Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione"

Transcript

1 Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione Dott. Luigi Neglia

2 DEFINIZIONI ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Improvvisa cessazione della funzione di pompa del cuore e dell attività respiratoria. Condizione potenzialmente reversibile mediante tempestive ed adeguate manovre rianimatorie, sempre che la causa scatenante lo permetta. Se non adeguatamente e rapidamente trattato porta inesorabilmente a morte. MORTE IMPROVVISA Morte naturale che avviene inaspettatamente ed improvvisamente, o entro breve tempo (massimo 1 ora) dalla comparsa di sintomi premonitori minacciosi

3 Incidenza in Italia: 1 caso/1000 abitanti/anno decessi anno per morte improvvisa ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA Ogni 9 minuti si registra un ACC. Ogni 3-4 minuti un persona viene colta da attacco cardiaco 1 persona su 4 muore prima di arrivare in ospedale Fonte: dati ISTAT 2006 Ministero della salute

4 ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA E PROGNOSI DATI RELATIVI A 37 COMUNITÀ EUROPEE; ACC DA QUALUNQUE RITMO TRATTATI DA SERVIZI DI EMERGENZA MEDICA IN AMBIENTE EXTRAOSPEDALIERO. I DATI RELATIVI A 10 CENTRI NORDAMERICANI RISULTANO DEL TUTTO SOVRAPPONIBLI INCIDENZA: 38 CASI/ ABITANTI/ANNO INCIDENZA FV: 17 CASI/ ABITANTI SOPRAVVIVENZA ALLA DIMISSIONE DALL OSPEDALE: 10,7% PER ACC SOSTENUTO DA QUALSIASI RITMO 21,2% PER ACC DA FV

5 ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA Il ritmo di esordio nel 25/30% dei casi è la FV Rilevazione immediata con DAE in loco: FV nel 59-65% dei casi Probabilmente elevato il numero di paziente in FV/TV al momento dell arresto; spesso, alla prima determinazione del ritmo, si è già verificato un deterioramento in asistolia.

6 ACC INTRAOSPEDALIERO EPIDEMIOLOGIA E PROGNOSI INCIDENZA: 1-5 CASI/1000 RICOVERI FV/TV SENZA POLSO sono i ritmi di esordio nel 25% dei casi SOPRAVVIVENZA ALLA DIMISSIONE: 17,6% dei casi per qualsiasi ritmo 37% dopo FV/TV senza polso 11,5% dopo PEA/asistolia

7 ARRESTO CARDIACO CLASSIFICAZIONE EZIOLOGICA ACC primariamente cardiaco (es. cardiopatia ischemica, patologie ereditarie) ACC primariamente respiratorio (es. edema polmonare acuto, laringospasmo) ACC primariamente circolatorio (es. emorragia interna, embolia polmonare) ACC primariamente cerebrale (es. ictus)

8 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CARDIACHE: CARDIOPATIA ISCHEMICA CARDIOPATIA IPERTENSIVA (IPERTROFICA) CARDIOMIOPATIE (DILATATIVA, IPERTROFICA, ARITMOGENA del VENTRICOLO DX) CARDIOPATIE CONGENITE VIZI VALVOLARI AORTICI SINDROME da PREECCITAZIONE VENTRICOLARE SINDROME del QT LUNGO - SINDROME di BRUGADA PROLASSO della VALVOLA MITRALE, emodinamicamente significativo DISSEZIONE AORTICA MIXOMA ATRIALE

9 ACC (PRIMARIAMENTE CARDIACO) ARRESTO DELL ATTIVITA MECCANICA DEL CUORE ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA BLOCCO DELLA PERFUSIONE CEREBRALE (e dei centri cardio-respiratori troncoencefalici) CON PERDITA DI COSCIENZA ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA (ENTRO 1 MINUTO DALL INIZIO DELL ARRESTO CARDIACO)

10 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: RESPIRATORIE: LARINGOSPASMO ALLERGICO DISTRESS RESPIRATORIO CRISI ASMATICA PROLUNGATA EDEMA POLMONARE ACUTO

11 ACC (PRIMARIAMENTE RESPIRATORIO ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA ANOSSIA CEREBRALE (e dei centri cardio-respiratori troncoencefalici) CON PERDITA DI COSCIENZA ARRESTO, DOPO ALCUNI MINUTI, DELL ATTIVITA MECCANICA DEL CUORE (per anossia centrale e cardiaca) ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA

12 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CIRCOLATORIE EMORRAGIA INTERNA ACUTA TAMPONAMENTO CARDIACO EMBOLIA POLMONARE PNEUMOTORACE IPERTESO

13 ACC (PRIMARIAMENTE CIRCOLATORIO) OSTACOLO MECCANICO DEL CIRCOLO O IPOVOLEMIA ACUTA ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA BLOCCO DELLA PERFUSIONE CEREBRALE E CARDIACA CON ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA E CARDIACA

14 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CEREBRALI E NEUROMUSCOLARI ICTUS ISCHEMICO/EMORRAGICO (con coinvolgimento troncoencefalico) MIASTENIA GRAVIS SINDROME DI GUILLAIN-BARRE DISTROFIA MUSCOLARE DI DUCHENNE MALATTIA DI STEINERT

15 ACC (PRIMARIAMENTE CEREBRALE) ARRESTO DELL ATTIVITA DEI CENTRI CARDIORESPIRATORI TRONCOENCEFALICI ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA E CARDI0-CIRCOLATORIA

16 EVENTI ACCIDENTALI ESITABILI IN ACC: INTOSSICAZIONE ACUTA (droghe, farmaci, alcool, fumi, etc.) TRAUMA (emorragie, fratture, etc.) OSTRUZIONE delle VIE AEREE: da CORPO ESTRANEO, da COMPRESSIONE MECCANICA DEL TORACE ANNEGAMENTO ELETTROCUZIONE (folgorazione, fulminazione)

17 ARRESTO CARDIACO PATOGENESI Le cause scatenanti prima citate causano a livello cardiaco un DISTURBO ELETTRICO che compromette l efficienza meccanica del cuore con cessazione dell attività di pompa del cuore 3% 20% 5% 72% FV TV BradiAsist. PEA

18 BEV ( R su T ) LA CASCATA TACHIARITMICA NELL ACC. TV FV AD ONDE GROSSE FV AD ONDE FINI ASISTOLIA

19

20 ...IL SUBSTRATO ANATOMICO ARITMOGENO TRIGGER ANOMALIE STRUTTURALI: Necrosi/Fibrosi Ipertrofia Flogosi Vie by-pass ecc. (BEV R su T) ANOMALIE FUNZIONALI: Ischemia/Riperfusione Alteraz. SN Autonomo Squilibri Elettrolitici Effetto di Farmaci TV / FV SCHEMA DI MEYERBURG

21 % Sopravvivenza LA POSSIBILITA DI SOPRAVVIVENZA SI RIDUCE DEL 10% PER OGNI MINUTO DI RITARDO DEL PRIMO SOCCORSO!! Tempo intercorso dall ACC al primo soccorso ( DA CUMMINS ET AL., MODIFICATO )

22 DANNO ANOSSICO CEREBRALE Inizia dopo 4-6 di assenza di circolo Dopo circa 10 si hanno lesioni cerebrali irreversibili (morte biologica). 4 Morte clinica 10 Morte biologica

23 Management of cardiac arrest. ACLS Guidelines Circulation. 2005;112:IV-58-IV-66.) 2005 American Heart Association.

24 LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA nei casi di ACC extraospedaliero da FV la RCP immediata raddoppia o triplica i tassi di sopravvivenza La possibilita di sopravvivenza si riduce del 10% per ogni minuto di ritardo del primo soccorso

25 LA RIANIMAZIONE CARDIO- POLMONARE Consiste nel supporto di base delle funzioni vitali (BLS) e nell esecuzione di manovre fisico - strumentali che, tramite anche l utilizzo di farmaci (ACLS), hanno lo scopo di ripristinare le funzioni vitali: la respirazione, l attivita cardiaca la circolazione

26 SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DELL ADULTO (BLS-D)

27 SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DELL ADULTO (BLS) IMPORTANTE. Una volta constato che il paziente sia privo di coscienza e non respiri, o la faccia in maniera anomala, iniziate le manovre rianimatorie, da quel momento saranno fondamentali: COMPRESSIONI TORACICHE DI ALTA QUALITA LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE IN CASO DI FV/TV.

28 ADVANCED LIFE SUPPORT

29 COMPRESSIONI TORACICHE DI ALTA QUALITA Posizionare il palmo di una mano al centro del torace, sovrapporre l altra mano ; intrecciare le dita. Generano un flusso ematico ridotto ma determinante per cervello e miocardio. Aumentano la probabilità di successo della defibrillazione. Frequenza di almeno 100/min (non superiori a 120/min) Profondità di almeno 5 cm (max 6 cm) Consentire la completa riespansione del torace Impiegare lo stesso tempo per eseguire compressioni e rilasciamento. Sostituire ogni 2 minuti la persona che esegue le compressioni con minime interruzioni durante lo scambio. Impiegare un massimo di 5 secondi per erogare le 2 ventilazioni al termine del ciclo di 30 compressioni Per la defibrillazione interrompere le compressioni toraciche per non più di 5 secondi complessivi

30 VENTILAZIONI 30 2 VENTILAZIONI. Le ventilazioni di soccorso devono essere fornite in circa 1 sec. Fornendo un volume tale da sollevare il torace della vittima. Il tempo impiegato per fornire 2 ventilazioni non deve superare i 5 secondi.

31 PUGNO PRECORDIALE La sua erogazione non deve ritardare la richiesta di aiuto o l accesso ad un defibrillatore INDICATO SOLO IN CASO DI ARRESTO TESTIMONIATO DA PIU OPERATORI, CHE AVVIENE SU UN PAZIENTE MONITORIZZATO E QUANDO NON E IMMEDIATAMENTE DISPONIBILE UN DEFIBRILLATORE.

32 Posizione delle piastre: posizione sterno-apicale (piastra dx sede sottoclaveare dx, piastra sx lateralmente alla mammella sx), premendo con forza sul torace

33 LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Eseguire una RCP di buona qualità mentre il defibrillatore viene recuperato, applicato e caricato. Non è raccomandata l esecuzione di un periodo predeterminato di RCP prima di eseguire l analisi del ritmo ed erogare una scarica. Preferire l utilizzo di placche autoadesive. Preferire defibrillatori con onde a morfologia bifasica. Massima energia impiegata: 360 J monofasico, 200 J bifasico. Applicare protocolli a singola scarica. Prendere in considerazione protocolli a tre scariche solo in caso di: FV/TV durante cateterismo cardiaco. FV/TV post cardiochirurgia. FV/TV testimoniata in paziente già collegato a defibrillatore manuale.

34 GESTIONE DELLE VIE AEREE E VENTILAZIONE Riconoscimento dell ostruzione delle vie aeree: guarda, ascolta e senti Rumori caratteristici dell ostruzione parziale: Stridore inspiratorio Sibili espiratori Gorgoglio Russamento Ostruzione completa: Respiro altalenante Assenza di murmure vescicolare all auscultazione. Sedi di ostruzione più frequenti: Palato molle Epiglottide

35 GESTIONE DI BASE DELLE VIE AEREE Misure immediate per renderle pervie: Iperestensione del capo (non effettuare in caso di trauma della colonna cervicale). Sollevamento del mento. Sublussazione della mandibola. Se disponibile usare un aspiratore rigido di grosso calibro per rimuovere liquidi dalle vie aeree superiori

36 GESTIONE DI BASE DELLE VIE AEREE L OSSIGENO Somministrare ossigeno ogni qualvolta sia disponibile. Concentrazione di O2: 16-17% aria espirata durante respirazione di salvataggio. 21% pallone autoespandibile impiegato con aria ambiente. 85% pallone autoespandibile con reservoir e connessione a fonte di O lt/min. Target: SaO %

37 PRESIDI AGGIUNTIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE E PER LA VENTILAZIONE Cannule orofaringee o nasofaringee. Maschera tascabile (pocket mask).

38 PRESIDI AGGIUNTIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE E PER LA VENTILAZIONE Pallone autoespandibile. Meglio se munito di reservoir connesso a fonte di O2. Preferibile tecnica di ventilazione a 2 soccorritori. Connesso a tubo tracheale o maschera laringea consente di effettuare ventilazioni alla frequenza di 10 atti/min senza interrompere CPR Ventilatori automatici. Volume corrente 6-7 ml/kg Frequenza 10 atti/min. Possono essere connessi sia ad una maschera facciale che a tubi tracheali o dispositivi sovraglottici

39 PRESIDI ALTERNATIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE Maschera laringea. Combitube. Tubo laringeo. I-gel

40 L INTUBAZIONE OROTRACHEALE Non esistono evidenze a favore o contro particolari tecniche di gestione delle vie aeree e ventilazione durante ACC. Tuttavia l intubazione ha dei vantaggi: Ventilazione efficace, senza dover interrompere le compressioni toraciche. Minima insufflazione gastrica. Protezione contro l aspirazione di materiale polmonare. Libera le mani del soccorritore. Svantaggi: Mancato riconoscimento di un non corretto poisizionamento del tubo. Interruzione prolungata delle CPR (interrompere solo durante passaggio attraverso le corde vocali e per non più di 10 sec.)

41 RIANIMAZIONE INTRAOSPEDALIERA Centrale il problema della prevenzione dell arresto cardiaco intraospedaliero mediante il riconoscimento precoce del paziente critico in fase di peggioramento. Punteggi di allarme precoce (early warning scores EWS) Sistemi di track and trigger

42 PUNTEGGI DI ALLARME PRECOCE (EARLY WARNING SCORES EWS) Polso. Pressione arteriosa. Frequenza respiratoria Temperatura corporea SpO2

43 GESTIONE DEL PAZIENTE Disponibilità immediata di: Monitoraggio elettrocardiografico Accesso venoso Ossigeno

44 RIANIMAZIONE INTRAOSPEDALIERA

45 ALGORITMO DELLA TACHICARDIA

46 ALGORITMO PER LA BRADICARDIA

47 ACLS: FARMACI DI COMUNE IMPIEGO I farmaci indicati nell immediato trattamento dell arresto cardiaco sono pochi. Vanno presi in considerazione dopo l erogazione dei primi shock (ove indicati). Non bisogna interrompere la RCP per somministrare i farmaci. Sono suddivisibili in 3 grandi gruppi: Vasopressori. Antiaritmici. Altri farmaci. Si possono somministrare per via endovenosa o intraossea.

48 FARMACI Vasopressori: Adrenalina. Antiaritmici: Amiodarone Lidocaina Magnesio Altri farmaci: Atropina Calcio cloruro Fibrinolitici. Adenosina. Dopamina Dobutamina Isoproterenolo

49 ADRENALINA EFFETTI Alfa-adrenergici: vasocostrizione sistemica con aumento della pressione di perfusione coronarica e cerebrale. Beta-adrenerigici: azione inotropa e cronotropa positive con aumento del flusso ematico coronarico e cerebrale ma anche aumento del fabbisogno miocardico di ossigeno, facilitazione di aritmie ventricolari, compromissione del micorcircolo, disfunzione miocardica post arresto.

50 ADRENALINA EFFETTI I suoi effetti beta-adrenergici potenzialmente dannosi hanno condotto alla ricerca di vasopressori alternativi Nessun vasopressore alternativo, paragonato all adrenalina, ha mostrato alcun beneficio aggiuntivo nella sopravvivenza nella rianimazione dell ACC. L adrenalina è quindi il vasopressore standard nell arresto cardiaco.

51 ADRENALINA INDICAZIONI E il primo farmaco da usare nell arresto cardiaco. E il farmaco di scelta nel trattamento dell anafilassi. E un trattamento di seconda linea per lo shock cardiogeno.

52 ADRENALINA POSOLOGIA NELL ARRESTO CARDIACO ACC con FV/TV: somministrare 1 mg e.v. dopo il terzo shock e dopo che sono riprese le compressioni toraciche; ripetere la somministrazione ogni 3-5 min di RCP durante l arresto cardiaco (a cicli alterni). PEA e asistolia: somministrare 1 mg e.v. non appena sia disponibile un accesso venoso. Ripetere ogni 3-5 min di RCP durante l arresto cardiaco (a cicli alterni). DILUIZIONI PRESENTI IN COMMERCIO: 1: ml=1 mg 1: ml=1 mg

53 AMIODARONE EFFETTI Antiaritmico di classe III con effetti propri di antiaritmici di altre classi. E un farmaco stabilizzante di membrana che rallenta la conduzione AV e attraverso le vie accessorie. Debole azione inotropa negativa. Vasodilatazione periferica per effetto alfabloccante non competitivo.

54 AMIODARONE INDICAZIONI E POSOLOGIA NELL ACC Nell ACC indicato per FV/TV persistenti dopo il terzo shock. POSOLOGIA: 300 mg e.v. diluiti in 20 ml di sol. Glucosata al 5% in bolo lento (ca. 5 min.). In caso di FV/TV ricorrenti o refrattarie. POSOLOGIA: ulteriore dose di 150 mg e.v. diluiti in 10 ml di sol. Glucosata al 5% seguita da una infusione di 900 mg nelle 24 ore Se non disponibile impiegare la lidocaina.

55 AMIODARONE EFFETTI AVVERSI ACUTI IPOTENSIONE. E causata dal solvente (Polisorbato 80 e alcol benzilico) che causa la liberazione di istamina. La sua entità dipende dalla velocità di infusione. BRADICARDIA. Dovuta agli effetti elettrofisiologici del farmaco.

56 LIDOCAINA EFFETTI ED INDICAZIONI EFFETTI: Antiaritmico di classe IB. Stabilizzante di membrana. Riduce l automatismo ventricolare. Sopprime l attività ventricolare ectopica. Efficace nel trattare aritmie associate a miocardio depolarizzato. INIDICAZIONI: Somministrare solo se non è disponibile l amiodarone NON somministrare se è già stato somministrato amiodarone. FV/TV refrattaria

57 LIDOCAINA POSOLOGIA ED EFFETTI AVVERSI POSOLOGIA IN CORSO DI ACC. 1-1,5 mg/kg in bolo Ulteriore bolo di 50 mg se necessario La dose totale massima non deve superare i 3 mg/kg Usare con cautela in SOGGETTI EPATOPATICI E PAZIENTI ANZIANI EFFETTI AVVERSI. Parestesie, sonnolenza, confusione mentale e clonie muscolari.

58 MAGNESIO INDICAZIONI Tachicardia ventricolare o sopraventricolare associata a ipomagnesemia (spesso associata all ipokaliemia). Torsione di punta Tossicità digitalica POSOLOGIA 2 gr e.v (4 ml di magnesio solfato al 50%), diluiti, in 1-2 minuti gr/h EFFETTI COLLATERALI Inibisce il muscolo liscio causando quindi ipotensione transitoria dose-dipendente.

59 CALCIO EFFETTI. Gli effetti del calcio, usato fuori indicazione sono sfavorevoli: può essere dannoso per il miocardio ischemico, può compromettere la funzione cerebrale. INDICAZIONI. Arresti in PEA causati da: Iperkaliemia. Ipocalcemia. Sovradosaggio di calcio-antagonisti. POSOLOGIA. 10 ml di calcio cloruro al 10% e.v. ripetibile.

60 BICARBONATI PREMESSA. Il miglior trattamento dell acidemia in arresto sono le compressioni toraciche. I bicarbonati causano produzione di CO2 con conseguenti: Aggravamento dell acidosi intracellulare. Effetto inotropo negativo sul miocardio ischemico. Elevato carico di sodio osmoticamente attivo. Riduzione dell oosigenazione tissutale. La somministrazione di bicarbonato di sodio durante ACC, RCP o dopo ROSC, non è raccomandata.

61 BICARBONATI INDICAZIONI: Iperkaliemia con pericolo di vita. Arresto cardiaco associato ad iperkaliemia. Overdose di antidepressivi triciclici POSOLOGIA: 50 mmol e.v. ripetibile (50 ml di una soluzione all 8,4%).

62 EFFETTI. ATROPINA Inibitore competitivo dei recettori Muscarinici per l acetilcolina Azione vagolitica a livello del nodo SA e AV con effetti cronotropo e dromotropo positivi INDICAZIONI. Bradicardia con instabilità emodinamica. Il suo utilizzo di routine PER L ASISTOLIA E IL PEA NON E PIU RACCOMANDATO. POSOLOGIA. 0,5-1 mg e.v. ripetibili fino ad un massimo di 3 mg.

63 eff. elettrofisiologici : ADENOSINA attività NSA e NAV indicazione principale :TPSV rientranti attraverso il NAV emivita : brevissima ( < 5 sec. ) dose : 6 mg in bolo (+ 20 cc fisiol.) + 12 mg dopo 1-2 min se inefficace effetti collaterali : flush,dispnea,dolore toracico,ipotens. Interazioni : aminofillina dipiridamolo effetto effetto

64 ISOPRENALINA Indicazioni: Bradicardia/asistolia in paziente con blocco atrioventricolare di grado avanzato. Trattamento sintomatico del broncospasmo nel paziente asmatico o affetto da BPCO asmatiforme. Posologia: dose per l adulto 1-20 mcg/min Controindicazioni. aritmie associate a tachicardia, ipertensione, infarto cardiaco recente, tireotossicosi, stenosi aortica sottovalvolare, malattia ischemica cardiaca.

65 FIBRINOLITICI Indicazioni: sindrome coronarica acuta, embolia polmonare STEMI Note. In caso di embolia polmonare sospetta o accertata e di ACC, se si somministra un fibrinolitico, considerare di protrarre la fibrinolisi per almeno minuti. EMBOLIA POLMON ARE

66 E controverso se i fluidi vadano infusi di routine durante ACC in caso di normovolemia. FLUIDI La loro infusione rapida è invece sicuramente indicata in caso di ipovolemia. Utilizzare: Cloruro di Sodio allo 0.9% Soluzione di Hartmann

67 DOPAMINA Effetti e dosi : tra 3 e 7.5 micrgr/min beta recett. Cronotr. Inotrop. L effetto inotropo è minore rispetto alla Dobutamina. L effetto crono- e dromotropo è minore rispetto all Isoproterenolo. INDICATA PER IL TRATTAMENTO DELL IPOTENSIONE, SOPRATTUTTO SE ASSOCIATA A BRADICARDIA SINTOMATICA

68 DOBUTAMINA Catecolamina sintetica. E indicata per il trattamento della disfunzione sistolica severa nell insufficienza cardiaca. Effetti: L effetto principale è l EFFETTO INOTROPO POSITIVO. Causa delle piccole variazioni o riduzioni delle resistenza vascolari sistemiche Posologia: Da 2 a 20 microgrammi/kg/min

69 L ECOGRAFIA NELLA ARRESTO CARDIACO Consente di identificare una serie di cause reversibili: Tamponamento cardiaco. Embolia polmonare. Dissezione aortica Ipovolemia. Pneumotorace. Per minimizzare l interruzione delle CPR posizionare la sonda in SEDE SOTTOXIFOIDEA appena prima che le CPR vengano sospese quindi ottenere le immagini nell arco di 10 sec. L ASSENZA DI MOTILITA CARDIACA IN CORSO DI ARRESTO E UN SEGNO ALTAMENTE PREDITTIVO DI MORTE (non esistono tuttavia dati relativi alla sensibilità e alla specificità di tale segno).

70 ALGORITMO DELLA TACHICARDIA

71 ALGORITMO PER LA BRADICARDIA

72 GESTIONE DEL PAZIENTE TERAPIE FARMACOLOGICHE VS TERAPIE ELETTRICHE Il discrimine per la scelta dell uno o dell altro tipo di terapia è rappresentato dalla stabilità emodinamica del paziente. Paziente emodinamicamente stabile: FARMACI Paziente emodinamicamente instabile: TERAPIE ELETTRICHE Segni avversi: Shock Sincope Scompenso cardiaco Ischemia miocardica

73 RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO E SINDROME POST-ARRESTO Obiettivo delle manovre di BLS-D e ACLS è il RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO (attività elettrica cardiaca organizzata associata alla presenza di polso e a respiro spontaneo). Ripristinato il circolo spontaneo spesso la fase post-rianimatoria si complica con la SINDROME POST-ARRESTO: Disfunzione miocardica con sindrome da bassa portata. Danno cerebrale. Risposta sistemica all ischemia-riperfusione. Eventuale persistenza della patologia scatenante.

74 RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO E SINDROME POST-ARRESTO Eseguire EMOGASANALISI (IPOSSIEMIA/IPERCAPNIA) Attento Monitoraggio elettrocardiografico e PAO per il pronto trattamento di IPOTENSIONE, BASSA PORTATA, ARITMIE (espansione volemica, farmaci vasoattivi, contropulsatore aortico) Ottimizzare il recupero neurologico: Trattare CONVULSIONI E/O MIOCLONIE (si verificano nel 5-15% dei pazienti in cui sia stato ottenuto il ROSC, 10-40% di quelli che rimangono in coma) con benzodiazepine, fentoina, propofol, barbiturici. Trattare l IPERGLICEMIA: target glicemia <180 mg/dl (evitare l ipoglicemia). Controllare L IPERPIRESSIA (antipiretici, ipotermia terapeutica)

75 LA SCELTA: QUANDO INTERROMPERE? The resuscitation team must make a conscientious and competent effort to give patients a trial of CPR and ACLS, provided that the patient has not expressed a decision to forego resuscitative efforts. The final decision to stop efforts can never be as simple as an isolated time interval. Clinical judgment and respect for human dignity must enter into decision making. There is little data to guide this decision. Management of cardiac arrest. ACLS Guidelines Circulation. 2005;112:IV-58-IV-66.) 2005 American Heart Association.

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE I.P. FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DENTISTI ITALIANI Edizioni Promoass FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza (Cosa fare e/o non fare in assenza e/o in attesa dell esperto) A cura di E. Bigi S. Baroncini - C. Coniglio - G. Desiderio A. Guidetti M. Liberti M. Menarini

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli