dati disponibili sull interferenza tra gli AED e gli apparecchi radio o i telefoni mobili non si esclude che essi possano interferire con il funzionamento del defibrillatore. - Togliere i cerotti alla nitroglicerina per pericolo di scoppi. TERAPIA DOPO LA RIANIMAZIONE Dopo la applicazione del protocollo operativo può accadere che il paziente: 1) abbia la ripresa del ritmo cardiaco e del polso ed essere sveglio, rispondere e respirare spontaneamente 2) abbia un polso palpabile ma con quadri emodinamici e neurologici variabili 3) permanga l arresto cardiaco senza un ritmo che risponda alla defibrillazione 4) può continuare la FV o una TV. Nei casi 1 e 2 si deve continuare a dare la terapia di supporto - mantenimento pervietà delle vie aeree - somministrazione di ossigeno - monitoraggio delle funzioni vitali - stabilizzazione fisica e trasporto. REVISIONE DEI CASI Ogni caso di ACC in cui si é usato il DAE, o in cui si sarebbe dovuto usare, deve essere riesaminato dal medico responsabile; quindi ogni evento in cui viene praticata la RCP deve essere documentato e registrato, per poi essere sottoposto a revisione medica. Le metodologie dell esame caso per caso possono basarsi su: - referto del soccorso - revisione dei dati riportati sul nastro ECG dei DAE

18 - moduli di memoria e le registrazioni di informazioni del DAE. Ogni caso deve essere registrato secondo il protocollo internazionale di raccolta dati Utstein Style. MANUTENZIONE DEL DAE - Controllo personale del DAE da parte dell operatore; - Utilizzo delle check-list quotidianamente, ad ogni cambio turno; - Controllo di manutenzione raccomandati dal produttore; - Controllo delle batterie che possono essere al nickel-cadmio o litio o piombo acido; - Controllo della presenza delle piastre. DOCUMENTI COLLEGATI L'utilizzo del DAE richiede la conoscenza dei seguenti documenti: - Algoritmo per l'utilizzo del DAE (versione corrente) - Manuale d'uso del DAE - Procedura di controllo del DAE - Procedura di raccolta dei dati - Algoritmo CPR (versione corrente) I documenti non sono contenuti nel presente manuale perché soggetti a revisione con cadenza diversa dallo stesso NORMA D'IMPIEGO L'utilizzo del DAE è subordinato alla frequenza del corso di formazione ed al superamento dell'esame finale, ed al successivo rilascio, da parte del medico responsabile del servizio, dell'autorizzazione nominativa all'impiego.

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza.

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza. LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE Vivere ogni giorno in sicurezza. Sicurezza perchè La reputazione e la missione di Physio-Control sono basate sull affidabilità. Un affidabilità costruita in più di 50 anni

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

NOTIZIE della Fondazione

NOTIZIE della Fondazione NOTIZIE della Fondazione SPECIALE Defibrillatori per Imola Attraverso il Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese la Fondazione dona 30 defibrillatori alle strutture sportive imolesi 2 CSETI

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano Premessa I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: PRONTO UNO- UNO- OTTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO L analisi territoriale e settoriale ha permesso la lettura

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli