IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO"

Transcript

1 IL DOLORE TORACICO NON TRAUMATICO NEL PAZIENTE ADULTO DEA ASL RIETI U.O.C. Medicina e Chirurgia d Accettazione e Urgenza Responsabile Dott. Fabrizio Meligeni Prima stesura Ottobre 2007 Revisione 2008 Revisione 2009

2 Introduzione Il dolore toracico è oggi comunemente definito dalla Società Scientifiche di Cardiologia e Medicina d Emergenza come qualsiasi dolore localizzato anteriormente nella regione compresa fra la base del naso e l ombelico e posteriormente tra la nuca e la 12ª vertebra dorsale, insorto nelle 24 ore precedenti l osservazione in Pronto Soccorso, regredito o in atto, non riferibile a trauma pregresso o ad altra causa non cardiovascolare immediatamente identificabile Si può facilmente immaginare quale eterogeneità di situazioni possa sottendere questa definizione; occorre quindi differenziare in tempi rapidi i pazienti che presentano patologie minori da quelli con patologie cardiovascolari ad alto rischio, che necessitano di ospedalizzazione urgente e di un appropriato livello di cure. Alcune considerazioni generali: - le malattie cardiovascolari sono ancora le principali cause di morte nei paesi tecnologicamente avanzati; - l e.c.g. è in grado di diagnosticare un IMA solo nel 50% circa dei casi; - è possibile una Sindrome coronaria acuta (SCA) con un e.c.g. nella norma; - la negatività clinica, strumentale e laboratoristica che spesso si rileva all ingresso del paziente in Pronto Soccorso non sono garanzie assolute di sintomo innocente ; - dalla metanalisi dell outcome dei pazienti entrati nel DEA con un dolore toracico non traumatico è stato valutato che, alla fine del percorso clinico, vengono dimessi in maniera inappropriata dal 2 all 8% dei pazienti; si capisce quindi come il mancato riconoscimento di una SCA sia la più frequente motivazione di cause giudiziarie intentate per malpractice contro i medici d urgenza; - si tenga oltretutto presente che il dolore toracico è solamente un sintomo quanto mai aspecifico e non una sindrome o una malattia facilmente inquadrabile clinicamente e che possieda quindi le caratteristiche ed i requisiti tipici dei problemi assistenziali e clinici affrontabili con la stesura di Linee Guida. 1

3 Lo scopo di questo progetto è quello di definire, aggiornare e standardizzare le modalità dell approccio del paziente con dolore toracico non traumatico nel Pronto Soccorso di Rieti, usando i principi e gli strumenti della medicina basata sull evidenza. Verranno presi in considerazione pazienti non pediatrici, di oltre 17 anni di età Gli obiettivi specifici sono la condivisione dei criteri appropriati di ospedalizzazione o di rinvio del paziente al proprio medico curante. I risultati attesi sono il rispetto dei tempi codificati dalla Società Scientifiche per l accesso alle cure, in particolare riguardo ai tempi door-to-needle e door-to-baloon per la rivascolarizzazione coronaria in caso di SCA; la riduzione sia delle dimissioni che dei ricoveri impropri dei pazienti con dolore toracico non traumatico. Gli strumenti per l ottenimento dei risultati sono l efficienza organizzativa del Pronto Soccorso e di tutti gli altri Servizi Ospedalieri e l appropriatezza diagnostica da parte dei professionisti coinvolti. 2

4 Riferimenti ICD9CM XX 415.XX 420.XX 411.XX 441.XX 553.XX 480.XX 487.XX 3

5 4

6 LEGENDA RAGIONAMENTO CLINICO EPISODI E1 - Prima valutazione Valutazione rapida del paziente: A (airway - pervietà delle vie aeree) B (breathing - ventilazione) C (circulation - circolo) Valutare anche se il paziente presenta alterazioni della coscienza, se è dispnoico, pallido, sudato o cianotico. E2 - Stabilizzazione In caso di necessità si da inizio alle manovre rianimatorie ALS (advance life support), per le quali si rimanda alle Linee Guida dell American Heart Association del 2006; si ottiene un accesso venoso e si preleva il sangue per gli esami di laboratorio, si inizia monitoraggio e.c.g., si assiste il paziente dal punto di vista respiratorio, eventuale terapia elettrica e/o farmacologia. E3 Raccolta dati anamnestici ed e.o. approfondito - RACCOLTA ANAMNESTICA: remota e prossima con particolare attenzione al tipo e cronologia del dolore, fattori di rischio e probabilità (vedi tabelle 1 e 2) - E.O. COMPLETO: l esame oltre a contemplare la valutazione classica deve prestare attenzione alla presenza sulla parete toracica di lesioni eritemato-vescicolo-papulose a distribuzione metamerica e la eventuale sintomatologia associata Tabella 1 CLINICAL CHEST PAIN SCORE LOCALIZZAZIONE - Retrosternale, precordiale +3 - Emitorace sin, collo, mandibola, epigastrio +2 - Apice -1 IRRADIAZIONE - Entrambi gli arti, spalla, collo, mandibola, dorso +1 CARATTERISTICHE - Oppressivo,,strappamento, morsa +3 - Pesantezza, restringimento +2 - Pinzettante, pleuritico, puntorio -1 SINTOMI ASSOCIATI - Dispnea, nausea, diaforesi (sudorazione algida) +2 <4 - dolore atipico, bassa probabilità di angina pectoris 4 dolore tipico, intermedio-alta probabilità di angina Am Heart J, Oct 2002, 144(4)

7 Tabella 2 FATTORI DI RISCHIO PER CAD - Sesso maschile - Età 65 anni * - Diabete mellito - Ipertensione arteriosa - Dislipidemia - Anamnesi personale positiva per malattie cardiovascolari - Familiarità per malattie cardiovascolari * rif. Timi Risk Score (Antman et Al., Jama 2000) E4 - ECG + Diagnostica di laboratorio urgente Esecuzione di ECG a 12 derivazioni entro 10 minuti dall ingresso in Pronto Soccorso; accesso venoso e prelievo per esami di laboratorio: troponina, emocromo, creatinemia, glicemia ed elettroliti plasmatici; PCR e amilasi a seconda del sospetto clinico E5 Stratificazione del rischio In base al risultato del Clinical Chest Pain Score (tabella 1), associandolo alla valutazione della presenza di fattori di rischio per CAD (tab.2), al risultato dell e.c.g. (tab. 3) e alla risposta degli esami di laboratorio, si stratificano i pazienti a seconda del rischio clinico (tab. 4). Si dovrebbe stabilire se il dolore toracico che presentato sia sintomo di una sindrome coronaria acuta o comunque di una cardiopatia ischemica e si avviano a percorsi clinici diversi Tabella 3 E.C.G. 12 derivazioni DIAGNOSTICO CERTO Almeno una delle seguenti alterazioni in atto sovraslivellamento ST >1mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue BBS nuovo o presunto tale DIAGNOSTICO SOSPETTO Almeno una delle seguenti alterazioni in atto o transitorie Anomalie della ripolarizzazione significative ST e/o T, nuove o presunte tali Onde Q significative, nuove o presunte tali NON DIAGNOSTICO * evidenziate in ecg portati in visione Anomalie della ripolarizzazione ST e/o T, pre-esistenti* Onde Q significative, pre-esistenti* presenza di pmk BBS pre-esistente ECG normale 6

8 Tabella 4 - Clinical chest pain score <4 - ECG non diagnostico - Markers di danno cardiaco negativi - Nessun fattore di rischio - Recente uso di cocaina RISCHIO BASSO RISCHIO INTERMEDIO - ECG non diagnostico - Markers di danno cardiaco negativi - CPS <4 ed età > 70 anni o anamnesi personale positiva per card. Ischemica oppure - CPS 4 senza nessun fattore di rischio RISCHIO ALTO - Markers di danno cardiaco negativi - CPS 4 con almeno 1 fattore di rischio - ECG non diagnostico RISCHIO MOLTO ALTO - ECG diagnostico certo (sovraslivellamento ST >1mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue o BBS nuovo o presunto tale) o diagnostico sospetto (anomalie della ripolarizzazione significative ST e/o T, nuove o presunte tali) oppure - Markers di danno cardiaco positivi E6 - TC Torace e addome cmdc In caso di sospetto di rottura/dissecazione di aneurisma aortico si effettua TC torace ed addome con mezzo di contrasto. E7 - EGA D-Dimero Prelievo per EGA e determinazione nel point of care del Pronto Soccorso; invio insieme in laboratorio analisi della provetta per determinazione D-dimero. E8 Ecocardiogramma e Rx torace In caso di sospetto clinico di pericardite, si effettua un ecocardiogramma ed un Rx torace. E9 - Rx torace In caso di sopetta malattia polmonare si effettua radiografia del torace. 7

9 E10 - Valutazione gastroenterologica In caso di sospetta patologia gastrointestinale si effettua Valutazione specialistica gastroenterologica ed eventuale esecuzione o programmazione di esami strumentali (esofagogastroduodenoscopia). ESITO DEL PERCORSO DEL PAZIENTE IN PS / OSSERVAZIONE BREVE Il paziente che: non è entrato nei percorsi clinici di altre patologie presenta un e.c.g. immodificato markers di laboratorio negativi assenza di recidiva del dolore potrà essere dimesso e inviato al medico curante, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. 8

10 DECISIONI S1 - Paziente stabile? E instabile se presenta dispnea obiettiva grave, pallore cutaneo e sudorazione algida, frequenza cardiaca < 50 o > 120 b/m, PA sistolica < 90 mmhg S2 - Ripristino della stabilità dei parametri vitali? Il paziente è emodinamicamente stabile e non presenta i sintomi e segni descritti al punto S1 S3 Necessita di intervento in emodinamica? Ha necessità di un intervento di rivascolarizzazione d emergenza se presenta un IMA con ST sopralivellato ed emodinamicamente instabile. S4 - Evidenza di lesione erpetica? La presenza di lesione erpetica è caratterizzata dalla comparsa di eritema e/o eruzioni vescicolari a distribuzione radicolare in sede toracica/addominale S5 - Alterazioni ecg tipiche per IMA? Se sopraslivellamento del tratto ST>1 mm in almeno 2 derivazioni anatomicamente contigue o BBS di nuova o presumibilmente nuova insorgenza si passa a PC IMA S6-S7 valutazione rischio SCA? La diagnosi di IMA sospetto/sca è fatta sulla base delle correlazioni tra l ECG (Tab. 3), la presenza di fattori di rischio (vedi E3 Tab.2) e la sintomatologia presentata dal paziente S8 - Evidenza di IMA o SCA? Modificazioni es. di laboratorio (incremento della troponina > a 4) e/o ecg e/o dolore tipico (vedi tab. 1 CPS) S9 - Sospetto di dissecazione aortica? Presenza di polsi periferici asimmetrici, masse pulsanti addominali, soffi aortici, alt. neurologiche sospette, anamnesi positiva per sincope, aneurisma aortico, ecc S10 - Evidenza di dissecazione aortica? In caso di evidenza radiologica di dissecazione aortica il paz entra nel PC Dissecazione aortica 9

11 S11 - Alta probabilità di tromboembolia polmonare (TEP)? SOSPETTO DIAGNOSTICO - Clinico: dispnea, tachipnea, tachicardia, dolore toracico - Fatt. rischio: immobilizzazione prolungata, fratture, obesità, ipertensione, terapia estroprogestinica, gravidanza, recenti interventi. chirurgici, neoplasie, pregressa TEP o TVP - ECG: BBD, S1Q3T3, T invertite V1-3, - EGA: ipossiemia con ipocapnia, elevazione δa-a - D-Dimero : se negativo si associa a bassa probabilità di TEP Tabella 6 SCORE DI WELLS (Probabilità di TEP) CRITERIO PUNTI Segni o sintomi di TVP 3 Diagnosi alternativa meno probabile rispetto a TEP 3 FC > 100 b/m 1,5 Immobilizzazione o int. chirurgici nelle ultime 4 settimane 1,5 Pregresse TVP o TEP 1,5 Emottisi 1 Presenza di neoplasia (trattate sino a 6 mesi prima o in atto) 1 Probabilità: - bassa se moderata se elevata se > 6 S12 - Possibile TEP? Vedi S11 S13 - Diagnostica di laboratorio positiva per TEP? In caso di evidenza laboratoristica di TEP (D-Dimero > 500) il paziente effettuerà TC Torace cmdc S14 Evidenza TEP? 10

12 In caso di evidenza radiologica di TEP il paziente entra nel PC Tromboembolia Polmonare S15 - Sospetto di pericardite? Sospetto clinico per sfregamenti pericardici, febbre, alterazioni ecg (sopraslivellamento del tratto ST diffuso) S16 - Evidenza di pericardite In caso di evidenza ecocardiografica di pericardite il paziente entra nel PC Pericardite S17 - Sospetto di altra patologia polmonare Presenza di dispnea e/o toracoalgia e/o febbre e/o alterazioni all e.o. toracico S18 - Evidenza di altra patologia polmonare In caso di evidenza radiologica di patologia polmonare il paziente entra nel PC Patologie polmonari S19 - Sospetto di patologia gastrointestinale? Il paz all anamnesi ed all e.o. presenta indici di sospetto di patologia gastrointestinale: anamnesi positiva per patologia gastrointestinale, vomito, pirosi, acidità, dispepsia ecc S20 - Evidenza di patologia gastrointestinale In caso di evidenza clinica specialistica di patologia gastrointestinale il paziente entra nel PC Patologia Gastrointestinale 11

13 12

14 MATRICE DELLE RESPONSABILITA E1 - Valutazione TRIAGE ed attribuzione codici di gravità ATTIVITA MEDICHE Se il paziente è un codice rosso accede immediatamente in sala visita con immediata valutazione dei parametri vitali. Valutazione clinica/anamnestica. Se necessario convoca il rianimatore e il cardiologo. Inizio trattamento ritenuto necessario in funzione del quadro clinico CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Valutazione del paziente e raccolta dell anamnesi con eventuale ausilio dei famigliari. Definisce il codice di gravità. Se codice rosso il paziente accede direttamente in sala visite per successivo step. Se giallo o verde accetta il paziente in una stanza di triage dedicata, rileva i parametri vitali, posiziona accesso venoso, prelievo esami di laboratorio, esecuzione ecg, presentazione al medico del caso clinico. ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI (OTA/ausiliario) Accoglie il paziente nella sala aiutandolo ad entrare nel triage. Supporta l infermiere se necessario. In caso di codice rosso deve essere presente in sala di visita. Invio esami in laboratorio COSA ESAMI ED INTERVENTI FARMACI Rilevazione parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS). Posizionamento accesso venoso periferico e prelievo. Se codice giallo l infermiere presenta il caso clinico al medico; se rosso accompagna il paziente direttamente in sala visita. Richiesta se necessario dell intervento del rianimatore Esami ematochimici (vedi percorso clinico) ECG 12 derivazioni entro 10 minuti dall ingresso in Pronto Soccorso O2 se necessario. Mantenimento vena. Farmaci ritenuti necessari a seconda dello stato del paziente. INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA L infermiere del triage spiegherà le modalità organizzative e la necessità di tempi di attesa in relazione al flusso dei pazienti. Quando sarà possibile e dopo avere effettuato la sua valutazione, il medico convocherà i famigliari (previo consenso del paziente, se possibile) per delucidare circa le procedure che verranno effettuate DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Sulla stampa del tracciato ECGrafico si trascrivono i parametri vitali (valutare l eventuale preparazione di una scheda infermieristica). Compilazione di cartella medica informatizzata. OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: definizione dell urgenza, prima acquisizione dati clinici, interventi medici di necessità RISC HIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 13

15 E2 - Consulenza Rianimatoria/cardiologica In caso di impossibilità nello stabilizzare clinicamente i parametri vitali viene convocato il rianimatore e a seconda dello stato anche il cardiologo ATTIVITA MEDICHE Il rianimatore stabilizza le condizioni cliniche del paziente e richiede esami ritenuti necessari Il cardiologo valuta il quadro clinico strumentale sulla cui base definisce la necessità di ricovero in emodinamica CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Oltre all infermiere del PS, l attività è supportata da un infermiere della rianimazione. Aiuto nell eventuale necessità di intubare e/o posizionamento di catetere centrale e/o tutto quanto necessario per la stabilizzazione dei parametri vitali ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI ESAMI ED INTERVENTI Supporto all infermiere. Completamento e/o esecuzione di esami ematochimici ed ECG se non già eseguiti nel triage COSA FARMACI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali Quando sarà possibile e dopo avere completato il suo intervento di necessità, il medico convocherà i famigliari (previo consenso del paziente, se possibile) per delucidare circa le procedure che verranno effettuate DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Compilazione di referto e dell intervento di consulenza effettuato OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 14

16 E3 - Valutazione di I livello ATTIVITA MEDICHE Valutazione approfondita clinico anamnestica CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Controllo parametri vitali, prelievo esami di laboratorio se non eseguiti, esecuzione ecg se non eseguiti ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI Supporto all infermiere, trasporto degli esami al laboratorio analisi e/o del paziente se necessaria valutazione specialistica/strumentale ESAMI ED INTERVENTI Rilevazione o controllo parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS).. Esami ematochimici (con particolare riferimento a mioglobina, troponina, emocromo, creatinemia ed elettroliti plasmatici; PCR e amilasi a seconda del sospetto clinico) ECG 12 derivazioni COSA FARMACI Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mettono al corrente i famigliari step per step su i tempi di attesa necessari per avere risposta degli esami e sulle condizioni cliniche dei pazienti. Una volta avuto l orientamento clinico il paziente e i famigliari autorizzati saranno avvisati dell eventuale necessità di ricovero o altri provvedimenti DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Referto clinico di dimissione e/o invio c/o reparti di degenza OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali, identificazioni delle cause più comuni di dolore toracico e di relativo trattamento RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 15

17 E4 - Stratificazione del rischio E necessaria una stratificazione del rischio per garantire una adeguata gestione e programmare una adeguata tempistica di osservazione ATTIVITA MEDICHE Stratificazione del rischio in basso, intermedio, alto e molto in accordo con la tabella riportata sul percorso clinico alla voce E5 CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI ESAMI ED INTERVENTI COSA FARMACI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mette al corrente i famigliari del grado di rischio del paziente e delle conseguenti decisioni cliniche DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Viene riportato il grado di rischio sulla cartella informatizzata del paziente OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: definire il grado di rischio, condizione necessaria per una adeguata osservazione/gestione del paziente RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 16

18 E5 - Osservazione breve e esami di II livello NODO CRITICO: Non è attualmente attiva un Osservazione Breve (OB). Con un OB attiva il paziente sosterebbe nei locali dedicati del PS fino ad un massimo di 24 ore, per l esecuzione di controlli clinicostrumentali-laboratoristici, in attesa di un corretto inquadramento. Questo eviterebbe ricoveri e dimissioni improprie (riducendo anche gli aspetti rivendicativo-assicurativi) ATTIVITA MEDICHE Pronto intervento in caso di evoluzione critica dei parametri vitali. Controllo e prescrizione di esami specifici. CHI ATTIVITA INFERMIERISTICHE Monitoraggio parametri vitali; prelievo esami di laboratorio ed esecuzione ecg ATTIVITA ALTRI PROFESSIONISTI Supporto all infermiere, trasporto degli esami al laboratorio analisi e/o del paziente se necessaria valutazione specialistica/strumentale ESAMI ED INTERVENTI L osservazione durerà fino ad un massimo di 24 ore in caso di intermedio. Se il rischio è basso, l osservazione sarà di 8 ore. Rilevazione o controllo parametri vitali (PA, Fc, Saturazione O2, F. respiratoria, GCS) tramite eventuale ausilio di monitoraggio continuo. Esami ematochimici ed ECG 12 derivazioni ogni 4 ore. NB: l ECG è da ripetere in tutte le condizioni ritenute necessarie (modifica o evoluzione dei parametri clinici) COSA Se necessaria Tc torace/addome con mdc (richiesto referto entro 20 minuti dall esecuzione dell esame) A giudizio clinico si eseguono esami di III livello: Rx torace (se non ha eseguito TC), Ecocardiogramma, Visita gastroenterologia FARMACI Tutto quanto necessario per stabilizzare i parametri vitali INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AL PAZIENTE E FAMIGLIA Si mette al corrente i famigliari step per step su i tempi di attesa necessari per avere risposta degli esami e sulle condizioni cliniche dei pazienti. Una volta avuto l orientamento clinico il paziente e i famigliari autorizzati saranno avvisati dell eventuale necessità di ricovero o altri provvedimenti DOCUMENTI DOCUMENTAZIONE CLINICA DA PRODURRE Referto clinico di dimissione e/o invio c/o reparti di degenza. Sarebbe opportuna al momento dell attivazione dell osservazione breve, la compilazione di una cartella clinica OBIETTIVI TRAGUARDI SANITARI I traguardi sanitari prefissati sono: stabilizzazione parametri vitali, identificazioni delle cause più comuni di dolore toracico con particolare riferimento alla pericardite, patologie polmonari e/o gastrointestinali RISCH IO VALUTAZIONE DEL RISCHIO 17

19 COMPORTAMENTO CLINICO IN BASE ALLA STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO Il paziente a rischio basso verrà ricoverato in Osservazione Breve per effettuare monitoraggio continuo, troponina + ecg ogni 4 ore fino ad un massimo di 8 ore. Verrà eventualmente successivamente dimesso, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. Il paziente a rischio intermedio o alto verrà ricoverato in Osservazione Breve. Si effettuerà monitoraggio continuo e ecg e determinazioni della troponina fino ad un massimo di 3 prelievi. Dopo un massimo di 24 ore, in caso di osservazione negativa, previa consulenza cardiologica, il paziente dovrà essere sottoposto a test da sforzo entro ore. Il paziente a rischio molto alto verrà ricoverato in UTIC / Cardiologia, eventualmente previa consulenza cardiologica.. ATTUALE COMPORTAMENTO IN ASSENZA DELL OSSERVAZIONE BREVE Il paziente a rischio basso verrà tenuto in osservazione presso i locali del Pronto Soccorso. Effettuerà monitoraggio della troponina + ecg ogni 4 ore fino ad un massimo di 8 ore. Verrà eventualmente successivamente dimesso, previa effettuazione di visita cardiologia e raccomandazione di effettuare test provocativi/imaging entro ore. Il paziente a rischio intermedio o alto verrà ricoverato, previa visione del 1 prelievo della Troponina. Il paziente a rischio molto alto verrà ricoverato in UTIC. 18

20 CRITICITA Nel DEA della nostra ASL non è stata ancora attivata l Osservazione Breve. I pazienti non possono quindi essere ricoverati in ambienti dedicati fino alle 24 ore necessarie al monitoraggio clinico-strumentale e laboratoristico. Attualmente quindi sostano in maniera incongrua nei corridoi del DEA o vengono ricoverati impropriamente nei reparti del nostro Ospedale, riducendo ulteriormente la disponibilità di posti letto, già cronicamente carente. Questo crea oltretutto spazio ad aspetti rivendicativi ed assicurativi da parte dei pazienti. L emodinamica non è attualmente attiva h24 In caso di sospetta pericardite, non è sempre possibile effettuare un esame ecocardiografico in quanto non tutti i cardiologi in servizio sono addestrati per effettuarlo. Non è attualmente possibile programmare un Test da sforzo entro ore dalla dimissione del paziente. 19

21 BIBLIOGRAFIA 1. Position paper: percorso di valutazione del dolore toracico Commissione congiunta ANMCO-SIMEU; GIC G Ital Cardiol 2009; 10(1): G Ital Cardiol Vol 10 Suppl focused update of the ACC/AHA 2004 Guidelines for the management of patients with STEMI Circulation Dec 10, Linee Guida American Heart Association (Manuale ACLS) Erhardt L. et al., Task force sulla gestione del dolore toracico. Ital Heart Suppl 2004; 5 (4): AA. VV (ASL Pordenone, Padova, Trento e Vicenza) - Progetto T.Ri.P.S.S.II Gestione del dolore toracico acuto in Pronto Soccorso Emergency department: rapid identification and treatment of patients with acute myocardial infarction.us Department of Health and Human Services,US Pubblic Health Service,National Institutes of Health,National Heart, Lung, and Blood Institute,September 1993;NIH Pubblication n 9 7. Lee TH et al, Acute chest pain in the emergency room, Arch Inter Med 1985;145: Pozen MW et al,n Engl J ed 1984;310: Stefano Savonitto et al. JAMA 1999:281: Unstable Angina: classification. Braunwal E., Circulation 1989;80: Campeau L. Grading of Angina Pectoris. Circulation 1976;54: Wu AH,Apple FS,Gibler WB,Jesse RL,Warshaw MM,Valdes RJ.National Academy of Clinical Biochemistry Standards of Laboratory Practice recommendations for the use of cardiaca markers in coronary artery diseases. Clin Chem 1999;45: Puleo PR,Meyer D,Wathen C et al. Use of a rapid assay of subforms of creatin-chinase MB to diagnose or rule out acute myocardial infarction. N Engl J Med 1994;331: Mair J,Morandell D, Genser N, Lechleitner P, dienstl F, Puschendorf B.Equivalent early sensitivities of mioglobina,creatin kinase MB Mass,Creatin kinase isoforms ratios and cardiac troponins I and T for acute myocardial infarction. Clin Chem 1995;41: Mair J,Morandell D, Genser N, Lechleitner P, dienstl F, Puschendorf B.Equivalent early sensitivities of mioglobina,creatin kinase MB Mass,Creatin kinase isoforms ratios and cardiac troponins I and T for acute myocardial infarction. Clin Chem 1995;41: Wu AH,Apple FS,Gliber WB, Jesse RL, Warshaw MM, Valdes RJ.National Academy of Clinical of Clinical Biochemistry Standards of Laboratory Practice recommendations for the use of cardiac markers in coronary artery diseases.clin Chem 199;45: Antman EM,Tanasijevic MJ,Thompson B,et al. Cardiac-specific troponin I level to predict the risk of mortality in patients with acute coronary syndromes.n Engl J Med 1996;335: Wu AH.A comperison of cardiac Troponin T and cardiac troponin I in patients with acute coronary sindrome.coron Artery Dis 1999;10: (Lindahl B,Venge P,Wallentin L,for the Fragmin in Unstable Coronary Artery Disease(FRISC)Study group.troponin T identifies patients with unstable coronary artery disease who benefit from long-term antithrombotic protection.j Am Coll Cardiol 1997;29:

22 20. Kontos MC, Anderson FP,Schmidt KA,Ornato JP,Tatum JL,Jesse RL.Early diagnosis of acute myocardial infarction in patients without ST-segment elevation.am J Cardiol 1999;83: Zaninotto M,Altinier S,Lachin M,Celegon L,Plebani M.Strategies for the early diagnosis of acute myocardial infarction using biochemical markers.am J Clin pathol 1999;11: Zimmerman J,Fromm R,Meyer D,et al. Diagnostic Marker Cooperative Study for the diagnosis of Myocardial infarction.circulation 1999;99: Ardissino D,Merlini PA, Gamba G, et al.thrombin activity and early outcome in unstable angina pectoris. Circulation 1996;93: Becker RC,Cannon CP,Bovill EG,et al.prognostic value of plasma fibrinogen concentration in patients with unstable angina and non-q-wave myocardial infarction (TIMI IIIB trial).am J Cardiol 1996;78: Rebuzzi AG, Quaranta G,Liuzzo G et al.incremental prognostic value of serum levels of troponin T and C- eactive protein on admission in patients with unstable angina pectoris.am J Cardiol 1998;82: Morrow DA,Rifai N,Antman em,et al.serum amyloid A predicts early mortality in acute coronary sindrome:a TIMI 11 substudy.j Am Cll Cardiol 2000;35: Biasucci LM,Vitelli A,Liuzzo G, et al.elevated levels of interleukin6 in unstable angina.circulation 1996;94: Oltrona L, Ardissino D,Merlini PA,Spinola A,Chiodo F,Pezzano A.C-reactive protein elevation and early out come in patients with unstable angina pectoris.am J Cardiol 1997;80: Morrow DA,Rifai N,Antman EM,et al.c-reactive protein is a potent predictor of mortality independently of and in combination with Troponin T in acute coronary sindromes:a TIMI 11A substudy. Thrombolysis in Myocardial Infarction.J Am Coll cardiol 1998;31: Brieger DB,Mak KH,White HD,et al.benefit of early sustained reperfusion in patients with prior myocardial infarction(the GUSTO-1 trial).global utilization of Streptokinase and TPA for Occluded arteries. Am.J.Cardiol. 1998;81: Hochman JS, Tamis JE,Thompson TD,et al,for the Global Use of Strategies to Open Occluded Coronary Arteries Syndromes IIb Investigators.Sex, clinical presentation,and outcome in patient with acute coronary syndromes.n Engl J Med 1999;341: Hochman JS, Mc CabeCH, Stone PH, et al, for the TIMI investigators: Thrombolysis In Myocardial Infarction.Outcome and profile of women and men presenting with acute coronary syndromes:a report from TIMI IIIB. Jam Coll Cardiol 1997;30: Scirica BM, Moliterno DJ, Every NR, et al, for the GUARANTEE Investigators.Differences between men and women in the management of unstable angina pectoris (the GUARANTEE Registry).Am J Cardiol 1999;84, Jayes RLJ, Beshansky JR, D Agostino RB, Selker HP. Do patients coronary risk factor reports predict acute cardiac ischemia in the Emergency department? A multicenter study.j Clin Epidemiol 1992;45: PURSUIT Trial Investigators. Inhibition of platelet glycoprotein IIb/IIIa with eptifibatide in patients with acute coronary syndromes. The PURSUIT Trial Investigators Platelet Glycoprotein IIb/IIIa in Unstable Angina: Receptors Suppression Using Integrilin Therapy. N Engl J Med 1998;339:

23 INDICATORI o Numero dei pazienti con dolore toracico come sintomo principale al triage, che effettuano ECG entro 10 minuti dall arrivo in PS / numero dei pazienti con dolore toracico come sintomo principale al triage ( > 70% ) o Tempo di risposta del dosaggio della troponina, dal momento del check-in al momento della validazione dell esame in Laboratorio Analisi ( < 45 minuti nel 75% degli esami ) o Tempo di ricovero in UTIC dei pazienti con ECG diagnostico all ingresso in Pronto Soccorso ( < di 30 minuti almeno nell 85% dei pazienti ) 22

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli