IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO"

Transcript

1 IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO DEA ASL RIETI U.O.C. Medicina e Chirurgia d Accettazione e Urgenza Responsabile Dott. Fabrizio Meligeni Prima stesura Ottobre 2007 Revisione 2008 Revisione 2009

2 Introduzione Il dolore toracico è oggi comunemente definito dalla Società Scientifiche di Cardiologia e Medicina d Emergenza come qualsiasi dolore localizzato anteriormente nella regione compresa fra la base del naso e l ombelico e posteriormente tra la nuca e la 12ª vertebra dorsale, insorto nelle 24 ore precedenti l osservazione in Pronto Soccorso, regredito o in atto, non riferibile a trauma pregresso o ad altra causa non cardiovascolare immediatamente identificabile Si può facilmente immaginare quale eterogeneità di situazioni possa sottendere questa definizione; occorre quindi differenziare in tempi rapidi i pazienti che presentano patologie minori da quelli con patologie cardiovascolari ad alto rischio, che necessitano di ospedalizzazione urgente e di un appropriato livello di cure. Alcune considerazioni generali: - le malattie cardiovascolari sono ancora le principali cause di morte nei paesi tecnologicamente avanzati; - l e.c.g. è in grado di diagnosticare un IMA solo nel 50% circa dei casi; - è possibile una Sindrome coronaria acuta (SCA) con un e.c.g. nella norma; - la negatività clinica, strumentale e laboratoristica che spesso si rileva all ingresso del paziente in Pronto Soccorso non sono garanzie assolute di sintomo innocente ; - dalla metanalisi dell outcome dei pazienti entrati nel DEA con un dolore toracico non traumatico è stato valutato che, alla fine del percorso clinico, vengono dimessi in maniera inappropriata dal 2 all 8% dei pazienti; si capisce quindi come il mancato riconoscimento di una SCA sia la più frequente motivazione di cause giudiziarie intentate per malpractice contro i medici d urgenza; - si tenga oltretutto presente che il dolore toracico è solamente un sintomo quanto mai aspecifico e non una sindrome o una malattia facilmente inquadrabile clinicamente e che possieda quindi le caratteristiche ed i requisiti tipici dei problemi assistenziali e clinici affrontabili con la stesura di Linee Guida. 1

3 Lo scopo di questo progetto è quello di definire, aggiornare e standardizzare le modalità dell approccio del paziente con dolore toracico non traumatico nel Pronto Soccorso di Rieti, usando i principi e gli strumenti della medicina basata sull evidenza. Verranno presi in considerazione pazienti non pediatrici, di oltre 17 anni di età Gli obiettivi specifici sono la condivisione dei criteri appropriati di ospedalizzazione o di rinvio del paziente al proprio medico curante. I risultati attesi sono il rispetto dei tempi codificati dalla Società Scientifiche per l accesso alle cure, in particolare riguardo ai tempi door-to-needle e door-to-baloon per la rivascolarizzazione coronaria in caso di SCA; la riduzione sia delle dimissioni che dei ricoveri impropri dei pazienti con dolore toracico non traumatico. Gli strumenti per l ottenimento dei risultati sono l efficienza organizzativa del Pronto Soccorso e di tutti gli altri Servizi Ospedalieri e l appropriatezza diagnostica da parte dei professionisti coinvolti. 2

4 Riferimenti ICD9CM XX 415.XX 420.XX 411.XX 441.XX 553.XX 480.XX 487.XX 3

5 4

6 LEGENDA RAGIONAMENTO CLINICO EPISODI E1 - Prima valutazione Valutazione rapida del paziente: A (airway - pervietà delle vie aeree) B (breathing - ventilazione) C (circulation - circolo) Valutare anche se il paziente presenta alterazioni della coscienza, se è dispnoico, pallido, sudato o cianotico. E2 - Stabilizzazione In caso di necessità si da inizio alle manovre rianimatorie ALS (advance life support), per le quali si rimanda alle Linee Guida dell American Heart Association del 2006; si ottiene un accesso venoso e si preleva il sangue per gli esami di laboratorio, si inizia monitoraggio e.c.g., si assiste il paziente dal punto di vista respiratorio, eventuale terapia elettrica e/o farmacologia. E3 Raccolta dati anamnestici ed e.o. approfondito - RACCOLTA ANAMNESTICA: remota e prossima con particolare attenzione al tipo e cronologia del dolore, fattori di rischio e probabilità (vedi tabelle 1 e 2) - E.O. COMPLETO: l esame oltre a contemplare la valutazione classica deve prestare attenzione alla presenza sulla parete toracica di lesioni eritemato-vescicolo-papulose a distribuzione metamerica e la eventuale sintomatologia associata Tabella 1 CLINICAL CHEST PAIN SCORE LOCALIZZAZIONE - Retrosternale, precordiale +3 - Emitorace sin, collo, mandibola, epigastrio +2 - Apice -1 IRRADIAZIONE - Entrambi gli arti, spalla, collo, mandibola, dorso +1 CARATTERISTICHE - Oppressivo,,strappamento, morsa +3 - Pesantezza, restringimento +2 - Pinzettante, pleuritico, puntorio -1 SINTOMI ASSOCIATI - Dispnea, nausea, diaforesi (sudorazione algida) +2 <4 - dolore atipico, bassa probabilità di angina pectoris 4 dolore tipico, intermedio-alta probabilità di angina Am Heart J, Oct 2002, 144(4)

7 Tabella 2 FATTORI DI RISCHIO PER CAD - Sesso maschile - Età 65 anni * - Diabete mellito - Ipertensione arteriosa - Dislipidemia - Anamnesi personale positiva per malattie cardiovascolari - Familiarità per malattie cardiovascolari * rif. Timi Risk Score (Antman et Al., Jama 2000) E4 - ECG + Diagnostica di laboratorio urgente Esecuzione di ECG a 12 derivazioni entro 10 minuti dall ingresso in Pronto Soccorso; accesso venoso e prelievo per esami di laboratorio: troponina, emocromo, creatinemia, glicemia ed elettroliti plasmatici; PCR e amilasi a seconda del sospetto clinico E5 Stratificazione del rischio In base al risultato del Clinical Chest Pain Score (tabella 1), associandolo alla valutazione della presenza di fattori di rischio per CAD (tab.2), al risultato dell e.c.g. (tab. 3) e alla risposta degli esami di laboratorio, si stratificano i pazienti a seconda del rischio clinico (tab. 4). Si dovrebbe stabilire se il dolore toracico che presentato sia sintomo di una sindrome coronaria acuta o comunque di una cardiopatia ischemica e si avviano a percorsi clinici diversi Tabella 3 E.C.G. 12 derivazioni DIAGNOSTICO CERTO Almeno una delle seguenti alterazioni in atto sovraslivellamento ST >1mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue BBS nuovo o presunto tale DIAGNOSTICO SOSPETTO Almeno una delle seguenti alterazioni in atto o transitorie Anomalie della ripolarizzazione significative ST e/o T, nuove o presunte tali Onde Q significative, nuove o presunte tali NON DIAGNOSTICO * evidenziate in ecg portati in visione Anomalie della ripolarizzazione ST e/o T, pre-esistenti* Onde Q significative, pre-esistenti* presenza di pmk BBS pre-esistente ECG normale 6

8 Tabella 4 - Clinical chest pain score <4 - ECG non diagnostico - Markers di danno cardiaco negativi - Nessun fattore di rischio - Recente uso di cocaina RISCHIO BASSO RISCHIO INTERMEDIO - ECG non diagnostico - Markers di danno cardiaco negativi - CPS <4 ed età > 70 anni o anamnesi personale positiva per card. Ischemica oppure - CPS 4 senza nessun fattore di rischio RISCHIO ALTO - Markers di danno cardiaco negativi - CPS 4 con almeno 1 fattore di rischio - ECG non diagnostico RISCHIO MOLTO ALTO - ECG diagnostico certo (sovraslivellamento ST >1mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue o BBS nuovo o presunto tale) o diagnostico sospetto (anomalie della ripolarizzazione significative ST e/o T, nuove o presunte tali) oppure - Markers di danno cardiaco positivi E6 - TC Torace e addome cmdc In caso di sospetto di rottura/dissecazione di aneurisma aortico si effettua TC torace ed addome con mezzo di contrasto. E7 - EGA D-Dimero Prelievo per EGA e determinazione nel point of care del Pronto Soccorso; invio insieme in laboratorio analisi della provetta per determinazione D-dimero. E8 Ecocardiogramma e Rx torace In caso di sospetto clinico di pericardite, si effettua un ecocardiogramma ed un Rx torace. E9 - Rx torace In caso di sopetta malattia polmonare si effettua radiografia del torace. 7

9 E10 - Valutazione gastroenterologica In caso di sospetta patologia gastrointestinale si effettua Valutazione specialistica gastroenterologica ed eventuale esecuzione o programmazione di esami strumentali (esofagogastroduodenoscopia). ESITO DEL PERCORSO DEL PAZIENTE IN PS / OSSERVAZIONE BREVE Il paziente che: non è entrato nei percorsi clinici di altre patologie presenta un e.c.g. immodificato markers di laboratorio negativi assenza di recidiva del dolore potrà essere dimesso e inviato al medico curante, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. 8

10 DECISIONI S1 - Paziente stabile? E instabile se presenta dispnea obiettiva grave, pallore cutaneo e sudorazione algida, frequenza cardiaca < 50 o > 120 b/m, PA sistolica < 90 mmhg S2 - Ripristino della stabilità dei parametri vitali? Il paziente è emodinamicamente stabile e non presenta i sintomi e segni descritti al punto S1 S3 Necessita di intervento in emodinamica? Ha necessità di un intervento di rivascolarizzazione d emergenza se presenta un IMA con ST sopralivellato ed emodinamicamente instabile. S4 - Evidenza di lesione erpetica? La presenza di lesione erpetica è caratterizzata dalla comparsa di eritema e/o eruzioni vescicolari a distribuzione radicolare in sede toracica/addominale S5 - Alterazioni ecg tipiche per IMA? Se sopraslivellamento del tratto ST>1 mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue o BBS di nuova o presumibilmente nuova insorgenza si passa a PC IMA S6-S7 valutazione rischio SCA? La diagnosi di IMA sospetto/sca è fatta sulla base delle correlazioni tra l ECG (Tab. 3), la presenza di fattori di rischio (vedi E3 Tab.2) e la sintomatologia presentata dal paziente S8 - Evidenza di IMA o SCA? Modificazioni es. di laboratorio (incremento della troponina > a 4) e/o ecg e/o dolore tipico (vedi tab. 1 CPS) S9 - Sospetto di dissecazione aortica? Presenza di polsi periferici asimmetrici, masse pulsanti addominali, soffi aortici, alt. neurologiche sospette, anamnesi positiva per sincope, aneurisma aortico, ecc S10 - Evidenza di dissecazione aortica? In caso di evidenza radiologica di dissecazione aortica il paz entra nel PC Dissecazione aortica 9

11 S11 - Alta probabilità di tromboembolia polmonare (TEP)? SOSPETTO DIAGNOSTICO - Clinico: dispnea, tachipnea, tachicardia, dolore toracico - Fatt. rischio: immobilizzazione prolungata, fratture, obesità, ipertensione, terapia estroprogestinica, gravidanza, recenti interventi. chirurgici, neoplasie, pregressa TEP o TVP - ECG: BBD, S1Q3T3, T invertite V1-3, - EGA: ipossiemia con ipocapnia, elevazione δa-a - D-Dimero : se negativo si associa a bassa probabilità di TEP Tabella 6 SCORE DI WELLS (Probabilità di TEP) CRITERIO PUNTI Segni o sintomi di TVP 3 Diagnosi alternativa meno probabile rispetto a TEP 3 FC > 100 b/m 1,5 Immobilizzazione o int. chirurgici nelle ultime 4 settimane 1,5 Pregresse TVP o TEP 1,5 Emottisi 1 Presenza di neoplasia (trattate sino a 6 mesi prima o in atto) 1 Probabilità: - bassa se moderata se elevata se > 6 S12 - Possibile TEP? Vedi S11 S13 - Diagnostica di laboratorio positiva per TEP? In caso di evidenza laboratoristica di TEP (D-Dimero > 500) il paziente effettuerà TC Torace cmdc S14 Evidenza TEP? 10

12 In caso di evidenza radiologica di TEP il paziente entra nel PC Tromboembolia Polmonare S15 - Sospetto di pericardite? Sospetto clinico per sfregamenti pericardici, febbre, alterazioni ecg (sopraslivellamento del tratto ST diffuso) S16 - Evidenza di pericardite In caso di evidenza ecocardiografica di pericardite il paziente entra nel PC Pericardite S17 - Sospetto di altra patologia polmonare Presenza di dispnea e/o toracoalgia e/o febbre e/o alterazioni all e.o. toracico S18 - Evidenza di altra patologia polmonare In caso di evidenza radiologica di patologia polmonare il paziente entra nel PC Patologie polmonari S19 - Sospetto di patologia gastrointestinale? Il paz all anamnesi ed all e.o. presenta indici di sospetto di patologia gastrointestinale: anamnesi positiva per patologia gastrointestinale, vomito, pirosi, acidità, dispepsia ecc S20 - Evidenza di patologia gastrointestinale In caso di evidenza clinica specialistica di patologia gastrointestinale il paziente entra nel PC Patologia Gastrointestinale 11

13 12

14 MATRICE DELLE RESPONSABILITA E1 - Valutazione TRIAGE ed attribuzione codici di gravità ATTIVITA MEDICHE Se il paziente è un codice rosso accede immediatamente in sala visita con immediata valutazione dei parametri vitali. Valutazione clinica/anamnestica. Se necessario convoca il rianimatore e il cardiologo. Inizio trattamento ritenuto necessario in funzione del quadro clinico CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Valutazione del paziente e raccolta dell anamnesi con eventuale ausilio dei famigliari. Definisce il codice di gravità. Se codice rosso il paziente accede direttamente in sala visite per successivo step. Se giallo o verde accetta il paziente in una stanza di triage dedicata, rileva i parametri vitali, posiziona accesso venoso, prelievo esami di laboratorio, esecuzione ecg, presentazione al medico del caso clinico. ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI (OTA/ausiliario) Accoglie il paziente nella sala aiutandolo ad entrare nel triage. Supporta l infermiere se necessario. In caso di codice rosso deve essere presente in sala di visita. Invio esami in laboratorio COSA ESAMI ED INTERVENTI FARMACI Rilevazione parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS). Posizionamento accesso venoso periferico e prelievo. Se codice giallo l infermiere presenta il caso clinico al medico; se rosso accompagna il paziente direttamente in sala visita. Richiesta se necessario dell intervento del rianimatore Esami ematochimici (vedi percorso clinico) ECG 12 derivazioni entro 10 minuti dall ingresso in Pronto Soccorso O2 se necessario. Mantenimento vena. Farmaci ritenuti necessari a seconda dello stato del paziente. INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA L infermiere del triage spiegherà le modalità organizzative e la necessità di tempi di attesa in relazione al flusso dei pazienti. Quando sarà possibile e dopo avere effettuato la sua valutazione, il medico convocherà i famigliari (previo consenso del paziente, se possibile) per delucidare circa le procedure che verranno effettuate DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Sulla stampa del tracciato ECGrafico si trascrivono i parametri vitali (valutare l eventuale preparazione di una scheda infermieristica). Compilazione di cartella medica informatizzata. OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: definizione dell urgenza, prima acquisizione dati clinici, interventi medici di necessità RISC HIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 13

15 E2 - Consulenza Rianimatoria/cardiologica In caso di impossibilità nello stabilizzare clinicamente i parametri vitali viene convocato il rianimatore e a seconda dello stato anche il cardiologo ATTIVITA MEDICHE Il rianimatore stabilizza le condizioni cliniche del paziente e richiede esami ritenuti necessari Il cardiologo valuta il quadro clinico strumentale sulla cui base definisce la necessità di ricovero in emodinamica CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Oltre all infermiere del PS, l attività è supportata da un infermiere della rianimazione. Aiuto nell eventuale necessità di intubare e/o posizionamento di catetere centrale e/o tutto quanto necessario per la stabilizzazione dei parametri vitali ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI ESAMI ED INTERVENTI Supporto all infermiere. Completamento e/o esecuzione di esami ematochimici ed ECG se non già eseguiti nel triage COSA FARMACI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali Quando sarà possibile e dopo avere completato il suo intervento di necessità, il medico convocherà i famigliari (previo consenso del paziente, se possibile) per delucidare circa le procedure che verranno effettuate DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Compilazione di referto e dell intervento di consulenza effettuato OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 14

16 E3 - Valutazione di I livello ATTIVITA MEDICHE Valutazione approfondita clinico anamnestica CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Controllo parametri vitali, prelievo esami di laboratorio se non eseguiti, esecuzione ecg se non eseguiti ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI Supporto all infermiere, trasporto degli esami al laboratorio analisi e/o del paziente se necessaria valutazione specialistica/strumentale ESAMI ED INTERVENTI Rilevazione o controllo parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS).. Esami ematochimici (con particolare riferimento a mioglobina, troponina, emocromo, creatinemia ed elettroliti plasmatici; PCR e amilasi a seconda del sospetto clinico) ECG 12 derivazioni COSA FARMACI Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mettono al corrente i famigliari step per step su i tempi di attesa necessari per avere risposta degli esami e sulle condizioni cliniche dei pazienti. Una volta avuto l orientamento clinico il paziente e i famigliari autorizzati saranno avvisati dell eventuale necessità di ricovero o altri provvedimenti DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Referto clinico di dimissione e/o invio c/o reparti di degenza OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali, identificazioni delle cause più comuni di dolore toracico e di relativo trattamento RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 15

17 E4 - Stratificazione del rischio E necessaria una stratificazione del rischio per garantire una adeguata gestione e programmare una adeguata tempistica di osservazione ATTIVITA MEDICHE Stratificazione del rischio in basso, intermedio, alto e molto in accordo con la tabella riportata sul percorso clinico alla voce E5 CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI ESAMI ED INTERVENTI COSA FARMACI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mette al corrente i famigliari del grado di rischio del paziente e delle conseguenti decisioni cliniche DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Viene riportato il grado di rischio sulla cartella informatizzata del paziente OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: definire il grado di rischio, condizione necessaria per una adeguata osservazione/gestione del paziente RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 16

18 E5 - Osservazione breve e esami di II livello NODO CRITICO: Non è attualmente attiva un Osservazione Breve (OB). Con un OB attiva il paziente sosterebbe nei locali dedicati del PS fino ad un massimo di 24 ore, per l esecuzione di controlli clinicostrumentali-laboratoristici, in attesa di un corretto inquadramento. Questo eviterebbe ricoveri e dimissioni improprie (riducendo anche gli aspetti rivendicativo-assicurativi) ATTIVITA MEDICHE Pronto intervento in caso di evoluzione critica dei parametri vitali. Controllo e prescrizione di esami specifici. CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Monitoraggio parametri vitali; prelievo esami di laboratorio ed esecuzione ecg ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI Supporto all infermiere, trasporto degli esami al laboratorio analisi e/o del paziente se necessaria valutazione specialistica/strumentale ESAMI ED INTERVENTI L osservazione durerà fino ad un massimo di 24 ore in caso di intermedio. Se il rischio è basso, l osservazione sarà di 8 ore. Rilevazione o controllo parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS) tramite eventuale ausilio di monitoraggio continuo. Esami ematochimici ed ECG 12 derivazioni ogni 4 ore. NB: l ECG è da ripetere in tutte le condizioni ritenute necessarie (modifica o evoluzione dei parametri clinici) COSA Se necessaria Tc torace/addome con mdc (richiesto referto entro 20 minuti dall esecuzione dell esame) A giudizio clinico si eseguono esami di III livello: Rx torace (se non ha eseguito TC), Ecocardiogramma, Visita gastroenterologia FARMACI Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mette al corrente i famigliari step per step su i tempi di attesa necessari per avere risposta degli esami e sulle condizioni cliniche dei pazienti. Una volta avuto l orientamento clinico il paziente e i famigliari autorizzati saranno avvisati dell eventuale necessità di ricovero o altri provvedimenti DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Referto clinico di dimissione e/o invio c/o reparti di degenza. Sarebbe opportuna al momento dell attivazione dell osservazione breve, la compilazione di una cartella clinica OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali, identificazioni delle cause più comuni di dolore toracico con particolare riferimento alla pericardite, patologie polmonari e/o gastrointestinali RISCH IO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 17

19 COMPORTAMENTO CLINICO IN BASE ALLA STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO Il paziente a rischio basso verrà ricoverato in Osservazione Breve per effettuare monitoraggio continuo, troponina + ecg ogni 4 ore fino ad un massimo di 8 ore. Verrà eventualmente successivamente dimesso, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. Il paziente a rischio intermedio o alto verrà ricoverato in Osservazione Breve. Si effettuerà monitoraggio continuo e ecg e determinazioni della troponina fino ad un massimo di 3 prelievi. Dopo un massimo di 24 ore, in caso di osservazione negativa, previa consulenza cardiologica, il paziente dovrà essere sottoposto a test da sforzo entro ore. Il paziente a rischio molto alto verrà ricoverato in UTIC / Cardiologia, eventualmente previa consulenza cardiologica.. ATTUALE COMPORTAMENTO IN ASSENZA DELL OSSERVAZIONE BREVE Il paziente a rischio basso verrà tenuto in osservazione presso i locali del Pronto Soccorso. Effettuerà monitoraggio della troponina + ecg ogni 4 ore fino ad un massimo di 8 ore. Verrà eventualmente successivamente dimesso, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. Il paziente a rischio intermedio o alto verrà ricoverato, previa visione del 1 prelievo della Troponina. Il paziente a rischio molto alto verrà ricoverato in UTIC. 18

20 CRITICITA Nel DEA della nostra ASL non è stata ancora attivata l Osservazione Breve. I pazienti non possono quindi essere ricoverati in ambienti dedicati fino alle 24 ore necessarie al monitoraggio clinico-strumentale e laboratoristico. Attualmente quindi sostano in maniera incongrua nei corridoi del DEA o vengono ricoverati impropriamente nei reparti del nostro Ospedale, riducendo ulteriormente la disponibilità di posti letto, già cronicamente carente. Questo crea oltretutto spazio ad aspetti rivendicativi ed assicurativi da parte dei pazienti. L emodinamica non è attualmente attiva h24 In caso di sospetta pericardite, non è sempre possibile effettuare un esame ecocardiografico in quanto non tutti i cardiologi in servizio sono addestrati per effettuarlo. Non è attualmente possibile programmare un Test da sforzo entro ore dalla dimissione del paziente. 19

21 BIBLIOGRAFIA 1. Position paper: percorso di valutazione del dolore toracico Commissione congiunta ANMCO-SIMEU; GIC G Ital Cardiol 2009; 10(1): G Ital Cardiol Vol 10 Suppl focused update of the ACC/AHA 2004 Guidelines for the management of patients with STEMI Circulation Dec 10, Linee Guida American Heart Association (Manuale ACLS) Erhardt L. et al., Task force sulla gestione del dolore toracico. Ital Heart Suppl 2004; 5 (4): AA. VV (ASL Pordenone, Padova, Trento e Vicenza) - Progetto T.Ri.P.S.S.II Gestione del dolore toracico acuto in Pronto Soccorso Emergency department: rapid identification and treatment of patients with acute myocardial infarction.us Department of Health and Human Services,US Pubblic Health Service,National Institutes of Health,National Heart, Lung, and Blood Institute,September 1993;NIH Pubblication n 9 7. Lee TH et al, Acute chest pain in the emergency room, Arch Inter Med 1985;145: Pozen MW et al,n Engl J ed 1984;310: Stefano Savonitto et al. JAMA 1999:281: Unstable Angina: classification. Braunwal E., Circulation 1989;80: Campeau L. Grading of Angina Pectoris. Circulation 1976;54: Wu AH,Apple FS,Gibler WB,Jesse RL,Warshaw MM,Valdes RJ.National Academy of Clinical Biochemistry Standards of Laboratory Practice recommendations for the use of cardiaca markers in coronary artery diseases. Clin Chem 1999;45: Puleo PR,Meyer D,Wathen C et al. Use of a rapid assay of subforms of creatin-chinase MB to diagnose or rule out acute myocardial infarction. N Engl J Med 1994;331: Mair J,Morandell D, Genser N, Lechleitner P, dienstl F, Puschendorf B.Equivalent early sensitivities of mioglobina,creatin kinase MB Mass,Creatin kinase isoforms ratios and cardiac troponins I and T for acute myocardial infarction. Clin Chem 1995;41: Mair J,Morandell D, Genser N, Lechleitner P, dienstl F, Puschendorf B.Equivalent early sensitivities of mioglobina,creatin kinase MB Mass,Creatin kinase isoforms ratios and cardiac troponins I and T for acute myocardial infarction. Clin Chem 1995;41: Wu AH,Apple FS,Gliber WB, Jesse RL, Warshaw MM, Valdes RJ.National Academy of Clinical of Clinical Biochemistry Standards of Laboratory Practice recommendations for the use of cardiac markers in coronary artery diseases.clin Chem 199;45: Antman EM,Tanasijevic MJ,Thompson B,et al. Cardiac-specific troponin I level to predict the risk of mortality in patients with acute coronary syndromes.n Engl J Med 1996;335: Wu AH.A comperison of cardiac Troponin T and cardiac troponin I in patients with acute coronary sindrome.coron Artery Dis 1999;10: (Lindahl B,Venge P,Wallentin L,for the Fragmin in Unstable Coronary Artery Disease(FRISC)Study group.troponin T identifies patients with unstable coronary artery disease who benefit from long-term antithrombotic protection.j Am Coll Cardiol 1997;29:

22 20. Kontos MC, Anderson FP,Schmidt KA,Ornato JP,Tatum JL,Jesse RL.Early diagnosis of acute myocardial infarction in patients without ST-segment elevation.am J Cardiol 1999;83: Zaninotto M,Altinier S,Lachin M,Celegon L,Plebani M.Strategies for the early diagnosis of acute myocardial infarction using biochemical markers.am J Clin pathol 1999;11: Zimmerman J,Fromm R,Meyer D,et al. Diagnostic Marker Cooperative Study for the diagnosis of Myocardial infarction.circulation 1999;99: Ardissino D,Merlini PA, Gamba G, et al.thrombin activity and early outcome in unstable angina pectoris. Circulation 1996;93: Becker RC,Cannon CP,Bovill EG,et al.prognostic value of plasma fibrinogen concentration in patients with unstable angina and non-q-wave myocardial infarction (TIMI IIIB trial).am J Cardiol 1996;78: Rebuzzi AG, Quaranta G,Liuzzo G et al.incremental prognostic value of serum levels of troponin T and C- eactive protein on admission in patients with unstable angina pectoris.am J Cardiol 1998;82: Morrow DA,Rifai N,Antman em,et al.serum amyloid A predicts early mortality in acute coronary sindrome:a TIMI 11 substudy.j Am Cll Cardiol 2000;35: Biasucci LM,Vitelli A,Liuzzo G, et al.elevated levels of interleukin6 in unstable angina.circulation 1996;94: Oltrona L, Ardissino D,Merlini PA,Spinola A,Chiodo F,Pezzano A.C-reactive protein elevation and early out come in patients with unstable angina pectoris.am J Cardiol 1997;80: Morrow DA,Rifai N,Antman EM,et al.c-reactive protein is a potent predictor of mortality independently of and in combination with Troponin T in acute coronary sindromes:a TIMI 11A substudy. Thrombolysis in Myocardial Infarction.J Am Coll cardiol 1998;31: Brieger DB,Mak KH,White HD,et al.benefit of early sustained reperfusion in patients with prior myocardial infarction(the GUSTO-1 trial).global utilization of Streptokinase and TPA for Occluded arteries. Am.J.Cardiol. 1998;81: Hochman JS, Tamis JE,Thompson TD,et al,for the Global Use of Strategies to Open Occluded Coronary Arteries Syndromes IIb Investigators.Sex, clinical presentation,and outcome in patient with acute coronary syndromes.n Engl J Med 1999;341: Hochman JS, Mc CabeCH, Stone PH, et al, for the TIMI investigators: Thrombolysis In Myocardial Infarction.Outcome and profile of women and men presenting with acute coronary syndromes:a report from TIMI IIIB. Jam Coll Cardiol 1997;30: Scirica BM, Moliterno DJ, Every NR, et al, for the GUARANTEE Investigators.Differences between men and women in the management of unstable angina pectoris (the GUARANTEE Registry).Am J Cardiol 1999;84, Jayes RLJ, Beshansky JR, D Agostino RB, Selker HP. Do patients coronary risk factor reports predict acute cardiac ischemia in the Emergency department? A multicenter study.j Clin Epidemiol 1992;45: PURSUIT Trial Investigators. Inhibition of platelet glycoprotein IIb/IIIa with eptifibatide in patients with acute coronary syndromes. The PURSUIT Trial Investigators Platelet Glycoprotein IIb/IIIa in Unstable Angina: Receptors Suppression Using Integrilin Therapy. N Engl J Med 1998;339:

23 INDICATORI o Numero dei pazienti con dolore toracico come sintomo principale al triage, che effettuano ECG entro 10 minuti dall arrivo in PS / numero dei pazienti con dolore toracico come sintomo principale al triage ( > 70% ) o Tempo di risposta del dosaggio della troponina, dal momento del check-in al momento della validazione dell esame in Laboratorio Analisi ( < 45 minuti nel 75% degli esami ) o Tempo di ricovero in UTIC dei pazienti con ECG diagnostico all ingresso in Pronto Soccorso ( < di 30 minuti almeno nell 85% dei pazienti ) 22

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO DI EMERGENZA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE Accettazione, Pronto Soccorso ed Osservazione Breve Responsabile Dott. Felice ROTA Via Martiri della Liberta - 17014 Cairo Montenotte (SV) Tel

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Filippo Ottani Unità di Ricerca Cardiovascolare, Fondazione Cardiologica Sacco, Forlì (G Ital Cardiol 2006; 7 (Suppl 2-12): 17S-21S) 2006 CEPI

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Osservatorio Vol. 93, N. 10, Ottobre 2002 Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Paolo Salvini 1, Pietro Tanzi 1, Antonio Terranova

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO. Dr. Marco D Amato

APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO. Dr. Marco D Amato APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO Dr. Marco D Amato APPARATO CIRCOLATORIO OBIETTIVI: CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA - Il sangue - Il cuore - I vasi sanguigni - La circolazione sanguigna PRINCIPALI PATOLOGIE

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di:

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: dott. BATTISTA Rossano Primario U.O.C. Cardiologia-UTIC Osp. di Piedimonte Matese INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI FERRARA Staff - Pronto Soccorso 0516838248

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Dolore toracico non traumatico. Attività 2010 dell Unità Operativa Semplice Chest Pain Unit del Policlinico Umberto I di Roma

Dolore toracico non traumatico. Attività 2010 dell Unità Operativa Semplice Chest Pain Unit del Policlinico Umberto I di Roma 338 Osservatorio Recenti Prog Med 2011; 102: 338-346 Dolore toracico non traumatico. Attività 2010 dell Unità Operativa Semplice Chest Pain Unit del Policlinico Umberto I di Roma Alessandro Coppola 1,

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Tigullio 2014 Cardiologia

Tigullio 2014 Cardiologia Tigullio 2014 Cardiologia Dott.ssa Roberta Volpin Dott. Franco Tosato Santa Margherita Ligure 3-4 Aprile Medico di Pronto Soccorso Specialista SEGNI E SINTOMI DIAGNOSI Gestione del Paziente Critico Rapido

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

RELAZIONE ESPERIENZA AL NORTH MANCHESTER GENERAL HOSPITAL

RELAZIONE ESPERIENZA AL NORTH MANCHESTER GENERAL HOSPITAL RELAZIONE ESPERIENZA AL NORTH MANCHESTER GENERAL HOSPITAL AREA CLINICA I pazienti che accedo al dipartimento d'emergenza vengo registrati da personale tecnico (non sanitario) che oltre ad inserire i dati

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra CPSI FARRIS Barbara GALLONE Giuseppe OLLINO Nadia Dott.ssa ANDRIANI Monica 2 C. M. Maschio 58 anni

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico all interno dei DEA deve essere prevista la funzione di triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron Con l introduzione della riforma sanitaria le aziende devono prevedere un sistema in grado di mantenere la qualità dell assistenza, migliorando i livelli di efficienza

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEL DOLORE TORACICO ACUTO NON TRAUMATICO

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEL DOLORE TORACICO ACUTO NON TRAUMATICO PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEL DOLORE TORACICO ACUTO NON TRAUMATICO Approvato da: Dr. Walter Pitscheider Dr. Franco De Giorgi Dr. Luzian Osele Cardiologia Pronto Soccorso Medicina Nucleare Aggiornato

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA Dr. Paolo Bertolazzi U.O. 118/Pronto Soccorso/Medicina d Urgenza Az. Ospedaliera-Universitaria di Ferrara Dir. Dr. Roberto Melandri INGESTIONE CAUSTICI

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

Il rientro da Hub a Spoke: criticità e. medici ed infermieristici. Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico CAS SSavD UTIC - AOU Novara

Il rientro da Hub a Spoke: criticità e. medici ed infermieristici. Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico CAS SSavD UTIC - AOU Novara Il rientro da Hub a Spoke: criticità e proposte, aspetti medici ed infermieristici. Dott. Gianfranco PISTIS Dir. Dipartimento Cardiovascolare AO Alessandria Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò)

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò) HOME SWEET HOME ( di Daniele Calò) 3 PERCHE LA CASA? Le modificazioni demografiche ed economiche degli ultimi decenni insieme alla disponibilità di tecnologie facilmente trasportabili, hanno favorito

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML Dr.Beniamino Susi Gruppo TML PZ A:45 aa,uomo, intenso dolore fianco dx, irradiato nella regione pelvica con stranguria. Pz agitato, non sudato, polso radiale valido; FC 95 batt/min, FR 16 atti/min, PA

Dettagli

Linee guida dell ACC/AHA per il trattamento dei pazienti con angina instabile e infarto miocardico non associato a sopraslivellamento del tratto ST

Linee guida dell ACC/AHA per il trattamento dei pazienti con angina instabile e infarto miocardico non associato a sopraslivellamento del tratto ST Journal of the American College of Cardiology 2000 by the American College of Cardiology and the American Heart Association, Inc. Published by Elsevier Science Inc. Vol. 36, No. 3, 2000 ISSN 0735-1097/00

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Agosto 2004 Fellowship per il campo scientifico-didattico-editoriale rilasciata dalla Societa Europea di Cardiologia (ESC)

CURRICULUM VITAE. Agosto 2004 Fellowship per il campo scientifico-didattico-editoriale rilasciata dalla Societa Europea di Cardiologia (ESC) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Luigi Ascione Data di nascita 03/05/1957 QUALIFICA DIRIGENTE MEDICO DI I LIVELLO Amministrazione AZIENDA OSPEDALIERA MONALDI Incarico Attuale DIRIGENTE

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

Lecco e Provincia. A.A.T. 118 Lecco e Provincia. 18/12/2013 INTERPRETAZIONE ECG c/o A.R.E.U. Regione Lombardia

Lecco e Provincia. A.A.T. 118 Lecco e Provincia. 18/12/2013 INTERPRETAZIONE ECG c/o A.R.E.U. Regione Lombardia Nome SCIABONI STEFANO Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita 23/03/1968 Luogo di nascita Monza ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 01/06/2003 fino al 31/1/2014 Medico Emergenza Territoriale

Dettagli

ha conseguito il Diploma di Maturita Classica presso il Liceo Nicola Spedalieri di Catania nell anno 1983;

ha conseguito il Diploma di Maturita Classica presso il Liceo Nicola Spedalieri di Catania nell anno 1983; FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dott. Alessandro Carbonaro Stato civile: Coniugato Data di nascita: 28/07/1965 Luogo di nascita: Catania Residenza: via Caduti del Lavoro 46, Gravina di Catania

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dichiarazione resa ai sensi dell'art. 46 D.P.R 28 dicembre 2000, n.445, consapevole che in caso di dichiarazione mendace sarà punito ai sensi dell'art. 76 cod.

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

territorio E dopo il ricovero?

territorio E dopo il ricovero? L insufficienza respiratoria sul territorio E dopo il ricovero? Paolo Groff Pronto Soccorso-MURG Ospedale Madonna del Soccorso San Benedetto del Tronto Razionale BPCO: successo della NIV in termini i di

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

Ecocardiografia da stress e transesofagea

Ecocardiografia da stress e transesofagea IMAGING IN CARDIOLOGIA: UP TO DATE SULLE NOVITÀ TECNOLOGICHE E SULLE INDICAZIONI Ecocardiografia da stress e transesofagea Fabio Chirillo Unità Operativa di Cardiologia Ospedale Ca Foncello, Treviso CASO

Dettagli

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 Denominazione Presidio Ospedaliero: Il Presidio Ospedaliero è a carattere monospecialistico? No Si se SI pediatrico riabilitativo ortopedico cardiologico

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA

1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA 1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA M. Petrella, M.A.Stingone, L. Caccaviello G. Romigi, D. Bove CLINICAL RISK MANAGEMENT La gestione

Dettagli