I nit ial Public Of f ering")

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nit ial Public Of f ering")"

Transcript

1

2 L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene ammessa alle negoziazioni di borsa. Prevalent e è il modello mist o (OPVS), dove gli azionist i della societ à of f rono al mercat o in part e azioni proprie e in part e azioni di nuova emissione.

3 I mercat i di quot azione

4

5 appart enent i agli indici S&P/ / MI B e Midex e alle alt re societ à che hanno una st rut t ura economico f inanziaria part icolarment e solida e una capit alizzazione superiore ad un miliardo di euro. St ar : dedicat o alle medie imprese con capit alizzazione compresa t ra 40 milioni di euro e 1 miliardo, che si impegnano a rispet t are requisit i di eccellenza in t ermini di t rasparenza e vocazione comunicat iva, liquidit à (35% minimo di f lot t ant e) e Corporat e Governance. St andar d: dedicat o alle societ à di piccole e medie dimensione con capit alizzazione t ra 40 milioni e un miliardo di Euro.

6 reperire nuovi capit ali minimizzando il cost o e i t empi della quot azione. La capit alizzazione minima per Expandi è inf at t i di 1 milione di euro con un f lot t ant e minimo del 10% e la possibilit à di ef f et t uare un' of f ert a solo ist it uzionale (olt re alle consuet e operazioni mist e di of f ert a ist it uzionale e pubblica). I nolt re non impone nén cambiament i o int egrazioni degli organi societ ari, nén la redazione delle t rimest rali (ma solo bilancio e relazione semest rale).

7 sono previst i specif ici requisit i f ormali minimi st abilit i dai Regolament i dei mercat i di Borsa I t aliana e Consob. I n part icolare sono da t enere in considerazione il "Regolament o Consob n di at t uazione del decret o legislat ivo 24 f ebbraio 1998, n. 58 concernent e la disciplina degli emit t ent i - (Test o int egrat o e aggiornat o a novembre 2005)", il "Regolament o dei Mercat i organizzat i e gest it i da Borsa I t aliana S. p. A. in vigore dal 19 dicembre 2005" e dalle "I st ruzioni al Regolament o dei Mercat i organizzat i e gest it i da Borsa I t aliana S. p. A. in vigore dal 2 gennaio 2006".

8 euro; Borsa Italiana può ammettere azioni con una capitalizzazio ne inferiore qualora ritenga che per tali azioni si formerà un mercato sufficiente; sufficiente diffusione, che si presume realizzata quando le azioni siano ripartite tra il pubblico per almeno il 25% del capitale rappresentato dalla categoria di appartenenza; Borsa Italiana può, peraltro, ritenere sussistente tale requisito quando il valore di d mercato delle azioni possedute dal pubblico faccia ritenere che le esigenze di regolare funzionamento del mercato possano essere soddisfatte anche con una percentuale inferiore a quella sopraindicata. Nel mercato Expandi: capitalizzazione di mercato prevedibile pari ad almeno 1 milione di euro; sufficiente diffusione, che si presume realizzata quando le azioni siano ripartite tra il pubblico o presso investitori professionali per almeno il 10% del capitale rappresentato dalla categoria di appartenenza. In ogni caso il controvalore delle azioni diffuse deve essere pari ad almeno euro.

9 esercizi annuali, di cui almeno l'ultimo corredato di di un un giudizi o positivo della società di revisione. l'emittente deve esercitare, direttamente o attraverso le proprie controllate e in condizioni di autonomia gestionale, una attività capace di generare ricavi. L'attivo di bilancio ovvero i ricavi dell'emittente non devono essere rappresentati in misura preponderante dall'investimento o dai risultati dell'investimento o in una società le cui azioni sono ammesse alle negoziazioni in un mercato regolamentato. Nel Mercato Expandi: l'emittente deve produrre bilanci anche consolidati degli ultimi tre esercizi annuali, di cui almeno l'ultimo corredato di un giudizio positivo della società di revisione. l'emittente deve rispettare i requisiti quantitativi di profittabilit bilità e di struttura finanziaria indicati nelle Istruzioni. In particolare re la società deve presentare negli ultimi due esercizi il risultato operativo lordo, il risultato ordinario e il risultato netto positivi, il rapporto debito finanziario netto/risultato operativo lordo inferiore a 4, il risultato netto dell'ultimo esercizio deve essere almeno pari a euro.

10 Requisit i sost anziali di una I PO Tra i requisiti sostanziali vi sono dei requisiti economico- finanziari, quali: - le reali prospettive di crescita e di generazione di cash- flow; - un track record di risultati economico- finanziari positivo; - il posizionamento dell'azienda nel mercato di riferimento; - un business plan realistico e sostenibile. Tra i requisiti sostanziali vi sono inoltre dei requisiti di ordine organizzativo, quali: - la capacità di gestione dell'attività insieme alla trasparenza nella contabilità e nell'assetto societari; - la qualità e la motivazione del management; - la presenza di una figura di investor relator interno all'azienda l'adesione ai principi di corporate governance. La scelta della tempistica dell'operazione e struttura dell'offerta e la corretta percezione dell'azienda da parte del mercato tramite un'efficace politica di comunicazione costituiscono ulteriori requisiti importanti nella determinazione del successo dell'ipo.

11

12 deve far parte della direzione del consorzio di di collocamento che che si occupa dell'offerta al pubblico degli strumenti finanziari. Nel caso possegga una quota del capitale della società o sia partecipato dalla stessa lo deve comunicare previamente alla Borsa Italiana, che procede ad una valutazione in seguito alla quale può p nominare un co- sponsor. Nella f ase che precede l' ammissione a quot azione lo sponsor at t est a alla Borsa I t aliana S. p. A. che la document azione ed i dati forniti sono completi, che l'emittente è informato degli impegni derivanti dalla quotazione e che dispone di un adeguato sistema di controllo di gestione, garantisce la corretta costruzione delle previsioni relative ai prossimi sei mesi ed il rispetto delle modalit dalità di collocamento dei titoli. Inoltre, per un periodo di almeno un anno successivo alla quotazione, lo sponsor si impegna a pubblicare un numero minimo di due analisi finanziarie annue sulla situazione dell'emittente, a pubblicare brevi analisi in occasione degli eventi societari e ad a organizzare almeno due incontri annuali con la comunità finanziaria nazionale ed internazionale. Nella maggior parte dei casi lo sponsor ricopre anche il ruolo di d Global Coordinator,, impegnandosi a collocare sul mercato i titoli della società.

13 e di coordinatore del Consorzio di di Collocamento dei dei titoli. Esistono tre tipi di consorzi di collocamento: 1. consorzio di semplice collocamento che raccoglie gli ordini provenienti dagli investitori e distribuisce i titoli in modo da garantirne una valida allocazione, lasciando il rischio del buon fine dell'offerta dei titoli a carico dell'emittente; 2. consorzio di assunzione a fermo che acquista i titoli dall'emittente o dai suoi azionisti, impegnandosi a venderli poi sul mercato, assumendosi, così,, il rischio del buon esito del collocamento; 3. consorzio di collocamento e garanzia che si impegna a sottoscrivere, al termine del periodo di collocamento, i titoli residui per garant ire il buon esit o dell' iniziat iva. I n quest o modo l'emittente si assicura il reperimento di fondi, indipendentemente dall'esito dell'offerta al pubblico. Spesso il ruolo del coordinatore globale viene svolto dallo Sponsor che accompagna una società in tutta la fase di ammissione a quotazione e per un periodo successivo ad essa. A seconda dell'entità del collocamento una società può nominare più coordinatori globali che si occupino del collocamento dei titoli sul mercato.

14 I l Global Coor dinat or svolge più f unzioni nell' oper azione di collocament o: - fissa il prezzo dell'offerta insieme al management della società quotanda; - si occupa anche della riscossione della commissione di sottoscrizione pagata dalla società emittente e dai suoi azionisti venditori; - partecipa all'attività di stabilizzazione del prezzo nei giorni immediatamente successivi all'avvio delle negoziazioni; - se all'interno del collocamento di un titolo le domande di sottoscrizione sono superiori al quantitativo offerto (oversubscription), effettua l'operazione di sovra- allocazione (greenshoe), consistente in un incremento dei titoli offerti acquistandoli dall'emittente al prezzo di sottoscrizione. La scelta del coordinatore globale è subordinata alla rispondenza di specifici requisiti professionali: è fondamentale che abbia maturato un'adeguata esperienza nelle operazioni di collocamento di strumenti finanziari nazionali ed internazionali, che sia contraddistinto da motivazione, impegno e disponibilità e che sia presente nel mercato secondario.

15 Lo Specialist a Per le societ à che int endono quot ar si sul Nuovo Mer cat o è r ichiest a la pr esenza di uno Specialist a che int er viene sul mer cat o per gar ant t ir e la liquidità dei titoli dell'emittente. Lo Specialist a si impegna ad espor r e cont inuat ivament e sul mer cato proposte in acquisto e vendita delle azioni per un quantitativo prefissato e a pr ezzi che non si discost ino t r a lor o di una per cent uale super ior e a quella st abilit a da Bor sa I t aliana. Lo specialist a si occupa anche della gestione del book istituzionale ed è tenuto a realizzare almeno due studi e due r oad-show (incont r i t r a il management della societ à e la comunit à f inanziar ia) all' anno. Possono svolger e la f unzione dello specialist a t ut t i gli operatori ammessi alla negoziazione sul mercato. Le societ à che int endono quot ar si sul Segment o STAR devono nominar e un oper at or e specialist a che sost enga la liquidit à del t it olo sul mer cat o, si impegni a pubblicare almeno due analisi finanziarie all'anno e organizzi almeno due volt e all' anno un incont r o t r a il management della societ cietà e gli invest it or i pr of essionali. I l quant it at ivo minimo di ogni pr oposta immessa dallo specialista non può essere inferiore a euro.

16 La CONSOB La CONSOB (Commissione Nazionale per le Societ à e la Bor sa) è l' aut or it à che vigila sul regolare andamento del mercato e tutela gli investitori. La CONSOB, ist it uit a con la legge n 216 del 7/ 06/ 1974, è un or gano collegiale cost it uit o da un pr esident e e da quat t r o membr i, nominat i con decr et o del Pr esident e della Repubblica su pr opost a del Pr esident e del Consiglio dei Minist r i. La dur at a di ciascuna car ica è di cinque anni, r innovabile una sola volt a. Dat a la collegialit à, le decisione ione sono assunt e con il vot o favorevole della maggioranza dei componenti presenti. La CONSOB mant iene r elazioni con gli alt r i or gani di vigilanza e t iene inf or mat o il Minist er o del Tesor o sulla pr opr ia at t ivit à at t r aver so una r elazione annuale, da consegnar e ent r o il 31 mar zo. Ent r o il 31 maggio t ale r elazione viene t r asmessa dal Minist ist r o del Tesor o al Parlamento, con le proprie valutazioni. I nolt r e, la CONSOB scambia con la Banca d' I t alia inf or mazioni necessar ie allo svolgiment o delle lor o r ispet t ive at t ivit à di vigilanza ed espr ime la pr opr ia int esa sui pr ovvediment i pr esi dalla Banca d' I t alia r elat ivi all' int er mediazione mobiliar e e all' l' at t ivit à degli or ganismi di investimento collettivo del risparmio. La CONSOB appr ova il r egolament o della Bor sa I t aliana per l' ammissione, l' esclusione e la sospensione dei t it oli sul mer cat o. I n caso di necessit à la CONSOB OB può anche sost it uir si alla Bor sa I t aliana per assicur ar e l' andament o r egolar e delle negoziazioni. zioni. I n una I PO il suo r uolo è di cont r ollar e la cor r et t ezza della sollecit azione al pubblico,, a t ale f ine ver if ica il pr ospet t o inf or mat ivo r edat t o dall' emit t ent e, event ualment e ne chiede c int egr azioni e modif iche a f avor e di una maggior e chiar ezza e disclosure dei r ischi dell' invest iment o, ed infine ne autorizza la pubblicazione (c.d. "nulla osta").

17 La Borsa I t aliana E' la societ à che gest isce il mer cat o in cui vengono quot at e le azioni dell' emit t ent e. Decide, dopo at t ent a ist r ut t or ia, se ammet t er e alle negoziazioni i t it oli della societ à e, dopo l' ammissione, cont r olla che le negoziazioni si svolgano in modo r egolar e. Nei suoi conf r ont i gli emit t ent i quot at i hanno l' obbligo di comunicar e t ut t i gli event i che possono inf luenzar e i pr ezzi dei propri titoli (cc.dd.( "informazioni price sensitive").

18 TEMPI E PROCEDURE I n gener ale, il t empo minimo di quot azione di una societ à può esser e st imat o in cir ca 4 mesi, a par t ir e dalla r iunione di lancio dell' oper azione(c.d. kick- of f meet ing). Di seguit o si r ipor t a una descr izione sint et ica elabor at a da Bor sa I t aliana Spa delle var ie f asi e r elat iva t empist ica.

19

20 Delibera del CdA della società e nomina del team di consulenti Il CdA si r iunisce per decider e cir ca la convenienza della quot azione e, una volt a deliber at o, pr ocede alla convocazione dell' assemblea or dinar ia ed event ualment e di quella straordinaria, nel caso sia previsto un aumento di capitale. Successivament e alle deliber e delle assemblee si pr ocede alla nomina dello Sponsor e degli alt r i consulent i che af f iancher anno la societ à durd ant e l' int er o processo. Due diligence I l management della societ à si r iunisce con il t eam di consulent i, per la pianificazione delle diverse fasi della procedura di quotazione. Le ist it uzioni f inanziar ie che si occupano dell' ingr esso della societs à sul mer cat o devono cont r ollar e t ut t i gli aspet t i iner ent i all' at t ivit à, alle st r at egie, alle pr ospet t ive f ut ur e e ai r isult at i f inanziar i della societ à st essa, individuando i fattori critici di successo della quotazione. In questa fase si inizia la stesura del prospetto informativo.

21 La domanda di ammissione a Borsa Italiana La Società, con l'assistenza dello Sponsor e dei consulenti legali, li, presenta a Borsa Italiana la domanda di ammissione corredata dalla documentazione volta a fornire un'analisi del mercato e dell'azienda attraverso la sua storia, il suo management, le sue s strategie di crescita e i suoi fattori di successo. Quando la domanda è complet a di t ut t i gli allegat i, la Bor sa comunica, mediant e avviso, che la società ha presentato domanda di ammissione alla quotazione. Redazione e deposito del prospetto informativo presso CONSOB Lo Sponsor, il management della societ à ed i consulent i legali prp r ocedono alla st esur a del pr ospet t o inf or mat ivo, secondo gli schemi indicat i dalla CONSOB (cf r. Allegat o al Regolament o n / 99 di at t uazione del D. Lgsl.. N. 58/ 98) e in base ai r isult at i della f ase precedente. Una volt a r edat t o, il pr ospet t o viene deposit at o pr esso la CONSOB, che pr ocede al r ilascio del nulla ost a per la sua pubblicazione. Cont est ualment e alla domanda di ammissione a Bor sa I t aliana, la societ à pr esent a alla CONSOB il pr ospet t o inf or mat ivo i r edat t o secondo il Regolament o emit t ent i della Consob n / 99. Ent r ambe le aut oro r it à si coor dinano nell'istruttoria, che può durare due mesi dalla presentazione della domanda. I n caso di esit o posit ivo, valut at a l' aut onomia gest ionale e la capacit à di gener ar e r icavi della societ à, la Bor sa I t aliana emet t e il pr ovvediment o di ammissione alle negoziazioni, che è condizionat o al "nulla ost a" Consob. I l pr ovvediment o di ammissione ha ef f icacia par i a sei mesi.

22 L' ot t eniment o del "nulla ost a" Consob e la pubblicazione del prospet t o inf ormat ivo A seguit o del "nulla ost a", viene pubblicat o il pr ospet t o inf or mat ivo ed indicat e le dat e dell' of f er t a e dell' inizio delle negoziazioni. I l pr ospet t o inf or mat ivo, che descr ive la societ à, l' of f er t a e la dest inazione dei pr ovent i der ivant i dalla quot azione, viene messo a disposizione del pubblico pr esso le banche, l' emit t ent e, pr esso Bor sa I t aliana, sul suo sit o e sul sit o Consob. Pr esso la societ à e Bor sa I t aliana sono a disposizione i bilanci e lo st at ut o dell' emit t ent e. La pr ocedur a si chiude con l' emissione da par t e di Bor sa I t aliana del pr ovvediment o di inizio delle negoziazioni.

23 Modalità dell'offerta Il periodo di offerta varia, generalmente, dai 2 ai 4 giorni. In questo periodo il pubblico fa pervenire le proprie adesioni presso p i soggetti incaricati indicati nel prospetto. L'offerta è di solito revocabile qualora le accettazioni risultassero ssero inferiori ad un quantitativo minimo indicato dall'offerente. Determinazione del Prezzo Lo Sponsor, il Global Coordinator e gli intermediari finanziari che compongono il consorzio di collocamento fissano il prezzo finale di collocamento in base agli ordini pervenuti da parte degli investitori privati ed istituzionali. In genere, viene determinato erminato un paio di giorni prima della quotazione del titolo sul listino ufficiale. Può essere un valore all'interno di una forchetta di prezzo (il prezzo minimo di offerta viene stabilito dalla assemblea della società che delibera l'aumento di capitale, mentre il prezzo massimo viene determinato dai proponenti sentito il global coordinator) ) o anche un valore superiore al limite massimo di questa, qualora si segua la procedura dell'open price bookbuilding.. La determinazione del prezzo finale risulta dal bilanciamento di tutte le forze e gli interessi dei soggetti coinvolti (proprietà, management, azionisti, azionisti potenziali, soggetti collocatori, interesse del mercato verso l'operazione di collocamento). Il pagamento avviene entro 5 giorni dalla data di inizio delle negoziazioni. n

24 Modalitá di adesione all'ipo Il periodo di offerta varia, generalmente, dai 2 ai 4 giorni. I n quest o per iodo il pubblico f a per venir e le pr opr ie adesioni prp r esso i sogget t i incar icat i indicat i nel prospetto. L' of f er t a è di solit o r evocabile qualor a le accet t azioni r isult assera o inf er ior i ad un quant it at ivo minimo indicato dall'offerente. Il collocamento I collocat or i aut or izzat i all' of f er t a f uor i sede pr ocedono al collocament o delle azioni mediant e r accolt a delle domande di adesione sia dir et t ament e pr esso i pr opr i spor t elli o uf f ici, sia avvalendosi di pr omot or i finanziari. Ciascun collocat or e ha l' obbligo di consegnar e alla client ela che e ne f accia r ichiest a, pr ima della sottoscrizione dell'apposito modulo, copia del prospetto. Le adesioni devono pervenire per quantitativi pari al lotto minimo mo o suoi multipli. Le adesioni all'offerta sono irrevocabili. L'assegnazione Qualor a le accet t azioni per venut e ai collocat or i dur ant e il per iodo i di of f er t a r isult ino super ior i alla quot a dest inat a all' of f er t a, a ciascun r ichiedent e viene assegnat o un quant it at ivo par i al lot t o minimo, e se il quant it at ivo è insuf f icient e ad assicur ar e a ciascuno il lot t o minimo m le azioni sono assegnat e a ciascun collocat or e pr opor zionalment e all' ammont ar e delle accet t azioni e i lot t i minimi sono singolar ment e at t r ibuit i da ciascun collocatore ai richiedenti mediante estrazione a sorte. Ciascun collocat or e pr ovvede immediat ament e, dopo l' avvenut a comunicazione del r ipar t o da par t e del global coordinator,, a dare comunicazione ai richiedenti dei quantitativi loro assegnati. A seguit o del pagament o int egr ale delle azioni quest e sar anno messe a disposizione degli avent i dir it t o mediante contabilizzazione sui conti di deposito intrattenuti presso la Monte Titoli dai Collocatori.

25 La Greenshoe La gr een shoe,, det t a anche over- allotment option,, è un' opzione che per met t e all' at t o del collocament o dei t it oli di una societ à, f inalizzato i all ingr esso in Bor sa, la facoltà per l emit t ent e di aument ar e la dimensione dell of f er t a in modo da r isponder e in modo adeguat o alla a domanda di titoli da parte degli investitori. St or icament e il t er mine gr een shoe (o anche greenshoe) ) nasce dall' azienda amer icana Gr een Shoe Corporation,, che ut ilizzò quest a t ecnica per la pr ima volt a al moment o della sua quot azione. Dell esist enza della greenshoe e del suo possibile eser cizio (e del cosiddet t o over allotment,, di cui si par la più avant i) deve esser e esplicit ament e f at t a menzione nel pr ospet t o inf or mat ivo, al f ine di garantire agli investitori trasparenza sul meccanismo di offerta. L opzione, che ha nor malment e una dur at a di 30 giorni,, è nor malment e concessa da par t e degli azionist i della societ à, che si r endono disponibili ad incr ement ar e il numer o di azioni post e in vendit a, r iducendo così la pr opr ia quot a di par t ecipazione. Più r ar ament e, i t it oli ogget t o della greenshoe der ivano da un apposit o aument o di capit ale che può esser e r ealizzat o in caso l opzione venga eser cit at a.

26 LA DOCUMENTAZI ONE OBBLI GATORI A Il Prospetto informativo I l pr ospet t o è il document o inf or mat ivo r edat t o dalla societ à che int ende ef f et t uar e una sollecit azione all' invest iment o e che cont t iene le inf or mazioni necessar ie af f inché gli invest it or i possano per venir e ad un f ondat o giudizio sulla sit uazione pat r imoniale, economica e f inanziaria nziaria della societ à emit t ent e i pr odot t i f inanziar i ogget t o della sollecit azione (cf r. ar t. 94 del TUF e Allegat o al Regolament o n / 99 di attuazione del D. Lgsl.. N. 58/98). Cost it uisce lo st r ument o at t r aver so cui il sot t oscr it t or e può document ar si sull' oper azione cui ader isce e, in par t icolar e, sui rischi che essa comporta. Al f ine di gar ant ir e la massima inf or mat iva possibile, la CONSOB ha stabilito le modalità di redazione del prospetto. All' int er no di una pr ocedur a di ammissione a quot azione, il pr ospetto inf or mat ivo viene r edat t o dallo sponsor della societ à che si deve quot ar e, unit ament e al suo management ed ai consulent i legali che intervengono nel processo.

27 Deve esser e r edat t o secondo gli schemi indicat i dalla CONSOB e deve d cont ener e t ut t e le inf or mazioni r elat ive alla societ à e alla st r ut t ur a dell'offerta. In particolare, il prospetto informativo deve contenere: inf or mazioni r elat ive alla sit uazione economico-f f inanziar ia della societ à quotanda e alla sua performance; una descrizione della posizione della società rispetto ai concorrenti; informazioni sul management; obiettivi della società; strategie; inf or mazioni sui dipendent i, collabor at or i, f or nit or i, client i, cr edit or i e i contratti in essere; inf or mazioni iner ent i alla sollecit azione del pubblico r ispar mio e agli strumenti finanziari oggetto di quest'ultima. Una volt a r edat t o il pr ospet t o viene deposit at o pr esso la CONSOB,, che pr ocede al r ilascio del nulla ost a per la sua pubblicazione. La CONSOB può anche r ichieder e modif iche e aggiunt e al pr ospet t o pr ima della la sua diffusione presso il pubblico degli investitori.

28 L'offering circular L'offering circular è il document o inf or mat ivo che lo Sponsor/Global Coordinator manda agli invest it or i ist it uzionali ed esteri selezionati per il collocamento privato. I l document o di valut azione dello Sponsor E' il document o di valut azione del capit ale economico della società pr epar at o dallo Sponsor, che viene inviat o a Bor sa I t aliana e per conoscenza a CONSOB. I l r isult at o della valut azione viene discusso con Bor sa I t aliana e cost it uisce un riferimento importante per la definizione del prezzo.

29 I l Qmat I l Qmat (Quot at ion Management Admission Test ) è un quest ionar io che deve esser e compilat o dalle societ à quot ande e pr esent at o a Bor sa I t aliana insieme alla document azione uf f iciale per l' inolt r o della domanda di ammissione. I l QMAT appr of ondisce la st r ut t ur a, l' andament o e la per f or mance delle business unit dell' azienda in r appor t o al mer cat o e alla concor r enza.

30 La documentazione di marketing Analyst presentation L'analyst presentation è il r appor t o di r icer ca sul t it olo che viene pubblicat o e dist r ibuito i agli analisti nella fase di pre- marketing dell'offerta. Ha l' obiet t ivo di comunicar e l' invest ment case del t it olo e cont iene un' analisi det t agliat a dell' azienda e del business, una pr esent azione della st r ut t ur a dell' d of f er t a, una descr izione delle met odologie di valut azione ut ilizzat e e cost it uisce la pr incipale i f ont e di pr evisioni finanziarie. Successivament e alla pubblicazione si ha un per iodo di black out in cui la societ à non può effettuare alcuna azione di promozione nei confronti della quotazione. Road- show presentation I l r oad- show presentation è la pr esent azione che il t op management della societ à t iene nel cor so di una ser ie di incont r i nelle pr incipali piazze f inanziar ie int er nazionali, dur ant e i quali presenta se stesso e la società ai potenziali investitori istituzionali. Rappr esent a il pr imo di una ser ie di appunt ament i r egolar i con la comunit à f inanziar ia, nel corso dei quali illustrare i nuovi dati di bilancio (annuale e semestrale) s ed eventuali operazioni straordinarie rilevanti. Accant o ad incont r i con l' insieme degli invest it or i di una piazza a f inanziar ia si possono verificare incontri individuali one- on- one con investitori individuali di rilievo interessati ad un investimento stabile nella società.

31 Mer cat o Expandi è il mer cat o di Bor sa I t aliana dedicat o alle piccole imprese operant i in set t ori t radizionali con posizioni consolidat e nei mer cat i di r if er iment o, che pr esent ano un t r ack r ecor d di r isult at i economico-f f inanziar i posit ivi. Con il Mer cat o Expandi,, gli emit t ent i di piccole dimensioni possono t r ovar e un ambient e di mer cat o - diver so da quello di Bor sa (St ar e Segment o di Bor sa Or dinar io) e Nuovo Mer cat o - car at t er izzat o da requisit i di ammissione più semplici e da un processo di quot azione più agile.

32 I nolt r e i cost i dell oper azione di quot azione su Expandi possono esser e più cont enut i r ispet t o alle oper azioni ef f et t uat e su alt r i mer cat i, se non alt r o per la r iduzione di alcune incombenze document ali, per le dimensioni r idot t e di alcuni impegni e in gener e per la possibilit à di nor malizzazione delle spese. Le societ à che si quot er anno avr anno inf ine una riduzione delle impost e (I RES) da 33% a 20% e una doppia deduzione dei cost i di quot azione.

33 Expandi è il mer cat o dedicato alle societ à di piccola e media capit alizzazione che hanno posizioni consolidat e nei pr opr i mer catc i di r if er iment o e pr esent ano un t r ack r ecor d posit ivo in t er mini di risultati economico- finanziari. Expandi consente l ef f et t uazione di un collocament o r ivolt o esclusivament e ad investitori professionali; L it er di quot azione su Expandi è più snello. I nf at t i, t enut o cont o delle dif f er enze di quest a cat egor ia di emit t ent i r ispet t o alle societ à quot at e sul segment o St andar d e segment o St ar del MTA, alcuni document i complessi, quali ad esempio il QMAT e alcune at t est azioni da par t e del Listing Partner, non sono richiesti. Listing Partner: : intermediario autorizzato che accompagna la società su Expandi.

34 Requisit i sost anziali: 1. Tr aspar enza di compor t ament i e quindi cor r et t ezza f iscale, pr evidenziale ed ambient ale (la societ à quot at a si assogget t a d alt r onde a cer t if icazione, nonché a cont r olli ispet t ivi da parte degli organi di controllo del Mercato). 2. Un adeguat o sist ema amminist r at ivo e cont abile, che consent a di avere dati consuntivi contabili completi, corretti e tempestivi (ad es. ent r o 45 gior ni dalla chiusur a del t r imest r e). I l Mer cat o Expandi non r ichiede f or malment e le r elazioni t r imest r ali, ma ciò non significa che non sia opportuno disporne.

35 Requisit i f ormali: 3. Attitudine a produrre reddito: : è accer t at a sulla base degli ult imi due bilanci della societ à, che debbono esser e in ut ile, l ult imo con almeno L ult imo bilancio deve esser e certificato (full audit), con incar ico di certificazione dato per i tre anni successivi. 5. Solidità finanziaria accertata su base storica (due ultimi bilanci). Occorre che la posizione f inanziar ia net t a sia inf er ior e a 4 volt e l Ebitda (Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation,, and Amortization: : l indicat or e delle performances f inanziar ie di una societ à). La cir cost anza deve esser e accer t at a anche mensilment e pr ima della quot azione e dovr à esser e cont r ollat a e monit or at a nei due anni successivi. I l r isult at o opero at ivo (Ebt( Ebt, cioè mar gine pr ima delle impost e e dei pr ovent i e oner i st r aor dinar i) del bilancio consolidat o dei due eser cizi che pr ecedono la quot azione e deve esser e posit ivo. Se ne deduce che la nor ma pr evede l esist enza della societ à da due anni almeno; casi par t icolar i possono esser e analizzat i ed ammessi se possono comunque esser e pr odot t i bilanci pr o-fo f or ma. L idea di quot azioni di Start- up non è ancor a r ecepit a né da quest o né da alt r i mer cat i in I t alia.. Non è r ichiest a dunque la f or malizzazione del Business Plan, come documento ist r ut t or io; nat ur alment e sar à ut ile ed oppor t uno illust r ar e il piano di sviluppo al Listing Par t ner (che in quest o mer cat o è l equivalent e dello Sponsor di altri mer cat i, con ult er ior i incar ichi connessi al pr ocesso ist r ut t or io di ammissione). Non è richiesto il documento Q-Mat f or male, ma, come per il caso pr ecedent e, sarà opportuno fornire informazioni in merito al Listing Partner.

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE)

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) I l met odo PERT (PROGRAM EVALUATI ON AND REVI EW TECHNI QUE) ed alt r e t ecniche come il CPM hanno por t at o all analisi e alla soluzione di

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/,

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, *(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, 35(662/$)$&2/7$ ',0(',&,1$9(7(5,1$5,$ I l pr esent e document o def inisce le pr ocedur e per la gest ione, lo st occaggio e lo smalt iment o dei r if iut i

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La scelta di quotarsi in Borsa e l impatto sull azienda La scelta di quotarsi rappresenta una delle iniziative più importanti per la vita di un azienda, producendo una

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie.

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. Si possono fare diverse classificazioni dei mercati finanziari a seconda del parametro di

Dettagli

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: B.L.S.D. 0$18$/(',683325729,7$/(',%$6(('()5,%5,//$=,21(35(&2&(%/6'

Dettagli

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE A. Q&A Questions and Answers: le 30 domande più frequenti sulla quotazione Q&A - Questions and Answear Su quale mercato

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi Mercato azionario Tecniche Il processo di quotazione sul mercato Expandi di Lorenzo Parrini (*) e Debora Megna (**) Proseguono gli interventi volti ad esaminare il mercato azionario delle piccole e medie

Dettagli

La pianificazione dell offerta

La pianificazione dell offerta La pianificazione dell offerta Una volta individuato il global coordinator (e le altre eventuali figure), ha inizio la procedura per l offerta al pubblico delle azioni. I tempi di realizzazione sono di

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA Luca Tavano Mid & Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Bologna 31 Marzo 2015 L offerta di Borsa Italiana per le PMI Mercati regolamentati

Dettagli

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da *OLDOLPHQWL Per aliment o si int ende ogni sost anza che cont enga nut r ient i ut ilizzabili per il nost r o or ganismo. Gli aliment i possono esser e classif icat i in base a var i cr it er i: a seconda

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI 1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati Perché quotarsi? Differenti possono essere gli obiettivi che la società e i suoi azionisti

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

This document was created with Win2PDF available at http://www.win2pdf.com. The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only. This page will not be added after purchasing

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A.

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Il processo di quotazione: profili giuridici, fiscali ed organizzativi Camozzi & Bonissoni

Dettagli

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i Maur izio Masset i, Gianluca Vannuccini Cor so di Labor at or io di Telemat ica AA. 2003-2004 Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546 / 87(1=$'(,6(57$=,(1'$/,1(/ 35(0(66$0(72'2/2*,&$*(1(5$/( All int er no della sede delle Relazioni di Ser vizio annuali dei Ser T modenesi, l Osser vat or io pr esent a una br eve e snella analisi dell

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La salute globale. Determinanti sociali e disuguaglianze 2014-10- 17 12:10:30 Redaz ione SI PUBBLICATO SU: www.sossanita.it Sant omauro Gavino Maciocco e Francesca Il

Dettagli

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR Legge 388/ 00 art.103 I ncentivi a favore del Commercio Elettronico 2**(772 Norme per lo sviluppo di attività di commercio elettronico %(1(),&,$5, Possono accedere alle agevolazioni i seguent i VRJJHWWL:

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A.

Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. Deliberato dall Assemblea della Borsa Italiana S.p.A. del 6 settembre 2001 e approvato dalla Consob con delibera n. 13338

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

Presentazione di Intermonte

Presentazione di Intermonte Presentazione di Intermonte Offerta di servizi dedicati alle medie imprese nazionali per favorire l accesso al mercato borsistico Novembre 2013 Sommario 1. Descrizione dell intermediario: Presentazione

Dettagli

Signori Consiglieri, Signori Sindaci,

Signori Consiglieri, Signori Sindaci, MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Società Cooperativa Sede sociale 58017 Pitigliano (GR) S.S. 74 Maremmana Est nr. 55256 Iscritta all Albo delle banche al n. 4360.40 Iscritta all Albo delle società

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

comunicazione dell avvenuto rilascio del provvedimento di approvazione con nota del 14 novembre 2012, protocollo n. 12089829 (il Prospetto ).

comunicazione dell avvenuto rilascio del provvedimento di approvazione con nota del 14 novembre 2012, protocollo n. 12089829 (il Prospetto ). AVVISO DI AVVENUTA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE E ALLA CONTESTUALE AMMISSIONE A QUOTAZIONE SUL MERCATO TELEMATICO DELLE OBBLIGAZIONI ( MOT ) DELLE OBBLIGAZIONI

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La via cooperativa alla privatizzazione della sanità. Il caso di Modena 2015-03- 04 14:03:47 Redaz ione SI Gianluigi T rianni La convenzione tra Ausl di Modena e Coop

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 29 aprile 2005 e approvato dalla Consob con delibera n. 15101 del 5 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12 ottobre 2004 I N D I C E

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12 ottobre 2004 I N D I C E Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito da BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: dgr 193/2013 "Approvaz ione programma "Energia ef f i c i e n t e - piano per promuovere e sos t enere l ' e f f i c i e n z a energe t i c a del l

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO FIAT FINANCE & TRADE LTD. société anonyme PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE E DI QUOTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI FIAT STEP UP AMORTIZING 2001-2011 sino ad Euro 650.000.000

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 49/ 25 DEL 21.10.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 49/ 25 DEL 21.10.2005 DELIBERAZIONE N. 49/ 25 Oggetto: Art. 1, comma 11, L.R. 8 marzo 1997, n. 8. Approvazione di una emissione obbligazionaria per 500.000.000 nell ambito del programma EMTN di 1.500.000.000 della Regione Autonoma

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO PIQUADRO S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO APPROVATO DALLA CONSOB CON DELIBERA N. 11971 DEL 14

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Saturnia Società Cooperativa Sede sociale Saturnia, Comune di Manciano (GR) Iscritta all Albo delle banche al n. 21.10 Iscritta all Albo delle società cooperative al n.

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it Quotarsi in Borsa La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitaliana.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti per

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

ASPETTI DI REVISIONE IN RELAZIONE ALLE AZIENDE IN CRISI

ASPETTI DI REVISIONE IN RELAZIONE ALLE AZIENDE IN CRISI ASPETTI DI REVISIONE IN RELAZIONE ALLE AZIENDE IN CRISI dott. Mariano Spigarelli ordine dottori commercialisti ed esperti contabili - prov. Di perugia 20 NOVEMBRE 2014 Continuità aziendale Scopo del documento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE R EL AT I V E AL L OFFERT A DI PR E ST IT I O B BLIG AZ IO N AR I D E N O M IN AT I OBBLIGAZIONI CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE TASSO VARIABILE Cr Aldeno e Cadine 20/10/2008-20/10/2015

Dettagli

Finanziamenti alle Imprese Regionali Statali Comunitari

Finanziamenti alle Imprese Regionali Statali Comunitari Finanziamenti alle Imprese Regionali Statali Comunitari Gli incentivi alle imprese si differenziano in: Incentivi automatici Incentivi valutativi Rufind Engineering s.r.l. 2 Si possono avere le seguenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 29/06/2007-29/06/2010 TASSO FISSO

Dettagli

"BCC di Impruneta 10.12.2007 2017 4,30% sem "

BCC di Impruneta 10.12.2007 2017 4,30% sem Sede sociale Piazza Buondelmonti 29-50023- Impruneta Iscritta all Albo delle banche al n. 1398.70 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. 59956 Capitale sociale Euro 1.787.634 Numero di iscrizione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE BANCA DEL FUCINO S.P.A. Sede legale Via Tomacelli 107 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583 B - Partita

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNICATO. Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58

COMUNICATO. Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 COMUNICATO Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 In data odierna, RCS MediaGroup S.p.A. ( RCS ) ha eseguito una serie di operazioni aventi per oggetto le azioni ordinarie

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI EGESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 (data

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE AUTOGRILL S.p.A. CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 1 DEFINIZIONI Ai fini della presente procedura: (i) i termini e le espressioni di seguito elencati,

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Corrispettivi di quotazione

Corrispettivi di quotazione Corrispettivi di quotazione In vigore dal 2 Aprile 2007 Indice Pagina 1. Azioni 1.1 Prima quotazione... 3 1.2 Corrispettivo semestrale... 4 2. Obbligazioni 2.1 Obbligazioni già quotate alla data del 1

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Saturnia Società Cooperativa Sede sociale Saturnia, Comune di Manciano (GR) Iscritta all Albo delle banche al n. 21. Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A1

Dettagli

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico.

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico. SICSI VIII CICLO EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico Esposito Vincenzo 1 Sommario Introduzione Hacker Sistemi multiutente

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATO SU AZIONI (PHANTOM STOCK OPTION PLAN) PROPOSTO ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 22 APRILE 2008 (redatto ai sensi dell art.

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Individuazione delle operazioni di maggiore rilevanza... 5 4. Operazioni esenti... 5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Sede sociale Campi Bisenzio via Bruno Buozzi n. 54 Iscritta all Albo delle banche al n. 3559.20 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A164625 Capitale sociale Euro 810.500,00 Numero di iscrizione

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Pubblicato in data 10/03/2015 Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 18/12/2012 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli