I nit ial Public Of f ering")

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nit ial Public Of f ering")"

Transcript

1

2 L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene ammessa alle negoziazioni di borsa. Prevalent e è il modello mist o (OPVS), dove gli azionist i della societ à of f rono al mercat o in part e azioni proprie e in part e azioni di nuova emissione.

3 I mercat i di quot azione

4

5 appart enent i agli indici S&P/ / MI B e Midex e alle alt re societ à che hanno una st rut t ura economico f inanziaria part icolarment e solida e una capit alizzazione superiore ad un miliardo di euro. St ar : dedicat o alle medie imprese con capit alizzazione compresa t ra 40 milioni di euro e 1 miliardo, che si impegnano a rispet t are requisit i di eccellenza in t ermini di t rasparenza e vocazione comunicat iva, liquidit à (35% minimo di f lot t ant e) e Corporat e Governance. St andar d: dedicat o alle societ à di piccole e medie dimensione con capit alizzazione t ra 40 milioni e un miliardo di Euro.

6 reperire nuovi capit ali minimizzando il cost o e i t empi della quot azione. La capit alizzazione minima per Expandi è inf at t i di 1 milione di euro con un f lot t ant e minimo del 10% e la possibilit à di ef f et t uare un' of f ert a solo ist it uzionale (olt re alle consuet e operazioni mist e di of f ert a ist it uzionale e pubblica). I nolt re non impone nén cambiament i o int egrazioni degli organi societ ari, nén la redazione delle t rimest rali (ma solo bilancio e relazione semest rale).

7 sono previst i specif ici requisit i f ormali minimi st abilit i dai Regolament i dei mercat i di Borsa I t aliana e Consob. I n part icolare sono da t enere in considerazione il "Regolament o Consob n di at t uazione del decret o legislat ivo 24 f ebbraio 1998, n. 58 concernent e la disciplina degli emit t ent i - (Test o int egrat o e aggiornat o a novembre 2005)", il "Regolament o dei Mercat i organizzat i e gest it i da Borsa I t aliana S. p. A. in vigore dal 19 dicembre 2005" e dalle "I st ruzioni al Regolament o dei Mercat i organizzat i e gest it i da Borsa I t aliana S. p. A. in vigore dal 2 gennaio 2006".

8 euro; Borsa Italiana può ammettere azioni con una capitalizzazio ne inferiore qualora ritenga che per tali azioni si formerà un mercato sufficiente; sufficiente diffusione, che si presume realizzata quando le azioni siano ripartite tra il pubblico per almeno il 25% del capitale rappresentato dalla categoria di appartenenza; Borsa Italiana può, peraltro, ritenere sussistente tale requisito quando il valore di d mercato delle azioni possedute dal pubblico faccia ritenere che le esigenze di regolare funzionamento del mercato possano essere soddisfatte anche con una percentuale inferiore a quella sopraindicata. Nel mercato Expandi: capitalizzazione di mercato prevedibile pari ad almeno 1 milione di euro; sufficiente diffusione, che si presume realizzata quando le azioni siano ripartite tra il pubblico o presso investitori professionali per almeno il 10% del capitale rappresentato dalla categoria di appartenenza. In ogni caso il controvalore delle azioni diffuse deve essere pari ad almeno euro.

9 esercizi annuali, di cui almeno l'ultimo corredato di di un un giudizi o positivo della società di revisione. l'emittente deve esercitare, direttamente o attraverso le proprie controllate e in condizioni di autonomia gestionale, una attività capace di generare ricavi. L'attivo di bilancio ovvero i ricavi dell'emittente non devono essere rappresentati in misura preponderante dall'investimento o dai risultati dell'investimento o in una società le cui azioni sono ammesse alle negoziazioni in un mercato regolamentato. Nel Mercato Expandi: l'emittente deve produrre bilanci anche consolidati degli ultimi tre esercizi annuali, di cui almeno l'ultimo corredato di un giudizio positivo della società di revisione. l'emittente deve rispettare i requisiti quantitativi di profittabilit bilità e di struttura finanziaria indicati nelle Istruzioni. In particolare re la società deve presentare negli ultimi due esercizi il risultato operativo lordo, il risultato ordinario e il risultato netto positivi, il rapporto debito finanziario netto/risultato operativo lordo inferiore a 4, il risultato netto dell'ultimo esercizio deve essere almeno pari a euro.

10 Requisit i sost anziali di una I PO Tra i requisiti sostanziali vi sono dei requisiti economico- finanziari, quali: - le reali prospettive di crescita e di generazione di cash- flow; - un track record di risultati economico- finanziari positivo; - il posizionamento dell'azienda nel mercato di riferimento; - un business plan realistico e sostenibile. Tra i requisiti sostanziali vi sono inoltre dei requisiti di ordine organizzativo, quali: - la capacità di gestione dell'attività insieme alla trasparenza nella contabilità e nell'assetto societari; - la qualità e la motivazione del management; - la presenza di una figura di investor relator interno all'azienda l'adesione ai principi di corporate governance. La scelta della tempistica dell'operazione e struttura dell'offerta e la corretta percezione dell'azienda da parte del mercato tramite un'efficace politica di comunicazione costituiscono ulteriori requisiti importanti nella determinazione del successo dell'ipo.

11

12 deve far parte della direzione del consorzio di di collocamento che che si occupa dell'offerta al pubblico degli strumenti finanziari. Nel caso possegga una quota del capitale della società o sia partecipato dalla stessa lo deve comunicare previamente alla Borsa Italiana, che procede ad una valutazione in seguito alla quale può p nominare un co- sponsor. Nella f ase che precede l' ammissione a quot azione lo sponsor at t est a alla Borsa I t aliana S. p. A. che la document azione ed i dati forniti sono completi, che l'emittente è informato degli impegni derivanti dalla quotazione e che dispone di un adeguato sistema di controllo di gestione, garantisce la corretta costruzione delle previsioni relative ai prossimi sei mesi ed il rispetto delle modalit dalità di collocamento dei titoli. Inoltre, per un periodo di almeno un anno successivo alla quotazione, lo sponsor si impegna a pubblicare un numero minimo di due analisi finanziarie annue sulla situazione dell'emittente, a pubblicare brevi analisi in occasione degli eventi societari e ad a organizzare almeno due incontri annuali con la comunità finanziaria nazionale ed internazionale. Nella maggior parte dei casi lo sponsor ricopre anche il ruolo di d Global Coordinator,, impegnandosi a collocare sul mercato i titoli della società.

13 e di coordinatore del Consorzio di di Collocamento dei dei titoli. Esistono tre tipi di consorzi di collocamento: 1. consorzio di semplice collocamento che raccoglie gli ordini provenienti dagli investitori e distribuisce i titoli in modo da garantirne una valida allocazione, lasciando il rischio del buon fine dell'offerta dei titoli a carico dell'emittente; 2. consorzio di assunzione a fermo che acquista i titoli dall'emittente o dai suoi azionisti, impegnandosi a venderli poi sul mercato, assumendosi, così,, il rischio del buon esito del collocamento; 3. consorzio di collocamento e garanzia che si impegna a sottoscrivere, al termine del periodo di collocamento, i titoli residui per garant ire il buon esit o dell' iniziat iva. I n quest o modo l'emittente si assicura il reperimento di fondi, indipendentemente dall'esito dell'offerta al pubblico. Spesso il ruolo del coordinatore globale viene svolto dallo Sponsor che accompagna una società in tutta la fase di ammissione a quotazione e per un periodo successivo ad essa. A seconda dell'entità del collocamento una società può nominare più coordinatori globali che si occupino del collocamento dei titoli sul mercato.

14 I l Global Coor dinat or svolge più f unzioni nell' oper azione di collocament o: - fissa il prezzo dell'offerta insieme al management della società quotanda; - si occupa anche della riscossione della commissione di sottoscrizione pagata dalla società emittente e dai suoi azionisti venditori; - partecipa all'attività di stabilizzazione del prezzo nei giorni immediatamente successivi all'avvio delle negoziazioni; - se all'interno del collocamento di un titolo le domande di sottoscrizione sono superiori al quantitativo offerto (oversubscription), effettua l'operazione di sovra- allocazione (greenshoe), consistente in un incremento dei titoli offerti acquistandoli dall'emittente al prezzo di sottoscrizione. La scelta del coordinatore globale è subordinata alla rispondenza di specifici requisiti professionali: è fondamentale che abbia maturato un'adeguata esperienza nelle operazioni di collocamento di strumenti finanziari nazionali ed internazionali, che sia contraddistinto da motivazione, impegno e disponibilità e che sia presente nel mercato secondario.

15 Lo Specialist a Per le societ à che int endono quot ar si sul Nuovo Mer cat o è r ichiest a la pr esenza di uno Specialist a che int er viene sul mer cat o per gar ant t ir e la liquidità dei titoli dell'emittente. Lo Specialist a si impegna ad espor r e cont inuat ivament e sul mer cato proposte in acquisto e vendita delle azioni per un quantitativo prefissato e a pr ezzi che non si discost ino t r a lor o di una per cent uale super ior e a quella st abilit a da Bor sa I t aliana. Lo specialist a si occupa anche della gestione del book istituzionale ed è tenuto a realizzare almeno due studi e due r oad-show (incont r i t r a il management della societ à e la comunit à f inanziar ia) all' anno. Possono svolger e la f unzione dello specialist a t ut t i gli operatori ammessi alla negoziazione sul mercato. Le societ à che int endono quot ar si sul Segment o STAR devono nominar e un oper at or e specialist a che sost enga la liquidit à del t it olo sul mer cat o, si impegni a pubblicare almeno due analisi finanziarie all'anno e organizzi almeno due volt e all' anno un incont r o t r a il management della societ cietà e gli invest it or i pr of essionali. I l quant it at ivo minimo di ogni pr oposta immessa dallo specialista non può essere inferiore a euro.

16 La CONSOB La CONSOB (Commissione Nazionale per le Societ à e la Bor sa) è l' aut or it à che vigila sul regolare andamento del mercato e tutela gli investitori. La CONSOB, ist it uit a con la legge n 216 del 7/ 06/ 1974, è un or gano collegiale cost it uit o da un pr esident e e da quat t r o membr i, nominat i con decr et o del Pr esident e della Repubblica su pr opost a del Pr esident e del Consiglio dei Minist r i. La dur at a di ciascuna car ica è di cinque anni, r innovabile una sola volt a. Dat a la collegialit à, le decisione ione sono assunt e con il vot o favorevole della maggioranza dei componenti presenti. La CONSOB mant iene r elazioni con gli alt r i or gani di vigilanza e t iene inf or mat o il Minist er o del Tesor o sulla pr opr ia at t ivit à at t r aver so una r elazione annuale, da consegnar e ent r o il 31 mar zo. Ent r o il 31 maggio t ale r elazione viene t r asmessa dal Minist ist r o del Tesor o al Parlamento, con le proprie valutazioni. I nolt r e, la CONSOB scambia con la Banca d' I t alia inf or mazioni necessar ie allo svolgiment o delle lor o r ispet t ive at t ivit à di vigilanza ed espr ime la pr opr ia int esa sui pr ovvediment i pr esi dalla Banca d' I t alia r elat ivi all' int er mediazione mobiliar e e all' l' at t ivit à degli or ganismi di investimento collettivo del risparmio. La CONSOB appr ova il r egolament o della Bor sa I t aliana per l' ammissione, l' esclusione e la sospensione dei t it oli sul mer cat o. I n caso di necessit à la CONSOB OB può anche sost it uir si alla Bor sa I t aliana per assicur ar e l' andament o r egolar e delle negoziazioni. zioni. I n una I PO il suo r uolo è di cont r ollar e la cor r et t ezza della sollecit azione al pubblico,, a t ale f ine ver if ica il pr ospet t o inf or mat ivo r edat t o dall' emit t ent e, event ualment e ne chiede c int egr azioni e modif iche a f avor e di una maggior e chiar ezza e disclosure dei r ischi dell' invest iment o, ed infine ne autorizza la pubblicazione (c.d. "nulla osta").

17 La Borsa I t aliana E' la societ à che gest isce il mer cat o in cui vengono quot at e le azioni dell' emit t ent e. Decide, dopo at t ent a ist r ut t or ia, se ammet t er e alle negoziazioni i t it oli della societ à e, dopo l' ammissione, cont r olla che le negoziazioni si svolgano in modo r egolar e. Nei suoi conf r ont i gli emit t ent i quot at i hanno l' obbligo di comunicar e t ut t i gli event i che possono inf luenzar e i pr ezzi dei propri titoli (cc.dd.( "informazioni price sensitive").

18 TEMPI E PROCEDURE I n gener ale, il t empo minimo di quot azione di una societ à può esser e st imat o in cir ca 4 mesi, a par t ir e dalla r iunione di lancio dell' oper azione(c.d. kick- of f meet ing). Di seguit o si r ipor t a una descr izione sint et ica elabor at a da Bor sa I t aliana Spa delle var ie f asi e r elat iva t empist ica.

19

20 Delibera del CdA della società e nomina del team di consulenti Il CdA si r iunisce per decider e cir ca la convenienza della quot azione e, una volt a deliber at o, pr ocede alla convocazione dell' assemblea or dinar ia ed event ualment e di quella straordinaria, nel caso sia previsto un aumento di capitale. Successivament e alle deliber e delle assemblee si pr ocede alla nomina dello Sponsor e degli alt r i consulent i che af f iancher anno la societ à durd ant e l' int er o processo. Due diligence I l management della societ à si r iunisce con il t eam di consulent i, per la pianificazione delle diverse fasi della procedura di quotazione. Le ist it uzioni f inanziar ie che si occupano dell' ingr esso della societs à sul mer cat o devono cont r ollar e t ut t i gli aspet t i iner ent i all' at t ivit à, alle st r at egie, alle pr ospet t ive f ut ur e e ai r isult at i f inanziar i della societ à st essa, individuando i fattori critici di successo della quotazione. In questa fase si inizia la stesura del prospetto informativo.

21 La domanda di ammissione a Borsa Italiana La Società, con l'assistenza dello Sponsor e dei consulenti legali, li, presenta a Borsa Italiana la domanda di ammissione corredata dalla documentazione volta a fornire un'analisi del mercato e dell'azienda attraverso la sua storia, il suo management, le sue s strategie di crescita e i suoi fattori di successo. Quando la domanda è complet a di t ut t i gli allegat i, la Bor sa comunica, mediant e avviso, che la società ha presentato domanda di ammissione alla quotazione. Redazione e deposito del prospetto informativo presso CONSOB Lo Sponsor, il management della societ à ed i consulent i legali prp r ocedono alla st esur a del pr ospet t o inf or mat ivo, secondo gli schemi indicat i dalla CONSOB (cf r. Allegat o al Regolament o n / 99 di at t uazione del D. Lgsl.. N. 58/ 98) e in base ai r isult at i della f ase precedente. Una volt a r edat t o, il pr ospet t o viene deposit at o pr esso la CONSOB, che pr ocede al r ilascio del nulla ost a per la sua pubblicazione. Cont est ualment e alla domanda di ammissione a Bor sa I t aliana, la societ à pr esent a alla CONSOB il pr ospet t o inf or mat ivo i r edat t o secondo il Regolament o emit t ent i della Consob n / 99. Ent r ambe le aut oro r it à si coor dinano nell'istruttoria, che può durare due mesi dalla presentazione della domanda. I n caso di esit o posit ivo, valut at a l' aut onomia gest ionale e la capacit à di gener ar e r icavi della societ à, la Bor sa I t aliana emet t e il pr ovvediment o di ammissione alle negoziazioni, che è condizionat o al "nulla ost a" Consob. I l pr ovvediment o di ammissione ha ef f icacia par i a sei mesi.

22 L' ot t eniment o del "nulla ost a" Consob e la pubblicazione del prospet t o inf ormat ivo A seguit o del "nulla ost a", viene pubblicat o il pr ospet t o inf or mat ivo ed indicat e le dat e dell' of f er t a e dell' inizio delle negoziazioni. I l pr ospet t o inf or mat ivo, che descr ive la societ à, l' of f er t a e la dest inazione dei pr ovent i der ivant i dalla quot azione, viene messo a disposizione del pubblico pr esso le banche, l' emit t ent e, pr esso Bor sa I t aliana, sul suo sit o e sul sit o Consob. Pr esso la societ à e Bor sa I t aliana sono a disposizione i bilanci e lo st at ut o dell' emit t ent e. La pr ocedur a si chiude con l' emissione da par t e di Bor sa I t aliana del pr ovvediment o di inizio delle negoziazioni.

23 Modalità dell'offerta Il periodo di offerta varia, generalmente, dai 2 ai 4 giorni. In questo periodo il pubblico fa pervenire le proprie adesioni presso p i soggetti incaricati indicati nel prospetto. L'offerta è di solito revocabile qualora le accettazioni risultassero ssero inferiori ad un quantitativo minimo indicato dall'offerente. Determinazione del Prezzo Lo Sponsor, il Global Coordinator e gli intermediari finanziari che compongono il consorzio di collocamento fissano il prezzo finale di collocamento in base agli ordini pervenuti da parte degli investitori privati ed istituzionali. In genere, viene determinato erminato un paio di giorni prima della quotazione del titolo sul listino ufficiale. Può essere un valore all'interno di una forchetta di prezzo (il prezzo minimo di offerta viene stabilito dalla assemblea della società che delibera l'aumento di capitale, mentre il prezzo massimo viene determinato dai proponenti sentito il global coordinator) ) o anche un valore superiore al limite massimo di questa, qualora si segua la procedura dell'open price bookbuilding.. La determinazione del prezzo finale risulta dal bilanciamento di tutte le forze e gli interessi dei soggetti coinvolti (proprietà, management, azionisti, azionisti potenziali, soggetti collocatori, interesse del mercato verso l'operazione di collocamento). Il pagamento avviene entro 5 giorni dalla data di inizio delle negoziazioni. n

24 Modalitá di adesione all'ipo Il periodo di offerta varia, generalmente, dai 2 ai 4 giorni. I n quest o per iodo il pubblico f a per venir e le pr opr ie adesioni prp r esso i sogget t i incar icat i indicat i nel prospetto. L' of f er t a è di solit o r evocabile qualor a le accet t azioni r isult assera o inf er ior i ad un quant it at ivo minimo indicato dall'offerente. Il collocamento I collocat or i aut or izzat i all' of f er t a f uor i sede pr ocedono al collocament o delle azioni mediant e r accolt a delle domande di adesione sia dir et t ament e pr esso i pr opr i spor t elli o uf f ici, sia avvalendosi di pr omot or i finanziari. Ciascun collocat or e ha l' obbligo di consegnar e alla client ela che e ne f accia r ichiest a, pr ima della sottoscrizione dell'apposito modulo, copia del prospetto. Le adesioni devono pervenire per quantitativi pari al lotto minimo mo o suoi multipli. Le adesioni all'offerta sono irrevocabili. L'assegnazione Qualor a le accet t azioni per venut e ai collocat or i dur ant e il per iodo i di of f er t a r isult ino super ior i alla quot a dest inat a all' of f er t a, a ciascun r ichiedent e viene assegnat o un quant it at ivo par i al lot t o minimo, e se il quant it at ivo è insuf f icient e ad assicur ar e a ciascuno il lot t o minimo m le azioni sono assegnat e a ciascun collocat or e pr opor zionalment e all' ammont ar e delle accet t azioni e i lot t i minimi sono singolar ment e at t r ibuit i da ciascun collocatore ai richiedenti mediante estrazione a sorte. Ciascun collocat or e pr ovvede immediat ament e, dopo l' avvenut a comunicazione del r ipar t o da par t e del global coordinator,, a dare comunicazione ai richiedenti dei quantitativi loro assegnati. A seguit o del pagament o int egr ale delle azioni quest e sar anno messe a disposizione degli avent i dir it t o mediante contabilizzazione sui conti di deposito intrattenuti presso la Monte Titoli dai Collocatori.

25 La Greenshoe La gr een shoe,, det t a anche over- allotment option,, è un' opzione che per met t e all' at t o del collocament o dei t it oli di una societ à, f inalizzato i all ingr esso in Bor sa, la facoltà per l emit t ent e di aument ar e la dimensione dell of f er t a in modo da r isponder e in modo adeguat o alla a domanda di titoli da parte degli investitori. St or icament e il t er mine gr een shoe (o anche greenshoe) ) nasce dall' azienda amer icana Gr een Shoe Corporation,, che ut ilizzò quest a t ecnica per la pr ima volt a al moment o della sua quot azione. Dell esist enza della greenshoe e del suo possibile eser cizio (e del cosiddet t o over allotment,, di cui si par la più avant i) deve esser e esplicit ament e f at t a menzione nel pr ospet t o inf or mat ivo, al f ine di garantire agli investitori trasparenza sul meccanismo di offerta. L opzione, che ha nor malment e una dur at a di 30 giorni,, è nor malment e concessa da par t e degli azionist i della societ à, che si r endono disponibili ad incr ement ar e il numer o di azioni post e in vendit a, r iducendo così la pr opr ia quot a di par t ecipazione. Più r ar ament e, i t it oli ogget t o della greenshoe der ivano da un apposit o aument o di capit ale che può esser e r ealizzat o in caso l opzione venga eser cit at a.

26 LA DOCUMENTAZI ONE OBBLI GATORI A Il Prospetto informativo I l pr ospet t o è il document o inf or mat ivo r edat t o dalla societ à che int ende ef f et t uar e una sollecit azione all' invest iment o e che cont t iene le inf or mazioni necessar ie af f inché gli invest it or i possano per venir e ad un f ondat o giudizio sulla sit uazione pat r imoniale, economica e f inanziaria nziaria della societ à emit t ent e i pr odot t i f inanziar i ogget t o della sollecit azione (cf r. ar t. 94 del TUF e Allegat o al Regolament o n / 99 di attuazione del D. Lgsl.. N. 58/98). Cost it uisce lo st r ument o at t r aver so cui il sot t oscr it t or e può document ar si sull' oper azione cui ader isce e, in par t icolar e, sui rischi che essa comporta. Al f ine di gar ant ir e la massima inf or mat iva possibile, la CONSOB ha stabilito le modalità di redazione del prospetto. All' int er no di una pr ocedur a di ammissione a quot azione, il pr ospetto inf or mat ivo viene r edat t o dallo sponsor della societ à che si deve quot ar e, unit ament e al suo management ed ai consulent i legali che intervengono nel processo.

27 Deve esser e r edat t o secondo gli schemi indicat i dalla CONSOB e deve d cont ener e t ut t e le inf or mazioni r elat ive alla societ à e alla st r ut t ur a dell'offerta. In particolare, il prospetto informativo deve contenere: inf or mazioni r elat ive alla sit uazione economico-f f inanziar ia della societ à quotanda e alla sua performance; una descrizione della posizione della società rispetto ai concorrenti; informazioni sul management; obiettivi della società; strategie; inf or mazioni sui dipendent i, collabor at or i, f or nit or i, client i, cr edit or i e i contratti in essere; inf or mazioni iner ent i alla sollecit azione del pubblico r ispar mio e agli strumenti finanziari oggetto di quest'ultima. Una volt a r edat t o il pr ospet t o viene deposit at o pr esso la CONSOB,, che pr ocede al r ilascio del nulla ost a per la sua pubblicazione. La CONSOB può anche r ichieder e modif iche e aggiunt e al pr ospet t o pr ima della la sua diffusione presso il pubblico degli investitori.

28 L'offering circular L'offering circular è il document o inf or mat ivo che lo Sponsor/Global Coordinator manda agli invest it or i ist it uzionali ed esteri selezionati per il collocamento privato. I l document o di valut azione dello Sponsor E' il document o di valut azione del capit ale economico della società pr epar at o dallo Sponsor, che viene inviat o a Bor sa I t aliana e per conoscenza a CONSOB. I l r isult at o della valut azione viene discusso con Bor sa I t aliana e cost it uisce un riferimento importante per la definizione del prezzo.

29 I l Qmat I l Qmat (Quot at ion Management Admission Test ) è un quest ionar io che deve esser e compilat o dalle societ à quot ande e pr esent at o a Bor sa I t aliana insieme alla document azione uf f iciale per l' inolt r o della domanda di ammissione. I l QMAT appr of ondisce la st r ut t ur a, l' andament o e la per f or mance delle business unit dell' azienda in r appor t o al mer cat o e alla concor r enza.

30 La documentazione di marketing Analyst presentation L'analyst presentation è il r appor t o di r icer ca sul t it olo che viene pubblicat o e dist r ibuito i agli analisti nella fase di pre- marketing dell'offerta. Ha l' obiet t ivo di comunicar e l' invest ment case del t it olo e cont iene un' analisi det t agliat a dell' azienda e del business, una pr esent azione della st r ut t ur a dell' d of f er t a, una descr izione delle met odologie di valut azione ut ilizzat e e cost it uisce la pr incipale i f ont e di pr evisioni finanziarie. Successivament e alla pubblicazione si ha un per iodo di black out in cui la societ à non può effettuare alcuna azione di promozione nei confronti della quotazione. Road- show presentation I l r oad- show presentation è la pr esent azione che il t op management della societ à t iene nel cor so di una ser ie di incont r i nelle pr incipali piazze f inanziar ie int er nazionali, dur ant e i quali presenta se stesso e la società ai potenziali investitori istituzionali. Rappr esent a il pr imo di una ser ie di appunt ament i r egolar i con la comunit à f inanziar ia, nel corso dei quali illustrare i nuovi dati di bilancio (annuale e semestrale) s ed eventuali operazioni straordinarie rilevanti. Accant o ad incont r i con l' insieme degli invest it or i di una piazza a f inanziar ia si possono verificare incontri individuali one- on- one con investitori individuali di rilievo interessati ad un investimento stabile nella società.

31 Mer cat o Expandi è il mer cat o di Bor sa I t aliana dedicat o alle piccole imprese operant i in set t ori t radizionali con posizioni consolidat e nei mer cat i di r if er iment o, che pr esent ano un t r ack r ecor d di r isult at i economico-f f inanziar i posit ivi. Con il Mer cat o Expandi,, gli emit t ent i di piccole dimensioni possono t r ovar e un ambient e di mer cat o - diver so da quello di Bor sa (St ar e Segment o di Bor sa Or dinar io) e Nuovo Mer cat o - car at t er izzat o da requisit i di ammissione più semplici e da un processo di quot azione più agile.

32 I nolt r e i cost i dell oper azione di quot azione su Expandi possono esser e più cont enut i r ispet t o alle oper azioni ef f et t uat e su alt r i mer cat i, se non alt r o per la r iduzione di alcune incombenze document ali, per le dimensioni r idot t e di alcuni impegni e in gener e per la possibilit à di nor malizzazione delle spese. Le societ à che si quot er anno avr anno inf ine una riduzione delle impost e (I RES) da 33% a 20% e una doppia deduzione dei cost i di quot azione.

33 Expandi è il mer cat o dedicato alle societ à di piccola e media capit alizzazione che hanno posizioni consolidat e nei pr opr i mer catc i di r if er iment o e pr esent ano un t r ack r ecor d posit ivo in t er mini di risultati economico- finanziari. Expandi consente l ef f et t uazione di un collocament o r ivolt o esclusivament e ad investitori professionali; L it er di quot azione su Expandi è più snello. I nf at t i, t enut o cont o delle dif f er enze di quest a cat egor ia di emit t ent i r ispet t o alle societ à quot at e sul segment o St andar d e segment o St ar del MTA, alcuni document i complessi, quali ad esempio il QMAT e alcune at t est azioni da par t e del Listing Partner, non sono richiesti. Listing Partner: : intermediario autorizzato che accompagna la società su Expandi.

34 Requisit i sost anziali: 1. Tr aspar enza di compor t ament i e quindi cor r et t ezza f iscale, pr evidenziale ed ambient ale (la societ à quot at a si assogget t a d alt r onde a cer t if icazione, nonché a cont r olli ispet t ivi da parte degli organi di controllo del Mercato). 2. Un adeguat o sist ema amminist r at ivo e cont abile, che consent a di avere dati consuntivi contabili completi, corretti e tempestivi (ad es. ent r o 45 gior ni dalla chiusur a del t r imest r e). I l Mer cat o Expandi non r ichiede f or malment e le r elazioni t r imest r ali, ma ciò non significa che non sia opportuno disporne.

35 Requisit i f ormali: 3. Attitudine a produrre reddito: : è accer t at a sulla base degli ult imi due bilanci della societ à, che debbono esser e in ut ile, l ult imo con almeno L ult imo bilancio deve esser e certificato (full audit), con incar ico di certificazione dato per i tre anni successivi. 5. Solidità finanziaria accertata su base storica (due ultimi bilanci). Occorre che la posizione f inanziar ia net t a sia inf er ior e a 4 volt e l Ebitda (Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation,, and Amortization: : l indicat or e delle performances f inanziar ie di una societ à). La cir cost anza deve esser e accer t at a anche mensilment e pr ima della quot azione e dovr à esser e cont r ollat a e monit or at a nei due anni successivi. I l r isult at o opero at ivo (Ebt( Ebt, cioè mar gine pr ima delle impost e e dei pr ovent i e oner i st r aor dinar i) del bilancio consolidat o dei due eser cizi che pr ecedono la quot azione e deve esser e posit ivo. Se ne deduce che la nor ma pr evede l esist enza della societ à da due anni almeno; casi par t icolar i possono esser e analizzat i ed ammessi se possono comunque esser e pr odot t i bilanci pr o-fo f or ma. L idea di quot azioni di Start- up non è ancor a r ecepit a né da quest o né da alt r i mer cat i in I t alia.. Non è r ichiest a dunque la f or malizzazione del Business Plan, come documento ist r ut t or io; nat ur alment e sar à ut ile ed oppor t uno illust r ar e il piano di sviluppo al Listing Par t ner (che in quest o mer cat o è l equivalent e dello Sponsor di altri mer cat i, con ult er ior i incar ichi connessi al pr ocesso ist r ut t or io di ammissione). Non è richiesto il documento Q-Mat f or male, ma, come per il caso pr ecedent e, sarà opportuno fornire informazioni in merito al Listing Partner.

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE 2005 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI Le serie web incontrano l archivio delle Teche Rai attr aver so la cr eatività dei giovani talenti e le tecnologie

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Guida alla Quotazione su AIM Italia

Guida alla Quotazione su AIM Italia Guida alla Quotazione su AIM Italia Un network globale di PMI e investitori specializzati, al servizio della crescita delle piccole e medie imprese La Guida alla Quotazione su AIM Italia è stata predisposta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

D icembre 08 M A GA Z IN E

D icembre 08 M A GA Z IN E D icembre 08 M A GA Z IN E L avventura nel sorprendente paese carioca ha inizio, con il suo verde ed il suo giallo e con mille altri colori che vanno dal bianco pallido della conquista e della ricchezza

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli