Corso di BLS per adul0, bambini e la5an0 per Assisten0 Bagnan0 Linee guida AHA 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di BLS per adul0, bambini e la5an0 per Assisten0 Bagnan0 Linee guida AHA 2010"

Transcript

1 Corso di BLS per adul0, bambini e la5an0 per Assisten0 Bagnan0 Linee guida AHA 2010 Do5. Guido Ronsivalle Specializzando in Medicina d Emergenza ed Urgenza UniPd Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

2 Adult Basic Life Support 2010 America Heart Associa0on Guidelines for Cardiopulmonary Resuscita0on and Emergency Cardiovascular Care Science Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

3 Storia della CPR Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

4 Storia della CPR Highlights 1740 L accedemia Parigina della Scienza raccomanda ufficialmente la respirazione bocca bocca per le vipme di annegamento La Società di Recupero delle Persone vipme di annegamento divenne la prima organizzazione a studiare la morte improvvisa Dr. Friedrich Maass sperimentò per primo le compressioni toraciche nell uomo Dr. George Crile riportò il primo caso di massaggio cardiaco esterno con successo nell uomo Primo caso in America di massaggio cardiaco esterno Dr George Crile James Elam fu il primo a dimostrare che l aria espirata era sufficiente per mantenere un adeguata ossigenazione 1956 Peter Safar e James Elam inventarono la respirazione bocca bocca nella rianimazione Gli USA ado5arono la respirazione bocca bocca per tra5are le vipme di arresto. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

5 Storia della CPR Highlights 1960 Sviluppo della Cardiopulmonary resuscita0on (CPR). L American Heart Associa0on inizià un programma di formazione per medici e per laici 1966 La Na0onal Academy of Sciences sviluppò una conferenza apposità sulla CPR, dire5a allo sviluppo di standard comuni per la Croce Rossa e le altre organizzazioni 1972 Il primo programma di formazione di massa a Sea5le sulla CPR, chiamato Medic 2; persone nei primi 2 anni 1981 Nascita a Washington di un programma per fornire informazioni telefoniche sulla CPR (dispatch), per aiutare gli astan0 a ges0re il paziente nell a5esa dell arrivo dei soccorsi Anniversario dei 50 anni dalla nascita dell RCP. Presentate le nuove linee guida aggiornate. Ogni 5 anni revisione delle linee guida su BLS, ACLS, PALS, ATLS. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

6 L Importanza dell RCP CPR & Sudden Cardiac Arrest (SCA) CPR statistics. April 26, 2010 Arresto Cardiaco Improvviso (Dati USA) Il sistema d emergenza tratta circa vittime di arresto cardiaco in ambiente extraospedaliero l anno. Meno dell 8% delle persone che sono vittime di arresto extra-ospedaliero sopravvive. L arresto cardiaco improvviso può colpire chiunque in ogni momento. Molte vittime ignorano di avere problemi cardiologici o fattori di rischio. L arresto cardiaco è differente dall attacco di cuore. L arresto è causato da un problema elettrico, gli impulsi diventano caotici o rapidi, con conseguente arresto della pompa cardiaca. L infarto è causato da un blocco della circolazione sanguigna ad una parte del cuore; può evolvere nell arresto cardiaco. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

7 L Importanza dell RCP Ragazzi/Bambini Circa ragazzi maggiorenni e minorenni sono colpiti da arresto cardiaco extraospedaliero considerando tutte le possibili cause (trauma, cause cardiovascolari e sindrome della morte improvvisa del neonato). L incidenza dell arresto cardiaco extra-ospedaliero negli atleti delle scuole superiori varia da 0,28 a 1 ogni l anno negli USA L American Heart Association non ha alcun requisito minimo di età per poter apprendere la CPR. L abilità di poter eseguire l RCP è basata maggiormente sulla forza muscolare piuttosto che sull età. Alcuni studi hanno dimostrato che bambini di 9 anni possono comprendere e applicare le metodiche di CPR. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

8 Che manovre si eseguono nella maggior parte degli arres0 cardiaci extraospedalieri? Meno di NESSUNA!!! 1/3 delle vittime riceve RCP dagli astanti Cosa possiamo fare per migliorare? Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

9 L Importanza dell RCP Rianimazione Cardio-Polmonare (CPR) Meno di un terzo delle vittime extra-ospedaliere di arresto cardiaco riceve una CPR dagli astanti. Una CPR efficace da parte degli astanti, subito dopo l arresto cardiaco, potrebbe raddoppiare o triplicare le possibilità di sopravvivenza della vittima. L American Heart Association istruisce più di 12 milioni di persone all anno all RCP, tra professionisti e laici. La più efficace frequenza di compressioni toraciche è superiore alle 100 compressioni/ minuto lo stesso ritmo della canzone dei BeeGee Stayin Alive. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

10 L Importanza dell RCP Defibrillatori esterni automatici (DAE) Senza CPR e defibrillazione a pochi minuti dall arresto, solo pochi tentativi di ripresa del circolo hanno successo. Anche se viene eseguita la CPR, è necessaria una defibrillazione con DAE per fermare le aritmie anomale e per ripristinare un regolare ritmo cardiaco. Grazie alle nuove tecnologie sono stati costruiti DAE più semplici e più facili da utilizzare. Messaggi video ed audio spiegano all utilizzatore cosa fare, indicando la scarica o indicando di riprendere l RCP. Lo shock è indicato solo se la vittima ne ha bisogno. I DAE sono ora disponibili sempre più diffusamente nei luoghi pubblici come scuole, aeroporti e luoghi di lavoro. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

11 Perché l RCP in piscina? Luogo affollato, fino a 600 persone al giorno durante il periodo es0vo. Stru5ura complessa e dis0nta in aree, talvolta difficili da controllare. Ospita persone dalle età più disparate dal la5ante all anziano. Luogo di pra0ca apvità spor0va agonis0ca, amatoriale, ludica, occasionale. Luogo ad elevato rischio di annegamento (2 vasche esterne, 3 vasche interne) Tempo di percorrenza Ospedale Piscina circa 10 minu0, anche se comodo accesso dall autostrada. Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

12 Catena della Sopravvivenza Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

13

14 BASSISSIME PROBABILITA SI SOPRAVVIVENZA ELEVATO RISCHIO DI DANNO NEUROLOGICO Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

15 SOPRAVVIVENZA AUMENTATA DI 4 VOLTE SE RCP DI ALTA QUALITA RIDOTTO RISCHIO DI DANNO NEUROLOGICO Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

16 SOPRAVVIVENZA AUMENTATA DI 10 VOLTE Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

17 Corso di Assisten0 Bagnan Domenica 3 Aprile 2011 Piscina di Spresiano

18 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza

19 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza Riconoscere un arresto cardiaco è paradossalmente difficile! Si perde troppo tempo a non fare nulla a causa dell ansia e della confusione della situazione Peri arresto ed arresto cardiaco possono avere quadri clinici simili e difficili da discriminare BISOGNA SEMPLIFICARE

20 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza ACCERTARSI CHE LA SCENA SIA SICURA!! - L ambiente in cui mi trovo è pericoloso? - Se intervengo metto a rischio la mia incolumità? - La persona si trova in acqua? - Prevenzione di ulteriori incidenti (elettricità, gas, fumi, traffico stradale, pericolante)

21 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza Persona che NON RISPONDE Non respira o respiro affannoso (boccheggia) Chiamo o faccio chiamare il 118 Richiedo DEFIBRILLATORE se disponibile

22 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza Quan0 di voi conoscono, della propria piscina: Indirizzo preciso? Numero di telefono

23 Immediato riconoscimento dell arresto cardiaco e apvazione del sistema d emergenza RANAZZURRA Roncade INDIRIZZO: Via Vivaldi, 32/D TELEFONO: RANAZZURRA Spresiano INDIRIZZO:via Gasparo5o Vecellio, 48/A TELEFONO: RANAZZURRA Conegliano INDIRIZZO:Via Zona Colnù TELEFONO:

24 RCP precoce e di alta qualità con par0colare a5enzione alle compressioni toraciche

25 Quando si deve iniziare l RCP? Persona che NON E COSCIENTE! Che NON RESPIRA! O che ha un respiro anomalo (boccheggia) Se ho il dubbio inizio RCP

26

27 C Compressioni toraciche Premi forte e veloce al centro del torace Almeno 100 compressioni/minuto Almeno 5 cm di profondità PermeP il completo rilasciamento del torace ad ogni compressione Su un piano rigido

28 C Compressioni toraciche Rapporto compressioni ven0lazioni 30 : 2 Si inizia dalle compressioni toraciche 30 Seguite dalle ven0lazioni 2 E si con0nua così senza fermarsi mai Se 2 o più soccorritori è importante il cambio!!

29 C Compressioni toraciche Mai lasciare il torace scoperto Mani del soccorri5ore Piastre del defibrillatore

30 ALTA QUALITA Evitare il più possibile le interruzioni dell RCP Importanza delle Compressioni di alta qualità Ven0lazioni efficaci, ma non eccessive Rotazione dei soccorritori dopo 2 minu0 per prevenire l affa0camento Mai il torace scoperto Unica interruzione per posizionare il DAE e controllo del ritmo Lavoro di Team

31 A Airway Pervietà delle vie aere Iperestensione della testa Previene la caduta della lingua all indietro ed il soffocamento Uno dei fa5ori più importan0 per una buona ven0lazione Una mano sulla fronte e due dita so5o la punta del mento A5enzione se trauma cervicale evidente

32 B Breathing Respirazione Ven0lazione bocca bocca o bocca maschera dopo le compressioni toraciche Rapporto compressioni ven0lazioni 30 : 2 Controllare l espansione del torace durante le ven0lazioni Durata della singola ven0lazione di circa un secondo Evitare l iperven0lazione (sia con bocca bocca, sia con bocca maschera)

33 B Breathing Presidi e tecniche Bocca bocca : facile, eseguibile da tup, ovunque. Rischio infepvo basso ma presente. Spesso bloccava l inizio dell RCP. Bocca naso: raramente nell adulto, si in acqua, si nel pediatrico! Pocket mask: facile da usare, efficace, igienica, bassisimo rischio infepvo. Bisogna avercela. Pallone Ambu: tecnica più efficace, ma solo se si sa u0lizzarla;con possibilità di a5acco per O2. Troppo complicata.

34 B Presidi e tecniche Pocket Mask

35 Fino a quando? Non arriva qualcuno più esperto di noi. Non arriva il defibrillatore. Non si esauriscono le energie. La vipma si riprende.

36 Defibrillazione rapida

37 Defibrillazione precoce, se indicata Defibrillatore semiautoma0co DAE Corregge il ritmo Facile da usare, ma serve un minimo di preparazione Guida chi lo u0lizza Scarica solo se indicato

38

39 Video AHA

40 BLS pediatrico e nel la5ante Neonato: 0 30 gg di vita La5ante: 1 12 mesi di vita Bambino: 1 8 anni di vita Pochissimi bambini ricevono RCP dagli astan0 Cause di arresto: malformazioni congenite, complicanze della prematurità, SIDS, dopo l anno cause trauma0che, annegamento. Prevalenza di problemi respiratori, ASFISSIA! Maggior importanza della ven0lazione.

41 CAB o ABC? Nonostante l importanza della ven0lazione, poiché pochissimi bambini ricevono il BLS, si è deciso di uniformare la sequenza CAB. Non ci sono evidenza di un peggioramento della sopravvivenza. Il ritardo nella ven0lazione è comunque minimo: 18 secondi se solo un soccorritore, anche meno con due soccorritori.

42 BLS pediatrico e nel la5ante PREVENZIONE DELLA CAUSE DI ARRESTO! Cause di arresto: malformazioni congenite, complicanze della prematurità, SIDS, dopo l anno cause traumatiche, incidenti stradali, annegamento.

43 BLS pediatrico e nel la5ante Inizio della RCP secondo lo schema CAB, se il bambino è incosciente e se non respira o respira in maniera anomala Si inizia la RCP, se singolo soccorritore, prima di atvare i soccorsi, che sono atvau dopo 2 minuu di RCP (circa 5 cicli).

44 BLS pediatrico e nel la5ante RCP di alta qualità: comprimi veloce, almeno 100/minuto comprimi forte, circa 4 cm nei la5an0, circa 5 nei bambini permep il rilascio del torace ad ogni compressione minimizza le interruzioni delle compressioni toraciche evita l iperven0lazione

45 BLS pediatrico e nel la5ante

46 LATTANTI P BLS C compressioni toraciche Un solo soccorritore: rapporto compressioni ven0lazioni = 30:2 Due soccorritori: rapporto compressioni ven0lazioni = 15:2 Consigliata in 2 soccorritori

47 P BLS C compressioni toraciche BAMBINI Rapporto compressioni ven0lazioni = 30:2 Tecnica ad una o due mani non ci sono evidenze di quale sia la migliore

48 P BLS A Airway Pervietà delle vie aree Iperestensione della testa ha un ruolo minore

49 P BLS B Breathing Ven0lazione La lingua dei bambini è proporzionalmente più grande di quella degli aduu e può interferire con la venulazione LATTANTI Tecnica bocca bocca naso BAMBINI Tecnica bocca bocca Presidi per la venulazione dedicau

50 BLS pediatrico e nel la5ante Se singolo soccorritore: atvazione della risposta di emergenza solo dopo 2 minuu di RCP circa 5 cicli Se due soccorritori: uno inizia RCP, l altro atva il 118

51 BLS pediatrico e DAE LATTANTI Meglio MANUALE (con energia prokg: 2 J/Kg) Se non c è il manuale: DAE con a5enuatori pediatrici Non evidenze di sicurezza nell u0lizzo del DAE senza a5enuatore BAMBINI Meglio MANUALE (con energia prokg: 2 J/Kg) Se non c è il manuale: DAE con a5enuatori pediatrici Se non c è a5enuatore pediatrico: DAE per adul0

52

53 Posizione laterale di sicurezza Recovery posi0on A chi si deve fare? Alla persona incosciente, non trauma0zzato con chiari segni di respiraro e di circolo Cosa serve? A prevenire il soffocamento per la lingua stessa o per il vomito

54 Posizione laterale di sicurezza La vipma va monitorata!!

55 Staying Alive Bee Gees 1977 Beh, lo puoi capire dal modo in cui uso la mia camminata Sono un uomo delle donne: non ho tempo per parlare Musica alta e donne calde, sono stato preso a calci in giro da quando sono nato Adesso va tu5o bene, è ok E tu puoi guardare dall'altra parte Possiamo provare a capire L'effe5o del NY Times sull'uomo Se sei un fratello o se sei una madre Rimani vivo, rimani vivo Sen0 la ci5à irrompere e tup tremare E rimaniamo vivi, rimaniamo vivi Beh adesso, mi deprimo e mi 0ro su E se non posso fare entrambi, ci provo davvero Ho le ali del cielo nelle scarpe Sono un uomo che balla e semplicemente non posso perdere Sai che va tu5o bene, è tu5o ok Vivrò per vedere un altro giorno Possiamo provare a capire L'effe5o del NY Times sull'uomo Qualcuno mi aiu0 La vita non sta andando da nessuna parte Qualcuno mi aiu0 Beh, lo puoi capire dal modo in cui uso la mia camminata Sono un uomo delle donne: non ho tempo per parlare Musica alta e donne calde, sono stato preso a calci in giro da quando sono nato Adesso va tu5o bene, è ok E tu puoi guardare dall'altra parte Possiamo provare a capire L'effe5o del NY Times sull'uomo Se sei un fratello o se sei una madre Rimani vivo, rimani vivo Sen0 la ci5à irrompere e tup tremare E rimaniamo vivi, rimaniamo vivi La vita non sta andando da nessuna parte Qualcuno mi aiu0 La vita non sta andando da nessuna parte Qualcuno mi aiu0 Se sei un fratello o se sei una madre Rimani vivo, rimani vivo Sen0 la ci5à irrompere e tup tremare E rimaniamo vivi, rimaniamo vivi La vita non sta andando da nessuna parte

56 Ques0onario valuta0vo finale 1_ Lo scopo del BLS è... 2_ La prima cosa da fare in caso di ritrovamento di un adulto in stato di incoscienza è: a) mettere il soggetto in posizione laterale di sicurezza b) chiamare subito il 118 c) iniziare le manovre di rianimazione cardio-circolatoria 3_ I primi 3 anelli della catena della sopravvivenza sono? Descrivi in 2 parole: _ Quando è indicato iniziare l RCP nell adulto? E nel bambino?

57 Ques0onario valuta0vo finale 5_ Il rapporto compressioni toraciche ventilazione nell adulto è. :., nel bambino è :.., nel lattante 6_ L insufficienza respiratoria è la principale causa di morte nei. e... 7_ Cosa si intende per RCP di alta qualità? 8_ Se trovo una persona incosciente, che non respira o respira in maniera anomala? e. A _ Un argomento che non mi è piaciuto o non è stato chiaro in questa lezione:... B_ Un argomento che mi è piaciuto e che mi piacerebbe approfondire è.

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 1 U.O.C. Cardiologia UTIC Ospedale San Giacomo ASL RMA Ospedale San Giacomo ASL

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico)

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico) CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI REGGIO EMILIA VOLONTARI DEL SOCCORSO VOLONTARI SI NASCE SOCCORRITORI SI DIVENTA! BASIC LIFE SUPPORT -PERSONALE LAICO- ED. 2010 HTTP://WWW.CRI.RE.IT 1 Introduzione

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Importanza del B.L.S.

Importanza del B.L.S. Importanza del B.L.S. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza: Ospedale Buccheri La Ferla FBF, Via Messina

Dettagli

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course BACKGROUND Circa 700.000 arresti cardiaci\anno in europa 5 10% di dimessi vivi dopo arresto cardiaco L inizio precoce della CPR da parte degli

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza.

IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza. IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza. Il corso ha come obiettivo la formazione e l acquisizione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1 SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1 RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO FORMATIVO ROSARIO SPINA ANDREA ZIPOLI RESPONSABILE

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis 110 29.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 L.R. 8/99: accertamento funzionalità rispetto agli indirizzi della programmazione regionale del Presidio San Raffaele srl di Foiano della

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU39 27/09/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 24 settembre 2012, n. 32-4611 DGR 49-2905 del 14 novembre 2011. Regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Istruttori: FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Angela Bevilacqua BLSD/PBLSD/METAL/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN) Paolo Dadone BLSD/PBLSD/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN e

Dettagli

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009 BLS basic life support (supporto di base delle funzioni vitali) PER OPERATORI NON SANITARI Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano Ottobre 2009 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU5S2 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 febbraio 2015, n. 16-979 Aggiornamento regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICHE E DELLA RIPRODUZIONE UMANA U.O.C. di CLINICA GINECOLOGICA e OSTETRICA

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LA VALUTAZIONE DEL PAZIENTE : IL BLS

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LA VALUTAZIONE DEL PAZIENTE : IL BLS CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - LA VALUTAZIONE DEL PAZIENTE : IL BLS ARRESTO CARDIACO 1. INTRODUZIONE L'Arresto Cardiaco è un evento drammatico, con dimensioni

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012)

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione) PREMESSA L arresto cardiaco improvviso è la

Dettagli

2(4,#567,'8*5-"#.)("'9:1;<'=>>?' 2(4,#567,'8*5-"#.)("'9:1;<'=>@>'

2(4,#567,'8*5-#.)('9:1;<'=>>?' 2(4,#567,'8*5-#.)('9:1;<'=>@>' "#$%&'()'*+,-)'."/+"*0)'123' #$%&'()*)($+,-./012'34'56)4('3)+,'+7)4&3()89&:$45'+$%'&(;&$7'4$9$++'4&'9&('

Dettagli

La Fondazione UMG e la Cattedra di Anestesia e Rianimazione dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell

La Fondazione UMG e la Cattedra di Anestesia e Rianimazione dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell La Fondazione UMG e la dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell ISMETT, promuovono corsi BLS Heartcare Provider. L obiettivo generale del corso BLS è quello

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

BLS Basic Life Support

BLS Basic Life Support BLS Basic Life Support Linee guida Franco Marinangeli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di L AquilaL Dicembre 2005 ILCOR (International( Liaison Committee on Resuscitation) AMERICAN

Dettagli

Icorsi di Basic Life Support (BLS)

Icorsi di Basic Life Support (BLS) Le tecniche di rianimazione cardiopolmonare La scienza della rianimazione è in continua evoluzione e le indicazioni devono essere aggiornate per seguire il progresso scientifico e indirizzare il personale

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza BLSD BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE

MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE MODALITÀ D IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE Come già illustrato, l impiego del defibrillatore semiautomatico esterno è riservato ai pazienti in arresto cardiocircolatorio. Il soccorritore che utilizza l apparecchiatura

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT

Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT Sommario 1. Introduzione... 2 1.1 Scopo... 2 1.2 Rischio... 2 1.3 A chi si deve fare:... 2 2. La catena della sopravvivenza... 3 3. Procedura del BLS... 3 3.1

Dettagli

Grafico sopravvivenza/tempo. -50 Tempo

Grafico sopravvivenza/tempo. -50 Tempo RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NELL ADULTO E NEL BAMBINO secondo le linee AHA-IRC-ILCOR 2005 9.1. Il Basic Life Support (BLS) nel paziente adulto L'arresto cardiaco (AC) L arresto cardiaco improvviso

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso: Supporto delle Funzioni Vitali di Base

Nozioni di Primo Soccorso: Supporto delle Funzioni Vitali di Base Nozioni di Primo Soccorso: Supporto delle Funzioni Vitali di Base Nell articolo del mese scorso abbiamo analizzato la gestione di infortuni semplici, quelli che comunque accadono frequentemente sul campo

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Basic Life Support PARTE I Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Controllo dell ambiente B.L.S. Controlla che l ambiente circostante sia sicuro per te, per la vittima e per il resto dell

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria.

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria. Programma della Regione Calabria per la diffusione e l utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) secondo il decreto interministeriale 18 marzo 2011 Definizione e dati statistici della Morte

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

BLS BASIC LIFE SUPPORT

BLS BASIC LIFE SUPPORT SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI BLS BASIC LIFE SUPPORT pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

Manuale provvisorio del Corso

Manuale provvisorio del Corso Paediatric Basic Life Support and Defibrillation (BLSD Pediatrico) Supporto vitale di base e defibrillazione precoce in età pediatrica Manuale provvisorio del Corso Il supporto di base delle funzioni vitali

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli