pubblicazioni Non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha creato il problema... (A.Einstein)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pubblicazioni Non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha creato il problema... (A.Einstein)"

Transcript

1 pubblicazioni Aspetti etici in medicina critica: iniziare o no (witholding) - interrompere un tentativo (withdrawing) - limitazione delle cure (forgoing). Proposta per un algoritmo operativo Walter Cataldi - Medico Ausl Di Ravenna - Ambito Territoriale di Faenza - Servizio autonomo di Pronto Soccorso, Accettazione Sanitaria e Medicina d Urgenza Riassunto I concetti di etica vengono spesso visti come qualcosa di astratto nella pratica della Medicina Critica. In realtà ogni giorno i medici e le loro équipe fanno delle scelte che comportano delle conseguenze. In questo articolo si vuole esaminare come i criteri di autonomia, giustizia, beneficità siano strettamente collegati con quelli di informazione corretta del paziente, adeguatezza dell uso delle metologie, coinvolgimento del paziente e dei parenti nel processo decisionale. Parole chiave: Bioetica, DNR, DNAR. Summary Ethical issues are often considered as not as a part of decision making in the critical situations of the Emergency Medicine. On the other side, physicians and their equipes have to take into account every day also the ethical aspects of their decisions. The aim of this work is to examine how issues as autonomy, justice, beneficience are connected with a right information of the patients, a right use of methodologies, an involvement of the patients and his relatives in the decision making. Non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha creato il problema... (A.Einstein) 50 Premessa La capacità predittiva dei medici riguardo ai pazienti che moriranno (1) è meno del 42%. Quante volte ci chiediamo: quale paziente può realmente ricevere beneficio dalle cure intensive? Interessante a proposito dei fini quotidiani da raggiungere in pratica in Medicina Critica il paragone proposto da Ters (2). La filosofia del nostro comportamento, secondo l autore, è quella della terapia dello scompenso cardiaco: 1. ridurre il pre-carico, cioè dare alternative all afflusso verso l ospedale; 2. aumentare la contrattilità miocardica, cioè migliorare le performance del reparto; 3. ridurre il post-carico cioè creare le condizioni per il deflusso dei pazienti. A questi scopi affianchiamo una sempre maggiore esigenza di dare un senso a quello che facciamo quando dimettiamo o non ammettiamo i nostri malati, quando sentiamo l esigenza di costruire per loro delle alternative in cui crediamo, quando sentiamo la necessità di concordare con i nostri pazienti e con i loro famigliari (perché si ammala una persona ma soffre e partecipa una famiglia) le alternative possibili nell interesse di un risultato da raggiungere. Tra le grandi sfide del Piano Sanitario Nazionale ci pare particolarmente

2 stimolante quella che riguarda la rivoluzione etica. Il consenso informato del paziente e i problemi legati all origine ed al termine della vita impongono a tutti gli operatori dell urgenza una seria riflessione sui comportamenti assunti. Esiste, e non è rara, la morte inutilmente intubata : non è desiderabile per la dignità del paziente, provoca reazioni dolorose nei parenti e non gratifica chi è preposto all emergenza rianimatoria. Parleremo di questo fissando l attenzione su alcuni punti principali con lo scopo di riflettere su: le implicazioni etiche implicite nella pratica della rianimazione cardiopolmonare; considerazioni relative alla decisione di iniziare e sospendere gli sforzi rianimatori. Cercheremo di proporre sulla base di considerazioni espresse un algoritmo operativo. Le implicazioni etiche implicite nella pratica della rianimazione cardiopolmonare Un intervento ALS ha gli stessi obiettivi di tutti gli altri interventi della medicina: conservare la vita ripristinare la salute togliere la sofferenza limitare i postumi disabilitanti. Oltre a questi ne ha uno tutto suo: rendere reversibile una situazione di morte clinica che però viene raggiunto in una minoranza di casi quando si interviene su un paziente in arresto cardiaco, in genere perché il cuore resiste all anossia meglio del cervello. Il prolungamento della vita può essere ottenuto a prezzo di gravi deficit neurologici fino allo stato vegetativo. La conduzione di un tentativo di ALS può pertanto entrare in alcuni casi in conflitto con gli interessi del paziente o con i suoi desideri e il medico deve pensare a che cosa è meglio per il suo paziente. Ogni decisione su quando iniziare o quando terminare una CPR è personale e viene presa utilizzando criteri a volte discutibili ma comunque di due tipi: di carattere etico e di carattere tecnico scientifico. i principi etici più largamente condivisi (3) sono quelli di: beneficità - non maleficità autonomia giustizia Beneficità - non maleficità è il principio che evidenzia che l obiettivo del gesto sanitario è produrre un vantaggio al soggetto, quindi con previsione di provvedimenti e rischi adeguati e proporzionati. Autonomia è il principio che sottolinea come una persona abbia il diritto di decidere per sé e quindi di essere adeguatamente informata. Giustizia è il principio che evidenzia la necessità di stabilire, a fronte di risorse non illimitate, dei criteri per un equa distribuzione. Quindi possiamo anche dire che beneficità e appropriatezza vanno insieme, così come autonomia e informazione: senza l una anche l altra ha poco senso. Negli anni la medicina intensiva trattava per lo più insufficienza di funzioni vitali in pazienti acuti: infarto del miocardio insufficienza respiratoria acuta post-operatori da chirurgia maggiore politraumatismi Nel corso degli anni ai tradizionali pazienti (3) si è aggiunta una quota sempre crescente di pazienti affetti da: patologie cronico - degenerative riacutizzate patologie acute che insorgono nel contesto di patologie croniche. Si pensi alla storia naturale dei pazienti affetti da ischemia miocardica o insufficienze respiratorie croniche; sono pazienti in cui il trattamento adeguatamente aggressivo comporta condizioni di vita accettabili tra un evento e l altro; pur tuttavia sono pazienti destinati a ripresentarsi altre volte alle porte del pronto soccorso con riserve fisiopatologiche sempre più limitate. Questi i motivi di questa variazione della popolazione: 1. aumento dell età media; 2. prolungamento del decorso delle patologie cronico-degenerative per maggior efficacia dei trattamenti; 51

3 3. tendenza ad inviare in ospedale anche pazienti in fase di malattia terminale; 4. la diffusione del sistema 118 di emergenza territoriale, che comporta condizioni operative di decisioni prese in carenza di informazioni, in tempi stretti, senza supporti strumentali, in contesti ambientali difficili. L equa distribuzione delle risorse è un dovere del medico dell urgenza e gli impone cambiamenti culturali nei quali sempre di più si fa strada il concetto di appropriatezza, soprattutto oggi che le scelte possono essere pianificate e ci si può preparare tecnicamente a sostenerle. I pazienti che muoiono costano di più di quelli che sopravvivono (19). La domanda che ci dobbiamo fare è: quale paziente può realmente ricevere beneficio dalle cure intensive? Inoltre gli operatori sanitari devono poter dimostrare a se stessi che le loro decisioni sono compatibili con i diritti umani. È rilevante in letteratura la presenza di dati che forniscono un quadro della realtà che genera dubbi inquietanti; per esempio esistono differenze di trattamento in base a età, sesso, origine etnica, livello socio-economico. I pazienti maschi, più giovani, inglesi di razza bianca, benestanti - a parità di quadro clinico - sono sottoposti ad un maggior numero di coronarografie e trattamenti trombolitici rispetto a soggetti anziani, di sesso femminile, o indiani nel Regno Unito (4,5,6). Considerazioni relative alla decisione di sospendere gli sforzi rianimatori In Italia questo ultimo tipo di problemi non è arrivato ed i problemi etici in particolare riguardo la CPR e la pratica ALS sono di altra dimensione: in particolare: iniziare o no (witholding) interrompere un tentativo (withdrawing) limitare le cure (forgoing) Particolarmente connessi alle decisioni sulla CPR sono alcuni diritti del cittadino recepiti in Italia con la Legge n.145 del marzo 2001: il diritto alla vita; il diritto a non essere sottoposti a trattamenti 52 inumani o degradanti (articolo 3); il rispetto della privacy e della vita familiare (articolo 8); la libertà di espressione, che include il diritto di avere opinioni e di ricevere informazioni (articolo 10); il diritto a non essere sottoposti a pratiche discriminatorie riguardo i diritti sopra elencati (articolo 14). La fruibilità di un diritto può però dipendere dalla conoscenza del diritto stesso e dall informazione che viene data circa le conseguenze derivanti dal fruire o no del diritto steso. Grafico 1 Percentuali di medici che informano circa la possibilità di essere sottoposti a CPR i propri pazienti, le loro famiglie, entrambi. Il grafico 1 evidenzia come pochi medici informino sull argomento CPR e possibilità ALS, in genere il paziente, la famiglia, entrambi (1) decidendo in base a criteri non sempre condivisi tra gli stessi medici. Un recente studio di Holmes e Jorgensen (8) pubblicato su Resuscitation 50 (2001) evidenzia alcuni interessanti elementi di riflessione: I medici hanno dimostrato di non essere in grado di essere precisi nel predire se una pratica rianimatoria avrà successo oppure no; la volontà del paziente e l opinione dei parenti spesso non sono dati disponibili; i criteri di giudizio dei medici includono in larga parte criteri non medici. Questi fatti sottolineano la grande importanza che assume la necessità di coinvolgere maggiormente il paziente nel processo decisionale o la sua famiglia ogni qual volta sia possibile, in particolare, tenendo conto che la popolazione a cui ci rivolgiamo è affetta da malattie che fanno prevedere determinati aggravamenti.

4 La domanda allora è più di una: Quale paziente può realmente ricevere beneficio dalle cure intensive? Quale beneficio ci possiamo attendere per quel paziente? Il beneficio è legato all uso massimale di mezzi? I tentativi di rianimazione nei pazienti morenti non aumentano la dignità e la serenità che noi ci auguriamo per i nostri pazienti. Codice di Deontologia Medica 1998 (18): In caso di malattie a prognosi sicuramente infausta o pervenute alla fase terminale, il medico deve limitare la sua opera all assistenza morale e alla terapia atta a risparmiare inutili sofferenze (art. 37); Il medico deve astenersi dall ostinazione in trattamenti, da cui non si possa fondatamente attendere un beneficio per la salute del malato e/o un miglioramento della qualità della vita. (art. 14). C è una considerevole pressione morale ed etica su chi ha il compito di praticare manovre rianimatorie, legata all atteggiamento della società nei confronti della medicina tecnologicamente e scientificamente avanzata; attesa di grandi risultati ma anche timore di: spersonalizzazione onerosità accanimento invasività Un questionario etico distribuito nel 1990 ai membri della Società Europea di Terapia Intensiva evidenzia che in Italia le disposizioni di non sottoporre i pazienti a CPR (DNR orders) vengono date con frequenza inferiore solo alla Germania (3) ma non vengono mai messe per iscritto. C è un problema di comportamenti nelle pratiche invasive in emergenza: lo sanno gli operatori medici e lo sanno i pazienti ed i loro familiari (9): 1. il fai del tuo meglio richiesto dai parenti non necessariamente vuol dire esegui interventi aggressivi; 2. all opposto, quando la decisione di rifiutare un trattamento è del paziente, ciò mette in difficoltà il tradizionale paternalistico atteggiamento etico del medico. Parliamo di un questionario (9) inviato a 1459 medici della European Society of Intensive Care Medicine erano i membri di 16 paesi dell Europa occidentale, alcuni raggruppati (Belgio + Lussemburgo, Finlandia + Danimarca + Norvegia, UK + Irlanda), così i gruppi sono diventati 12. Rispondono in 504 dall Italia. Il 45% degli intervistati si dichiara cattolico, ed il 41% considera la religione importante nella fase decisionale. Disponibilità di posti letto: la carenza di letti è più comune in Grecia, Italia, Portogallo, UK. Il 73% ammette malati considerati senza speranza nonostante solo il 33% sente che questo è giusto. In caso di arresto cardiaco i DNR scritti sono applicati dal 58% di coloro che hanno risposto, con variazioni di percentuale nei vari paesi, dall 8% in Italia al 91% in Olanda. Il 77% discute i DNR con i parenti; ma solo il 26% con il paziente; le femmine sono 17%, i maschi il 28%, i Cattolici meno dei Protestanti: 18% contro 34%. Witholding praticato dal 93%, withdrawing dal 77%. Il 40% afferma che avrebbe somministrato dosaggi di alcuni farmaci ai limiti superiori fino all arrivo della morte. Medici con oltre 50 anni dicono che la terapia dovrebbe essere interrotta withdrawing. Medici più giovani dicono che non dovrebbe essere iniziata witholding. Il 70% risponde che la decisione riguarda lo staff medico. Esempio su cui era richiesta una risposta teorica: uomo di 40 anni è in coma post anossico dopo arresto cardiaco secondario a IMA. Dopo 6 giorni è ancora in coma, respiro spontaneo con un tubo a T. Se il paziente non ha famiglia il 49% vorrebbe non fare ulteriore terapia ed il 29% interrompere il trattamento. Il 17% darebbe ulteriori sedativi per accelerare l evoluzione. Le risposte cambiano quando si aggiunge che il desiderio della famiglia era che tutto il possibile fosse fatto. La popolazione si sottopone abitualmente a procedure notevolmente invasive; si pensi alle 53

5 pratiche della chirurgia dei trapianti e non c è un problema invasività dei trapianti o comunque si pone in termini diversi, forse perché tali pratiche vengono progettate insieme con il paziente e quindi con il consenso. Inoltre l invasività è proporzionata al risultato che ci si aspetta. Il principio della proporzionalità delle cure è un punto di riferimento anche per la chiesa Cattolica (17-16): La rinuncia a mezzi straordinari o sproporzionati non equivale al suicidio o all eutanasia; esprime piuttosto l accettazione della condizione umana di fronte alla morte. Pur in assenza di criteri certi e rapidi per decidere di non tentare o non continuare una rianimazione i criteri che più frequentemente se utilizzati permettono di agire nell interesse del paziente (8) sono il rispetto di: La volontà del paziente (anche mediante le direttive anticipate ) L opinione dei parenti o degli amici più intimi La prognosi del paziente a medio e lungo termine La conoscenza obiettiva della precedente qualità di vita del paziente La qualità di vita prevedibile in termini di benessere fisico e sociale La capacità che il paziente ritiene di avere di adattarsi alla invalidità nell ambiente a cui è destinato. É evidente che i criteri di giudizio dei medici includono in larga parte criteri non medici (7). Questi fatti sottolineano ancora una volta la grande importanza che assume la necessità di coinvolgere ogni qualvolta sia possibile ed opportuno nel processo decisionale il paziente e/o la sua famiglia, in particolare tenendo conto che la popolazione a cui ci rivolgiamo è affetta da malattie che si riacutizzano e spesso fanno prevedere determinati aggravamenti. Avendo la possibilità di raccogliere tali elementi si possono proporre alcuni criteri di DNR o di DNAR, ad esempio quelli che nel Regno Unito vengono consegnati al personale delle ambulanze e redatti dalla Joint Royal Colleges and Ambulance Liaison Committee 54 (JCALC); in essi sono identificate condizioni inequivocabilmente associate alla morte condizioni in cui è necessario un ECG per confermare la diagnosi. Condizioni in cui esistono chiare disposizioni del paziente e del medico. Gruppo A - condizioni inequivocabilmente associate alla morte Decapitazione Distruzione cranica e cerebrale massiva Emicorporectomia (o lesione massiva analoga) Decomposizione Combustione Rigor mortis Macerazione fetale Gruppo B - condizioni che richiedono la registrazione ECG Asistolia continua, malgrado rianimazione cardio-polmonare per più di 20 minuti in paziente normotermico Asistolia in pazienti in arresto da almeno 15 minuti che non hanno ricevuto rianimazione e che non hanno polso né respiro spontaneo all arrivo dell ambulanza (non deve esservi anamnesi positiva per somministrazione di sedativi, ipnotici, ansiolitici, oppiacei o farmaci anestetici nelle ventiquattrore precedenti). Gruppo C - condizioni in cui esistono chiare disposizioni del paziente e del medico È il caso di una malattia terminale in cui il medico di famiglia ha dato chiare disposizioni di non rianimare il paziente. Ulteriori criteri per non iniziare una CPR o per interromperla sono (14): L intervallo tra l arresto e il BLS Se l intervallo è superiore a cinque minuti la prognosi è sfavorevole a meno che non ci siano fattori protettivi L intervallo tra il BLS e l ALS La sopravvivenza è rara se la defibrillazione e/o la terapia farmacologica non vengono effettuate entro i 30 minuti dall arresto Segni di morte cardiaca Per i pazienti in asistolia la rianimazione dovrebbe essere interrotta dopo 20 minuti.

6 Prognosi probabile e malattie sottostanti Età Temperatura Assunzione di farmaci prima dell arresto cardiaco Fattori precipitanti trattabili Il pronto soccorso e la medicina d urgenza, ed ancor di più le terapie intensive, sono un luogo in cui i tempi concessi all intervento spesso configurano situazioni in cui: la dignità umana è particolarmente vulnerabile; la personalità del paziente è scarsamente o per nulla rappresentata. É il medico che decide. Questo vuol dire nuove responsabilità: se manca l autonomia decisionale del paziente anche gli altri principi cardine della bio-etica possono entrare in conflitto tra loro. Che cosa possono temere da noi i nostri pazienti? Che cosa temiamo noi e i nostri pazienti? Forse temiamo un intervento senza proporzione tra invasività e risultati attesi. Forse temiamo la non ragionevolezza. Forse parlando di situazioni critiche è ragionevole ciò che è adeguato, proporzionato, appropriato. Nell introduzione del text-book che veniva consegnato nel 1992 agli allievi dei corsi ACLS organizzati da AHA si trovava una riflessione di R.O.Cummings (7) secondo cui ci sono cuori troppo buoni per morire, ed altri che sono giunti alla conclusione dei propri sforzi. La prima riflessione era la logica conseguenza di un ragionamento secondo il quale: la morte è un evento che segue ad una certa distanza di tempo dall insorgere di altri eventi; a volte gli eventi che poi hanno come conseguenza la morte sono reversibili se si interviene con efficacia prima dell instaurarsi di danni cellulari. In ospedale le particolari situazioni di co-morbilità comportano la conseguenza che l arresto cardiaco abbia come ritmo di esordio più frequente un asistolia o un attività elettrica senza Polso (PEA) (14). In ospedale più frequentemente un paziente in crisi non è un paziente in arresto cardiaco In ospedale più frequentemente un paziente vede in crisi una o più sue funzioni vitali e successivamente va in arresto cardiaco. Le cause più frequenti di sofferenza che possono condurre ad un arresto sono da ricercare tra: Insufficienza respiratoria Problemi di volume circolante Problemi di frequenza cardiaca Problemi di pompa cardiaca Abituarsi a riconoscere e a trattare il paziente in peri-arresto renderebbe meno invasivo il Arresto Cardiaco Peri-arresto Criteri Anatomici Criteri Fisiologici Causa rimovibile Opinione Medico Opinione Paziente Opinione Parenti Criteri non acquisiti Criteri acquisiti Inizio ALS forgoing DNR witholding Inizio ALS fino ad acquisizione criteri Continua ALS forgoing 55

7 trattamento globale e più evidente la distinzione tra chi si può avvalere di metodi invasivi e chi no. La nostra speranza quando usiamo vasopressori, inotropi, ed altre tecniche di supporto è di comprare tempo mentre correggiamo i processi reversibili (15). Un paziente trattato in fase di peri-arresto che non abbia risposto al trattamento e che sia peggiorato fino all arresto, o ha cause rimovibili da trattare o potrebbe dignitosamente non essere trattato. Forse dovremmo conoscere meglio i nostri pazienti e diminuire la probabilità del verificarsi di uno stato vegetativo persistente: arrivando prima arrivando meglio arrivando in modo meno invasivo e più su misura Proposta di un algoritmo operativo Il principio da cui ci pare di dover partire è quello secondo cui è meglio conoscere in anticipo quali saranno i dati da raccogliere per poter prendere una decisione. Un équipe più preparata saprà sicuramente meglio riconoscere quale paziente trattare, in base a quali criteri, con quali metodologie. Limitazione delle cure non significa posizionamento di limiti alle cure, ma porre in essere le cure più adatte a quel paziente. Bibliografia 1 - Sax F.L., Charlson M.E., A prospective study of physician triage and patient outcome, Arch.Intern.Med. 1987, 147: Ters D., Civilian triage in the intensive care unit:the ritual of the last bed, Crit.Care Med. 1993, 21: Mazzon D., Orsi L. - GIVITI Approfondimenti in Terapia Intensiva Marzo Majeed F.A., Chaturvedi N., Reading R. et Al., Monitoring and promoting equity in primary and secondary care. BMJ 1994, Clarke K.W., Gray D., Keating N.A., et al., Do women with acute myocardial infarction receive the same treatment as men?, BMJ 1994, 309: Peterson E.D., Shaw L.K., Delong E.R. et al., Ratial variation in the use of coronary-revascularization procedures. N. Engl.J.Med. 1997, 336: Marshall M.F., Schwener K.J., Orsina M. et al., Influence of political power, medical provincialism, and economic incentives on the rationing of surgical intensive care unit beds, Crit.Care Med. 1992, 20: Holm S., Jorgensen E.O., Ethical issues in cardiopulmonary resuscitation. Resuscitation 50 (2001), JL Vincent. Forgonig life support in western European intensive care units: the results of an ethical questionnaire. Crit.Care Med 1999; 27: Johnson AI et al.: Results of cardiac resuscitation in 552 patients. Am J Cardiol 1967; 20: Messert B et al. Cardiopulmonary resuscitation: perspectives and problems. Lancet 1976; Blackhall LJ: Must we always use CPR? N Engl J Med 1987;317: Eisemberg MS, Cummins RO. Survival rates from outof- hospital Cardiac Arrest: Recommendations for uniform definitions and data to Report. Ann Emerg Med. 1990; 19: ALS - Manuale di Rianimazione Cardiopolmonare Avanzata Versione Italiana a cura di IRC Ed. Masson Sharon G et al. DNR or CPR The choise is ours. Critical Care Medicine Vol.20 No 9, Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori Sanitari, CdV Evangelium Viatae: il valore e l inviolabilità della vita umana. Lettera Enciclica di Giovanni Paolo II Milano, Ed.Paoline 1995, pp Codice di Deontologia Medica European Society of intensive Care Medicine, Guidelines for the utilization of intensive care units, Intensive Care Med. 1994, Chambless L. et al. For the WHO MONICA Project. Population versus clinical view of case fatalità from acute coronary heart desease. Results from the WHO MONICA Project Circulation 1997; 96: Gwinnut C.L. et al. Outcome after cardiac arrest in adults in UK hospitals; effect of 1997 guidelines. Resuscitation 2000; 47: Safar P. et al. A comparison of the mouth-to-mouth and mouth-to-airway methods of artificial respiration with the cest pressare arm-lift methods. N. England Journal 1958 ; 258 : Elam J.O. et al. Oxygen and carbon dioxide exchange and enrgy cost of expired air resuscitation. JAMA 1958; 167: Kouwenhoven W.B. et al. Closet chest cardiac massage. JAMA 1960; 173: Beck C.S. et al. Ventricular fibrillation of long duration abolished by electric shock. JAMA 1947;

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Guida al processo decisionale nell ambito del trattamento medico nelle situazioni di fine vita

Guida al processo decisionale nell ambito del trattamento medico nelle situazioni di fine vita Guida al processo decisionale nell ambito del trattamento medico nelle situazioni di fine vita Guida al processo decisionale nell ambito del trattamento medico nelle situazioni di fine vita Consiglio d

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE CITTA DI VITTORIA DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) Ai sensi dell articolo 32 della Costituzione Italiana, io sottoscritto/a......... nato/a a...... Prov...... il............... residente

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT)

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Giampaolo Azzoni Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Perché si pone il problema delle DAT 1. Straordinari progressi della bio-medicina 2. Emancipazione del paziente nei rapporti con il medico

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Carta dei diritti dei morenti

Carta dei diritti dei morenti Carta dei diritti dei morenti FONDAZIONE FLORIANI una risposta alla sofferenza dei malati terminali Oggi un numero in continuo crescendo di persone in età avanzata affronta nella solitudine e senza la

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli