Giurisprudenza Trascrizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giurisprudenza Trascrizione"

Transcript

1 Matrimonio tra omosessuali TRIBUNALE DI GROSSETO 9 aprile 2014, ord. - Pres. ed Est. Ottati E trascrivibile l atto di matrimonio celebrato all estero tra persone omosessuali, non esistendo nell ordinamento italiano alcun impedimento alla trascrizione nei registri dello stato civile dell'atto di matrimonio contratto all estero, secondo le forme previste dalla legge straniera, non avendo la trascrizione natura costitutiva, ma soltanto certificativa e di pubblicità di un atto già valido di per sé sulla base del principio tempus regit actum. Conforme Difforme Non si rinvengono precedenti in termini ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI Corte cost. 15 aprile 2010, n. 138, in Giust. civ., 2010, I, 1294; Cass. 15 marzo 2012, n. 4184, in Foro it., 2012, I, 2727 Il Tribunale di Grosseto Sciogliendo la riserva assunta all udienza del 3 aprile 2014 nel procedimento n. 113/2014 V.G., osserva: 1. Il provvedimento di rifiuto dell Ufficiale di Stato Civile del Comune di Grosseto di trascrivere nei registri dello stato civile l atto di matrimonio celebrato con rito civile il a New York (USA) tra i sigg. G. C. e S. B. si fonda sulle seguenti motivazioni: a) la normativa italiana non consente che persone dello stesso sesso possano contrarre matrimonio; b) non è possibile trascrivere l atto di matrimonio contratto all estero tra persone dello stesso sesso, in quanto nel nostro ordinamento non è previsto il matrimonio tra soggetti dello stesso sesso in quanto in contrasto con l ordine pubblico ; c) l art. 27 della legge n. 218 del 1995 dispone che la capacità matrimoniale e le altre condizioni per contrarre matrimonio sono regolate dalla legge nazionale di ciascun nubendo al momento del matrimonio; d) non è applicabile, nel caso di specie, la normativa contenuta nella dichiarazione universale dei diritti dell uomo (CEDU), ancorché ratificata con la legge n. 849 del 1955, la quale la esclude stabilendo all art. 9 che il diritto di sposarsi e di costituire una famiglia sono garantiti secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l esercizio. Il Pubblico Ministero ha espresso parere sfavorevole in ordine all accoglimento del ricorso ex art. 95 del D.P.R. n. 396 del 2000 presentato dai sigg. C. e B. avverso il succitato provvedimento di rifiuto dell Ufficiale di Stato Civile del Comune di Grosseto sul presupposto che l ordinamento italiano non attribuisce effetti giuridici al matrimonio celebrato tra persone dello stesso sesso e, pertanto, la trascrizione di unioni omosessuali non è possibile. Sia l Ufficiale di stato Civile del Comune di Grosseto sia il Pubblico Ministero hanno fatto riferimento, tra l altro, alla sentenza n del della Corte di Cassazione. 2. Si osserva, innanzitutto, che il matrimonio civile tra persone dello stesso sesso celebrato all estero non è inesistente per lo stato italiano (Cass. n. 4184/12) e non è contrario all ordine pubblico, come la Suprema Corte ha riconosciuto, sia pure non esplicitamente, nella seconda parte della motivazione della sentenza n. 4184/12 laddove ha richiamato la sentenza 24 giugno 2010 della Corte Europea dei diritti dell uomo (prima sezione, caso Shalk e Kopf c. Austria) con la quale è stato stabilito che la Corte non ritiene più che il diritto al matrimonio di cui all art. 12 della CEDU debba essere limitato in tutti i casi al matrimonio tra persone di sesso opposto, ed ha affermato che il diritto al matrimonio riconosciuto dall art. 12 della CEDU ha acquisito un nuovo e più ampio contenuto, inclusivo anche del matrimonio contratto tra due persone dello stesso sesso. 3. La normativa di riferimento per la trascrizione degli atti di matrimonio celebrati all estero corrisponde, essenzialmente, alle seguenti disposizioni: a) l art. 18 del D.P.R. n. 396 del 2000, secondo cui gli atti formati all estero non possono essere trascritti se sono contrari all ordine pubblico; b) l art. 115 del codice civile, secondo cui il cittadino italiano è soggetto alle disposizioni contenute nella sezione I del capo III del titolo VI del libro primo anche quando contrae matrimonio in paese straniero secondo le forme ivi stabilite; c) l art. 27 della legge n. 218 del 1995, secondo cui la capacità matrimoniale e le altre condizioni per contrarre matrimonio sono regolate dalla legge nazionale di ciascun nubendo al momento del matrimonio ; d) l art. 28 della legge n. 218 del 1995, secondo cui il matrimonio è valido, quanto alla forma, se è considerato tale dalla legge del luogo di celebrazione o dalla legge nazionale di almeno uno dei coniugi al momento della celebrazione o dalla legge dello Stato di comune residenza in tale momento ; e) l art. 65 della legge n. 218 del 1995, secondo cui hanno effetto in Italia i provvedimenti stranieri relativi alla capacità delle persone nonché all esistenza di rapporti di famiglia o di diritti della personalità quando 672 Famiglia e diritto 7/2014

2 essi sono stati pronunciati dall autorità dello Stato la cui legge è richiamata dalle norme della presente legge o producano effetti all ordinamento di quello Stato, anche se pronunciali da autorità di altro Stato, purché non siano contrari all ordine pubblico e siano stati rispettati i diritti essenziali della difesa. 4. Alla luce delle sopra richiamate normative, il tribunale ritiene che l atto di matrimonio oggetto del ricorso dei sigg. C. e B. possa essere trascritto nei registri dello stato civile del Comune di Grosseto, non essendo ravvisabile, nel caso di specie, alcuno degli impedimenti derivanti dalle stesse disposizioni in quanto: a) come chiarito al punto 2, il matrimonio civile tra persone dello stesso sesso celebrato all estero non è contrario all ordine pubblico; b) nelle norme di cui agli artt. da 84 a 88 del codice civile non è individuabile alcun riferimento al sesso in relazione alle condizioni necessarie per contrarre matrimonio; c) l art. 27 della legge n. 218 del 1995 contiene un implicito richiamo alle condizioni necessarie per contrarre matrimonio di cui alla sezione I del capo III del titolo VI del libro primo del codice civile, dunque vale quanto precisato alla precedente lettera b); d) è incontestato che il matrimonio celebrato all estero è valido, quanto alla forma, se è considerato tale dalla legge del luogo della celebrazione, come nel caso di specie; e) è incontestato che il matrimonio in oggetto è produttivo di effetti giuridici nell ordinamento dello Stato dove è stato celebrato e non è contrario all ordine pubblico; e non essendo previsto, nel nostro ordinamento, alcun ulteriore e diverso impedimento derivante da disposizioni di legge alla trascrizione di un atto di matrimonio celebrato all estero secondo le forme previste dalla legge straniera e che, quindi, spieghi effetti civili nell ordinamento dello Stato dove è stato celebrato, non avendo tale trascrizione natura costitutiva ma soltanto certificativa e di pubblicità di un atto già valido di per sé sulla base del principio tempus regit actum (Cass. n /13; Cass. n /98). P.Q.M. Ordina all Ufficiale di Stato Civile del Comune di Grosseto di trascrivere nei registri di stato civile il matrimonio contratto in data in New York (USA) con rito civile tra C. G., nato a Grosseto in data e B. S., nato a Fiesole (FI) il MATRIMONIO OMOSESSUALE: NOVITA DALL EUROPA? di Mario Segni Una clamorosa ordinanza del Tribunale di Grosseto ha disposto la trascrizione di un matrimonio omosessuale contratto all estero. E difficile che questa decisione modifichi la posizione della giurisprudenza, unanimemente orientata in senso contrario. Ma la giurisprudenza europea è in movimento, e sebbene riconosca agli Stati la competenza in materia matrimoniale, afferma nuovi diritti delle convivenze omosessuali. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale che dichiara illegittimo il divieto della fecondazione eterologa, si aprirà la strada per la procreazione assistita eterologa delle coppie omosessuali. Il caso (1) Cfr. Corte cost. 15 aprile 2010, n. 138, in Giust. civ., 2010, I, 1294, secondo cui è infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 93, 96, 98, 107, 108, 143, 143 bis e 156 bis c.c., nella parte in cui, sistematicamente interpretati, L ordinanza con la quale il Tribunale di Grosseto, il 3 aprile 2014, ha prescritto all ufficiale di stato civile di trascrivere il matrimonio contratto all estero da due persone dello stesso sesso ha avuto un ampio risalto. Sembra abbia avuto anche degli effetti concreti. A quanto si è appreso dalla stampa il Comune di Bari, che ha già istituito il registro delle unioni civili, starebbe considerando di ordinare all ufficio di stato civile di adottare questa prassi e quindi di accogliere immediatamente ogni richiesta di trascrizione di un matrimonio omosessuale contratto all estero. E possibile che il Comune di Bari metta in atto questo disegno e altri comuni seguano questa strada. Mi sembra difficile però che l ordinanza provochi un mutamento nell orientamento finora unanime con cui la giurisprudenza ha negato la trascrivibilità del matrimonio tra omosessuali. E prevedibile anzi che già l appello che la Procura ha proposto contro l ordinanza venga accolto. La materia, che recentemente è stata oggetto di ampio dibattito soprattutto sotto il profilo della costituzionalità delle norme che la disciplinano, è stata infatti compiutamente esaminata da due importanti sentenze, quella della Corte Costituzionale n. 138/2010 (1) e quella della Corte di Cassazione n. non consentono che le persone di orientamento omosessuale possano contrarre matrimonio con persone dello stesso sesso, in riferimento agli artt. 3 e 29 Cost. Famiglia e diritto 7/

3 4184/2012 (2). Due sentenze ampie e approfondite che hanno fornito una compiuta interpretazione della intera materia, e che non è facile rimettere in discussione. E contro le quali, per la verità, l ordinanza del Tribunale di Grosseto non ha fornito argomenti nuovi. (2) Cass. 15 marzo 2012, n. 4184, in Foro it., 2012, I, 2727, secondo cui non sussiste, nel caso di due cittadini italiani dello stesso sesso i quali abbiano contratto matrimonio all estero, il diritto alla trascrizione del relativo atto nel corrispondente registro dello stato civile italiano (la Cassazione ha ritenuto, in considerazione dell art. 12 Cedu come interpretato dalla corte europea dei diritti dell uomo, che la diversità di sesso dei nubendi L intervento della Corte costituzionale La sentenza della Corte Costituzionale n. 138/2010 fu accolta da un coro di critiche delle organizzazione impegnate nella difesa dei diritti omosessuali. Fu un fatto singolare perché quella sentenza in realtà segnò dei punti importanti nella definizione di questi diritti. Per la prima volta fu infatti stabilito che l unione omosessuale, intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso rientra tra le formazioni sociali di cui parla l art. 2 della Costituzione, e ha quindi diritto a un riconoscimento giuridico con i connessi diritti e doveri. Siè quindi aperta la strada al riconoscimento giuridico della coppia di fatto omosessuale, come del resto accade in larga parte dei paesi europei. Naturalmente dopo avere indicato questo obiettivo come un traguardo necessario sotto il profilo costituzionale, la Corte non ha alcun potere di spinta sul Parlamento, e tutto rimane quindi soggetto alle iniziative politiche, che oggi sembrano più lontane che mai. Ma è sulla base di questo principio, peraltro mutuato dal diritto europeo, che si è affermata anche in Italia la regola per cui la coppia omosessuale deve avere lo stesso trattamento giuridico della coppia eterosessuale, e le prerogative che gradualmente (anche se molto lentamente) il nostro sistema accorda alle convivenze extramatrimoniali ricomprendono anche le convivenze omosessuali. Anche sotto il profilo concreto si è trattato quindi di una sentenza di grande importanza. Ma per quanto riguarda il matrimonio omosessuale la sentenza è stata chiarissima. La Corte era stata chiamata in causa da una serie di ordinanze che, muovendo dal presupposto che il sistema italiano costruisce il matrimonio come unione tra un uomo e una donna, sostenevano l incostituzionalità di tale sistema e chiedevano alla Consulta una declaratoria di illegittimità che estendesse al matrimonio omosessuale le regole di quello ordinario. La Corte accetta la premessa. Ricorda anzi che la giurisprudenza ha addirittura considerato la diversità di sesso tra i requisiti minimi indispensabili per ravvisare l esistenza del matrimonio. Chiarite in modo preciso le caratteristiche del matrimonio, la Consulta affronta l argomento più delicato, su cui si basavano in modo principale le ordinanze di rimissione alla Corte (argomento ripreso dalla ordinanza del tribunale di Grosseto), e cioè la tesi che il complesso di queste norme va interpretato tenendo conto delle profonde modifiche, intervenute nel costume e nella realtà sociale, che hanno portato ad una valutazione della convivenza omosessuale del tutto diversa da quella degli anni in cui furono emanate le norme del codice e la Costituzione. Si è sostenuta, in quelle ordinanze, una interpretazione che non rimanga cristallizzata al significato che le norme avevano in una realtà storica del tutto diversa, ma che tenga conto che nella cultura odierna anche le coppie omosessuali rientrano nel concetto di famiglia. Se questa fosse l interpretazione giusta, si afferma, le norme del codice civile che identificano il matrimonio con l unione tra uomo e donna sarebbero in contrasto con il significato attuale della Costituzione, e dunque illegittime. Ma anche su questo l interpretazione della Corte è netta. E vero, afferma la sentenza, che i concetti di matrimonio e di famiglia vanno interpretati tenendo conto anche della evoluzione della società e dei costumi. Ma detta interpretazione non può spingersi fino al punto di incidere sul nucleo della norma, modificandola in modo tale da includere in essa fenomeni e problematiche non considerate in alcun modo quando fu emanata. Così facendo non si compirebbe una semplice rilettura del sistema o si abbandonerebbe una mera prassi interpretativa, ma si procederebbe ad una interpretazione creativa. La sentenza della Cassazione e i precedenti della CEDU Dopo che la Consulta aveva chiarito in modo così netto il significato delle norme sul matrimonio e la loro costituzionalità, la Cassazione non poteva che proseguire sullo stesso solco. Essa giudicava su non può essere ritenuta come requisito minimo indispensabile per l «esistenza» del matrimonio civile ed ha quindi affermato che l intrascrivibilità delle unioni omosessuali dipende non più dalla loro «invalidità», bensì dalla loro «inidoneità» a produrre, quali atti di matrimonio, qualsiasi effetto giuridico nell ordinamento italiano, correggendo in tal senso, ex art. 384, 4ş comma, c.p.c., la motivazione in diritto del decreto impugnato). 674 Famiglia e diritto 7/2014

4 una fattispecie identica a quella vista dal Tribunale di Grosseto, e cioè una richiesta di trascrizione di un matrimonio omosessuale contratto all estero. Una volta ribadito che nel nostro ordinamento la diversità di sesso è condizione di esistenza del matrimonio, la conclusione era doverosa, e si trattava di scegliere solo gli argomenti per motivarla. La intrascrivibilità di tale atto dipende non già dalla sua contrarietà all ordine pubblico, si legge nella sentenza, ma dallapreviaepiùradicaleragione della sua non riconoscibilità come atto di matrimonio nell ordinamento italiano. La contrarietà all ordine pubblico è quindi un fatto irrilevante; non viene nemmeno esaminata perché superflua di fronte alla considerazione più drastica, la inesistenza di una fattispecie matrimoniale. Vi è tuttavia un punto su cui la Cassazione, pur muovendosi sulla stessa linea, contiene affermazioni nuove, ed è quello della valutazione delle sentenze emesse dalla CEDU. Punto importantissimo, perché è proprio su questo terreno che sono arrivate le spinte più forti al cambiamento. La Consulta aveva affrontato il tema della compatibilità del nostro sistema matrimoniale con i principi della Carta dei diritti e della Carta di Nizza. Le norme da considerare, dice la Consulta, sono gli art. 12 della Convenzione europea e 9 della Carta di Nizza. Ma il contrasto è escluso, conclude la Corte, perché l art. 9, nell affermare il diritto di sposarsi, rinvia alle leggi nazionali per la disciplina dell esercizio di tale diritto, sicché la materia è affidata alla discrezionalità del Parlamento. MalasentenzaCEDU cui le ordinanze rinviavano a sostegno delle loro tesi (Goodwin c. Regno Unito, 11 luglio 2002), riguardava in realtà una fattispecie diversa da quella che stiamo qui esaminando, e cioè il caso del matrimonio di un transessuale con persona del suo sesso originario dopo la operazione che aveva portato al mutamento del sesso; problema, come rileva la Consulta, disciplinato initaliadaunaapposita legge (la n. 164 del 1982), e quindi non rilevante nella problematica in discussione. Dopo la sentenza della Consulta invece lo specifico tema del matrimonio tra omosessuali era stato direttamente affrontato da una sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani. Si tratta di una sentenza importante, Schalk c. Gov. Austria (3), che la Cassazione ha esaminato con attenzione. Il problema che ci interessa ha una chiara soluzioneinquestasentenzacedu.e stata la prima pronuncia sulla legittimità del non riconoscimento di matrimoni omosessuali. La questione nasceva dalla richiesta di due cittadini austriaci dello stesso sesso di contrarre matrimonio. Dal 2010 l Austria ha riconosciuto e ricollegato importanti effetti alla unione omosessuale, ma non contempla la possibilità del matrimonio. Di fronte al rifiuto degli organi giudiziari austriaci di superare questa regola le parti hanno ricorso alla Corte dei Diritti appellandosi alle norme europee che sanciscono il diritto generalizzato a contrarre matrimonio e a fondare una famiglia. La Corte ha affermato che le norme in questione (art. 12 della Convenzione Europea e art. 9 della Carta di Nizza) si riferiscono anche alle coppie omosessuali, e ha stabilito quindi un nuovo principio nel sistema europeo. Ma ha precisato che non può derivare da tale interpretazione permissiva una norma impositiva di un obbligo positivo verso gli Stati membri traducibile nella necessità di adottare una normativa nazionale in questo senso. La scelta sulla adozione o meno del matrimonio omosessuale rientra necessariamente nella discrezionalità del legislatore interno.. Gli argomenti del Tribunale di Grosseto Pur con sfumature e motivazioni parzialmente diverse le due sentenze italiane giungono quindi a conclusioni identiche. Stupisce che il Tribunale di Grosseto abbia trovato argomenti a sostegno in qualcuna delle lunghe argomentazioni svolte dalla Cassazione. Si dice ad esempio che secondo la Suprema Corte il matrimonio tra persone dello stesso sesso non è contrario all ordine pubblico. In realtà, come si è detto, la Corte evita di esaminare questo profilo perché ravvisa un previo e più grave argomento che chiude la questione, e cioè la non riconoscibilità di questa fattispecie come atto di matrimonio dell ordinamento italiano. Edèveroche, dopo avere inizialmente ribadito la inesistenza del matrimonio, corregge nell ultima pagina il concetto precisando che dopo la sentenza della Corte Europea, piuttosto che di inesistenza si deve parlare di inidoneità delle unioni omosessuali a produrre, quali atti di matrimonio, qualsiasi effetto giuridico nell ordinamento italiano. Francamente faccio fatica a comprendere la differenza tra inesistenza giu- (3) Corte europea diritti dell uomo 24 giugno 2010, Schalk c. Gov. Austria, innuova giur. civ. comm., 2010, I, 1137, con nota di Winkler, secondo cui Il diritto al rispetto della vita privata e familiare garantito dalla convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali pone la qualifica di «famiglia» anche alle unioni formate da persone dello stesso sesso. Famiglia e diritto 7/

5 ridica e inidoneità a produrre qualsiasi effetto giuridico.laveritàècheleduesentenzesonogranitiche e non lasciano alcuno spiraglio a interpretare diversamente il nostro sistema matrimoniale. Sul piano del diritto matrimoniale la situazione è quindi immobile; è in largo sviluppo invece il riconoscimento dei diritti delle convivenze omosessuali fuori del matrimonio. Ravvisando queste convivenze tra le formazioni sociali di cui all art. 2 della Costituzione, la Corte ha infatti esteso a queste ipotesi tutti gli effetti giuridici che vengono ricollegati ad una convivenza tra sessi diversi. Le organizzazioni che si battono per questi diritti hanno raggiunto risultati importanti, sia in singoli casi, sia nell ottenere provvedimenti amministrativi che garantiscano questa tutela. Va ricordata, ad esempio, la circolare del Ministero dell Interno che prescrive la concessione del permesso di soggiorno al convivente, sia eterosessuale che omosessuale (n del 2012). In questo senso dunque, l ordinanza di Grosseto, anche se non scalfirà la posizione della giurisprudenza, sarà uno dei tanti eventi di cui si compone questo lungo cammino per il riconoscimento di questi diritti. Uno sguardo all Europa Ma se il sistema italiano rimane immutato, in forte movimento è invece quello europeo. Come si sa è dall Europa che è venuta la spinta decisiva per il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali, ed è in questa scia che la Corte Costituzionale ha emesso nel 2010 la sentenza n. 138 che ha inquadrato le convivenze di persone dello stesso sesso tra le formazioni sociali previste dall art. 2 della Costituzione. La posizione della giurisprudenza europea, abbiamo detto, è quella espressa dalla sentenza Schalkc.Gov.Austria:competenzadei parlamenti nazionali sulla disciplina del matrimonio, e quindi discrezionalità degli stati nell includervi o meno la convivenza omosessuale. Ma totale parificazione tra le due fattispecie fuori del matrimonio, e quindi estensione alle coppie dello stesso sesso di tutti i diritti accordati alla convivenza eterosessuale. Naturalmente il cammino è a volte tortuoso, non perfettamente regolare, come è logico d altra parte in un sistema complesso come quello europeo. Nella recentissima sentenza Vallianatos e altri c. Gov. Grecia (4) la Corte ha accolto il ricorso di alcune coppie omosessuali greche che, non potendo iscriversi al registro delle unioni civili riservato dalla legge greca alle coppie eterosessuali, hanno sostenuto la violazione degli artt. 8 e 14 CEDU. La decisione anzi è stata presa direttamente dalla Grande Chambre, forse proprio per sottolineare l importanza del problema. Ma pur ribadendo il principio della parificazione tra coppie omo e eterosessuali, la Corte ha affermato la possibilità dei legislatori nazionali di disporre eccezioni, purché siano adeguatamente motivate secondo i criteri di ragionevolezza e proporzionalità (che nella fattispecie concreta non vengono ravvisati). E soprattutto si è limitata a sancire soltanto un obbligo risarcitorio a carico dello Stato greco. Vi erano una serie di problemi di competenza, poiché i ricorrenti non avevano adito il giudice interno ricorrendo direttamenteallacorte.manonc è dubbio che, come viene ammesso nella stessa sentenza, la Corte ha disposto una tutela insufficiente dei diritti dei ricorrenti (5). I problemi ancora irrisolti Ma nello stesso periodo, cioè nel 2013, due altre sentenze hanno stabilito nuovi principi. Le decisioni non riguardano specificamente la questione che stiamo esaminando, e cioè il riconoscimento del matrimonio omosessuale. Concernono però i diritti di queste convivenze. La prima, emessa dalla CE- DU, riguarda la adozione da parte del partner di unacoppiaomosessualedelfigliodell altra (6). La seconda emessa invece dalla Corte di giustizia dell Unione Europea estende alla coppia omosessuale iscritta nel registro delle unioni civili, che secondo la legislazione (francese) vigente allora non poteva sposarsi, i benefici accordati per il matrimonio, e cioè una somma a titolo di premio di matrimonio e un indennizzo per i giorni di congedo straordinario (7). (4) Corte europea diritti dell uomo 7 novembre 2013, Vallianatos e altri c. Grecia, Ric. nn /09 e 32684/09. (5) R. Conti, La Corte dei diritti umani e le unioni civili negate, reperibile su (6) Corte europea diritti dell uomo 19 febbraio 2013, X e altri c. Austria. (7) Corte di giustizia UE 12 dicembre 2013, C-267, Hay, reperibile su 2013, secondo cui L art. 2, par. 2, lett. a), direttiva 2000/1/78/Ce del consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che esso osta a una disposizione di un contratto collettivo, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, a termini della quale a un lavoratore dipendente unito in un patto civile di solidarietà con una persona del medesimo sesso sono negati benefici, segnatamente giorni di congedo straordinario e premio stipendiale, concessi ai dipendenti in occasione del loro matrimonio, quan- 676 Famiglia e diritto 7/2014

6 La legittimità degli omosessuali, sia del singolo che della coppia, ad ottenere la adozione è il punto centrale del dibattito odierno circa il riconoscimento dei loro diritti. Sono ben note le riserve e le contrarietà sulla idoneità di una coppia dello stesso sesso a svolgere compiutamente la funzione educativa. Confesso, per dovere di chiarezza, che pur essendo sostenitore della necessità di dare in Italia un riconoscimento giuridico alle convivenze extramatrimoniali, sia etero che omosessuali, mi chiedo se sia nell interesse del minore affidarne la educazione ad una coppia dello stesso sesso. L interesse della sentenza è quindi molto alto, perché pur riferendosi ad una questione particolare della legislazione austriaca, manifesta con chiarezza la posizione della Corte sui punti essenziali di un problema che non è solo giuridico, ma politico e sociale. Il caso nasce dalla domanda del partner di una coppia femminile omosessuale di adottare il figlio naturale dell altro partner. Il sistema di quel paese, l Austria, consente la adozione sia alla coppia sposata, sia alle convivenze extramatrimoniali, sia ai singoli, e nessun limite sussiste ai singoli e alle coppie omosessuali. Ma una norma del codice civile (art. 182) dispone che la adozione di un minore riconosciuto da entrambi i genitori estingue il legame giuridico tra l adottante e il genitore dello stesso sesso. Di conseguenza, in questo caso, la adozione avrebbe interrotto il legame con la madre biologica, cioè con uno dei due componenti della coppia che chiedeva la adozione. Ovviamente costoro chiedevano non questo risultato, ma la cessazione del legame con il padre naturale e l inserimento del minore nella loro comunità. I giudici austriaci respingono a tutti i livelli la richiesta e i ricorrenti adiscono la Corte Europea dei diritti umani sostenendo che la norma prima richiamata esclude per la coppia omosessuale la adozione coparentale (è questo il termine della adozione del figlio naturale del partner). La Corte, come ho detto, accoglie il ricorso. Il ragionamento della Corte parte dalla affermazione che la relazione esistente tra una coppia omosessuale che convive di fatto in maniera stabile rientra nella nozione di vita famigliare così come quella di una coppia eterosessuale che si trova nella stessa situazione. Quando un minore vive insieme a loro, la vita famigliare comprende anche quest ultimo. do la normativa nazionale dello stato membro interessato non consente alle persone del medesimo sesso di sposarsi, allorché, alla luce della finalità e dei presupposti di concessione di La seconda affermazione è che le coppie omosessuali (o se si preferisce le vite familiari tra persone dello stesso sesso) hanno gli stessi diritti delle convivenze eterosessuali. Il principio non è assoluto, tollera delle eccezioni che abbiano le caratteristiche della proporzionalità e della ragionevolezza. Ancora una volta la Corte ribadisce che nella disciplina del matrimonio vi è competenza e discrezionalità degli Stati. Se ad esempio l Austria avesse riservato il diritto alla adozione alle coppie sposate la Corte non avrebbe obiettato. Ma così non è perché l Austria riconosce le convivenze sia omo che eterosessuali e in ambedue i casi consente la adozione. Anche altre esigenze consentirebbero differenze di trattamento. Tale è l interesse del minore, sicché in presenza di questa è ammessa una differenza di trattamento tra soggetti nella stessa situazione. Ma in questo caso, precisa la Corte, il vero e l unico punto determinante è stato il sesso, e se è così si è violato il principio della non discriminazione. Da un punto di vista logico si è seguito il ragionamento già fatto altre volte sulla parità di trattamento e l obbligo di non discriminazione. Ma guardando al contenuto si è precisata una affermazione importantissima sui vari aspetti del dibattito. Affermando che di fronte ad una richiesta di adozione di una coppia omosessuale bisogna verificare in concreto se sussista o meno un interesse del minore, la Corte esclude che l inserimento di un minore in una famiglia comunità omosessuale sia comunque di per sé un fatto nocivo. Sotto questo profilo la posizione delle coppie omosessuali e di quelle eterosessuali viene assolutamente parificata. E in concreto, e su altri elementi, che il giudice dovrà valutare la idoneità dei richiedenti. Il concetto fondamentale delle correnti che ritengono comunque nocivo l affidamento alla coppia omosessuale è escluso. Vi è di più. Il Governo austriaco aveva obiettato che la norma in questione (art. 182) non esclude solo il partner omosessuale, ma anche la sorella, la cugina, la zia della madre biologica, quindi qualunque donna, e che non vi è quindi una esclusione della sola coppia omosessuale. Vero, ribatte la Corte, ma solo nel caso della coppia omosessuale viene negata la adozione ad una comunità che rappresenta una vita familiare, che non esiste invece nel caso in cui la madre biologica conviva con la sorella, la zia, e così via. Il concetto di vita familiare costituita dalla coppia tali benefici, detto lavoratore si trova in una situazione analoga a quella di un lavoratore che contragga matrimonio. Famiglia e diritto 7/

7 dello stesso sesso (quella che la nostra Costituzione definisce formazione sociale ) viene portato alle sue ultime conseguenze, e nessuna disparità di trattamento è ammessa nei confronti della vita familiare rappresentata dalla coppia eterosessuale. La seconda sentenza della Corte di giustizia dell Unione Europea riguarda un caso meno eclatante, ma contiene un principio giuridico di grande rilievo. Il dipendente di una banca francese contrae e iscrive nel registro delle unioni civili un PACS con persona dello stesso sesso. Il fatto avviene prima della approvazione della legge che ammette il matrimonio omosessuale. Il dipendente chiede di usufruire delle agevolazioni che il contratto collettivo riconosce a chi contrae matrimonio, e cioè un aumento dello stipendio e un congedo matrimoniale. Dopo il rifiuto del datore di lavoro il dipendente adisce l autorità giudiziaria. In ultima istanza la Cassazione formula alla Corte di Giustizia europea un quesito chiedendo se il diverso trattamento previsto in questo caso dal contratto collettivo costituisca una discriminazione basata sul sesso e sia quindi in contrasto con le norme della Convenzione. La CEDU dà una risposta positiva. La sentenza muove ancora una volta dalla premessa, divenuta in Europa ormai giurisprudenza costante, della parificazione tra le convivenze eterosessuali e quelle omosessuali all interno della PACS. La particolarità di questo caso è nel fatto che la coppia omosessuale non poteva sposarsi, e quindi non poteva accedere alle facilitazioni concesse per il matrimonio alle quali invece una coppia eterosessuale poteva arrivare sposandosi. E qui che la Corte europea ravvisa la discriminazione. Si giunge quindi alla singolare conclusione secondo cui la coppia omosessuale ha diritti che non competono automaticamente a quella eterosessuale, la quale solo attraverso il matrimonio può ottenere gli stessi risultati. Tutto questo è in armonia con la costruzione generale elaborata dalla CEDU. E tuttavia viene affermato un principio nuovo. I conviventi omosessuali non hanno diritto al matrimonio perché viene riconosciuta la competenza degli Stati a decidere in materia. Ma, almeno in questo caso, alla coppia dello stesso sesso vanno ricondotti gli effetti derivanti da quel matrimonio al quale non ha accesso. Il divieto di accedere allo stato matrimoniale non preclude quindi il diritto di acquisirne gli effetti. La situazione italiana Come ho detto all inizio, la situazione della legislazione e della giurisprudenza italiana è del tutto immobile, e almeno nei tempi brevi nulla lascia presagire cambiamenti. Ma è difficile capire se e quanto la cittadella italiana resisterà alla marea montante europea che si muove sempre più velocemente verso la totale parificazione giuridica della coppia omosessuale a quella eterosessuale. Alle spinte che vengono dall Europa si è aggiunto nelle ultime settimane un fatto del tutto nuovo, che non concerne direttamente il tema che stiamo trattando, ma che in modo indiretto modifica sensibilmente il quadro complessivo: la sentenza della Corte Costituzionale del 9 aprile 2014, che ha dichiarato l illegittimità delle norme che vietano la fecondazione eterologa. Sotto il profilo strettamente giuridico le due ipotesi sono diverse e non vi è alcun nesso tra le due. Ma sotto il profilo sostanziale dei valori e dei principi che sono alla base del sistema le cose cambiano. Intanto viene esteso il confine della vita familiare, che sinora comprendeva la coppia eterosessuale e i figli generati con i rispettivi semi, sia nella procreazione naturale sia in quella assistita. La vita familiare ricomprende adesso anche la procreazione eterologa, e quindi un figlio prodotto con seme altrui. Ma soprattutto la applicazione dei principi europei porta a concludere che anche la coppia omosessuale, se formata da due donne, può accedere alla procreazione assistita. La legge n. 40, all art. 5, dispone che possono accedere alla procreazione medicalmente assistita coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi.. La estensione dei diritti della coppia eterosessuale a quella omosessuale è ormai un principio acquisito della giurisprudenza della Corte, e il divieto viene considerato un atto di discriminazione. Il problema non si è sinora posto perché la coppia omosessuale deve necessariamente ricorrere alla fecondazione eterologa, sinora vietata dalla legge n. 40. Ma dopo la sentenza della Corte il divieto non esiste più. E facile prevedere che la questione sarà portata ai giudici italiani e sollevata, dapprima davanti alla Corte Costituzionale e in seguito di fronte alla Corte di Strasburgo. Il principio non sempre viene applicato in modo tassativo, come si è visto nel caso delle coppie omosessuali greche in cui è stata ammessa, in via di ipotesi, una deroga della legislazione nazionale nel limite della ragionevolezza e della proporzionalità. Ma sarà possibile formulare in questo caso una difesa rispettosa di questi limiti? Non è facile, perché il vero argomento spendibile sembra essere quello della inidoneità della coppia omosessuale alla educazione dei figli. Argomento che oltre 678 Famiglia e diritto 7/2014

8 che essere contraddetto dalle legislazioni dei paesi che ammettono la adozione della coppia dello stesso sesso, è ormai esplicitamente respinto dalla CE- DU. E nella sentenza Vallianatos e altri c. Gov. Grecia la Corte indica uno dei motivi di fondo che la spinge ad una posizione sempre più rigida: il fatto che siano soltanto due i paesi della UE che limitano le unioni civili alle coppie eterosessuali, la Grecia e la Lituania. Si tratta di materie in cui l evoluzione sociale è rapida, osserva la Corte, e in cui la legislazione deve recepire i mutamenti sociali. E il mutamento è verso la parificazione tra i due tipi di coppia. L Italia è sinora sfuggita alle decisioni della CE- DU perché, unico tra i paesi europei, non ha alcun riconoscimento delle convivenze fuori del matrimonio, e non offre quindi l appiglio a sentenze che colpiscano la discriminazione. Ma se in qualche modo si arriverà a riconoscere alla coppia omosessuale il diritto di ricorrere alla procreazione assistita, verranno meno le ragioni di fondo per negarle il diritto alla adozione, e forse allo stesso matrimonio. Il cavallo di Troia sarà quindi già entrato nella fortezza. Peraltro la realtà concreta si muove più velocemente. A gennaio la stampa umbra ha dato notizia dell imminente nascita della figlia di una coppia omosessuale, frutto di una procreazione assistita, evidentemente fatta all estero (8). Ancora più clamorosamente la Cassazione, con sentenza n. 601 del 11 gennaio 2013, ha respinto il ricorso del padre contro l affidamento del bambino alla madre omosessuale. Naturalmente la decisione non può avere giuridicamente sviluppi ulteriori sino a che la adozione è riservata alle coppie sposate, ma la Cassazione adotta nella motivazione il principio che ha portato le corti europee a giudicare discriminatoria ogni differenza di trattamento tra coppie etero ed omosessuali rispetto all affidamento e alla educazione dei figli. Il ricorso, scrive la Corte, non ha alla base certezze scientifiche o dati di esperienza, bensì il mero pregiudizio che sia dannoso per l equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale. In tal modo si dà per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto familiare per il bambino. Sarebbe molto meglio per l Italia che il Parlamento si decidesse ad affrontare il tema e a prendere le sue decisioni, piuttosto che vederci imporre le scelte dalle corti europee. (8) Cfr. l articolo reperibile su Famiglia e diritto 7/

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 28.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 59/35 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 4 febbraio 2014 che abroga la decisione 2000/745/CE che accetta gli impegni offerti in relazione ai

Dettagli

multilevel e opportunità

multilevel e opportunità Trasferimento del lavoratore Le Corti Superiori nel sistema multilevel e opportunità di ulteriore dialogo nel caso ATA di Nicola Di Leo (*) - Giudice della Sezione lavoro presso il Tribunale di Milano

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli