Biodiritto. Giuseppe Cricenti. Guido Alpa. Giovanni Guzzetta. Giovanni Arcudi. Nicolò Lipari. Patrizia Borsellino. Salvatore Mazzamuto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biodiritto. Giuseppe Cricenti. Guido Alpa. Giovanni Guzzetta. Giovanni Arcudi. Nicolò Lipari. Patrizia Borsellino. Salvatore Mazzamuto."

Transcript

1 Biodiritto RIVISTA BIMESTRALE ANNO 2012 NUMERO 1 DIRETTORE Giuseppe Cricenti TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Guido Alpa SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Giovanni Arcudi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Patrizia Borsellino UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Adolfo Di Majo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Enrico Del Prato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Donato Carusi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Paolo Cendon UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Carla Faralli ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Aurelio Gentili UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Giovanni Guzzetta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nicolò Lipari SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Salvatore Mazzamuto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Cosimo Mazzoni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Enrico Moscati UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Salvatore Patti SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Pietro Rescigno ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Giorgio Resta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Michele Tamponi LIBERA UNIVERSITÀ INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI GUIDO CARLI DI ROMA Paolo Zatti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA ARACNE

2 Biodiritto RIVISTA BIMESTRALE Biodiritto è una rivista interdisciplinare di bioetica e diritto. La regola giuridica è arrivata ad assumere un ruolo cruciale nelle questioni di bioetica tanto da condizionarne la stessa esistenza, attraverso il giudizio di liceità. E non è un caso che le questioni di bioetica sono spesso poste in termini giuridici: c è un diritto di abortire? È legale porre fine alle sofferenze di un malato? Lo scopo è allora quello di svelare l identità tecnologica piuttosto che ontologica del diritto della bioetica, ricordando che compito del giurista non è tanto quello di cercare una risposta alla questione della legittimità morale delle pratiche che il diritto regola, quanto quello di dare una risposta alla questione della loro legalità Condizioni di acquisto Abbonamento annuale.... euro 90,00 Fascicolo euro 15,00 Per ordini telefax: e mail: online: Skype: aracneeditrice Modalità di pagamento 1. Bonifico bancario intestato ad: Aracne editrice S.r.l. IBAN: IT 23 N Causale: Abbonamento Biodiritto 2. Contrassegno postale 3. Carta di credito (acquisto online) Editore Aracne editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A-B Roma (06) Copyright Aracne editrice ISBN ISSN I edizione: agosto 2012 Autorizzazione n. 171/2001 del 26 maggio 2011 Tribunale di Roma

3 Indice 5 La donazione per la nascita dell embrione sopranumerario Donato Carusi 15 Diritti soggettivi e bioetica Giuseppe Cricenti 29 Scelte di fine vita, identità, autonomia Matteo Galletti 53 L attività medica nello spettro della responsabilità contrattuale: sulle tracce di una moderna nozione di diligenza e dell impossibilità non imputabile Nicoletta Muccioli 69 Riflessioni multidisciplinari e comparatistiche sull eutanasia Bruno Tassone 109 La forza della legge e i casi difficili Silvia Zullo 129 L intervento in materia sanitaria del Garante per la protezione dei dati personali Federico Laus 3

4

5 Biodiritto ISBN DOI / pag (agosto 2012) La donazione per la nascita dell embrione sopranumerario DONATO CARUSI Secondo il ben noto incipit la legge italiana sulla procreazione medicalmente assistita «assicura i diritti di tutti i soggetti coinvolti, compreso il concepito». Nella dichiarata intenzione di più di un parlamentare, questa formula doveva valere a spostare l acquisto della capacità giuridica dal momento della nascita, in cui lo fissa l art. 1 del codice civile, a quello appunto del concepimento. Essendo la capacità giuridica così si è sempre detto in dottrina il presupposto dell imputazione di diritti, tale sua anticipazione veniva vista dai più ferventi corifei della legge 40/2004 come la premessa necessaria affinché anche al di là della sede del commento e dell amministrazione della legge medesima potesse dirsi senza mezzi termini che il concepito «ha diritto alla vita». La pretesa innovazione, senonché, si è subito scontrata con una serie di difficoltà tali da farne sospettare la natura meramente declamatoria. Tanto per cominciare, l anticipazione della capacità giuridica al momento del concepimento comporterebbe un intrico di problemi primo fra tutti quello della legittimazione a far valere i diritti di cui il concepito sarebbe portatore dei quali la legge 40 non si fa il minimo carico: il che è già sufficiente ad escludere che l intento dei facitori della legge sia pervenuto al proprio effetto. È vero, però, molto più di questo: il fine divisato non solo non si è realizzato, ma è anche nell orizzonte costituzionale di una democrazia personalista, e in questo senso liberale per definizione irrealizzabile 1. Il concepito, 1. È ben noto che secondo un vecchio adagio il legislatore può fare de albo nigrum; oggi va piuttosto di moda affermare che essendo egli investito dalla maggioranza, discutere o criticare i suoi comandi è segno di sentimenti antidemocratici. Le cose, tuttavia, stanno in modo alquanto diverso: nelle democrazie degne di questo nome la maggioranza ha certamente il diritto di farsi governare e regolare da chi e nel modo che meglio crede; ma 5

6 6 Donato Carusi infatti, evolve in ciò che, ai sensi dell art. 1 del codice civile, siamo abituati a chiamare soggetto o persona attraverso una fase di fisica incorporazione, e biologica integrazione, nell organismo della donna, la quale è persona attualmente e indiscutibilmente. Occorre per questo riconoscere che il compimento del processo di sviluppo in cui consiste la vita prenatale possa esser visto come un valore, e in vario modo facilitato e promosso, ma che non possa dirsi in senso stretto che il concepito in generale, né tanto meno l embrione, sia portatore di un diritto alla vita: tale affermazione si traduce infatti nell ammettere che una persona la madre sia giuridicamente riguardata come uno strumento rispetto a fini ed interessi eterodeterminati. La Corte costituzionale ne ha dato atto, nella sentenza 151 del 2009, con apprezzabile sobrietà, riferendosi al diritto alla salute della madre 2. Già in altra sede noi ci siamo presi la libertà d essere più bruschi: della donna che congiuntamente al suo partner abbia chiesto e ottenuto la formazione di embrioni in provetta, e che successivamente ci ripensi, dichiarando al di fuori di ogni indicazione medica e perfino senza motivazione alcuna di non volerne ricevere l impianto, si potrà dire che sia una perfetta irresponsabile o una pazza; nondimeno, l immagine di una donna costretta ad un impianto, e dunque ad una gravidanza, che non vuole concretizza l esatta antitesi del personalismo e dei fondamenti di ogni Stato di diritto: è l immagine di un corpo reificato, fatto puro termine e strumento di pensieri e valutazioni che non gli appartengono, ed insomma la stessa immagine della prevaricazione, della violenza, della negazione del diritto 3. la minoranza ha un diritto più forte, che è il diritto a che il governo e la legislazione restino funzioni, esercitate secundum ius: nelle regole, e non al di sopra delle regole. 2. Corte cost., 8 maggio 2009, n. 151, in «Il Foro italiano», 2009, I, 2301, con nota di G. Casaburi, in «Corriere giuridico», 2009, p. 1213, con nota di G. Ferrando e in «Famiglia e diritto», 2009, p. 761, con nota di M. Dogliotti. 3. Altra cosa è che la legge 40 deroghi, per il caso si sia fatto ricorso alle tecniche di assistenza alla procreazione, al principio per cui la partoriente può pretendere di non essere menzionata nell atto di nascita (cfr. art. 30, co. 1, d.p.r. 3 novembre 2000, n. 396). Tale deroga, criticata da molti, è a nostro avviso ragionevole, perché la fruizione di queste tecniche a differenza del rapporto sessuale è un comportamento per sé stesso ordinato alla generazione di un figlio: ben può perciò, per non dire deve, essere associato alla logica dell autoresponsabilità negoziale. Quando però si prefigura l assoggettamento della donna ad una sorta di stupro medicalizzato non si dispone di puri effetti giuridici: si pretende di afferrare direttamente, per così dire, il corpo umano, in modo sia offensivo dell equilibrio psichico e quindi della salute, sia del tutto incompatibile con le strutture costituzionali della

7 La donazione per la nascita dell embrione sopranumerario 7 Se dunque la donna può sottrarsi all impianto (come avviene in genere, quando avviene, per motivi tutt altro che futili); tanto più poi se per ragioni di tutela della salute della madre per limitare gli interventi di stimolazione ovarica sia da ammettere che il numero degli embrioni prodotti in vitro ecceda quello indicato per un contestuale innesto 4 : si danno e si daranno embrioni conservati senza realistiche prospettive di accoglimento nel corpo della madre genetica. Di qui il riproporsi di questioni che la legge 40 aveva sostanzialmente rimosso e che la sentenza della Corte costituzionale ha riportato alla coscienza 5 : quid di questi uomini in potenza? Domanda che subito si traduce in quella più tecnica: che cos è, giuridicamente, un embrione? Di fronte a questi interrogativi, la legge sulla procreazione assistita quanto ne rimane dopo la pronuncia di incostituzionalità resta pur sempre un testo rilevante: e resta un fatto la sua formula d esordio. L idea che alle parole del legislatore sia preferibile e doveroso riconoscere qualche senso, piuttosto che considerarle un vaniloquio impegna a chiedersi qual valore possa riconoscersi a quella formula non secondo l intenzione dell uno od altro dei conditores storici del 2004, ma secundum ius. Che cosa può effettivamente significare che l embrione, pur non avendo un diritto assoluto alla vita, pur non essendo giuridicamente capace ai sensi dell art. 1 c.c., venga associato da una legge vigente al novero dei soggetti? La mente del giurista positivo va all art. 810 del codice civile ov è contenuta la definizione del concetto di bene ed a ciò che se ne ricava a contrario: si danno cose che non possono formare oggetto di diritti. Proprio per tale, nel sistema giuridico, dovremmo ora riconoscere l embrione: l uso del termine soggetto nella legge 40, se non vale a sospendere la tutela costituzionale della persona e dei diritti della madre, è certamente sufficiente ad escludere il concepito dalla categoria degli tradizione così detta occidentale da diversi secoli in qua. 4. Dopo la sentenza della Corte costituzionale, è da ritenere che il personale medico sia giudice del numero di embrioni che (in relazione al progetto di genitorialità e alle specifiche condizioni della paziente) è «necessario» produrre (cfr. il nuovo testo dell art della legge n. 40, emendato per effetto della sentenza dalle parole «ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre»). Le sanzioni penali di cui all art potranno operare in relazione alla finalità della produzione, che tuttora non può lecitamente essere quella di procurare embrioni a donne diverse. 5. Si veda D. Carusi S. Castignone (curr.), In vita, in vitro, in potenza: lo sguardo del diritto sull embrione, Atti del Convegno di Genova, Giappichelli, Torino, 2011.

8 8 Donato Carusi oggetti di diritti reali e di commercio. Non un bene, dunque, ma un quid e se non si ha paura delle parole una cosa 6 cui non possono inerire situazioni di appartenenza, in particolare non suscettibile di proprietà, né privata né pubblica. Molto prima che si iniziasse a discutere del nostro tema, la qualifica di cosa incommerciabile, che non può formare oggetto di diritti, si è riconosciuta dai giuristi dal sistema a parti staccate del corpo umano. Si pensi alla disciplina dei prelievi di sangue o delle donazioni d organi da vivente: organi e sangue non sono cose in proprietà della persona madre, né possono esserlo di alcun altro; essi non possono essere venduti né assoggettati alla logica degli istituti del diritto patrimoniale derelizione, occupazione, espropriazione. Questo non toglie che siano cose suscettibili di destinazione, circa le quali occorre riconoscere poteri di decisione. Caratteristica del nostro e degli affini ordinamenti, in base a una precisa linea evolutiva che trova riscontro nella Convenzione di Oviedo e in modo ancor più chiaro in altre fonti e documenti internazionali, è di sottoporre le parti staccate del corpo a particolari circuiti distributivi, a una serie di regole ad hoc, al fondo delle quali sta il riconoscimento alla persona madre non della proprietà, ma di un originario potere di destinazione, da esercitare nei margini conformati dal diritto 7. Il primo titolo ad assumere decisioni, entro i confini stabiliti dall ordinamento, su quelle res che sono le parti staccate del corpo non può spettare in una logica di rispetto per l identità e dignità della persona che a colui o a colei dal cui corpo provengono: questo ha finito per diventare il principio generale nella materia, soggetto forse ad eccezioni marginali 8, e valevole tra 6. È cosa almeno ogni entità che abbia estensione materiale, e in tal senso ogni uomo anche già fatto; ma non ogni cosa, risulta appunto dall art. 810, è un oggetto di diritti. 7. Si vedano l art. 22 della Convenzione di Oviedo e l art. 3.8 della Dichiarazione di Amsterdam del 1994 sui diritti del paziente; e in dottrina ad es. D. Messinetti, Identità personali e processi regolativi nella disposizione del corpo, in «Rivista critica del diritto privato», 1995, pp. 197ss.; G. Ferrando, Il principio di gratuità: biotecnologie e atti di disposizione del corpo, in «Europa e diritto privato», 2002, pp. 765ss.; G. Cricenti, I diritti sul corpo, Napoli, Jovene, 2008, pp. 191ss.; D. Carusi, Donazioni e trapianti: allocazione e consenso, in Aa. Vv., Il governo del corpo, to. 1, nel Trattato di biodiritto diretto da S. Rodotà e P. Zatti, Milano, Giuffrè, 2011, pp. 1119ss. 8. Dei capelli tagliati dal parrucchiere ammettiamo tuttora che siano in proprietà del cliente, il quale, lasciando il salone di bellezza senza curarsene, li abbandona a chiunque creda di poterne trarre utilità.

9 La donazione per la nascita dell embrione sopranumerario 9 l altro per i gameti maschili e femminili. A quale altro giuridico principio potrebbe ora rivolgersi lo sguardo relativamente all embrione? Nei limiti in cui scelte, decisioni di destinazione, si rendono possibili di fatto e per legge, alle persone madri che in questo caso sono due occorre riconoscere in comune la prima intitolazione. Di diverso avviso si è mostrata recentemente una Commissione ministeriale di studio a presidenza D Agostino. Secondo la sua relazione 9, scelte quanto all embrione non sono possibili, o se si preferisce il titolo a compierle se lo sarebbe assunto direttamente il legislatore, i cui comandi depurati dai contenuti incostituzionali si risolverebbero ora nel prescrivere: se non impiantati nell utero della madre, siano conservati in saecula saeculorum. Ma questa è sotto vari aspetti una conclusione contraria allo spirito della stessa legge, che con evidenza reclama la massima possibile assicurazione dello sviluppo degli embrioni. Per tale ragione è da ammettere per diritto positivo come è già stato riconosciuto 10 che le coppie abbiano accesso alla diagnosi prenatale così da poter decidere l innesto di almeno qualcuno tra gli embrioni prodotti in laboratorio. Un altro impiego dell embrione in vitro, in alcun modo menzionato dalla legge, pare da riconoscersi non per questo proibito, ma al contrario de iure condito nei limiti di cui si dirà ammissibile. Si tratta della destinazione dell embrione a una donna diversa da quella con i cui gameti esso è stato generato: strada espressamente indicata come praticabile circondata da molte cautele, ma comunque praticabile siccome, evidentemente, preferibile alla congelazione ad libitum, da più di una legislazione straniera 11. Il divieto legislativo della così detta fecondazione eterologa qualunque cosa se ne pensi non osta alla possibilità di tale destinazione. L esigenza di coincidenza tra genitore giuridico e genitore biologico, che con tal divieto il diritto vigente oggettivamente afferma quanto 9. Commissione di studio sugli embrioni crioconservati nei centri di PMA nominata con decreto del ministro del Lavoro della Salute e delle Politiche sociali il 25 giugno, Relazione finale, 8 gennaio Di difficile reperibilità forse per problemi organizzativi presso il Ministero e sul relativo sito internet, il testo della Relazione e delle Postille di alcuni commissari può leggersi in Carusi Castignone (curr.), op. cit., pp. 147ss. 10. Cfr. Cass., 21 gennaio 2009, in «Rivista di diritto penale», 2009, p. 669 e in «Guida al diritto», 2009, 20, p. 91; Trib. Salerno, 9 gennaio 2010, ivi, 2010, 9, p Si veda A. Pinori, Sul trattamento giuridico dell embrione in altri Stati europei, in Carusi Castignone (curr.), op. cit., 87ss.

10 10 Donato Carusi alle vite future, per diritto vigente soccombe di fronte alla tutela della vita attuale già con le norme sull adozione. Ciò che vale per i gameti il divieto di impiego al fine di istituire un rapporto di genitorialità in assenza di derivazione genetica non può valere per l embrione: poiché solo dell embrione, e non dei gameti, la legge «assicura i diritti». Il legislatore positivo ha fatto il possibile ed anche l impossibile il costituzionalmente impossibile per marcare la differenza tra la vita embrionale e ciò che sta prima di essa. Perché ha previsto incentivazioni agli studi sulle tecniche di crioconservazione dei gameti (art. 2.1) e allo stesso tempo configurato come eccezionale la conservazione degli embrioni (artt. 14.1, 14.3, 17.2)? Perché ha vietato la loro soppressione (art. 14.1)? Perché ha preteso di fissare «al momento della fecondazione dell ovulo» il limite oltre il quale «la volontà» di fruire delle tecniche non «può essere revocata» (art. 6.3) e di inibire il residuare al trasferimento in utero di embrioni sopranumerari (art. 14.2, direttamente colpito dalla pronuncia di incostituzionalità)? Perché ha scritto che l impianto impedito da «causa di forza maggiore» è nondimeno «da realizzare non appena possibile»? Queste disposizioni oggettivamente corrispondono, e conferiscono dignità di diritto positivo, a un giudizio di urgenza della chiamata alla nascita dell embrione. Depurato dalle sue articolazioni incompatibili con la Costituzione, tale favor per la nascita resta in vigore, ed è appunto un elemento cui far capo un elemento non ignorabile nel fronteggiare la questione degli embrioni sopranumerari Potrebbe obiettarsi che il legislatore del 2004, pur rimuovendo il tema degli embrioni in soprannumero a venire, si è rivolto nell art. 17, co. 2 e 3, agli embrioni conservati prima dell entrata in vigore della legge, e ciò ha fatto senza prevedere la loro destinazione a soggetti diversi dai genitori biologici. Questo argomento ci sembra in qualche modo più consistente di quello basato sul divieto delle tecniche eterologhe, ma a propria volta non conclusivo. Le ragioni per le quali la legge non dixit possono essere in fatto le più varie: dimenticanza, da parte dei redattori, dell ipotesi o questione non menzionata; erroneo convincimento che altri indici normativi valgano a dirimerla; compromissoria decisione di lasciare alla giurisprudenza la risoluzione di un nodo tra gli stessi redattori controverso. Anche ammettendo che il silenzio della legge possa senz altro farsi equivalere ad un divieto, occorrerebbe giungere alla conclusione che nella legge stessa si annidi un antinomia, precisamente consistente nella coesistenza di tal divieto di destinazione degli embrioni già esistenti col riconoscimento ad essi, in quanto «concepiti», di «soggettività» e di «diritti»: e difficilmente l antinomia potrebbe sciogliersi nel senso della prevalenza sui «principi generali» (capo di cui fa parte l art. 1) delle «disposizioni transitorie» affidate all art. 17.

QUADERNI DI BIODIRITTO

QUADERNI DI BIODIRITTO QUADERNI DI BIODIRITTO 3 Direttore Giuseppe Cricenti Tribunale Ordinario di Roma Comitato scientifico Guido Alpa Sapienza Università di Roma Giovanni Arcudi Università degli Studi di Roma Tor Vergata Angelo

Dettagli

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Prefazione di GUIDO ALPA... pag. XI ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Premessa... pag. 1 2. Compiti e obiettivi del legislatore del 2004...» 2 3. Su alcune caratteristiche dell impianto legislativo...»

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 Noi sottoscritti: DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA FIVET-ICSI (FECONDAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO DELL'EMBRIONE) TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI II LIVELLO Ai sensi della Legge 19 febbraio

Dettagli

INDICE. Gli Autori... Introduzione di Pasquale Stanzione...

INDICE. Gli Autori... Introduzione di Pasquale Stanzione... Gli Autori... XI Introduzione di Pasquale Stanzione... XIII Capitolo Primo NORME IN MATERIA DI PROCREAZIONE ASSISTITA: PRINCIvPI GENERALI Giovanni Sciancalepore 1. Il recente intervento normativo in tema

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O 5 A G O S T O 2015 La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni La fissazione dei criteri soggettivi d accesso

Dettagli

Biodiritto. Giuseppe Cricenti. Comitato scientifico. Nicolò Lipari. Francesco Mancuso. Salvatore Mazzamuto. Cosimo Mazzoni.

Biodiritto. Giuseppe Cricenti. Comitato scientifico. Nicolò Lipari. Francesco Mancuso. Salvatore Mazzamuto. Cosimo Mazzoni. Roberto Andorno UNIVERSITÀ DI ZURIGO Guido Alpa Giovanni Arcudi Angelo Barba DI SIENA Patrizia Borsellino DI MILANO BICOCCA Donato Carusi DI GENOVA Paolo Cendon DI TRIESTE Biodiritto RIVISTA SEMESTRALE

Dettagli

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia.

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia. {mosimage}il TAR del Lazio ha giudicato illegittime le linee guida della Legge 40, la legge che regolamenta in Italia la fecondazione artificiale. La parte contestata sulla quale si è pronunciato il Tar

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI I ETEROLOGA CON DONAZIONE DI SEME Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni Noi sottoscritti: Sig.ra nata

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA RESPONSABILI SCIENTIFICI Dr. Alessio Paffoni Specialista in Genetica Medica, Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, U.O. Sterilità

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I Il Giudice, nel procedimento a seguito di ricorso ex art. 700 c.p.c. depositato l 1 luglio 2008 e di cui al n. 11489/2008, rileva: B.G. e B.B. hanno esposto: di essere coniugati

Dettagli

QUADERNI DI BIODIRITTO

QUADERNI DI BIODIRITTO QUADERNI DI BIODIRITTO 6 Direttore Giuseppe Cricenti Tribunale Ordinario di Roma Comitato scientifico Guido Alpa Sapienza Università di Roma Giovanni Arcudi Università degli Studi di Roma Tor Vergata Patrizia

Dettagli

Obiezione di coscienza

Obiezione di coscienza Associazione Scienza & Vita Obiezione di coscienza Gruppo di sostegno Associazione Scienza & Vita di MACERATA Roma, 10/11/2007 Circolare Ordine dei Medici di Macerata del 23-2-2007 2007 "PILLOLA DEL GIORNO

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di Indice delle pronunce sulla legge 40 del 2004 (aggiornato al 15 febbraio 2013 a cura dell Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica) 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

LA PROCREAZIONE ASSISTITA

LA PROCREAZIONE ASSISTITA Riccardo Villani LA PROCREAZIONE ASSISTITA La nuova legge 19 febbraio 2004, n. 40 G. Giappichelli Editore - Torino Prefazione XI 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. CAPITOLO 1 LA NUOVA LEGGE Introduzione La procreazione

Dettagli

FORUM ETICO ANNO 2004

FORUM ETICO ANNO 2004 GRUPPO MINISTERIALE CENTRO CRISTIANO IL BUON SAMARITANO FORUM ETICO ANNO 2004 1. Premessa 2. Patologie e Tecniche della PMA 3. Quadro della nuova legge 4. Opinioni della stampa e della cultura 5. Spunti

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40 PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Legge 19 Febbraio 2004 n 40 Finalità Art. 1: Al fine di favorire la soluzione di problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla fertilità umana è consentito

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Trib. Alba, 25.3.2009 [Fallimento-Fondazione-Esercizio in forma mediata di attività di impresa]...» 1099 Commento di A. Pierri...

Trib. Alba, 25.3.2009 [Fallimento-Fondazione-Esercizio in forma mediata di attività di impresa]...» 1099 Commento di A. Pierri... INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 11 o (novembre 2009) Parte prima - Sentenze commentate Corte giust. CE, I sez., 23.4.2009, cause C-261/07 e C-299/07 [Consumatore-Pratiche commerciali-offerte cc.dd. «congiunte»

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

INDICE. Traccia per la discussione RELAZIONE INTRODUTTIVA DISCUSSIONE

INDICE. Traccia per la discussione RELAZIONE INTRODUTTIVA DISCUSSIONE INDICE pag. Prefazione XIII Traccia per la discussione XIX RELAZIONE INTRODUTTIVA LA PROCREAZIONE ASSISTITA TRA ORDINARIETÀ ED EMERGENZA di MICHELA MANETTI 1 DISCUSSIONE IRRAGIONEVOLEZZA DELLE NORME O

Dettagli

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Interrogazione a risposta scritta presentata dagli Onorevoli LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Alla Ministra della Salute Per sapere premesso che: - Il 9 aprile 2014, con sentenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Prof. GIAMPIETRO FERRI Università degli Studi di Verona

Prof. GIAMPIETRO FERRI Università degli Studi di Verona Prof. GIAMPIETRO FERRI Università degli Studi di Verona Carriera accademica Laureato in Giurisprudenza nell Università degli Studi di Bologna il 12 dicembre 1990. Cultore della materia (Istituzioni di

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Medicina della Riproduzione

Medicina della Riproduzione Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri Salute

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon 2 DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon Le sentenze che cambiano il diritto, l Europa e le sue regole, il legislatore speciale che

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

Area Preconcezionale

Area Preconcezionale Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi della legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri

Dettagli

Corte Cost., ordinanza 19 luglio 2012 n. 196 (Pres. Quaranta, est. Morelli)

Corte Cost., ordinanza 19 luglio 2012 n. 196 (Pres. Quaranta, est. Morelli) Persone Fisiche e Soggetti ART. 4 DELLA LEGGE 22/05/1978, N. 194 - ABORTO E INTERRUZIONE VOLONTARIA DELLA GRAVIDANZA - INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA NEI PRIMI NOVANTA GIORNI DAL CONCEPIMENTO - FACOLTÀ

Dettagli

Il divieto di fecondazione eterologa e il problema delle antinomie tra diritto interno e Convenzione europea dei diritti dell uomo di M.

Il divieto di fecondazione eterologa e il problema delle antinomie tra diritto interno e Convenzione europea dei diritti dell uomo di M. INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 1 o (gennaio 2011) Parte prima - Sentenze commentate Cass. civ., III sez., 7.7.2010, n. 15986 [Comodato-Comodato precario-mancanza di un termine di efficacia del vinculum

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione.

La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione. La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione. di Benedetta Liberali, dottoranda di ricerca in diritto costituzionale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione... pag. VII La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. IX Indice-Sommario... pag. XV CAPITOLO I STORIA GIURIDICA DELLA FILIAZIONE

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari A12 Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

Requisiti soggettivi

Requisiti soggettivi Legge 40 e diritti della donna un'analisi critica della disciplina sulla PMA A. Schuster Requisiti soggettivi Italia - coppie maggiorenni - di sesso diverso - coniugate o conviventi - in età fertile -

Dettagli

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o Ne bis in idem: modifica delle condizioni di separazione ex art. 710 c.p.c. e divorzio (improcedibile il primo, se instaurato il secondo) commento a decreti del Tribunale di Genova, 31.01.2012 e 21.02.2012)

Dettagli

Professore ordinario a tempo pieno

Professore ordinario a tempo pieno NOME E COGNOME Raffaella DE MATTEIS DATA E LUOGO DI NASCITA Nata a Nuoro il 18.10.1948 RESIDENZA Genova,via T. Galimberti 7/14. E-MAIL demattei@economia.unige.it NAZIONALITÀ Italiana CURRICULUM STUDI LAUREA

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

SCADENZA: 15/10/2013

SCADENZA: 15/10/2013 COMUNE DI CALTRANO (VI) ISTITUZIONE CASA DI RIPOSO DI CALTRANO Via Roma n. 45 36030 Caltrano (VI) c.f. 84000910244 p.i. 00541820247 n. tel. 0445/390057 fax n. 0445/395931 e-mail casariposo@comune.caltrano.vi.it

Dettagli

ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA

ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI ECONOMIA PUBBLICAZIONI DELL'ISTITUTO GIURIDICO 14 GIANDOMENICO MILAN ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI

Dettagli

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 Diagnosi e intervento su embrioni Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Diagnosi prenatale 2 3 4 DIAGNOSI PRENATALE É l insieme di esami compiuti sull embrione stesso, per accertare se

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

ORDINANZA N. 369 ANNO 2006

ORDINANZA N. 369 ANNO 2006 ORDINANZA N. 369 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE - Ugo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PALAGIANO, DONADI, MURA, DI PIETRO, DI GIUSEPPE, EVANGELISTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PALAGIANO, DONADI, MURA, DI PIETRO, DI GIUSEPPE, EVANGELISTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2058 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PALAGIANO, DONADI, MURA, DI PIETRO, DI GIUSEPPE, EVANGELISTI Disposizioni per consentire

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2014 2/2014/E/EEL DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DA DE STERN 11 S.R.L. NEI CONFRONTI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1 INDICE INTRODUZIONE 1. Una premessa................................... 1 SEZIONE I: FILIAZIONE FUORI DEL MATRIMONIO: PROSPETTIVA STORICA E COMPARATA 1. L età classica...................................

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

-Notizie Utili Conoscere i diritti è un diritto- Tratto da INFODIRITTI. permessi dal lavoro per assistere il figlio anche se la madre è casalinga.

-Notizie Utili Conoscere i diritti è un diritto- Tratto da INFODIRITTI. permessi dal lavoro per assistere il figlio anche se la madre è casalinga. -Notizie Utili Conoscere i diritti è un diritto- Tratto da INFODIRITTI *Il padre può usufruire di permessi dal lavoro per assistere il figlio anche se la madre è Un Caporal Maggiore dell esercito, divenuto

Dettagli

II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia

II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia Presidente: G.B. La Sala Direttori: A. Nicoli, M.T. Villani Reggio Emilia 20-21 maggio 2011 15 crediti ecm Sede del Corso: Aula di

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

L attuale situazione normativa in Italia

L attuale situazione normativa in Italia L attuale situazione normativa in Italia Eutanasia e suicidio assistito Rifiuto dei trattamenti sanitari Testamento biologico Cure palliative Avv. Nicola Menardo Grande Stevens Studio Legale Associato

Dettagli

PICCOLA GUIDA alla privacy

PICCOLA GUIDA alla privacy PICCOLA GUIDA alla privacy Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Materno-Infantile Burlo Garofolo Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del

Dettagli

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 727 NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 (Progetto di legge, definitivamente approvato il 10.02.2004 num. 47). Nella seduta del 10 febbraio la Camera dei

Dettagli

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Sandra Santucci Medico Genetista Dipartimento di Cure Primarie Azienda Usl Modena Embrioni crioconservati Presente e futuro Modena 11 maggio 20013 Nel febbraio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO relatore Avv. Annalisa Valgimigli Dati ISTAT in Italia persone disabili: I portatori di handicap sono oltre due milioni e 600 mila su un totale di 57.000.000 di cittadini, di

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO del Prof. Remigio PERCHINUNNO. - professore ordinario di Istituzioni di Diritto Privato presso la Facoltà di Economia

CURRICULUM SCIENTIFICO del Prof. Remigio PERCHINUNNO. - professore ordinario di Istituzioni di Diritto Privato presso la Facoltà di Economia CURRICULUM SCIENTIFICO del Prof. Remigio PERCHINUNNO - professore ordinario di Istituzioni di Diritto Privato presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Bari dal 1990 ; - dal 1997 ha

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI

CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI Laureato in Giurisprudenza presso l Università di Torino, con tesi in materia di diritto europeo dell ambiente, con votazione di 110/100, lode e dignità di stampa. Dottore

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM

LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM RIFLESSIONI A MARGINE DEI REFERENDUM SULLA LEGGE N. 40 DEL 2004 1 Francesco Drago (Dottorando di ricerca in Teoria dello Stato e istituzioni politiche

Dettagli

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia La dichiarazione anticipata di trattamento (alias Testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l espressione della volontà da parte

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante RASSEGNA STAMPA Sabato, 06 giugno 2015 Il Sole 24 Ore 1 Procreazione assistita: generare figli sani è un diritto inviolabile 2 Niente doppia sanzione sugli incarichi Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 La Cassazione:

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli