Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione"

Transcript

1 Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione Dott. Luigi Neglia

2 DEFINIZIONI ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Improvvisa cessazione della funzione di pompa del cuore e dell attività respiratoria. Condizione potenzialmente reversibile mediante tempestive ed adeguate manovre rianimatorie, sempre che la causa scatenante lo permetta. Se non adeguatamente e rapidamente trattato porta inesorabilmente a morte. MORTE IMPROVVISA Morte naturale che avviene inaspettatamente ed improvvisamente, o entro breve tempo (massimo 1 ora) dalla comparsa di sintomi premonitori minacciosi

3 Incidenza in Italia: 1 caso/1000 abitanti/anno decessi anno per morte improvvisa ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA Ogni 9 minuti si registra un ACC. Ogni 3-4 minuti un persona viene colta da attacco cardiaco 1 persona su 4 muore prima di arrivare in ospedale Fonte: dati ISTAT 2006 Ministero della salute

4 ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA E PROGNOSI DATI RELATIVI A 37 COMUNITÀ EUROPEE; ACC DA QUALUNQUE RITMO TRATTATI DA SERVIZI DI EMERGENZA MEDICA IN AMBIENTE EXTRAOSPEDALIERO. I DATI RELATIVI A 10 CENTRI NORDAMERICANI RISULTANO DEL TUTTO SOVRAPPONIBLI INCIDENZA: 38 CASI/ ABITANTI/ANNO INCIDENZA FV: 17 CASI/ ABITANTI SOPRAVVIVENZA ALLA DIMISSIONE DALL OSPEDALE: 10,7% PER ACC SOSTENUTO DA QUALSIASI RITMO 21,2% PER ACC DA FV

5 ARRESTO CARDIACO EPIDEMIOLOGIA Il ritmo di esordio nel 25/30% dei casi è la FV Rilevazione immediata con DAE in loco: FV nel 59-65% dei casi Probabilmente elevato il numero di paziente in FV/TV al momento dell arresto; spesso, alla prima determinazione del ritmo, si è già verificato un deterioramento in asistolia.

6 ACC INTRAOSPEDALIERO EPIDEMIOLOGIA E PROGNOSI INCIDENZA: 1-5 CASI/1000 RICOVERI FV/TV SENZA POLSO sono i ritmi di esordio nel 25% dei casi SOPRAVVIVENZA ALLA DIMISSIONE: 17,6% dei casi per qualsiasi ritmo 37% dopo FV/TV senza polso 11,5% dopo PEA/asistolia

7 ARRESTO CARDIACO CLASSIFICAZIONE EZIOLOGICA ACC primariamente cardiaco (es. cardiopatia ischemica, patologie ereditarie) ACC primariamente respiratorio (es. edema polmonare acuto, laringospasmo) ACC primariamente circolatorio (es. emorragia interna, embolia polmonare) ACC primariamente cerebrale (es. ictus)

8 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CARDIACHE: CARDIOPATIA ISCHEMICA CARDIOPATIA IPERTENSIVA (IPERTROFICA) CARDIOMIOPATIE (DILATATIVA, IPERTROFICA, ARITMOGENA del VENTRICOLO DX) CARDIOPATIE CONGENITE VIZI VALVOLARI AORTICI SINDROME da PREECCITAZIONE VENTRICOLARE SINDROME del QT LUNGO - SINDROME di BRUGADA PROLASSO della VALVOLA MITRALE, emodinamicamente significativo DISSEZIONE AORTICA MIXOMA ATRIALE

9 ACC (PRIMARIAMENTE CARDIACO) ARRESTO DELL ATTIVITA MECCANICA DEL CUORE ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA BLOCCO DELLA PERFUSIONE CEREBRALE (e dei centri cardio-respiratori troncoencefalici) CON PERDITA DI COSCIENZA ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA (ENTRO 1 MINUTO DALL INIZIO DELL ARRESTO CARDIACO)

10 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: RESPIRATORIE: LARINGOSPASMO ALLERGICO DISTRESS RESPIRATORIO CRISI ASMATICA PROLUNGATA EDEMA POLMONARE ACUTO

11 ACC (PRIMARIAMENTE RESPIRATORIO ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA ANOSSIA CEREBRALE (e dei centri cardio-respiratori troncoencefalici) CON PERDITA DI COSCIENZA ARRESTO, DOPO ALCUNI MINUTI, DELL ATTIVITA MECCANICA DEL CUORE (per anossia centrale e cardiaca) ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA

12 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CIRCOLATORIE EMORRAGIA INTERNA ACUTA TAMPONAMENTO CARDIACO EMBOLIA POLMONARE PNEUMOTORACE IPERTESO

13 ACC (PRIMARIAMENTE CIRCOLATORIO) OSTACOLO MECCANICO DEL CIRCOLO O IPOVOLEMIA ACUTA ARRESTO DELL ATTIVITA CIRCOLATORIA BLOCCO DELLA PERFUSIONE CEREBRALE E CARDIACA CON ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA E CARDIACA

14 PRINCIPALI PATOLOGIE E SINDROMI ESITABILI IN ACC: CEREBRALI E NEUROMUSCOLARI ICTUS ISCHEMICO/EMORRAGICO (con coinvolgimento troncoencefalico) MIASTENIA GRAVIS SINDROME DI GUILLAIN-BARRE DISTROFIA MUSCOLARE DI DUCHENNE MALATTIA DI STEINERT

15 ACC (PRIMARIAMENTE CEREBRALE) ARRESTO DELL ATTIVITA DEI CENTRI CARDIORESPIRATORI TRONCOENCEFALICI ARRESTO DELL ATTIVITA RESPIRATORIA E CARDI0-CIRCOLATORIA

16 EVENTI ACCIDENTALI ESITABILI IN ACC: INTOSSICAZIONE ACUTA (droghe, farmaci, alcool, fumi, etc.) TRAUMA (emorragie, fratture, etc.) OSTRUZIONE delle VIE AEREE: da CORPO ESTRANEO, da COMPRESSIONE MECCANICA DEL TORACE ANNEGAMENTO ELETTROCUZIONE (folgorazione, fulminazione)

17 ARRESTO CARDIACO PATOGENESI Le cause scatenanti prima citate causano a livello cardiaco un DISTURBO ELETTRICO che compromette l efficienza meccanica del cuore con cessazione dell attività di pompa del cuore 3% 20% 5% 72% FV TV BradiAsist. PEA

18 BEV ( R su T ) LA CASCATA TACHIARITMICA NELL ACC. TV FV AD ONDE GROSSE FV AD ONDE FINI ASISTOLIA

19

20 ...IL SUBSTRATO ANATOMICO ARITMOGENO TRIGGER ANOMALIE STRUTTURALI: Necrosi/Fibrosi Ipertrofia Flogosi Vie by-pass ecc. (BEV R su T) ANOMALIE FUNZIONALI: Ischemia/Riperfusione Alteraz. SN Autonomo Squilibri Elettrolitici Effetto di Farmaci TV / FV SCHEMA DI MEYERBURG

21 % Sopravvivenza LA POSSIBILITA DI SOPRAVVIVENZA SI RIDUCE DEL 10% PER OGNI MINUTO DI RITARDO DEL PRIMO SOCCORSO!! Tempo intercorso dall ACC al primo soccorso ( DA CUMMINS ET AL., MODIFICATO )

22 DANNO ANOSSICO CEREBRALE Inizia dopo 4-6 di assenza di circolo Dopo circa 10 si hanno lesioni cerebrali irreversibili (morte biologica). 4 Morte clinica 10 Morte biologica

23 Management of cardiac arrest. ACLS Guidelines Circulation. 2005;112:IV-58-IV-66.) 2005 American Heart Association.

24 LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA nei casi di ACC extraospedaliero da FV la RCP immediata raddoppia o triplica i tassi di sopravvivenza La possibilita di sopravvivenza si riduce del 10% per ogni minuto di ritardo del primo soccorso

25 LA RIANIMAZIONE CARDIO- POLMONARE Consiste nel supporto di base delle funzioni vitali (BLS) e nell esecuzione di manovre fisico - strumentali che, tramite anche l utilizzo di farmaci (ACLS), hanno lo scopo di ripristinare le funzioni vitali: la respirazione, l attivita cardiaca la circolazione

26 SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DELL ADULTO (BLS-D)

27 SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DELL ADULTO (BLS) IMPORTANTE. Una volta constato che il paziente sia privo di coscienza e non respiri, o la faccia in maniera anomala, iniziate le manovre rianimatorie, da quel momento saranno fondamentali: COMPRESSIONI TORACICHE DI ALTA QUALITA LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE IN CASO DI FV/TV.

28 ADVANCED LIFE SUPPORT

29 COMPRESSIONI TORACICHE DI ALTA QUALITA Posizionare il palmo di una mano al centro del torace, sovrapporre l altra mano ; intrecciare le dita. Generano un flusso ematico ridotto ma determinante per cervello e miocardio. Aumentano la probabilità di successo della defibrillazione. Frequenza di almeno 100/min (non superiori a 120/min) Profondità di almeno 5 cm (max 6 cm) Consentire la completa riespansione del torace Impiegare lo stesso tempo per eseguire compressioni e rilasciamento. Sostituire ogni 2 minuti la persona che esegue le compressioni con minime interruzioni durante lo scambio. Impiegare un massimo di 5 secondi per erogare le 2 ventilazioni al termine del ciclo di 30 compressioni Per la defibrillazione interrompere le compressioni toraciche per non più di 5 secondi complessivi

30 VENTILAZIONI 30 2 VENTILAZIONI. Le ventilazioni di soccorso devono essere fornite in circa 1 sec. Fornendo un volume tale da sollevare il torace della vittima. Il tempo impiegato per fornire 2 ventilazioni non deve superare i 5 secondi.

31 PUGNO PRECORDIALE La sua erogazione non deve ritardare la richiesta di aiuto o l accesso ad un defibrillatore INDICATO SOLO IN CASO DI ARRESTO TESTIMONIATO DA PIU OPERATORI, CHE AVVIENE SU UN PAZIENTE MONITORIZZATO E QUANDO NON E IMMEDIATAMENTE DISPONIBILE UN DEFIBRILLATORE.

32 Posizione delle piastre: posizione sterno-apicale (piastra dx sede sottoclaveare dx, piastra sx lateralmente alla mammella sx), premendo con forza sul torace

33 LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Eseguire una RCP di buona qualità mentre il defibrillatore viene recuperato, applicato e caricato. Non è raccomandata l esecuzione di un periodo predeterminato di RCP prima di eseguire l analisi del ritmo ed erogare una scarica. Preferire l utilizzo di placche autoadesive. Preferire defibrillatori con onde a morfologia bifasica. Massima energia impiegata: 360 J monofasico, 200 J bifasico. Applicare protocolli a singola scarica. Prendere in considerazione protocolli a tre scariche solo in caso di: FV/TV durante cateterismo cardiaco. FV/TV post cardiochirurgia. FV/TV testimoniata in paziente già collegato a defibrillatore manuale.

34 GESTIONE DELLE VIE AEREE E VENTILAZIONE Riconoscimento dell ostruzione delle vie aeree: guarda, ascolta e senti Rumori caratteristici dell ostruzione parziale: Stridore inspiratorio Sibili espiratori Gorgoglio Russamento Ostruzione completa: Respiro altalenante Assenza di murmure vescicolare all auscultazione. Sedi di ostruzione più frequenti: Palato molle Epiglottide

35 GESTIONE DI BASE DELLE VIE AEREE Misure immediate per renderle pervie: Iperestensione del capo (non effettuare in caso di trauma della colonna cervicale). Sollevamento del mento. Sublussazione della mandibola. Se disponibile usare un aspiratore rigido di grosso calibro per rimuovere liquidi dalle vie aeree superiori

36 GESTIONE DI BASE DELLE VIE AEREE L OSSIGENO Somministrare ossigeno ogni qualvolta sia disponibile. Concentrazione di O2: 16-17% aria espirata durante respirazione di salvataggio. 21% pallone autoespandibile impiegato con aria ambiente. 85% pallone autoespandibile con reservoir e connessione a fonte di O lt/min. Target: SaO %

37 PRESIDI AGGIUNTIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE E PER LA VENTILAZIONE Cannule orofaringee o nasofaringee. Maschera tascabile (pocket mask).

38 PRESIDI AGGIUNTIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE E PER LA VENTILAZIONE Pallone autoespandibile. Meglio se munito di reservoir connesso a fonte di O2. Preferibile tecnica di ventilazione a 2 soccorritori. Connesso a tubo tracheale o maschera laringea consente di effettuare ventilazioni alla frequenza di 10 atti/min senza interrompere CPR Ventilatori automatici. Volume corrente 6-7 ml/kg Frequenza 10 atti/min. Possono essere connessi sia ad una maschera facciale che a tubi tracheali o dispositivi sovraglottici

39 PRESIDI ALTERNATIVI PER LA GESTIONE DELLE VIE AEREE Maschera laringea. Combitube. Tubo laringeo. I-gel

40 L INTUBAZIONE OROTRACHEALE Non esistono evidenze a favore o contro particolari tecniche di gestione delle vie aeree e ventilazione durante ACC. Tuttavia l intubazione ha dei vantaggi: Ventilazione efficace, senza dover interrompere le compressioni toraciche. Minima insufflazione gastrica. Protezione contro l aspirazione di materiale polmonare. Libera le mani del soccorritore. Svantaggi: Mancato riconoscimento di un non corretto poisizionamento del tubo. Interruzione prolungata delle CPR (interrompere solo durante passaggio attraverso le corde vocali e per non più di 10 sec.)

41 RIANIMAZIONE INTRAOSPEDALIERA Centrale il problema della prevenzione dell arresto cardiaco intraospedaliero mediante il riconoscimento precoce del paziente critico in fase di peggioramento. Punteggi di allarme precoce (early warning scores EWS) Sistemi di track and trigger

42 PUNTEGGI DI ALLARME PRECOCE (EARLY WARNING SCORES EWS) Polso. Pressione arteriosa. Frequenza respiratoria Temperatura corporea SpO2

43 GESTIONE DEL PAZIENTE Disponibilità immediata di: Monitoraggio elettrocardiografico Accesso venoso Ossigeno

44 RIANIMAZIONE INTRAOSPEDALIERA

45 ALGORITMO DELLA TACHICARDIA

46 ALGORITMO PER LA BRADICARDIA

47 ACLS: FARMACI DI COMUNE IMPIEGO I farmaci indicati nell immediato trattamento dell arresto cardiaco sono pochi. Vanno presi in considerazione dopo l erogazione dei primi shock (ove indicati). Non bisogna interrompere la RCP per somministrare i farmaci. Sono suddivisibili in 3 grandi gruppi: Vasopressori. Antiaritmici. Altri farmaci. Si possono somministrare per via endovenosa o intraossea.

48 FARMACI Vasopressori: Adrenalina. Antiaritmici: Amiodarone Lidocaina Magnesio Altri farmaci: Atropina Calcio cloruro Fibrinolitici. Adenosina. Dopamina Dobutamina Isoproterenolo

49 ADRENALINA EFFETTI Alfa-adrenergici: vasocostrizione sistemica con aumento della pressione di perfusione coronarica e cerebrale. Beta-adrenerigici: azione inotropa e cronotropa positive con aumento del flusso ematico coronarico e cerebrale ma anche aumento del fabbisogno miocardico di ossigeno, facilitazione di aritmie ventricolari, compromissione del micorcircolo, disfunzione miocardica post arresto.

50 ADRENALINA EFFETTI I suoi effetti beta-adrenergici potenzialmente dannosi hanno condotto alla ricerca di vasopressori alternativi Nessun vasopressore alternativo, paragonato all adrenalina, ha mostrato alcun beneficio aggiuntivo nella sopravvivenza nella rianimazione dell ACC. L adrenalina è quindi il vasopressore standard nell arresto cardiaco.

51 ADRENALINA INDICAZIONI E il primo farmaco da usare nell arresto cardiaco. E il farmaco di scelta nel trattamento dell anafilassi. E un trattamento di seconda linea per lo shock cardiogeno.

52 ADRENALINA POSOLOGIA NELL ARRESTO CARDIACO ACC con FV/TV: somministrare 1 mg e.v. dopo il terzo shock e dopo che sono riprese le compressioni toraciche; ripetere la somministrazione ogni 3-5 min di RCP durante l arresto cardiaco (a cicli alterni). PEA e asistolia: somministrare 1 mg e.v. non appena sia disponibile un accesso venoso. Ripetere ogni 3-5 min di RCP durante l arresto cardiaco (a cicli alterni). DILUIZIONI PRESENTI IN COMMERCIO: 1: ml=1 mg 1: ml=1 mg

53 AMIODARONE EFFETTI Antiaritmico di classe III con effetti propri di antiaritmici di altre classi. E un farmaco stabilizzante di membrana che rallenta la conduzione AV e attraverso le vie accessorie. Debole azione inotropa negativa. Vasodilatazione periferica per effetto alfabloccante non competitivo.

54 AMIODARONE INDICAZIONI E POSOLOGIA NELL ACC Nell ACC indicato per FV/TV persistenti dopo il terzo shock. POSOLOGIA: 300 mg e.v. diluiti in 20 ml di sol. Glucosata al 5% in bolo lento (ca. 5 min.). In caso di FV/TV ricorrenti o refrattarie. POSOLOGIA: ulteriore dose di 150 mg e.v. diluiti in 10 ml di sol. Glucosata al 5% seguita da una infusione di 900 mg nelle 24 ore Se non disponibile impiegare la lidocaina.

55 AMIODARONE EFFETTI AVVERSI ACUTI IPOTENSIONE. E causata dal solvente (Polisorbato 80 e alcol benzilico) che causa la liberazione di istamina. La sua entità dipende dalla velocità di infusione. BRADICARDIA. Dovuta agli effetti elettrofisiologici del farmaco.

56 LIDOCAINA EFFETTI ED INDICAZIONI EFFETTI: Antiaritmico di classe IB. Stabilizzante di membrana. Riduce l automatismo ventricolare. Sopprime l attività ventricolare ectopica. Efficace nel trattare aritmie associate a miocardio depolarizzato. INIDICAZIONI: Somministrare solo se non è disponibile l amiodarone NON somministrare se è già stato somministrato amiodarone. FV/TV refrattaria

57 LIDOCAINA POSOLOGIA ED EFFETTI AVVERSI POSOLOGIA IN CORSO DI ACC. 1-1,5 mg/kg in bolo Ulteriore bolo di 50 mg se necessario La dose totale massima non deve superare i 3 mg/kg Usare con cautela in SOGGETTI EPATOPATICI E PAZIENTI ANZIANI EFFETTI AVVERSI. Parestesie, sonnolenza, confusione mentale e clonie muscolari.

58 MAGNESIO INDICAZIONI Tachicardia ventricolare o sopraventricolare associata a ipomagnesemia (spesso associata all ipokaliemia). Torsione di punta Tossicità digitalica POSOLOGIA 2 gr e.v (4 ml di magnesio solfato al 50%), diluiti, in 1-2 minuti gr/h EFFETTI COLLATERALI Inibisce il muscolo liscio causando quindi ipotensione transitoria dose-dipendente.

59 CALCIO EFFETTI. Gli effetti del calcio, usato fuori indicazione sono sfavorevoli: può essere dannoso per il miocardio ischemico, può compromettere la funzione cerebrale. INDICAZIONI. Arresti in PEA causati da: Iperkaliemia. Ipocalcemia. Sovradosaggio di calcio-antagonisti. POSOLOGIA. 10 ml di calcio cloruro al 10% e.v. ripetibile.

60 BICARBONATI PREMESSA. Il miglior trattamento dell acidemia in arresto sono le compressioni toraciche. I bicarbonati causano produzione di CO2 con conseguenti: Aggravamento dell acidosi intracellulare. Effetto inotropo negativo sul miocardio ischemico. Elevato carico di sodio osmoticamente attivo. Riduzione dell oosigenazione tissutale. La somministrazione di bicarbonato di sodio durante ACC, RCP o dopo ROSC, non è raccomandata.

61 BICARBONATI INDICAZIONI: Iperkaliemia con pericolo di vita. Arresto cardiaco associato ad iperkaliemia. Overdose di antidepressivi triciclici POSOLOGIA: 50 mmol e.v. ripetibile (50 ml di una soluzione all 8,4%).

62 EFFETTI. ATROPINA Inibitore competitivo dei recettori Muscarinici per l acetilcolina Azione vagolitica a livello del nodo SA e AV con effetti cronotropo e dromotropo positivi INDICAZIONI. Bradicardia con instabilità emodinamica. Il suo utilizzo di routine PER L ASISTOLIA E IL PEA NON E PIU RACCOMANDATO. POSOLOGIA. 0,5-1 mg e.v. ripetibili fino ad un massimo di 3 mg.

63 eff. elettrofisiologici : ADENOSINA attività NSA e NAV indicazione principale :TPSV rientranti attraverso il NAV emivita : brevissima ( < 5 sec. ) dose : 6 mg in bolo (+ 20 cc fisiol.) + 12 mg dopo 1-2 min se inefficace effetti collaterali : flush,dispnea,dolore toracico,ipotens. Interazioni : aminofillina dipiridamolo effetto effetto

64 ISOPRENALINA Indicazioni: Bradicardia/asistolia in paziente con blocco atrioventricolare di grado avanzato. Trattamento sintomatico del broncospasmo nel paziente asmatico o affetto da BPCO asmatiforme. Posologia: dose per l adulto 1-20 mcg/min Controindicazioni. aritmie associate a tachicardia, ipertensione, infarto cardiaco recente, tireotossicosi, stenosi aortica sottovalvolare, malattia ischemica cardiaca.

65 FIBRINOLITICI Indicazioni: sindrome coronarica acuta, embolia polmonare STEMI Note. In caso di embolia polmonare sospetta o accertata e di ACC, se si somministra un fibrinolitico, considerare di protrarre la fibrinolisi per almeno minuti. EMBOLIA POLMON ARE

66 E controverso se i fluidi vadano infusi di routine durante ACC in caso di normovolemia. FLUIDI La loro infusione rapida è invece sicuramente indicata in caso di ipovolemia. Utilizzare: Cloruro di Sodio allo 0.9% Soluzione di Hartmann

67 DOPAMINA Effetti e dosi : tra 3 e 7.5 micrgr/min beta recett. Cronotr. Inotrop. L effetto inotropo è minore rispetto alla Dobutamina. L effetto crono- e dromotropo è minore rispetto all Isoproterenolo. INDICATA PER IL TRATTAMENTO DELL IPOTENSIONE, SOPRATTUTTO SE ASSOCIATA A BRADICARDIA SINTOMATICA

68 DOBUTAMINA Catecolamina sintetica. E indicata per il trattamento della disfunzione sistolica severa nell insufficienza cardiaca. Effetti: L effetto principale è l EFFETTO INOTROPO POSITIVO. Causa delle piccole variazioni o riduzioni delle resistenza vascolari sistemiche Posologia: Da 2 a 20 microgrammi/kg/min

69 L ECOGRAFIA NELLA ARRESTO CARDIACO Consente di identificare una serie di cause reversibili: Tamponamento cardiaco. Embolia polmonare. Dissezione aortica Ipovolemia. Pneumotorace. Per minimizzare l interruzione delle CPR posizionare la sonda in SEDE SOTTOXIFOIDEA appena prima che le CPR vengano sospese quindi ottenere le immagini nell arco di 10 sec. L ASSENZA DI MOTILITA CARDIACA IN CORSO DI ARRESTO E UN SEGNO ALTAMENTE PREDITTIVO DI MORTE (non esistono tuttavia dati relativi alla sensibilità e alla specificità di tale segno).

70 ALGORITMO DELLA TACHICARDIA

71 ALGORITMO PER LA BRADICARDIA

72 GESTIONE DEL PAZIENTE TERAPIE FARMACOLOGICHE VS TERAPIE ELETTRICHE Il discrimine per la scelta dell uno o dell altro tipo di terapia è rappresentato dalla stabilità emodinamica del paziente. Paziente emodinamicamente stabile: FARMACI Paziente emodinamicamente instabile: TERAPIE ELETTRICHE Segni avversi: Shock Sincope Scompenso cardiaco Ischemia miocardica

73 RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO E SINDROME POST-ARRESTO Obiettivo delle manovre di BLS-D e ACLS è il RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO (attività elettrica cardiaca organizzata associata alla presenza di polso e a respiro spontaneo). Ripristinato il circolo spontaneo spesso la fase post-rianimatoria si complica con la SINDROME POST-ARRESTO: Disfunzione miocardica con sindrome da bassa portata. Danno cerebrale. Risposta sistemica all ischemia-riperfusione. Eventuale persistenza della patologia scatenante.

74 RIPRISTINO DEL CIRCOLO SPONTANEO E SINDROME POST-ARRESTO Eseguire EMOGASANALISI (IPOSSIEMIA/IPERCAPNIA) Attento Monitoraggio elettrocardiografico e PAO per il pronto trattamento di IPOTENSIONE, BASSA PORTATA, ARITMIE (espansione volemica, farmaci vasoattivi, contropulsatore aortico) Ottimizzare il recupero neurologico: Trattare CONVULSIONI E/O MIOCLONIE (si verificano nel 5-15% dei pazienti in cui sia stato ottenuto il ROSC, 10-40% di quelli che rimangono in coma) con benzodiazepine, fentoina, propofol, barbiturici. Trattare l IPERGLICEMIA: target glicemia <180 mg/dl (evitare l ipoglicemia). Controllare L IPERPIRESSIA (antipiretici, ipotermia terapeutica)

75 LA SCELTA: QUANDO INTERROMPERE? The resuscitation team must make a conscientious and competent effort to give patients a trial of CPR and ACLS, provided that the patient has not expressed a decision to forego resuscitative efforts. The final decision to stop efforts can never be as simple as an isolated time interval. Clinical judgment and respect for human dignity must enter into decision making. There is little data to guide this decision. Management of cardiac arrest. ACLS Guidelines Circulation. 2005;112:IV-58-IV-66.) 2005 American Heart Association.

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010)

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) DEFINIZIONE DI ARRESTO CARDIACO BRUSCA CESSAZIONE DELLA FUNZIONE DI POMPA DEL

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale.

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale. IL PAZIENTE CARDIOPATICO: STABILIZZAZIONE E TRATTAMENTO P. Rosi, F. Marian SUEM Treviso Emergenza Ospedale S.Maria dei Battuti - Azienda ULSS 9 Treviso Introduzione: Se da un lato molti dei pazienti cardiopatici

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

BLS ed Elementi di Primo Soccorso

BLS ed Elementi di Primo Soccorso Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia BLS ed Elementi di Primo Soccorso Lezione 4: BLS: sostegno delle funzioni vitali Protocolli BLS - BLSD In collaborazione con Tuttavia la

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma

Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma Rianimazione Cardiopolmonare Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma Cenni storici 1543, Vesalio: prima descrizione di tracheotomia e ventilazione artificiale

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 ALLEGATO 1 di cui alla Determinazione n. 867 del 31/08/2006 PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 Il Corso di Formazione è indirizzato al personale sanitario che risulterà

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina 22-10-2013 13:00-15:00 Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina Ore 14:15-16:15, 2 h Come studiare le patologie cardiovascolari Il professore

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

L arresto cardiocircolatorio

L arresto cardiocircolatorio Michele Gallina L arresto cardiocircolatorio Definizione L arresto della attività cardiaca, dunque del circolo sanguigno, dovuto a condizione patologica meccanica (ischemia, scompenso), aritmica (fibrillazione,

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Italian Resuscitation Council

Italian Resuscitation Council Italian Resuscitation Council Sintesi delle principali modifiche apportate dalle nuove linee guida ERC 2005 per la Rianimazione Cardipolmonare Base e Defibrillazione eseguita in soggetti adulti maggio

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

ARRESTO CARDIACO o MORTE IMPROVVISA

ARRESTO CARDIACO o MORTE IMPROVVISA ARRESTO CARDIACO o MORTE IMPROVVISA PROBLEMA ANTICO! FILIPPIDE muore improvvisamente subito dopo aver annunciato agli Ateniesi la vittoria di MARATONA ARRESTO CARDIACO o Morte Improvvisa o / Definizione

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009 BLS basic life support (supporto di base delle funzioni vitali) PER OPERATORI NON SANITARI Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano Ottobre 2009 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce

Dettagli

Aritmie peri-arresto (4f)

Aritmie peri-arresto (4f) Aritmie peri-arresto (4f) Nota dei curatori Questa sezione delle guidelines 2005 descrive i principi di trattamento delle aritmie periarresto e sostituisce il capitolo13 del precedente manuale ALS. Introduzione

Dettagli

Indice Arresto cardiocircolatorio e nuove frontiere ------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice Arresto cardiocircolatorio e nuove frontiere ------------------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO E NUOVE FRONTIERE PROF.SSA ELIANA FRANCESCHINO Indice 1 ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 Ritmi defibrillabili -------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA B. D Elia INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DEFINIZIONE E una condizione caratterizzata da un alterazione della ventilazione alveolare e/o da una difficoltà dello scambio gassoso a livello polmonare; è

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli